PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013"

Transcript

1 Comune di Capovalle Approvato con delibera di consiglio comunale n. 38 DEL PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013 Premessa La Legge Quadro n. 328 dell 8/11/2000 Realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali segna un momento di svolta e di cambiamento nel settore dei servizi sociali, visti non più come sistema settoriale e frammentato, ma come un sistema articolato di opportunità, interventi e servizi che attengono non solo al comparto sociale, ma più precisamente alle politiche sociali, come un sistema integrato in cui ogni attore (istituzionale e non, pubblico o privato) ha propri ruoli e responsabilità in uno spirito di sussidiarietà. In quest ottica il Piano-socio assistenziale diventa lo strumento programmatico in cui vengono regolamentati,definiti finalità e obiettivi che si intendono perseguire, metodologie e strategie di intervento, criteri generali di erogazione delle finanziarie disponibili e modalità del loro utilizzo. Il Piano socio-assistenziale deve far riferimento al Piano di Zona per il sistema integrato di interventi e servizi sociali del Distretto n. 12 Valle Sabbia e al conseguente Accordo di programma, in cui viene stabilito che ogni Comune è titolare e responsabile diretto delle politiche sociali attuate nei confronti dei propri cittadini o delle problematiche emergenti sul territorio. Tale funzione non è delegabile ad altri soggetti concorrenti alla realizzazione del sistema integrato delle prestazioni e dei sevizi sociali. Sono delegabili invece gli interventi, la loro progettazione e realizzazione. Oltre alla Legge Quadro n. 328/2000, la normativa cui si fa riferimento per la stesura del presente Piano è la seguente: Legge Regionale n. 1 del 07/01/1986 Riorganizzazione e programmazione dei servizi socio-assistenziali della Regione Lombardia, che unifica tutte le disposizioni in materia di assistenza e definisce obiettivi, criteri e modalità per la programmazione, l organizzazione e l erogazione dei servizi socio-assistenziali nel territorio della Regione Lombardia e l esercizio delle funzioni spettanti agli enti locali; Legge Regionale n. 1 del 05/01/2000 Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia, con riferimento specifico all art. 4 servizi alla persona e alla comunità; D.Lgs. n. 109 del 31/03/1998 riguardante la valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate e successivi decreti attuativi;

2 Legge 285 del 28/08/1997 Disposizioni per la promozione dei diritti e di opportunità per l infanzia e l adolescenza ; Legge Regionale n. 23 del 06/12/1999 Politiche regionali per la famiglia ; Legge Regionale n. 45 del 18/02/1999 Disposizioni per il fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga e in materia di personale dei servizi per le tossicodipendenze ; Legge n. 40 del 06/03/1998 Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione degli stranieri. Legge regionale n. 3/2008 Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario I servizi socio - assistenziali SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE DI BASE Il servizio di assistenza sociale di base è attualmente gestito in forma associata tramite la Comunità Montana di Valle Sabbia che ne ha delegato la competenza alla Società Valle Sabbia Solidale. Nel Comune di Capovalle il Servizio Sociale di base è gestito da una Assistente Sociale con la seguente modalità 2 giovedì del mese ricevimento presso il comune di Idro dalle alle giovedì del mese ricevimento presso il comune di Capovalle dalle 8.30 alle giovedì del mese ricevimento presso il comune di Idro dalle alle Le presenze vengono calendarizzate per tempo dall assistente sociale. E compito dell Assistente Sociale: - Conoscere il territorio, i servizi presenti, le potenzialità del contesto sociale ed ambientale; - Raccogliere i bisogni della popolazione, fornendo informazioni, inviando le varie situazioni ai servizi specialistici (ASL, Azienda Ospedaliera, Enti di cooperazione presenti sul territorio ), aiutando nello svolgimento di pratiche amministrative e facilitando l accesso alle procedure sociali, sanitarie ed assistenziali; - Comprendere ed analizzare le situazioni di disagio studiando e ricercando modalità risolutive al fine di garantire il benessere psico fisico della persona; - Programmare, organizzare, gestire, coordinare e valutare i servizi socio assistenziali integrandoli con quelli sanitari e scolastici

3 SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE Il Segretariato Sociale (art.22, comma 4, lett. A L.328/2000) risponde all esigenza primaria dei cittadini volta ad avere informazioni complete in merito ai diritti, alle prestazioni ed alle modalità di accesso ai servizi e all esigenza di conoscere le risorse sociali disponibili del territorio in cui vivono che possano rivelarsi utili per affrontare esigenze personali e familiari nelle diverse fasi della vita. Questo servizio fornisce ogni informazione utile per l accesso alle varie opportunità, un ascolto qualificato, un supporto per l orientamento e l elaborazione di una domanda di aiuto e l individuazione di risposte adeguate ai bisogni, evitando che si disperdano energie nel procedere inutilmente per tentativi ed errori. Cap.3720 Stanziamento E ,00 AREA ANZIANI Servizio trasporto anziani non autosufficienti Il Comune di Capovalle in collaborazione con il gruppo volontari AUSER offre il servizio trasporto anziani per visite mediche, specialistiche o motivi sanitari. Il servizio viene erogato per il raggiungimento dei presidi sanitari di Nozza, Gavardo, Desenzano, Salò e Brescia. Il Servizio è rivolto agli anziani ultra 65 enni residenti nel comune di Capovalle, con i seguenti requisiti: Anziani soli (senza rete familiare di supporto) Anziani non automuniti Anziani automuniti ma che non siano più in grado di utilizzare il mezzo proprio Il servizio è attivo da gennaio 2012 (sperimentazione annuale) ed è stato attivato attraverso convenzione stipulata con AUSER Brescia e AUSER comune di Idro,alla quale il comune di Capovalle versa una quota annuale per il funzionamento del servizio( benzina, assicurazione,ecc..),sulla base di apposita rendicontazione annuale dei trasporti effettuati.(alla data del 15\11\12 sono stati effettuati n.30 trasporti,ad usufruire del servizio a tutt oggi sono n. 12 anziani. Il servizio e' garantito da volontari di Idro e Capovalle, essi sono stati tesserati presso tale associazione e percepiscono un rimborso chilometrico di euro 0.40; La gestione ed organizzazione del servizio è in carico all assistente sociale del comune. Stanziamento euro 700,00 cap.3720

4 Servizio di assistenza domiciliare (SAD) Il Servizio di Assistenza Domiciliare si propone come servizio a sostegno dell anziano e delle persone disabili, attraverso prestazioni socio assistenziali volte a garantire benessere, autonomia e serenità nel proprio ambiente di vita, cioè a prevenirne il ricovero, talora prematuro, in RSA o in altre strutture protette. Il servizio, a secondo delle richieste, potrà offrire molteplici prestazioni quali: - aiuto domestico (pulizia, commissioni varie, spese ); - cura della persona (igiene personale, alimentazione, deambulazione, sostegno nelle attività della persona); - pasti a domicilio; - servizio di stireria e lavanderia; - interventi volti a favorire la rete di relazioni (informazioni, disbrigo pratiche, accompagnamento presso enti, uffici ); - interventi tesi a ridurre le situazioni di solitudine e di emarginazione (compagnia, aiuto nel favorire i rapporti interpersonali ); Il servizio richiede la presenza di un assistente domiciliare qualificata, in possesso cioè di un diploma di ASA o di OSS. ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) E un servizio istituito negli anni novanta con specifici finanziamenti del fondo sanitario regionale e viene erogato dall ASL. E rivolto a soggetti che hanno necessità di assistenza sanitaria continuativa, con una pesante intensità di prestazioni medico specialistiche, infermieristiche e riabilitative. Le principali attività svolte sono: - Visite domiciliari programmate dal medico di famiglia - Visite domiciliari estemporanee dell infermiere o di altri operatori - Assistenza domiciliare integrata con interventi che, a seconda dei casi, possono essere dell infermiere, del fisioterapista, del medico di famiglia, di altri specialisti - Fornitura attrezzature per la gestione di specifiche problematiche: alimentazione artificiale, ossigenoterapia, ausili, ecc. Il cittadino o la famiglia presentano una richiesta di intervento all unità di valutazione multidimensionale o geriatria presso il Distretto Socio Sanitario dell ASL, sede di Nozza, su indicazione del medico di famiglia. Gli operatori sono infermieri e assistente sociale dipendenti dall ASL di Brescia

5 Le prestazioni sono gratuite. Il servizio puo' essere attivato anche dall' ass.sociale comunale. Inserimenti presso RSA Il ricorso al ricovero presso una Casa di Riposo è da attuarsi in casi eccezionali ed è comunque lasciato alla libera scelta dell interessato. L Amministrazione Comunale si impegna al versamento integrativo della retta qualora l utente non abbia un reddito sufficiente a coprire l importo della retta stessa e solo dopo aver accertato che non vi siano parenti tenuti per legge agli alimenti, oppure quando l utente abbia parenti tenuti agli alimenti, ma gli stessi non siano in grado di garantire il pagamento completo della retta. Al fine di regolamentare le modalità operative dell intervento sono state definite le seguenti modalità operative. A) CASO ASSENZA DI FAMILIARI TENUTI AGLI ALIMENTI 1) L interessato, o chi per lui, nel presentare domanda di integrazione della retta di ricovero deve allegare lo stato di famiglia e la documentazione relativa ai redditi percepiti; 2) qualora l interessato sia proprietario di beni immobili, l Amministrazione Comunale richiede allo stesso di sottoscrivere l impegno di garanzia a favore del Comune, con compilazione di apposito modulo; 3) nel caso in cui la persona venga ammessa a parziale o totale carico del Comune, dovranno essere consegnati sia il libretto di pensione, sia eventuali titoli e/o libretti di deposito bancario e, in caso di nulla tenenza, dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà; 4) per il recupero della retta viene attinto al reddito individuale (pensione più altri redditi), assicurando comunque all'utente la disponibilità di una quota per spese personali pari al 20% del reddito con un limite minimo di Euro 42,00 ed un limite massimo di Euro 93,00 mensili; 5) l Amministrazione Comunale, per la copertura delle quote versate alla Casa di Riposo quale integrazione al pagamento della retta di ricovero, si avvarrà di tutte le somme (compresi ad esempio gli arretrati di pensione) liquidate all utente o, in caso di suo decesso, agli eredi dello stesso, nonché di ogni altro bene, mobile o immobile, di proprietà dell utente, anche se dovesse passare in eredità a terzi; B) CASO DI PRESENZA DI FAMILIARI TENUTI AGLI ALIMENTI MA NON IN GRADO DI GARANTIRE IL PAGAMENTO COMPLETO DELLA RETTA.

6 1) In presenza di congiunti di cui all art. 433 del Codice Civile in grado di provvedere solo parzialmente, gli stessi sono chiamati a contribuire economicamente al mantenimento in relazione alle accertate e reali possibilità economiche. I parenti tenuti all obbligo di provvedere agli alimenti secondo l art. 433 del Codice Civile sono nell ordine: il coniuge i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi i genitori i generi e le nuore il suocero e la suocera i fratelli e le sorelle germani e unilaterali 2) I parenti di cui al precedente punto 1) potranno chiedere di partecipare solo parzialmente al pagamento della retta e chiedere la contribuzione del Comune presentando allo stesso specifica domanda. Tale domanda, che dovrà indicare l ammontare della retta, dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: stato di famiglia e la documentazione relativa ai redditi percepiti dall utente ricoverato; impegno di garanzia a favore del Comune compilato su apposito modulo e sottoscritto dall utente ricoverato, qualora lo stesso sia proprietario di beni immobili; fotocopia autenticata sia del libretto di pensione, sia di eventuali titoli e/o libretti di deposito bancario dell utente ricoverato ovvero, in caso di nulla tenenza, dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà dello stesso utente ricoverato; stato di famiglia dei richiedenti; documentazione atta ad accertare la reale situazione economica di ciascuna persona tenuta agli alimenti; se disoccupati, il certificato di iscrizione alle liste di collocamento. dichiarazione con la quale si impegnano, per il pagamento della retta di ricovero, ad avvalersi di tutte le somme (compresi ad esempio gli arretrati di pensione) liquidate all utente o, in caso di suo decesso, agli eredi dello stesso, nonché di ogni altro bene, mobile o immobile, di proprietà dell utente, anche se dovesse passare in eredità a terzi; Cap Assistenza persone anziane e bisognose Stanziamento 2.000,00 Servizio di Telesoccorso-Telecontrollo domiciliare L Amministrazione Comunale ritiene opportuno, anche per l anno 2013, mantenere l attivazione del Servizio di Telesoccorso-Telecontrollo domiciliare,proponendo nell ambito dei Servizi a sostegno del singolo e del nucleo famigliare, di ridurre il

7 ricorso precoce a strutture residenziale,contribuendo in tal modo alla tutela del diritto di ogni persona alla permanenza nel proprio ambiente famigliare e sociale. Tale servizio consiste nella fornitura di una apposita apparecchiatura periferica attraverso la quale gli utenti potranno, in caso di necessità( malori, cadute accidentali), richiedere un intervento mirato e tempestivo attivo 24 ore su 24. Finora sono collegati al servizio 13 anziani..il costo annuo del servizio e' di 70,00 euro per utente, il comune contribuisce al costo nella misura di euro 30,00 per utente. L'attivazione viene effettuata dopo una verifica attenta sul reale stato di bisogno e condizioni del richiedente. Cap Stanziamento: 450,00 Contributo servizio fisioterapico Il Comune intende continuare a mantenere il servizio di fisioterapia presso l ambulatorio comunale del paese, permettendo alla popolazione di usufruire di particolari terapie evitando di scendere fino a Nozza. Mediamente vengono trattati 45/50 pazienti all' anno. Il servizio viene incentivato con un contributo versato annualmente dalla cmvs. Cap Stanziamento: 2.000,00 SOGGIORNO CLIMATICO PER ANZIANI Nel quadro dei servizi ricreativi, l Amministrazione Comunale ritiene importante dare impulso ai soggiorni climatici a favore delle persone della terza età perché mentre usufruiscono di un soggiorno utile alla salute possono trovare momenti socializzanti e di svago, nonché creare nuovi rapporti sociali, conservare e recuperare lo stato di benessere psicofisico. Il Servizio Sociale Comunale, si avvale da anni della collaborazione del comune di Idro Permettendo ai nostri utenti di poter partecipare al soggiorno a costi contenuti. Il soggiorno sara effettuato nel mese di giugno. PRANZO SOCIALE ANZIANI Il comune nell' ambito dei servizi ricreativi rivolti alla popolazione anziana, intende mantenere anche per il 2013 l'annuale pranzo sociale, offerto a tutti gli ultra 65-enni residenti, lo stesso e' supportato dalla biblioteca comunale. Cap Stanz. Euro 2.500,00

8 AREA DISABILITA Gestione delegata funzioni handicap Il Comune di Capovalle, come tutti i piccoli comuni, non è in grado di gestire direttamente alcune funzioni nel campo assistenziale ed in particolare quelle del servizio handicap. Pertanto, anche per ragioni di razionalità ed economicità, delega all Azienda Sanitaria Locale le funzioni relative alla progettazione, analisi del bisogno, definizione dei costi ordinari e verifica della rete dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari a rilievo sanitario dell area handicap nonché le funzioni relative alla progettazione e gestione interventi per l addestramento e l integrazione lavorativa delle persona in condizioni di svantaggio;il comune versa una quota annuale di solidarieta. Cap Stanziamento: 100,00 Servizio di Assistenza ad Personam In base alla Legge 104/92 - Legge quadro in materia di Handicap -, l Ente Comunale è obbligato ad erogare, su richiesta della Scuola, il servizio di assistenza ad personam per gli alunni in possesso di una certificazione di handicap. Il servizio permette al minore di essere affiancato, nelle ore di frequenza scolastica, da un educatore professionale che lo assista nel processo di integrazione sociale e scolastica, nella comprensione e nell assunzione di comportamenti e regole dello stare con gli altri, nella gestione dei rapporti interpersonali. Il costo del servizio, in base alla Legge Quadro, è a totale carico dell Ente Comunale. (SADH) Il Servizio di Assistenza Domiciliare Handicap è un servizio indirizzato ai portatori di handicap e alle loro famiglie che prevede la presenza di un educatore professionale a domicilio al fine di erogare prestazioni educative assistenziali per potenziare le capacità residue del soggetto disabile. (CDD-CSE) Centro Diurno Disabili, Servizio Formazione all Autonomia e Centro Socio Educativo L Ufficio Servizi Sociali del Comune ricopre funzioni di invio ai Servizi, in collaborazione con il Servizio Disabilità ed Handicap dell ASL.il comune ogni anno versa alla CMVS una quota di solidarieta calcolata in base ai cittadini residenti.

9 Cap Stanziamento: 1.696,04 AREA MINORI Servizio di Tutela Minori Il Servizio Tutela Minori, con sede a Vestone, è gestito dal Comune di Capovalle in maniera associata con gli altri Comuni del Distretto N. 12 attraverso la Comunità Montana di Valle Sabbia e ha il compito di provvedere ad adempiere le prescrizioni impartite dal Tribunale per i Minorenni per ogni caso. Il Comune ogni anno versa alla Comunità Montana di Valle Sabbia una quota di solidarietà calcolata in base ai cittadini residenti. Cap Tutela minori interessati da provvedimenti della magistratura Stanziamento: 494,03 Servizio di assistenza educativa domiciliare ADM Per i minori che presentano disagi psico fisici, il Comune, su richiesta dell Equipe Tutela Minori della Comunità Montana autorizza l attivazione del servizio di assistenza educativa domiciliare. Tale servizio consente al minore di essere affiancato, a domicilio, da una figura professionale che lo affianchi nel processo di socializzazione e di integrazione, nello svolgimento dei compiti scolastici e nello sviluppo delle autonomie personali. L erogazione del servizio viene effettuata tramite la stesura di un progetto di intervento da parte dell Equipe Tutela Minori, da concordare con l Assistente Sociale del Comune e la famiglia. Sara' a totale carico del Comune solo quando questo è prescritto dal Tribunale per i Minorenni. LEGGI DI SETTORE L. 285/ - Area famiglia La comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L.285/97 Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l infanzia

10 e l adolescenza definisce progetti, in cicli triennali, per sensibilizzare per fronteggiare il disagio giovanile coinvolgendo le Scuole Medie del territorio valsabbino. Ogni anno, ogni singolo Comune del Distretto n.12 partecipa al costo del progetto con una quota di solidarietà Capit STANZ. EURO 410,00 L. 45/99 Area Dipendenze La Comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L. 45/99 Disposizioni per il fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga e in materia di personale dei servizi per le tossicodipendenze, definisce progetti, in cicli triennali, per sensibilizzare, soprattutto i minori in età scolare, l opinione in merito all abuso di droghe. Anche in questo caso il Comune viene chiamato ogni anno alla compartecipazione dei progetti attraverso l erogazione di una quota di adesione. Cap 3720 stanziamento euro 44,51 L. 40/98 Area Immigrazione La comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L 40/98 Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, ha istituito sul territorio valsabbino sportelli finalizzati a dare informazioni ed autorizzati dalla Questura alla raccolta di documentazione per il rinnovo dei permessi di soggiorno. Il servizio è gratuito per tutti i cittadini extracomunitari residenti nel territorio valsabbino. Il Comune versa ogni anno alla Comunità Montana una quota di adesione. Cap 3720 stanziamento euro 96,24 AREA FAMIGLIA Assegno di maternità L Assegno di maternità è stato istituito dalla legge 448/1998 successivamente modificato negli anni.

11 L Assegno è previsto a favore di quelle donne che non beneficiano di alcuna indennità economica di maternità (es. casalinghe, disoccupate, artigiane ecc.), e che non superino un preciso valore relativamente alla situazione economica, stabilito annualmente dal Governo. Qualora l indennità di maternità erogata da parte degli enti previdenziali alle madri lavoratrici sia inferiore all assegno in parola, le stesse possono avanzare al Comune la richiesta per la concessione della differenza. Dopo la valutazione della situazione economica (calcolo ISEE) e dei requisiti si trasmettono all Inps i dati per il relativo pagamento. Le domande verranno inviate dall' ass.sociale Assegno ai nuclei familiari numerosi con 3 o piu figli minori Introdotto anch esso dalla legge 448/1998, questo assegno è stato concepito come sostegno economico alla famiglia, in particolare esso è rivolto a quei nuclei famigliari numerosi che non hanno una situazione economica molto elevata. Anche qui il limite economico d accesso è stabilito di anno in anno dal Governo. Dopo la valutazione della situazione economica (calcolo ISEE) e dei requisiti si trasmettono all Inps i dati per il relativo pagamento. BONUS BEBE Il comune intende continuare ad erogare un bonus per i nuovi nati che siano cittadini italiani e residenti nel comune. Cap Stanziamento: 2.000,00 SERVIZIO SOCIAL WORK Il progetto social work, è un servizio proposto dalla Comunità Montana per tutti i Comuni della Valle Sabbia, al quale ha aderito anche il Comune Capovalle Valle Sabbia Solidale sarà l Ente gestore e accreditato, dirigerà operativamente il servizio, coinvolgendo costantemente gli uffici servizi sociali dei comuni relativamente all indirizzo, orientamento, controllo e verifica del servizio stesso. Il servizio per sua natura sarà flessibile e sarà orientato alla risposta ai nuovi bisogni in tema di politiche attive del lavoro del territorio. Il servizio Social Work è un servizio al lavoro pubblico rivolto ai soggetti svantaggiati e alle fasce deboli del mercato del lavoro: E accreditato dalla Regione Lombardia ed inserito nella Rete dei Servizi per il Lavoro regionale e provinciale, ed è autorizzato

12 dalla Regione a svolgere attività di intermediazione (incontro domanda/offerta di lavoro). Gli aspetti innovativi del progetto mirano ad una creazione di una banca dati unica per il territorio che dialogherà con gli operatori, con la rete sociale, con le aziende profit e no-profit. Il servizio si propone inoltre di sviluppare e potenziare le opportunità per l inserimento lavorativo e creare una forte interconnessione con la rete sociale del territorio, le cooperative sociali e il mondo delle imprese. Un altro obiettivo è quello di sviluppare una rete locale di sostegno per le fasce deboli per l accompagnamento al lavoro, la formazione e l orientamento. Inizialmente si utilizzerà il modello di finanziamento attuale, con quota da versare alla Comunità Montana per utente; successivamente si potrà attingere alle risorse aggiuntive predisposte per i soggetti accreditati: - la Dote-lavoro (finanziamento della Regione Lombardia e del FSE) - Piano Provinciale Disabili (fondo regionale gestito dalla Provincia) - Progetti art.14 Legge Biagi e Convenzioni art.11 Legge 68/99 - Progetti del FSE - Progetti Leggi di settore (Legge 40,45, 285. Il costo di partecipazione alle spese per il servizio è di 66,13 Cap 3720 CORSO DI GINNASTICA PER ADULTI Anche per l anno 2013 il Comune organizza il corso di ginnastica per adulti allo scopo di favorire una corretta attività fisica, unita alla socializzazione, per le persone adulte interessate. Il corso si svolgera' presso la palestra comunale a partire da febbraio fino alla fine di aprile. Il costo indicativamente sara' di 45,00 per 10 lezioni, predisposto da un istruttore abilitato. Il corso è fruito mediamente da 15/18 persone. Sportello Affitti Il Contributo è finanziato dallo Stato e dalla Regione Lombardia, che definisce annualmente la quota di disponibilità per ogni singolo Comune e le caratteristiche necessarie all erogazione. L Amministrazione Comunale provvede annualmente all emissione ed alla pubblicizzazione di appositi bandi. Il Servizio Sociale, nei tempi e con le modalità previste dal bando, accoglie annualmente le domande, valuta i requisiti ed eroga i contributi direttamente, con

13 propria determinazione, compatibilmente con la disponibilità economica stabilita e trasmessaci dalla Regione Lombardia. Cap. Stanziamento: 500 vuocher provinciali lavoro accessorio IL comune anche per il 2013 intende aderire al progetto provinciale lavoro accessorio per prestazioni occasionali da retribuire mediante voucher INPS, ponendosi un duplice finalita'sia economica che sociale. Da una parte infatti, economicamente, rappresenta un mezzo per garantire un integrazione salariale per i lavoratori cassaintegrati e i soggetti in mobilità indennizzata ed un sostegno al reddito per i disoccupati/inoccupati e quelli in mobilità non indennizzata; dall altra parte, socialmente, il lavoratore ha l occasione di operare per il proprio Comune di residenza e di arricchire il proprio bagaglio professionale e culturale, attraverso le ore di formazione e di adattamento delle competenze previste dal presente progetto. Il Comune può avvalersi del lavoro accessorio dei seguenti soggetti : - disoccupati (con e senza indennità) / inoccupati; - iscritti alle liste di mobilità (indennizzata e non indennizzata); - percettori di integrazione salariale: cassa integrazione guadagni in deroga, cassa integrazione guadagni ordinaria, cassa integrazione guadagni straordinaria, gestione speciale edilizia e gestione speciale agricoli. le attività che possono essere svolte sono le seguenti: - lavori di giardinaggio; - pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti; - lavori in occasione di manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o caritatevoli; - lavori di emergenza; - lavori di solidarietà

14 IL comune a fronte di voucher rimborsabili dalla provincia se riterra' opportuno avra' facolta' di acquistare a spese proprie un numero di voucher per poter potenziare il progetto, ed avere altri buoni rimborsabili dalla provincia. Stanziamento 1.200,00 euro NOTE FINALI Nel caso di richieste di attivazioni dei servizi SAD-ADM-SADH sara' la giunta comunale che decidera'con apposita delibera, SE, e in che misura comparticipare ai costi dei servizi richiesti, determinando le fasce ISEE con le relative quote a carico dell' utenza, sulla base dell' effettivo costo del servizio, e delle disponibilita' del bilancio comunale. RIEPILOGO DEGLI STANZIAMENTI 1. Servizio di assistenza di base 1.100,00 2. Trasferimenti assistenza anziani 5.650,00 2. Prestazioni di servizi assistenza minori 494,03 3. Leggi di settore 616,88 4. Assistenza in favore di handicappati 1.796,04 5. Trasferimenti relativi ad (fisioterapia,bonus bebe,sportello affitti, voucher) assistenza economica e contributi 5.700, TOTALE SPESA CORRENTE , TOTALE SPESA CONTO CAPITALE TOTALE SPESA PIANO SOCIO ASSISTENZIALE EURO ,95

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

Accordi e Regolamenti N. 03

Accordi e Regolamenti N. 03 Accordi e Regolamenti N. 03 POLITICHE SOCIALI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIAPOLITICHE A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA (D.M. 18 aprile 2003; DGR n. 1056 del 29.07.2003, L.R. n. 30/2998) CRITERI DI MASSIMA PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015)

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVE DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI Approvato con deliberazione Consiliare n. 24 del 29/02/2000 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO II presente

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Definizione del Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani Il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani è costituito dal complesso di prestazioni

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 7 Ente Capofila: Comune di Rozzano AL COMUNE DI. SERVIZIO SOCIALE DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE RICHIEDENTE (beneficiario o parente)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE COMUNE DI CORBOLA Provincia di Rovigo Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE (S.A.D.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 12.04.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Criteri per l erogazione del Voucher socio-educativo e assistenziale per l acquisto di prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012 La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE E LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE ART.1 OGGETTO E RIFERIMENTI Il presente Regolamento disciplina l applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DI ISTITUZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI IN FAVORE DEI SOGGETTI PORTATORI DI HANDICAPS Approvato con delibera del

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso SCHEDA SOCIALE Allegato C alla Delib.G.R. n. 48/46 del 11.12.2012 (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012.

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA' GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (D.G.R. N. 2883 DEL 12.12.2014) 1 Definizione del Voucher Il Voucher a favore

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Buono / Voucher per il mantenimento in famiglia di persone non autosufficienti IL RICHIEDENTE Sig./a sesso M F Cod. Fiscale nato/a

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli