C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI"

Transcript

1 C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTO SERVIZI DOMICILIARI AI MINORI, ADULTI, ANZIANI E PORTATORI DI HANDICAP E SISTEMA DELLE CURE DOMICILIARI ART 1 - Individuazione del servizio Tipologia di servizio Servizio domiciliare per soggetti e nuclei familiari in difficoltà, tipologie: Servizio di Assistenza Domiciliare per soggetti anziani e per soggetti fragili (SAD); Servizio di Assistenza Domiciliare Disabili: ADD o ADH ovvero Aiuto personale ai disabili (ex art. 9 della legge n. 104) e interventi per la non autosufficienza di cui alla L. n. 328/2000 e Piano Locale per la non autosufficienza (PLNA); Servizio di Assistenza Domiciliare Minori per nuclei familiari, con minori, in difficoltà (ADM); Servizio di Assistenza Domiciliare per famiglie con genitori anziani e figli disabili psichici e fisici (denominato L Ancora ); Servizio di cure domiciliari-assistenza domiciliare integrata (ADI). Normativa di Riferimento L. 328/00 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; L. 104/92 Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate; L. 162/98 Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, concernenti misure di sostegno in favore di persone con handicap grave; - Piano Sanitario Regionale 2008/2010 approvato con la L.R. n. 5 del ; - Delibera di C.C. N. 57 dell' approvazione del Regolamento generale di accesso dei servizi sociali; - Piano Sociale Regionale ART.2 - Definizione del servizio Il servizio di assistenza domiciliare è un intervento di natura socio-assistenziale rivolto a soggetti in condizione di fragilità finalizzato a sostenerne la permanenza a domicilio e nel proprio contesto di vita. Si colloca nella rete dei servizi diurni e può essere attivato come servizio: stabile ed in grado di soddisfare i bisogni socio-assistenziali del soggetto; integrato con altri servizi; temporaneo, in risposta ad un bisogno definito; complementare ad altri servizi e di supporto alla realizzazione di un progetto personalizzato. L intervento si compone di un insieme di prestazioni rivolte alla persona ed all ambiente di vita in senso lato, sulla base di progetti individualizzati, caratterizzati da: continuità, operatività concreta di sostegno ed aiuto, mantenimento e sviluppo degli aspetti relazionali e sociali, fondamentali per favorire il benessere della persona. Finalità Le finalità del Servizio di Assistenza Domiciliare sono: Garantire il mantenimento della persona in situazione di fragilità nel proprio ambiente di vita;

2 Aiutare e favorire, per quanto possibile, l autonomia del soggetto disabile e la persona non autosufficiente. Stimolare il mantenimento delle sue abilità residue o migliorare il livello di autonomia del soggetto per ridurre o contenere lo stato di svantaggio esistenziale, attraverso un coinvolgimento attivo del soggetto; Rendere meno difficile la permanenza di tali soggetti in famiglia attraverso il necessario supporto ai nuclei familiari in difficoltà a svolgere funzioni di cura nei confronti del proprio familiare in situazione di svantaggio e più soddisfacente la qualità della vita anche sotto il profilo della relazioni affettive intrafamiliari e interpersonali; Assicurare un idoneo supporto al nucleo familiare che spesso non è in grado di far fronte con efficacia ai problemi innescati dalla presenza di un disabile grave all interno del nucleo familiare. Intervenire nel nucleo familiare di riferimento affinché lo stesso possa costituire il primo fondamentale nucleo assistenziale per il soggetto disabile, sia partecipe e diventi parte attiva nella realizzazione del progetto di assistenza; Attivare azioni positive per ridurre al massimo la condizione di isolamento e di emarginazione della persona disabile, con interventi mirati a favorire la vita di relazione e l integrazione sociale, stimolando la sua partecipazione a momenti di incontro e socializzazione e prevenire situazioni a rischio di emarginazione di persone che vivono in condizioni psico-fisiche e sociali precarie; Consentire le dimissioni protette a domicilio; Limitare il ricorso a strutture residenziali che comporterebbero costi elevati sia sul piano affettivo e sociale che sul piano economico ed evitare ricoveri impropri; Collaborare ed utilizzare la rete dei servizi del territorio per un intervento mirato e flessibile; Integrarsi con le offerte del privato sociale e della rete informale. ART. 3 Destinatari Il servizio di assistenza domiciliare si rivolge a soggetti residenti nel territorio del Comune di Lanciano e bisognosi di aiuto nella gestione di sé, dell ambiente di vita, delle relazioni e nella realizzazione di semplici attività esterne. Accedono al servizio inoltre le famiglie di soggetti fragili che necessitano di sostegno e aiuto nel compito di assistenza e cura. In particolare il servizio si occupa di: anziani, disabili, famiglie in difficoltà con minori, soggetti fragili soli o conviventi con familiari. L intervento può essere previsto anche per un tempo limitato utile alla ripresa delle capacità di gestione autonoma, momentaneamente compromesse. In particolare, i soggetti destinatari del servizio si caratterizzano per la presenza di problemi di autonomia e capacità organizzativa nella gestione di sé, nello svolgimento delle attività quotidiane e nei rapporti con il mondo esterno; in queste situazioni l assenza o la carenza di aiuti significativi, sia parentali che della rete informale, induce la richiesta di un intervento di sostegno dei servizi ad integrazione delle cure fornite dalla rete primaria. Gli interventi sono estesi ai destinatari di cui all art.2 del vigente regolamento per l accesso ai servizi sociali comunali, approvato con delibera di C.C. n. 57/2005. ART. 4 Requisiti Sono ammessi al servizio: - SAD (Servizio Assistenza Domiciliare): gli anziani che abbiano raggiunto l età di 65 anni, autosufficienti o parzialmente autosufficienti. Possono usufruirne, temporaneamente, anziani che si trovino in condizioni alquanto gravi in attesa di servizio più idoneo; - ADD (Assistenza domiciliare disabili): le persone con ridotta autonomia in possesso dei requisiti previsti dalla L.104/92 in situazione di gravità ai sensi dell art. 3 comma 3. Le persone

3 che presentino un handicap che non consenta loro lo svolgimento in modo autonomo delle normali attività quotidiane di cura della persona e di vita sociale, mancando il sostegno del nucleo familiare o risultando lo stesso insufficiente; - ANCORA: famiglie dove vi è la presenza di genitori anziani con figli disabili, in particolare disabili psichici; - ADI (Assistenza domiciliare integrata): persone che abbiano bisogni complessi sanitari e sociali tali da presupporre un elevato livello di coordinamento e di integrazione tra i diversi attori del sistema, superando il settorialismo e integrando competenze e servizi diversi; - ADM (Assistenza domiciliare minori): minori le cui famiglie siano impossibilitate o trovino difficoltà nell assicurare loro un adeguato sviluppo psico-fisico e della personalità nell ambito dei rapporti familiari e sociali. ART. 5 - Modalità di accesso Il servizio domiciliare può essere richiesto dal soggetto interessato e/o dai suoi familiari o altri soggetti che lo rappresentino, agli uffici competenti: Segretariato sociale, PUA,URP. La domanda, predisposta su apposito modulo, dovrà contenere le dichiarazioni inerenti la situazione del soggetto. L istruttoria della pratica avviene secondo le modalità di cui all art. 5 del vigente regolamento per l accesso ai servizi sociali comunali. Ammissioni e dimissioni L attivazione degli interventi di AD avviene su proposta dell Assistente Sociale competente previa valutazione integrata con gli altri operatori coinvolti nella gestione della situazione; nel caso di soggetti disabili/portatori di handicap-non autosufficienti (servizio ADI) la valutazione della richiesta e la progettazione dell intervento verrà effettuata in collaborazione con l équipe multidisciplinare del Distretto sanitario di base (UVMD) della Asl, che redige il Piano assistenziale individualizzato (PAI) e designa l operatore di riferimento sia per la persona assistita e i suoi familiari che per gli operatori che intervengono a domicilio per la realizzazione del progetto stesso. Sarà cura dell Assistente Sociale e dell équipe verificare la disponibilità del monte ore necessario per la realizzazione dell intervento richiesto. Qualora non vi fosse sufficiente disponibilità di ore verrà proposto l incremento del monte ore a disposizione e, in attesa, potrà essere disposto un piano di intervento alternativo avvalendosi di altri servizi e/o risorse. Qualora venisse rilevata l utilità di concludere l intervento per motivi diversi (superamento della condizione di bisogno, orientamento verso altri servizi, rinuncia al servizio da parte dell interessato, etc.) l assistente sociale curerà la dimissione dal servizio rendendone partecipe l interessato e la sua famiglia e curerà la comunicazione formale agli uffici competenti ( Ufficio di Piano). Lista d attesa Il servizio sociale, che raccoglie le domande di intervento presentate direttamente dai soggetti e/o dalle loro famiglie, qualora non vi siano sufficienti risorse per rispondere a tutte le richieste formula una lista d attesa. Le domande collocate in lista d attesa dovranno essere prese in considerazione a fronte di disponibilità di nuove risorse, secondo la collocazione in graduatoria fatta eccezione per situazioni che verranno prese in considerazione a prescindere dalla lista d attesa quali: dimissioni protette, fasi terminali o condizioni di emergenza che compromettono la vita della persona. Progetto di intervento L Assistente Sociale, raccolta la domanda presentata da parte dell interessato e/o della sua famiglia e valutati i bisogni, anche attraverso l unità di valutazione, formula il progetto di intervento e produce una relazione illustrativa contenente: - presentazione del caso, - descrizione della situazione familiare,

4 - bisogni ed interventi necessari, - ipotesi di intervento, - proposta operativa: attività e prestazioni da erogare, finalità, obiettivi, tempi ed orari di realizzazione, -durata dell intervento, modalità organizzative, tempi di verifica. Alla relazione è allegata la certificazione ISEE del reddito del nucleo familiare di appartenenza del soggetto ai fini della determinazione della partecipazione al costo del servizio. Il progetto verrà condiviso con l utente e la sua famiglia. Copia del progetto viene conservata nella cartella dell utente presso il servizio sociale e costituirà la base per le diverse fasi di realizzazione e verifica. L Assistente sociale, sulla base di quanto stabilito con il gestore operativo del servizio, si raccorda con il personale previsto nella realizzazione dell intervento per tutte le informazioni ed indicazioni necessarie per la corretta realizzazione delle attività previste, si farà carico inoltre di valutare e proporre eventuali modifiche all intervento in base alle necessità di ogni caso. Qualora l intervento subisse variazioni, modifiche, interruzioni, sospensione o proroghe, l Assistente Sociale di riferimento ne informerà gli uffici competenti per la gestione delle risorse relative al servizio. ART. 6 Organizzazione, strumenti e contenuti del servizio Luogo dell intervento L attività viene espletata a domicilio e, per le mansioni richieste e specificate nel progetto, in spazi collettivi esterni: ambulatorio medico, negozi, luoghi di aggregazione e socio occupazionali, centri di ritrovo, tenuto conto anche delle esigenze di relazione e/o di interventi straordinari. Strumenti di lavoro Sarà cura del gestore operativo fornire al personale: - gli strumenti necessari all esecuzione degli interventi previsti in ogni progetto individualizzato, - il materiale utile alla tenuta della registrazione degli interventi e dell aggiornamento dell evoluzione di ogni singola situazione in carico, - gli strumenti utili a tutelarsi da eventuali rischi per la salute nel corso dell espletamento del proprio lavoro. Orari e giorni di funzionamento Il servizio funziona dal lunedì al sabato nella fascia oraria dalle ore 8.00 alle ore 20.00, salvo diversa indicazione, da stabilire di volta in volta, in base ad esigenze particolari del soggetto interessato per un minimo di n.3 ore settimanali (salvo diversa volontà della persona assistita) ad un massimo di n.12 ore settimanali(salvo diversa valutazione di situazioni di eccezionale gravità fatta dall UVMD). Sono escluse prestazioni notturne. Nelle festività non si effettuano prestazioni domiciliari, tranne in casi particolarmente gravi e debitamente documentati, né vengono recuperati i giorni che ricadono nelle festività. Il servizio viene espletato nei giorni, nella fascia oraria e per il numero di accessi definiti nel progetto individualizzato. Sono possibili più accessi al giorno. Prestazioni Nell ambito del Servizio di Assistenza Domiciliare vengono attuate prestazioni di natura socio assistenziale che aiutano la persona svantaggiata a vivere adeguatamente nel proprio ambiente di vita salvaguardandone la relazione con il contesto familiare e sociale. Gli interventi assistenziali realizzati devono essere finalizzati alle situazioni individuali dei soggetti in carico considerandone la particolare situazione sociale, economica e relazionale.

5 Le strategie d intervento non possono prescindere dalla conoscenza della realtà della persona e si basano sulla valutazione del soggetto nella sua globalità psico-fisica, emotiva, affettiva e relazionale. In particolare le prestazioni previste fanno riferimento a: - osservazione del contesto di vita per acquisire elementi utili alla realizzazione del proprio intervento; - aiuto alla persona nella cura di se e del proprio ambiente di vita: cura e igiene personale, aiuto nella preparazione e somministrazione dei pasti, mobilizzazione, pulizia ambienti, riordino del letto e delle stanze, cambio biancheria; - spesa e commissioni esterne; - aiuto nel pianificare l organizzazione domestica in funzione dell autonomia e delle capacità del soggetto destinatario dell intervento; - aiuto alla famiglia nella cura del soggetto fragile; - interventi, esclusivamente espletati nell ambito del territorio comunale, volti a favorire il mantenimento e/o lo sviluppo delle capacità relazionali anche tramite il collegamento con l esterno, l affiancamento nei momenti di partecipazione ad iniziative socializzanti, riabilitative o di aggregazione secondo quanto previsto dal piano assistenziale ( accompagnamento ed accesso ai servizi, partecipazione ad attività ricreative-culturali del territorio o promosse dai servizi comunali, mantenimento dei rapporti parentali, amicali o di vicinato, informazioni su diritti, pratiche e servizi, disbrigo di semplici pratiche personali); - interventi con valenza riabilitativa e di accompagnamento all autonomia; - sostegno, ascolto del soggetto e di chi cura ed assiste; - interventi atti a modificare abitudini e comportamenti malsani; - attività tese a favorire un corretto inserimento nelle strutture scolastiche/educative e di formazione professionale; - segretariato sociale: informazioni su diritti (previdenziali sanitari assistenziali- ecc.) pratiche e servizi; disbrigo di semplici pratiche personali. Sono escluse più prestazioni della stessa natura domiciliare contemporaneamente,in quanto non si possono concedere più servizi domiciliari; se sono venuti a mancare i presupposti di accesso ad un servizio domiciliare si passa ad un altro. Servizi accessori od aggiuntivi - Servizi complementari Il servizio domiciliare potrà di volta in volta essere integrato con altri servizi sulla base dei bisogni, delle disponibilità, delle collaborazioni attivate anche con soggetti del privato sociale. I servizi complementari previsti nel Piano di Zona o interventi generali del Comune sono: - Servizio trasporto; - telesoccorso; - servizio di telecompagnia; - centri diurni per anziani e disabili. Programmazione, organizzazione, coordinamento Il servizio rientra nella logica della programmazione dell insieme dei servizi diurni per soggetti in condizione di fragilità, pertanto si integra con gli altri servizi diurni e semiresidenziali già attivi sul territorio; la programmazione tiene conto delle necessità espresse dal territorio, delle risorse economiche e dei servizi già attivi. La programmazione complessiva del servizio ed il coordinamento fa riferimento al servizio sociale di ambito. Gli operatori dell ambito garantiscono interventi finalizzati alla progettazione, avvio, verifica, realizzazione del servizio.

6 L Ufficio di Piano si fa carico di mantenere tutti i contatti formali con il gestore operativo del servizio e di mantenere informata l amministrazione comunale sui singoli interventi. ART. 7 Personale Il personale impiegato nel servizio di assistenza domiciliare è costituito da: operatore Socio-Assistenziale (OSA), Operatore Socio Sanitario (OSS), Assistente Educatore (AE), Educatore Professionale (EP). Le diverse figure professionali sono impiegate a seconda dei destinatari dell intervento e del progetto da realizzare. L Assistente Sociale del servizio di riferimento del soggetto si raccorda con altri operatori coinvolti nella gestione del caso e/o con l équipe multidisciplinare della ASL per predisporre il piano di intervento PAI (progetto assistenziale individualizzato) definendo: tempi, finalità, obiettivi, strumenti, verifiche, laddove è previsto. Il coordinamento del personale che opera nel servizio viene svolto dalla ditta incaricata alla quale compete il raccordo con il servizio sociale per tutti gli aspetti organizzativi e gestionali richiesti dal singolo caso; l assistente sociale garantisce tutti i supporti utili alla conoscenza della situazione da parte del personale interessato, alla presa di contatto ed all accompagnamento nell avvio del progetto, alla realizzazione di momenti di verifica. Rapporto operatori utenti Il rapporto tra gli operatori e gli utenti ha carattere esclusivamente professionale, pertanto non comprende iniziative personali che vadano oltre il progetto di intervento individualizzato. Eventuali richieste di intervento non previste nel progetto individualizzato dovranno essere valutate dall assistente sociale competente. Gli operatori del servizio si rapportano con l utente secondo le metodologie e le tecniche proprie di ogni singola professionalità, nel rispetto del piano di lavoro previsto. ART. 8 Ambiti di collaborazione Famiglie Alle famiglie viene chiesto di collaborare attivamente nella realizzazione del progetto personalizzato del proprio parente, mantenendo un costante scambio con il servizio sociale per il raggiungimento degli obiettivi condivisi. Enti, Servizi e Agenzie di territorio I rapporti tra il servizio sociale, gli operatori, le agenzie del territorio ed enti diversi, utili alla realizzazione di ogni progetto, dovranno essere improntati al rispetto dei ruoli e delle competenze, onde evitare l assunzione di iniziative scorrette e non rispondenti ai livelli di responsabilità di ogni parte coinvolta. Volontariato Il volontariato, sia a livello individuale che associativo, rappresenta una risorsa aggiuntiva che operando in collaborazione con il servizio sociale compartecipa alla realizzazione del servizio e ne integra gli interventi. ART 9 Sistema delle cure domiciliari Premessa L'allungamento della vita media ed il progressivo invecchiamento della popolazione, comportano il contestuale aumento dell'incidenza e prevalenza di poli-patologie cronico-degenerative e la progressiva perdita dell'autosufficienza. Il sistema di offerta assistenziale deve dare risposte efficaci e appropriate lungo tutto il percorso assistenziale dei pazienti (ospedale, residenzialità extra-ospedaliera, domicilio) al fine di garantire i livelli essenziali di assistenza in tutte le fasi di sviluppo delle patologie.

7 Cure domiciliari - definizione del servizio, ai sensi della Legge del , n. 5 Le cure domiciliari si definiscono come una modalità di assistenza sanitaria e/o sociale erogata al domicilio dell'assistito (intendendo per domicilio l'abituale ambiente di vita della persona, sia esso la propria abitazione, una comunità protetta, una casa di riposo o residenza) in modo continuo ed integrato in relazione alla natura ed alla complessità dei bisogni a cui si rivolge. Gli obiettivi specifici delle Cure Domiciliari sono: fornire adeguata assistenza a persone che presentano problematiche di tipo sanitario e/o sociale suscettibile di trattamento domiciliare, evitando i ricoveri ospedalieri impropri e l'ingresso in residenza; rendere possibili dimissioni tempestive ed assicurare la continuità assistenziale mediante lo strumento della dimissione protetta ; favorire la permanenza a domicilio delle persone non autosufficienti, favorendo il recupero o la conservazione delle capacità residue di autonomia e relazionali; supportare i caregiver e trasmettere loro delle competenze che possano tradursi in autonomia di intervento; migliorare in ultima analisi la qualità della vita di persone non autosufficienti o a rischio di perdita dell'autosufficienza, favorendo il mantenimento delle capacità residue. Per il conseguimento degli obiettivi su esposti sono fondamentali: l'attivazione della rete dei servizi; l'integrazione tra servizi sanitari territoriali ed ospedalieri e tra servizi sanitari e servizi sociali; l'ampliamento ed il rafforzamento della rete familiare e del volontariato; l'implementazione di idonei strumenti di valutazione della qualità dell'assistenza finalizzati al miglioramento continuo; la formazione continua degli operatori coinvolti; Ciò premesso, i presupposti essenziali per l'attivazione di un programma di Cure Domiciliari sono: presa in carico del Medico curante per le problematiche di tipo sanitario, consenso informato da parte dell'assistito e della sua famiglia, in particolare del caregiver, con condivisione del piano di assistenza; verifica della presenza di un valido supporto familiare e/o di una rete di aiuto informale; verifica dell'idoneità della condizione abitativa; compatibilità delle condizioni cliniche dell'assistito con la permanenza a domicilio e con gli interventi sanitari e socio assistenziali necessari; I principali attori del sistema Cure Domiciliari sono rappresentati da: Servizi distrettuali; Medici di MG; Altri servizi aziendali territoriali ed ospedalieri; Enti gestori dei servizi socio-assistenziali; Sistema della rete familiare e del volontariato;

8 Luogo elettivo di tale integrazione è il Distretto Sanitario, unico centro di riferimento in cui realizzare l'incontro e il confronto tra i bisogni espressi dalla realtà locale e i soggetti titolari delle funzioni di organizzazione e gestione dei servizi sanitari e socio-assistenziali. Le scelte concordate a livello di piano di zona dell'ambito sociale, nel programma delle attività territoriali del distretto e nel piano aziendale della ASL, sono definite mediante una convenzione tra ciascuna ASL e gli Enti gestori delle funzioni socio-assistenziali. TIPOLOGIE DI CURE DOMICILIARI ( LR. n. 5 del Piano Sanitario Regionale) In relazione ai bisogni si distinguono i seguenti profili: 1. Cure Domiciliari Prestazionali caratterizzate da prestazioni sanitarie occasionali o a ciclo programmato: es ADP (Assistenza domiciliare programmata) e AID (assistenza infermieristica domiciliare). 2. Cure Domiciliari Integrate di primo (2A) e secondo livello (2B) che ricomprendono quelle già definite ADI. Questa tipologia di cure domiciliari è caratterizzata dalla formulazione del Piano Assistenziale Individuale (PAI), redatto in base alla valutazione globale multidimensionale ed erogate attraverso la presa in carico multidisciplinare e multi professionale. 3. Cure Domiciliari Integrate di terzo livello (3A) e cure domiciliari palliative per malati terminali (3B) che ricomprendono l'ospedalizzazione domiciliare (OD 3A), e l'ospedalizzazione domiciliare - cure palliative (OD-CP, 3B). Sono caratterizzate da una risposta intensiva a bisogni di elevata complessità definita dal PAI ed erogata da un'équipe in possesso di specifiche competenze. I requisiti indispensabili per l'attivazione delle cure domiciliari integrate sono: Ridotta autosufficienza; Evidenziata mediante applicazione di apposite scale di valutazione validate sul piano scientifico internazionale in soggetti con funzioni fortemente compromesse. Complessità assistenziale del paziente; Ossia necessità di coinvolgimento di più figure professionali per interventi multidisciplinari di natura sanitaria e sociale. Idoneità delle condizioni socio-ambientali dell'assistito Questi aspetti vanno rilevati mediante l'applicazione della Scheda di valutazione Sociale, sulle condizioni familiari, economiche ed abitative. Dovranno essere valutate le condizioni di assistibilità del malato a domicilio, che si concretizzano nella presenza simultanea di: - supporto familiare. In caso di assenza o insufficiente supporto, valutare la possibilità di intervento da parte dei servizi sociali o volontariato che possa vicariarlo; - alloggio idoneo o con possibilità di renderlo tale con interventi di assistenza abitativa. Necessità di assistenza primaria; ADI (assistenza domiciliare integrata) L assistenza domiciliare integrata è un complesso coordinato di prestazioni di carattere sanitario e socio-assistenziale, rese al domicilio del soggetto, in forma integrata e con la partecipazione di figure professionali specifiche. L ADI si distingue e, pertanto, può essere erogata in due diverse modalità:

9 - ADI 1: MMG più almeno due figure professionali con Piano Assistenziale Individualizzato approvato in sede di UVMD; - ADI 2: MMG più almeno due figure professionali, con piano di valutazione Non possono essere ammessi in A.D.I. pazienti che presentano necessità di interventi altamente specialistici o di tecnologie complesse che richiedono il ricovero ospedaliero. Pertanto sono ammissibili, salvo diversa determinazione concordata in sede di UVMD, in relazione a situazioni socio-ambientali ed al quadro clinico, i pazienti che presentano: malattie progressivamente invalidanti; incidenti vascolari acuti; gravi fratture in anziani; forme psicotiche acute gravi; vasculopatie con necessità di riabilitazione; lesioni neurologiche con necessità di riabilitazione; malattie acute temporaneamente invalidanti nell'anziano; necessità di dimissione protette; Prestazioni Le prestazioni sono quelle previste dall art. 9 della L. n. 104/92 e dalle Linee guida emanate dalla Regione Abruzzo per l'attuazione del sistema delle cure domiciliari, approvato con L.R. n. 5/2008, riportate all art.6. Modalità di accesso La richiesta di attivazione delle cure domiciliari integrate è inoltrata dal medico di medicina generale al Punto Unico di Accesso. L EAS, ricevuta la segnalazione da parte della ASL raccoglie per mezzo dell assistente sociale incaricata una serie di informazioni a domicilio del richiedente ed in qualsiasi altro luogo ritenuto utile, utile ad avere un quadro completo delle condizioni socio-economiche complete. Il protocollo assistenziale definitivo viene predisposto dall UVMD di concerto con il medico curante e il servizio sociale comunale dove vengono stabilite tipologie, tempi e modalità dell intervento assistenziale. Il responsabile del protocollo assistenziale è il medico curante. Alla fine della diagnosi sociale l assistente sociale formula un piano di intervento secondo gli standard minimi previsti nell art. 2 della Legge regionale n. 5 del L istruttoria della pratica per la parte socio-assistenziale viene effettuata adottando i criteri previsti all Art.5 del presente regolamento. ART 10 - Graduatoria Qualora il numero dei richiedenti il servizio di assistenza domiciliare sia superiore ai posti disponibili, sarà formulata apposita graduatoria, adottando i seguenti criteri con relativi punteggi cumulabili:

10 Situazione familiare e psico-fisica - persona Sola (unico componente nucleo familiare) P famiglia monoparentale P convivente more uxorio P persona priva di valido supporto familiare o di assistente(badante) P persona pluriminorata P soggetto con patologia oncologica in fase terminale P persona non deambulante cronica P famiglia con più di un disabile P persona deambulante con ausilii P. 05 Situazione economica Fascia Esente P. 10 Fascia A P. 09 Fascia B P. 08 Fascia C P. 07 Fascia D P. 05 Fascia E P. 03 Fascia F P. 01 Oltre Fascia F P. 00 La graduatoria ha validità annuale, si aggiorna continuamente con l ammissione di nuove domande, salvo quanto previsto dall UVMD, gli utenti del servizio dovranno produrre, annualmente, al Comune di Lanciano dichiarazioni o attestazioni comprovanti la situazione socioeconomica e familiare in regola con il presente regolamento. (Per gli utenti in lista obbligo di comprovare annualmente la situazione). Gli utenti potranno, in qualunque momento, produrre istanze comprovanti il diritto a una migliore posizione in graduatoria. Cessazione del servizio Il servizio domiciliare può cessare in caso di: - A seguito di decisione dell'uvmd di dismissione dal servizio essendo venuti meno i motivi che lo avevano provocato; - Rinuncia scritta dell utente; - Decesso o ricovero definitivo dell anziano presso istituti, qualora nessuno dei familiari restanti necessiti ulteriormente del servizio stesso; - Assenza ripetuta dell utente nell orario di servizio, senza preventivo avviso all assistente sociale o all assistente domiciliare. - Assenza prolungata dalla propria abitazione per un periodo superiore a trenta giorni ad esclusione di ricoveri presso centri ospedalieri e riabilitativi. - Da verifiche e controlli risultino la produzione di atti falsi o non veritieri come previsto dall art. 16 del regolamento generale di accesso.

11 In riferimento al primo comma del presente articolo, in caso di dimissioni da parte dell'uvmd, il Comune di Lanciano, si riserva la più ampia facoltà di rivedere il caso e di assegnare il cittadino ad un altro servizio, sussistendone le condizioni, sempre in riferimento a quanto previsto e contemplato ai servizi domiciliari, di cui alla L.R. n. 5/2008. ART. 11 Compartecipazione alla spesa Il costo del servizio di Assistenza domiciliare è sostenuto con fondi ex L. 328/00, fondo sociale regionale ex circ. 4, fondi del comune, compartecipazione dell utenza. Gli utenti del Servizio di Assistenza domiciliare, ad esclusione del servizio ADM erogato a titolo gratuito, ed i familiari tenuti per legge, hanno l obbligo di contribuire al costo delle prestazioni dei servizi domiciliari, secondo il proprio reddito ISEE e secondo l intensità della prestazione erogata. Per la determinazione dell ISEE si fa più ampio riferimento agli artt.8, 9, 10 e 11 del regolamento Generale di accesso, prendendo a riferimento il nucleo familiare estratto, intendendosi per esso il solo anziano, i coniugi anziani, anziani conviventi more uxorio, ai sensi di quanto stabilito dall art.1 bis del DPCM 7 maggio 1999 n.221 e del DPCM 4 aprile 2001 n.242. Criteri per la determinazione del nucleo familiare di riferimento dell utente beneficiario della prestazione L I.S.E.E. da assumere come riferimento per la determinazione della compartecipazione in capo all utente è quello più vantaggioso tra: 1. il nucleo familiare composto dal richiedente medesimo, dai componenti la famiglia anagrafica ai sensi dell art. 4 del D.P.R. 30 maggio n. 223 del 30/05/1989 e del D.P.C.M. n. 227 del 07/05/1999, e dai soggetti considerati a suo carico ai fini IRPEF, anche se non conviventi, combinando i redditi ed i patrimoni di tutti i componenti, calcolati, nel rispetto della Tabella 1 allegata al D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 109, così come modificata dal D.Lgs. 130/2000; 2. il nucleo familiare composto dal solo richiedente la prestazione, se si tratta di persona con handicap permanente grave, di cui all'articolo 3, comma 3, della L. n. 104/1992, accertato ai sensi dell'articolo 4 della stessa legge, nonché di persona ultra sessantacinquenne, la cui non autosufficienza fisica o psichica sia stata accertata dall ASL. Il richiedente la prestazione presenta un unica dichiarazione sostitutiva di validità annuale. E lasciata allo stesso la facoltà di presentare, prima della scadenza, una nuova dichiarazione, qualora intenda far rilevare mutamenti delle condizioni familiari ed economiche ai fini del calcolo I.S.E.E.. Il Comune tiene conto della variazione dal mese successivo a quello di presentazione, inoltre, può richiedere una nuova dichiarazione quando intervengono rilevanti variazioni delle condizioni familiari ed economiche ai fini del calcolo I.S.E.E.. ART. 12 Determinazione del valore Isee Per il calcolo dell ISEE si adotteranno tutti i criteri previsti dalle normative sull applicazione della situazione economica equivalente, nonché quanto previsto dalla L.328/2000 riguardo alla compartecipazione della spesa e in particolare adottando i criteri di cui alle linee guida emanate dalla Regione Abruzzo per la verifica del diritto alle prestazioni sociali agevolate ed in particolare all applicazione dell ISEE. Nel caso di servizi domiciliari destinati a minori in situazione di fragilità sociale e per tutti i servizi all infanzia e all adolescenza, il nucleo familiare di riferimento è limitato ai soli genitori, secondo quanto previsto dal già citato decreto e, in ogni caso, si fa riferimento al nucleo familiare più favorevole per il richiedente.

12 Il Comune di Lanciano, qualora se ne ravvisi la necessità e per avere un quadro più preciso e completo della situazione economica, effettuerà ulteriori accertamenti mirati, per mezzo della Guardia di finanza e tramite il servizio SIATEL. La quota di compartecipazione è determinata individuando sei fasce diverse di reddito, con riferimento ai minimi di compartecipazione alla spesa dei servizi secondo il Piano Sociale della Regione Abruzzo ed ai minimi di pensione INPS, aggiornate annualmente di cui agli allegati A, B, C e D. Detti importi saranno automaticamente rivalutati ogni anno secondo i dati ISTAT o le indicazioni regionali e governative. I cittadini richiedenti il servizio, ovvero quelli segnalati dall U.V.M.D., i cui redditi I.S.E.E., sono inferiori a quelli previsti alla fascia A), saranno ammessi al servizio a titolo gratuito. Per chi è in godimento di pensioni o altri redditi non assoggettabili all IRPEF, non si prenderanno in considerazione, al fine dell'eventuale compartecipazione alla spesa, salvo diverse disposizioni normative. I cittadini il cui reddito I.S.E.E. risulti superiore a quelli previsti nella fascia F), saranno ammessi al servizio previo pagamento della quota massima (Costo del servizio+ tasso di copertura (stabilito dall'ente) % /2 - vedi tab.) In caso il cittadino usufruisca, contemporaneamente di più di un servizio, si adotteranno i criteri di cui all art. 20 del regolamento generale di accesso ai servizi sociali vigente. Nel caso in cui gli interventi erogati dall'ente interessino più componenti dello stesso nucleo familiare, si applica una tariffa più favorevole di quella riferita all'isee, per i quali sia prevista la compartecipazione alla spesa. In particolare: 1. Nel caso in cui, nello stesso anno, si benefici contemporaneamente di due diversi servizi a compartecipazione, la quota a carico dell utente, riferita al servizio complessivamente meno costoso per il Comune, si riduce del 50%. 2. Nel caso in cui, nello stesso anno, si benefici contemporaneamente di tre diversi servizi, la compartecipazione, riferita al servizio complessivamente meno costoso per il Comune, si riduce del 65%. 3. Nel caso in cui, nello stesso anno si benefici contemporaneamente di quattro diversi servizi la compartecipazione, riferita al servizio complessivamente meno costoso per il Comune, si riduce del 75%. 4. Ogni altro servizio, ulteriore al quarto, sarà erogato gratuitamente. 5. La gratuità sarà sempre riferita ai servizi meno onerosi per l Ente. 6. I contributi economici in denaro se aventi carattere ordinario vengono valutati alla stregua di qualunque altro servizio oneroso. 7. Sono esclusi dal computo tutti i servizi gratuiti di cui all art. 7 del già citato regolamento comunale di accesso del compresi i contributi economici in denaro aventi carattere straordinario. In presenza di parenti obbligati all assistenza ai sensi di legge (art. 433 C.C. e 570/591 C.P.) e avendone accertate le possibilità economiche, gli stessi saranno interessati al problema al fine di informarli che l'assistito ha facoltà di richiederne la contribuzione ai fini dell'assistenza. ART. 13 Pagamento quota di compartecipazione Il pagamento della quota di compartecipazione alla spesa, deve essere eseguita con cadenza mensile dall assistito stesso o chi ne abbia la cura o la custodia, nelle forme indicate all uopo dall Ufficio di Segretariato Sociale dell Assessorato alle Politiche Sociali o dall Ufficio URP.

13 Nel caso di mancato assolvimento del pagamento della quota a carico, l assistito riceverà ammonimento scritto ed invito a provvedere entro 15 giorni. Se anche questo tentativo fosse inutile, l amministrazione comunale inoltrerà formale diffida all assistito affinché provveda a sanare la situazione entro 15 gg. versando, nelle casse comunali, quanto dovuto. In caso contrario si provvederà alla sospensione del servizio, previa adozione di formale atto dirigenziale, da cui siano evidenziati i motivi della sospensione, come previsto e contemplato agli artt. 16 e 21 del regolamento generale di accesso ai servizi sociali. L Ente si riserva, comunque, la più ampia facoltà di procedere alla riscossione coattiva di eventuali somme dovute e non pagate. Una volta provveduto a sanare il debito, il cittadino potrà reiterare la domanda di assistenza. ART. 14 Strumenti di informazione Carta dei servizi E cura dell ente gestore redigere la carta del servizio che verrà resa disponibile per tutta l utenza nella fase di presentazione del servizio e di presa in carico. Questionario di soddisfazione Periodicamente, almeno con cadenza annuale, verrà proposto a tutti i soggetti in carico la compilazione del questionario volto a rilevare il livello di soddisfazione del servizio. Utilizzo dei dati personali Qualunque informazione relativa alla persona di cui il Servizio Sociale venga a conoscenza in ragione dell applicazione del presente regolamento è trattata per lo svolgimento delle funzioni che competono agli enti gestori ed ai servizi. E altresì ammessa la comunicazione dei dati personali a Pubbliche Amministrazioni o a privati quando ciò sia indispensabile per assicurare la prestazione sociale richiesta. Al soggetto richiedente il servizio verrà richiesta l autorizzazione all uso dei dati personali in fase di presentazione della domanda di accesso al servizio. Tutto quanto riguarda il trattamento dei dati verrà garantito nel rispetto di quanto previsto dalla normativa in vigore. ART. 15 Gestione, controllo e valutazione Gestione Il Comune nell ambito delle proprie competenze provvede alla gestione diretta delle attività rivolte a realizzare fini sociali, pertanto nel caso in cui le prestazioni erogate siano affidate a terzi, il rapporto tra amministrazione e gestore deve essere regolato con contratto di servizio, nel quale siano specificati i livelli qualitativi di erogazione e di professionalità degli addetti nonché i poteri di indirizzo e controllo spettanti al titolare. L'attività viene svolta "per conto e in luogo dell'amministrazione". Controllo L Amministrazione Comunale pone in essere modalità e criteri di controllo con appositi atti interni, nei modi stabiliti dall art.16 del regolamento generale di accesso. Qualora dai controlli emergano atti falsi o false dichiarazioni, fatta salva l attivazione delle necessarie procedure di legge, il settore competente, ai sensi di quanto previsto dagli artt. 16 e 21 del regolamento di accesso, adotta ogni misura utile a sospendere o revocare il servizio ed eventualmente recuperare i benefici concessi. Inoltre, sono previste verifiche generali del servizio a cadenza trimestrale e vedrà coinvolti i referenti di area a livello di ambito con referenti del gestore operativo. I momenti di verifica hanno la finalità di rilevare l andamento del servizio e proporre eventuali modifiche e/o correzioni di strategia, metodo e rappresentano inoltre lo spazio per la rilevazione di eventuali criticità, di nuovi bisogni, in funzione della programmazione del servizio.

14 Il questionario di soddisfazione verrà somministrato dagli assistenti sociali del servizio di riferimento all utente, riconsegnato in busta chiusa e rielaborato dagli operatori di area a livello di ambito. Valutazione La valutazione dell azione è data da indicatori: - di processo: diminuzione del tempo di attesa medio per l erogazione dei servizi; - di esito: massima rispondenza fra i bisogni manifestati dall utente e le risposte date dai servizi; - di efficienza: il rapporto tra i risultati e le risorse impiegate; - di efficacia: capacità dei servizi di coordinarsi con altri servizi presenti sul territorio al fine di consentire la permanenza dell utente nel proprio domicilio. ART. 16 Norme finali Il presente regolamento è pubblicato sull albo pretorio online, è visionabile sul sito del Comune all apposita sezione ed è reso disponibile presso la sede URP del Comune di Lanciano e presso il Servizio di Segretariato Sociale, operante presso l Assessorato Politiche Sociali del Comune di Lanciano, per la lettura e la diffusione dei suoi contenuti a favore dei cittadini, degli utenti dei servizi e chiunque vi abbia interesse.

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con Medaglia d Argento al Valor Militare) PROVINCIA DI VENEZIA ----------------------------------------- UFFICIO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 3 DEL 14/01/2009 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SOSPIRO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

Art. 2 - Normativa di riferimento

Art. 2 - Normativa di riferimento CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento Ambito Territoriale n. 8 - ASL n. 3 - Distretto n. 3 disciplinante il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.) e di assistenza domiciliare Approvato con D.C.C. n. 118 del

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Applicazione. Il presente regolamento si applica all esaurirsi del voucher sociali previsti dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS Art. 1 Finalità Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento nel proprio ambiente

Dettagli

Regolamento del servizio di assistenza domiciliare

Regolamento del servizio di assistenza domiciliare PROVINCIA DI TREVISO Regolamento del servizio di assistenza domiciliare (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 24.3.2010) Articolo 1. Definizione Il Servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PREMESSA Il Comune di CARVICO istituisce il SAD Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di anziani

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 69 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI ART. 1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Nuoro Ente Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto

Dettagli

Comune di Guarda Veneta. Provincia di Rovigo

Comune di Guarda Veneta. Provincia di Rovigo APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 7 DEL 24.02.05 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Art. 1- Istituzione del Servizio L Unione dei Comuni dell Eridano (Comuni di,,, e

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera Consiglio Unione n. 16 del 27/11/2008

Dettagli

COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI Approvato con Deliberazione Commissariale di Consiglio Comunale n. 97 del 29/03/2011

Dettagli

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) In vigore dal 01.07.2008. Pagina 1 di 6 Approvato con delibera C. C. 16/2008 Art. 1 UTENZA Il SAD è rivolto

Dettagli

COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 64 DEL 29.11.2007 1 INDICE PREMESSA CAPO I PRINCIPI E OBIETTIVI Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia Settore Servizi alla Popolazione Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del

Dettagli

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI...

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI... R E G O L A M E N T O D E L S E R V I Z I O A S S O C I A T O D I S T R E T T U A L E D I A S S I S T E N Z A D O M I C I L I A R E P E R A N Z I A N I ( S A D ) E D I S A B I L I ( S A DH) SOMMARIO 1-PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Art. 1. (Istituzione del Servizio) Il presente Regolamento disciplina gli interventi a sostegno della mobilità

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Regione Lazio modulo interventi Misura 3 Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Misura 3 Interventi in materia di non autosufficienza (Parte seconda) 1 Regione Lazio modulo interventi

Dettagli

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI ARTENA, CARPINETO ROMANO, COLLEFERRO, GAVIGNANO, GORGA, LABICO, MONTELANICO, SEGNI, VALMONTONE, XVIII COMUNITA' MONTANA DEI MONTI LEPINI-AREA

Dettagli

CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvati con delibera intercomunale n. 13 del 30/07/2015 CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI applicazione della Misura

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO

CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO PROVINCIA DI LECCE Tel.: 0833 514302-303 - Fax: 0833 514317 Sito: www.ambitodicasarano.it - pec:

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Città di Giugliano in Campania

Città di Giugliano in Campania Città di Giugliano in Campania Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO E istituito il servizio assistenza domiciliare integrata anziani

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera Consiglio n. 202 del 03/06/94 Art. 1 (Finalità) - Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.)

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) Art. 1 - Oggetto 1 - Il CISSA intende disciplinare l erogazione di un contributo denominato contributo

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5)

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) INDICE ART. 1 OGGETTO 2 ART. 2 FINALITÁ 2 ART. 3 DESTINATARI 2 ART. 4 IMPORTO DELL ASSEGNO DI CURA

Dettagli

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 84 del 28/11/2013)

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1.

SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1. SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1.2004 SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del C.C. n. 115 del 4.9.2000 1 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

CITTA di CERNUSCO SUL NAVIGLIO (Prov. di MILANO)

CITTA di CERNUSCO SUL NAVIGLIO (Prov. di MILANO) CITTA di (Prov. di MILANO) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DEI PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.99 DEL 05.11.2008 1 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12.04.2006) 2 Articolo 1 OGGETTO Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N 23

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N 23 AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N 23 Ente Capofila COMUNE DI NOLA E I COMUNI DI: CAMPOSANO - CARBONARA DI NOLA CASAMARCIANO - CICCIANO - CIMITILE COMIZIANO - LIVERI ROCCARAINOLA SAN PAOLO BELSITO - SAVIANO

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE LECCE (capofila) ARNESANO CAVALLINO LEQUILE LIZZANELLO MONTERONI SAN CESARIO SAN DONATO SAN PIETRO IN LAMA SURBO IL DIRIGENTE RESPONSABILE dell UFFICIO di PIANO Visto

Dettagli