IL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI"

Transcript

1 IL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI Sangro-Aventino

2 Iniziativa Comunitaria EQUAL "Patto per l'innovazione nell'economia sociale" Cod. IT-G2-ABR-002 Soggetto Referente Partnership di sviluppo geografica Sangro-Aventino Soc. Cons. a r.l. IL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI Copyright 2006 Società Consortile Sangro-Aventino a r.l. Coordinatore editoriale Antonio Maffei, Soc. Cons. Sangro-Aventino a r.l. Gruppo di Progetto Lucia Centra, Consorzio Città Solidale Benigno Fantini, Consorzio Città Solidale Realizzazione in collaborazione col Gruppo di mainstreaming Domenico Mattucci, Consorzio Città Solidale Vincenzo Orsatti, ASL Lanciano Vasto Vincenzo D Onofrio, Enfap Abruzzo Natascia Tieri, Associazione Enti Locali Sangro-Aventino Soc. Società Consortile Sangro-Aventino a r.l. Via Nazionale Santa Maria Imbaro (CH) tel. (+39) fax (+39) Edizione Ottobre 2006

3 IL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI INDICE Cartina Comuni Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) ed Assistenza Domiciliare Programmata (ADP) Le prestazioni Prestazioni Infermieristiche Prestazioni Riabilitative Prestazioni Socio-Assistenziali La fragilità della persona Iter procedurale per l accesso al sistema di cure domiciliari Criticità nell accesso al sistema di cure domiciliari Distretti Sanitari di Base del Sangro-Aventino Cartina Distretti Sanitari di Base del Sangro-Aventino ANNO

4 CARTINA COMUNI AMBITO 20 AVENTINO Altino Casoli Civitella Messer Raimondo Colledimacine Gessopalena Lama dei Peligni Lettopalena Palena Pennadomo Roccascalegna Taranta Peligna Torricella Peligna AMBITO 21 SANGRO Archi Perano Atessa Pietraferrazzana Bomba Pizzoferrato Borrello Quadri Civitaluparella Roio del Sangro Colledimezzo Rosello Fallo Tornareccio Gamberale Villa Santa Maria Montazzoli* Montebello sul Sangro Monteferrante Montelapiano Montenerodomo AMBITO 22 LANCIANO Lanciano AMBITO 23 BASSO SANGRO Casalbordino* Treglio Castel Frentano Villalfonsina* Fossacesia Frisa Mozzagrogna Paglieta Pollutri* Rocca San Giovanni San Vito Chetino Santa Maria Imbaro Sant Eusanio del Sangro Torino di Sangro Castel Frentano Roccascalegna Montebello s. S. *( Comuni non compresi nell'area del Patto Territoriale Sangro Aventino ) 2 ANNO 2006

5 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) ED ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA (ADP) I servizi di Assistenza Domiciliare Integrata e Assistenza Domiciliare Protetta fanno parte del sistema di cure domiciliari che prevedono l erogazione delle prestazioni di natura medica, infermieristica, riabilitativa e socio-assistenziale presso il domicilio della persona avente diritto. Entrambi i servizi sono definiti dei LIVEAS, ovvero Livelli Essenziali di Assistenza Sociale ed hanno come finalità quella di evitare: le ospedalizzazioni improprie la istituzionalizzazione dell anziano la perdita dell autonomia come conseguenza della lungodegenza Il sistema delle cure domiciliari assicurano alla persona: la personalizzazione dei piani di intervento la continuità assistenziale sostegno ai familiari attraverso il trasferimento delle competenze ed esercizio di mansioni che permettono una certa autonomia nel trattamento. Chi è nelle condizioni di ricevere le cure domiciliari? Ha diritto ad accedere alle cure domiciliari la persona che si trova in condizioni di fragilità sociale e che presenta condizioni sanitarie tali da poter essere curato nel proprio ambiente di vita. Il servizio è gratuito ed è rivolto a tutta la cittadinanza, senza limiti di età. L avente diritto come accede ai servizi ADI e ADP? Il servizio ADI può essere richiesto da: medico curante servizi sociali del Comune di residenza ospedale, all atto di dimissione (dimissione protetta) familiare direttore di Residenza Sanitaria Assistenziale (dimissione protetta) ANNO

6 Il servizio ADP è richiesto: dal medico curante. In entrambi i casi i servizi vengono attivati dal Distretto Sanitario di Base (DSB) 4 ANNO 2006

7 LE PRESTAZIONI Presso il proprio domicilio alla persona avente diritto sono assicurate: prestazioni sanitarie prestazioni socio-assistenziali Entrambe sono definite nel Protocollo Assistenziale che viene stilato dall UVM (Unità di Valutazione Multidimensionale). L UVM è un organismo composto dal Responsabile del Distretto, medico di medicina generale, dallo specialista, da un rappresentante del Comune di residenza della persona avente diritto, dall assistente sociale. Secondo la normativa vigente, gli atti di indirizzo e coordinamento e il Piano Sociale della Regione Abruzzo , relativo al sistema delle cure domiciliari, titolare del servizio ADI è una persona che si trova in una condizione di fragilità alla quale bisogna dare risposte che derivino da una visione della Persona come soggetto complesso, portatore di bisogni che non vanno classificati secondo una logica che tende a frazionarla. PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE Le prestazioni sanitarie si classificano in: 1. INFERMIERISTICHE educazione sanitaria per igiene del non autosufficiente e per deambulazione assistita igiene del non autosufficiente solo se associato a medicazione di lesione da decubito o ad altra prestazione più complessa cambio catetere prelievo urine per urinocultura misurazione pressione arteriosa misurazione glicemia capillare medicazione piaga da decubito medicazione ulcera vascolare terapia intramuscolare e sottocutanea terapia insulinica controllo e somministrazione terapia orale ANNO

8 rimozione manuale feci clistere evacuativo gestione e controllo colonstomia gestione e controllo gastrostomia gestione e controllo ciecostomia clistere stomia cambio cannula tracheostomia controllo e preparazione alimentazione per sondino nasogastrico prelievo venoso cambio e gestione cannula tracheostomica cambio e gestione sondino nasogastrico fleboclisi e sorveglianza alla fleboclisi stessa preparazione sacche per nutrizione parenterale terapia endovenosa cateterismo vescicale medicazioni complesse emotrasfusione 2. RIABILITATIVE rieducazione funzionale rieducazione del linguaggio rieducazione neurologica massoterapia per singolo distretto corporeo rieducazione respiratoria 3. PRESTAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI Le prestazioni socio-assistenziali consistono in: Prestazioni Sez. A (Igiene e Cura) igiene genito-perineale a letto igiene genito-perineale in bagno cambio pannolone pulizia viso e mani pulizia torace, braccia, addome, schiena igiene gambe e piedi bagno completo a letto 6 ANNO 2006

9 bagno assistito shampoo (1= letto; 2= bagno) igiene orale igiene protesi ed ausili manicure e/o pedicure cure estetiche (es. depilazione, trucco) cura capelli (es. taglio, piega) barba cambio indumenti vestizione Prestazioni Sez. B (Mobilizzazione) manovre di posizionamento alzata e rimessa a letto educare al movimento favorire movimenti di mobilizzazione semplice deambulazione assistita Prestazioni Sez. C (Sanitarie semplici) aiuto somministrazione farmaci aiuto nel corretto utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso medicazioni semplici di lesioni e/o ferite o cambio delle stesse applicazione creme preventive aiuto nella preparazione alle prestazioni sanitarie cambio busta urine interventi di primo soccorso Prestazioni Sez. D (Eliminazione) posizionamento ausilii per eliminazione in letto aiuto per eliminazione in bagno Prestazioni Sez. E (Alimentazione) preparazione pasti (colazione - pranzo - cena) somministrazione pasti (colazione - pranzo - cena) Prestazioni Sez. F (Riordino ambiente) rifacimento letto (1=occupato; 2=libero) cambio biancheria (1=letto occupato; 2=letto libero) ANNO

10 pulizia camera da letto pulizia bagno riordino cucina lavaggio piccoli indumenti sanificazione ambientale disbrigo servizi vari (indicare nella tab. A) compagnia e conversazione Tutte le prestazioni su elencate sono definite nel Protocollo che il Distretto Sanitario di Base elabora in favore della persona avente diritto. 8 ANNO 2006

11 LA FRAGILITÀ DELLA PERSONA: Requisiti per l accesso al sistema delle cure domiciliari Il sistema delle cure domiciliari è rivolto alle persone che vedono la propria esistenza esser determinata da condizioni sociali e sanitarie tali da privarle del diritto alla salute inteso come stato di completo benessere fisico, mentale, sociale e non semplicemente assenza dello stato di malattia o infermità. Le condizioni che possono e determinano uno stato di non-salute sono quindi riconducibili a fattori diversi (ambientali, fisici e psichici) ed è a queste condizioni di non-salute che il sistema di cure domiciliari guarda. A titolo puramente esemplificativo si riportano alcune condizioni che possono determinare l ingresso al sistema delle cure domiciliari ed, nello specifico, se la persona: è malata terminale ha patologie vascolari acute ha esiti derivanti da fratture gravi ha patologie croniche (es. dell apparato respiratorio, del sistema cardiovascolare ecc.) in fase di riacutizzazione è in dimissione protetta da struttura ospedaliera A queste, si aggiungono altre condizioni che rendono possibile l accesso al servizio, in questo caso si parla di ADP (Assistenza Domiciliare Programmata): persone impossibilitate a deambulare insufficienza cardiaca insufficienza respiratoria con grave limitazione funzionale arteriopatie generanti gravi limitazioni cerebropatici e cerebrolesi gravi paraplegici e tetraplegici ANNO

12 ITER PROCEDURALE PER L ACCESSO AL SISTEMA DI CURE DOMICILIARI Qualunque persona che versi nelle condizioni su elencate ha diritto ad usufruire delle cure domiciliari (ADI e ADP). In questo paragrafo si vuole illustrare l iter procedurale per accedere al servizio. CHI RICHIEDE IL SERVIZIO La persona interessata o suo familiare Servizi Sociali del Comune di residenza Segretariato Sociale del Comune di residenza Reparto ospedaliero Medico curante Direttore della RSA Cooperative e volontariato che operano sul territorio Ogni soggetto richiedente compila un modulo di richiesta che va inoltrato al Distretto Sanitario di Base (DSB) a cui la persona avente diritto afferisce. Ogni soggetto richiedente il servizio ha a propria disposizione un modello da compilare e far pervenire al DSB di riferimento e, nello specifico: RICHIEDENTE MODULO La persona interessata o suo familiare ADI 1/C Servizi Sociali del Comune di residenza ADI 1/C Segretariato Sociale del Comune di residenza ADI 1/C Reparto ospedaliero ADI 1/B Medico curante ADI 1/A Direttore della RSA ADI 1/B Cooperative e volontariato che operano sul territorio ADI 1/C 10 ANNO 2006

13 Dopo l acquisizione della segnalazione il Responsabile dell UVM (Unità di Valutazione Multidimensionale), deposita entro ore un protocollo assistenziale provvisorio. Quindi convoca l Unità per la valutazione socio-sanitaria del paziente. I tempi di attesa per la persona sono piuttosto lunghi. In questa assise viene definito il Protocollo Assistenziale nel quale vengono definite le modalità di cura per la persona interessata. È l UVM, inoltre che è deputata a realizzare l effettiva integrazione tra gli interventi sociali e sanitari da erogare al domicilio dell avente diritto. La centralità del DSB, e nello specifico all UVM, in raccordo con l ambito territoriale sociale, ha un importanza cruciale nella realizzazione di servizi integrati e nell attivazione del sistema delle cure domiciliari: questa rilevanza è ribadita ampiamente anche nel nuovo Piano Sociale Regionale : ad esso competono azioni come: l analisi e la valutazione del bisogno l individuazione del sistema di cura più efficace per l avente diritto l elaborazione del PAI (Piano di Assistenza Individualizzato) dove si indicano le modalità attraverso le quali erogare il servizio, le agenzie territoriali coinvolte e gli obiettivi la verifica e la valutazione del PAI ed eventuale suo aggiornamento sulla base dei dati evinti dalle azioni di monitoraggio degli interventi sociali, sanitari ecc. Il Piano Sociale Regionale si propone di incrementare il sistema di cure domiciliari attraverso azioni di sistema che vertono a: redazione ed approvazione di linee guida regionali sul sistema delle cure domiciliari attivazione di diverse modalità per l accesso al sistema delle cure domiciliari revisione della quota di finanziamento da parte della sanità del LEA domiciliare, con una copertura per le prestazioni sociali di almeno l 80%. ANNO

14 CRITICITÀ NELL ACCESSO AL SISTEMA DI CURE DOMICILIARI È sovente la situazione in cui, la persona oggettivamente portatrice di problematiche che gli impediscono di vivere in salute, si vede rigettare il proprio diritto ad usufruire del sistema di cure domiciliari. Nel dettaglio, analizziamo alcune situazioni che possono compromettere o rallentare il processo. 1. Il medico curante non inoltra la domanda dell avente diritto. Il medico curante non accoglie la domanda per l attivazione del servizio domiciliare. Suo compito, in prima istanza, è quello di segnalare il caso al DSB che, ribadiamo, è l unico organismo deputato all attivazione del servizio. In questa situazione, il richiedente può rivolgersi a: direttamente al DSB di competenza territoriale; al servizio sociale del proprio Comune di residenza; al Segretariato Sociale del proprio Comune di residenza. In ogni caso occorre la condivisione da parte del MMG, senza il cui assenso il servizio non viene attivato. A seconda delle situazioni, l avente diritto può trovarsi in una delle seguenti condizioni: Il DSB può richiedere informazioni cliniche complete: è opportuno dotarsi di tutti i referti medici funzionali ad una descrizione precisa delle condizioni di salute della persona. Maggiori informazioni semplificano le operazioni per l attivazione (esiti di visite specialistiche, certificati ecc.). I servizi di cui al punto 2 e 3 non determinano in maniera immediata l attivazione del servizio ma, la loro sollecitudine nell inoltrare la pratica al DSB, può determinare una risposta più o meno immediata da parte del Distretto. 2. Il Piano delle cure domiciliari non soddisfa la domanda dell avente diritto. Fatta eccezione per le prestazioni sanitarie che vengono erogate secondo la diagnosi dell UVM, attraverso segnalazione all assistente sociale referente per gli interventi socioassistenziali, l avente diritto può richiedere una valutazione del bisogno ed un aggiustamento dell intervento. 12 ANNO 2006

15 Una corretta informazione al cittadino sulle modalità di accesso al sistema di cure domiciliari può nei fatti garantire una migliore fruizione del sistema dei servizi territoriali ed impedire ritardi che talvolta pregiudicano le condizioni di salute del cittadino. Talvolta, valutazioni improprie da parte delle agenzie territoriali, possono determinare scelte inadeguate nei familiari che si vedono costretti a ricorrere a servizi impropri per la cura della persona in difficoltà (ospedalizzazione, istituzionalizzazione in strutture residenziali e riabilitative). ANNO

16 DISTRETTI SANITARI DI BASE DEL SANGRO-AVENTINO DSB di Lanciano, via Don Minzoni, Tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Castel Frentano, Frisa, Rocca San Giovanni, San Vito Chietino, Treglio, Lanciano, Fossacesia, Mozzagrogna, Santa Maria Imbaro. DSB di Casoli, via Ternace - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Altino, Casoli, Palombaro, Sant Eusanio del Sangro. DSB di Atessa, piazza Garibaldi, 1 - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Archi, Atessa, Paglieta, Perano, Tornareccio. DSB di Villa Santa Maria, via Roma, 37 - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Bomba, Colledimezzo, Montazzoli*, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Pennadomo, Pietraferrazzana, Villa Santa Maria, Borrello, Civitaluparella, Fallo, Gamberale, Pizzoferrato, Quadri, Roio del Sangro, Rosello. DSB di Lama dei Peligni, largo del Mercato - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Civitella Messer Raimondo, Fara San Martino, Lama dei Peligni, Lettopalena, Palena, Taranta Peligna. DSB di Torricella Peligna, via Brigata Majella - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Colledimacine, Gessopalena, Montenerodomo, Roccascalegna, Torricella Peligna. DSB di Casalbordino*, via Portauova, 6 - tel afferiscono a questo Distretto i Comuni di: Casalbordino*, Pollutri*, Scerni*, Torino di Sangro, Villalfonsina*. *( Comuni non compresi nell'area del Patto Territoriale Sangro-Aventino ) 14 ANNO 2006

17 CARTINA DISTRETTI SANITARI DI BASE DEL SANGRO-AVENTINO Ad oggi l organizzazione tra Distretti e Ambiti Sociali è tale che un Comune si trova nella condizione di appartenere ad un Ambito Sociale diverso dal Distretto (per esempio il Comune di Paglieta si riferisce come Ambito Sociale al Basso Sangro e come Distretto a quello di Atessa). Il nuovo Piano Sociale Regionale (Cap. III.3 L integrazione sociosanitaria e il coordinamento delle politiche della salute Piano Sociale Regionale , bozza, pag. 58) intende realizzare azioni che favoriscano la coincidenza tra Ambito Sociale e Distretto Sanitario di Base. ANNO

18

19 GEO Poligrafia - Lanciano

20 QUESTO PROGETTO È COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO Sangro-Aventino Soc. Cons. a r.l. Soggetto Referente Partnership di sviluppo geografica Iniziativa Comunitaria EQUAL Patto per l innovazione nell economia sociale Cod. IT-G2-ABR-002 Via Nazionale, Santa Maria Imbaro (Ch) Tel Fax REGIONE ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, DELLA FORMAZIONE E DELL ISTRUZIONE Autorità di Gestione Iniziativa Comunitaria Equal Via Raffaello, Pescara Società Consortile Sangro-Aventino a r.l. Via Nazionale, Santa Maria Imbaro (Ch) Tel Fax

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale ASL3 LANCIANO-VASTO Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese 13 Numero di pazienti on-line 84 Numero di pazienti deceduti 0 Numero di pazienti istituzionalizzati 95 ASL3 LANCIANO-VASTO 1 di 12 pazienti

Dettagli

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d DMC Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo Ragione Sociale Sangro Soc. Cons. a r.l. Capitale Sociale Euro 116.440,00 Legale Rappresentante Filippo De Sanctis Territorio coinvolto 48 Comuni : Altino,

Dettagli

Proposta attività realizzabili nell ambito del progetto. DMC Terre del Sangro Aventino

Proposta attività realizzabili nell ambito del progetto. DMC Terre del Sangro Aventino DMC Terre del Sangro Aventino Proposta attività realizzabili nell ambito del progetto DMC Terre del Sangro Aventino PROGETTO DMC TERRE DEL SANGRO AVENTINO La DMC (Destination Management Company) Terre

Dettagli

Giuseppe Cellucci (Presidente dell Associazione tra EELL del Sangro-Aventino)

Giuseppe Cellucci (Presidente dell Associazione tra EELL del Sangro-Aventino) L'opuscolo è un'iniziativa dell'associazione Enti Locali del Sangro Aventino Gruppo di lavoro: Antonio Barsanofio Ariano EAS 23 Annamaria Carboni EAS 23 Antonella Gialluca EAS 21 Veglia Di Ciano EAS 22

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 VERSANTE ORIENTALE DELLA MAIELLA. Comuni di: COLLEDIMACINE, FARA SAN MARTINO, LAMA DEI PELIGNI, LETTOPALENA, PALENA, PENNAPIEDIMONTE, TARANTA PELIGNA, TORRICELLA

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER INDICE 1. Il primo Leader p. 3 2. Il Leader II 3 2 1. Il primo Leader L iniziativa Leader (Liaison Entre Actions de Développement de l Economie Rurale ovvero

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASP _

REGIONE CALABRIA ASP _ SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI REGIONE CALABRIA ASP _ _ _ Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale da compilare dal richiedente/familiare o persona

Dettagli

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Carta dei Servizi 1. PREMESSA COS È LA CARTA DEI SERVIZI DELL IGIENE URBANA

Carta dei Servizi 1. PREMESSA COS È LA CARTA DEI SERVIZI DELL IGIENE URBANA Carta dei Servizi 1. PREMESSA COS È LA CARTA DEI SERVIZI DELL IGIENE URBANA La Ecolan Spa e il gestore affidatario del servizio di igiene urbana, RIECO SpA, al fine di soddisfare le aspettative degli utenti,

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

SEGRETARIATO SOCIALE IN RETE VADEMECUM DELL OPERATORE

SEGRETARIATO SOCIALE IN RETE VADEMECUM DELL OPERATORE Sangro-Aventino REGIONE ABRUZZO SEGRETARIATO SOCIALE IN RETE VADEMECUM DELL OPERATORE Iniziativa Comunitaria EQUAL "Patto per l'innovazione nell'economia sociale" Cod. IT-G2-ABR-002 Soggetto Referente

Dettagli

Bozza di idee per la discussione Proposte del territorio Istruzione

Bozza di idee per la discussione Proposte del territorio Istruzione Basso Sangro-Trigno Programmazione 2014-2020 Strategia nazionale per le aree interne Area-prototipo: Basso Sangro-Trigno (D.G.R. 290/2015) Bozza di idee per la discussione Proposte del territorio Istruzione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Allegato A parte integrante Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 43 d.d.30.12.2015

Allegato A parte integrante Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 43 d.d.30.12.2015 TABELLA 1 TARIFFE PRESTAZIONI INTEGRATIVE NON COMPRESE NELLA RETTA ALBERGHIERA PER RESIDENTI IN CASA SOGGIORNO E POSTI SOLLIEVO PER AUTOSUFFICIENTI E PARZIALMENTE AUTOSUFFICIENTI Bagno/doccia protetto

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA Regione Autonoma Valle d Aosta Unité des Communes valdôtaines Evançon REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA Approvato con deliberazione della Giunta n. 38 del

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE REGIONE CALABRlA ASP CROTONE Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte sanitaria da compilare da parte del medico proponente)...."....... Dati dell'assistito per il quale si richiede

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI PER L'ATTUAZIONE DEL PATTO TERRITORIALE SANGRO-AVENTINO REPUBBLICA ITALIANA

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI PER L'ATTUAZIONE DEL PATTO TERRITORIALE SANGRO-AVENTINO REPUBBLICA ITALIANA Repertorio N. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI PER L'ATTUAZIONE DEL PATTO TERRITORIALE SANGRO-AVENTINO REPUBBLICA ITALIANA L'anno millenovecentonovantotto, il giorno sei Agosto in Santa Maria

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO FRAGILE

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO FRAGILE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO FRAGILE REDAZIONE Dr. Luigi Aprea - Dr. Alberto Firenze Dott.ssa Maria Antonella Di Benedetto APPROVAZIONE

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 214 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento Il servizio Assistenza Domiciliare Integrata si occupa dei pazienti che presentano

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE 1. Descrizione dell ente gestore 2 2. Obiettivi del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 2 3. Distretti di erogazione del servizio 2 4.

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

AREA ANZIANI. Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA

AREA ANZIANI. Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA AREA ANZIANI Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare Ente gestore: Cooperativa Costers s.c.s. a r.l. Bova Marina (RC) Coordinatori del Servizio: A.S. Francesca

Dettagli

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia Mettere a sistema le dimissioni protette: un possibile modello Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia In letteratura, sono stimate nel 2-3% di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

Ricognizione sulle politiche di gestione del ciclo dei rifiuti esistenti nel comune di Lanciano

Ricognizione sulle politiche di gestione del ciclo dei rifiuti esistenti nel comune di Lanciano HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE B1 Relazione tecnica Technical report Ricognizione

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE. Comune/Comuni

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE. Comune/Comuni AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. Denominazione 21 SANGRO Ente di Ambito Sociale: Comunità Montana Val Sangro Documento Intersettorialità Comune/Comuni 1 Archi 13 Montenerodomo 2 Atessa 14 Perano 3 Bomba

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini ACCESSO AL SERVIZIO SOCIALE Sportello sociale Equipe di Coordinamento

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

CERTIFICAZIONE delle TECNICHE del CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CERTIFICAZIONE delle TECNICHE del CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA UNIVERSITÀ degli STUDI di TORINO Facoltà di Medicina e Chirurgia - AZIENDA USL Valle d Aosta Corso di Laurea in Infermieristica di Aosta CERTIFICAZIONE delle TECNICHE del CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA DOMICILIARE E OSPEDALIERA AD INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA DOMICILIARE E OSPEDALIERA AD INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MUTUA OSPEDALIERA ARTIGIANI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Viale Milano 5-21100 Varese Tel. 0332/256111 - Email moa@asarva.org - Fax 0332/256351 REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili Via Flavia 60131 Ancona Tel. & fax. 071 2905118 e-mail: villabellini@strutture.cooss.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

FONDO NON AUTOSUFFICIENZE 2011 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONE CAMPANIA

FONDO NON AUTOSUFFICIENZE 2011 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONE CAMPANIA FONDO NON AUTOSUFFICIENZE 2011 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONE CAMPANIA PREMESSA La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce i motoneuroni a livello del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Processo di Agenda 21 Locale SangroAventUNO Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Comprensorio del Sangro-Aventino

Processo di Agenda 21 Locale SangroAventUNO Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Comprensorio del Sangro-Aventino 3. Suolo I dati si riferiscono sia al PTSA che all intero bacino del. I temi sono due: Qualità del suolo e Rifiuti. Tema N Tipo Indicatore Unità di misura dato originale Fonte Anno Situazione Area PTSA

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario Il progetto è redatto sulla base dell Allegato 1 del D.A.n.1613 del 08/10/2014 Linee guida per la riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

Dettagli

COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata Casa di Riposo Monticello Via G. Sirtori 1 23876 Monticello B.za (LC) www.casadiriposomonticello.it

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli