LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI"

Transcript

1 LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI Ing. Carlo Cerboni

2 GENERALITA SULLE FIBRE OTTICHE VANTAGGI DELLE FIBRE OTTICHE Capacità trasmissive estremamente elevate (decine di Gbit/s e oltre) Cavi leggeri e di sezione ridotta Attenuazione molto piccola e NON proporzionale alla radice della frequenza come nei cavi in rame Completa immunità ai disturbi elettromagnetici Assenza di disturbi elettromagnetici generati e quindi assenza di fenomeni di diafonia Sicurezza delle informazioni trasmesse non essendo intercettabili Passi di rigenerazione molto grandi ( circa 180 Km ) Possibilità di amplificazione del segnale direttamente in ottico Costituiscono il mezzo di comunicazione con prestazioni superiori a tutti gli altri. Telecom Italia comincia nel 1986 a installare fibre ottiche di tipo multimodale in rete di giunzione, dal 1988 posa solo fibre ottiche monomodali. In Italia vi sono circa 2.5 milioni di Km di cavi in F.O. già posati contro i 115 milioni di Km di cavi in rame. PRINCIPALI SVANTAGGI Costo elevato dei cavi ma soprattutto delle interfacce di trasmissione e ricezione Difficoltà delle operazioni di giunzione e di attestazione dei cavi e quindi maggiori costi di posa Rivestimento primario Mantello Nucleo Costituzione di una fibra ottica Modi di trasmissione del segnale in una fibra ottica

3 PRINCIPI DI PROPAGAZIONE IPOTESI: dimensioni geometriche >> raggi meridionali LEGGE DI SNELL sen 1 = n 2 sen 2 2 n 2 ANGOLO CRITICO (per 2 = 90 ) n c arcsen 2 1 per 1 > c il raggio viene guidato > n 2 VELOCITA DI FASE v f c n n aria = 1 2 n 2 ANGOLO DI ACCETTANZA CRITICO (per 2 = 90 ) a 1 1 sen c 2 n 2 2 NA n 2 NA = APERTURA NUMERICA sen a sen 1 1cos 2 1 1sen n 2 sen 2 22 per angoli a < c il raggio entra nel nucleo della fibra e viene guidato

4 DISPERSIONE MODALE (1) FIBRA STEP INDEX Si calcola la differenza di cammino tra il raggio parallelo all asse della fibra (cammino più corto) e quello che si propaga secondo l angolo max che l angolo maggiore tra quelli guidati (cammino più lungo). max n 2 tl NA 2 2 cn 2 n 2 L = lunghezza della tratta Ipotizzo che la banda modale B mod sia B mod 1 t ESEMPIO Per NA = 0.2 ; L = 1 Km ; n 2 = Trovo t 45 ns/km e B mod 22 MHz

5 DISPERSIONE MODALE (2) FIBRA GRADED INDEX Consideriamo il seguente profilo d indice nel nucleo della fibra n 2 r 2 n r a g a = raggio del nucleo n n 2 NA Calcolando la differenza tra il cammino più lungo e quello più breve si trova per g = 2 t L NA 4 32 c 3 La figura accanto mostra che il ritardo modale viene minimizzato per valori del parametro g molto vicini a 2. ritardo normalizzato t m /t n Ritardo modale in funzione del parametro g g indice di rifrazione g= distanza normalizzata (r/a) ESEMPIO Per NA = 0.3 ; L = 1 Km ; = 1.5 Trovo t 250 ps/km e B mod /t 44 GHz ovvero una B mod >> rispetto al caso step index Profilo dell indice di rifrazione al variare di g.

6 BANDA PASSANTE I principali fattori che limitano la banda passante di una fibra ottica sono: Dispersione Modale Dispersione Cromatica Indico con B mod la banda modale, con B crom la banda cromatica e con B tot la banda passante della fibra. B tot B mod B cr om Per fibre multimodali B tot B mod Per fibre monomodali B tot B crom Per B mod posso inoltre scrivere: B mod t mod L t mod = scarto temporale massimo per L = 1 Km L = lunghezza della fibra in Km = fattore di concatenamento tra i modi compreso tra 0.5 e 1 ; tipicamente = 0.8

7 MODI DI PROPAGAZIONE IN FIBRA OTTICA (1) y Modi TE (trasversi elettrici) E z = E r = H = 0 r z H z, H r, E 0 Modi TM (trasversi magnetici) Hz = H r = E = 0 E z, E r, H 0 x Modi HE piccolo campo elettrico assiale; linee di forza che si richiudono all infinito Sistema di coordinate cartesiane e cilindriche Modi EH piccolo campo magnetico assiale; linee di forza sempre chiuse su se stesse I modi si caratterizzano con 2 pedici: q e p. Il pedice q indica la metà del numero di massimi azimutali, il pedice p indica la costante di propagazione, entrambi relativamente a quella configurazione di campo. In alternativa si definiscono i modi LP (linearmante polarizzati), ognuno dei quali raggruppa tutti quelli che hanno la stessa costante di propagazione, a prescindere dalla configurazione del campo. Anche i modi LP si caratterizzano con gli indici q e p, ogni coppia dei quali indica una diversa costante di propagazione. LP qp (q 2) EH q-1,p 4 modi [ HE q+1,p LP 0p (q = 0) HE 1p 2 modi [ ] ] [ TE 0p ] LP 1p (q = 1) TM op 4 modi HE 2p

8 MODI DI PROPAGAZIONE IN FIBRA OTTICA (2) Il modo fondamentale è LP 01 corrispondente a HE 11 Frequenza normalizzata: V = k a NA k = 2 / = numero d onda Se V < si propaga il solo modo fondamentale LP 01 Numero di modi che si propagano: N modi V 2 / 8 N modi V 2 / 2 1 numero di modi LP N di modi TE, TM, EH, HE con le rispettive polarizzazioni 0.9 Linee di campo elettrico (continue) e magnetico (tratteggiate) per alcuni modi di propagazione in fibra ottica. costante di propagazione normalizzata frequenza normalizzata, V Ogni curva rappresenta la coppia qp che individua il relativo modo LP qp

9 ATTENUAZIONE IN FIBRA OTTICA (1) Attenuazione (db/km) Coda di assorbimento nell ultravioletto Diffusione Rayleigh Attenuazione totale OH Coda di assorbimento nell infrarosso OH Lunghezza d onda (µm) I finestra = 850 nm ; II finestra = 1300 nm, III finestra = 1550 nm

10 ATTENUAZIONE IN FIBRA OTTICA (2) CAUSE DI ATTENUAZIONE INTRINSECHE 1) Assorbimento nell ultravioletto. Dovuto alle transizioni elettroniche da banda di valenza a banda di conduzione. Diminuisce esponenzialmente al crescere di. 0 exp E E 0 db / Km / ppmwge (ppmwge = parti per milione in peso di Ge) 0 = 1.474*10-11 db/km/ppmwge E 0 = ev 2) Assorbimento nell infrarosso. Dovuto all assorbimento di fotonida parte della struttura cristallina della silice, che si traduce in un aumento delle vibrazioni molecolari. Aumenta esponenzialmente al crescere di. Per fibre in silice drogate al Ge si ha: IR exp db / Km se è espresso in µm 3) Diffusione di Rayleigh. Dovuta alle irregolarità microscopiche della silice, ognuna delle quali, con dimensioni di circa 0.1, costituisce un centro di diffusione. Le irregolarità sono dovute a fluttuazioni di densità ed a variazioni di composizione (drogante). Si esprime come: r A 4 A db/km*µm -4 per fibre SM A db/km*µm -4 di CAUSE DI ATTENUAZIONE ESTRINSECHE per fibre MM (che hanno sempre maggiore concentrazione drogante) Sono dovute alla presenza nel vetro di materiali estranei alla composizione desiderata. Sono causa di attenuazione i metalli di transizione, gli ioni OH -, l idrogeno (si usano appositi gel protettivi).

11 PERDITE LOCALIZZATE ATTENUAZIONE IN FIBRA OTTICA (3) Sono dovute alla presenza di giunti e connettori. Si possono classificare in 3 gruppi. 1) Riflessione di potenza all interfaccia vetro-aria-vetro. In generale, in corrispondenza di ogni brusca discontinuità dell indice di rifrazione si verifica una riflessione di potenza. P i P r 2) Cause estrinseche. n 2 P o Separazione assiale tra le estremità affacciate Disallineamento laterale degli assi Disallineamento angolare Obliquità delle facce Rugosità superficiale P i = potenza incidente P r = potenza riflessa P o = potenza trasmessa P i = P r + P o Il coefficiente di riflessione R è: R P r P i 0 R 1 n 2 n 22 3) Cause intrinseche. Differenza tra i diametri dei nuclei o dei mantelli Diversi valori di apertura numerica (MM) o di diametro di campo modale (SM) Diverso profilo dell indice di rifrazione Errore di concentricità nucleo-mantello Ellitticità del nucleo

12 DIAMETRO DI CAMPO MODALE (MFD) Il diametro di campo modale MFD misura la larghezza (quadratica media radiale) del campo e.m. del modo fondamentale LP 01 di una fibra SM. Il campo di LP 01 è sagomato a forma di campana e non è interamente contenuto nel nucleo della fibra. Al crescere di il campo penetra sempre più in profondità nel mantello, cioè MFD cresce al crescere di. 1 2 > 1 2 mantello nucleo mantello

13 DISPERSIONE CROMATICA (1) Supposto un campo elettrico relativo al modo fondamentale polarizzato secondo x e propagante secondo z si può scrivere: E x (r,z,t) = Re {E(r) exp[j(t-z)]} = E(r) cos (t-z) La velocità di fase è data da v f e soddisfa la condizione c v f c n 2 La costante di propagazione di fase soddisfa la condizione k n 2 < < k Per un impulso modulato possiamo definire la velocità di gruppo v g come la velocità dell inviluppo data da Il ritardo di gruppo g, per fibre di lunghezza unitaria di 1 Km, è dato da g 1 v g d d D d g d ps Km La DISPERSIONE CROMATICA deriva dal fatto che g dipende da e si definisce come: ps nm km v g d d lunghezza d onda (nm) Andamento del ritardo di gruppo in funzione della lunghezza d onda ritardo di gruppo (u.a.)

14 DISPERSIONE CROMATICA (2) I fattori che concorrono a determinare la dispersione cromatica complessiva sono essenzialmente i 3 seguenti. n 1) DISPERSIONE DI MATERIALE E dovuta al fatto che l indice di rifrazione n dipende da cioè si ha che n = n(). In particolare n diminuisce al crescere di. n = n() 2) DISPERSIONE DI GUIDA Deriva dal fatto che le proprietà guidanti della fibra variano con, cioè cambia il grado di confinamento nel nucleo (MFD) del campo che si propaga nella guida costituita dalla fibra. In particolare, al crescere di, cresce anche il grado di penetrazione nel mantello, quindi aumenta la velocità di propagazione delle varie componenti che tende ad avvicinarsi a quella propria del mantello data da c / n 2 3) DISPERSIONE DI PROFILO E dovuta al fatto che l indice di rifrazione varia con, ma in particolare varia in misura diversa nel nucleo e nel mantello, quindi al variare di varia il profilo d indice e di conseguenza l apertura numerica. DISPERSIONE CROMATICA TOTALE Nelle fibre monomodali standard D presenta uno zero a 1300 nm, ovvero in seconda finestra, mentre vale circa a 1550 nm, cioè in terza finestra dispersione cromatica ( ps / nm Km ) materiale profilo (nm) lunghezza d onda ( nm ) totale guida

15 DISPERSIONE CROMATICA (5) Sia T b la durata dell impulso di bit. Supponiamo di trasmettere gli impulsi di bit intervallati tra loro di 4T b, in modo da evitare fenomeno di interferenza intersimbolica (ISI). Il bit rate R D sarà cioè R D = 1/4T b. Si dimostra allora che: R D DL 2 SL Gbit s D = dispersione cromatica [ ps / nm * Km ] ; L = lunghezza della tratta [ Km ] ; = larghezza spettrale della sorgente [ nm ] S dd d d 2 D d pendenza della curva di dispersione cromatica ps 2 nm Km 2 Si dimostra anche che la banda passante del collegamento limitata dal solo effetto di dispersione cromatica è: B D 440 DL [GHz] Se la fibra ha una D piccola per un ampio intervallo di valori di e se la sorgente ha una buona purezza cromatica posso ulteriormente semplificare l espressione di R D che diventa: R D DL 176 DL Gbit s da cui consegue: B D 2.5 R D ( Le precedenti espressioni di R D sono peggiorative rispetto al caso reale ) L effetto della dispersione cromatica può essere notevolmente ridotto utilizzando sorgenti ottiche ad alta purezza spettrale come i laser tipo DFB.

16 TIPI DI FIBRE OTTICHE (2) Denominazione Racc. co / MFD ( µm ) cl ( µm ) cc ( nm ) ( nm ) ( db / Km ) D ( ps / nm Km ) Multimodale graded index G ± ± < 4 < Monomodale standard G. 652 (9 10) ± 1310 nm 125 ± 2 < < 1 < Monomodale dispersion-shifted G. 653 (7 8.3) ± 1550 nm 125 ± 2 < < 1 < Monomodale attenuazione minimizzata G ± 1550 nm 125 ± 2 < < Caratteristiche delle fibre ottiche secondo le raccomandazioni ITU-T. co : diametro del nucleo (fibre multimodali); MFD : diametro di campo modale (fibre monomodali); cl : diametro del mantello; cc : lunghezza d onda di taglio misurata sulla fibra assemblata nel cavo; : lunghezza/e d onda consigliata/e per l esercizio; : attenuazione; D : dispersione cromatica. Recentemente sono state standardizzate dall ITU-T le caratteristiche della fibra Non Zero Dispersion (NZD) nella raccomandazione ITU-T G. 655.

17 DISPERSIONE DI POLARIZZAZIONE(1) Teoria modale E z molto piccolo e nullo sull asse della fibra. E x ed E y variano nel tempo e descrivono l ellisse di polarizzazione. Fibra ideale ellisse di pol. immutato lungo tutta la fibra. Fibra reale ellisse di pol. cambia lungo la fibra BIRIFRANGENZA. La BIRIFRANGENZA produce la DISPERSIONE DI POLARIZZAZIONE (PMD), cioè un allargamento e una distorsione dell impulso dovuto al fatto che il ritardo dei due modi ortogonali di polarizzazione del campo all interno della fibra è diverso. Cause della PMD: Birifrangenza di forma, indotta da imperfezioni geometriche della fibra Birifrangenza indotta nella fibra da sforzi meccanici interni dovuti al processo tecnologico di fabbricazione Birifrangenza prodotta da perturbazioni o sollecitazioni esterne alla fibra ed agenti su di essa all interno del cavo ottico la PMD dipende dalle condizioni di posa La PMD è un fenomeno statistico che possiamo studiare in relazione al tempo di coerenza della sorgente ottica (il tempo per il quale vengono mantenute le relazioni di fase tra i vari treni d onda emessi dalla sorgente). 1) Tempo di coerenza maggiore dei ritardi dovuti alla PMD Fibre ad alta birifrangenza L allargamento dell impulso proporzionale alla lunghezza della fibra ottica Coefficiente di PMD misurato in ps / Km Si va a studiare l evoluzione dello stato di polarizzazione della luce uscente dalla fibra, scomponendolo in due componenti polarizzate ortogonalmente dette Stati Principali di Polarizzazione (SPP). 2) Tempo di coerenza minore dei ritardi dovuti alla PMD Fibre a birifrangenza casuale (è il caso più frequente nelle fibre per TLC) L allargamento dell impulso proporzionale alla radice quadrata della lunghezza della fibra ottica Coefficiente di PMD misurato in ps / Km Si affronta lo studio nel dominio del tempo modellando la fibra reale come una concatenazione di spezzoni di fibra birifrangente giuntati tra loro con orientamento casuale degli assi di birifrangenza.

18 DISPERSIONE DI POLARIZZAZIONE(2) Per fibre convenzionali ottimizzate in II finestra, avvolte su bobina, si hanno coeff. di PMD di 0.1 ps / Km. La PMD può variare, anche drasticamente, tra fibre dello stesso cavo e anche della stessa scanalatura del cavo. Per fibre DS deposte in cavo si hanno valori di coeff. di PMD di ps / Km, causati dalla struttura più complessa del profilo d indice che può dar luogo a sforzi interni nelle regioni di interfaccia tra i diversi materiali. Le fibre a nastro hanno coeff. di PMD uguali alle fibre singole, ma nastri deposti in cavo rivelano differenze tra le fibre centrali ed esterne dello stesso nastro e tra nastri della stessa cava. Per sistemi a 2.5 Gbit/s, da misure reali e simulazioni, si è visto che si possono tollerare ritardi da PMD fino a 40 ps senza degrado delle prestazioni. Per una fibra con coeff. di PMD di 0.4 ps / Km significa una lunghezza di Km. Per sistemi a 10 Gbit/s la situazione è più critica in quanto è tollerato un ritardo da PMD non superiore a 10 ps, per cui la lunghezza di tratta si riduce di un fattore 16 rispetto al caso a 2.5 Gbit/s. Possibili effetti negativi della PMD si riscontrano nei sistemi di distribuzione di segnali TV su fibra, che sono analogici e che impongono quindi tolleranze più strette sulla dispersione.

19 STRUTTURA DELLA TRAMA SDH ETSI x N x 1 STM-N AUG AU-4 VC K C-4 x 3 TUG-3 x 1 TU-3 VC-3 x K K C-3 TUG-2 x 1 TU-2 x 3 TU-12 VC-2 VC-12 Eventuali concatenazioni 2048 K C-12 Multiplazione Mappaggio Allineamento VC K C-11

20 STRUTTURA DI MULTIPLAZIONE 2 Mb/s STM-N x N x 1 x 3 x 7 x K STM-N AUG AU-4 VC-4 TUG-3 TUG-2 TU-12 VC-12 C-12 Multiplazione Mappaggio Allineamento C-12 C-12 VC-12 POH C-12 VC-12 TU-12 Ptr VC-12 TU-12 TU-12 Ptr TU-12 Ptr TU-12 Ptr VC-12 VC-12 VC-12 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-2 TUG-3 VC-4 POH TUG-3 TUG-3 TUG-3 VC-4 AU-4 Ptr VC-4 AU-4 AU-4 Ptr VC-4 AUG-4 SOH AUG AUG STM-N Associazione logica Associazione fisica

21 INTERFACCE OTTICHE DI TRASMISSIONE SDH (1) Allo scopo di permettere l interoperabilità multivendor le interfacce ottiche sono state standardizzate nelle 2 raccomandazioni ITU-T G.957 e G.691. La simbologia prevede dei codici formati da 3 simboli: una lettera che definisce il tipo di applicazione, il primo numero che identifica il livello del flusso STM, il secondo numero che indica il tipo di fibra utilizzata e la lunghezza d onda di emissione. Specifiche ITU-T G.957 Applicazione Caratteristiche Intra Office (I) Short Haul (S) Inter Office Long Haul (L) Tipo di fibra G.652 G.652 G.652 G.652 G.652 G.654 G.653 Lungh. d onda Distanza (Km) STM-1 I-1 S-1.1 S-1.2 L-1.1 L-1.2 L-1.3 STM-4 I-4 S-4.1 S-4.2 L-4.1 L-4.2 L-4.3 STM-16 I-16 S-16.1 S-16.2 L-16.1 L-16.2 L-16.3

22 INTERFACCE OTTICHE DI TRASMISSIONE SDH (2) La ITU-T G.691 definisce le ulteriori 2 applicazioni Very Long-Haul (V) e Ultra Long-Haul (U) per distanze anche oltre i 100 Km mediante amplificatori ottici. Entrambe le applicazioni prevedono l utilizzo di un amplificatore in TX, mentre la U viene equipaggiata anche con un preamplificatore in RX. Specifiche ITU-T G.691 Lung. d onda Tipo di fibra G.652 G.652 G.653 G.652 G.652 G.653 G.652 G.652 G.653 G.652 G.653 Distanza (Km) STM STM-4 G.957 V-4.1 V-4.2 V-4.3 U-4.2 U-4.3 STM-16 V-16.1 V-16.2 V-16.3 U-16.2 U-16.3 STM-64 S-64.1 S-64.2 S-64.3 L-64.1 L-64.2 L-64.3 V-64.1 V-64.2 V

23 PROTOCOLLO GIGABIT ETHERNET SU PORTANTI OTTICI (1) Tipo di interfaccia Lunghezza d'onda (nanometri) Tipo di fibra SX 850 MM Diametro del nucleo (micron) Banda modale (Mhz/Km) Distanza massima m m m m m LX/LH 1300 MM m m SM 9/ Km ZX 1550 SM Km 9/10 DS Km Parametri tratti dalle specifiche tecniche delle GBIC della Cisco.

24 PROTOCOLLO GIGABIT ETHERNET SU PORTANTI OTTICI (2) Alcune importanti regole da seguire sono: La minima lunghezza di cavo per le interfaccie 1000BASE-SX e 1000BASE-LX/LH è di 2 metri. 1000BASE SX 1000BASE LX/LH 1000BASE ZX Potenza massima in uscita al trasmettitore (dbm) Potenza minima in uscita al trasmettitore (dbm) Potenza massima in ingresso al ricevitore (dbm) Sensibilità del ricevitore (dbm) Attenuazione massima introdotta dal canale (dbm) Attenuazione minima introdotta dal canale (dbm) E necessario inserire un attenuatore da 10 db tra la rete ottica singolo modo e il ricevitore dell interfaccia GBIC 1000BASE-ZX alla fine di ciascun link se la distanza del collegamento è minore di 25 Km. E necessario inserire un attenuatore da 5 db tra la rete ottica singolo modo e il ricevitore dell interfaccia GBIC 1000BASE-ZX alla fine di ciascun link se la distanza del collegamento è maggiore di 25 Km e inferiore di 50 Km. Quando si usano un interfaccia 1000BASE-LH/LX e fibra ottica MM 62.5/125 è necessario utilizzare una particolare bretella ottica avente, sul lato trasmettitore, un dispositivo che favorisce la distribuzione della potenza ottica su tutti i modi guidati dalla fibra, per evitare il fenomeno del Ritardo di Modo Differenziale (DMD) Lato interfaccia TX RX SM Mescolatore di modi MM MM Lato cavo

25 AMPLIFICATORI OTTICI (1) ASSORBIMENTO INDOTTO EMISSIONE SPONTANEA EMISSIONE STIMOLATA l 2 l 2 l 2 Energia l 1 Energia l 1 Energia l 1 Prima Dopo Prima Dopo Prima Dopo I due fotoni risultanti dall emissione stimolata sono esattamente uguali come frequenza, fase, stato di polarizzazione. Supponiamo di avere un sistema con 2 soli livelli energetici: l 1 (stabile) e l 2 (eccitato), con l 2 > l 1 Siano N 1 e N 2 il numero di atomi nell unità di volume con elettroni che si trovano rispettivamente al livello l 1 e al livello l 2 Si definiscono: il tasso di assorbimento R a, il tasso di emissione spontanea R sp, il tasso di emissione stimolata R e, come il rispettivo numero di eventi nell unità di tempo e nell unità di volume di materiale. Sia infine I il numero di fotoni che, nell unità di tempo, attraversano la superficie unitaria del materiale (intensità del flusso). Allora si può scrivere: R a I N 1 e R e I N 2 cioè R a = a I N 1 e R e = e I N 2 a e e si chiamano SEZIONI D URTO e dipendono dal materiale e dalla lunghezza d onda dei fotoni incidenti. R sp = A sp N 2 ( R sp N 2 ) dove A sp << a I, e I. All equilibrio R sp + R e = R a, in condizioni di non equilibrio si ha: Tasso emissione R sp R e A sp * e I Tasso assorbimento R a * a I N 2 N 1 * e * a N 2 N 1 * e * a N 2 N 1 N 2 >N 1 Inversione di popolazione Amplificazione radiazione incidente

26 AMPLIFICATORI OTTICI (2) Gli amplificatori ottici a fibra attiva sono drogati con Erbio, in concentrazioni fino a ioni/cm 3. Il sistema è a 3 livelli: stabile, metastabile ed eccitato, ma quest ultimo ha un tempo di vita medio di circa 1 µs, per cui la sua popolazione è molto scarsa; tutti gli elettroni eccitati possiamo supporre che si trovino nello stato metastabile, ovvero possiamo supporre che il sistema abbia 2 soli livelli, stabile e metastabile. Il pompaggio utilizzato è a 980 nm. Consideriamo ora i seguenti tassi: R ap = tasso di assorbimento di pompa ( STABILE ECCITATO ) = 1 µs R es = tasso di emissione stimolata di segnale ( METASTAB. STABILE ) R sp = tasso di emissione spontanea ( METASTAB. STABILE ) 980 nm 1480 nm nm = 14 ms R as = tasso di assorbimento di segnale ( STABILE METASTAB. ) N 2 -N 1 ( R ap + R as ) - ( R es + R sp ) Struttura a bande di energia per un vetro di silice drogato con erbio Se R ap è grande, cioè se la radiazione di pompa è abbastanza potente, posso realizzare l inversione di popolazione N 2 > N 1 Fibra attiva Isolatore Accoppiatore Isolatore Gli isolatori evitano riflessioni a monte e a valle che potrebbero innescare oscillazioni laser nella fibra attiva. s p Giunti Costituzione di un amplificatore a fibre attiva In uscita si aggiunge un filtro passa banda per eliminare l energia di pompa residua e limitare la potenza di rumore in uscita.

27 AMPLIFICATORI OTTICI (3) FENOMENI DISSIPATIVI Passagio metastabile stabile con emissione non radiativa, per interazione diretta del fotone con la struttura cristallina del materiale. ESA, ovvero assorbimento di un fotone da parte di un elettrone che già si trova nello stato metastabile e che passa a livelli energetici superiori. Conversione incrociata di energia tra due elettroni dello stato metastabile, uno dei quali passa a livelli energetici superiori e l altro passa nello stato stabile senza produrre un fotone. Emissione stimolata dalla radiazione di pompa, trascurabile con pompaggio a 980 nm per la scarsa popolazione dello stato eccitato.

28 EFFETTO RAMAN EFFETTI NON LINEARI NELLE FIBRE OTTICHE I fotoni di pompa portano gli elettroni ad un livello eccitato, tali elettroni poi si diseccitano in modo spontaneo o stimolato tornando ad un livelli inferiore e producendo un fotone di Stokes e un fonone (quanto di vibrazione elastica). Se la frequenza di Stokes è uguale a quella del segnale si può avere amplificazione. Gli amplificatori ad effetto Raman presentano i seguenti vantaggi: amplificatore costituito dalla fibra stessa, senza necessità di drogaggi particolari; basso livello di rumore; banda di guadagno ampia e piatta e i seguenti svantaggi: presenza di una soglia per la radiazione di pompa, soltanto oltre la quale si innesca l effetto; necessità di forti potenze di pompa ( centinaia di mw ) che producono effetti non lineari indesiderati. EFFETTO KERR Consiste nella dipendenza dell indice di rifrazione dall intensità di campo, che implica una oscillazione (chirp) di fase per l impulso nota come Self Phase Modulation ( SPM ). Il risultato della SPM consiste in uno spostamento verso l alto e verso il basso delle lunghezze d onda in corrispondenza rispettivamente del fronte di salita e di discesa dell impulso, quindi, lavorando a lunghezze d onda maggiori dello zero di dispersione cromatica, una diminuzione di velocità nei fronti di salita e un aumento nei fronti di discesa degli impulsi, ovvero una contrazione degli impulsi stessi. Se gli impulsi vengono modellati come una secante iperbolica si può fare in modo che gli effetti della SPM e della dispersione cromatica siano esattamente uguali e contrari, ottenendo la cosiddetta PROPAGAZIONE SOLITONICA. Per contrastare effetti non lineari si usano fibre con dispersione cromatica non nulla dette fibre Non Zero Dispersion ( NZD )

29 WAVELENGTH DIVISION MULTIPLEXING (WDM) All interno della singola finestra di attenuazione (3 finestra) si vanno a multiplare diverse portanti, opportunamente spaziate tra loro, ognuna delle quali porta il proprio segnale informativo. Le premesse per lo sviluppo di questa tecnologia sono: Progressivo sviluppo di laser a spettro stretto (DFB), laser sintonizzabili e filtri ottici molto selettivi, che rende possibile lo sfruttamento efficiente della banda disponibile, permettendo potenzialmente di multiplare decine o centinaia di canali Disponibilità di amplificatori ottici EDFA con banda di guadagno sempre più estesa Possibilità di concepire nuove architetture di rete che utilizzano al meglio la dimensione della lunghezza d onda, ad esempio sfruttando l associazione tra lunghezza d onda e segnale per svolgere funzioni di livello più elevato di quello puramente trasmissivo come l instradamento e la commutazione dei canali o la suddivisione dei servizi trasportati. Possibilità di integrazione dei componenti optoelettronici La spaziatura tra i canali varia da qualche decina di nanometri nei sistemi più semplici a qualche decimo di nanometro (50 o 100 GHz) per i sistemi più sofisticati. Nei sistemi più spinti non è più possibile utilizzare la modulazione diretta d intensità poiché questa comporta un allargamento spettrale di tali sorgenti (chirping) di alcuni decimi di nanometri, in certi casi superiore alla spaziatura stessa tra canali adiacenti. Le tecniche che vengono utilizzate sono la modulazione di frequenza e la rivelazione eterodina, che implica la necessità di laser sintonizzabili sulle lunghezze d onda che si vogliono rivelare. Le potenze in gioco devono essere tali da non provocare l insorgere di effetti non lineari in fibra che possono portare ad interferenze tra canali adiacenti. Particolarmente insidioso è il fenomeno dell intermodulazione, che prende il nome di Four Wave Mixing. Le velocità che possono essere raggiunte sono ormai dell ordine del TERABIT al secondo. Cisco ha proposto un sistema WDM co25 portanti a 10 Gb/s ciascuna (anche altri hanno fatto proposte simili come ad esempio Alcatel). I sistemi WDM ad alta densità di portanti prendono il nome di sistemi HDWDM (High Density WDM).

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

AMPLIFICATORI OTTICI

AMPLIFICATORI OTTICI AMLIFICATORI OTTICI Le fibre ottiche attenuano perché hanno delle perdite. Gli amplificatori ottici servono a compensare le perdite delle tratte in fibra. Fino agli anni 80 l amplificazione veniva fatta

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200 2004 Tecniche di produzione p delle fibre ottiche Indice (1) Famiglie di fibre ottiche: fibre monomodali; fibre multimodali. Materiali per le fibre

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli