Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)"

Transcript

1 Provincia autonoma di Trento Servizio Reti e Telecomunicazioni Linee guida per la realizzazione della distribuzione orizzontale per la rete provinciale di accesso in fibra ottica NGN (Next Generation Network)

2 Indice 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE PRESENTI LINEE GUIDA 3 2. PREMESSA E STRUTTURA DELLA RETE NGN (NEXT GENERATION NETWORK) 5 3. FIBRE E LORO GERARCHIA: TRANSITO E ACCESSO 8 4. CRITERI E MODALITA DI DIMENSIONAMENTO DELLE TUBAZIONI DIMENSIONAMENTO A PROGETTO PRESCRIZIONI DI PROGETTO PER LA RETE DI ACCESSO CRITERI INERENTI LA PROFONDITA DI POSA DELLE TUBAZIONI POSIZIONAMENTO E DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI CONSEGNA UTENTE POSIZIONAMENTO E DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI LINEA ULTERIORI CRITERI E SPECIFICHE ESECUTIVE SCHEMI ESEMPLIFICATIVI MATERIALI MONOTUBI / TRITUBI TUBO CORRUGATO DOPPIA PARETE IN BARRE RIGIDE MICROTUBO DA INTERRO AS-BUILT DIMENSIONAMENTO INFRASTRUTTURA IN ASSENZA DI PROGETTO 34 2

3 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE PRESENTI LINEE GUIDA Le presenti linee guida riguardano la realizzazione della rete di accesso in fibra ottica della Provincia di Trento, da effettuarsi principalmente lungo la rete viaria (su suolo di proprietà pubblica). Per quanto riguarda invece le linee guida per il completamento della rete interna agli edifici privati (ovvero sul terreno privato circostante gli stessi), si rimanda invece al contenuto delle Linee guida per le predisposizioni dei collegamenti in fibra ottica all interno degli edifici. Più specificamente, l ambito di applicazione delle presenti linee guida riguarda: - Interventi di esclusiva realizzazione o completamento della rete di distribuzione in fibra ottica. - Interventi in ambito urbano di ripavimentazione e/o arredo urbano che prevedano la posa di pavimentazioni pregiate (sia suolo pubblico sia su suolo privato). - Interventi di ripavimentazione stradale su suolo pubblico in ambito urbano o suburbano. - Concomitanze di scavi per la posa o la manutenzione di altre infrastrutture (reti gas, H2O, BT, fognature, Illuminazione pubblica, ecc.) realizzate da amministrazioni comunali, aziende municipalizzate, ditte lottizzanti, consorzi di bonifica, ecc.. Le figure direttamente interessate dalle presenti Linee Guida risultano quindi essere: - i progettisti dei sopradetti interventi pubblici - I progettisti dei Piani Attuativi, anche in ambito privato - le amministrazioni pubbliche (uffici tecnici / viabilità / reti /allacci dei comuni) - le amministrazioni e gli uffici tecnici delle diverse aziende di fornitura e distribuzione di servizi (gas, energia elettrica, acquedotto, fognatura, teleriscaldamento, telecomunicazioni dedicate, ecc.) NOTA: le presenti linee guida sono vincolanti per le aree urbane oltre che per i collegamenti viari fra le stesse. Le aree urbane corrispondono a quelle definite dall insieme degli insediamenti (rif. Tematismo PUPINS ) consultabile sulla carta del Sistema insediativo e Reti infrastrutturali in scala 1:25'000 (vedi 3

4 Tale tematismo deriva dalla carta dell uso del suolo pianificato del Piano Urbanistico Provinciale e comprende: - CENTRI STORICI - ZONE PER INSEDIAMENTI - URBANIZZATE - AREE PRODUTTIVE - AREE PER ATTREZZATURE - AREE DI RIQUALIFICIAZIONE URBANA E TERRITORIALE Per quanto riguarda le zone esterne ai precedenti perimetri di aree urbane è richiesta la verifica con il competente servizio provinciale ai fini dell effettuazione di una puntuale valutazione dell intervento. 4

5 2. PREMESSA E STRUTTURA DELLA RETE NGN (NEXT GENERATION NETWORK) La Provincia autonoma di Trento, accogliendo una chiara indicazione dell Unione Europea, è da tempo attivamente impegnata nello sviluppo di una rete a larga banda; tale intervento ha lo scopo di migliorare il livello di infrastrutturazione del territorio che risulta ancora essere relativamente sotto-servito. La rete costituisce il presupposto essenziale per la diffusione di servizi digitali in un territorio fortemente condizionato dalla particolare configurazione orografica. Una rete di comunicazione a banda larga e ultra larga di nuova generazione richiede la realizzazione integrata di un insieme di infrastrutture quali: edifici per l installazione di nodi di rete; cavidotti atti ad ospitare cavi in fibra ottica; pozzetti per la giunzione e lo spillamento della fibra. Dal punto di vista architetturale la rete si struttura nei seguenti livelli: dorsale: livello costituito da una infrastruttura lineare dotata di nodi di rete che si estende fino a coprire l intero territorio provinciale, per una lunghezza complessiva dell ordine di 800 km; Figura 1. Planimetria della dorsale provinciale 5

6 distribuzione: livello corrispondente alle tratte che, a partire dai nodi di dorsale raggiungono le aree abitate (a seconda della complessità della geometria della rete, la distribuzione può articolarsi in ulteriori livelli (vedi primaria, secondaria, ecc.); accesso: livello costituito dai singoli sbracci e diramazioni che connettono le infrastrutture di distribuzione ai singoli edifici, fino al confine di proprietà. La Provincia autonoma di Trento ha già quasi completato le opere di dorsale (infrastrutture lineari, nodi, shelter, ecc.) e realizzato parte di quelle relative ai livelli di distribuzione e di accesso (relativamente alle utenze pubbliche quali scuole, ospedali, ecc.). Figura 2. Esempio di Shelter (edificio posizionato sulla dorsale provinciale e dedicato esclusivamente ad ospitare dispositivi per l attestamento e/o la distribuzione delle fibre) Il completamento della rete pianificato entro l anno 2018 (relativo alla realizzazione capillare su tutto il territorio dei livelli di distribuzione e di accesso) richiede investimenti molto significativi. 6

7 In tale contesto risulta essenziale la realizzazione di quanti più tratti di infrastruttura possibili (cavidotti e pozzetti) che sfruttino la concomitanza di esecuzione delle altre opere di infrastrutturazione programmate sul territorio (acqua, energia elettrica, teleriscaldamento, pubblica illuminazione, rete gas, reti fognarie, ecc.). NOTE SULL UTILIZZO DI INFRASTRUTTURE ESISTENTI La realizzazione della rete di accesso (sia per gli ambiti di distribuzione sia per quello locale), per ovvie ragioni di costi, tempi e opportunità, dovrà altresì valutare la possibilità di utilizzo di infrastrutture esistenti in grado di consentire l ulteriore infilaggio di microtubazioni da dedicarsi al passaggio di fibre ottiche. E altresì chiaro come tale possibilità sia da valutarsi accuratamente in relazione ai seguenti punti: - messa a disposizione del proprietario dell infrastruttura e/o del gestore della stessa - compatibilità di utilizzo dell infrastruttura esistente (diametri tubazioni, tipologie materiali, compresenza di cavi, lunghezza delle tratte, grandezza e profondità dei pozzetti, ecc.) in funzione della possibilità di ulteriore infilaggio di sonde con tubi e/o microtubi dedicati alla F.O. - valutazioni in merito alle condizioni di stabilità e sicurezza fisica garantite alla rete in fibra che utilizza l infrastruttura esistente (vedi possibilità di strappo e/o danneggiamento dei cavi in occasione di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle altre infrastrutture) 7

8 3. FIBRE E LORO GERARCHIA : FIBRE DI TRANSITO E FIBRE DI ACCESSO Dal punto di vista architetturale la rete di accesso presenta una struttura ad albero che, a partire dai nodi di dorsale si ramifica con direttrici di distribuzione all interno dei centri abitati, per poi ripartirsi in ulteriori livelli e ramificazioni fino a raggiungere le singole utenze. Figura 3. Schema esemplificativo tubazioni e loro gerarchia /1 Una variante rispetto a tale diagramma è la topologia di rete ad anello, tramite la quale è possibile servire utenze in doppia via (generalmente le utenze business /affari) allo scopo di garantire maggiore affidabilità dei servizi erogati. Figura 4. Schema esemplificativo tubazioni e loro gerarchia /2 8

9 Ai fini della comprensione della diversa gerarchia delle fibre si individuano, indipendentemente dalla logica e dalla geometria distributiva, due livelli (che possono o meno coesistere), ovvero: FIBRE DI TRANSITO, presenti nei cavi che afferiscono direttamente al nodo di dorsale (POP) e che sono destinati al servizio di aree poste più a valle rispetto al tratto considerato. Il numero di tali fibre dipende dal numero e dalla tipologia degli utenti serviti a valle del tratto considerato ed è inoltre correlato all estensione del nucleo abitato, nonché alla posizione del suo nodo di rete. Per il loro dimensionamento è necessaria l effettuazione di una valutazione in ottica globale, ovvero prefigurare la gerarchia e la geometria della distribuzione dell intero sistema abitato. Più concretamente, ne deriva che i tratti prossimi ai nodi di dorsale saranno interessati ad un numero maggiore di fibre di transito, mentre i tratti terminali di accesso potranno essere interessati da fibre di transito solamente nel caso di collegamento con nuclei o frazioni vicine. FIBRE DI ACCESSO, costituite dalle fibre che partono dai punti di distribuzione che raggiungono direttamente le utenze affacciate sui singoli tratti. La progettazione del livello di accesso (dimensionamento fibre e conseguenti tubazioni, numero e tipologia pozzetti, geometria dei collegamenti, ecc.) è determinata esclusivamente dal numero delle utenze presenti sul tratto considerato. All uopo si vedano gli esempi seguenti relativi a diagrammi schematici per la rete di accesso di alcuni centri abitati. 9

10 Figura 5. Abitato di Nago; in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) Figura 6. Abitato di Ravina; in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) 10

11 Figura 7. Abitato di Aldeno; collegamento ad un solo punto della dorsale (diagramma distribuzione ad albero) in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) Figura 8. Abitato di Aldeno; ipotesi di collegamento con ridondanza (cfr. diagramma distribuzione ad anello) in evidenza, la dorsale provinciale (gialla), i tratti di accesso (rosso) e i tratti in cui coesistono transito e accesso (blu) 11

12 4. CRITERI E MODALITA DI DIMENSIONAMENTO DELLE TUBAZIONI Quale generale criterio di dimensionamento si riporta la necessità di effettuare, per ciascun intervento, un approfondimento progettuale che faccia riferimento, indipendentemente dalla specificità dell intervento, all intero contesto abitato in oggetto DIMENSIONAMENTO A PROGETTO Di norma più che opportuno per gli interventi ricadenti nelle aree urbane, il dimensionamento a progetto ha quale obiettivo la definizione esecutiva delle tubazioni e dei pozzetti per i tratti interessati, dimensionamento che passa necessariamente attraverso la definizione (perlomeno a livello di progetto preliminare) dello schema di distribuzione dell intero contesto abitato, al fine di definire in maniera corretta la gerarchia ed il ruolo del tratto considerato in relazione all intero compendio. Tale dimensionamento presuppone l acquisizione delle seguenti informazioni. - La conoscenza della posizione del più vicino POP/SHELTER della dorsale provinciale, punto dal quale dovranno partire i fasci di tutte le fibre che serviranno l abitato. - La conoscenza specifica del numero degli utenti dalla tratta interessata dall intervento e la tipologia degli stessi (residenziali, business, ricettivo) in funzione della determinazione del numero Fe (fibre equivalenti), calcolato per ogni edificio secondo le modalità già riportate nelle Linee guida per le predisposizioni in fibra ottica all interno degli edifici. - Ai fini di un conservativo dimensionamento del numero Fe di calcolo per la tratta specifica, in funzione di possibilii e future sopraelevazioni, ristrutturazioni, ampliamenti, nuove costruzioni e/o urbanizzazioni, si ritiene congruo l applicazione di un aumento rispetto al numero di Fe effettivamente riscontrato in sito, pari a: ZONE ESTERNE AI CENTRI STORICI: Fe (calcolo) = Fe (reale riscontrato) + 20% CENTRI STORICI: Fe (calcolo) = Fe (reale riscontrato) + 10% - L effettuazione di una valutazione quanto più vicina alla realtà (rilievo / determinazione su base statistico-demografica / determinazione per analogia con il tratto considerato, ecc.) del numero di utenti del contesto (e conseguentemente del numero di Fe). - L acquisizione delle geometrie (nonché di informazioni) delle tubazioni di reti esistenti al fine di poterne valutare il possibile riutilizzo (cfr. rete telefonica, di bassa tensione e pubblica illuminazione); una corretta valutazione passa 12

13 necessariamente attraverso la VERIFICA IN SITO delle tubazioni che possa stabilire il grado di occupazione della rete nonché le condizioni dei pozzetti. Tale verifica risulta fondamentale per una corretta configurazione della rete di accesso locale (destinata a garantire il cablaggio in larga banda di ciascun edificio) che tenga conto di opportuni criteri di economicità. - La conoscenza delle specifiche convenzioni già in essere con gli enti proprietari (o gestori) delle reti oggetto di riutilizzo. In sintesi, i contenuti del progetto dovranno essere come minimo riferiti ai due differenti livelli di approfondimento come segue: PRELIMINARE: ESECUTIVO: dovrà definire la geometria e la tipologia (tubazioni, pozzetti, armadi di distribuzione, camerette interrate, ecc.) dell infrastruttura relativamente alla distribuzione dell intero agglomerato urbano e/o del contesto abitato. dovrà definire la geometria e la tipologia della rete di accesso (completa dei pozzetti utente o dei tratti di consegna) del tratto interessato dagli interventi, con la definizione delle tubazioni, dei pozzetti, della localizzazione degli armadi e delle muffole. 13

14 5. PRESCRIZIONI DI PROGETTO PER LA RETE DI ACCESSO 5.1 CRITERI INERENTI LA PROFONDITA DI POSA DELLE TUBAZIONI Le operazioni di scavo, di posa delle tubazioni e le opere di riempimento e di ripristino dovranno rispondere alle prescrizioni previste dalle normative generali in vigore e a quanto prescritto dall Ente proprietario del suolo. Le più recenti normative: - d.lgs. 1 agosto 2003, n. 259 Codice delle comunicazioni elettroniche - Legge 6 agosto 2008, n. 133 Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria - Legge 18 giugno 2009, n. 69 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile delineano una strategia generale volta ad agevolare la realizzazione di infrastrutture per le telecomunicazioni, con l ottica di individuare soluzioni tecniche in grado di contenere i costi, velocizzare i lavori e massimizzare l utilizzo di infrastrutture esistenti anche destinate ad altre tipologie di servizi. In particolare, la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3/3/99 per la razionale sistemazione nel sottosuolo degli impianti tecnologici (G.U. del 11/3/1999), all art.5, comma 3, prevede che Per gli attraversamenti e le occupazioni trasversali e longitudinali della sede stradale, realizzati in sotterraneo con impianti inerenti i servizi di cui al primo comma dell'art. 28 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (3), la profondità minima di interramento, di cui al terzo comma dell'art. 66 del sopracitato regolamento di esecuzione n.495, non si applica al di fuori della carreggiata; al di sotto della stessa tale profondità minima può essere ridotta, previo accordo con l'ente proprietario della strada, ove lo stato dei luoghi o particolari circostanze lo consigliano; sono, comunque, fatte salve le prescrizioni delle norme tecniche UNI e CEI vigenti per ciascun tipo di impianto. 14

15 5.2 POSIZIONAMENTO e DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI CONSEGNA UTENTE Il posizionamento dei pozzetti di consegna utente presuppone, per ciascun edificio, la conoscenza delle posizioni di ingresso delle reti esistenti (cfr. rete elettrica in bassa tensione e rete telefonica) che, previa acquisizione di planimetrie dagli enti gestori, saranno da verificarsi nella loro effettiva consistenza (cfr. tipologia tubi, livello di occupazione, numero tipologia e profondità pozzetti, distanze tratte, ecc.). Nel caso di edifici esistenti, è generalmente preferibile utilizzare i cavidotti della rete telefonica (se l esito della verifica di occupazione lo consente) in modo che si possa arrivare con il cavo in fibra ottica negli stessi punti in cui arriva oggi il cavo telefonico. Diversamente, si potrà pensare all utilizzo dei cavidotti della rete di bassa tensione, piuttosto che di ulteriori tubazioni che risultassero a disposizione e che fossero altresì dimensionalmente compatibili (citofoni, controlli di cancelli, ecc.). In ogni caso, la conoscenza della rete scelta per l ingresso all edificio (nuova o esistente che sia) risulta fondamentale per una corretta individuazione del luogo in cui collocare il pozzetto di consegna utente ; questi sarà infatti da collocarsi su suolo pubblico a ridosso del confine privato, in modo tale da intercettare le eventuali tubazioni entranti scelte per l ingresso all edificio. In taluni casi, valutazioni di natura diversa possono fare emergere l impossibilità di collocare il pozzetto di consegna utente ; in tali casi è possibile sostituirlo con il punto di consegna utente che prevede l utilizzo di una tubazione corrugata con interno liscio (Ø minimo 63 mm) che, attraversando l eventuale recinzione di confine, entra su suolo privato, non richiedendo quindi ulteriori interventi sulla parte pubblica. E altresì chiaro come le modalità di esecuzione del punto di consegna utente siano da condividersi con il privato interessato, ovvero possano eventualmente essere modificate da ulteriori, puntuali specifiche e/o richieste del privato stesso. Nell esclusivo caso di impossibilità di localizzazione di un pozzetto e di mancanza di accordo con il privato interessato, è ammessa la realizzazione del punto di consegna su suolo pubblico. In questa fattispecie, qualsiasi onere inerente lavorazioni successive su suolo pubblico ed il ripristino delle pavimentazioni poste su suolo pubblico conseguenti ad allacciamenti richiesti dal privato, saranno interamente a carico del privato stesso. Nel caso di centri storici con pavimentazioni pregiate (nei quali risulta buona norma, se non necessario, evitare la posa di numerosi pozzetti su strada pubblica), è suggerita la realizzazione di tubazioni con cassette ad incasso poste direttamente in facciata. 15

16 In sintesi, al di là delle sopra riportate indicazioni, preme sottolineare come la finalità del corretto posizionamento dei punti o pozzetti di consegna utente rimane quella della ottimizzazione della sovrapposizione tra la nuova infrastruttura in fibra ottica (posta su suolo pubblico) e le reti già esistenti (poste su area privata) che già consentirebbero l ingresso alle singole unità immobiliari di ciascun edificio. Nel caso vi sia la necessità di eseguire i pozzetti di consegna utente, questi saranno da prevedersi a ridosso del confine privato. Le dimensioni di tali pozzetti dovrebbero essere tarate in funzione del numero e della tipologia delle tubazioni che vi transitano, nonché in funzione di ulteriori ed eventuali dispositivi da localizzarsi al loro interno (cfr. muffole di giunzione e spillamento, scorte, ecc.). In ogni caso di seguito si riportano le dimensioni minime del pozzetto di consegna utente, sia per pozzetti di tipo tradizionale che per pozzetti in poliuretano. POZZETTI TRADIZIONALI PER CONSEGNA UTENTE Dimensione minima pari a cm 40x40 (disponibili chiusini C250 e D400) POZZETTI POLIURETANO PER CONSEGNA UTENTE: Dimensione minima pari a cm 15x40 (disponibili solo chiusini C250) 16

17 5.3 POSIZIONAMENTO e DIMENSIONAMENTO DEI POZZETTI DI LINEA Per la realizzazione dei tratti di infrastruttura su strada pubblica, a seguito di una serie di valutazioni, i pozzetti consentiti risultano essere i seguenti: POZZETTI TRADIZIONALI (dimensioni interne) - dim. 125x80 cm - dim. 70x90 cm - dim. 50x70 cm POZZETTI MONOBLOCCO IN POLIURETANO - dim. 40x76 cm Nota: i chiusini dovranno essere del tipo a spicchi per telecomunicazioni; è ammesso l uso di chiusini a riempire nel caso di contesto con pavimentazioni pregiate. Rimane chiaro che le scelte inerenti le tipologie costruttive, il dimensionamento del singolo pozzetto, nonché la logica di localizzazione e distribuzione dovranno essere effettuate anche in base: - al numero di tubazioni transitanti per il pozzetto ovvero in funzioni di eventuali apparati/ scorte / muffole che i pozzetti saranno destinati ad ospitare A titolo esemplificativo, nelle vicinanze al punto di interconnessione alla dorsale (POP) risulta appropriato l utilizzo di pozzetti di maggiori dimensioni a causa del maggiore numero di fibre concentrate in tali tratti (soprattutto nell ipotesi di realizzazione di infrastrutture del tipo P2P). 17

18 - frequenza dei pozzetti: distribuzione e densità del contesto Un numero elevato di piccoli edifici richiederà probabilmente la realizzazione di un numero maggiore di pozzetti (anche se più piccoli) rispetto ad un contesto con pochissimi edifici di grande dimensione. Si riportano di seguito delle ipotesi MINIME di frequenza localizzativa dei pozzetti sulla nuova infrastruttura; ad ogni modo si consideri come tali distanze siano del tutto indicative e da valutarsi caso per caso. - Ambito urbano: un minimo di 1 pozzetto ogni 50m. - Ambito extraurbano: un minimo di 1 pozzetto ogni 200m (in assenza di punti di consegna). - dimensione dei pozzetti Nel dimensionamento della dimensione dei pozzetti diversi da quelli destinati ad ospitare specifici apparati (muffole), quale buona norma esecutiva si preveda di non superare il numero massimo di 8 tratti confluenti nello stesso pozzetto; un elevato numero di confluenze su di un solo pozzetto comporta notevoli problematiche di gestione dello spazio interno, a causa della scorta delle tubazioni e dei cavi interni al pozzetto. Ne deriva che un elevato numero di tubazioni confluenti su di un solo pozzetto, non potrà non avere ripercussioni sulla la scelta della dimensione più appropriata per lo stesso. Al fine di una migliore comprensione delle precedenti prescrizioni, al capitolo successivo (cap. 6) si riportano una serie di schemi esemplificativi, che hanno finalità puramente indicativa. 18

19 5.4 ULTERIORI CRITERI E SPECIFICHE ESECUTIVE All inizio e alla fine di ciascun tratto di intervento, si deve provvedere al posizionamento di un pozzetto di dimensioni minime pari a 125 x 80 x h=100 cm con chiusino a spicchi (dedicato a F.O.). a) Quale ulteriore criterio per l individuazione della loro localizzazione, si consideri come nelle zone urbane ad alta affluenza, gli specifici chiusini in ghisa per telecomunicazioni (anche se di classe D400), ove sollecitati a traffico con velocità relativamente sostenuta (> 50 Km/h), tendono nel tempo a provocare rumore (causa il disassamento degli spicchi triangolari dei chiusini); si invita pertanto a prestare particolare attenzione alla loro collocazione, evitando in particolare modo che siano sollecitati dal percorso delle ruote del traffico veicolare. b) Considerato che i pozzetti contengono dispositivi soggetti a manutenzione, si richiede di localizzarli preferibilmente a bordo strada in luogo del centro carreggiata. c) Le forature effettuate nei pozzetti vanno effettuate con carotaggi abbinati a specifiche dime o, in alternativa ai carotaggi, sono ammessi dei tagli precisi effettuati tramite lama diamantata di sezione necessaria e sufficiente al solo passaggio delle tubazioni. L ingresso di qualsiasi tubazione all interno del pozzetto va in ogni caso opportunamente sigillata. Per ciascun ingresso di tubazione (o gruppo di tubazioni) deve essere presente il relativo cordino di rame per l effettuazione della tracciatura. d) Nel caso di sostituzione di tritubi con monotubi, è opportuno che questi ultimi vengano fermati e sellati a mezzo di fili di ferro, in modo che la sezione del pacchetto di monotubi rimanga costante per tutto il tratto di tubazione posata; risulta inoltre estremamente utile ridurre al massimo il numero di giunti su ciascuna tratta, compatibilmente con la lunghezza dell apertura dello scavo. 19

20 Posa in tratto continuo di 8 monotubi (3+3 sellati tra loro + 2 sfusi) Vista interna di pozzetto in poliuretano con l ingresso di microtubo 14/10 20

21 Ingresso di 8 monotubi tra loro sellati in un pozzetto 125x80, vista esterna Vista interna di pozzetto 125x80 con ingressi di monotubi ancora da sigillare. Nota: risulta buona norma prolungare le tubazioni in monotubo per almeno 30 cm all interno del pozzetto. In tale modo si agevolano le successive operazioni (infilaggio eventuali microtubi, cavi in fibra o microfibra). 21

22 6. SCHEMI ESEMPLIFICATIVI 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 7. MATERIALI Per quanto riguarda il capitolo del materiali si è ritenuto utile riportare la descrizione tecnica delle voci più significative (tubazioni) al fine di una migliore definizione delle caratteristiche tecniche e delle relative lavorazioni. 7.1 MONOTUBI / TRITUBI Fornitura e posa in opera di cavidotto del tipo a monotubo o tritubo in PEAD PN 12,5, di colore giallo, con Ø nominale esterno pari a 50 mm destinato alla protezione di cavi in fibra ottica per telecomunicazioni. La voce dovrà altresì contemplare: - l utilizzo di tubazioni sprovviste di materiale riciclato dotate di certificazione per l uso dedicato a reti in fibra ottica (vedi microscanalature interne longitudinali o a spirale atte a ridurre l attrito in fase di posa del cavo); è categoricamente esclusa la possibilità di utilizzo di tubazioni non specificatamente progettate per le fibre ottiche (vedi, a titolo esemplificativo, quelle per irrigazione); - l utilizzo di tubazioni caratterizzate da resistenza alla pressione interna determinata in accordo alle norme UNI EN e con metodo di prova conforme alla UNI EN 921, Classe PN 12.5, e resistenza alla compressione determinata secondo CEI EN , 450 N, realizzate in massa termoplastica inerte agli agenti atmosferici e resistenti ai batteri, alle spore ed ai funghi, con sezione esente da irregolarità e/o difetti, ovvero compatta e priva di cavità o bolle; - le tubazioni dovranno essere posate ad una distanza planimetrica di 30 cm (distanza minima) dalle altre infrastrutture. Rimane in ogni caso fatta salva l applicazione di normative specifiche e/o più restrittive (cfr, norme CEI /CIG, prescrizioni relative al contro tubaggio nel caso di presenza di infrastrutture di distribuzione del gas, alta tensione, ecc.); - la fornitura e la posa degli elementi di giunzione costituiti da manicotti ad innesto rapido in polipropilene certificati PN 16. (è escluso l utilizzo di qualsiasi altro tipo di giunto quali quelli in ottone, giunti elettrosaldabili o a caldo, giunti a compressione da inserire ed avvitare); - la fornitura e posa dei cordini di nylon per il successivo tiro dei cavi; - la fornitura degli appositi tappi di chiusura e protezione; - la fornitura e posa del cavo segnalatore in rame FG7 sezione 1,5 mm 2, posto al di sotto dei tubi; - la fornitura e posa della fettuccina segna cavi (o nastro segnalatore), posata al di sopra delle tubazioni (ad una profondità di circa 20 cm dalla superficie stradale); - il collaudo finale della tubazione con la tenuta a pressione (6 bar) per la durata di almeno 1h; - qualsiasi maggiore onere relativo al superamento di tubazioni interferenti (sia tangenziali che longitudinali) con altri sottoservizi; - qualsiasi onere conseguente al mancato collaudo (rieffettuazione dello scavo, ricontrollo tubazione e giunti, richiusura scavo con materiale idoneo, riasfaltatura, ecc.). 28

29 7.2 TUBO CORRUGATO DOPPIA PARETE, in barre rigide (750N o 1000N) In alternativa, nel solo caso in cui non si riuscisse ad approvvigionarsi per tempo di materiali specificamente dedicati alle reti in fibra ottica (tritubi / monotubi), per ciascun multiplo di 3 monotubi è ammesso l utilizzo di tubazioni in corrugato a doppia parete con le seguenti caratteristiche: - classe N (PEHD 750N per estradosso del tubo con profondità uguale o superiore a 70 cm, PP 1000N in qualsiasi situazione), diametro esterno 160 mm, possibilmente di colore giallo; - barre rigide da 6 m, complete di bigiunto di giunzione; - marchio IMQ, marcatura CE, conforme a DS4235 REV. 01/2003; - resistenza allo schiacciamento: CRI EN /A1; - garanzia ai raggi UV= 6 mesi; - raggio di curvatura minimo: 15 volte il diametro esterno; - qualsiasi maggiore onere relativo al superamento di tubazioni interferenti (sia tangenziali che longitudinali) con altri sottoservizi; - qualsiasi onere conseguente al mancato collaudo (rieffettuazione dello scavo, ricontrollo tubazione e giunti, richiusura scavo con materiale idoneo, riasfaltatura, ecc.). 29

30 7.3 MICROTUBO DA INTERRO 14/10 o 16/12 Microtubi 14/10 da interro di colore opaco e di diversi diametri. Microtubi flatliner di stesso diametro e diverso colore La tubazione in microtubo, concepita per essere infilata quale sottotubazione all interno di monotubi (o tritubi) esistenti, è stata sviluppata fino alla recente tipologia da interro, che prevede uno spessore della composizione plastica di 2 mm in luogo di 1 mm. La tipologia di microtubi da interro risulta disponibile sia in tubazioni sfuse, sia in tubazioni preaccoppiate (tipo flatliner) di colore diverso (figura sopra a destra). Quest ultima soluzione, oltre ad essere impilabile, risulta essere estremamente pratica in ambito urbano, vista la possibilità di distinguere agevolmente il colore delle tubazioni che conducono ai diversi clienti. Analogamente alle tubazioni in monotubi, anche le tubazioni in microtubi sono da posarsi con letto e ricoprimento in sabbia, nonché da dotare di sottostante cavo in rame per il tracciamento. Come i monotubi, anche i microtubi sono facilmente giuntabili grazie a degli speciali giunti ad innesto rapido (vedi sotto). Oltre alle giunzioni, sono disponibili anche le riduzioni tra i diversi tipi di monotubo. Microtubi singoli dotati di connettore a pressione per la giunzione di più tratti. 30

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

CONVENZIONE AVENTE AD OGGETTO LA PREDISPOSIZIONE DELLA RETE DI ACCESSO IN FIBRA OTTICA NEL COMUNE DI PREDAIA IN

CONVENZIONE AVENTE AD OGGETTO LA PREDISPOSIZIONE DELLA RETE DI ACCESSO IN FIBRA OTTICA NEL COMUNE DI PREDAIA IN c_m344/rfc_m344-10/11/2015-0018415/a - Allegato Utente 1 (A01) CUP C59B12000060003 (aperti dal comune) AlZ/NV/lt 5.2-2015/39 CIG Z550C32243 (aperti dal comune) CONVENZIONE AVENTE AD OGGETTO LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Tubi in polietilene. OEC Catalogo Prodotti

Tubi in polietilene. OEC Catalogo Prodotti Tubo in polietilene per il trasporto d acqua potabile Serie TB/PE 100 TUBO in POLIETILENE ALTA DENSITÀ per CONDOTTE di FLUIDI in PRESSIONE (PE 100) Articolo: Vedi Tabella Caratteristiche tecniche: Prodotto

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

TUBI IN POLIETILENE Cavidotti fognatura, drenaggio, gas e acqua

TUBI IN POLIETILENE Cavidotti fognatura, drenaggio, gas e acqua TUBI IN POLIETILENE Cavidotti fognatura, drenaggio, gas e acqua 1/2007 I NOSTRI CATALOGHI MANUFATTI IN CEMENTO per edilizia e lavori stradali CHIUSINI E CADITOIE in ghisa sferoidale e ferro zincato ARREDO

Dettagli

Linee guida per le predisposizioni dei collegamenti in fibra ottica all interno degli edifici

Linee guida per le predisposizioni dei collegamenti in fibra ottica all interno degli edifici Provincia autonoma di Trento Servizio Reti e Telecomunicazioni Linee guida per le predisposizioni dei collegamenti in fibra ottica all interno degli edifici Agosto 2012 1 Indice 1. Premessa 3 2. Ambito

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Premessa Il presente documento descrive le prescrizioni minime per Telecom Italia SpA necessarie alla cantierizzazione

Dettagli

NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE.

NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE. NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE. Compilato: A. Chiarandini Rivisto: F. Fabbro Autorizzato: D. Licursi Versione:

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

MINITUBI MONOTUBI BITUBI TRITUBI. Tubazioni PE protezione cavi, telefonia e fibra ottica

MINITUBI MONOTUBI BITUBI TRITUBI. Tubazioni PE protezione cavi, telefonia e fibra ottica MINITUBI MONOTUBI BITUBI TRITUBI Tubazioni PE protezione cavi, telefonia e fibra ottica 07.05 SYSTEM GROUP Minitubi MINITUBO IN PE AD I Minitubi SINGOLI in PEAD per posa di minicavi ottici, presentano

Dettagli

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 PIANO TELEMATICO REGIONALE... 4 3 DESCRIZIONE DELLA RETE... 5 3.1 PERCORSO DI POSA... 5

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 BRIANZACQUE S.r.l. Sede Legale Viale Enrico Fermi 105-20900 MONZA (MB) Telefono 039262301 - Fax 0392130074 www.brianzacque.it - brianzacque@legalmail.it COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 REALIZZAZIONE

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni legato B Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni Modello A Domanda di autorizzazione per la manomissione del suolo pubblico Modello B Domanda di autorizzazione, in sanatoria, per la manomissione

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI (Chiarimento)

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Andrea Marchi Provincia di Belluno Unità di Progetto Reti e Infrastrutture Tecnologiche Sedico, Villa Patt - 18 marzo

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea CASA DELL ACQUA Predisposizione area impianti Progetto preliminare Elaborato UNICO Spinea, 11.10.2013 Piazza del Municipio 1 30038 Spinea (VE) Tel.

Dettagli

OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX

OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX Impegni 9.1 e 9.2 Versione 1.0 Emessa il 30 giugno 2009 INDICE 1 Premessa... 3 2 Normativa di riferimento... 3 2.1 Normativa

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Gorasso Loretta Gorasso Lucina

Gorasso Loretta Gorasso Lucina REPUBBLICA ITALIANA COMUNE di CAMPOFORMIDO PROVINCIA di UDINE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA DEFINIZIONE DEL AMBITO COMPRESO IN ZONA OMOGENEA C E SUDDIVISIONE IN LOTTI DELLE PROPRIETA DEI SIGNORI GORASSO

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO

SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO Rispettare sempre le prescrizioni della norma UNI TS 11343 e le istruzioni contenute nell edizione aggiornata delle Informazioni

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45).

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45). OBIETTIVI DELLA SEZIONE Dopo aver completato la presente sezione sulla postazione di lavoro, lo studente sarà in grado di: I. Definire i criteri della postazione di lavoro per il Sistema di cablaggio Siemon

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE ai sensi dell art. 26 del D.P.R. 207/2010 lett. b) lett. g) lett. h) lett. l) Relazione di compatibilità idraulica Relazione tecnica impianti Relazione sulla sicurezza Relazione sulle interferenze 1 lett.

Dettagli

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici 15 Stima dei lavori 15.1 Premessa Allo scopo di valutare con una maggiore approssimazione i costi di investimento relativi all ipotesi Passante Nord è stata condotta l analisi riportata nel presente capitolo,

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG)

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) RELAZIONE DI VALUTAZIONE PREVISIONALE CAMPO ELETTRICO E MAGNETICO

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it Riferimento commessa: C1202 luglio 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA RETI E SOTTOSERVIZI G.3 Relazione illustrativa degli interventi sulle reti ed i sottoservizi Per quanto attiene la programmazione degli interventi

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO

COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO Provincia di Varese C.a.p. 21030 P.zza Andreani n 1 Tel. 0332/999724 - Fax 0332/999740 UFFICIO TECNICO DOMANDA PER ESECUZIONE DI PRESA E CONCESSIONE D USO DI ACQUA POTABILE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO Le norme di cui al Cap.10, disciplinando la redazione dei progetti esecutivi delle strutture, contengono anche criteri guida

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA DATI PROGETTO Superficie occupata dall impianto: circa 2 ha Vie di comunicazione: Le aree interessate dal progetto sono facilmente accessibili da strade

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL Pag. 1 di 8 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE... 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI IMPIANTO...

Dettagli

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo ACCORDO TRA La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo Simeoni di seguito indicata come la "Provincia", E Telecom Italia S.p.A., con sede legale in Milano

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE 1. Verificare che la strada non sia stata asfaltata da meno di un anno dalla data di presentazione della

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli