Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)"

Transcript

1 Provincia autonoma di Trento Servizio Reti e Telecomunicazioni Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)

2 Indice 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE PRESENTI LINEE GUIDA 3 2. PREMESSA E STRUTTURA DELLA RETE NGN (NEXT GENERATION NETWORK) 5 3. FIBRE E LORO GERARCHIA: TRANSITO E ACCESSO 8 4. CRITERI E MODALITA DI DIMENSIONAMENTO DELLE TUBAZIONI DIMENSIONAMENTO A PROGETTO PRESCRIZIONI DI PROGETTO PER LA RETE DI ACCESSO CRITERI INERENTI LA PROFONDITA DI POSA DELLE TUBAZIONI POSIZIONAMENTO E DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI CONSEGNA UTENTE POSIZIONAMENTO E DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI LINEA ULTERIORI CRITERI E SPECIFICHE ESECUTIVE SCHEMI ESEMPLIFICATIVI MATERIALI MONOTUBI / TRITUBI TUBO CORRUGATO DOPPIA PARETE IN BARRE RIGIDE MICROTUBO DA INTERRO AS-BUILT DIMENSIONAMENTO INFRASTRUTTURA IN ASSENZA DI PROGETTO 34 2

3 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE PRESENTI LINEE GUIDA Le presenti linee guida riguardano la realizzazione della rete di accesso in fibra ottica della Provincia di Trento, da effettuarsi principalmente lungo la rete viaria (su suolo di proprietà pubblica). Per quanto riguarda invece le linee guida per il completamento della rete interna agli edifici privati (ovvero sul terreno privato circostante gli stessi), si rimanda invece al contenuto delle Linee guida per le predisposizioni dei collegamenti in fibra ottica all interno degli edifici. Più specificamente, l ambito di applicazione delle presenti linee guida riguarda: - Interventi di esclusiva realizzazione o completamento della rete di distribuzione in fibra ottica. - Interventi in ambito urbano di ripavimentazione e/o arredo urbano che prevedano la posa di pavimentazioni pregiate (sia suolo pubblico sia su suolo privato). - Interventi di ripavimentazione stradale su suolo pubblico in ambito urbano o suburbano. - Concomitanze di scavi per la posa o la manutenzione di altre infrastrutture (reti gas, H2O, BT, fognature, Illuminazione pubblica, ecc.) realizzate da amministrazioni comunali, aziende municipalizzate, ditte lottizzanti, consorzi di bonifica, ecc.. Le figure direttamente interessate dalle presenti Linee Guida risultano quindi essere: - i progettisti dei sopradetti interventi pubblici - I progettisti dei Piani Attuativi, anche in ambito privato - le amministrazioni pubbliche (uffici tecnici / viabilità / reti /allacci dei comuni) - le amministrazioni e gli uffici tecnici delle diverse aziende di fornitura e distribuzione di servizi (gas, energia elettrica, acquedotto, fognatura, teleriscaldamento, telecomunicazioni dedicate, ecc.) NOTA: le presenti linee guida sono vincolanti per le aree urbane oltre che per i collegamenti viari fra le stesse. Le aree urbane corrispondono a quelle definite dall insieme degli insediamenti (rif. Tematismo PUPINS ) consultabile sulla carta del Sistema insediativo e Reti infrastrutturali in scala 1:25'000 (vedi 3

4 Tale tematismo deriva dalla carta dell uso del suolo pianificato del Piano Urbanistico Provinciale e comprende: - CENTRI STORICI - ZONE PER INSEDIAMENTI - URBANIZZATE - AREE PRODUTTIVE - AREE PER ATTREZZATURE - AREE DI RIQUALIFICIAZIONE URBANA E TERRITORIALE Per quanto riguarda le zone esterne ai precedenti perimetri di aree urbane è richiesta la verifica con il competente servizio provinciale ai fini dell effettuazione di una puntuale valutazione dell intervento. 4

5 2. PREMESSA E STRUTTURA DELLA RETE NGN (NEXT GENERATION NETWORK) La Provincia autonoma di Trento, accogliendo una chiara indicazione dell Unione Europea, è da tempo attivamente impegnata nello sviluppo di una rete a larga banda; tale intervento ha lo scopo di migliorare il livello di infrastrutturazione del territorio che risulta ancora essere relativamente sotto-servito. La rete costituisce il presupposto essenziale per la diffusione di servizi digitali in un territorio fortemente condizionato dalla particolare configurazione orografica. Una rete di comunicazione a banda larga e ultra larga di nuova generazione richiede la realizzazione integrata di un insieme di infrastrutture quali: edifici per l installazione di nodi di rete; cavidotti atti ad ospitare cavi in fibra ottica; pozzetti per la giunzione e lo spillamento della fibra. Dal punto di vista architetturale la rete si struttura nei seguenti livelli: dorsale: livello costituito da una infrastruttura lineare dotata di nodi di rete che si estende fino a coprire l intero territorio provinciale, per una lunghezza complessiva dell ordine di 800 km; Figura 1. Planimetria della dorsale provinciale 5

6 distribuzione: livello corrispondente alle tratte che, a partire dai nodi di dorsale raggiungono le aree abitate (a seconda della complessità della geometria della rete, la distribuzione può articolarsi in ulteriori livelli (vedi primaria, secondaria, ecc.); accesso: livello costituito dai singoli sbracci e diramazioni che connettono le infrastrutture di distribuzione ai singoli edifici, fino al confine di proprietà. La Provincia autonoma di Trento ha già quasi completato le opere di dorsale (infrastrutture lineari, nodi, shelter, ecc.) e realizzato parte di quelle relative ai livelli di distribuzione e di accesso (relativamente alle utenze pubbliche quali scuole, ospedali, ecc.). Figura 2. Esempio di Shelter (edificio posizionato sulla dorsale provinciale e dedicato esclusivamente ad ospitare dispositivi per l attestamento e/o la distribuzione delle fibre) Il completamento della rete pianificato entro l anno 2018 (relativo alla realizzazione capillare su tutto il territorio dei livelli di distribuzione e di accesso) richiede investimenti molto significativi. 6

7 In tale contesto risulta essenziale la realizzazione di quanti più tratti di infrastruttura possibili (cavidotti e pozzetti) che sfruttino la concomitanza di esecuzione delle altre opere di infrastrutturazione programmate sul territorio (acqua, energia elettrica, teleriscaldamento, pubblica illuminazione, rete gas, reti fognarie, ecc.). NOTE SULL UTILIZZO DI INFRASTRUTTURE ESISTENTI La realizzazione della rete di accesso (sia per gli ambiti di distribuzione sia per quello locale), per ovvie ragioni di costi, tempi e opportunità, dovrà altresì valutare la possibilità di utilizzo di infrastrutture esistenti in grado di consentire l ulteriore infilaggio di microtubazioni da dedicarsi al passaggio di fibre ottiche. E altresì chiaro come tale possibilità sia da valutarsi accuratamente in relazione ai seguenti punti: - messa a disposizione del proprietario dell infrastruttura e/o del gestore della stessa - compatibilità di utilizzo dell infrastruttura esistente (diametri tubazioni, tipologie materiali, compresenza di cavi, lunghezza delle tratte, grandezza e profondità dei pozzetti, ecc.) in funzione della possibilità di ulteriore infilaggio di sonde con tubi e/o microtubi dedicati alla F.O. - valutazioni in merito alle condizioni di stabilità e sicurezza fisica garantite alla rete in fibra che utilizza l infrastruttura esistente (vedi possibilità di strappo e/o danneggiamento dei cavi in occasione di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle altre infrastrutture) 7

8 3. FIBRE E LORO GERARCHIA : FIBRE DI TRANSITO E FIBRE DI ACCESSO Dal punto di vista architetturale la rete di accesso presenta una struttura ad albero che, a partire dai nodi di dorsale si ramifica con direttrici di distribuzione all interno dei centri abitati, per poi ripartirsi in ulteriori livelli e ramificazioni fino a raggiungere le singole utenze. Figura 3. Schema esemplificativo tubazioni e loro gerarchia /1 Una variante rispetto a tale diagramma è la topologia di rete ad anello, tramite la quale è possibile servire utenze in doppia via (generalmente le utenze business /affari) allo scopo di garantire maggiore affidabilità dei servizi erogati. Figura 4. Schema esemplificativo tubazioni e loro gerarchia /2 8

9 Ai fini della comprensione della diversa gerarchia delle fibre si individuano, indipendentemente dalla logica e dalla geometria distributiva, due livelli (che possono o meno coesistere), ovvero: FIBRE DI TRANSITO, presenti nei cavi che afferiscono direttamente al nodo di dorsale (POP) e che sono destinati al servizio di aree poste più a valle rispetto al tratto considerato. Il numero di tali fibre dipende dal numero e dalla tipologia degli utenti serviti a valle del tratto considerato ed è inoltre correlato all estensione del nucleo abitato, nonché alla posizione del suo nodo di rete. Per il loro dimensionamento è necessaria l effettuazione di una valutazione in ottica globale, ovvero prefigurare la gerarchia e la geometria della distribuzione dell intero sistema abitato. Più concretamente, ne deriva che i tratti prossimi ai nodi di dorsale saranno interessati ad un numero maggiore di fibre di transito, mentre i tratti terminali di accesso potranno essere interessati da fibre di transito solamente nel caso di collegamento con nuclei o frazioni vicine. FIBRE DI ACCESSO, costituite dalle fibre che partono dai punti di distribuzione che raggiungono direttamente le utenze affacciate sui singoli tratti. La progettazione del livello di accesso (dimensionamento fibre e conseguenti tubazioni, numero e tipologia pozzetti, geometria dei collegamenti, ecc.) è determinata esclusivamente dal numero delle utenze presenti sul tratto considerato. All uopo si vedano gli esempi seguenti relativi a diagrammi schematici per la rete di accesso di alcuni centri abitati. 9

10 Figura 5. Abitato di Nago; in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) Figura 6. Abitato di Ravina; in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) 10

11 Figura 7. Abitato di Aldeno; collegamento ad un solo punto della dorsale (diagramma distribuzione ad albero) in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) Figura 8. Abitato di Aldeno; ipotesi di collegamento con ridondanza (cfr. diagramma distribuzione ad anello) in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) 11

12 4. CRITERI E MODALITA DI DIMENSIONAMENTO DELLE TUBAZIONI Quale generale criterio di dimensionamento si riporta la necessità di effettuare, per ciascun intervento, un approfondimento progettuale che faccia riferimento, indipendentemente dalla specificità dell intervento, all intero contesto abitato in oggetto DIMENSIONAMENTO A PROGETTO Di norma più che opportuno per gli interventi ricadenti nelle aree urbane, il dimensionamento a progetto ha quale obiettivo la definizione esecutiva delle tubazioni e dei pozzetti per i tratti interessati, dimensionamento che passa necessariamente attraverso la definizione (perlomeno a livello di progetto preliminare) dello schema di distribuzione dell intero contesto abitato, al fine di definire in maniera corretta la gerarchia ed il ruolo del tratto considerato in relazione all intero compendio. Tale dimensionamento presuppone l acquisizione delle seguenti informazioni. - La conoscenza della posizione del più vicino POP/SHELTER della dorsale provinciale, punto dal quale dovranno partire i fasci di tutte le fibre che serviranno l abitato. - La conoscenza specifica del numero degli utenti dalla tratta interessata dall intervento e la tipologia degli stessi (residenziali, business, ricettivo) in funzione della determinazione del numero Fe (fibre equivalenti), calcolato per ogni edificio secondo le modalità già riportate nelle Linee guida per le predisposizioni in fibra ottica all interno degli edifici. - Ai fini di un conservativo dimensionamento del numero Fe di calcolo per la tratta specifica, in funzione di possibilii e future sopraelevazioni, ristrutturazioni, ampliamenti, nuove costruzioni e/o urbanizzazioni, si ritiene congruo l applicazione di un aumento rispetto al numero di Fe effettivamente riscontrato in sito, pari a: ZONE ESTERNE AI CENTRI STORICI: Fe (calcolo) = Fe (reale riscontrato) + 20% CENTRI STORICI: Fe (calcolo) = Fe (reale riscontrato) + 10% - L effettuazione di una valutazione quanto più vicina alla realtà (rilievo / determinazione su base statistico-demografica / determinazione per analogia con il tratto considerato, ecc.) del numero di utenti del contesto (e conseguentemente del numero di Fe). - L acquisizione delle geometrie (nonché di informazioni) delle tubazioni di reti esistenti al fine di poterne valutare il possibile riutilizzo (cfr. rete telefonica, di bassa tensione e pubblica illuminazione); una corretta valutazione passa 12

13 necessariamente attraverso la VERIFICA IN SITO delle tubazioni che possa stabilire il grado di occupazione della rete nonché le condizioni dei pozzetti. Tale verifica risulta fondamentale per una corretta configurazione della rete di accesso locale (destinata a garantire il cablaggio in larga banda di ciascun edificio) che tenga conto di opportuni criteri di economicità. - La conoscenza delle specifiche convenzioni già in essere con gli enti proprietari (o gestori) delle reti oggetto di riutilizzo. In sintesi, i contenuti del progetto dovranno essere come minimo riferiti ai due differenti livelli di approfondimento come segue: PRELIMINARE: ESECUTIVO: dovrà definire la geometria e la tipologia (tubazioni, pozzetti, armadi di distribuzione, camerette interrate, ecc.) dell infrastruttura relativamente alla distribuzione dell intero agglomerato urbano e/o del contesto abitato. dovrà definire la geometria e la tipologia della rete di accesso (completa dei pozzetti utente o dei tratti di consegna) del tratto interessato dagli interventi, con la definizione delle tubazioni, dei pozzetti, della localizzazione degli armadi e delle muffole. 13

14 5. PRESCRIZIONI DI PROGETTO PER LA RETE DI ACCESSO 5.1 CRITERI INERENTI LA PROFONDITA DI POSA DELLE TUBAZIONI Le operazioni di scavo, di posa delle tubazioni e le opere di riempimento e di ripristino dovranno rispondere alle prescrizioni previste dalle normative generali in vigore e a quanto prescritto dall Ente proprietario del suolo. Le più recenti normative: - d.lgs. 1 agosto 2003, n. 259 Codice delle comunicazioni elettroniche - Legge 6 agosto 2008, n. 133 Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria - Legge 18 giugno 2009, n. 69 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile delineano una strategia generale volta ad agevolare la realizzazione di infrastrutture per le telecomunicazioni, con l ottica di individuare soluzioni tecniche in grado di contenere i costi, velocizzare i lavori e massimizzare l utilizzo di infrastrutture esistenti anche destinate ad altre tipologie di servizi. In particolare, la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3/3/99 per la razionale sistemazione nel sottosuolo degli impianti tecnologici (G.U. del 11/3/1999), all art.5, comma 3, prevede che Per gli attraversamenti e le occupazioni trasversali e longitudinali della sede stradale, realizzati in sotterraneo con impianti inerenti i servizi di cui al primo comma dell'art. 28 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (3), la profondità minima di interramento, di cui al terzo comma dell'art. 66 del sopracitato regolamento di esecuzione n.495, non si applica al di fuori della carreggiata; al di sotto della stessa tale profondità minima può essere ridotta, previo accordo con l'ente proprietario della strada, ove lo stato dei luoghi o particolari circostanze lo consigliano; sono, comunque, fatte salve le prescrizioni delle norme tecniche UNI e CEI vigenti per ciascun tipo di impianto. 14

15 5.2 POSIZIONAMENTO e DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI CONSEGNA UTENTE Il posizionamento dei pozzetti di consegna utente presuppone, per ciascun edificio, la conoscenza delle posizioni di ingresso delle reti esistenti (cfr. rete elettrica in bassa tensione e rete telefonica) che, previa acquisizione di planimetrie dagli enti gestori, saranno da verificarsi nella loro effettiva consistenza (cfr. tipologia tubi, livello di occupazione, numero tipologia e profondità pozzetti, distanze tratte, ecc.). Nel caso di edifici esistenti, è generalmente preferibile utilizzare i cavidotti della rete telefonica (se l esito della verifica di occupazione lo consente) in modo che si possa arrivare con il cavo in fibra ottica negli stessi punti in cui arriva oggi il cavo telefonico. Diversamente, si potrà pensare all utilizzo dei cavidotti della rete di bassa tensione, piuttosto che di ulteriori tubazioni che risultassero a disposizione e che fossero altresì dimensionalmente compatibili (citofoni, controlli di cancelli, ecc.). In ogni caso, la conoscenza della rete scelta per l ingresso all edificio (nuova o esistente che sia) risulta fondamentale per una corretta individuazione del luogo in cui collocare il pozzetto di consegna utente ; questi sarà infatti da collocarsi su suolo pubblico a ridosso del confine privato, in modo tale da intercettare le eventuali tubazioni entranti scelte per l ingresso all edificio. In taluni casi, valutazioni di natura diversa possono fare emergere l impossibilità di collocare il pozzetto di consegna utente ; in tali casi è possibile sostituirlo con il punto di consegna utente che prevede l utilizzo di una tubazione corrugata con interno liscio (Ø minimo 63 mm) che, attraversando l eventuale recinzione di confine, entra su suolo privato, non richiedendo quindi ulteriori interventi sulla parte pubblica. E altresì chiaro come le modalità di esecuzione del punto di consegna utente siano da condividersi con il privato interessato, ovvero possano eventualmente essere modificate da ulteriori, puntuali specifiche e/o richieste del privato stesso. Nell esclusivo caso di impossibilità di localizzazione di un pozzetto e di mancanza di accordo con il privato interessato, è ammessa la realizzazione del punto di consegna su suolo pubblico. In questa fattispecie, qualsiasi onere inerente lavorazioni successive su suolo pubblico ed il ripristino delle pavimentazioni poste su suolo pubblico conseguenti ad allacciamenti richiesti dal privato, saranno interamente a carico del privato stesso. Nel caso di centri storici con pavimentazioni pregiate (nei quali risulta buona norma, se non necessario, evitare la posa di numerosi pozzetti su strada pubblica), è suggerita la realizzazione di tubazioni con cassette ad incasso poste direttamente in facciata. 15

16 In sintesi, al di là delle sopra riportate indicazioni, preme sottolineare come la finalità del corretto posizionamento dei punti o pozzetti di consegna utente rimane quella della ottimizzazione della sovrapposizione tra la nuova infrastruttura in fibra ottica (posta su suolo pubblico) e le reti già esistenti (poste su area privata) che già consentirebbero l ingresso alle singole unità immobiliari di ciascun edificio. Nel caso vi sia la necessità di eseguire i pozzetti di consegna utente, questi saranno da prevedersi a ridosso del confine privato. Le dimensioni di tali pozzetti dovrebbero essere tarate in funzione del numero e della tipologia delle tubazioni che vi transitano, nonché in funzione di ulteriori ed eventuali dispositivi da localizzarsi al loro interno (cfr. muffole di giunzione e spillamento, scorte, ecc.). In ogni caso di seguito si riportano le dimensioni minime del pozzetto di consegna utente, sia per pozzetti di tipo tradizionale che per pozzetti in poliuretano. POZZETTI TRADIZIONALI PER CONSEGNA UTENTE Dimensione minima pari a cm 40x40 (disponibili chiusini C250 e D400) POZZETTI POLIURETANO PER CONSEGNA UTENTE: Dimensione minima pari a cm 15x40 (disponibili solo chiusini C250) 16

17 5.3 POSIZIONAMENTO e DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI LINEA Per la realizzazione dei tratti di infrastruttura su strada pubblica, a seguito di una serie di valutazioni, i pozzetti consentiti risultano essere i seguenti: POZZETTI TRADIZIONALI (dimensioni interne) - dim. 125x80 cm - dim. 70x90 cm - dim. 50x70 cm POZZETTI MONOBLOCCO IN POLIURETANO - dim. 40x76 cm Nota: i chiusini dovranno essere del tipo a spicchi per telecomunicazioni; è ammesso l uso di chiusini a riempire nel caso di contesto con pavimentazioni pregiate. Rimane chiaro che le scelte inerenti le tipologie costruttive, il dimensionamento del singolo pozzetto, nonché la logica di localizzazione e distribuzione dovranno essere effettuate anche in base: - al numero di tubazioni transitanti per il pozzetto ovvero in funzioni di eventuali apparati/ scorte / muffole che i pozzetti saranno destinati ad ospitare A titolo esemplificativo, nelle vicinanze al punto di interconnessione alla dorsale (POP) risulta appropriato l utilizzo di pozzetti di maggiori dimensioni a causa del maggiore numero di fibre concentrate in tali tratti (soprattutto nell ipotesi di realizzazione di infrastrutture del tipo P2P). 17

18 - frequenza dei pozzetti: distribuzione e densità del contesto Un numero elevato di piccoli edifici richiederà probabilmente la realizzazione di un numero maggiore di pozzetti (anche se più piccoli) rispetto ad un contesto con pochissimi edifici di grande dimensione. Si riportano di seguito delle ipotesi MINIME di frequenza localizzativa dei pozzetti sulla nuova infrastruttura; ad ogni modo si consideri come tali distanze siano del tutto indicative e da valutarsi caso per caso. - Ambito urbano: un minimo di 1 pozzetto ogni 50m. - Ambito extraurbano: un minimo di 1 pozzetto ogni 200m (in assenza di punti di consegna). - dimensione dei pozzetti Nel dimensionamento della dimensione dei pozzetti diversi da quelli destinati ad ospitare specifici apparati (muffole), quale buona norma esecutiva si preveda di non superare il numero massimo di 8 tratti confluenti nello stesso pozzetto; un elevato numero di confluenze su di un solo pozzetto comporta notevoli problematiche di gestione dello spazio interno, a causa della scorta delle tubazioni e dei cavi interni al pozzetto. Ne deriva che un elevato numero di tubazioni confluenti su di un solo pozzetto, non potrà non avere ripercussioni sulla la scelta della dimensione più appropriata per lo stesso. Al fine di una migliore comprensione delle precedenti prescrizioni, al capitolo successivo (cap. 6) si riportano una serie di schemi esemplificativi, che hanno finalità puramente indicativa. 18

19 5.4 ULTERIORI CRITERI E SPECIFICHE ESECUTIVE All inizio e alla fine di ciascun tratto di intervento, si deve provvedere al posizionamento di un pozzetto di dimensioni minime pari a 125 x 80 x h=100 cm con chiusino a spicchi (dedicato a F.O.). a) Quale ulteriore criterio per l individuazione della loro localizzazione, si consideri come nelle zone urbane ad alta affluenza, gli specifici chiusini in ghisa per telecomunicazioni (anche se di classe D400), ove sollecitati a traffico con velocità relativamente sostenuta (> 50 Km/h), tendono nel tempo a provocare rumore (causa il disassamento degli spicchi triangolari dei chiusini); si invita pertanto a prestare particolare attenzione alla loro collocazione, evitando in particolare modo che siano sollecitati dal percorso delle ruote del traffico veicolare. b) Considerato che i pozzetti contengono dispositivi soggetti a manutenzione, si richiede di localizzarli preferibilmente a bordo strada in luogo del centro carreggiata. c) Le forature effettuate nei pozzetti vanno effettuate con carotaggi abbinati a specifiche dime o, in alternativa ai carotaggi, sono ammessi dei tagli precisi effettuati tramite lama diamantata di sezione necessaria e sufficiente al solo passaggio delle tubazioni. L ingresso di qualsiasi tubazione all interno del pozzetto va in ogni caso opportunamente sigillata. Per ciascun ingresso di tubazione (o gruppo di tubazioni) deve essere presente il relativo cordino di rame per l effettuazione della tracciatura. d) Nel caso di sostituzione di tritubi con monotubi, è opportuno che questi ultimi vengano fermati e sellati a mezzo di fili di ferro, in modo che la sezione del pacchetto di monotubi rimanga costante per tutto il tratto di tubazione posata; risulta inoltre estremamente utile ridurre al massimo il numero di giunti su ciascuna tratta, compatibilmente con la lunghezza dell apertura dello scavo. 19

20 Posa in tratto continuo di 8 monotubi (3+3 sellati tra loro + 2 sfusi) Vista interna di pozzetto in poliuretano con l ingresso di microtubo 14/10 20

21 Ingresso di 8 monotubi tra loro sellati in un pozzetto 125x80, vista esterna Vista interna di pozzetto 125x80 con ingressi di monotubi ancora da sigillare. Nota: risulta buona norma prolungare le tubazioni in monotubo per almeno 30 cm all interno del pozzetto. In tale modo si agevolano le successive operazioni (infilaggio eventuali microtubi, cavi in fibra o microfibra). 21

22 6. SCHEMI ESEMPLIFICATIVI 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 7. MATERIALI Per quanto riguarda il capitolo del materiali si è ritenuto utile riportare la descrizione tecnica delle voci più significative (tubazioni) al fine di una migliore definizione delle caratteristiche tecniche e delle relative lavorazioni. 7.1 MONOTUBI / TRITUBI Fornitura e posa in opera di cavidotto del tipo a monotubo o tritubo in PEAD PN 12,5, di colore giallo, con Ø nominale esterno pari a 50 mm destinato alla protezione di cavi in fibra ottica per telecomunicazioni. La voce dovrà altresì contemplare: - l utilizzo di tubazioni sprovviste di materiale riciclato dotate di certificazione per l uso dedicato a reti in fibra ottica (vedi microscanalature interne longitudinali o a spirale atte a ridurre l attrito in fase di posa del cavo); è categoricamente esclusa la possibilità di utilizzo di tubazioni non specificatamente progettate per le fibre ottiche (vedi, a titolo esemplificativo, quelle per irrigazione); - l utilizzo di tubazioni caratterizzate da resistenza alla pressione interna determinata in accordo alle norme UNI EN e con metodo di prova conforme alla UNI EN 921, Classe PN 12.5, e resistenza alla compressione determinata secondo CEI EN , 450 N, realizzate in massa termoplastica inerte agli agenti atmosferici e resistenti ai batteri, alle spore ed ai funghi, con sezione esente da irregolarità e/o difetti, ovvero compatta e priva di cavità o bolle; - le tubazioni dovranno essere posate ad una distanza planimetrica di 30 cm (distanza minima) dalle altre infrastrutture. Rimane in ogni caso fatta salva l applicazione di normative specifiche e/o più restrittive (cfr, norme CEI /CIG, prescrizioni relative al contro tubaggio nel caso di presenza di infrastrutture di distribuzione del gas, alta tensione, ecc.); - la fornitura e la posa degli elementi di giunzione costituiti da manicotti ad innesto rapido in polipropilene certificati PN 16. (è escluso l utilizzo di qualsiasi altro tipo di giunto quali quelli in ottone, giunti elettrosaldabili o a caldo, giunti a compressione da inserire ed avvitare); - la fornitura e posa dei cordini di nylon per il successivo tiro dei cavi; - la fornitura degli appositi tappi di chiusura e protezione; - la fornitura e posa del cavo segnalatore in rame FG7 sezione 1,5 mm 2, posto al di sotto dei tubi; - la fornitura e posa della fettuccina segna cavi (o nastro segnalatore), posata al di sopra delle tubazioni (ad una profondità di circa 20 cm dalla superficie stradale); - il collaudo finale della tubazione con la tenuta a pressione (6 bar) per la durata di almeno 1h; - qualsiasi maggiore onere relativo al superamento di tubazioni interferenti (sia tangenziali che longitudinali) con altri sottoservizi; - qualsiasi onere conseguente al mancato collaudo (rieffettuazione dello scavo, ricontrollo tubazione e giunti, richiusura scavo con materiale idoneo, riasfaltatura, ecc.). 28

29 7.2 TUBO CORRUGATO DOPPIA PARETE, in barre rigide (750N o 1000N) In alternativa, nel solo caso in cui non si riuscisse ad approvvigionarsi per tempo di materiali specificamente dedicati alle reti in fibra ottica (tritubi / monotubi), per ciascun multiplo di 3 monotubi è ammesso l utilizzo di tubazioni in corrugato a doppia parete con le seguenti caratteristiche: - classe N (PEHD 750N per estradosso del tubo con profondità uguale o superiore a 70 cm, PP 1000N in qualsiasi situazione), diametro esterno 160 mm, possibilmente di colore giallo; - barre rigide da 6 m, complete di bigiunto di giunzione; - marchio IMQ, marcatura CE, conforme a DS4235 REV. 01/2003; - resistenza allo schiacciamento: CRI EN /A1; - garanzia ai raggi UV= 6 mesi; - raggio di curvatura minimo: 15 volte il diametro esterno; - qualsiasi maggiore onere relativo al superamento di tubazioni interferenti (sia tangenziali che longitudinali) con altri sottoservizi; - qualsiasi onere conseguente al mancato collaudo (rieffettuazione dello scavo, ricontrollo tubazione e giunti, richiusura scavo con materiale idoneo, riasfaltatura, ecc.). 29

30 7.3 MICROTUBO DA INTERRO 14/10 o 16/12 Microtubi 14/10 da interro di colore opaco e di diversi diametri. Microtubi flatliner di stesso diametro e diverso colore La tubazione in microtubo, concepita per essere infilata quale sottotubazione all interno di monotubi (o tritubi) esistenti, è stata sviluppata fino alla recente tipologia da interro, che prevede uno spessore della composizione plastica di 2 mm in luogo di 1 mm. La tipologia di microtubi da interro risulta disponibile sia in tubazioni sfuse, sia in tubazioni preaccoppiate (tipo flatliner) di colore diverso (figura sopra a destra). Quest ultima soluzione, oltre ad essere impilabile, risulta essere estremamente pratica in ambito urbano, vista la possibilità di distinguere agevolmente il colore delle tubazioni che conducono ai diversi clienti. Analogamente alle tubazioni in monotubi, anche le tubazioni in microtubi sono da posarsi con letto e ricoprimento in sabbia, nonché da dotare di sottostante cavo in rame per il tracciamento. Come i monotubi, anche i microtubi sono facilmente giuntabili grazie a degli speciali giunti ad innesto rapido (vedi sotto). Oltre alle giunzioni, sono disponibili anche le riduzioni tra i diversi tipi di monotubo. Microtubi singoli dotati di connettore a pressione per la giunzione di più tratti. 30

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA Regolamento recante la disciplina tecnica e le specifiche delle opere destinate ad ospitare le reti di banda larga REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli