PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale"

Transcript

1 AZIENDA U.L.SS. n. 8 ASOLO (In attuazione dell ACN reso esecutivo in data 23 marzo 2005 per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale e del conseguente Accordo Regionale) PATTO fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale TRIENNIO Accordo Aziendale fra i Medici di Continuità Assistenziale e l Azienda U.L.SS. 8 Asolo - Patto 1

2 Premessa La stesura del presente patto triennale avviene in vigenza dell ACN esecutivo il 25 marzo 2005 (Accordo Collettivo Nazionale), della D.G.R.V. 4395/2005 (Accordo Integrativo Regionale) e della D.G.R.V. 3731/2004 (Indirizzi per la definizione dei Patti Aziendali per l esercizio 2005 per la Medicina Convenzionata di assistenza primaria e disposizioni collegate alla DGR 31 dicembre 2001, n. 3889). In quest ultimo provvedimento regionale sono contenute le indicazioni per la redazione del Patto Aziendale per l anno 2005 e successivi. In particolare, vi sono indicate le aree tematiche che attengono alle seguenti macro-sezioni: obiettivi di salute offerta/erogazione di attività crescita professionale collegate in una logica complessiva di governo della domanda nell ambito delle risorse assegnate al Distretto. L accordo integrativo Regionale prevede che le disposizioni della D.G.R.V. 3731/2004 vengano estese anche alla Continuità Assistenziale, l organizzazione del servizio dovrà prevedere, in deroga alle relative norme dell A.C.N., quanto segue: la conferma della dotazione organica, sia titolari che incaricati, attualmente vigente in ogni Azienda, in deroga al rapporto ottimale di cui all art. 64, comma 14 dell A.C.N.; l obbligo per il medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti del SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1 al di fuori delle località a forte afflusso turistico già individuate nel Veneto, con il Patto aziendale le parti provvedono eventualmente ad individuare ulteriori località, per l assistenza sanitaria rivolta alle persone non residenti, di cui all art. 32 e art. 67, comma 14 dell A.C.N.. Gli emolumenti di cui al presente Patto Aziendale sono assoggettati a contribuzione ENPAM. Contesto Il "Patto Aziendale" viene definito nell'accordo Integrativo Regionale un'alleanza molto forte tra i Medici convenzionati e il Sistema Sociosanitario Regionale rappresentato dall'azienda U.L.SS.. Le Cure Primarie sono riconosciute come focus per l assistenza al paziente, superando la visione ospedalocentrica, o meglio restituendo a ciascun ambito di cura le competenze proprie. Per incrementare un processo orientato in tal senso è essenziale lo sviluppo di un sistema di relazioni tra diverse professionalità e diversi livelli di cura che porti alla realizzazione di due obiettivi: la continuità dell assistenza e l integrazione tra professionisti. In tale contesto si è sviluppata la logica dei Patti con i Medici di Assistenza Primaria. Attraverso la concertazione si intende rinforzare e consolidare i meccanismi di partnership fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale, finalizzandoli in modo particolare al conseguimento di una forte sinergia con le altre componenti della medicina delle cure primarie. L Accordo Regionale indica le azioni qualificanti l'attività della Medicina di Continuità Assistenziale che possono essere così sintetizzate: 1) migliorare l'accessibilità degli utenti al servizio, provvedendo allo snellimento delle procedure 2) integrare le proprie attività con quelle del Medico di Assistenza Primaria e del Distretto, avvalendosi di idonei strumenti di comunicazione (es. telefonia, informatizzazione, ecc.) Pagina 2 di 12

3 3) condividere ed applicare la Carta del Servizio di Continuità Assistenziale come parte integrante di quella della Medicina Generale dell Azienda U.L.SS.. 4) partecipare al Sistema delle Cure Primarie, prestando la propria attività con risposte semplici (consulenze, visite e prestazioni strumentali in ambulatorio) o "complesse" presso il domicilio di pazienti in ADI, ricoverati in Strutture Residenziali evitando soluzioni di continuità della presa in carico. In particolare, secondo le indicazioni date dall Accordo Regionale, si prevede che le disposizioni sui patti aziendali, di cui alla D.G.R. 3731/2004, vengano estese anche alla Continuità Assistenziale. In tale ambito, l organizzazione del servizio dovrà prevedere, in deroga alle relative norme dell A.C.N., quanto segue: la conferma della dotazione organica, sia titolari che incaricati, attualmente vigente in ogni Azienda U.L.SS., in deroga al rapporto ottimale di cui all art. 64, comma 1; l obbligo per il Medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti dal SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1; Ore eccedenti Per ore eccedenti si intende il numero di ore che, in ordine di servizio mensile (o su disposizione dell Azienda U.L.SS. tramite il coordinatore), il medico effettua oltre il normale orario di servizio che comporti il superamento di complessive 104 ore mensili. Sono escluse le ore per cessioni o scambi di turni. L'attività del Servizio di Continuità Assistenziale si articola secondo l'orario previsto di 24 ore settimanali (art. 65 comma 1 dell' Atto di intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005) prevedendo per ciascun medico incaricato 104 ore mensili. Qualora l Azienda U.L.SS. fosse impossibilitata a garantire il servizio, come previsto agli artt. 65 comma 14 e 70 dell ACN, potrà concordare con i medici incaricati un aumento delle ore settimanali oltre le 24 ore (oltre le 104 ore mensili), che verranno retribuite con Euro 32 onnicomprensive cadauna, ai sensi dell accordo regionale vigente. Le ore saranno attribuite chiedendo la disponibilità a effettuarle a tutti i medici incaricati nel servizio e distribuite equamente. Al fine di non frazionare i turni le ore residue saranno attribuite mensilmente applicando il criterio della rotazione. I compensi per le ore eccedenti non assorbono quelli previsti per le prestazioni di particolare impegno (allegato D ACN 2005) e il rimborso benzina per uso mezzo proprio (art. 72 comma 2 ACN 2005) Sono fatte salve le prescrizioni contenute nella DGR 24 aprile 2007 n Struttura Generale del Patto Durata del Patto Aziendale Le parti concordano che per garantire la continuità dei processi di integrazione e per poter pianificare azioni di elevato contenuto professionale senza dover rimettere in discussione azioni ristrette, il patto avrà durata triennale, ( ) con uno scorrimento annuale degli obiettivi, descritto in un documento definito contratto. Continuerà comunque a produrre gli effetti previsti fino alla stipula di un nuovo accordo aziendale. Vengano utilizzati, nella valutazione dei risultati, obiettivi quantitativi misurabili, volti a monitorare l appropriatezza dell assistenza erogata. Pagina 3 di 12

4 Contenuti Al fine di attuare le linee di indirizzo descritte, l Azienda U.L.SS. ha articolato il Patto nei seguenti obiettivi strategici, nel rispetto dei vincoli di bilancio. 1. Potenziare i processi di integrazione 2. Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità 3. Formazione 4. Ottimizzare l uso appropriato delle risorse Al perseguimento di questi obiettivi è chiamata l Azienda U.L.SS. nel suo complesso, e il Patto Aziendale rappresenta strumento forte di coinvolgimento dei Medici di Continuità Assistenziale. L Azienda U.L.SS. 8 si impegna a: rendere disponibili report trimestrali necessari per il monitoraggio dei contenuti specificati nel Contratto garantire coerenza tra gli obiettivi di budget delle proprie UU.OO. e gli obiettivi concordati per i Medici di Continuità Assistenziale sul cui raggiungimento risulta necessaria una convergente azione delle Unità Operative aziendali promuovere iniziative di educazione (informative e formative) finalizzate alla realizzazione delle condizioni operative ottimali per il conseguimento degli obiettivi di miglioramento dell offerta di salute in accordo con le OO.SS. 1) Potenziare i processi di integrazione fra Azienda e Medicina di Continuità Assistenziale La creazione di un forte rapporto di partnership fra l Azienda U.L.SS., nelle sue diverse articolazioni (Distretto, Dipartimento di Prevenzione, Ospedale) e i Medici di Continuità Assistenziale avverrà attraverso lo sviluppo del processo di aggregazione e integrazione fra pari. a) Con il Distretto, sviluppando in modo generalizzato l integrazione e la partnership per la messa a punto di specifici progetti assistenziali al singolo, con particolare attenzione ai pazienti seguiti dal Servizio di Assistenza Domiciliare. b) Con l Ospedale e gli Specialisti. In particolare questo tipo di integrazione si manifesta con la disponibilità alla presa in carico del paziente, guidandone, assieme alla rete dei servizi, il mantenimento a domicilio per i casi complessi. Rientra in questo ambito di sviluppo della partnership la condivisione e la definizione concordata di alcuni Percorsi Assistenziali. Come previsto dai Piani Nazionali e Regionali si ritiene necessario attivare percorsi strutturati e concordati fra le varie figure mediche interessate volti alla gestione integrata del paziente con patologie croniche tra specialisti e medici di assistenza primaria, individuando le modalità applicative di percorsi concordati di cura e assistenza nelle aree tematiche di volta in volta individuate. Dal canto suo, l Azienda U.L.SS. si impegna a definire obiettivi congruenti con quelli sopra riportati anche nella negoziazione del budget delle Unità Operative ospedaliere, al fine di garantire la perseguibilità dei percorsi. 2) Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità L Azienda U.L.SS. 8 ha incentrato sul miglioramento continuo della qualità una delle azioni portanti della propria operatività. Nell ambito del Servizio di Continuità Assistenziale si vogliono sviluppare attività orientate al miglioramento dei processi clinici e della comunicazione nei confronti dell utenza. Pagina 4 di 12

5 3) Formazione Riconoscendo la necessità di assicurare l attività di formazione continua, le parti convergono che, nel triennio di attività del patto, debbano essere privilegiati ed implementati i momenti di incontro culturale e scientifico. 4) Uso appropriato delle risorse L Azienda U.L.SS. 8 persegue l appropriatezza valutando in particolare: la dimensione clinica, mediante la definizione e l adozione di protocolli e linee guide; la dimensione organizzativa mediante l analisi della casistica ospedaliera, con la valutazione dei DRG ad alto rischio di inappropriatezza in ricovero ordinario, della casistica degli assistiti in Assistenza Domiciliare, delle ospedalizzazioni per cause prevenibili ; la dimensione temporale, intesa come tempestività della prestazione, L Azienda intende promuovere iniziative che contribuiscano ad aumentare i livelli di appropriatezza fino ad oggi conseguiti Il fondo aziendale - modalità di costituzione In conformità con gli Accordi Regionali, ove si stabilisce che i sistemi incentivanti devono essere finanziati con risorse certe, è istituito il fondo aziendale per il patto, definito nel contratto allegato. A tal fine si riporta quanto prescritto dall ACR b.4) Costituzione del fondo aziendale: i sistemi incentivanti adottati, in conformità all Accordo regionale di cui alla D.G.R. n del 31/12/2001, sono finanziati con risorse certe e definite, anche risultanti dai processi aziendali conseguenti alla razionalizzazione del Sistema socio-sanitario regionale. Nel rispetto dei principi contabili vigenti, ciascuna Azienda provvede alla costituzione, ogni anno, di un apposito fondo rischi ed oneri, inserendo l importo, quantificato sulla base di 4,45 per assistito/anno, pari alle quote A) e B), nel Bilancio Economico Preventivo. Nel caso in cui le risorse economiche non fossero completamente utilizzate nell esercizio di competenza, salvo quanto previsto al successivo punto b.6), la parte non corrisposta andrà ad incrementare il fondo dell anno successivo. b.5) Computo delle incentivazioni: qualora parte o tutti gli incentivi siano erogati sulla base degli assistiti si rileva opportuno uniformare le modalità di computo delle incentivazioni adottando l ipotesi di assumere come numero di quote di riferimento la media annuale degli assistiti (considerando l annualità di riferimento del Patto/Contratto). b.6) Fissazione di un tetto per le incentivazioni: si prevede di definire una formulazione di incentivazione articolata su tre livelli: - quota A), pari a 3,10 per assistito: le quote non corrisposte vengono ripartite, a fine esercizio, fra i medici aderenti in proporzione al raggiungimento degli obiettivi; - quota B), che non potrà risultare superiore a 1,35 per assistito; - quota C), legata ad obiettivi su progetti speciali predisposti dall Azienda ULSS interessata e inviati alla Direzione Regionale Piani e Programmi Socio Sanitari che si esprime in merito, acquisito il parere del Comitato di coordinamento ex D.G.R. n del 16 aprile Al fine di mantenere nel tempo il valore economico del sistema incentivante introdotto con la D.G.R. n. 3731/2004, si prevede l adeguamento annuale, a partire dal 1 gennaio 2006, del valore economico delle quote A) e B) dei Patti aziendali, conformemente agli obiettivi da perseguire nell anno di riferimento. Clausola di garanzia Le parti concordano che se nel periodo di validità del patto dovessero intervenire nuovi Accordi Nazionali e/o Regionali modificanti la struttura del fondo aziendale e le sue finalità di erogazione il Contratto verrà ridiscusso. Pagina 5 di 12

6 Il Contratto II Contratto deve essere sottoscritto entro 30 giorni dalla data di decorrenza del patto, ha durata annuale, e viene aggiornato con strumenti ordinari in modo dinamico previo accordo fra le parti. Valore economico degli obiettivi A ciascun obiettivo del contratto viene attribuito un valore economico, che corrisponde alla quota di incentivo ad essa collegato. L incentivazione sarà riconosciuta in maniera proporzionale al raggiungimento degli obiettivi e verrà corrisposta al singolo Medico di Continuità Assistenziale, sia con incarico a tempo indeterminato che a tempo determinato Indicatori Sono riferiti indicatori di attività/partecipazione, i cui contenuti sono definiti specificatamente per ciascun obiettivo proposto. Cadenza di verifica Nel patto è previsto che sia effettuata una verifica annuale degli obiettivi del contratto per la liquidazione definitiva. Tuttavia sono previste delle verifiche trimestrali in itinere, da effettuarsi da parte della Commissione Paritetica per la definizione di strategie di miglioramento nelle aree di criticità e per la discussione delle modalità operative in fieri. Organismi di verifica e valutazione Il comitato aziendale per la medicina generale è il responsabile ultimo della verifica e della validazione dei risultati sulla base anche della reportistica fornita dal Controllo di Gestione. Eventuali contrasti verranno discussi e risolti all interno del Comitato Aziendale. Sistema di negoziazione Le parti concordano che l intero progetto è di diretta responsabilità del Direttori di Distretto, che cureranno la promozione delle politiche di appropriatezza a supporto del Patto. Asolo, 11 luglio 2007 Il Direttore Sanitario Le organizzazioni sindacali Pagina 6 di 12

7 AZIENDA U.L.SS. 8 ASOLO CONTRATTO fra Azienda U.L.SS. n. 8 e Medici di Continuità Assistenziale ANNO 2007 Allegato al Patto Aziendale Pagina 7 di 12

8 1) OGGETTO Il contratto traduce gli obiettivi aziendali da perseguire già esplicitati e contestualizzati nel Patto Aziendale. Tali obiettivi sono verificabili attraverso specifici indicatori quali-quantitativi, per ognuno dei quali vengono fissati pesi e incentivi. 2) DURATA DEL CONTRATTO AZIENDALE Il contratto aziendale ha validità a partire dal 1 agosto Scade il 31 dicembre Continuerà comunque a produrre gli effetti previsti dall'accordo Collettivo Nazionale reso esecutivo dalla Conferenza Stato Regioni in data 23 marzo 2005 e dall Accordo Regionale (D.G.R.V. n: 4395/2005), fino alla stipula di un nuovo contratto aziendale. 3) DECORRENZA ECONOMICA DEL CONTRATTO AZIENDALE Il contratto aziendale ha decorrenza dal 1 agosto 2007 per tutti i medici che aderiscono al Patto. 4) CONTENUTI L Azienda U.L.SS. 8, coerentemente a quanto definito nel Documento di Direttive e nel Patto Aziendale , intende incentivare per l anno 2007 i seguenti obiettivi: a) Potenziare i processi di integrazione; b) Sviluppare il percorso del miglioramento continuo della qualità; c) Sviluppare la formazione; d) Ottimizzare l uso appropriato delle risorse. QUOTA A OBIETTIVO n. 1 POTENZIARE I PROCESSI DI INTEGRAZIONE 1.1 Assistenza programmata a pazienti fragili Allo scopo di garantire un'effettiva continuità assistenziale nelle 24 ore per 7gg / settimana ai malati gravi e multiproblematici, il medico di Continuità Assistenziale prende in carico, nelle ore proprie di attività del Servizio di Continuità Assistenziale, i pazienti seguiti in regime di ADIMED e di ADI- HR, il paziente anziano e gli ospiti delle Strutture Residenziali insediate nel territorio dell'azienda U.L.SS. 8, assicurando le prestazioni programmate e/o non differibili, secondo i criteri e le metodologie proprie dell'assistenza Primaria. Per i casi in ADIMED e ADI-HR segnalati dall U.O. distrettuale Servizio di Assistenza Domiciliare verrà programmato un accesso domiciliare per provvedere ad eventuali necessità terapeutiche. L'intervento del medico di Continuità Assistenziale in ambito domiciliare o nelle Strutture Residenziali suddette è facilitato dall'accessibilità al Diario Clinico, comprendente anamnesi, diagnosi, allergie, terapie praticate e ogni altro suggerimento ritenuto opportuno da parte del collega di Assistenza Primaria. Il medico di Continuità Assistenziale riporta sul Diario Clinico la data e l'ora del suo intervento e allega copia del modello M, assicurando in questo modo la comunicazione con il medico di Assistenza Primaria e con il Servizio di Assistenza Domiciliare nelle forme previste dall'a.c.n. Per casi di particolare complessità si prevede la possibilità di convocare in Unità di valutazione multidimensionale (UVMD) un medico di continuità assistenziale per la definizione di un progetto Pagina 8 di 12

9 assistenziale con l'obbligo di riportare le consegne ai colleghi di sede. La partecipazione verrà retribuita con gettone analogo a quello corrisposto ai medici di assistenza primaria. Per il miglioramento qualitativo dell assistenza le parti ritengono utili: la partecipazione ad eventi formativi organizzati dall Azienda, comprendendo fra questi anche la frequenza di momenti formativi svolti presso il servizio di assistenza domiciliare l adozione di linee guida e protocolli di buona pratica clinica già esistenti l integrazione nelle attività del Servizio di assistenza domiciliare dell Azienda U.L.SS. attraverso un regolare flusso informativo Indicatore: il medico di continuità assistenziale, oltre alle chiamate indifferibili, dovrà rispondere al 100% delle richieste di accessi domiciliari di pazienti di cui al presente articolo, presentate dal servizio di assistenza domiciliare. Incentivo: 3,10/ora per ogni accesso effettuato su richiesta del servizio di assistenza domiciliare il medico riceverà un compenso pari a 25,82. QUOTA B OBIETTIVO n. 2 SVILUPPARE IL PERCORSO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA QUALITÀ Rilevazione dell attività ambulatoriale e domiciliare linee guida Il servizio di continuità assistenziale ha il compito di dare risposta alle situazioni patologiche indifferibili. Il contatto dell utenza è telefonico e la prestazione fornita dal medico del SCA può orientarsi su diverse modalità di intervento. Per evitare una disomogeneità di comportamenti, con l utenza che potrebbe ricevere risposte diverse ai propri bisogni di salute a seconda della sede a cui afferisce, e per implementare l appropriatezza clinica e temporale delle risposte date, analogamente a quanto avviene nelle strutture di pronto soccorso si vuole avviare un processo di selezione delle richieste seguendo linee guida. Il progetto ha l obiettivo di aiutare il medico a scegliere le risposte più appropriate alle diverse situazioni che si presentano e di indurre a comportamenti omogeneamente applicati nell ambito del servizio. I Medici di Continuità Assistenziale si impegnano ad elaborare, in collaborazione con le unità operative dell Azienda ULSS, linee guida che individuino: A) le situazioni che più comunemente si presentano al medico; B) i quesiti da porre all interlocutore (paziente, familiare, personale di assistenza ecc.) nelle situazioni individuate al punto precedente, per definire il bisogno sanitario da affrontare; C) gli standard di risposta da adottare. Nell ambito della loro attività, per soddisfare quanto previsto al punto A, verrà fatta una rilevazione per ogni contatto con una scheda cartacea da concordare. I medici che accettano di partecipare al Progetto compilano la scheda per almeno il 90% dei contatti al Servizio nel periodo considerato, fornendo i dati rilevati secondo un tracciato cartaceo predefinito. I periodi di rilevazione sono i seguenti: dall 1 agosto 2007 al 30 settembre 2007 e dall 1 novembre 2007 al 31 dicembre Vengono definite, congiuntamente all Azienda, le modalità da porre in atto previste al punto B e l individuazione degli standard di risposta, di cui al punto C. I medici di continuità assistenziale si impegnano ad applicare la procedura individuata a partire dall anno Pagina 9 di 12

10 Indicatore: Rilevazione delle attività mediante la scheda cartacea, percentuale attesa: 90 % Incentivo: 0,75/ora per rilevazione delle attività Per i partecipanti al gruppo di lavoro 30,00/ora fino ad un massimo di 20 ore 2.2 Carta dei servizi Per l informazione degli utenti risulta necessario condividere con un gruppo di lavoro paritetico ed applicare la Carta dei servizi di Continuità Assistenziale (da valutare anche come parte integrante di quella della Medicina di Assistenza Primaria). La carta dei servizi verrà sottoposta all'esame del Comitato Aziendale entro 60 giorni dalla stipula del Patto. Successivamente sarà distribuita in collaborazione con l'azienda e i medici di Assistenza Primaria. Indicatore: distribuzione della Carta dei Servizi presso le sedi di CA. Incentivo: 0,10/ora OBIETTIVO n. 3 FORMAZIONE 3.1 Aggiornamento professionale Allo scopo di formare il medico di Continuità Assistenziale in relazione ai bisogni organizzativi del Servizio e alle necessità di aggiornamento professionale, l'azienda, anche in accordo con la programmazione formativa regionale, organizzerà corsi di carattere teorico-pratico specifici per le esigenze proprie di formazione dei medici di Continuità Assistenziale. Annualmente verrà concordato un programma formativo di almeno 5 eventi da realizzarsi con la collaborazione dell'ufficio Formazione Aziendale. In particolare, da quanto emerso nel corso degli incontri con i MCA, sono argomenti prioritari di approfondimento: 1. il paziente anziano gestito nelle strutture residenziali; 2. il paziente anziano e il paziente in fase di terminalità di patologia, gestito a domicilio in un modello integrato di ADI che privilegi anche la relazione con le altre figure professionali del Distretto; 3. il paziente psichiatrico o demente; 4. il paziente pediatrico, con gestione a domicilio e in ambulatorio; 5. la selezione delle richieste seguendo linee guida. In collaborazione con i PS ospedalieri verranno implementati corsi di BLS estesi a tutti i componenti delle equipe. Indicatore: Partecipazione almeno all 80% delle attività formative Incentivo: 0,50/ora Pagina 10 di 12

11 5) REPORT L Azienda U.L.SS. fornirà ad ogni sede di Continuità Assistenziale con cadenza trimestrale i report utili a fornire in forma sintetica le informazioni necessarie a supporto dell analisi e monitoraggio degli obiettivi definiti dal presente contratto e dell attività complessiva svolta. 6) VERIFICA RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI La competenza alla verifica degli obiettivi compete alla Azienda U.L.SS. 8. La verifica di prima istanza verrà effettuata dal Responsabile del servizio di Medicina di Comunità e dal Direttore dell U.O. Convenzioni. La verifica di seconda istanza compete al comitato aziendale per la medicina generale. 7) FINANZIAMENTO In conformità con gli Accordi Regionali, ove si stabilisce che i sistemi incentivanti devono essere finanziati con risorse certe, è istituito il fondo aziendale per il patto, così costituito: Una quota A di 3,10 /ora una quota B di accantonamento pari a 1,35/ora. I compensi sono pagati in base alle ore effettivamente svolte, ad esclusione delle ore di formazione. 8) LIQUIDAZIONE Il pagamento di quanto dovuto avverrà per il 50% alla firma dell adesione al patto mediante corresponsione con i compensi mensili e per il 50% al termine del progetto, una volta verificato il raggiungimento degli obiettivi. I corrispettivi legati agli obiettivi concernenti le visite domiciliari programmate e le prestazioni aggiuntive, verranno liquidati come previsto dagli Accordi Regionali su presentazione di una rendicontazione scritta con modalità da concordare. Il compenso è da ritenersi per medico ed è subordinato alla adesione del patto 9) ASSISTENZA AI CITTADINI NON RESIDENTI NELL AMBITO REGIONALE In conformità agli accordi regionali si richiama l obbligo per il medico di Continuità Assistenziale di assicurare le prestazioni sanitarie non differibili agli assistiti del SSR, in deroga agli ambiti territoriali di cui all art. 67, comma 1. Si conviene che il medico di Continuità Assistenziale assicuri prestazioni sanitarie non differibili anche a cittadini non assistiti dal SSR della regione Veneto e che non abbiano effettuato la scelta temporanea del medico di Assistenza primaria nell ambito dell Azienda U.L.SS.. atti medici ripetitivi euro 5,00; visita ambulatoriale euro 21,00; visita domiciliare euro 31,00. Le tariffe sono omnicomprensive anche di eventuali prestazioni aggiuntive, fatte salve le Prestazione di particolare impegno professionale ex allegato D dell ACN vigente. Ad ogni medico di CA sarà consegnato dall Azienda U.L.SS. un bollettario per l emissione, ad ogni prestazione effettuata, di regolare fattura fiscale. Il medico verserà quanto riscosso, entro il 5 del mese successivo a quello di riscossione, alla Cassa dei Presidi di Castelfranco Veneto, Montebelluna e Valdobbiadene ovvero effettuerà bonifico Pagina 11 di 12

12 bancario su C.C. di riferimento aziendale e invierà all unità operativa Convenzioni la distinta delle prestazioni effettuate e di quanto incassato e poi versato all Azienda U.L.SS. n. 8. L Azienda U.L.SS., nella mensilità successiva a quella di ricezione del dovuto, provvederà a liquidare al medico che ha eseguito le prestazioni il 90% di quanto riscosso. I medici annoteranno le prestazioni effettuate sul registro delle chiamate già in uso fino al momento dell informatizzazione, riportando la residenza anagrafica per distinguerle da quelle registrate per la consueta attività. Partecipazione ai gruppi di lavoro Per la partecipazione ai gruppi di lavoro aziendali è prevista una remunerazione di 30,00/ora. SCHEMA RIASSUNTIVO Q U O T A Obiettivo 1.1 Assistenza programmata a pazienti fragili Indicatori il medico di continuità assistenziale, oltre alle chiamate indifferibili, dovrà rispondere al 100% delle richieste di accessi domiciliari di pazienti in ADI inoltrate dal servizio di assistenza domiciliare. Valori economici 3,10 3,10 A Q U O T A B Per ogni accesso a paziente fragile effettuato su richiesta del servizio di assistenza domiciliare: 25, Rilevazione dell attività Rilevazione delle attività mediante scheda cartacea, 0,75 ambulatoriale e domiciliare percentuale attesa: 90 % 2.2 Carta dei servizi distribuzione della Carta dei Servizi 0, Formazione Partecipazione almeno all 90% delle attività formative 0,50 1,35 Asolo, 11 luglio 2007 IL DIRETTORE SANITARIO LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI... Pagina 12 di 12

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI QUADRIENNIO NORMATIVO

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli