SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CAPITOLATO SPECIALE. ART. 1 "Oggetto dell'appalto"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CAPITOLATO SPECIALE. ART. 1 "Oggetto dell'appalto""

Transcript

1 SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 "Oggetto dell'appalto" 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare (d ora in poi denominato SAD), è rivolto ad anziani, minori ed invalidi, o comunque a quanti, residenti nel Comune di Impruneta, si trovino nelle condizioni fisiche, psichiche, familiari e ambientali che non consentono loro di condurre una vita autonoma e che necessitano quindi di una serie di servizi integrati fra loro che evitino, per quanto possibile, il ricorso alla istituzionalizzazione e che facilitino una normale vita di relazione. 2. Fanno parte del SAD tutte le attività consimili prestate da altri Enti, Istituzioni, anche a carattere volontaristico che operano sul territorio in stretto collegamento con l'amministrazione comunale e con le quali potranno essere stipulate apposite convenzioni. 3. Il servizio di cui si tratta rientra nell'ambito delle attività svolte dall'amministrazione comunale e fa capo al Servizio Affari Generali Ufficio Socio Educativo. 4. Gli interventi del SAD nei confronti di singoli o famiglie, verranno attuati sulla base di programmi stilati dal servizio sociale ed anche con eventuali specifiche disposizioni impartite dal Responsabile dell Ufficio Socio Educativo del Comune, e sottoposti a verifiche periodiche fra gli operatori del SAD ed il servizio sociale professionale da effettuarsi con le modalità tecnico organizzative stabilite da quest ultimo. 5. Tali verifiche potranno essere effettuate con il coinvolgimento di altre figure professionali specializzate. 6. Su richiesta del servizio sociale professionale, l operatore del SAD parteciperà alle riunioni dei P.E.I. (Piano Educativo Individualizzato) presso gli istituti scolastici interessati, o in altre sedi opportunamente individuate e/o concordate con l Ufficio Socio Educativo. 7. Il servizio viene di norma svolto presso il domicilio del richiedente. Il SAD è inoltre volto a facilitare la partecipazione dell'utente ad attività e servizi che sono effettuati presso altre sedi (scuole, residenze protette ed assistite, ospedali, ambulatori medici, ecc.). 8. Il servizio comprende anche le attività inerenti l assistenza dei portatori di handicap ed il loro eventuale accompagnamento su idonei mezzi di trasporto. 9. La popolazione del Comune di Impruneta vive in diverse frazioni, alcune delle quali distanti fra loro e non collegate con mezzi pubblici; sul territorio inoltre si trovano diversi plessi scolastici, alcuni dei quali non raggiungibili con i mezzi pubblici di trasporto. L organizzazione del servizio dovrà pertanto tenere conto degli elementi geografici sopra indicati. ART. 2 Modalità di espletamento del servizio 1. La titolarità degli interventi di cui al presente capitolato rimane del Comune di Impruneta che la espleta attraverso l attribuzione al servizio sociale professionale della responsabilità del coordinamento tecnico e operativo degli interventi stessi. 2. Il servizio di cui trattasi viene affidato al prestatore di servizi aggiudicatario del servizio che dovrà mettere a disposizione: un Assistente Sociale Professionale diplomato presso una Scuola di servizio sociale diretta a fini speciali, o in possesso di diploma universitario di assistente sociale, e, comunque, iscritto all Albo Professionale; operatori addetti Assistenza di base ed educatori minori, tutti in possesso di patente di guida, al fine di effettuare le seguenti prestazioni:

2 A) per l assistente sociale: prestazioni di servizio sociale professionale, su indicazione del Responsabile dell Ufficio Socio Educativo; B) per gli operatori di Assistenza di base: realizzazione degli interventi rivolti agli utenti e stabiliti dal servizio sociale professionale in accordo con l Ufficio Socio Educativo, consistenti in: a) Servizi per la persona ed il suo ambiente 1. aiuto a favorire l autonomia nelle attività giornaliere: - alzata dal letto - igiene/pulizia personale, aiuto per il bagno - vestizione - aiuto per la corretta deambulazione - aiuto nella preparazione e nell assunzione dei pasti - accompagnamento presso ambulatori medici, ospedali, presidi sociali e sanitari in genere - aiuto nella organizzazione familiare relativamente ad attività che comportano maneggio di denaro, commissioni, versamenti postali e/o bancari, spesa quotidiana, ecc. - chiamata del medico di famiglia 2. aiuto per il governo della casa - riordino e pulizia dell alloggio - cambio, pulizia e riordino della biancheria e vestiario - acquisto di generi alimentari e di necessità - preparazione dei pasti e pulizia stoviglie 3. collaborazione nel settore del segretariato sociale - aiuto nella ricerca di informazioni sui diritti, aiuto nello svolgimento di pratiche e servizi, svolgimento di piccole commissioni - accompagnamento dell utente per varie pratiche e necessità 4. interventi tesi a favorire la vita di relazione anche in collaborazione con strutture e risorse del territorio attraverso: - coinvolgimento dei parenti e dei vicini - rapporti con strutture ricreative, culturali, associative del territorio - partecipazione agli interventi di socializzazione e recupero - stimolo a partecipare ad attività integrative e/o di socializzazione b) Assistenza a disabili - assistenza a minori portatori di handicap sia all interno che all esterno della scuola C)per gli educatori minori: Servizio di sostegno ai minori ed a minori portatori di handicap - interventi con funzioni educative: il servizio si propone di sostenere la crescita dei minori in disagio socio-culturale e a rischio nell ambito dei servizi di supporto alla genitorialità, anche attraverso l espletamento di attività socializzanti - aiuto nello svolgimento di compiti scolastici

3 Nei casi di attività rivolte ai minori e ritenute indispensabili dal servizio sociale professionale per la particolarità e complessità del caso, potrà essere richiesta l attivazione di interventi ulteriori rispetto a quelli sopra indicati (es. Accompagnamento e ritiro del minore dalla scuola, gestione dei pasti, ecc.); Inoltre al prestatore di servizi si richiedono le seguenti attività di coordinamento e di rilevazione dei servizi nell ambito dell assistenza domiciliare e della integrazione sociale: - coordinamento dei servizi affidati alla cooperativa; - monitoraggio del servizio tramite rilevazione di problematiche e di bisogni degli utenti - riunioni di verifica e di programmazione - collaborazione con il servizio sociale professionale e con gli Enti Istituzionali coinvolti - rilevazione sistematica delle informazioni necessarie al servizio sociale professionale per la definizione dei programmi di intervento e per la verifica dei risultati. 3. Per lo svolgimento delle attività di cui agli articoli precedenti, il prestatore di servizi è tenuto a fornire il personale occorrente, nonché i mezzi, anche di trasporto, gli strumenti ed il materiale necessario per l erogazione dei servizi. 4. Il personale impiegato per il servizio di cui trattasi deve essere in possesso di idonei titoli di studio per gli operatori di base ed in possesso di titoli attestanti specifiche competenze nel settore educativo e sociale professionale, rispettivamente per gli educatori e per l assistente sociale. 5. Tutti gli operatori dovranno altresì essere in possesso della tessera sanitaria. 6. Il prestatore di servizi si impegna a reperire, per il periodo di durata dell appalto, operatori occorrenti a svolgere un monte ore complessivo presunto di n ore, indicativamente suddivise: ore per assistenza domiciliare di base; ore per assistenza educativa a minori; 864 ore di assistenza sociale professionale. 7. L amministrazione comunale si riserva la facoltà di avvalersi o meno della figura professionale dell Assistente Sociale sulla base delle esigenze del servizio. 8. Il numero delle ore d'intervento annuale potrà essere suscettibile di variazioni in aumento o diminuzione fino a un quinto. 9. Le ore d'intervento da erogarsi sono comprese tra le ore 7,00 e le ore 20,00, di norma nei giorni feriali, e secondo criteri funzionali ai bisogni degli utenti ed ai relativi progetti di intervento. Per particolari esigenze ed in casi eccezionali potranno essere richiesti, su progetto specifico, interventi anche nei giorni festivi e/o in orari diversi da quelli sopra indicati. 10. L'orario di servizio potrà variare nel corso dei mesi in coincidenza del variare dei servizi stessi. 11. Il prestatore di servizi si impegna, nei tempi e con le modalità richieste dal Comune, a fornire personale utile a coprire straordinarie esigenze di servizio, sulla base di documentate richieste. 12. Nell'ambito del mansionario di cui al presente articolo comma 2, il personale non potrà rifiutarsi di eseguire le prestazioni che verranno richieste. 13. Il prestatore di servizi deve garantire l immediata sostituzione del personale assente per qualsiasi motivo dal servizio, nonché di quello che, per giudizio discrezionale del Comune, dovesse risultare non idoneo allo svolgimento delle prestazioni o dannoso all equilibrio della famiglia e del singolo e non adatto al raggiungimento degli obiettivi preposti, e/o che abbia dimostrato di aver perseguito interessi personali nello svolgimento del proprio servizio. 14. Per ogni eventuale impedimento e/o difficoltà e/o inconveniente tecnico imprevisti o imprevedibili che dovessero compromettere o impedire il corretto svolgimento del servizio, il prestatore di servizi deve darne immediata comunicazione all'ufficio Socio Educativo, e, comunque,

4 deve provvedere a garantire la continuità del medesimo, anche su eventuali indicazioni da parte dell'ufficio suddetto. 15. Negli interventi rivolti a minori deve essere prevista una fase di presentazione del caso qualora si renda necessaria la sostituzione, anche temporanea dell operatore/educatore. ART. 3 Personale addetto al Servizio 1. L aggiudicatario del servizio dovrà impegnarsi ad eseguire le attività e le prestazioni mediante idonea organizzazione aziendale e con proprio personale capace e fisicamente idoneo in possesso dei requisiti previsti dalla normativa in materia e adeguato alla corretta realizzazione del servizio. In particolare si impegna ad offrire: un operatore Assistente Sociale Professionale diplomato presso una Scuola di Servizio Sociale diretta a fini speciali o in possesso di diploma universitario di assistente sociale e, comunque, iscritto all Albo Professionale ed in possesso di patente di guida, di cui all art. 2 comma 2); operatore/i di assistenza di base per le prestazioni di cui all art. 2 comma 2) ed in possesso di patente di guida; un educatore/i professionale/i diplomato/i o in possesso di titolo universitario per le prestazioni di cui all art. 2 comma 2), con i relativi attestati di qualifica e un curriculum formativo comprovante esperienza nel settore ed in possesso di patente di guida. Nell ambito del presente appalto il personale non potrà rifiutarsi di eseguire le prestazioni che verranno richieste. ART. 4 "Importo a base di gara" 1. L importo a base di gara complessivo per il periodo è di ,00 non superabili, più IVA nella misura di legge. 2. La gara viene indetta per complessive presunte ore per la durata dell appalto, secondo le tipologie del servizio di cui all art. 2 comma 6 del presente capitolato. 3. Il prezzo orario a base d asta viene stabilito in : 17,78 per operatore addetto Assistenza di base, 18,84 per educatore minori, 19,86 per assistente sociale. 4. L Amministrazione comunale riconosce all appaltatore, durante l intera durata dell appalto, a partire dal secondo anno, l incremento calcolato sull indice ISTAT dei prezzi al consumo.

5 ART. 5 Pagamenti 1. La fatturazione deve essere mensile. 2. Il pagamento verrà effettuato entro trenta giorni dalla data di ricevimento della relativa fattura. 3. Al termine di ogni mese il prestatore di servizi presenta la fattura delle ore di servizio effettivamente prestate inviando entro il termine massimo di giorni 10 dalla fine del mese precedente, il prospetto delle ore del personale impiegato secondo le tipologie dei servizi svolti. 4. Trimestralmente il prestatore di servizi dovrà produrre documentazione idonea e necessaria per la dimostrazione dell avvenuto pagamento dei contributi dovuti per legge per il personale dipendente impiegato nel presente appalto. ART. 6 "Durata dell'appalto" 1. La durata dell appalto è stabilita in anni tre. 2. Il prestatore di servizi si impegna a proseguire il servizio agli stessi patti e condizioni, fino all espletamento delle procedure per un nuovo appalto e almeno fino all affidamento del servizio, nel caso in cui non sia stato possibile procedere entro i termini contrattuali. ART. 7 Requisiti di partecipazione 1. Possono partecipare alla gara i soggetti di natura imprenditoriale ivi comprese le cooperative sociali e i consorzi che presentino i seguenti necessari requisiti: - abbiano gestito, negli ultimi tre anni, con continuità, servizi di assistenza domiciliare di base ed educativa; - abbiano un fatturato complessivo nei servizi di assistenza domiciliare ed educativa non inferiore ad ,00 negli ultimi tre anni; 2. L affidamento del servizio è riservato ai prestatori di servizi sulla base dei criteri ed indirizzi indicati dalla deliberazione C.R. n. 199 del e DPCM La gara viene effettuata tra i prestatori di servizi di cui sia stata verificata, mediante dichiarazione da rendersi nei modi di cui alla documentazione richiesta nel bando di gara, l idoneità ad eseguire il servizio avendone la capacità giuridico amministrativa e tecnico economica sulla base dei seguenti requisiti minimi di cui alla deliberazione C.R. n. 199/2001: Una capacità economica e finanziaria adeguata all importo del servizio; Una capacità tecnico-organizzativa adeguata all esecuzione del servizio, ivi compreso il possesso o l impegno ad attivare, in caso di aggiudicazione, una sede operativa preferibilmente nell ambito territoriale della zona socio-sanitaria in cui si svolge il servizio, o quanto meno del territorio provinciale di riferimento, idonea a costituire effettivo punto di riferimento per l utenza; Possesso della certificazione di qualità UNI EN ISO 9001/2000; Operatori in possesso dei titoli prescritti dalle normative vigenti; Impegno a ricollocare gli operatori già impiegati nelle stesse attività oggetto di affidamento e rimasti o inoccupati, ai sensi delle disposizioni legislative vigenti sul trasferimento di aziende, integrate da accordi sindacali (gli accordi sindacali possono derogare alle disposizioni legislative, qualora risultino condizioni di miglior favore).

6 4. Qualora dal procedimento di preselezione risultino ammessi un numero di concorrenti non sufficienti a garantire il principio della concorrenzialità, si procede all integrazione dell elenco dei soggetti da invitare con altri soggetti qualificati, attingendo all Albo Regionale Toscano delle cooperative sociali, rispettando l ordine cronologico d iscrizione e il principio di rotazione. ART. 8 "Modalità di aggiudicazione" 1. L'aggiudicazione dell'appalto avverrà nei confronti del prestatore di servizi che avrà rimesso l'offerta economicamente più vantaggiosa nel rispetto dell art. 11 della L.R.T. 87/1997, modificata con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 199 del 31/10/ L aggiudicazione avverrà inoltre in applicazione del 2 comma dell art. 15 della L.R.T. n. 38/ L affidamento è sottoposto a periodiche verifiche tendenti ad accertare i risultati conseguiti in ordine alla qualità della prestazione del servizio. 4. Ad insindacabile giudizio dell amministrazione comunale, in caso di esito negativo della verifica, la stessa amministrazione comunale promuoverà un contraddittorio con il prestatore di servizi per acquisire in modo diretto eventuali motivazioni giustificatorie. Qualora anche tale contraddittorio confermi l esito negativo, il contratto è risolvibile senza altre modalità che quella della comunicazione mediante raccomandata A.R. inviata dal Comune di Impruneta entro il mese successivo all accertamento dell irregolarità o dell inadempimento. ART. 9 Criteri per l attribuzione del punteggio 1. L affidamento sarà disposto - dalla commissione giudicatrice nominata alla scopo al prestatore di servizi che avrà presentato il progetto offerta qualitativamente ed economicamente più vantaggioso, valutabile in base ai seguenti elementi indicati: Qualità del progetto punteggio massimo 35 Merito tecnico organizzativo punteggio massimo 35 Offerta economica punteggio massimo 30 TOTALE Sulla scorta di quanto indicato dalla deliberazione C.R. n. 199/2001, che costituisce base di riferimento per quanto specificatamente non regolamentato nel presente capitolato, per la valutazione delle offerte rimesse sono presi in considerazione i seguenti parametri con i seguenti punteggi: Offerta economica fino a un massimo di 30 punti La valutazione della economicità delle offerte è realizzata attribuendo un punteggio a crescere in rapporto all entità del ribasso ottenuto sull importo a base di gara. Il punteggio massimo previsto, di 30 punti, viene attribuito rispetto ad una percentuale di ribasso del 5,5%. Per le altre percentuali di ribasso il punteggio viene così attribuito: Ribasso Punteggio 0,00-0, ,50-0, ,00-1, ,50-1, ,00-2,49 23

7 2,50-2, ,00-3, ,50-3, , ,50-4, ,00-5, ,50 e oltre 30 Qualità del progetto fino a un massimo di 35 punti, valutabile secondo i seguenti parametri. Rispondenza del progetto alle caratteristiche dell utenza, in relazione alla qualità del servizio da perseguire attraverso le seguenti fasi: o analisi dei bisogni dell utenza; o programma di controllo della qualità rispetto agli obiettivi; o programma di gestione tecnico organizzativa. Punti da 0 a 20 Sinergie, da realizzare mediante documentati accordi, sviluppate in collaborazione con il tessuto sociale (famiglie, associazionismo, volontariato, cooperazione sociale di tipo B) ispirate alla collaborazione, all integrazione e alla messa in rete delle diverse risorse dei soggetti presenti sul territorio, allo scopo di migliorare la qualità complessiva del servizio e la soddisfazione dell utenza. Punti da 0 a 9 Inserimento lavorativo di persone svantaggiate, da realizzare mediante documentati accordi, sinergie e forme di collaborazione con cooperative sociali di tipo B ai sensi della L. 381/1991 ovvero inserimento lavorativo di disabili in numero superiore alle quote di riserva previste all art. 3 della L. n. 68 del 12 marzo Punti da 0 a 4 Impiego documentato di volontari, quale arricchimento del progetto, in aggiunta al lavoro degli operatori indicati nel capitolato. Punti da 0 a 2 Merito tecnico organizzativo, fino ad un massimo di 35 punti, valutabile sulla base dei seguenti elementi. Qualità professionale degli operatori - sia quelli impegnati nell'organizzazione intesa come possesso di titoli professionali ed esperienza acquisita legati al settore d intervento in cui si colloca l oggetto dell affidamento. Punti da 0 a 5 Modalità adottate per il contenimento del turn over del personale impiegato nel servizio. Punti da 0 a 3 Servizi con caratteristiche similari a quelle del servizio oggetto di affidamento, gestiti nel triennio precedente dal concorrente, con particolare riguardo ai servizi gestiti sul territorio di riferimento. Punti da 0 a 5

8 Dichiarazione del fatturato degli ultimi tre esercizi finanziari relativo a servizi identici a quello oggetto del presente capitolato con elenco dei principali servizi prestati nel triennio con specifica indicazione delle date, degli importi, dei destinatari pubblici o privati dei servizi stessi. Punti da 0 a 6 Presentazione di programmi migliorativi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, oggettivamente valutabili e verificabili. Punti da 0 a 2 Formazione prodotta direttamente o partecipata all'esterno dalla cooperativa. Punti da 0 a 3 Attività di progettazione/coprogettazione finanziate o autofinanziate sviluppate nell'area su cui insiste il servizio oggetto di affidamento e finalizzate all'implementazione di reti di protezione e promozione sociale (L.R.41/05, Legge 285/97, L.R. 32/2000, altre leggi di interesse sociale, programmi UE, etc) sviluppate sull area in cui insistono i servizi oggetto del presente capitolato. Punti da 0 a 3 Servizi alla persona autonomamente attivati sullo stesso territorio. Punti da 0 a 4 Entità dei beni immobili, mobili, attrezzature e materiali, strumentali all erogazione del servizio di cui la prestatore di servizi abbia la disponibilità o che siano stati attivati in precedenza nell espletamento dello stesso servizio. Punti da 0 a 2 Modello organizzativo inteso come complesso dei tecnici che fanno parte integrante della struttura o hanno con la stessa rapporti continuativi di consulenza e come assetto organizzativo (con riguardo alle funzioni, comprese quelle relative alle indicazioni del D.Lgs. 626/94 e successive modifiche, e alle persone che vi si dedicano stabilmente). Punti da 0 a 2 La documentazione probatoria relativa a questo paragrafo consiste in una approfondita relazione sul livello tecnico-organizzativo del prestatore di servizi, sulla qualificazione degli operatori e sull'attività di formazione svolta, sugli altri servizi alla persona attivati autonomamente, sulle attività di progettazione sviluppata. 2. L'aggiudicazione è effettuata a favore del prestatore di servizi che avrà riportato complessivamente il punteggio più alto. 3. Sono escluse le offerte che conseguono un punteggio inferiore a 21/35 rispetto al merito tecnico-organizzativo, sia quelle che conseguono un punteggio inferiore a 21/35 rispetto alla qualità del progetto. 4. L aggiudicazione può avvenire anche in presenza di solo una offerta valida.

9 ART. 10 Divieto di cessione del contratto e di subappalto" 1. Il prestatore di servizi aggiudicatario non può sotto qualsiasi titolo, cedere tutto o in parte il contratto, né avvalersi di subappalto, pena la risoluzione del contratto. ART. 11 "Recesso unilaterale" 1. L'amministrazione comunale si riserva il diritto di recedere in ogni tempo dal contratto per sopravvenuti motivi di pubblico interesse; la volontà di recesso potrà essere comunicata al prestatore di servizi dal Dirigente del Servizio. ART. 12 Risoluzione del contratto" 1. Il contratto può essere oggetto di risoluzione da parte del Comune per ogni inadempienza degli oneri e/o obblighi e/o modalità di espletamento del servizio risultanti dal presente capitolato, tale da compromettere la funzionalità degli interventi. La risoluzione del contratto può essere disposta anche per inadeguatezza degli operatori impegnati relativamente alle mansioni previste dalle rispettive qualifiche professionali, previa diffida entro congruo termine e sempre che questo sia decorso senza esito positivo o che siano stati adottati gli opportuni provvedimenti senza che siano state fornite appropriate giustificazioni. 2. Con la risoluzione è fatto comunque salvo ogni ulteriore risarcimento del danno causato al Comune dal prestatore di servizi. 3. Ai sensi dell art 19 della LRT n. 38 del 13/07/07, il contratto può essere oggetto di risoluzione da parte del Comune per le seguenti cause: a) la mancata sostituzione dei responsabili previsti dall art. 2 del D.Lgs. 626/1994; b) le gravi violazioni degli obblighi assicurativi, previdenziali, e relativi al pagamento delle retribuzioni ai dipendenti impegnati nell esecuzione dell appalto; c) le gravi violazioni delle prescrizioni contenute nei piani di sicurezza e la mancata cooperazione all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro ed il mancato coordinamento degli interventi di prevenzione e protezione dai rischi; d) l impiego di personale non risultante dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria, qualora l impresa non provveda all immediata regolarizzazione; e) la violazione dell obbligo di informare immediatamente la stazione appaltante di qualsiasi atto di intimidazione commesso nei suoi confronti nel corso del contratto con la finalità di condizionarne la regolare e corretta esecuzione.

10 ART. 13 "Cauzione provvisoria e definitiva" 1. In sede di gara il concorrente deve presentare cauzione provvisoria di ,80, pari al 2% (2 per cento) dell importo a base di gara, costituita alternativamente: - da versamento in contanti o in titoli del debito pubblico presso Tesoreria Comunale Cassa di Risparmio Impruneta; - fideiussione bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all articolo 107 del d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell economia e delle finanze. 2. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all articolo 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta dell amministrazione. 3. La garanzia deve avere validità per almeno centottanta giorni dalla data di presentazione dell offerta e deve contenere l impegno al rilascio della cauzione definitiva in caso di aggiudicazione. La garanzia copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell affidatario, ed è svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del contratto medesimo. Dopo l avvenuta aggiudicazione definitiva il prestatore di servizi è tenuto a prestare una cauzione pari al 10% dell importo complessivo aggiudicato. ART. 14 "Obblighi del prestatore di servizi" 1. Il prestatore di servizi oltre ad essere tenuto per legge a tutte le provvidenze a favore dei dipendenti e dei volontari e/o soci impegnati nel servizio, che sono sempre ed esclusivamente alle sue dirette dipendenze, si obbliga ad applicare i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e tutte le disposizioni legislative e regolamentari in vigore concernenti le assicurazioni sociali e la prevenzione degli infortuni. Il Comune è, espressamente, esonerato da qualsiasi obbligo e/o responsabilità al riguardo. 2. Il medesimo dovrà adottare i procedimenti e le cautele necessarie per garantire l'incolumità delle persone addette e di ogni terzo, compresi gli utenti del servizio con scrupolosa osservanza delle disposizioni in vigore in materia. 3. Il prestatore di servizi provvede ad assicurare se stesso ed il personale impegnato per la responsabilità civile verso i terzi per qualsiasi evento o danno che possa causarsi, esonerando espressamente il Comune da qualsiasi responsabilità per danni e/o incidenti, anche in itinere, che dovessero verificarsi nell'espletamento delle attività oggetto del contratto. 4. Il medesimo dovrà presentare, altresì, al Comune copia conforme delle polizze sottoscritte. 5. Inoltre lo stesso è tenuta a fornire, trimestralmente la documentazione comprovante il pagamento dei contributi di legge per i soggetti impiegati nel servizio. 6. Il prestatore di servizi deve nominare un proprio responsabile ai sensi della Legge 626/94 e successive modificazioni. 7. Il prestatore di servizi è tenuto al rispetto di quanto previsto dal D.Lgs. 30/06/2003 n 196 in materia di detenzione e trattamento dei dati relativi all utenza.

11 ART. 15 Verifiche da parte del Comune 1. La stazione appaltante procede all aggiudicazione definitiva solo dopo aver verificato, mediante l acquisizione del documento unico di regolarità contributiva (DURC), la regolarità contributiva ed assicurativa dell impresa risultata provvisoriamente aggiudicataria riferita alla data di presentazione dell offerta. 2. La stazione appaltante procede ai pagamenti solo a seguito di apposita verifica, nei modi di cui al comma 1, della permanenza della regolarità contributiva ed assicurativa dell impresa appaltatrice. 3. La stazione appaltante segnala alla Direzione provinciale del lavoro le irregolarità eventualmente riscontrate nell ambito della verifica di cui al comma La stazione appaltante, in caso di ritardo, debitamente accertato, nel pagamento delle retribuzioni dovute al personale impiegato nella esecuzione dell appalto, invita l impresa a provvedervi entro i quindici giorni successivi. Qualora l impresa non provveda nel termine assegnato, la stazione appaltante effettua il pagamento diretto delle retribuzioni arretrate ai lavoratori, detraendo il relativo importo dalle somme dovute all impresa appaltatrice per l esecuzione del contratto oppure, in assenza, dalla cauzione prestata. ART. 16 "Penalità" 1. Fatta salva la risoluzione del contratto di cui all'art. 12 del presente capitolato ed in generale alle norme vigenti, sono stabilite le seguenti penalità: a) mancata effettuazione di uno o più servizi per un giorno: verrà applicata una penale pari al doppio del costo giornaliero del servizio non effettuato; b) mancata effettuazione di uno o più servizi per periodi superiori ad un giorno: può comportare il recesso del contratto senza che il prestatore di servizi possa vantare nessun diritto; c) comportamento scorretto o sconveniente nei confronti dell'utenza, accertato a seguito di procedimento in cui sia garantito il contraddittorio: verrà applicata una penale di 100,00 per ogni singolo evento; il perdurare o il ripetersi per più di due volte dei comportamenti suddetti dovrà portare alla sostituzione del personale interessato, entro e non oltre giorni 10; in caso di superamento del suddetto termine, senza che il prestatore di servizi abbia ottemperato alla sostituzione prevista, il contratto si intenderà automaticamente risolto ed il Comune si rivarrà sulla cauzione definitiva. 2. Il pagamento della penale non esonera il prestatore di servizi affidatario dall'obbligo di risarcire l'eventuale danno arrecato al Comune e/o a terzi in dipendenza dell'inadempimento. 3. Il pagamento della penale va effettuato entro 30 giorni dalla notifica o dalla ricezione della comunicazione effettuata mediante lettera raccomandata A.R.; decorso inutilmente tale termine, il Comune si rivarrà sulla cauzione definitiva. 4. All appalto oggetto del presente capitolato si applica l art. 18 della LRT n. 38/2007.

12 ART. 17 "Responsabile del servizio affidato" 1. Il Responsabile dei servizi affidati al prestatore di servizi, precedentemente individuato dal medesimo e comunicato all'ufficio Socio Educativo, risponde della completa realizzazione del servizio appaltato, dell'organizzazione del personale della cooperativa, dei collegamenti con l'ufficio del Comune suddetto con il quale concorda, con cadenza almeno trimestrale, riunioni per la verifica comune del corretto sviluppo dell'attività programmata. ART. 18 "Spese contrattuali" 1. Tutte le spese derivanti dal presente atto sono a carico dell aggiudicatario. ART. 19 Clausola conciliativa 1. Per tutte le controversie concernenti il presente contratto o connesse allo stesso, che dovessero insorgere fra le parti, queste si obbligano ad esperire il tentativo di conciliazione disciplinato dal regolamento di conciliazione della Camera di Commercio di Firenze. ART. 20 "Norme di rinvio" 1. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente capitolato speciale si fa riferimento a tutte le norme regolanti la materia, nonché al bando di gara. 2. Per tutte le controversie che dovessero insorgere per l esecuzione del contratto di cui al presente capitolato è competente il Foro di Firenze 3. L'amministrazione comunale si riserva, comunque, il diritto di modificare in tutto o in parte i termini del presente capitolato qualora intervengano diverse regolamentazioni legislative in materia.

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010.

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto la

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI REGOLANTE L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 OGGETTO DURATA DELL APPALTO Oggetto dell appalto è l affidamento del servizio di

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI **************

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI ************** Comune di Isili Provincia di Cagliari 08033 Piazza San Giuseppe n.6 P.I. 00159990910 Tel.0782/804460-804461 Fax 0782/804469 Email affarigenerali@comune.isili.ca.it Pec protocollo.isili@pec.comunas.it UNITA

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma)

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO (Provincia di Roma) CONTRATTO D APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE E DOMICILIARE DESTINATO AI MINORI, DISABILI, ANZIANI RESIDENTI NEL

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

Capitolato Amministrativo

Capitolato Amministrativo ALLEGATO C Capitolato Amministrativo Relativo al bando di gara per l affidamento del Servizio di realizzazione, personalizzazione, erogazione, monitoraggio e rendicontazione dei voucher sociali del valore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A

C I T T A D I T A O R M I N A C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale Oggetto: CONTRATTO PER I SERVIZI DI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE L anno duemila il giorno

Dettagli

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti CAPITOLATO SPECIALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CENTRI ESTIVI 2015 DEL COMUNE DI CORSICO. PERIODO dal 1 LUGLIO al 4 SETTEMBRE 2015. CIG: 62619146E6 ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

Non saranno ammesse offerte in aumento rispetto al prezzo posto a base di gara, né offerte contenenti riserve o condizionate.

Non saranno ammesse offerte in aumento rispetto al prezzo posto a base di gara, né offerte contenenti riserve o condizionate. All. alla determina n. 191 del 16.5.2014 COMUNE DI NONE Piazza Cavour 9 Cod. Fis. cf 85003190015 Tel. 0119990811 FAX 0119863053 E-mail protocollo@comune.none.to.it BANDO PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

BANDO DI GARA. 4. Criterio di aggiudicazione: Criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 D.Lgs. 163/2006)

BANDO DI GARA. 4. Criterio di aggiudicazione: Criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 D.Lgs. 163/2006) BANDO DI GARA 1. Amministrazione appaltante: Comune di Lanciano Avvocatura Comunale Servizio Appalti Forniture e Servizi P.zza Plebiscito, 1 66034 Lanciano telefono 0872/707602-707227 Fax 0872/717573 sito

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno Settore Servizi alla Persona Servizio Attività Educative CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Art. 1 - OGGETTO 1 - L appalto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Art.1 OGGETTO DEL CAPITOLATO Costituisce oggetto del presente capitolato l appalto del Servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.)

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.) CIG 560634456C Cat. 25 CPV 85312400-3 CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.) 1. OBIETTIVO Il Servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DI SERVIZI PER L INFANZIA ART. 1 - OGGETTO Oggetto dell'appalto è la gestione dei seguenti servizi per l'infanzia: - il Centro Gioco La Giostra e lo Spazio Educativo

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI Allegato delibera GC n.63/2014 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO a.s. 2014/15 2015/16 2016/17 1. OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

C O M U N E D I G A L A T I N A (Provincia di Lecce) ********* CAPITOLATO SPECIALE

C O M U N E D I G A L A T I N A (Provincia di Lecce) ********* CAPITOLATO SPECIALE C O M U N E D I G A L A T I N A (Provincia di Lecce) ********* DIREZIONE AFFARI GENERALI ED AVVOCATURA - Servizio di Segreteria Generale - FORNITURA IN ECONOMIA, MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO, DI MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU)

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU) COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU) Servizio Servizi Sociali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) PERIODO 01.01.2007 31.12.2009. Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DI SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DI SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA COMUNE DI FIGLINE VALDARNO (Provincia di Firenze) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DI SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA Art. 1: Oggetto dell appalto Oggetto dell appalto è l affidamento

Dettagli

C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Rivoli Rosta Villarbasse

C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Rivoli Rosta Villarbasse CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA - SOSTEGNO, AUTONOMIA E COMUNICAZIONE A FAVORE DI ALUNNI IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ FREQUENTANTI LE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

C O M U N E D I C O P E R T I N O P r o v i n c i a d i L e c c e AREA AFFARI GENERALI E FINANZIARI

C O M U N E D I C O P E R T I N O P r o v i n c i a d i L e c c e AREA AFFARI GENERALI E FINANZIARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI ED ALTRI SERVIZI AD ESSO CONNESSI PER UN PERIODO DI MESI DODICI (12) CAPO I CAPITOLATO DESCRITTIVO - PRESTAZIONALE ART.

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/2008 ART. 1. OGGETTO DEL SERVIZIO L incarico comporta lo svolgimento di

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER I DIPENDENTI DEL COMUNE DI PORTOGRUARO ATTRAVERSO LO STRUMENTO DEI BUONI PASTO ELETTRONICI. Art.1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto il servizio

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino Ufficio Patrimonio e-mail contratti@comune.volvera.to.it BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA CASTAGNOLE

Dettagli

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 Allegato 1 CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05.

OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05. OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05.2017 IMPRESA: (denominazione e codice fiscale) REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI.

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. Durata dall aggiudicazione dell appalto fino al 31/12/2014 INDICE Pagina. TITOLO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Caratteristiche ed oggetto dell Appalto ART. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Caratteristiche ed oggetto dell Appalto ART. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Caratteristiche ed oggetto dell Appalto ART. 1 Oggetto dell appalto Costituisce oggetto del presente capitolato il Servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per la fornitura di gasolio per autotrazione presso la sede operativa di C.L.I.R. S.p.A. in Via della STAZIONE,snc 27020- Parona Lomellina (PV). 1) OGGETTO DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

UMBRIA SALUTE SCARL CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DEL SERVIZIO

UMBRIA SALUTE SCARL CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DEL SERVIZIO UMBRIA SALUTE SCARL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO TEMPORANEO DA DESTINARE AI SERVIZI DI FRONT OFFICE CUP/CASSA, DATA ENTRY E CALL CENTER, EROGATI PER LE AZIENDE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Il servizio avrà decorrenza dalla data di affidamento e dovrà concludersi il 31.5.2010.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Il servizio avrà decorrenza dalla data di affidamento e dovrà concludersi il 31.5.2010. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI SOSTEGNO LINGUISTICO FINALIZZATI ALL INSERIMENTO E L INTEGRAZIONE INTERCULTURALE DEI MINORI STRANIERI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il servizio

Dettagli

REGIONE PUGLIA DISCIPLINARE DI GARA

REGIONE PUGLIA DISCIPLINARE DI GARA REGIONE PUGLIA DISCIPLINARE DI GARA OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA ( BROKERAGGIO ) A FAVORE DELLA REGIONE PUGLIA ART.1 Oggetto dell Appalto

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Codice C.I.G. 0469648DC6

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Codice C.I.G. 0469648DC6 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Codice C.I.G. 0469648DC6 1. STAZIONE APPALTANTE: Comune di Larino Comune capofila dell Ambito Territoriale di Larino Piazza

Dettagli

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç _ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç EX ART. 1 L.R. N. 8 DEL 24/3/2014 già Provincia Regionale di Trapani Settore n. 1 Servizio n. 8 Gare e Contratti A V V I S O Procedura negoziata ad evidenza pubblica

Dettagli

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118)

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) I AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Società appaltante: TALETE S.p.A. Indirizzo

Dettagli

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:10388-2011:text:it:html I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA Servizi SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE.

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. BOLLO BOLLO Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. SOMMARIO 1 OGGETTO...4 2 DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A DITTA: 3. CORTESI REQUISITI GIURIDICO-AMMINISTRATIVI - BUSTA A

Dettagli

c_g674.001.registro UFFICIALE.U.0026215.12-07-2012

c_g674.001.registro UFFICIALE.U.0026215.12-07-2012 c_g674.001.registro UFFICIALE.U.0026215.12-07-2012 SETTORE ISTRUZIONE INFORMATIVO Servizio Istruzione Cultura - 06.01 Tel. 0121 361273/361274 - Fax. 0121 361354 istruzione.cultura@comune.pinerolo.to.it

Dettagli

Servizio di brokeraggio assicurativo

Servizio di brokeraggio assicurativo Servizio di brokeraggio assicurativo DISCIPLINARE DI GARA CIG Z01092E626 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PREMESSA Molise Acque ha indetto gara a procedura aperta

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI OGGETTO Fornitura professionale di manodopera a termine COMMITTENTE/CONTRAENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Area 02 Organizzazione e sviluppo Dott.ssa Marte Guglielmi DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI LIPOMO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO SERVIZI SOCIALI Tel. 55.83.61

COMUNE DI LIPOMO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO SERVIZI SOCIALI Tel. 55.83.61 CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA, ASSISTENZA SERVIZI SCOLASTICI E CENTRO ESTIVO. PERIODO DAL 01.09.2014 AL 31.08.2017 ART. 1 OGGETTO Costituisce oggetto dell appalto

Dettagli

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Capitolato Speciale per programma di previdenza integrativa fondo pensione aperto - per il Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel. 0831-955400 Fax 0831-955429 Allegato determina n.101 /SS-2015 CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 41 in data: 02.10.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO A DITTA SPECIALIZZATA DEL SERVIZIO DI

Dettagli

BANDO DI GARA. Sede: via Battistero n 4, 13900 Biella (BI)

BANDO DI GARA. Sede: via Battistero n 4, 13900 Biella (BI) BANDO DI GARA Appalto mediante procedura aperta per l affidamento quinquennale del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo. Codice CIG: 62817919EA 1) ENTE APPALTANTE Comune di Biella Sede: via

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

INDICE. Art. 1 - Oggetto dell'appalto...2. Art 2 Sede e durata dell Appalto...2. Art. 3 Personale e organizzazione...2

INDICE. Art. 1 - Oggetto dell'appalto...2. Art 2 Sede e durata dell Appalto...2. Art. 3 Personale e organizzazione...2 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA ALLE DICHIARAZIONI ISEE, DATA ENTRY E CATALOGAZIONE DOCUMENTALE PER IL SERVIZIO COMUNALE DIRITTO ALLO STUDIO E GESTIONE SISTEMA QUOTE CONTRIBUTIVE

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI ATTIVITÀ EDUCATIVE E LUDICO RICREATIVE RIVOLTE AI MINORI RESIDENTI NEL COMUNE DI CALCINAIA. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI ATTIVITÀ EDUCATIVE E LUDICO RICREATIVE RIVOLTE AI MINORI RESIDENTI NEL COMUNE DI CALCINAIA. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI ATTIVITÀ EDUCATIVE E LUDICO RICREATIVE RIVOLTE AI MINORI RESIDENTI NEL COMUNE DI CALCINAIA. Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITA E SICUREZZA DELLE FERMATE DEL TPL SU GOMMA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE LOTTO 1 Metropolitano CIG n. 6021875075; LOTTO 2 Mugello/Valdisieve CIG n. 60218782EE; LOTTO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO TRIENNALE PER I SERVIZI INERENTI IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI FIRENZE

CAPITOLATO D APPALTO TRIENNALE PER I SERVIZI INERENTI IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI FIRENZE CAPITOLATO D APPALTO TRIENNALE PER I SERVIZI INERENTI IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI FIRENZE ART. 1 OGGETTO L appalto ha ad oggetto i seguenti servizi e lavorazioni della corrispondenza:

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Oggetto: Affidamento del servizio di ritiro e recapito diretto della corrispondenza comunale nell ambito del Comune. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto: -il

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 60347701BF CAPITOLATO SPECIALE Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli 1 INDICE Art. 1 Glossario Art. 2 Oggetto dell Appalto

Dettagli

prot. 2015/558 Brindisi, 24.07.2015

prot. 2015/558 Brindisi, 24.07.2015 prot. 2015/558 Brindisi, 24.07.2015 Al sito web della Fondazione All Albo della Fondazione Alle Ditte interessate Oggetto: P.O. PUGLIA F.S.E. 2007/2013 - Avviso Pubblico n.3/2015 Progetti di rafforzamento

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI

Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA ANNUALE DI ENERGIA ELETTRICA PER LE UTENZE RELATIVE A TUTTI GLI EDIFICI

Dettagli

sede legale a, codice fiscale e

sede legale a, codice fiscale e CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DIURNA AI PALAZZI SEDE DEGLI UFFICI GIUDIZIARI (TRIBUNALE, GIUDICE DI PACE E PROCURA DELLA REPUBBLICA) CIG 5753939CA9 L anno il giorno del mese

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Rep. n. CONTRATTO DI APPALTO del servizio quinquennale di assicurazione globale fabbricati relativamente agli immobili gestiti

Dettagli

CONDIZIONI PER L AFFIDAMENTO dell appalto dei servizi di

CONDIZIONI PER L AFFIDAMENTO dell appalto dei servizi di Allegato B) alla determinazione dirigenziale n. del CONDIZIONI PER L AFFIDAMENTO dell appalto dei servizi di Gestione Centro Diurno per anziani, Servizio di Assistenza Domiciliare e di Trasporto a favore

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

Azienda Regionale Veneto Agricoltura Viale dell Università, 14 35020 Legnaro (PD)

Azienda Regionale Veneto Agricoltura Viale dell Università, 14 35020 Legnaro (PD) DISCIPLINARE DI GARA Veneto Agricoltura, Azienda Regionale per il settori Agricolo Forestale ed Agroalimentare, in esecuzione della DAU n. 423 del 10.09.2009, indice procedura aperta, ai sensi dell art.

Dettagli

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. Allegato D COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. PERIODO 01/07/2015 30/06/2017. CIG: 61757348E CONVENZIONE

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia P.zza Municipio, 1 - CAP 255018 Montichiari (BS) Tel. 030/9656246 - Fax 030/9656351 e-mail: serviziallapersona@montitichiari.it http://www.comune.montichiari.bs.it

Dettagli

Amministrazione Aggiudicatrice Oggetto dell appalto : Esclusa Condizioni partecipazione

Amministrazione Aggiudicatrice Oggetto dell appalto : Esclusa Condizioni partecipazione DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER LE SCUOLE PRIMARIE DI PRIMO GRADO SITE NEL COMUNE DI BORZONASCA PER GLI ANNI SCOLASTICI 2010/2011, 2011/2012 E 2012/2013 Amministrazione

Dettagli

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COMUNE di FORMIA Provincia di Latina ALLEGATO AL BANDO DI GARA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA E TRASPORTO SCOLASTICO A FAVORE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE

Dettagli

Procedura negoziata per l appalto DEL SERVIZIO DI POTATURE DI ALBERI E ARBUSTI LUNGO LA STRADA COMUNALE DELLA SASSA.

Procedura negoziata per l appalto DEL SERVIZIO DI POTATURE DI ALBERI E ARBUSTI LUNGO LA STRADA COMUNALE DELLA SASSA. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 AREA TECNICA Ufficio Gare Urp e Suap Tel. 0588/31625 Fax 0588/31615 E.mail: utc@comune.montecatini.pi.it comune.montecatini.vdc@

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI VOUCHERS SOCIALI SU SUPPORTO ELETTRONICO

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI VOUCHERS SOCIALI SU SUPPORTO ELETTRONICO CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI VOUCHERS SOCIALI SU SUPPORTO ELETTRONICO ART.1 FINALITA Il Comune di Mantova intende affidare a Ditta specializzata il servizi di gestione

Dettagli

Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2. Articolo. 2 Requisiti... 3. Articolo. 3 Videoterminali 3. Articolo. 4 Esami clinici e biologici...

Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2. Articolo. 2 Requisiti... 3. Articolo. 3 Videoterminali 3. Articolo. 4 Esami clinici e biologici... Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2 Articolo. 2 Requisiti.... 3 Articolo. 3 Videoterminali 3 Articolo. 4 Esami clinici e biologici... 3 Articolo. 5 Rapporto con i lavoratori.... 3 Articolo. 6 Cause di

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Assessorato alla Solidarietà Sociale e Sanità Provincia di Bari Piazza Vittorio Emanuele II, 64 70054 - Giovinazzo Tel. / Fax 080 3945073 CAPITOLATO D ONERI PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Caratteristiche

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

Allegato 4 Capitolato Tecnico

Allegato 4 Capitolato Tecnico Progetto SICS (Sistema di Informazione e Comunicazione in Sanità) Regione Puglia Gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per il Progetto

Dettagli

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL.0823/445189 - FAX 0823/279581 AVVISO DI GARA CIG: LOTTO N. 1 CIG 5758272460 LOTTO N. 2 CIG 57582870C2 Questa ASL di Caserta indice procedura

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONTEMURLO. (Provincia di Prato) Repertorio n.

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONTEMURLO. (Provincia di Prato) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) Repertorio n. Contratto di appalto per i servizi di pulizia dei locali di competenza comunale. Importo contrattuale:, di cui 2.500,00, quali

Dettagli

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE Provincia di Udine AREA TECNICA AMMINISTRATIVA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA" CUP I51B07000100002 - CIG 01633608ED ---------------------------------------------- OGGETTO:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12 Dichiarazione dei Principi Oggetto del presente disciplinare è la gestione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) Allegato 5 SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) REPUBBLICA ITALIANA L anno DUEMILA il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Avanti a me, dott.,

Dettagli