COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 421/2002 Italia (Campania) Aiuto di Stato in favore di Fibre Ottiche Sud, Battipaglia, Salerno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 421/2002 Italia (Campania) Aiuto di Stato in favore di Fibre Ottiche Sud, Battipaglia, Salerno"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2002)3582fin Oggetto: Aiuto di Stato n N 421/2002 Italia (Campania) Aiuto di Stato in favore di Fibre Ottiche Sud, Battipaglia, Salerno Signor Ministro, La Commissione informa l'italia che, dopo avere esaminato le informazioni fornite dalle autorità italiane sull'aiuto in oggetto, ha deciso di non sollevare obiezioni al riguardo. 1. Procedimento (1) In seguito a una riunione svoltasi il 31 maggio 2002 tra i rappresentanti del Ministero italiano dell'industria, Commercio e Artigianato, di un membro della Rappresentanza Permanente d'italia, della società interessata e della Commissione, l'italia, con lettera del 4 luglio 2002 registrata il 4 luglio 2002 con il n. A/34939, ha notificato un progetto di aiuto agli investimenti per la costruzione di uno stabilimento per la produzione di fibre ottiche nel quadro della disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti d'investimento (in prosieguo: la "disciplina multisettoriale"), in favore di Fibre Ottiche Sud Srl per un nuovo stabilimento ubicato a Battipaglia (Salerno, Campania). (2) Il 17 luglio 2002 la Commissione, con lettera n. D/53758, ha chiesto ulteriori informazioni cui l'italia ha risposto con lettera n. A/36287 del 13 agosto 2002, registrata il 27 agosto Con lettera n. D/54792 del 27 agosto 2002, la Commissione ha comunicato all'italia che la notificazione era stata considerata completa e che avrebbe adottato una posizione definitiva entro due mesi dalla data di registrazione della lettera recante l'informazione completa. S.E.On. Silvio BERLUSCONI Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli Affari esteri ad interim P.le della Farnesina 1 I ROMA B Bruxelles/ B Brussel - Belgio Telefono: centralino 32 (0) Telex: COMEU B Indirizzo telegrafico: COMEUR Bruxelles

2 2. Descrizione 2.1 Il beneficiario (3) La società beneficiaria dell'aiuto è Fibre Ottiche Sud S.p.A. (in prosieguo FOS), ubicata a Battipaglia, provincia di Salerno (Campania). FOS è controlla al 100% da ` Pirelli Cavi e Sistemi Telecom S.p.A., con sede a Milano. Pirelli Cavi e Sistemi Telecom S.p.A. è nata dalla scissione, avvenuta il 30 novembre 2001, di Pirelli Cavi e Sistemi S.p.A. in due holding: Pirelli Cavi e Sistemi Energia S.p.A., e Pirelli Cavi e Sistemi Telecom S.p.A., entrambe controllate da Pirelli S.p.A. (4) Il core business di Pirelli Cavi e Sistemi Telecom S.p.A è quello dei cavi ottici e delle fibre per telecomunicazioni. (5) L'Italia ha presentato i seguenti dati concernenti il fatturato di FOS: Resto mondo Resto Europa Italia Fatturato Dipendenti Fatturato Dipendenti Fatturato Dipendenti (milioni di ) (milioni di ) (milioni di ) (6) Per Pirelli Cavi e Sistemi SpA (rispetto agli anni 1999 e 2000 prima della scissione) e per Pirelli Cavi e Sistemi Telecom SpA (per l'anno 2001) sono stati forniti i seguenti dati: Resto mondo Resto Europa Italia Totale Totale Fatturato Fatturato Fatturato Fatturato Dipendenti (milioni di ) (milioni di ) (milioni di ) (milioni di ) , Il progetto (7) Il progetto è ubicato a Battipaglia, in provincia di Salerno (Campania), ossia in una regione ex articolo 87, paragrafo 3 (a), soggetta ad un massimale d'intensità di aiuto del 35% ESN, in base alla carta degli aiuti regionali 1. (8) Il progetto concerne l'ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente per la produzione di fibre ottiche. Attualmente lo stabilimento produce 2,5 milioni di chilometri di fibra ottica all'anno. L'obiettivo del progetto d'investimento è quello di incrementare la capacità produttiva di fibre ottiche passando da 2,5 a 10 milioni di chilometri all'anno, attraverso la realizzazione di tre moduli produttivi ciascuno dei quali è in grado di produrre 2,5 milioni di chilometri all'anno e si compone di 7 linee di produzione. Le nuove unità saranno contigue allo stabilimento esistente. 1 Decisione della Commissione, 13 marzo 2000, GU C 175 del , pag

3 (9) Il progetto rientra nella politica generale di riorganizzazione e di ristrutturazione degli stabilimenti presenti nella regione Campania. Secondo le autorità italiane, il progetto in questione è mirato in modo particolare alla creazione di ulteriori capacità di produzione presso l'unità produttiva FOS di Battipaglia, mediante l'utilizzo dei volumi in precedenza occupati da uno stabilimento per la produzione di cavi telefonici in rame, la cui attività è cessata nel marzo (10) Il nuovo stabilimento produrrà fibre standard e fibre speciali. Secondo le autorità italiane, ciò consentirà allo stabilimento di rispondere all'aumento della domanda di fibre ottiche con molta flessibilità. La produzione di fibre standard soddisferà la domanda di mercato che, secondo le autorità italiane, sembra essere particolarmente elevata. D'altro lato, la produzione di fibre speciali permetterà a FOS di essere presente su un nuovo mercato con un prodotto innovativo. (11) FOS prevede di vendere il 99% della produzione di fibre ottiche a Pirelli Cavi e Sistemi Telecom S.p.A per la produzione di cavi ottici per le telecomunicazioni. (12) Le autorità italiane affermano che l'investimento avrà una ricaduta economica diretta sulla regione Campania. (13) Il progetto è iniziato nel 2000 e prevede tre fasi di realizzazione. La prima fase va dal luglio 2000 al dicembre 2002, la seconda fase dall'ottobre 2000 al gennaio 2003 e la terza dal marzo 2001 al gennaio La nuova produzione inizierà nel gennaio 2003 e si prevede che possa giungere alla piena attività alla fine del (14) Il costo totale del progetto ammonta a 171 milioni di, di cui le spese per attività ammissibili ammontano a milioni di, ripartiti come segue: 45,35 milioni di nella prima fase, 63,48 milioni di nella seconda fase, e 58,57 milioni di nella terza fase. Ciascuna di queste fasi corrisponde ad un aumento della produzione di 2,5 milioni di km di fibra. (15) I costi del progetto presentati dall'italia possono essere disaggregati come segue (in milione di ): COSTI TOTALI COSTI AMMISSIBILI Valori espressi in milione di Terreno Edifici Impianti generali Impianti macchine Apparecchiature 0, , Apparecchiature per sicurezza 0,491 0,139-0,491 0,139-2 Comprendono, oltre agli impianti generici, i servizi industriali e i servizi vari da fabbrica. 3

4 Immobilizzazioni immateriali Altri: software , Altri: servizi per 0,189 0,189-0, sicurezza Altri: Certificazione 0,026 0,026-0,026 0,026 - ambientale Altri: formazione Totale (16) Secondo quanto dichiarato dalle autorità italiane, l'investimento comporterà un incremento dell'occupazione stimato in 311 unità che si aggiungeranno agli attuali 177 dipendenti di FOS Finanziamento del progetto e misure d'aiuto (17) Il finanziamento del progetto sarà il seguente (milioni di ): Totale Risorse proprie Contributo in capitale netto Prestiti privati (dalla capogruppo) Prestiti di istituti pubblici Sostegno pubblico (50% regionale - 50% nazionale) Finanziamento da socio Conferimento soci in conto futuri aumenti di capitale Totale (18) L'aiuto in questione ammonta a , pari ad un'intensità di aiuto del 28% ESN 3. L'aiuto sarà concesso in parte dallo Stato italiano e in parte dalla regione Campania. Dalle informazioni fornite dall'italia risulta che l'aiuto sarà accordato sotto forma di contributo in conto capitale in base all'articolo 1, paragrafo 2 della legge 488/92 4. Tale regime è stato approvato dalla Commissione il 12 luglio L'aiuto sarà concesso mediante la stipulazione di un contratto 6 in applicazione della legge n. 488/ L'ESL è pari al 44,5%, ma corrisponde ad un ESN del 28%, secondo il metodo di calcolo concordato tra l'italia e la Commissione. Legge 19 dicembre 1992 Conversione in legge con modificazioni del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, concernente il rifinanziamento della legge 1 marzo 1986, n. 64 recante disciplina organica dell'intervento straordinario nel Mezzogiorno, Gazz. Uff. 21 dicembre 1992, n Misure in favore delle attività produttive nelle aree depresse del Paese, decisione della Commissione, 12 luglio 2000, GU C 278 del , pag. 26. Delibera CIPE, N 7/2002, del , "Contratto di programma tra il Ministero delle Attività Produttive e la Pirelli Cavi e Sistemi S.p.A." GURI n.124 del tale contratto prevede un importo di aiuto leggermente superiore all'aiuto notificato. Tuttavia l'italia si è impegnata a 4

5 3. Valutazione 3.1 Requisiti per la notificazione (19) L'aiuto in oggetto ammonta a milioni di. Giacché tale importo è superiore al massimale di 50 milioni di stabilito nella notificazione, il progetto è soggetto all'obbligo di notifica in conformità della disciplina multisettoriale e deve essere valutato in conseguenza. (20) Ai fini della valutazione dell'aiuto in questione, in base alla disciplina multisettoriale è necessario determinare il mercato rilevante Il mercato rilevante (21) Le autorità italiane hanno dichiarato che FOS produrrà unicamente fibre ottiche per telecomunicazioni, di cui il 99% sarà venduto nell'ambito del gruppo Pirelli e verrà utilizzato per produrre cavi ottici per telecomunicazioni. (22) Le fibre ottiche sono fibre di vetro a base d'ossido di silicio amorfo in grado di trasmettere segnali digitali ad alta velocità attraverso impulsi luminosi su una distanza fino a 50 km senza la necessità di ripetitori. Esistono due tipi di fibre ottiche: le fibre multimodali e le fibre monomodali. (23) Le fibre ottiche sono inserite in una struttura denominata cavo ottico in grado di resistere alle condizioni ambientali e alle sollecitazioni esterne. (24) Dal punto di vista dell'utente, i cavi ottici per telecomunicazione si differenziano dai cavi ottici per l'energia in funzione dell'uso. (25) I cavi ottici per telecomunicazione sono in grado di trasportare un volume elevato di dati. Inoltre sono utilizzati per le reti locali, per la televisione via cavo e nel settore medico (ad esempio per l'endoscopia). Secondo le autorità italiane, al fine di adeguarsi ai nuovi fabbisogni della trasmissione di dati, i cavi ottici per telecomunicazione sostituiscono sempre più i cavi di rame. Infatti possono trasportare segnali con minore perdita di energia dei cavi di rame e inoltre sono molto più leggeri e sottili, pur avendo la stesso larghezza di banda. (26) Le fibre ottiche e i cavi per comunicazione appartengono alla stessa categoria NACE codice DL "Fabbricazione di fili e cavi'', al codice CN e al codice PRODCOM (27) La domanda di cavi e di fibre ottiche è aumentata del 38% nel 1999 e del 48% nel Le autorità italiane sostengono che questo aumento della domanda è stato determinato dalla sempre maggior richiesta di capacità e velocità di trasmissione dei dati. L'esplosione del mercato dei cavi ottici ha provocato un 7 negoziare un nuovo contratto adeguato all'importo approvato dalla Commissione non appena verrà adottata la decisione. Fonte: KMI, dicembre KMI è un istituto di ricerca indipendente specializzato nel mercato delle fibre ottiche. 5

6 aumento degli investimenti e l'arrivo di nuovi operatori di telecomunicazioni sui vari mercati. Nel 2001, si è registrato un rallentamento del mercato. Secondo le autorità italiane, ciò rappresenta una reazione all'incremento dei due anni precedenti ed è una conseguenza della crisi generalizzata sul mercato mondiale. (28) Quanto al mercato mondiale, nel 2000 la quota di FOS sul mercato delle fibre ottiche è stata pari all'1,6%. Nello stesso anno, il gruppo Pirelli ha detenuto una quota pari al 4,3% sul mercato delle fibre ottiche ed una quota corrispondente al 9% sul mercato dei cavi ottici. Nel 2000, Pirelli ha figurato al 7 posto delle vendite nella classifica della produzione mondiale di fibre ottiche. I suoi principali concorrenti sono Furukawa, Fujikara, Sumitomo e Draka. Il mercato mondiale delle fibre ottiche è dominato da Corning e Lucent, che detengono rispettivamente una quota pari al 37,9% e al 23,7% del mercato. (29) Quanto al mercato europeo, nel 2000 la quota di Pirelli è stata pari al 16% per le fibre ottiche e al 18% per i cavi ottici. Sempre nel 2000, Pirelli ha occupato il terzo posto delle vendite nella classifica della produzione europea di fibre e di cavi ottici. Nel 2000 i suoi principali concorrenti sul mercato europeo sono stati Alcatel e Plasma per le fibre ottiche e Alcatel per i cavi ottici. (30) Secondo le autorità italiane, il progetto d'investimento consentirà a FOS di raggiungere una quota di mercato pari al 3% sul mercato mondiale delle fibre ottiche. (31) Il governo italiano ha fornito i seguenti dati relativi al consumo di fibre ottiche e di cavi ottici a livello mondiale in Europa nel periodo Consumo apparente di fibre ottiche In milioni di 8 Mercato mondiale 9 Mercato europeo Consumo apparente di cavi ottici In milioni di Mercato mondiale 11 Mercato europeo Cifre basate sul tasso di cambio medio annuo /USD nel periodo Fonte: KMI giugno 2000 e dicembre Fonte: Pirelli sulla base di KMI. Fonte: KMI giugno 2000 e dicembre 2001, Fonte: Pirelli per estrapolazione dai dati di KMI. 6

7 (32) Le autorità italiane affermano che il settore non è caratterizzato da sovraccapacità strutturale 13. Il tasso di sfruttamento della capacità a livello mondiale è stato del 90% circa in media durante il periodo Nel 1999, si è prodotta una situazione di shortage sul mercato delle fibre ottiche, seguita da una leggera flessione nel (33) Secondo il punto 7.6 della disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti d'investimento, se l'investimento riguarda la produzione di prodotti intermedi, il mercato rilevante può essere quello del prodotto finale se il grosso della produzione non è venduto direttamente sul mercato. Pertanto, il mercato rilevante da considerare è il mercato dei cavi ottici per telecomunicazioni. (34) Quanto al mercato geografico rilevante, i cavi ottici sono venduti a livello mondiale, dato che le fibre ottiche per telecomunicazioni formano oggetto di scambi a livello mondiale, senza contare che non vi sono barriere legali o tecnologiche all'accesso sul mercato. Di conseguenza il mercato geografico rilevante è il mercato mondiale Evoluzione del mercato (35) Per quanto concerne le previsioni del consumo apparente per il mercato delle fibre ottiche per telecomunicazioni, nel 2002 dovrebbe perdurare la leggera flessione della domanda, che tenderà invece ad aumentare nel 2003, 2004 e (36) L'evoluzione del consumo apparente di fibre e di cavi ottici nel periodo risulta dalla tabella seguente: Stima del consumo apparente di fibre ottiche In milioni di Mercato mondiale 16 Mercato europeo Stima del consumo apparente di cavi ottici In milioni di Mercato mondiale 18 Mercato europeo Fonte: KMI, dicembre 2001, Fonte: KMI, dicembre 2001, Cifre basate del tasso di cambio medio /USD nel 2001, Fonte: KMI giugno 2000 e dicembre 2001, Fonte: Pirelli per estrapolazione dai dati KMI. Fonte: KMI giugno 2000 e dicembre 2001, 7

8 3.4. Valutazione in base alla disciplina multisettoriale (37) In base alla disciplina multisettoriale, la Commissione, per determinare l'intensità massima di aiuto autorizzabile, deve individuare l'intensità massima di aiuto (massimale di aiuto regionale) di cui una grande impresa può beneficiare nella zona assistita in base al regime di aiuti regionali autorizzato in vigore all'atto della notificazione. (38) Le autorità italiane intendono concedere un aiuto pari al 28% ESN, inferiore quindi al massimale di aiuto del 35% ESN fissato con decisione della Commissione 20. (39) La Commissione ha quindi valutato una serie di fattori di correzione che devono essere applicati a questo dato percentuale del 35 %, conformemente a tre criteri di valutazione specifici, per ricavare l'intensità di aiuto massimo autorizzabile per il progetto, in particolare il fattore concorrenza (T), il fattore lavoro capitale (I) e il fattore dell'impatto regionale (M). Fattore di concorrenza (T) (40) Dato che i cavi ottici per telecomunicazioni rappresentano soltanto una piccola quota del codice NACE 21, la Commissione ha basato la sua valutazione sul consumo apparente relativo al periodo , in conformità del punto 3.4 della disciplina multisettoriale. (41) In base al punto 7.8 della disciplina multisettoriale, il mercato del prodotto in questione è considerato in declino quando, negli ultimi 5 anni, il tasso di crescita annuo del consumo apparente del prodotto o dei prodotti considerati, è, in media, sensibilmente inferiore (più del 10%) al tasso medio annuo del complesso dell'industria manifatturiera del SEE, a meno che non vi sia una forte tendenza al rialzo del tasso di crescita relativa della domanda di tali prodotti. L'Italia ha fornito dati concernenti il consumo apparente globale ed europeo dei prodotti in questione dal 1995 al 2000, sulla base di uno studio realizzato da KMI (vedasi paragrafo 3.2 supra). Tali dati indicano che il tasso medio di crescita annuo del consumo mondiale è stato pari al 20,9% nel periodo Il tasso medio annuo dell'industria manifatturiera nello stesso periodo è pari al 6,1%. (42) La Commissione ritiene pertanto che il mercato dei cavi ottici per telecomunicazioni non possa essere considerato un mercato in declino dato che il tasso medio di crescita annuo dei cavi ottici per telecomunicazioni è superiore al tasso di crescita annuo del complesso dell'industria manifatturiera. Pertanto il fattore concorrenza è fissato pari a Fonte: Pirelli per estrapolazione dai dati KMI. Misure in favore delle attività produttive nelle aree depresse del Paese, decisione della Commissione del 12 luglio 2000, GU C 278 del , pag. 26. Vedasi paragrafo 3.2 sopra. 8

9 Fattore capitale-lavoro (I) (43) La disciplina multisettoriale stabilisce un fattore lavoro-capitale che tende ad adeguare l'intensità massima al fine di favorire quei progetti che effettivamente meglio contribuiscono a ridurre la disoccupazione tramite la creazione di numerosi nuovi posti di lavoro o posti di lavoro salvaguardati. Tale criterio tiene anche conto dell'eventuale effetto distorsivo dell'aiuto sul prezzo del prodotto finale. (44) In base alla disciplina multisettoriale i posti salvaguardati incidono solo se sarà dimostrato che sono direttamente connessi al progetto di investimento in questione. (45) Dalla notificazione risulta che il progetto d'investimento porterà alla creazione di 311 posti di lavoro. Il numero totale dei posti di lavoro può essere suddiviso nelle seguenti categorie 22 : (prima fase) 2002 (seconda fase) 2003 (terza fase) M E W T M E W T M E W T M E W T DIREZIONE GENERALE PERSONALE ESPANSIONE FOS ACQUISTI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AMBIENTE E SICUREZZA QUALITÀ E CUSTOMER SERVICE LOGISTICA DISTRIBUTIVA MIGLIORAMENTO CONTINUO RICERCA E SVILUPPO PRODUZIONE SISTEMI INFORMATICI E DI PRODUZIONE INGEGNERIA TOTALE (46) Il numero piuttosto elevato di posti di lavoro creati durante la prima fase del progetto d investimento rispetto alle due fasi successive è dovuto all inserimento di circa 40 persone dedicate all installazione e al commissioning 22 Le cifre per l'anno 2000 riguardano i posti di lavoro nello stabilimento esistente "D" indica dirigenti, "I" impiegati e "O" operai. 9

10 dei macchinari e degli impianti. Queste persone continueranno ad occuparsi delle suddette attività anche per la seconda e terza fase. (47) Si prevede che l inserimento dei nuovi assunti avvenga tramite un contratto di formazione e lavoro. Secondo le autorità italiane tale contratto consente ai lavoratori di effettuare inizialmente un periodo di prova e di seguire il necessario programma formativo. Questo contratto di formazione e lavoro di norma sarà modificato in un contratto a tempo indeterminato, salvo casi eccezionali. (48) Dei 311 posti di lavoro creati, 100 saranno coperti da dipendenti provenienti dall'ex stabilimento Pirelli per la produzione di cavi telefonici in rame, che ha cessato la propria attività nel marzo Secondo le autorità italiane, questi posti dovrebbero essere considerati come nuovi impieghi, ragione per cui il personale assunto dovrà seguire un programma di formazione completo al fine di potersi qualificare per i nuovi fabbisogni. (49) I costi d'investimento ammontano a milioni di. Tenuto conto dei 311 posti di lavoro, il fattore capitale-lavoro è quello corrispondente al rapporto 538,244 /lavoro e quindi, secondo il punto 3.10 della disciplina multisettoriale, dovrebbe essere fissato a 0,8. Il fattore impatto regionale (M) (50) Il criterio dell'impatto regionale tiene conto degli effetti benefici del progetto sull'economia delle regioni assistite. La Commissione ritiene che la creazione di posti di lavoro possa essere utilizzata come indicatore del contributo di un progetto allo sviluppo di una regione. Un investimento ad alta intensità di capitale può stimolare indirettamente la creazione di un numero significativo di posti di lavoro nella regione assistita in cui viene effettuato ed, eventualmente, in regioni assistite vicine. Per creazione di posti di lavoro si intendono in tale contesto i posti creati direttamente dal progetto più quelli creati dal primo livello di fornitori e dai clienti a seguito dell'investimento summenzionato. (51) Le autorità italiane affermano che l'indotto dell'investimento è stimato pari a 108 unità. Tale cifra si basa su una valutazione dei posti di lavoro indirettamente creati in seguito all'ampliamento dello stabilimento esistente di fibre ottiche per telecomunicazioni 23. (52) L'indotto presso il primo livello di fornitori concerne: servizi in outsourcing, pulizie generiche, pulizie di bobine, manutenzione di impianti e macchinari, vigilanza, consulenze generali e tecniche, mensa, servizio medico. (53) La Commissione ritiene accettabile il metodo utilizzato per calcolare i posti di lavoro indiretti. In base a tali cifre, si rileva un grado poco elevato di creazione indiretta di posti di lavoro, giacché l'indotto corrisponde al 35% dei posti di lavoro diretti. Di conseguenza l'impatto fattore regionale stabilito è pari a Nello stabilimento esistente i 177 posti di lavori diretti hanno alla creazione di posti di lavori indiretti. 10

11 3.5. Rispetto delle condizioni stabilite nel regime 24 e negli orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 25 (54) Come richiesto dal regime succitato e dagli orientamenti in materia di aiuti a finalità regionale, è soddisfatta la condizione relativa all'esistenza di un contributo minimo del 25% esente da elementi di aiuto giacché tale aiuto ammonta al 55,24 %. L'Italia si è inoltre impegnata a rispettare le altre condizioni del regime e degli orientamenti comunitari ossia: l'investimento verrà mantenuto per un periodo minimo di cinque anni. L'impresa non è un'impresa in difficoltà, non esistono investimenti immateriali eccedenti il 25% dei costi ammissibili né investimenti di sostituzione. 4. Conclusione (55) Considerato quanto sopra, l'intensità massima di aiuto ammissibile (R x T x I x M) dovrebbe essere calcolata come segue: 35% x 1 x 0,8 x 1 = 28 %. (56) Di conseguenza la Commissione ritiene che l'importo di , equivalente ad un'intensità di aiuto del 28% ESN che l'italia intende concedere in favore di FOS per investimenti a Battipaglia, sia conforme con l'intensità massima di aiuto ammissibile calcolata in base alla disciplina multisettoriale. 5. Verifica a posteriori (57) Data la natura delicata dei grandi investimenti mobili in oggetto, è essenziale che sia istituito un meccanismo capace di garantire che il livello di aiuti effettivamente erogato al beneficiario sia conforme alla decisione della Commissione. (58) Per ciascun progetto sovvenzionato secondo la disciplina multisettoriale, la Commissione esige che ogni contratto relativo ad un aiuto, concluso tra l'autorità competente dello Stato membro e il beneficiario, contenga una clausola di restituzione nell'ipotesi di inadempimento del medesimo oppure che il versamento dell'ultima importante rata di aiuto (ad esempio il 25%) avvenga solo quando il beneficiario dell'aiuto abbia dimostrato allo Stato membro che l'esecuzione del progetto è conforme alla decisione della Commissione, purché questa, in base alle informazioni dello Stato membro sull'attuazione del progetto, abbia manifestato il proprio accordo o non abbia sollevato obiezioni a detto versamento, entro 60 giorni lavorativi. (59) In base alle informazioni fornite dalle autorità italiane, il contratto tra le autorità italiane e FOS, mediante il quale sarà erogato l'aiuto, stabilisce che sarà trattenuto un importo pari al 10% del totale complessivo del contributo, a titolo di cauzione e garanzia, che sarà corrisposto a FOS solo dopo che avrà dimostrato allo Stato membro che l'esecuzione del progetto è conforme alla Misure in favore delle attività produttive nelle aree depresse del Paese, decisione della Commissione, 12 luglio 2000, GU, C 278 del , pag. 26. Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale, GU C 74 del

12 decisione della Commissione. Questo 10% rappresenta l'importo previsto dal regime 26. Il contratto in questione contiene altre due condizioni speciali in materia di verifica. La prima prevede l'obbligo annuale di presentare al Ministero dell'industria una relazione alla fine di ciascun anno fiscale per un periodo di cinque anni. La mancanza osservanza di questa condizione determinerà il parziale rimborso delle sovvenzioni. La seconda consiste nell'impegno del governo a ricalcolare l'importo dell'aiuto concedibile e a recuperare gli eventuali importi eccedenti il dovuto in caso di inosservanza della decisione della Commissione. 6. DECISIONE Alla luce di quanto sopra, la Commissione ritiene che l'aiuto notificato di equivalente a un'intensità di aiuto del 28% ESN che l'italia intende concedere a FOS, sia compatibile con il trattato CE. Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare a terzi, si prega informarne la Commissione entro 15 giorni lavorativi entro la data dalla data di ricezione della presente. Qualora non riceva una richiesta motivata in tal senso entro il termine stabilito, la Commissione presumerà il tacito accordo alla divulgazione a terzi ed alla pubblicazione integrale della lettera nella lingua facente fede sul sito internet: dell'internet/. Tale richiesta dovrà essere inviata tramite lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: Commissione europea Direzione generale della concorrenza Protocollo aiuti di Stato B-1049 BRUXELLES fax n.: Voglia gradire, Signor Ministro, i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione Mario Monti Membro della Commissione 26 Misure in aree produttive depresse del Paese, decisione della Commissione, 12 luglio 2000, GU C 278 del , pag

13 13

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS...

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS... C 158/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2012 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell ambito del sistema per lo scambio di quote di emissione dei

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

Pagina 1 di 19 DECRETO LEGISLATIVO 22 giugno 2012, n. 113 Attuazione della direttiva 2009/38/CE riguardante l'istituzione di un comitato aziendale europeo o di una procedura per l'informazione e la consultazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Definizione di PMI - MICROIMPRESE, PICCOLE IMPRESE E MEDIE IMPRESE

Definizione di PMI - MICROIMPRESE, PICCOLE IMPRESE E MEDIE IMPRESE GLOSSARIO Ai fini della migliore comprensione della terminologia utilizzata nel presente Bando, si riportano, a seguire, la definizione di PMI, la nozione di Impresa in difficoltà (entrambe rilevanti in

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles,1.9.2010 C(2010)6068 Oggetto: Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.3 Lazio)

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli