REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I."

Transcript

1 REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare prestazioni sanitarie e socio - assistenziali fra loro integrate e finalizzata a soddisfare i bisogni multidimensionali di salute legati ad infermità e disabilità che comportano non autosufficienza, con riferimento a disabili fisici e psichici, malati cronici, malati postchirurgici e post eventi acuti ospedalizzati nonché malati terminali. L ADI è in riferimento al piano sanitario dell OMS per l Europa, un attività di assistenza sanitaria primaria e in riferimento all attuale piano sanitario nazionale, un attività di assistenza sanitaria di base. Essa si colloca fra i livelli uniformi di assistenza erogabile nell ambito dei Distretti. Caratteristiche e Finalità dell ADI Il servizio di assistenza domiciliare proposto ha le valenze del servizio funzionale ed è basato sulla istituzione di una Unità Operativa costituita da operatori appartenenti a diversi enti pubblici e privati, (Azienda USL - Comuni - Servizi Assistenza Domiciliare in regime di convenzione - Associazioni di volontariato). L unità operativa è istituzionalizzata da protocolli operativi ( convenzioni,contratti accordi di programma ) stipulati fra i soggetti interessati.

2 Questo tipo di servizio è volto a creare collegamenti fra operatori e nuclei operativi presenti sul territorio e aventi compiti assistenziali a domicilio: medici di medicina generale, équipes infermieristiche domiciliari, équipes socio - assistenziali, operatori tecnici dell assistenza ( OTA ), addetti all assistenza domestica. 1 Il modello di ADI proposto prevede la erogazione al domicilio del paziente di prestazioni mediche generali ed infermieristiche e,al bisogno, prestazioni socioassistenziali, mediche specialistiche e riabilitative, l erogazione diretta di farmaci, prodotti per alimentazione, presidi ed ausili. Sulla base di quanto sopra esposto, questa Azienda USL prevede di organizzare il servizio ADI con le seguenti modalità: 1) Coinvolgimento dei suoi tre distretti Sanitari (Oristano - Ales - Ghilarza). 2) Adesione volontaria al progetto dei medici di medicina generale sulla base dell accordo integrativo regionale in esecuzione del DPR n 484/96. 3) Condivisione del progetto da parte dei Sindaci dei Comuni afferenti ad ogni distretto. ( secondo il protocollo d intesa allegato). 4) Condivisione del progetto da parte delle Direzioni Sanitarie degli Ospedali: S. Martino di Oristano e Delogu di Ghilarza in riferimento alle dimissioni protette. 5) Disponibilità degli infermieri professionali e terapisti della riabilitazione di distretto e di presidio ospedaliero, temporaneamente su base volontaria, e in termini di mobilità interna, per un numero definito di ore pari a garantire l assistenza prevista dal piano di budgetallegato e facendo ricorso al reclutamento esterno tramite apposita convenzione, conseguentemente alle esigenze che si prospetteranno.

3 6) Disponibilità di medici specialisti per le consulenze domiciliari, sia ambulatoriali interni, sia dipendenti ospedalieri, facendo ricorso all attivazione dell istituto dell intra moenia e ad appositi progetti-obiettivo per i medici dipendenti. 7) Formazione degli operatori coinvolti nell ADI. 2 8) Costituzione di un ufficio di coordinamento centrale per la realizzazione del progetto e la verifica di qualità del servizio delle tre unità operative distrettuali, le quali pur operando in totale autonomia, rimarranno in stretta e continua collaborazione a garanzia del rispetto delle procedure e modalità operative di attivazione dell ADI che dovranno risultare omogenee in tutto il territorio dell Azienda. Per la realizzazione di questo progetto, si chiede la collaborazione delle Amministrazioni Comunali, dei medici di Medicina Generale e di tutti gli operatori interessati al fine di assicurare l erogazione di assistenza domiciliare integrata che si ispiri a principi di qualità e all erogazione di prestazioni che devono risultare appropriate ai bisogni, accessibili per attivazione e costo, adeguate per risorse umane e materiali, erogate da operatori competenti, affidabili e sicure, accettabili per i pazienti e le loro famiglie, efficaci per la salute e la qualità della vita, efficienti dal punto operativo ed economico. ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO ADI NELL AZIENDA USL N 5 DI ORISTANO Nell Azienda USL n 5 di Oristano le figure professionali responsabili dell organizzazione del servizio ADI individuate con delibera n 578 del 11 / 06 / 99,sono le seguenti: Responsabile aziendale dell ADI : Dr.ssa Angela Eugenia Nonnis Serv. Med.di Base. Dir. I Livello

4 Funzioni e responsabilità : Identificare e costruire indicatori o criteri di qualità, stesura di protocolli di integrazione socio sanitaria ( deleghe, accordi di programma ) fra Azienda USL e Comuni Azienda USL e servizi di assistenza domiciliare,azienda USL e servizi di volontariato. Coordinare le procedure delle pratiche per l attuazione delle integrazioni previste per l ADI. Organizzare insieme ai referenti medici e infermieri distrettuali, la formazione degli operatori coinvolti nel servizio ADI. Curare la omogeneità dei criteri di accesso al servizio ADI e verificare trimestralmente il rispetto dei requisiti di qualità. 3 Responsabile aziendale del serv. infermieristico : Sig.ra.Milena Azta,Caposala presso il Poliambulatorio di Oristano ; Funzioni e responsabilità : Dirigere il servizio infermieristico dei tre distretti, partecipare all occorrenza alla stesura del P.A.P, collaborare con i servizi sociali e le direzioni sanitarie dell Ospedale S.Martino e Delogu, per le dimissioni protette. Organizzare per la parte di propria competenza la formazione del personale infermieristico coinvolto nell ADI. Sviluppare la collaborazione tra medici di medicina generale e infermieri del distretto, partecipare ai momenti di verifica presso il domicilio del paziente, curare i flussi informativi, raccogliere e archiviare la modulistica, verificare trimestralmente i requisiti di qualità del servizio infermieristico a livello dei tre distretti. Responsabili organizzativi distrettuali dell ADI Distretto di Oristano Dr.ssa Angela Eugenia Nonnis; Dir. Medico I Liv del Serv. Medicina di Base Sig.ra. Milena Atza; Capo sala dipendente in servizio presso il poliambulatorio di Oristano.

5 Sig. Salvatore Selis; Inf.re. Prof.le. dipendente in servizio presso il poliambulatorio di Samugheo. Distretto di Ghilarza Dr. Roberto Noto ; Resp. delle funzioni Sanitarie del Distretto di Ghilarza. Sig.ra Francesca Asoni ; Inf.ra. Prof.le. dipendente in forza presso il Serv. Med. del Lavoro a Ghilarza. Distretto di Ales Dr. Peppino Mallocci; Dir. Medico di I liv. del Serv. Medicina di Base. Sig.ra. Paola Turnu Inf.ra. Prof.le. in servizio presso il poliambulatorio di Ales. 4 Il Responsabile Medico organizzativo di Distretto si identifica con il responsabile del Centro di costo distrettuale per l ADI;utilizza le risorse assegnate al distretto secondo la ripartizione identificata dalla commissione paritetica istituita con delibera N 579 del 11 / 06 / 99, così come previsto dall art.33 dell accordo integrativo regionale. Convalida il piano assistenziale, verifica periodicamente il PAP, mette a disposizione presidi, consulenze, farmaci, raccoglie la documentazione clinica ed elabora i dati / flussi informativi. Utilizza i parametri di ammissione all ADI, la modulistica,gli strumenti di valutazione e verifica dei requisiti di qualità del servizio ADI precedentemente concordati con i tre distretti e definiti a livello aziendale,al fine di garantire il rispetto della omogeneità delle procedure e modalità organizzative previste per tutta L Azienda USL. (Le modalità di attivazione del servizio sono esplicitate nell opuscolo informativo che si allega ) Trattandosi di un progetto sperimentale e in considerazione della esiguità delle risorse disponibili si reputa opportuno stabilire a priori le seguenti modalità operative di accesso al servizio ADI CRITERI DI AMMISSIONE AL SERVIZIO

6 Tipologia del paziente 1. MALATI TERMINALI 2. DIMISSIONI PROTETTE DA STRUTTURE OSPEDALIERE 3. RIABILITAZIONE DI VASCULOPATICI 4. MALATTIE ACUTE TEMPORANEAMENTE INVALIDANTI DELL ANZIANO Strumenti di valutazione Indice di Karnofski Performance Status Scheda per la determinazione del livello assistenziale infermieristico. Indice di Severità di Malattia (I.S.M.) 5 STRUMENTI TECNICI PER LA CORRETTA GESTIONE A ) Documenti di riferimento della qualità Sono indirizzati agli operatori dell ADI o agli utenti e comprendono : 1. opuscolo informativo per gli utenti 2. protocollo tra enti 3. documento di budget 4. carta del servizio ADI 5. calendari dei turni e delle reperibilità 6. istruzione operative per l équipe domiciliare B) Documenti di registrazione della qualità : Comprendono la modulistica e i registri ( cartacei o informatizzati ) necessari per il monitoraggio della qualità, sono compilati dagli operatori dell ADI o dagli utenti : 1. cartella domiciliare

7 2. modulo di adesione della famiglia 3. modulo di istruzione alla famiglia 4. modulo di dimissione protetta 5. modulo di attivazione o dimissione dell ADI 6. modulo di richiesta delle forniture 7. modulo di richiesta di accertamenti diagnostici e consulenze specialistiche 8. modulo di ricovero temporaneo 9. modulo di dimissione dall ADI 10.registro dei casi in carico 11.registro dei costi carico e scarico dei materiali 12.questionario di valutazione della soddisfazione dei pazienti e delle famiglie 13.questionario di verifica della qualità dell ADI. 6 Opuscolo informativo del Servizio di assistenza domiciliare integrata Dell Azienda Sanitaria Locale n 5 di Oristano Presso l Azienda USL n 5 di Oristano è attivato il servizio di assistenza domiciliare integrata ( ADI ). Che cosa è il servizio ADI Il servizio ADI è nato con lo scopo di fornire un insieme coordinato di attività mediche, infermieristiche e al bisogno anche riabilitative e socio-assistenziali, per

8 la cura del malato nella propria abitazione, evitando ricoveri in ospedale o in altre istituzioni. La casa è l ambiente dove la maggior parte dei malati desidera essere assistito, per il contatto con le proprie cose, le abitudini e le persone che gli sono care. La famiglia e gli amici hanno una grande importanza nella cura del malato, in quanto fonte di valori umani insostituibili come l affetto, la comprensione e la solidarietà. la complessità di certe patologie e le difficoltà organizzative non consentono però al medico di famiglia di gestire da solo l assistenza a domicilio, né la famiglia è sempre in grado da sola di sostenere l elevato peso assistenziale di malati gravi o complessi. L ADI si effettua in stretta collaborazione e a supporto del medico di famiglia e della famiglia stessa, garantendo al domicilio interventi sanitari, socioassistenziali, psicologici e forniture adeguati alla cura del malato, al mantenimento della sua autosufficienza, ad aiutarlo a convivere con la malattia, così da garantirgli la migliore qualità della vita possibile. 1 A chi si rivolge il servizio ADI Il servizio ADI è rivolto a persone parzialmente o totalmente non autosufficienti, in modo temporaneo o protratto, affetti da patologie croniche o acute con riferimento a : persone anziane con patologie croniche che si avvalgono di trattamenti domiciliari ; persone affette da neoplasie che necessitano di chemioterapia, terapia del dolore o di altri interventi a domicilio; persone dimesse dall ospedale a seguito di interventi chirurgici o post- traumatici che necessitano di assistenza e trattamenti riabilitativi a domicilio ;

9 persone dimesse dall ospedale a seguito di patologie acute cardiovascolari, respiratorie, renali, neurologiche, che richiedono assistenza e cure a domicilio ; Quando attivare L ADI Il servizio ADI può essere attivato : alla dimissione dall ospedale o da altra istituzione di malati che rientrano nelle categorie indicate e che dispongono di un supporto familiare adeguato ; per aggravamento delle condizioni di salute di malati già assistiti a domicilio dal solo medico di famiglia e per i quali sia disponibile un supporto familiare adeguato ; per aggravamento delle condizioni di salute di malati già assistiti a domicilio dai servizi sociali e per i quali sia disponibile un supporto familiare adeguato. Come usufruire del servizio ADI Come segnalare il malato Il malato può essere segnalato da tutti coloro che riconoscono nel caso i requisiti di patologia e di supporto familiare richiesti per fruire del regime domiciliare. Sia il medico di famiglia che un medico ospedaliero o un operatore dei servizi sociali, un operatore del volontariato o un familiare possono segnalare il malato alla segreteria organizzativa del distretto sanitario di appartenenza. 2 Come attivare il servizio A seguito della segnalazione del malato, la segreteria organizzativa richiede al medico di famiglia il consenso alla assistenza. Successivamente viene effettuata la prima visita a domicilio o in ospedale ( se si tratta di una dimissione protetta ) per valutare il malato e programmare interventi personalizzati domiciliari, tenendo conto del supporto offerto dalla famiglia.

10 Dopo questa prima valutazione, il medico di famiglia o il responsabile sanitario richiedono l attivazione del servizio compilando l apposito Modulo di Attivazione dell ADI e facendolo pervenire alla segreteria organizzativa del distretto. Cosa deve fare la famiglia E essenziale che i familiari collaborino costantemente con gli operatori domiciliari : questo faciliterà il compito del servizio e migliorerà l efficacia delle cure. Per questo scopo i familiari devono essere informati sulla salute del malato e sui compiti assistenziali a loro carico. La famiglia che intende avvalersi del servizio deve : Prendere visione del regolamento dei diritti e delle responsabilità a garanzia delle informazioni ricevute ; compilare il modulo di adesione all ADI a garanzia della collaborazione offerta. Come opera il servizio ADI Il Servizio è totalmente gratuito. Si avvale di una équipe specializzata che definisce, realizza e aggiorna periodicamente un programma di assistenza globale e personalizzato orientato a curare e a mantenere il più possibile la autosufficienza del malato, avvalendosi della collaborazione della famiglia. Spetta comunque sempre al malato e ai suoi familiari accettare la collaborazione di questi professionisti. 3 L équipe è formata da : Medico di famiglia : poiché è il medico di famiglia a conoscere più profondamente la situazione fisica e sociale del malato, la sua collaborazione è indispensabile per ottenere il miglior risultato possibile dell assistenza. Il medico di famiglia è il responsabile sanitario del processo assistenziale, richiede la collaborazione delle altre figure professionali, prescrive la terapia e gli

11 accertamenti specialistici necessari, informa i familiari sullo stato di salute del malato e sulle prestazioni assistenziali richieste, effettua le visite domiciliari programmate ed è disponibile per le urgenze diurne ; Infermiere professionale : è la figura chiave dell assistenza domiciliare. Effettua le visite domiciliari programmate svolgendo le mansioni di sua competenza ed informa i familiari sulle tecniche di assistenza richieste. Al bisogno sono attivate altre figure professionali : operatore socio-assistenziale : effettua le visite domiciliari programmate, aiutando la famiglia nelle attività domestiche ( preparazione pasti, piccole pulizie, disbrigo commissioni ); medici specialisti : intervengono su richiesta del medico di famiglia ; terapisti della riabilitazione : eseguono a domicilio le prestazioni programmate di rieducazione neuromotoria, respiratoria, cardiaca, della parola ; medici per le urgenze notturne : intervengono su richiesta della famiglia. Al bisogno è attivabile : il volontariato : è l elemento più innovativo dell équipe. Ha il compito di fare compagnia al malato, di aiutare i familiari nell assistenza (mobilizzazione, alimentazione del malato ) disbrigo di commissioni pratiche eventualmente trasporto del malato in ambulanza ove ciò si renda necessario. L équipe lavora sotto la supervisione di un responsabile organizzativo, presente in sede distrettuale con funzioni di coordinamento,che garantisce la corretta realizzazione 4 del piano assistenziale, il reperimento e la consegna a domicilio delle forniture necessarie, l esecuzione delle procedure amministrative per usufruire di eventuali integrazioni economiche. Al domicilio del malato viene conservata una cartella socio-sanitaria che riporta tutte le informazioni sul malato e la famiglia, le prestazioni mediche, infermieristiche, tecniche e socio assistenziali erogate.la cartella è uno strumento indispensabile per

12 documentare la evoluzione della malattia e favorire la comunicazione tra i diversi componenti dell équipe Cosa fornisce il servizio ADI Sulla base del piano assistenziale steso vengono reperiti e consegnati a domicilio: farmaci e dispositivi medici presidi e ausili : letto, materasso antidecubito, comoda, carrozzine etc. forniture specialistiche : per nutrizione artificiale etc. informazioni scritte alla famiglia : tecniche assistenziali, numeri telefonici per le urgenze diurne o notturne,prefestive e festive. Al bisogno vengono rese disponibili a domicilio : attrezzature diagnostiche ; mezzi di trasporto per ricoveri ospedalieri programmati. Come si interrompe il servizio ADI Alla guarigione del malato o al sopraggiungere di una stabilizzazione nel suo stato di salute con riduzione dell impegno assistenziale, per mutate condizioni familiari che rendano impossibile il supporto fino a quel momento garantito e ovviamente nella eventualità del decesso. Per l utente dimesso può rendersi necessario un regime assistenziale a diverso impegno sanitario : ADP, istituzionalizzazione in residenza. In caso di istituzionalizzazione, il responsabile organizzativo garantisce l accesso e organizza il trasferimento. Alla dimissione il medico di famiglia provvede a : Compilare il Modulo di dimissione dall ADI ; richiedere al bisogno, l attivazione di altro regime assistenziale fornire eventuali informazioni sui controlli sanitari da effettuare dopo la dimissione 5.

13 PIANO DI BUDGET Visti i finanziamenti previsti dall accordo integrativo regionale per la Medicina Generale e la delibera di giunta n del 23 Marzo 99, L Azienda USL di Oristano prevede di poter assistere circa 120 pazienti al giorno cosi di seguito ripartiti per tipologia e numero di casi : 40% Malati Terminali pari a 48 casi 5% Dimissioni Protette pari a 6 casi 5% Malattie cardio-respiratorie scompensate (in O2 Terapia Domiciliare) pari a 6 casi 10% Malattie Oncologiche pari a 12 casi 30% Vasculopatici da riabilitare, fratture e ulcere da decubito, pari a 36 casi 6% Malattie psichiatriche pari a 8 casi 4% Sclerosi multipla pari a 5 casi Risorse da utilizzare - A) Figure professionali Medici di medicina Generale. Totale. accessi anno N 5715 Si prevede l adesione del 60 % dei Medici di Medicina Generale equivalente a n 71 Medici di base di cui, 41 del distretto di Oristano, 17 del Distretto di Ghilarza e 13 del Distretto di Ales. Medici Specialisti. Totale accessi anno N 2500 Per quanto concerne le branche specialistiche di chirurgia, fisiatria, neurologia, cardiologia e ortopedia,si prevede di far ricorso agli specialisti ambulatoriali interni attraverso l istituto dell extra-moenia (remunerazione prevista, ad accesso ). 1

14 Per le branche specialistiche di pneumologia, psichiatria e oncologia si farà ricorso a Medici specialisti dipendenti che svolgeranno tale attività in orario di servizio. Personale Infermieristico e tecnico. Totale accessi anno N Infermieri professionali accessi N Fisioterapisti accessi N OTA. accessi N 600 Relativamente all assistenza infermieristica, operatori tecnici dell assistenza, e terapisti della riabilitazione l Azienda USL conta di reclutare personale in convenzione retribuito ad accesso. Gli infermieri dipendenti individuati con delibera n 578 del 11 Giugno 99, gestiranno il personale infermieristico convenzionato e provvederanno insieme al medico di base,al controllo della qualità del servizio infermieristico erogato. B) Attrezzature Automezzi Si prevede la disponibilità di una vettura per ogni distretto per il trasferimento sul territorio del personale medico e infermieristico dipendente. Attrezzatura sanitaria Elettrocardiografo e spirometro portatile uno per distretto Attrezzatura ed ausili sanitari Letti, sponde, materassi, carrozzine, deambulatori, e materiale integrativo vario (costi già sostenuti dall azienda per altre forme di assistenza domiciliare per un valore di )

15 2 PIANO DEI COSTI A) Costi imputabili a finanziamenti già previsti per l A.D.I. Medici di Medicina Generale Tot. A) B) Costi già sostenuti dall Azienda per forme di assistenza domiciliare Personale dipendente 3 infer.prof.li..1 capo-sala (al 25%) Assistenza integrativa, e attrezzature varie Assistenza farmaceutica Tot B) C) Costi imputabili a finanziamenti aggiuntivi Specialistica ambulatoriale Personale non dipendente ( Infermieri, Terapisti Riab, OTA) Assistenza integrativa

16 Assistenza Farmaceutica Attrezzature Tot.C) COSTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO (A+B+C)

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli