PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013"

Transcript

1 Comune di Capovalle Approvato con delibera di consiglio comunale n. 38 DEL PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2013 Premessa La Legge Quadro n. 328 dell 8/11/2000 Realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali segna un momento di svolta e di cambiamento nel settore dei servizi sociali, visti non più come sistema settoriale e frammentato, ma come un sistema articolato di opportunità, interventi e servizi che attengono non solo al comparto sociale, ma più precisamente alle politiche sociali, come un sistema integrato in cui ogni attore (istituzionale e non, pubblico o privato) ha propri ruoli e responsabilità in uno spirito di sussidiarietà. In quest ottica il Piano-socio assistenziale diventa lo strumento programmatico in cui vengono regolamentati,definiti finalità e obiettivi che si intendono perseguire, metodologie e strategie di intervento, criteri generali di erogazione delle finanziarie disponibili e modalità del loro utilizzo. Il Piano socio-assistenziale deve far riferimento al Piano di Zona per il sistema integrato di interventi e servizi sociali del Distretto n. 12 Valle Sabbia e al conseguente Accordo di programma, in cui viene stabilito che ogni Comune è titolare e responsabile diretto delle politiche sociali attuate nei confronti dei propri cittadini o delle problematiche emergenti sul territorio. Tale funzione non è delegabile ad altri soggetti concorrenti alla realizzazione del sistema integrato delle prestazioni e dei sevizi sociali. Sono delegabili invece gli interventi, la loro progettazione e realizzazione. Oltre alla Legge Quadro n. 328/2000, la normativa cui si fa riferimento per la stesura del presente Piano è la seguente: Legge Regionale n. 1 del 07/01/1986 Riorganizzazione e programmazione dei servizi socio-assistenziali della Regione Lombardia, che unifica tutte le disposizioni in materia di assistenza e definisce obiettivi, criteri e modalità per la programmazione, l organizzazione e l erogazione dei servizi socio-assistenziali nel territorio della Regione Lombardia e l esercizio delle funzioni spettanti agli enti locali; Legge Regionale n. 1 del 05/01/2000 Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia, con riferimento specifico all art. 4 servizi alla persona e alla comunità; D.Lgs. n. 109 del 31/03/1998 riguardante la valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate e successivi decreti attuativi;

2 Legge 285 del 28/08/1997 Disposizioni per la promozione dei diritti e di opportunità per l infanzia e l adolescenza ; Legge Regionale n. 23 del 06/12/1999 Politiche regionali per la famiglia ; Legge Regionale n. 45 del 18/02/1999 Disposizioni per il fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga e in materia di personale dei servizi per le tossicodipendenze ; Legge n. 40 del 06/03/1998 Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione degli stranieri. Legge regionale n. 3/2008 Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario I servizi socio - assistenziali SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE DI BASE Il servizio di assistenza sociale di base è attualmente gestito in forma associata tramite la Comunità Montana di Valle Sabbia che ne ha delegato la competenza alla Società Valle Sabbia Solidale. Nel Comune di Capovalle il Servizio Sociale di base è gestito da una Assistente Sociale con la seguente modalità 2 giovedì del mese ricevimento presso il comune di Idro dalle alle giovedì del mese ricevimento presso il comune di Capovalle dalle 8.30 alle giovedì del mese ricevimento presso il comune di Idro dalle alle Le presenze vengono calendarizzate per tempo dall assistente sociale. E compito dell Assistente Sociale: - Conoscere il territorio, i servizi presenti, le potenzialità del contesto sociale ed ambientale; - Raccogliere i bisogni della popolazione, fornendo informazioni, inviando le varie situazioni ai servizi specialistici (ASL, Azienda Ospedaliera, Enti di cooperazione presenti sul territorio ), aiutando nello svolgimento di pratiche amministrative e facilitando l accesso alle procedure sociali, sanitarie ed assistenziali; - Comprendere ed analizzare le situazioni di disagio studiando e ricercando modalità risolutive al fine di garantire il benessere psico fisico della persona; - Programmare, organizzare, gestire, coordinare e valutare i servizi socio assistenziali integrandoli con quelli sanitari e scolastici

3 SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE Il Segretariato Sociale (art.22, comma 4, lett. A L.328/2000) risponde all esigenza primaria dei cittadini volta ad avere informazioni complete in merito ai diritti, alle prestazioni ed alle modalità di accesso ai servizi e all esigenza di conoscere le risorse sociali disponibili del territorio in cui vivono che possano rivelarsi utili per affrontare esigenze personali e familiari nelle diverse fasi della vita. Questo servizio fornisce ogni informazione utile per l accesso alle varie opportunità, un ascolto qualificato, un supporto per l orientamento e l elaborazione di una domanda di aiuto e l individuazione di risposte adeguate ai bisogni, evitando che si disperdano energie nel procedere inutilmente per tentativi ed errori. Cap.3720 Stanziamento E ,00 AREA ANZIANI Servizio trasporto anziani non autosufficienti Il Comune di Capovalle in collaborazione con il gruppo volontari AUSER offre il servizio trasporto anziani per visite mediche, specialistiche o motivi sanitari. Il servizio viene erogato per il raggiungimento dei presidi sanitari di Nozza, Gavardo, Desenzano, Salò e Brescia. Il Servizio è rivolto agli anziani ultra 65 enni residenti nel comune di Capovalle, con i seguenti requisiti: Anziani soli (senza rete familiare di supporto) Anziani non automuniti Anziani automuniti ma che non siano più in grado di utilizzare il mezzo proprio Il servizio è attivo da gennaio 2012 (sperimentazione annuale) ed è stato attivato attraverso convenzione stipulata con AUSER Brescia e AUSER comune di Idro,alla quale il comune di Capovalle versa una quota annuale per il funzionamento del servizio( benzina, assicurazione,ecc..),sulla base di apposita rendicontazione annuale dei trasporti effettuati.(alla data del 15\11\12 sono stati effettuati n.30 trasporti,ad usufruire del servizio a tutt oggi sono n. 12 anziani. Il servizio e' garantito da volontari di Idro e Capovalle, essi sono stati tesserati presso tale associazione e percepiscono un rimborso chilometrico di euro 0.40; La gestione ed organizzazione del servizio è in carico all assistente sociale del comune. Stanziamento euro 700,00 cap.3720

4 Servizio di assistenza domiciliare (SAD) Il Servizio di Assistenza Domiciliare si propone come servizio a sostegno dell anziano e delle persone disabili, attraverso prestazioni socio assistenziali volte a garantire benessere, autonomia e serenità nel proprio ambiente di vita, cioè a prevenirne il ricovero, talora prematuro, in RSA o in altre strutture protette. Il servizio, a secondo delle richieste, potrà offrire molteplici prestazioni quali: - aiuto domestico (pulizia, commissioni varie, spese ); - cura della persona (igiene personale, alimentazione, deambulazione, sostegno nelle attività della persona); - pasti a domicilio; - servizio di stireria e lavanderia; - interventi volti a favorire la rete di relazioni (informazioni, disbrigo pratiche, accompagnamento presso enti, uffici ); - interventi tesi a ridurre le situazioni di solitudine e di emarginazione (compagnia, aiuto nel favorire i rapporti interpersonali ); Il servizio richiede la presenza di un assistente domiciliare qualificata, in possesso cioè di un diploma di ASA o di OSS. ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) E un servizio istituito negli anni novanta con specifici finanziamenti del fondo sanitario regionale e viene erogato dall ASL. E rivolto a soggetti che hanno necessità di assistenza sanitaria continuativa, con una pesante intensità di prestazioni medico specialistiche, infermieristiche e riabilitative. Le principali attività svolte sono: - Visite domiciliari programmate dal medico di famiglia - Visite domiciliari estemporanee dell infermiere o di altri operatori - Assistenza domiciliare integrata con interventi che, a seconda dei casi, possono essere dell infermiere, del fisioterapista, del medico di famiglia, di altri specialisti - Fornitura attrezzature per la gestione di specifiche problematiche: alimentazione artificiale, ossigenoterapia, ausili, ecc. Il cittadino o la famiglia presentano una richiesta di intervento all unità di valutazione multidimensionale o geriatria presso il Distretto Socio Sanitario dell ASL, sede di Nozza, su indicazione del medico di famiglia. Gli operatori sono infermieri e assistente sociale dipendenti dall ASL di Brescia

5 Le prestazioni sono gratuite. Il servizio puo' essere attivato anche dall' ass.sociale comunale. Inserimenti presso RSA Il ricorso al ricovero presso una Casa di Riposo è da attuarsi in casi eccezionali ed è comunque lasciato alla libera scelta dell interessato. L Amministrazione Comunale si impegna al versamento integrativo della retta qualora l utente non abbia un reddito sufficiente a coprire l importo della retta stessa e solo dopo aver accertato che non vi siano parenti tenuti per legge agli alimenti, oppure quando l utente abbia parenti tenuti agli alimenti, ma gli stessi non siano in grado di garantire il pagamento completo della retta. Al fine di regolamentare le modalità operative dell intervento sono state definite le seguenti modalità operative. A) CASO ASSENZA DI FAMILIARI TENUTI AGLI ALIMENTI 1) L interessato, o chi per lui, nel presentare domanda di integrazione della retta di ricovero deve allegare lo stato di famiglia e la documentazione relativa ai redditi percepiti; 2) qualora l interessato sia proprietario di beni immobili, l Amministrazione Comunale richiede allo stesso di sottoscrivere l impegno di garanzia a favore del Comune, con compilazione di apposito modulo; 3) nel caso in cui la persona venga ammessa a parziale o totale carico del Comune, dovranno essere consegnati sia il libretto di pensione, sia eventuali titoli e/o libretti di deposito bancario e, in caso di nulla tenenza, dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà; 4) per il recupero della retta viene attinto al reddito individuale (pensione più altri redditi), assicurando comunque all'utente la disponibilità di una quota per spese personali pari al 20% del reddito con un limite minimo di Euro 42,00 ed un limite massimo di Euro 93,00 mensili; 5) l Amministrazione Comunale, per la copertura delle quote versate alla Casa di Riposo quale integrazione al pagamento della retta di ricovero, si avvarrà di tutte le somme (compresi ad esempio gli arretrati di pensione) liquidate all utente o, in caso di suo decesso, agli eredi dello stesso, nonché di ogni altro bene, mobile o immobile, di proprietà dell utente, anche se dovesse passare in eredità a terzi; B) CASO DI PRESENZA DI FAMILIARI TENUTI AGLI ALIMENTI MA NON IN GRADO DI GARANTIRE IL PAGAMENTO COMPLETO DELLA RETTA.

6 1) In presenza di congiunti di cui all art. 433 del Codice Civile in grado di provvedere solo parzialmente, gli stessi sono chiamati a contribuire economicamente al mantenimento in relazione alle accertate e reali possibilità economiche. I parenti tenuti all obbligo di provvedere agli alimenti secondo l art. 433 del Codice Civile sono nell ordine: il coniuge i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi i genitori i generi e le nuore il suocero e la suocera i fratelli e le sorelle germani e unilaterali 2) I parenti di cui al precedente punto 1) potranno chiedere di partecipare solo parzialmente al pagamento della retta e chiedere la contribuzione del Comune presentando allo stesso specifica domanda. Tale domanda, che dovrà indicare l ammontare della retta, dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: stato di famiglia e la documentazione relativa ai redditi percepiti dall utente ricoverato; impegno di garanzia a favore del Comune compilato su apposito modulo e sottoscritto dall utente ricoverato, qualora lo stesso sia proprietario di beni immobili; fotocopia autenticata sia del libretto di pensione, sia di eventuali titoli e/o libretti di deposito bancario dell utente ricoverato ovvero, in caso di nulla tenenza, dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà dello stesso utente ricoverato; stato di famiglia dei richiedenti; documentazione atta ad accertare la reale situazione economica di ciascuna persona tenuta agli alimenti; se disoccupati, il certificato di iscrizione alle liste di collocamento. dichiarazione con la quale si impegnano, per il pagamento della retta di ricovero, ad avvalersi di tutte le somme (compresi ad esempio gli arretrati di pensione) liquidate all utente o, in caso di suo decesso, agli eredi dello stesso, nonché di ogni altro bene, mobile o immobile, di proprietà dell utente, anche se dovesse passare in eredità a terzi; Cap Assistenza persone anziane e bisognose Stanziamento 2.000,00 Servizio di Telesoccorso-Telecontrollo domiciliare L Amministrazione Comunale ritiene opportuno, anche per l anno 2013, mantenere l attivazione del Servizio di Telesoccorso-Telecontrollo domiciliare,proponendo nell ambito dei Servizi a sostegno del singolo e del nucleo famigliare, di ridurre il

7 ricorso precoce a strutture residenziale,contribuendo in tal modo alla tutela del diritto di ogni persona alla permanenza nel proprio ambiente famigliare e sociale. Tale servizio consiste nella fornitura di una apposita apparecchiatura periferica attraverso la quale gli utenti potranno, in caso di necessità( malori, cadute accidentali), richiedere un intervento mirato e tempestivo attivo 24 ore su 24. Finora sono collegati al servizio 13 anziani..il costo annuo del servizio e' di 70,00 euro per utente, il comune contribuisce al costo nella misura di euro 30,00 per utente. L'attivazione viene effettuata dopo una verifica attenta sul reale stato di bisogno e condizioni del richiedente. Cap Stanziamento: 450,00 Contributo servizio fisioterapico Il Comune intende continuare a mantenere il servizio di fisioterapia presso l ambulatorio comunale del paese, permettendo alla popolazione di usufruire di particolari terapie evitando di scendere fino a Nozza. Mediamente vengono trattati 45/50 pazienti all' anno. Il servizio viene incentivato con un contributo versato annualmente dalla cmvs. Cap Stanziamento: 2.000,00 SOGGIORNO CLIMATICO PER ANZIANI Nel quadro dei servizi ricreativi, l Amministrazione Comunale ritiene importante dare impulso ai soggiorni climatici a favore delle persone della terza età perché mentre usufruiscono di un soggiorno utile alla salute possono trovare momenti socializzanti e di svago, nonché creare nuovi rapporti sociali, conservare e recuperare lo stato di benessere psicofisico. Il Servizio Sociale Comunale, si avvale da anni della collaborazione del comune di Idro Permettendo ai nostri utenti di poter partecipare al soggiorno a costi contenuti. Il soggiorno sara effettuato nel mese di giugno. PRANZO SOCIALE ANZIANI Il comune nell' ambito dei servizi ricreativi rivolti alla popolazione anziana, intende mantenere anche per il 2013 l'annuale pranzo sociale, offerto a tutti gli ultra 65-enni residenti, lo stesso e' supportato dalla biblioteca comunale. Cap Stanz. Euro 2.500,00

8 AREA DISABILITA Gestione delegata funzioni handicap Il Comune di Capovalle, come tutti i piccoli comuni, non è in grado di gestire direttamente alcune funzioni nel campo assistenziale ed in particolare quelle del servizio handicap. Pertanto, anche per ragioni di razionalità ed economicità, delega all Azienda Sanitaria Locale le funzioni relative alla progettazione, analisi del bisogno, definizione dei costi ordinari e verifica della rete dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari a rilievo sanitario dell area handicap nonché le funzioni relative alla progettazione e gestione interventi per l addestramento e l integrazione lavorativa delle persona in condizioni di svantaggio;il comune versa una quota annuale di solidarieta. Cap Stanziamento: 100,00 Servizio di Assistenza ad Personam In base alla Legge 104/92 - Legge quadro in materia di Handicap -, l Ente Comunale è obbligato ad erogare, su richiesta della Scuola, il servizio di assistenza ad personam per gli alunni in possesso di una certificazione di handicap. Il servizio permette al minore di essere affiancato, nelle ore di frequenza scolastica, da un educatore professionale che lo assista nel processo di integrazione sociale e scolastica, nella comprensione e nell assunzione di comportamenti e regole dello stare con gli altri, nella gestione dei rapporti interpersonali. Il costo del servizio, in base alla Legge Quadro, è a totale carico dell Ente Comunale. (SADH) Il Servizio di Assistenza Domiciliare Handicap è un servizio indirizzato ai portatori di handicap e alle loro famiglie che prevede la presenza di un educatore professionale a domicilio al fine di erogare prestazioni educative assistenziali per potenziare le capacità residue del soggetto disabile. (CDD-CSE) Centro Diurno Disabili, Servizio Formazione all Autonomia e Centro Socio Educativo L Ufficio Servizi Sociali del Comune ricopre funzioni di invio ai Servizi, in collaborazione con il Servizio Disabilità ed Handicap dell ASL.il comune ogni anno versa alla CMVS una quota di solidarieta calcolata in base ai cittadini residenti.

9 Cap Stanziamento: 1.696,04 AREA MINORI Servizio di Tutela Minori Il Servizio Tutela Minori, con sede a Vestone, è gestito dal Comune di Capovalle in maniera associata con gli altri Comuni del Distretto N. 12 attraverso la Comunità Montana di Valle Sabbia e ha il compito di provvedere ad adempiere le prescrizioni impartite dal Tribunale per i Minorenni per ogni caso. Il Comune ogni anno versa alla Comunità Montana di Valle Sabbia una quota di solidarietà calcolata in base ai cittadini residenti. Cap Tutela minori interessati da provvedimenti della magistratura Stanziamento: 494,03 Servizio di assistenza educativa domiciliare ADM Per i minori che presentano disagi psico fisici, il Comune, su richiesta dell Equipe Tutela Minori della Comunità Montana autorizza l attivazione del servizio di assistenza educativa domiciliare. Tale servizio consente al minore di essere affiancato, a domicilio, da una figura professionale che lo affianchi nel processo di socializzazione e di integrazione, nello svolgimento dei compiti scolastici e nello sviluppo delle autonomie personali. L erogazione del servizio viene effettuata tramite la stesura di un progetto di intervento da parte dell Equipe Tutela Minori, da concordare con l Assistente Sociale del Comune e la famiglia. Sara' a totale carico del Comune solo quando questo è prescritto dal Tribunale per i Minorenni. LEGGI DI SETTORE L. 285/ - Area famiglia La comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L.285/97 Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l infanzia

10 e l adolescenza definisce progetti, in cicli triennali, per sensibilizzare per fronteggiare il disagio giovanile coinvolgendo le Scuole Medie del territorio valsabbino. Ogni anno, ogni singolo Comune del Distretto n.12 partecipa al costo del progetto con una quota di solidarietà Capit STANZ. EURO 410,00 L. 45/99 Area Dipendenze La Comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L. 45/99 Disposizioni per il fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga e in materia di personale dei servizi per le tossicodipendenze, definisce progetti, in cicli triennali, per sensibilizzare, soprattutto i minori in età scolare, l opinione in merito all abuso di droghe. Anche in questo caso il Comune viene chiamato ogni anno alla compartecipazione dei progetti attraverso l erogazione di una quota di adesione. Cap 3720 stanziamento euro 44,51 L. 40/98 Area Immigrazione La comunità Montana di Valle Sabbia, attraverso i finanziamenti derivanti dai fondi della L 40/98 Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, ha istituito sul territorio valsabbino sportelli finalizzati a dare informazioni ed autorizzati dalla Questura alla raccolta di documentazione per il rinnovo dei permessi di soggiorno. Il servizio è gratuito per tutti i cittadini extracomunitari residenti nel territorio valsabbino. Il Comune versa ogni anno alla Comunità Montana una quota di adesione. Cap 3720 stanziamento euro 96,24 AREA FAMIGLIA Assegno di maternità L Assegno di maternità è stato istituito dalla legge 448/1998 successivamente modificato negli anni.

11 L Assegno è previsto a favore di quelle donne che non beneficiano di alcuna indennità economica di maternità (es. casalinghe, disoccupate, artigiane ecc.), e che non superino un preciso valore relativamente alla situazione economica, stabilito annualmente dal Governo. Qualora l indennità di maternità erogata da parte degli enti previdenziali alle madri lavoratrici sia inferiore all assegno in parola, le stesse possono avanzare al Comune la richiesta per la concessione della differenza. Dopo la valutazione della situazione economica (calcolo ISEE) e dei requisiti si trasmettono all Inps i dati per il relativo pagamento. Le domande verranno inviate dall' ass.sociale Assegno ai nuclei familiari numerosi con 3 o piu figli minori Introdotto anch esso dalla legge 448/1998, questo assegno è stato concepito come sostegno economico alla famiglia, in particolare esso è rivolto a quei nuclei famigliari numerosi che non hanno una situazione economica molto elevata. Anche qui il limite economico d accesso è stabilito di anno in anno dal Governo. Dopo la valutazione della situazione economica (calcolo ISEE) e dei requisiti si trasmettono all Inps i dati per il relativo pagamento. BONUS BEBE Il comune intende continuare ad erogare un bonus per i nuovi nati che siano cittadini italiani e residenti nel comune. Cap Stanziamento: 2.000,00 SERVIZIO SOCIAL WORK Il progetto social work, è un servizio proposto dalla Comunità Montana per tutti i Comuni della Valle Sabbia, al quale ha aderito anche il Comune Capovalle Valle Sabbia Solidale sarà l Ente gestore e accreditato, dirigerà operativamente il servizio, coinvolgendo costantemente gli uffici servizi sociali dei comuni relativamente all indirizzo, orientamento, controllo e verifica del servizio stesso. Il servizio per sua natura sarà flessibile e sarà orientato alla risposta ai nuovi bisogni in tema di politiche attive del lavoro del territorio. Il servizio Social Work è un servizio al lavoro pubblico rivolto ai soggetti svantaggiati e alle fasce deboli del mercato del lavoro: E accreditato dalla Regione Lombardia ed inserito nella Rete dei Servizi per il Lavoro regionale e provinciale, ed è autorizzato

12 dalla Regione a svolgere attività di intermediazione (incontro domanda/offerta di lavoro). Gli aspetti innovativi del progetto mirano ad una creazione di una banca dati unica per il territorio che dialogherà con gli operatori, con la rete sociale, con le aziende profit e no-profit. Il servizio si propone inoltre di sviluppare e potenziare le opportunità per l inserimento lavorativo e creare una forte interconnessione con la rete sociale del territorio, le cooperative sociali e il mondo delle imprese. Un altro obiettivo è quello di sviluppare una rete locale di sostegno per le fasce deboli per l accompagnamento al lavoro, la formazione e l orientamento. Inizialmente si utilizzerà il modello di finanziamento attuale, con quota da versare alla Comunità Montana per utente; successivamente si potrà attingere alle risorse aggiuntive predisposte per i soggetti accreditati: - la Dote-lavoro (finanziamento della Regione Lombardia e del FSE) - Piano Provinciale Disabili (fondo regionale gestito dalla Provincia) - Progetti art.14 Legge Biagi e Convenzioni art.11 Legge 68/99 - Progetti del FSE - Progetti Leggi di settore (Legge 40,45, 285. Il costo di partecipazione alle spese per il servizio è di 66,13 Cap 3720 CORSO DI GINNASTICA PER ADULTI Anche per l anno 2013 il Comune organizza il corso di ginnastica per adulti allo scopo di favorire una corretta attività fisica, unita alla socializzazione, per le persone adulte interessate. Il corso si svolgera' presso la palestra comunale a partire da febbraio fino alla fine di aprile. Il costo indicativamente sara' di 45,00 per 10 lezioni, predisposto da un istruttore abilitato. Il corso è fruito mediamente da 15/18 persone. Sportello Affitti Il Contributo è finanziato dallo Stato e dalla Regione Lombardia, che definisce annualmente la quota di disponibilità per ogni singolo Comune e le caratteristiche necessarie all erogazione. L Amministrazione Comunale provvede annualmente all emissione ed alla pubblicizzazione di appositi bandi. Il Servizio Sociale, nei tempi e con le modalità previste dal bando, accoglie annualmente le domande, valuta i requisiti ed eroga i contributi direttamente, con

13 propria determinazione, compatibilmente con la disponibilità economica stabilita e trasmessaci dalla Regione Lombardia. Cap. Stanziamento: 500 vuocher provinciali lavoro accessorio IL comune anche per il 2013 intende aderire al progetto provinciale lavoro accessorio per prestazioni occasionali da retribuire mediante voucher INPS, ponendosi un duplice finalita'sia economica che sociale. Da una parte infatti, economicamente, rappresenta un mezzo per garantire un integrazione salariale per i lavoratori cassaintegrati e i soggetti in mobilità indennizzata ed un sostegno al reddito per i disoccupati/inoccupati e quelli in mobilità non indennizzata; dall altra parte, socialmente, il lavoratore ha l occasione di operare per il proprio Comune di residenza e di arricchire il proprio bagaglio professionale e culturale, attraverso le ore di formazione e di adattamento delle competenze previste dal presente progetto. Il Comune può avvalersi del lavoro accessorio dei seguenti soggetti : - disoccupati (con e senza indennità) / inoccupati; - iscritti alle liste di mobilità (indennizzata e non indennizzata); - percettori di integrazione salariale: cassa integrazione guadagni in deroga, cassa integrazione guadagni ordinaria, cassa integrazione guadagni straordinaria, gestione speciale edilizia e gestione speciale agricoli. le attività che possono essere svolte sono le seguenti: - lavori di giardinaggio; - pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti; - lavori in occasione di manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o caritatevoli; - lavori di emergenza; - lavori di solidarietà

14 IL comune a fronte di voucher rimborsabili dalla provincia se riterra' opportuno avra' facolta' di acquistare a spese proprie un numero di voucher per poter potenziare il progetto, ed avere altri buoni rimborsabili dalla provincia. Stanziamento 1.200,00 euro NOTE FINALI Nel caso di richieste di attivazioni dei servizi SAD-ADM-SADH sara' la giunta comunale che decidera'con apposita delibera, SE, e in che misura comparticipare ai costi dei servizi richiesti, determinando le fasce ISEE con le relative quote a carico dell' utenza, sulla base dell' effettivo costo del servizio, e delle disponibilita' del bilancio comunale. RIEPILOGO DEGLI STANZIAMENTI 1. Servizio di assistenza di base 1.100,00 2. Trasferimenti assistenza anziani 5.650,00 2. Prestazioni di servizi assistenza minori 494,03 3. Leggi di settore 616,88 4. Assistenza in favore di handicappati 1.796,04 5. Trasferimenti relativi ad (fisioterapia,bonus bebe,sportello affitti, voucher) assistenza economica e contributi 5.700, TOTALE SPESA CORRENTE , TOTALE SPESA CONTO CAPITALE TOTALE SPESA PIANO SOCIO ASSISTENZIALE EURO ,95

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli