F[MMG TV ffi. Bimestrale della Federazione Italiana Medici Medicina Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F[MMG TV ffi. Bimestrale della Federazione Italiana Medici Medicina Generale"

Transcript

1 TV ffi Bimestrale della Federazione Italiana Medici Medicina Generale Provincia di Treviso - Segretario Brunello Gorini Anno VI - No 3 - Maggio/Giugno 199'7 - Direttore responsabile: Dr. Michele Bucci Redazione : M. Bucci - A. Colman - B. Gorini - G. Massani Sped in abbonamento postale gruppo Mlqo - Comma 27 ur 2L Filiale di Treviso Aut. Trib TV n 878 del29l5l92 - Stampa: Tipolito RimeÍa Salgareda/Treviso FIMMG TV - Via Isonzo, TREVISO - Fax (0422) La nuova Convenzione della Medicina Generale ha innovato composizione e compiti dei vecchi Comitati Consultivi di U. S. L.. Quelli che, oggi, vengono indicati quali Comitati Consultivi di Azienda, hanno una rappresentanza più ampia giacché comprendono tre medici dell'assistenza primaria (ovvero della medicina generale), uno incaricato per la continuità assistenziale (guardia medica) ed uno dell'emergenza territoriale: insieme questi svolgono i compiti previsti dall'accordo a favore di tutte le categorie. Tali compiti continuano ad essere quelli relativi alle deroghe temporanee al massimale ed alle autortzzazioni di scelta del medico in ambiti tenitoriali diversi da quelli di residenza nonchè alla collaborazione per iniziative di aggiornamento professionale e nella impostazione di programmi statistico - epidemiologici a valenza locale. Tra le novità, è previsto, per il Comitato, f intervento sui procedimenti disciplinari aperti dall'azienda a carico di medici, sulle convenzioni stipulate dall'azienda per la continuità assistenziale, ed ancora, sulla destinazione, (a livello di distretto), delle somme "fisparmiate" rispetto ai tetti di spesa programmati, nonchè, infine, per eventuali problematiche inerenti I'ADI. La rappresenfanza, per quanto allargata, conserva valore consultivo (nel senso che l'azienda ha l'obbligo di acquisire il parere del Comitato, parere che rimane non vincolante per la decisione finale). Pur nei confini dell'ambito consultivo, peraltro, è possibile che un buon uso della nostra presenza possa portare ad alcuni risultati utili alla Categoria. Non è incoraggiante che, in occasione delle ultime elezioni (per le quali il Consiglio Provinciale si era sobbarcato anche la spesa di alcuni autobus-navetta, nell'intenzione di mettere a disposizione dei Colleghi un servizio più comodo ed una occasione di incontro), ci sia stata una partecipazione che è poco definire deludente. Comunque, i candidati proposti dalla FIMMG sono stati eletti e, confidando nel loro spirito di sacrificio, vogliamo sperare che ad essi potranno far riferimento tutti i nostri iscritti. Alla recente Assemblea Ordinistica abbiamo appreso come l'ordine mira a trasformare i Consigli dei Sanitari di USL (peri quali, pure, èprevistauna semplice funzione consultiva) in strumenti di controllo e soprattutto di proposta, da esprimersi, in quel caso, in maniera unitaria per tutti i medici. Dipenderà soprattutto da noi se anche i Comitati Consultivi di Azienda - per i quali sono da prevedere momenti di informazione collettiva ed iniziative di concerto tra le varie realtà locali - potranno rappresentare uno strumento di gannzia e propositivo per i Colleghi della FIMMG, nell'ambito dei doveri ma anche dei diritti che derivano dalla Convenzione. COMITATO CONSULTIVO REGIONALE PER LA MEDICINA GENERALE EFFETTIVI assistenza primaria Flavio Michieletto Guido Scudellari Giuseppe Greco Gianfranco Mancini continuità assistenziale Roberta Staulo emergenza sanitaria Ezio Cotrozzi SUPPLENTI assistenza primaria Brunello Gorini Alberto Razzo continuità assistenziale Tiziano Zanoni emergenza sanitaria Umberto Rossa 49" CONGRESSO NAZIONALE F.I.M.M.G Novembre'97 Teatro Congressi ABANO TERME

2 ANNOVI-N3 LE CURE DOMICILIARI Nella nostra società le condizioni demografiche, sociali ed economiche della popolazione anziana, come pure la loro salute, sono mutate rapidamente. Numerosi studi controllati hanno valutato il beneficio di uno sforzo più attivo da parte dei medici a favore degli anziani e dei disabili. Esiste una ricca bibliografia internazionale che documenta come un impegno più attivo, incluse le visite preventive a domicilio, abbia come risultato una maggiore aspettativa di vita per l'individuo, una minore esigenza di utilizzo di case di cura e minori degenze in ospedale per periodi prolungati. Il progetto obiettivo per la "tutela della salute degli anziant",confermato ed integrato nella sua definizione dal PSN per il triennio 1994/96, assume come principale obiettivo di definire modalità per rispondere ai bisogni individuali degli anziani nel quadro delle risorse finanziarie disponibili, promuovere e facilitare, a livello locale, I'integrazione dei servizi socio-assistenziali e sanitari, utilizzando una risposta unitaria e globale, con particolare riferimento alle persone non autosufficienti. Il perseguimento di questo obiettivo, strategico nel PSR 1996/98, richiede interventi che, in via prioritaria sono stati indicati dal P.S.N.; e di questi più significativi, per gli aspetti che attengono le attività mediche di medicina generale, riguardano: l'attivazione o il potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare (programmata e integrata) e I'attivazione delle residenze sanitarie assistenziali nell'ambito di una rete di servizi tra loro fortemente integrati, afferente al sistema sanitario e a quello socio-assistenziale,e in particolare per quanto riguarda il P.S.R., il rilevamento dei bisogni degli anziani e la prevenzione primaria, secondaria e tetztarta. Anche se I'attenzione è maggiore ai bisogni dell'anziano in stato di disagio perché, con I'aumento dell'età media, costituisce una porzione sempre più cospicua della popolazione, il concetto d'assistenza particolare alle categorie più deboli é riferito a tutti i soggetti che per situazioni deambulatorie forme morbose, rientrano in tale accezione. Esiste, poi, un'area d'intervento di rilevanti implicazioni socio-sanitarie relative a quel "caso sociale" dove manca la consapevolezza stessa delle necessità. Questo bisogno inespresso é affidato alla casualità (manca, infatti, un osservatorio territoriale codificato) e alla frammentazione dell'intervento. L'attenzione a questo bisogno, in accordo all'integrazione socio-sanitaria che si evince dal PSR e dal DPR , favorisce un intervento razionalizzatore e, nell'integrazione proposta, permette I'interazione delle varie componenti. I1 "progetto obiettivo anziani" o altri progetti obiettivo speciali assumono impegni operativi d'integrazione di attività saniatrie e servizi socio-assistenziali al fine diperseguire obiettivi di tutela socio-sanit aria a soggetti in condizioni di non-autosufficienza o comunque di disabilità che consentano il màntenimento ed il maggior recupero delle condizioni di autosufficienza, anche parziale, con I'identificazione delle diverse componenti di compromissione della persona non autosufficiente e la formulazione di programmi d'intervento individualizzati e continuativi. Tali progetti comportano necessariamente, nell'articolazione e organizzazione dei servizi territoriali, I'impegno responsabile del medico di medicina generale. Il medico di medicina generale é il medico della persona, con una attività caratterizzatadaun approccio globale alpaziente e dalla continuità della cura. La cura preventiva avviene a numerosi livelli. Nella popolazion e anzianariguarda principalmnete il mantenimento della capacità funzionale con la possibilità di farlo vivere in buona salute nel proprio ambiente. La prevenzione primaria é, quindi, il tentativo di prevenire la perdita delle funzioni. Laprevenzione secondariariguardail recupero, nel più breve tempo possibile, della funzione perduta. La prevenzione terziaria riguarda la prevenzione di ulteriore deterioramento della perdita della funzione. L'effetto dovrebbe essere ottenuto tramite la combinazione di prevenzione primaria, secondaria eterziarta,e anche con un miglioramento generale nei servizi sanitari locali. Quando si verifica una perdita di funzione, l'anziano si rivolge al medico di famiglia o ai servizi di assistenza domiciliare; e in molti casi non é necessaria I'ospedalizz azione. Quando però c'é I'osped ahzzazione, la catena del trattamento (a domicilio, durante I'ospedalizzazione alla dimissione con le cure domiciliari) deve essere vista come un'insieme nel quale la degenza in ospedale é un "evento sociale" di una sequenza.

3 Rilevamento dei bisogni Le visite a domicilio sono un'attivitàrallentante questa catena di trattamento; e in alcuni casi si può così evitare I'ospedalizzazione. Gli anziani costituiscono un gruppo estremamente eterogeneo e la cura della salute prevista deve essere mirata alle esigenze dell'individuo. Il medico di medicina generale non deve intervenire semplicemente in caso di malatia improvvisa. Usando la sua conoscenza del paziente e della sua famiglia, spesso di vecchia data, é possibile stabilire, in incontri regolari con i servizi d'assistenz a domicilio, una collaborazione interdisciplinare in cui ci sia un naturale flusso d'informazioni. Assistenti, operatori sociali e sanitari dovrebbero essere in grado, con un'adeguata preparazion ed un maggior coinvolgimento nel processo decisionale. di riferire a chi effettua la visita a domicilio ogni piccolo cambiamento che avvenga nello stato funzionale dell'individuo. Unendo questo ad un'effettiva cooperazione con la famiglia e con Ie altre persone della rete sociale del paziente, sarà possibile accertare sia le condizioni sociali che lo stato di salute in maniera più continua prima che avvenga una perdita di funzione più seria. Quale parte di una valutazione flessibile e regolare di questo tipo, é vantaggioso che il medico di famiglia visiti la maggior parte dei suoi pazientr anziant al loro domicilio e preferibilmente in una fase tranquilla, quando gli stessi non sono malati. Laconoscenzadello stile di vita quotidiano degli anzianie la consapevolezza delle possibili risorse disponibili per gli stessi sono un'importante aspetto della pratica quotidiana. L'obiettivo del trattamento é spesso quello di ottenere un'efficace capacità funzionale piuttosto che il recupero nel vero senso della parola. La Medicina Generale é fondamentale in quanto permette di capire le esigenze degli assistiti. La continuità assistenziale del medico di famiglia permette eccellenti possibilità di supporto. Il medico di famiglia é il punto di accesso alla maggior parte dei servizi sanitari ed é in contato con la popolaziione anziana, con i suoi problemi che sono strettamente associati non solo allo stato di salute, ma anche a fattori sociali e psicologici. Le visite preventive a domicilio saranno di maggiore beneficio se verranno effettuate agli anzianipiù vulnerabili e fragili, senza limiti fissi d'età. Al fine di consentire I'acquisizione di dati sistematici che consentano quella mappatura dello stato di salute e dei bisogni della popolazione anzíana necessaria ad una programmazione organica dell'assistenza, e per favorire la rilevazione di bisogni non espressi o non percepiti dall'anziano ed offrirgli I'opportunità di interventi di promozione della salute e di educazione sanitariaé utile una scheda valutativa multidimensionale. Assistenza Domiciliare Programmata Per assistenza domiciliare programmata si intende quel monitoraggio domiciliare di situazioni a rischio per le quali la cadenzatapresen_za del medico di famiglia consente di mantenere le condizioni generali del cittadino in situazione di stabilità o di impostare protocolli sanitari che ne migliorino le condizioni, consentendogli accettabili condizioni di vita. Gli obiettivi principali sono essenzialmente: la necessità di favorire il più a lungo possibile un'idonea permanenza della persona anziana o disabile nonautosufficiente presso il proprio domicilio, fornendo i mezzi integrativi alle perdite funzionali; ridune la mortalità e morbilità dovuta a malattie cardiovascolari, neoplasie, malattie infettive prevenibili; ridurre la mortalità, morbilità e invalidità susseguenti a cause sociali e a condizioni di disagio ed emarginazione; migliorare alcuni aspetti della qualità di vita, sia a domicilio che nelle strutture residenziali: prevenire ulteriori perdite di funzioni; contrastare I'istituzional izzazione impropria o precoce di anziani e persone non autosufficienti. Assistenza Domiciliare Integrata La regolamentazione dell'assistenza domiciliare integrata (ADI)in linea con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale (DPR I/3/94) dove é previsto, quale obiettivo daraggiungere il trasferimento di almeno rl3vo deiricoveri ospedalieri, nel nuovo sistemadi cure domiciliari, e dallaprogrammazione sanitaria regionale (LR 5196) che per il triennio 1996/98ha assunto tra gli obiettivi strategici la riduzione del tasso di ospedaliz zazione al 160 per mille e la riduzione del le istituzionalizzazioniimproprie o precoci per gli anziani e le persone non autosufficienti, s'impone a tutt'oggi in maniera più incisiva, considerato il recente varo

4 ANNO VI - N.3 dellalegge finanzrariadello Stato. L'art.1 punto 3 così recita "Le Regioni al fine di contenere le richieste di prestazioni in regime di ricovero ospedaliero di lungodegenza adottano misure al fine drrazíonahzzare la spesa sanitaria facendo ricorso alla prevenzione e all'assistenza domiciliare medicamente assistita". La stessa legge prevede, inoltre, al punto 2 dell'art.1 che "Le Regioni possono fissare un tasso di occupazione dei postiletto superiore al75vo destinando una quota parte dei risparmi derivanti dalla conseguente riduzione di postiletto all'assistenza domiciliare a favore dei portatori di handicap gravi, di gravi patologie cronico degenerative in stato avanzafo o terminale, nonché degli anziani non autosufficienti". L'assistenza domiciliare integrata é svolta assicurando al domicilio del paziente prestazioni sanitari e prestazioni socioassistenziali, coordinate tra loro in un programma personalizzato d'assistenza. Vanno esclusi da tale assistenza quei soggetti con autonomia e autosufficienza o d'altra parte quelli in gravi condizioni cliniche con necessità d'elevato impegno sanitario e stretto monitoraggio; i soggetti poco o nulla collaboranti per grave deficit cognitivo e senza rpotrzzabrle miglioramento o non in grado di fruire dell'intervento riabilitativo per insufficiente motivazione o per personalità fortemente disturbata; vi sono, poi, criteri d'esclusione limitati a particolari tipologie di pazienti che necessitano di attenta valutazione e/o competenze altamente specifiche. Occorre la piena integrazione fra medici, personale non medico el'organrzzazione dei servizi socio-assistenziali. I medici devono essere disponibili alla collaborazione con gli altri operatori, nell'ambito del programma terapeutico-riabilitativo e nel rispetto delle specifiche e rispettive competenze;e si impegnano ad effettuare gli accessi al domicilio dell'assistito. La tipologia assistenziale comporta una grande elasticità di ogni progetto e una costante revisione. Se i piani di lavoro possono non necessariamente essere scritti, per evitare inutili sprechi di risorse, laprogettazione della risposta assistenziale impone un piano personalizzato d'intervento scritto, con chiari obiettivi generali e specifici, il calendario delle prestazioni (chi fa, che cosafa, in che modo, con chi, con che cosa), i tempi e le modalità di verifica. Nonostante I'ADI sia da diversi anni un progetto che i medici di medicina generale cercano di portare avanti, nonostante diversi modelli sperimentali abbiano dimo- Questionario sull'adi strato I'efficienza e I'efficacia delle cure domiciliari, la congiuntura economica ne ha di fatto impedito uno sviluppo adeguato e uniforme. Le risposte dei Colleghi al questionariio inviato (I25 in 15 giorni) sono state molto chiare confermando I'idea che il I00Vo dei medici non é d'accordo di essere sostituito damedicasanel servizio domiciliare ai proprii pazienti. Il90Vo é disponibile in orario di servizio solo per i proprii assistitin ADI, mentre 1l10Vo e il 607o sono disposti ad un'assistenza diurnacon reperibilità, rispettivamente, nell'ambito di scelta o nel distretto. In orario notturno e festivo 1195Vo desidera che siano coinvolti i medici del servizio di guardia medica, mentreun3)vo é disponibile a turnarsi con i colleghi dello stesso ambito o dello stesso distretto. Accordo USL 9/FIMMG Treviso per I'ADI L'USL t ha chiesto a lla Società Medicasa un'ulteriore reperibilità medica da effettuarsi distretto per distretto, assicurata da medici di assistenza primaria e di continuità assistenziale.questi medicr,da4 a 6 per distretto, garantiranno la propria disponibiltà per turni settimanali, per un anno; parteciperanno, inoltre, a corsi di formazione specifica su argomenti utili al servizio (come tecniche medicochirurgiche connesse al trattamento dei malati terminali o in deospedahzzazione protetta, cateterismo, medicazione e úattamento dei decubiti, toilettes chirurgiche, etc.). Lareperibilitàverrà svolta al proprio domicilio tramite un telefono cellulare fornito da Medicasa, col quale il medico comunicherà all'inizio del turno di reperibilità e sarà informato dei casi'farticolari. La Centrale Operativa di Medicasa, tramite un proprio medico, filtrerà le telefonate ricevute e contatterà il medico reperibile nel distretto di competenzaper la i visita domiciliare L'orario di reperibilità sarà tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 8, dalle 8 alle 20 dei giorni festivi e dalle 10 alle 20 nei giorni prefestivi. E' previsto un trattamento economico forfettario da parte di Medicasa per ogni turno di reperibilità, e per ogni visita domiciliare effettuata, durante I'orario di reperibilità un ulteriore compenso più le eventuali prestazioni extra effettuate da parte dell'usl 9. Brunello Gorini

5 FIMMG Vivere bene la menopausa Treviso, 5 Aprtle 1997 Le donne che nell'u.l.s.s. t hanno una età compresa fra r 49 (età media in cui compare la menopausa ) e i 59 anni sono (dati di agosto 1996), cioé circa il25vo della popolazione femminile del nostro territorio vive oggi in menopausa. Si tratta di un fase della vita della donna caîatterrzzata dal manifestarsi frequente di alcune patologie, quali l'osteoporosi, alcune malattie cardiovascolari, alterazioni urogenitali e turbe psicologiche. Fino a poco tempo fa la risposta alla domanda di assistenza della donna in menopausa era limitata e frammentaria anche nella nostra ULSS. Da ciò é nata I'esigenza di formare dei centri a carattere multidisciplinarc rivolti alle donne che non solo desiderino corrette infbrmazioni, ma anche gli strumenti idonei a prevenire i numerosi disturbi correlati a questo periodo della loro vita. Gli operatori dei Consultori Familiari hanno già da circa dieci anni messo a punto uno "spazio menopausa" in cui oltre a fornire delle corrette informazioni sul climaterio, si cerca di migliorare la qualità di vita psico-fisica delle donne e della coppia in menopausa attraverso una prevenzione delle patologie di questo periodo. Negli ultimi anni si è registrato nei Consultori familiari un aumento quantitativo (e anche qualitativo) della domanda di assistenza della donna in menopausa di circa 1l30Vo. Questo ha posto agli operatori 2 ordini di problemi :. Adottare nell'ambito dei Consultori un atteggiamento uniforme.. Confrontarci con i medici di famiglia per le implicazioni connesse alla prescrizione di una terapia ormonale di lunga durata. Il primo punto ha comportato i seguenti passaggi: 1) Ricerca di informazioni adeguat e corrette 2)Messa a punto di un protocollo comune di monitoraggio (Consensus Conferens Italiana) 3) Ricerca di un lavoro interdisciplinare con i colleghi Psicologi e Assistenti Sociali. 4) Ricerca di punti di riferimento Ospedalieri per le patologie della menopausa. 5) Favorire un buona compliance in caso di H.R.T. Per quanto riguarda il secondo punto, si è sentita I'esigenza di discutere insieme i problemi connessi a questo settore di interesse. Per questo si è organizzato in collaborazione con I'Ordine dei Medici e con la F.I.M.M.G. un incontro sul tema "Vivere bene la Menopausa". L'incontro ha visto la presenza di oltre 120 operatori (medici di medicina general e operatori consultoriali) e ha avuto molto successo. Temi di discussione sono stati: "L'approccio del medico di medicina generale alla donna in menopausa" (dott.ssabianca MarinaToppan, medico di medicina generale e tutor della Scuola veneta di formazione specifica in medicina generale), "Menopausa: clinica e terapia" (prof. Annibale Volpe direttore della clinica dell'università di Modena), "Aspetti dietetici e comportamentali" (dott.ssa Maria Rita De Faveri, medico di medicina generale e specialista in scienza dell'alimentazione), "La menopausa: terza stagione del cambiamento femminile" (dott.ssa Roberta Giommi, Direttore dell'istituto Internazionale di Sessuologia). Dopo questo incontro chehavisto lavorare insieme per laprimavolta, medici di famiglia e medici consultoriali si esprime la speranza che si instauri nei rapporti quotidiani, un positivo spirito di collaborazione, nel rispetto delle diverse professionalità e dei diversi ruoli istituzionali e si pongano le basi per il superamento delle difficoltà di comunicazione che a volte affligge i medici del nostro sistema sanitario. Di sicuro interesse è attuare una efficace opera di prevenzione. Appare anche evidente che la creazione di un filo diretto fra il medico e la donna sia il presupposto fondamentale affinché ella accetti una terapia che si prospetta di lunga durata. Questo consente di evitare quanto già verificatosi più volte con un approccio più tradizionale, che cioé la donna abbandoni la terapiaperché, non essendo affetta da disturbi particolari, non é stata messa nella condizione di coglierne il significato preventivo. E' evidente che le sospensioni non motivate si traducevano, oltre che in un danno per la salute futura della donna in un

6 rilevante spreco di risorse economiche. La relazione del prof.volpe, chiara e esauriente, ha lanciato un messaggio preciso. "La terapia ormonale sostitutiva presenta dei vantaggi per la vita della donna, in quanto oltre a diminuire i disturbi vasomotori, previene le malattie cardiovascolari, I'osteoporosi, le alterazioni urogenitali e altre patologie". Questo incontro su un argomento di certa"attualità" si auspica sia il momento di paîtenzaperuna sempre più stretta collaborazione tra due figure professionali che lavorano nel territorio: i Medici di Medicina Generale e i Ginecologi Consultoriali. Infatti se per la menopausa si ipotizzasse di fare prevenzione a tutte le donne in questa fascia di età dovremmo pensare a tndtizzarne un folto numero verso la terapia sostitutiva. Se nella nostra U.L.S.S. ci sono allo stato attuale donne in età di climaterio solo le figure professionali che lavorano sul territorio potrebbero avere modalità e spazi per seguirle. Attualmente i Consultori Familiari rispetto al problema della menopausa operano in due diverse modalità. I) organizzano corsi di informazione e formazione per gruppi di donne e/o coppie della fascia di età 45 /55 anni. A questi incontri (da cinque a otto per corso su varie tematiche) danno il loro contributo tutti gli operatori consultoriali (Ginecologo, Assistente Sociale, Psicologo, Ostetrica) e come consulenti esterni una dietista e una psicomotricista, 2) una consulenza individuale prevalentemente clinica che prevede visita, esami ed eventuale terapia. Stimolare nella donna una buona compliance per la terapia sostitutiva significa anche instaurare un feeling tra il medico e la paziente, anche perché sovente all'inizio della menopausa non ci sono sintomi particolari e la donna non si sente motivata a continuarla. Questo tipo di rapporto con le pazienti é ciò che si instaura nella maggior parte dei casi all'interno dei Consultori. È da circa dieci anni, infatti, che sono sempre più numerosi casi in cui la terapia sostitutiva viene seguita per periodi di crescente durata. Si può quindi asserire che una collaborazionefficace tra medici di medicina generale e ginecologi permette di attuare un valido servizio di prevenzione che aiuti realmente la donna a"vivere bene la menopausa". ATTENZIONE ALLE TARGHE Il Ministero delle Finanze per quanto riguarda I'imposta comunale sulla pubblicità dovuta dai professionisti per le targhe esposte presso i loro studi precisa che: "il D.P.R. 22luglio 1996,no con il quale é stato reso esecutivo I'accordo collettivo... ai sensi dell'art.8 del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n" 502 e successive modificazionied integrazioni - dispone ail' art.22, coíìma 6, I' obblig atorietà del- I'esposizione all'ingresso dell'ambulatorio dei suddetti medici non solo dell'orario di ricevimento dei pazienti, come era stabilito nel passato, ma anche del nominativo del medico. Tale innovazione assume una particolare rilevanza ai fini dell'imposizione, poiché ove le targhe siano conformi alle prescrizioni dettate della suddetta norma, si renderà applicabile la disposizione dell'art. 17 del D.Lgs 15 novembre 1993, no 507, lettera i), che accorda I'esenzione dall'imposta alle targhe la cui esposizione sia obbligatoria per legge o per regolamento, purché le dimensio ni delmezzousato qualora non espressamente stabilite - come avviene nel caso di specie - non superino il mezzo metro quadrato di superficie. Si conferma, dunque, come espressamente precisato nella risoluzione no 34 del , che le targhe esposte dai professionisti presso gli studi, a parte le ipotesi esonerative previste da diverse disposizioni normative, possono non essere assoggettate all' imposta sulla pubblicità nell'ipotesi in cui abbiano una superficie inferiore a trecento centimetri quadrati, in quanto in tal caso, a noína dell'art.7, comma 2, del citato D.Lgs. n" , non si fa luogo ad applicazione dell'imposta in via generale."

7 Le farmacoresistenze nei batteri: il sistema di sorveglianza della Regione Veneto Venezia, 12 Maggio 1997 Il problema delle farmacoresistenze batteriche nella Medicina Generale Un progetto per contrastare le resistenze ai farmaci antibatterici è in piena sintonia con il P.S.S.R. 1996/ 1998 che tra i propri obiettivi individua la diminuzione della morbilità e della mortalità dovute a malattie infettive e prevede un sistema di V.R.Q. sugli interventi programmati.sono altresì incentivati nei contratti e nelle convenzioni per il personale del S. S. N. accordi regionali elo aziendali su obiettivi specifici. Oggi vogliamo proporre un progetto formativo e di ricerca in Medicina Generale che sia anche funzionale con il "Sistema di sorveglianza regionale delle resistenze ai farmaci antibatterici" che tra i propri obiettivi persegue: "fornire ai clinici le informazioni necessarie per modificare le raccomandazioni sulla terapia e profilassi, monitorare I'andamento delle resistenze, definire il possibile impatto delle resistenze sull'esito delle terapie, sulla salute collettiva e sulla spesa sanitaria". Quale il ruolo del Medico di Medicina Generale? Nel 1972 in Messico si è avuta una gravissima epidemia di febbre tifoidea (Salmonella Typhi) resistente al CAF ed altri antibiotici; il motivi di tale resistenza risiedevano nell'uso indiscriminato del CAF in Messico dove il farmaco viene venduto nelle farmacie senza necessità di prescrizione medica ed è usato dalla popolazione per la terapia di forme infettive banali. La lezione concreta di questo ed altri, per fortuna meno drammatici, avvenimenti, è che la politica sanitaria sul farmaco antibatterico deve prevenire la farmacoresitenza dovuta all'uso indiscriminato (non supportato da razionale clinico-epidemiologico) degli antibiotici. Appare evidente come il problema della farmacoresistenza sia un problema culturale e di politiche razionali che devono preoccuparsi di evitare la diffusione di ceppi resistenti, di monitorarne I' incidenza (approntando studi epidemiologici osservazionali), di controllare la spesa crescente per gli antibiotici. A questo punto dobbiamo chiederci se vi è la possibilità di individuare un progetto che unifichi tali esigenze e che dia strumenti adeguati ad un medico che soprattutto nella sua attività ambulatoriale e domiciliare (il medico di medicina generale e il pediatra di libera scelta) non ha spesso la disponibilità di tutti gli elementi ideali per una corretta terapia antibiotica e deve raggiungere I'obiettivo terapeutico attraverso un rigoroso approccio metodologico. Individuiamo così due obiettfui prioritari di ricerca:. LA FARMACORESISTENZA NEI BATTERI. LE FARMACORESISTENZE COME PROPO. STA CULTURALE Un progetto obiettivo di formazione specifica per dare al medico armi adeguare e al paziente la migliore delle cure. Quali strumenti? Quale percorso? La nostra esperienza di medici si sviluppa atúaverso un continuo bilanciamento tra la conoscenza scientifica e la relazione medico-paziente. L'arte medica conserva e rafforza il proprio significato alla luce dell'aforisma "comprendere il paziente more humano, trattare la malattia more scientifico" (E. Poli) Se poi concordiamo con I'affermazione che: "il medico deve farsi carico non solo di offrire la migliore prestazione possibile al suo paziente ma di valutare e proporre, per conto della comunità, percorsi diagnostico-terapeutici che tengano conto, in modo equilibrato, di efficacia, economicità ed equità" ecco che individuiamo anche strumenti corretti; non protocolli con un predefinito standard di comportamento, calati dall' alto di una politica sanitaria lontana dalla pratica clinica ma Linee-guida di ricerca diagnostico-terapeutiche come accettabile compromesso tra arte medica e scienza medica. Non è compito di questa relazione intraprendere un percorso analitico sulle linee-guida, desideriamo solo rimarcare che cosa siano, che cosa non siano e quali siano i vantaggi e gli svantaggi. Cosa sono "Strumento che attraverso asserzioni sistematicamente sviluppate fornisce al medico la possibilità di offrire al proprio paziente la prestazione più appropriata per

8 quella specifica situazione clinica" (Committee to Advise the Pubblic Healt Service on Clinical Practice Guidelines: Natl, Acad, Pr, Washington, 1990:38) Cosa non sono - non sono protocolli (salvaguardano I'autonomia del medico; - non sono una panacea (sono un accettabile compromesso); - non vengono imposte (consenso consapevole). Vantaggi - Il miglioramento delle conoscenze; - accettazione di nuovi standard di assistenza raggiunti attraverso un processo di consenso; - diminuzione della variabilità nella pratica e standardizzazione dei comportamenti : - miglioramento della comunicazione intraprofessionale (il lavoro di gruppo sulle linee-guida sostanza il consenso raggiunto attraverso valori etici e deontologici); - migliorare l'efficienza (rapporto costo/beneficio) ed efficacia (risultato) degli interventi. Svantaggi - difficile consenso sui dati di letteratura; - sono libri di ricette che "suggeriscono" e "raccomandano" ma non "formano"; - la dimostrazione scientifica della loro validità è ancora mancante (es.: qu ali gli indicatori di efficacia?) ; - la produzione di linee-guida è solo il primo passo di un processo lungo e costoso di formazione permanente (problema organizzatwo ed economico: quale politica sanitaria?). Una proposta operativa: Il Progetto Regionale "Linee guida in antibioticoterapia". L'efficacia delle linee-guida è sostanzialmente proporzionale al loro livello di accettabilità (compliance) da parte della classe medica e questo dipende da due fondamentali fattori: 1) le fonti informative e la natura degli organismi che le elaborano, 2) i canali di diffusione (Audit e Feed-back). Unpercorso che abbiaquindi come obiettivo laconcreta applicabilità di linee-guida in antibioticoterapia deve prevedere uno sviluppo organizzativo che attraverso tappe successive, daun livello centrale di elaborazione ad uno periferico di verifica sperimentale, permetta una capillare ed omogenea diffusione dei programmi formativi e di ricerca. Sono quindi due le grandi tappe del progetto: la fase formativa e quella applicativa sperimentale. FASE FORMATIVA Costituita da tre momenti: a - Organismo Regionale b - Organismi Aziendali Interdisciplinari c - Organismi Aziendali di categoria a. Proponiamo un organismo regionale che accomuni referenti per tutte le aree mediche interessate ad un programmaformativo in antibioticoterapia (M.M. G., Ped. di Lib. Scelta, Spec. Ambulat., Resp. Settori Farm.). Questi "esperti"(peer) attuano una revisione sistematica degli studi clinici controllati (review); evidenziano le aree di tncertezza o di non conoscenza che possono, a loro volta, dare I'avvio ad altri canali di ricerca (individuazione di sottobiettivi). Si costituisce, quindi, la base per usufruire di un linguaggio comune per la definizione e I'iter di situazioni cliniche specifiche. b. A livello aziendale, si costituiscono Gruppi dilavoro Interdisciplinari composti da rappresentanti delle stesse categoriecoinvolte nell'organismo regionale. Compito di questi organismi aziendahinterdisciplinari sarà far emergere le peculiarità dello specifico territorio attraverso I'analisi dei bisogni emergenti e la formulazione di specifici canali di ricerca (epidemiologici e non). Si permetterà in questa fase il dialogo tra professionisti che, attraverso obiettivi comuni, troveranno livelli adeguati di comunic azione. c. Ogni Categoria Medica, in quest'ultima fase attiva propri piccoli gruppi di lavori coordinati da animatori di formazione. Questa fase ha lo scopo di diffondere capillarmente i programmi di formazione e di ricerca e di individuare gli specifici obiettivi. Ogni partecipante matura conoscenza e formazione specifiche. FASE APPLICATIVA SPERIMENTALE Rappresenta il momento della ricerca e della applicazione. Possiamo individuare all'interno di questa fase quattro tappe: 1) Studio epidemiologico descrittivo delle patologie infettive prevalenti sul territorio Rappresentailmezzo attraverso il quale evidenziare le

9 ANNOVI-N 3 peculiarità e le emergenze (prevalenzadi eventi sentinella). 2) Applicazione di linee guida diagnosticoterapeutiche di ricerca La dimostrazione inequivoca della validità scientifica delle linee-guida è ancora mancante: è questa la ragione per cui proponiamo il termine "linee-guida di ricerca". IJna volta "validate" con il lavoro degli organismi aziendalinterdisciplinari e di categoria, le lineeguida di ricerca verranno pubblicate ed offerte a tutti i medici interessati. La partecipazione sarà volontaria con I'impegno che, una volta data la propria disponibilità al progetto, vi sia I'obbligo di partecipare a tutte le fasi successive. Le opportunità offerte da tale progetto (ricadute economiche e/o di servizi) saranno garantite solo a chi parteciperà a tutte le sue fasi. 3) Calcolo delle ricadute sui costi assistenziali Quale beneficio economico dal cambiamento prescrittivo? Il livello programmato delle cure deriva da scelte politiche. Il medico può solo ottimizzare i proprio comportamenti in modo che con le stesse risorse si possano offrire prestazioni qualitativamente migliori? Noi crediamo che una lungimirante politica sanitaria debba prevedere fondi specifici per la ricerca sul territorio; troppo spesso la programmazione sanitaria ha mancato gli obiettivi importanti per I'assenza di progetti di ricerca che avessero in sè indicatori per la verifica e revisione di qualità delle cure e incentivazioni per i partecipanti. La Region e le singole A.S.L. hanno la conoscenzadeldato storico di spesa dal quale partire per la verifica dei risultati del progetto. A tutti coloro che parteciperanno al progetto e otterranno il risultato programmato (alla luce di indicatori predefiniti) verranno riconosciuti benefici economici e/ol'utilizzo di "servizi(servizi on line, corsi di formazione, accesso a congressi, sostegno organrzzativo per la ricerca...). Vi è la necessità inderogabile di avere un sistema informatico che assicuri la disponibilità dei dati, la elaborazione degli stessi e la trasmissione dei reports con carattere di continuità ai medici partecipanti. 4) Analisi e verifica dei risultati Al termine del periodo predeterminato per la sperimentazione sarà possibile la valutazione dei risultati attraverso appropriati indicatori. Questo procedimento sperimentale può essere immaginato come una figura a spirale in cui ciascun processo interagisce con gli altri e lo può modificare (ad esempio l'evidenza in itinere di problematiche che divengono sottobiettivi e possono essere oggetto di studio). Opportunità offerte dal progetto. Formazione pennanente mediante l'applicazione di metodologie didattiche, verifica e revisione di qualità, validazione di dati scientifici di letteratura. tutti elementi calati nella pratica quotidiana e filtrati dal rapporto c o sti/benefici o (ottimiz zazione del le ri s orse).. Proporre studi specifici nelle aree di decisone non definita incentivando comportamenti adeguati alla luce dei risultati degli studi stessi.. Raccogliere informazioni utili per definire il proprio lavoro.. Confronto tra figure professionali mediche con basso livello di comunicazione.. Ricadute economiche e "vantaggi" professionali.. Verifica dei risultati clinici raggiunti attraverso indicatori da definire, eventualmente confrontando tali studi con quelli di altri gruppi che seguono metodi diversi. Conclusioni La scelta dell'antibiotico non deve fondarsi solamente su criteri empirici nè ancorarsi acriticamente sulle esperienze consolidate nel passato; soprattutto oggi che il problema delle resistenze dei batteri alle diverse classi di antibiotici sta mettendo in discussione le nostre acquisite certezze,i costi obbligano il medico ad un attento esame delle opzioni a disposizione e la politica sanitaria ha il dovere di formare professionisti capaci e motivati. Questo progetto vuole offrire a tutte le parti in causa un possibile modello operativo che possa rispondere a quesiti di politica sanitaria incentivando I'uso di strumenti di formazione professionali adeguati e salvaguardano I'obiettivo di offrire la migliore cura possibile al malato. L'uso congruo degli antibiotici ha in sé anche la salvaguardia dell'ecologia dell'ambiente e dell'uomo. Il quadro quindi si completa e rende evidente la responsabilità del medico che attraverso una più matura consapevolezza del proprio ruolo si pone come interlocutore credibile per competenza e progettualità nella definizione di appropriate politiche di sanità pubblica. Maurizio Scassola

10 FIMMG e Internet: costruire il sito di riferimento su "sanità e salute" Internet inizia a diventare una realtà non più trascurabile, anche come risorsa per rendere più salda e quotidiana la relazione tra singoli medici appartenenti allo stesso gruppo. La rete c'é e si deve impare aduttlizzarla come canale di comunicazione all'interno del sindacato (intranet), come aumentata capacità di rappresentanza tra i medici di famiglia, come canale di comunicazione per rafforzare il rapporto di fiducia con i cittadini (che, ovviamente, navighino in Internet). Per questo la FIMMG nazionale ha scelto di avviare il progetto di un suo sito Internet, attraverso una convenzione con BNL multiservizi ed Fmc. La prima fase di elaborazion e progettazione del sito FIMMG si concluderà non prima di questo luglio. Le esigenze di comunicazione (anche legate allanuova impostazione editoriale di Avvenire Medico) hanno comunque spinto, in parallelo, verso un'accelerazione dei tempi. Ad esempio il numero di aprile 1997 di Avvenire Medico, ha iniziato aduttlizzarc la "bussola" che rimanda per gli approfondimenti proprio ad Internet (oltre che a televideo). Queste riflessioni hanno convinto ad organizzare ll lavoro in due fasi:. progetto provvisorio sanità.fimmg.it (in rete dalla fine di aprile a luglio);. progetto finale sanitàsiti (inrete da luglio 1997). Il risultato della prima fase é" Avvistamenti", edizione elettronica di Avvenire Medico. Chiamando I'indirizzo si potrà leggere il primo numero di Avvistamenti. rivista elettronica della FIMMG, per così approfondire alcuni temi trattati su Avvenire Medico con i "limiti" di spazio della carta stampata. Sanitàsiti é I'ambiziosa dichiarazione d'intenti per il sito definitivo; reahzzare la città della salute, garantita dalla FIMMG. Il progetto é ospitare nel nostro sito anche altri soggetti, creando quei collegamenti che contribuiranno, anche con i loro contenuti, arealizzare il sito di riferimento sui temi della "salute e sanità". Dobbiamo ora, prima di tutto, sensibllizzarermedici medicina generale a navigare in Intemet. Sul numero di giugno di Avvenire Medico trovate un questionario che permetterà di capire a che punto siamo. Chi risponderà al questionario riceverà:. la password per entrare nella "casa della Fimmg";. (e se anora non naviga) un accesso gratuito ad Internet per un mese. La sfida per il Sindacato é certamente Ia garanzia verso il medico, e anche verso il cittadino, dei contenuti. Per questo abbiamo bisogno della collaborazione di tutti per creare un gruppo di lavoro motivato e qualificato. La FNOMCEO parte civile contro i medici corrotti Il Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri al fine di tutelare la stragrande maggioranza dei medici onesti e dei cittadini tutti, ha deciso all'unanimità di costituirsi parte civile nei confronti dei medici che eventualmente saranno rinviati a giudizio per comrzione, dando mandato al proprio ufficio legale di studiare i tempi e le modalità di attuazione. Il Comitato Centrale informa i cittadini che fin dal suo insediamento ha ripetutamente chiesto di incontrare il Governo per concertare urgenti modifiche legislative funzionali ad un reale governo della professione: riforme necessarie per fornire agli Ordini strumenti operativi che consentano anche di prevenire comportamenti disonesti e antideotologici. Il Comitato Centrale rende noto che il Ministero della Sanità ha finalmente risposto positivamente alle pressanti richieste stabilendo un calendario di incontri. Fa inoltre appello affinché queste squallide vicende non siano uttlizzate strutturalmente per esercitare spinte verso lo scardinamento del Sistema Sanitario Nazionale, dando un colpo mortale al diritto alla salute sancito dall'art.2 della Costituzione.

11 VACANZE SCONTATE Allegato al numero di giugno di Avvenire Medico troverai IaBLU-CARD riservataatee allatua famiglia, che potrai utrlizzare subito per ottenere sconti del ll%o sui prezz i da c atalogo dei mi gliori Tour-operators italiani. Scegli lavacanza sul catalogo dei migliori touroperators e telefona alno 02/ comunicando il numero della tua BluCard e chiedi le modalità della prenofazione, avrai uno sconto dei lovo. Anche su tutte le offerte dell'ultimo minuto proposte sulle pagine di televideo RAI 693, TMC video 505, 506 e 507, e su Internet all'rndrizzo w.w.w.blucard.it. avrai uno sconto del IÙVo. La BluCard é valida fino al 31 ottobre Al fax 02/ potrai ottenere ulteriori notizie e indicazioni per ricevere automaticamente il tuo programma di viaggio. CUAMM Siamo colpiti dalle situazioni di erhergenza: guerre, epidemie, profughi. Dobbiamo occuparcene, ma non c'é solo questo. Il problema più grande é quello, costante, della povertà. Solidarietà significa, allora, cercare insieme delle soluzioni ai problemi di oggi, perchè il domani sia migliore. Ma occore tempo e fedeltà negli impegni. Ognuno mette quello che può e tutti insieme possiamo fare una cooperazione seria, perché il sogno di un mondo più giusto non sembri troppo lontano. Se vuoi dare il tuo contributo per le attività del CUAMM in Africa, puoi utilizare il c/c postale IlI0I353. intestato a: CUAMM attività di cooperazione, Padova. Se vuoi collaborare a un particolare progetto mettiti in contatto con i gruppi d'appoggio attraverso la segreteria: CUAMM, via S.Francesco 126, 35I2I Padova tel. 049 / o 049 / faxo49/ Il problema tossicodipend enza: "Verso un ruolo possibile del Medico di Medicina Generale" Il prossimo autunno si realizzeranno due seminari (uno nella USL 9 e uno nelle USSLL 7 e 8) sul problema della tossicodipendenza e il ruolo possibile del medico di medicina generale. Quali le ragioni? Il referendum popolare del 1993 ha di fatto allargato ai medici di famiglia la possibilità di assistere i soggetti tossicodipendenti, abrogando alcune norme del D.P.R. 309/1990,che riservavano ai Servizi per tossicodipendenti I'esclusivacompetenza dei trattamenti terapeutici disintossicanti con farmaci sostitutivi. Le tossicodipendenze comportano problematiche complesse che si esplicano non solo in ambito chimico, ma anche tossicologico, sociale, psicologico e psichiatrico; e questo comporta ripercussioni di tipo etico, deontologico e giuridico. Il medico di medicina generale si trova in una posizione ottimale, per il ruolo che riveste di medico della persona nel contesto ambientale di vita per I'identificazione dei soggetti a rischio o per una valutazione diagnostica multiassiale del tossicodipendente; ma possiede tutti gli strumenti culturali e organizzativi per espletare con competenza un ruolo in questo ambito dell'assistenza sanitaria? AIlo scopo di formare quelle conoscenze e quegli atteggiamentidonei per affrontare con la competenza necessaria i compiti definiti in un possibile ruolo del medico di famiglianel campo delle tossicodipendenze la S.E.M.G. (Società Europea di Medicina Generale), su incarico del Ministero della Sanità, ha elaborato un pacchetto didattico specifico e ha formato un gruppo di 180 animatori di formazione per organizzare i corsi periferici. Tutti i medici di medicina generale della Provincia riceveranno una dettagliata comunicazione sul programma e sulle modalità di partecipazione ai seminari che, attenzione, saranno necessariamente a numero chiuso, con25 medici ciascuno. Cosimo De Chirico

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE DI DOLO Assessorato alle Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 64 DEL 29.11.2007 1 INDICE PREMESSA CAPO I PRINCIPI E OBIETTIVI Art.1

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza:

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Presidente dell Ordine dei Medici di Verona Via S. Paolo 16-37129 Verona Oggetto: Accordo per la MEDICINA

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete COMPOSIZIONE DELLA MEDICINA DI RETE La Medicina in Rete è una associazione, libera, volontaria e paritaria che ha lo scopo di esercitare la Medicina

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA. STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011

RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA. STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011 RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011 Aggiornamento 20 Gennaio 2011 SOMMARIO TESTATA DATA Agenzie ADNKRONOS SALUTE

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati Presidenza della Giunta Regionale Provincia di Catanzaro Provincia di Cosenza Regione Calabria Ass. Formazione Professionale Corso di Formazione gratuito per Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori MASSIDDA e GRAMAZIO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disposizioni per la prevenzione e la cura del

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Fondazione Italiana per la Lotta alle Malattie Cardiovascolari - ONLUS Costituita dall Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO)

Fondazione Italiana per la Lotta alle Malattie Cardiovascolari - ONLUS Costituita dall Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO) Fondazione Italiana per la Lotta alle Malattie Cardiovascolari - ONLUS Costituita dall Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO) Non tutti i cuori sono uguali Si parla molto di biodiversità,

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi di consulenza psicologica nelle Farmacie del FVG

Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi di consulenza psicologica nelle Farmacie del FVG CONSIGLIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 34121 TRIESTE - Piazza Niccolò Tommaseo, 2 Tel. 040 366 602 e-mail ordinepsicologifvg@pec.aruba.it Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

www.lacrisalide.it 1

www.lacrisalide.it 1 www.lacrisalide.it 1 CHI SIAMO La Crisalide srl si occupa di formazione in ambito sanitario secondo il progetto ECM (Educazione Continua in Medicina) promosso e reso obbligatorio per tutti gli operatori

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CENTO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE

Comune di Cento REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CENTO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE Comune di Cento REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CENTO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO 1 Art. 1 Il Comune di Cento

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Allegato ART. 1 Funzione dei CCM Le funzioni fondamentali dei Comitati Consultivi Misti stabilite al 2 comma, lettere a), b), c), d) della

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

D.P.C.M. 10 settembre 1999 (1).

D.P.C.M. 10 settembre 1999 (1). D.P.C.M. 10 settembre 1999 (1). Atto d'indirizzo e coordinamento alle regioni sui criteri generali per la valutazione e il finanziamento di progetti finalizzati alla prevenzione e al recupero dalle tossicodipendenze

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli