RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITA PROGRAMMATA (ART.151 D.Lgs.267/2000) (documento relativo al conto consuntivo 2009)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITA PROGRAMMATA (ART.151 D.Lgs.267/2000) (documento relativo al conto consuntivo 2009)"

Transcript

1 RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITA PROGRAMMATA (ART.151 D.Lgs.267/2000) (documento relativo al conto consuntivo 2009)

2 SERVIZIO TERRITORIO LAVORI PUBBLICI ED EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA VIABILITA 1) Riguardo l attuazione dell Accordo di Programma sottoscritto con il Comune di Merate in data (vedi realizzazione delle infrastrutture di collegamento viario e ciclopedonale tra gli abitati di Cernusco Lombardone e Merate) si riscontra quanto segue: - nel 2009 si è proceduto all approvazione del progetto definitivo inerente i lotti d intervento 1 e 2 per l avvio della procedura di finanziamento; Sempre riguardo il Lotto 1 è prevista l approvazione del progetto esecutivo entro il maggio prossimo in ottemperanza al crono programma fornito alla Regione Lombardia nell ambito della procedura di richiesta di finanziamento sui fondi previsti dal Programma Operativo Regionale FERS , Asse 3 Mobilità sostenibile (vedi nodo di interscambio presso la Stazione di Cernusco - Merate). Analogo programma operativo verrà intrapreso dal Comune di Merate per il Lotto 2. 2) Relativamente alle programmate opere di sistemazione viabilistica su strade urbane, è stato ultimato l intervento di ripavimentazione della via Leonardo da Vinci (solo carreggiata stradale) demandando ad intervento successivo la predisposizione del percorso ciclo-pedonale lungo il lato ovest della strada stessa. PUBBLICA ILLUMINAZIONE 1) E stata ultimata la nuova installazione di centri luminosi a LED presso la piazzetta Lurani Cernuschi (vedi sostituzione dei vetusti impianti non più a norma e con scarso grado di illuminamento). INTERVENTI INFRASTRUTTURALI CONNESSI AL RADDOPPIO FERROVIARIO In attuazione dell Accordo ai sensi dell art.2 L.R. n.1/2002 sottoscritto con R.F.I. S.p.A.- Regione Lombardia Provincia di Lecco e Comune di Merate si è provveduto, come da previsioni del nuovo cronoprogramma inviato alla Regione Lombardia, a quanto segue: a) avvio dei lavori di RIQUALIFICAZIONE TRATTO DI VIA A. STOPPANI LOTTO 3 (vedi progetto definitivo / esecutivo approvato con deliberazione G.C. n.77 del ); b) realizzazione degli interventi di piantumazione e mitigazione a verde sull area del PARCHEGGIO DI VIA A. STOPPANI LOTTO 1. SVILUPPO RETE CICLABILE INTERCOMUNALE In attuazione dell Accordo di Programma sottoscritto in data con i Comuni di Osnago - Lomagna e Montevecchia è stato approvato il progetto definitivo / esecutivo inerente la realizzazione della pista ciclabile insistente sui Comuni di Cernusco Lombardone - Osnago - Lomagna dipartente da via C. Porta in Comune di Cernusco Lombardone e congiunzione con l esistente percorso ciclabile di via A. Volta in Comune di Lomagna (vedi LOTTO B). Sono state definite le procedure di finanziamento ed appalto delle opere con consegna dei lavori alla Ditta appaltatrice in data

3 URBANISTICA ED AMBIENTE URBANISTICA È in corso di definizione la stesura degli atti di P.G.T. Piano di Governo del Territorio ai fini di una prossima adozione. Sono previste a breve la convocazione della 2^ Conferenza di V.A.S. e le riunioni pubbliche di presentazione del nuovo strumento urbanistico. VERDE PUBBLICO E AMBIENTE Riguardo all iniziativa per il potenziamento della rete ecologica provinciale e sviluppo di modelli per il rimboschimento in frange urbane gestita dal Comune di Casatenovo in qualità di Ente capofila è stata realizzata nel ns. Comune la piantumazione dell area comunale ubicata in via Resegone (innesto via degli Alpini). RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE DEL TORRENTE MOLGORA Sono stati appaltati da parte del Comune di Osnago (Ente Capofila) i lavori di riqualificazione ambientale del torrente Molgora nel tratto compreso tra i Comuni di Colle Brianza e Osnago; l intervento sarà attuato nel 1^ semestre I.C.I. SERVIZIO TRIBUTI L importo accertato a titolo di Imposta Comunale sugli Immobili ammonta ad ,16 ed incassato al è pari ad ,07. Nel periodo giugno luglio sono pervenute n. 26 dichiarazioni I.C.I. relative all anno 2008 e nel mese di ottobre ne sono pervenute altre n. 18 delle quali n. 4 si riferiscono ad immobili di nuova costruzione. I.C.I. QUOTE ARRETRATE L importo al è pari ad ,21 di cui ,90 per attività di accertamento. Nell anno 2009 sono stati emessi n. 135 avvisi. RIMBORSO MANCATO GETTITO PRIMA CASA AL : ANNO CERTIFICAZIONE COMUNALE INCASSATI DIFFERENZA da incassare 8.471,91* finanziaria ,00* , , ,02 mancati ,11 stanziamenti da incassare 8.558,00* , , ,14 da incassare ,14

4 * partite arretrate 2010 TARSU.: La tassa smaltimento rifiuti accertata per l anno 2009 è pari ad ,83 oltre alle addizionali. Come per gli anni precedenti il ruolo è stato riscosso in due rate con scadenza e PUBBLICITA E DIRITTO D AFFISSIONE: L importo accertato è pari al minimo garantito annuo di ,00. Con deliberazione di Giunta Comunale n. 115 del si è preso atto dell intervenuta cessione del ramo d azienda dalla Società CE.S.FI.L. S.p.A. alla Società AIPA S.p.A. di MILANO delle concessioni in argomento. AREA MINORI SERVIZI SOCIALI Sono state svolte, su incarico della Procura, 3 indagini. I minori in carico sono stati 7. Il servizio di Assistenza Domiciliare ha operato a favore di 5 minori. Abbiamo avuto 4 inserimenti temporanei in struttura. Sono stati concessi contributi per favorire la frequenza di un bambino all Asilo Nido e di 2 alla Scuola dell Infanzia. E in essere un Protocollo d Intesa tra Comuni e Istituti Comprensivi del Distretto. Tale strumento permette una maggior collaborazione tra Scuola e Servizi Sociali al fine di far emergere e prendere in carico situazioni a rischio. Si è provveduto all inserimento e al pagamento di una retta di frequenza al Centro Servizi Formativi di Lecco. E stata resa possibile la partecipazione a un tirocinio lavorativo. E continuata l adesione al Progetto Quadro Giovani di Retesalute, a cui appartiene Tatanka, progetto volto al contrasto delle dipendenze. Sono continuate le iniziative legate al progetto Piccoli Passi, volto a facilitare l inserimento di alunni stranieri neo arrivati in Italia. Il Centro pomeridiano ha continuato la sua attività, con il duplice obiettivo del sostegno scolastico e della prevenzione; è stato aperto il mercoledì dalle 14,40 alle 16,10 per gli alunni della scuola primaria, e il giovedì dalle 15 alle 16,30 per quelli della secondaria di primo grado. Vi hanno operato 2 educatrici professionali e, per la parte dedicata al sostegno scolastico, anche alcuni volontari (insegnanti in pensione, studenti). E continuato, presso la scuola secondaria di primo grado, il servizio di prescuola. E stato potenziato il servizio Piedibus, con l obiettivo di dare ai bambini un occasione in più di movimento e di aiutare i genitori nel loro accompagnamento alla scuola primaria. In collaborazione con il Comune di Montevecchia è stato organizzato anche nell estate 2009 il Centro estivo: vi hanno partecipato 8 bambini la prima settimana e 10 la seconda. Come avviene dal 2003, è stato concesso un contributo (regolato da convenzione) alla Parrocchia San Giovanni Battista per l organizzazione delle attività mattutine dell Oratorio Estivo. Il Servizio di trasporto ha permesso l accompagnamento di 2 minori in strutture specialistiche. AREA DISABILI

5 5 persone hanno frequentano Centri diurni per disabili. 1 persona ha frequentato una Cooperativa Sociale. 2 persone hanno partecipato al progetto di Educazione all acqua. E stato siglato anche quest anno un Protocollo d Intesa tra Comune e gli Istituti Comprensivi frequentati da alunni disabili residenti a Cernusco. Sono stati attivati per 4 alunni interventi di Assistenza Educativa Scolastica. Il Servizio di trasporto ha assicurato l accompagnamento a Centri diurni, strutture specialistiche, piscine, cooperative, uffici pubblici. Una persona ha usufruito del Servizio di Assistenza Domiciliare. Per una persona è stato formulato un progetto che ha previsto l invio di un educatore. E stato concesso all Associazione AGAPH il patrocinio per l organizzazione di un corso di teatro e di un corso di formazione per operatori del progetto educazione all acqua. AREA ADULTI IN DIFFICOLTA Il SerT (Servizio Tossicodipendenze) e il Servizio Alcoologia dell Asl hanno avuto in carico rispettivamente 10 e 1 persone di Cernusco. Si è collaborato con il CPS, che ha avuto in carico 38 nostri concittadini. Si sono resi necessari 2 interventi volti a risolvere emergenze abitative. L Associazione L Altra Metà del Cielo è intervenuta a favore di una signora di Cernusco. Vi è stata collaborazione con la Caritas (che ha aiutato 14 nostre famiglie attraverso il pacco spesa) e con il Centro di Aiuto alla Vita (allo sportello del quale ci sono stati accessi di 9 nostre concittadine), al fine di coordinare interventi volti al sostegno della maternità e all aiuto materiale. I contributi concessi a queste associazioni hanno indirettamente raggiunto nostri cittadini. L Assistente Sociale ha effettuato pratiche per il Fondo Sostegno Affitti, l Assegno Nucleo Familiare e Maternità. Una famiglia ha ottenuto il Buono Sociale Famiglie Numerose e 24 famiglie sono state ammesse al Fondo Sostegno Affitti. Si sono resi necessari colloqui di sostegno alle problematiche di alcuni nuclei familiari. Due famiglie sono state inviate al servizio Nodi da sciogliere, curato dall Associazione Ale G. in collaborazione con Retesalute. E stata siglata una convenzione con ALER per la gestione degli alloggi comunali. Circa venticinque persone si sono rivolte al Sindaco o all Assistente Sociale per essere aiutate nella ricerca di un lavoro: si è trattato di una decina di donne disponibili all aiuto domestico o all accudimento della persona, e di una quindicina di uomini preoccupati per la perdita o la precarietà del proprio lavoro. E stato concesso un contributo economico a due famiglie in temporanea difficoltà. E stato istituito un Gruppo di Cammino che dalla primavera scorsa, grazie alla collaborazione della Polisportiva Libertas, concorre alla prevenzione di patologie che possono essere alleviate dal regolare movimento. Si è concluso il tirocinio lavorativo presso la Biblioteca Comunale e ne è iniziato un altro. A Cernusco risultano registrati 408 cittadini stranieri (207 maschi e 201 femmine) divisi in 149 nuclei familiari. Naturalmente non tutti sono in situazione di bisogno. Diverse famiglie sono state comunque aiutate nella compilazione di moduli, nel disbrigo di pratiche e ad orientarsi tra uffici e normativa. Il Progetto Immigrati di Retesalute ha messo in rete gli sportelli immigrati del Distretto di Merate e predisposto un servizio di mediazione. AREA ANZIANI 25 persone anziane di Cernusco sono ricoverate in RSA, 1 è ospitato in Casa Albergo e 2 hanno usufruito di un Centro Diurno Integrato;

6 L Assistente Sociale ha effettuato circa 15 visite domiciliari e seguito pratiche per il ricovero in regime di pronto intervento e sollievo e per il buono sociale anziani, ottenuto da due richiedenti. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è stato utilizzato da 5 persone, e lo si sta attivando per una sesta. Il servizio di Teleassistenza ha avuto 16 iscritti. 11 persone hanno usufruito del servizio di consegna dal lunedì al venerdì, a mezzogiorno, nella propria abitazione, di un pasto caldo. L attuale capitolato permette a chi lo desidera di ottenere in comodato d uso gratuito un forno a microonde e di prenotare anche il pasto per la sera o per il sabato. Esiste, grazie alla collaborazione della Farmacia Mauri e dell associazione VO.CE., il servizio consegna farmaci a domicilio, ma non è stato utilizzato. Le persone anziane che hanno utilizzato (alcune in maniera continuativa) il servizio di trasporto sono state 33. E stata rinnovata con l Associazione Culturale e Ricreativa di Promozione Sociale la convenzione per la gestione del Centro Anziani, di cui ricorre quest anno il ventesimo anniversario: aperto tutti i pomeriggi dalle 15 alle 19 19,30, ha visto la frequenza di numerosi anziani (in maggioranza uomini) per attività soprattutto ricreative. L Associazione ha anche organizzato, come da convenzione, corsi di ginnastica dolce (circa 70 partecipanti). Non è stata invece possibile, a causa dei pochi interessati (3), l organizzazione del soggiorno marino. E in essere una convenzione con l Istituto Geriatrico G. e C. Frisia di Merate per il ricovero degli ospiti al fine di ottenere posti letto a tariffa convenzionata. Gli alloggi del Villino Luigi sono tutti occupati. Sono stati inviati fiori in occasione del compleanno di cittadini ultranovantenni. La Cooperativa L Arcobaleno ha terminato lo studio delle caratteristiche e dei bisogni della nostra popolazione anziana. Gli esiti dell indagine fanno emergere una significativa presenza della famiglia, del volontariato e in generale della comunità che sostengono il peso più o meno importante dell assistenza e della cura dei propri membri più anziani. Si rilevano tuttavia alcuni nodi critici: frequente difficoltà degli anziani e dei familiari di poter, a vario livello, accedere ai servizi del territorio; frammentazione e separatezza delle risposte e dei servizi; approccio prestazionale che non tiene conto di una presa in carico globale della persona e del suo contesto e non realizza quindi una sussidiarietà finalizzata ad ottimizzare l azione delle risorse presenti nella comunità. Vengono suggerite 7 piste di riflessione e di lavoro: - La possibilità che il Servizio Sociale possa svolgere un ruolo di maggior coordinamento del privato sociale, delle associazioni e dei soggetti attivi del territorio; - L opportunità che il servizio SAD si trasformi in una soluzione sempre meno prestazionale, legata all urgenza, e sempre più progettuale di maggior qualità; - L utilità che venga sviluppato un servizio di informazione e/o di segretariato sociale a misura delle caratteristiche e dei bisogni della popolazione di riferimento e, in generale, della normalità; - La possibilità di accrescere l offerta dei cosiddetti servizi intermedi (Centro Diurno, Alloggi Protetti); - L utilità di un maggior collegamento tra Servizio Sociale e Servizio delle Cure Domiciliari; - L opportunità di disporre di nuovi mezzi per il trasporto delle persone anziane; - La possibilità di sviluppare proposte ed iniziative sperimentali rivolte ai familiari e/o ai caregiver di anziani. ISTRUZIONE

7 E in essere la convenzione con la Scuola Materna G. Ancarani stipulata nel 2008 e valida per tre anni scolastici, sono stati erogati i contributi previsti e stanziati 6.000,00 quale contributo straordinario. Si è costituita la commissione paritetica. E stato stipulato il protocollo d intesa tra i quattro Comuni del Consorzio Scuola media e l Istituto Comprensivo Bonfanti Valagussa, valevole fino al 2012 nel quale è previsto un contributo per alunno pari a 65,00. E stato stipulato l accordo di programma tra i comuni di Cernusco Lombardone, Lomagna, Osnago e Montevecchia l Ufficio Provinciale Scolastico di Lecco l ASL della provincia di Lecco e l Istituto Comprensivo Bonfanti Valagussa, per l Istituzione della Scuola potenziata. L accordo ha validità tre anni. Come da Protocollo d Intesa con Retesalute sono continuate le iniziative legate al progetto Piccoli Passi, volto a facilitare l inserimento di alunni stranieri neo arrivati in Italia. Piccoli Passi e Impronte di Piccoli Passi rientrano nel più ampio progetto Quadro Giovani. Come da Protocollo d Intesa con gli Istituti Scolastici tra Comuni e Istituti Comprensivi del Distretto di Merate è continuata la collaborazione tra Scuola e Servizi Sociali al fine di far emergere e prendere in carico situazioni a rischio. Il Centro pomeridiano ha continuato la sua attività per la scuola primaria, con il duplice obiettivo del sostegno scolastico e della prevenzione; è rimasto aperto fino a giugno il mercoledì dalle 14,30 alle 17. Questo anno scolastico l orario sarà fino alle 16,10. Dal gennaio 2009 è attivo anche il giovedì, a favore degli alunni della scuola secondaria di primo grado. E stato consolidato il servizio Piedibus, con l obiettivo di dare ai bambini un occasione in più di movimento e di aiutare i genitori nel loro accompagnamento alla scuola primaria. La gestione è stata affidata all associazione VO.CE E continuato il progetto di Avviamento all atletica leggera nella scuola primaria in collaborazione con la Polisportiva; anche per quest anno scolastico è stata rinnovata la richiesta da parte della Scuola. E stata versata la prima quota di 2.500,00 per sostituire strumentazione informatiche, ormai obsolete, presso la scuola primaria, come da impegno assunto nel protocollo d intesa 2006/2009 con l Istituto Comprensivo Valagussa Bonfanti.. Si è collaborato con l Istituto Comprensivo per la celebrazione della Giornata della memoria e per le Curoniadi. E continuata la collaborazione tra la Biblioteca comunale e le scuole primaria e dell infanzia. Si è provveduto all inserimento e al pagamento delle rette di frequenza al Centro Servizi Formativi di Lecco: una per i corsi di formazione professionale e una per l orientamento al lavoro. Sono stati concessi contributi per il trasporto a favore di alunni delle prime e seconde classi della secondaria di 2 grado. Sono stati erogati fondi per il rifacimento impianto di riscaldamento e distribuzione impianto indrico-sanitario della scuola media Consortile e per le spese generali. Sono stati stanziati fondi per 7.500,00 per intervento presso la scuola Primaria a risoluzione dell annoso problema dei piccioni. Domande dote scuola anno scolastico 2009/2010: n 67 sostegno al reddito n 2 buono scuola n 2 merito Totale 71 domande presentate. SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE Sono sempre di più le funzioni attribuite alla Polizia Locale (polizia amministrativa e commercio, polizia giudiziaria, polizia stradale, pubblica sicurezza) e comportano al nostro personale una

8 continua attenzione all'evoluzione delle normative al fine di essere sempre pronti a dare risposte certe ad ogni singola problematica. Coerentemente con le linee strategiche definite dalla Giunta e in considerazione del fatto che le attività di Polizia Locale costituiscono atto dovuto per legge, l operatività ha come obiettivo di garantire un capillare controllo del territorio ed incrementare il senso di sicurezza dei cittadini. L efficacia nel perseguimento di tale scopo è favorita dall impegno che il personale con qualifica di polizia pone nell esecuzione delle mansioni assegnate. L'Ufficio di Polizia Locale rilascia regolarmente autorizzazioni di polizia amministrativa (occupazione suolo pubblico, manifestazioni ciclistiche e/o podistiche, manifestazioni varie, autorizzazioni commerciali) ed effettua gli accertamenti relativi agli artigiani e per le verifiche anagrafiche. Nell attività di Polizia Giudiziaria è proseguito il servizio di ricezione di denunce di smarrimento e/o furto di documenti personali e di furti di autoveicoli o di furti generici. Questa attività è molto apprezzata dalla cittadinanza perchè consente ai cernuschesi un risparmio di tempo e disagi evitando loro l onere di portarsi alla locale caserma dei Carabinieri di Merate. Nell'attività di Polizia Stradale, oltre all'attività di prevenzione che è primaria rispetto all'attività di repressione di violazioni alle norme relative al Codice della Strada, va annoverata l'effettuazione di controlli mirati nelle vie a maggior flusso di veicoli con l ausilio dell apparecchio telelaser: tutta la relativa segnaletica di preavviso dei controlli elettronici della velocità è stata adeguata alle nuove disposizioni di Legge. Le vie dove maggiori sono le violazioni da parte degli automobilisti sono: via Spluga (velocità e semafori rossi), viale Europa (velocità e sorpassi), via Lecco (sosta di veicoli su marciapiedi), via Monza (velocità), via Papa Giovanni XXIII (velocità e semafori rossi), via Resegone (velocità), via XXV Aprile (velocità). Si rimane ancora in attesa di ricevere risposta dalla Provincia di Lecco sull adeguamento, in aumento, dei limiti di velocità sui tratti extra urbani delle strade provinciali. Nell anno 2009 sono stati accertati n violazioni alle norme del Codice della Strada per un importo complessivo di ,51. Costanti sono stati inoltre gli interventi per il rilievo di sinistri stradali. Nei controlli di routine sono stati effettuati sequestri e fermi amministrativi di veicoli con numerosi ritiri di carte di circolazione e patenti di guida. In occasione delle manifestazioni a carattere locale e/o sovracomunale (feste danzanti, manifestazioni ciclistiche, mostre, ecc.) si è sempre garantita la presenza per consentire un corretto svolgimento delle manifestazioni e garantendo l ordine pubblico in collaborazione con le altre Forze dell Ordine. I vari uffici comunali sono sempre stati informati di tutte quelle anomalie rilevate sul territorio durante i pattugliamenti e, soprattutto, con il locale Ufficio Tecnico comunale, c è stata ampia e reciproca collaborazione nel controllo del territorio e repressione di eventuali abusi edilizi. Sono infine proseguiti i pattugliamenti serali nell ambito dei progetti finalizzati. Nell ambito di questi servizi è stata data particolare attenzione nella prevenzione e repressione relativa agli schiamazzi notturni e alla velocità sulle strade urbane, garantendo sostanzialmente una presenza costante su tutto il territorio ed un punto di riferimento immediato per i cittadini. L'Ufficio di Polizia Locale si è infine sempre prodigato a ricevere le lamentele e segnalazioni da parte dei cernuschesi fornendo loro le informazioni e/o assicurando un tempestivo intervento istituzionale. SPORT Per quanto riguarda l ambito sportivo l Amministrazione comunale ha voluto sostenere anche quest anno iniziative di promozione alla pratica dello sport e favorire la partecipazione dei cittadini delle diverse fasce di età. Le manifestazioni hanno preso il via il 19 aprile 2009 con il patrocinio e il sostegno allo svolgimento della Gara Regionale Maratonina assegnata dalla FIDAL alla nostra

9 P.L.C e valevole per l attribuzione dei titoli di Campione Provinciale Como/Lecco e Campione Regionale Libertas. Anche quest anno si è deciso di sostenere le gare richieste dal settore scolastico della provincia di Lecco e dai paesi limitrofi in particolare: il 13 gennaio la fase provinciale dei giochi Studenteschi di corsa campestre, il 30 marzo i Giochi della Gioventù delle scuole di Merate, il 22 aprile la Fase Distrettuale dei Giochi Studenteschi, il 29 aprile i giochi della gioventù della scuola elementare di Missaglia, il 20 maggio i Giochi Studenteschi di triathlon, il 27 maggio le gare promozionali sotto forma di percorsi per le classi 1^ 2^ elementare di Cernusco rivolte ai bambini che in questa fascia di età non partecipano alle Curoniadi. Il sostegno dell Amministrazione a tali iniziative consiste di solito nella concessione gratuita degli impianti e la parziale copertura delle spese di assistenza sanitaria mentre la preparazione campo gara, il ristoro e la gestione segreteria atleti vengono sostenute dalla nostra società di atletica che sempre più frequentemente rappresenta il punto di riferimento per l organizzazione di queste manifestazioni scolastiche a livello Provinciale. Prosegue così quel rapporto di collaborazione con l Ufficio Ed.Fisica di Lecco indispensabile per la promozione sportiva nella scuola. Il giorno 9 Maggio si è svolta la 13^ edizione delle CURONIADI con buona partecipazione degli alunni delle scuole elementari e medie sostenuti da insegnanti e genitori; come di consueto la manifestazione ha ottenuto un notevole successo. Sabato 30 maggio presso i campi di gioco della Bocciofila Verderese a Verderio Superiore si è svolto il XXIV Trofeo Springorum Gara Nazionale individuale inserita nel circuito F.I.B., riservata a 128 giocatori di Categoria A con l erogazione da parte del Comune di un contributo straordinario per una Targa con medaglia d oro alla Società 1^ classificata. Nell ambito del Giugno Cernuschese si sono svolte inoltre le seguenti iniziative: martedì 2 Giugno la 12^ Camminata tra Ville e Cascine in collaborazione con la P.L.C. e il gruppo Alpini di Cernusco. La manifestazione ha avuto anche quest anno un buon successo e l incasso è stato devoluto all Associazione Comitato di Solidarietà Provinciale per Emergenza Terremoto Abruzzo. Nei mesi di giugno e luglio in collaborazione con l Oratorio San Luigi e Sant Agnese si sono svolti i seguenti tornei sportivi:torneo di calcio a sette giocatori, torneo di tennis formula rodeo, torneo di pallavolo in acqua. Tutte le iniziative hanno riscosso una partecipazione numerosa di squadre e giocatori. Inoltre quest anno, accogliendo l invito della Asl di Lecco, si sono costituiti i gruppi di cammino in collaborazione con la Polisportiva. La programmazione è ripresa in autunno esattamente il 06 dicembre 2009 con il sostegno all organizzazione della finale del Trofeo Lanfritto Maggioni. Anche per l anno scolastico 2008/2009, su richiesta degli insegnanti, è stato finanziato il progetto di sviluppo delle condotte motorie di base e di avviamento e conoscenza delle discipline dell atletica leggera nella scuola elementare in collaborazione con la PLC e gestito da preparatori qualificati. Infine proseguono con successo i corsi patrocinati dal Comune di danze popolari, sciatzu e tiro con la carabina ormai avviati da alcuni anni e frequentati con interesse. CULTURA, E TEMPO LIBERO Le attività culturale hanno preso il via a gennaio con una serata dedicata a Simone de Beauvoir nel centenario della nascita. La serata si è svolta il 17 gennaio nella biblioteca comunale a cura dell Associazione culturale Diesis. In memoria di una ragazza per bene è il titolo della rappresentazione che percorreva la vita e le opere della scrittrice attraverso suoi testi e brani originali di Mariella De Santis curatrice della serata. Il giorno 27 sempre del mese di gennaio, in occasione della Giornata della Memoria Roberto Anglicani ha presentato Ragazzi di Cuore racconti ebraici tratti da storie Yiddish di Isaac Bashevis Singer accompagnato da musiche originali di ispirazione ebraica. La rappresentazione si è svolta nei locali della nuova Biblioteca Comunale. Sempre per la Giornata della memoria è stato concesso il patrocinio alla manifestazione che si è svolta all Istituto Comprensivo Bonfanti e Valagussa il 30 gennaio a cura dei ragazzi delle scuole primarie e secondarie.

10 Venerdì 27 febbraio nell ambito della rassegna I sapori della Memoria a cura dell Atelier del gusto abbiamo ospitato, nella Biblioteca comunale una serata dal titolo Il sapore dei colori laboratorio di educazione sensoriale e artistica.. Ad aprile, a conclusione del concorso fotografico 2008 anno del pianeta terra proposto nell ottobre scorso è stata allestita, in biblioteca, una mostra delle opere in concorso. La premiazione si è svolta il giorno 18 a conclusione della mostra con la presenza di membri del circolo fotografico di Lecco. A cura della biblioteca comunale, giovedì 23 aprile, è stata proposta una conferenza sul tema Israele e Palestina storia di un conflitto ospite Floria Galbusera docente di storia contemporanea dell Università degli studi di Milano. Marco Maggioni ha presentato il suo ultimo libro Economia e vita quotidiana nel 700 lecchese in una serata nel mese di maggio, organizzata dalla Biblioteca. Sempre nel mese di maggio, domenica 17, in occasione del Open day-biblioteche aperte, Ivan Sirtori della compagnia TORRELUNA è stato protagonista con Franco Napoli che lo accompagnava al pianoforte, di un aperitivo letterario. Letture ad alta voce accompagnate da un aperitivo offerto a tutti gli intervenuti. Nel mese di aprile e maggio ha preso il via una simpatica iniziativa dal titolo In 15 minuti proposta da Nereo Riva di Merate. Rivolta ai più piccoli (età pre-scolare e primo ciclo elementari) si tratta di brevi letture ad alta voce di fiabe il primo e terzo sabato di ogni mese. Nel mese di giugno è stato proposto il tradizionale Giugno Cernuschese a cura delle Associazioni e della Consulta Cultura Sport e Tempo libero. Il programma prevedeva: Mostra di pittori Cernuschesi- Ex biblioteca Festival Scintille d arte Saggi dei laboratori di teatro Associazione Scintille d arte Mostra sculture Raku personale di Franco Boaretto- ex biblioteca Progetto SCEC conferenza a cura dell Isola lombarda di Arcipelago Scec Station varietà- Work in progress del laboratorio teatrale della Comunità Orizzonti Concerto del corpo musicale A. Pirovano P.zza S. Giovanni La serata Gustiamoci La piazza organizzata dall Associazione I Goloselli della Brianza a favore dell Associazione Il Granaio non è stata effettuata a causa del maltempo. Il 28 agosto, nei giardini di Villa Borgazzi, è stato inaugurato il festival teatrale L ultima luna d estate con la partecipazione di Margherita Hack che ha tenuto una interessante lezione di astrofisica al numeroso pubblico intervenuto. Nella stessa giornata, alla sera, nei giardini del Castello Maria Amelia Monti ha presentato lo spettacolo inaugurale del festival dal titolo Buone notizie alla presenza di oltre 400 spettatori. Dalla fine del mese di settembre al 19 novembre, ha preso il via un ciclo di otto incontri denominati Ben-essere a Cernusco con tema il benessere psicofisico della persona analizzato da diversi punti di vista. Le serate, proposte dalla consulta Cultura sport e tempo libero, si sono svolte in biblioteca e hanno visto una ottima partecipazione di cittadini. Nel mese di ottobre, proposta dal sistema bibliotecario meratese, nell ambito della Mostra internazionale dell illustrazione per l infanzia Le immagini della Fantasia, è stato ospitato nella biblioteca comunale un laboratorio di arte-terapia a cura di Chiara Orsenigo rivolto a bambini di età compresa tra i 3 e 5 anni accompagnati dai genitori. E stato concesso il patrocinio alla manifestazione promossa dal Gruppo Alpini di Cernusco il 14 novembre il occasione della beatificazione di Don Carlo Gnocchi. Il mese di dicembre si è aperto con una serata inserita nella 4^ rassegna I saporti della memoria. La manifestazione, dal titolo La cioccolata di Don Lisander - recital con degustazione -, si è svolta venerdì 4 dicembre in biblioteca con la partecipazione di Mauro Rossetto dell Atelier del Gusto e Luca Radaelli del Teatro invito di Lecco.

11 Sabato 19 dicembre si è svolto il Mercatino di Natale a cui hanno partecipato numerosi espositori (hobbisti, ambulanti) e associazioni della zona. L anno si chiuso con il tradizionale concerto di S. Stefano offerto dalla Corale S. Giovanni Battista a cui è stato concesso il patrocinio.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp Programma del SERVIZIO COMUNICAZIONE DEL SERVIZIO: Promuovere l immagine e le iniziative del Comune, promozione e

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO LOMBARDONE PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI CERNUSCO LOMBARDONE PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI CERNUSCO LOMBARDONE PROVINCIA DI LECCO PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Anno scolastico 2009/2010 RELAZIONE PIANO DIRITTO ALLO STUDIO anno scolastico 2009/2010 Gli alunni interessati al piano

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ANNO 2010 Con l approvazione del Rendiconto di gestione anno 2010 l Amministrazione Comunale vuole

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

IL DIARIO DI BORDO: UNO STRUMENTO NELLA MANI DEGLI ASSISTENTI SOCIALI

IL DIARIO DI BORDO: UNO STRUMENTO NELLA MANI DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Azienda Speciale RETESALUTE IL DIARIO DI BORDO: UNO STRUMENTO NELLA MANI DEGLI ASSISTENTI SOCIALI 2 Conferenza d Area Territoriale degli Simona Milani 1 Retesalute è un Azienda Speciale Consortile costituita

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

Iscrizioni al servizio: comunicazione ammissioni e formazione della lista di attesa. Iscrizioni entro il mese di aprile di ogni anno

Iscrizioni al servizio: comunicazione ammissioni e formazione della lista di attesa. Iscrizioni entro il mese di aprile di ogni anno Unità Organizzativa Responsabile: Servizio Politiche Attive per la Collettività Responsabile: Dott. Valter Gianneschi Telefono: 014 609.447 448 450 e mail: servizi.sociali@comune.serravalle-scrivia.al.it

Dettagli

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI, GRUPPI, SOCIETA ED ENTI CHE OPERANO NEL

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

RIEPILOGO PROGETTI. Allegato al P.O.F. 2008-2009

RIEPILOGO PROGETTI. Allegato al P.O.F. 2008-2009 RIEPILOGO PROGETTI Allegato al P.O.F. 2008-2009 PLESSO DI OSNAGO TITOLO TIPOLOGIA CLASSI DURATA ESPERTO COSTO CANTO ANCH IO ED. MUSICALE TUTTE 110 ORE PASQUALE AMICO 5132.05 D.S. DA OTTOBRE QUANTE STORIE

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO

DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO Carta dei servizi DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO Elaborata secondo le linee guida della Carta dei servizi territoriali didattico/ricreativi ed educativi di supporto alla famiglia Pordenone Vallenoncello

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

Relazione previsionale e programmatica

Relazione previsionale e programmatica Comune di Inveruno Provincia di Milano RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2009-20112011 Relazione previsionale e programmatica La relazione previsionale e programmatica rende conto delle scelte, delle

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

San Gabriele. Istituto SCUOLA PARITARIA CATTOLICA. iscrizioni 2015-16

San Gabriele. Istituto SCUOLA PARITARIA CATTOLICA. iscrizioni 2015-16 Istituto San Gabriele SCUOLA PARITARIA CATTOLICA L offerta formativa 2015-16 Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane ec.soc. Liceo Scientifico

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010 PARTE ENTRATA E 00190 000 2010 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI 1.336.000,00 E 00191 000 2007 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 37.420,44 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009 ORGANI ISTITUZIONALI Indennità al sindaco, assessori e cons. comunali 28.000,00 Spese diverse per il consiglio e la giunta municipale 700,00 Polizza Amministratori 1.048,00 da finanziare 29.748 SERVIZI

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Newsletter dell Assessorato alle politiche sociali. Carissimi,

Newsletter dell Assessorato alle politiche sociali. Carissimi, Newsletter dell Assessorato alle politiche sociali 16 Febbraio Newsletter Numero 1 /2015 Carissimi, Dopo una breve interruzione, riprende l invio delle notizie dal nostro Municipio, con una newsletter

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine Capitolo 7 Politiche per la sicurezza Linee guida dal programma di mandato Programmi: Settore Vigilanza e tutela ambientale: Vigilanza. Protezione civile. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI Comune di Dolzago PROVINCIA DI LECCO GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2011/2012 COMUNE DI DOLZAGO - Piazza della Repubblica 7/8 23843 DOLZAGO -LC- Tel. 0341/451263 Fax. 0341/451277 - P. Iva e Cod. Fisc. 00624600136

Dettagli

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la A TUTTO SPORT! Azioni sportive per una comunità in movimento PREMESSA Lo sport è un veicolo per le relazioni e, allo stesso tempo, un promotore di impegno e identità attivi; un punto di partenza dal quale

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

Luglio 2012 Giugno 2013

Luglio 2012 Giugno 2013 Luglio 2012 Giugno 2013 Un anno di attività per la sicurezza stradale Corpo Polizia Municipale Terre Estensi Nucleo educazione stradale Isp. Capo Flaviano Contra Isp. Daniela fini Ass. Sabrina Finessi

Dettagli

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE Claudio Fantinati 64 E D U C A Z I O N E Obiettivo principale dell attività dell assessorato è quello di mantenere gli standard qualitativi dei servizi

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MARIAGRAZIA SALA 20060 PESSANO CON BORNAGO (MILANO) mariagraziasala@tiscali.it. Italiana

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MARIAGRAZIA SALA 20060 PESSANO CON BORNAGO (MILANO) mariagraziasala@tiscali.it. Italiana F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARIAGRAZIA SALA Indirizzo VIA GRAZIA DELEDDA N. 7 20060 PESSANO CON BORNAGO (MILANO) Telefono 333-4249807 E-mail mariagraziasala@tiscali.it

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione Comune di OSNAGO Servizio Istruzione Viale delle Rimembranze,3 23875 Osnago (Lecco) Tel. 039 9225114 Funzione Associata Lomagna/Osnago e mail: istruzione@comune.lomagna.lc.it ******************************************************

Dettagli

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2014-2015 PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 214-215 SCHEMI E TABELLE PER UNA LETTURA SINTETICA DEL PIANO IN FASE DI APPROVAZIONE L Assessore alla Pubblica Istruzione (Mariella Smiroldo) Popolazione residente

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

Una biblioteca da vivere

Una biblioteca da vivere servizi sociali Assegnati i due posti per i volontari in Servizio Civile Una biblioteca da vivere C on il secondo Bando Ordinario per la selezione di 4-43 volontari da impiegare in progetti di Servizio

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

PROGETTI 2013 2014 PROGETTO SOLIDARIETÀ PROGETTO SICUREZZA. Scuola dell Infanzia Santo Stefano

PROGETTI 2013 2014 PROGETTO SOLIDARIETÀ PROGETTO SICUREZZA. Scuola dell Infanzia Santo Stefano I progetti rappresentano un occasione di integrazione e di arricchimento dell offerta formativa sia della scuola dell infanzia, sia della scuola primaria, sia della scuola secondaria di 1 grado. Nel POF,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni. L'importo massimo dell'assegno

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Posizione Organizzativa n. 4

Posizione Organizzativa n. 4 Posizione Organizzativa n. 4 Settore: Pubblica Istruzione - Servizi Socio-Educativi Cultura - Sport - Spettacolo- Tempo Libero La struttura indicata, concorre con gli altri Servizi, al perseguimento delle

Dettagli

Risparmio energetico ed edifici in edilizia sostenibile

Risparmio energetico ed edifici in edilizia sostenibile 1 Risparmio energetico ed edifici in edilizia sostenibile 83 2010-2012 Interventi di riqualificazione dell illuminazione pubblica a Granarolo- Viadagola- Quarto per una spesa di.138.000 inverno 2011-2012

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

Comune di Cermenate Provincia di Como. ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione

Comune di Cermenate Provincia di Como. ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione Comune di Cermenate Provincia di Como ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SEDE DIREZIONALE SCOLASTICA : Via Alfieri DIRIGENTE: Prof.ssa Ada De Santis SCUOLA

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013 Consorzio Società della Salute Colline Metallifere Relazione al bilancio di esercizio 2013 Nella presente relazione al bilancio di esercizio 2013 si intendono evidenziare le informazioni sull'attività

Dettagli

1 Bando 2016 SOCIALE

1 Bando 2016 SOCIALE 1 Bando 2016 SOCIALE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore dell Area Sociale OBIETTIVI DEL BANDO Individuare progetti di utilità sociale nel settore dell assistenza sociale e

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli