RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE Comune di Palo del Colle Comune di Bitonto RELAZIONE ILLUSTRATIVA In occasione della programmazione delle attività e dei servizi del Piano Sociale di Zona per l anno 2013 si è provveduto a una verifica puntuale delle risorse economiche assegnate dalla Regione Puglia all Ambito territoriale Bitonto Palo del Colle e dello stato dell arte dei servizi avviati al fine di garantire continuità ai servizi essenziali, già individuati quali obiettivi di servizio con DGR 1875/2009, apportando modifiche ed integrazioni al quadro di programmazione. Con nota del è stata chiesta alla Regione Puglia la corresponsione del Fondo Globale Socio Assistenziale 2005, seconda parte, pari ad ,78, somma compresa nei residui di stanziamento del 1 Piano di zona. Con mandato n del la Regione ha liquidato ,98 e la differenza pari ad 1.064,80 è stata decurtata dal servizio di cui alla scheda 29 Pronto intervento sociale, la cui disponibilità diventa ,20. Nei residui di stanziamento del 1 Piano di Zona pari ad ,00 sono confluite le risorse vincolate pari ad ,39 per gli interventi di lotta alla droga, di cui all atto dirigenziale n. 870 del (fondi erogati agli Ambiti territoriali ai sensi del Regolamento regionale n. 4 del art. 110, comma 3 deliberazione di Giunta regionale n del ), che devono finanziare la scheda progetto n. 26 Interventi lotta alla droga. Di fatto dette risorse sono state erroneamente duplicate, finanziando nella colonna residui di stanziamento altre schede progettuali e nella colonna altre risorse pubbliche la scheda progettuale n. 26 Interventi lotta alla droga. E stato necessario, pertanto, eliminare la somma dalla colonna altre risorse pubbliche ripristinandola nella colonna residui di stanziamento, decurtando pari somma dalla scheda 1

2 7 Assistenza Domiciliare Educativa, servizio assicurato ancora con gli stanziamenti del 1 Piano di Zona. Il servizio ADI SAD di cui alle schede n è stato assicurato fino ad ottobre 2011 con le risorse del 1 Piano sociale di zona pari ad ,01. Successivamente con le risorse programmate del 2 Piano di Zona è stata assicurata la prosecuzione delle attività da novembre 2011 a fine ottobre 2012 e indetta nuova procedura di gara per l affidamento del servizio per un periodo non inferiore a 19 mesi. La gara è tuttora in corso di svolgimento e le risorse programmate sono state implementate per ,33 al fine di ampliare il numero degli utenti e la durata del servizio, facendo confluire le somme da altri servizi, così come di seguito indicato: per ,00 dal servizio taxi sociale di cui alla scheda 5, in quanto il servizio, seppur affidato nel 2009, non è mai stato attivato a seguito di rinuncia alla esecuzione delle attività da parte dell affidatario, né le risorse disponibili, in relazione all ampiezza del territorio dell Ambito, sono sufficienti a garantire un adeguato servizio; per ,61 dal servizio ADE di cui alla scheda 7, in quanto il servizio viene ancora assicurato fino a marzo 2013 con le risorse del 1 Piano di Zona; per ,72 dal servizio Inserimento lavorativo minori a rischio di devianza di cui alla scheda 10, che nel triennio ha avuto scarsa adesione da parte delle ditte del territorio; per ,00 dal Centro per le Famiglie di cui alla scheda 12, alla luce dei costi medi di strutture similari presenti sul territorio regionale; per ,00 rivenienti dalle economie di gara del servizio di Integrazione scolastica e assistenza specialistica agli alunni disabili di cui alla scheda 16. Il servizio è assicurato fino a giugno 2014; per ,00 dallo Sportello informativo ed orientamento per immigrati di cui alla scheda 28, di prossima attivazione sul territorio del Comune di Palo del Colle. Le risorse residue assicureranno un biennio di attività; 2

3 per ,00 dal servizio Pronto Intervento Sociale, di cui alla scheda 29, in quanto il servizio non è stato ancora attivato; sono ancora disponibili per la realizzazione del servizio ,20; per ,00 dal Funzionamento e gestione dell Ufficio di Piano, di cui alla scheda 33, considerati i vincoli imposti dalle norme sulle assunzioni e dal bilancio. Pertanto, i residui di stanziamento del 1 Piano di zona pari ad ,00 sono stati decurtati di 1.064,80 a seguito della differenza negativa delle risorse FGSA 2005 liquidate dalla Regione Puglia e aumentate di ,72 a seguito delle riduzioni per ,00 sulla scheda n. 5 e per ,72 sulla scheda 10. Le quote di compartecipazione utente pari ad un totale di, indicate nella colonna altre risorse private e distribuite per ,00 sul servizio ADI per ,00 sul servizio SAD e per ,00 sul Centro diurno socio educativo per disabili sono state eliminate in quanto per ADI e SAD non sono corrisposte e per i Centri diurni sono versate direttamente dagli utenti alle strutture che erogano le prestazioni. Le nuove risorse da programmare sono di seguito specificate FGSA ,00 FNPS ,56 FGSA ,67 PREMIALITA' ,10 COFINANZIAMENTO COMUNALE - 30% DI (FNPS PREMIALITA') ,10 FNA ,56 ASSEGNO DI CURA ,03 PRIMA DOTE ,35 TOTALE ,37 Tali risorse devono essere programmate secondo gli obiettivi dettati dalla Deliberazione di Giunta Regionale n del e dall Atto Dirigenziale regionale del Servizio 3

4 Programmazione Sociale e Integrazione sociosanitaria n. 578 del , ad eccezione dei fondi relativi all assegno di cura e prima dote. Inoltre, le risorse FNA 2010 in quanto fondo per le non-autosufficienze devono essere riprogrammate con specifico vincolo di destinazione esclusivamente sui seguenti servizi: ADI; PUA; UVM. L Ambito territoriale Bitonto Palo del Colle ha destinato le risorse FNA 2010 interamente sulla PUA in quanto il servizio ADI è stato ampiamente impinguato con le risorse del 2 Piano di zona e la partecipazione all UVM è assicurata dalle assistenti sociali dei Comuni dell Ambito. La restante somma di ,43 è stata così distribuita: Scheda Denominazione servizio Importo Data fine 15 CENTRO DIURNO SOCIOEDUCATIVO PER DISABILI , DOPO DI NOI , Nuova Nuova CASE PER LA VITA E/O CASE FAMIGLIA SOGGETTI CON DISABILITA' PSICHICA INTERVENTI PER DONNE E MINORI VITTIME DI VIOLENZA PRONTO INTERVENTO SOCIALE (compreso TIROCINI LAVORATIVI IN ATTIVITA' ARTIGIANALI) CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER PERSONE DISABILI (nuova struttura 50 posti disponibili) FONDO UNICO PER LA COMPARTECIPAZIONE INTERVENTI INDIFFERIBILI , , ,00 TOTALE ,43 Le risorse programmate per il CENTRO DIURNO SOCIO EDUCATIVO PER DISABILI sono in via di esaurimento. Il mantenimento degli utenti in carico e l inserimento di nuovi soggetti richiede l impinguamento della spesa prevista. 4

5 Le risorse programmate per il DOPO DI NOI sono state impegnate e vengono assicurati inserimenti di disabili nelle strutture residenziali. A seguito dell apertura di una struttura sul territorio dell Ambito si è ritenuto di incrementare le risorse disponibili. Le risorse programmate per l inserimento di disabili psichici stabilizzati nelle strutture residenziali CASE PER LA VITA sono in via di esaurimento. Il mantenimento degli utenti in carico e l inserimento di nuovi soggetti richiede l impinguamento della spesa prevista. Nel triennio sono state accolte in apposite strutture donne con figli minori VITTIME DI ABUSI E VIOLENZE segnalate per gli interventi di protezione all Autorità giudiziaria competente. Le risorse disponibili sono state interamente utilizzate. E stata pertanto programmata una spesa di per far fronte alle esigenze specifiche. Per il servizio PRONTO INTERVENTO SOCIALE, sebbene le risorse programmate non siano ancora state impegnate, in considerazione della congiuntura socioeconomica che sta caratterizzando l attuale realtà e attesa l imminente apertura sul territorio del Comune di Bitonto di una struttura di accoglienza per adulti nonché la presenza sul territorio del Comune di Palo del Colle di struttura autorizzata ai sensi dell art.76 del Regolamento Regione Puglia n. 4/2007, si prevede l incremento delle risorse in una logica di presa in carico del cittadino e della famiglia anche con la contestuale realizzazione di tirocini lavorativi presso botteghe artigiane. Il CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER PERSONE DISABILI (art.105 del Regolamento Regionale n.4/2007) è struttura di nuova realizzazione sul territorio dell Ambito, ubicata all interno dell ASP Maria Cristina di Savoia, gestita dalla cooperativa Zip.h, con una capacità ricettiva di massimo 50 utenti. E una struttura aperta alla partecipazione, anche non continuativa, di diversamente abili, con bassa compromissione delle autonomie funzionali, alle attività ludico-ricreative, di socializzazione e animazione con l obiettivo di contrastare l isolamento e l emarginazione dei diversamente abili, mantenere i livelli di autonomia della persona e supportare la famiglia. Il FONDO UNICO PER LA COMPARTECIPAZIONE INTERVENTI INDIFFERIBILI consentirà di sostenere, in parte, l ingente spesa che grava sui bilanci comunali per il pagamento delle rette nelle comunità educative di minori accolti su provvedimenti del Tribunale per i minorenni. Si allega scheda sintetica delle attività svolte nell ambito del Piano di Zona

6 2 Piano di Zona Nell ottica della continuità SCHEDA SINTETICA DELLE ATTIVITÀ SVOLTE Scheda Servizio Descrizione ADI SAD ,00 (comprensivi della quota di compartecipazione utenti pari ad ,00) Il servizio è stato assicurato fino ad ottobre 2011 con le risorse del 1 Piano sociale di zona pari ad ,01. Con le risorse programmate del 2 Piano di Zona è stato assicurato il servizio da novembre 2011 a fine ottobre 2012 con proroga e con D.D. n.49 dell è stata indetta procedura di gara per l affidamento del servizio per un periodo non inferiore a 19 mesi. La gara è tuttora in corso di svolgimento. Le risorse programmate sono 5 Taxi sociale , Assistenza Domiciliare Educativa , Centro diurno per minori incappati nel circuito penale ,06 10 Inserimento lavorativo di minori a rischio di devianza ,19 state implementate per ,33. A seguito di manifestazione di interesse il servizio è stato affidato all Associazione di Volontariato Pubblica Assistenza di Bitonto, che non ha mai iniziato le attività rinunciando all affidamento. L Ufficio di Piano con DD 9/2011 ha preso atto della rinuncia alla esecuzione del servizio di taxi sociale. Le risorse programmate (non sufficienti per garantire un adeguato servizio in relazione all ampiezza del territorio dell Ambito e non inerenti un obiettivo di servizio) hanno integrato le risorse del servizio ADI-SAD Il servizio è assicurato con le risorse del 1 Piano di zona pari ad ,96 fino a marzo Le risorse programmate per la continuità del servizio mediante espletamento nuova procedura di gara pari ad ,00 sono state decurtate di ,00 di cui ,39 per ripristinare la somma sul servizio Interventi lotta alla droga e per ,61 a favore del servizio ADI-SAD A seguito di manifestazione di interesse il servizio è stato affidato alla cooperativa Eughenia e attivato con i fondi del 1 Piano di zona pari ad ,06. Con le risorse programmate del 2 Piano di Zona è stata assicurata la proroga fino a marzo 2013 e sarà bandita idonea procedura di gara Con DD Ufficio di Piano n. 21 del è stata impegnata la complessiva somma di ,19. Nel triennio sono stati realizzati 9 inserimenti lavorativi con una permanenza sul posto di lavoro da 2 a 12 mesi. Attualmente fruiscono del progetto 3 minori. I fondi sono stati decurtati di ,72 a favore del servizio ADI-SAD 11 Inserimento presso asili nido ,00 Le risorse programmate sono state impegnate e vengono assicurati inserimenti di minori nelle sezioni primavera e nel micronido di Palo del Colle. 12 Centro per le famiglie E stato redatto il capitolato per un indagine di mercato 6

7 ,00 13 Ufficio affido familiare e adozione - equipe multidisciplinare ,00 14 Equipe integrata per i casi di abuso e maltrattamento ,00 15 Centro diurno socioeducativo per disabili ,00 (comprensivi della quota di compartecipazione utenti pari ad ,00) 16 Integrazione scolastica e assistenza specialistica alunni disabili ,00 17 DOPO DI NOI 18 Contributo barriere architettoniche 19 Borse lavoro per inclusione sociale ,00 20 Borse lavoro con tirocini formativi in relazione alla verifica della sussistenza dei presupposti richiesti dalla Regione Puglia con le linee guida per le Aziende Pubbliche di Servizi alla persona per l affidamento del servizio all ASP Maria Cristina di Savoia. Alla luce dei costi medi di strutture similari presenti sul territorio regionale, l iniziale previsione economica di ,00 è stata ridotta ad ,00 e la residua somma di ,00 è confluita nelle risorse programmate per il servizio ADI-SAD Le attività sono assicurate dalle assistenti sociali dei Comuni dell Ambito e dal personale della ASL. Le risorse disponibili sono riferite ai costi del personale comunale. Le attività sono assicurate dalle assistenti sociali dei Comuni dell Ambito e dal personale della ASL. Le risorse disponibili sono riferite ai costi del personale comunale. Le risorse programmate, che assicurano inserimenti di disabili nei centri diurni socio educativi, sono in via di esaurimento. A seguito di gara pubblica il servizio è stato affidato alla cooperativa ADAM-Solidarietà e Lavoro di Laterza fino a giugno Le risorse programmate sono state interamente impegnate e la somma residua di ,00 derivante dai risparmi di gara è confluita nelle risorse programmate del servizio ADI-SAD Le risorse programmate sono state impegnate e vengono assicurati inserimenti di disabili nelle strutture residenziali. A seguito dell apertura di un centro sul territorio è necessario incrementare le risorse disponibili Le risorse disponibili sono state interamente utilizzate. Le risorse sono state impegnate ed è stato pubblicato l avviso per la manifestazione di interesse a presentare progetti per la realizzazione di borse lavoro di cui è in corso l istruttoria pubblica per la coprogettazione. Attualmente è in pubblicazione il bando per l individuazione dei beneficiari Le risorse provengono dal 1 piano di zona e con ,00 è stato realizzato il progetto ALICE, inserimento lavorativo di donne svantaggiate. Le restanti 7

8 40.000,00 risorse pari ad ,00 sono state impegnate ed è stato pubblicato l avviso per la manifestazione di interesse a presentare progetti per la realizzazione di borse lavoro di cui è in corso l istruttoria pubblica per la coprogettazione. Attualmente è in pubblicazione il bando per l individuazione dei beneficiari 21 Inserimento lavorativo soggetti con disabilità psichica 22 Case per la vita e/o case famiglia soggetti con disabilità psichica 23 Inserimento lavorativo soggetti area dipendenze ,00 24 Interventi di prevenzione mirata e selettiva ,00 Le risorse sono state impegnate e utilizzate in parte per la realizzazione di progetti di educazione al lavoro e in parte saranno utilizzate per la realizzazione di borse lavoro in collaborazione con il CSM. Le risorse programmate che assicurano inserimenti di disabili psichici stabilizzati nelle strutture residenziali sono in via di esaurimento. A seguito di istruttoria pubblica è stato affidato il servizio. Si procederà a breve in collaborazione con il Sert alla selezione dei beneficiari. Le risorse programmate pari ad ,00 non sono state utilizzate e sono vincolate dalle disposizioni regionali per campagne di sensibilizzazione 25 Centro aggregativo di bassa soglia ,93 Le risorse programmate per la realizzazione del progetto triennale DROP IN centro di aggregazione a bassa soglia - rivengono da apposito finanziamento regionale. Alla data del sono stati liquidati dalla Regione i primi ,71 quale finanziamento della prima annualità. E stata individuata la sede del centro in via Frisicchio e sarà realizzato dalla cooperativa sociale CAPS, quale ente ausiliario. 26 Interventi lotta alla droga ,39 I finanziamenti non sono stati ancora utilizzati e sono vincolati dalle disposizioni regionali. La somma proveniente dal 1 Piano di Zona è compresa nei residui di stanziamento ed erroneamente è stata riportata anche nella voce risorse pubbliche del 2 PdZ E risultato necessario ripristinare la somma nella colonna residui di stanziamento mediante corrispondente riduzione delle risorse programmate per il servizio ADE 27 Interventi per donne e minori vittime di violenza ,00 Nel triennio sono state accolte in apposite strutture donne con figli minori vittime di abusi e violenze segnalate per gli interventi di protezione all Autorità giudiziaria competente. Le risorse disponibili sono state interamente utilizzate. Si tratta di un obiettivo di servizio. 28 Sportello informativo ed Nel Comune di Palo del Colle è in fase di 8

9 orientamento per immigrati ,00 29 Pronto intervento sociale ,00 30 Unità di Valutazione Multidimensionale ,00 31 Porta Unica di Accesso (compreso servizio sociale professionale e segretariato sociale) ,52 32 Servizio sociale professionale ,01 33 Funzionamento e gestione dell'ufficio di piano ,75 ristrutturazione, con fondi FESR, la sede per lo sportello informativo ed orientamento per immigrati. La somma disponibile di ,00 nel triennio è stata ridimensionata ad ,00 per il biennio La restante somma di ,00 è confluita nelle risorse programmate per il servizio ADI-SAD Sul territorio del Comune di Bitonto è attivo lo sportello Integra rivolto a cittadini immigrati, rifugiati e richiedenti asilo, apolidi e loro famiglie e finanziato all interno del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR). Nessuna attività è stata ancora realizzata. La somma disponibile pari ad ,00 è stata decurtata di ,00 a favore del servizio ADI-SAD Le attività sono assicurate dalle assistenti sociali dei Comuni dell Ambito e dal personale della ASL. Le risorse disponibili sono riferite ai costi del personale comunale. La PUA intesa come luogo fisico e condivisione di modulistica per la richiesta di accesso ai servizi non è stata ancora attivata. Le assistenti sociali dei Comuni dell Ambito provvedono ai compiti istituzionali propri del Servizio sociale professionale e del Segretariato sociale. La somma disponibile comprende ,00 riferita a costi del personale comunale. Il potenziamento del Servizio Sociale professionale avverrà contestualmente alla realizzazione della PUA. Le risorse programmate pari ad ,75 non sono state ancora utilizzate a causa dei vincoli imposti dalle norme sulle assunzioni e dai vincoli di bilancio. La somma di ,00 è confluita nelle risorse programmate per il servizio ADI-SAD 9

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO PAGINA 1 Asilo nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Pag.01 2 Servizi di conciliazione vita- lavoro Pag.03 3 Rete di Pronto

Dettagli

3 Piano Sociale di Zona 2014-2016

3 Piano Sociale di Zona 2014-2016 Ambito Territoriale Alto Tavoliere Comuni di San Severo, Apricena, Chieuti, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, Serracapriola e Torremaggiore 3 Piano Sociale di Zona 2014-2016 Fascicolo 2

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO Tel.: 0833 502428- PROVINCIA 0833 514227 DI LECCE Fax: 0833 514227 Internet: www.confinesociale.it

Dettagli

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Il percorso per il potenziamento della rete delle cure domiciliari nella Regione

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani COMUNE DI ALLUMIERE Servizi Sociali CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI ALLUMIERE La presente carta dei servizi sociali vuole essere uno strumento per i cittadini per conoscere gli elementi

Dettagli

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Una opzione di fondo della L. 328/2000 è la qualità, intesa non solo come metodo di valutazione degli interventi sociali, ma come strategia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel./Fax 0833 548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 REPORT SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE UFFICIO DI PIANO VT4 Il Distretto dei Comuni VT4 ha progettato e realizzato un Servizio Sociale

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 314 27/05/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 8512 DEL 14/05/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Anno IV n.1 agosto 2014

Anno IV n.1 agosto 2014 Anno IV n.1 agosto 2014 Servizio di trasporto sociale Pubblicato un Avviso per garantire servizi di trasporto presso strutture socio sanitarie e scuole ad anziani ed alunni disabili. Il Consorzio per la

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

Piano della performance

Piano della performance CITTA DI ALTAMURA Piano della performance Valutazione della performance dell ente locale Ente : COMUNE DI ALTAMURA PRESENTAZIONE DELL ENTE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Dove: Provincia: Zona: Regione Puglia

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 7 aprile 2015, n. 11

REGOLAMENTO REGIONALE 7 aprile 2015, n. 11 12666 REGOLAMENTO REGIONALE 7 aprile 2015, n. 11 Modifiche urgenti al Regolamento Regionale n. 4 del 18 gennaio 2007 e s.m.i.. Unità di Valutazione Multidimensionale, approvate dalla Giunta Regionale,

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

triennale di dirigente del Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria alla dr.ssa Anna Maria Candela;

triennale di dirigente del Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria alla dr.ssa Anna Maria Candela; 1688 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PRO GRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA 12 dicembre 2013, n. 645 D.G.R. n. 2578/2010 Progetto Qualify Care Puglia D.G.R. n. 758/2013 Approvazione

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011.

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011. REGIONE PIEMONTE BU41 13/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 1-2646 Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009 PIANO DISTRETTUALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT 4 Comune Capofila VETRALLA Esercizio Finanziario 2009 SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

COMUNE DI ANZIO COMUNE DI NETTUNO. ASL RMH-Distretto H6

COMUNE DI ANZIO COMUNE DI NETTUNO. ASL RMH-Distretto H6 ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno COMUNE DI ANZIO COMUNE DI NETTUNO ASL RMH-Distretto H6 REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD ANZIANI E DISABILI (ADI) ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DI COORDINAMENTO ISTITUZIONALE NUMERO 1 DEL 20/12/2012

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DI COORDINAMENTO ISTITUZIONALE NUMERO 1 DEL 20/12/2012 PIANO SOCIALE DI ZONA L. R. n. 19/2006 AMBITO TERRITORIALE APPENNINO DAUNO SETTENTRIONALE DISTRETTO SOCIO SANITARIO N 3 AZ. U.S.L. FG Alberona Biccari Carlantino Casalnuovo Monterotaro Casalvecchio di

Dettagli

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI Il Piano di Zona è lo strumento fondamentale attraverso cui i Comuni, in collaborazione con tutti i soggetti attivi sul territorio,

Dettagli

ALLEGATO 1. (Az. 3.3.2 Linea 3.2 dell Asse III del PO FESR 2007-2013)

ALLEGATO 1. (Az. 3.3.2 Linea 3.2 dell Asse III del PO FESR 2007-2013) REGIONE PUGLIA Area Politiche per la promozione della Salute, delle Persone, delle Pari Opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria ALLEGATO 1 A V V I S O RIVOLTO A NUCLEI

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE

PIANO SOCIALE DI ZONA BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DEL PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO (in esecuzione

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 aprile 2013, n. 758

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 aprile 2013, n. 758 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 65 del 14-05-2013 16061 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 aprile 2013, n. 758 L.R. n. 19/2006 e Del. G.R. n. 2578 del 23/11/2010 di approvazione del

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di Rivoli Rosta Villarbasse Delibera n 6 del 26/1/2015

C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di Rivoli Rosta Villarbasse Delibera n 6 del 26/1/2015 C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di Rivoli Rosta Villarbasse Delibera n 6 del 26/1/2015 APPROVAZIONE PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

Attività e servizi erogati da

Attività e servizi erogati da Attività e servizi erogati da ASP CITTÀ DI BOLOGNA SCHEDA SINTETICA [nuova ASP unica distrettuale che sostituisce, a partire dal 01.01.2015, le cessate ASP Poveri Vergognosi, ASP Giovanni XXIII e ASP Irides

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 482 01/04/2015 Oggetto : Progetto HOME CARE PREMIUM 2014: presa d'atto

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI

R E G O L A M E N T O PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI R E G O L A M E N T O PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 - Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art.

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Deli bera zio ne del Direttore Generale n.

Deli bera zio ne del Direttore Generale n. A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Deli bera zio ne del Direttore Generale n. d el OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione dell'assemblea n.14 del 29/04/2010 ART.1 FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di assistenza domiciliare, ai sensi delle vigenti

Dettagli

Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA

Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA COMUNITA A DIMENSIONE FAMILIARE PER MINORI REGOLAMENTO INTERNO Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA INDICE TITOLO I DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E ORGANIZZAZIONE Articolo 1 Oggetto pag. 2 Articolo 2 Finalità

Dettagli

Piano esecutivo di gestion

Piano esecutivo di gestion Firma: Comune di San Martino Buon BILANCIO DI PREVISIONE 2003 Piano esecutivo di gestion P.E.G. Servizio: UFFICIO SERVIZI SOCIALI RESPONSABILE: DR. CARLO BA 1 ANALISI DEL SERVIZIO - ATTIVITA E OBIETTIVI

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015 Avviso rivolto ai soggetti istituzionali, del Terzo settore e alle agenzie di spettacolo e culturali, con esperienza almeno biennale maturata nel Friuli Venezia Giulia nel settore penitenziario della devianza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 5 2. TITOLO AZIONE SOS DETTO - FATTO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE E GLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

IL SERVIZIO SOCIALE E GLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale Marche (Ente Pubblico non economico - Legge 23 marzo 1993 n 84 - D. M. 11 ottobre 1994 n 615) Commissione politiche sociali REPORT GRUPPO DI LAVORO IL

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 976 03/07/2015 Oggetto : Approvazione della seconda tranche per l'affidamento

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014 PLUS Ambito Distretto di Oristano Comprendente i Comuni di: Allai-Baratili S.Pietro-Bauladu-Cabras-Milis-Narbolia-Nurachi-Ollastra-Oristano- Palmas Arborea-Riola Sardo-Samugheo-S.Vero MIlis-Santa Giusta-Siamaggiore-

Dettagli