Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate"

Transcript

1 Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate 1 PARTE: obiettivi strategici e classificazioni 1. Obiettivi strategici del documento: integrazione socio sanitaria e appropriatezza organizzativa 2. Tipologie e forme di assistenza domiciliare: l esperienza regionale 3. Nuova caratterizzazione delle cure domiciliari a) Le Cure Domiciliari Prestazionali b) Le Cure Domiciliari Integrate b1) Cure Domiciliari Integrate di primo e secondo livello b2) Cure Domiciliari Integrate di terzo livello e Cure Palliative e a malati terminali 2 PARTE: Organizzazione delle attività 1. Programmazione delle Cure Domiciliari Integrate 2. Modello organizzativo 3. Percorso assistenziale a) I destinatari e i requisiti di eleggibilità b) Le modalità di accesso e di presa in carico c) I contenuti del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) d) Valutazione e dimissione 4. Standard temporali di persa in carico e di attivazione del percorso 5. Livelli di intensità assistenziale: profili di cura a) Livelli di assistenza sanitaria b) Livelli di assistenza sociale c) Attribuzione del profilo di cura domiciliare integrata 1

2 1 PARTE: obiettivi strategici e classificazioni 1. Obiettivi strategici del documento: integrazione socio sanitaria e appropriatezza organizzativa Il presente documento persegue l obiettivo generale di ridefinire il sistema di cure domiciliari in un ottica di integrazione tra istituzioni e tra diverse professionalità nel quadro di riferimento delineato dal Piano Regionale dei Servizi Sanitari e dalle leggi di riordino del Servizio sanitario regionale (L.R. n. 10/06) e del sistema integrato dei servizi alla persona (L.R. n. 23/05). La necessità dell integrazione nasce dalla complessità della domanda di salute - cura che richiede attenzione alla globalità dei bisogni della persona, siano essi di natura sanitaria o sociale. La sostanziale separatezza degli interventi domiciliari svolti dalle Aziende Sanitarie Locali da un lato e dai Comuni dall altro e la difficoltà degli operatori a realizzare interventi multiprofessionali coordinati rappresentano le maggiori criticità che hanno ostacolato lo sviluppo della integrazione sociosanitaria in ambito regionale, così come delineata dall articolo 3 septies del decreto legislativo n. 502/92. La legge regionale n. 23/2005 ha creato una base normativa atta a favorire l integrazione sociosanitaria laddove ha previsto, proprio in attuazione dell articolo 3 septies del D. Lgs. n. 502/92, la programmazione integrata degli interventi tra tutti i soggetti interessati (Aziende Sanitarie Locali, Comuni associati, Province, soggetti sociali e solidali), attraverso lo strumento del Piano Locale Unitario dei Servizi (PLUS), e la gestione integrata dei processi assistenziali. L integrazione socio sanitaria si realizza non solo attraverso la programmazione e la gestione congiunta dei servizi da parte delle istituzioni interessate, ma anche attraverso l integrazione tra differenti figure professionali: nell ambito delle cure domiciliari l integrazione tra professionalità è strumento essenziale per migliorare la qualità e l efficacia degli interventi e necessita di nuove configurazioni organizzative, di nuovi meccanismi di coordinamento e della definizione dei percorsi assistenziali. Il completamento e il potenziamento della rete di offerta dei servizi del Distretto che si realizza anche con lo sviluppo delle cure domiciliari integrate persegue inoltre l obiettivo generale di realizzare maggiori livelli di appropriatezza: le cure erogate a domicilio rappresentano una valida alternativa al ricovero ospedaliero, l opportunità per una dimissione protetta e, in alcune occasioni e forme, l alternativa o il complemento all assistenza in strutture residenziali e semiresidenziali. Sono quindi obiettivi specifici del servizio di cure domiciliari integrate i seguenti: a) Mantenere le persone non autosufficienti nel proprio ambiente di vita. La componente essenziale per il raggiungimento di tale obiettivo è la famiglia. Sono inoltre da considerare importanti, in una corretta logica di integrazione con i servizi sociali, tutte quelle 2

3 componenti (figure di servizio, badanti, volontariato, ecc.) che possono costituire un supporto alla famiglia stessa e sostenerla nei processi di cura. b) Organizzare al domicilio della persona piani personalizzati di assistenza socio sanitaria. Le Cure Domiciliari Integrate collocate nel sistema della rete assistenziale territoriale per le persone affette da malattie cronico-degenerative, in condizioni di non autosufficienza, sono finalizzate ad evitare l'ospedalizzazione impropria, proteggere le dimissioni, evitare l inserimento in strutture residenziali tutte le volte che le condizioni sanitarie e socio-ambientali lo permettono. c) Favorire i percorsi di rete nell assistenza territoriale sociosanitaria La disponibilità di cure domicliari integrate, quale nodo specializzato della rete dei servizi sociosanitari territoriali, permette di organizzare per le persone non autosufficienti percorsi assistenziali appropriati nella stessa rete. In questa le Cure Domiciliari Integrate forniscono un servizio specializzato e flessibile teso anche alla razionalizzazione dei costi socio-economici per le famiglie e per la comunità, permettono, inoltre, di riequilibrare gli interventi del SSR, valorizzando il ruolo dei medici delle cure primarie e riducendo la domanda di assistenza ospedaliera, che deve essere riservata alle patologie di grave acuzie ad elevata complessità diagnostica. 2. Tipologie e forme di assistenza domiciliare: l esperienza regionale Le cure domiciliari sono attualmente offerte nel territorio regionale in varie forme a seconda delle condizioni della persona da assistere; si possono infatti delineare le seguenti tipologie di interventi domiciliari: - Assistenza Domiciliare Sociale (SAD); - Assistenza Infermieristica Domiciliare (AID); - Assistenza Domiciliare Programmata (ADP); - Assistenza Domiciliare Integrata in Puerperio (ADIP); - Assistenza Domiciliare Integrata (ADI); - Ospedalizzazione Domiciliare (O.D.). La diversità delle forme di assistenza è legata alla tipologia e complessità del bisogno e all intensità dell offerta assistenziale; altri fattori discriminanti sono legati alle tipologie di prestazioni/interventi che sono erogati. Le esperienze fino ad oggi maturate in tutto il territorio regionale dai servizi di Assistenza Domiciliare Integrata fanno percepire una sostanziale disomogeneità tra le ASL nell erogazione del servizio, sia in termini operativi sia gestionali. Si rileva che molte delle esperienze presenti sul territorio, seppur lodevoli nella capacità di assunzione del bisogno assistenziale, anche ad alta intensità, si sono 3

4 rivelate forme di assistenza esclusivamente sanitaria o, nel migliore dei casi, arricchite da semplici collaborazioni con i servizi sociali dei Comuni, talvolta regolate da accordi di programma. Da qui nasce la necessità di integrare i modelli operativo - gestionali in uso per l ADI regolamentati da precedenti provvedimenti regionali (Deliberazione della Giunta Regionale n. 11/15 del 22/02/1999 e Deliberazione della Giunta Regionale n. 17/16 del 22/05/2001, con i nuovi modelli organizzativi dei servizi alla persona del Distretto Sociosanitario, così come concepiti nel Piano Regionale dei Servizi Sanitari e dalla legge sul sistema integrato dei servizi alla persona (L.R. n. 23/2005), ed in coerenza con i provvedimenti attuativi già adottati dalla Giunta Regionale in particolare la deliberazione n. 7/5 del , istitutiva del Punto Unico di Accesso ai servizi alla persona e delle Unità di Valutazione Territoriale e dalla successiva deliberazione n. 44/11 del 31/10/2007 di rafforzamento della loro attività. E inoltre necessario adeguare i modelli già operativi di ADI alle nuove proposizioni della Commissione Nazionale per la definizione e l aggiornamento dei LEA che individua, nell ambito delle cure domiciliari, le cure sanitarie e sociosanitarie integrate, distinguendole dalle forme di assistenza domiciliare di natura socio- assistenziale e tutelare. D altra parte il servizio di assistenza domiciliare di carattere sociale (SAD) deve essere ripensato come prestazione sociale a rilevanza sanitaria che persegue l obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità, e di sostenere l intervento più propriamente sanitario. Con successivo provvedimento saranno fornite indicazioni per promuovere una maggiore integrazione tra interventi sociali previsti dalla Legge 162/98 e gli altri interventi di cui al fondo sociale per la non autosufficienza (articolo 34 della L.R. n. 2/2007), con gli interventi sanitari erogati nell ambito delle cure domiciliari sulla base delle seguenti priorità: - la necessità di distinguere tra attività affidate alle assistenti familiari (badanti) e attività proprie della componente sociale delle cure domiciliari integrate; - una maggiore specializzazione del SAD, in una ottica di effettiva integrazione sociosanitaria, verso interventi tecnici a favore delle persone con grave non autosufficienza e che necessitano di interventi sanitari a carattere intensivo. 3. Nuova caratterizzazione delle cure domiciliari a) Le Cure Domiciliari Prestazionali Si tratta di interventi occasionali o a ciclo programmato che costituiscono una risposta prestazionale, professionalmente qualificata, ad un bisogno puntuale di tipo medico, infermieristico e/o di tipo riabilitativo. Le prestazioni, ancorché siano ripetute nel tempo, rispondono quindi ad un bisogno sanitario che può essere definito semplice in quanto non presuppone né una valutazione multidimensionale né richiede una presa in carico globale della persona da parte di una équipe multiprofessionale. 4

5 Le prestazioni sono richieste dal medico responsabile del processo di cura del paziente nel caso in cui questo presenti limitazioni funzionali tali da rendere impossibile l accesso ai servizi ambulatoriali. Le prestazioni che possono rientrare in questa tipologia di cure domiciliari sono esemplificate nella TABELLA N. 1 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. b) Le Cure Domiciliari Integrate Si tratta di interventi di assistenza sanitaria e sociale che prevedono trattamenti medici, infermieristici, farmacologici, riabilitativi ed abilitativo-educativi prestati da personale qualificato per la cura e l assistenza alle persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità, con patologie in atto o esiti delle stesse, finalizzati a stabilizzare il quadro clinico, limitare il declino funzionale e migliorare la qualità della vita quotidiana. Le prestazioni di tipo sanitario e sociale di diversa complessità e intensità sono definite nel Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto a seguito di una Valutazione Multidimensionale (VMD) ed erogate da una èquipe multiprofessionale attraverso una presa in carico globale e interdiscilplinare. Nelle cure domiciliari integrate assume ruolo centrale il MMG/PLS che partecipa a tutte le fasi del processo assistenziale: dalla valutazione multidimensionale della persona alla pianificazione ed attuazione degli interventi. A tal fine collabora con la UVT e con i responsabili distrettuali delle cure domiciliari e favorisce l integrazione tra le diverse figure professionali dell èquipe multiprofessionale. Il MMG/PLS assume la responsabilità clinica condivisa dei processi di cura. Nell ambito delle cure domiciliari integrate si individuano tre livelli assistenziali: b1) Cure Domiciliari Integrate di primo e secondo livello (assorbono quelle già definite nell ADI): - si rivolgono a persone che, pur non presentando criticità specifiche o presentando sintomi di mediobassa complessità, necessitano comunque di continuità assistenziale e di interventi programmati multiprofessionali che si articolano su 5 giorni ( primo livello) o 6 giorni (secondo livello); - si caratterizzano per la formulazione di un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto in base alla valutazione globale multidimensionale e dalla presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale; - comprende una gamma di prestazioni multiprofessionali esemplificate nella TABELLA N. 2 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. b2) Cure Domiciliari Integrate di terzo livello e Cure Palliative e a malati terminali (assorbono quelle già definite nell Ospedalizzazione Domiciliare (OD)): - si rivolgono a persone che presentano bisogni con un elevato livello di complessità e con criticità specifiche legate alla instabilità clinica e alla presenza di sintomi di difficile controllo, in particolare: 5

6 persone nella fase terminale della vita ( oncologici e non); persone con malattie neurologiche degenerative/progressive in fase avanzata (SLA, distrofia muscolare); persone in fasi avanzate e complicate di malattie croniche; persone con necessità di nutrizione artificiale parenterale; persone con necessità di supporto ventilatorio invasivo; persone in stato vegetativo e stato di minima coscienza. - ancorché in alcune di queste tipologie di assistenza siano fondamentali gli apporti di professionalità ospedaliere, la loro collocazione è nel Livello di Assistenza Distrettuale. Al riguardo, come riferito nello stesso documento sopraccitato della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA, si ritiene superata la denominazione di Ospedalizzazione Domiciliare in quanto ricompresa nelle Cure Domiciliari Integrate di terzo livello; - sono caratterizzate da una risposta intensiva a bisogni di alta complessità definita in un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto in base alla valutazione multidimensionale e dalla presa in carico globale con intervento di tipo multidisciplinare; - si tratta di interventi programmati su 7 giorni settimanali e, per le cure palliative, è prevista la pronta disponibilità medica sulle 24 ore, di norma, erogata da una équipe di cura in possesso di specifiche competenze e comunque da personale sanitario specificatamente formato; - comprende una gamma di prestazioni multiprofessionali esemplifica nella nella TABELLA N. 3 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. 2 PARTE: Organizzazione delle attività 1. Programmazione delle Cure Domiciliari Integrate Il Piano Locale Unitario dei Servizi (PLUS) è lo strumento attraverso il quale i diversi soggetti che concorrono a costruire la rete dei servizi alle persone nell ambito di ciascun distretto socio sanitario (Azienda Sanitaria Locale, Comuni associati, Provincia, soggetti sociali e solidali) determinano obiettivi e priorità del servizio di cure domiciliari integrate, definiscono le risorse del fondo sanitario regionale e del fondo sociale destinate a realizzare i relativi programmi di intervento e il contributo delle reti formali ed informali di solidarietà. In particolare, il PLUS individua, in attuazione dei Livelli Essenziali di Assistenza riferiti alle cure domiciliari: 6

7 le modalità organizzative integrate dei servizi di Cure Domiciliari, le risorse finanziarie, strutturali e professionali; la ripartizione della spesa a carico di ciascun Comune, della ASL e degli altri soggetti firmatari dell'accordo; le modalità per garantire l'integrazione gestionale, organizzativa e professionale delle Cure Domiciliari Integrate; l integrazione gestionale tra quote finanziarie ASL e quote comunali associate da assegnarsi alle attività di cure domiciliari integrate (suddivise sulla base delle competenze sanitarie e sociali attribuite); le modalità per la collaborazione dei servizi territoriali con i soggetti operanti nell'ambito della solidarietà sociale; le iniziative di formazione e di aggiornamento professionale finalizzate a realizzare progetti di sviluppo dei servizi; gli indicatori di qualità e i criteri di monitoraggio e valutazione degli interventi. La pianificazione e la programmazione delle Cure Domiciliari Integrate deve essere coerente e sinergica con gli altri livelli di programmazione socio sanitaria, sia regionali sia aziendali, e le relative progettualità, secondo le seguenti linee guida: sostenere la domiciliarità nella cura e assistenza a persone non autosufficienti e fragili migliorando la qualità di vita degli stessi; stimolare e sostenere la capacità di auto cura dell individuo e della famiglia; ricercare le sinergie e le collaborazioni con i diversi soggetti del sistema sociale locale; facilitare la implementazione dei percorsi assistenziali sociosanitari territoriali. La Direzione dei servizi socio- sanitari, che secondo il dettato della legge regionale n. 10/2006 svolge funzioni di staff alla Direzione Generale, garantisce l omogeneità, a livello aziendale, dell integrazione tra i servizi sociali dei Comuni e i servizi distrettuali deputati alle cure domiciliari, mediante la partecipazione alla pianificazione integrata e quindi alla definizione del PLUS. Le Aziende Sanitarie devono perseguire il coordinamento funzionale interdistrettuale delle Cure Domiciliari integrate attraverso la predisposizione di linee guida e protocolli assistenziali omogenei di verifica e standardizzazione della qualità dei servizi e delle prestazioni rese dalle unità operative distrettuali. 2. Modello organizzativo Le Cure Domiciliari Integrate sono caratterizzate da un modello organizzativo di rete che non può prescindere dall integrazione socio-sanitaria riguardante tutte le fasi dell intervento assistenziale: la valutazione multidimensionale, la progettazione personalizzata, la programmazione ed erogazione degli interventi, la valutazione dei risultati. 7

8 Il primo momento dell integrazione è rappresentato dal Punto Unico d acceso (PUA) dove la domanda viene accolta, il bisogno viene individuato e viene effettuata la presa in carico della persona nel percorso di rete, da parte della UVT con la definizione di un progetto personalizzato. La seconda fase dell integrazione si realizza con l intervento operativo svolto dall Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari Integrate che formula un Piano attuativo degli Interventi, nel quale sono programmate le prestazioni necessarie allo svolgimento dei progetto personalizzato elaborato dall UVT, sono individuati i referenti d aiuto spontaneo e professionale, sono attivate e gestite le risorse assistenziali sociali e sanitarie e il rapporto con la famiglia e/o le altre parti coinvolte nell intervento. Il Piano Attuativo degli Interventi è realizzato da una équipe multiprofessionale composta da tutte le figure professionali necessarie a sviluppare gli obiettivi assistenziali definiti dallo stesso. - Assistenza Farmaceutica, protesica e Integrativa La logica della presa in carico globale del paziente/utente presuppone l erogazione diretta a domicilio dell Assistenza Farmaceutica e Integrativa. Per questa modalità di distribuzione i MMG- PLS, responsabili clinici dell assistenza, utilizzano, per i pazienti inseriti nelle Cure Domiciliari Integrate, il prontuario terapeutico regionale e quello aziendale, quanto adottato. Le ASL individuano le modalità operative per garantire l erogazione diretta dei farmaci a domicilio e garantiscono modalità di snellimento delle procedure per l erogazione dell assistenza protesica e integrativa nei confronti delle persone in Cura Domiciliare Integrata. 3. Percorso assistenziale Le Cure Domiciliari Integrate rispondono ad un bisogno socio-sanitario complesso e sono basate su un Progetto di Assistenza definito dalla Unità di Valutazione Territoriale (UVT), operante nel Punto Unico di Accesso, previa Valutazione Multidimensionale del caso, e su un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) di interventi terapeutico-riabilitativi, definito dalla Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari. Detta tipologia assistenziale presuppone una presa in carico globale della persona da parte di una équipe multiprofessionale e multidisciplinare che concretamente eroga le prestazioni programmate e che coinvolge il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di Libera Scelta. a) I destinatari e i requisiti di eleggibilità Le Cure Domiciliari Integrate sono rivolte principalmente a persone non autosufficienti o a rischio di non autosufficienza, spesso con patologie croniche o cronico-degenerative, con le seguenti priorità indicative: persone in condizioni di fragilità con limitazione dell autonomia parziale o totale; persone affette da demenza e malattia di Alzheimer; 8

9 persone in dimissione programmata da reparti ospedalieri o da altre strutture sanitarie e/o residenziali; persone con patologie oncologiche in fase avanzata e/o con patologie in fase terminale; persone non autosufficienti affette da SLA conclamata; persone con patologie HIV correlate in fase avanzata; persone non autosufficienti con disabilità complesse, con patologie croniche gravi e/o particolari condizioni di rilevanza sociale non suscettibili di miglioramenti riabilitativi. Sono inoltre individuati come requisiti indispensabili per l attivazione di un percorso di cure domiciliari integrate i seguenti criteri: a. la presenza di condizioni cliniche e la necessità di interventi assistenziali compatibili con la permanenza del paziente al proprio domicilio; b. la disponibilità di un idonea condizione abitativa, di un valido supporto familiare e/o di una rete di aiuto informale per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana. b) Le modalità di accesso e di presa in carico L accesso al servizio avviene tramite il Punto Unico di Accesso (PUA) ubicato presso il Distretto socio sanitario. Il PUA assicura adeguate informazioni sull offerta dei servizi, anche a sostegno di una scelta consapevole dell utente e/o della sua famiglia. Il PUA è il punto di raccolta di tutte le segnalazioni del bisogno e delle richieste di intervento che possono derivare dal medico di medicina generale, dal pediatra di libera scelta, dal responsabile dell Unità Operativa ospedaliera all atto della dimissione, dal servizio sociale comunale, direttamente dai familiari e/o da altri soggetti della rete informale. Nel caso in cui la segnalazione del bisogno sia effettuata da una figura diversa dal MMG, o dal PLS, il PUA dovrà trasmetterla tempestivamente a quest ultimo per la corretta identificazione del bisogno. Il PUA apre la cartella dell assistito quale strumento di continuità dell assistenza che accompagna la persona presa in carico nel percorso e che raccoglie tutti i dati dell utente e le indicazioni terapeutiche e assistenziali. Il PUA attiva l Unità di Valutazione Territoriale (UVT) composta da un nucleo stabile rappresentato dalle seguenti figure professionali: Medico di assistenza distrettuale; Coordinatore degli infermieri professionali; Assistente sociale coordinatore, espressione del Comune di riferimento; 9

10 L Unità di Valutazione Territoriale, integrata da alcune figure professionali sempre presenti nella gestione del singolo caso, vale a dire, il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di libera scelta della persona, ed eventualmente lo specialista della patologia - prioritariamente dipendente o convenzionato interno - formula il progetto personalizzato per garantire alla persona un percorso assistenziale nella rete dei servizi tenuto conto delle condizioni familiari e relazionali, della documentazione sociale e sanitaria, delle indicazioni specialistiche, delle schede di valutazione, di altra documentazione acquisita, e quindi definisce: l entità e la natura del bisogno di assistenza domiciliare integrata (profilo di cura); le modalità erogative degli interventi; i tempi previsti per la realizzazione del Piano Attuativo degli Interventi; L UVT assolve quindi ai seguenti compiti: a) analizza la domanda di intervento assistenziale e valuta la persona non autosufficiente secondo modalità multidimensionali e assegna il profilo di cura; b) formula un progetto personalizzato; c) effettua il monitoraggio e la valutazione dei risultati dell intervento. All Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari integrate compete la gestione tecnica e organizzativa delle attività assistenziali, è composta esclusivamente da personale dipendente e opera in stretta integrazione con il MMG/PLS e con l assistente sociale del Comune di riferimento; ad essa compete: la definizione del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) che traduce in termini operativi, in interventi di tipo multiprofessionale, il progetto personalizzato definito dalla UVT; la definizione del contratto con la famiglia; la direzione tecnica-organizzativa sociale e sanitaria degli operatori a domicilio; la valutazione intermedia; la proposta di eventuale proroga o dimissione all UVT. All équipe multiprofessionale compete la realizzazione concreta del Piano Attuativo degli Interventi. c) I contenuti del Piano Attuativo degli Interventi (PAI). Il Piano Attuativo degli Interventi (PAI) formulato dalle l Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari Integrate deve contenere i seguenti elementi minimi: la Valutazione Multidimensionale; 10

11 la durata complessiva prevista delle Cure Domiciliari; la periodicità degli accessi del MMG/PLS in relazione alla specificità della patologia in corso; gli interventi di altri operatori sanitari e la loro periodicità; gli interventi di tipo sociale; gli obiettivi di cura/riabilitazione; i risultati attesi; il referente del caso in seno alla l Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari (case manager). Il Piano Attuativo degli Interventi deve in ogni caso garantire: la presenza del MMG/PLS; le attività cliniche e le modalità dell'integrazione degli operatori sanitari; le prestazioni di assistenza infermieristica eseguibili a domicilio; gli interventi di riabilitazione da parte di personale tecnico; le consulenze domiciliari dei medici specialisti : cardiologo, chirurgo, fisiatra, oncologo, anestesista, neurologo, geriatra, etc.; le cure alla persona (igiene personale), assistenza tutelare e ambientale di tipo sociale; la possibilità di accedere attraverso vie preferenziali alle strutture specialistiche ambulatoriali o ospedaliere per esami o visite attraverso la creazione di percorsi preferenziali; la possibilità di erogazione dell'assistenza nell'arco di 12 ore giornaliere, anche con l'utilizzo di reperibilità al fine di fornire prestazioni legate a particolari fasce orarie; la continuità delle prestazioni mediche, infermieristiche e assistenziali anche nelle ore notturne e nei giorni festivi e prefestivi se le condizioni del paziente lo richiedono, con il coinvolgimento dei medici di continuità assistenziale; la fornitura diretta di farmaci, materiale sanitario per le cure infermieristiche, protesi, ausili e presidi sanitari dal servizio Protesico e Farmaceutico Distrettuale d) Valutazione e dimissione L Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari compila la cartella clinica di Cure Domiciliari Integrate, nella quale sono registrate tutte le attività assistenziali svolte a domicilio della persona: tutti gli operatori coinvolti si impegnano a utilizzare la suddetta la cartella registrando i loro interventi e controfirmando. 11

12 In relazione alla durata del PAI le Cure Domiciliari Integrate possono essere: a breve termine (da 15 a 30 giorni); a medio termine (fino a circa 90 giorni); a lungo termine (fino a 180 giorni ripetibili). Il programma proposto dalla UVT dovrà contenere la previsione di massima del successivo percorso di rete per l assistito. Qualora allo scadere dei tempi previsti si rendesse necessario prolungare l assistenza l Unità di Valutazione Territoriale si deve esprimere almeno tre giorni prima dalla data di scadenza del termine del piano Attuativo degli interventi. La documentazione clinico-assistenziale e ogni altra informazione utile, contenuta nella cartella clinica ospedaliera o di strutture residenziali di provenienza, dovranno essere rese accessibili all UVT, al fine di garantire la continuità del percorso assistenziale.la condivisione della documentazione attraverso strumenti informatici, oltre che assicurare tale opportunità, dovrà rispettare le norme sulla sicurezza dei dati. La dimissione può avvenire, oltre che per decesso o per ricovero ospedaliero urgente, nei seguenti casi: per scadenza del Piano Attuativo degli Interventi; per miglioramento e passaggio a forme di assistenza meno intense (ADP, ecc); per necessità di trasferire il paziente in struttura protetta a causa del venir meno delle condizioni socio ambientali o sanitarie che consentono di mantenerlo al domicilio. Al termine del piano attuativo degli interventi o negli altri casi previsti, l'uvt avrà il compito di valutare il raggiungimento degli obiettivi indicati nel progetto di assistenza e di stabilire il successivo percorso assistenziale. La dimissione viene effettuata dall UVT, garantendo il coordinamento con il Servizio sociale professionale comunale al fine di favorire le soluzioni più appropriate nei confronti del soggetto in dimissione e la continuità del percorso assistenziale. 4. Standard temporali di persa in carico e di attivazione del percorso Nel caso in cui la persona si trovi nel proprio domicilio e la richiesta non rivesta carattere di urgenza l UVT è tenuta a definire il progetto personalizzato nel termine massimo di 15 giorni. Contestualmente, o entro il tempo massimo di 48 ore l Unità Operativa Distrettuale di Cure Domiciliari integrate deve attiva di Piano di attuazione degli interventi. Il rispetto dei termini predetti è da intendersi come indicatore di efficienza e di appropriatezza. Per situazioni urgenti o particolari, nei casi in cui la salute del soggetto (nel complesso della sua dimensione fisica, psichica, sociale) sia messa in pericolo da un possibile ritardo nella valutazione multidimensionale è necessario prevedere procedure valutative semplificate con la stesura di un 12

13 piano di intervento provvisorio da parte della UVT che verrà trasmesso all Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari. Il parere della UVT dovrà intervenire nei successivi 5 giorni dalla richiesta. Nelle tipologie di intervento domiciliare a maggior impegno sanitario i percorsi di attivazione devono prevedere modalità operative snelle, soprattutto nei casi di post-acuzie e di terminalità, riservando ad una fase successiva la predisposizione del progetto personalizzato con i completamenti organizzativi e gestionali che si renderanno necessari. Allo scopo le strutture di ricovero e quelle residenziali territoriali attivano processi di integrazione con il Punto Unico d Accesso per facilitare le dimissioni e concordare la semplificazione delle procedure burocratiche, prescrittive e certificatorie. Nei casi in cui la persona sia ricoverata in una struttura ospedaliera o inserita in una struttura residenziale, la richiesta di valutazione multidimensionale viene inviata direttamente (con consenso dell utente o di chi ha titolo) al Punto Unico di Accesso del Distretto di residenza almeno 4 giorni prima della data presunta di dimissione, con obbligo da parte dell UVT di esprimere un parere entro tre giorni dalla richiesta, onde permettere la dimissione nei tempi previsti. L UVT si rapporta con il team ospedaliero o della struttura residenziale per la definizione dei bisogni e del percorso. 5. Livelli di intensità assistenziale: profili di cura Il sistema di Cure Domiciliari Integrate deve prevedere tipologie differenziate di risposta in ragione della prevalenza dei bisogni sanitari e sociali congiunti e della loro intensità. L intervento complesso si delinea, infatti, quando sono presenti contemporaneamente, bisogni sanitari e sociali diversamente articolati. La complessità degli interventi comprende l articolazione dei bisogni rappresentati dai diversi domini, dimensioni e funzioni alterati nella persona: dimensione clinica con relative funzioni vitali, dimensione delle abilità personali, dimensione e funzione cognitiva, dimensione sociorelazionale. L intensità del bisogno è legato alla intensità delle disfunzioni manifestate nelle diverse dimensioni e, quindi, alla diversa intensità di cura-assistenza necessarie per svolgere il piano attuativo degli interventi. La definizione e la caratterizzazione dei profili di cura domiciliari è necessaria al fine di aggregare i diversi mix di interventi per livelli differenziati in funzione : della natura del bisogno; dell intensità del bisogno, definita attraverso l individuazione di un coefficiente di intensità assistenziale (CIA): n giornate effettive di assistenza (GEA)/ n giornate di cura (GdC); della complessità in funzione del case mix e dell impegno delle figure professionali coinvolte nel PAI (valore GEA): giornate di assistenza intese come giornate nelle quali è stato effettuato almeno un accesso domiciliare; 13

14 della durata media in relazione alle fasi temporali intensiva, estensiva e di lungoassistenza (GdC): durata del piani di cura dalla presa in carico alla dimissione del Servizio; delle fasce orarie di operatività dei servizi erogatori di cure domiciliari; I livelli di assistenza mutuano, in termini di modello provvisorio, quanto già stabilito dalle Linee di indirizzo in materia di Residenze sanitarie assistenziali e di Centri diurni integrati DGR 13 giugno 2006, n. 25/6. a) Livelli di assistenza sanitaria Le cure domiciliari offrono livelli di intensità assistenza sanitaria differenziati che possono essere modulati, sulla base della intensità delle cure, come segue. 1)Livello di assistenza sanitaria basso Questo livello è riferito a pazienti definiti stabili (classe 0 secondo la scala di Bernardini e altri), che necessitano di assistenza medica o infermieristica di base erogabile a domicilio della persona in presenza di un adeguato supporto dei familiari e della rete dei servizi territoriali. 2)Livello di assistenza sanitaria medio Questo livello è riferito a pazienti definiti moderatamente stabili (classe 1 secondo la scala di Bernardini e altri), con patologie croniche stabilizzate o in fase di avanzata stabilizzazione, che richiedono comunque interventi sanitari con consumo di risorse limitate (non necessitanti di indagini strumentali particolari, di terapia medica innovativa o con farmaci di alto costo, di assistenza integrativa particolare, ecc.). 3)Livello di assistenza sanitaria alto Questo livello è riferito a pazienti definiti moderatamente instabili (classe 2 e 3 secondo la scala di Bernardini e altri), che necessitano di interventi sanitari più impegnativi e di monitoraggio con indagini strumentali ripetute, di terapia medica innovativa o con farmaci di alto costo, di un elevato grado di assistenza integrativa (pazienti cateterizzati o con stomie varie), di medicazioni frequenti, in ventilazione meccanica, con alimentazione parenterale, CVC ecc. b) Livelli di assistenza sociale I livelli di assistenza sociale vengono formulati con riguardo al grado di perdita dell autonomia, riferita allo svolgimento delle attività quotidiane (consumo dei pasti, cura della persona e del suo aspetto), al grado di sorveglianza generica richiesta, all accompagnamento e al supporto di cui necessita la persona, alla ridotta capacità di socializzazione. 14

15 Ai diversi livelli di assistenza sociale, da definirsi con strumentalità tipiche del servizio sociale professionale, corrispondono quindi valutazioni di perdita dell autonomia graduate, che, per esemplificazione possono essere al momento effettuate tramite la Scala di Barthel semplificata 1) Livello di assistenza sociale medio-basso Riferibile a persone con perdita di autonomia media (classe da 11 a 15 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere una parte limitata delle attività quotidiane e delle attività di socializzazione. 2) Livello di assistenza sociale medio-alto Riferibile a persone con perdita di autonomia medio-alta (classe da 6 a 10 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere una considerevole parte delle attività quotidiane e delle attività di socializzazione. 3)Livello di assistenza sociale alto Riferibile a persone con perdita di autonomia grave (classe da 0 a 5 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere quasi tutte le attività quotidiane e le attività di socializzazione. c) Attribuzione del profilo di cura domiciliare integrata L UVT individua quindi un profilo di Cura Domiciliare Integrata che deriva dalla composizione di alcuni livelli di assistenza sanitaria e sociale, secondo le diverse articolazioni riportate nella tabella A. La Tabella riporta inoltre un possibile abbinamento di Coefficiente di Intensità Assistenziale ai Profili di Cure la cui applicabilità richiede comunque ulteriori studi e conferme da parte delle UVT nel corso dell attuazione e implementazione di questo provvedimento. Tabella A Profilo di Cura Domiciliare integrata Composizione del profilo assistenziale sulla base dei livelli assistenziali sanitario e socio-relazionale Intensità CIA = ( GEA/GdC) CD Integrate di Primo Livello Livello sanitario medio-basso /livello sociale medio-basso Fino a 0,30 CD Integrate di Secondo Livello Livello sanitario medio-basso / livello sociale alto Fino a 0,50 CD Integrate di Terzo Livello Livello sanitario alto/ livello sociale medio-alto Superiore a 0,50 CD Palliative e a malati terminali Livello sanitario alto//livello sociale alto Superiore a 0,60 15

16 Le Unità di Valutazione Territoriali in attesa di definitiva sistematizzazione a livello regionale delle procedure di valutazione e degli strumenti di base da utilizzare nell ambito della Valutazione Multidimensionale continuano ad utilizzare, sino a nuove disposizioni, le schede, già individuate con determinazione del direttore generale dell Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale n. 2347, trasmesse alle ASL con nota n del 30 novembre Si stabilisce, in ogni caso, che le Unità Operative Integrate Distrettuali possano usare le scale di valutazione validate a livello nazionale e internazionale utili alla formulazione del PAI. TABELLA 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI EROGABILI NELLE CURE DOMICILIARI PRESTAZIONALI 1 Visita Programmata del MMG o del PLS: ADP dell ACN 2 Consulenza Medico Specialistica 3 Prescrizione di ausili o protesi 4 Prelievo ematico 5 Esecuzione di altre indagini di laboratorio routinarie ( esame urine, esame colturale, etc.) 6 Terapia iniettiva intramuscolare o sottocutanea 7 Sostituzione periodica di catetere vescicale 8 Istruzione all utilizzo di ausili per la demabulazione 9 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 10 Educazione del care giver all attività di nursing 11 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 12 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 16

17 TABELLA 2 PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI TIPO VALUTATIVO-DIAGNOSTICO 1 Prima visita domiciliare:impostazione cartella clinica, anamnesi, esame obiettivo e rilevazione parametri vitali 2 Visita programmata di controllo: esame obiettivo, rilevazione parametri vitali, monitoraggio segni e sintomi e visita in urgenza 3 Rilevazione di scale/schede di Valutazione Multidimensionale 4 Prelievo ematico, prelievo di sangue capillare 5 Esecuzione di indagini buoumorali routinarie: es. urine, esame colturale, etc. 6 ECG 7 Consulenze specialistiche 8 Visite Programmate del MMG e PLS PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE 10 Stesura del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) 11 Confronto in Equipe : riunioni periodiche, passaggio consegne e informazioni 12 Report attività PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA CLINICA DI TIPO TERAPEUTICO Prestazioni relative ai trattamenti farmacologici e mantenimento dell omeostasi 13 Prescrizione terapeutica 14 Terapia iniettiva intramuscolare, sottocutanea, endovenosa 15 Somministrazione fleboclisi 16 Gestione cateterismo venoso periferico o cateterismo venoso centrale/ sist. Port-acath Prestazioni relative alle funzioni escretorie 17 Posizionamento/sostituzione/gestione cateterismo vescicale 18 Valutazione ristagno vescicale 19 Gestione enterostomie e derivazioni urinarie 20 Gestione alvo: educazione igienico-alimentare, clistere evacuativo, evacuazione manuale Prestazioni relative ai trattamenti delle lesioni cutanee e altre alterazioni dei tessuti molli 21 Medicazioni semplici e medicazioni complesse 22 Anestesia locale e sutura ferite 17

18 23 Curettage chirurgico e rimozione punti/graff di sutura 24 Bendaggio elastocompressivo Prestazioni relative ai trattamenti di tipo riabilitativo 25 Trattamento di rieducazione motoria 26 Trattamenti di rieducazione respiratoria 27 Trattamenti di rieducazione del linguaggio 28 Trattamenti per il recupero delle ablità riferite alle attività quotidiane PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA EDUCATIVO/RELAZIONALE/AMBIENTALE 29 Educazione del care giver alla gestione della terapia 30 Educazione del care giver alle attività di nursing 31 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 32 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 33 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 34 Applicazione di misure profilattiche a pazienti con ridotta compliance 35 Bagno assistito e igiene a persone alletate o con lesioni cutanee 36 Colloquio con familiare/ care giver 37 Colloquio con MMg e PLS e Specialista TABELLA 3 PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI TIPO VALUTATIVO-DIAGNOSTICO 1 Prima visita domiciliare: impostazione cartella clinica, anamnesi, esame obiettivo e rilevazione parametri vitali 2 Visita programmata di controllo : esame obiettivo, rilevazione parametri vitali, monitoraggio segni e sintomi 3 Visita in urgenza 4 Rilevazione di scale/schede di Valutazione Multidimensionale 5 Prelievo ematico, prelievo di sangue capillare 6 Esecuzione di indagini buoumorali routinarie: es. urine, esame colturale, etc. 7 ECG 8 Valutazione delle alterazioni del linguaggio di tipo afasico e di tipo distartrico 10 Consulenze specialistiche 18

19 11 Visite Programmate del MMG e PLS PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE 10 Stesura del Piano Assistenziale Individuale 11 Confronto con Equipe : riunioni periodiche, passaggio consegne e informazioni 12 Report attività PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA CLINICA DI TIPO TERAPEUTICO Prestazioni relative ai trattamenti farmacologici e mantenimento dell omeostasi 13 Prescrizione teraputica 14 Terapia iniettiva intramuscolare, sottocutanea, endovenosa 15 Terapia infusionale con necessità di sorveglianza medica 16 Terapia iniettiva endovenosa in infusione 17 Terapia iniettiva per via epidurale/spinale estemporanea ed in infusione continua 18 Posizionamento catetere venoso periferico 19 Gestione cateterismo venoso periferico o cateterismo venoso centrale/ sist. Port-acath 20 Posizionamento e gestione cateterino sottocutaneo 21 Assistenza gestione pompa infusione 22 Gestione cateteri spinali 23 Instillazione genitorurinaria 24 Irrigazione dell occhio e dell orecchio 25 Emotrasfusione 26 Gestione drenaggi 27 Impostazione dialisi peritoneale 28 Paracentesi e Toracentesi 29 Artrocentesi Prestazioni relative alle funzioni escretorie 17 Posizionamento/sostituzione/gestione cateterismo vescicale 18 Valutazione ristagno vescicale 19 Gestione enterostomie e derivazioni urinarie 20 Gestione alvo: educazione igienico-alimentare, clistere evacuativo, evacuazione manuale Prestazioni relative alla funzione respiratoria 21 Gestione racheostomia 22 Sostituzione cannula tracheale 23 Broncoasprazione 24 Impostazione ventilazione meccanica domiciliare 25 Controllo parametri ventilatori Prestazioni relative alla funzione alimentare 26 Verifica parametri nutrizionale 27 Anamnesi dietologica e formulazione dieta personalizzata 19

20 28 Valutazione disfagia 29 Impostazione e monitoraggio di programma di nutrizione artificiale entrale e parenterale 30 Istruzione alla preparazione di diete a consistenza modificata 31 Istruzione alla somministrazione di pasti con posture faciltanti 32 Posizionamento/sostituzione e gestione SNG 33 Sostituzione e gestione PEG con sistema di ancoraggio a bottone 34 Somministrazione terapia tramite SNG- PEG 35 Controllo periodico sistema di ancoraggio della PEG 36 Valutazione ristagno gastrico Prestazioni relative ai trattamenti delle lesioni cutanee e altre alterazioni dei tessuti molli 37 Medicazioni semplici e medicazioni complesse 38 Anestesia locale e sutura ferite 39 Curettage chirurgico e rimozione punti/graff di sutura 40 Bendaggio con doccia di immobilizzazione 41 Fasciature semplici, bendaggi, bendaggi adesivo elastici 42 Toilette lesione/ferita superficiale e profonda 43 Curettage e o rimozione unghia/matrice ungueale 44 Svuotamento ematomi 45 Incisione con drenaggio sottocutaneo 46 Anestesia periferica tronculare 47 Infiltrazione punti trigger Prestazioni relative ai trattamenti di tipo riabilitativo 48 Trattamento di rieducazione motoria 49 Trattamenti di rieducazione respiratoria e alla tosse assistita 50 Trattamenti di rieducazione del linguaggio 51 Trattamenti di rieducazione disturbi neuropsicologici (memoria e attenzione) 52 Trattamenti per il recupero delle ablità riferite alle attività quotidiane PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA EDUCATIVO/RELAZIONALE/AMBIENTALE 53 Educazione del care giver alla gestione della terapia 54 Educazione del care giver alle attività di nursing 55 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 56 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 57 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 58 Educazione del care giver alla gestione di dispositivi per la somministrazione di farmaci ( pompe, elastomeri, altro) 59 Educazione del care giver alla broncoasprazione 20

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate

Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate 1 PARTE: obiettivi strategici e classificazioni 1. Obiettivi strategici del documento: integrazione socio sanitaria e appropriatezza organizzativa

Dettagli

7089 3/8/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

7089 3/8/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 7089 3/8/2012 Identificativo Atto n. 312 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALL'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

4 25-7-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 33

4 25-7-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 33 4 25-7-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 33 ASSESSORATO DELLA SANITA DECRETO 2 luglio 2008. Nuova caratterizzazione dell assistenza territoriale domiciliare e degli interventi

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

REGOLAMENTO CURE DOMICILIARI ASL AV

REGOLAMENTO CURE DOMICILIARI ASL AV AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO Via degli Imbimbo 10/12 83100 Avellino REGOLAMENTO CURE DOMICILIARI ASL AV A cura di: U.O.C. ASSISTENZA ANZIANI 1 Direttore : dott.ssa Anna Marro 1 I n d i c e Premessa:

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 16-2315 Fondo statale per le non autosufficienze, annualita' 2015. Approvazione "Programma attuativo" di cui al

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio Dott. Roberto Lacava 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Milano, (MiCo) 21-24 novembre 2012 Continuity of care Secondo l OMS, la continuità delle

Dettagli

AMBITO N 12 Comune Capofila Pozzuoli. Comuni di:

AMBITO N 12 Comune Capofila Pozzuoli. Comuni di: AMBITO N 12 Comune Capofila Pozzuoli Comuni di: POZZUOLI BACOLI MONTE DI PROCIDA Nuovo regolamento per l accesso ai servizi socio-sanitari ed al sistema delle cure domiciliari integrate e funzionamento

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. LA CASA DEL SOLE CARTA DEI SERVIZI Cure ADI e Cure Palliative Via L. il Moro, 57 Milano Tel. 0289126551. Indice

CARTA DEI SERVIZI. LA CASA DEL SOLE CARTA DEI SERVIZI Cure ADI e Cure Palliative Via L. il Moro, 57 Milano Tel. 0289126551. Indice Pagina 1 di 9 Indice 1.1 mission 1.2 servizi offerti 1.3 struttura organizzativa 1.4 l'equipe della cooperativa 1.5 qualità e standard 1.6 gli utenti e il miglioramento 1.7 gestione dei reclami 1.8 numeri

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE CURE DOMICILIARI INTEGRATE NELLA ASL DI CAGLIARI

PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE CURE DOMICILIARI INTEGRATE NELLA ASL DI CAGLIARI PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE CURE DOMICILIARI INTEGRATE NELLA ASL DI CAGLIARI (in attuazione delle DGR n. 52/18 del 3.10.2008 e n. 15/24 del 13.04.2010, nell ambito del Quadro Strategico Nazionale per la

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO

UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO XXIX Congresso Nazionale SIFO SIFO E ISTITUZIONI NAPOLI 12-15 OTTOBRE 2008 Mostra D Oltremare UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO Dott. Pier Paolo Carinci

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento;

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento; Allegato alla Delib.G.R. n. 43/ 43 del 6.12.2010 Progetto Potenziamento del programma Ritornare a casa Il presente Progetto viene proposto sulla base di quanto previsto dalle direttive di attuazione al

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Allegato alla Delib.G.R. n. 33/32 del 8.8.2013 Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Il presente documento ha lo scopo di definire le linee attuative della rete

Dettagli

AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini

AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini Assessorato Sanità Regione Campania Stato vegetativo e Stato di minima coscienza Fase post ospedaliera Percorsi

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli