LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Report UVA 2012 Ricognizione delle Attività delle Unità Valutative Alzheimer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Report UVA 2012 Ricognizione delle Attività delle Unità Valutative Alzheimer"

Transcript

1 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Report UVA 2012 Ricognizione delle Attività delle Unità Valutative Alzheimer Novembre 2011

2 1. Premessa Le Demenze e la malattia di Alzheimer sono uno dei dieci obiettivi di salute definiti prioritari nel Piano Sanitario della regione Lazio La demenza, in quanto malattia cronica, è un esempio paradigmatico della necessità di un approccio multidisciplinare e di una forte integrazione sociosanitaria, poichè le diverse fasi di malattia richiedono interventi personalizzati e diversificati, sia sul versante strettamente sanitario (terapia farmacologica e non farmacologica, riattivazione cognitiva, riabilitazione motoria, ecc.) che sociale (Centri diurni Alzheimer, assistenza domiciliare, sostegno alle famiglie). La malattia di Alzheimer è la più frequente tra le forme di demenza (50-60% dei casi), seguita dalla demenza vascolare (10-20%) e dalle forme miste (circa il 15% dei casi). In Italia sono stati condotti alcuni studi di popolazione per stimare la prevalenza e l incidenza della malattia di Alzheimer e delle altre forme di demenza, il più ampio dei quali è l ILSA (Italian Longitudinal Study on Aging, 2002), che indica una prevalenza del 7,2% per le donne e del 5,3% per gli uomini 1. Altri studi hanno prodotto stime di prevalenza variabili da 2,5% a 6,8%, con una predominanza per il sesso femminile. Rispetto all incidenza delle diverse forme di demenza lo studio ILSA indica un tasso grezzo di 12,5 casi per anni persona (IC 95% ) e di 7,0 casi per anni persona (IC 95% 5,3-8,7) per la malattia di Alzheimer, con una stima più elevata per le donne, pari al 9,3% (IC 95% 6,5 12,2), rispetto agli uomini, pari al 5,0% (IC 95% 3,0 6,9) 2. Nella regione Lazio si stimano circa persone affette da una forma di demenza, di cui affetti da malattia di Alzheimer. L incidenza per tutte le forme di demenza, applicata alla popolazione residente ultrasessantacinquenne, è di circa nuovi casi l anno. L incidenza della malattia aumenta con l età, pertanto, in relazione al progressivo invecchiamento della popolazione, il numero dei soggetti affetti tende ad aumentare ogni anno. In considerazione dell importanza del fenomeno, si ritiene fondamentale assicurare: - il sostegno e il rafforzamento delle risorse del paziente e della famiglia; - la riorganizzazione dei centri per le demenze; - il ruolo centrale delle cure primarie che, adeguatamente supportate dai centri specialistici, rappresentano il principale riferimento del paziente e della famiglia, al fine di valutare l andamento della malattia e di individuare le fasi critiche (disease management); - l integrazione e il coordinamento tra le diverse strutture assistenziali e i servizi dedicati (attuali Unità Valutative Alzheimer - UVA, Centri diurni, assistenza domiciliare programmata e integrata, residenzialità e semiresidenzialità); - il coinvolgimento dei diversi operatori sociosanitari, dei Medici di Medicina Generale (MMG), nonché dei familiari e dei caregivers informali, al fine di garantire una reale continuità assistenziale. 1

3 2. Stato dell offerta Nella regione Lazio, a fronte di una popolazione stimata di circa persone affette da una forma di demenza, operano attualmente 35 Unità Valutative Alzheimer (UVA) preposte alla diagnosi differenziale e al trattamento farmacologico della demenza, di cui 25 ospedaliere e 10 territoriali (Tabella 1). L attuale offerta assistenziale dedicata comprende, inoltre, l assistenza presso i Centri diurni Alzheimer, attivati da Accordi di programma tra Comuni e ASL e dotati di 401 posti (Allegato A) e posti residenziali e semiresidenziali presso le Strutture di Mantenimento - RSA. - Decreto n. 39/2012 (Allegato B). Le attuali UVA sono state istituite nel 2000 nell ambito del Progetto Cronos del Ministero della Salute come Centri per la diagnosi e il monitoraggio del trattamento farmacologico della malattia di Alzheimer. Tale caratterizzazione, nel tempo, si è rilevata un limite rispetto all obiettivo di presa in carico di tutti i soggetti affetti da una forma di demenza. Seppure le UVA rappresentino, in molti casi, il punto di accesso alla rete dei servizi socio-sanitari per i pazienti e i loro familiari, appaiono necessari interventi di adeguamento, razionalizzazione e/o potenziamento. Alla luce delle precedenti considerazioni, il Piano Sanitario Regionale propone la riorganizzazione ed articolazione dei servizi, estendendo l assistenza delle UVA anche ad altre forme di demenza, riorganizzando le stesse in Centri per le Demenze, distinti in Centri diagnostico - specialistici per le demenze e Centri territoriali esperti per le demenze. In quest ottica, le UVA superano il compito originario di monitoraggio dell effetto dei farmaci inibitori dell acetilcolinesterasi, trasformandosi in strutture preposte alla presa in carico globale del soggetto affetto da una forma di demenza e della sua famiglia. La letteratura scientifica evidenzia gli effetti positivi di un approccio di gestione integrata della malattia in termini di salute, di qualità della vita, di organizzazione e di costi diretti e indiretti. Di seguito è presentato l elenco delle UVA operanti nel Lazio, per ASL di appartenenza. Fonte dati: Roma Capitale, maggio

4 Tabella 1 Elenco delle UVA, per ASL - Regione Lazio, 2012 ASL RM A ASL RM A - Distretto I-II-III-IV Ospedale Nuovo Regina Margherita Ospedale S. Giovanni Calibita, Fatebenefratelli - Isola Tiberina Policlinico Umberto I Policlinico Umberto I Policlinico Umberto I Policlinico Umberto I Ospedale Nuovo Regina Margherita - UOC Geriatria Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina - UOC Neurologia Policlinico Umberto I - Dipartimento di Scienze dell'invecchiamento, Università Sapienza, Roma Policlinico Umberto I Dipartimento Neurologia e Psichiatria, Università Sapienza, Roma Policlinico Umberto I - Dipartimento Scienze Neurologiche Università Sapienza, Roma Policlinico Umberto I ex Dipartimento Neurologia e ORL, Clinica Malattie Nervose e Mentali ASL RM B ASL RM B - III Distretto ASL RM B - IV Distretto Policlinico Tor Vergata Poliambulatorio - Assistenza Domiciliare Centro Polivalente per la Prevenzione Diagnosi e Cura Malattie Geriatriche Policlinico Tor Vergata - Clinica Neurologica IRCCS Fondazione Santa Lucia IRCCS Fondazione Santa Lucia - Università di Tor Vergata Azienda Ospedaliera S. Giovanni Addolorata AO San Giovanni Addolorata UOC Neurologia ASL RM C ASL RM C - Ospedale S. Eugenio - Policlinico Universitario Campus Bio-Medico Ospedale S. Eugenio UOC Geriatria Policlinico Universitario Campus Bio-Medico Azienda Ospedaliera S. Camillo - Forlanini UVA - AO San Camillo - Forlanini ASL RM D Ospedale G.B. Grassi, Ostia (Roma) Ospedale Israelitico Ospedale G.B. Grassi UOC Neurologia Ospedale Israelitico Divisione di Geriatria Ospedale San Pietro - Fatebenefratelli Ospedale San Pietro FBF UOC Neurologia Azienda Ospedaliera Sant'Andrea AO Sant'Andrea UOC Neurologia INRCA, Roma INRCA UOC Geriatria Azienda Ospedaliera S. Filippo Neri Ospedale S. Spirito ASL RM E - Distretto 19 AO San Filippo Neri UOC Neurologia Ospedale S. Spirito UO Neurologia c/o Via G. Ventura ASL RM E Policlinico A. Gemelli Policlinico A. Gemelli Policlinico A. Gemelli UO Neurologia Policlinico A. Gemelli - Centro di Medicina per l'invecchiamento - CEMI 3

5 ASL RM F ASL RM F - Distretto F1 Centro Assistenza Domiciliare ASL RM G ASL RM G - Distretto Guidonia ASL RM G - Presidio Ospedaliero "S. Giovanni Evangelista", Tivoli Italian Hospital Group Centro Demenze P. O. "S. Giovanni Evangelista" UO Neurofisiopatologia ASL RM H Presidio Ospedaliero San Giuseppe, Albano Laziale ASL RM H ASL RM H Distretto sanitario H1 Distretto Sanitario H4, Pomezia UOD Senescenza - Disabilità CAD H1 (c/o PTP Cartoni) ASL VT Ospedale Belcolle - Distretto 3 Ospedale Belcolle UO Neurologia ASL RI ASL LT Ospedale Generale Provinciale di Rieti - Distretto 1 ASL LT - Distretto 3 - Monti Lepini (Ex Ospedale Civile di Sezze) Presidio Ospedaliero S. Maria Goretti Ospedale Generale Provinciale di Rieti - UOC Neurologia UVA - ASL LT - Distretto 3 - Monti Lepini (Ex Ospedale Civile di Sezze) Presidio Ospedaliero S. Maria Goretti - UOC Neurologia ASL FR ASL FR Distretto D ASL FR - Distretto C Servizio geriatrico "Dottore Angelico" - Aquino UVA - Distretto "C" - Sora 4

6 3. Ricognizione dell attività delle UVA regionali: analisi dei dati raccolti Nel novembre 2011 Laziosanità ha inviato a tutte le UVA operanti nella regione un questionario di ricognizione riguardante le attività svolte, il personale coinvolto, le modalità di erogazione dei servizi e le modalità organizzative. Tale ricognizione ha consentito di valutare le caratteristiche organizzative e le prestazioni effettivamente erogate dalle UVA regionali. La tabella 2 riassume l offerta e le caratteristiche strutturali per ciascuna ASL. Si indica il numero totale delle UVA, l eventuale presenza di sub-uva (ambulatori per la valutazione e il monitoraggio dei pazienti, in collegamento funzionale con l UVA di riferimento, attivati da alcune ASL), il numero di UVA Ospedaliere, operanti all interno di Policlinici Universitari, Aziende Ospedaliere, IRCCS, e i pazienti in carico per UVA (totale, media e mediana). Il totale dei soggetti dichiarati in carico dalle UVA regionali è di pazienti. Tabella 2 Numero di strutture UVA e sub-uva e di pazienti in carico, per ASL Numero strutture Pazienti in carico per UVA ASL UVA Sub-UVA Totale Ospedaliere N Media Min Max Mediana ASL RM A ASL RM B ASL RM C ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G * ASL RM H ASL VT ASL RI ASL LT ** ASL FR Totale * UVA Ospedaliera RMG: PO Tivoli ** Le due UVA, pur essendo ospedaliere, non erogano prestazioni ospedaliere ma solo visita specialistica La tabella 3 mostra le caratteristiche di accessibilità alle UVA, per ASL. In media, i giorni di apertura settimanale sono 4, per una media di 25 ore di apertura settimanale, che arriva a 30 ore considerando anche le ore di apertura delle sub UVA. 5

7 Tabella 3 - Accessibilità UVA, per ASL Giorni di apertura settimanali UVA Ore di apertura settimanali UVA Ore di apertura settimanali UVA (sommando ore sub UVA) Pazienti in carico per UVA ASL Media Min Max Mediana Media Min Max Mediana Media Min Max Mediana N Media Min Max Mediana ASL RM A ASL RM B ASL RM C ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G ASL RM H ASL VT ASL RI ASL LT ASL FR Totale Le tabelle 4 e 5 mostrano, rispettivamente, la presenza delle figure professionali preposte alla diagnosi (Medici, Psicologi) e dei professionisti tradizionalmente deputati all assistenza (Infermieri, Assistenti Sociali, Terapisti della Riabilitazione). Tabella 4 Figure professionali preposte alla diagnosi, per ASL Medico (Geriatra, Neurologo e Psichiatra) Psicologo ASL N Media Min Max Mediana N Media Min Max Mediana ASL RM A ,5 ASL RM B ASL RM C , ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G , ASL RM H ASL VT ASL RI ASL LT ASL FR Totale 113 3, ,

8 Tabella 5 Figure professionali preposte all'assistenza, per ASL Infermiere Assistente sociale Terapista della riabilitazione ASL N Media Min Max Mediana N Media Min Max Mediana N Media Min Max Mediana ASL RM A ASL RM B ASL RM C , ,5 ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G , ,5 ASL RM H ASL VT ASL RI ASL LT ASL FR Totale 48 1, , , In assenza di riferimenti nazionali o regionali relativi ai requisiti organizzativi per tale tipologia di Centri, il gruppo di lavoro per la riorganizzazione delle UVA della regione Lazio ha elaborato un ipotesi di fabbisogno ore/paziente per figura professionale. Sulla base dell esperienza clinica dei Responsabili delle UVA coinvolte e in considerazione delle prestazioni che i Centri dovranno erogare, per ciascuna figura professionale sono stati calcolati, per ASL, il fabbisogno orario per paziente (tabelle 6-7) e il numero di ore stimate e effettivamente rese da ogni tipologia di professionisti (tabelle 8-12). Nei Centri diagnostico specialistici si stima che ciascun paziente richieda 150 minuti/annui (2,5 ore/annue) per il medico (geriatra, neurologo, psichiatra), 120 minuti/annui (2 ore/annue) per lo psicologo/neuropsicologo e 90 minuti/annui per l infermiere (tabella 6). Nei Centri territoriali esperti si stima che ciascun paziente richieda 150 minuti/annui (2,5 ore/annue) per il medico (geriatra, neurologo, psichiatra), 90 minuti/annui (1,5 ora/annua) per lo psicologo/neuropsicologo, l infermiere e il terapista della riabilitazione, 60 minuti/annui (1 ora/annua) per l assistente sociale (tabella 7). La tabella 7 riporta, altresì, il fabbisogno riferito ai pazienti istituzionalizzati e/o non in grado di recarsi in ambulatorio, per i quali è necessaria la visita domiciliare. Tabella 6 - Centri diagnostico - specialistici per le demenze: fabbisogno ore/annue per pazienti con demenza lieve* (visita ambulatoriale) Figura professionale (visita ambulatoriale) Medico (Piani terapeutici, visita specialistica, ascolto dei familiari) Psicologo (Valutazione neuropsicologica, conduzione gruppi sostegno caregiver) Infermiere ore/annue per paziente 2,5 h 2 h 1,5 h 7

9 Tabella 7 - Centri territoriali esperti per le demenze: fabbisogno ore/annue per pazienti con demenza moderata** - severa*** (visita ambulatoriale e domiciliare) Figura professionale (visita ambulatoriale) ore/annue per paziente Medico (Piani terapeutici, visita specialistica, ascolto dei familiari) 2,5 h Psicologo (Valutazione neuropsicologica, conduzione gruppi sostegno caregiver) 1,5 h Infermiere 1,5 h Terapista della riabilitazione 1,5 h Assistente sociale 1 h Figura professionale (visita domiciliare) ore/annue per paziente Medico (4 accessi annui di 60 minuti) 4 h Infermiere (4 accessi annui di 60 minuti) 4 h *Demenza forma lieve (MMSE 21-26), Benedetti 2002 **Demenza forma moderata (MMSE 10-20), Benedetti, 2002 *** Demenza forma severa (MMSE < 10), Benedetti 2002 Si attende che il 70% dei potenziali pazienti affetti da demenza stimati nella regione Lazio sarà presa in carico dai Centri per le demenze. La percentuale del 70% deriva da stime di pazienti affetti da altre patologie croniche che vengono correntemente/abitualmente presi in carico dai Servizi specialistici dedicati 3. La tabella 8 riporta le ore effettive, quelle stimate e la differenza (Δ) tra i due valori, per Medico operante nel Centro demenze (entrambe le tipologie). La tabella 9 riporta le ore effettive, quelle stimate e la differenza (Δ) tra i due valori, separatamente, per Psicologo operante nel Centro diagnostico specialistico e nel Centro territoriale esperto per le demenze. 8

10 Tabella 8 - Ore effettive e stimate dei Medici, per ASL Geriatri, Neurologi, Psichiatri ASL Tot. ore Media Min Max Mediana Tot. ore erogate in un anno Stima pz. (ILSA, 1997) 2,5 h per pz./annue per il 70% dei pz. stimati ore erogate vs stimate ASL RM A , ASL RM B , ASL RM C , , ASL RM D , ASL RM E , ASL RM F 54 54, ASL RM G 55 27, , ASL RM H 87 29, ASL VT 50 50, ASL RI 12 12, ASL LT 46 23, ASL FR , Totale , Δ ore Tabella 9 - Ore effettive e stimate degli Psicologi, per ASL ASL Tot. ore Media Min Max Mediana Tot. ore erogate in un anno Stima pz. (ILSA, 1997) Psicologi Centro diagnostico specialistico per le demenze Stima per 2h per pz./annue per il 70% dei pz. stimati ore erogate vs stimate Δ ore Stima per 1,5h per pz./annue per il 70% dei pz. stimati Centro territoriale per le demenze ore erogate vs stimate RM A , , RM B 54 18, , RM C , , RM D 79 26, , RM E , , RM F 48 48, RM G 38 19, , RM H 8 2, , VT 30 30, RI 8 8, LT 30 15, FR 36 18, Totale , Δ ore La tabella 10 riporta le ore effettive, quelle stimate e la differenza (Δ) tra i due valori, per Infermiere operante nel Centro demenze. La tabella 11 riporta le ore effettive, stimate e la differenza (Δ) tra i due valori, per Assistente Sociale, mentre la tabella 12 riporta le ore effettive, stimate e la differenza (Δ) tra i due valori, per il Terapista della Riabilitazione. 9

11 Tabella 10 - Ore effettive e stimate di Infermieri, per ASL Infermieri Tot. ore Media Min Max Mediana Tot. ore erogate in un anno Stima pz. (ILSA, 1997) Stima per 1,5 h per pz./annue per il 70% dei pz. stimati ore erogate vs stimate ASL Δ ore ASL RM A , , ASL RM B 36 12, , ASL RM C , , ASL RM D 70 23, , ASL RM E , , ASL RM F 10 10, ASL RM G 44 22, , ASL RM H 44 14, , ASL VT 40 40, ASL RI 2 2, ASL LT 66 33, ASL FR , Totale , , Tabella 11 - Ore effettive e stimate di Assistenti Sociali, per ASL Assistenti sociali ASL Tot. ore Media Min Max Mediana Tot. ore erogate in un anno Stima pz. (ILSA, 1997) Stima per 1h per pz. /annue per il 70% dei pz. stimati ore erogate vs stimate ASL RM A 44 7, , ASL RM B 36 12, , ASL RM C 26 6, , ASL RM D 12 4, , ASL RM E 5 0, , ASL RM F ASL RM G ASL RM H 5 1, , ASL VT 10 10, ASL RI ASL LT ASL FR 36 18, Totale 174 5, , Δ ore 10

12 Tabella 12 - Ore effettive e stimate di Terapisti della Riabilitazione, per ASL Terapisti della Riabilitazione ASL Tot. ore Media Min Max Mediana Tot. ore erogate in un anno Stima pz. (ILSA, 1997) Stima per 1h per paziente/annue per il 70% dei pz. stimati ore erogate vs stimate ASL RM A , ASL RM B 38 12, ASL RM C , , ASL RM D 74 24, ASL RM E , ASL RM F 16 16, ASL RM G 5 2, , ASL RM H 6 2, ASL VT 36 36, ASL RI ASL LT ASL FR 18 9, Totale , Δ ore 11

13 Un percorso diagnostico assistito, inteso come la definizione di modalità operative specificatamente formalizzate che consentano l integrazione tra assistenza primaria e strutture specialistiche, al fine di garantire l effettuazione di tutte le procedure diagnostiche necessarie attraverso un accesso privilegiato, è presente in 30 UVA su 35, pari al 86% del totale (Tabella 13). Tabella 13 - Percorso Diagnostico Assistito - PDA, per ASL ASL ASL RM A ASL RM B ASL RM C ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G ASL RM H ASL VT ASL FR ASL LT ASL RI N. UVA PDA presente RO DH Visita Specialistica Ricovero Dedicato Esami Valutazione Neuropsicologica Percorso Diagnostico Assistito Farmaci EEG Indagini genetiche Neuroimaging RM Volumetrica SPECT/PET Totale Markers liquorali 12

14 Le attività assistenziali connesse all assistenza di soggetti affetti da demenza risultano variamente rappresentate nelle diverse ASL (tabella 14) evidenziando, quindi, la necessità di uniformare l offerta assistenziale per assicurare equi percorsi nell accesso alle cure. Tabella 14 - Attività Assistenziali erogate direttamente e/o in convenzione, per ASL ASL N. UVA Riabilitazione Cognitiva Riabilitazione Motoria ADI Attività Assistenziali erogate direttamente e/o in convenzione Centro diurno Nuclei Demenze in RSA Lungodegenze /Sollievo Counseling per familiari Supporto Caregiver ASL RM A ASL RM B ASL RM C ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G ASL RM H ASL VT ASL FR ASL LT ASL RI Totale Associazioni familiari 13

15 Un percorso diagnostico terapeutico assistenziale, come mostrato nella tabella 15, è presente soltanto in 12 UVA su 35 (34% del totale), mentre una presa in carico di continuità assistenziale, intesa come insieme di interventi integrati e coordinati dall UVA attraverso definiti protocolli operativi, è presente in 20 UVA su 35 (57% del totale). La definizione di un percorso assistenziale, inteso come un percorso unificato di accesso alla rete dei servizi sociosanitari attivato direttamente dall UVA, è presente in 27 UVA su 35 (77% del totale). Tabella 15 - Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali - PDTA, Continuità e Percorso Assistenziale, per ASL ASL N. UVA N. UVA con PDTA N. UVA con Continuità assistenziale N. UVA con Percorso Assistenziale ASL RM A ASL RM B ASL RM C ASL RM D ASL RM E ASL RM F ASL RM G ASL RM H ASL VT ASL FR ASL LT ASL RI Totale I dati raccolti mostrano una offerta assistenziale estremamente eterogenea, con notevoli differenze territoriali. L attuale distribuzione delle UVA sul territorio regionale, in relazione al numero di utenti stimati per ASL, mostra una maggiore presenza nel territorio di Roma rispetto alle altre province regionali. In particolare, si evidenzia una maggiore presenza di UVA ospedaliere (operanti all interno di Policlinici, Aziende Ospedaliere, IRCCS) rispetto a UVA operanti direttamente sul territorio. Tale peculiarità laziale, originariamente motivata dalla mission iniziale dei Centri, finalizzata alla diagnosi differenziale e al trattamento farmacologico delle demenze, si è rilevata nel tempo un limite, in relazione al prevalere di esigenze assistenziali complesse nelle fasi avanzate di malattia, più efficacemente gestibili in ambito territoriale. Pertanto, è imprescindibile integrare l attività dei centri ospedalieri e territoriali per una reale presa in carico del paziente, nell intera storia naturale della malattia. L attività di Centri di II livello, in grado di porre una corretta e tempestiva diagnosi differenziale nelle fasi iniziali di malattia, consente di instaurare precocemente trattamenti farmacologici e non farmacologici utili a rallentarne il decorso; l attività dei Centri territoriali, in grado di coordinare interventi socio-assistenziali, favorisce la gestione delle complesse necessità socio-assistenziali legate al decorso ingravescente della malattia, difficilmente gestibili da centri a vocazione universitaria o ospedaliera. Un maggiore radicamento dei Centri a livello territoriale e distrettuale favorirebbe, nelle fasi moderate e severe di malattia, la continuità assistenziale. L analisi dei dati raccolti evidenzia notevoli differenze tra le UVA regionali, riguardo al numero di pazienti in carico, alle figure professionali presenti, alle ore di apertura settimanali e alle prestazioni erogate. In particolare, va notato 14

16 come tutte le UVA presentino un medico responsabile, mentre non sempre è presente uno psicologo, un infermiere, un assistente sociale, un terapista della riabilitazione. Ne deriva una carenza nelle ore per paziente/annue e nelle attività assistenziali direttamente erogate da tali professionisti. Un percorso diagnostico assistito è presente nell 86% delle UVA, mentre le attività assistenziali erogate risultano disomogenee tra i diversi Centri, evidenziando, quindi, la necessità di uniformare l offerta assistenziale per assicurare equi percorsi nell accesso alle cure. In conclusione, la carenza di percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali e di una presa in carico di continuità assistenziale, intesa come insieme di interventi integrati e coordinati dall UVA attraverso definiti protocolli operativi, risultano essere gli aspetti più critici, rispetto ai quali mirare la programmazione regionale. 15

17 Allegato A Centri diurni Alzheimer (fonte dati Roma Capitale, maggio 2012) L attuale offerta dei servizi dedicati alle persone affette da demenza comprende posti semiresidenziali presso i Centri diurni Alzheimer, attivati da Accordi di programma tra Comuni e ASL. Il totale dei posti semiresidenziali disponibili è di 401 posti, come mostrato nella tabella A. Tabella A Centri diurni Alzheimer, per ASL Azienda ASL Centro diurno Comune Posti semiresidenzialità Incanto home Roma 22 RM A Ex Conservatorio di S. Eufemia Roma 26 Centro diurno I Municipio Roma 12 Hansel e Gretel Roma 22 RM B La Coccinella Roma 30 Il Maternage Roma 15 RM C RM D RM E RM G RMH VT RI FR LT Amarcord Roma 15 Tre Fontane Roma 20 Attivamente Roma 25 Il Pioppo Roma 22 Arcobaleno Roma 22 Sole e Luna Roma 12 Parco di Veio Roma 31 Italian Hospital Group Guidonia Montecelio (RM) 50 Centro diurno Alzheimer c/o Ospedale Cartoni Rocca Priora (RM) 12 Centro Diurno Alzheimer "Non ti scordar di me" Viterbo 15 Centro Diurno Alzheimer Cantalice (RI) 15 Centro Diurno Alzheimer Giuliano di Roma 20 Centro Diurno Alzheimer Aprilia 15 Totale

18 Allegato B Offerta residenziale/semiresidenziale per la non autosufficienza e per la disabilità (DPCA n. 39/2012) L offerta residenziale e semiresidenziale per le persone affette da una forma di demenza, che rientra all interno dell offerta per la non autosufficienza e per la disabilità, è stata recentemente riconfigurata, secondo la tabella B, estratta dal DPCA n. 39/2012. Tabella B - Quadro di sintesi del profilo di offerta residenziale/semiresidenziale Tipologia di trattamento Intensivo Estensivo Mantenimento Nucleo di assistenza residenziale intensiva Denominazione Nucleo di riabilitazione residenziale intensiva Nucleo di assistenza residenziale estensiva Nucleo di assistenza residenziale estensiva per disturbi cognitivo-comportamentali gravi Nucleo di assistenza semiresidenziale estensiva per disturbi cognitivo-comportamentali gravi Nucleo di riabilitazione residenziale estensiva Nucleo di riabilitazione semiresidenziale estensiva Nucleo di assistenza residenziale di mantenimento A Nucleo di assistenza residenziale di mantenimento B Nucleo di assistenza semiresidenziale di mantenimento Nucleo residenziale socio-riabilitativo di mantenimento alto carico assistenziale Nucleo residenziale socio-riabilitativo di mantenimento basso carico assistenziale Nucleo semiresidenziale socio-riabilitativo di mantenimento alto carico assistenziale Nucleo semiresidenziale socio-riabilitativo di mantenimento basso carico assistenziale Destinatari Persone non autosufficienti Persone con disabilità Persone non autosufficienti Persone con demenza Persone con demenza Persone con disabilità Persone con disabilità Persone non autosufficienti Persone non autosufficienti Persone non autosufficienti Persone con disabilità Persone con disabilità Persone con disabilità Persone con disabilità 17

19 Bibliografia 1. Prevalence of chronic diseases in older Italians: comparing self-reported and clinical diagnoses. The Italian Longitudinal Study on Aging Working Group. Int J Epidemiol 1997, 26(5): Incidence of dementia, Alzheimer s Disease, and Vascular Dementia in Italy. The ILSA study. The Italian Longitudinal Study on Aging Working Group. JAGS 50:41-48, La presa in carico dei malati cronici nell ASL di Brescia: monitoraggio BDA Pubblicazione 10, ASL di Brescia, dicembre 2008; Monitoraggio dei malati cronici presi in carico nell ASL di Brescia: BDA 2008 Allegato al numero di Assistenza Primaria, ASL di Brescia, marzo

20

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

GUIDA ALZHEIMER. ai servizi. nella Regione Lazio

GUIDA ALZHEIMER. ai servizi. nella Regione Lazio GUIDA ai servizi ALZHEIMER nella Regione Lazio Prefazione del Presidente 2010 ISMA Istituti di Santa Maria in Aquiro Via della Guglia, 69/b - 00186 Roma tel: 06.6792533-06.6788894 fax: 06.6789497 Stampato

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le nascite nel Lazio Anno 2011 Gennaio 2013 Le nascite nel Lazio Anno 2011 a cura di: Domenico Di Lallo Sara Farchi Arianna Polo Francesco Franco Valeria De Pascali

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Facoltà di Psicologia Master Universitario di secondo livello Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione Sedi di Milano e Brescia Master

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Continuo a preferire la severa giustiza alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Editoriale DAI POSITIVI RISULTATI DELLA PETIZIONE PER IL FINANZIAMENTO DEI LEA AD UNA NUOVA INIZIATIVA DIRETTA A OTTENERE

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie COOPERATIVA SOCIALE SRL - ONLUS L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie in collaborazione con: Regione Lombardia ASL Bergamo associazione di volontariato senza scopo di lucro ASSOCIAZIONE

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ DIREZIONE REGIONALE SALUTE ED INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA AREA FORMAZIONE PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ conoscenza apprendimento competenza condivisione innovazione Anni 2013-2015 Pagina 2

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli