Descrizione della Rete di Telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Descrizione della Rete di Telecomunicazioni"

Transcript

1 Allegato A Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica facenti parte Rete Pubblica Regionale del Friuli Venezia Giulia

2 _CSAG Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica Pag.2 di 21 INDICE Indice...2 Art 1. La rete di Telecomunicazioni...3 Art 2. TIPOLOGIA DELLA RETE...4 Art 3. DESCRIZIONE DEI COMPONENTI LA RETE...7 Shelter...7 Minishelter per Zone Industriali...8 Fibra Ottica...8 Pozzetti e Muffole...9 Art 4. DESCRIZIONE DELL INFRASTRUTTURA...1 Infrastruttura Villa Santina Forni di Sopra...1 Infrastruttura Piste Ciclabili...11 Infrastruttura Carnia Villa Santina...12 Infrastruttura Pinzano - Aviano...13 Infrastruttura Valli del Natisone e Udine - Codroipo...14 Infrastruttura Udine Pordenone e Udine - Tarvisio...15 Infrastruttura Distretto Alimentare...16 Infrastruttura Travesio Venzone & Meduno Tramonti e Distretto del Coltello...17 Infrastruttura Bassa Friulana...18 Infrastruttura Isontino...19 Infrastruttura Distretto del Mobile I Lotto...2 Infrastruttura Valli del Torre...21

3 _CSAG Pag.3 di 21 Art 1. LA RETE DI TELECOMUNICAZIONI La Rete di Telecomunicazione oggetto del presente appalto di manutenzione è composta dalle infrastrutture sotto elencate. Le date di scadenza dei contratti di manutenzione riportate sono indicative e possono essere modificate in funzione dei collaudi ancora al momento in fase di perfezionamento. Come già riportato nel Capitolato Speciale d Appalto, le misure della lunghezza dell infrastrutture ed il numero di POP e qualsiasi dato riguardante la stessa infrastruttura sono indicativi e saranno correttamente definiti in fase di consegna all Aggiudicatario. Descrizione Z35 INFRASTRUTTURA Villa - Forni Z36 INFRASTRUTTURA Piste ciclabili Z38 INFRASTRUTTURA Carnia- Villa Santina Scadenza Contratto in essere scaduto scaduto scaduto Z37 INFRASTRUTTURA Pinzano Aviano 31/12/214 Z3 INFRASTRUTTURA Valli Natisone-Udine Codroipo 4/1/215 Z18 INFRASTRUTTURA Udine Pordenone - Udine Tarvisio 3/6/216 Z13 INFRASTRUTTURA Distretto Alimentare 31/12/216 Z5 INFRASTRUTTURA Travesio -Venzone-Coltello-Frisanco 3/6/216 Z15 INFRASTRUTTURA A Bassa Friulana 1/1/217 Z4 INFRASTRUTTURA SIELTE Isontino 12/6/217 Z11 INFRASTRUTTURA Distretto Mobile I lotto 11/7/217 Z13 INFRASTRUTTURA Valli del Torre 31/12/216

4 _CSAG Pag.4 di 21 Art 2. TIPOLOGIA DELLA RETE La rete a banda larga della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia denominata ERMES, della quale fanno parte le infrastrutture di telecomunicazioni in fibra ottica oggetto del presente appalto di Servizi di Manutenzione, si suddivide in tre livelli: - I Livello: costituito dai centri di gestione della rete - II Livello: costituito dalle Sedi POP / Sedi Comunali - III Livello: costituito dai MiniPOP che verranno posizionati presso le zone industriali. dove vengono utilizzate le seguenti definizioni: Nodo di rete: centro di gestione della rete presso il quale si ha l attestazione di più cavi di dorsale; Sede POP: sede presso la quale avviene l attestazione dello spillamento dal cavo di dorsale, sono installati gli apparati di rete e dalla quale vengono effettuate le distribuzioni verso la Sede Comunale, le eventuali altre Sedi Utente ed i Punti di concentrazione; la Sede POP può coincidere con la Sede Comunale; Sede Utente: sedi collegate alla Sede POP di afferenza od ai Punti di concentrazione; Sede Ospedale: sede di primaria importanza nell ambito sanitario presso la quale è prevista l attestazione del drop del cavo di dorsale; Centrali Telefoniche/Stazione radiobase: sedi di distribuzione dei servizi di telecomunicazioni da parte degli operatori; Zone Industriali: aree periferiche urbane dove hanno sede gli impianti industriali collegate alla Sede POP di afferenza con fibre conformi allo standard ITU-T G.652D; Punto di concentrazione: shelter, mini-shelter o armadio di terminazione da esterno, come da specifiche contenute nel Capitolato Speciale d Appalto: Norme Tecniche, dislocato in genere presso le Zone Industriali e collegato alla Sede POP di afferenza con fibre conformi allo standard ITU-T G.652D; Rete di dorsale: rete di collegamento dei Nodi di rete con le Sedi POP; Rete di distribuzione primaria: rete che collega le Sedi POP ai Punti di concentrazione; Rete di distribuzione secondaria: rete che collega le Sedi POP od i Punti di concentrazione alle Sedi Utente; Cavo di dorsale: cavo utilizzato per la realizzazione della rete di dorsale, identificato da una guaina esterna in polietilene di colore giallo. È costituito da fibre conformi allo standard ITU-T G.656; Cavo di distribuzione: cavo utilizzato per il collegamento delle sedi o dei Punti di concentrazione. In genere è costituito da fibre conformi allo standard ITU-T G.652D ed è identificato da una guaina esterna in polietilene di colore viola; Cavo di spillamento primario: cavo utilizzato per effettuare le derivazioni verso le sedi a partire dal cavo di dorsale; Cavo di spillamento secondario: cavo utilizzato per effettuare le derivazioni verso i Punti di concentrazione a partire da un cavo di distribuzione; Cavo di drop utente: cavo utilizzato per connettere le Sedi Utente;

5 _CSAG Pag.5 di 21 Giunto di linea: giunto in cui si realizza la continuità tra due o più pezzature di cavo; Giunto di diramazione: giunto in cui si realizza l estrazione di un determinato numero di fibre in un tratto intermedio di una pezzatura di cavo già posata, senza l interruzione delle restanti fibre non interessate; Giunto di spillamento: giunto in cui alcune fibre vengono estratte per essere indirizzate verso una sede o Punto di concentrazione; Giunto pot-head: giunto in cui si realizza, quando necessario, la continuità tra il cavo esterno e quello interno ad un edificio; tale operazione permette di far transitare all interno dei locali solamente cavi con guaine non propaganti la fiamma ed a bassa emissione di gas tossici (LSZH). Giunto di distribuzione: giunto in cui si realizza la distribuzione di parte delle fibre del cavo principale verso diversi drop utente

6 _CSAG Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica Pag.6 di 21 Nodo di Rete Nodo di Rete DORSALE LINEA DORSALE DORSALE DIRAMAZIONE DORSALE SPILLAMENTO DORSALE SPILLAMENTO DORSALE SPILLAMENTO DORSALE SPILLAMENTO PRIMARIA DIRAMAZIONE PRIMARIA LINEA OSPEDALE CENTRALE TELEFONICA/ STAZIONE RADIOBASE PRIMARIA PRIMARIA POP GIUNTO POT-HEAD PUNTO DI CONCENTRAZIONE DROP DIRAMAZIONE SPILLAMENTO SECONDARIA SPILLAMENTO POZZETTO SPILLAMENTO PUNTO DI CONCENTRAZIONE DROP SECONDARIA SPILLAMENTO DIRAMAZIONE SECONDARIA DROP SECONDARIA DROP LOTTO POZZETTO BORCHIA DI DI EDIFICIO BORCHIA DI DI PIANO VERTICALE VERTICALE ORIZZONTALE ORIZZONTALE BORCHIA DI TERMINAZIONE PATCH CPE EDIFICIO Figura 1 Schema della rete

7 _CSAG Pag.7 di 21 Art 3. DESCRIZIONE DEI COMPONENTI LA RETE Gli elementi principali che costituiscono la rete di telecomunicazioni oggetto del presente appalto di manutenzione sono a titolo esemplificativo ma non esaustivo di seguito elencati. Shelter Trattasi di struttura prefabbricata di dimensioni interne 2x2x23mm equipaggiato con: - Nr.2 condizionatori a split composti da unità interna ed esterna e telecomando per il controllo delle funzioni; - Nr.1 rilevatore fumi a soffitto; - Nr.1 PLC per il controllo dell automazione dei sistemi; - Nr.1 ventola; - Nr. 1 estintore a polvere e/o Nr. 1 estintore a CO2; - Nr. 1 impianto elettrico comprensivo di quadro arrivo rete caratterizzando da: o Scaricatore per limitazione sovratensioni; - Nr. 1 armadio di rete da 42U comprendente: o Cassetto per terminazione fibra ottica 1U-19"; o Stazione energia comprensive di: Nr.1 modulo interruttori; Nr.1 modulo inverter; Nr.1 modulo controllo; Moduli batterie; Minishelter Trattasi di struttura prefabbricata di dimensioni interne 148x88x2mm equipaggiato con: - Nr.1 rilevatore fumi a soffitto; - Nr.1 ventola; - Nr. 1 estintore a polvere; - Nr. 1 impianto elettrico comprensivo di quadro arrivo rete caratterizzando da: o Scaricatore per limitazione sovratensioni; - Nr. 1 telaio armadio porta apparati - Cassetto per terminazione fibra ottica ; - Stazione energia comprensive di: o Nr.1 modulo inverter;

8 _CSAG Pag.8 di 21 o Nr.1 modulo controllo; o Moduli batterie; Trattasi di struttura prefabbricata di dimensioni interne 12x75x123mm equipaggiato con: - Armadio composto 2x25 U composta da: o Coppia Montanti da 19 "25U; o Telaio in alluminio, interno AxLxP: 123x12x75; o Porta anteriore doppio in alluminio, master-slave; o 1 x 3 punti Sistema di chiusura con bloccaggio maniglia girevole e cilindro DIN; o gestione termica mediante 1 ventilato 23Vac riscaldatore 4W; o 1 x interruttore porta; - Impianto elettrico comprensivo di quadro: - Stazione energia: o Modulo inverter; o Moduli batterie; per Zone Industriali Trattasi di struttura prefabbricata di dimensioni interne 12x75x123mm equipaggiato con: - Armadio composto 2x25 U composta da: o Coppia Montanti da 19 "25U; o Telaio in alluminio, interno AxLxP: 123x12x75; o Porta anteriore doppio in alluminio, master-slave; o 1 x 3 punti Sistema di chiusura con bloccaggio maniglia girevole e cilindro DIN; o 1 x interruttore porta; - Impianto elettrico comprensivo di quadro: Fibra Ottica Cavo in fibra ottica così suddiviso: - Cavo in fibra ottica di potenzialità 12FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Cavo in fibra ottica di potenzialità 24FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656;

9 _CSAG Pag.9 di 21 - Cavo in fibra ottica di potenzialità 48FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Cavo in fibra ottica di potenzialità 96FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Cavo in fibra ottica di potenzialità 144FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Cavo in fibra ottica di potenzialità 192FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Cavo in fibra ottica misto di potenzialità 288FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656 e con fibre ottiche monomodo conformi allo standard ITU-T G.652D; Microcavo in fibra ottica così suddiviso: - Microcavo in fibra ottica di potenzialità 12FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Microcavo in fibra ottica di potenzialità 24FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Microcavo in fibra ottica di potenzialità 48FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Microcavo in fibra ottica di potenzialità 96FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; - Microcavo in fibra ottica di potenzialità 144FO con fibre ottiche monomodo NZD conformi allo standard ITU-T G.656; Si precisa che, oltre al caso del cavo di potenzialità 288FO sopra richiamato, ci possono essere dei casi per i quali è stato utilizzato un cavo e/o microcavo di tipo misto formato da fibre ottiche conformi allo standard ITU-T G.656 ed allo standard ITU-T G.652D. Infine si ricorda che nelle tratte di posa dei cavi all interno dei siti si è utilizzato cavo tipo AFUMEX. Pozzetti, Muffole e Terminazioni ottiche - pozzetti costituiti da elemento prefabbricato affiorante modulare di dimensione 125 x 8 cm; - pozzetti costituiti da elemento prefabbricato affiorante modulare di dimensione 9x7 cm; - pozzetti costituiti da elemento prefabbricato affiorante modulare di dimensione fino a 6 x 6 cm; - Muffole per cavi ad alta potenzialità (di linea, pot-head, estrazione); - Cassetti ottici per l installazione in armadio; - Borchia di terminazione utente a muro (tipicamente da 4FO);

10 _CSAG Pag.1 di 21 Art 4. DESCRIZIONE DELL INFRASTRUTTURA INFRASTRUTTURA VILLA SANTINA FORNI DI SOPRA Comuni interessati: Villa Santina Ampezzo Enemonzo Forni di Sotto Preone Forni di Sopra Socchieve Infrastruttura: Lunghezza totale 38 km POP: Nr. totale 7 Locale Tecnico 2 (Villa Santina, Forni di Sopra) Shelter 5 (Enemonzo, Preone, Socchieve, Ampezzo e Forni di Sotto) Punto di concentrazione: Nr. totale 3 per Zone Industriali 1 (Socchieve) Armadio VTR 2 (Socchieve e Ampezzo Ripetitore RAI) Pozzetti: Nr. totale 365 Grandi 125x8 31 Medi 9x7 94 Piccoli 5x5 24 Esistenti Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 12FO BVE 1.67 metri Microcavo 48FO BVE metri Microcavo 96FO NZD BVE 5.73metri

11 _CSAG Pag.11 di 21 INFRASTRUTTURA PISTE CICLABILI Comuni interessati: Amaro Zuglio Ovaro Tolmezzo Arta Terme Cavazzo Carnico Infrastruttura: Lunghezza totale 34 km POP: Nr. totale 6 Locale Tecnico 5 (Amaro, Ovaro, Arta Terme, Zuglio e Cavazzo Carnico) Shelter 1 (Tolmezzo) Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 163 Grandi 125x8 9 Medi 9x7 8 Piccoli 5x5 7 Esistenti 139 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 12FO BVE metri Microcavo 48FO NZD BVE 2.42 metri Microcavo 96FO NZD BVE metri Cavo 144FO NZD BVE metri

12 _CSAG Pag.12 di 21 INFRASTRUTTURA CARNIA VILLA SANTINA Comuni interessati: Carnia Amaro Tolmezzo Villa Santina Infrastruttura: Lunghezza totale 2 km POP: Nr. totale Locale Tecnico Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 86 Grandi 125x8 Medi 9x7 Piccoli 5x5 Esistenti Cavi e Microcavi: Metri totali: 21.7 metri Cavo MISTO 288FO 21.7 metri

13 _CSAG Pag.13 di 21 INFRASTRUTTURA PINZANO - AVIANO Comuni interessati: Aviano Cavasso Nuovo MonterealeValcellina Meduno Vajont Travesio Maniago Pinzano al Tagliamento Fanna Infrastruttura: Lunghezza totale 52 km POP: Nr. totale 9 Locale Tecnico 7 (Aviano, Montereale Valcellina, Vajont, Fanna, Cavasso Nuovo, Meduno e Travesio) Shelter 2 (Maniago e Pinzano al Tagliamento) Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 564 Grandi 125x8 24 Medi 9x7 225 Piccoli 5x5 85 Esistenti Ferrovia 216 FFSS (RFI) mod. TT Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Cavo 144FO NZD BVE per posa lungo RFI metri Cavo 48FO NZD BVE 3.77 metri Cavo 24FO NZD BVE metri Rame UTP-LSZH 6 metri

14 _CSAG Pag.14 di 21 INFRASTRUTTURA VALLI DEL NATISONE E UDINE - CODROIPO Comuni interessati: Attimis Pulfero Cividale del Friuli San Leonardo Faedis San Pietro al Natisone Moimacco Savogna Povoletto Torreano Infrastruttura: Lunghezza totale 97 km POP: Nr. totale 1 Locale Tecnico 5 (Cividale del Friuli, Faedis, Pulfero, San Pier al Natisone e Torreano) Shelter 5 (Attimis, Moimacco, Povoletto, San Lorenzo e Savogna) Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 416 Grandi 125x8 174 Medi 9x7 1 Piccoli 5x5 51 Esistenti 91 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Cavo 144FO NZD BVE metri Cavo 48FO NZD BVE metri Cavo 24FO NZD BVE metri Rame UTP-LSZH 636 metri

15 _CSAG Pag.15 di 21 INFRASTRUTTURA UDINE PORDENONE E UDINE - TARVISIO Comuni interessati: Fiume Veneto Cassacco Zoppola Buia Casarsa Artegna San Vito al Tagliamento Moggio Udinese Basiliano Resiutta Campoformido Chiusaforte Pasian di Prato Dogna Tavagnacco Pontebba Pagnacco Malborghetto Reana del Roiale Tarvisio Tricesimo Infrastruttura: Lunghezza totale 18 km POP: Nr. totale 21 Locale Tecnico 5 (Fiume Veneto, Campoformido, Pasian di Prato, Tavagnacco e Moggio Udinese) Shelter 16 (Zoppola, Casarsa, San Vito al Tagliamento, Basiliano, Pagnacco, Reana del Rojale, Tricesimo, Cassacco, Buia, Artegna, Resiutta, Chiusaforte, Dogna, Pontebba, Malborghetto e Tarvisio) Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 98 Grandi 125x8 163 Medi 9x7 121 Piccoli 5x5 82 Esistenti 614 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Cavo 144FO NZD BVE metri Cavo 96FO NZD BVE metri Cavo 72FO NZD BVE metri Cavo 48FO NZD BVE metri Cavo 24FO NZD BVE metri Cavo 12FO NZD BVE metri Rame UTP-LSZH 1.21 metri

16 _CSAG Pag.16 di 21 INFRASTRUTTURA DISTRETTO ALIMENTARE Comuni interessati: Codroipo Mereto di Tomba Sedegliano S. Vito di Fagagna Flaibano Fagagna Dignano Rive d Arcano Coseano S. Daniele Infrastruttura: Lunghezza totale 63 km POP: Nr. totale 9 Locale Tecnico 3 (Sedegliano, Coseano, Rive d Arcano) Shelter 6 (Flaibano, Dignano, Mereto di Tomba, San Vito di Fagagna, Fagagna e San Daniele del Friuli) Punto di concentrazione: Nr. totale 1 per Zone Industriali 1 (San Daniele del Friuli) Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 485 Grandi 125x8 85 Medi 9x7 173 Piccoli 5x5 44 Esistenti 183 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Cavo 192FO NZD BVE metri Cavo 144FO NZD BVE metri Cavo 48FO NZD BVE metri Cavo 24FO NZD BVE metri Cavo 12FO NZD BVE metri Rame UTP-LSZH 235 metri

17 _CSAG Pag.17 di 21 INFRASTRUTTURA TRAVESIO VENZONE & MEDUNO TRAMONTI E DISTRETTO DEL COLTELLO Comuni interessati: Bordano Venzone Castelnovo del Friuli Vito d Asio Clauzetto Spilimbergo Forgaria del Friuli Arba Gemona Sequals Osoppo Vivaro Ragogna Tramonti di Sopra Trasaghis Tramonti di Sotto Frisanco Infrastruttura: Lunghezza totale 126 km POP: Nr. totale 18 Locale Tecnico 9 (Forgaria del Friuli, Osoppo, Venzone, Vito d Asio, Spilimbergo, Arba, Sequals, Tramonti di Sopra e Tramonti di Sotto) Minishelter 8 (Bordano, Cervignano del Friuli, Clauzetto, Gemona, Ragogna, Trasaghis, Vivaro e Frisanco) 1 (Vivaro) Punto di concentrazione: Nr. totale 1 per Zone Industriali 1 (Maniago) Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 832 Grandi 125x8 142 Medi 9x7 21 Piccoli 5x5 76 RFI 34 Esistenti 37 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 144FO NZD BVE metri Cavo 144FO NZD BVE metri Cavo 144FO NZD BVE per posa lungo RFI metri Cavo 144FO NZD BVE afumex 53 metri Microcavo 24FO metri Cavo 24FO metri Cavo 24FO afumex metri

18 _CSAG Pag.18 di 21 INFRASTRUTTURA BASSA FRIULANA Comuni interessati: Latisana Teor Ronchis Muzzana del T. Precenicco S. Giorgio di Nogaro Palazzolo dello Stella Carlino Pocenia Torviscosa Rivignano Cervignano del Friuli Infrastruttura: Lunghezza totale 65 km POP: Nr. totale 12 Locale Tecnico 5 (Latisana, Precenicco, Palazzolo dello Stella, Rivignano, Cervignano del Friuli) Shelter Minishelter 7 (Ronchis, Pocenia, Teor, Muzzana, San Giorgio di Nogaro, Carlino e Torviscosa) Punto di concentrazione: Nr. totale 5 per Zone Industriali 5 (Latisana, Teor, Carlino, Torviscosa e Pocenia) Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 242 Grandi 125x8 Medi 9x7 Piccoli 5x5 Esistenti Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 144FO metri Microcavo 48FO 25. metri Microcavo 24FO metri

19 _CSAG Pag.19 di 21 INFRASTRUTTURA ISONTINO Comuni interessati: S. Canzian d Isonzo Gradisca d'isonzo Ronchi dei Legionari Farra d'isonzo Fogliano Redipuglia Savogna d'isonzo S. Pier d'isonzo Gorizia Sagrado S. Floriano del Collio Infrastruttura: Lunghezza totale 45 km POP: Nr. totale 1 Locale Tecnico 3 ( San Canzian d Isonzo, San Pier d Isonzo e Gorizia) 7 (Ronchi del Legionari, Fogliano Redipuglia, Sagrado, Gradisca d Isonzo, Farra d Isonzo, Savogna d Isonzo e San Floriano del Collio) Punto di concentrazione: Nr. totale per Zone Industriali Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 267 Grandi 125x8 26 Medi 9x7 64 Piccoli 5x5 5 Esistenti 172 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 144FO metri Microcavo 96FO 331 metri Microcavo 24FO metri

20 _CSAG Pag.2 di 21 INFRASTRUTTURA DISTRETTO DEL MOBILE I LOTTO Comuni interessati: Pordenone Caneva Prata di Pordenone Polcenigo Brugnera Budoia Sacile Infrastruttura: Lunghezza totale 68 km POP: Nr. totale 7 Locale Tecnico 4 (Pordenone, Prata di Pordenone, Sacile e Budoia) Minishelter 3 (Brugnera, Caneva, Polcenigo) Punto di concentrazione: Nr. totale 9 9 (Fontanafredda, Budoia, Brugnera x 3, Sacile, Polcenigo, Prata di Pordenone e per Zone Industriali Pordenone) Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 495 Grandi 125x8 69 Medi 9x7 15 Piccoli 5x5 48 Esistenti 363 Cavi e Microcavi: Metri totali: metri Microcavo 144FO metri Cavo 144FO per posa lungo RFI metri Microcavo 48FO 6.47 metri Microcavo 24FO 7.77 metri Cavo 24FO 328 metri Cavo 12FO amufex metri Microcavo 12FO 7.67 metri Cavo 12FO 441 metri Rame UTP-LSZH 13 metri

21 _CSAG Pag.21 di 21 INFRASTRUTTURA VALLI DEL TORRE Comuni interessati: Tarcento Nimis Infrastruttura: Lunghezza totale 17 km POP: Nr. totale 2 Locale Tecnico Shelter 2 (Tarcento, Nimis) Minishelter 1 Punto di concentrazione: Nr. totale 1 per Zone Industriali 2 (Nimis, Attimis) Minishelter Shelter Armadio VTR Pozzetti: Nr. totale 148 Grandi 125x8 26 Medi 9x7 53 Piccoli 5x5 12 Esistenti 57 Cavi e Microcavi: Metri totali: 2.69 metri Cavo 144FO NZD BVE metri Cavo 48FO NZD BVE 744 metri Cavo 12FO EVE metri Rame UTP-LSZH 147 metri

del biogas prodotto da residui agricoli

del biogas prodotto da residui agricoli Progetto co-finanziato dall Unione Europea Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) Titolo del progetto/ Projekttitel Autonomia energetica da fonti rinnovabili Selbstversorgung mit erneuerbaren Energien

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE ZDD03B2719 GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO MANUTENZIONE ASCENSORI KONE SPA VIA FIGINO NR. 41 PERO (MI) MAM ASCENSORI SRL VIA ROMANA 27 34074 MONFALCONE (GO) ELTEC SNC VIA LAVORO ARTIGIANO 3 34077 RONCHI

Dettagli

2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE

2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Presidenza della Regione Direzione generale Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica Dirigente:

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Elenco regionale imprese forestali art. n. 40 DPReg. 274/2012 GIUGNO 2015)

Elenco regionale imprese forestali art. n. 40 DPReg. 274/2012 GIUGNO 2015) 1 33080 Andreis Società cooperativa Ecoforest Andreis 2 33081 Aviano Pedemontana Boschi Via Strizzot n. 8 Via Nazario Sauro n. 20/2-21/4/2020 - tel. 0434652994 cell. 3337940980 pedemontanaboschi@alice.it

Dettagli

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA Regolamento recante la disciplina tecnica e le specifiche delle opere destinate ad ospitare le reti di banda larga REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Regolamento (CE) 1698/2005 Asse IV Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Accordo Interparternariale di Cooperazione Sociale Progetto AGRICOLTURA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 T - CE 0063 AQ 2150 Appr. nr. B95.03 T - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO...

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.0 Attrezzo N di connesssione moduli terminazioni. esterne IDC con testina in metallo Matr. TELECOM 31429.4 Attrezzo Inserzione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC

POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC POMPE GASOLIO - 2 - POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC serie EASY con pompante in alluminio DP3517-30 - 12 Volt DP3518-30 - 24 Volt Elettropompa rotativa a palette autoadescante con by-pass, pompante in alluminio

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl. [programma duemilaquindici]

66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl. [programma duemilaquindici] 66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl [programma duemilaquindici] Programma Sabato 14 marzo ore 18.00 - Presso l'enoteca, cerimonia d'inaugurazione della 66ª

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE E d i z i o n e 1 d a t a t a A P R I L E 1 9 9 5 POOL AZIENDE SERVIZIO SICUREZZA GAS 53 52 51 50 49 48 47 46 351

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 MANUALE GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 GW64-8 consente in modo molto semplice e veloce di definire il Livello prestazionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica)

Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica) Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica) Lucio Peressi A considerare con sincero distacco, l'attribuzione di un nome molto diverso, rispetto all'originale, ad un popolo autoctono ed

Dettagli