Segnali di luce A.S. 2010/2011. Guglielmino Paolo & Mariani Alessandro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Segnali di luce A.S. 2010/2011. Guglielmino Paolo & Mariani Alessandro"

Transcript

1 Segnali di luce Guglielmino Paolo & Mariani Alessandro A.S. 2010/2011 Tecnologie di trasmissione digitale delle informazioni attraverso l uso di fibre ottiche. Studio delle problematiche di sincronizzazione, di trasmissione e forme di dispersione del segnale. Esempio pratico di trasmissione dati in digitale tra due personal computer, attraverso rso l uso del microcontrollore Arduino e di una fibra ottica prodotta artigianalmente utilizzando una resina poliestere. Istituto Tecnico Industriale Enea Mattei Indirizzo Informatica ABACUS

2 Indice Premessa... Pag Introduzione alle tecnologie di trasmissione dei dati... Pag Costituzione della fibra ottica... Pag Principi di funzionamento... Pag Dispersione e attenuazione del segnale... Pag Tipologie... Pag Soluzioni tecniche... Pag Uso della fibra nelle telecomunicazioni... Pag Finestre di trasmissione... Pag Installazione e problemi di giunzione... Pag Cenni storici sull uso della fibra ottica... Pag Trasmissione dati con Arduino e fibra ottica... Pag Il microcontrollore Arduino... Pag Fibra ottica home-made... Pag Schema del progetto... Pag Codifica e sincronizzazione del segnale... Pag Codice sorgente... Pag Programma Arduino... Pag Software C#... Pag Risultati e conclusioni... Pag. 18 Bibliografia... Pag. 19

3 PREMESSA L argomento di questa tesina è una delle maggiori tecnologie per la trasmissione di informazioni utilizzate oggi. Abbiamo deciso di trattare questa forma di comunicazione per evidenziare l evoluzione delle tecnologie di trasmissione dei dati, che con l implementazione su fibra ottica hanno raggiunto livelli di velocità ed affidabilità un tempo impensabili. Per prima cosa abbiamo trattato l argomento in forma teorica, dal punto di vista elettronico e matematico parlando dei fenomeni di rifrazione della luce e delle caratteristiche dei materiali utilizzati, dimostrando le migliori modalità e tecniche di trasmissione da adottare. Inoltre abbiamo brevemente accennato lo sviluppo e l evoluzione delle tecnologie di trasmissioni ottiche nel corso della storia, fino ad arrivare a parlare dell utilizzo della fibra ottica nello specifico campo delle telecomunicazioni. Abbiamo deciso di concludere la trattazione con un piccolo progetto a scopo dimostrativo da noi creato, il quale consiste in una semplice dimostrazione di trasmissione di un file di testo tra due PC, utilizzando la tecnologia di comunicazione sopra descritta, creando un modello in scala di un cavo in fibra ottica, realizzato artigianalmente con materiali che possiedono caratteristiche simili a quelli realmente utilizzati nelle telecomunicazioni. 1

4 1. INTRODUZIONE ALLE TECNOLOGIE DI TRASMISSIONE DEI DATI La trasmissione delle informazioni attraverso le reti di fonia/dati comporta una scelta del mezzo trasmissivo più idoneo, che fornisca buone prestazioni ma che allo stesso tempo sia in grado di contenere i costi. I costi iniziali devono essere controbilanciati dalla capacità di far fronte alle richieste di prestazioni sempre più elevate, in modo da fornire un sistema di collegamento flessibile e disponibile a supportare le innovazioni tecnologiche del mercato. Un parametro fondamentale da prendere in considerazione nella scelta del mezzo trasmissivo è la prestazione che si intende ottenere, che possono variare da poche centinaia di bps (bit per secondo) a miliardi di bps. Il cavo che assicura le prestazioni migliori è un mezzo poco dispersivo e poco dissipativo. Sia il trasmettitore che il ricevitore devono adattarsi alle caratteristiche del mezzo trasmissivo per ottimizzare la trasmissione dei dati, quindi aumentare il più possibile il rapporto potenza ricevuta/potenza trasmessa. I mezzi trasmissivi si dividono in tre categorie: Elettrici Ottici Wireless Nella prima categoria troviamo mezzi come il doppino telefonico o il cavo coassiale, nella seconda troviamo la fibra ottica e nell ultima ponti radio, satelliti, dispositivi bluetooth e in generale tutte le trasmissioni via etere. Date le grandi necessità di banda trasmissiva e di affidabilità della comunicazione, il mezzo più diffuso oggi è la fibra ottica, che assicura una grande velocità, affidabilità e immunità ai disturbi elettromagnetici. La fibra è usata principalmente dalle aziende e dagli ISP per la creazioni di dorsali ad alta capacità, tuttavia recentemente l uso di questa tecnologia di trasmissione si sta diffondendo anche tra le piccole aziende ed i privati. TIPOLOGIE DI MEZZI TRASMISSIVI 2

5 2. COSTITUZIONE DELLA FIBRA OTTICA La fibra ottica è composta da due strati concentrici di materiale trasparente estremamente puro: Nucleo cilindrico centrale (core) Mantello (cladding), che avvolge il core Il core ha un diametro molto piccolo (circa 10µm per le fibre Monomodali e 50µm per le Multimodali), il cladding ha un diametro di circa 125µm. I due strati sono composti da materiali con indice di rifrazione leggermente diverso, il cladding ha un indice di rifrazione minore rispetto al core, tipicamente gli indici sono rispettivamente 1,475 e 1,5. Oltre a questi due strati principali, la fibra ottica è rivestita da un terzo strato chiamato buffer, che deve avere uno spessore maggiore della lunghezza di smorzamento dell onda evanescente 1, in modo da catturare la luce che non viene riflessa nel core. La fibra ottica funziona come uno specchio tubolare, la luce entra con un certo angolo e viene continuamente riflessa nel core fino a raggiungere l estremità opposta. La parte esterna della fibra è rivestita da una guaina protettiva polimerica detta jacket che serve a proteggere la fibra ottica dagli stress fisici, dalla corrosione e evita il contatto tra la fibra e l ambiente esterno. Le fibre si distinguono in base al diametro del core, agli indici di rifrazione, alle caratteristiche del materiale e al drogaggio (aggiunta di piccole quantità di altri materiali per modificare le caratteristiche ottiche). 1. Core 10µm 2. Cladding 125µm 3. Buffer 250µm 4. Jacket 400µm Il core e il cladding possono essere realizzati in silice oppure in polimeri plastici. Silice La fibra ottica consiste in una sola fibra di vetro. Le fibre vengono costruite partendo da silice purissima, che viene ottenuta dalla reazione fra il tetracloruro di Silicio e l Ossigeno. Il Silicio destinato a formare il core viene drogato con del Germanio (sottoforma di tetracloruro di Germanio) in modo da aumentare l indice di rifrazione senza variare l attenuazione. Nel Silicio che andrà a formare il cladding viene aggiunto del Boro per ridurre l indice di rifrazione. Le fibre realizzate con questo procedimento hanno un diametro estremamente ridotto, perciò sono molto fragili e hanno un apertura numerica molto piccola (NA 0.16) oltre ad essere difficili da raccordare. Polimeri La fibra è costituita interamente da una materia plastica. La dimensione del core di questo tipo di fibra è molto più grande (1 mm) rispetto alla fibra in silice, questo comporta un apertura numerica più elevata e la possibilità di realizzare fibre multimodali. Inoltre questo tipo di fibra risulta facile da maneggiare, tuttavia ha un attenuazione abbastanza elevata e una scarsa resistenza termica. 1 Onda evanescente: particolare tipo di onda elettromagnetica piana non uniforme, fondamentale nello studio di fenomeni quali la riflessione totale 3

6 3. PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO Lo studio della propagazione della luce all interno delle fibre ottiche si effettua con l ipotesi di validità delle leggi che regolano l ottica geometrica. Le fibre ottiche trasmettono il segnale ottico sfruttando il fenomeno della riflessione totale interna. Un raggio luminoso che incide su una superficie di interfaccia tra due materiali con indici di rifrazione diversi viene in parte riflesso e in parte rifratto, secondo la nota legge di Snell: n1*sen(α) = n2*sen(β) α è l angolo di incidenza del raggio rispetto alla normale, cioè alla retta perpendicolare alla superficie di incidenza. β è l angolo che il raggio rifratto forma con la stessa normale nel secondo materiale. In una fibra ottica n1 sarà l indice di rifrazione del core, e n2 quello del cladding. Poiché n2 < n1, β tende ad aumentare al crescere di α, fino ad arrivare alla condizione per cui si ha β = π/2, ovvero l assenza di raggio rifratto. In questa situazione si ha il fenomeno della riflessione totale, grazie al quale il raggio di luce resta totalmente dentro il core della fibra e lo percorre fino all altra estremità. L angolo di incidenza della luce oltre al quale si ha l assenza di rifrazione è αl = arcsin(n2/n1), chiamato angolo limite. 4

7 Affinché il generico raggio incida sempre, sulla discontinuità tra core e cladding, con angolo superiore ad αl, è necessario che esso venga introdotto ad una estremità ottica entro un certo angolo di accettazione della fibra (ricavabile utilizzando sempre la legge di Snell): L ampiezza del cono di accettazione è uguale a 2* фl. фl = arcsin( (n1 2 n2 2 )) Un eventuale raggio iniettato nella fibra al di fuori del cono di accettazione, andrà poi ad incidere sulla separazione core-cladding con angolo inferiore al valore critico e quindi si perderà nel mantello a seguito della rifrazione. Una grandezza molto importante nello studio delle fibre ottiche è l apertura numerica (N.A.). L'apertura numerica, N.A., NA AN o A N in ottica è un parametro, un numero adimensionale che indica il massimo angolo utile al sistema per ricevere od emettere luce. Nelle fibre ottiche l'apertura numerica indica il numero di modi in cui la luce si può propagare attraverso la fibra. Esso è anche strettamente legato all'ampiezza del cono di accettazione. L apertura numerica è definita come: N.A. = (n2 2 n1 2 ) Il suo valore in genere varia tra 0,1 e 0,3. 5

8 4. DISPERSIONE E ATTENUAZIONE DEL SEGNALE Le perdite delle fibre ottiche si possono classificare in quelle che deformano il segnale d ingresso (dispersione) e in quelle che ne determinano l attenuazione. Lo studio delle caratteristiche delle fibre ottiche è importante per determinare la capacità del canale trasmissivo e la massima distanza copribile tra trasmettitore e ricevitore senza l utilizzo di ripetitori. 4.1 Tipologie Il rapporto tra la potenza trasmessa e quella ricevuta definisce l attenuazione della fibra, che è funzione della lunghezza d onda, del tipo di fibra e delle eventuali sollecitazioni meccaniche che agiscono sulla fibra. Le cause di attenuazione possono essere intrinseche ed estrinseche. Le prime sono insite nella struttura fondamentale del materiale e non possono essere eliminate, le seconde possono invece ricondursi alla presenza di impurità ed essere ridotte affinando il processo produttivo. Il coefficiente di attenuazione è misurato in decibel: db = 10*log 10 (P in /P out ) Occorre tener conto dell attenuazione introdotta da connettori e giunzioni. Un connettore installato correttamente introduce un attenuazione compresa tra 0,3 e 0,7 db. Una giunzione invece presenta solitamente un attenuazione che varia da 0,1 a 0,3 db. Inoltre bisogna considerare l attenuazione dell inserzione del diodo trasmettitore nella fibra, che vale 0dB se si tratta di un diodo laser, mentre statisticamente vale 13dB per un diodo led. Infine è presente anche un attenuazione all inserzione fibra-ricevitore, che diventa trascurabile quando la superficie del ricevitore è maggiore di quella del core della fibra. In definitiva è possibile calcolare statisticamente l attenuazione di un tratto di linea in fibra ottica con questa formula: A TOT = A tx + n conn * A conn + l * A fibra + n giunz * A giunz + A rx Dispersione Modale Tipologia di dispersione dovuta al fatto che il raggio luminoso non percorre sempre lo stesso cammino all interno della fibra, ma può seguire diverse strade (derivanti dalla legge di Snell). Ci sono modi attraverso i quali il raggio arriva più velocemente a destinazione, altri invece che lo fanno arrivare più tardi. Il primo caso limite è il raggio che percorre la fibra ottica completamente dritto, senza alcuna riflessione sul cladding; il secondo caso limite è il raggio che entra nella fibra con angolo uguale all angolo limite di accettazione, e deve quindi compiere un numero molto alto di riflessioni. Questo fenomeno comporta la dilatazione della forma del segnale originario, e se la frequenza è troppo alta può arrivare a confondersi con l impulso seguente, impedendo di leggere il segnale originario. Dispersione Cromatica Fenomeno dovuto al fatto che la luce che viene trasmessa si compone di fasci di luce di colore diverso, con lunghezza d onda e velocità di attraversamento diverse. Quindi ci si riconduce al problema della dispersione modale, perché può capitare che il fascio di luce di colore rosso (più veloce) si confonda con il fascio di colore violetto (più lento) dell impulso inviato in precedenza. 4.2 Soluzioni Per risolvere i vari problemi di dispersione nelle fibre ottiche si utilizzano diverse tipologie di fibre. Per ovviare al problema della dispersione modale è possibile utilizzare fibre multimodali graded index, oppure delle fibre monomodali. Le prime sono costituite da diversi materiali disposti in modo concentrico attorno al core con diversi indici di rifrazione, più precisamente a decrescere dall interno della fibra verso l esterno; in questo modo il raggio che percorre la fibra subirà delle continue rifrazioni attraverso i diversi materiali, fino a percorrere la fibra in modo rettilineo. Il vantaggio delle fibre graded index sta nel fatto che i raggi luminosi che percorrono più strada sono più veloci, perché viaggiando all esterno attraversano materiali meno densi. La seconda tipologia di fibra ottica (fibre monomodali) è caratterizzata da un diametro del core molto ridotto (circa 10 µm) allo scopo di ridurre il cono di accettazione, quindi i raggi interni alla fibra tendono a viaggiare in modo rettilineo. Il problema della dispersione cromatica è facilmente risolvibile utilizzando led monocromatici per la trasmissione della luce. 6

9 5. USO DELLA FIBRA OTTICA NELLE TELECOMUNICAZIONI L uso della fibra ottica trova buone possibilità di applicazione nel campo delle telecomunicazioni, infatti tutte le dorsali principali della rete telefonica e di Internet, compresi i collegamenti intercontinentali sottomarini, sono già da tempo in fibra ottica e hanno sostituito il cavo coassiale. Principali vantaggio della fibra ottica rispetto ai cavi: Bassa attenuazione, permette la trasmissione su lunghi tratti senza ripetitori Ampia capacità di banda e conseguente velocità di trasmissione elevata Immunità del cavo da interferenze elettromagnetiche Bassi valori di BER 2 Ottima resistenza a condizioni climatiche avverse 5.1 Finestre di trasmissione Nelle comunicazioni in fibra ottica, lo spettro trasmissivo è descritto in termini di lunghezza d onda; combinando i diversi fattori di attenuazione, rifrazione e dispersione, si possono individuare tre finestre trasmissive particolarmente adatte all uso nelle telecomunicazioni, in quanto forniscono prestazioni elevate. Prima finestra: nm (nel campo del visibile), usata con economici diodi laser con luce multimodale. Permette di realizzare collegamenti di 275m su fibre 62.5/125 e di 550m su fibre 50/125. La fibra raggiunge un attenuazione di circa 5dB/km. Seconda finestra: nm, usata con laser multimodali o monomodali. Permette di realizzare collegamenti di 5-10km su fibre monomodali. L attenuazione è di circa 1dB/km per le fibre multimodali ad indice graduale, 0,5dB/km per le fibre monomodali. Terza finestra: 1550nm, usata con laser monomodali. Questa finestra consente di coprire le distanze maggiori, con collegamenti fino a 100km. Sfruttando questa lunghezza d onda una fibra monomodale raggiunge un attenuazione nell ordine degli 0,2-0,25 db/km. 2 BER: Bit Error Ratio, è il rapporto tra i bit non ricevuti correttamente e i bit totali trasmessi. BER = n.errori / n.totale. 7

10 5.2 Installazione e problemi di giunzione Per realizzare un collegamento in fibra ottica è necessario seguire determinate procedure nella messa a terra del cavo, prestando attenzione alle sue caratteristiche e ai suoi limiti fisici. La recente tecnica di messa in posa tramite scavo in minitrincea permette una drastica riduzione dei tempi e dei costi di costruzione dei cavi in fibra ottica. Lo scavo deve essere rettilineo con raggi di curvatura ridotti al minimo, deve essere largo da 5 a 15 cm e profondo da 30 a 45cm. La minitrincea è una tecnica utilizzata per la posa di 4 monotubi su strade periferiche o provinciali, i tempi di posa e asfaltatura sono limitati ad alcune ore per diversi chilometri di cavo. Il costo per la fornitura e posa di infrastruttura fino a 3 tubi da 40mm in minitrincea è di circa 20 /metro, per ogni metro occorrono da 6 a 9 tubi, mentre un cavidotto tradizionale a un metro di profondità ha un costo di 1000 /metro. Una linea in fibra ottica si compone in genere di più pezzi di fibra giuntati tra loro. Due tratti di fibra ottica dello stesso tipo possono essere giuntati mediante fusione, una giunzione ben eseguita comporta un ottimo accoppiamento del core. L operazione di giunzione è effettuata in modo semiautomatico mediante apparecchiature che allineano i cladding e i core ed eseguono la fusione. Una giunzione eseguita correttamente genera un attenuazione inferiore a 0,05 db. Nell uso pratico, un collegamento bidirezionale viene realizzato utilizzando una coppia di fibre, una per ciascuna direzione. Le fibre ottiche sono collegate agli apparati di comunicazione, trasmettitore e ricevitore, tramite connettori che allineano il core della fibra con il laser trasmettitore ed il ricevitore. I cavi in fibra vengono installati all interno di impianti di cablaggio strutturato, vengono attestati su panneli di permutazione. Un collegamento comporta quindi l uso di almeno due cavi di permuta (da ciascun apparato connesso al pannello di permutazione), e quindi di 4 connettori. Cablaggio strutturato Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori opportunamente installati e predisposti per poter interconnettere vari apparati attivi. Un cablaggio si dice strutturato se segue opportune specifiche che ne definiscono i vari aspetti, quali la tipologia dei componenti, la loro certificazione, la posa in opera, la certificazione di tutta la rete, la schermatura e la messa a terra. I sistemi strutturati di cablaggio si dividono in: Proprietari, come IBM Cabling System o Digital DEConnect. Standard (conformi a standard nazionali o internazionali), come TIA/EIA 568, ISO/IEC IS 11801, pren

11 6. CENNI STORICI SULL USO DELLA FIBRA OTTICA Lo studio dei fenomeni ottici risale ai tempi di Archimede e del trattato Catottrica 3. In epoca vittoriana il principio della riflessione totale interna venne utilizzato per illuminare le fontane pubbliche. Il successivo sviluppo, nella metà del XX secolo, si concentrò sullo sviluppo di un fascio di fibre volto alla trasmissione di immagini, il cui primo impiego fu il gastroscopio medico. Il primo gastroscopio a fibra ottica semi-flessibile fu brevettato da Basil Hirschowitz, C. Wilbur Peters e Lawrence E. Curtiss nel Nel processo di sviluppo del gastroscopio 4, Curtiss produsse fisicamente la prima fibra ottica. Presto si susseguirono una varietà di altre applicazioni per la trasmissione di immagini. Nel 1965 Charles K. Kao e George A. Hockham furono i primi a capire che l attenuazione delle fibre contemporanee era causata dalle impurità, che producevano il fenomeno dello scattering 5. Queste impurità potevano però essere rimosse. Essi dimostrarono che le fibre ottiche potevano essere un mezzo pratico per la comunicazione, nel caso in cui l attenuazione fosse stata ridotta al di sotto dei 20dB/km. La prima fibra ottica che rispettava queste caratteristiche fu realizzata nel 1970 dai ricercatori Robert D. Maurer, Donald Keck, Peter Schultz e Frank Zimar, impiegati presso la Corning, azienda statunitense produttrice di vetro situata a Corning (New York). Costruirono una fibra con 17dB di attenuazione ottica per chilometro, drogando il silicio del vetro con il titanio. L'amplificatore ottico drogato con erbio, che ridusse il costo per i sistemi a fibra ottica per le lunghe distanze eliminando il bisogno dei ripetitori ottico-elettronico-ottico, fu inventato da David Payne dell'università di Southampton, nel Il primo cavo telefonico transatlantico ad usare la fibra ottica iniziò ad operare nel Negli ultimi vent anni i progressi relativi allo sviluppo della fibra ottica sono stati enormi, anche se la traduzione del segnale elettrico al segnale luminoso non permette ancora di sfruttare appieno la larghezza di banda tipica della fibra ottica. Questo è dunque il punto chiave sul quale l industria della fibra si sta concentrando. 3 Trattato Catottrica: trattato di Archimede sul quale si hanno informazioni indirette. Alcuni sostengono che si trattava di un opera voluminosa che studiava l ingrandimento ottenuto con specchi curvi e il fenomeno della rifrazione. 4 Gastroscopio: è un endoscopio ad uso medico, utilizzato per esaminare direttamente l interno del lume delle vie digestive superiori (esofago, stomaco, duodeno) con l esame detto gastroscopia. 5 Scattering: in fisica lo scattering si riferisce ad un ampia classe di fenomeni in cui onde o particelle vengono deflesse (cambiano traiettoria) a causa della collisione con altre particelle. 9

12 7. TRASMISSIONE DATI CON ARDUINO E FIBRA OTTICA Il progetto realizzato comprende l uso di due microcontrollori Arduino, due tratti di fibra ottica plastica realizzati artigianalmente e due personal computer. L obiettivo principale è il trasferimento di un file di testo da un PC all altro, utilizzando esclusivamente la fibra ottica come canale di comunicazione, e il microcontrollore come scheda di interfaccia. 7.1 Il microcontrollore Arduino Arduino è una piattaforma elettronica open source 6 basata su delle componenti hardware e software flessibili e di facile utilizzo. Il microcontrollore è stato progettato per artisti, designer, hobbisti e chiunque sia interessato a creare oggetti o ambienti interattivi. Arduino può percepire l ambiente ricevendo input da una varietà di sensori e può agire pilotando dispositivi come luci, motori e altri. Il microcontrollore della board è programmato usando il linguaggio di programmazione Arduino (basato su Wiring 7 ) e l ambiente di sviluppo Arduino (basato su Processing 8 ). I progetti realizzati con Arduino possono essere stand-alone, oppure possono comunicare con i software in esecuzione su un computer. 7.2 Fibra ottica home-made La fibra ottica utilizzata per il progetto è stata Realizzata usando una resina polimerica poliestere, che è stata fatta colare all interno di un tubo in PVC; naturalmente il tratto di fibra realizzato è in scala ingrandita rispetto ad una fibra ottica commerciale, in quanto è stata realizzata a mano senza l ausilio di particolari apparecchiature. La resina è più densa del materiale plastico, quindi funge da core, mentre le pareti del tubo costituiscono il cladding; in questo caso pratico la fibra non è stata rivestita con nessun tipo di jacket, allo scopo di lasciar intravedere i raggi luminosi del diodo LED. Siccome si intende trasmettere nel campo del visibile, più precisamente usando una luce rossa, il ricevitore sarà una foto-resistenza. Le uniche altre parti aggiunte sono dei semplici pezzi di un tubo di plastica di diametro più grosso, allo scopo di facilitare l inserzione della fibra con il diodo ed il ricevitore. 6 Open source: In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperto) indica un software i cui autori (più precisamente i detentori dei diritti) ne permettono, anzi ne favoriscono il libero studio e l'apporto di modifiche da parte di altri programmatori indipendenti. Questo è realizzato mediante l'applicazione di apposite licenze d'uso. 7 Wiring: è un programma open source per programmazione elettronica I/O. 8 Processing: è un linguaggio di programmazione basato su Java, che consente di sviluppare diverse applicazioni come giochi, animazioni e contenuti interattivi. 10

13 7.3 Schema del progetto 11

14 7.4 Codifica e sincronizzazione del segnale Quando si vuole trasmettere delle informazioni da una macchina all altra è necessario seguire un protocollo, ovvero un insieme di regole che determina il corretto trasferimento delle informazioni, ad esempio nelle reti di computer si usa TCP/IP, nel caso di comunicazioni seriali a bassa velocità è molto diffuso rs232, ecc. Per trasmettere un segnale è essenziale innanzitutto codificarlo, ovvero rendere l informazione trasportabile sul canale che si sta utilizzando. Un segnale si può codificare in modo analogico oppure digitale, nel caso della fibra ottica il segnale è costituito da impulsi luminosi e il ricevitore ne avverte la presenza o meno, quindi è necessaria una codifica di tipo digitale. Il modo con cui si rappresenta l informazione nel segnale è chiamato codifica di linea. Alcuni esempi sono il codice NRZ, RZ, AMI, HDB3 e il codice MANCHESTER, quest ultimo è particolare in quanto si definisce auto sincronizzante, ovvero integra un sistema di clock al suo interno, indispensabile per la sincronizzazione col ricevitore. Nel caso in cui si vogliano trasmettere esclusivamente dei file di testo (*.txt) il miglior modo per codificare l informazione è prenderla carattere per carattere, e convertirla in codice ASCII su 7 bit. Si stabilisce che la presenza di luce captata dal ricevitore ha valore logico 1, mentre l assenza 0, in questo modo è possibile ricostruire al ricevitore un byte che rappresenta il carattere inviato sulla fibra. Questo tipo di codifica assomiglia molto a NRZ, viene inviato un pacchetto per volta, il quale è composto da i bit della codifica ASCII più altri due bit, uno definito di start (valore logico 0) all inizio del frame, e uno di stop (valore logico 1) posto in coda. Questi due elementi aggiuntivi servono a sincronizzare il ricevitore con il trasmettitore, e permettere quindi la corretta lettura degli impulsi da parte della foto-resistenza. Nei momenti in cui non viene trasmesso alcun segnale, il led viene lasciato a valore logico 1, quindi acceso, in modo da permettere al ricevitore un immediato riconoscimento del bit di start (valore logico 0). 12

15 7.5 Codice Sorgente Il nostro progetto necessita di due programmi distinti, il primo serve a controllare le funzioni del microcontrollore Arduino, che fa da interfaccia tra l hardware ed il software e si trova quindi ad un livello più basso, è possibile paragonarlo ad un device driver 9 in quanto svolge le funzioni più elementari di gestione dei singoli bit. La seconda parte consiste in un software scritto in C# appositamente per la gestione dei file, quindi anche dei flussi di lettura e di scrittura delle informazioni, esso opera ad un livello più alto del precedente, in quanto non si preoccupa di verificare i singoli bit ed i livelli di tensione, ma opera su dei dati che gli vengono già forniti Programma Arduino 9 Device driver: in informatica è detto driver l insieme di procedure, spesso scritte in assembly, che permette ad un sistema operativo di pilotare un sistema hardware. Il driver permette al sistema operativo di utilizzare l hardware senza sapere come esso funzioni, ma dialogandoci attraverso un interfaccia standard. 13

16 Il compito principale del microcontrollore Arduino è controllare trasmissione e ricezione su fibra ottica, e riconoscere quindi gli impulsi ricevuti. Il microcontrollore scompone l informazione di partenza e procede all invio dei singoli bit tramite segali luminosi. In questa parte di codice viene gestita la sincronizzazione della trasmissione e la memorizzazione dei pacchetti di informazioni ricevuti. Il tutto viene poi inviato al PC in ricezione, ed il software in C# provvede alla ricostruzione delle informazioni, in questo caso alla ricostruzione del file di testo. Per gestire la ricezione e la trasmissione, il programma simula il multithreading su Arduino, separando i processi di ricezione e trasmissione con la tecnica del time-sharing. 14

17 15

18 Analizzando il codice dell applicativo scritto in C# si può notare che svolge funzioni diverse rispetto al microcontrollore, infatti in questa parte del programma non vi è più il problema della sincronizzazione, in quanto i dati arrivano all applicazione tramite una comunicazione seriale con l Arduino, gestita in modo automatico con delle semplici istruzione predefinite in C#. Questo livello di applicazione si occupa di gestire il flusso di dati in lettura e in scrittura su file di testo, tuttavia anche qui è necessario distinguere i processi di trasmissione e ricezione, ovvero bisogna capire se l utente intende trasmettere o ricevere un file e quindi i due processi vanno separati. La distinzione delle due operazioni è necessaria per via della natura della porta seriale, infatti essa può gestire solo una comunicazione per volta e non è pertanto possibile trasmettere e ricevere nello stesso tempo. Si procede quindi usando il multithreading, dal programma principale si crea un sottoprocesso (Thread rx; riga 15) che si occupa di stare in ascolto sulla porta seriale, attendendo una comunicazione da parte dell Arduino. Il processo viene eseguito in background e interagisce con la Form solo nel caso in cui si sta realmente ricevendo un file dall altro interlocutore, altrimenti è del tutto trasparente all utente. Il programma principale invece si occupa della gestione dell invio di un file; attraverso il pulsante Invia l utente apre il flusso in lettura del file specificato, isola i caratteri del file di testo e invia la loro codifica ASCII al microcontrollore, il quale a sua volta isola i singoli bit e li trasmette sulla fibra ottica. Tutte queste operazioni avvengono in pochi millisecondi, un tempo rapido agli occhi dell utente, tuttavia non è sufficiente per avere una comunicazione ad alta velocità come una linea ADSL, ma è più adatto a scopo dimostrativo. Un altra parte importante dell applicazione è la gestione delle eccezioni, che possono essere dovute alla comunicazione seriale, al flusso di lettura/scrittura dei file e al processo in background. Alcune di queste eccezioni possono essere evitate semplicemente usando il costrutto try catch (ad esempio nelle procedure di ricezione file), altre invece vanno gestite più nello specifico, ad esempio è necessario disabilitare il controllo CheckForIllegalCrossThreadCalls che impedisce la modifica della Form da parte del sottoprocesso, oppure il controllo sull apertura o meno della porta seriale e la chiusura di tutti i flussi di lettura/scrittura al termine del loro utilizzo. Come ulteriore misura di sicurezza all evento di chiusura della Form da parte dell utente vengono chiusi il Thread rx di ricezione e la porta seriale in utilizzo, il flusso di lettura/scrittura file si chiude automaticamente con la Form, in questo modo l utente è sicuro di essere completamente disconnesso e non ci saranno problemi ad una prossima esecuzione dell applicazione. Per quanto riguarda l interfaccia grafica l applicazione fa parte delle WindowsFormApplications e consiste in una finestra con i classici tre bottoni in alto a destra di riduzione a icona, ingrandimento e chiusura, mentre all interno ci sono tutti i comandi necessari come la selezione della porta COM, il Pulsante Invia e le TextBox dove è possibile inserire i percorsi sorgente e destinazione del file da trasmettere. 16

19 Alcune schermate di esempio dell interfaccia grafica dell applicazione 17

20 7.6 Risultati e conclusioni Il progetto a questo punto è in grado di trasmettere in modo efficiente un file di testo tra due PC. Il file viene per prima cosa letto dall applicativo in C#, convertito in ASCII e passato al microcontrollore Arduino, il quale a sua volta procede ad estrarre i singoli bit dalla codifica e li traduce in segnali luminosi. Il ricevente effettua le operazioni inverse e ricostruisce il messaggio originale. Il sistema funziona efficacemente e con una quasi totale assenza di errori di trasmissione, che si presentano raramente e comunque non danneggiano la comprensibilità dell intero messaggio, si tratta perlopiù di alcuni caratteri che vengono ricevuti in modo errato e vengono tradotti come?. Nelle comunicazioni digitali si considera la velocità di trasmissione espressa in bit/sec; dalle misurazioni effettuate si ricava una velocità di trasmissione di circa 17 bit/sec, che è notevolmente inferiore rispetto a quella di una linea in fibra ottica di uso comune, questo a causa di diversi fattori. In primo luogo la struttura della fibra, la qualità dei materiali utilizzati per la costruzione e anche il processo di produzione di tipo artigianale e quindi non molto preciso. Inoltre sono determinanti anche i componenti utilizzati per la trasmissione e la ricezione del segnale luminoso, in questo caso il trasmettitore è un semplice diodo LED rosso ad alta luminosità (molto impreciso rispetto ad un diodo laser) mentre il ricevitore è una semplice resistenza variabile a seconda dell intensità luminosa (possiede quindi una velocità di commutazione molto bassa, nemmeno paragonabile a quella di un fotodiodo ad infrarossi). Nonostante queste difficoltà tecniche siamo riusciti ad ottenere una trasmissione sufficientemente affidabile seppur lenta, quindi non è utilizzabile per scopi commerciali o professionali, ma è molto adatta come dimostrazione di funzionamento di quello che potrebbe essere un sistema di telecomunicazioni molto più complesso. Una foto del progetto finale durante la trasmissione di un breve file di testo. 18

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania FIBRA OTTICA A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania Fibra ottica Minuscolo e flessibile filo di vetro costituito

Dettagli

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA Il nucleo (o core ) di una fibra ottica è costituito da vetro ad elevatissima purezza, dal momento che la luce deve attraversare migliaia di metri di vetro del nucleo.

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Silvano Gai Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm Fibre ottiche FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche operano nelle bande infrarosso, visibile e ultravioletto. La lunghezza d onda di tali bande è: (1 nm = 10-9 m) ULTRA VIOLETTO VISIBILE INFRAROSSO 10 nm 390

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

I mezzi trasmissivi Per formare una rete

I mezzi trasmissivi Per formare una rete I mezzi trasmissivi Per formare una rete di comunicazione possono essere usati diversi mezzi trasmissivi (o media). La loro classificazione può essere fatta in base alle loro caratteristiche fisiche e

Dettagli

in lavorazione. Fibre Ottiche 1

in lavorazione. Fibre Ottiche 1 Fibre Ottiche 1 in lavorazione. Caratteristiche generali Sono sottilissimi fili di materiale vetroso (silice) o di nylon, dal diametro di alcuni micron, che trasmettono segnali luminosi su lunghe distanze.

Dettagli

Le tre leggi del Networking

Le tre leggi del Networking Le tre leggi del Networking #1 - Le reti andranno sempre più veloci Progetti per alta velocità, incremento del flusso di dati, riduzione dei tempi di risposta. #2 - Le reti saranno sempre più vaste Progetti

Dettagli

Propagazione in fibra ottica

Propagazione in fibra ottica Propagazione in fibra ottica Struttura delle fibre ottiche In questa sezione si affronteranno: Modi in fibra ottica Dispersione multimodale Confronto multimodo-singolo modo. I modi in fibra ottica Il campo

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Tecniche di trasmissione!2 Ogni rete di calcolatori necessita di un supporto fisico di collegamento

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it. Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano.

LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it. Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano. LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it Silvano Gai Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Le Fibre ottiche e le loro origini

Le Fibre ottiche e le loro origini Le Fibre ottiche e le loro origini Le fibre ottiche si basano sul principio della riflessione totale interna. Tale principio venne osservato dallo scienziato svizzero, Daniel Colladon, all inizio dell

Dettagli

Quanto sono i livelli OSI?

Quanto sono i livelli OSI? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Prima Esercitazione Quanto sono i livelli OSI? Esistono 7 livelli OSI. 2 Sergio PORCU 1 Livello 1: Fisico Il livello fisico si occupa della trasmissione dei singoli

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI FIBRE OTTICHE

MEZZI TRASMISSIVI FIBRE OTTICHE MEZZI TRASMISSIVI La scelta dell'insieme dei cavi adatti per le reti fonia/dati è diventato uno dei più importanti argomenti dal punto di vista economico delle imprese moderne. I costi iniziali devono

Dettagli

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli La propagazione e la legge di Snell Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Link budget I cavi 11.2 Ci sono due ragioni importanti

Dettagli

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche Il livello fisico Parte IV Fibre ottiche... 1 Fisica delle fibre ottiche... 1 Riflessione totale dell energia nel core... 3 Fibre multimodali e problema della dispersione modale... 5 Fibre monomodali...

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione Laureando: Danijel Miletic 28/11/2008 1

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Corso di DISPOSITIVI E SISTEMI PER LE COMUNICAZIONI IN FIBRA OTTICA

Corso di DISPOSITIVI E SISTEMI PER LE COMUNICAZIONI IN FIBRA OTTICA Università Mediterranea di Reggio Calabria - Facoltà di Ingegneria Corso di DISPOSITIVI E SISTEMI PER LE COMUNICAZIONI IN FIBRA OTTICA Prof. Ing. Riccardo Carotenuto Anno Accademico 2007/2008-1- SOMMARIO

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia Argomenti relativi alle fibre ottiche. Fibre ottiche: Costituzione delle fibre Propagazione di energia ottica Sorgenti e ricevitori Impiego delle fibre ottiche in telefonia Frequenza normalizata Apertura

Dettagli

La propagazione della luce in una fibra ottica

La propagazione della luce in una fibra ottica La propagazione della luce in una fibra ottica La rifrazione della luce Consideriamo due mezzi trasparenti alla luce, separati da una superficie piana. Il primo mezzo ha indice di rifrazione n, il secondo

Dettagli

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

Cos'è il cablaggio strutturato?

Cos'è il cablaggio strutturato? Cos'è il cablaggio strutturato? Il cablaggio strutturato è una grande rete di trasmissione dati costituita da un insieme di cavi, prese, armadi ed altri accessori tramite i quali trasportare ed integrare

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comunicazioni ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comunicata a Micene (550km di distanza) attraverso una serie di fuochi allineati 794 d.c.: rete di Chappe collega

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

Principi di funzionamento delle fibre ottiche. Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche 2008

Principi di funzionamento delle fibre ottiche. Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche 2008 Principi di funzionamento delle fibre ottiche Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche 2008 La fibra ottica (1/11) 2 Una fibra ottica è una guida d onda cilindrica fatta di materiale dielettrico

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.1: Propagazione in Fibra Ottica Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Trasmissione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 INDICE TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE..... pag.2 IL SEGNALE.. pag.2 Il segnale sonoro. pag.2 Il segnale immagine... pag.3 Il segnale dato. pag.3 IL CANALE DI COMUNICAZIONE....

Dettagli

informatica distribuita

informatica distribuita Reti di computer Negli anni settanta, si è affermato il modello time-sharing multi-utente che prevede il collegamento di molti utenti ad un unico elaboratore potente attraverso terminali Gli anni ottanta

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Ottica geometrica Sommario 1) Cos è la luce

Dettagli

Modulo 4 Test dei cavi

Modulo 4 Test dei cavi Modulo 4 Test dei cavi 4.1 Conoscenze di base per fare il test sui cavi 4.1.1 Onde (waves) I parametri di un onda sono: ampiezza, frequenza, periodo. 4.1.2 Onde sinusoidali e quadre Esempio di onde sinusoidali:

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

www.alegem.weebly.com LE FIBRE OTTICHE

www.alegem.weebly.com LE FIBRE OTTICHE LE FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche inventate nel 1966 da Kao e Hockham rappresentano il mezzo trasmissivo migliore per le telecomunicazioni: oggi si stanno installando anche nelle reti di accesso oltre

Dettagli

Prof.ssa Maria Grazia Napolitano Argenziano Mario Autuori Sara Burda Pavlo Calabrò Chrsitian D Avolio Deborah De Simone Simona Del Zoppo Ersilia

Prof.ssa Maria Grazia Napolitano Argenziano Mario Autuori Sara Burda Pavlo Calabrò Chrsitian D Avolio Deborah De Simone Simona Del Zoppo Ersilia Prof.ssa Maria Grazia Napolitano Argenziano Mario Autuori Sara Burda Pavlo Calabrò Chrsitian D Avolio Deborah De Simone Simona Del Zoppo Ersilia Francesca Federico Iovene Stefano La Cava Renato La Monaca

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Mezzi Trasmissivi, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Mezzi Trasmissivi, Marzo 2010 1 9: Strato fisico: mezzi trasmissivi Mezzi trasmissivi 2 mezzi trasmissivi guidati: doppino e sue varianti cavo coassiale fibra ottica mezzi trasmissivi non guidati: ponti radio trasmissioni satellitari

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

FIBRE OTTICHE 1 2 3 4 5 6 7 Le fibre ottiche monomodali sono caratterizzate da un diametro Dcr del core (nucleo) compreso tra 4 e 10 μm (micrometri o micron) e da un diametro Dcl del cladding (mantello)

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Introduzione Indispensabili per l esistenza delle reti, sono spesso sottovalutati mezzi fisici o guidati (conducted

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE

TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE Scopo del documento Questo breve documento si propone di offrire una panoramica dello stato dell arte nell ambito della terminazione in campo della

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica

Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica Porzione dello spettro elettromagnetico di interesse nelle comunicazioni ottiche Pag.1 Principio di propagazione in fibra ottica: legge di Snell

Dettagli

OTTICA TORNA ALL'INDICE

OTTICA TORNA ALL'INDICE OTTICA TORNA ALL'INDICE La luce è energia che si propaga in linea retta da un corpo, sorgente, in tutto lo spazio ad esso circostante. Le direzioni di propagazione sono dei raggi che partono dal corpo

Dettagli

3.8 Le fibre ottiche. 3.8.1 Fisica delle fibre ottiche

3.8 Le fibre ottiche. 3.8.1 Fisica delle fibre ottiche 34 3.8 Le fibre ottiche L'idea di utilizzare la luce come mezzo di comunicazione risale a circa 200 anni fa. Nel 1790 Claude Chappe costruì un telegrafo ottico composto da torri equipaggiate con braccia

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Introduzione alle trasmissioni ottiche

Introduzione alle trasmissioni ottiche Introduzione alle trasmissioni ottiche ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Introduzione e storia delle trasmissioni ottiche Argomenti del corso Richiami di fisica Fibre ottiche Propagazione in fibra ottica Modulazione,

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Panoramica. Codifica NRZ(Non-Zero-Return)

Panoramica. Codifica NRZ(Non-Zero-Return) Panoramica Ethernet si è evoluta dall originale tecnologia basata sul rame a 10Mps, passando da 100Mbps a 1000Mbps fino all attuale Ethernet 10Gbps basata sulla fibra ottica. Qualunque sia la tecnologia

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Fisico Matematico Informatico Anno Accademico 2007-2008 Classe di abilitazione: A049

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l CENNI STORICI 1 LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI Presentato da: Nicola Ferrari FAR ITALY S.r.l 2 CENNI STORICI Jean - Daniel Colladon 1802-1893 fisico svizzero John Tyndall 1820-1893 Fisico inglese

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1

NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1 NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1 Nastro Trasportatore 2 Schema di potenza 3 Schema funzionale 4 FINECORSA Meritano

Dettagli

Manuale semplificato

Manuale semplificato Dispositivo per l aggiornamento dei lettori di banconote FLASHER Manuale semplificato PAYMAN2-0012 REV. 0 08/09/2014 PAYPRINT S.r.l. Via Monti, 115 41123 MODENA Italy Tel.: +39 059 826627 Fax: +39 059

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet GigaBit-Ethernet 10-GigaBit Ethernet Le Opzioni per i Sistemi di Cablaggio in Fibra Ottica Versione 1.0 IT / 12.02.02 Wolfgang Rieger Hans-Jürgen Niethammer Gianluca Musetti A publication of Tyco Electronics

Dettagli