SENSORI A FIBRA OTTICA PER LA DIAGNOSTICA STRUTTURALE DEI BENI ARCHITETTONICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENSORI A FIBRA OTTICA PER LA DIAGNOSTICA STRUTTURALE DEI BENI ARCHITETTONICI"

Transcript

1 SENSORI A FIBRA OTTICA PER LA DIAGNOSTICA STRUTTURALE DEI BENI ARCHITETTONICI Indice Introduzione 2 1. Schema d'impiego dei sensori a fibra ottica FBG 3 2. Vantaggi nell'utilizzo di sensori a fibra ottica 3 3. Applicazione di sensori a fibra ottica per il restauro conservativo dei beni 6 architettonici 3.1 Affreschi con fessurazioni Monitoraggio di vibrazioni Monitoraggio strutturale Confronto tra i sensori in fibra ottica FBG e il distanziometro meccanico Conclusioni 14 BIBLIOGRAFIA 14 APPENDICE A - Generalità sulle fibre ottiche e i reticoli di Bragg 15 1/16

2 Introduzione Le fibre ottiche sono componenti molto conosciuti, soprattutto grazie al loro impiego nel campo delle telecomunicazioni. Molto meno noto è il loro impiego nel campo della sensoristica: infatti utilizzando componenti in fibra ottica è possibile realizzare sensori di temperatura, di deformazione, di accelerazione ecc.. Sebbene l'impiego di questi sensori non sia ancora molto diffuso a livello industriale, i vantaggi che presentano (alta risoluzione, immunità al rumore elettromagnetico, durata ecc.) e l'avanzato livello d'industrializzazione degli strumenti disponibili commercialmente, li rendono una valida e promettente alternativa ai sensori tradizionali di tipo elettrico ed elettromeccanico. I sensori a fibra ottica sono di vario tipo, a seconda del principio fisico che sfruttano per trasdurre la grandezza da misurare in segnale ottico decodificabile [1]. Oggetto di questo rapporto sono i sensori basati su reticoli di Bragg in fibra ottica (in seguito denominati sensori FBG) che, tra i vari tipi di sensori ottici, sono i più diffusi. Le prestazioni riportate in questo rapporto sono relative ai sistemi di misura realizzati dalla CELM snc, con sede a Madignano in provincia di Cremona, unica azienda italiana che produce e commercializza strumenti basati sulla tecnologia dei sensori FBG. Le prove sperimentali riportate sono state realizzate con la strumentazione e nei laboratori messi a disposizione dalla CELM. 2/16

3 1. Schema d'impiego dei sensori a fibra ottica FBG Le parti che compongono il sistema di misura che utilizza i sensori FBG sono essenzialmente (Figura 1): la fibra ottica coi sensori FBG il cavo in fibra ottica di collegamento tra i sensori e l'elettronica di controllo l'elettronica di controllo un PC connesso con l'elettronica di controllo tramite un cavo locale, rete locale, Internet, o modem GSM. Modem Rete TCP/IP Cavo L'oggetto a cui sono vincolati i sensori trasmette le proprie deformazioni ai reticoli di Bragg. FBG (n) Un reticolo di Bragg in fibra ottica è una modulazione periodica dell'indice di rifrazione (n) della fibra: esso agisce come uno specchio che riflette la luce di una specifica lunghezza d'onda. Al variare del passo della modulazione cambia la lunghezza d'onda della luce riflessa. Elettronica Cavo di fibra ottica max 10 km Figura1 Schema del sistema di misura che impiega i sensori FBG. I sensori FBG vengono vincolati all'oggetto da monitorare in modo tale da riprodurre i movimenti o deformazioni della sua superficie: le variazioni indotte alla struttura del reticolo di Bragg vengono codificate, sottoforma di variazioni di lunghezza d'onda, nel segnale ottico che raggiunge l'elettronica di controllo. L'elettronica decodifica il segnale ottico e trasmette i dati delle misure a un PC che provvede alla visualizzazione e memorizzazione dei dati. 2. Vantaggi nell'utilizzo di sensori a fibra ottica I vantaggi dei sensori a fibra ottica basati su reticoli di Bragg, rispetto ai sensori tradizionali elettrici o meccanici, sono: Alta risoluzione, dinamica e accuratezza 3/16

4 I sensori basati su reticoli di Bragg offrono un'alta risoluzione. La risoluzione, cioè la capacità di rilevare una variazione molto piccola della grandezza da misurare, è pari a una parte per milione (10-6 ) della lunghezza d'onda della luce utilizzata da questi sensori (si ricorda che i sensori a fibra ottica FBG codificano le misure sottoforma di variazioni di lunghezza d'onda della luce). In termini pratici ciò significa che questi sensori possono misurare deformazioni minime ( ε min ) pari a 1 microepsilon (1x10-6 ): questo dato, moltiplicato per la base di misura (l), fornisce la minima variazione di lunghezza misurabile ( l min ). l min =l * ε min Consideriamo ad esempio due punti distanti 1 metro: il sensore, fissato tra questi due punti, è in grado di misurare variazioni di questa distanza pari a 1 micron (10-6 metri): l=1m x 1x10-6 = 1 micron. Se la distanza tra due punti è pari a 10 cm le variazioni di distanza tra di essi rilevabili sono pari a 0,1 micron (1/ di millimetro). Quando vengono impiegati come sensori di temperatura, la risoluzione della misura è pari a 0,1 C. I sensori basati su reticoli di Bragg offrono un'alta dinamica. La dinamica, cioè la capacità misurare una grandezza fisica in un suo ampio intervallo di variazione con una determinata risoluzione, è legata soprattutto alla struttura della fibra ottica ed è pari ad almeno parti per milione della lunghezza d'onda della luce utilizzata da questi sensori. Tornando agli esempi precedenti la deformazione massima ( ε max ) misurabile è pari a microepsilon. Quindi la massima variazione di lunghezza ( l max ) misurabile è data da: l max = l * ε max Considerando due punti distanti 1 metro si ottiene (per misurare : l max = x10-6 x1 m = micron= 10 mm Per misurare variazioni di lunghezza sia positive che negative, i sensori FBG vengono precaricati nella fase d'installazione. Ad esempio, precaricando un sensore a 5000 microepsilon, si possono misurare variazioni l max = ± 5 mm Nel caso della misura di temperatura la massima variazione di temperatura misurabile è pari a 500 C. I sensori basati su reticoli di Bragg offrono un'alta accuratezza. L'accuratezza, cioè il massimo scostamento tra il valore misurato e il valore reale della grandezza fisica misurata, è espressa in percentuale del massimo valore misurabile (fondoscala). Per i sensori a FBG tale valore è pari a circa 2 parti per milione della lunghezza d'onda della luce utilizzata da questi sensori, che in percentuale corrisponde al 0,02 % del fondoscala. 4/16

5 In base a quanto precedentemente affermato, i sensori FBG permettono di effettuare la misura assoluta di deformazioni con una accuratezza di circa 2 microepsilon (2x10-6 ). Secondo l'esempio precedente, il sensore FBG fissato tra due punti distanti 1 m, è in grado di misurare variazioni di questa distanza con una accuratezza pari a 2 micron (2x10-6 metri): 2/ (0,02%) x micron = 2 micron. Immunità al rumore elettromagnetico I sensori a fibra ottica FBG sono intrinsecamente immuni al rumore elettromagnetico: questa caratteristica è dovuta al materiale con cui sono realizzate le fibre ottiche, il vetro: essendo un materiale dielettrico, i campi elettromagnetici non possono ovviamente indurre correnti elettriche in esso, come invece succede in presenza di cavi in rame. Inoltre i campi elettromagnetici non possono modificare la luce che attraversa la fibra ottica. Pertanto i sensori a fibra ottica FBG possono attraversare o essere posti in ambienti con forte rumore elettromagnetico, dovuto ad esempio a macchinari elettrici, linee elettriche, antenne ecc. Stabilità nel tempo I sensori a fibra ottica FBG sono caratterizzati da una alta stabilità nel tempo: questa caratteristica è legata al materiale che costituisce la fibra ottica, il vetro, che non invecchia mai. Una volta installati i sensori FBG funzionano per anni senza patire le consuete derive dovute all'invecchiamento dei materiali, alla corrosione, all'azione degli agenti atmosferici a cui sono soggetti i sensori elettro-meccanici tradizionali. Questa caratteristica risulta particolarmente importante nei casi in cui si renda necessario un monitoraggio di lunga durata o permanente di strutture da proteggere per il loro alto valore artistico, architettonico, industriale o civile. Le misure effettuate in periodi diversi sono sempre coerenti e correlate fra di loro e non è necessario una sostituzione periodica dei sensori non sono più affidabili. Installazione a grande distanza i sensori a fibra ottica FBG possono essere installati a distanze dell'ordine della decina di Km dall'elettronica di controllo: questa caratteristica è legata alla bassissima attenuazione che i segnali ottici subiscono durante la loro propagazione lungo la fibra ottica. Quindi sia strutture di grandi dimensioni quali ponti, stabilimenti industriali, torri, campanili, chiese ecc. possono essere controllati da un unico sistema centralizzato a cui fanno capo sensori installati anche a grande distanza. Bassa intrusività I sensori FBG sono costituiti essenzialmente da una fibra ottica, le cui dimensioni esterne sono molto contenute (diametro della fibra ottica= 250 micron): questa caratteristica può venire sfruttata appieno quando sia necessario posizionare i sensori in spazi molto ristretti o sia necessario evitare di sovraccaricare struttura molto delicate con il peso del sensore. Si pensi ad esempio alla necessità di installare sensori di deformazione (estensimetri) su un affresco o una tela antica. Trasferimento dati via rete e/o wireless L'elettronica di controllo è predisposta per l'interfacciamento con il Personal Computer di 5/16

6 controllo tramite scheda di rete: in questo modo da qualsiasi postazione connessa alla stessa rete, ad esempio INTERNET o una rete locale, è possibile impostare le misure, controllare in tempo reale il funzionamento dei sensori, scaricare i dati acquisiti. In mancanza della rete, è possibile collegarsi all'elettronica in modo remoto tramite modulo GSM installato sia a bordo dell'elettronica che a bordo del PC di controllo. 3. Applicazione di sensori a fibra ottica per il restauro conservativo dei beni architettonici Un campo innovativo di applicazione dei sensori a fibra ottica FBG è la conservazione dei beni architettonici e artistici. Infatti la durata nel tempo di edifici antichi, sia che siano essi stessi il patrimonio artistico da proteggere, sia che costituiscano il supporto di altre opere d'arte, non può prescindere da una accurata diagnosi della loro stabilità e dei dissesti che si manifestano sotto forma di lesioni alla struttura. Gli interventi di consolidamento strutturale devono infatti basarsi sulla esatta comprensione delle cause e della dinamica del dissesto: questo compito è facilitato dall'installazione di un sistema di monitoraggio che, tramite sensori installati in punti opportuni, permette di rilevare la dinamica del quadro fessurativo (insieme delle lesioni della struttura). L'analisi degli incrementi e dei decrementi dell'ampiezza delle fessure, correlata agli effetti climatici, ambientali e di carico, consente di correlare le possibili cause ai risultati delle misure. In modo analogo possono essere misurati altri parametri, quali la planarità o la perpendicolarità tra due superfici, l'effetto di cause ambientali quali il traffico stradale o l'effetto di carichi dinamici prodotti, ad esempio, dall'oscillazione delle campane o dal passaggio dei visitatori. Terminato l'intervento di consolidamento strutturale il sistema di monitoraggio ha la funzione di validare l'efficacia dell'intervento stesso. I sensori a fibra ottica sono uno strumento diagnostico di monitoraggio strutturale che offre una miglior risoluzione, flessibilità d'impiego e minore intrusività rispetto agli strumenti tradizionali: queste caratteristiche si traducono in misure e, quindi, in valutazioni tecniche più accurate, minori tempi e costi d'indagine, minore impatto sull'opera d'arte o struttura analizzata. I sensori a fibra ottica sono trasduttori di deformazione: a seconda di come il sensore viene applicato alla struttura e della banda in cui viene acquisito il segnale, tali sensori agiscono da estensimetro, vibrometro o inclinometro. Nella funzione di estensimetro si confrontano con i distanziometri meccanici: questi strumenti sono basati sulla misura, effettuata con un'asta in materiale metallico a basso coefficiente di dilatazione termica, della distanza tra due piastrine circolari di riscontro, dotate di un foro micrometrico al centro. Questo strumento è solitamente impiegato per controllare il movimento di una fessura: le due piastrine di riscontro vengono fissate ai due lati della lesione a una distanza sufficientemente grande (circa 15 cm per lato) per evitare che la lesione aggiri le piastrine. Il sensore a fibra ottica FBG, per svolgere l'analoga funzione, deve essere fissato a cavallo della fessura mediante due punti di vincolo che trasmettono al sensore gli spostamenti relativi delle pareti ai lati della fessura. Il confronto dettagliato tra le prestazioni ottenibili con i sensori a fibra ottica e con il distanziometro è presentato nel capitolo 4. Nel seguito viene analizzati l'impiego di sensori a fibra ottica FBG per la diagnostica di alcune tipologie di dissesto. 6/16

7 3.1 Affreschi con fessurazioni La vita degli affreschi è strettamente legata alla struttura a cui sono stati applicati: i dissesti della struttura si manifestano come fessure o distacchi che danneggiano l'affresco stesso (Figura 2). Figura 2 Fessura su una parete verticale affrescata (abitazione privata). L'utilizzo di un sistema di monitoraggio del quadro fessurativo può quindi richiedere l'installazione dei i sensori direttamente sugli affreschi. Questa operazione comporta un inevitabile danneggiamento dell'affresco: si pensi ad esempio all'incollaggio delle piastrine di riscontro dei distanziometri, o alla pressione che il tecnico incaricato deve necessariamente esercitare sull'affresco per far allineare le punte dell'asta di misura del distanziometro con i fori di riferimento delle piastrine di riscontro. I sensori a fibra ottica FBG offrono il grande vantaggio di poter essere fissati all'affresco con gesso a presa rapida oppure calce: questi materiali possono infatti essere rimossi dall'affresco al termine delle misure senza danneggiarlo. Una volta fissato il sensore, i dati possono essere raccolti continuamente in modo automatico e non è più necessaria alcuna manipolazione dello stesso, ad eccezione che debba essere rimosso. Non è quindi necessario lasciare installate le strutture che permettono di accedere all'affresco, come ad esempio ponteggi o trabattelli. Altri vantaggi sono il peso pressoché nullo della fibra ottica che non carica ulteriormente la superficie dell'affresco e, se l'affresco è esposto al pubblico, la possibilità di mascherare i punti di fissaggio dando una colorazione opportuna al gesso o alla calce. In Figura 3 è mostrato lo schema di fissaggio di un sensore a fibra ottica FBG su una fessura. Fibra ottica φ= 250 µm Punti di fissaggio con calce o gesso Alla strumentazione Sensore FBG 30 cm Terminazione libera Figura 3 Schema di fissaggio di un sensore FBG a cavallo di una fessura. Nella figura 4 è mostrato l'incollaggio di fibre ottiche ad un frammento di affresco mediante calce e gesso a presa rapida. 7/16

8 Figura 4 Fissaggio di fibre ottiche su un frammento di affresco utilizzando gesso a presa rapida e calce. Questa tecnica di misura può essere applicata a condizione che l'azione di trazione esercitata dagli spostamenti relativi delle pareti o dei soffitti ai lati della fessura non porti alla rottura dei punti di fissaggio. Per verificare questo aspetto sono state effettuate prove sperimentali di trazione di un sensore FBG, fissato con gesso a presa rapida e calce sul frammento di affresco mostrato precedentemente. Nella figura 5 è mostrato il banco sperimentale utilizzato per effettuare le prove: il sensore a fibra ottica FBG è stato vincolato con gesso a presa rapida da una parte sul frammento di affresco, a sua volta vincolato rigidamente alla barra di supporto mediante annegamento nella calce, dall'altra su una piastra di materiale ceramico vincolato al carrello micrometrico. Figura 5 Banco sperimentale utilizzato per la verifica della resistenza alla trazione dei sensori FBG vincolati con su un campione di affresco. 8/16

9 La distanza tra i due punti di vincolo è di 400 mm: grazie al carrello micrometrico questa distanza è stata incrementata progressivamente fino a 401 mm. Dividendo l'allungamento di 1 mm per la base di misura di 400 mm si ottiene la deformazione (ε) imposta al sensore: ε =1/400 = 2.500x10-6 = microepsilon La figura 6 mostra Il grafico delle misure di deformazione effettuate durante la prova di adesione. L'allungamento del sensore è stato incrementato agendo sul micrometro a passi di 50 µm, corrispondenti a 125 µε. I dati riportati sono relativi alla fase di trazione e alla fase di rilascio: dalla sovrapposizione dei dati non si evidenziano fenomeni d'isteresi. Misura di deformazione con sensore FBG Deformazione misurata [microepsilon] Deformazione imposta [microepsilon] Fase di trazione Fase di rilascio Figura 6 - Misure di deformazione del sensore FBG vincolato all'affresco. Le conclusioni che si possono trarre da queste prove sperimentali è che l'adesione dei sensori all'affresco è tale da sopportare deformazioni della fibra ottica fino ad almeno 2500 microepsilon per il gesso a presa rapida (non è stato forzata la prova fino alla rottura per non danneggiare il sensore), dinamica più che sufficiente per le normali esigenze di monitoraggio. La linearità della misura è buona, i piccoli scostamenti apprezzabili sono da imputarsi agli errori di posizionamento e di lettura del micrometro meccanico. L'altro materiale utilizzato per le prove è la calce: rispetto al gesso a presa rapida è però penalizzato da una minore resistenza alla trazione: il limite massimo raggiunto è di circa 1000 microepsilon. Oltre questo valore il vincolo di calce si rompe: per aumentare la resistenza del vincolo è necessario aumentare la quantità di calce impiegata. 3.2 Monitoraggio di vibrazioni La stabilità di edifici antichi può essere peggiorata o compromessa anche dall'effetto di 9/16

10 sollecitazioni esterne dovute ad attività di vario tipo. Nei centri storici la presenza di traffico anche pesante (autobus, tram, mezzi di servizio, treni, metrò ecc.) nella vicinanza di edifici di interesse storico e artistico comporta una sollecitazione periodica di tipo vibrazionale che si trasmette alle loro strutture. Questo tipo di sollecitazione può inoltre influire sullo stato di conservazione delle opere d'arte (ad es. affreschi) o elementi di pregio (ad es. statue o decori) vincolati rigidamente alle strutture portanti degli edifici. Gli edifici aperti al pubblico sono sollecitati dal passaggio delle persone, che costituiscono un carico dinamico di entità molto variabile. Un altro esempio è ìl movimento delle campane di torri campanarie: la massa della campana in movimento genera una sollecitazione periodica assimilabile ad una vibrazione a bassa frequenza che produce un momento flettente lungo la struttura. La verifica dell'effetto reale che le varie sollecitazioni producono sulle strutture richiede l'impiego di strumenti di elevata risoluzione e con una adeguata risposta in frequenza (fino a centinaia di Hertz): i sistemi di misura che impiegano sensori a fibra ottica basati su reticoli di Bragg rispondono a questi requisiti. In figura 7 è mostrata la misura di vibrazioni effettuata con sensori FBG montati su una struttura sperimentale in cemento armato, sollecitata da una tavola vibrante per prove sismiche, effettuate presso i laboratori ENEA della Casaccia (Figura 8): lo spettro della sollecitazione è del tipo rumore bianco. La misura è espressa in lunghezza d'onda. In questo caso i sensori FBG sono stati applicato direttamente sulla struttura. Alternativamente è possibile impiegare trasduttori che impiegano un sensore FBG come elemento sensibile. Prove sismiche Lunghezza d'onda [nm ] 1532, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Tempo [sec] Figura 7 Misure di vibrazioni indotte su una struttura in cemento armato presso i laboratori ENEA della Casaccia. Le due tracce sono riferite a due sensori FBG in posizioni diverse. Dalla misura delle vibrazioni di una struttura si può ricavare la sua caratteristica dinamica: i modi normali e le frequenze proprie di vibrazione costituiscono la risposta della struttura alle sollecitazioni e una variazione di questi parametri indica la presenza di una modifica della struttura. 3.3 Monitoraggio strutturale Gli edifici antichi spesso presentano fessure di dimensioni ragguardevoli, di cui raramente 10/16

11 si conosce l'origine e di cui è necessario prevedere l'evoluzione. La questione fondamentale a cui rispondere è se la lesione si è stabilizzata o se sta continuamente aumentando le sue dimensioni, segno che la causa del cedimento strutturale manifestatosi con la fessura è ancora presente. A causa dei movimenti molto lenti della fessura, che si rendono evidenti nel corso di anni e si sommano a effetti stagionali e climatici, non è facile dare una risposta chiara al quesito. Un sistema di monitoraggio ad elevata risoluzione e in grado di fornire una misura continua è sicuramente di grande aiuto per fornire una valutazione corretta in tempi accettabili: fenomeni molto lenti nel tempo, che quindi provocano una variazione molto piccola delle dimensioni della fessura durante il periodo di osservazione, possono essere misurati con accuratezza ed eventualmene correlati con eventi e situazioni ambientali particolari. I sensori a fibra ottica FBG possono essere installati direttamente sulla fessura in questo caso agiscono come fessurimetro - con la stessa tecnica di vincolo proposta per gli affreschi, oppure applicati a trasduttori, costituiti essenzialmente da barrette metalliche di opportune dimensioni, che a loro volta vengono fissati sulla struttura con tasselli. Considerando che le misure vengono effettuate in continua data la lentezza dei fenomeni da indagare, si possono ottenere risoluzioni della misura migliori di 0,1 µm (10-7 m). E' evidente che adottando questo tipo di tecnologia si possono mettere in evidenza informazioni che con altri strumenti di misura (ad es. il distanziometro, che ha una risoluzione di 10 µm) resterebbero nascoste. Un aspetto importante riguarda l'accessibilità alle fessure, che spesso sono localizzate a grandi altezze, come mostrato in figura8. Figura 8 - Fessura sulla parete esterna di una chiesa parrocchiale: l'accesso alla zona richiede l'ausilio di ponteggi o mezzi di sollevamento. L'utilizzo di sensori FBG permette di posizionare l'unità elettronica di controllo in una posizione facilmente accessibile, anche a notevole distanza dalla fessura, evitando 11/16

12 l'impiego ripetuto di mezzi di sollevamento o protezione per chi effettua le misure. Lo stesso tipo di tecnica può essere applicato per il monitoraggio di stabilità di strutture verticali, ad esempio pareti o colonne: lo spostamento dalla verticale in questo caso la funzione svolta è di misuratore di fuori piombo - può essere misurato con trasduttori che impiegano sensori FBG per leggere le deformazioni che lo spostamento dalla verticale di una massa nota produce sul braccio che sostiene la massa stessa. Dimensionando opportunamente la massa e il braccio di sostegno si può tarare la sensibilità del trasduttore. La misura della variazione di inclinazione tra un piano di riferimento e un piano soggetto a movimenti - la funzione svolta è di inclinometro relativo si effettua fissando il sensore FBG all'asta verticale di un profilato metallico ad L, la cui base presa come riferimento viene fissata ad esempio al pavimento, mentre la parte verticale è vincolata alla parete che è sottoposta all'inclinazione progressiva. La misura della deformazione dell'asta verticale viene convertita in inclinazione. 4. Confronto tra i sensori in fibra ottica FBG e il distanziometro meccanico Per effettuare il confronto tra il distanziometro meccanico ed i sensori a fibra ottica FBG vengono considerati sia i parametri inerenti alla misura, sia gli aspetti legati all'utilizzo dei due strumenti. Per quanto riguarda la misura, il parametro principale è la risoluzione: il distanziometro meccanico ha una risoluzione di 10 µm [2], mentre i sensori a fibra ottica FBG hanno una risoluzione, su una base di misura di 30 cm, pari a 0,3 µm. La r risoluzione dei sensori FBG, circa 30 volte migliore dei distanziometri, si traduce in misure che riproducono con re fedeltà l'andamento della larghezza della fessura. Per apprezzare la differenza tra le misure che si ottengono coi due diversi sistemi, nella Figura 9 è simulato l'andamento della larghezza di una fessura il cui movimento complessivo è dato dalla sovrapposizione di un allargamento lineare di ampiezza finale pari a 100 µm (che rappresenta, ad esempio, un cedimento progressivo costante) e di un allargamento sinusoidale (che può rappresentare un effetto climatico o ambientale). 12/16

13 100 Simulazione misure DISTANZIOMETRO - FBG Larghezza fessura [micron] Larghezza reale DISTANZIOMETRO FBG Figura 9 Confronto tra misure simulate effettuate con sensori FBG e distanziometro. All'andamento della fessura (linea rossa) sono state sovrapposte la misura simulata effettuta con sensori FBG (linea blu) e la misura simulata effettuata con il distanziometro (punti verdi). In entrambe le misure simulate è stato introdotto il relativo errore di misura, visualizzato dall'andamento irregolare della misura del sensore FBG e dalla bara di errore riportata per ogni punto di misura del distanziometro. La rappresentazione delle misure è quindi, seppur simulata, realistica. Nelle figure 10a e 10b le due misure sono mostrate separatamente: è evidente la r qualità dell'informazione che si ottiene impiegando sensori FBG. 100 Simulazione misure FBG febbraio febbraio aprile aprile giugno giugno agosto agosto ottobre ottobre dicembre dicembre febbraio febbraio aprile aprile giugno giugno agosto agosto ottobre ottobre dicembre dicembre 100 Simulazione misure DISTANZIOMETRO 90 Larghezza fessura [micron] Larghezza fessura [micron] 10 0 febbraio febbraio aprile aprile giugno giugno agosto agosto ottobre ottobre dicembre dicembre Figura 10a Misura del distanziometro meccanico. Figura 10b Misura del sensore FBG. Dalle stesse figura risulta evidente che, mentre con i sensori a fibra ottica è possibile effettuare un monitoraggio continuo in quanto l'elettronica provvede da se a memorizzare i 13/16

14 dati, con il distanziometro si ha un monitoraggio intervallato nel tempo, che richiede la presenza di un tecnico ogni volta che la misura viene ripetuta. Il sistema di interrogazione dei sensori a fibra ottica FBG permette, oltre alla memorizzazione locale dei dati, di trasmettere i dati acquisiti in tempo reale a distanza, via rete o via modem GSM, quindi senza la presenza diretta di un operatore in loco. Un altro aspetto rilevante riguarda il monitoraggio di affreschi in posizioni difficoltose da raggiungere, come ad esempio le volte delle chiese o facciate esterne di edifici alti : la misura col distanziometro richiede che venga mantenuto l'accesso alla fessura da monitorare, ad esempio con un ponteggio, con i relativi costi e impatto sulla fruibilità dell'ambiente. L'utilizzo di sensori FBG permette invece di posizionare l'unità elettronica di controllo in una posizione facilmente accessibile, anche a notevole distanza dalla fessura, evitando i costi e il disagio che comporta il mantenere un ponteggio installato per molto tempo. 5. Conclusioni I sensori in fibra ottica a reticolo di Bragg (FBG) sono una realtà promettente nel vasto campo dei sensori ottici. La diffusione di sistemi di misura commerciali permette di valutare appieno concrete applicazioni di questa tecnologia innovativa. Grazie alla loro versatilità d'impiego e alle loro caratteristiche tecniche possono essere impiegati nella diagnostica strutturale di beni architettonici e artistici, con evidenti vantaggi, rispetto agli strumenti tradizionali, dal punto di vista della semplicità d'installazione, del trasferimento dei dati, della precisione delle misure, della bassa intrusività. I sensori FBG offrono quindi l'opportunità di ridurre il costo del monitoraggio, riducendo la necessità di intervento del personale in loco e delle relative attrezzature di supporto e ottimizzando i tempi di osservazione dei fenomeni. La re qualità dei dati raccolti consente di individuare con r precisione e rapidità gli interventi necessari al consolidamento delle strutture e la loro efficacia. L'impiego di sensori FBG rappresenta quindi un indubbio salto di qualità nel monitoraggio strutturale. BIBLIOGRAFIA [1] B. Lee, Review of the present status of optical fiber sensors, Optical Fiber Technology,9-2003, pgg.57-79, Academic Press [2] L. Baruchello, G. Assenza, Diagnosi dei dissesti e consolidamento delle costruzioni, ed. DEI, /16

15 Appendice A Generalità sulle fibre ottiche e i reticoli di Bragg Una tipica fibra ottica è mostrata in Figura A: la fibra è costituita da una parte interna con un indice di rifrazione n1 e da una parte esterna con indice di rifrazione n2. Le fibre ottiche sono realizzate in vetro o polimeri e sono usualmente rivestite con una guaina protettiva. L'indice di rifrazione n1 è leggermente re di n2 e questa caratteristica premette alla fibra ottica di guidare al suo interno i raggi di luce che entrano con un angolo, rispetto all'asse della fibra, inferiore a θ. I raggi che entrano ad angoli ri di θ non vengono trasmessi dalla fibra ottica. θ n2 n1 Figura A1 - Principio di funzionamento della fibra ottica Le fibre ottiche possono essere singolo-modo o multi-modo a seconda che la luce propaghi all'interno delle fibra su un solo percorso o su più percorsi; questa caratteristica dipende dalla lunghezza d'onda della luce inviata nella fibra ottica e dalle dimensioni geometriche della fibra stessa. Le fibre ottiche impiegate per realizzare i reticoli di Bragg sono in vetro di tipo singolomodo alla lunghezza d'onda d' impiego che, per le applicazioni nel campo delle telecomunicazioni e dei sensori, è usualmente nella banda ottica dell'infrarosso (tra 1,3 e 1,6 µm). Il diametro tipico di una fibra ottica monomodo è di 0,125 mm, che diventano 0,250 mm considerando anche la guaina protettiva. n1 p n2 n1 λa λb x Figura A2 - Principio di funzionamento del reticolo di Bragg in fibra ottica. Un reticolo di Bragg (Figura A2) in fibra ottica è costituito da una modulazione periodica di passo (p) dell'indice di rifrazione (n1) della fibra : esso agisce come uno specchio che riflette la luce di una specifica lunghezza d'onda (λb): le lunghezze d'onda diverse da λb, indicate con λa, non vengono riflesse. Al variare del passo (p) della modulazione dell'indice di rifrazione n1 cambia la lunghezza d'onda della luce riflessa: il reticolo di 15/16

16 Bragg agisce come sensore quando viene fissato ad una struttura che trasmette le sue deformazioni alla fibra ottica, modificandone il passo (p) del reticolo. Analizzando la lunghezza d'onda della luce riflessa è quindi possibile risalire alla deformazione applicata al reticolo. La lunghezza d'onda riflessa varia anche in funzione della temperatura del reticolo di Bragg, sia per effetto della dilatazione del vetro di cui è costituita la fibra ottica, sia per la variazione dell'indice di rifrazione del vetro in funzione della temperatura. Pertanto il reticolo di Bragg può essere impiegato anche come sensore di temperatura. Nel caso in cui le variazioni di temperatura siano di entità tale da disturbare la misura di deformazione è necessario sottrarre l'effetto della temperatura, acquisita mediante un altro sensore. 16/16

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

9 MONITORAGGI 9.1 PREMESSA

9 MONITORAGGI 9.1 PREMESSA 9 MONITORAGGI 9.1 PREMESSA Lo scopo di un monitoraggio è quello di individuare le cause che generano i fenomeni di dissesto. Individuare le cause significa capire il fenomeno nella sua completezza consentendo

Dettagli

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale 9 CONVEGNO Aeroporti: esperienze operative e innovazioni tecnologiche 30 ottobre 2014 - Aeroporto Malpensa Nuove tecnologie per ambiente sicurezza e monitoraggio in aeroporto: La tecnologia FBG per il

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO ADRIANO GOMBA & C. NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO Installazione. Un sistema di pesatura è costituito da un serbatoio, il cui contenuto deve essere tenuto sotto

Dettagli

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI CONVEGNO Controlli innovativi per la costruzione e la manutenzione di componenti meccanici ed opere infrastrutturali MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI PARTE PRIMA Prof. Ing. Giacinto Porco

Dettagli

PARTHENOPE ANALISI FEM DI FIBRE OTTICHE HOLLOW CORE, IMPERTURBATE E PERTURBATE

PARTHENOPE ANALISI FEM DI FIBRE OTTICHE HOLLOW CORE, IMPERTURBATE E PERTURBATE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni ANALISI FEM DI FIBRE OTTICHE HOLLOW CORE, IMPERTURBATE E PERTURBATE Relatori:

Dettagli

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA F. Vullo GE Measurement & Control Solutions, Via Cardano 2, 20864 Agrate Brianza (MB) Tel: +39 0396561403 Cell: +39 3494694165 Fax:

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano.

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI EDIFICI ADIACENTI GLI SCAVI CON ELETTROLIVELLE DI PRECISIONE Novembre 2008 Luglio 2009 ADVANCED G EOTECHNICAL

Dettagli

Compattatore a Rullo Standard

Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard PAVELAB SYSTEM elettromeccanico e multi-formato con controllo closed loop CARATTERISTICHE PRINCIPALI o Funzionamento completamente elettromeccanico;

Dettagli

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano www.indaginistrutturali.it IndaginiStrutturalisrl opera nel settore della diagnostica di infrastrutture e manufatti di ogni tipo effettuando verifiche, controlli, monitoraggi, con particolare riguardo

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Mappa Informativa Scritte SLS-ANY

Mappa Informativa Scritte SLS-ANY Mappa Informativa Scritte SLS-ANY Prodotto/i : Scritte luminose scorrevoli serie SLS-ANY ALTRE DEFINIZIONI DI SCRITTA SCORREVOLE: Insegne luminose scorrevoli. Giornali luminosi. Pannelli indicatori di

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

CAL-601001. Estensimetro ad Aste. www.pizzi-instruments.it. Strumenti e Sistemi di Monitoraggio Geotecnico e Strutturale

CAL-601001. Estensimetro ad Aste. www.pizzi-instruments.it. Strumenti e Sistemi di Monitoraggio Geotecnico e Strutturale Estensimetro ad Aste Estensimetro ad Aste Descrizione _ Gli estensimetri ad asta, consentono di monitorare e misurare con precisione i movimenti di uno o più punti punti ancorati a diverse profondità in

Dettagli

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 MOSKITO-F Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 Manuale di installazione ed uso Made in Italy PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Termografia delle stessa muratura ove si può osservare la diffusione e il livello di umidità con i valori delle temperature

Termografia delle stessa muratura ove si può osservare la diffusione e il livello di umidità con i valori delle temperature MURSAN DEM Tecnollogiia ellettro-fiisiica per murature umiide L innovativa soluzione prodotta dalla MURSAN si basa sul principio della Deumidificazione elettrofisica della muratura, frutto di anni di sperimentazione

Dettagli

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia Argomenti relativi alle fibre ottiche. Fibre ottiche: Costituzione delle fibre Propagazione di energia ottica Sorgenti e ricevitori Impiego delle fibre ottiche in telefonia Frequenza normalizata Apertura

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione PARAmeTRI DI SceLTA Di seguito sono dettagliate le informazioni da

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi 5 maggio 2005 - Corso di Laboratorio Monitoraggio Frane STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi FINALITA

Dettagli

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 392 5.4.1 celle di carico tecnotest unità di controllo digitale monotronic monotronic - centralina digitale a microprocessore AD 005

Dettagli

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE Solutions and Innovations for Structural Monitoring SISMLAB s.r.l. Spin-Off Università della Calabria Via Pietro Bucci - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. : 0984 447093 --- Fax: 0984 447093 E-mail: info@sismlab.it---internet:

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 2007 a.a. 2006-07 Eseguite sulle strutture

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori di posizione ed estensimetri Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Trasduttori di posizione La conoscenza diretta della posizione e degli spostamenti è generalmente utilizzata

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

soluzioni di misura ottiche www.opticalsensing.net

soluzioni di misura ottiche www.opticalsensing.net soluzioni di misura ottiche 1 Sommario Presentazione Azienda Introduzione ai Fiber Bragg Grating (FBG) FBG come sensori di deformazione e temperatura Strumenti ottici per misure con i FBG Alcune applicazioni

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

FBG. Global Sensing FBG Tech Ovefrview - 1

FBG. Global Sensing FBG Tech Ovefrview - 1 FBG Global Sensing FBG Tech Ovefrview - 1 Global Sensing è una società focalizzata sulla progettazione, lo sviluppo e la fornitura di servizi e sistemi integrati per il monitoraggio termico e strutturale

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso.

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso. Allegati Specifici - Allegato MI-006 STRUMENTI PER PESARE A FUNZIONAMENTO AUTOMATICO Agli strumenti per pesare a funzionamento automatico definiti qui di seguito, il cui fine è la determinazione della

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN Scheda tecnica e manuale di montaggio RETE DI SICUREZZA ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN 1263-2 1 CARATTERISTICHE TECNICHE MATERIALE: POLIPROPILENE, stabilizzato ai raggi UV. COLORE:

Dettagli

MISURE DIMENSIONALI MISURE DIMENSIONALI: - Sistemi a contatto. - Sistemi senza contatto.

MISURE DIMENSIONALI MISURE DIMENSIONALI: - Sistemi a contatto. - Sistemi senza contatto. MISURE DIMENSIONALI Modello: tubo cilindrico misurato con forcelle del calibro caratterizzate da superfici piane e parallele fra loro. MISURE DIMENSIONALI: D Diametro del tubo misurato con calibro. Ripetendo

Dettagli

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo Cenni sui trasduttori Con particolare attenzione al settore marittimo DEFINIZIONI Un Trasduttore è un dispositivo che converte una grandezza fisica in un segnale di natura elettrica Un Sensore è l elemento

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE

TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE TERMINAZIONE OTTICA CON CONNETTORI PRE- LAPPATI A FUSIONE Scopo del documento Questo breve documento si propone di offrire una panoramica dello stato dell arte nell ambito della terminazione in campo della

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2. Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09

Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2. Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09 Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2 Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09 24 febbraio 2015 1 Lunghezza d onda di un laser He-Ne 1.1 Scopo dell esperienza Lo scopo dell esperienza è quello di

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

APPUNTI DI ESTENSIMETRIA. F. Cosmi M. Hoglievina

APPUNTI DI ESTENSIMETRIA. F. Cosmi M. Hoglievina APPUNTI DI ESTENSIMETRIA F. Cosmi M. Hoglievina ESTENSIMETRIA ESTENSIMETRI A RESISTENZA ELETTRICA Gli estensimetri a resistenza elettrica (in inglese strain gages ) sono sensori meccanici utilizzati per

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

26/08/2010. del sistema tecnico) al cm² o al m² l atmosfera tecnica pari a 1 kg p. /cm², di poco inferiore all'atmosfera (1 atm= 1,033227 at).

26/08/2010. del sistema tecnico) al cm² o al m² l atmosfera tecnica pari a 1 kg p. /cm², di poco inferiore all'atmosfera (1 atm= 1,033227 at). Capitolo 10 - Misure di pressione L'unità di pressione nel S.I. che prende il nome di Pascal, cioè 1 Pa = 1 N / 1 m 2. Comunemente sono utilizzate altre unità di misura: il bar, che è una unità SI pari

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l.

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. Università degli Studi di Catania LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. RELAZIONE DELLO STUDIO TECNICO DELLA

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

FUNZIOAMENTO il principio di funzionamento dello spaccalegna a vite denota le seguenti forze:

FUNZIOAMENTO il principio di funzionamento dello spaccalegna a vite denota le seguenti forze: Studio ingegneristico per il funzionamento della vite spaccalegna si presenta uno studio dello spaccalegna a vite, considerando che questo materiale è puramente SPERIMENTALE e atto ad un attività di ricerca

Dettagli

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica recinzioni a maglia sciolta (flessibili) muri perimetrali con filo spinato recinzioni a pannelli (tipo orsogrill) recinzioni rigide e cancellate

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA Il nucleo (o core ) di una fibra ottica è costituito da vetro ad elevatissima purezza, dal momento che la luce deve attraversare migliaia di metri di vetro del nucleo.

Dettagli

Dräger Pendula Supporto monitor multiplo

Dräger Pendula Supporto monitor multiplo Supporto monitor multiplo Supporto monitor multiplo con montaggio a soffitto per un design della postazione di lavoro versatile ed ergonomico e un posizionamento sicuro e semplice del monitor all interno

Dettagli

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT)

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Il progetto stradale principi e casi pratici 24 ottobre 2012 PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Dott. Geol. Diego Italiano Laboratorio ALTAIR s.r.l. 1 INDICE Introduzione Normativa Obiettivi

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte La termografia infrarossa Ing. Antonio del Conte Ancona, 22 gennaio 2004 Termografia e termocamere a sensori CCD Introduzione La termografia è una tecnica di misura di tipo non invasivo, applicabile alla

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

E2i. Sistemi per serramenti a pacchetto Legno - fino a 40 kg ad anta senza binario a pavimento

E2i. Sistemi per serramenti a pacchetto Legno - fino a 40 kg ad anta senza binario a pavimento Sistemi per serramenti a pacchetto Legno - fino a 40 kg ad anta senza binario a pavimento SISTEMI ECLIPSE Sistemi per serramenti a pacchetto ECLIPSE Il serramento come nuovo elemento d'arredo: non più

Dettagli

DIAG26AVX / DIAG27AVX

DIAG26AVX / DIAG27AVX MANUALE D INSTALLAZIONE RIVELATORE A DOPPIO RAGGIO INFRAROSSO AD EFFETTO TENDA DIAG26AVX / DIAG27AVX Sommario 1. Presentazione... 2 2. Preparazione... 3 3. Apprendimento... 6 4. Fissaggio... 8 4.1 Precauzioni

Dettagli

RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE RK GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE RK GUIDA ALL'INSTALLAZIONE RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE R GUIDA ALL'INSTALLAZIONE EDS srl - ELECTRONIC DETECTION SYSTEMS Via Cà Nova Zampieri 6 37057 - S. G. Lupatoto - Verona tel. +39 045 547529 - fax. +39 045 8750065

Dettagli

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico Monitoraggi statici e dinamici Indagini a carattere non distruttivo La ESSEBI è una società di servizi che opera, specificatamente,

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DEL DUOMO DI MODENA E DELLA TORRE DELLA GHIRLANDINA

SISTEMA DI CONTROLLO DEL DUOMO DI MODENA E DELLA TORRE DELLA GHIRLANDINA COMUNE DI MODENA Settore Ambiente Servizio Risorse e Territorio AGISCO S.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO DEL DUOMO DI MODENA E DELLA TORRE DELLA GHIRLANDINA RAPPORTO SUL PERIODO 1/1/23-31/3/26 Comune di Modena

Dettagli

Cablaggio e progettazione tutte le novità

Cablaggio e progettazione tutte le novità Cablaggio e progettazione tutte le novità di Adalberto Biasiotti Nell'impiantistica di sicurezza il cablaggio gioca spesso un ruolo significativo. Oggi sono disponibili numerose alternative, con pregi

Dettagli

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato.

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato. STRUTTURE SCALE ESTERNE FONDAZIONI PAVIMENTAZIONI E SOLAI PARETI INTERNE Chiusure verticali Balconi e logge COPERTURE PIANE COPERTURE A FALDA 3 strutture di contenimento Scale Chi scende, chi scale Matteo

Dettagli

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda Introduzione La progettazione degli staffaggi Fasi della

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15

Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Sistemi per automazione industriale Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del comportamento sismico i del lduomo di Orvieto Monitoraggio da remoto di fessure per mezzo di vetrini RFID Alessandro Zambotti, Paolo D Atanasio Laboratorio

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

SENSORI DI MISURA. Elevata precisione nel controllo della qualità

SENSORI DI MISURA. Elevata precisione nel controllo della qualità SENSORI DI MISURA Elevata precisione nel controllo della qualità 2 SENSORI DI MISURA Grandi prestazioni in ogni tipo di misura SPOSTAMENTO/DISTANZA Il calcolo preciso delle distanze può essere effettuato

Dettagli

SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE PERIMETER

SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE PERIMETER SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE SNAKE Protezione perimetrale a FIBRA OTTICA SNAKE è un sistema di protezione perimetrale con rilevazione a fibra ottica adatto ad applicazioni interne ed esterne. Utilizza

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE FONDAZIONI PROFONDE - G. Porco *, G. Zaccaria***, D Romano**, M. Condino** - * FACOLTÀ DI INGEGNERIA, UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA, ARCAVACATA

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli