Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico"

Transcript

1 SPEECH/10/150 Dacian Cioloș, Membro della Commissione europea responsabile dell'agricoltura e dello sviluppo rurale Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico Discorso dinanzi alla commissione agricoltura del Parlamento europeo Bruxelles, 12 aprile 2010

2 Signor Presidente, caro Paolo, Signor relatore, caro George, Onorevoli Parlamentari, Sono lieto di essere con voi oggi per portare avanti il dialogo che abbiamo cominciato insieme in occasione della mia audizione. Sono già passati tre mesi! Di quel momento conservo il ricordo di uno scambio costruttivo e fruttuoso, il ricordo di una passione condivisa per l'agricoltura e la politica agricola comune. Vorrei ringraziarvi dell'accoglienza calorosa che mi avete riservato. Desidero ringraziare Paolo de Castro per l'invito di oggi e anche George Lyon per il lavoro compiuto in questi ultimi tempi. Come sapete, dovremo scrivere una nuova pagina della storia della Politica agricola comune dopo il È una pagina che scriveremo insieme. La PAC si inserirà appieno nella strategia della Commissione "UE 2020". Vi accennerò tra pochi minuti all'importante contributo che l'agricoltura può dare alla crescita intelligente, inclusiva e sostenibile. Vi dirò anche in che modo l'approccio proposto dalla strategia UE 2020 potrà rendere la PAC più rispondente ai nostri obiettivi per la società e l'economia europee per il Scrivere questa nuova pagina dell'europa agricola è la principale priorità del mio mandato. Proprio per questo sono qui con voi oggi. Prima di continuare, però, vorrei parlarvi di qualcuno a cui tengo molto. Questo qualcuno è mio nonno. Mio nonno faceva il contadino. Vive a Pericei, un villaggio della Romania occidentale. È un uomo che ha accompagnato la mia infanzia e la mia giovinezza con la sua saggezza contadina. Sa lavorare la terra e me l'ha insegnato. Da lui ho imparato molte cose, sull'agricoltura e sulla vita. Ogni tanto mi ripeteva un vecchio detto: cateodata, nu vezi padurea de copaci: spesso l'albero nasconde la foresta! Quando parliamo della PAC, oggi, ripenso a volte a questa frase. Vedo che alcuni hanno cominciato ad abbattere degli alberi, mentre un po' più in là altri piantano alberi nuovi, ognuno per conto suo. Le discussioni sul futuro della politica agricola comune sono cominciate così. Ritengo che questo sia un bene, e dimostri anche che c'è ancora molto interesse per la PAC. Però Alcuni sono già alle prese con dettagli molto tecnici: il tronco, le radici, le foglie dell'albero. Sono stato sempre molto vicino all'agricoltura e capisco bene questa passione per il dettaglio. Ma l'albero spesso nasconde la foresta, come diceva mio nonno, e prima di abbattere, sradicare e ripiantare bisogna riflettere. Dobbiamo chiederci cosa vogliamo fare della nostra foresta in futuro. Dobbiamo avere una visione globale delle cose. A cosa serve e come può servire questa bella foresta a cui si può paragonare la politica agricola comune? 2

3 È questa la domanda che voglio farvi. La domanda che voglio fare a tutti noi: cittadini, contribuenti, consumatori, agricoltori, scienziati, industriali, commercianti. A tutti gli europei insomma, perché dobbiamo darci il tempo di riflettere. Insieme abbiamo una grossa responsabilità. L'Europa ha la responsabilità di garantire l'approvvigionamento alimentare dei cittadini. Il trattato di Lisbona, recentemente adottato, le affida questo compito attraverso la politica agricola comune. La storia dell'europa agricola è iniziata nel luglio del La posa della prima pietra della politica agricola comune è avvenuta a Stresa, in Italia. Allora in Europa c'erano ancora molte armi, ma non abbastanza macchine agricole. L'Europa sognava di diventare autosufficiente per l'approvvigionamento alimentare. Occorreva cancellare per sempre la paura dei razionamenti. Fortunatamente questo periodo fa ormai parte del passato. Ma la sicurezza alimentare è sempre un obiettivo importantissimo. Basti pensare agli avvenimenti che hanno colpito l'economia di tutto il mondo in questi ultimi due anni. Credo che possiamo essere fieri di quanto è stato fatto finora. Ma dobbiamo anche avere la forza e la saggezza di andare avanti, con un'unione europea di 27 paesi, un'unione protagonista sulla scena della globalizzazione mondiale. Signore e signori, abbiamo una grande responsabilità dinanzi ai cittadini. Le nostre decisioni avranno conseguenze per la vita quotidiana di milioni di persone, sia in Europa che fuori dei suoi confini. Le nostre decisioni hanno ripercussioni per il futuro del progetto europeo. Progetto che, come sapete, suscita talvolta scetticismo da parte dei cittadini. La partecipazione alle ultime elezioni europee dimostra quanto sia importante questo compito. Perché dobbiamo allo stesso tempo costruire l'europa e darle consistenza e visibilità. I cittadini esprimono qualche volta incertezze, interrogativi e legittime aspettative. Bisogna tenerne conto e coinvolgerli nel processo di preparazione delle decisioni. I cittadini devono capire quello che stiamo facendo. Devono sapere che possono partecipare al processo decisionale, che il loro parere conta nell'assunzione di decisioni a livello europeo. Sapete anche che il mio impegno e la mia ambizione per la politica agricola comune europea sono fortissimi. La PAC è una delle politiche chiave della costruzione e dell'integrazione europea. Oggi la PAC è una delle politiche europee più integrate. È vero anche che non è esente da critiche, che ci sono delle imperfezioni, che si attendono nuove riforme. Dobbiamo tener conto di tutto questo. Dobbiamo tener conto di queste aspettative, non per indebolire o per smantellare la PAC, ma per fare in modo che resti uno strumento valido per gli agricoltori dell'unione europea di oggi. E perché sia uno strumento del futuro e non del passato. (Signore e signori), sono a favore di una riforma della PAC entro il Sono a favore di una politica agricola comune vicina alle aspirazioni dei cittadini europei. Vicina alle loro aspirazioni per il futuro dell'europa. In primo luogo l'unione europea offre una risposta collettiva e coerente con la strategia "UE 2020". 3

4 Si tratta di una strategia elaborata per far fronte alla crisi finanziaria ed economica e ai problemi posti dai cambiamenti climatici e dalla perdita di competitività. La politica agricola comune dà un contributo importante a questa strategia. La PAC è un fattore essenziale nella dinamica dei territori rurali. È un motore per la vitalità delle campagne. E questo da sempre e, sono convinto, ancora per molto tempo. L'agricoltura può dare un contributo considerevole alla crescita e fare la sua parte per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. L'agricoltura europea ha molto da offrire. Non è il momento di abbassare le braccia. - La PAC è indispensabile per una crescita sostenibile. Non si può infatti parlare di utilizzo razionale ed efficace delle risorse naturali senza pensare all'agricoltura e al modo in cui è praticata. - La PAC è indispensabile per l'occupazione. Permette alle zone rurali di esprimere pienamente il proprio potenziale. L'attività agricola è spesso il fulcro dell'attività economica nelle zone rurali. In molte delle nostre campagne, senza l'agricoltura e l'agroalimentare l'attività economica sarebbe semplicemente inesistente. In altre parole, niente lavoro. - La PAC è indispensabile per una crescita verde. Se ben calibrata e fondata sull'innovazione e la ricerca, la PAC racchiude risposte valide per una crescita verde e offre risposte concrete al problema dei cambiamenti climatici. La stessa attività agricola è fonte di energie rinnovabili. - La PAC è indispensabile per una crescita intelligente. In futuro le tecniche agricole dovranno adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici. Occorrerà produrre di più con meno mezzi. Occorrerà gestire risorse naturali sempre più scarse, far fronte a catastrofi naturali, rafforzare le capacità di fissazione del carbonio, ridurre le emissioni di gas serra. Occorrerà anche offrire ai consumatori prodotti sempre più sicuri, sani e diversi. Per questo bisognerà adattare le tecniche di produzione. Per vincere queste sfide occorrerà mobilitare le nostre capacità di ricerca e sviluppo. L'agricoltura europea è un settore portante della nostra economia. La PAC è una delle nostre grandi politiche, con un ruolo centrale per la realizzazione dell'agenda dell'ue proposta nella comunicazione della Commissione "Europa 2020". Perché possa contribuire appieno al progetto europeo, la politica agricola comune dovrà essere riformata ancora una volta. Le riforme sono una costante per la PAC. Fin dalla sua istituzione questa politica è stata continuamente adeguata alle esigenze del suo tempo. La PAC odierna affonda le sue radici nella riforma del 2003, sulla scia dell'agenda 2000: sono ormai passati 10 anni. Sono necessari nuovi e importanti adeguamenti. Questo è il mio secondo punto. L'Europa di oggi è fatta da 27 Stati membri. Ogni Stato membro rappresenta una diversità di regioni, di culture, di agricolture. È una grande ricchezza che gli europei sono determinati a conservare! Questa diversità deve essere messa a frutto. Occorre rafforzare i legami tra queste diverse agricolture e le aspettative dei consumatori. Rafforzare i legami tra le produzioni delle aziende agricole e i mercati, siano essi mercati locali, regionali o internazionali. 4

5 Dobbiamo arrenderci all'evidenza: siamo di fronte ad una NUOVA realtà europea. Non possiamo più parlare di un "modello unico europeo" di agricoltura. Non abbiamo un'agricoltura omogenea, ma un'agricoltura multiforme. Non abbiamo nemmeno UNA SOLA agricoltura nell'unione europea, ma DIVERSE agricolture. Dobbiamo renderci conto di questa diversità e della RICCHEZZA che essa rappresenta. Dobbiamo fare in modo di preservarla e di sfruttarla a beneficio della società intera. Ma attenzione: preservare questa diversità NON SIGNIFICA affatto rilanciare le politiche nazionali a scapito di una politica comune. Se ci priviamo della capacità e dell'opportunità di vedere il TUTTO sarà più difficile, se non impossibile, gestire le PARTI che lo compongono. Nulla può sostituire una VISIONE GLOBALE. Solo una politica unitaria ci permetterà di preservare la diversità delle nostre agricolture, diversità alla quale sia voi che io siamo tutti molto affezionati. Terzo punto: sono necessari adeguamenti per preparare il futuro. Bisogna permettere all'agricoltura di rispondere alle sfide che le pone la società. La sicurezza alimentare, la protezione dei suoli, delle risorse naturali, la crescita economica delle zone rurali, i cambiamenti climatici. In questo modo i cittadini, i contribuenti, comprenderanno meglio che la politica agricola comune è la loro politica. Una politica fatta per loro. La politica agricola europea non è un dominio riservato ai soli agricoltori. È la società intera a beneficiare di questa politica comune europea, che investe aree come l'alimentazione, la gestione dei territori e la protezione dell'ambiente. Ma mi chiedo: gli Europei lo sanno? La risposta è no. O comunque non abbastanza. La politica agricola comune accusa un deficit di comunicazione con la società europea. Qualche settimana fa, da un sondaggio di Eurobarometro è emerso che oltre il 90% dei cittadini europei considera l'agricoltura importante per il futuro. Oltre il 90% degli europei si aspetta che l'agricoltura fornisca cibi sani, sicuri e di buona qualità. Che protegga i paesaggi. Che dia impulso all'economia. Sono d'accordo anche loro! Ma dal sondaggio emerge anche che la maggior parte degli europei non sa bene cos'è PAC. Queste cifre parlano da sole, più di qualsiasi lungo discorso! Poco a poco, la politica agricola comune è diventata in parte appannaggio degli specialisti. Questa tendenza va invertita. Occorre spalancare le porte, parlare, discutere della PAC. Prima di scrivere progetti di riforma credo che sia urgente riallacciare il contatto con la società. Prima di formulare risposte sul futuro della PAC bisogna fare le domande giuste. E discutere le possibili risposte. Bisogna coinvolgere i cittadini e la società civile. Dar loro la possibilità, lo spazio e il tempo di esprimersi, per essere poi in grado, nelle nostre iniziative future, di tener conto della loro opinione, in modo coerente. 5

6 (Signore e signori,) desidero che si possa avviare un dibattito pubblico sul posto occupato dall'agricoltura nella società europea. Sul posto da riservare all'agricoltura oggi e domani. Sugli obiettivi a cui dovrà rispondere la PAC. Questo lavoro deve essere fatto. Prima di discutere degli strumenti necessari. Prima di parlare di bilancio, di programmi e di singole misure. Se non ci concediamo questo tempo di dibattito e di riflessione, rischiamo di parlare dei mezzi di una politica che non sarà stata ben definita prima oppure che ci saremo limitati a definire tra specialisti. Ma saremo sicuri di rispondere alle aspettative dei nostri concittadini? Per questo motivo ritengo necessario avviare una discussione molto vasta e aperta su queste due domande: - Perché un'agricoltura europea? - Perché una politica agricola comune europea? Grazie a questa discussione raccoglieremo le osservazioni e le posizioni di tutti gli attori della società. Le idee di tutti coloro che desiderano partecipare, individualmente o attraverso le associazioni, le ONG, i gruppi di riflessione o i canali precostituiti. Aspetto le reazioni e le riflessioni non solo degli agricoltori e delle associazioni professionali, ma anche delle associazioni degli ambientalisti, dei consumatori e per la protezione del benessere degli animali. Le reazioni di tutti coloro che operano nel campo della sicurezza alimentare, dello sviluppo sostenibile, dello sviluppo rurale su tutte queste tematiche connesse all'agricoltura. Occorre allargare il dibattito il più possibile. Signore e signori, molti sono gli interrogativi sul futuro che vogliamo dare alla nostra agricoltura e alla nostra società. Gli aspetti da analizzare sono molti. A mio parere il dibattito dovrebbe ruotare intorno a quattro domande strategiche: - 1- Perché una politica agricola comune europea? - 2- Quali obiettivi la società assegna all'agricoltura in tutta la sua diversità? - 3- Perché riformare la PAC attuale e in che modo renderla rispondente alle aspettative della società? - 4- Quali sono gli strumenti per la PAC di domani? Ognuna di queste domande ne richiama altre: - Quali strumenti permetteranno all'unione europea di rispondere alle sfide del futuro in un momento in cui i mercati sono sempre più instabili e le aspettative sempre maggiori? - Come potrà l'unione europea rispondere alla sfida della sicurezza alimentare? Nei prossimi decenni dovremo far fronte ad un'accelerazione e ad una trasformazione della domanda mondiale indotta dall'incremento demografico, da un mutato regime alimentare nei paesi emergenti e dai rischi connessi al cambiamenti climatici. - Come garantire che i consumatori ricevano cibi sicuri, di qualità, a prezzi accessibili? Come fare per mantenere la qualità e la diversità dei prodotti europei e nel contempo rispondere alle aspettative del settore agroalimentare, dei mercati regionali e dei mercati locali? - Cosa fare per garantire la crescita economica e la crescita verde delle zone rurali? Queste zone possono svolgere un ruolo economico e un ruolo in termini 6

7 di occupazione e di tutela dell'ambiente. Occorre valorizzare questo potenziale, trovare strumenti adatti per tutte queste diverse regioni: periurbane, a forte potenziale produttivo, svantaggiate, fragili o di montagna. Senza un'agricoltura solida, in queste zone il rischio di degrado del tessuto economico e sociale è enorme. Come dinamizzare l'economia rurale? Che contributo ancora più decisivo potrà dare la PAC all'europa del 2020 che vogliamo? - Che eredità vogliamo trasmettere alle generazioni future in fatto di ambiente, di qualità dei terreni, dell'acqua e dell'aria? Non dimentichiamoci che gli agricoltori, che rappresentano meno del 5% della popolazione europea, curano l'80% del territorio. Come sarà possibile gestire meglio le risorse naturali pur continuando a produrre? Come mantenere e recuperare la biodiversità dello spazio europeo? - I cambiamenti climatici non sono più una questione teorica. La società si aspetta soluzioni dal settore agricolo. L'agricoltura ha già dimostrato di essere capace di dare un contributo decisivo alla riduzione dei gas serra, mettendo a segno una riduzione del 20% tra il 1990 e il 2007, contro l'8% degli altri settori. Ma può fare anche di più: per questo occorre aiutarla. Occorre ripensare la correlazione tra ricerca e agricoltura. - Quale futuro per l'europa sui mercati internazionali? Quali sono i nostri punti forti? Come gestire meglio i nostri vantaggi competitivi e offensivi? Come gestire i nostri requisiti di qualità in un mercato comunitario sempre più aperto alle importazioni dei paesi terzi e in assenza di accordi internazionali in queste materie? Cito un solo esempio: il benessere degli animali. Ci sono ovviamente molte altre sfide che aspettano l'europa di domani. A tutte queste sfide l'agricoltura europea può dare una risposta. Occorre parlare anche di questo. In considerazione di queste sfide occorre tracciare gli obiettivi e definire gli strumenti di una politica agricola comune equilibrata e sostenibile. Sarà questa la nostra tabella di marcia. Dovremo quindi cercare di rispondere anche alle seguenti domande: - Come creare strumenti più leggibili, che permettano ai contribuenti di capire il nesso tra sostegno all'agricoltura, approvvigionamento dei mercati e remunerazione dei beni pubblici forniti dagli agricoltori? - Quali sono gli strumenti idonei a garantire una stabilità minima dei redditi agricoli? Quali aiuti diretti per i produttori agricoli? A fronte di quale contropartita? Quali sono gli elementi imprescindibili di una ripartizione equa di questi aiuti: tra gli Stati membri, tra gli agricoltori, fra i diversi tipi di agricoltura, tra zone economicamente omogenee? - Come rispondere alla crescente volatilità dei mercati? Come evitare che una crisi economica distrugga un intero settore? Cosa fare per garantire rapporti equilibrati tra gli attori economici dell'agroalimentare? Come fare in modo che i consumatori paghino un prezzo ragionevole e gli agricoltori ricevano anch'essi un reddito ragionevole? - Come garantire che la diversità delle nostre agricolture abbia un futuro in Europa? Come tener conto in maniera più adeguata dei problemi particolari dei piccoli agricoltori e delle opportunità dei mercati locali? - Che riforma serve per dare più competitività all'agricoltura europea? Quali sono le zone o i settori che richiedono una modernizzazione e una ristrutturazione? Com'è possibile sostenere in modo più efficace questa ristrutturazione/modernizzazione? 7

8 - Come stabilire un nesso più forte tra economia agricola e economia e gestione dei territori? Con quali strumenti? - Quali sono le risposte pertinenti da dare alle problematiche del secondo pilastro della PAC? Come sviluppare i settori agricoli e agroalimentari locali? Come fare della crescita verde un fattore di dinamizzazione dell'economia rurale? Come valorizzare in modo sostenibile le risorse naturali e umane delle regioni rurali? Cosa possiamo fare per arrestare la desertificazione di alcune zone rurali? E ci sono ancora molte altre domande: - Che incentivi o, forse, che obblighi dobbiamo prevedere in fatto di ambiente, di qualità? Ci devono essere obiettivi comunitari applicabili a tutti gli Stati membri? Che ruolo dare alla sussidiarietà? - Come risponderemo ai cambiamenti climatici? - E, infine, quale Europa agricola lasceremo ai nostri figli? Sì, lo so, le domande che ho sollevato sono tantissime. Però voi avete qualche mese a disposizione per rispondere. Non vi chiedo certo di rispondere oggi! Occorre tempo: il tempo di ascoltare le aspettative e le idee degli attori della società europea. Il dibattito pubblico che vi invito ad avviare insieme, qui, oggi, resterà aperto fino al mese di giugno Questo periodo servirà a chiarire cosa l'europa si aspetta dalla propria agricoltura. Cercherò di essere presente, di portare avanti il dibattito negli Stati membri, nelle reti e nelle piattaforme della società civile. Dal dibattito pubblico emergeranno idee nuove, che andranno ad alimentare il processo decisionale sul futuro della PAC dopo il È già stato creato un sito internet a cui possono essere trasmessi i contributi di tutti coloro che lo desiderano: In giugno, un organismo indipendente redigerà una sintesi dei contributi pervenuti. - A metà luglio prevedo di organizzare una conferenza di sintesi della consultazione pubblica, in cui discuteremo le idee principali emerse. Vi invito fin d'ora a partecipare. Sono sicuro che in questo modo individueremo idee valide e innovatrici. - Queste idee potranno alimentare la riflessione della Commissione europea che sfocerà nella comunicazione sulla PAC dopo il In tale comunicazione, che sarà presentata entro la fine di quest'anno, si proporranno le diverse opzioni per il futuro dell'agricoltura europea e della sua politica agricola comune. 8

9 Sta anche a voi - in quanto rappresentanti eletti dei cittadini europei - far vostro questo tema e diffonderlo nella società. Conto molto anche sul vostro sostegno. Nei prossimi giorni farò un intervento anche davanti al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni dell'ue. Sono sicuro che tutti insieme, ascoltandoci, arriveremo a delineare una visione comune sul futuro di questa politica europea. Non solo una visione comune degli Stati membri, del Parlamento europeo, ma anche una visione condivisa dall'insieme della società civile e dei cittadini europei. Insieme abbiamo l'obbligo di realizzare risultati. Dobbiamo fare in modo che la PAC non sia solo più efficace, ma anche più visibile nella società. E ci troveremo allora tutti nella stessa foresta, in quella foresta che avremo voluto e modellato insieme. Grazie per l'attenzione. 9

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione)

Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione) Domanda posta da MAG6 Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione) Terre de liens è innanzitutto un movimento cittadino,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.1.2011 COM(2011) 21 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Il settore ortofrutticolo riveste un importanza

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli