PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale"

Transcript

1 AZIENDA U.L.SS. n. 8 ASOLO (In attuazione dell ACN reso esecutivo in data 23 marzo 2005 per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale e del conseguente Accordo Regionale) PATTO fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale TRIENNIO Accordo Aziendale fra i Medici di Continuità Assistenziale e l Azienda U.L.SS. 8 Asolo - Patto 1

2 Premessa La stesura del presente patto triennale avviene in vigenza dell ACN esecutivo il 25 marzo 2005 (Accordo Collettivo Nazionale), della D.G.R.V. 4395/2005 (Accordo Integrativo Regionale) e della D.G.R.V. 3731/2004 (Indirizzi per la definizione dei Patti Aziendali per l esercizio 2005 per la Medicina Convenzionata di assistenza primaria e disposizioni collegate alla DGR 31 dicembre 2001, n. 3889). In quest ultimo provvedimento regionale sono contenute le indicazioni per la redazione del Patto Aziendale per l anno 2005 e successivi. In particolare, vi sono indicate le aree tematiche che attengono alle seguenti macro-sezioni: obiettivi di salute offerta/erogazione di attività crescita professionale collegate in una logica complessiva di governo della domanda nell ambito delle risorse assegnate al Distretto. L accordo integrativo Regionale prevede che le disposizioni della D.G.R.V. 3731/2004 vengano estese anche alla Continuità Assistenziale, l organizzazione del servizio dovrà prevedere, in deroga alle relative norme dell A.C.N., quanto segue: la conferma della dotazione organica, sia titolari che incaricati, attualmente vigente in ogni Azienda, in deroga al rapporto ottimale di cui all art. 64, comma 14 dell A.C.N.; l obbligo per il medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti del SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1 al di fuori delle località a forte afflusso turistico già individuate nel Veneto, con il Patto aziendale le parti provvedono eventualmente ad individuare ulteriori località, per l assistenza sanitaria rivolta alle persone non residenti, di cui all art. 32 e art. 67, comma 14 dell A.C.N.. Gli emolumenti di cui al presente Patto Aziendale sono assoggettati a contribuzione ENPAM. Contesto Il "Patto Aziendale" viene definito nell'accordo Integrativo Regionale un'alleanza molto forte tra i Medici convenzionati e il Sistema Sociosanitario Regionale rappresentato dall'azienda U.L.SS.. Le Cure Primarie sono riconosciute come focus per l assistenza al paziente, superando la visione ospedalocentrica, o meglio restituendo a ciascun ambito di cura le competenze proprie. Per incrementare un processo orientato in tal senso è essenziale lo sviluppo di un sistema di relazioni tra diverse professionalità e diversi livelli di cura che porti alla realizzazione di due obiettivi: la continuità dell assistenza e l integrazione tra professionisti. In tale contesto si è sviluppata la logica dei Patti con i Medici di Assistenza Primaria. Attraverso la concertazione si intende rinforzare e consolidare i meccanismi di partnership fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale, finalizzandoli in modo particolare al conseguimento di una forte sinergia con le altre componenti della medicina delle cure primarie. L Accordo Regionale indica le azioni qualificanti l'attività della Medicina di Continuità Assistenziale che possono essere così sintetizzate: 1) migliorare l'accessibilità degli utenti al servizio, provvedendo allo snellimento delle procedure 2) integrare le proprie attività con quelle del Medico di Assistenza Primaria e del Distretto, avvalendosi di idonei strumenti di comunicazione (es. telefonia, informatizzazione, ecc.) Pagina 2 di 12

3 3) condividere ed applicare la Carta del Servizio di Continuità Assistenziale come parte integrante di quella della Medicina Generale dell Azienda U.L.SS.. 4) partecipare al Sistema delle Cure Primarie, prestando la propria attività con risposte semplici (consulenze, visite e prestazioni strumentali in ambulatorio) o "complesse" presso il domicilio di pazienti in ADI, ricoverati in Strutture Residenziali evitando soluzioni di continuità della presa in carico. In particolare, secondo le indicazioni date dall Accordo Regionale, si prevede che le disposizioni sui patti aziendali, di cui alla D.G.R. 3731/2004, vengano estese anche alla Continuità Assistenziale. In tale ambito, l organizzazione del servizio dovrà prevedere, in deroga alle relative norme dell A.C.N., quanto segue: la conferma della dotazione organica, sia titolari che incaricati, attualmente vigente in ogni Azienda U.L.SS., in deroga al rapporto ottimale di cui all art. 64, comma 1; l obbligo per il Medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti dal SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1; Ore eccedenti Per ore eccedenti si intende il numero di ore che, in ordine di servizio mensile (o su disposizione dell Azienda U.L.SS. tramite il coordinatore), il medico effettua oltre il normale orario di servizio che comporti il superamento di complessive 104 ore mensili. Sono escluse le ore per cessioni o scambi di turni. L'attività del Servizio di Continuità Assistenziale si articola secondo l'orario previsto di 24 ore settimanali (art. 65 comma 1 dell' Atto di intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005) prevedendo per ciascun medico incaricato 104 ore mensili. Qualora l Azienda U.L.SS. fosse impossibilitata a garantire il servizio, come previsto agli artt. 65 comma 14 e 70 dell ACN, potrà concordare con i medici incaricati un aumento delle ore settimanali oltre le 24 ore (oltre le 104 ore mensili), che verranno retribuite con Euro 32 onnicomprensive cadauna, ai sensi dell accordo regionale vigente. Le ore saranno attribuite chiedendo la disponibilità a effettuarle a tutti i medici incaricati nel servizio e distribuite equamente. Al fine di non frazionare i turni le ore residue saranno attribuite mensilmente applicando il criterio della rotazione. I compensi per le ore eccedenti non assorbono quelli previsti per le prestazioni di particolare impegno (allegato D ACN 2005) e il rimborso benzina per uso mezzo proprio (art. 72 comma 2 ACN 2005) Sono fatte salve le prescrizioni contenute nella DGR 24 aprile 2007 n Struttura Generale del Patto Durata del Patto Aziendale Le parti concordano che per garantire la continuità dei processi di integrazione e per poter pianificare azioni di elevato contenuto professionale senza dover rimettere in discussione azioni ristrette, il patto avrà durata triennale, ( ) con uno scorrimento annuale degli obiettivi, descritto in un documento definito contratto. Continuerà comunque a produrre gli effetti previsti fino alla stipula di un nuovo accordo aziendale. Vengano utilizzati, nella valutazione dei risultati, obiettivi quantitativi misurabili, volti a monitorare l appropriatezza dell assistenza erogata. Pagina 3 di 12

4 Contenuti Al fine di attuare le linee di indirizzo descritte, l Azienda U.L.SS. ha articolato il Patto nei seguenti obiettivi strategici, nel rispetto dei vincoli di bilancio. 1. Potenziare i processi di integrazione 2. Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità 3. Formazione 4. Ottimizzare l uso appropriato delle risorse Al perseguimento di questi obiettivi è chiamata l Azienda U.L.SS. nel suo complesso, e il Patto Aziendale rappresenta strumento forte di coinvolgimento dei Medici di Continuità Assistenziale. L Azienda U.L.SS. 8 si impegna a: rendere disponibili report trimestrali necessari per il monitoraggio dei contenuti specificati nel Contratto garantire coerenza tra gli obiettivi di budget delle proprie UU.OO. e gli obiettivi concordati per i Medici di Continuità Assistenziale sul cui raggiungimento risulta necessaria una convergente azione delle Unità Operative aziendali promuovere iniziative di educazione (informative e formative) finalizzate alla realizzazione delle condizioni operative ottimali per il conseguimento degli obiettivi di miglioramento dell offerta di salute in accordo con le OO.SS. 1) Potenziare i processi di integrazione fra Azienda e Medicina di Continuità Assistenziale La creazione di un forte rapporto di partnership fra l Azienda U.L.SS., nelle sue diverse articolazioni (Distretto, Dipartimento di Prevenzione, Ospedale) e i Medici di Continuità Assistenziale avverrà attraverso lo sviluppo del processo di aggregazione e integrazione fra pari. a) Con il Distretto, sviluppando in modo generalizzato l integrazione e la partnership per la messa a punto di specifici progetti assistenziali al singolo, con particolare attenzione ai pazienti seguiti dal Servizio di Assistenza Domiciliare. b) Con l Ospedale e gli Specialisti. In particolare questo tipo di integrazione si manifesta con la disponibilità alla presa in carico del paziente, guidandone, assieme alla rete dei servizi, il mantenimento a domicilio per i casi complessi. Rientra in questo ambito di sviluppo della partnership la condivisione e la definizione concordata di alcuni Percorsi Assistenziali. Come previsto dai Piani Nazionali e Regionali si ritiene necessario attivare percorsi strutturati e concordati fra le varie figure mediche interessate volti alla gestione integrata del paziente con patologie croniche tra specialisti e medici di assistenza primaria, individuando le modalità applicative di percorsi concordati di cura e assistenza nelle aree tematiche di volta in volta individuate. Dal canto suo, l Azienda U.L.SS. si impegna a definire obiettivi congruenti con quelli sopra riportati anche nella negoziazione del budget delle Unità Operative ospedaliere, al fine di garantire la perseguibilità dei percorsi. 2) Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità L Azienda U.L.SS. 8 ha incentrato sul miglioramento continuo della qualità una delle azioni portanti della propria operatività. Nell ambito del Servizio di Continuità Assistenziale si vogliono sviluppare attività orientate al miglioramento dei processi clinici e della comunicazione nei confronti dell utenza. Pagina 4 di 12

5 3) Formazione Riconoscendo la necessità di assicurare l attività di formazione continua, le parti convergono che, nel triennio di attività del patto, debbano essere privilegiati ed implementati i momenti di incontro culturale e scientifico. 4) Uso appropriato delle risorse L Azienda U.L.SS. 8 persegue l appropriatezza valutando in particolare: la dimensione clinica, mediante la definizione e l adozione di protocolli e linee guide; la dimensione organizzativa mediante l analisi della casistica ospedaliera, con la valutazione dei DRG ad alto rischio di inappropriatezza in ricovero ordinario, della casistica degli assistiti in Assistenza Domiciliare, delle ospedalizzazioni per cause prevenibili ; la dimensione temporale, intesa come tempestività della prestazione, L Azienda intende promuovere iniziative che contribuiscano ad aumentare i livelli di appropriatezza fino ad oggi conseguiti Il fondo aziendale - modalità di costituzione In conformità con gli Accordi Regionali, ove si stabilisce che i sistemi incentivanti devono essere finanziati con risorse certe, è istituito il fondo aziendale per il patto, definito nel contratto allegato. A tal fine si riporta quanto prescritto dall ACR b.4) Costituzione del fondo aziendale: i sistemi incentivanti adottati, in conformità all Accordo regionale di cui alla D.G.R. n del 31/12/2001, sono finanziati con risorse certe e definite, anche risultanti dai processi aziendali conseguenti alla razionalizzazione del Sistema socio-sanitario regionale. Nel rispetto dei principi contabili vigenti, ciascuna Azienda provvede alla costituzione, ogni anno, di un apposito fondo rischi ed oneri, inserendo l importo, quantificato sulla base di 4,45 per assistito/anno, pari alle quote A) e B), nel Bilancio Economico Preventivo. Nel caso in cui le risorse economiche non fossero completamente utilizzate nell esercizio di competenza, salvo quanto previsto al successivo punto b.6), la parte non corrisposta andrà ad incrementare il fondo dell anno successivo. b.5) Computo delle incentivazioni: qualora parte o tutti gli incentivi siano erogati sulla base degli assistiti si rileva opportuno uniformare le modalità di computo delle incentivazioni adottando l ipotesi di assumere come numero di quote di riferimento la media annuale degli assistiti (considerando l annualità di riferimento del Patto/Contratto). b.6) Fissazione di un tetto per le incentivazioni: si prevede di definire una formulazione di incentivazione articolata su tre livelli: - quota A), pari a 3,10 per assistito: le quote non corrisposte vengono ripartite, a fine esercizio, fra i medici aderenti in proporzione al raggiungimento degli obiettivi; - quota B), che non potrà risultare superiore a 1,35 per assistito; - quota C), legata ad obiettivi su progetti speciali predisposti dall Azienda ULSS interessata e inviati alla Direzione Regionale Piani e Programmi Socio Sanitari che si esprime in merito, acquisito il parere del Comitato di coordinamento ex D.G.R. n del 16 aprile Al fine di mantenere nel tempo il valore economico del sistema incentivante introdotto con la D.G.R. n. 3731/2004, si prevede l adeguamento annuale, a partire dal 1 gennaio 2006, del valore economico delle quote A) e B) dei Patti aziendali, conformemente agli obiettivi da perseguire nell anno di riferimento. Clausola di garanzia Le parti concordano che se nel periodo di validità del patto dovessero intervenire nuovi Accordi Nazionali e/o Regionali modificanti la struttura del fondo aziendale e le sue finalità di erogazione il Contratto verrà ridiscusso. Pagina 5 di 12

6 Il Contratto II Contratto deve essere sottoscritto entro 30 giorni dalla data di decorrenza del patto, ha durata annuale, e viene aggiornato con strumenti ordinari in modo dinamico previo accordo fra le parti. Valore economico degli obiettivi A ciascun obiettivo del contratto viene attribuito un valore economico, che corrisponde alla quota di incentivo ad essa collegato. L incentivazione sarà riconosciuta in maniera proporzionale al raggiungimento degli obiettivi e verrà corrisposta al singolo Medico di Continuità Assistenziale, sia con incarico a tempo indeterminato che a tempo determinato Indicatori Sono riferiti indicatori di attività/partecipazione, i cui contenuti sono definiti specificatamente per ciascun obiettivo proposto. Cadenza di verifica Nel patto è previsto che sia effettuata una verifica annuale degli obiettivi del contratto per la liquidazione definitiva. Tuttavia sono previste delle verifiche trimestrali in itinere, da effettuarsi da parte della Commissione Paritetica per la definizione di strategie di miglioramento nelle aree di criticità e per la discussione delle modalità operative in fieri. Organismi di verifica e valutazione Il comitato aziendale per la medicina generale è il responsabile ultimo della verifica e della validazione dei risultati sulla base anche della reportistica fornita dal Controllo di Gestione. Eventuali contrasti verranno discussi e risolti all interno del Comitato Aziendale. Sistema di negoziazione Le parti concordano che l intero progetto è di diretta responsabilità del Direttori di Distretto, che cureranno la promozione delle politiche di appropriatezza a supporto del Patto. Asolo, 11 luglio 2007 Il Direttore Sanitario Le organizzazioni sindacali Pagina 6 di 12

7 AZIENDA U.L.SS. 8 ASOLO CONTRATTO fra Azienda U.L.SS. n. 8 e Medici di Continuità Assistenziale ANNO 2007 Allegato al Patto Aziendale Pagina 7 di 12

8 1) OGGETTO Il contratto traduce gli obiettivi aziendali da perseguire già esplicitati e contestualizzati nel Patto Aziendale. Tali obiettivi sono verificabili attraverso specifici indicatori quali-quantitativi, per ognuno dei quali vengono fissati pesi e incentivi. 2) DURATA DEL CONTRATTO AZIENDALE Il contratto aziendale ha validità a partire dal 1 agosto Scade il 31 dicembre Continuerà comunque a produrre gli effetti previsti dall'accordo Collettivo Nazionale reso esecutivo dalla Conferenza Stato Regioni in data 23 marzo 2005 e dall Accordo Regionale (D.G.R.V. n: 4395/2005), fino alla stipula di un nuovo contratto aziendale. 3) DECORRENZA ECONOMICA DEL CONTRATTO AZIENDALE Il contratto aziendale ha decorrenza dal 1 agosto 2007 per tutti i medici che aderiscono al Patto. 4) CONTENUTI L Azienda U.L.SS. 8, coerentemente a quanto definito nel Documento di Direttive e nel Patto Aziendale , intende incentivare per l anno 2007 i seguenti obiettivi: a) Potenziare i processi di integrazione; b) Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità; c) Sviluppare la formazione; d) Ottimizzare l uso appropriato delle risorse. QUOTA A OBIETTIVO n. 1 POTENZIARE I PROCESSI DI INTEGRAZIONE 1.1 Assistenza programmata a pazienti fragili Allo scopo di garantire un'effettiva continuità assistenziale nelle 24 ore per 7gg / settimana ai malati gravi e multiproblematici, il medico di Continuità Assistenziale prende in carico, nelle ore proprie di attività del Servizio di Continuità Assistenziale, i pazienti seguiti in regime di ADIMED e di ADI- HR, il paziente anziano e gli ospiti delle Strutture Residenziali insediate nel territorio dell'azienda U.L.SS. 8, assicurando le prestazioni programmate e/o non differibili, secondo i criteri e le metodologie proprie dell'assistenza Primaria. Per i casi in ADIMED e ADI-HR segnalati dall U.O. distrettuale Servizio di Assistenza Domiciliare verrà programmato un accesso domiciliare per provvedere ad eventuali necessità terapeutiche. L'intervento del medico di Continuità Assistenziale in ambito domiciliare o nelle Strutture Residenziali suddette è facilitato dall'accessibilità al Diario Clinico, comprendente anamnesi, diagnosi, allergie, terapie praticate e ogni altro suggerimento ritenuto opportuno da parte del collega di Assistenza Primaria. Il medico di Continuità Assistenziale riporta sul Diario Clinico la data e l'ora del suo intervento e allega copia del modello M, assicurando in questo modo la comunicazione con il medico di Assistenza Primaria e con il Servizio di Assistenza Domiciliare nelle forme previste dall'a.c.n. Per casi di particolare complessità si prevede la possibilità di convocare in Unità di valutazione multidimensionale (UVMD) un medico di continuità assistenziale per la definizione di un progetto Pagina 8 di 12

9 assistenziale con l'obbligo di riportare le consegne ai colleghi di sede. La partecipazione verrà retribuita con gettone analogo a quello corrisposto ai medici di assistenza primaria. Per il miglioramento qualitativo dell assistenza le parti ritengono utili: la partecipazione ad eventi formativi organizzati dall Azienda, comprendendo fra questi anche la frequenza di momenti formativi svolti presso il servizio di assistenza domiciliare l adozione di linee guida e protocolli di buona pratica clinica già esistenti l integrazione nelle attività del Servizio di assistenza domiciliare dell Azienda U.L.SS. attraverso un regolare flusso informativo Indicatore: il medico di continuità assistenziale, oltre alle chiamate indifferibili, dovrà rispondere al 100% delle richieste di accessi domiciliari di pazienti di cui al presente articolo, presentate dal servizio di assistenza domiciliare. Incentivo: 3,10/ora per ogni accesso effettuato su richiesta del servizio di assistenza domiciliare il medico riceverà un compenso pari a 25,82. QUOTA B OBIETTIVO n. 2 SVILUPPARE IL PERCORSO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA QUALITÀ Rilevazione dell attività ambulatoriale e domiciliare linee guida Il servizio di continuità assistenziale ha il compito di dare risposta alle situazioni patologiche indifferibili. Il contatto dell utenza è telefonico e la prestazione fornita dal medico del SCA può orientarsi su diverse modalità di intervento. Per evitare una disomogeneità di comportamenti, con l utenza che potrebbe ricevere risposte diverse ai propri bisogni di salute a seconda della sede a cui afferisce, e per implementare l appropriatezza clinica e temporale delle risposte date, analogamente a quanto avviene nelle strutture di pronto soccorso si vuole avviare un processo di selezione delle richieste seguendo linee guida. Il progetto ha l obiettivo di aiutare il medico a scegliere le risposte più appropriate alle diverse situazioni che si presentano e di indurre a comportamenti omogeneamente applicati nell ambito del servizio. I Medici di Continuità Assistenziale si impegnano ad elaborare, in collaborazione con le unità operative dell Azienda ULSS, linee guida che individuino: A) le situazioni che più comunemente si presentano al medico; B) i quesiti da porre all interlocutore (paziente, familiare, personale di assistenza ecc.) nelle situazioni individuate al punto precedente, per definire il bisogno sanitario da affrontare; C) gli standard di risposta da adottare. Nell ambito della loro attività, per soddisfare quanto previsto al punto A, verrà fatta una rilevazione per ogni contatto con una scheda cartacea da concordare. I medici che accettano di partecipare al Progetto compilano la scheda per almeno il 90% dei contatti al Servizio nel periodo considerato, fornendo i dati rilevati secondo un tracciato cartaceo predefinito. I periodi di rilevazione sono i seguenti: dall 1 agosto 2007 al 30 settembre 2007 e dall 1 novembre 2007 al 31 dicembre Vengono definite, congiuntamente all Azienda, le modalità da porre in atto previste al punto B e l individuazione degli standard di risposta, di cui al punto C. I medici di continuità assistenziale si impegnano ad applicare la procedura individuata a partire dall anno Pagina 9 di 12

10 Indicatore: Rilevazione delle attività mediante la scheda cartacea, percentuale attesa: 90 % Incentivo: 0,75/ora per rilevazione delle attività Per i partecipanti al gruppo di lavoro 30,00/ora fino ad un massimo di 20 ore 2.2 Carta dei servizi Per l informazione degli utenti risulta necessario condividere con un gruppo di lavoro paritetico ed applicare la Carta dei servizi di Continuità Assistenziale (da valutare anche come parte integrante di quella della Medicina di Assistenza Primaria). La carta dei servizi verrà sottoposta all'esame del Comitato Aziendale entro 60 giorni dalla stipula del Patto. Successivamente sarà distribuita in collaborazione con l'azienda e i medici di Assistenza Primaria. Indicatore: distribuzione della Carta dei Servizi presso le sedi di CA. Incentivo: 0,10/ora OBIETTIVO n. 3 FORMAZIONE 3.1 Aggiornamento professionale Allo scopo di formare il medico di Continuità Assistenziale in relazione ai bisogni organizzativi del Servizio e alle necessità di aggiornamento professionale, l'azienda, anche in accordo con la programmazione formativa regionale, organizzerà corsi di carattere teorico-pratico specifici per le esigenze proprie di formazione dei medici di Continuità Assistenziale. Annualmente verrà concordato un programma formativo di almeno 5 eventi da realizzarsi con la collaborazione dell'ufficio Formazione Aziendale. In particolare, da quanto emerso nel corso degli incontri con i MCA, sono argomenti prioritari di approfondimento: 1. il paziente anziano gestito nelle strutture residenziali; 2. il paziente anziano e il paziente in fase di terminalità di patologia, gestito a domicilio in un modello integrato di ADI che privilegi anche la relazione con le altre figure professionali del Distretto; 3. il paziente psichiatrico o demente; 4. il paziente pediatrico, con gestione a domicilio e in ambulatorio; 5. la selezione delle richieste seguendo linee guida. In collaborazione con i PS ospedalieri verranno implementati corsi di BLS estesi a tutti i componenti delle equipe. Indicatore: Partecipazione almeno all 80% delle attività formative Incentivo: 0,50/ora Pagina 10 di 12

11 5) REPORT L Azienda U.L.SS. fornirà ad ogni sede di Continuità Assistenziale con cadenza trimestrale i report utili a fornire in forma sintetica le informazioni necessarie a supporto dell analisi e monitoraggio degli obiettivi definiti dal presente contratto e dell attività complessiva svolta. 6) VERIFICA RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI La competenza alla verifica degli obiettivi compete alla Azienda U.L.SS. 8. La verifica di prima istanza verrà effettuata dal Responsabile del servizio di Medicina di Comunità e dal Direttore dell U.O. Convenzioni. La verifica di seconda istanza compete al comitato aziendale per la medicina generale. 7) FINANZIAMENTO In conformità con gli Accordi Regionali, ove si stabilisce che i sistemi incentivanti devono essere finanziati con risorse certe, è istituito il fondo aziendale per il patto, così costituito: Una quota A di 3,10 /ora una quota B di accantonamento pari a 1,35/ora. I compensi sono pagati in base alle ore effettivamente svolte, ad esclusione delle ore di formazione. 8) LIQUIDAZIONE Il pagamento di quanto dovuto avverrà per il 50% alla firma dell adesione al patto mediante corresponsione con i compensi mensili e per il 50% al termine del progetto, una volta verificato il raggiungimento degli obiettivi. I corrispettivi legati agli obiettivi concernenti le visite domiciliari programmate e le prestazioni aggiuntive, verranno liquidati come previsto dagli Accordi Regionali su presentazione di una rendicontazione scritta con modalità da concordare. Il compenso è da ritenersi per medico ed è subordinato alla adesione del patto 9) ASSISTENZA AI CITTADINI NON RESIDENTI NELL AMBITO REGIONALE In conformità agli accordi regionali si richiama l obbligo per il medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti del SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1. Si conviene che il medico di Continuità Assistenziale assicuri prestazioni sanitarie non differibili anche a cittadini non assistiti dal SSR della regione Veneto e che non abbiano effettuato la scelta temporanea del medico di Assistenza primaria nell ambito dell Azienda U.L.SS.. atti medici ripetitivi euro 5,00; visita ambulatoriale euro 21,00; visita domiciliare euro 31,00. Le tariffe sono omnicomprensive anche di eventuali prestazioni aggiuntive, fatte salve le Prestazione di particolare impegno professionale ex allegato D dell ACN vigente. Ad ogni medico di CA sarà consegnato dall Azienda U.L.SS. un bollettario per l emissione, ad ogni prestazione effettuata, di regolare fattura fiscale. Il medico verserà quanto riscosso, entro il 5 del mese successivo a quello di riscossione, alla Cassa dei Presidi di Castelfranco Veneto, Montebelluna e Valdobbiadene ovvero effettuerà bonifico Pagina 11 di 12

12 bancario su C.C. di riferimento aziendale e invierà all unità operativa Convenzioni la distinta delle prestazioni effettuate e di quanto incassato e poi versato all Azienda U.L.SS. n. 8. L Azienda U.L.SS., nella mensilità successiva a quella di ricezione del dovuto, provvederà a liquidare al medico che ha eseguito le prestazioni il 90% di quanto riscosso. I medici annoteranno le prestazioni effettuate sul registro delle chiamate già in uso fino al momento dell informatizzazione, riportando la residenza anagrafica per distinguerle da quelle registrate per la consueta attività. Partecipazione ai gruppi di lavoro Per la partecipazione ai gruppi di lavoro aziendali è prevista una remunerazione di 30,00/ora. SCHEMA RIASSUNTIVO Q U O T A Obiettivo 1.1 Assistenza programmata a pazienti fragili Indicatori il medico di continuità assistenziale, oltre alle chiamate indifferibili, dovrà rispondere al 100% delle richieste di accessi domiciliari di pazienti in ADI inoltrate dal servizio di assistenza domiciliare. Valori economici 3,10 3,10 A Q U O T A B Per ogni accesso a paziente fragile effettuato su richiesta del servizio di assistenza domiciliare: 25, Rilevazione dell attività Rilevazione delle attività mediante scheda cartacea, 0,75 ambulatoriale e domiciliare percentuale attesa: 90 % 2.2 Carta dei servizi distribuzione della Carta dei Servizi 0, Formazione Partecipazione almeno all 90% delle attività formative 0,50 1,35 Asolo, 11 luglio 2007 IL DIRETTORE SANITARIO LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI... Pagina 12 di 12

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 Il contesto L integrazione

Dettagli

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza:

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Presidente dell Ordine dei Medici di Verona Via S. Paolo 16-37129 Verona Oggetto: Accordo per la MEDICINA

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all.

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all. ACCORDO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI NORMATIVI ED ECONOMICI PER LA REDAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI RESE A FAVORE DEGLI INFORTUNATI SUL LAVORO E TECNOPATIOCI PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE. Premesso

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

CONVENZIONE TRA. L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 "Vicenza", con sede in Vicenza,

CONVENZIONE TRA. L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 Vicenza, con sede in Vicenza, CONVENZIONE TRA L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 "Vicenza", con sede in Vicenza, Via M. Rodolfi n. 37, rappresentata dal Direttore Generale Ing. Ermanno Angonese E L'Associazione "Curare a Casa",

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S.

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DI AVIANO Testo coordinato di cui alle deliberazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA

ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA Azienda USL n.12 di Viareggio ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA Indice Oggetto e fonti legislative P. 1 Definizioni P. 2 Informazione

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE PROGETTO ESECUTIVO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE ai sensi della L.R. 7/2009 e della L. 38/2010 biennio 2010-2011 1.0 - OBIETTIVI DI SALUTE E ORGANIZZATIVI 1.1 - Premesse L obiettivo generale dell Azienda

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione.

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione. ALLEGATO A) Disposizioni per il riconoscimento del nuovo trattamento economico previsto dagli AA.CC.NN. resi esecutivi in data 23 marzo 2005 mediante intesa nella Conferenza Stato-Regioni per la disciplina

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa Regolamento concernente il processo di valutazione permanente e per la gestione delle progressioni di carriera per la dirigenza 1.0. PREMESSA Il Dgls. 229/99 prima,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI PEDIATRI DI LIBERA SCELTA AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010.

Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010. 1 OGGETTO PREDISPOSIZIONE DEL BUDGET QUESITO (posto in data 3 marzo 2010) Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010. RISPOSTA (inviata in data 5 marzo 2010)

Dettagli

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833;

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP Art. 1 (Oggetto del regolamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007

Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007 Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007 OBIETTIVI ED INTERVENTI DEL CONTRATTO Quota A) 3,10 per assistito AREA DELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE PROGETTO SALUTE INFANZIA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DGR 4395 DEL 30/12/2005 GIUNTA REGIONALE

ALLEGATO A ALLA DGR 4395 DEL 30/12/2005 GIUNTA REGIONALE ALLEGATO A ALLA DGR 4395 DEL 30/12/2005 GIUNTA REGIONALE ACCORDO REGIONALE IN ATTUAZIONE DELL ACN RESO ESECUTIVO IN DATA 23 MARZO 2005, MEDIANTE INTESA NELLA CONFERENZA STATO REGIONI, PER LA DISCIPLINA

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

Approvazione dell Accordo Integrativo Regionale per la disciplina dei rapporti con i Pediatri di Libera Scelta.

Approvazione dell Accordo Integrativo Regionale per la disciplina dei rapporti con i Pediatri di Libera Scelta. Anno XXXVIII - N. 25 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 20.06.2007 - pag. 2730 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 25.05.2007 N. 532 Approvazione dell Accordo Integrativo Regionale per

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR

Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR ACCORDI INTEGRATIVI REGIONALI Compito di integrare, disciplinare e negoziare compiti, funzioni e prestazioni dell ACN Per adeguarli alle caratteristiche organizzative

Dettagli

La DGR 740/2013 assegna risorse sia alle ASL che agli Ambiti territoriali affinchè realizzino interventi a forte integrazione socio-sanitaria.

La DGR 740/2013 assegna risorse sia alle ASL che agli Ambiti territoriali affinchè realizzino interventi a forte integrazione socio-sanitaria. LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA 2013 A PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN APPLICAZIONE DELLA D.G.R. N. 740/2013 (MISURA B - 2) La DGR 740/2013

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ALLEGATO. Fase operativa area socio-sanitaria (ASL)

ALLEGATO. Fase operativa area socio-sanitaria (ASL) ALLEGATO PROGETTO DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIZZATO PER LA DEFINIZIONE DI UN PAI INTEGRATO A FAVORE DI CITTADINI IN CONDIZIONI DI NON AUTOSUFFICIENZA Ne La DGR n. 8243 del 22.10.2008, allegato

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 699 del 12-10-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 699 del 12-10-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 699 del 12-10-2015 O G G E T T O Accordo con l'associazione "Amici del Cuore per il progresso della Cardiologia" per

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007.

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1510 del 22/05/2007 pag. 1/6 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Programma di ricerca corrente anno 2013 Progetto Elaborazione di una linea guida su: prevenzione, diagnosi e cura dell osteoporosi CUP I85I13000260001

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

Criteri per acceso alle misure a favore delle persone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015

Criteri per acceso alle misure a favore delle persone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015 Criteri acceso alle misure a favore delle sone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015 Art. 1 FINALITA DELLE MISURE I presenti Criteri disciplinano l anno 2015 l alle misure previste nell

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INDICE CAPITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE, FINALITA, DESTINATARI pag. 2 Art. 2 - IL RUOLO DELLA FORMAZIONE pag.

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Fondazione L'Albero della Vita e il Distretto di Certosa di Pavia. Anno 2012/13

CONVENZIONE TRA. Fondazione L'Albero della Vita e il Distretto di Certosa di Pavia. Anno 2012/13 CONVENZIONE TRA Fondazione L'Albero della Vita e il Distretto di Certosa di Pavia Anno 2012/13 L'anno 2012, il giorno del mese di.. presso la sede di Basiglio via Ludovico il Moro TRA Fondazione L Albero

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli