Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila"

Transcript

1 Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della

2 Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Il Processo di Programmazione La Scheda di Budget Il Sistema di Reporting I risultati del modello di programmazione e controllo: riflessioni e linee di sviluppo per la Pianificazione Strategica

3 Introduzione Si fonda su specifici sottosistemi di governance delle principali linee di attività Sistema di governance aziendale Promuove: l innovazione di processo l integrazione tra i processi Contribuisce a: definire il percorso di crescita aziendale 3

4 Introduzione ASL SISTEMA DI DI GOVERNANCE SOTTOSISTEMI OSPEDALIERO INNOVAZIONE DI PROCESSO INTEGRAZIONE TRA PROCESSI TERRITORIAE CRESCITA AZIENDALE 4

5 Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Il Processo di Programmazione La Scheda di Budget Il Sistema di Reporting I risultati del modello di programmazione e controllo: riflessioni e linee di sviluppo per la Pianificazione Strategica

6 Profilo Aziendale (1/2) TERAMO TERAMO! L'AQUILA!!! L'AQUILA PESCARA PESCARA! LANCIANO Abitanti: <=14 15>=65 >65 AVEZZANO! AVEZZANO LANCIANO Rapporto domanda/offerta ricoveri per acuti Indice di vecchiaia 162,47% Indice di mortalità 11,25% Offerta Posti letto P. O. n. 502 Posti letto C. C. n. 107 Domanda Ricoveri RO Ricoveri DH/DS

7 Profilo Aziendale (2/2) Articolazione delle strutture di offerta sul territorio: 2 Distretti Territoriali; 3 Dipartimenti Territoriali (Prevenzione, Salute mentale, dell Assistenza di base); 1 Presidio Ospedaliero a gestione diretta (502 pl); 2 Case di Cura accreditate (107 pl); 1 Struttura Residenziale Psichiatrica (10 pl riabilitazione); 1 comunità protetta accreditata (ex pazienti ospedali psichiatrico); 1 RSA Gestione diretta (60 pl); 1 RSA accreditata. 7

8 Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Il Processo di Programmazione La Scheda di Budget Il Sistema di Reporting I risultati del modello di programmazione e controllo: riflessioni e linee di sviluppo per la Pianificazione Strategica

9 Il governo dei servizi territoriali (1/4) Azioni Obiettivi Recupero di appropriatezza assistenziale e capacità di soddisfacimento dei bisogni emergenti dell utenza a. Potenziamento dei servizi su base distrettuale (sotto il coordinamento del Dipartimento assistenza di base) b. Integrazione ospedale territorio (istituzione dei Dipartimenti trasmurali per le fasce deboli, es geriatria) c. Estensione del modello di programmazione e controllo alla medicina di base 9

10 Il governo dei servizi territoriali (A) (2/4) Organi di staff Direzione strategica P.Ospedaliero S.Salvatore Dipartimento di Prevenzione Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento Assistenza Sanitaria di Base Tipologie di intervento: Area Distrettuale I Area Distrettuale II MMG PDL potenziamento dell attività dei poliambulatori decentrati; potenziamento del servizio di assistenza domiciliare integrata attivazione della RSA di Montereale 10

11 Il governo dei servizi territoriali (B) (3/4) A.D.I. Azienda Sanitaria Locale di L Aquila Dipartimento funzionale di Assistenza agli anziani Servizi Sociali Comuni Comunità Montane U.O.C. di Geriatria R.S.A. di Montereale U.O.C. di Lungodegenza e Riabilitazione 11

12 Il governo dei servizi territoriali (C) (4/4) Il coinvolgimento della medicina di base nel sistema di programmazione e controllo aziendale è fattore critico di successo per il governo dei servizi territoriali Il sistema di Pianificazione e Controllo orienta il comportamento del Medico di Medicina Generale in funzione delle risorse impiegate e della disomogeneità clinica dei pazienti 12

13 Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Il Processo di Programmazione La Scheda di Budget Il Sistema di Reporting I risultati del modello di programmazione e controllo: riflessioni e linee di sviluppo per la Pianificazione Strategica

14 Il modello di Programmazione e Controllo Orienta la domanda vs i servizi offerti dall Azienda Soddisfa i fabbisogni di comunicazione interni all Azienda Fornisce gli strumenti decisionali per la pianificazione delle attività Scheda di Budget e di Reporting per singolo MMG/PLS Costi per assistenza specialistica e ambulatoriale Costi per assistenza ospedaliera 14 Costi per assistenza farmaceutica convenzionata

15 Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Gli attori del processo Scheda Budget Sistema di Reporting 15

16 Gli attori del processo Direzione Strategica Aziendale, Responsabile Dipartimento Assistenza Sanitaria di Base Attori coinvolti Responsabile del Controllo di Gestione Singoli MMG/PLS quali centri di responsabilità aziendale 16

17 La Scheda di Budget: la struttura Anagrafica del medico Spesa farmaceutica (importo complessivo e per ATC) Spesa ospedaliera (dati ricoveri e mobilità passiva) Spesa per assistenza specialistica ambulatoriale Attività diretta del medico (ADI, ADP) 17

18 La Scheda di Budget: esempio Scheda Area Farmaceutica Obiettivi di Budget 18

19 La Scheda di Budget: esempio Scheda Area Diagnostica Obiettivi di Budget 19

20 La Scheda di Budget: considerazioni Area farmaceutica e specialistica : ripartizione del tetto di spesa del Bilancio di Previsione tra i generatori di spesa (MMG e PLS) in funzione di uno specifico driver, il numero di assistiti pesati. Gli obiettivi assegnati Area Ospedaliera: assegnazione a ciascun medico di un tetto di ricoveri, calcolato in ragione del numero degli assistiti pesati e del rapporto di 200 ricoveri per 1000 abitanti (in considerazione dell elevato tasso di ospedalizzazione, vicino al 250 per mille ) Prestazioni territoriali erogate direttamente o sotto il controllo diretto dei medici : incremento del numero di iscritti all ADI (Assistenza domiciliare integrata); mantenimento del numero di iscritti all ADP (Assistenza domiciliare programmata). 20

21 Il Sistema di Reporting Sintetico confronto semestrale tra le informazioni di budget e quelle a consuntivo Inoltre Per la SPESA FARMACEUTICA Monitoraggio mensile, tempestivo e dettagliato per individuare eventuali andamenti distorsivi 21

22 Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo per il territorio: elementi fondamentali Il Processo di Programmazione La Scheda di Budget Il Sistema di Reporting I risultati del modello di programmazione e controllo: riflessioni e linee di sviluppo per la Pianificazione Strategica

23 I punti di forza Responsabilizzazione della dirigenza medica Logiche innovative adottate Nuovi strumenti decisionali alle unità operative Approccio bottom-up Integrazione degli obiettivi per l area ospedaliera e territoriale 23

24 Il caso di successo Il governo dell assistenza ospedaliera Obiettivi Governo della Domanda e Rimodulazione dell Offerta assistenza ospedaliera Risultati attesi Risultati raggiunti Riduzione del tasso di ospedalizzazione Recupero mobilità passiva Ottimizzazione risorse finanziarie Trend decrescente tasso ospedalizzazione e ottimizzazione della capacità di offerta di prestazioni ospedaliere a livello intra aziendale mediante il recupero di mobilità passiva 24

25 I punti di forza Strumenti direzionali Strumenti operativi Interazione tra Direzione Strategica, Area Ospedaliera e Area Territoriale per l elaborazione di una strategia di governo della mobilità passiva (nonostante le relative alla mancanza di fonti informative aggiornate) Analisi di supporto al modello standard di Reporting per l area ospedaliera e territoriale Diffusione dei risultati dell analisi MP all interno dell area territoriale e ospedaliera (nell ambito dei relativi processi di programmazione) Attribuzione di obiettivi comuni ai Centri di Responsabilità dell area ospedaliera e territoriale 25

26 Risultati dell Analisi I Referenti dei Centri di Responsabilità per la prima volta hanno appreso: la misura del fenomeno gli strumenti per ricercare alla radice le cause del fenomeno E risultato possibile individuare soluzioni correttive quali, ad esempio: apertura nuovi ambulatori specialistici nelle aree ad elevata propensione alla mobilità; promozione dei servizi ospedalieri nel territorio mediante il supporto della medicina di base. 26

27 Risultati dell Analisi: la Matrice di Posizionamento La Matrice di Posizionamento delle unità operative all interno dell area dipartimentale di appartenenza è costruita rispetto a due variabili: attrattività della struttura (mobilità attiva) efficienza gestionale della strutture (Tasso occupazione posti letto) 27

28 La Matrice di Posizionamento Dipartimento Mobilità attiva I IV II III Tasso occupazione Legenda: I quadrante (in alto a sinistra): elevata capacità attrattiva e discreta capacità ricettiva II quadrante (in alto a destra): elevata capacità attrattiva e capacità ricettiva satura III quadrante (in basso a destra): limitata capacità attrattiva e capacità ricettiva satura IV quadrante (in basso a sinistra): limitata capacità attrattiva e discreta capacità ricettiva 28

29 Risultati dell Analisi: Il fenomeno della Mobilità Passiva La ricostruzione del fenomeno della mobilità passiva per le principali tipologie di prestazioni erogabili (e quindi recuperabili ) presso i dipartimenti ospedalieri aziendali, è stata realizzata attraverso la: individuazione delle aree maggiormente interessate dal fenomeno della mobilità passiva (11 comuni sui 37 che insistono sul territorio della ASL); ricostruzione dei percorsi di cura intra ed extraregionali ad esse correlati (età e comune di provenienza, tipologia di prestazione erogata e struttura erogatrice). 29

30 Il fenomeno della Mobilità Passiva TOTALE MP 2001 (416 casi) Primi 5 MDC 05 -Mal. edist. sistema cardiocircolatorio: 181 casi 13 -Mal. edist. apparato riproduttivo femminile: 50 casi 14 - Gravidanza, parto e puerperio: 31 casi 11 -Mal. edist. rene e vie urinarie: 23 casi 06 -Mal. edist. apparato digerente: 19 casi TERAMO TOTALE MP 2001 (513 casi) Primi 5 MDC 08 - Mal. e dist. apparato osteomuscolare e tessuto connettivo: 243 casi 05 -Mal. edist. sistema cardiocircolatorio: 82 casi 23 - Fattori influenzanti stato di salute: 30 casi 14 - Gravidanza, parto e puerperio: 17 casi 17 -Mal. edist. mieloprolif. e neoplasie scars.: 16 casi! L'AQUILA L'AQUILA L'AQUILA "!!!! TOTALE MP 2001 (140 casi) Primi 5 MDC PESCARA 05 -Mal. edist. sistema cardiocircolatorio: 32 casi 07 -Mal. edist. epatobiliari e pancreas: 14 casi CHIETI 01 -Mal. edist. sistema nervoso: 13 casi 23 - Fattori influenzanti stato di salute: 11 casi LANCIANO 02 -Mal. edist. occhio: 9 casi LANCIANO LANCIANO TOTALE MP 2001 (317 casi) Primi 5 MDC 14 - Gravidanza, parto e puerperio: 60 casi 13 -Mal. edist. apparato riproduttivo femminile: 43 casi 05 -Mal. edist. sistema cardiocircolatorio: 41 casi 08 -Mal. edist. apparato osteomuscolare e tessuto connettivo: 33 casi 02 -Mal. edist. occhio: 31 casi AVEZZANO! AVEZZANO TOTALE MP 2001 (12 casi) Primi 3 MDC 25 - Traumatismimultipli: 3 casi 12 -Mal. edist. apparato riproduttivo maschile: 2 casi 14 -Mal. edist. sistema nervoso: 2 casi 30

31 Piano Strategico Prestazioni appropriate e Salute dei cittadini sono garantite attraverso: Potenziamento dei servizi territoriali di prevenzione e cura Programmi di promozione della salute e prevenzione malattie Prestazioni erogate coerenti con esigenze della popolazione Coinvolgimento e ulteriore integrazione tra i rappresentanti dei medici di medicina di base e delle altre professionalità sanitarie ospedaliere e territoriali nei processi di pianificazione aziendale 31

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del vigente Piano di rientro dai disavanzi del SSR calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all'articolo 2, comma 88, della legge

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo

La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo REGIONE ABRUZZO Dr. Rossano Di Luzio Servizio Programmazione Sanitaria La stesura di un documento di programmazione regionale deve comprendere le seguenti

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel L esperienza di ospedale virtuale per le dimissioni protette nel 4 Distretto della AUSL Roma A Antonio Calicchia

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Regione Abruzzo. Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere

Regione Abruzzo. Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Indice Premessa 5 Obiettivi delle Linee guida sul Controllo di gestione 5 La struttura di Domanda e Offerta 7 La Domanda 8

Dettagli

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

Il Governo Clinico delle Cure Primarie

Il Governo Clinico delle Cure Primarie Il Governo Clinico delle Cure Primarie Proposta 1.0 del 15 dicembre 2011 1. Obiettivo generale Acquisire metodologie, strumenti e modelli organizzativi per implementare il Governo Clinico nelle cure 2.

Dettagli

La sostenibilità economica

La sostenibilità economica La sostenibilità economica Il contenimento dei costi come sfida per l efficienza Il crescere dei bisogni legato all invecchiamento della popolazione, con la conseguente crescita in complessità e volumi

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome CATERINO LUIGI Indirizzo Via Giotto, 87 AVERSA Telefono 081 5001215

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA Universita degli Studi del Molise Facolta di Scienze del Benessere XIV SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Campobasso, 22 marzo 2004 L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Ovidio Brignoli, MMG, Brescia (Vice-Presidente SIMG - Società Italiana di Medicina Generale) Cosa dovrebbe

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

Immigrati e assistenza sanitaria

Immigrati e assistenza sanitaria Elementi di analisi e osservazione del sistema salute Anno V numero 18 2006 - Bimestrale dell Agenzia per i servizi sanitari regionali Immigrati e assistenza sanitaria Poste Italiane SpA - Spedizione in

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Dr. Clemente Ponzetti Dr. Clemente Ponzetti Direzione Sanitaria Aziendale AUSL della Valle d Aosta www.ausl.vda.it Politica

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.)

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE N. 26 DEL 06.10.2010 Art. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI La Legge

Dettagli

Progetto Casa della Salute Regione Toscana 1

Progetto Casa della Salute Regione Toscana 1 Progetto Presidio Casa della Salute ( CdS ) Regione Toscana Adeguamento ed implementazione 1. Introduzione IL CONTESTO Negli ultimi anni i mutamenti e le nuove dinamiche dello scenario epidemiologico e

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito 9 ORGANI DI DIREZIONE La A.S.L. Napoli 1 Centro presenta un organizzazione aziendale particolarmente complessa: il Direttore Generale è l organo di vertice a cui sono attribuiti i poteri di gestione, di

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie Sottotitolo: semplice, complicato, complesso Dal primo Servizio sanitario, sul modello Bismark, in circa un secolo di storia si è passati

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI Eventuale STRUMENTI sottotitolo Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Trento, 7.02.2014 AGENDA Attuale baseline

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale i e nazionale Perugia, Ottobre 2010 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO FERRARA, 20 FEBBRAIO 2008 AULA MAGNA RETTORATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA 1 LA REVISIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI: I DIPARTIMENTI E I

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE Isola d Elba 3-5 ottobre 2014 Centro Congressi la Biodola COMPLESSITA CURA CAMBIAMENTO DEL BISOGNO DI CURE Paziente fragile frequent user a forte necessità

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S.

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. Materiale a cura di Antonella Cifalinò «Quale» PHC? Si assume una concezione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 Con il patrocinio di Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 gruppo corsisti sede di Roma: Corso promosso e realizzato da Obiettivo del project work approfondire I cambiamenti nelle forme

Dettagli

Continuità dell assistenza

Continuità dell assistenza Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto AREA DELLA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE E TERRITORIO F. Antonio Compostella Venezia 21 giugno 2010 Continuità dell assistenza Processo che deve garantire: Continuità

Dettagli

16 gennaio 2015-16 gennaio 2018

16 gennaio 2015-16 gennaio 2018 16 gennaio 2015-16 gennaio 2018 dott. Giovanni Battista Bochicchio Sommario SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1. Premessa... 3 2.... 4 2.1 Livelli Essenziali di Assistenza(LEA)... 6 2.2 Equilibrio Economico

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA Bisogno e domanda Il particolare stato di bisogno che accompagna l insorgenza di una malattia non è confrontabile con altri bisogni (ad es. fame, sete, sonno) Per molti bisogni

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli