I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO Finanziamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento"

Transcript

1 Finanziamento I Regione Lombardia ASL Lecco DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013 OGGETTO: DIPARTIMENTo DI PREVENZIONE VETERINARIA dei progetti concernenti l attuazione delle azioni programmate dalla Regione in vista della manifestazione EXPO L anno 2013 il giorno 27 del mese di ZO, in Lecco nella sede dell Azienda Sanitaria Locale, il Direttore Generale doti, Enzo Lucchini prende in esame l argomento in oggetto e delibera quanto segue IL DIRETTORE GENERALE PREMESSO che risulta necessario adottare il recepimento della Delibera della Regione Lombardia n. IX/4738 del 23/01/2013 Finanziamento dei progetti concernenti l attuazione delle azioni progranimate dalla Regione in vista della manifestazione EXPO 2015, al fine di determinare l avvio dei progetti previsti per il Dipartimento di Prevenzione Veterinaria e per il Dipartimento di Prevenzione Medica deil ASL di Lecco: VISTI: - il Reg. (CE) n. 882/2004 del 29 aprile 2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di igiene di mangimi e di alimenti ed alle norme sulla salute e sul benessere degli animali : - il Reg. (CE) n. 852/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull igiene dei prodotti alimentari ; il il Reg. (CE) n. 853/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale : il Reg. (CE) n. 854/2004 dei Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 aprile 2004 che stabilisce norme specifiche per l organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati ai consumo umano; i art, 2 dei IXL.gs. 06/1 1/2007 n. 193 che stabilisce che. ai tini deii apphcazio.ne dei Regolamenti (CE) n. 852, 853, 854 e 882/2004 omissis. de Autorità competenti sono.,, àmissis.,, le Aziende Unità Sanitari.Locali, nell ambito delle rispett.ive competenze ; EVIDENZIATO: che l attuazlone delle azioni relative alla sicurezza alimentare per EXPO 2015 prevede il coinvolgimento delle AASSLL. per la realizzazione di progetti rilevanti ai tini dell attuazione delle politiche regionali inerenti la realizzazione della manifestazione EXPO 2015 ; che il progetto \Iilano EXPO 2015 garantire la sicurezza alimentare e valorizzare le produzioni include tra gli obiettivi strategici l attivazione di tutti gli strumenti operativi necessari a carantire un recolare ssoicimento dell evento EXPO : DATO ATTO che, al fine di intensificare ed estendere i controlli, in attuazione dei suddetto processo:

2 - con nota HL2012M del 07/05/2012 sono state definite le linee guida ai DP.V. per la predisposizione dei progetti per l anno 2012 nei seguenti ambiti operativi: a attività di controllo integrata nel settore della ristorazione e somministrazione aggiornamento banche dati anagratiche, attribuzione livelli di rischio: promozione della sicurezza dei prodotti alimentari tradizionali ottenuti nei caseilici in alpeggio: omissis.. - con nota H l del 1008/2012 sono state individuate le modalità di presentazione dei progetti da parte delle AA.SS.LL.; - con nota del l805ì20l2 sono state integrate le suddette linee guida con la previsione di azioni linalizzate alla valorizzazione delle produzioni alimentari tipiche : - con nota del 18/09/2012 sono stati definiti ulteriori criteri per la presentazione delle azioni inerenti il progetto Attivita di controllo integrata nel settore della ristorazione e somministrazione : VISTO che l A.S.L. di Lecco, in conformità alle suddette indicazioni, ha presentato i progetti operativi. acquisiti agli atti dell U.O. Veterinaria Regionale e dell LO. Governo della Prevenzione e Tutela della Salute e che per gli stessi ha ricevuto i seguenti finanziamenti: per il D.P.V.: E ,00 - Promozione della sicurezza dei prodotti alimentari tradizionali ottenuti nei caseifici in alpeggio -20 (numero alpeggi); per il D.P,V, e D.P.M. (controlli congiunti): E ,00 - Promozione della sicurezza alimentare delle fasi di preparazione /conservazione /somministrazione prodotti alimentari tipici locali nella ristorazione pubblica e agriturismo - 46 (numero controlli); EVIDENZIATO che gli importi di cui sopra verranno erogati con la seguente modalità: il 30% di anticipo della quota spettante in concomitanza con l avvio delle attività; il 70% entro il 31 marzo dell esercizio finanziario 2014, in seguito alla validazione da parte della Commissione dei risultati conseguiti, in conformità agli obiettivi definiti ed alla contestuale presentazione del rendiconto delle spese effettivamente sostenute; ACQUISITI.i pareri favorevoli espressi dal Direttore Amministrativo, dal Direttore Sanitario e dai Direttore Sociale; DEI..I.BERA di recepire. la Delibera della Regione Lombardia n. 1/4731. del 23/01/2013 Finanziamento dei progett.i concerne.nti l attuazione delle azioni programmate dalla Regione i.n vista della manifestazione EXPO 2015, e approvare i progetti, di seguito riportati, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento: GARNT1RE LA SICUREZZA ALIMENTARE E VALORIZZARE LE PRODUZIONI: a Promozione della sicurezza dei prodotti alimentari tradizionali ottenuti nei caseifici in alpeggio con una riduzione delle non conformità emerse dall attività di controllo effettuata nel Piano Alpeggi : (All. Al) * Attività di Controllo integrata ni Settore della Ristorazione e Somministrazione Aggiornamento Banche Dati iiiagratiche. Attribuzione Livelli di Rischio: All. A2):

3 di - di di pubblica e agriturismo - (numero controlli): ,00 Promozione della sicurezza dei prodotti alimentari tradizionali ottenuti nei ,00 -, Promozione per il D.RV.: Sanitario esercizio 2013) relativi ai seguenti progetti: caseifici in alpeggio -20 (numero alpeggi); - di 46 FSR Lecco, ll vincolato all esercizio 2013) e che i relativi oneri saranno liquidati sul conto (Bilancio dare atto che i contributi verranno acquisiti sul conto (contributi da Regione Copia della presente deliberazione è stata pubblicata all Albo on line dell Ente per la durata dì giorni quindici consecutivi dal al inclusi. CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Responsabile della pratica: Sip. re Silvana Zozzolotto, Responsabile del proc.edìmento:. DoU. Fabzlo Galbiat.i, SE ATTES1.A LA...AGfTT.EMETA DELL ATTO PRE.SENTATO: jj E. DIRETTORE AMMINISTRATIVO TALE (Dott. ssa Daniela De Filippo) \ r)( * &:À LA (Dott. inzo IL DIREfl()RE disporre l invio della presente deliberazione ai Settori ed Uffici interessati. provvedimento all albo on line dell Ente; presente provvedimento non è soggetto a controllo e che il medesimo è immediatamente esecutivo giusta art, 18, comma 9, L.R, n. 33/09; disporre ai sensi dell art. 18. comma 9. della L. R. 33/09 la pubblicazione del presente di dare atto che ai sensi della D.G.R, della Regione Lombardia n. Vl/16086 del 17/7/1996 il le condizioni che i singoli operatori devono soddisfare ai tini della liquidazione delle spettanze; gli obiettivi individuali, in termini di numero di sopralluoghi ed altre azioni pianifleate. nonché Prevenzione Medica di predisporre un documento operativo aziendale nel quale siano precisati dare mandato al Direttore del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria ed al Dipartimento di per il D.P.V. e D.P.M. (controlli congiunti): conservazione somministrazione prodotti alimentari tipici locali nella ristorazione della sicurezza alimentare delle fasi di preparazione

4

5 Allegato AI PROGETTo GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE E ALORIZZARE LE PRODUZIONI Promozione della sicurezza dei prodotti alimentari tradizionali ottenuti nei caseitici in alpeggio con una riduzione delle non conformità emerse daleattività di controlla effettuata nel Piano Alpeggi Regolamento - Regolamento - [)DGR \ORMA Dl RIFERlMETO (CE) nn. 852 e (CE) n del Programmazione della Regione Lombardia Anno 2012 Tipologia dellattk ità: Atti it di controllo ufficiale a carattere regionale Regione Lombardia DG Sanita ruoli Programmazione, monitoraggio, erifica e valutazione dei risultati ASL Soggetto attuatore Finalità e ohbiettii 11 progetto è finalizzato a risolvere le principali criticità evidenziate durante l attiità di controllo condotto nell ambito del Piano Alpeggi con particolare riferimento alla manutenzione delle strutture e delle attrezzature. all igiene del personale addetto alla la orazione, alla gestione dell approvvigionamento idrico e alfattiità di potabilizzazione dell acqua, alla sanificazione e disinfezione delle attrezzature e delle superfici di laoro e alla applicazione di corrette prassi oerati e di muneitura e di lavc razione. I rqucn a f a f-equenza dei contro li stata del imta asc a ha iue e alla r pc a cj f mnt p e ar b to del P an i e atc \eterinana i fli rnrolio Stabilimenti di trasformazione del latte riconosciuti e egistrati ubicati inpeggo \Ietodi e tecniche attuazione del controlk ufficiale \lodaìita di rend.ntaiione. rìfica e?cl?dhack Indicatori trasmissione di relazione finale contenente tutti ali -pe r hiet a1! Li araì e PESO 20 o) controlli effettuati e recistrati in lvlxjfl0ji)fl

6 . tteriuti (PESO 50%) L attività deve essere esaustiva e congruente rispetto a n aipeggi con NC evidenziate n alpeegi con NC risolte x 100> 70% (PESO 20%) n NC registrate in SIVI n NC verificate e registrate in SJVI x 100l00 ASL BRESCIA prodotti alimentari tradizionali nei caseifici in aeu&io ASL SONDRiO prodotti alimentari tradizionali i VAL LECAMONICA prodotti. alimentari tradizionali 66 29M00 r0tale J SEB[\fl W9eic(miO ASE COMO prodotti alimentari tradizionali ASE Promozione della sicurezza dei nutineicaseificiina1eo utineicaseificiiiio Promozione della sicurezza dei i Promozione della sicurezza dei Promozione della sicurezza oei Promozione della sicurezza dei ottenuti nei caseiuici in alpeggio ASL LECCO I prodotti alimentari tradizi.onal C000 ottenuti nei caseifici inalpeeeio ASL BERGAMO prodotti alimentari tradizionali j Promozione della sicurezza dei CONTROLLO FINANZIAMENTO AC LOCALE PROGETTO SOTTOPORRE A AMMESSO AL N. IMPIANTI DA IMPORTO del budget risulta così definito: In considerazione delle proposte ricevute, decurtate delle spese non ammissibili, il Piano di Riparto strategico regionale aziendali con il correlato progetto Euro dell aderenza dei progetti operativi Budget definito sulla base assegnato comporta una diminuzione in percentuale dell importo Un eventuale mancato raggiungimento dell obiettivo quanto pianificato. (PESO 10%) n controlli programmati

7 NORMA Di RIFERIMENTO Aggiornamento Banche Dati Anagrafiche, Attribuzione Livelli di Rischio GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE E VALORIZZARE LE PRODUZIONI Attività di ControHo Integrata nel Settore della Ristorazione e Somministrazione PROGETTO I i controll i sono condotti al di fuori dell orario di della Prevenzione Veterinaria Aggiornamento delle banche dati anagrafiche. comunità) somministrazione Bar, tavo la fredda Negozio mobile per vendita ambulante con i Ristorante, trattori a. pizzeria (etc.) Azienda agrituristica con somministrazione pasti controlli ufficiali finalizzati alla verifica del rispetto dei incremento delle verifiche rispetto a quanto già controllo. Centro cottura/catering (esclusa la ristorazione di Finalità e obbiettivi Organizzazione e attuazione di un sistema integrato di requisiti della Legge alimentare che prevede un pianificato nell ambito del Piano Integrato Aziendale Individuazione dei Livelli di Rischio per le strutture coinvolte sulla base deali esiti dei controlli effettuati. stabilimenti: luogo e momento del controllo G Il interventi riguardano le seuenti categorie di prevenzione Veterinaria 2013 el.l ambito del Piano lntegra.to Aziendale dell.a I tl a e Liw1u a i ph a odnic r fjlc, de cctc r i er D a1a pcl&a i ahlrcr Frequenza (o criteri per stab ilìre La frequenza dei controlli è stata definita in base al Dettagli delpattività ASL Soggetto attuatore dei risultati Regione Lombardia DG Sanità Programmazione. mon itoraggio, verifica e valutazione Autorità competenti j ruoli Tipologia dellattività: Attività di controllo ufficiale a carattere regionale - DDGR del 15/02/2012 Programmazione della Regione Lombardia Anno Regolamento (CE) nn. 852 e 853/2004 Allegato A2

8 servizio. metodi e tecniche aggiornamento delle anagrafiche (SIVI) attuazione del controllo ufficiale sensibilizzazione e formazione OSA indiiduazione dei Livelli di Rischio per singolo : stabilimento modalità rendicontazione. e Indicatori fedback controlli effettuati e registrati nei sistemi informativi x 100 = 100 n controlli programmati (PESO: 80%) 11 dato sarà estratto dalle banche dati in uso erifica. n3 Bud2et definito sulla base della rilevanza e aderenza al progetto rrasmissione relazione finale (con e idenza dei risultati raggiunti in relazione agli obiettivi) entro il 31/ (PESO: 20%) deve essere esaustiva e congruente rispetto a quanto pianit icato. Un eventuale mancato raggiungimento dell obiettivo comporta una diminuzione in percentuale dell importo assegnato Lattiità Euro In considerazione delle proposte del budget risulta così definito: riceute. decurtate delle spese non ammissibili, il Piano di Riparto LOLE PROGETTO bdpj i TIMPORTO Promozione della scure7za alimentare ksl ielle fasi di oreparazrme azione f3fr( \\l() sommi trazine e endta pr amentar e nerx dv L i. i a1i ie a ereaz. ee eriar d i zii i ar aorta r rd ìofl ICZL U tti nentari tradizional I li ol del lavo di6arda I.ttivita di contril mteerata rei satt )re della rstorazione e sommimstmlione di produziom alimentari rpkhe della COMO pro. incia di Como aggiornamento banche dati anagratiche - attribuzione i eli di ri ch. r nozi ne de orereare LECCO extravgnd a rza delle fasi di preparazione conservazione somministrazione prodotti alimentari tipici locali nella ristorazione pubblica e agriturismo J Hi \ \ X Li I 300 i

9 attribuzione - attribuzione - attribuzione livelli di rischio vjo\la E.. X attribuzione liel1i di rischio j \IILA\O aggiornamento banche dati anagrafiche ASL della ristorazione e somministrazione X I itadictrollointenelsettore BRL.\ZA aggiornamento banche dati anagrafiche della ristorazione e somministrazione ttivita di controllo integrata nel settore 4 -_attribuzione livelli di rischio LODI aglornamento banche dati anagrafiche SL della ristorazione e somministrazione 1 ni ità di controllo integrata nel settore X X t 14 Q4 fl o tra g J É ge \alsanastagionat in ar ta X radizionali lo stracchino radzinnalc della Promozione della stuirezza de prodotti alimentari C LOCALE DPM DPV PROGETTO PROGETTI NON AMMESSI LTPTALE jj L - Attività di controllo integrata nel settore I liselli di rischio \ ARESE aggiornamento banche dati anagrafiche SL della ristorazione e somministrazione ASL della ristorazione e somministrazione X I X X X I SE[31\O piccoli frutti camuni \IONTCA prodotti, produzione vino camuno SL Promozione della sicurezza dei prodotti [) 2 aggiornamento banche dati anagrafiche I.SL ristorazione e somministrazione SO DRJO aggiornamento banche dati anagrafiche I Controlli integrati nel settore MIE ASO I aggiornamento banche dati anagrafiche j - attribuzione livelli di rischio.\sl della risterazione e somministrazione X X X X X VLLECA alimentari tradizionali: castagna e suoi i Attisita di controllo integrata nel settore I attribuzione livelli di rischio Anività di controllo integrata nel senore lielli di rischio

10

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PREMESSA La U.O. Veterinaria ha disposto nel 2011 il piano

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) 882/2004 del Parlamento. Europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti

VISTO il Regolamento (CE) 882/2004 del Parlamento. Europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti elabori, in stretta collaborazione con l autorità europea per la sicurezza alimentare e gli stati membri, un piano generale per la gestione delle crisi riguardanti la sicurezza degli alimenti e dei mangimi;

Dettagli

Codice CIFRA: PATP/DEL/2012/

Codice CIFRA: PATP/DEL/2012/ R E G I O N E P U G L I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Servizio Programmazione assistenza territoriale e prevenzione Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Codice CIFRA: PATP/DEL/2012/

Dettagli

Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/

Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/ R E G I O N E P U G L I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Servizio Programmazione assistenza territoriale e prevenzione Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/ OGGETTO:

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 7 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2131 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Priorità, modalità e termini per la concessione

Dettagli

Deliberazione N.: 1254 del: 21/12/2015. Oggetto : APPROVAZIONE DEL CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE IV TRIMESTRE 2015

Deliberazione N.: 1254 del: 21/12/2015. Oggetto : APPROVAZIONE DEL CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE IV TRIMESTRE 2015 Deliberazione N.: 1254 del: 21/12/2015 Oggetto : APPROVAZIONE DEL CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE IV TRIMESTRE 2015 Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal: 21/12/2015 al: 05/01/2016

Dettagli

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI E DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) AI SENSI DELLA D.G.R. LIGURIA 29/06/2012 N. 793 1. Introduzione Un efficace formazione e un adeguato addestramento del personale

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212. 1099 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212. Approvazione delle "Linee guida per il controllo igienico-sanitario della qualità delle acque utilizzate nelle imprese alimentari". LA

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. DEL OGGETTO: REALIZZAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO AMBULATORIALE DI CHIRURGIA AD INDIRIZZO SENOLOGICO PRESSO L OSPEDALE DI DESENZANO CON CONSEGUENTE ADEGUAMENTO ED AMPLIAMENTO DEL REPARTO DI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. DEL OGGETTO: AFFIDAMENTO ALLA DITTA PHILIPS SPA, ATTRAVERSO PIATTAFORMA TELEMATICA SINTEL, DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE SU ECOTOMOGRAFI MARCA PHILIPS, ANNO 2015. L anno 2014, giorno e

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 87 del Reg. Decreti del 26/02/2013 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Stipula

Dettagli

Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee

Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee Convegno UNPLI MARCHE Ostra, 28 Febbraio 2015 Via Ferrari, 20 www.chemicontrol.it Cos è una manifestazione

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013 MODALITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE NELLE MICROIMPRESE EMILIA ROMAGNA LIGURIA VALLE D AOSTA Procedure semplificate HACCP A. non svolgono alcuna attivitàdi preparazione, produzione o trasformazione di prodotti

Dettagli

Deliberazione N.: 874 del: 15/09/2015

Deliberazione N.: 874 del: 15/09/2015 Deliberazione N.: 874 del: 15/09/2015 Oggetto : CONVENZIONI CON L AZIENDA OSPEDALIERA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA PER IL TIROCINIO DI FORMAZIONE E DI ORIENTAMENTO CURRICULARE DEGLI STUDENTI DEI CORSI DI

Dettagli

DECRETO n. 629 del 11/12/2014

DECRETO n. 629 del 11/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Spett.le SPORTELLO UNICO ASSOCIATO Comuni di Monteriggioni e Castellina in Chianti Marca da bollo NON DOVUTA Il Sottoscritto: Cognome Nome Data

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, che si manifesta in soggetti geneticamente predisposti con sintomi e segni estremamente variabili che spesso rendono la diagnosi difficile e/o tardiva.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 128 DEL 20.06.2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 128 DEL 20.06.2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 128 DEL 20.06.2014 Oggetto: COSTITUZIONE DEL FONDO PER IL FINANZIAMENTO DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO DELLA DIRIGENZA PER L ANNO 2014 IL SEGRETARIO GENERALE

Dettagli

Regione Lombardia ASL Monza e Brianza

Regione Lombardia ASL Monza e Brianza Lombardia ASL Monza e Brianza 008324 Deliberazione n. 763 J Seduta del 30D1C2015 Aggiudicazione definitiva della procedura per l'affidamento del servizio di recapito della corrispondenza inerente le chiamate

Dettagli

Regione Lombardia. Monza e Brianza ASL. Seduta del

Regione Lombardia. Monza e Brianza ASL. Seduta del 00738.1 Regione Lombardia ASL Monza e Brianza Deliberazione n 651 Seduta del 29 OTT 2015 Aggiudicazione della procedura aperta per la fornitura triennale di "metadone cloridrato" in soluzione orale allo

Dettagli

COMUNE DI PAITONE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PAITONE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PAITONE PROVINCIA DI BRESCIA ORIGINALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 008 DEL 26/01/2016 OGGETTO: Finanziamenti progetti in materia di sicurezza urbana anno 2016 in riferimento

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Regione. Lombardia DELIBERAZIONE N. 222 DEL 03 MAGGIO 2012 OGGETTO: CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE CASA DI RIPOSO DI

Regione. Lombardia DELIBERAZIONE N. 222 DEL 03 MAGGIO 2012 OGGETTO: CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE CASA DI RIPOSO DI MANDELLO DEL LARIO PER IL SERVIZIO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE. OGGETTO: CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE CASA DI RIPOSO DI DELIBERAZIONE N. 222 DEL 03 MAGGIO 2012 I ano per il Ser\ n io di Continuità Assistenziale

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

L. Regione. Lombardia. Deliberazione n. del aa MARZ?u1. OGGETTO: STIPTL\ CONVEN7IONE PER LO SVOLGI\IFNIO Dl FIROCINI PRATICI

L. Regione. Lombardia. Deliberazione n. del aa MARZ?u1. OGGETTO: STIPTL\ CONVEN7IONE PER LO SVOLGI\IFNIO Dl FIROCINI PRATICI - di MILA\ o. PER LÀ FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA CON LA SCI OLA ASIPSE SRL DI OGGETTO: STIPTL\ CONVEN7IONE PER LO SVOLGI\IFNIO Dl FIROCINI PRATICI Deliberazione n. del aa MARZ?u1 presente proxedimento non

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015 7 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute D.d.u.o. 4 febbraio 2015 - n. 774 Indirizzi per la realizzazione dei controlli ufficiali sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti

Dettagli

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O ALL.2 All ufficio Dipartimento di Prevenzione della ASL di e p.c. Al Comune di NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art.

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE IN DATA 23/01/2013 N. 31 OGGETTO:

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

Sicurezza Alimentare e. controlli ufficiali

Sicurezza Alimentare e. controlli ufficiali Sicurezza Alimentare e controlli ufficiali Milano, 6 maggio 2015 Integrazione dei dipartimenti Dipartimento Prevenzione Medico Dipartimento Prevenzione Veterinario Obiettivo comune: GARANZIA SICUREZZA

Dettagli

DECRETO n. 281 del 28/05/2015

DECRETO n. 281 del 28/05/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255. Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255. Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255 Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013. L Assessore al Welfare, sulla base dell istruttoria espletata dal Dirigente del Servizio

Dettagli

Azienda Socio Sanitaria Territoriale

Azienda Socio Sanitaria Territoriale O. - '2 bo 9 Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Vimercate DELffiERAZIONE'N. 191 DEL 2 1 MAR. 2016 Oggetto: Stipula di convenzione attiva, tra l'azienda Socio Sanitaria Territoriale di Vimercate e

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

DECRETO n. 631 del 18/12/2014

DECRETO n. 631 del 18/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO. F.to: F.to:

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO. F.to: F.to: CITTA' DI TRICASE Copia PROVINCIA DI LECCE SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO REG. GEN.LE N. 69 DEL 30/01/2015 OGGETTO: ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. DEL OGGETTO: CONVENZIONI CON L AZIENDA OSPEDALIERA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA PER IL TIROCINIO DI FORMAZIONE E DI ORIENTAMENTO CURRICULARE DEGLI STUDENTI DEI CORSI DI LAUREA IN TECNICHE

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 5403 DEL 13/04/2005 Identificativo Atto n. 302 IL DIRIGENTE DELLA U.O. VETERINARIA

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 5403 DEL 13/04/2005 Identificativo Atto n. 302 IL DIRIGENTE DELLA U.O. VETERINARIA DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 5403 DEL 13/04/2005 Identificativo Atto n. 302 Oggetto: REQUISITI NECESSARI E SUFFICIENTI DELLE STRUTTURE VETERINARIE PUBBLICHE E PRIVATE, AVENTI ACCESSO AL PUBBLICO,

Dettagli

Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Attuale organigramma della sicurezza in ARPA Datore di Lavoro Direttore Generale - Dott. Umberto Benezzoli Medico Competente coordinatore:

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 10405 10/11/2014 Identificativo Atto n. 552 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DGR 2513 DEL 17/10/2014 PRIMA ATTUA- ZIONE DELLA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE IN DATA 19/12/2014 N. 558 OGGETTO:

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1105 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1105 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1105 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. OGGETTO: Funzionamento Centro Regionale DEL di Farmacovigilanza proroga Borsa di Studio.

DELIBERAZIONE N. OGGETTO: Funzionamento Centro Regionale DEL di Farmacovigilanza proroga Borsa di Studio. Sistema Socio Sanitario ^ Regione Lombardia ATS Brianza 171 31 MAR 2016 PUBBLICATA ALL'ALBO ON-i" r 6 APR. 2016 DELIBERAZIONE N. OGGETTO: Funzionamento Centro Regionale DEL di Farmacovigilanza proroga

Dettagli

Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015

Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015 Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015 Direttore Generale Dr. Roberto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Direttore Amministrativo Carlo Alberto Tersalvi Direttore Sanitario Giuseppe Giorgio

Dettagli

ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA

ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Direttore Dott.ssa Marina Scotto Via Collodi, 13 17100 ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA L ATTIVAZIONE DI UNO STABILIMENTO (*) DEL SETTORE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004

Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Spett.le SPORTELLO UNICO ASSOCIATO Comuni di Monteriggioni e Castellina in Chianti ( 4 copie in carta semplice comprensive degli allegati + Domanda

Dettagli

Deliberazione N.: 1233 del: 18/12/2015

Deliberazione N.: 1233 del: 18/12/2015 Deliberazione N.: 1233 del: 18/12/2015 Oggetto : PIANO INVESTIMENTI 2015 - OPERE COMPLEMENTARI MESSA A NORMA E SICUREZZA CENTRALE TERMICA DEL P.O. DI LENO ANNO 2015 Pubblicazione all Albo on line per giorni

Dettagli

Deliberazione N.: 771 del: 04/08/2015

Deliberazione N.: 771 del: 04/08/2015 Deliberazione N.: 771 del: 04/08/2015 Oggetto : RIQUALIFICAZIONE DELL'OSPEDALE DI LENO COME SEDE DELLA SPERIMENTAZIONE P.O.T.: INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI PRELIMINARE/DEFINITIVO

Dettagli

Regione Lombardia. ASL Monza e Brianza. Seduta del 2 9 SET 2019. Il Direttore Generale Matteo Stocco

Regione Lombardia. ASL Monza e Brianza. Seduta del 2 9 SET 2019. Il Direttore Generale Matteo Stocco Regione 007072 ASL Monza e Brianza Deliberazione n. 589 Seduta del 2 9 SET 2019 Conferimento incarichi dirigenziali di natura professionale. Il Direttore Generale Matteo Stocco coadiuvato da: Il Direttore

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 (D.P.G.R. N. 070634 del 22.12.1997 C.F./P.I. 12313930153)

REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 (D.P.G.R. N. 070634 del 22.12.1997 C.F./P.I. 12313930153) REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 (D.P.G.R. N. 070634 del 22.12.1997 C.F./P.I. 12313930153) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE U.O.C. DIPARTIMENTO DIPENDENZE N. 568 DEL

Dettagli

DOMANDE PIU FREQUENTI

DOMANDE PIU FREQUENTI DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione

Dettagli

DECRETO n. 116 del 19/02/2015

DECRETO n. 116 del 19/02/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 DECRETO DIRIGENZIALE N. 46 del 23 febbraio 2005 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO ASSISTENZA SANITARIA SETTORE PREVENZIONE ASSISTENZA SANITARIA

Dettagli

DECRETO n. 447 del 28/08/2014

DECRETO n. 447 del 28/08/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

I requisiti del latte alimentare

I requisiti del latte alimentare I requisiti del latte alimentare Le disposizioni delle Linee Guida e della Misura 215. Progetto Qualità Latte Premessa A partire dal 1 gennaio 2006, sono in applicazione le disposizioni previste dai regolamenti

Dettagli

DECRETO n. 403 del 23/08/2013

DECRETO n. 403 del 23/08/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE COD.DOCUMENTO VET/08/265558 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE COD.DOCUMENTO VET/08/265558 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE REGIONE EMILIA ROMAGNA PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE COD.DOCUMENTO VET/08/265558 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO VETERINARIO

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 253 del 29/09/2015 OGGETTO Partecipazione all Avviso pubblico regionale per la concessione e l erogazione di un finanziamento per il

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE RIESAME ATTIVITÀ DI AUDIT INTERNI SGQ ANNO 2014

RELAZIONE ANNUALE RIESAME ATTIVITÀ DI AUDIT INTERNI SGQ ANNO 2014 RELAZIONE ANNUALE RIESAME ATTIVITÀ DI AUDIT INTERNI SGQ ANNO 2014 Audit Autorità competente regionale verso Autorità competente territoriale Audit interno SGQ Autorità competente regionale Audit interno

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. DEL OGGETTO: AUTORIZZAZIONE STUDIO OSSERVAZIONALE REGISTRO PROSPETTICO ITALIANO SUL DISPOSITIVO ABSORB PER IL TRATTAMENTO DELLA CORONAROPATIA DIFFUSA/MULTIVASALE (IT-DISAPPEARS) PRESSO

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.-

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 Identificativo Atto n. 1345 Oggetto: ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- IL DIRIGENTE UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

Operatore della ristorazione. Standard della Figura nazionale

Operatore della ristorazione. Standard della Figura nazionale Operatore della ristorazione Standard della Figura nazionale 94 Denominazione della figura Indirizzi della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento:

Dettagli

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Fruitori dei titoli sociali Buoni Voucher 2003 2004 10.501 12.155 860 2050 Regione Lombardia

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

Deliberazione N.: 1200 del: 18/12/2015. Oggetto : P.I. 2012 AUTOFINANZIAMENTO - UPGRADE SISTEMA INFORMATICO NFS: AFFIDAMENTO ALLA DITTA DEDALUS SPA

Deliberazione N.: 1200 del: 18/12/2015. Oggetto : P.I. 2012 AUTOFINANZIAMENTO - UPGRADE SISTEMA INFORMATICO NFS: AFFIDAMENTO ALLA DITTA DEDALUS SPA Deliberazione N.: 1200 del: 18/12/2015 Oggetto : P.I. 2012 AUTOFINANZIAMENTO - UPGRADE SISTEMA INFORMATICO NFS: AFFIDAMENTO ALLA DITTA DEDALUS SPA Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi

Dettagli

Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo

Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo (approvato con determinazione del Direttore del Servizio Sviluppo della Multifunzionalità e valorizzazione della biodiversità agricola n. 0618

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

ASL Lecco. Regione. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 379 j)f j 06 SETTEMBRE 2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA FRA PROVINCIA DI LECCO E

ASL Lecco. Regione. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 379 j)f j 06 SETTEMBRE 2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA FRA PROVINCIA DI LECCO E OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA FRA PROVINCIA DI LECCO E SOCCORSO, IL RECUPERO ED IL TRASPORTO DI ANIMALI APPARTENENTI ALLA FAUNA SELVATICA IN DIFFICOLTA O REPERITA DECEDUTA. venatoria ; DELIBERAZIONE

Dettagli

Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria

Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica

Dettagli

DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO e VETERINARIO

DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO e VETERINARIO I CONTROLLI DELL AUTORITA SANITARIA NEGLI AGRITURISMO DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO e VETERINARIO Relatori Tecnici della Prevenzione Elio Azzolari, Vasco Saporiti, Omar Rota NORMATIVA SANITARIA DI

Dettagli

Deliberazione N.: 589 del: 17/06/2015

Deliberazione N.: 589 del: 17/06/2015 Deliberazione N.: 589 del: 17/06/2015 Oggetto : PROCEDURA DI GARA APERTA AGGREGATA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI AVENTE COME CAPOFILA LA FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA.

Dettagli

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania Reg. N. 26 del05 Marzo 2015 O a COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Atto di indirizzo per la stipula di una

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati)

IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati) Dipartimento Sanità Pubblica UO Igiene degli limenti di Origine nimale IGIENE LIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati).

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE SETTORE: Settore Programmazione Strategica e Comunitaria Dirigente: Dott. RAFFAELE PARLANGELI Raccolta particolare del servizio N DetDS 00011/2015-CDR V del 19/02/2015

Dettagli

Deliberazione N.: 312 del: 31/03/2015

Deliberazione N.: 312 del: 31/03/2015 Deliberazione N.: 312 del: 31/03/2015 Oggetto : SERVIZIO DI MEDIAZIONE CULTURALE E/O INTERPRETARIATO. PERIODO MAGGIO SETTEMBRE 2015. AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA. Pubblicazione all Albo on line per giorni

Dettagli

Ristorazione collettiva senza glutine: le novità introdotte dalle delibere Regionali in materia di celiachia in Puglia

Ristorazione collettiva senza glutine: le novità introdotte dalle delibere Regionali in materia di celiachia in Puglia PUGLIA FOR ALL: OSPITALITA PER TUTTI Seminario informativo per operatori turistici Ristorazione collettiva senza glutine: le novità introdotte dalle delibere Regionali in materia di celiachia in Puglia

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

COMUNE DI ROCCA SANTA MARIA Provincia di Teramo

COMUNE DI ROCCA SANTA MARIA Provincia di Teramo COMUNE DI ROCCA SANTA MARIA Provincia di Teramo Registro Generale n. 90 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA I AFFARI GENERALI N. 22 DEL 26-09-2013 Oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER INCARICO

Dettagli

29.6.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 DELIBERAZIONE 6 giugno 2005, n. 624

29.6.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 DELIBERAZIONE 6 giugno 2005, n. 624 29.6.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 DELIBERAZIONE 6 giugno 2005, n. 624 Progetto esecutivo per la realizzazione del Nuovo Polo Pediatrico Meyer a Villa Ognissanti in Firenze

Dettagli

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME 152 NOTA DI LETTURA La Parte Seconda della V Relazione al Parlamento si compone principalmente delle informazioni

Dettagli

ATTESA la nomina del Direttore Generale dell ARPAS con DPGR n.111 del 01.10.2014;

ATTESA la nomina del Direttore Generale dell ARPAS con DPGR n.111 del 01.10.2014; REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGENTZIA REGIONALE PRO S AMPARU DE S AMBIENTE DE SARDIGNA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

REGIONE CALABRIA. DPGR - CA n. 9 del 6 Febbraio 2014

REGIONE CALABRIA. DPGR - CA n. 9 del 6 Febbraio 2014 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO

PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO PROCEDURA PERATIVA PO.SCIA 01-0 Pagina 0/8 PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO I N D I C E 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...1 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...1 3. RESPONSABILITA...2

Dettagli

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli DELIBERAZIONE N. j_ (;i() Prot. N del - COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE (I.E.) OGGETTO: Progetto Politiche Giovanili anno 20 Il. L'anno

Dettagli

DECRETO n. 188 del 26/03/2015

DECRETO n. 188 del 26/03/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli