Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico"

Transcript

1 SPEECH/10/150 Dacian Cioloș, Membro della Commissione europea responsabile dell'agricoltura e dello sviluppo rurale Quale agricoltura per l'europa di domani? Invito a un dibattito pubblico Discorso dinanzi alla commissione agricoltura del Parlamento europeo Bruxelles, 12 aprile 2010

2 Signor Presidente, caro Paolo, Signor relatore, caro George, Onorevoli Parlamentari, Sono lieto di essere con voi oggi per portare avanti il dialogo che abbiamo cominciato insieme in occasione della mia audizione. Sono già passati tre mesi! Di quel momento conservo il ricordo di uno scambio costruttivo e fruttuoso, il ricordo di una passione condivisa per l'agricoltura e la politica agricola comune. Vorrei ringraziarvi dell'accoglienza calorosa che mi avete riservato. Desidero ringraziare Paolo de Castro per l'invito di oggi e anche George Lyon per il lavoro compiuto in questi ultimi tempi. Come sapete, dovremo scrivere una nuova pagina della storia della Politica agricola comune dopo il È una pagina che scriveremo insieme. La PAC si inserirà appieno nella strategia della Commissione "UE 2020". Vi accennerò tra pochi minuti all'importante contributo che l'agricoltura può dare alla crescita intelligente, inclusiva e sostenibile. Vi dirò anche in che modo l'approccio proposto dalla strategia UE 2020 potrà rendere la PAC più rispondente ai nostri obiettivi per la società e l'economia europee per il Scrivere questa nuova pagina dell'europa agricola è la principale priorità del mio mandato. Proprio per questo sono qui con voi oggi. Prima di continuare, però, vorrei parlarvi di qualcuno a cui tengo molto. Questo qualcuno è mio nonno. Mio nonno faceva il contadino. Vive a Pericei, un villaggio della Romania occidentale. È un uomo che ha accompagnato la mia infanzia e la mia giovinezza con la sua saggezza contadina. Sa lavorare la terra e me l'ha insegnato. Da lui ho imparato molte cose, sull'agricoltura e sulla vita. Ogni tanto mi ripeteva un vecchio detto: cateodata, nu vezi padurea de copaci: spesso l'albero nasconde la foresta! Quando parliamo della PAC, oggi, ripenso a volte a questa frase. Vedo che alcuni hanno cominciato ad abbattere degli alberi, mentre un po' più in là altri piantano alberi nuovi, ognuno per conto suo. Le discussioni sul futuro della politica agricola comune sono cominciate così. Ritengo che questo sia un bene, e dimostri anche che c'è ancora molto interesse per la PAC. Però Alcuni sono già alle prese con dettagli molto tecnici: il tronco, le radici, le foglie dell'albero. Sono stato sempre molto vicino all'agricoltura e capisco bene questa passione per il dettaglio. Ma l'albero spesso nasconde la foresta, come diceva mio nonno, e prima di abbattere, sradicare e ripiantare bisogna riflettere. Dobbiamo chiederci cosa vogliamo fare della nostra foresta in futuro. Dobbiamo avere una visione globale delle cose. A cosa serve e come può servire questa bella foresta a cui si può paragonare la politica agricola comune? 2

3 È questa la domanda che voglio farvi. La domanda che voglio fare a tutti noi: cittadini, contribuenti, consumatori, agricoltori, scienziati, industriali, commercianti. A tutti gli europei insomma, perché dobbiamo darci il tempo di riflettere. Insieme abbiamo una grossa responsabilità. L'Europa ha la responsabilità di garantire l'approvvigionamento alimentare dei cittadini. Il trattato di Lisbona, recentemente adottato, le affida questo compito attraverso la politica agricola comune. La storia dell'europa agricola è iniziata nel luglio del La posa della prima pietra della politica agricola comune è avvenuta a Stresa, in Italia. Allora in Europa c'erano ancora molte armi, ma non abbastanza macchine agricole. L'Europa sognava di diventare autosufficiente per l'approvvigionamento alimentare. Occorreva cancellare per sempre la paura dei razionamenti. Fortunatamente questo periodo fa ormai parte del passato. Ma la sicurezza alimentare è sempre un obiettivo importantissimo. Basti pensare agli avvenimenti che hanno colpito l'economia di tutto il mondo in questi ultimi due anni. Credo che possiamo essere fieri di quanto è stato fatto finora. Ma dobbiamo anche avere la forza e la saggezza di andare avanti, con un'unione europea di 27 paesi, un'unione protagonista sulla scena della globalizzazione mondiale. Signore e signori, abbiamo una grande responsabilità dinanzi ai cittadini. Le nostre decisioni avranno conseguenze per la vita quotidiana di milioni di persone, sia in Europa che fuori dei suoi confini. Le nostre decisioni hanno ripercussioni per il futuro del progetto europeo. Progetto che, come sapete, suscita talvolta scetticismo da parte dei cittadini. La partecipazione alle ultime elezioni europee dimostra quanto sia importante questo compito. Perché dobbiamo allo stesso tempo costruire l'europa e darle consistenza e visibilità. I cittadini esprimono qualche volta incertezze, interrogativi e legittime aspettative. Bisogna tenerne conto e coinvolgerli nel processo di preparazione delle decisioni. I cittadini devono capire quello che stiamo facendo. Devono sapere che possono partecipare al processo decisionale, che il loro parere conta nell'assunzione di decisioni a livello europeo. Sapete anche che il mio impegno e la mia ambizione per la politica agricola comune europea sono fortissimi. La PAC è una delle politiche chiave della costruzione e dell'integrazione europea. Oggi la PAC è una delle politiche europee più integrate. È vero anche che non è esente da critiche, che ci sono delle imperfezioni, che si attendono nuove riforme. Dobbiamo tener conto di tutto questo. Dobbiamo tener conto di queste aspettative, non per indebolire o per smantellare la PAC, ma per fare in modo che resti uno strumento valido per gli agricoltori dell'unione europea di oggi. E perché sia uno strumento del futuro e non del passato. (Signore e signori), sono a favore di una riforma della PAC entro il Sono a favore di una politica agricola comune vicina alle aspirazioni dei cittadini europei. Vicina alle loro aspirazioni per il futuro dell'europa. In primo luogo l'unione europea offre una risposta collettiva e coerente con la strategia "UE 2020". 3

4 Si tratta di una strategia elaborata per far fronte alla crisi finanziaria ed economica e ai problemi posti dai cambiamenti climatici e dalla perdita di competitività. La politica agricola comune dà un contributo importante a questa strategia. La PAC è un fattore essenziale nella dinamica dei territori rurali. È un motore per la vitalità delle campagne. E questo da sempre e, sono convinto, ancora per molto tempo. L'agricoltura può dare un contributo considerevole alla crescita e fare la sua parte per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. L'agricoltura europea ha molto da offrire. Non è il momento di abbassare le braccia. - La PAC è indispensabile per una crescita sostenibile. Non si può infatti parlare di utilizzo razionale ed efficace delle risorse naturali senza pensare all'agricoltura e al modo in cui è praticata. - La PAC è indispensabile per l'occupazione. Permette alle zone rurali di esprimere pienamente il proprio potenziale. L'attività agricola è spesso il fulcro dell'attività economica nelle zone rurali. In molte delle nostre campagne, senza l'agricoltura e l'agroalimentare l'attività economica sarebbe semplicemente inesistente. In altre parole, niente lavoro. - La PAC è indispensabile per una crescita verde. Se ben calibrata e fondata sull'innovazione e la ricerca, la PAC racchiude risposte valide per una crescita verde e offre risposte concrete al problema dei cambiamenti climatici. La stessa attività agricola è fonte di energie rinnovabili. - La PAC è indispensabile per una crescita intelligente. In futuro le tecniche agricole dovranno adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici. Occorrerà produrre di più con meno mezzi. Occorrerà gestire risorse naturali sempre più scarse, far fronte a catastrofi naturali, rafforzare le capacità di fissazione del carbonio, ridurre le emissioni di gas serra. Occorrerà anche offrire ai consumatori prodotti sempre più sicuri, sani e diversi. Per questo bisognerà adattare le tecniche di produzione. Per vincere queste sfide occorrerà mobilitare le nostre capacità di ricerca e sviluppo. L'agricoltura europea è un settore portante della nostra economia. La PAC è una delle nostre grandi politiche, con un ruolo centrale per la realizzazione dell'agenda dell'ue proposta nella comunicazione della Commissione "Europa 2020". Perché possa contribuire appieno al progetto europeo, la politica agricola comune dovrà essere riformata ancora una volta. Le riforme sono una costante per la PAC. Fin dalla sua istituzione questa politica è stata continuamente adeguata alle esigenze del suo tempo. La PAC odierna affonda le sue radici nella riforma del 2003, sulla scia dell'agenda 2000: sono ormai passati 10 anni. Sono necessari nuovi e importanti adeguamenti. Questo è il mio secondo punto. L'Europa di oggi è fatta da 27 Stati membri. Ogni Stato membro rappresenta una diversità di regioni, di culture, di agricolture. È una grande ricchezza che gli europei sono determinati a conservare! Questa diversità deve essere messa a frutto. Occorre rafforzare i legami tra queste diverse agricolture e le aspettative dei consumatori. Rafforzare i legami tra le produzioni delle aziende agricole e i mercati, siano essi mercati locali, regionali o internazionali. 4

5 Dobbiamo arrenderci all'evidenza: siamo di fronte ad una NUOVA realtà europea. Non possiamo più parlare di un "modello unico europeo" di agricoltura. Non abbiamo un'agricoltura omogenea, ma un'agricoltura multiforme. Non abbiamo nemmeno UNA SOLA agricoltura nell'unione europea, ma DIVERSE agricolture. Dobbiamo renderci conto di questa diversità e della RICCHEZZA che essa rappresenta. Dobbiamo fare in modo di preservarla e di sfruttarla a beneficio della società intera. Ma attenzione: preservare questa diversità NON SIGNIFICA affatto rilanciare le politiche nazionali a scapito di una politica comune. Se ci priviamo della capacità e dell'opportunità di vedere il TUTTO sarà più difficile, se non impossibile, gestire le PARTI che lo compongono. Nulla può sostituire una VISIONE GLOBALE. Solo una politica unitaria ci permetterà di preservare la diversità delle nostre agricolture, diversità alla quale sia voi che io siamo tutti molto affezionati. Terzo punto: sono necessari adeguamenti per preparare il futuro. Bisogna permettere all'agricoltura di rispondere alle sfide che le pone la società. La sicurezza alimentare, la protezione dei suoli, delle risorse naturali, la crescita economica delle zone rurali, i cambiamenti climatici. In questo modo i cittadini, i contribuenti, comprenderanno meglio che la politica agricola comune è la loro politica. Una politica fatta per loro. La politica agricola europea non è un dominio riservato ai soli agricoltori. È la società intera a beneficiare di questa politica comune europea, che investe aree come l'alimentazione, la gestione dei territori e la protezione dell'ambiente. Ma mi chiedo: gli Europei lo sanno? La risposta è no. O comunque non abbastanza. La politica agricola comune accusa un deficit di comunicazione con la società europea. Qualche settimana fa, da un sondaggio di Eurobarometro è emerso che oltre il 90% dei cittadini europei considera l'agricoltura importante per il futuro. Oltre il 90% degli europei si aspetta che l'agricoltura fornisca cibi sani, sicuri e di buona qualità. Che protegga i paesaggi. Che dia impulso all'economia. Sono d'accordo anche loro! Ma dal sondaggio emerge anche che la maggior parte degli europei non sa bene cos'è PAC. Queste cifre parlano da sole, più di qualsiasi lungo discorso! Poco a poco, la politica agricola comune è diventata in parte appannaggio degli specialisti. Questa tendenza va invertita. Occorre spalancare le porte, parlare, discutere della PAC. Prima di scrivere progetti di riforma credo che sia urgente riallacciare il contatto con la società. Prima di formulare risposte sul futuro della PAC bisogna fare le domande giuste. E discutere le possibili risposte. Bisogna coinvolgere i cittadini e la società civile. Dar loro la possibilità, lo spazio e il tempo di esprimersi, per essere poi in grado, nelle nostre iniziative future, di tener conto della loro opinione, in modo coerente. 5

6 (Signore e signori,) desidero che si possa avviare un dibattito pubblico sul posto occupato dall'agricoltura nella società europea. Sul posto da riservare all'agricoltura oggi e domani. Sugli obiettivi a cui dovrà rispondere la PAC. Questo lavoro deve essere fatto. Prima di discutere degli strumenti necessari. Prima di parlare di bilancio, di programmi e di singole misure. Se non ci concediamo questo tempo di dibattito e di riflessione, rischiamo di parlare dei mezzi di una politica che non sarà stata ben definita prima oppure che ci saremo limitati a definire tra specialisti. Ma saremo sicuri di rispondere alle aspettative dei nostri concittadini? Per questo motivo ritengo necessario avviare una discussione molto vasta e aperta su queste due domande: - Perché un'agricoltura europea? - Perché una politica agricola comune europea? Grazie a questa discussione raccoglieremo le osservazioni e le posizioni di tutti gli attori della società. Le idee di tutti coloro che desiderano partecipare, individualmente o attraverso le associazioni, le ONG, i gruppi di riflessione o i canali precostituiti. Aspetto le reazioni e le riflessioni non solo degli agricoltori e delle associazioni professionali, ma anche delle associazioni degli ambientalisti, dei consumatori e per la protezione del benessere degli animali. Le reazioni di tutti coloro che operano nel campo della sicurezza alimentare, dello sviluppo sostenibile, dello sviluppo rurale su tutte queste tematiche connesse all'agricoltura. Occorre allargare il dibattito il più possibile. Signore e signori, molti sono gli interrogativi sul futuro che vogliamo dare alla nostra agricoltura e alla nostra società. Gli aspetti da analizzare sono molti. A mio parere il dibattito dovrebbe ruotare intorno a quattro domande strategiche: - 1- Perché una politica agricola comune europea? - 2- Quali obiettivi la società assegna all'agricoltura in tutta la sua diversità? - 3- Perché riformare la PAC attuale e in che modo renderla rispondente alle aspettative della società? - 4- Quali sono gli strumenti per la PAC di domani? Ognuna di queste domande ne richiama altre: - Quali strumenti permetteranno all'unione europea di rispondere alle sfide del futuro in un momento in cui i mercati sono sempre più instabili e le aspettative sempre maggiori? - Come potrà l'unione europea rispondere alla sfida della sicurezza alimentare? Nei prossimi decenni dovremo far fronte ad un'accelerazione e ad una trasformazione della domanda mondiale indotta dall'incremento demografico, da un mutato regime alimentare nei paesi emergenti e dai rischi connessi al cambiamenti climatici. - Come garantire che i consumatori ricevano cibi sicuri, di qualità, a prezzi accessibili? Come fare per mantenere la qualità e la diversità dei prodotti europei e nel contempo rispondere alle aspettative del settore agroalimentare, dei mercati regionali e dei mercati locali? - Cosa fare per garantire la crescita economica e la crescita verde delle zone rurali? Queste zone possono svolgere un ruolo economico e un ruolo in termini 6

7 di occupazione e di tutela dell'ambiente. Occorre valorizzare questo potenziale, trovare strumenti adatti per tutte queste diverse regioni: periurbane, a forte potenziale produttivo, svantaggiate, fragili o di montagna. Senza un'agricoltura solida, in queste zone il rischio di degrado del tessuto economico e sociale è enorme. Come dinamizzare l'economia rurale? Che contributo ancora più decisivo potrà dare la PAC all'europa del 2020 che vogliamo? - Che eredità vogliamo trasmettere alle generazioni future in fatto di ambiente, di qualità dei terreni, dell'acqua e dell'aria? Non dimentichiamoci che gli agricoltori, che rappresentano meno del 5% della popolazione europea, curano l'80% del territorio. Come sarà possibile gestire meglio le risorse naturali pur continuando a produrre? Come mantenere e recuperare la biodiversità dello spazio europeo? - I cambiamenti climatici non sono più una questione teorica. La società si aspetta soluzioni dal settore agricolo. L'agricoltura ha già dimostrato di essere capace di dare un contributo decisivo alla riduzione dei gas serra, mettendo a segno una riduzione del 20% tra il 1990 e il 2007, contro l'8% degli altri settori. Ma può fare anche di più: per questo occorre aiutarla. Occorre ripensare la correlazione tra ricerca e agricoltura. - Quale futuro per l'europa sui mercati internazionali? Quali sono i nostri punti forti? Come gestire meglio i nostri vantaggi competitivi e offensivi? Come gestire i nostri requisiti di qualità in un mercato comunitario sempre più aperto alle importazioni dei paesi terzi e in assenza di accordi internazionali in queste materie? Cito un solo esempio: il benessere degli animali. Ci sono ovviamente molte altre sfide che aspettano l'europa di domani. A tutte queste sfide l'agricoltura europea può dare una risposta. Occorre parlare anche di questo. In considerazione di queste sfide occorre tracciare gli obiettivi e definire gli strumenti di una politica agricola comune equilibrata e sostenibile. Sarà questa la nostra tabella di marcia. Dovremo quindi cercare di rispondere anche alle seguenti domande: - Come creare strumenti più leggibili, che permettano ai contribuenti di capire il nesso tra sostegno all'agricoltura, approvvigionamento dei mercati e remunerazione dei beni pubblici forniti dagli agricoltori? - Quali sono gli strumenti idonei a garantire una stabilità minima dei redditi agricoli? Quali aiuti diretti per i produttori agricoli? A fronte di quale contropartita? Quali sono gli elementi imprescindibili di una ripartizione equa di questi aiuti: tra gli Stati membri, tra gli agricoltori, fra i diversi tipi di agricoltura, tra zone economicamente omogenee? - Come rispondere alla crescente volatilità dei mercati? Come evitare che una crisi economica distrugga un intero settore? Cosa fare per garantire rapporti equilibrati tra gli attori economici dell'agroalimentare? Come fare in modo che i consumatori paghino un prezzo ragionevole e gli agricoltori ricevano anch'essi un reddito ragionevole? - Come garantire che la diversità delle nostre agricolture abbia un futuro in Europa? Come tener conto in maniera più adeguata dei problemi particolari dei piccoli agricoltori e delle opportunità dei mercati locali? - Che riforma serve per dare più competitività all'agricoltura europea? Quali sono le zone o i settori che richiedono una modernizzazione e una ristrutturazione? Com'è possibile sostenere in modo più efficace questa ristrutturazione/modernizzazione? 7

8 - Come stabilire un nesso più forte tra economia agricola e economia e gestione dei territori? Con quali strumenti? - Quali sono le risposte pertinenti da dare alle problematiche del secondo pilastro della PAC? Come sviluppare i settori agricoli e agroalimentari locali? Come fare della crescita verde un fattore di dinamizzazione dell'economia rurale? Come valorizzare in modo sostenibile le risorse naturali e umane delle regioni rurali? Cosa possiamo fare per arrestare la desertificazione di alcune zone rurali? E ci sono ancora molte altre domande: - Che incentivi o, forse, che obblighi dobbiamo prevedere in fatto di ambiente, di qualità? Ci devono essere obiettivi comunitari applicabili a tutti gli Stati membri? Che ruolo dare alla sussidiarietà? - Come risponderemo ai cambiamenti climatici? - E, infine, quale Europa agricola lasceremo ai nostri figli? Sì, lo so, le domande che ho sollevato sono tantissime. Però voi avete qualche mese a disposizione per rispondere. Non vi chiedo certo di rispondere oggi! Occorre tempo: il tempo di ascoltare le aspettative e le idee degli attori della società europea. Il dibattito pubblico che vi invito ad avviare insieme, qui, oggi, resterà aperto fino al mese di giugno Questo periodo servirà a chiarire cosa l'europa si aspetta dalla propria agricoltura. Cercherò di essere presente, di portare avanti il dibattito negli Stati membri, nelle reti e nelle piattaforme della società civile. Dal dibattito pubblico emergeranno idee nuove, che andranno ad alimentare il processo decisionale sul futuro della PAC dopo il È già stato creato un sito internet a cui possono essere trasmessi i contributi di tutti coloro che lo desiderano: In giugno, un organismo indipendente redigerà una sintesi dei contributi pervenuti. - A metà luglio prevedo di organizzare una conferenza di sintesi della consultazione pubblica, in cui discuteremo le idee principali emerse. Vi invito fin d'ora a partecipare. Sono sicuro che in questo modo individueremo idee valide e innovatrici. - Queste idee potranno alimentare la riflessione della Commissione europea che sfocerà nella comunicazione sulla PAC dopo il In tale comunicazione, che sarà presentata entro la fine di quest'anno, si proporranno le diverse opzioni per il futuro dell'agricoltura europea e della sua politica agricola comune. 8

9 Sta anche a voi - in quanto rappresentanti eletti dei cittadini europei - far vostro questo tema e diffonderlo nella società. Conto molto anche sul vostro sostegno. Nei prossimi giorni farò un intervento anche davanti al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni dell'ue. Sono sicuro che tutti insieme, ascoltandoci, arriveremo a delineare una visione comune sul futuro di questa politica europea. Non solo una visione comune degli Stati membri, del Parlamento europeo, ma anche una visione condivisa dall'insieme della società civile e dei cittadini europei. Insieme abbiamo l'obbligo di realizzare risultati. Dobbiamo fare in modo che la PAC non sia solo più efficace, ma anche più visibile nella società. E ci troveremo allora tutti nella stessa foresta, in quella foresta che avremo voluto e modellato insieme. Grazie per l'attenzione. 9

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE L'ultima riforma della politica agricola comune (PAC) ha mantenuto la struttura a due pilastri di questa politica, e lo sviluppo rurale continua

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Le priorità e le sfide da affrontare nella programmazione 2014-2020: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Claudio Sacchetto Assessore all Agricoltura e foreste e alla caccia e pesca

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA PAC?

QUALE FUTURO PER LA PAC? QUALE FUTURO PER LA PAC? Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano Società Agraria di Lombardia, 20 aprile 2011 L ennesima

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

Verso una nuova Politica Agricola Comune

Verso una nuova Politica Agricola Comune Verso una nuova Politica Agricola Comune La Politica Agricola Comune (PAC) dell Unione Europea, così come è stata pensata e gestita fino a oggi, presenta elementi di notevole criticità, che incidono negativamente

Dettagli

VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE

VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE Il documento di posizione di Slow Food sulla PAC - Sintesi - IT Verso una nuova Politica Agricola Comune La Politica Agricola Comune (PAC) dell Unione Europea,

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, COM(2010) 672/5 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI La PAC verso

Dettagli

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Dirigente Settore Politiche Comunitarie e Regionali per la competitività Convegno Il sistema agroalimentare

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Milano, 21 giugno 2013 Sede del FPMCI Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione internazionale Spazio

Dettagli

Mercedes Bresso. Primo vicepresidente del Comitato delle Regioni. Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza 18 ottobre 2013, Vicenza

Mercedes Bresso. Primo vicepresidente del Comitato delle Regioni. Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza 18 ottobre 2013, Vicenza In occasione della giornata Internazionale della lotta contro la povertà: presentazione della Piattaforma Europea contro la Povertà e l'emarginazione e ruolo degli enti locali e regionali d'europa Mercedes

Dettagli

La Politica Agricola Comune verso il 2020

La Politica Agricola Comune verso il 2020 La Politica Agricola Comune verso il 2020 Senato della Repubblica Italiana audizione del 25 Marzo 2014 DG Agricoltura e Sviluppo Rurale Commissione UE Dr Innamorati Angelo Schema della presentazione 1.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

63((&+ 'LVFRUVRGL5RPDQR3URGL. Presidente della Commissione europea

63((&+ 'LVFRUVRGL5RPDQR3URGL. Presidente della Commissione europea 63((&+ 'LVFRUVRGL5RPDQR3URGL Presidente della Commissione europea ³8Q (XURSD VRVWHQLELOH SHU XQ PRQGR PLJOLRUH 8QD VWUDWHJLD GHOO 8QLRQH HXURSHD SHU OR VYLOXSSR VRVWHQLELOH /D SURSRVWD GHOOD &RPPLVVLRQH

Dettagli

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Intervento Assessore Malaspina Università Politecnica delle Marche ANCONA 26 E 27 SETTEMBRE Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Sono veramente grata ha affermato l

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening Patrizia Borsotto Agripiemonteform, 28 ottobre 2014 Presentazione Percorso storico della PAC Le tappe della nuova PAC Obiettivi della nuova PAC Strumento

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

Programmazione 2014-2020

Programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 Enrica Addis Assessorato dell agricoltura e riforma agropastorale Servizio Programmazione, controllo e innovazione in agricoltura L agricoltura in Sardegna I dati del censimento

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Corso di formazione Giovani Imprenditori Agricoli Modulo B - «La normativa agricola e la politica agricola comunitaria» La riforma della PAC Dal Trattato di Roma ad oggi Avv. Anna Tancrè Le ragioni della

Dettagli

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO 6-7 Marzo 2014 Dublino, Irlanda Manifesto del PPE Perché votare per il Partito Popolare Europeo? L'esito delle imminenti elezioni influenzerà l'orientamento

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti.

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti. Un saluto e un ringraziamento a tutti e a tutte voi che avete voluto essere qui questa mattina a partire dalle autorità e dai rappresentanti delle istituzioni presenti. Ricorre quest'anno il 120esimo anniversario

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 a cura di Barbara Nicolai La crisi che stiamo attraversando ha inciso in maniera trasversale in tutti i paesi europei.

Dettagli

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO CLASSE I B RELATORI: GIANMARCO GRONELLI, AGNESE STAFUZZA, MATILDE CONTESSA, GIULIA CRISCITIELLO, MARTINA LOTITO. RICERCA E INNOVAZIONE CRESCITA

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

Comitato delle Regioni

Comitato delle Regioni UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni COMMISSIONE SVILUPPO SOSTENIBILE L'Europa delle Regioni e la nuova frontiera dello sviluppo sostenibile approdano in Sardegna per la prima sessione esterna della Commissione

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12 XV LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 9ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea SPEECH/07/173 Leonard Orban Commissario europeo per il multilinguismo Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea Accademia di Romania/Università La Sapienza Roma,

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

1. gennaio 2015. La speranza e l attesa di ciò che avverrà cristallizzano il presente in un attimo assoluto: oggi possiamo dare forma ai nostri sogni.

1. gennaio 2015. La speranza e l attesa di ciò che avverrà cristallizzano il presente in un attimo assoluto: oggi possiamo dare forma ai nostri sogni. Cerimonia di Capodanno 1. gennaio 2015 Care concittadine, cari concittadini, autorità civili e religiose, cari amici, cari ospiti, vi saluto affettuosamente e vi auguro di cuore un felice Anno Nuovo! Che

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 28 giugno 2002 DOCUMENTO DI LAVORO sulla valutazione dell'impatto e il futuro della strategia europea in materia occupazionale

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Domande più frequenti sulla. Politica Agricola Comune (PAC) e sulla Agricoltura europea

Domande più frequenti sulla. Politica Agricola Comune (PAC) e sulla Agricoltura europea Domande più frequenti sulla Politica Agricola Comune (PAC) e sulla Agricoltura europea 1. PANORAMICA DELL'AGRICOLTURA EUROPEA 2. COS È LA PAC? 3. IL COSTO DELLA PAC 4. LE RIFORME DELLA PAC 5. VERO O FALSO?

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009 ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE Bologna, 13 MARZO 2009 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE di GIORGIO STUPAZZONI Ricordare un centenario può rischiare di fare emergere soltanto retorica, agiografia, autoreferenzialità:

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati,

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati, Intervento dell On.le Gianluigi Magri Sottosegretario di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze, al Consiglio dei Governatori dell IFAD Roma 18 e 19 Febbraio 2004 Signor Presidente, Signore e Signori

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

CESAR - ASNACODI. Perugia, 21 gennaio 2012. Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC

CESAR - ASNACODI. Perugia, 21 gennaio 2012. Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC CESAR - ASNACODI Perugia, 21 gennaio 2012 Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC La riforma della Pac post-2013 e la gestione del rischio in agricoltura Angelo Frascarelli

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

2''/)8'(%$'"?8/'"0%)7%00 2B$89!

2''/)8'(%$'?8/'0%)7%00 2B$8</0(:$) C5808$%)@)E/<8%(F)<8A80%)4)) 6/'($8D:(/)7%00%)3>9! !/0-1)0/(234561557891( :*;#%.;*C';=( ($"78?8/'%)@)8''/A"?8/'%)4)"085%'("?8/'%)&($"(%B8%)#%$) C"$% )"B$8

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

Cerimonia di assegnazione 2012

Cerimonia di assegnazione 2012 Cerimonia di assegnazione 2012 Premio europeo per l innovazione cooperativa 2012 Bruxelles, 20 giugno 2012 Cari rappresentanti delle cooperative, signore e signori, è per me un grande piacere e un onore

Dettagli

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili adottata in occasione della riunione informale dei ministri per lo Sviluppo urbano e la coesione territoriale tenutasi a Lipsia il 24 e 25 maggio 2007 PREAMBOLO

Dettagli

Principi e regole guida progetto Pian del Rosso

Principi e regole guida progetto Pian del Rosso Principi e regole guida progetto Pian del Rosso VISIONE COMUNE L'obiettivo è creare un luogo ove sia possibile vivere in modo sostenibile dal punto di vista ecologico e sociale. È incentivata ogni forma

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Veneto è stato formalmente adottato dalla Commissione Europea il 26

Dettagli