PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE"

Transcript

1 PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE Silvia Soffritti UOC di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale UOC di Pediatria Ospedale Maggiore Direttore Fabrizio Sandri

2 REPARTO DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

3 N PARTI Anno 2012 TOTALE PARTI PARTI SPONTANEI gemellari VO TAGLI CESAREI gemellari NUMERO NATI MEF nato NUMERO NATI VIVI NOTE morto GENNAIO FEBBRAIO MARZO tc trigemellare APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE Percentuale 68.96% 4.19% 26.85%

4 LA MAGGIOR PARTE DEI CASI DI MORTALITÀ (ESCLUDENDO LE PATOLOGIE TUMORALI) È RICONDUCIBILE A: prematurità estrema encefalopatia ipossico-ischemica malformazioni congenite Malattie genetico/metaboliche Malattie neurodegenerative

5 LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA QUANTI SONO I BAMBINI A BOLOGNA? Nel 2012 (ottobre) i minori presenti sul territorio con m. croniche ad alta intensità assistenziale erano 33 (+ 57% rispetto al 2009) con una prevalenza di 2,5/ minori (popolazione AUSL di età <18 anni ). Da evidenziare che il 45,4% di questi minori è di nazionalità straniera.

6 N nuovi casi dimessi da giugno 2012 dal Dipartimento Materno-Infantile dell OM affetti da patologia cronica 10 pz Non tutti i pazienti segnalati si possono considerare ad alta intensità assistenziale, tuttavia la maggior parte necessitava di assistenza domiciliare medico-infermieristica, visite specialistiche pediatriche, trattamenti riabilitativi, ausili protesici, ricoveri ospedalieri per riacutizzazioni, farmaci e sacche per infusione parenterale ed enterale

7 1 pz Sindrome di Canavan 1 pz sospetta patologia mitocondriale 1 pz ipoplasia cerebellare + patologia genetica non ancora identificata 1 pz Lissencefalia 10 pazienti 3 pz EII 1 pz S. Di Charge e PC 1 pz broncodisplasia e cardiopatia congenita 1 pz leucomalacia multicistica secondaria a emorragia cerebrale

8 I pazienti pediatrici affetti da patologia cronica severa necessitano di Cure Palliative Pediatriche

9 DEFINIZIONE L OMS definisce le cure palliative pediatriche come l attiva presa in carico (cura) globale del corpo,della mente e dello spirito del bambino e che comprende il supporto attivo alla famiglia(cancer Pain Relief and Palliative Care in Children, WHO-IASP, 1998). Il bambino con patologia cronica severa senza possibilità di guarigione e/o con disabilità rilevante e/o terminale è un paziente elettivo per le cure palliative: l adeguato controllo dei sintomi (dolore), il ritorno a casa ed il reinserimento nella sua famiglia e nella sua socialità, rappresentano per il bambino e per la famiglia un traguardo particolarmente positivo e costantemente richiesto. Ministero della Salute, Commissione per le cure Palliative Pediatriche

10 Attualmente l organizzazione sanitaria opera secondo modelli di intervento atti a fronteggiare le patologie acute ma risulta impreparata ad affrontare quelle croniche; questo concetto è altrettanto valido per le malattie croniche neonatali e pediatriche che, secondo i dati della letteratura, sono destinate ad aumentare nel futuro anche grazie al miglioramento degli interventi terapeutici

11 Attualmente La maggioranza dei bambini con malattia inguaribile è assistita in regime di ricovero ospedaliero in reparti per acuti, frequentemente in reparti intensivi: il ricovero protratto, oltre ad avere un impatto molto gravoso per le famiglie e per il bambino, incide significativamente sui costi di una Azienda Sanitaria. ARCH PEDIATR ADOLESC MED/VOL 165 (NO. 5), MAY 2011

12 la Regione Emilia-Romagna, con la D.G.R 2011/2007, individua la medicina territoriale come il luogo privilegiato per perseguire obiettivi di continuità assistenziale, integrazione delle attività territoriali, governo clinico in relazione agli obiettivi di salute, miglioramento della qualità assistenziale attraverso linee guida, audit clinico e formazione specifica.

13 Servizio Sociale Ospedaliero Fisioterapista Specialisti consulenti Infermiere ospedaliero Servizio Sociale di Zona NPIA Fisioterapista NPIA Infermiere Servizio Domiciliare PLS Pediatra di Territorio

14 Dip. Materno Infantile Governo Clinico PDTA

15 PDTA Per PDTA si intende la migliore sequenza temporale e spaziale possibile delle attività da svolgere per risolvere i problemi di salute del paziente sulla base delle conoscenze tecnico-scientifiche e delle risorse organizzativo-professionali e tecnologiche a disposizione

16 PDTA per la gestione del bambino affetto da patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Codice PDTA 005 AUSLBO DIPARTIMENTI COINVOLTI DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ISTITUTO DELLE SCIENZE NEUROLOGICHE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

17 PDTA per la gestione del bambino affetto da patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Codice PDTA 005 AUSLBO I pazienti oggetto del percorso sono i seguenti: 1. Neonati prematuri affetti da patologia cronica (broncodisplasia, paralisi cerebrale infantile etc) 2. Minori di età compresa tra 0 e 14 con patologie per le quali esiste un trattamento specifico, ma che può fallire in una quota di essi. Le cure palliative intervengono quando il trattamento causale fallisce per la guarigione (neoplasie, insufficienza d organo irreversibile); 3. Minori con patologie in cui la morte precoce è inevitabile, ma cure appropriate possono prolungare ed assicurare una buona qualità di vita (infezione da HIV, fibrosi cistica); 4. Minori con patologie progressive, per le quali il trattamento è quasi esclusivamente palliativo e può essere esteso anche per molti anni (malattie degenerative neurologiche e metaboliche, patologie cromosomiche e genetiche etc); 5. Minori con patologie irreversibili ma non progressive, che causano disabilità severa, e morte prematura (paralisi cerebrale severa, disabilità per sequele di danni cerebrali e/o midollari).

18

19

20 FASI DEL PDTA Fase 1: Gestione della dimissione protetta Fase 2: Gestione domiciliare del paziente Fase 3: Gestione delle riacutizzazioni Fase 4 : Follow up Fase 5: Gestione del paziente terminale

21

22 Descrizione di un caso clinico S. M, nato a termine da gravidanza decorsa fisiologicamente Grave asfissia perinatale Pz sottoposto a trattamento ipotermico sistemico Eseguita RM cerebrale a 2 settimane di vita che segnalava presenza di focolai marcatamente iperintensi, nelle immagini T1 dipendenti, interessanti i talami, e le porzioni posteriori dei nuclei lenticolari, espressione di danno ipossico-ischemico. ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA DI GRADO SEVERO

23 DIMESSO A CIRCA 40 GIORNI DI VITA DA UOC NEONATOLOGIA IN CONDIZIONI DI ALIMENTAZIONE AUTONOMA SEGNALATO AL SERVIZIO DI NPIA PER LA PRESA IN CARICO RIABILITATIVA SEGUITO IN FOLLOW UP INSIEME AL DH DELLA PEDIATRIA OM, ALLA NPI OM E ALLA MEDICINA RIABILITATIVA INFANTILE M.BOTTOS A 18 MESI DI VITA, PER L AGGRAVARSI DELL ENCEFALOPATIA EPILETTICA E DELLA DISFAGIA VIENE RICOVERATO PRESSO REPARTO DI PEDIATRIA OM ED ATTIVATA LA DIMISSIONE PROTETTA COME INDICATO NEL PDTA

24 Il pz è stabile?

25

26 Sì!

27 FAX o al Punto di Coordinamento di Assistenza primaria (PCAP) 7 giorni prima della dimissione PCAP Quartiere San Vitale - San Donato

28 PCAP Quartiere San Vitale - San Donato

29 SCHEDA PER PCAP ELETTROMEDICALI/PRESIDI DA FORNIRE A DOMICILIO ALL.2 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO La codifica è a carico dell UOC Governo Clinico SCHEDA DI DI MI SSI ONE PAZI ENTE PEDI ATRI CO OSPEDALE MAGGI ORE UO PEDI ATRI A Medico ref erent e Dott.ssa Elisa Mazzoni Case manager PAZI ENTE con intensità assistenziale bassa X media alta Nome Mark Daniel Cognome Salinas nat o il 24/06/2011 Resident e a Bologna Via Adelaide Ristori, 11 Tel Diagnosi e brevi not e cliniche Paralisi cerebrale infantile di grado severo con encefalopatia epilettica. PROBLEMI EVI DENZI ATI Ha bisogno a domicilio! di assist enza medica! di assist enza inf ermierist ica! di assist enza sociale! di assist enza riabilit at iva! di f ornit ura di presidi* Terapia in corso: Ranidil sciroppo: 1 ml 3 volt e al giorno Vigabat rin bust ine 100 mg: (ore ) Luminale cp 15 mg: ½ cp + ½ cp (ore 8-20) Keppra soluzione: 1 ml ml (ore 8-20) Consulenze da at t ivare: " Servizio Sociale " NPEE " Fisiat ra " Alt ro La present e scheda va t rasmessa al PCAP Al moment o della dimissione verrà consegnat o ai f amiliari la relazione clinica complet a Dat a 27/ 09/ 2012 Firma Elisa Mazzoni *Allegat o: elenco presidi sanit ari complessi da at t ivare 1

30 SCHEDA PER PCAP ELETTROMEDICALI/PRESIDI DA FORNIRE A DOMICILIO ALL.2 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO La codifica è a carico dell UOC Governo Clinico Elet t romedicali QUANTI TA DA RI CHI EDERE Erogatore ossigeno liquido Bombolino per O2 portatile (stroller) Umidificatore Aspiratore delle vie aeree portatile completo di tutti gli accessori e il materiale di consumo per la manutenzione ordinaria Aspirat ore delle vie aeree fisso complet o di t ut t i gli accessori e il mat eriale di consumo per la manut enzione ordinaria 1 Pulsiossimetro portatile con allarme Pulsiossimetro con allarme fisso Ventilatore completo di tutti gli accessori e il materiale di consumo per la manutenzione ordinaria Pompa per alimentazione enterale Pompa per infusione parenterale Alt ro: Presidi per Elet t romedicali CONSUMO MENSI LE QUANTI TA DA RI CHI EDERE Cannule nasali per ossigeno terapia Mascherina per ossigeno terapia misura.. misura.. Circuito di collegamento umidificatore/ossigeno Acqua sterile per umidificatore Sonde per aspirazione CH 10 angolat i aspirazione prime vie aeree). MONITOR SENSORI PER MONITOR Sensori per pulsiossimetro Circuito per ventilatore con valvola X (per Circuito per ventilatore con predisposizione all umidificatore, Prolunga per circuito ventilatore Apnea monitor Ambu LT... Maschera facciale mis... Cannula di Guedel mis... Set per pompa enterale 2

31 1 Addestramento dei caregiver GLI INFERMIERI DEL SERVIZIO DOMICILIARE S. DONATO SI SONO RECATI IN REPARTO PER ADDESTRARE I CAREGIVER ALL UTILIZZO DEI PRESIDI INSIEME AI COLLEGHI OSPEDALIERI DURANTE L ADDESTRAMENTO E STATA COMPILATA STATE INDICATE TUTTE LE MANOVRE ESEGUITE DAI CAREGIVER LA SCHEDA IN CUI SONO ALLA FINE DELL ADDESTRAMETNO E STATA COMPILATA LA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL AVVENUTO ADDESTRAMENTO PRIMA DELLA DIMISSIONE E STATA COMPILATA LA SCHEDA DI TRASFERIMENTO INFERMIERISTICA OSPEDALE TERRITORIO IN CUI E STATO SPECIFICATO IL LIVELLO DI ADDESTRAMENTO E LE CRITICITA DEI CARE GIVER

32 2 Convocazione del gruppo multidisciplinare per la stesura del PAI IL PEDIATRA DI TERRITORIO HA CONVOCATO I PROFESSIONISTI DEL TEAM MULTIDISCIPLINARE PER LA STESURA DEL PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE (PAI) Composizione del Team Multidisciplinare : Neonatologo NPI DSM e OM Pediatra OM Pediatra di Territorio PLS Infermiere OM Infermiere domiciliare Fisioterapista Assistente Sociale OM Psicologo dell associazione La Chiocciola Assistente Sanitario

33 PAI PEDI ATRI CO PDTA ALL.4 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO! PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE PEDIATRICO Definisce i problemi, gli obiettivi, le responsabilità e i tempi di intervento. E sottoscritto da tutte le figure professionali e dalla famiglia. NPI Ospedale Maggiore Giannotta Melania Tel Boni Antonella Tel " " Dati anagrafici e riferimenti operativi COGNOME e NOME: Salinas Mark Daniel DATA DI NASCITA: 24/06/2011 LUOGO DI NASCITA: Bologna RESIDENZA: Via B. Triachini, 9 Tel PATOLOGIA: PCI di grado moderato severo ed encefalopatia epilettica in trattamento. COGNOME e NOME dei genitori o di chi esercita la potestà: Martinez Miriam Salinas Jomarx Unità Operativa PROPONENTE la presa in carico: UOC Pediatria OM REFERENTE MEDICO (Cognome, Nome, qualifica, servizio di appartenenza, recapiti telefonici) Mazzoni Elisa, Dirigente medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore Tel Unità Operativa RICEVENTE il minore PCAP Quartiere San Vitale - San Donato REFERENTI DEL CASO ASL PT (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Conti Maura Tel NPI territoriale (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Fragorzi Maurizio Tel

34 A.S.V.(Cognome, Nome, recapiti telefonici) Manuela Franceschelli Pediatria territoriale tel 051/ I.P. Poliambulatorio Chersich Luna Cosenza Cinzia Orati RESPONSABILE TERAPEUTICO: PLS (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Cerbino Domenica Tel: CARE GIVER di riferimento Martinez Miriam (mamma) Tel: Salinas Jomarx (papà) CASE MANAGER DEL PAI PLS Cerbino Domenica Tel: " INQUADRAMENTO GENERALE Definizione delle necessità assistenziali in termini operativi: 1. Servizio Infermieristico Domiciliare e Pediatria territoriale per verificare l appropriatezza dell ambiente domestico e per valutare la necessità di aiuto e di sostegno dei caregiver nell assistenza al paziente; 2. Presa in carico del paziente da parte del Day Service Pediatrico dell Ospedale Maggiore (DSPEDOM) per gli accertamenti e gli interventi terapeutici specialistici (Controlli NPI, controlli gastroenterologici); 3. Valutazione delle modalità di alimentazione del bambino (posture, utilizzo di sistemi di contenimento, utilizzo del biberon o del cucchiaino), per valutare poi l eventuale necessità di intervento di confezionamento di gastrostomia per nutrizione enterale Interventi sanitari: L intervento infermieristico prevede:! visite domiciliari settimanali per aiutare la mamma nell assistenza al piccolo e per valutare come avviene l alimentazione e l accudimento, oltre che per osservare il contesto domiciliare e l atteggiamento della mamma nei confronti del piccolo.! consegna del materiale, della terapia e degli integratori calorici (Polycose). L intervento medico prevede:! visita quindicinale a domicilio da parte del pediatra di libera scelta, da aggiungere a visite urgenti in caso di patologia acuta; in fase iniziale il PLS osserverà il bambino a domicilio anche durante un pasto.! controlli mensili presso il DSPEDOM per monitorare l andamento della alimentazione, la crescita e valutare le eventuali infezioni respiratorie 2"

35 ! consulenze periodiche di Neuropsichiatria Infantile per la valutazione della risposta alla terapia L intervento riabilitativo prevede:! trattamento volto a correggere la postura in modo da controllare le deformità e mantenere le lunghezze articolari;! fisiokinesiterapia respiratoria;! riabilitazione logopedica del cavo orale. Interventi affidati al care giver:! Accudimento quotidiano! Alimentazione del piccolo! Somministrazione della terapia Interventi socio-assistenziali: Segnalare alla famiglia tutti i possibili aiuti istituzionali di cui possono beneficiare.! Fornire supporto alla mamma attraverso l utilizzo di una figura di educatore 2 volte alla settimana per circa 3 ore ogni volta Intensità di cure: Alta Media X Bassa! Profili!di!assistenza!delle!Cure!Domiciliari!!! - Assistenza infermieristica e/o riabilitativa SID - Assistenza domiciliare programmata ADP - Assistenza domiciliari integrate: ADI 1 ADI 2 X ADI 3 - Intensive e/o palliative:!! Note! Dopo 3 mesi dalla condivisione del PAI è compito del Case Manager riconvocare il gruppo Multidisciplinare, formato dagli operatori dei Servizi coinvolti nell assistenza del paziente, per valutarne l adeguatezza. Una volta ritenuto adeguato, il gruppo si riunirà nuovamente ogni 6 mesi. 3" "

36 Prospetto!operativo Servizi/operatori!! Coinvolti!!(recapiti!telefonici)!! Tipologia!di!interventi! Frequenza!accessi! Pediatra ospedaliero di Riferimento Dott.ssa Elisa Mazzoni Dott. Andrea Lambertini 051/ Pediatra di famiglia Dott.ssa Domenica Cerbino Pediatra Territoriale Dott.ssa Maura Conti Infermiere Cure Domiciliari e A.S.V. Pediatria Territoriale Neuropsichiatra Infantile Ospedaliero di Riferimento Dott.ssa Melania Giannotta Dott.ssa Antonella Boni Neuropsichiatra Infantile Territoriale Dott Maurizio Fragorzi Fisioterapista Sig.ra Annarita Pontarelli Controlli in regime di Day Service Responsabile clinico del paziente Verifica del PAI, piano vaccinale Valutazione fornitura e corretto funzionamento dei presidi; sostegno nella gestione della terapia. Controllo periodico e approfondimento diagnostico Coordinamento e presa in carico NPI e riabilitativa Intervento Riabilitativo 1 volta/mese 1 volta/2 settimane 1 volta/settimana 1 volta/3 mesi 1 volta/mese 2 volte/settimana CDNI N Dott.ssa Antonella Cersosimo Dott.ssa Annarosa Colonna 051/ Valutazione funzionale complessa delle disabilità neuromotorie infantili e valutazione funzionale globale 4" "

37 Assistente Sociale Sig.ra''! Prospetto!fornitori! Servizi!!!(nominativo!del! referente!e!telefono)!! Tipologia!di!materiale/! Presidio!fornito!! Frequenza!consegne!!! Servizio Farmaceutico!!!! Consegna'materiale'come'da'scheda' materiali'per'pcap'! 1'volta/mese'! 5" "

38 IL PAI E STATO CONDIVISO E SOTTOSCRITTO DA TUTTI GLI OPERATORI E DAI CAREGIVER

39 3 Valutazione adeguatezza del domicilio E stata valutata l idoneità del domicilio tramite l attivazione del Servizio Sociale di Zona in presenza del Servizio Infermieristico Domiciliare DOMICILIO NON IDONEO Attivata area Ausili CAAD (Centro Adattamento Ambiente Domestico) Valutazione, sopralluogo e redazione relazione tecnica trasmessa ai Servizi Sociali Attivato percorso di adeguamento del domicilio

40 4 Richiesta di Consulenza Spec. Med Riabilitativa Infantile Eseguita consulenza seguita da realizzazione di presidio posturale su misura

41

42 Per pazienti che abbiano bisogno di carozzine, sollevatori, ausili specifici complessi, la Med Riabilitativa attiva il Centro Ausili Tecnologici (CAT) e/o il Centro regionale Ausili (CRA)

43 QUANDO PUO ESSERE DIMESSO IL PAZIENTE??

44 Quando è stato eseguito e verificato l addestramento dei caregiver

45

46 Quando è stata eseguita la valutazione del domicilio ed eventualmente l adeguamento

47

48 Quando è stata compilata la scheda di trasferimento ospedale-territorio

49 Quando è stato condiviso con i genitori e firmato il PAI Quando è stata eseguita una segnalazione del caso alla CO118 che risponderà alle eventuali chiamate nel modo più appropriato

50 Fase 2: Gestione domiciliare del paziente

51 Diagramma di flusso di Fase 2 Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati PDTA dal per la gestione caregiver del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Fase 2: Gestione domiciliare del paziente (1/2) Care giver Pediatra di territorio PLS DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) Note descrittive C 2/2 Da Fase 1 Pz stabile dimesso NO Rileva necessità presidi /ausili diversi rispetto a quelli forniti in dimissione o interruzione della fornitura? NO SI Contatta il Pediatra di Territorio // A 2/2 Informa il PLS e contatta il DSA pediatrico In accordo con il pediatra di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team Multidisciplinare Richiede l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Richiede le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del presidio Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal PAI Inserimento dei referti nella cartella domiciliare IL CAREGIVER RILEVA: NECESSITA DI PRESIDI/AUSILI DIVERSI RISPETTO A QUELLI FORNITI IN DIMISSIONE NECESSITA DI INTERRUZIONE DELLA FORNITURA Rileva un peggioramento del quadro clinico di E necessaria una modifica al PAI? NO

52 Visite periodiche presso DH/DSA area pediatrica Il piccolo S. M una volta a domicilio esegue visite periodiche presso il DH/DSA area pediatrica: Visite auxologiche Consulenze gastroenterologiche e dietologiche Consulenze logopediche Consulenze pneumologiche Consulenze riabilitative presso la Med Riabilitativa Infantile Visite NPI presso OM Tutte le consulenze vengono inserite all interno della cartella domiciliare e condivise con il servizio territoriale e il PLS

53 Monitoraggio del PAI

54 ' VERIFICA ED EVENTUALE RIMODULAZIONE DEL PAI Cognome e Nome del minore Proposte di integrazione: Buono taxi o servizio trasporto ambulanza per i controlli presso l ospedale Maggiore e la fisioterapia. (servizio sociale) Valutazione Mark Daniel della tutela Salinas legge 104 (servizio sociale) Rivalutazione da parte del NPI Territoriale anche per valutare l attivazione della fisioterapia domiciliare Osservazione almeno nei sull andamento mesi invernali Attivazione di un operatore AIAS sul Progetto bambino Cronico (2 ore + 2 o 3 ore +3) Consegna alla Erogazione diretta farmaci di via Beroaldo di Polycose Il piccolo Mark ha avuto recentemente una riacutizzazione, con nece ricovero ospedaliero (vedi lettera di dimissione) dapprima presso la Pe Sant Orsola, poi presso la Pediatria del Maggiore. In questa occasione ha stata riscontrata un anemia sideropenica importante oltre che imp deglutizione con microinalazioni. Emerge quindi la necessità di una corretta postura del piccolo durant necessità di un aiuto alla mamma nell accudimento del piccolo. Si propone la figura di un educatrice 2 volte/settimana che affianchi e/o so aiuti ad utilizzare correttamente i presidi posturali e a somministrare il pasto Data prossima verifica: Aprile 2013 Per l eventuale rimodulazione del PAI ricompilare il prospetto operativo e/o fornitore Luogo e data: Bologna 16/01/2013 Firma del Case Manager del Piano Assistenziale Individuale: Firme delle figure coinvolte nella predisposizione del PAI Risultati conseguiti È stato stabilito un buon rapporto con la famiglia di Mark che si dimostra c ricevuta, anche se emerge una difficoltà del papà nel gestire il piccolo, sop ultimo ricovero, con il lavoro, senza avere ancora una tutela legale (la 104 forse lo sarà dal prossimo mese) e nell acquistare la terapia e/o recarsi a r controlli (la mamma non ha la macchina e si sposta sempre in autobus con

55 Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati dal caregiver IL CAREGIVER RILEVA UN PEGGIORAMENTO DEL QUADRO CLINICO: CONTATTA PLS CONTATTA CO118 CHE CONOSCE IL CASO IL MESE DI GENNAIO, S.M HA PRESENTATO UNA RIACUTIZZAZIONE RESPIRATORIA IL PLS NON ERA CONTATTABILE E STATO CHIAMATO IL 118 CHE HA CONDOTTO IL PZ PRESSO L OM DOVE ERA SEGUITO E DOVE VIENE RICOVERATO Fase 3: gestione delle riacutizzazioni

56 Fase 3: gestione delle riacutizzazioni S.M viene ricoverato presso il reparto OM Non presentava criteri per il ricovero in reparto di rianimazione SI Ricovero Accertamenti e terapia NO Contatta DSA/DH area pediatrica Prenota appuntamento per visita post ricovero Il pz è stabile? SI Contatta DSA/DH area pediatrica NO Il pz presenta un quadro clinico ingravescente? Dimissione e comunicazione al PCAP (che attiva PdT, PLS, Serv Inf.Dom, ref. Cure palliative) Dimissione e comunicazione al PCAP (che attiva PdT, PLS, Serv Inf.Dom, ref. Cure palliative) SI Fase 2 Gestione domiciliare Fase 5 Gestione paziente terminale

57 DSA Pediatrico Unità di degenza Area intensiva OM Area Pediatrica OM Fase 3: gestione delle riacutizzazioni Se il paziente avesse presentato i criteri per il ricovero in ambiente intensivo NO Il pz necessita di cure intensive? SI NO Verifica della disponibilità di posti c/o area intensiva idonea alla fascia di età Ci sono posti disponibili? SI NO NO Trasferimento temporaneo in reparto intensivo disponibile Ricovero Accertamenti e terapia Ricovero Il pz necessita di cure intensive? NO Trasferimento in Pediatria OM SI NO

58 Descrizione di un caso clinico Francesco, 13 aa, affetto da encefalopatia associata a distonia, parkinsonismo ed epilessia in verosimile malattia mitocondriale La malattia è una malattia neuromuscolare progressiva a prognosi infausta che coinvolge il tronco encefalico e pertanto può compromettere le funzioni deglutitorie e respiratorie. Durante l ultimo ricovero, avvenuto per crisi convulsive prolungate e subentranti, si è resa necessaria la ventilazione meccanica. È stato pertanto trasferito in Terapia Intensiva e ventilato meccanicamente. Dopo la risoluzione del quadro neurologico acuto non si è più riusciti a svezzarlo dalla ventilazione invasiva. È stata pertanto eseguita una tracheostomia e mantenuto il ragazzo in ventilazione invasiva. Una volta stabilizzato, il paziente è stato trasferito, per proseguire la degenza, nel reparto di Pediatria del nostro Ospedale.

59 Durante la degenza in Pediatria le sue condizioni generali sono progressivamente migliorate, ha iniziato ad alimentarsi autonomamente e dopo circa 40 giorni di ricovero ha iniziato ad esprimere il desiderio di andare a casa

60 Un paziente giovane con una malattia progressiva a prognosi infausta che necessita di ventilazione meccanica, i cui caregiver devono essere addestrati all utilizzo del ventilatore e della tracheostomia oltre che della gestione, in acuto, delle crisi epilettiche.

61 FAX o al Punto di Coordinamento di Assistenza primaria (PCAP) 30 giorni prima della dimissione Addestramento dei caregiver all utilizzo dei presidi + partecipazione ad un corso dell AUS per la gestione domiciliare della tracheostomia Eseguito e verificato l addestramento dei caregiver Eseguita la valutazione del domicilio ed eventualmente l adeguamento Eseguita una segnalazione del caso alla CO118 che risponderà alle eventuali chiamate nel modo più appropriato Condiviso con i genitori e firmato il PAI

62 Cosa fa oggi Francesco? E a casa sua con lo zio e i cugini, va al liceo classico di Cento tutte le mattine con l operatore che vive con la famiglia e con il suo respiratore. Dopo il ricovero programmato c/o la Pneumologia del Bellaria si è riusciti a svezzare Francesco dal ventilatore durante le ore diurne

63

64 Redazione Coordinatore del gruppo: Silvia Soffritti, medico UOC Ne onatologia/utin Coordinamento metodologico: Nunzia Siena, ingegnere (UOC Governo Clinico) Fabrizio Sandri, Direttore Dipartimento Materno Infantile Antonella Cersosimo,Direttore UOC Medicina fi sica e riabilitativa Giuseppe Gobbi, Direttore UOC Neuropsichiatria Infantile ospedaliero Giovanni Gordini, Direttore Dipartimento Emergenza Mario Lima, Direttore UOC Chirurgia Pediatrica dell Area Metropolitana Giancarlo Marostica, Direttore UOC NPIA Servizi Specialistici Marilisa Martelli, Direttore UOC NPIA Attività Territoriale D SM-DP Monica Minelli, Direttore DASS Dipartimento delle Attività Socio-Sanitarie Paolo Minelli, Direttore UOC Pediatria OM Mara Morini, Direttore Dipartimento Cure Primarie Rita Ricci, medico UOC Pediatria Di Territorio Antonella Pini, medico UOC Neurops ichiatria Infantile Ospedale Maggiore Annarosa Colonna, medico UOC Medicina Riabilitativa Infantile Claudio Lazzari, medico di Direzione Medica Ospedale Maggiore Andrea Lambertini, medico UOC Pe diatria Ospedale Maggiore Patrizia Preti, medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore, Referente Qualità e Governo Clinico Dipartimentale Piero Giordano, medico UOC NPIA Attività Territoriale DSM-DP Monica Martelli, medico UOC Pediatria di Territorio Sandra Sandri, medico UOC Pediatria di Territorio Elisa Mazzoni, medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore Alessandra Vancini, medico UOC Neonatologia/ UTIN Sandra Bertana, medico UOC di Chi rurgia Pediatrica Metropolitana Leontina Felicani, medico Pediatra di Libera Scelta Cosimo Picoco, medico UOC Rianimazione CO e 118 Giulio Giovanni Desiderio, medico UOC Rianima zione CO e 118 Claudio Bitelli, Responsabile Ausilioteca AIAS Bo onlus/area Ausili di Corte Roncati Oscar Visani, Responsabile SATeR Dipartimento Materno Infantile Mara Luvieri, Aroa Area Pediatria Fabia Franchi, Responsabile SATeR Dipartime nto Cure Primarie Giuliana Venturelli, Responsabile ArOA NPIA Territorio - DSM-DP Lucia Bernardoni, Responsabile ArOA Riabilitazione Ospedaliera Dip. Medico Leda Benati, Coord. Inferm. assisten za domiciliare Savena S. Stefano Anna Bai, Responsabile Servizio Sociale professionale ospedaliero AUSL Bologna Barbara Bonfiglioli, Coordinatore Inf ermieristico Area Pediatrica Micaela Burzi, Coordinatore Infermieristico UOC Neonatologia/UTIN Sabrina Balboni infermiera DCP - Area Cure Primarie città di Bologna Annarosa Bondioli infermiere DCP - area cure primarie città di Bologna Annamaria Demaio infermiere DCP - area cure primarie città di Bologna Roberto Calbucci - Assistente sociale Amelia Fiano, infermiera UOC Neonatologia/UTIN Raffaella Neri, infermiera UOC Neonatologia/UTIN Antonella Fanelli, infermiera UOC Pediatria OM Milena Pagnoni, fisioterapista UA Riabilitazione OM Dip. Medico Tiziana Valente, fisioterapista NPIA Territorio - DSM-DP Simonetta Zagni, fisioterapista NPIA Territorio - DSM-DP

65

66 Fase 4: Follow Up Il paziente rimane comunque in carico ai servizi territoriali di riferimento già attivati durante le fasi precedenti del percorso quali NPIA, Med Riabilitativa Infantile, Servizi Sociali Territoriali di appartenenza, PLS. Se in questo iter il bambino entra nella fascia adulta (dopo 14 aa per PLS, dopo 18 aa per gli altri servizi) sarà competenza dei servizi territoriali specifici assicurare il passaggio di presa in carico

67 Fase 5: Gestione del paziente terminale

68

69 lusso di Fase 2 iver Pediatra territorio PLS Visite periodiche presso DH/DSA area pediatrica one del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple domiciliare del paziente (1/2) iver Da Fase 1 Pz stabile dimesso Pediatra di // territorio PLS DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) Note descrittive Note descrittive A 2/2 Da Fase 1 Pz stabile dimesso a SI // à a a Contatta il Pediatra di Territorio SI SI A 2/2 Informa il PLS e contatta il DSA pediatrico Richiede le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del presidio Contatta il il Pediatra di di Territorio Informa il il PLS e contatta il DSA pediatrico Richiede le le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del del presidio In accordo con il pediatra di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team In In accordo Multidisciplinare con il pediatra di di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team Richiede Multidisciplinare l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio Richiede preposto l adeguamento/ e annota la interruzione modifica/interruzione della fornitura nella da parte del servizio cartella domiciliare preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal PAI Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal dal PAI PAI Inserimento dei referti nella cartella domiciliare Inserimento dei dei referti referti nella nella cartella cartella domiciliare NO el i el l i Comunicazione al Comunicazione al al Pediatra di di di territorio territorio E necessaria una E E modifica necessaria necessaria al PAI? una una modifica modifica al al PAI? PAI? no NO NO In In accordo accordo con con il il pediatra di In di DSA DSA accordo modifica modifica con il il il pediatra PAI PAI e comunica comunica di DSA modifica l adeguamento l adeguamento il PAI e al al Team Team Territoriale comunica l adeguamento Territoriale al Team Territoriale Attiva Attiva le le procedure procedure per per l interruzione l interruzione dell assistenza dell assistenza domiciliare Attiva le procedure domiciliare per l interruzione dell assistenza domiciliare Cliusura Cliusura cartella cartella domiciliare domiciliare e archiviazione archiviazione C/O C/O il il Servizio Servizio Cliusura domiciliare domiciliare cartella domiciliare e archiviazione Fase 4 C/O il Fase Servizio Follow up Follow domiciliare up Stabilizzazione Stabilizzazione con con Stabilizzazione interruzione interruzione con assistenza assistenza interruzione domiciliare domiciliare o o guarigione? guarigione? assistenza domiciliare o guarigione? SI SI Informazione Informazione al al SI Pediatra Pediatra di di territorio territorio per per Informazione l interruzione l interruzione al dell assistenza dell assistenza Pediatra domiciliare domiciliare di territorio per l interruzione dell assistenza domiciliare Fase 4 Follow up

70 di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ Visite specialistiche/ interruzione al Team esami periodici NO NO Multidisciplinare previsti dal PAI Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati dal caregiver PDTA per la gestione del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Fase 2: Gestione domiciliare del paziente (2/2) Care giver Richiede l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Pediatra di territorio PLS Team multidisciplinare Inserimento dei referti nella cartella domiciliare PSP OM Note descrittive Rileva B un peggioramento 1/2 del quadro clinico di base? SI Contatta il PLS B 2/2 PLS disponibile? 1 A 1/2 Adegua gli interventi domiciliari in funzione del PAI condiviso Dopo In accordo con il pediatra 2mm di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento al Team Territoriale Convoca il team territoriale SI Attiva le procedure per l interruzione dell assistenza domiciliare Ogni 6mm Fase 4 Follow up Valutazione e gestione del caso SI Cliusura cartella domiciliare e archiviazione C/O il Servizio domiciliare SI Fase 4 Follow up Comunicazione al Pediatra di territorio Valutazione multidisciplinare dell adeguatezza del PAI rispetto alle 2 esigenze del pz Pai adeguato? NO Si può interrompere l assist. nom.? NO Modifica del PAI E necessaria una modifica al PAI? Stabilizzazione con interruzione assistenza domiciliare o guarigione? SI Informazione al Pediatra di territorio per l interruzione dell assistenza domiciliare NO 1. Composizione Team Territoriale NPI DSM, Pediatra del territorio, PLS, Infermieri domiciliari, Fisioterapisti, Assistente sanitario, Specialista di riferimento OM 2. Refertazione Ogni referto specialistico viene inserito all interno della cartella domiciliare del paziente che diventa strumento di comunicazione sanitaria tra l Ospedale ed il Territorio. 3. Trasporto in PSP OM Se il paziente necessita di un trasporto in ambulanza viene attivata la CO118 che in base al Dispatch o ad automatismi generati da specifica Istruzione Operativa (vedi Allegato 14) risponde nel modo più adeguato. 3 NO Accede al PSP OM Il pz necessita di ricovero ospedaliero? SI Contatta la Pediatria OM e invia il pz al Data emissione o ultima revisione:. 3 N PSP Rev. OM.. Pagina 21 di 36 NO Valutazione del caso Il pz necessita di visita specialistica? SI Il pz necessita di ricovero ospedaliero? Contatta Il DSA/DH NO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO. Analisi di esperienze nel territorio bolognese

PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO. Analisi di esperienze nel territorio bolognese RI-PENSIAMO PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO FORLI,, 20 Novembre 2004 Analisi di esperienze nel territorio bolognese Assistenza Domiciliare ad Alta intensità Dott.. Sandra Sandri PREMESSA A differenza dell

Dettagli

CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE

CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE Ferrara, 22 ottobre 2011 CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE Andrea Pession Clinica Pediatrica Università degli Studi di Bologna UO Pediatria Policlinico S.Orsola-Malpighi DEFINIZIONE CPP Le cure palliative pediatriche

Dettagli

RETE PROVINCIALE DI TERAPIA DEL DOLORE

RETE PROVINCIALE DI TERAPIA DEL DOLORE Pagina 1 di 14 AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI RETE PROVINCIALE DI TERAPIA DEL DOLORE REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Data di Approvazione Causale

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M.

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. PNEUMOLOGIA TERRITORIALE GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO Dr. P. Vivoli U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. Biagini E in costante aumento il numero di pazienti

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda ULSS 22 Reg. Veneto Distretto Sociosanitario n.5 Villafranca di Verona ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD INTENSITA ELEVATA RIVOLTA A PAZIENTI CON VENTILAZIONE MECCANICA:

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese

Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese Maria Cristina Pirazzini Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo Dipartimento Cure Primarie Le Reti Assistenziali e il Case

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Associazione VIDAS Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Giada Lonati Direttore Sociosanitario Giorgio Trojsi Segretario Generale 9 marzo 2015 VIDAS: Volontari Italiani Domiciliari Assistenza

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO

UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO XXIX Congresso Nazionale SIFO SIFO E ISTITUZIONI NAPOLI 12-15 OTTOBRE 2008 Mostra D Oltremare UN TEAM MULTIDISCIPLINARE A LETTO DEL PAZIENTE A DOMICILIO: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO Dott. Pier Paolo Carinci

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Discharge planning e assistenza domiciliare. Infermiera Case maneger Viviana Salerno

Discharge planning e assistenza domiciliare. Infermiera Case maneger Viviana Salerno Discharge planning e assistenza domiciliare Infermiera Case maneger Viviana Salerno Il case management nella Roma B Il percorso del progetto di Case Management nella ASL Roma B inizia nel 2008 Progetto

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013

La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013 La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013 LE CURE PALLIATIVE NELL AUSL di CESENA dall Assistenza Domiciliare Oncologica (ADO) all Assistenza Domiciliare Integrata

Dettagli

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena I PAZIENTI ONCOLOGICI Chirurgici Radioterapici

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

LA MULTIPROFESSIONALITA E LE TECNOLOGIE AVANZATE NELLA GESTIONE DI UN PAZIENTE A DOMICILIO

LA MULTIPROFESSIONALITA E LE TECNOLOGIE AVANZATE NELLA GESTIONE DI UN PAZIENTE A DOMICILIO LA MULTIPROFESSIONALITA E LE TECNOLOGIE AVANZATE NELLA GESTIONE DI UN PAZIENTE A DOMICILIO Lentini A G *, Frulla A C **, Gentili G *** * Coordinatore U.V.I. del Distretto di Senigallia, Zona Territoriale

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 271 2014 OGGETTO: Approvazione del documento

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche Paola Rucci Unità metodologica, epidemiologica e statistica DIBINEM, Università di Bologna Bambini con condizioni croniche Almeno 1 condizione cronica

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T )

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) 1) Definizione e funzioni L Unità di Degenza Territoriale è una struttura sanitaria extraospedaliera distrettuale destinata alla degenza la cui funzione è quella

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

La continuità assistenziale tra Territorio ed Ospedale: una realtà concreta nella ASL TA

La continuità assistenziale tra Territorio ed Ospedale: una realtà concreta nella ASL TA La continuità assistenziale tra Territorio ed Ospedale: una realtà concreta nella ASL TA (Il ruolo attivo del Distretto Socio-Sanitario nell ambito della rete multidisciplinare per la presa in carico di

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

NPIA : la rete delle reti

NPIA : la rete delle reti Dr. Paolo Soli Direttore Struttura Complessa NPIA Modena Sud Ricordando Sergio Neri Liceo Classico Muratori Modena 17.10.2015 ITALIA NPIA : unica come specialità medica Scuola : unica inclusiva ( quasi

Dettagli

MODULO DIP. ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA. Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH)

MODULO DIP. ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA. Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH) Pag. 1/8 Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH) 1. Lista di distribuzione.... 1 2. Emissione.... 1 4 Campo di applicazione.... 2 5. Riferimenti normativi e scientifici....

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia Mettere a sistema le dimissioni protette: un possibile modello Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia In letteratura, sono stimate nel 2-3% di

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Badiali Cinzia, Franchi Fabia, Petroni Manuela, Morini

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7 Struttura accreditata con le AASSLL di BERGAMO, BRESCIA, COMO, CREMONA, LECCO, LODI, MANTOVA, MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e VARESE per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Allegato 7 Rete per il trasporto neonatale

Allegato 7 Rete per il trasporto neonatale Allegato 7 Rete per il trasporto neonatale 1 Sommario 1 Rete per il trasporto neonatale 3 1.1 Premessa 3 1.2 Il servizio di trasporto materno assistito (STAM) 3 1.2.1 Indicazioni e controindicazioni al

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

Servizio di Distribuzione domiciliare dell Ossigenoterapia a lungo termine: fase successiva a quella di avvio. Premessa

Servizio di Distribuzione domiciliare dell Ossigenoterapia a lungo termine: fase successiva a quella di avvio. Premessa Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 Prot. N. 735 Trapani, 24/11/2009 Servizio di Distribuzione

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO 1/6 Attività L unità operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale rappresenta un centro di eccellenza nel suo settore e si rivolge ai cittadini

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari Conferenza Stampa Nasce il Polo Neurologico interaziendale diretto da Enrico Montanari Martedì 15 dicembre 2015 ore 11.00 Sala Riunioni Direzione Generale AUSL di Parma Alla Conferenza Stampa sono presenti:

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE Pietro Vecchiarelli U.O.C. Rianimazione Ospedale Belcolle- AUSL Viterbo Viterbo 1 La Malnutrizione ha un impatto

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli