PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE"

Transcript

1 PDTA PER LA GESTIONE DEL BAMBINO AFFETTO DA PATOLOGIA CRONICA A RISCHIO DI SVILUPPARE DISABILITÀ MULTIPLE Silvia Soffritti UOC di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale UOC di Pediatria Ospedale Maggiore Direttore Fabrizio Sandri

2 REPARTO DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

3 N PARTI Anno 2012 TOTALE PARTI PARTI SPONTANEI gemellari VO TAGLI CESAREI gemellari NUMERO NATI MEF nato NUMERO NATI VIVI NOTE morto GENNAIO FEBBRAIO MARZO tc trigemellare APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE Percentuale 68.96% 4.19% 26.85%

4 LA MAGGIOR PARTE DEI CASI DI MORTALITÀ (ESCLUDENDO LE PATOLOGIE TUMORALI) È RICONDUCIBILE A: prematurità estrema encefalopatia ipossico-ischemica malformazioni congenite Malattie genetico/metaboliche Malattie neurodegenerative

5 LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA QUANTI SONO I BAMBINI A BOLOGNA? Nel 2012 (ottobre) i minori presenti sul territorio con m. croniche ad alta intensità assistenziale erano 33 (+ 57% rispetto al 2009) con una prevalenza di 2,5/ minori (popolazione AUSL di età <18 anni ). Da evidenziare che il 45,4% di questi minori è di nazionalità straniera.

6 N nuovi casi dimessi da giugno 2012 dal Dipartimento Materno-Infantile dell OM affetti da patologia cronica 10 pz Non tutti i pazienti segnalati si possono considerare ad alta intensità assistenziale, tuttavia la maggior parte necessitava di assistenza domiciliare medico-infermieristica, visite specialistiche pediatriche, trattamenti riabilitativi, ausili protesici, ricoveri ospedalieri per riacutizzazioni, farmaci e sacche per infusione parenterale ed enterale

7 1 pz Sindrome di Canavan 1 pz sospetta patologia mitocondriale 1 pz ipoplasia cerebellare + patologia genetica non ancora identificata 1 pz Lissencefalia 10 pazienti 3 pz EII 1 pz S. Di Charge e PC 1 pz broncodisplasia e cardiopatia congenita 1 pz leucomalacia multicistica secondaria a emorragia cerebrale

8 I pazienti pediatrici affetti da patologia cronica severa necessitano di Cure Palliative Pediatriche

9 DEFINIZIONE L OMS definisce le cure palliative pediatriche come l attiva presa in carico (cura) globale del corpo,della mente e dello spirito del bambino e che comprende il supporto attivo alla famiglia(cancer Pain Relief and Palliative Care in Children, WHO-IASP, 1998). Il bambino con patologia cronica severa senza possibilità di guarigione e/o con disabilità rilevante e/o terminale è un paziente elettivo per le cure palliative: l adeguato controllo dei sintomi (dolore), il ritorno a casa ed il reinserimento nella sua famiglia e nella sua socialità, rappresentano per il bambino e per la famiglia un traguardo particolarmente positivo e costantemente richiesto. Ministero della Salute, Commissione per le cure Palliative Pediatriche

10 Attualmente l organizzazione sanitaria opera secondo modelli di intervento atti a fronteggiare le patologie acute ma risulta impreparata ad affrontare quelle croniche; questo concetto è altrettanto valido per le malattie croniche neonatali e pediatriche che, secondo i dati della letteratura, sono destinate ad aumentare nel futuro anche grazie al miglioramento degli interventi terapeutici

11 Attualmente La maggioranza dei bambini con malattia inguaribile è assistita in regime di ricovero ospedaliero in reparti per acuti, frequentemente in reparti intensivi: il ricovero protratto, oltre ad avere un impatto molto gravoso per le famiglie e per il bambino, incide significativamente sui costi di una Azienda Sanitaria. ARCH PEDIATR ADOLESC MED/VOL 165 (NO. 5), MAY 2011

12 la Regione Emilia-Romagna, con la D.G.R 2011/2007, individua la medicina territoriale come il luogo privilegiato per perseguire obiettivi di continuità assistenziale, integrazione delle attività territoriali, governo clinico in relazione agli obiettivi di salute, miglioramento della qualità assistenziale attraverso linee guida, audit clinico e formazione specifica.

13 Servizio Sociale Ospedaliero Fisioterapista Specialisti consulenti Infermiere ospedaliero Servizio Sociale di Zona NPIA Fisioterapista NPIA Infermiere Servizio Domiciliare PLS Pediatra di Territorio

14 Dip. Materno Infantile Governo Clinico PDTA

15 PDTA Per PDTA si intende la migliore sequenza temporale e spaziale possibile delle attività da svolgere per risolvere i problemi di salute del paziente sulla base delle conoscenze tecnico-scientifiche e delle risorse organizzativo-professionali e tecnologiche a disposizione

16 PDTA per la gestione del bambino affetto da patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Codice PDTA 005 AUSLBO DIPARTIMENTI COINVOLTI DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ISTITUTO DELLE SCIENZE NEUROLOGICHE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

17 PDTA per la gestione del bambino affetto da patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Codice PDTA 005 AUSLBO I pazienti oggetto del percorso sono i seguenti: 1. Neonati prematuri affetti da patologia cronica (broncodisplasia, paralisi cerebrale infantile etc) 2. Minori di età compresa tra 0 e 14 con patologie per le quali esiste un trattamento specifico, ma che può fallire in una quota di essi. Le cure palliative intervengono quando il trattamento causale fallisce per la guarigione (neoplasie, insufficienza d organo irreversibile); 3. Minori con patologie in cui la morte precoce è inevitabile, ma cure appropriate possono prolungare ed assicurare una buona qualità di vita (infezione da HIV, fibrosi cistica); 4. Minori con patologie progressive, per le quali il trattamento è quasi esclusivamente palliativo e può essere esteso anche per molti anni (malattie degenerative neurologiche e metaboliche, patologie cromosomiche e genetiche etc); 5. Minori con patologie irreversibili ma non progressive, che causano disabilità severa, e morte prematura (paralisi cerebrale severa, disabilità per sequele di danni cerebrali e/o midollari).

18

19

20 FASI DEL PDTA Fase 1: Gestione della dimissione protetta Fase 2: Gestione domiciliare del paziente Fase 3: Gestione delle riacutizzazioni Fase 4 : Follow up Fase 5: Gestione del paziente terminale

21

22 Descrizione di un caso clinico S. M, nato a termine da gravidanza decorsa fisiologicamente Grave asfissia perinatale Pz sottoposto a trattamento ipotermico sistemico Eseguita RM cerebrale a 2 settimane di vita che segnalava presenza di focolai marcatamente iperintensi, nelle immagini T1 dipendenti, interessanti i talami, e le porzioni posteriori dei nuclei lenticolari, espressione di danno ipossico-ischemico. ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA DI GRADO SEVERO

23 DIMESSO A CIRCA 40 GIORNI DI VITA DA UOC NEONATOLOGIA IN CONDIZIONI DI ALIMENTAZIONE AUTONOMA SEGNALATO AL SERVIZIO DI NPIA PER LA PRESA IN CARICO RIABILITATIVA SEGUITO IN FOLLOW UP INSIEME AL DH DELLA PEDIATRIA OM, ALLA NPI OM E ALLA MEDICINA RIABILITATIVA INFANTILE M.BOTTOS A 18 MESI DI VITA, PER L AGGRAVARSI DELL ENCEFALOPATIA EPILETTICA E DELLA DISFAGIA VIENE RICOVERATO PRESSO REPARTO DI PEDIATRIA OM ED ATTIVATA LA DIMISSIONE PROTETTA COME INDICATO NEL PDTA

24 Il pz è stabile?

25

26 Sì!

27 FAX o al Punto di Coordinamento di Assistenza primaria (PCAP) 7 giorni prima della dimissione PCAP Quartiere San Vitale - San Donato

28 PCAP Quartiere San Vitale - San Donato

29 SCHEDA PER PCAP ELETTROMEDICALI/PRESIDI DA FORNIRE A DOMICILIO ALL.2 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO La codifica è a carico dell UOC Governo Clinico SCHEDA DI DI MI SSI ONE PAZI ENTE PEDI ATRI CO OSPEDALE MAGGI ORE UO PEDI ATRI A Medico ref erent e Dott.ssa Elisa Mazzoni Case manager PAZI ENTE con intensità assistenziale bassa X media alta Nome Mark Daniel Cognome Salinas nat o il 24/06/2011 Resident e a Bologna Via Adelaide Ristori, 11 Tel Diagnosi e brevi not e cliniche Paralisi cerebrale infantile di grado severo con encefalopatia epilettica. PROBLEMI EVI DENZI ATI Ha bisogno a domicilio! di assist enza medica! di assist enza inf ermierist ica! di assist enza sociale! di assist enza riabilit at iva! di f ornit ura di presidi* Terapia in corso: Ranidil sciroppo: 1 ml 3 volt e al giorno Vigabat rin bust ine 100 mg: (ore ) Luminale cp 15 mg: ½ cp + ½ cp (ore 8-20) Keppra soluzione: 1 ml ml (ore 8-20) Consulenze da at t ivare: " Servizio Sociale " NPEE " Fisiat ra " Alt ro La present e scheda va t rasmessa al PCAP Al moment o della dimissione verrà consegnat o ai f amiliari la relazione clinica complet a Dat a 27/ 09/ 2012 Firma Elisa Mazzoni *Allegat o: elenco presidi sanit ari complessi da at t ivare 1

30 SCHEDA PER PCAP ELETTROMEDICALI/PRESIDI DA FORNIRE A DOMICILIO ALL.2 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO La codifica è a carico dell UOC Governo Clinico Elet t romedicali QUANTI TA DA RI CHI EDERE Erogatore ossigeno liquido Bombolino per O2 portatile (stroller) Umidificatore Aspiratore delle vie aeree portatile completo di tutti gli accessori e il materiale di consumo per la manutenzione ordinaria Aspirat ore delle vie aeree fisso complet o di t ut t i gli accessori e il mat eriale di consumo per la manut enzione ordinaria 1 Pulsiossimetro portatile con allarme Pulsiossimetro con allarme fisso Ventilatore completo di tutti gli accessori e il materiale di consumo per la manutenzione ordinaria Pompa per alimentazione enterale Pompa per infusione parenterale Alt ro: Presidi per Elet t romedicali CONSUMO MENSI LE QUANTI TA DA RI CHI EDERE Cannule nasali per ossigeno terapia Mascherina per ossigeno terapia misura.. misura.. Circuito di collegamento umidificatore/ossigeno Acqua sterile per umidificatore Sonde per aspirazione CH 10 angolat i aspirazione prime vie aeree). MONITOR SENSORI PER MONITOR Sensori per pulsiossimetro Circuito per ventilatore con valvola X (per Circuito per ventilatore con predisposizione all umidificatore, Prolunga per circuito ventilatore Apnea monitor Ambu LT... Maschera facciale mis... Cannula di Guedel mis... Set per pompa enterale 2

31 1 Addestramento dei caregiver GLI INFERMIERI DEL SERVIZIO DOMICILIARE S. DONATO SI SONO RECATI IN REPARTO PER ADDESTRARE I CAREGIVER ALL UTILIZZO DEI PRESIDI INSIEME AI COLLEGHI OSPEDALIERI DURANTE L ADDESTRAMENTO E STATA COMPILATA STATE INDICATE TUTTE LE MANOVRE ESEGUITE DAI CAREGIVER LA SCHEDA IN CUI SONO ALLA FINE DELL ADDESTRAMETNO E STATA COMPILATA LA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL AVVENUTO ADDESTRAMENTO PRIMA DELLA DIMISSIONE E STATA COMPILATA LA SCHEDA DI TRASFERIMENTO INFERMIERISTICA OSPEDALE TERRITORIO IN CUI E STATO SPECIFICATO IL LIVELLO DI ADDESTRAMENTO E LE CRITICITA DEI CARE GIVER

32 2 Convocazione del gruppo multidisciplinare per la stesura del PAI IL PEDIATRA DI TERRITORIO HA CONVOCATO I PROFESSIONISTI DEL TEAM MULTIDISCIPLINARE PER LA STESURA DEL PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE (PAI) Composizione del Team Multidisciplinare : Neonatologo NPI DSM e OM Pediatra OM Pediatra di Territorio PLS Infermiere OM Infermiere domiciliare Fisioterapista Assistente Sociale OM Psicologo dell associazione La Chiocciola Assistente Sanitario

33 PAI PEDI ATRI CO PDTA ALL.4 PDTA per la gestione del bambino cronico a rischio di sviluppare disabilità multiple Codice PDTA 005 AUSLBO! PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE PEDIATRICO Definisce i problemi, gli obiettivi, le responsabilità e i tempi di intervento. E sottoscritto da tutte le figure professionali e dalla famiglia. NPI Ospedale Maggiore Giannotta Melania Tel Boni Antonella Tel " " Dati anagrafici e riferimenti operativi COGNOME e NOME: Salinas Mark Daniel DATA DI NASCITA: 24/06/2011 LUOGO DI NASCITA: Bologna RESIDENZA: Via B. Triachini, 9 Tel PATOLOGIA: PCI di grado moderato severo ed encefalopatia epilettica in trattamento. COGNOME e NOME dei genitori o di chi esercita la potestà: Martinez Miriam Salinas Jomarx Unità Operativa PROPONENTE la presa in carico: UOC Pediatria OM REFERENTE MEDICO (Cognome, Nome, qualifica, servizio di appartenenza, recapiti telefonici) Mazzoni Elisa, Dirigente medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore Tel Unità Operativa RICEVENTE il minore PCAP Quartiere San Vitale - San Donato REFERENTI DEL CASO ASL PT (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Conti Maura Tel NPI territoriale (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Fragorzi Maurizio Tel

34 A.S.V.(Cognome, Nome, recapiti telefonici) Manuela Franceschelli Pediatria territoriale tel 051/ I.P. Poliambulatorio Chersich Luna Cosenza Cinzia Orati RESPONSABILE TERAPEUTICO: PLS (Cognome, Nome, recapiti telefonici) Cerbino Domenica Tel: CARE GIVER di riferimento Martinez Miriam (mamma) Tel: Salinas Jomarx (papà) CASE MANAGER DEL PAI PLS Cerbino Domenica Tel: " INQUADRAMENTO GENERALE Definizione delle necessità assistenziali in termini operativi: 1. Servizio Infermieristico Domiciliare e Pediatria territoriale per verificare l appropriatezza dell ambiente domestico e per valutare la necessità di aiuto e di sostegno dei caregiver nell assistenza al paziente; 2. Presa in carico del paziente da parte del Day Service Pediatrico dell Ospedale Maggiore (DSPEDOM) per gli accertamenti e gli interventi terapeutici specialistici (Controlli NPI, controlli gastroenterologici); 3. Valutazione delle modalità di alimentazione del bambino (posture, utilizzo di sistemi di contenimento, utilizzo del biberon o del cucchiaino), per valutare poi l eventuale necessità di intervento di confezionamento di gastrostomia per nutrizione enterale Interventi sanitari: L intervento infermieristico prevede:! visite domiciliari settimanali per aiutare la mamma nell assistenza al piccolo e per valutare come avviene l alimentazione e l accudimento, oltre che per osservare il contesto domiciliare e l atteggiamento della mamma nei confronti del piccolo.! consegna del materiale, della terapia e degli integratori calorici (Polycose). L intervento medico prevede:! visita quindicinale a domicilio da parte del pediatra di libera scelta, da aggiungere a visite urgenti in caso di patologia acuta; in fase iniziale il PLS osserverà il bambino a domicilio anche durante un pasto.! controlli mensili presso il DSPEDOM per monitorare l andamento della alimentazione, la crescita e valutare le eventuali infezioni respiratorie 2"

35 ! consulenze periodiche di Neuropsichiatria Infantile per la valutazione della risposta alla terapia L intervento riabilitativo prevede:! trattamento volto a correggere la postura in modo da controllare le deformità e mantenere le lunghezze articolari;! fisiokinesiterapia respiratoria;! riabilitazione logopedica del cavo orale. Interventi affidati al care giver:! Accudimento quotidiano! Alimentazione del piccolo! Somministrazione della terapia Interventi socio-assistenziali: Segnalare alla famiglia tutti i possibili aiuti istituzionali di cui possono beneficiare.! Fornire supporto alla mamma attraverso l utilizzo di una figura di educatore 2 volte alla settimana per circa 3 ore ogni volta Intensità di cure: Alta Media X Bassa! Profili!di!assistenza!delle!Cure!Domiciliari!!! - Assistenza infermieristica e/o riabilitativa SID - Assistenza domiciliare programmata ADP - Assistenza domiciliari integrate: ADI 1 ADI 2 X ADI 3 - Intensive e/o palliative:!! Note! Dopo 3 mesi dalla condivisione del PAI è compito del Case Manager riconvocare il gruppo Multidisciplinare, formato dagli operatori dei Servizi coinvolti nell assistenza del paziente, per valutarne l adeguatezza. Una volta ritenuto adeguato, il gruppo si riunirà nuovamente ogni 6 mesi. 3" "

36 Prospetto!operativo Servizi/operatori!! Coinvolti!!(recapiti!telefonici)!! Tipologia!di!interventi! Frequenza!accessi! Pediatra ospedaliero di Riferimento Dott.ssa Elisa Mazzoni Dott. Andrea Lambertini 051/ Pediatra di famiglia Dott.ssa Domenica Cerbino Pediatra Territoriale Dott.ssa Maura Conti Infermiere Cure Domiciliari e A.S.V. Pediatria Territoriale Neuropsichiatra Infantile Ospedaliero di Riferimento Dott.ssa Melania Giannotta Dott.ssa Antonella Boni Neuropsichiatra Infantile Territoriale Dott Maurizio Fragorzi Fisioterapista Sig.ra Annarita Pontarelli Controlli in regime di Day Service Responsabile clinico del paziente Verifica del PAI, piano vaccinale Valutazione fornitura e corretto funzionamento dei presidi; sostegno nella gestione della terapia. Controllo periodico e approfondimento diagnostico Coordinamento e presa in carico NPI e riabilitativa Intervento Riabilitativo 1 volta/mese 1 volta/2 settimane 1 volta/settimana 1 volta/3 mesi 1 volta/mese 2 volte/settimana CDNI N Dott.ssa Antonella Cersosimo Dott.ssa Annarosa Colonna 051/ Valutazione funzionale complessa delle disabilità neuromotorie infantili e valutazione funzionale globale 4" "

37 Assistente Sociale Sig.ra''! Prospetto!fornitori! Servizi!!!(nominativo!del! referente!e!telefono)!! Tipologia!di!materiale/! Presidio!fornito!! Frequenza!consegne!!! Servizio Farmaceutico!!!! Consegna'materiale'come'da'scheda' materiali'per'pcap'! 1'volta/mese'! 5" "

38 IL PAI E STATO CONDIVISO E SOTTOSCRITTO DA TUTTI GLI OPERATORI E DAI CAREGIVER

39 3 Valutazione adeguatezza del domicilio E stata valutata l idoneità del domicilio tramite l attivazione del Servizio Sociale di Zona in presenza del Servizio Infermieristico Domiciliare DOMICILIO NON IDONEO Attivata area Ausili CAAD (Centro Adattamento Ambiente Domestico) Valutazione, sopralluogo e redazione relazione tecnica trasmessa ai Servizi Sociali Attivato percorso di adeguamento del domicilio

40 4 Richiesta di Consulenza Spec. Med Riabilitativa Infantile Eseguita consulenza seguita da realizzazione di presidio posturale su misura

41

42 Per pazienti che abbiano bisogno di carozzine, sollevatori, ausili specifici complessi, la Med Riabilitativa attiva il Centro Ausili Tecnologici (CAT) e/o il Centro regionale Ausili (CRA)

43 QUANDO PUO ESSERE DIMESSO IL PAZIENTE??

44 Quando è stato eseguito e verificato l addestramento dei caregiver

45

46 Quando è stata eseguita la valutazione del domicilio ed eventualmente l adeguamento

47

48 Quando è stata compilata la scheda di trasferimento ospedale-territorio

49 Quando è stato condiviso con i genitori e firmato il PAI Quando è stata eseguita una segnalazione del caso alla CO118 che risponderà alle eventuali chiamate nel modo più appropriato

50 Fase 2: Gestione domiciliare del paziente

51 Diagramma di flusso di Fase 2 Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati PDTA dal per la gestione caregiver del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Fase 2: Gestione domiciliare del paziente (1/2) Care giver Pediatra di territorio PLS DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) Note descrittive C 2/2 Da Fase 1 Pz stabile dimesso NO Rileva necessità presidi /ausili diversi rispetto a quelli forniti in dimissione o interruzione della fornitura? NO SI Contatta il Pediatra di Territorio // A 2/2 Informa il PLS e contatta il DSA pediatrico In accordo con il pediatra di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team Multidisciplinare Richiede l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Richiede le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del presidio Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal PAI Inserimento dei referti nella cartella domiciliare IL CAREGIVER RILEVA: NECESSITA DI PRESIDI/AUSILI DIVERSI RISPETTO A QUELLI FORNITI IN DIMISSIONE NECESSITA DI INTERRUZIONE DELLA FORNITURA Rileva un peggioramento del quadro clinico di E necessaria una modifica al PAI? NO

52 Visite periodiche presso DH/DSA area pediatrica Il piccolo S. M una volta a domicilio esegue visite periodiche presso il DH/DSA area pediatrica: Visite auxologiche Consulenze gastroenterologiche e dietologiche Consulenze logopediche Consulenze pneumologiche Consulenze riabilitative presso la Med Riabilitativa Infantile Visite NPI presso OM Tutte le consulenze vengono inserite all interno della cartella domiciliare e condivise con il servizio territoriale e il PLS

53 Monitoraggio del PAI

54 ' VERIFICA ED EVENTUALE RIMODULAZIONE DEL PAI Cognome e Nome del minore Proposte di integrazione: Buono taxi o servizio trasporto ambulanza per i controlli presso l ospedale Maggiore e la fisioterapia. (servizio sociale) Valutazione Mark Daniel della tutela Salinas legge 104 (servizio sociale) Rivalutazione da parte del NPI Territoriale anche per valutare l attivazione della fisioterapia domiciliare Osservazione almeno nei sull andamento mesi invernali Attivazione di un operatore AIAS sul Progetto bambino Cronico (2 ore + 2 o 3 ore +3) Consegna alla Erogazione diretta farmaci di via Beroaldo di Polycose Il piccolo Mark ha avuto recentemente una riacutizzazione, con nece ricovero ospedaliero (vedi lettera di dimissione) dapprima presso la Pe Sant Orsola, poi presso la Pediatria del Maggiore. In questa occasione ha stata riscontrata un anemia sideropenica importante oltre che imp deglutizione con microinalazioni. Emerge quindi la necessità di una corretta postura del piccolo durant necessità di un aiuto alla mamma nell accudimento del piccolo. Si propone la figura di un educatrice 2 volte/settimana che affianchi e/o so aiuti ad utilizzare correttamente i presidi posturali e a somministrare il pasto Data prossima verifica: Aprile 2013 Per l eventuale rimodulazione del PAI ricompilare il prospetto operativo e/o fornitore Luogo e data: Bologna 16/01/2013 Firma del Case Manager del Piano Assistenziale Individuale: Firme delle figure coinvolte nella predisposizione del PAI Risultati conseguiti È stato stabilito un buon rapporto con la famiglia di Mark che si dimostra c ricevuta, anche se emerge una difficoltà del papà nel gestire il piccolo, sop ultimo ricovero, con il lavoro, senza avere ancora una tutela legale (la 104 forse lo sarà dal prossimo mese) e nell acquistare la terapia e/o recarsi a r controlli (la mamma non ha la macchina e si sposta sempre in autobus con

55 Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati dal caregiver IL CAREGIVER RILEVA UN PEGGIORAMENTO DEL QUADRO CLINICO: CONTATTA PLS CONTATTA CO118 CHE CONOSCE IL CASO IL MESE DI GENNAIO, S.M HA PRESENTATO UNA RIACUTIZZAZIONE RESPIRATORIA IL PLS NON ERA CONTATTABILE E STATO CHIAMATO IL 118 CHE HA CONDOTTO IL PZ PRESSO L OM DOVE ERA SEGUITO E DOVE VIENE RICOVERATO Fase 3: gestione delle riacutizzazioni

56 Fase 3: gestione delle riacutizzazioni S.M viene ricoverato presso il reparto OM Non presentava criteri per il ricovero in reparto di rianimazione SI Ricovero Accertamenti e terapia NO Contatta DSA/DH area pediatrica Prenota appuntamento per visita post ricovero Il pz è stabile? SI Contatta DSA/DH area pediatrica NO Il pz presenta un quadro clinico ingravescente? Dimissione e comunicazione al PCAP (che attiva PdT, PLS, Serv Inf.Dom, ref. Cure palliative) Dimissione e comunicazione al PCAP (che attiva PdT, PLS, Serv Inf.Dom, ref. Cure palliative) SI Fase 2 Gestione domiciliare Fase 5 Gestione paziente terminale

57 DSA Pediatrico Unità di degenza Area intensiva OM Area Pediatrica OM Fase 3: gestione delle riacutizzazioni Se il paziente avesse presentato i criteri per il ricovero in ambiente intensivo NO Il pz necessita di cure intensive? SI NO Verifica della disponibilità di posti c/o area intensiva idonea alla fascia di età Ci sono posti disponibili? SI NO NO Trasferimento temporaneo in reparto intensivo disponibile Ricovero Accertamenti e terapia Ricovero Il pz necessita di cure intensive? NO Trasferimento in Pediatria OM SI NO

58 Descrizione di un caso clinico Francesco, 13 aa, affetto da encefalopatia associata a distonia, parkinsonismo ed epilessia in verosimile malattia mitocondriale La malattia è una malattia neuromuscolare progressiva a prognosi infausta che coinvolge il tronco encefalico e pertanto può compromettere le funzioni deglutitorie e respiratorie. Durante l ultimo ricovero, avvenuto per crisi convulsive prolungate e subentranti, si è resa necessaria la ventilazione meccanica. È stato pertanto trasferito in Terapia Intensiva e ventilato meccanicamente. Dopo la risoluzione del quadro neurologico acuto non si è più riusciti a svezzarlo dalla ventilazione invasiva. È stata pertanto eseguita una tracheostomia e mantenuto il ragazzo in ventilazione invasiva. Una volta stabilizzato, il paziente è stato trasferito, per proseguire la degenza, nel reparto di Pediatria del nostro Ospedale.

59 Durante la degenza in Pediatria le sue condizioni generali sono progressivamente migliorate, ha iniziato ad alimentarsi autonomamente e dopo circa 40 giorni di ricovero ha iniziato ad esprimere il desiderio di andare a casa

60 Un paziente giovane con una malattia progressiva a prognosi infausta che necessita di ventilazione meccanica, i cui caregiver devono essere addestrati all utilizzo del ventilatore e della tracheostomia oltre che della gestione, in acuto, delle crisi epilettiche.

61 FAX o al Punto di Coordinamento di Assistenza primaria (PCAP) 30 giorni prima della dimissione Addestramento dei caregiver all utilizzo dei presidi + partecipazione ad un corso dell AUS per la gestione domiciliare della tracheostomia Eseguito e verificato l addestramento dei caregiver Eseguita la valutazione del domicilio ed eventualmente l adeguamento Eseguita una segnalazione del caso alla CO118 che risponderà alle eventuali chiamate nel modo più appropriato Condiviso con i genitori e firmato il PAI

62 Cosa fa oggi Francesco? E a casa sua con lo zio e i cugini, va al liceo classico di Cento tutte le mattine con l operatore che vive con la famiglia e con il suo respiratore. Dopo il ricovero programmato c/o la Pneumologia del Bellaria si è riusciti a svezzare Francesco dal ventilatore durante le ore diurne

63

64 Redazione Coordinatore del gruppo: Silvia Soffritti, medico UOC Ne onatologia/utin Coordinamento metodologico: Nunzia Siena, ingegnere (UOC Governo Clinico) Fabrizio Sandri, Direttore Dipartimento Materno Infantile Antonella Cersosimo,Direttore UOC Medicina fi sica e riabilitativa Giuseppe Gobbi, Direttore UOC Neuropsichiatria Infantile ospedaliero Giovanni Gordini, Direttore Dipartimento Emergenza Mario Lima, Direttore UOC Chirurgia Pediatrica dell Area Metropolitana Giancarlo Marostica, Direttore UOC NPIA Servizi Specialistici Marilisa Martelli, Direttore UOC NPIA Attività Territoriale D SM-DP Monica Minelli, Direttore DASS Dipartimento delle Attività Socio-Sanitarie Paolo Minelli, Direttore UOC Pediatria OM Mara Morini, Direttore Dipartimento Cure Primarie Rita Ricci, medico UOC Pediatria Di Territorio Antonella Pini, medico UOC Neurops ichiatria Infantile Ospedale Maggiore Annarosa Colonna, medico UOC Medicina Riabilitativa Infantile Claudio Lazzari, medico di Direzione Medica Ospedale Maggiore Andrea Lambertini, medico UOC Pe diatria Ospedale Maggiore Patrizia Preti, medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore, Referente Qualità e Governo Clinico Dipartimentale Piero Giordano, medico UOC NPIA Attività Territoriale DSM-DP Monica Martelli, medico UOC Pediatria di Territorio Sandra Sandri, medico UOC Pediatria di Territorio Elisa Mazzoni, medico UOC Pediatria Ospedale Maggiore Alessandra Vancini, medico UOC Neonatologia/ UTIN Sandra Bertana, medico UOC di Chi rurgia Pediatrica Metropolitana Leontina Felicani, medico Pediatra di Libera Scelta Cosimo Picoco, medico UOC Rianimazione CO e 118 Giulio Giovanni Desiderio, medico UOC Rianima zione CO e 118 Claudio Bitelli, Responsabile Ausilioteca AIAS Bo onlus/area Ausili di Corte Roncati Oscar Visani, Responsabile SATeR Dipartimento Materno Infantile Mara Luvieri, Aroa Area Pediatria Fabia Franchi, Responsabile SATeR Dipartime nto Cure Primarie Giuliana Venturelli, Responsabile ArOA NPIA Territorio - DSM-DP Lucia Bernardoni, Responsabile ArOA Riabilitazione Ospedaliera Dip. Medico Leda Benati, Coord. Inferm. assisten za domiciliare Savena S. Stefano Anna Bai, Responsabile Servizio Sociale professionale ospedaliero AUSL Bologna Barbara Bonfiglioli, Coordinatore Inf ermieristico Area Pediatrica Micaela Burzi, Coordinatore Infermieristico UOC Neonatologia/UTIN Sabrina Balboni infermiera DCP - Area Cure Primarie città di Bologna Annarosa Bondioli infermiere DCP - area cure primarie città di Bologna Annamaria Demaio infermiere DCP - area cure primarie città di Bologna Roberto Calbucci - Assistente sociale Amelia Fiano, infermiera UOC Neonatologia/UTIN Raffaella Neri, infermiera UOC Neonatologia/UTIN Antonella Fanelli, infermiera UOC Pediatria OM Milena Pagnoni, fisioterapista UA Riabilitazione OM Dip. Medico Tiziana Valente, fisioterapista NPIA Territorio - DSM-DP Simonetta Zagni, fisioterapista NPIA Territorio - DSM-DP

65

66 Fase 4: Follow Up Il paziente rimane comunque in carico ai servizi territoriali di riferimento già attivati durante le fasi precedenti del percorso quali NPIA, Med Riabilitativa Infantile, Servizi Sociali Territoriali di appartenenza, PLS. Se in questo iter il bambino entra nella fascia adulta (dopo 14 aa per PLS, dopo 18 aa per gli altri servizi) sarà competenza dei servizi territoriali specifici assicurare il passaggio di presa in carico

67 Fase 5: Gestione del paziente terminale

68

69 lusso di Fase 2 iver Pediatra territorio PLS Visite periodiche presso DH/DSA area pediatrica one del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple domiciliare del paziente (1/2) iver Da Fase 1 Pz stabile dimesso Pediatra di // territorio PLS DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) DH/DSA Area Pediatrica OM (Pediatria, NPI) Note descrittive Note descrittive A 2/2 Da Fase 1 Pz stabile dimesso a SI // à a a Contatta il Pediatra di Territorio SI SI A 2/2 Informa il PLS e contatta il DSA pediatrico Richiede le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del presidio Contatta il il Pediatra di di Territorio Informa il il PLS e contatta il DSA pediatrico Richiede le le consulenze specialistiche necessarie per valutare l adeguamento o l interruzione del del presidio In accordo con il pediatra di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team In In accordo Multidisciplinare con il pediatra di di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ interruzione al Team Richiede Multidisciplinare l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio Richiede preposto l adeguamento/ e annota la interruzione modifica/interruzione della fornitura nella da parte del servizio cartella domiciliare preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal PAI Visite specialistiche/ esami periodici previsti dal dal PAI PAI Inserimento dei referti nella cartella domiciliare Inserimento dei dei referti referti nella nella cartella cartella domiciliare NO el i el l i Comunicazione al Comunicazione al al Pediatra di di di territorio territorio E necessaria una E E modifica necessaria necessaria al PAI? una una modifica modifica al al PAI? PAI? no NO NO In In accordo accordo con con il il pediatra di In di DSA DSA accordo modifica modifica con il il il pediatra PAI PAI e comunica comunica di DSA modifica l adeguamento l adeguamento il PAI e al al Team Team Territoriale comunica l adeguamento Territoriale al Team Territoriale Attiva Attiva le le procedure procedure per per l interruzione l interruzione dell assistenza dell assistenza domiciliare Attiva le procedure domiciliare per l interruzione dell assistenza domiciliare Cliusura Cliusura cartella cartella domiciliare domiciliare e archiviazione archiviazione C/O C/O il il Servizio Servizio Cliusura domiciliare domiciliare cartella domiciliare e archiviazione Fase 4 C/O il Fase Servizio Follow up Follow domiciliare up Stabilizzazione Stabilizzazione con con Stabilizzazione interruzione interruzione con assistenza assistenza interruzione domiciliare domiciliare o o guarigione? guarigione? assistenza domiciliare o guarigione? SI SI Informazione Informazione al al SI Pediatra Pediatra di di territorio territorio per per Informazione l interruzione l interruzione al dell assistenza dell assistenza Pediatra domiciliare domiciliare di territorio per l interruzione dell assistenza domiciliare Fase 4 Follow up

70 di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento/ Visite specialistiche/ interruzione al Team esami periodici NO NO Multidisciplinare previsti dal PAI Gestione dei bisogni specifici del paziente a domicilio rilevati dal caregiver PDTA per la gestione del bambino con patologia cronica a rischio di sviluppare disabilità multiple Fase 2: Gestione domiciliare del paziente (2/2) Care giver Richiede l adeguamento/ interruzione della fornitura da parte del servizio preposto e annota la modifica/interruzione nella cartella domiciliare Pediatra di territorio PLS Team multidisciplinare Inserimento dei referti nella cartella domiciliare PSP OM Note descrittive Rileva B un peggioramento 1/2 del quadro clinico di base? SI Contatta il PLS B 2/2 PLS disponibile? 1 A 1/2 Adegua gli interventi domiciliari in funzione del PAI condiviso Dopo In accordo con il pediatra 2mm di DSA modifica il PAI e comunica l adeguamento al Team Territoriale Convoca il team territoriale SI Attiva le procedure per l interruzione dell assistenza domiciliare Ogni 6mm Fase 4 Follow up Valutazione e gestione del caso SI Cliusura cartella domiciliare e archiviazione C/O il Servizio domiciliare SI Fase 4 Follow up Comunicazione al Pediatra di territorio Valutazione multidisciplinare dell adeguatezza del PAI rispetto alle 2 esigenze del pz Pai adeguato? NO Si può interrompere l assist. nom.? NO Modifica del PAI E necessaria una modifica al PAI? Stabilizzazione con interruzione assistenza domiciliare o guarigione? SI Informazione al Pediatra di territorio per l interruzione dell assistenza domiciliare NO 1. Composizione Team Territoriale NPI DSM, Pediatra del territorio, PLS, Infermieri domiciliari, Fisioterapisti, Assistente sanitario, Specialista di riferimento OM 2. Refertazione Ogni referto specialistico viene inserito all interno della cartella domiciliare del paziente che diventa strumento di comunicazione sanitaria tra l Ospedale ed il Territorio. 3. Trasporto in PSP OM Se il paziente necessita di un trasporto in ambulanza viene attivata la CO118 che in base al Dispatch o ad automatismi generati da specifica Istruzione Operativa (vedi Allegato 14) risponde nel modo più adeguato. 3 NO Accede al PSP OM Il pz necessita di ricovero ospedaliero? SI Contatta la Pediatria OM e invia il pz al Data emissione o ultima revisione:. 3 N PSP Rev. OM.. Pagina 21 di 36 NO Valutazione del caso Il pz necessita di visita specialistica? SI Il pz necessita di ricovero ospedaliero? Contatta Il DSA/DH NO

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA Dr. Montanari Luigi Responsabile Unità OperaAva Semplice di Cure PalliaAve Infermiere Ama3 Piero Coordinatore InfermierisAco e Tecnico Hospice Lugo Infermiera Cima6 Maria Giulia Coordinatore InfermierisAco

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli