RACCOMANDAZIONI CIVICHE SU ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RACCOMANDAZIONI CIVICHE SU ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E INNOVAZIONE"

Transcript

1 RACCOMANDAZIONI CIVICHE SU ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E INNOVAZIONE Realizzata da Cittadinanzattiva Sicilia Con il sostegno non condizionato di 1

2 Ortigia, Siracusa ( ) Penso alla mia condizione di anziano e mi rendo conto del piacere che provo a stare a casa mia e di essere aiutato in casa, nel luogo dove sono sempre stato, dove potrei girare a occhi chiusi. La mia casa è il luogo della mia vita. Guai se mi sradicassero. Da: Norberto Bobbio e Maurizio Viroli Dialogo intorno alla Repubblica, Editori Laterza 2

3 INDICE 1. Premessa 2. Che cosa è l Assistenza Domiciliare Integrata 3. Il percorso di erogazione delle Cure Domiciliari 4. Le Linee Guiaa Regionali 2010 per l accesso e il governo del sistema integrato delle Cure Domiciliari 5. I Dati 6. L Audit Civico di Cittadinanzattiva in Sicilia 7. Cosa è in grado di valutare l Audit Civico dell A.D.I. 8. L impegno di Cittadinanzattiva in tema di Cure Domiciliari 9. Il progetto: Raccomandazioni civiche su ADI e Innovazione, in Lazio, Piemonte e Sicilia 10. Primi dati sul Servizio A.D.I. in Sicilia 11. Perché una Raccomandazione civica sull A.D.I. 12. Soggetti interessati alle Raccomandazioni Civiche 13. Le raccomandazioni civiche di Cittadinanzattiva per l A.D.I. 14. Le buone pratiche in sanità 15. La telemedicina 16. Esperienze in Sicilia: la realtà di Ragusa del Il Forum Seminario di Palermo 18. Wellfare Oggi - Un nuovo modello di programmazione per le cure domiciliari in Sicilia 19. Dal sito web dell ASP di Siracusa l informazione dedicata all ADI Ringraziamenti Bibliografia minima

4 PREMESSA N el corso degli ultimi anni l assistenza socio-sanitaria e più in generale l articolazione complessiva delle prestazioni e dell organizzazione funzionale della sanità italiana hanno registrato un forte cambiamento, in parte determinato dalle nuove disposizioni nazionali e regionali relative all offerta di servizi e alla sostenibilità del sistema sanitario ma anche a motivo della rimodulazione stessa delle reti territoriali (percorsi di cura) e ospedaliere (piccoli ospedali), con una nuova attenzione la medicina di prossimità e le cure primarie. A questo va sicuramente aggiunto un fenomeno con il quale si sono misurate le singole Regioni, nell approntare a livello federale l impianto complessivo del servizio sanitario e sociosanitario. Sono stati e sono ancora i tempi, per le Regioni Meridionali, dei Piani di rientro dal deficit economico, della spending review, dei tagli, dell aumento dei ticket e dei Piani Attuativi Aziendali all insegna della sostenibilità del Sistema. E evidente il cambiamento, che è ancora in atto a causa delle difficoltà economiche e strutturali del Paese, con evidenti problemi che incidono sui possibili scenari futuri del sistema sanitario e che bisogna affrontare e risolvere, adesso. Per citarne alcuni: il rapporto tra il malato e le cure; tra l ospedale e il territorio; tra la medicina generale ed il percorso di cura da programmare, mettere in funzione e monitorare costantemente per raggiungere gli auspicati risultati di salute. Ed altri, tanti altri, ancora Ospedali e Territorio Si consolida sempre più la convinzione che deve aumentare l articolazione e la diffusione dell assistenza sanitaria territoriale, che assume su di sé, di fatto, una consistente parte degli investimenti in Sanità. Una inversione di tendenza rispetto ad una organizzazione che per decenni ha sviluppato la propria azione basandola sulla centralità degli ospedali. Cambia così il sistema, si modifica la programmazione, vengono ad evidenziarsi nuovi scenari in ordine all accesso alle cure, ai percorsi diagnostico-terapeutici, all impianto socio-sanitario che spesso caratterizza la dimensione esistenziale del cittadino, lungo il corso delle malattie e di quelle croniche in particolare. E un linguaggio, preso da più fonti (istituzionali, associative, politiche, economiche) condiviso nell analisi ma che non riesce ancora pienamente a coinvolgere tutti gli stakeholders a procedere insieme. Ci proveremo, come Cittadinanzattiva Sicilia, anche attraverso la partecipazione a questo progetto. 4

5 Programmazione, spesa, riqualificazione e integrazione dei servizi socio-sanitari, tagli, riorganizzazione funzionale, innovazione tecnologica, sistemi di valutazione delle nuove tecnologie (HTA), rimodulazione ospedaliera e del territorio, rappresentano solo alcuni degli aspetti che maggiormente sono oggetto di interventi mirati alla realizzazione del Servizio sanitario nazionale e regionale, a partire dalla centralità del malato, dalla umanizzazione delle cure, dalla Sanità del Territorio con i suoi servizi di prossimità e le cure primarie quali la medicina generale, le cure infermieristiche, i Presidi Territoriali di Assistenza (PTA, Case della Salute), l Assistenza domiciliare integrata (ADI, in incremento sul piano della domanda di servizi, soprattutto a motivo del tasso di invecchiamento diffuso in tutte le Regioni), i PDTA dedicati alle patologie croniche maggiormente diffuse (Diabete, scompenso cardio-vascolare, BPCO, malattie reumatiche ). Molte Regioni hanno dovuto farsi carico di riqualificazioni dei servizi in termini strutturali e funzionali: rapporto Ospedali (piccoli e grandi), Distretti territoriali, Presidi Territoriali d Assistenza (PTA), Case della salute a fronte di Piani di Rientro dal deficit economico, adesso non più localizzati solo nelle Regioni Meridionali ma che fanno capolino, qui e là, in varie realtà del Paese. Quasi tutte le regioni meridionali han dovuto farsi carico di responsabilità mai assunte prima. La Sicilia, in solitaria, ha raggiunto l obiettivo del pareggio di bilancio con una complessa azione di Riforma del Servizio sanitario regionale (L.R. n. 5/2009). L assistenza socio-sanitaria L assistenza socio sanitaria, peraltro, ha subito una significativa riduzione negli stanziamenti, che ha portato in diverse realtà ad un calo della qualità e della quantità dei servizi, senza intervenire di fatto sulla governance. La razionalizzazione della spesa, i tagli a servizi, prestazioni e posti letto (negli ospedali, nelle strutture di riabilitazione e residenziali), l aumento dei costi e l introduzione di nuovi ticket, sono tutti provvedimenti che delineano un quadro generale di contenimento della spesa (spending review). Una condizione che induce sempre più spesso i cittadini a mettere mano ai propri risparmi per integrare l assistenza ed ottenere prestazioni qualitativamente adeguate, rendendo la capacità reddituale causa di discriminazione. Ciò delinea uno scenario dove appare fortemente a rischio il rispetto dei principi fondanti del Servizio Sanitario Nazionale - universalità, solidarietà ed equità ed in cui emerge il disagio esistenziale delle persone e l urgenza di dare risposte concrete in termini di miglioramento dell assistenza e di maggiore attenzione per la qualità della vita. Spending review, principi basilari del SSN e sostenibilità. Al contenimento di risorse e di possibilità di spesa si affianca, rendendo più critico il quadro, la difformità dell assistenza erogata 5

6 nell ambito dei diversi territori regionali. Il tema del rafforzamento dell assistenza territoriale è quanto mai attuale e di primaria importanza ai fini della sostenibilità del Sistema Sanitario, sia a livello Nazionale che Regionale. Siamo fermamente convinti quanto il Territorio rappresenta in termini di equilibrio del sistema. Queste brevi considerazioni di contesto sono pienamente confermate dalle segnalazioni dei cittadini al servizio di orientamento e tutela di Cittadinanzattiva - Tribunale per i Diritti del Malato, il PiT Salute 1, che evidenziano con forza problemi e criticità riscontrati nell assistenza territoriale e nella continuità delle cure durante il passaggio ospedale territorio, riprese anche nei contenuti del nuovo Patto per la Salute. Le persone si trovano a dover gestire diverse problematiche legate alle cure domiciliari: disomogeneità sul territorio nazionale dell offerta di servizi ADI; carenza di informazioni e tempi lunghi per l attivazione del servizio; elevati costi a carico delle famiglie per integrare le prestazioni necessarie (es. badante, riabilitazione, etc.); insufficiente attenzione al supporto psicologico, tanto del paziente, che dei suoi familiari; percentuale ancora bassa di pazienti che usufruiscono di un adeguata terapia del dolore; scarso accesso all innovazione (anche tecnologica). Per tutte le ragioni sopra elencate, dunque, Cittadinanzattiva Tribunale per i Diritti del Malato ha deciso di impegnarsi sul tema delle cure domiciliari, offrendo un contributo civico all implementazione di un sistema a misura di cittadino, tramite la formulazione di specifiche proposte di miglioramento: le Raccomandazioni Civiche. Fonte: Presentazione del Patto per la Salute , Roma 2014, Ministero della Salute 1 Il PiT Salute, nato nel 1996, è il servizio tramite il quale Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del malato (TDM) fornisce gratuitamente ai cittadini informazioni, consulenza ed intervento per la tutela dei loro diritti nell ambito dei servizi socio sanitari. 6

7 CHE COSA È L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA L Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è stata definita dall Organizzazione Mondiale della Sanità come la possibilità di fornire al domicilio del paziente quei servizi e quegli strumenti che contribuiscono al mantenimento del massimo livello di benessere, salute e funzione. Grazie all'assistenza Domiciliare Integrata, i pazienti possono essere assistiti in ambito familiare, secondo un piano assistenziale individuale, attraverso la presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale del paziente. La cura domiciliare è un insieme coordinato di attività sanitarie, mediche, infermieristiche e riabilitative integrate tra loro e con interventi socio-assistenziali per la cura della persona nella propria casa, in modo alternativo rispetto al ricovero ospedaliero o per monitorare condizioni di patologia cronicodegenerativa. (Fonte: O.M.S.) S copo principale dell Assistenza domiciliare integrata è la promozione di una buona qualità della vita del paziente e dei suoi familiari e, più precisamente, riguarda: il benessere psicofisico, l autonomia personale, la soddisfazione relazionale, affettiva e sociale (limitando il più possibile il fenomeno dell isolamento e dell emarginazione sociale), la condizione abitativa e la qualità dei servizi. L assistenza domiciliare si propone di promuovere l integrazione delle competenze professionali sanitarie con quelle sociali per realizzare programmi di cura e assistenza orientati a soggetti di qualsiasi età, che necessitano di un assistenza continuativa o limitata nel tempo, erogabile al loro domicilio e sostenibile dal nucleo familiare, favorendo il recupero delle capacità residue di autonomia e di relazione ed evitando il ricorso improprio al ricovero in ospedale o in strutture residenziali. Collaborano l Azienda sanitaria e i Comuni. Nell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) sono individuabili i seguenti obiettivi specifici: - evitare ricoveri ospedalieri non giustificati; - garantire continuità assistenziale e integrazione dell assistenza; - garantire cura e assistenza a pazienti con condizioni trattabili a domicilio, migliorandone la qualità di vita; 7

8 - sostenere e coinvolgere il paziente, la famiglia e, più in generale, il caregiver, per l acquisizione delle eventuali competenze necessarie per l autonomia d intervento; - semplificare le procedure per l erogazione dei presidi e degli ausili; - assicurare sostenibilità dei costi e appropriatezza dei percorsi. I livelli di integrazione delle Cure Domiciliari Le cure domiciliari realizzano quindi i seguenti livelli dell integrazione: - fra competenze professionali multidisciplinari per l analisi multidimensionale dello stato del paziente, la valutazione unitaria dei bisogni, l elaborazione del piano d assistenza personalizzato e la sua erogazione - fra aree di competenza delle Aziende Sanitarie e dei Servizi Sociali degli Enti locali, come parte della integrazione socio-sanitaria - fra livelli d assistenza sanitaria, in quanto le cure erogate a domicilio possono comportare una riduzione dei ricoveri ospedalieri impropri, l opportunità per una dimissione protetta e, in alcune occasioni e forme, l alternativa o il complemento all assistenza in strutture residenziali e semiresidenziali. Il Distretto Sanitario, in questo contesto, riveste un ruolo fondamentale: coordina ed integra tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del cittadino con l intervento dei Medici di Medicina Generale (MMG) e dei Pediatri di Libera Scelta (PLS) convenzionati con il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e valuta il reale bisogno sanitario del cittadino, regolando l accesso agli altri servizi offerti dal SSN. In Italia si assiste da alcuni anni all aumento dell incidenza delle patologie croniche, più frequenti nelle fasce di età avanzata: già nella classe anni ne soffre il 57,2%, e tra le persone ultra 75enni la quota raggiunge l 86,9 per cento. Le donne sono le più colpite, in particolare dopo i 50 anni. Considerato, dunque, l aumento delle persone affette da malattie croniche e il progressivo e costante invecchiamento della popolazione, è necessaria una più completa ed integrata presa in carico del paziente sul territorio, attuando strategie di medicina di iniziativa mediante specifici Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA) per le cronicità, che possano ridurre il ricorso all ospedalizzazione. Ciò si può realizzare potenziando i servizi di assistenza territoriale (PTA, Case della Salute) e l Assistenza Domiciliare integrata (ADI) in particolare. L ADI è rivolta altresì a pazienti oncologici in fase critica e/o terminale. Assicurando l erogazione di servizi di cura e riabilitazione al domicilio del paziente e consentendo, quindi, il miglioramento della qualità della vita del paziente stesso e della sua famiglia, l Assistenza Domiciliare si pone l obiettivo primario di umanizzare il trattamento in un contesto ambientale più idoneo rispetto all ospedale, in particolar modo se si tratta di un paziente anziano. Come accennato in precedenza, requisito importante per l ADI è la forte integrazione tra le componenti sanitaria e 8

9 socio-assistenziale, senza tralasciare una figura unica nel percorso assistenziale che è la famiglia e tutte le altre forme di aggregazione che, proprio nella logica dell integrazione, costituiscono un supporto alla famiglia stessa (volontariato, badanti al domicilio). L assistenza domiciliare è un servizio compreso nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) in grado di garantire una adeguata continuità di risposta sul territorio ai bisogni di salute, anche complessi, delle persone non autosufficienti, anche anziane, e dei disabili ai fini della gestione della cronicità e della prevenzione della disabilità. (Ministero della Salute, 2001) Fonte: Sistema Informativo Sanitario 2008; ISTAT popolazione residente (censimento 2001) 9

10 La nuova proposta di definizione dei LEA Capo V - Integrazione Sociosanitaria Percorsi assistenziali integrati domiciliari, territoriali, semiresidenziali e residenziali, prevedono l erogazione contigua di attività e prestazioni afferenti all area sanitaria e all area dei servizi sociali Le cure domiciliari - Sono un sistema unitario basato su VM, presa in carico e PAI - Comprendono prestazioni professionali mediche, infermieristiche e riabilitative, ass. farmaceutica e accertamenti diagnostici per persone con patologie o condizioni funzionali che richiedono continuità assistenziale ed interventi programmati Il Responsabile clinico è il MMG o il PLS e, per l ADI 3 livello, può essere il Medico competente per la terapia del dolore Il Servizio Sanitario Nazionale garantisce alle persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità, con patologie in atto o esiti delle stesse, percorsi assistenziali nel proprio domicilio, detti Cure Domiciliari, che comprendono un insieme organizzato di trattamenti medici, infermieristici e riabilitativi, necessari per stabilizzare il quadro clinico, limitare il declino funzionale e migliorare la qualità della vita. Le cure domiciliari si integrano con le prestazioni di assistenza sociale e di supporto alla famiglia, generalmente erogate dal Comune di residenza della persona. Il bisogno clinico-assistenziale viene accertato tramite idonei strumenti di valutazione multiprofessionale e multidimensionale che consentono la presa in carico globale della persona e la definizione di un Progetto di assistenza individuale (PAI) sociosanitario integrato. L assistenza domiciliare è, dunque, un servizio compreso nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) in grado di garantire una adeguata continuità di risposta sul territorio ai bisogni di salute, anche complessi, delle persone non autosufficienti, anche anziane, e dei disabili ai fini della gestione della cronicità e della prevenzione della disabilità. Le cure domiciliari sono erogate con modalità diverse, in base all organizzazione dei servizi territoriali della ASL; tuttavia, sono generalmente gestite e coordinate direttamente dal Distretto sociosanitario (DSS) delle Aziende Sanitarie Locali (ASL), in collaborazione con i Comuni. Per le prestazioni sociali il cittadino deve fare riferimento al Comune di residenza. In relazione al bisogno di salute dell assistito ed al livello di intensità, complessità e durata dell intervento assistenziale, si distinguono alcune tipologie di cure domiciliari: 10

11 A) Assistenza Domiciliare Programmata (ADP) L assistenza domiciliare programmata consiste nell erogazione di prestazioni sanitarie mediche, infermieristiche e/o riabilitative, occasionali o a ciclo programmato limitate all episodio di malattia in atto. Tale tipologia di assistenza, la cui durata è limitata nel tempo, è attivata e gestita dal medico di medicina generale, dal pediatra di libera scelta o dai servizi distrettuali della ASL ed è generalmente erogata a quelle persone che sono nella impossibilità di raggiungere lo studio del medico o i servizi della ASL perché non deambulanti, o con gravi limitazioni funzionali o non trasportabili con mezzi comuni. B) Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) L assistenza domiciliare integrata consiste in un insieme integrato di trattamenti sanitari e sociosanitari, erogati a casa della persona non autosufficiente. Infatti l ADI assicura l'erogazione coordinata e continuativa di prestazioni sanitarie (medica, infermieristica, riabilitativa) e socioassistenziali (cura della persona, fornitura dei pasti, cure domestiche) al domicilio, da parte di diverse figure professionali fra loro funzionalmente coordinate nell ambito del Distretto come previsto sia dalla normativa nazionale, inclusi gli Accordi Collettivi Nazionali per la Medicina Generale, che negli ultimi dieci anni ha dato forte impulso alle cure a domicilio, sia dagli atti approvati dalle Regioni in materia di assistenza sociosanitaria. Le patologie che consentono l avvio dell ADI Sono quelle per le quali l intervento domiciliare si presenta alternativo al ricovero ospedaliero e, salva diversa determinazione concordata tra il medico responsabile dell'attività sanitaria a livello distrettuale e il Medico di Medicina Generale in relazione alla situazione socio-ambientale e al quadro clinico, le ipotesi di attivazione dell'intervento si riferiscono a: - malati terminali; - malattie progressivamente invalidanti e che necessitano di interventi complessi; - incidenti vascolari acuti; - gravi fratture in anziani; - forme psicotiche acute gravi; - riabilitazione di vasculopatici; - riabilitazione in neurolesi; - malattie acute temporaneamente invalidanti nell'anziano (forme respiratorie e altro); - dimissioni protette da strutture ospedaliere A seguito della segnalazione ricevuta, il medico del Distretto prende contatto con il Medico di Medicina Generale e/o il Pediatra di Libera Scelta e attiva, dopo aver recepito il consenso del malato e dei suoi familiari, le procedure per l erogazione del servizio integrato. In relazione al bisogno clinico, funzionale e sociale del paziente si possono individuare interventi di assistenza 11

12 domiciliare integrata con livelli crescenti di intensità e complessità assistenziale generalmente distinti in: Cure domiciliari e prestazioni connesse (ATTIVITÀ) Si distinguono, in relazione ai bisogni e tenuto conto dei modelli gestionali-organizzativi attivati da diverse regioni (Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Molise e Sicilia), così come evidenziato nel progetto di ricerca finalizzata ex art.12 della Lg 502 La condizione dell anziano non autosufficiente Analisi comparativa delle attuali forme di tutela e delle potenziali prospettive, i seguenti profili: - Cure Domiciliari Prestazionali, caratterizzate da prestazioni sanitarie occasionali o a ciclo programmato - Cure domiciliari integrate di 1, 2 e 3 Livello. Le cure di primo e secondo livello assorbono quelle già definite ADI, mentre quelle di terzo assorbono l OD (Ospedalizzazione Domiciliare). Questa tipologia di cure domiciliari, - in considerazione delle differente complessità/ intensità è caratterizzata dalla formulazione del Piano Assistenziale Individuale (PAI), redatto in base alla valutazione globale multidimensionale ed erogate attraverso la presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale. - Cure domiciliari palliative a malati terminali, assorbono l assistenza territoriale domiciliare rivolta a pazienti nella fase terminale e l OD-CP (Ospedalizzazione Domiciliare Cure Palliative) e sono caratterizzate da una risposta intensiva a bisogni di elevata complessità definita dal PAI ed erogata da una Equipe con specifiche competenze. La collocazione elettiva delle Cure Domiciliari, anche dove vengono offerti rapporti ospedalieri, è nel LEA Assistenza Distrettuale. Quando l equipe che eroga le prestazioni domiciliari e di provenienza ospedaliera è in ogni caso superata la denominazione Ospedalizzazione domiciliare. Tale tipologia assistenziale è infatti erogata attraverso le Cure domiciliari integrate di terzo livello e le Cure Domiciliari Palliative ai malati terminali. 12

13 IL PERCORSO DI EROGAZIONE DELLE CURE DOMICILIARI ADI SICILIA Linee Guida 2010 Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana Assessorato della Salute Gruppo di Lavoro Interdipartimentale 13

14 LE LINEE GUIDA REGIONALI 2010 PER L ACCESSO E IL GOVERNO DEL SISTEMA INTEGRATO DELLE CURE DOMICILIARI C on le Linee Guida del 2010 per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari, la Regione Sicilia sviluppa un attività di potenziamento del Servizio ADI che raggiungerà nei 2-3 anni successivi obiettivi pari a quelli delle Regioni virtuose. A seguire, stralci del documento con le Linee Guida per l ADI, realizzato dall apposito gruppo di lavoro in Assessorato. Il sistema non si discosta da quello nazionale e ne potenzia l efficacia per la dinamica utilizzazione territoriale e il raccordo funzionale con MMG e realtà ospedaliere. Si coglie peraltro l esigenza di un maggiore raccordo attuale tra tutti gli attori. 14

15 15

16 16

17 17

18 La Governance distrettuale del sistema integrato delle cure domiciliari Regione Sicilia, Linee Guida A.D.I., 2010 Il Piano della Salute della Regione Siciliana colma un vuoto di oltre 10 anni. E stato realizzato dall Area Interdipartimentale 2 del Dipartimento Pianificazione Strategica dell Assessorato della Salute Ufficio del Piano, in collaborazione con i vari Servizi dell Assessorato e consulenti esterni esperti in materia, nonché con la partecipazione attiva delle Associazioni dei Malati e delle Società Scientifiche, anche attraverso un lungo lavoro di confronto prima in Consulta della Salute e poi in VI^ Commissione Parlamentare. 18

19 Analisi di contesto e obiettivi prioritari. Il cittadino al centro del sistema assistenziale, la riqualificazione dell ospedale, l universalità e il rispetto delle libertà di scelta del paziente sono i principi base su cui si fonda il nuovo Piano Sanitario Regionale. Riorganizzare e ripartire finalità e metodologie del mondo Sanitario è stato frutto di un lavoro complesso ed articolato, che ha visto la costituzione di diverse aree programmatiche e di altrettante azioni di intervento: partendo dall analisi del contesto in Sicilia, individuando le principali aree di criticità, sino ad arrivare alla qualità e allo sviluppo del sistema Salute. L analisi del contesto prendeva in considerazione i più rilevanti problemi di salute: dalle malattie cardio e cerebrovascolari, ai comportamenti a rischio in età giovanile, al diabete, all obesità, alla prevenzione e cura dei tumori. Le principali linee di intervento varate dal Piano riguardano: 1. Prevenzione 2. Centralità del territorio 3. Nuova configurazione dell offerta ospedaliera 4. Il principio delle reti integrate e l applicazione del modello Hub e Spoke 5. Integrazione sociosanitaria 6. Innovazioni del sistema di emergenza-urgenza 7. Le politiche del Farmaco 8. Qualità, sicurezza del paziente, ricerca e sviluppo Formalizzazione dell Integrazione Socio-Sanitaria Per il P.A.T.: i Sindaci del Coordinamento Istituzionale esprimono il parere per la parte sanitaria e sanciscono l intesa per la parte socio-sanitaria Per il P.d.Z.: il Direttore Generale dell A.S.L. lo approva, con accordo di programma, per la parte socio-sanitaria ADI - Linee Guida, Giugno Per una puntuale e accurata lettura delle linee guida per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari è opportuno scaricare il documento al seguente link: 19

20 I DATI L L Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) riveste un ruolo fondamentale per i servizi sanitari di prossimità, soprattutto nell ottica della progressiva riduzione dei posti letto e del riequilibrio del SSN, nell ambito del quale è fondamentale spostare il baricentro dall ospedale al territorio. Come emerge dal Rapporto Pit Salute 2013 (quadro generale nazionale), la prima difficoltà segnalata dai cittadini riguarda l attivazione del servizio a causa di un iter burocratico complesso (24,5%), con un aumento di 4 punti percentuali rispetto alle segnalazioni dell anno precedente (20,4%). Segue la sospensione per mancanza di fondi e personale (18,9%) e la riduzione delle ore di assistenza (13,2%). Sempre al 13,2% troviamo le segnalazioni relative alla scarsa qualità dell assistenza erogata. Tali dati rappresentano indicazioni sentinella, che nella loro interezza ci permettono di poter effettuare rilievi importanti a partire dal vissuto dei malati e delle loro famiglie. Ovviamente l approfondimento scientifico basato su metodologie e tecniche specifiche ci permettono di conseguire report ad alto valore rappresentativo, integrando note di criticità a raccolta di segnalazioni. Che spesso, specie in riferimento ad alcune realtà territoriali, si accompagnano a segnalazioni di buone pratiche. Fig. 2 L assistenza domiciliare nelle segnalazoni dei cittadini Fonte: XVI Rapporto PiT Salute 2013 Cittadinanzattiva La prima problematica segnalata dalle Associazioni di pazienti è anche questa volta la difficoltà nell attivazione (65,3%), cui segue la mancanza di integrazione degli interventi sociali con quelli di natura sanitaria (50%) e ancora il numero di ore insufficienti (50%). 20

21 Tab. 1 - Le principali criticità nell Assistenza domiciliare, secondo le Associazioni di Pazienti, 2011 (risposte multiple) Difficoltà di attivazione 65,3% Scarsa integrazione di interventi sociali con quelli di natura sanitaria 50,0% Numero di ore insufficiente 50,0% Assenza di supporto psicologico 46,1% Scarso coinvolgimento del Medico di Medicina Generale 38,4% Necessità di integrare l assistenza con professionisti privati 38,4% Interruzione improvvisa 23,0% Riduzione improvvisa ed ingiustificata di ore 19,2% Comportamento del personale 15,4% Lunghe attese 3,8% Fonte: XI Rapporto CnAMC Cittadinanzattiva Oltre alla difficoltà di accedere a questo servizio, la criticità, in termini di offerta assistenziale, sta nel numero di ore di assistenza, che risulta ancora fortemente insufficiente. Anche in questo caso le differenze territoriali si fanno sentire. Gli ultimi dati forniti dal Ministero della Salute, danno evidenza a quanto segnalato dai cittadini e dalle Associazioni di pazienti, rispetto alla difformità di servizi erogati a seconda della Regione di appartenenza. Le Regioni che superano la soglia del 4% di anziani trattati in ADI (parametro che determina una valutazione positiva in termini di raggiungimento dell obiettivo in sede monitoraggio LEA), sono quelle del Centro-Nord, mentre fino a tre anni addietro l unica Regione del Sud a raggiungere lo standard era la Basilicata. Dal 2011, tuttavia, il servizio delle cure domiciliari in Sicilia ha registrato un aumento di assistiti in tutte le Aziende Sanitarie Provinciali (nove), che ha permesso di raggiungere gli obiettivi indicati nel Piano della Salute Regione Sicilia e dalle prescrizioni del Ministero della Salute. Tale incremento ha prodotto in positivo anche il meccanismo della premialità. La sanità siciliana esce così, alla fine di un percorso a tappe forzate, dal Piano di Rientro e dal monitoraggio costante del Ministero attraverso l accompagnamento di Agenas. Finalmente, nel 2013 per l appunto, la Sicilia raggiunge gli obiettivi collocandosi finalmente tra le regioni virtuose in tema di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). 21

22 ! Fonte: Assessorato della Salute, Regione Siciliana Area della fragilità - ADI Casi Trattati Anziani Secondo il Rapporto Stato di salute e prestazioni sanitarie nella popolazione anziana del Ministero della Salute (2013), la popolazione anziana oggi in Italia determina il 37% dei ricoveri ospedalieri ordinari e il 49% delle giornate di degenza e dei relativi costi stimati. Tra le criticità tuttora presentate dal Servizio Sanitario Italiano, il Piano Sanitario Nazionale evidenziava l inappropriatezza dei ricoveri ospedalieri e degli accessi in Pronto Soccorso, dovuta all organizzazione, ancora spesso insufficiente, del sistema delle cure primari e, dei servizi territoriali e dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). L ADI, introdotta per la prima volta dal DPCM 29/11/2001 Definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza Sanitaria, si configura come un assistenza erogata a domicilio in base ad un piano assistenziale individuale attraverso la presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale del paziente. Negli anni, pur sviluppandosi in modo difforme nelle diverse realtà regionali, le cure domiciliari si sono progressivamente articolate e strutturate per far fronte alla sempre maggiore complessità dei bisogni assistenziali dei destinatari. In particolare possono essere distinte forme di assistenza domiciliare prevalentemente orientate a fornire una appropriata risposta ai bisogni sociali ed altre di spiccata natura sanitaria (si pensi al campo delle cure palliative) o di tipo misto. 22

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Regione Lazio modulo interventi Misura 3 Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Misura 3 Interventi in materia di non autosufficienza (Parte seconda) 1 Regione Lazio modulo interventi

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI PIANI ATTUATIVI AZIENDALI Il Piano attuativo delle Aziende sanitarie del Servizio Sanitario regionale è, ai sensi dell art.5 della legge regionale 14 aprile 2009, n.5, atto della programmazione sanitaria

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI)

RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Prot. n. 389 /10 RACCOMANDAZIONE CIVICA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Realizzata da Cittadinanzattiva-Sardegna-Tribunale per i diritti del malato in tema di ADI Obiettivi della Regione Sardegna

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

(Piemonte, BUR 9 ottobre 2014, n. 41, S.O. n. 1) A relazione dell'assessore Ferrari:

(Piemonte, BUR 9 ottobre 2014, n. 41, S.O. n. 1) A relazione dell'assessore Ferrari: Deliberazione Giunta Regionale 6 ottobre 2014 n. 16-384 Fondo statale per le non autosufficienze, annualità 2014. Approvazione "Programma attuativo" di cui al comma 1 dell'art. 5 del decreto ministeriale

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 16-2315 Fondo statale per le non autosufficienze, annualita' 2015. Approvazione "Programma attuativo" di cui al

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, ADRAGNA e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per la realizzazione della rete

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli