UNIONE TERRA DI MEZZO (provincia di Reggio Emilia) Piazza Libertà, Cadelbosco di Sopra RE Tel fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE TERRA DI MEZZO (provincia di Reggio Emilia) Piazza Libertà, 1 42023 Cadelbosco di Sopra RE Tel 0522 918500 fax 0522 917302"

Transcript

1 COPIA UNIONE TERRA DI MEZZO (provincia di Reggio Emilia) Piazza Libertà, Cadelbosco di Sopra RE Tel fax DELIBERAZIONE N. 22 DEL 27/09/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELL UNIONE Oggetto: APPROVAZIONE REGOLAMENTO INSTALLAZIONE RETI ED IMPIANTI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA. L anno 2013, addì 27 del mese di settembre alle ore in Cadelbosco di Sopra, sede dell unione, nella sala delle adunanze consiliari, convocato nei modi legge, si è riunito in seduta di prima convocazione, il consiglio dell unione, per deliberare sui punti iscritti all ordine del giorno e fra essi il provvedimento di cui all oggetto. Al momento dell appello risultano presenti n. 9 consiglieri e precisamente: Presenti Assenti IORI GIANLUCA Scrutatore MUSSINI RENZO MORABITO ROBERTO Consigliere SCIALOIA NICOLA Consigliere CAFFARRI ETTORE Consigliere VILLA FRANCESCO Presidente del Consiglio GALLI DANIELE Consigliere CAVALCHI SILVANA Presidente dell Unione CASOLI FABRIZIO Scrutatore GUATTERI CARLA Scrutatore Totale presenti: 9 Totale assenti: 1 Consigliere Assiste il Segretario dell unione Dott.ssa. CODELUPPI LELLA. Essendo legale il numero degli intervenuti, VILLA FRANCESCO in qualità di Presidente del consiglio dell unione, assume la presidenza e, dichiara aperta la seduta per la trattazione dell oggetto sopra indicato. Assessori presenti: CASALI PAOLA, BOTTAZZI MAURIZIO.

2 Rientra il consigliere Gianluca Iori. I presenti sono 9. IL CONSIGLIO DELL UNIONE UDITI gli interventi riportati in allegato; UDITA l illustrazione della responsabile dell area tecnica, arch. Mariagrazia Gazzani; VISTO l Art. 2 Banda larga del D.L. 25 Giugno 2008, n. 112 convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 che prevede, tra l altro, in materia di interventi di installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica : - che l impresa autorizzata a fornire una rete pubblica di comunicazioni elettroniche, o una risorsa correlata ( operatore ) abbia la facolta' di utilizzare per la posa della fibra nei cavidotti, senza oneri, le infrastrutture civili gia' esistenti di proprieta' a qualsiasi titolo pubblica o comunque in titolarita' di concessionari pubblici. e che Qualora dall'esecuzione dell'opera possa derivare un pregiudizio alle infrastrutture civili esistenti le parti, senza che cio' possa cagionare ritardo alcuno all'esecuzione dei lavori, concordino un equo indennizzo, che, in caso di dissenso, e' determinato dal giudice. ; - che nei casi sopra richiamati resti salvo il potere regolamentare riconosciuto, in materia di coubicazione e condivisione di infrastrutture, all'autorita' per le garanzie nelle comunicazioni [AGCOM] dall'articolo 89, comma 1, del codice delle comunicazioni elettroniche, di cui al decreto legislativo 1 agosto 2003, n e che All'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni competa altresi' l'emanazione del regolamento in materia di installazione delle reti dorsali. ; - che l operatore della comunicazione presenti almeno trenta giorni prima dell'effettivo inizio dei lavori,.. allo sportello unico dell'amministrazione territoriale competente la denuncia [D.I.A.], accompagnata da una dettagliata relazione e dagli elaborati progettuali, che asseveri la conformita' delle opere da realizzare alla normativa vigente. e che Con il medesimo atto, trasmesso anche al gestore interessato,.. indichi le infrastrutture civili esistenti di cui intenda avvalersi ai sensi del comma 2 per la posa della fibra. ; - che Qualora l'immobile interessato dall'intervento sia sottoposto ad un vincolo la cui tutela compete, anche in via di delega, alla stessa amministrazione comunale, il termine di trenta giorni antecedente l'inizio dei lavori decorre dal rilascio del relativo atto di assenso. e che Ove tale atto non sia favorevole, la denuncia e' priva di effetti. - che fatte Salve le disposizioni di cui agli articoli 90 e 91 del decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, i soggetti pubblici non possono opporsi alla installazione nella loro proprieta' di reti e impianti interrati di comunicazione elettronica in fibra ottica, ad

3 eccezione del caso che si tratti di beni facenti parte del patrimonio indisponibile dello Stato, delle province e dei comuni e che tale attivita' possa arrecare concreta turbativa al pubblico servizio. ; CONSIDERATO: - che l Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni [ AGCOM ] ha approvato con proprio atto deliberativo n. 622/11/CONS nella seduta del 22 novembre 2011 il Regolamento in materia di diritti di installazione di reti di comunicazione elettronica per collegamenti dorsali e coubicazione e condivisione di infrastrutture ; - che al Capo II Regolamento per la installazione di reti dorsali di comunicazione elettronica di detto atto deliberativo AGCOM, all Art. 4 Diritti di passaggio ed accesso alle infrastrutture esistenti si dispone al comma 1 che Gli enti pubblici, inclusi gli organismi di diritto pubblico e i concessionari pubblici titolari di reti viarie, ferroviarie, elettriche o, comunque, di reti atte alla realizzazione di reti dorsali, entro 4 mesi dall adozione del presente Regolamento, redigono e pubblicano le procedure e le condizioni per la realizzazione, sul suolo da essi gestito, di nuove infrastrutture e per l accesso a quelle esistenti. e si indicano nel medesimo comma una serie di elementi da includere nelle procedure e condizioni che si andranno ad adottare; CONSIDERATO altresì: - che nessuno dei Comuni dell Unione è dotato, in attuazione della normativa sopra sintetizzata, di procedure e condizioni per la realizzazione, sul suolo da essi gestito, di nuove infrastrutture e per l accesso a quelle esistenti. ; - che con Deliberazioni dei rispettivi Consigli Comunali, i Comuni di Bagnolo in Piano, Cadelbosco di Sopra e Castelnovo di Sotto hanno conferito all Unione TERRA DI MEZZO, che con proprie deliberazioni consiliari le ha accettate, numerose funzioni inerenti i rispettivi servizi tecnici ed in particolare quelle relative ai lavori pubblici, alla gestione del verde, alla manutenzione ordinaria, straordinaria nonchè gestione dei rispettivi patrimoni; RITENUTO di approvare, in attuazione della normativa citata in premessa, un apposito Regolamento Installazione Reti ed Impianti di Comunicazione Elettronica applicabile all ambito territoriale dell Unione Terra di Mezzo e relative infrastrutture comunali esistenti, nel testo allegato, composto di numero 27 articoli ed appendice (riferimenti legislativi), frutto di elaborazione congiunta e condivisa dei competenti Servizi Tecnici dell Unione e dei tre Comuni dell Unione; VISTO il parere di conformità alle norme espresso in data 22/4/2013 dal Revisore dei conti sulla proposta di regolamento, ai sensi dell art.239 del TUEL;

4 Preso atto degli allegati pareri, espressi sulla presente proposta di deliberazione, ai sensi dell'art. 49, comma 1, e 147-bis, comma 1, approvato con D.Lgs. 267/2000 t.v.: - favorevole, dal Responsabile dell Area Tecnica in ordine alla regolarità tecnica attestante la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa; - favorevole, dal Responsabile dell area Economico-finanziaria in ordine alla regolarità contabile in quanto l atto comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico finanziaria o sul patrimonio dell ente; Eseguita la votazione per alzata di mano con il seguente risultato: presenti n.8 (esce al momento del voto il consigliere Gianluca Iori), voti favorevoli n.8; D E L I B E R A 1. DI approvare il regolamento installazione reti ed impianti di comunicazione elettronica ai sensi dell Art. 4 c. 1 Deliberazione 22 novembre 2011 AGCOM 622/11/CONS e dell Art. 2 D.L. 25 Giugno 2008, n, n. 112 L. 06 Agosto 2008, n. 133, composto di n. 27 articoli ed appendice (riferimenti legislativi), nel testo allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.

5 ALLEGATO REGOLAMENTO INSTALLAZIONE RETI ed IMPIANTI di COMUNICAZIONE ELETTRONICA Art. 4 c. 1 Deliberazione 22 nov AGCOM 622/11/CONS Regolamento in materia di diritti di installazione di reti di comunicazione elettronica per collegamenti dorsali e coubicazione e condivisione di infrastrutture Art. 2 Banda larga D.L. 25 Giugno 2008, n L. 06 Agosto 2008, n. 133

6 . Art. 1 - Finalità I N D I C E. Art. 2 - Definizioni. Art. 3 - Ambito di applicazione. Art. 4 - Normativa di riferimento. Art. 5 - Ente di riferimento e procedura autorizzativa. Art. 6 - Documentazione da allegare alla domanda di valutazione tecnica. Art. 7 - Zone in cui è vietata l installazione di reti di comunicazione elettronica. Art. 8 - Zone in cui è consentita l installazione di reti di c.e. solo a particolari condizioni. Art. 9 - Zone in cui è sempre consentita l installazione di reti di comunicazione elettronica. Art Infrastrutture civili utilizzabili. Art Infrastrutture civili non utilizzabili. Art Modalità di esercizio e limiti dei diritti di passaggio dei nuovi cavidotti. Art Modalità di esercizio e limiti dei diritti di accesso ed uso infrastrutture esistenti. Art Procedure e condizioni per rinnovare i diritti di accesso ed uso. Art Procedure per spostamenti o dismissioni delle infrastrutture. Art Spazio da riservare nelle infrastrutture all Unione per fini istituzionali. Art Diniego di passaggio e / o utilizzo cavidotti. Art Permessi di scavo / manomissione suolo. Art Condizioni regolanti il rapporto tra l ente e l operatore. Art Oneri. Art Oneri manutentivi. Art Istruzioni tecniche per la realizzazione di nuove infrastrutture e reti. Art Istruzioni tecniche per l uso delle infrastrutture esistenti: cavidotti IP. Art Vigilanza sui lavori e collaudi. Art Danni e penali. Art Occupazioni abusive. Art Entrata in vigore e Norme finali APPENDICE: [*Note ] Riferimenti legislativi

7 REGOLAMENTO INSTALLAZIONE RETI ed IMPIANTI di COMUNICAZIONE ELETTRONICA Art. 4 c. 1 Deliberazione AGCOM 622/11/CONS [ Art. 2 Banda larga D.L. 25 Giugno 2008, n L. 06 Agosto 2008, n. 133 ] Art. 1 Finalità Il presente regolamento (di seguito Regolamento ) disciplina le condizioni per la realizzazione di nuove infrastrutture e per l accesso a quelle esistenti di proprietà dei Comuni dell UNIONE TERRA DI MEZZO BAGNOLO IN PIANO, CADELBOSCO DI SOPRA e CASTELNOVO DI SOTTO (di seguito Comuni dell Unione ) da parte degli operatori di telecomunicazioni che intendono posare nuove reti ed impianti di comunicazione elettronica di qualsiasi genere nell ambito territoriale dell Unione Terra di Mezzo (di seguito Unione ). Art. 2 Definizioni Ai sensi del Regolamento e, conformemente alla Deliberazione AGCOM n. 622/11/CONS del 22 Novembre 2011, si definiscono: a) accesso: il fatto di rendere accessibili risorse o servizi di un operatore a determinate condizioni, su base esclusiva o non esclusiva, per la fornitura di servizi di comunicazione elettronica; comprende, tra l altro, l accesso: - agli elementi della rete e alle risorse correlate, che può comportare la connessione di apparecchiature con mezzi fissi o non fissi, ivi compreso in particolare l accesso alla rete locale nonché alle risorse e ai servizi necessari per fornire servizi tramite la rete locale; - all infrastruttura fisica, tra cui edifici, condotti e piloni; - ai pertinenti sistemi software, tra cui i sistemi di supporto operativo; - ai servizi di traduzione del numero o a sistemi che svolgano funzioni analoghe; - alle reti fisse e mobili, in particolare per il roaming tra operatori mobili; - ai sistemi di accesso condizionato per servizi di televisione digitale; - ai servizi di rete privata virtuale; b) codice: il Codice delle comunicazioni elettroniche di cui al Decreto Legislativo 1 Agosto 2003, n. 259; c) condivisione: termine generale, comprendente qualsiasi forma di sfruttamento in comune delle risorse fisiche passive in rete di accesso e in rete dorsale (quali, ad esempio, cavedi, cavidotti, condotti, edifici, incluso la verticale di palazzo), con possibile concorrenza di proprietà e centri di responsabilità; d) coubicazione / colocazione: sinonimi che consistono nella condivisione di uno spazio da parte di più soggetti, che possono non avere alcuna relazione commerciale tra loro, per alloggiamento di apparati e componenti di rete; e) operatore: un impresa che è autorizzata a fornire una rete pubblica di comunicazioni elettroniche, o una risorsa correlata; f) reti di comunicazione elettronica (c.e.): i sistemi di trasmissione e, se del caso, le apparecchiature di commutazione o di instradamento e altre risorse che consentono di trasmettere segnali via cavo, via radio, a mezzo fibre ottiche o con altri mezzi elettromagnetici, comprese le reti satellitari, le reti terrestri mobili e fisse, a commutazione

8 di circuito e a commutazione di pacchetto, compresa Internet, le reti utilizzate per la diffusione circolare dei programmi sonori e televisivi, i sistemi per il trasporto della corrente elettrica, nella misura in cui siano utilizzati per trasmettere i segnali, le reti televisive via cavo, indipendentemente da tipo di informazione trasportato; g) rete dorsale: rete di comunicazione elettronica, distinta dalla rete locale dell operatore, interessante aree di proprietà di uno o più Enti, pubblici (anche concessionari) o privati; h) cavedi: strutture impiantistiche per il passaggio di condotti; i) cavidotti: è una tubazione (tipicamente in polietilene) destinata alla protezione dei cavi in installazioni elettriche o telefoniche interrate; j ) condotto: componente fisica che consente la canalizzazione, l alloggio e la protezione di uno o più cavi; k) cavo: componente fisica contenente fibre ottiche per telecomunicazioni, sia esso adatto alla posa sotterranea o alla posa su palificata; l) minitrincea: la tecnica della minitrincea che consente l interramento di cavi in fibra ottica praticando un solco nell asfalto di 7 10 cm di profondità; all interno di questo scavo è posata l infrastruttura, costituita da cavi ottici di dimensioni ridotte; successivamente è effettuata una sigillatura mediante materiale bituminoso; le attrezzature impiegate (in particolare il tagliasfalti ) sono di dimensioni ridotte consentono di allestire un cantiere in uno spazio estremamente contenuto; m) microtrincea: la tecnica di posa che permette di ridurre al minimo le sezioni di scavo e i tempi di realizzazione; grazie ad appositi macchinari questa tecnica permette di scavare, posare e ripristinare in modo completamente automatico e immediato; n) scavi no-dig : il no-dig rappresenta quel complesso di tecnologie e metodi esecutivi che permettono di installare, risanare o sostituire servizi interrati con un limitato o nullo ricorso agli scavi a cielo aperto; o) diritti di passaggio: i diritti di passaggio, scavo e costruzione su terreni, strade e ponti per la posa di cavi in fibra ottica, e, comunque, in via generale e non esaustiva, su ogni altra tipologia di bene immobile atto allo scopo, come pure i diritti per la costruzione ed il mantenimento di palificazioni; i diritti di passaggio sono conferiti al fornitore di reti e servizi di comunicazione elettronica o ai suoi danti causa sulla base delle vigenti norme funzionali alla rimozione del limite legale all esercizio del diritto stesso (istanza di autorizzazione, DIA, SCIA, ecc.); e p) infrastruttura: l infrastruttura idonea alla posa di cavi per reti di comunicazione elettronica; può essere costituita da: condotti, tubazioni con relativi pozzetti, all interno dei quali sono alloggiati cavi e muffole e/o da palificazioni sulle quali vengono posati i cavi, le muffole e tutti i materiali accessori per l impianto in fibra ottica; q) polifore: manufatti predisposti nel sottosuolo per l infilaggio di canalizzazioni ovvero insieme di cavidotti; r) tubazione: costituita da un tubo, con i relativi pozzetti di transito e di giunzione, ed un tubo, condiviso dalle parti, da utilizzare quale foro di manovra nei casi di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria; s) strutture polifunzionali: cunicoli e gallerie pluri-servizi, percorribili; t) Autorità: l Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM). Art. 3 Ambito di applicazione

9 1. Le norme del Regolamento si applicano alle infrastrutture ed alle aree di cui è stata conferita la gestione / manutenzione all Unione con Deliberazioni dei rispettivi Consigli dei Comuni dell Unione stessa. 2. Per le infrastrutture ed aree di proprietà dei Comuni dell Unione non comprese in quelle di cui al precedente punto 1. si applicano le disposizioni del Comune territorialmente competente, se presenti. Art. 4 Normativa di riferimento Il Regolamento fa riferimento in particolare alla seguente normativa: Dir.P.C.M Razionale sistemazione nel sottosuolo degli impianti tecnologici ; D.Lgs , n. 259 (Titolo II - Capo V in particolare); Art. 2 D.L , n L , n. 133; Delibere AGCOM n. 622/11/CONS del 22 novembre 2011; Codice della Strada e relativo Regolamento di esecuzione. [ vedi Nota * in APPENDICE ] Art. 5 Ente di riferimento e procedura autorizzativa 1. La posa di nuove reti di comunicazione elettronica nelle infrastrutture di competenza dell Unione ai sensi del comma 1. del precedente Art. 3, ed in attuazione del disposto del comma 2. Art. 2 del D.L , n L , n. 133 [ vedi Nota * in APPENDICE ] è soggetta a specifica convenzione di diritto d uso con annesso disciplinare tecnico di durata massima decennale, in coerenza con i principi della normativa vigente, del presente regolamento ed a condizioni eque, trasparenti, non discriminatorie, senza ritardi ingiustificati ed a condizione non venga compromesso e/o limitato in modo tecnicamente inaccettabile l esercizio delle attività istituzionali conferite all Unione stessa. 2. Le valutazioni tecniche preliminari inerenti:. a) gli interventi di cui al precedente comma 1. b) la posa di nuove reti di comunicazione elettronica che interessano aree di competenza dell Unione ai sensi del comma 1. del precedente Art. 3 sono effettuate dai competenti Servizi dell Area tecnica dell Unione stessa, che ne esaminano la fattibilità tecnica in funzione della situazione impiantistica e dello stato dei luoghi esistente. 3. Per gli interventi di installazione di reti di comunicazione elettronica in fibra ottica l operatore dovrà fare riferimento principalmente all Art. 2 D.L , n. 112 convertito con L , n. 133 [ vedi Nota * in APPENDICE ] nonché alle altre norme attuative indicate al precedente Art Per l esecuzione di lavori in sede stradale l operatore, oltre a quanto previsto al precedente comma 3. dovrà fare espresso riferimento al Codice della Strada e relativo Regolamento di esecuzione. Art. 6 Documentazione da allegare alla domanda di valutazione tecnica 1. La domanda di valutazione tecnica da sottoporre all Unione per le proprie valutazioni di competenza dovrà contenere almeno i seguenti elementi, conformemente all Allegato 13, modello [ vedi Nota * in APPENDICE ] C, del Codice:

10 a) planimetria in scala 1:500 o 1:1000 riportante il tracciato di posa della rete di comunicazione elettronica (e/o degli eventuali nuovi cavidotti) e la posizione di tutti i manufatti di pertinenza della rete (pozzetti, muffole, ecc.) esistenti e da posare; b) particolari costruttivi in scala 1:25 dei manufatti, delle sezioni di scavo e di eventuali attraversamenti stradali riportanti le quote relative al posizionamento nel sottosuolo dei cavidotti e dei manufatti; c) relazione illustrativa dell intervento riportante le caratteristiche della rete, degli apparati e dei manufatti di pertinenza, ecc. nonché l analisi tecnica delle eventuali interferenze con i sottoservizi esistenti e le eventuali opere di protezione delle stesse, con particolare riferimento alle intersezioni; in detta relazione dovrà essere inoltre dichiarata la conformità dell intervento progettato alle normative di settore; d) cronoprogramma di realizzazione della rete e della sua eventuale progettata estensione geografica nel triennio, comprensivo di dettagli grafici. 2. L Unione, in relazione alla specificità di ciascun intervento, si riserva di richiedere ulteriori documentazioni. Art. 7 Zone in cui è vietata l installazione di reti di c.e. Fatto salvo quanto disposto dal successivo Art. 8, non è ammessa la realizzazione di ulteriori nuove infrastrutture per la posa di fibre ottiche nelle aree dei Comuni dell Unione che sono e/o saranno dotate di specifici cavidotti per telecomunicazioni (infrastrutture predisposte appositamente per il passaggio di reti di comunicazione elettronica Rif. Dir. P.C.M Razionale sistemazione nel sottosuolo degli impianti tecnologici. ). Art. 8 Zone in cui è consentita l installazione di reti di c.e. solo a particolari condizioni 1. In tutto il territorio dei Comuni dell Unione è consentita la posa di nuove infrastrutture per reti di comunicazione elettronica, con le seguenti limitazioni specifiche e fatto salvo il rispetto delle prescrizioni tecniche che saranno fornite, caso per caso, dall Area Tecnica dell Unione in relazione alle aree interessate dagli interventi: a) non è consentita la posa di nuovi cavidotti in presenza di sottoservizi e alberature su spazi ridotti; in tali aree è comunque possibile utilizzare i cavidotti esistenti nei limiti e con le modalità previsti dal Regolamento; b) non è consentita la posa di nuovi cavidotti con scavo tradizionale quando questo possa compromettere la stabilità del corpo viabile in relazione alla particolare conformazione del cassonetto stradale; in tal caso dovrà essere prescelto un tracciato che interessi le fasce di arretramento, ad adeguata distanza dalle reti tecnologiche esistenti (fognatura, acquedotto, energia elettrica, illuminazione pubblica, es. ad almeno m 1 (uno)); c) nelle zone nelle quali siano già presenti i cavidotti per telecomunicazioni non sono di norma ammessi: c.1) la realizzazione di nuovi cavidotti, ad eccezione degli stacchi di utenza, di eventuali collegamenti di raccordo o estensione ad aree immediatamente limitrofe che ne sono prive; c.2) l utilizzo dei cavidotti della pubblica illuminazione, fatto salvo quanto previsto alla successiva lettera f);

11 d) per l installazione di armadi di contenimento di apparecchiature e pozzetti scorta f.o. dovranno essere utilizzate preferibilmente le fasce di arretramento, pertinenze stradali, e altre aree di proprietà dei Comuni dell Unione; e) per la posa di nuovi cavidotti nelle altre aree di proprietà dei Comuni dell Unione dovranno essere sfruttati preferibilmente tracciati che prevedano il passaggio su pertinenze stradali (banchine), riducendo al minimo gli scavi in sede stradale; qualora ciò non fosse tecnicamente possibile per la posa di nuovi cavidotti che interessano la viabilità comunale e quella provinciale potranno essere utilizzate, previo nulla osta dell ente proprietario della strada, tecniche quali il microtunneling e la perforazione teleguidata, rimanendo comunque ammessi eventuali scavi in minitrincea e/o microtrincea esclusivamente per la realizzazione degli stacchi di utenza e/o di raccordo breve tra pozzetti e linee; f) con il fine di ridurre al minimo la posa di nuovi cavidotti, per la realizzazione degli attraversamenti potranno essere utilizzati, se presenti, quelli della pubblica illuminazione di collegamento tra le diverse linee, qualora gli spazi residui lo consentano; g) nelle more del rifacimento dei cavidotti degli impianti di pubblica illuminazione non è consentita la posa di fibre ottiche all interno degli stessi. 2. Restano fermi i vincoli e le limitazioni dettate per il territorio comunale di competenza, da specifiche normative e dai regolamenti dei Comuni dell Unione. Art. 9 Zone in cui è sempre consentita l installazione di reti di c.e. Fatto salvo quanto previsto dal precedente Art. 7, in tutte le zone di competenza dei Comuni dell Unione è di norma consentita la posa di nuove reti di comunicazione elettronica in fibra ottica nel rispetto dei vincoli e delle limitazioni dettate dal Regolamento, dalle norme di settore ed in particolare da quelle richiamate al precedente Art. 4, e fatti salvi i diritti di terzi. Art. 10 Infrastrutture civili utilizzabili 1. Per la posa di reti di comunicazione elettronica di cui ai commi 1. e 2. lettera a) del precedente Art. 5 possono essere utilizzate le seguenti infrastrutture civili realizzate dai Comuni dell Unione e/o ad essi pervenute quali aree di cessione in sede di urbanizzazione di comparti: - cavidotti impianti illuminazione pubblica: considerata la condizione attuale delle infrastrutture occupate dalle linee elettriche a servizio della pubblica illuminazione, si potranno collocare un massimo n. 2 (due) cavi a fibra ottica con diametro mm; tale condizione costituisce di norma e fatta salva accurata verifica tecnica caso per caso :. il limite di capacità di contenimento dei cavidotti per la quale è possibile la normale gestione degli impianti senza eccessivi oneri aggiuntivi ed il mantenimento degli spazi adeguati per il passaggio di ulteriori cavi nel caso di ampliamento degli impianti;. il limite giustificabile alle attività di installazione di reti di comunicazione elettronica senza pregiudizio per l attività istituzionale dell Unione e dei Comuni dell Unione.

12 Con l obiettivo di ridurre gli spazi occupati a parità di numero di fibre utili posate è auspicabile l impiego di microcavi con guaina in PEAD, ove il loro impiego sia tecnicamente possibile. Non è ammesso l impiego di microtubi. I cavidotti utilizzabili, ove sono presenti i cavi di alimentazione dei punti luce dell illuminazione pubblica, sono costituiti di norma da tubazioni (diam. 100 mm) o da tubi di PVC corrugati (diam. 125 mm). 2. L Unione d intesa con i rispettivi Comuni dell Unione individua e rende disponibili periodicamente sul proprio sito web istituzionale l elenco sintetico di tutte le infrastrutture di competenza che possono ospitare reti di comunicazione elettronica. Per i dettagli tecnici gli operatori potranno rivolgersi direttamente agli Uffici dell Area Tecnica dell Unione. Art. 11 Infrastrutture civili non utilizzabili Per ragioni legate al corretto esercizio delle reti tecnologiche di proprietà dei Comuni dell Unione, le fognature meteorica e nera in esercizio, le tubazioni dell acquedotto, compresi tutti i manufatti (pozzetti, allacciamenti, ecc.) non possono essere utilizzati per la posa di nuove reti di comunicazione elettronica. Art. 12 Modalità di esercizio e limiti dei diritti di passaggio dei nuovi cavidotti 1. La posa di nuovi cavidotti per reti di comunicazione elettronica e dei relativi manufatti (pozzetti, ecc.) è sottoposta al rispetto di apposito disciplinare tecnico in coerenza con i principi della normativa vigente, del presente regolamento ed a condizioni eque, trasparenti, non discriminatorie, senza ritardi ingiustificati ed a condizione non venga compromesso e/o limitato in modo tecnicamente inaccettabile l esercizio delle attività istituzionali conferite all Unione stessa. 2. Per gli attraversamenti di sottosuolo privato (terzi) trova applicazione la vigente normativa in materia di servitù del Codice Civile, i diritti di passaggio possono essere esercitati previa stipula di specifici accordi con i privati proprietari dei terreni interessati al passaggio delle reti di comunicazione elettronica. Art. 13 Modalità di esercizio e limiti dei diritti di accesso ed uso infrastrutture esistenti L accesso alle infrastrutture esistenti di cui al precedente Art. 10 è regolato da apposita convenzione ai sensi del precedente Art. 5 commi 1. e 2. lettera a), avuto riguardo dei seguenti limiti di accesso: - cavidotti impianti illuminazione pubblica: è ammessa la posa di n. 1 (uno) cavo in fibra ottica del diametro mm costituente rete dorsale di un operatore; - dopo la realizzazione della rete dorsale sopra richiamata sarà effettuata, di concerto con il gestore degli impianti di illuminazione e/o manutentore degli stessi, una ricognizione di eventuali spazi residui assegnabili a terzi secondo il disposto del precedente Art. 10 comma 1. Art. 14 Procedure e condizioni per rinnovare i diritti di accesso ed uso La convenzione di cui ai precedenti Art. 5 commi 1. e 2. lettera a) ed Art. 13 potrà essere rinnovata per un eguale o diverso arco temporale su richiesta dell operatore interessato e

13 fatto salvo l eventuale adeguamento economico degli oneri ad essa associati (canoni, depositi cauzionali,.). Art. 15 Procedure per spostamenti o dismissioni delle infrastrutture 1. Le infrastrutture esistenti vengono rese disponibili all operatore in condizioni di utilizzabilità e, in analoghe condizioni, dovranno essere restituite all Unione e per suo tramite ai Comuni dell Unione. Sono a carico dell operatore gli oneri per la realizzazione di eventuali raccordi / collegamenti tra diverse linee non comunicanti tra loro (es. per interruzione di cavidotti al servizio di distinti centralini di alimentazione degli impianti i.p.). Alla scadenza della convenzione d uso e, comunque, in ogni caso in cui termini la loro utilizzazione l operatore dovrà, entro 60 (sessanta) giorni, liberarle di ogni cosa di sua proprietà e ripristinare la situazione preesistente, salvo diverso accordo con l Unione; ogni costo relativo resta a carico dell operatore. 2. In caso di modifiche delle infrastrutture comunali ove sono presenti reti di comunicazione elettronica ed al fine di consentire i necessari interventi atti ad evitare disturbi ed interruzioni ai servizi, ciascun Comune dell Unione, direttamente e/o a mezzo dell Unione stessa, provvede a rendere edotti della circostanza gli operatori interessati con lettera raccomandata a/r (o forma equipollente), con un preavviso di 90 (novanta) giorni per modifiche che non comportano spostamenti di percorso, e 180 (centoottanta) giorni in caso diverso. Di tanto viene data espressa previsione nella convenzione di cui agli Artt. 5 commi 1. e 2. lettera a), 13 Regolamento. e 19 del presente 3. La comunicazione scritta contiene una breve descrizione dei lavori da eseguire e dei tempi previsti. Le modifiche alle infrastrutture sono previste solo per validi motivi di ordine tecnico e qualora non risulti praticabile alcuna altra soluzione alternativa. 4. Nell effettuare gli spostamenti di percorso, l Unione avrà cura di garantire, per quanto possibile, le esigenze degli operatori, tenendo anche conto degli eventuali suggerimenti da loro avanzati per limitare i disagi. Le spese sostenute dagli operatori per la modifica delle proprie opere in conseguenza delle modifiche alle infrastrutture dei Comuni dell Unione, restano a loro [ * vedi APPENDICE ] carico ai sensi dell Art. 92, c. 7 del codice. A tale proposito la convenzione di cui agli Artt. 5 commi 1. e 2. lettera a), 13 e 19 del presente Regolamento prevede apposita clausola con i tempi tassativi di intervento dell operatore per la rimozione e/o spostamento della propria rete di comunicazione elettronica. Superati tali termini l Unione si riserva di procedere all esecuzione dei lavori con rivalsa sull operatore e senza che quest ultimo possa vantare alcunché nei confronti dell Unione medesima e/o dei Comuni dell Unione (es. danni, costi di interruzione del servizio, ecc.). Art. 16 Spazio da riservare nelle infrastrutture all Unione per fini istituzionali Al fine della razionalizzazione ed ottimizzazione degli spazi all interno dei cavidotti i.p. di cui ai precedenti Art. 10 e 13 l Unione può richiedere all operatore, gestore utilizzatore dei predetti cavidotti, la riserva di un certo numero di fibre spente per l espletamento delle attività istituzionali dell ente. Art. 17 Diniego di passaggio e / o utilizzo cavidotti

14 L Unione può rifiutare il conferimento dei diritti di passaggio o l accesso alle infrastrutture in gestione / manutenzione di proprietà dei Comuni dell Unione, ed adatte ad ospitare reti di comunicazione elettronica nei seguenti casi tassativi, debitamente motivati: a) qualora la realizzazione di infrastrutture per reti di comunicazione elettronica non sia fisicamente realizzabile a causa di ostacoli tecnici non superabili, intendendosi tali: il limite di capacità di contenimento dei cavidotti come definito al precedente Art. 10, anche tenendo conto delle future esigenze dell ente e/o del Comune interessato; l impossibilità di mantenere adeguate distanze da altri sottoservizi risultando così pregiudicato l esercizio di reti tecnologiche ed impianti relativi e, comunque, nel rispetto delle normative UNI /CEI applicabili; l interferenza con opere, reti tecnologiche ed impianti progettati dall Unione e/o dai Comuni dell Unione nelle aree ove l operatore intende realizzare la propria rete di comunicazione elettronica (compresi eventuali stacchi di utenza); esecuzione di scavi su strade che sono state asfaltate da meno di 12 (dodici ) mesi. b) qualora la realizzazione di tali infrastrutture minacci la sicurezza delle persone o della proprietà, la tutela dell ambiente, la salute pubblica, gli obiettivi di pianificazione urbana o rurale, quando implichi un rischio di infrazione di norme regolamentari, tecniche o legali da parte degli enti pubblici o concessionari in materia di obblighi di pubblico servizio. Art. 18 Permessi di scavo / manomissione suolo 1. La realizzazione di scavi in sede stradale o su altre aree comunali in gestione / manutenzione all Unione è soggetta a nulla osta disciplinare tecnico dei competenti servizi dell Area Tecnica dell Unione stessa, all eventuale nulla-osta dell Ente proprietario della strada ed alla conseguente autorizzazione conforme a quanto disposto dal Codice della Strada. 2. La manomissione delle viabilità, delle infrastrutture e delle aree comunali comporta l obbligo da parte dell operatore di ripristino delle stesse a perfetta regola d arte secondo le prescrizioni impartite nell autorizzazione di cui al comma precedente. Art. 19 Condizioni regolanti il rapporto tra l ente e l operatore 1. Il rapporto tra l Unione e l operatore per l utilizzo delle infrastrutture di cui all Art. 5 commi 1 e 2 lettera a) è regolamentato da un apposita convenzione redatta sulla base di uno schema approvato dalla Giunta dell Unione. 2. Nel caso di utilizzo di cavidotti IP, tenuto conto che il servizio di illuminazione pubblica è da considerare prevalente rispetto al servizio ospite (fibra ottica, banda larga, ), la convenzione di cui al comma precedente dovrà, tra l altro, riportare specifica clausola liberatoria così formulata: se per esigenze manutentive alle linee i.p. dovesse essere danneggiato involontariamente il cavo e/o i cavi in fibra ottica e/o i microtubi della rete di comunicazione elettronica, eventuali oneri e costi di riparazione faranno capo esclusivamente all operatore. Art. 20 Oneri 1. Gli oneri connessi al conferimento dei diritti di passaggio o all accesso e all uso delle infrastrutture di posa esistenti sono determinati tenendo conto di quanto segue:

15 a) posando i cavi in fibra ottica nei cavidotti IP esistenti, si va ad ostacolare l operatività della manutenzione del servizio di pubblica illuminazione con maggiori oneri a carico dell Unione; b) l equo indennizzo previsto dalla normativa a carico degli operatori per l accesso ai cavidotti IP, tiene conto anche di eventuali spese aggiuntive sostenute direttamente od indirettamente dall Unione per la fornitura dell accesso ed è comunque tale da non determinare alcun onere aggiuntivo a carico dell Unione stessa; c) la misura dell equo indennizzo ritenuto congruo in relazione a quanto sopra esposto per l utilizzo dei cavidotti IP compete alla Giunta dell Unione che disporrà in merito con proprio apposito atto deliberativo, partendo da una soglia minima di Euro 0,5 /anno per metro lineare di cavidotto utilizzato, applicabile anche in assenza dell apposito atto deliberativo sopra richiamato; l importo dell equo indennizzo, quantificato dalla Giunta dell Unione o nella misura minima di cui sopra, potrà essere corrisposto, a richiesta dell operatore, con le seguenti modalità: 1) versamento in unica soluzione presso la tesoreria dell Unione nei modi indicati nella convenzione 2) realizzazione e/o manutenzione di opere di urbanizzazione indicate e quantificate concordemente con i competenti Servizi Tecnici dell Unione, fino ad un valore, IVA esclusa, corrispondente all equo indennizzo dovuto; d) qualora l operatore utilizzi un infrastruttura comunale già predisposta per il passaggio delle reti di comunicazione elettronica, non dovrà corrispondere alcun onere, ad eccezione di quanto previsto dalla normativa vigente [ * vedi APPENDICE ] e delle spese eventualmente sostenute dall Unione per la manutenzione dei manufatti (cavidotti, pozzetti, ); e) per le occupazioni permanenti di cui al presente comma realizzate con cavi, condutture, impianti o con qualsiasi altro manufatto da aziende di erogazione dei pubblici servizi e da quelle esercenti attività strumentali ai servizi medesimi, nelle aree di competenza dei Comuni dell Unione, è dovuto / a al Comune interessato il Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche (C.O.S.A.P.) o la Tassa Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche (T.O.S.A.P.) nella misura prevista dai rispettivi regolamenti comunali in attuazione di quanto previsto dal comma 2. lettera f) dell Art. 63 D.Leg.vo 15 dicembre 1997, n. 446 o del Capo II del D. Leg.vo 15 novembre 1993, n, 507; [ * vedi APPENDICE ] f) sono a carico dell operatore le spese di sopralluogo e di istruttoria relative al rilascio del nulla-osta e per la redazione e sottoscrizione della convenzione (bolli, diritti, spese registrazione,.); g) sono a carico dell operatore eventuali costi per la messa fuori esercizio di linee e reti tecnologiche, necessaria per la posa o per la manutenzione delle reti di comunicazione elettronica; nel caso di manutenzioni straordinarie dei cavidotti IP l operatore, su richiesta dell Unione, è tenuto ad attivare l eventuale servizio sostitutivo, senza alcun indennizzo da parte dell ente; 2. Possono essere esentate dal pagamento degli oneri di cui al precedente comma 1. punto b) e limitatamente al C.O.S.A.P di cui al punto e) del medesimo comma, le opere e le reti di comunicazione elettronica per le quali alla scadenza della convenzione di cui al precedente Art. 19 sia prevista la cessione della proprietà al Comune territorialmente competente, secondo

16 espressa previsione contrattuale approvata preliminarmente dal comune stesso con specifico atto deliberativo consiliare. 3. Le convenzioni possono stabilire altresì l esenzione, anche parziale (quota) e/o temporanea (per un certo periodo di tempo), dal pagamento degli oneri di cui al precedente comma 1. punto b) per particolari casi, ed in particolare qualora: a) l operatore assuma l onere di provvedere in proprio alla completa manutenzione ordinaria e straordinaria dei cavidotti assegnati, secondo un piano manutentivo approvato dall Unione; b) venga ceduto all Unione un certo numero di fibre spente per le necessità istituzionali dell ente e/o dei Comuni dell Unione, che ne abbiano fatto esplicita richiesta. Art. 21 Oneri manutentivi 1. Sono a carico degli operatori l ordinaria e la straordinaria manutenzione della propria rete di comunicazione elettronica realizzata, dei manufatti e delle apparecchiature, compresi eventuali canoni dovuti a terzi nonché spese per l energia elettrica necessaria al funzionamento degli apparati. 2. Nel caso di cavidotti TLC già predisposti ogni operatore deve procedere alla manutenzione degli spazi di sua competenza. Art. 22 Istruzioni tecniche per la realizzazione di nuove infrastrutture e reti La realizzazione di nuove infrastrutture destinate ad ospitare reti di comunicazione elettronica dovrà avvenire nel rispetto degli standard tecnici fissati dalla normativa di settore ed in particolare da quella di riferimento di cui al precedente Art. 4 nonché di quanto disposto nel presente regolamento. Art. 23 Istruzioni tecniche per l uso delle infrastrutture esistenti: cavidotti IP 1. Per ragioni di sicurezza i cavi in fibra ottica dovranno essere del tipo completamente dielettrici in quanto promiscui con le linee di illuminazione pubblica (IP); di norma per ragioni di spazio non sarà possibile proteggere meccanicamente detti cavi (ad es. con un monotubo in polietilene). 2. Nei punti di visibilità della promiscuità tra la rete in fibra ottica e le linee i.p., in particolare all interno dei pozzetti, i cavi appartenenti alla rete di comunicazione elettronica dovranno, ove tecnicamente possibile, essere entro contenuti un metro prima ed un metro dopo i pozzetti di derivazione i.p., in una tubazione flessibile del tipo copfelx od equivalente (semigusci apribili) e comunque sempre adeguatamente segnalati con idonei cartellini e/o targhette di identificazione. 3. Tutte le opere di carattere edile che andranno ad interessare i pozzetti di derivazione i.p. per effettuare raccordi con altre tubazioni/infrastrutture, dovranno essere eseguite nel rispetto delle norme di sicurezza applicabili (es. richiesta di fuori servizio rete i.p. con distacco dell alimentazione degli impianti, ). 4. I ripristini delle pareti dei pozzetti oggetto di detti interventi dovranno essere eseguite a regola d arte (es. pareti opportunamente stuccate, ); i pozzetti dovranno inoltre essere lasciati puliti, così come il loro contenuto (muffole di giunzione e di derivazione, cavi elettrici, ecc.).

17 5. I pozzetti per scorta di fibra ottica e spillamenti, dovranno essere costruiti a fianco dei cavidotti i.p., con collegamento in derivazione sui pozzetti i.p. più prossimi, avendo cura di eseguire su questi ultimi i ripristini come indicato al precedente punto 4.; resta fermo l obbligo di mantenere un congrua distanza da altri manufatti e sottoservizi secondo quanto previsto dalle norme di settore. 6. Per ragioni di sicurezza e di coordinamento l operatore e/o i suoi aventi causa dovranno comunicare con congruo anticipo all Unione, al manutentore degli impianti i.p. incaricato, ove presente, nonché al Comune territorialmente competente ogni evenienza che comporti un intervento sulla propria rete di comunicazione elettronica in coubicazione. 7. Tutte le lavorazioni che interessano gli impianti i.p. dovranno essere effettuate sotto la supervisione dei competenti servizi tecnici dell Unione e, ove presente, del manutentore incaricato. 8. Gli oneri conseguenti ad eventuali manomissioni della rete i.p., il mancato ripristino delle infrastrutture in essere, la difettosa chiusura dei chiusini i.p. ed ogni altra lavorazione che comporti danni a terzi, saranno da considerare interamente a carico dell operatore. Art. 24 Vigilanza sui lavori e collaudi 1. L Unione esercita la vigilanza ed il controllo su tutte le fasi dei lavori di posa delle nuove reti di comunicazione elettronica nonchè di realizzazione delle infrastrutture di posa. 2. Al termine dei lavori di realizzazione della rete di comunicazione elettronica e delle infrastrutture di alloggiamento l operatore:. dovrà provvedere al collaudo mediante personale abilitato e, quando espressamente richiesto da norme di legge e/o da regolamenti attuativi, tramite professionisti iscritti ai rispettivi albi professionali; entro due mesi dal termine delle opere, il professionista o tecnico incaricato rilascerà certificazione della perfetta esecuzione delle opere e della piena rispondenza alle prescrizioni dell Unione; l operatore rimane responsabile, secondo quanto previsto dalla vigente normativa, nei confronti dell Unione, dei Comuni dell Unione e di terzi per eventuali danni, anche se rilevati dopo che l opera sia stata collaudata; gli oneri relativi al costo delle verifiche, certificazioni, delle prove tecnologiche necessarie e di quant altro occorra per la valutazione della esecuzione dei lavori, sono a totale carico degli operatori;. dovrà fornire all Unione una documentazione as built particolareggiata e georiferita (Gauss- Boaga) delle opere eseguite in promiscuità con i servizi comunali, in particolare dovrà essere prodotta una planimetria in scala 1:1000 o, se necessaria di maggior dettaglio, che consenta di individuare le posizioni della rete in fibra ottica rispetto ai sottoservizi esistenti; gli atti autorizzativi riportano le specifiche della documentazione tecnica da restituire a fine lavori. Art. 25 Danni e penali 1. Nel caso di ripristini mal eseguiti alla viabilità, alle aree ed alle infrastrutture manomesse nel corso dei lavori di posa della rete di comunicazione elettronica o nel caso di danni arrecati

18 alle infrastrutture pre-esistenti, l Unione ordinerà all operatore e/o ai sui aventi causa l immediato rifacimento a regola d arte; se entro il termine fissato nell ordinanza non verrà effettuata la messa in pristino a regola d arte verranno addebitate all operatore e/o ai suoi aventi causa le spese di ripristino. 2. E fatta salva l applicazione delle sanzioni previste dalla vigente normativa ed in particolare dal Codice della Strada. Art. 26 Occupazioni abusive 1. Non è ammessa la posa di reti di telecomunicazione elettronica all interno delle infrastrutture di proprietà dei Comuni dell Unione senza l assenso preliminare dell Unione e la conseguente stipula della convenzione di cui al precedente Art Ogni occupazione non assentita nei modi sopra richiamati è considerata a tutti gli effetti abusiva; l Unione, accertata l occupazione abusiva, diffida l operatore, accordandogli un congruo termine per la rimozione delle apparecchiature ovvero per la regolarizzazione dell occupazione, ove la stessa risulti possibile; trascorso inutilmente il termine accordato l Unione provvederà al ripristino del bene occupato abusivamente con oneri a carico dell operatore, senza pregiudizio di ogni altra azione da espletare a salvaguardia dei diritti dell Unione e dei Comuni dell Unione e per il rispetto delle vigenti disposizioni in materia. Art. 27 Entrata in vigore e Norme Finali 1. Il presente regolamento entra in vigore ad avvenuta esecutività della deliberazione di approvazione del Consiglio dell Unione Terra di Mezzo. 2. Il mero adeguamento del presente regolamento alle norme di legge sopravvenute è di competenza della Giunta dell Unione. * * * [* Nota agli Artt. 4 e 5] APPENDICE DECRETO-LEGGE 25 giugno 2008, n. 112 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria. Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2008, n. 133 omissis

19 Titolo II SVILUPPO ECONOMICO, SEMPLIFICAZIONE E COMPETITIVITA' Capo I Innovazione Art. 2 Banda larga 1. Gli interventi di installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica sono realizzabili mediante denuncia di inizio attività. 2. L'operatore della comunicazione ha facolta' di utilizzare per la posa della fibra nei cavidotti, senza oneri, le infrastrutture civili gia' esistenti di proprieta' a qualsiasi titolo pubblica o comunque in titolarita' di concessionari pubblici. Qualora dall'esecuzione dell'opera possa derivare un pregiudizio alle infrastrutture civili esistenti le parti, senza che cio' possa cagionare ritardo alcuno all'esecuzione dei lavori, concordano un equo indennizzo, che, in caso di dissenso, e' determinato dal giudice. 3. Nei casi di cui al comma 2 resta salvo il potere regolamentare riconosciuto, in materia di coubicazione e condivisione di infrastrutture, all'autorita' per le garanzie nelle comunicazioni dall'articolo 89, comma 1, del codice delle comunicazioni elettroniche, di cui al decreto legislativo 1 ag osto 2003, n All'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni compete altresi' l'emanazione del regolamento in materia di installazione delle reti dorsali. 4. L'operatore della comunicazione, almeno trenta giorni prima dell'effettivo inizio dei lavori, presenta allo sportello unico dell'amministrazione territoriale competente la denuncia, accompagnata da una dettagliata relazione e dagli elaborati progettuali, che asseveri la conformita' delle opere da realizzare alla normativa vigente. Con il medesimo atto, trasmesso anche al gestore interessato, indica le infrastrutture civili esistenti di cui intenda avvalersi ai sensi del comma 2 per la posa della fibra. 5. Le infrastrutture destinate all'installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica sono assimilate ad ogni effetto alle opere di urbanizzazione primaria di cui all'articolo 16, comma 7, del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n La denuncia di inizio attivita' e' sottoposta al termine massimo di efficacia di tre anni. L'interessato e' comunque tenuto a comunicare allo sportello unico la data di ultimazione dei lavori. 7. Qualora l'immobile interessato dall'intervento sia sottoposto ad un vincolo la cui tutela compete, anche in via di delega, alla stessa amministrazione comunale, il termine di trenta giorni antecedente l'inizio dei lavori decorre dal rilascio del relativo atto di assenso. Ove tale atto non sia favorevole, la denuncia e' priva di effetti. 8. Qualora l'immobile oggetto dell'intervento sia sottoposto ad un vincolo la cui tutela non compete all'amministrazione comunale, ove il parere favorevole del soggetto preposto alla tutela non sia stato allegato alla denuncia il competente ufficio comunale convoca una conferenza di servizi ai sensi degli articoli 14, 14-bis, 14-ter, 14-quater, della legge 7 agosto 1990, n Il termine di trenta giorni di cui al comma 4 decorre dall'esito della conferenza. In caso di esito non favorevole, la denuncia e' priva di effetti. 9. La sussistenza del titolo e' provata con la copia della denuncia di inizio attivita' da cui risulti la data di ricevimento della denuncia, l'elenco di quanto presentato a corredo del progetto nonche' gli atti di assenso eventualmente necessari.

20 10. Il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale, ove entro il termine indicato al comma 4 sia riscontrata l'assenza di una o piu' delle condizioni legittimanti, ovvero qualora esistano specifici motivi ostativi di sicurezza, incolumita' pubblica o salute, notifica all'interessato l'ordine motivato di non effettuare il previsto intervento, contestualmente indicando le modifiche che si rendono necessarie per conseguire l'assenso dell'amministrazione. E' comunque salva la facolta' di ripresentare la denuncia di inizio attivita', con le modifiche e le integrazioni necessarie per renderla conforme alla normativa vigente. 11. L'operatore della comunicazione decorso il termine di cui al comma 4 e nel rispetto dei commi che precedono da' comunicazione dell'inizio dell'attivita' al Comune. 12. Ultimato l'intervento, il progettista o un tecnico abilitato rilascia un certificato di collaudo finale che va presentato allo sportello unico, con il quale si attesta la conformita' dell'opera al progetto presentato con la denuncia di inizio attivita'. 13. Per gli aspetti non regolati dal presente articolo si applica l'articolo 23 del decreto del Presidente della Repubblica n. 6 giugno 2001, n. 380, nonche' il regime sanzionatorio previsto dal medesimo decreto. Possono applicarsi, ove ritenute piu' favorevoli dal richiedente, le disposizioni di cui all'articolo Salve le disposizioni di cui agli articoli 90 e 91 del decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, i soggetti pu bblici non possono opporsi alla installazione nella loro proprieta' di reti e impianti interrati di comunicazione elettronica in fibra ottica, ad eccezione del caso che si tratti di beni facenti parte del patrimonio indisponibile dello Stato, delle province e dei comuni e che tale attivita' possa arrecare concreta turbativa al pubblico servizio. L'occupazione e l'utilizzo del suolo pubblico per i fini di cui alla presente norma non necessitano di autonomo titolo abilitativo. (28) 15. Gli articoli 90 e 91 del decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259 si applicano anche alle opere occorrenti per la realizzazione degli impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica su immobili di proprieta' privata, senza la necessita' di alcuna preventiva richiesta di utenza. ((15-bis. Per gli interventi di installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica, la profondita' minima dei lavori di scavo, anche in deroga a quanto stabilito dalla normativa vigente, puo' essere ridotta, salvo che l'ente gestore dell'infrastruttura civile non comunichi specifici motivi ostativi entro trenta giorni dal ricevimento dell'atto di cui al comma 4)) [ * Nota all Art. 6 comma 1 ] Allegato 13 (artt. 87 e 88) Decreto Legislativo 1 agosto 2003, n. 259 Codice delle Comunicazioni elettroniche

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DEL FRIULI CENTRALE ZIU REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI REGOLAMENTO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento.

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. 1. Principi a fondamento dell indennità di civico ristoro

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Area Servizi Tecnici. Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici.

COMUNE DI BRESCIA. Area Servizi Tecnici. Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici. COMUNE DI BRESCIA Area Servizi Tecnici Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici. Adottato dal Consiglio comunale con provvedimento in data 21.12.2001 n. 283. TITOLO I Disposizioni

Dettagli

Regolamento per La Concessione del sottosuolo per la costruzione di reti di telecomunicazioni

Regolamento per La Concessione del sottosuolo per la costruzione di reti di telecomunicazioni COMUNE DI NOVATE MILANESE PROVINCIA DI MILANO Regolamento per La Concessione del sottosuolo per la costruzione di reti di telecomunicazioni Approvato con delibera di C.C. n 21 del 23/04/2002 Testo curato

Dettagli

(SCHEMA DI CONVENZIONE)

(SCHEMA DI CONVENZIONE) (SCHEMA DI CONVENZIONE) CONVENZIONE PER L UTILIZZO DI PORZIONE DELLA INFRASTRUTTURA COMUNALE DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ MANUTENTIVE La presente convenzione è relativa al

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DEL FRIULI CENTRALE ZIU REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI: UDINE - PAVIA DI UDINE - POZZUOLO DEL FRIULI REGOLAMENTO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE Ufficio COMUNE DI TAVAZZANO CON VILLAVESCO REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 54 DEL 29.11.2000 ART. 1 (AMBITO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO PER ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE O DI USO PUBBLICO REGIONE AUTONOMA

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE Luglio 2000 Adottato con deliberazione consiliare n 29 del 25/02/2002 COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico REGIONE PIEMONTE BU27 04/07/2013 TERNA S.p.A. - Torino Decreto autorizzativo n.239/el-258/187/2013 del 19/06/2013 - Autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio - Variante dal P.102 al P.109 dell'elettr,

Dettagli

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo ACCORDO TRA La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo Simeoni di seguito indicata come la "Provincia", E Telecom Italia S.p.A., con sede legale in Milano

Dettagli

Verbale di Deliberazione N. 46/2011 della Giunta comunale

Verbale di Deliberazione N. 46/2011 della Giunta comunale COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione N. 46/2011 della Giunta comunale OGGETTO: Esame ed approvazione della convenzione con Trentino Network S.r.l. per la predisposizione di

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=ddlpres&leg=16&id=00307787&part...

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=ddlpres&leg=16&id=00307787&part... Page 1 of 189 Mostra rif. normativi Legislatura 16º - Disegno di legge N. 949 (PARTE II/1) Testo del decreto-legge - - Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività,

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ATTI DEL SEGRETARIO COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA ATTO DI CONCESSIONE. L'anno duemilatredici addì 31 del mese di ottobre in Dimaro

REPUBBLICA ITALIANA ATTI DEL SEGRETARIO COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA ATTO DI CONCESSIONE. L'anno duemilatredici addì 31 del mese di ottobre in Dimaro COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA ATTI DEL SEGRETARIO COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA ATTO DI CONCESSIONE L'anno duemilatredici addì 31 del mese di ottobre in Dimaro nella sede municipale

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING

SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING Premesso - che la ditta (in appresso denominata la Ditta

Dettagli

P A Cognome e Nome dei componenti Funzione

P A Cognome e Nome dei componenti Funzione VERBALE N. 115 Data 27/6/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA SOCIETA' E-VIA S..A. DEL GRUO RETELIT ALLO SCAVO ER LA OSA DI INFRASTRUTTURA E CAVO IN FIBRA OTTICA

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con sede in Ponte di Piave Piazza G. Garibaldi n 1, C.F. 80011510262

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN TRATTO DI FOGNATURA PUBBLICA PER ACQUE SU VIA DEL PONTE A SCOMPUTO ONERI DI URBANIZZAZIONE AI SENSI DELL'ART. 16 DEL D.P.R. 380/2001

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013 COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica Oggetto: ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di C.C. n. 27 del 27/04/2010 1 I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Competenze Art.

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI I N D I C E Art. 1 - Finalità e contenuto Art. 2 Canone non ricognitorio Art. 3 - Pagamento, accertamento e interessi del canone di Concessione

Dettagli

Allegato 1 al Contratto

Allegato 1 al Contratto CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU RISORSE DELLA RETE PUBBLICA REGIONALE (RPR) ai sensi della D.G.R. n.1373 del 18 luglio 2014 Allegato 1 al Contratto PROCEDURE, TEMPISTICHE, SLA, PENALI 1 INDICE 1. PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A R E P U B B L I C A I T A L I A N A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REP. N. OGGETTO: Contratto di concessione tra il Comune di Ponte San Nicolò e la Società TIM Telecom Italia Mobile S.p.A.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione C.C. n. 155 del 20.12.2011 PREMESSA Il presente regolamento disciplina

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

Norme e Guide Tecniche

Norme e Guide Tecniche Norme e Guide Tecniche IMPIANTI DI COMUNICAZIONE Le installazioni, nel rispetto della legge C ome realizzare le installazioni a Regola d Arte, nel rispetto della Normativa vigente? L articolo passa in

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 42 del 15/05/2013 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO. POTERI SOSTITUTIVI. L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3 CAPO II Semplificazione della regolamentazione ART. 3 Semplificazione amministrativa 1. L'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Regolamento per la disciplina dell impiego del suolo e del sottosuolo, delle sedi stradali di proprietà comunale e di aree di uso pubblico. Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

IL SINDACO (dott.ssa Maria Bosin) Il SEGRETARIO. (dott. Claudio Urthaler) ACCORDO TRA IL COMUNE DI PREDAZZO E LA SOCIETA' MNET S.r.l.

IL SINDACO (dott.ssa Maria Bosin) Il SEGRETARIO. (dott. Claudio Urthaler) ACCORDO TRA IL COMUNE DI PREDAZZO E LA SOCIETA' MNET S.r.l. 1 ALLEGATO A) ALLA PRESENTE DELIBERAZIONE GC. AVENTE AD OGGETTO: Lavori di interramento fibre ottiche sul territorio comunale. Approvazione schema di accordo tra il Comune di Predazzo e la società Mynet

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO PROVINCIA DI FIRENZE UFFICIO LAVORI PUBBLICI SETTORE LAVORI PUBLICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Redatto da : Ufficio Lavori Pubblici

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE Legge generale in materia di opere e lavori pubblici Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 13 del 28 marzo 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Service Level Agreement. di Telecom Italia. Servizi di Colocazione. (Mercato 4)

Service Level Agreement. di Telecom Italia. Servizi di Colocazione. (Mercato 4) Service Level Agreement di 2015: Servizi di Colocazione Service Level Agreement di 2015 Servizi di Colocazione (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 24 Service Level Agreement

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 3 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

Distinti saluti Tiziano Cornaviera

Distinti saluti Tiziano Cornaviera . OGGETTO: Compatibilità art. 90 della L.R. 61/85 con art. 48 del D.P.R. 380/01 ai fini allacciamento impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Al momento sono casi sporadici ma, visto l

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 36 del

Dettagli

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI SITI CONTAMINATI A cura della Direzione Parchi Territorio Ambiente

Dettagli

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita')

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita') L.R. 16 Febbraio 1981, n. 12 Norme in materia di edilizia scolastica (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI Art. 1 (Norme generali) I programmi di edilizia

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 3 In data 27.02.2014 Prot. N. 4229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm).

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm). Viene definito come Radio Local Area Network (di seguito denominate Radio LAN" o R-LAN ) un sistema di comunicazioni in rete locale mediante radiofrequenze che utilizza apparati a corto raggio secondo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 16 dicembre 2014 Convocata la Giunta presieduta

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA Allegato D SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA CIG 0456191CB5 Agenzia Italiana del Farmaco 1 Agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 23 dell 11.04.2013

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 61 del 17/03/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER POSA DI POZZETTI SIFONATI E RELATIVE TUBAZIONI

Dettagli

Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati

Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati INDICE Articolo 1. Finalità Articolo 2. Oggetto e disciplina Articolo 3. Prescrizioni

Dettagli

SERVIZIO TERRITORIO LL.PP.LGS

SERVIZIO TERRITORIO LL.PP.LGS Comune di Arquata Scrivia Provincia di Alessandria Piazza S. Bertelli, 21-15061 - Arquata Scrivia (Al) - ( tel. 0143.600411 - fax 0143.600417 - C.F. 00274600063 - PEC: comune.arquatascrivia.al@legalmail.it)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE Deliberazione consiliare n. 87 dd. 9 ottobre 2008 divenuta esecutiva in data 1 novembre 2008 2 REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 17 Adunanza 14 maggio 2013 OGGETTO: DISMISSIONI PATRIMONIALI. RIAPPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CDP INVESTIMENTI (CDPI). Protocollo:

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Nuova vita per gli installatori di impianti di comunicazione elettronica

Nuova vita per gli installatori di impianti di comunicazione elettronica Nuova vita per gli installatori di impianti di comunicazione elettronica LEGGE 11 novembre 2014, n. 164 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, (sblocca Italia)

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino Regolamento sui Procedimenti Amministrativi (Approvato con Delibera di Consiglio n.17 del 30/03/2006, modificato con Delibera di Consiglio n.29 del 12/07/2010

Dettagli

"REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE

REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE "REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE Art. 1 Chiunque intenda procedere alla rottura e relativo

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 4 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 24 del 01.08.2013-1 - COMUNE DI USMATE VELATE (Provincia

Dettagli

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti 10. Ai fini di incrementare la concorrenzialità del mercato dei carburanti e la diffusione al consumatore delle relative informazioni,

Dettagli

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, VERDE E PARCHI SETTORE PARCHI E VERDE ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE E LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I PROVINCIA DI TERNI RAGIONERIA Oggetto: Decreto Legge 8 Aprile 2013, n.55. Individuazione misure urgenti per il pagamento dei debiti maturati al 31 Dicembre 2912

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE Allegato A DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE - 1 - DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 121/2013 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 121/2013 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 121/2013 della Giunta comunale OGGETTO: Approvazione schema di convenzione con Trentino Network srl per la

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO PIAZZA SALVO D'ACQUISTO, 7-57038 - RIO MARINA (LI) C.F. 82001270493 - P.I. 00418180493 TEL 0565/925511 - FAX 0565/925536 www.comuneriomarina.li.it urp@comuneriomarina.li.it

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 ALLARGAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO C.A.P. 38010 - Tel. 0461/655547 FAX - 0461/655178 Codice Fiscale e Partita I.V.A. 00307740225 Reg. n. IT-001186 OGGETTO: Art. 18, comma 9, D.L. 21 giugno

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28/7 in data 31/03/2008 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

marca da bollo All'organizzatore della competizione... AI COMUNI del percorso di gara -...

marca da bollo All'organizzatore della competizione... AI COMUNI del percorso di gara -... All. 2 al Regolamento Provinciale sulle competizioni ciclistiche su strada FAC SIMILE DI AUTORIZZAZIONE Inviata tramite Telefax o e-mail Belluno, Prot. n marca da bollo All'organizzatore della competizione...

Dettagli

1 luglio 2015. Importanti novità per gli antennisti-elettronici

1 luglio 2015. Importanti novità per gli antennisti-elettronici 1 luglio 2015 Importanti novità per gli antennisti-elettronici E innegabile che stiamo vivendo un periodo (purtroppo lungo) di crisi di vario tipo, crisi che coinvolgono molti aspetti della nostra vita,

Dettagli