Profilo di salute e dei servizi socio sanitari. Relazione Sullo stato di salute di Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profilo di salute e dei servizi socio sanitari. Relazione Sullo stato di salute di Firenze"

Transcript

1 Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Relazione Sullo stato di salute di Firenze Anno 2009 Edizione 2011

2 Il lavoro è stato curato da Osservatorio della SdS di Firenze Carlo Cartacci Nicola Cecconi Barbara Giachi Silvia Mammini Fabiola Ganucci Con la collaborazione di UO Epidemiologia AUSL 10 di Firenze Daniela Balzi Alessandro Barchielli Si ringraziano gli uffici del Comune di Firenze e dell AUSL 10 di Firenze perla raccolta, l elaborazione e la messa a disposizione dei dati

3

4 Indice Presentazione 5 Sintesi 10 Parte I a -Profilo di Salute di Firenze 25 L aspetto demografico di Firenze 25 L andamento nel tempo della popolazione fiorentina 25 I cittadini stranieri 27 Principali caratteristiche della struttura della popolazione 30 La famiglia ed i matrimoni 34 Le caratteristiche demografiche dei quartieri 35 Le previsioni 38 Stato di salute 40 Alcuni macro indicatori 40 Speranza di vita alla nascita 40 Mortalità generale 41 Le principali cause di morte 43 Le variazioni temporali della mortalità 44 Mortalità prematura 44 Mortalità infantile 46 Persone che ricorrono all uso dell ospedale 47 Le principali malattie 51 Altri fattori che incidono sullo stato di salute 53 Ambiente 53 Variabili socioeconomiche 57 Fattori di rischio individuali e Stili di vita 61 Criminalità e sicurezza 63 La qualità della vita 65 Parte IIa - Profilo dei Servizi Socio sanitari 69 Quadro generale dei servizi 69 Livelli base di cittadinanza sociale: segretariato sociale, punto unico di accesso e servizio sociale professionale 70 Attività di segretariato sociale 71 Attività di Punto insieme 72 Servizio sociale professionale 72 Gli utenti dei servizi sociali 73 Assistenza medica di base 76 Popolazione assistita 77 I medici di Medicina generale (MMG) 77 I pediatri di Libera Scelta (PLS) 78 La Sanità di Iniziativa 78 La continuità assistenziale 79 Assistenza specialistica ambulatoriale, diagnostica strumentale e di laboratorio 79 I consultori in rete 82 Assistenza ospedaliera 83 Emergenza e urgenza 83 1

5 Attività di ricovero 84 Assistenza farmaceutica ed assistenza integrativa 86 Assistenza farmaceutica convenzionata 87 Erogazione diretta dei farmaci 87 Assistenza distrettuale 88 L emergenza sanitaria territoriale 88 Attività di prevenzione rivolta alla persona: gli screening oncologici 89 Riabilitazione extraospedaliera 90 Prestazioni di riabilitazione ex art.26 L.833/78 90 Risposte al domicilio 93 Contributi economici 93 Servizi per la domiciliarità 96 Assistenza infermieristica domiciliare 99 Assistenza Domiciliare Programmata ADP e Assistenza Domiciliare Integrata ADI 100 Assistenza ai malati terminali 100 Riabilitazione ex art Assistenza protesica 101 Servizi di livello intermedio 102 Riabilitazione ex art Servizi di livello residenziale 104 Riabilitazione residenze ex art Volontariato e terzo settore 106 Le reti di solidarietà del comune di Firenze 108 Anziani a Firenze 109 Riferimenti demografici 109 Stato di salute 110 Speranza di vita a 65 anni 110 Le malattie croniche 111 Stima di anziani fragili e non autosufficienti studio Bi.S.S. 112 Anziani in carico ai servizi sociali 114 Assistenza continua alla persona non autosufficiente 114 Risposte al domicilio 117 Contributi economici erogati 117 Servizi per la domiciliarità 118 Riabilitazione ex art 26 L 833/ Servizi per anziani fragili 120 Servizi semiresidenziali 121 Riabilitazione ex art 26 L 833/ Servizi residenziali 123 Riabilitazione ex art 26 L 833/ Centro d ascolto per famiglie di malati Alzheimer 124 Persone con disabilità 126 Dati demografici 126 Domande di accertamento handicap legge 104/ Disabili con meno di 65 anni in carico ai servizi 129 Risposte al domicilio 130 Contributi economici 130 Servizi per la domiciliarità 131 Servizi di livello intermedio 132 Centri diurni di riabilitazione ex art.26 L.833/

6 Servizi di livello residenziale 134 Servizi innovativi per l autonomia 134 Altri interventi per l integrazione sociale dei soggetti deboli a rischio 135 Le donne 136 Dati demografici 136 Lavoro e occupazione 136 Stato di salute 137 Mortalità 137 Ospedalizzazione per gravidanza, parto e puerperio 138 Le interruzioni volontarie di gravidanza 139 Ospedalizzazione per IVG 140 Assistenza distrettuale 141 Attività di prevenzione rivolta alla donna: gli screening oncologici 141 Assistenza consultoriale 141 Risposte al domicilio 142 Contributi economici 142 Servizi per la domiciliarità 143 I minori 145 Dati demografici 145 Alunni stranieri nel sistema scolastico 145 Stato di salute 146 Mortalità 146 Assistenza distrettuale 147 Consultori pediatrici 147 Centri Consulenza Giovani 148 Minori in carico ai servizi sociali 149 Risposte al domicilio 151 Contributi economici 151 Servizi per la domiciliarità 152 Riabilitazione ex art Servizi di livello intermedio 153 Riabilitazione ex art Servizi di livello residenziale 154 Le pronte accoglienze 156 Centro Sicuro 158 Welfare d accesso: centro affidi e centro adozioni 159 Centro affidi 159 Centro adozioni 160 Salute mentale 162 Salute mentale adulti 162 Ospedalizzazione per malattie psichiche 163 Salute mentale infanzia-adolescenza 164 Dipendenze 165 Le tossico-dipendenze 166 L etilismo 168 Servizi di prevenzione e contrasto alle dipendenze 170 Povertà e marginalità 173 Stima povertà relativa e assoluta a Firenze 173 3

7 Attività di inclusione sociale 174 I contributi 174 Attività del servizio casa 176 Il sistema dell accoglienza: dal Polo della Marginalità alle Emergenze 176 Gli immigrati accoglienza e integrazione 182 Strutture residenziali per richiedenti asilo politico, rifugiati e immigrati 183 Lo Sportello Unico Comunale Immigrazione 184 Altri servizi forniti agli immigrati 185 Carcere e misure alternative 185 Il Garante dei Diritti dei Detenuti 186 Interventi di contrasto alla prostituzione, alla violenza e agli abusi 187 Collegamenti Interventi Prostituzione (CIP) 187 Numero Verde 187 Parte IIIa-Monitoraggio e Vautazione 189 Risorse sociali investite nel POA Il monitoraggio del Piano Attuativo 189 Le azioni del POA 189 Spesa sociale del Comune di Firenze 194 La spesa sociale rilevata da ISTAT 194 La spesa sociale a confronto 194 La spesa sociale di Firenze 195 Glossario 199 4

8 Presentazione Questa relazione descrive le caratteristiche principali e gli effetti delle diverse componenti della società fiorentina, mettendo in luce i punti di forza e di debolezza dello stato di salute della città. Attraverso dati statistici relativi ai servizi offerti sul territorio, siano questi sociali o sanitari, vuole individuare alcuni obiettivi da perseguire con il prossimo Piano Integrato di Salute. Il quadro di riferimento sanitario e sociale di Firenze mette in evidenza una città caratterizzata da un buono stato di salute della popolazione, confermato da una vita media più lunga e una bassa mortalità generale, e una serie di problemi connessi, quali: le necessità assistenziali ed i relativi costi causati dall elevata presenza di anziani, l equità di accesso alle risorse per tutte le generazioni presenti e future, servizi per l'infanzia per equilibrare vita lavorativa e sfera familiare, nuovi rischi povertà alla luce della crisi economica, innescata nel 2007 dalle difficoltà del settore finanziario negli Stati Uniti e trasformata nel più grave episodio recessivo della storia recente. Il è stato un biennio difficile per l economia: gli indicatori economici mostrano difficoltà nel mondo del lavoro con un tasso di disoccupazione in crescita, il prodotto interno lordo in diminuzione e una riduzione della propensione al risparmio delle famiglie, con riflessi negativi sui consumi. La perdita di occupazione ha riguardato soprattutto i giovani che già negli anni precedenti ritardavano la loro uscita dalla famiglia di origine per le difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro. Da un lato il ritardo nel passaggio alla vita adulta con il conseguente rinvio nel tempo delle decisioni di formazione di una unione dall altro la scarsa natalità, hanno portato ad un cambiamento della struttura della famiglia. Il fenomeno della pluralizzazione delle forme familiari è tipico della società moderna e la famiglia numerosa di un tempo ha lasciato il posto a famiglie piccole (con 2 componenti in media), con un aumento delle famiglie formate da una sola persona (45,1%) e di quelle monogenitoriali con figli (14%). La dinamica migratoria è ancora determinante ai fini della crescita demografica. I cittadini stranieri residenti, pari a unità, sono in aumento rispetto all anno precedente del 13% e costituiscono il 12,5% del residenti totali mentre erano solo il 5% nel Questo andamento fa riflettere su come elevati flussi migratori presentano immediati vantaggi in termini di aumento di capitale umano disponibile e al contempo comportano nuovi bisogni: si pensi al sistema scolastico, all impatto sul sistema sanitario e in ambito sociale. La presenza di donne immigrate influisce in particolare sulle problematiche in campo riproduttivo e materno-infantile: i 5

9 comportamenti riproduttivi sono influenzati dalla nazionalità della donna, come dimostra la differenza fra il tasso di fecondità calcolato per le donne italiane e per le donne straniere e la frequenza delle IVG che presenta una particolare specificità nelle donne non italiane. Il saldo fra nati e morti resta negativo: il numero medio di figli per donna ha raggiunto il valore di 1,4 superiore ai valori di minimo registrati negli anni precedenti, ma sempre lontano da 2,1 figli per donna, valore considerato ottimale per mantenere stabile una popolazione visto che tale è il numero di sostituzione della coppia. Il saldo naturale negativo deriva in parte anche dal processo di invecchiamento della popolazione, per cui aumentano gli individui nelle fasce di età più avanzate e, pertanto, aumentano in termini assoluti i decessi. Un maschio appena nato ha una speranza di vita di quasi 80 anni e una femmina di 85 anni, mentre i maschi nati 13 anni fa avevano una speranza di vita pari a 76 e le femmine 82. Si riconferma il vantaggio femminile in termini di sopravvivenza, ma il divario tende a ridursi. Analoga situazione si riscontra per la speranza di vita a 65 anni: sono sempre le donne a godere di una più elevata aspettativa di vita. Anche i tassi di mortalità generale, standardizzati per età, di Firenze indicano un buono stato di salute: infatti sia per i maschi che per le femmine si hanno valori più bassi di quelli regionali e il tasso di mortalità totale, senza distinzione di sesso, ha il valore più basso di tutta la regione. Vista la struttura anziana della popolazione fiorentina, le patologie degli anziani, soprattutto malattie cardiovascolari, tumori, malattie neurologiche dominano il profilo di salute di Firenze. Il tasso di mortalità per malattie circolatorie, sia tra i maschi che tra le femmine per la zona di Firenze, è uno tra i più bassi di tutta la regione. La mortalità per malattie cardiovascolari è diminuita notevolmente e azioni di prevenzione possono ancora indurre riduzioni di incidenza molto favorevoli data la relazione tra l insorgenza di alcune malattie cardiovascolari e cerebrovascolari e determinate condizioni e stili di vita (diabete, abitudine al fumo, sovrappeso/obesità, ecc.). I tumori, a Firenze come in Italia e come in molti paesi europei, rappresentano la seconda causa di morte dopo le malattie cardio-vascolari. Il complesso della patologia oncologica presenta in generale andamenti divergenti: in crescita per quanto riguarda l incidenza, in diminuzione per la mortalità. Questo andamento va attribuito in parte ad una crescente attività di diagnosi precoce ed in parte ad una maggiore efficacia dei trattamenti. Se a Firenze la mortalità per tumori e per le principali sedi tumorali, presenta tassi analoghi ai valori medi regionali, si segnalano valori più elevati per tumore del polmone nelle femmine. Analogamente anche l accesso all ospedale per tale causa a Firenze è maggiore rispetto ai valori 6

10 regionali. Altra patologia per cui si ha un elevato ricorso all ospedale è rappresentata dai disturbi psichici. Di fronte, da una parte, alle elevate richieste di cure ospedaliere (il tasso di ospedalizzazione di Firenze continua ad essere superiore al valore medio della AUSL 10, anche se nell ultimo triennio si registra una tendenza alla diminuzione) nonché di prestazioni sanitarie ambulatoriali e specialistiche (più di 6 milioni di prestazioni specialistiche annue) e, dall altra, ad una spesa per farmaci pari a 64 milioni annui e ad un aumento continuo della frequenza delle patologie cronico-degenerative (che una volta insorte impongono assistenza sanitaria per il resto della vita), si rende sempre più necessario integrare l assistenza sociale e quella sanitaria per un efficiente utilizzo delle risorse e adottare modelli innovativi per l assistenza territoriale anche in continuità con l assistenza ospedaliera. Per questo Firenze ha sperimentato già dal 2008 il percorso della non autosufficienza: un sistema unico che integri gli aspetti sanitari e sociali in grado di garantire una risposta assistenziale tempestiva, appropriata e flessibile, di avere un funzionamento efficace dell accesso, della valutazione e della presa in carico ed, infine, di essere un sostegno alla permanenza a domicilio della persona non autosufficiente. Le richieste di valutazione per la non autosufficienza nel 2009 sono state e di queste il 58% sono state valutazioni di casi già conosciuti e il 42% nuovi casi. I casi valutati non autosufficienti sono stati in aumento del 45% rispetto al 2008 e del 54% rispetto al Le risposte ai bisogni dei non autosufficienti sono state: ricoveri in residenze sanitarie assistenziali (RSA), più di persone; centri diurni, 266 soggetti; prestazioni al domicilio dirette e/o indirette (es. contributo badanti). Molto importanti anche i servizi sanitari offerti al domicilio quali l assistenza infermieristica e l assistenza domiciliare programmata del medico di base. Sono state le persone con Assistenza Infermieristica Domiciliare per un totale di prestazioni; i Medici di Medicina Generale hanno effettuato accessi a casa dei pazienti. La sanità di iniziativa si pone quale modello operativo ed organizzativo per contrastare in maniera più adeguata il sempre maggiore impatto delle malattie croniche sulla popolazione. La finalità è quella di prevenire l insorgenza delle patologie croniche e di ritardarne l aggravamento laddove già presenti, adottando un approccio proattivo. Su 305 Medici di Medicina Generale che operano sul territorio del comune di Firenze, 53 hanno aderito alla sperimentazione: quasi sono gli assistiti in carico a tali MMG pari ad un 17% della popolazione totale assistita. Ogni anno persone con problematiche sociali si rivolgono al Segretariato Sociale per avere informazioni sui servizi offerti. Presso i 12 centri sociali presenti sul territorio fiorentino, 127 7

11 assistenti sociali, pari ad 1 ogni residenti, hanno seguito più di persone, di cui più di rappresentate da nuovi casi. Coloro che hanno avuto una prestazione sociale come l erogazione di un contributo economico, che hanno frequentato centri diurni o sono stati ricoverati in strutture residenziali sono stati quasi 8.000, di questi il 43% è rappresentato da anziani, il 35% da adulti e il 22% da minori. L impegno di Firenze nel Sociale è ancor più messo in evidenza dai dati di spesa: 92 milioni pari a 249,8 di spesa sociale per ogni abitante. Firenze esercita una grande capacità attrattiva, che va ben al di là del suo hinterland territoriale; ciò porta anche a forti riflessi sui servizi sociali connessi al manifestarsi, in varie forme, della marginalità di strada, di emergenze alloggiative e di più generali necessità di accoglienza. Molti di coloro che sono accolti dal sistema (polo della marginalità, affittacamere, emergenza freddo, strutture richiedenti asilo e immigrati) - circa persone - sono immigrati, senza fissa dimora, ex detenuti, persone non residenti a Firenze che su questa gravitano ed incidono. Ricordiamo anche il fenomeno dei Minori Stranieri Non Accompagnati, in diminuzione dopo le misure adottate con il pacchetto sicurezza L.94/2009, ma che vedono comunque 133 ragazzi inseriti in strutture di pronta accoglienza, strutture capaci di fronteggiare l emergenza di un minore che si trova solo senza un adulto che se ne prenda cura. D altra parte anche alcuni servizi sanitari come quelli per l assistenza alle dipendenze e quelli di salute mentale si devono fare carico di una quota di persone non fiorentine. Gli utenti dei servizi di salute mentale per adulti sono stati più di 6.000, sono stati i nuovi utenti. Questo vuol dire che ogni abitanti quasi 19 persone sono in carico ai servizi di salute mentale. Anche i servizi di salute mentale per infanzia-adolescenza hanno numeri importanti di pazienti assistiti: ragazzi in carico, 900 i nuovi utenti. Le persone che si rivolgono ai Servizi territoriali per le dipendenze (SerT) e per l alcolismo (SAT) possono dare un idea del fenomeno ma non la reale diffusione di queste problematiche poiché solo una parte di soggetti potenzialmente interessati si rivolge ai servizi sanitari. Complessivamente a Firenze sono stati seguiti soggetti (compresi 182 utenti del carcere di Sollicciano): dai SerT e dai SAT. I dati presentati fanno emergere ancora una volta l importanza e la necessità di un approccio preventivo. Si deve sempre più incidere sia sui giovani che sugli adulti, per evitare l acquisizione di comportamenti a rischio e per stimolare l adesione a stili di vita salutari, in modo da evitare decessi prematuri e ritardare il più possibile il manifestarsi di malattie e di disabilità. Ma si deve incidere anche sugli anziani per cercare di far sì che le persone restino sane e autosufficienti per il maggior tempo possibile. Il quadro di salute e dei servizi che emerge è buono anche se ancora permangono elementi critici nelle disuguaglianze di salute e 8

12 di accesso e dimensionamento dei servizi. La sfida maggiore dei prossimi anni sarà, a fronte di minori risorse, garantire lo stesso livello di risposta sanitaria e sociale. 9

13 Sintesi Sintesi Parte I - Profilo di salute di Firenze Numeri in evidenza AL 31/12/ residenti di cui stranieri Bilancio demografico: saldo naturale saldo migratorio L aspetto demografico di Firenze Variazioni temporali Al 31 dicembre 2009 i residenti a Firenze sono ossia in più rispetto all'anno precedente. L'incremento è dovuto al saldo migratorio che per il 2009 ha fatto registrare il valore di unità. Il saldo naturale, cioè la differenza tra nati e morti, fa registrare un valore negativo pari a unità in quanto i nati sono e i morti E da segnalare che il numero dei nati del 2009, insieme a quello del 2008, è il più elevato dalla fine degli anni settanta. Lo stesso saldo naturale è in aumento dalla fine degli anni novanta benché rimanga sempre negativo sono i residenti con più di 65 anni; 32,5% anziani che vivono da soli Indice di vecchiaia 218,3 a Firenze 184,1 in Toscana 144 in Italia Elementi strutturali Firenze è una città strutturalmente vecchia con un elevata presenza di anziani soli; il processo di invecchiamento demografico sta incrementando nella popolazione il contingente di anziani, soprattutto donne, in termini assoluti e relativi; tutto ciò ha ripercussioni in termini economici, sociali e sanitari. La percentuale di anziani sul totale dei residenti, è passata dal 24,4% nel 1999 al 25,7% nel Alcuni indicatori quali l indice di vecchiaia e l indice di struttura sintetizzano la struttura demografica della città. In particolare l indice di vecchiaia fiorentino, pur rimanendo alto è comunque diminuito rispetto a quello del 2005 grazie all aumento del numero di ragazzi con età fino a 14 anni. Stranieri per 100 abitanti: Firenze 12,5 Toscana 9,1 Italia 7,0 Elevata presenza di popolazione immigrata da altri paesi Nella città sono residenti persone con cittadinanza non italiana, il 12,5% della popolazione totale. I principali gruppi nazionali presenti a Firenze nel 2009 sono: romeno, albanese, peruviano, filippino e cinese. La maggiore presenza di stranieri in relazione alla popolazione residente si ha nel Quartiere 1, dove rappresenta poco meno del 19% del totale dei residenti. 10

14 famiglie totali famiglie unipersonali (45,1% ) coppie con figli (20,9%) monogenitoriali con figli (14,0%) Famiglie sempre più piccole Le modifiche strutturali demografiche e sociali in atto hanno cambiato la struttura delle famiglie che gradualmente stanno perdendo il loro ruolo di rete di supporto. Il numero delle famiglie a Firenze è aumentato grazie all incremento delle famiglie con componenti di cittadinanza non italiana che è passato dall 8,5% del 2007 al 9,9% del Diminuiscono invece le famiglie italiane. La composizione media di una famiglia fiorentina è bassa e pari a due individui. Le famiglie composte solo da un individuo sono il 45,1% delle famiglie totali. Il numero di famiglie monogenitoriali ha avuto un aumento dal 2002 al 2009 di circa l 8,1% e costituiscono il 14,0% delle famiglie totali. Stato di Salute di Firenze Speranza di vita alla nascita: Firenze (anno 2008) 80,0 anni per i maschi 85,0 anni per le femmine Toscana (anno 2008) 79,7 anni per i maschi 84,8 anni per le femmine Tassi di mortalità generale per sesso: Firenze (triennio ) Totale 9,47/1.000 Maschi 12,26/1.000 Femmine 7,78/1.000 Toscana (triennio ) Totale 10,09/1.000 Maschi 12,84/1.000 Femmine 8,19/ decessi totali (anno 2009) La situazione di Firenze presenta un quadro nella maggior parte dei casi ampiamente positivo che può essere così sintetizzato nei seguenti punti. La speranza di vita alla nascita ha raggiunto 80 anni nei maschi ed 85 anni nelle femmine, con un differenziale di 5 anni tra i due sessi. Tali valori sono simili ai valori medi della AUSL10 e leggermente superiori a quelli della Toscana. La mortalità generale, dopo la standardizzazione per età, presenta a Firenze valori leggermente più bassi rispetto a quelli regionali, sia nei maschi che nelle femmine. I tassi di mortalità generale hanno continuato la loro tendenza progressiva alla riduzione anche nell ultimo decennio. I decessi prima dei 65 anni, importante indice di mortalità prematura, presentano valori simili alla media regionale per entrambi i sessi. Il tasso di mortalità infantile di Firenze (3,53) invece è superiore a quello dell intera Ausl 10 (2,42)e a quello medio regionale (2,44), anche se, per l elevata variabilità casuale del fenomeno dovuta al ridotto numero di eventi, i confronti con altre aree non sono facili da valutare. In particolare è il tasso di mortalità neonatale (3,31) ad essere più elevato sia rispetto al dato regionale (2,27) che al dato aziendale (2,06), mentre la natimortalità (2,08) è migliore sia del dato regionale (3,17) che aziendale (2,29). Per i maschi il tasso di primo ricovero è più alto rispetto alla media regionale per: - malattie del sistema nervoso - disturbi psichici Per le femmine il tasso di primo ricovero è più alto Il tasso di primo ricovero per tutte le cause, standardizzato per età, di Firenze è leggermente superiore al tasso medio aziendale e a quello regionale. Confrontando il tasso di primo ricovero per il 2009 ed il 1999 si può notare una riduzione di questo in tutte le zone distretto della Ausl e a livello regionale, più evidente tra i maschi. Anche il tasso di ospedalizzazione (che prende in esame il totale complessivo dei ricoveri per tutte le 11

15 rispetto alla media regionale per: - tumori (tumore del polmone) - disturbi psichici - traumatismi cause) standardizzato per età a Firenze è superiore al tasso medio aziendale e regionale. Anche quest ultimo parametro evidenzia per i due anni considerati, il 2009 ed il 1999, una tendenza progressiva alla riduzione: tale riduzione è maggiore nei maschi in tutte le zone distretto tranne che nella zona Fiorentina Sud-Est. Sei principali cause di morte (anno 2009): 37,0% malattie circolatorie 29,6% tumori 12,7% altre cause 9,0% malattie respiratorie 4,4% sistema nervoso 3,9% apparato digerente Tra i più bassi della Regione sia per maschi che per femmine. In aumento la mortalità per malattie respiratorie nei maschi (anni ) I dati di mortalità e quelli di ricovero ospedaliero disaggregati per patologia forniscono un quadro della frequenza e della relativa importanza delle principali malattie. Le cause di morte più frequenti sono rappresentate dalle malattie circolatorie (37%) e dai tumori (29,6%). Nel complesso le prime 6 cause di morte sono responsabili dell 87% del totale dei decessi. La maggior parte delle cause di morte ha mostrato importanti riduzioni nella seconda metà degli anni 90. Le diminuzioni maggiori riguardano in generale le malattie circolatorie e quelle del sistema digerente per le femmine ed i tumori nei maschi. In diminuzione, ma pur sempre alta rispetto alle altre province, la mortalità per malattie respiratorie nelle donne (anni ) Altri fattori che incidono sullo stato di salute Gli inquinanti per i quali non sono rispettati i valori di riferimento fissati dalla normativa sono (anno 2009): particolato (PM10) biossido di azoto (NO2) ozono (O3) Dal 2003 al 2009: tasso di motorizzazione -7,3% domanda trasp. pubblico +5,6% 36,6% è la percentuale di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti solidi urbani raccolti (anno 2009) Ambiente La situazione dell aria nel 2009 rileva dei livelli di inquinamento entro la soglia limite per inquinanti quali il biossido di zolfo (SO2), monossido di carbonio (CO), benzene (C6H6) e benzo[a]pirene (C20H12). Gli inquinanti per i quali, invece, non è raggiunto e consolidato il rispetto dei valori di riferimento fissati dalla normativa, sono ancora il particolato (PM10), il biossido di azoto (NO2) e l ozono (O3). E in aumento rispetto al 2008 il consumo pro-capite di gas metano (+5,6%). E invece in diminuzione il consumo di energia elettrica per uso domestico (- 1%). Con 679,7 Kg/anno pro-capite, Firenze è tra le città italiane con maggiore intensità di produzione di rifiuti solidi urbani. Negli ultimi anni si è registrata una crescita consistente della raccolta di rifiuti differenziati che sono passati dal 28% nel 2003 al 36,6% nel 2009, leggermente in calo rispetto al dato del 2008 (37,4%). 12

16 PIL Var % Italia - 2,8 Toscana - 4,3 Tasso di occupazione (anno 2009) Italia 57,5% Toscana 64,8% Provincia di Firenze 67,8% Tasso di disoccupazione (anno 2009) Italia 7,8% Toscana 5,8% Provincia di Firenze 5,0% Variabili socioeconomiche Nel 2009 la congiuntura economica italiana ha conosciuto l inizio della fase recessiva tuttora in corso che ha riguardato anche la Toscana. Secondo il rapporto sull economia fiorentina a cura della Camera di Commercio il Pil pro-capite del 2009 per la provincia Firenze è circa , diminuito del 5% circa rispetto al Il rapporto tra disoccupati e forze lavoro a livello nazionale, dopo nove anni di discesa ininterrotta torna a crescere. Anche la Toscana e la provincia di Firenze fanno registrare un aumento del tasso di disoccupazione. Studio Passi (anno ) (% degli intervistati ultraquattordicenni dell Asl 10) colesterolemia: 21,7% ipertensione: 20% fumo: 29,6% bevitori a rischio: 21% Stili di vita Secondo i dati dell OMS quasi 9 decessi su 10 e oltre il 75% della spesa sanitaria in Europa e in Italia sono causati da alcune patologie che hanno tra loro un minimo comune denominatore: in stili di vita errati. I principali fattori di rischio sono: ipertensione arteriosa, elevati livelli di colesterolemia, obesità, fumo, consumo eccessivo di alcol, scarsa attività fisica ed errori alimentari, quali ad esempio una dieta iperproteica e un consumo ridotto di frutta e verdura. Aumento delitti denunciati dal 2008 al 2009 Italia +3% Toscana +1,7% Firenze Provincia +2% Criminalità e sicurezza Nella provincia di Firenze i delitti denunciati sono stati Dal confronto tra i dati 2009 con quelli del 2008 per categorie di delitti denunciati nella provincia di Firenze, si osserva che sono diminuiti del 38% gli omicidi volontari (con un valore assoluto pari a 5 eventi), del 17% le rapine (con valore assoluto pari a 466 eventi), del 13% lo sfruttamento della prostituzione (con valore assoluto pari a 41 eventi), mentre si riscontra un aumento del 25% delle violenze sessuali (pari a 41 eventi in valore assoluto) e del 18% dei tentati omicidi (valore assoluto pari a 13 eventi). A Firenze nel 2008 sono avvenuti: incidenti stradali di cui: con lesioni alle persone 25 mortali Incidenti stradali A Firenze nel 2009 sono avvenuti incidenti stradali, di cui con lesioni alle persone e 25 mortali. Quest ultimo dato ha subito un forte incremento rispetto al 2008, quando si sono registrati 14 incidenti mortali, ed è in controtendenza rispetto all ultimo triennio che aveva visto lentamente diminuire le vittime della strada nel territorio comunale. L 80% dei decessi ha riguardato persone di genere maschile. La fascia di età maggiormente coinvolta in incidenti è quella dai 35 ai 40 anni. Le strade a maggiore incidentalità sono essenzialmente le grandi arterie e i 13

17 viali di circonvallazione. Qualità della vita (ricerca del Sole 24ore) (anno 2009) Firenze 14 posto del punteggio complessivo delle province La qualità della vita I risultati della tradizionale ricerca de Il Sole 24 Ore, volta a misurare vari aspetti che determinano la vivibilità delle 103 province italiane, forniscono indicazioni utili a definire il contesto in cui la città è inserita. Nella classifica complessiva delle province Firenze si colloca al 14 posto, due posizioni in meno rispetto al Problematici per Firenze si presentano gli aspetti legati all ordine pubblico e alla sicurezza mentre si aggiudica ottime posizioni nei settori del tempo libero (2 ) e dei servizi ambiente e salute (5 ). È doveroso evidenziare che Firenze, pur non avendo una buona posizione per quanto riguarda la sicurezza e l ordine pubblico (99 ), si trova comunque in posizione migliore rispetto ad altre aree mediograndi del centro-nord: Bologna (104 ), Torino (107 ), Roma (103 ) e Milano (105 ). 14

18 Sintesi Parte II - Profilo dei servizi sociali, sanitari e sociosanitari Numeri in evidenza Dati al 2009 Accessi Segretariato sociale accessi, di cui: invii al SSP invii altro servizio e/o informazioni effettuate 835 richieste di primo contatto per valutazione NA Punto Insieme Presidi Infermieristici 23 richieste di primo contatto per valutazione NA Presidi SIAST richieste di valutazione NA PUA richieste di prima valutazione NA e/o di rivalutazione Quadro dei servizi Accesso e Servizi Integrati Assistenza Sociale Territoriale Il Segretariato Sociale svolge un attività di indirizzo ed orientamento presso i 12 centri sociali presenti sul territorio fiorentino. Nel 2009 gli accessi sono stati 4.932, stabili rispetto al Sono state circa le richieste di valutazione e/o rivalutazione per la non autosufficienza. Nel 2009 sono stati presi in carico dal Servizio Integrato di Assistenza Sociale Territoriale persone, con una lieve diminuzione rispetto all anno precedente (-0,9%). Gli utenti che hanno fruito di almeno una prestazione esterna sono stati circa 8.000, in maggioranza (48%) anziani. Sono utenti con prestazioni esterne 39 anziani ogni anziani residenti, 29 minori ogni minori residenti e 12 adulti ogni adulti residenti. SIAST e Centri sociali 127 AASS per un tasso pari a 1 AS ogni residenti utenti in carico di cui: minori adulti anziani utenti con prestazioni esterne, di cui: 48% anziani 34% adulti 18% minori con prestazioni così ripartite: 37% residenziale 33% contributi economici 21% servizi domiciliari diretti 9% servizi intermedi istanze di valutazione della NA 15

19 persone assistite dal Medico di Medicina Generale o dal pediatra di cui non residenti (5,1%) 305 MMG: 0,93 ogni abitanti di età 14 anni. 44 PLS convenzionati con AUSL: 1,03 ogni abitanti di età <14 anni. Assistenza medica di base Tutti i cittadini hanno diritto all assistenza medica di base prestata o da un Medico di Medicina Generale (MMG) o da un Pediatra di Libera Scelta (PLS). Nel 2009 risultano essere assistite a Firenze persone, di cui circa (5,1%) non residenti anagraficamente nel Comune di Firenze. Nel territorio del comune di Firenze operano 305 MMG convenzionati con AUSL: quasi 1 ogni abitanti di età 14 anni. I minori di 14 anni sono assistiti da 44 PLS convenzionati con AUSL, poco più di 1 ogni abitanti di età <14 anni le prestazioni specialistiche erogate di cui da strutture pubbliche (97%) le prestazioni di laboratorio-analisi le prestazioni di medicina fisica e di riabilitazione, svolte al 100% dai Presidi Pubblici. Assistenza specialistica ambulatoriale e diagnostica strumentale Il 75% delle prestazioni erogate ha riguardato esami di laboratorio seguite, in ordine di frequenza, da quelle di radiologia tradizionale e dalle ecografie. L attività di laboratorio-analisi è stata svolta quasi totalmente dai Presidi Pubblici: dal 2,9% di prestazioni erogate nel 2008 dai Presidi Privati si è passati, nel 2009, allo 0,1%. Le prestazioni specialistiche totali, senza le prestazioni di medicina fisica e riabilitazione, sono in aumento dal 2006 ad oggi ed in particolare del 4,9% rispetto al Tasso di erogazione delle prestazioni: 16 prestazioni per abitante accessi al Pronto Soccorso senza ricovero successivo ricoveri ordinari o in day hospital di fiorentini in Toscana. Tasso di ospedalizzazione: 169,6 nel 2007, 166,0 nel 2008 e 163,0 nel Tasso dei DRG Medici: 97,7 nel 2007, 95,0 nel 2008 e 92,9 nel Tasso reparto lungodegenza: 4 nel 2007, 3,8 nel 2008 e 4 nel Assistenza ospedaliera Il numero di accessi al Pronto Soccorso, non seguiti da ricovero ospedaliero, da parte di residenti fiorentini è di poco inferiore alle unità. Il 39,5% degli accessi sono avvenuti a Careggi. Poco più di sono i ricoveri effettuati dagli ospedali toscani per i fiorentini. Il tasso di ospedalizzazione (per abitanti) di Firenze è superiore al valore medio della AUSL 10 e a quelli delle altre zone. Tale dato è in parte dovuto alla struttura più vecchia della popolazione del comune di Firenze, ma è anche influenzato dalla diversa struttura sociale della città (es. rete di supporto familiare più debole) e dalla maggior presenza di fenomeni di disagio sociale. Nell ultimo triennio si osserva comunque una tendenza alla diminuzione del tasso di ospedalizzazione ed in particolare per i DRG Medici. E invece stabile il tasso di ospedalizzazione in lungodegenza. 16

20 Assistenza farmaceutica convenzionata: euro spesa netta 173,6 euro spesa netta procapite 18,3 euro spesa netta per ricetta 9,5 ricette per abitante Erogazione diretta dei farmaci: euro spesa lorda 91,8 euro spesa pro-capite ricette prescritte Assistenza farmaceutica Nella zona-distretto di Firenze, l assistenza farmaceutica convenzionata, rappresentata dai farmaci consegnati dalle farmacie territoriali, registra una spesa netta di oltre 64 milioni di Euro, quasi la metà della spesa dell intera Ausl10. Rispetto al 2007 la spesa netta pro-capite è in diminuzione del 10% circa. Quella per ricetta diminuisce di circa il 7%. Il numero di ricette per abitante è stabile dal 2007 ad oggi. L erogazione diretta dei farmaci ricomprende tutti i farmaci che vengono erogati attraverso le strutture del servizio sanitario regionale. Rispetto al 2008 il numero di ricette per farmaci erogati direttamente è diminuito (-4% circa) mentre è aumentata la relativa spesa (+4% circa). Ciò probabilmente è dovuto alla sempre maggiore consegna diretta dei farmaci ad alto costo interventi del Servizio di Emergenza Sanitaria (118) trasporti in DEA Screening mammografici eseguiti su inviti pap-test eseguiti su inviti al colon-retto eseguiti su inviti Consultori prestazioni utenti di cui: consultori familiari 258 consultori immigrati 957 consultori adolescenti Assistenza distrettuale L assistenza distrettuale riunisce varie tipologie di servizi quali, ad esempio, l emergenza sanitaria territoriale, gli screening, le attività distrettuali propriamente dette (Assistenza infermieristica ambulatoriale e domiciliare, Assistenza Domiciliare Programmata del MMG e del PLS, Assistenza Domiciliare Integrata ADI tutte trattate nelle risposte al domicilio), quelle consultoriali (educazione sessuale, assistenza sociale, psicologica, per l interruzione volontaria della gravidanza, consulenza e visite ostetrico-ginecologiche, adempimenti per affidamento e adozioni, vaccinazioni), l assistenza ai malati terminali (Cure palliative e Hospice), assistenza alle persone con HIV. Gli interventi del 118 nel 2009 sono in lieve aumento (+1%) rispetto al 2008, così come i trasporti in DEA (+4,6%) degli assistititi con mezzo attrezzato, compreso eliambulanza. Nel 2009, rispetto all anno precedente, gli screening mammografici diminuiscono del 43% (per la biennalità dell esame), mentre aumentano quelli del colon retto (+46%) e i pap test (+15%). Teniamo presente che in questo caso gli aumenti segnalati possono essere determinati anche dalla periodicità poliennale degli inviti. Rispetto al 2008, l attività consultoriale a Firenze nel 2009 registra un incremento di prestazioni erogate pari al 26,8%. In particolare è aumentato il numero degli utenti della fascia anni che hanno ricevuto prestazioni nei Consultori adolescenti (+148%) e il numero di gestanti che hanno partecipato ai Corsi di Accompagnamento alla Nascita (+24,4%). 17

Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze

Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze Daniela Balzi e Alessandro Barchielli U.O. Epidemiologia AUSL 10 Firenze Katia Cigliuti, Fabiola Ganucci, Giacomo Giannelli, Vanna Mugnaini

Dettagli

Relazione sullo stato di salute di Firenze. Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008

Relazione sullo stato di salute di Firenze. Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008 Relazione sullo stato di salute di Firenze Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008 Edizione 2009 Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze Katia Cigliuti, Vanna Mugnaini,

Dettagli

Profilo di salute e dei servizi socio sanitari. Relazione Sullo stato di salute di Firenze

Profilo di salute e dei servizi socio sanitari. Relazione Sullo stato di salute di Firenze Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Relazione Sullo stato di salute di Firenze Anno 2011 Edizione 2013 Il lavoro è stato curato da Osservatorio della SdS di Firenze Barbara Giachi Silvia Mammini

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI INDICATORE A 1 Metodo di calcolo Valore e descrizione Mortalità per tutte le cause Tasso annuo di mortalità: tutte le cause di morte per ciascun gruppo di età (Numero

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE

1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE 1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE Come richiamato nel Piano di Zona per la salute e il benessere sociale del distretto di Casalecchio di Reno 16 per il triennio 2009-2011 la situazione sociale è in forte

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Società della Salute di Firenze. Relazione annuale sullo stato di salute di Firenze. Anno 2005

Società della Salute di Firenze. Relazione annuale sullo stato di salute di Firenze. Anno 2005 Società della Salute di Firenze Relazione annuale sullo stato di salute di Firenze Anno 2005 Edizione 2007 Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze Daniela Balzi e Alessandro Barchielli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4 UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Lo stato di salute della popolazione

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA A. Rosano* Introduzione In Italia al 1/1/2000 l ISTAT stima essere regolarmente presenti in Italia circa 1.550.000 stranieri, pari al 2,9% della popolazione.

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL RELAZIONE SANITARIA 2008 www.provincia.bz.it/oep AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 23 - Sanità www.provin LA RELAZIONE

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

3 - Servizi sanitari

3 - Servizi sanitari 3 - Servizi sanitari B1 - Esistenza di un programma di sensibilizzazione e di educazione alla salute E proseguita anche nel 2000 l esperienza La scuola per una città sana e sostenibile, progetto integrato

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 Incontro di avvio della programmazione 2015 Obiettivo dell'incontro Un incontro in plenaria per capire a che punto del percorso siamo,

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini Giunta regionale Dip.to Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale Servizi alla Persona e alla Comunità Regione senza confini Riparto del Fondo Sanitario Regionale 2005-2006 (parte corrente) Linee guida ed

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti

Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti Dott. Fabrizio Ciaralli Direttore IV Distretto ASL RomaB Dott. Italo D Ascanio Dirigente medico

Dettagli

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA 1. SERVIZI E RISORSE 1.1 L ASSISTENZA TERRITORIALE I servizi che il territorio riminese è in grado di offrire ai diversi target di

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

I servizi sociosanitari nelle zone montane

I servizi sociosanitari nelle zone montane I servizi sociosanitari nelle zone montane San Giovanni Bianco (Bg Bg), 11 ottobre 2014 Dr.ssa Mara Azzi Direttore Generale Asl Bergamo PRINCIPALI EVIDENZE DEMOGRAFICHE ED EPIDEMIOLOGICHE L ambito della

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Diversamente Abili

Dettagli

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013 Consorzio Società della Salute Colline Metallifere Relazione al bilancio di esercizio 2013 Nella presente relazione al bilancio di esercizio 2013 si intendono evidenziare le informazioni sull'attività

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia 11 dicembre 2008 Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia Anno 2005 Sebbene negli ultimi anni sia stata notevolmente approfondita la conoscenza dei principali

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli