Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate"

Transcript

1 Direttive per la riqualificazione delle Cure Domiciliari integrate 1 PARTE: obiettivi strategici e classificazioni 1. Obiettivi strategici del documento: integrazione socio sanitaria e appropriatezza organizzativa 2. Tipologie e forme di assistenza domiciliare: l esperienza regionale 3. Nuova caratterizzazione delle cure domiciliari a) Le Cure Domiciliari Prestazionali b) Le Cure Domiciliari Integrate b1) Cure Domiciliari Integrate di primo e secondo livello b2) Cure Domiciliari Integrate di terzo livello e Cure Palliative e a malati terminali 2 PARTE: Organizzazione delle attività 1. Programmazione delle Cure Domiciliari Integrate 2. Modello organizzativo 3. Percorso assistenziale a) I destinatari e i requisiti di eleggibilità b) Le modalità di accesso e di presa in carico c) I contenuti del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) d) Valutazione e dimissione 4. Standard temporali di persa in carico e di attivazione del percorso 5. Livelli di intensità assistenziale: profili di cura a) Livelli di assistenza sanitaria b) Livelli di assistenza sociale c) Attribuzione del profilo di cura domiciliare integrata 1

2 1 PARTE: obiettivi strategici e classificazioni 1. Obiettivi strategici del documento: integrazione socio sanitaria e appropriatezza organizzativa Il presente documento persegue l obiettivo generale di ridefinire il sistema di cure domiciliari in un ottica di integrazione tra istituzioni e tra diverse professionalità nel quadro di riferimento delineato dal Piano Regionale dei Servizi Sanitari e dalle leggi di riordino del Servizio sanitario regionale (L.R. n. 10/06) e del sistema integrato dei servizi alla persona (L.R. n. 23/05). La necessità dell integrazione nasce dalla complessità della domanda di salute - cura che richiede attenzione alla globalità dei bisogni della persona, siano essi di natura sanitaria o sociale. La sostanziale separatezza degli interventi domiciliari svolti dalle Aziende Sanitarie Locali da un lato e dai Comuni dall altro e la difficoltà degli operatori a realizzare interventi multiprofessionali coordinati rappresentano le maggiori criticità che hanno ostacolato lo sviluppo della integrazione sociosanitaria in ambito regionale, così come delineata dall articolo 3 septies del decreto legislativo n. 502/92. La legge regionale n. 23/2005 ha creato una base normativa atta a favorire l integrazione sociosanitaria laddove ha previsto, proprio in attuazione dell articolo 3 septies del D. Lgs. n. 502/92, la programmazione integrata degli interventi tra tutti i soggetti interessati (Aziende Sanitarie Locali, Comuni associati, Province, soggetti sociali e solidali), attraverso lo strumento del Piano Locale Unitario dei Servizi (PLUS), e la gestione integrata dei processi assistenziali. L integrazione socio sanitaria si realizza non solo attraverso la programmazione e la gestione congiunta dei servizi da parte delle istituzioni interessate, ma anche attraverso l integrazione tra differenti figure professionali: nell ambito delle cure domiciliari l integrazione tra professionalità è strumento essenziale per migliorare la qualità e l efficacia degli interventi e necessita di nuove configurazioni organizzative, di nuovi meccanismi di coordinamento e della definizione dei percorsi assistenziali. Il completamento e il potenziamento della rete di offerta dei servizi del Distretto che si realizza anche con lo sviluppo delle cure domiciliari integrate persegue inoltre l obiettivo generale di realizzare maggiori livelli di appropriatezza: le cure erogate a domicilio rappresentano una valida alternativa al ricovero ospedaliero, l opportunità per una dimissione protetta e, in alcune occasioni e forme, l alternativa o il complemento all assistenza in strutture residenziali e semiresidenziali. Sono quindi obiettivi specifici del servizio di cure domiciliari integrate i seguenti: a) Mantenere le persone non autosufficienti nel proprio ambiente di vita. La componente essenziale per il raggiungimento di tale obiettivo è la famiglia. Sono inoltre da considerare importanti, in una corretta logica di integrazione con i servizi sociali, tutte quelle 2

3 componenti (figure di servizio, badanti, volontariato, ecc.) che possono costituire un supporto alla famiglia stessa e sostenerla nei processi di cura. b) Organizzare al domicilio della persona piani personalizzati di assistenza socio sanitaria. Le Cure Domiciliari Integrate collocate nel sistema della rete assistenziale territoriale per le persone affette da malattie cronico-degenerative, in condizioni di non autosufficienza, sono finalizzate ad evitare l'ospedalizzazione impropria, proteggere le dimissioni, evitare l inserimento in strutture residenziali tutte le volte che le condizioni sanitarie e socio-ambientali lo permettono. c) Favorire i percorsi di rete nell assistenza territoriale sociosanitaria La disponibilità di cure domicliari integrate, quale nodo specializzato della rete dei servizi sociosanitari territoriali, permette di organizzare per le persone non autosufficienti percorsi assistenziali appropriati nella stessa rete. In questa le Cure Domiciliari Integrate forniscono un servizio specializzato e flessibile teso anche alla razionalizzazione dei costi socio-economici per le famiglie e per la comunità, permettono, inoltre, di riequilibrare gli interventi del SSR, valorizzando il ruolo dei medici delle cure primarie e riducendo la domanda di assistenza ospedaliera, che deve essere riservata alle patologie di grave acuzie ad elevata complessità diagnostica. 2. Tipologie e forme di assistenza domiciliare: l esperienza regionale Le cure domiciliari sono attualmente offerte nel territorio regionale in varie forme a seconda delle condizioni della persona da assistere; si possono infatti delineare le seguenti tipologie di interventi domiciliari: - Assistenza Domiciliare Sociale (SAD); - Assistenza Infermieristica Domiciliare (AID); - Assistenza Domiciliare Programmata (ADP); - Assistenza Domiciliare Integrata in Puerperio (ADIP); - Assistenza Domiciliare Integrata (ADI); - Ospedalizzazione Domiciliare (O.D.). La diversità delle forme di assistenza è legata alla tipologia e complessità del bisogno e all intensità dell offerta assistenziale; altri fattori discriminanti sono legati alle tipologie di prestazioni/interventi che sono erogati. Le esperienze fino ad oggi maturate in tutto il territorio regionale dai servizi di Assistenza Domiciliare Integrata fanno percepire una sostanziale disomogeneità tra le ASL nell erogazione del servizio, sia in termini operativi sia gestionali. Si rileva che molte delle esperienze presenti sul territorio, seppur lodevoli nella capacità di assunzione del bisogno assistenziale, anche ad alta intensità, si sono 3

4 rivelate forme di assistenza esclusivamente sanitaria o, nel migliore dei casi, arricchite da semplici collaborazioni con i servizi sociali dei Comuni, talvolta regolate da accordi di programma. Da qui nasce la necessità di integrare i modelli operativo - gestionali in uso per l ADI regolamentati da precedenti provvedimenti regionali (Deliberazione della Giunta Regionale n. 11/15 del 22/02/1999 e Deliberazione della Giunta Regionale n. 17/16 del 22/05/2001, con i nuovi modelli organizzativi dei servizi alla persona del Distretto Sociosanitario, così come concepiti nel Piano Regionale dei Servizi Sanitari e dalla legge sul sistema integrato dei servizi alla persona (L.R. n. 23/2005), ed in coerenza con i provvedimenti attuativi già adottati dalla Giunta Regionale in particolare la deliberazione n. 7/5 del , istitutiva del Punto Unico di Accesso ai servizi alla persona e delle Unità di Valutazione Territoriale e dalla successiva deliberazione n. 44/11 del 31/10/2007 di rafforzamento della loro attività. E inoltre necessario adeguare i modelli già operativi di ADI alle nuove proposizioni della Commissione Nazionale per la definizione e l aggiornamento dei LEA che individua, nell ambito delle cure domiciliari, le cure sanitarie e sociosanitarie integrate, distinguendole dalle forme di assistenza domiciliare di natura socio- assistenziale e tutelare. D altra parte il servizio di assistenza domiciliare di carattere sociale (SAD) deve essere ripensato come prestazione sociale a rilevanza sanitaria che persegue l obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità, e di sostenere l intervento più propriamente sanitario. Con successivo provvedimento saranno fornite indicazioni per promuovere una maggiore integrazione tra interventi sociali previsti dalla Legge 162/98 e gli altri interventi di cui al fondo sociale per la non autosufficienza (articolo 34 della L.R. n. 2/2007), con gli interventi sanitari erogati nell ambito delle cure domiciliari sulla base delle seguenti priorità: - la necessità di distinguere tra attività affidate alle assistenti familiari (badanti) e attività proprie della componente sociale delle cure domiciliari integrate; - una maggiore specializzazione del SAD, in una ottica di effettiva integrazione sociosanitaria, verso interventi tecnici a favore delle persone con grave non autosufficienza e che necessitano di interventi sanitari a carattere intensivo. 3. Nuova caratterizzazione delle cure domiciliari a) Le Cure Domiciliari Prestazionali Si tratta di interventi occasionali o a ciclo programmato che costituiscono una risposta prestazionale, professionalmente qualificata, ad un bisogno puntuale di tipo medico, infermieristico e/o di tipo riabilitativo. Le prestazioni, ancorché siano ripetute nel tempo, rispondono quindi ad un bisogno sanitario che può essere definito semplice in quanto non presuppone né una valutazione multidimensionale né richiede una presa in carico globale della persona da parte di una équipe multiprofessionale. 4

5 Le prestazioni sono richieste dal medico responsabile del processo di cura del paziente nel caso in cui questo presenti limitazioni funzionali tali da rendere impossibile l accesso ai servizi ambulatoriali. Le prestazioni che possono rientrare in questa tipologia di cure domiciliari sono esemplificate nella TABELLA N. 1 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. b) Le Cure Domiciliari Integrate Si tratta di interventi di assistenza sanitaria e sociale che prevedono trattamenti medici, infermieristici, farmacologici, riabilitativi ed abilitativo-educativi prestati da personale qualificato per la cura e l assistenza alle persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità, con patologie in atto o esiti delle stesse, finalizzati a stabilizzare il quadro clinico, limitare il declino funzionale e migliorare la qualità della vita quotidiana. Le prestazioni di tipo sanitario e sociale di diversa complessità e intensità sono definite nel Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto a seguito di una Valutazione Multidimensionale (VMD) ed erogate da una èquipe multiprofessionale attraverso una presa in carico globale e interdiscilplinare. Nelle cure domiciliari integrate assume ruolo centrale il MMG/PLS che partecipa a tutte le fasi del processo assistenziale: dalla valutazione multidimensionale della persona alla pianificazione ed attuazione degli interventi. A tal fine collabora con la UVT e con i responsabili distrettuali delle cure domiciliari e favorisce l integrazione tra le diverse figure professionali dell èquipe multiprofessionale. Il MMG/PLS assume la responsabilità clinica condivisa dei processi di cura. Nell ambito delle cure domiciliari integrate si individuano tre livelli assistenziali: b1) Cure Domiciliari Integrate di primo e secondo livello (assorbono quelle già definite nell ADI): - si rivolgono a persone che, pur non presentando criticità specifiche o presentando sintomi di mediobassa complessità, necessitano comunque di continuità assistenziale e di interventi programmati multiprofessionali che si articolano su 5 giorni ( primo livello) o 6 giorni (secondo livello); - si caratterizzano per la formulazione di un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto in base alla valutazione globale multidimensionale e dalla presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale; - comprende una gamma di prestazioni multiprofessionali esemplificate nella TABELLA N. 2 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. b2) Cure Domiciliari Integrate di terzo livello e Cure Palliative e a malati terminali (assorbono quelle già definite nell Ospedalizzazione Domiciliare (OD)): - si rivolgono a persone che presentano bisogni con un elevato livello di complessità e con criticità specifiche legate alla instabilità clinica e alla presenza di sintomi di difficile controllo, in particolare: 5

6 persone nella fase terminale della vita ( oncologici e non); persone con malattie neurologiche degenerative/progressive in fase avanzata (SLA, distrofia muscolare); persone in fasi avanzate e complicate di malattie croniche; persone con necessità di nutrizione artificiale parenterale; persone con necessità di supporto ventilatorio invasivo; persone in stato vegetativo e stato di minima coscienza. - ancorché in alcune di queste tipologie di assistenza siano fondamentali gli apporti di professionalità ospedaliere, la loro collocazione è nel Livello di Assistenza Distrettuale. Al riguardo, come riferito nello stesso documento sopraccitato della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA, si ritiene superata la denominazione di Ospedalizzazione Domiciliare in quanto ricompresa nelle Cure Domiciliari Integrate di terzo livello; - sono caratterizzate da una risposta intensiva a bisogni di alta complessità definita in un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) redatto in base alla valutazione multidimensionale e dalla presa in carico globale con intervento di tipo multidisciplinare; - si tratta di interventi programmati su 7 giorni settimanali e, per le cure palliative, è prevista la pronta disponibilità medica sulle 24 ore, di norma, erogata da una équipe di cura in possesso di specifiche competenze e comunque da personale sanitario specificatamente formato; - comprende una gamma di prestazioni multiprofessionali esemplifica nella nella TABELLA N. 3 che riprende l elencazione proposta nel documento della Commissione nazionale per l aggiornamento dei LEA. 2 PARTE: Organizzazione delle attività 1. Programmazione delle Cure Domiciliari Integrate Il Piano Locale Unitario dei Servizi (PLUS) è lo strumento attraverso il quale i diversi soggetti che concorrono a costruire la rete dei servizi alle persone nell ambito di ciascun distretto socio sanitario (Azienda Sanitaria Locale, Comuni associati, Provincia, soggetti sociali e solidali) determinano obiettivi e priorità del servizio di cure domiciliari integrate, definiscono le risorse del fondo sanitario regionale e del fondo sociale destinate a realizzare i relativi programmi di intervento e il contributo delle reti formali ed informali di solidarietà. In particolare, il PLUS individua, in attuazione dei Livelli Essenziali di Assistenza riferiti alle cure domiciliari: 6

7 le modalità organizzative integrate dei servizi di Cure Domiciliari, le risorse finanziarie, strutturali e professionali; la ripartizione della spesa a carico di ciascun Comune, della ASL e degli altri soggetti firmatari dell'accordo; le modalità per garantire l'integrazione gestionale, organizzativa e professionale delle Cure Domiciliari Integrate; l integrazione gestionale tra quote finanziarie ASL e quote comunali associate da assegnarsi alle attività di cure domiciliari integrate (suddivise sulla base delle competenze sanitarie e sociali attribuite); le modalità per la collaborazione dei servizi territoriali con i soggetti operanti nell'ambito della solidarietà sociale; le iniziative di formazione e di aggiornamento professionale finalizzate a realizzare progetti di sviluppo dei servizi; gli indicatori di qualità e i criteri di monitoraggio e valutazione degli interventi. La pianificazione e la programmazione delle Cure Domiciliari Integrate deve essere coerente e sinergica con gli altri livelli di programmazione socio sanitaria, sia regionali sia aziendali, e le relative progettualità, secondo le seguenti linee guida: sostenere la domiciliarità nella cura e assistenza a persone non autosufficienti e fragili migliorando la qualità di vita degli stessi; stimolare e sostenere la capacità di auto cura dell individuo e della famiglia; ricercare le sinergie e le collaborazioni con i diversi soggetti del sistema sociale locale; facilitare la implementazione dei percorsi assistenziali sociosanitari territoriali. La Direzione dei servizi socio- sanitari, che secondo il dettato della legge regionale n. 10/2006 svolge funzioni di staff alla Direzione Generale, garantisce l omogeneità, a livello aziendale, dell integrazione tra i servizi sociali dei Comuni e i servizi distrettuali deputati alle cure domiciliari, mediante la partecipazione alla pianificazione integrata e quindi alla definizione del PLUS. Le Aziende Sanitarie devono perseguire il coordinamento funzionale interdistrettuale delle Cure Domiciliari integrate attraverso la predisposizione di linee guida e protocolli assistenziali omogenei di verifica e standardizzazione della qualità dei servizi e delle prestazioni rese dalle unità operative distrettuali. 2. Modello organizzativo Le Cure Domiciliari Integrate sono caratterizzate da un modello organizzativo di rete che non può prescindere dall integrazione socio-sanitaria riguardante tutte le fasi dell intervento assistenziale: la valutazione multidimensionale, la progettazione personalizzata, la programmazione ed erogazione degli interventi, la valutazione dei risultati. 7

8 Il primo momento dell integrazione è rappresentato dal Punto Unico d acceso (PUA) dove la domanda viene accolta, il bisogno viene individuato e viene effettuata la presa in carico della persona nel percorso di rete, da parte della UVT con la definizione di un progetto personalizzato. La seconda fase dell integrazione si realizza con l intervento operativo svolto dall Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari Integrate che formula un Piano attuativo degli Interventi, nel quale sono programmate le prestazioni necessarie allo svolgimento dei progetto personalizzato elaborato dall UVT, sono individuati i referenti d aiuto spontaneo e professionale, sono attivate e gestite le risorse assistenziali sociali e sanitarie e il rapporto con la famiglia e/o le altre parti coinvolte nell intervento. Il Piano Attuativo degli Interventi è realizzato da una équipe multiprofessionale composta da tutte le figure professionali necessarie a sviluppare gli obiettivi assistenziali definiti dallo stesso. - Assistenza Farmaceutica, protesica e Integrativa La logica della presa in carico globale del paziente/utente presuppone l erogazione diretta a domicilio dell Assistenza Farmaceutica e Integrativa. Per questa modalità di distribuzione i MMG- PLS, responsabili clinici dell assistenza, utilizzano, per i pazienti inseriti nelle Cure Domiciliari Integrate, il prontuario terapeutico regionale e quello aziendale, quanto adottato. Le ASL individuano le modalità operative per garantire l erogazione diretta dei farmaci a domicilio e garantiscono modalità di snellimento delle procedure per l erogazione dell assistenza protesica e integrativa nei confronti delle persone in Cura Domiciliare Integrata. 3. Percorso assistenziale Le Cure Domiciliari Integrate rispondono ad un bisogno socio-sanitario complesso e sono basate su un Progetto di Assistenza definito dalla Unità di Valutazione Territoriale (UVT), operante nel Punto Unico di Accesso, previa Valutazione Multidimensionale del caso, e su un Piano Attuativo degli Interventi (PAI) di interventi terapeutico-riabilitativi, definito dalla Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari. Detta tipologia assistenziale presuppone una presa in carico globale della persona da parte di una équipe multiprofessionale e multidisciplinare che concretamente eroga le prestazioni programmate e che coinvolge il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di Libera Scelta. a) I destinatari e i requisiti di eleggibilità Le Cure Domiciliari Integrate sono rivolte principalmente a persone non autosufficienti o a rischio di non autosufficienza, spesso con patologie croniche o cronico-degenerative, con le seguenti priorità indicative: persone in condizioni di fragilità con limitazione dell autonomia parziale o totale; persone affette da demenza e malattia di Alzheimer; 8

9 persone in dimissione programmata da reparti ospedalieri o da altre strutture sanitarie e/o residenziali; persone con patologie oncologiche in fase avanzata e/o con patologie in fase terminale; persone non autosufficienti affette da SLA conclamata; persone con patologie HIV correlate in fase avanzata; persone non autosufficienti con disabilità complesse, con patologie croniche gravi e/o particolari condizioni di rilevanza sociale non suscettibili di miglioramenti riabilitativi. Sono inoltre individuati come requisiti indispensabili per l attivazione di un percorso di cure domiciliari integrate i seguenti criteri: a. la presenza di condizioni cliniche e la necessità di interventi assistenziali compatibili con la permanenza del paziente al proprio domicilio; b. la disponibilità di un idonea condizione abitativa, di un valido supporto familiare e/o di una rete di aiuto informale per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana. b) Le modalità di accesso e di presa in carico L accesso al servizio avviene tramite il Punto Unico di Accesso (PUA) ubicato presso il Distretto socio sanitario. Il PUA assicura adeguate informazioni sull offerta dei servizi, anche a sostegno di una scelta consapevole dell utente e/o della sua famiglia. Il PUA è il punto di raccolta di tutte le segnalazioni del bisogno e delle richieste di intervento che possono derivare dal medico di medicina generale, dal pediatra di libera scelta, dal responsabile dell Unità Operativa ospedaliera all atto della dimissione, dal servizio sociale comunale, direttamente dai familiari e/o da altri soggetti della rete informale. Nel caso in cui la segnalazione del bisogno sia effettuata da una figura diversa dal MMG, o dal PLS, il PUA dovrà trasmetterla tempestivamente a quest ultimo per la corretta identificazione del bisogno. Il PUA apre la cartella dell assistito quale strumento di continuità dell assistenza che accompagna la persona presa in carico nel percorso e che raccoglie tutti i dati dell utente e le indicazioni terapeutiche e assistenziali. Il PUA attiva l Unità di Valutazione Territoriale (UVT) composta da un nucleo stabile rappresentato dalle seguenti figure professionali: Medico di assistenza distrettuale; Coordinatore degli infermieri professionali; Assistente sociale coordinatore, espressione del Comune di riferimento; 9

10 L Unità di Valutazione Territoriale, integrata da alcune figure professionali sempre presenti nella gestione del singolo caso, vale a dire, il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di libera scelta della persona, ed eventualmente lo specialista della patologia - prioritariamente dipendente o convenzionato interno - formula il progetto personalizzato per garantire alla persona un percorso assistenziale nella rete dei servizi tenuto conto delle condizioni familiari e relazionali, della documentazione sociale e sanitaria, delle indicazioni specialistiche, delle schede di valutazione, di altra documentazione acquisita, e quindi definisce: l entità e la natura del bisogno di assistenza domiciliare integrata (profilo di cura); le modalità erogative degli interventi; i tempi previsti per la realizzazione del Piano Attuativo degli Interventi; L UVT assolve quindi ai seguenti compiti: a) analizza la domanda di intervento assistenziale e valuta la persona non autosufficiente secondo modalità multidimensionali e assegna il profilo di cura; b) formula un progetto personalizzato; c) effettua il monitoraggio e la valutazione dei risultati dell intervento. All Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari integrate compete la gestione tecnica e organizzativa delle attività assistenziali, è composta esclusivamente da personale dipendente e opera in stretta integrazione con il MMG/PLS e con l assistente sociale del Comune di riferimento; ad essa compete: la definizione del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) che traduce in termini operativi, in interventi di tipo multiprofessionale, il progetto personalizzato definito dalla UVT; la definizione del contratto con la famiglia; la direzione tecnica-organizzativa sociale e sanitaria degli operatori a domicilio; la valutazione intermedia; la proposta di eventuale proroga o dimissione all UVT. All équipe multiprofessionale compete la realizzazione concreta del Piano Attuativo degli Interventi. c) I contenuti del Piano Attuativo degli Interventi (PAI). Il Piano Attuativo degli Interventi (PAI) formulato dalle l Unità Operativa Distrettuale delle Cure Domiciliari Integrate deve contenere i seguenti elementi minimi: la Valutazione Multidimensionale; 10

11 la durata complessiva prevista delle Cure Domiciliari; la periodicità degli accessi del MMG/PLS in relazione alla specificità della patologia in corso; gli interventi di altri operatori sanitari e la loro periodicità; gli interventi di tipo sociale; gli obiettivi di cura/riabilitazione; i risultati attesi; il referente del caso in seno alla l Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari (case manager). Il Piano Attuativo degli Interventi deve in ogni caso garantire: la presenza del MMG/PLS; le attività cliniche e le modalità dell'integrazione degli operatori sanitari; le prestazioni di assistenza infermieristica eseguibili a domicilio; gli interventi di riabilitazione da parte di personale tecnico; le consulenze domiciliari dei medici specialisti : cardiologo, chirurgo, fisiatra, oncologo, anestesista, neurologo, geriatra, etc.; le cure alla persona (igiene personale), assistenza tutelare e ambientale di tipo sociale; la possibilità di accedere attraverso vie preferenziali alle strutture specialistiche ambulatoriali o ospedaliere per esami o visite attraverso la creazione di percorsi preferenziali; la possibilità di erogazione dell'assistenza nell'arco di 12 ore giornaliere, anche con l'utilizzo di reperibilità al fine di fornire prestazioni legate a particolari fasce orarie; la continuità delle prestazioni mediche, infermieristiche e assistenziali anche nelle ore notturne e nei giorni festivi e prefestivi se le condizioni del paziente lo richiedono, con il coinvolgimento dei medici di continuità assistenziale; la fornitura diretta di farmaci, materiale sanitario per le cure infermieristiche, protesi, ausili e presidi sanitari dal servizio Protesico e Farmaceutico Distrettuale d) Valutazione e dimissione L Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari compila la cartella clinica di Cure Domiciliari Integrate, nella quale sono registrate tutte le attività assistenziali svolte a domicilio della persona: tutti gli operatori coinvolti si impegnano a utilizzare la suddetta la cartella registrando i loro interventi e controfirmando. 11

12 In relazione alla durata del PAI le Cure Domiciliari Integrate possono essere: a breve termine (da 15 a 30 giorni); a medio termine (fino a circa 90 giorni); a lungo termine (fino a 180 giorni ripetibili). Il programma proposto dalla UVT dovrà contenere la previsione di massima del successivo percorso di rete per l assistito. Qualora allo scadere dei tempi previsti si rendesse necessario prolungare l assistenza l Unità di Valutazione Territoriale si deve esprimere almeno tre giorni prima dalla data di scadenza del termine del piano Attuativo degli interventi. La documentazione clinico-assistenziale e ogni altra informazione utile, contenuta nella cartella clinica ospedaliera o di strutture residenziali di provenienza, dovranno essere rese accessibili all UVT, al fine di garantire la continuità del percorso assistenziale.la condivisione della documentazione attraverso strumenti informatici, oltre che assicurare tale opportunità, dovrà rispettare le norme sulla sicurezza dei dati. La dimissione può avvenire, oltre che per decesso o per ricovero ospedaliero urgente, nei seguenti casi: per scadenza del Piano Attuativo degli Interventi; per miglioramento e passaggio a forme di assistenza meno intense (ADP, ecc); per necessità di trasferire il paziente in struttura protetta a causa del venir meno delle condizioni socio ambientali o sanitarie che consentono di mantenerlo al domicilio. Al termine del piano attuativo degli interventi o negli altri casi previsti, l'uvt avrà il compito di valutare il raggiungimento degli obiettivi indicati nel progetto di assistenza e di stabilire il successivo percorso assistenziale. La dimissione viene effettuata dall UVT, garantendo il coordinamento con il Servizio sociale professionale comunale al fine di favorire le soluzioni più appropriate nei confronti del soggetto in dimissione e la continuità del percorso assistenziale. 4. Standard temporali di persa in carico e di attivazione del percorso Nel caso in cui la persona si trovi nel proprio domicilio e la richiesta non rivesta carattere di urgenza l UVT è tenuta a definire il progetto personalizzato nel termine massimo di 15 giorni. Contestualmente, o entro il tempo massimo di 48 ore l Unità Operativa Distrettuale di Cure Domiciliari integrate deve attiva di Piano di attuazione degli interventi. Il rispetto dei termini predetti è da intendersi come indicatore di efficienza e di appropriatezza. Per situazioni urgenti o particolari, nei casi in cui la salute del soggetto (nel complesso della sua dimensione fisica, psichica, sociale) sia messa in pericolo da un possibile ritardo nella valutazione multidimensionale è necessario prevedere procedure valutative semplificate con la stesura di un 12

13 piano di intervento provvisorio da parte della UVT che verrà trasmesso all Unità Operativa Integrata Distrettuale delle Cure Domiciliari. Il parere della UVT dovrà intervenire nei successivi 5 giorni dalla richiesta. Nelle tipologie di intervento domiciliare a maggior impegno sanitario i percorsi di attivazione devono prevedere modalità operative snelle, soprattutto nei casi di post-acuzie e di terminalità, riservando ad una fase successiva la predisposizione del progetto personalizzato con i completamenti organizzativi e gestionali che si renderanno necessari. Allo scopo le strutture di ricovero e quelle residenziali territoriali attivano processi di integrazione con il Punto Unico d Accesso per facilitare le dimissioni e concordare la semplificazione delle procedure burocratiche, prescrittive e certificatorie. Nei casi in cui la persona sia ricoverata in una struttura ospedaliera o inserita in una struttura residenziale, la richiesta di valutazione multidimensionale viene inviata direttamente (con consenso dell utente o di chi ha titolo) al Punto Unico di Accesso del Distretto di residenza almeno 4 giorni prima della data presunta di dimissione, con obbligo da parte dell UVT di esprimere un parere entro tre giorni dalla richiesta, onde permettere la dimissione nei tempi previsti. L UVT si rapporta con il team ospedaliero o della struttura residenziale per la definizione dei bisogni e del percorso. 5. Livelli di intensità assistenziale: profili di cura Il sistema di Cure Domiciliari Integrate deve prevedere tipologie differenziate di risposta in ragione della prevalenza dei bisogni sanitari e sociali congiunti e della loro intensità. L intervento complesso si delinea, infatti, quando sono presenti contemporaneamente, bisogni sanitari e sociali diversamente articolati. La complessità degli interventi comprende l articolazione dei bisogni rappresentati dai diversi domini, dimensioni e funzioni alterati nella persona: dimensione clinica con relative funzioni vitali, dimensione delle abilità personali, dimensione e funzione cognitiva, dimensione sociorelazionale. L intensità del bisogno è legato alla intensità delle disfunzioni manifestate nelle diverse dimensioni e, quindi, alla diversa intensità di cura-assistenza necessarie per svolgere il piano attuativo degli interventi. La definizione e la caratterizzazione dei profili di cura domiciliari è necessaria al fine di aggregare i diversi mix di interventi per livelli differenziati in funzione : della natura del bisogno; dell intensità del bisogno, definita attraverso l individuazione di un coefficiente di intensità assistenziale (CIA): n giornate effettive di assistenza (GEA)/ n giornate di cura (GdC); della complessità in funzione del case mix e dell impegno delle figure professionali coinvolte nel PAI (valore GEA): giornate di assistenza intese come giornate nelle quali è stato effettuato almeno un accesso domiciliare; 13

14 della durata media in relazione alle fasi temporali intensiva, estensiva e di lungoassistenza (GdC): durata del piani di cura dalla presa in carico alla dimissione del Servizio; delle fasce orarie di operatività dei servizi erogatori di cure domiciliari; I livelli di assistenza mutuano, in termini di modello provvisorio, quanto già stabilito dalle Linee di indirizzo in materia di Residenze sanitarie assistenziali e di Centri diurni integrati DGR 13 giugno 2006, n. 25/6. a) Livelli di assistenza sanitaria Le cure domiciliari offrono livelli di intensità assistenza sanitaria differenziati che possono essere modulati, sulla base della intensità delle cure, come segue. 1)Livello di assistenza sanitaria basso Questo livello è riferito a pazienti definiti stabili (classe 0 secondo la scala di Bernardini e altri), che necessitano di assistenza medica o infermieristica di base erogabile a domicilio della persona in presenza di un adeguato supporto dei familiari e della rete dei servizi territoriali. 2)Livello di assistenza sanitaria medio Questo livello è riferito a pazienti definiti moderatamente stabili (classe 1 secondo la scala di Bernardini e altri), con patologie croniche stabilizzate o in fase di avanzata stabilizzazione, che richiedono comunque interventi sanitari con consumo di risorse limitate (non necessitanti di indagini strumentali particolari, di terapia medica innovativa o con farmaci di alto costo, di assistenza integrativa particolare, ecc.). 3)Livello di assistenza sanitaria alto Questo livello è riferito a pazienti definiti moderatamente instabili (classe 2 e 3 secondo la scala di Bernardini e altri), che necessitano di interventi sanitari più impegnativi e di monitoraggio con indagini strumentali ripetute, di terapia medica innovativa o con farmaci di alto costo, di un elevato grado di assistenza integrativa (pazienti cateterizzati o con stomie varie), di medicazioni frequenti, in ventilazione meccanica, con alimentazione parenterale, CVC ecc. b) Livelli di assistenza sociale I livelli di assistenza sociale vengono formulati con riguardo al grado di perdita dell autonomia, riferita allo svolgimento delle attività quotidiane (consumo dei pasti, cura della persona e del suo aspetto), al grado di sorveglianza generica richiesta, all accompagnamento e al supporto di cui necessita la persona, alla ridotta capacità di socializzazione. 14

15 Ai diversi livelli di assistenza sociale, da definirsi con strumentalità tipiche del servizio sociale professionale, corrispondono quindi valutazioni di perdita dell autonomia graduate, che, per esemplificazione possono essere al momento effettuate tramite la Scala di Barthel semplificata 1) Livello di assistenza sociale medio-basso Riferibile a persone con perdita di autonomia media (classe da 11 a 15 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere una parte limitata delle attività quotidiane e delle attività di socializzazione. 2) Livello di assistenza sociale medio-alto Riferibile a persone con perdita di autonomia medio-alta (classe da 6 a 10 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere una considerevole parte delle attività quotidiane e delle attività di socializzazione. 3)Livello di assistenza sociale alto Riferibile a persone con perdita di autonomia grave (classe da 0 a 5 secondo la scala di Barthel), che necessitano di assistenza per compiere quasi tutte le attività quotidiane e le attività di socializzazione. c) Attribuzione del profilo di cura domiciliare integrata L UVT individua quindi un profilo di Cura Domiciliare Integrata che deriva dalla composizione di alcuni livelli di assistenza sanitaria e sociale, secondo le diverse articolazioni riportate nella tabella A. La Tabella riporta inoltre un possibile abbinamento di Coefficiente di Intensità Assistenziale ai Profili di Cure la cui applicabilità richiede comunque ulteriori studi e conferme da parte delle UVT nel corso dell attuazione e implementazione di questo provvedimento. Tabella A Profilo di Cura Domiciliare integrata Composizione del profilo assistenziale sulla base dei livelli assistenziali sanitario e socio-relazionale Intensità CIA = ( GEA/GdC) CD Integrate di Primo Livello Livello sanitario medio-basso /livello sociale medio-basso Fino a 0,30 CD Integrate di Secondo Livello Livello sanitario medio-basso / livello sociale alto Fino a 0,50 CD Integrate di Terzo Livello Livello sanitario alto/ livello sociale medio-alto Superiore a 0,50 CD Palliative e a malati terminali Livello sanitario alto//livello sociale alto Superiore a 0,60 15

16 Le Unità di Valutazione Territoriali in attesa di definitiva sistematizzazione a livello regionale delle procedure di valutazione e degli strumenti di base da utilizzare nell ambito della Valutazione Multidimensionale continuano ad utilizzare, sino a nuove disposizioni, le schede, già individuate con determinazione del direttore generale dell Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale n. 2347, trasmesse alle ASL con nota n del 30 novembre Si stabilisce, in ogni caso, che le Unità Operative Integrate Distrettuali possano usare le scale di valutazione validate a livello nazionale e internazionale utili alla formulazione del PAI. TABELLA 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI EROGABILI NELLE CURE DOMICILIARI PRESTAZIONALI 1 Visita Programmata del MMG o del PLS: ADP dell ACN 2 Consulenza Medico Specialistica 3 Prescrizione di ausili o protesi 4 Prelievo ematico 5 Esecuzione di altre indagini di laboratorio routinarie ( esame urine, esame colturale, etc.) 6 Terapia iniettiva intramuscolare o sottocutanea 7 Sostituzione periodica di catetere vescicale 8 Istruzione all utilizzo di ausili per la demabulazione 9 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 10 Educazione del care giver all attività di nursing 11 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 12 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 16

17 TABELLA 2 PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI TIPO VALUTATIVO-DIAGNOSTICO 1 Prima visita domiciliare:impostazione cartella clinica, anamnesi, esame obiettivo e rilevazione parametri vitali 2 Visita programmata di controllo: esame obiettivo, rilevazione parametri vitali, monitoraggio segni e sintomi e visita in urgenza 3 Rilevazione di scale/schede di Valutazione Multidimensionale 4 Prelievo ematico, prelievo di sangue capillare 5 Esecuzione di indagini buoumorali routinarie: es. urine, esame colturale, etc. 6 ECG 7 Consulenze specialistiche 8 Visite Programmate del MMG e PLS PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE 10 Stesura del Piano Attuativo degli Interventi (PAI) 11 Confronto in Equipe : riunioni periodiche, passaggio consegne e informazioni 12 Report attività PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA CLINICA DI TIPO TERAPEUTICO Prestazioni relative ai trattamenti farmacologici e mantenimento dell omeostasi 13 Prescrizione terapeutica 14 Terapia iniettiva intramuscolare, sottocutanea, endovenosa 15 Somministrazione fleboclisi 16 Gestione cateterismo venoso periferico o cateterismo venoso centrale/ sist. Port-acath Prestazioni relative alle funzioni escretorie 17 Posizionamento/sostituzione/gestione cateterismo vescicale 18 Valutazione ristagno vescicale 19 Gestione enterostomie e derivazioni urinarie 20 Gestione alvo: educazione igienico-alimentare, clistere evacuativo, evacuazione manuale Prestazioni relative ai trattamenti delle lesioni cutanee e altre alterazioni dei tessuti molli 21 Medicazioni semplici e medicazioni complesse 22 Anestesia locale e sutura ferite 17

18 23 Curettage chirurgico e rimozione punti/graff di sutura 24 Bendaggio elastocompressivo Prestazioni relative ai trattamenti di tipo riabilitativo 25 Trattamento di rieducazione motoria 26 Trattamenti di rieducazione respiratoria 27 Trattamenti di rieducazione del linguaggio 28 Trattamenti per il recupero delle ablità riferite alle attività quotidiane PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA EDUCATIVO/RELAZIONALE/AMBIENTALE 29 Educazione del care giver alla gestione della terapia 30 Educazione del care giver alle attività di nursing 31 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 32 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 33 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 34 Applicazione di misure profilattiche a pazienti con ridotta compliance 35 Bagno assistito e igiene a persone alletate o con lesioni cutanee 36 Colloquio con familiare/ care giver 37 Colloquio con MMg e PLS e Specialista TABELLA 3 PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI TIPO VALUTATIVO-DIAGNOSTICO 1 Prima visita domiciliare: impostazione cartella clinica, anamnesi, esame obiettivo e rilevazione parametri vitali 2 Visita programmata di controllo : esame obiettivo, rilevazione parametri vitali, monitoraggio segni e sintomi 3 Visita in urgenza 4 Rilevazione di scale/schede di Valutazione Multidimensionale 5 Prelievo ematico, prelievo di sangue capillare 6 Esecuzione di indagini buoumorali routinarie: es. urine, esame colturale, etc. 7 ECG 8 Valutazione delle alterazioni del linguaggio di tipo afasico e di tipo distartrico 10 Consulenze specialistiche 18

19 11 Visite Programmate del MMG e PLS PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE 10 Stesura del Piano Assistenziale Individuale 11 Confronto con Equipe : riunioni periodiche, passaggio consegne e informazioni 12 Report attività PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA CLINICA DI TIPO TERAPEUTICO Prestazioni relative ai trattamenti farmacologici e mantenimento dell omeostasi 13 Prescrizione teraputica 14 Terapia iniettiva intramuscolare, sottocutanea, endovenosa 15 Terapia infusionale con necessità di sorveglianza medica 16 Terapia iniettiva endovenosa in infusione 17 Terapia iniettiva per via epidurale/spinale estemporanea ed in infusione continua 18 Posizionamento catetere venoso periferico 19 Gestione cateterismo venoso periferico o cateterismo venoso centrale/ sist. Port-acath 20 Posizionamento e gestione cateterino sottocutaneo 21 Assistenza gestione pompa infusione 22 Gestione cateteri spinali 23 Instillazione genitorurinaria 24 Irrigazione dell occhio e dell orecchio 25 Emotrasfusione 26 Gestione drenaggi 27 Impostazione dialisi peritoneale 28 Paracentesi e Toracentesi 29 Artrocentesi Prestazioni relative alle funzioni escretorie 17 Posizionamento/sostituzione/gestione cateterismo vescicale 18 Valutazione ristagno vescicale 19 Gestione enterostomie e derivazioni urinarie 20 Gestione alvo: educazione igienico-alimentare, clistere evacuativo, evacuazione manuale Prestazioni relative alla funzione respiratoria 21 Gestione racheostomia 22 Sostituzione cannula tracheale 23 Broncoasprazione 24 Impostazione ventilazione meccanica domiciliare 25 Controllo parametri ventilatori Prestazioni relative alla funzione alimentare 26 Verifica parametri nutrizionale 27 Anamnesi dietologica e formulazione dieta personalizzata 19

20 28 Valutazione disfagia 29 Impostazione e monitoraggio di programma di nutrizione artificiale entrale e parenterale 30 Istruzione alla preparazione di diete a consistenza modificata 31 Istruzione alla somministrazione di pasti con posture faciltanti 32 Posizionamento/sostituzione e gestione SNG 33 Sostituzione e gestione PEG con sistema di ancoraggio a bottone 34 Somministrazione terapia tramite SNG- PEG 35 Controllo periodico sistema di ancoraggio della PEG 36 Valutazione ristagno gastrico Prestazioni relative ai trattamenti delle lesioni cutanee e altre alterazioni dei tessuti molli 37 Medicazioni semplici e medicazioni complesse 38 Anestesia locale e sutura ferite 39 Curettage chirurgico e rimozione punti/graff di sutura 40 Bendaggio con doccia di immobilizzazione 41 Fasciature semplici, bendaggi, bendaggi adesivo elastici 42 Toilette lesione/ferita superficiale e profonda 43 Curettage e o rimozione unghia/matrice ungueale 44 Svuotamento ematomi 45 Incisione con drenaggio sottocutaneo 46 Anestesia periferica tronculare 47 Infiltrazione punti trigger Prestazioni relative ai trattamenti di tipo riabilitativo 48 Trattamento di rieducazione motoria 49 Trattamenti di rieducazione respiratoria e alla tosse assistita 50 Trattamenti di rieducazione del linguaggio 51 Trattamenti di rieducazione disturbi neuropsicologici (memoria e attenzione) 52 Trattamenti per il recupero delle ablità riferite alle attività quotidiane PRESTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA EDUCATIVO/RELAZIONALE/AMBIENTALE 53 Educazione del care giver alla gestione della terapia 54 Educazione del care giver alle attività di nursing 55 Educazione del care giver alla corretta mobilizzazione/ corretta postura e all utilizzo di ausili per la mobilizzazione del paziente 56 Educazione del care giver alla gestione di enterostomie, derivazioni urinarie 57 Educazione del care giver alla prevenzione di lesioni cutanee 58 Educazione del care giver alla gestione di dispositivi per la somministrazione di farmaci ( pompe, elastomeri, altro) 59 Educazione del care giver alla broncoasprazione 20

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI SOMMARIO CRONOLOGIA VARIAZIONI... 3 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO... 7 OBIETTIVI... 7 STRUTTURA DEL

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2989 Seduta del 23/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2989 Seduta del 23/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2989 Seduta del 23/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti LE POLITICHE SOCIO-SANITARIE. PARTE PRIMA. I SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI 2 La residenzialità per anziani non autosufficienti L invecchiamento della popolazione e il progressivo diffondersi

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A.

Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A. A.G.C. 20-Settore 03 A.G.C. 18-Settore 01 Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A. 1 INDICE INTRODUZIONE REGIONE CAMPANIA INTRODUZIONE FORMEZ PA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli