ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI"

Transcript

1 INDICE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2555ALE DL 2555ALG COMUNICAZIONI DI BASE E ANALOGICHE TELECOMUNICAZIONI DI BASE DL 2153 FILTRI ATTIVI DL 2155FIL CIRCUITI PLL DL 2530 SINTETIZZATORI DI FREQUENZA DL 2531 SINTETIZZATORE DI FOURIER DL 2520 OSCILLATORI IN ALTA FREQUENZA DL 2155OSA OSCILLATORI SINUSOIDALI IN BASSA FREQUENZA DL 2155OSB OSCILLATORI AL QUARZO DL 2155OSX AMPLIFICATORE HI FI DL 2155ST MODULATORI DEMODULATORI AM DL 2500 MODULATORI DEMODULATORI FM DL 2501 MODULATORI DEMODULATORI SSB DL 2502 MULTIPLATORE DEMULTIPLATORE FDM DL 2550 TRASMETTITORE AM DL 2511 RICEVITORE AM SUPERETERODINA DL 2510A TRASMETTITORE FM DL 2513 RICEVITORE FM DL 2512A TRASMETTITORE SSB DL 2514 RICEVITORE SSB DL 2515 COMUNICAZIONI DIGITALI MODULAZIONE DELTA DL 2542 MODULATORE DEMODULATORE PWM PPM DL 2543 MODULAZIONE PCM DIFFERENZIALE DL 2545 MULTIPLATORE DEMULTIPLATORE PAM DL 2540 MULTIPLATORE DEMULTIPLATORE PCM DL 2541 TRASMISSIONE DATI IN BANDA BASE DL 2560A MODULO DI SUPPORTO DL 2560B MODULAZIONE ASK DL 2561 MODULAZIONE FSK DL 2562 MODULAZIONE PSK DL 2563 SISTEMI DI TRASMISSIONE LINEE DI TRASMISSIONE DL 2597 FIBRE OTTICHE DL 2570

2 DESCRIZIONE CODICE Telecomunicazioni di Base DL 2153 DL 2555ALE Filtri attivi DL 2155FIL DL 2555ALG Comunicazioni di Base e Analogiche DESCRIZIONE CODICE Ricevitore FM DL 2512A Trasmettitore SSB DL 2514 DL 2555ALE DL 2555ALG Circuiti PLL DL 2530 Ricevitore SSB DL 2515 Sintetizzatori di frequenza DL 2531 Modulazione Delta DL 2542 Comunicazioni di Base e Analogiche Sintetizzatore di Fourier DL 2520 Oscillatori in alta frequenza DL 2155OSA Oscillatori sinusoidali in bassa frequenza DL 2125OSB Oscillatori al quarzo DL 2155OSX Amplificatore HI FI DL 2155ST Modulatori Demodulatori AM DL 2500 Comunicazioni digitali Modulatore demodulatore PWM PPM DL 2543 Modulazione PCM differenziale DL 2545 Multiplatore demultiplatore PAM DL 2540 Multiplatore demultiplatore PCM DL 2541 Trasmissione dati in banda base DL 2560A Modulatori Demodulatori FM DL 2501 Modulo di supporto DL 2560B Modulatori Demodulatori SSB DL 2502 Modulazione ASK DL 2561 Multiplatore Demultiplatore FDM DL 2550 Trasmettitore AM DL 2511 Ricevitore AM supereterodina DL 2510A Trasmettitore FM DL 2513 Sistemi di trasmissione Modulazione FSK DL 2562 Modulazione PSK DL 2563 Linee di trasmissione DL 2597 Fibre otiche DL 2570 Alimentatori I moduli offrono le alimentazioni fisse stabilizzate necessarie per il funzionamento dei pannelli di sperimentazione. Alimentatore CC TENSIONE DI USCITA: ± 15 Vcc, 1 A Protezione contro i cortocircuiti. Alimentazione: monofase di rete. DL 2555ALE Alimentatore CC TENSIONE DI USCITA: ± 15 Vcc, 1 A ± 5 Vcc, 1 A Protezione contro i cortocircuiti. Alimentazione: monofase di rete DL 2555ALG

3 Comunicazioni di Base e Analogiche Telecomunicazioni di Base Caratteristiche Tecniche Il sistema è composto da: DL 2153A reti passive Il pannello comprende reti resistive a T e a π nonché filtri passivi Butterworth e Chebyschev del 3 ordine. Completo di convertitore logaritmico F/V. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma DL 2153B filtri attivi Il pannello comprende filtri attivi passa basso, passa alto e passa banda. Completo di generatore di impulsi ad alta frequenza, generatore di rumore e amplificatore a legge quadratica. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma DL 2153C modulatore/demodulatore FM Il pannello comprende un sistema di modulazione/demodulazione FM. Completo di amplificatore a bassa frequenza e di altoparlante. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 Ma DL 2153 reti passive a 4 terminali: rilevazione dei parametri Z filtri passivi caratteristiche di trasferimento filtri attivi di tipo LP, HP, BP trasmissione di segnali su mezzi trasmissivi a banda limitata: concetti di spettro, velocità di trasmissione, interferenza tra i simboli rumore nei sistemi per telecomunicazioni introduzione alla modulazione: modulazione di frequenza

4 Filtri attivi Il pannello permette lo studio e la verifica funzionale su filtri attivi realizzati con amplificatori operazionali. DL 2155FIL Analisi e caratterizzazione di: filtri passa alto e passa basso del primo e secondo ordine con approssimazione Butterworth, Bessel e Chebyschev filtri passa banda a reazione multipla filtri passa alto, passa basso, passa banda e rigetta banda a variabili di stato filtri notch a banda stretta a doppio Il pannello è suddiviso in cinque sezioni, in ognuna delle quali sono riportati più filtri dello stesso tipo. E' possibile studiare rispettivamente: filtri passa basso VCVS del primo e secondo ordine filtri passa alto VCVS del primo e secondo ordine filtri passa banda a reazioni multiple filtro universale a variabili di stato filtri elimina banda a doppio T Alimentazione: ± 15V, 750mA Circuiti PLL DL 2530 Il pannello contiene gli elementi circuitali necessari per realizzare sistemi ad anello chiuso con controllo di fase (PLL) adatti a diverse applicazioni nel campo delle telecomunicazioni. Frequenza di riferimento ad alta stabilità (quarzo): 1kHz Frequenza oscillatore controllato in tensione: 10MHz Alimentazione: +15 Vcc, 100 ma, 15 Vcc, 50 ma, +5 Vcc, 200mA funzioni e prestazioni dei blocchi costituenti il PLL applicazioni pratiche dei PLL: demodulazione di frequenza e sintesi di frequenza

5 Sintetizzatori di frequenza Il pannello permette lo studio funzionale e l'analisi dei blocchi costituenti un sintetizzatore digitale di frequenza. DL 2531 Il pannello comprende un generatore di riferimento a frequenza fissa ed uno variabile, oltre ad un circuito di commutazione ciclica fra i due, utile per lo studio della risposta dinamica del sistema. La frequenza di lavoro del sintetizzatore è compresa fra 10 e 250 khz circa. Alimentazione: +15Vcc, 50mA oscillatore controllato in tensione comparatore di fase e filtro d'anello contatore divisore programmabile risposte transitorie del sistema Sintetizzatore di Fourier Il pannello permette di costruire con precisione e studiare forme d'onda periodiche come somma di armoniche di una fondamentale. DL 2520 onda quadra onda triangolare e a denti di sega forme d'onda sinusoidale raddrizzata a semionda e ad onda intera, ecc. Il pannello consiste in una serie di 9 oscillatori sinusoidali a frequenze fo, 2fo, 3fo,...9fo, aventi una precisa relazione di fase rispetto a un riferimento comune e separatamente regolabili in ampiezza. I segnali dei 9 generatori sono, quindi, utilizzabili come segnale fondamentale e come prime 8 armoniche di una forma d'onda esprimibile matematicamente con una serie di Fourier. La frequenza della fondamentale è fissata a circa 1 khz. L'ampiezza di ciascuna armonica è regolabile con continuità fra due fondo scala: 1 Vpp e 10 Vpp. La fase di ciascun termine è prefissabile con microinterruttori per rappresentare termini di tipo seno, coseno, seno, coseno. Un amplificatore provvede a sommare i contributi della fondamentale e delle armoniche, fornendo in uscita la forma d'onda sintetizzata. Alimentazione: +15 Vcc, 100 ma, 15 Vcc, 30 ma, +5 Vcc, 100mA

6 Oscillatori in alta frequenza Il pannello permette lo studio e la successiva verifica sperimentale delle più comuni configurazioni circuitali per oscillatori sinusoidali ad alta frequenza. Il pannello comprende gli oscillatori Colpitts, Hartley e Meissner realizzati a componenti discreti che sono normalmente utilizzati come generatori di segnali a radiofrequenza, ossia per frequenze comprese fra 100 khz e 1 GHz. DL 2155OSA Funzionamento di oscillatori sinusoidali tipo Hartley, Colpitts, Meissner Rilievo dei parametri tipici quali frequenza di oscillazione e corrente di innesco Le tre configurazioni analizzate potrebbero funzionare anche al di fuori dei limiti precedenti, ma il loro impiego è limitato dalle dimensioni e dai valori dei componenti reattivi che si dovrebbero utilizzare come elementi risonanti. Alimentazione: +15 Vcc, 100 ma Oscillatori sinusoidali in bassa frequenza DL 2155OSB Il pannello permette di effettuare verifiche funzionali sui più diffusi oscillatori sinusoidali in bassa frequenza. Vengono trattati gli oscillatori a sfasamento RC a transistor e quelli a ponte di Wien nelle due versioni a transistor e con amplificatore operazionale. Viene analizzata pure la possibilità di regolare, nella versione a ponte di Wien, l'ampiezza e la frequenza dell'oscillazione sinusoidale. Alimentazione: ±15 Vcc, 750mA funzionamento di un oscillatore a sfasamento RC a transistor funzionamento di un oscillatore a ponte di Wien a transistor e con amplificatore operazionale oscillatore a ponte di Wien con rete di stabilizzazione a FET oscillatore a ponte di Wien con regolazione dell'ampiezza e della frequenza di oscillazione

7 Oscillatori al quarzo DL 2155OSX oscillatore quarzato ad onda quadra e sinusoidale a transistor oscillatore quarzato a CMOS con amplificatore non invertente oscillatore tipo PIERCE quarzato a CMOS misure su base dei tempi quarzata L'esigenza di disporre di oscillatori precisi in valore e stabili nel tempo e al variare della temperatura si riscontra nelle applicazioni più disparate: strumentazione, realizzazioni militari, industriali e consumer. Per soddisfare queste richieste vengono normalmente utilizzati gli oscillatori al quarzo. Realizzazione sia di oscillatori sinusoidali che di oscillatori a onda quadra. Alimentazione: +15Vcc e +5Vcc, 100mA Amplificatore HI FI Questo pannello consiste in un amplificatore ad alta fedeltà di concezione aggiornata che permette lo studio del funzionamento del circuito oltre che l'esecuzione di misure dei tipici parametri di qualità dei sistemi audio. DL 2155ST amplificatore stereo rilievo della risposta in frequenza dei vari stadi misura delle impedenze di ingresso e di uscita dell'amplificatore di potenza rilevazione delle caratteristiche di equalizzazione per i vari ingressi misura della distorsione armonica ricerca dei guasti La struttura del sistema comprende uno stadio pre amplificatore equalizzatore d'ingresso, lo stadio di controllo dei toni, uno stadio amplificatore driver e lo stadio di potenza. Lo stesso pannello include due altoparlanti di piccole dimensioni escludibili per l'uso con casse acustiche esterne che permettono di utilizzare l'apparecchio a piena potenza. Il pannello include un sistema di simulazione di guasti per mezzo di 8 microinterruttori accessibili dal retro del pannello e protetti da uno sportello dotato di chiusura a chiave. Ingressi: da trasduttori piezoelettrici, magnetici, sintonizzatori FM. Risposta in frequenza: da 10 Hz a 25 khz circa. Potenza di uscita: 10 W su un carico di 4 Ω. Alimentazione: ± 15 Vcc, 2 A. Protezione contro sovraccarichi termici e corti circuiti in uscita agli stadi di potenza

8 Modulatori Demodulatori AM DL 2500 modulatore AM elementare modulatore a transistor modulatore DSB a diodi demodulatore a semionda demodulatore a onda intera Il pannello permette lo studio sperimentale delle tecniche di modulazione e demodulazione AM e la familiarizzazione dell'allievo con diverse configurazioni circuitali di modulatori / demodulatori comunemente incontrate in pratica. Il pannello é completo di generatore di frequenza portante, variabile in ampiezza e frequenza, e di generatore di tono di prova, variabile in ampiezza. La frequenza di lavoro dei circuiti del pannello é compresa fra i 500 e i 1500 khz. Alimentazione: + 15V, 300 ma Le caratteristiche costruttive del pannello e i modesti livelli di potenza in gioco ne permettono l'uso entro i limiti delle norme correnti per quanto riguarda l'irradiazione indebita. Modulatori Demodulatori FM DL 2501 modulatore FM a Varicap modulatore PM spettro di segnali modulati in frequenza e fase banda con il metodo degli zeri della funzione di Bessel demodulazione del segnale FM discriminatore Foster Seeley comportamento della FM nei riguardi del rumore Il pannello permette lo studio sperimentale delle tecniche di modulazione e demodulazione AM e la familiarizzazione dell'allievo con diverse configurazioni circuitali di modulatori / demodulatori comunemente incontrate in pratica. Il pannello é completo di generatore di frequenza portante, variabile in ampiezza e frequenza, e di generatore di tono di prova, variabile in ampiezza. La frequenza di lavoro dei circuiti del pannello é compresa fra i 500 e i 1500 khz. Alimentazione: + 15V, 300 ma. Le caratteristiche costruttive del pannello e i modesti livelli di potenza in gioco ne permettono l'uso entro i limiti delle norme correnti per quanto riguarda l'irradiazione indebita.

9 Modulatori Demodulatori SSB DL 2502 generazione di segnali modulati SSB mediante modulazione a doppia banda laterale e filtraggio; studio della banda filtro SSB: requisiti e misura delle prestazioni demodulazione DSB e SSB; problematiche legate alla generazione della portante di demodulazione Il pannello permette lo studio sperimentale delle tecniche fondamentali di generazione di segnali modulati a banda laterale unica, del loro trattamento e della ricostruzione del contenuto informativo. Il pannello comprende: il modulatore DSB, il filtro SSB, il demodulatore DSB SSB additivo, il filtro passa basso, un generatore a frequenza costante ed uno a frequenza variabile per le portanti ed un generatore di tono di prova. Frequenza nominale della portante: 470 khz. Alimentazione: ± 15Vcc, 300 ma Multiplatore Demultiplatore FDM Il pannello realizza un sistema completo multiplatore/demultiplatore a divisione di frequenza per due canali fonici. DL 2550 Processo di conversione e multiplazione a divisione di frequenza Caratteristiche e prestazioni dei modulatori di canale e dei filtri processo di demultiplazione FDM e demodulazione problematiche connesse con filtri e precisione delle portanti utilizzate per la demodulazione prestazioni dei sistemi FDM: disturbi sui canali adiacenti, diafonia trasmissione di segnali FDM in presenza di rumore e attenuazione I segnali fonici ( Hz) dei due canali vengono traslati in frequenza per mezzo di modulatori operanti con generatori di portanti inclusi nel pannello. Il segnale composito viene trasmesso da un driver di linea preceduto dai filtri di canale. Il ricevitore, incluso sullo stesso pannello, separa le bande afferenti ai due canali e demodula i segnali relativi, restituendo in banda fonica i segnali originali. Il sistema è completo di controllo automatico di guadagno in ricezione, basato sul controllo di livello di un tono pilota a 64 khz inserito in trasmissione. Il pannello comprende anche tre generatori di toni di prova, un simulatore di mezzo trasmissivo con attenuatore e generatore di rumore artificiale regolabili. Capacità: 2 canali con banda fonica. Generatori di tono: sinusoidali a 500, 1000, 2000 Hz. Tono pilota: 64 khz. Alimentazione: + 15 Vcc, 300 ma e 15 Vcc, 50 ma

10 Trasmettitore AM DL 2511 prestazioni dei vari stadi allineamento del trasmettitore ricerca guasti Il pannello consiste in un semplice, ma completo trasmettitore AM, operante nella gamma delle Onde Medie e, quindi, in grado di funzionare insieme al ricevitore DL 2510A per realizzare un sistema completo di comunicazione. Il pannello consente di verificare gli aspetti applicativi della trasmissione AM, di analizzare e di rilevare le prestazioni di circuiti come il generatore di portante, il moltiplicatore armonico di frequenze, il modulatore, lo stadio RF e di antenna. Il pannello include dispositivi ausiliari quali: carico fittizio, circuito di misura della potenza RF in uscita, generatore di tono sinusoidale di prova. Un sistema a microinterruttori, coperti da uno sportello, consente di inserire guasti nel circuito del trasmettitore. Frequenza del trasmettitore: 1410 khz circa Generatore di tono di prova: 600 Hz circa Ampiezza regolabile: da 0 a 8 Vpp Impedenza d'uscita: 300 Ω nominali Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma Le caratteristiche costruttive del pannello e i modesti livelli di potenza in gioco ne permettono l'uso entro i limiti delle norme correnti per quanto riguarda l irradiazione indebita. Ricevitore AM supereterodina DL 2510A circuito d'antenna convertitore autodina amplificatore a frequenza intermedia rivelatore e AGC interferenza immagine amplificatore audio e altoparlante allineamento del ricevitore Il pannello consiste in un ricevitore AM di concezione moderna, funzionante nella gamma delle onde medie e lunghe, realizzato in modo che i vari blocchi funzionali costituenti possono essere separati e analizzati singolarmente. Il ricevitore è del tipo supereterodina e comprende: il circuito d'antenna, il convertitore di frequenza, due amplificatori a frequenza intermedia, il rivelatore a diodo con controllo automatico del guadagno. Completo di amplificatore audio integrato e altoparlante. Gamme di frequenza: OM, da 525 a 1610 khz, OL, da 148 a 284 khz Frequenza intermedia: 468 khz Potenza d'uscita: 1 W su 8 Ω Alimentazione: + 15 Vcc, 300 ma

11 Trasmettitore FM DL 2513 caratteristiche degli amplificatori BF, risposta, pre enfasi generazione del tono pilota stereo e della portante a 38 khz, costruzione del segnale multiplo stereo utilizzazione di un sistema PLL per la generazione della frequenza portante modulatore, amplificatore RF, amplificatore d'uscita Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo di: amplificatori audio, codificatore stereo, oscillatore locale a PLL controllato al quarzo e stadi RF e d'uscita. Frequenza di lavoro del trasmettitore: compresa nella banda MHz. Potenza RF in uscita: limitata a circa 100 mw per non interferire con le trasmissioni pubbliche. Alimentazione: + 15 Vcc, 300 ma Ricevitore FM DL 2512A stadio d'ingresso rivelatore circuiti AFC e muting demodulatore stereo amplificatore audio e altoparlante ricerca guasti Il pannello consiste in un ricevitore FM stereo di concezione moderna, funzionante nella gamma delle onde VHF ed è realizzato con circuiti integrati dedicati. Il ricevitore del tipo supereterodina comprende: il circuito d'antenna con sintonia a vari cap, il convertitore di frequenza, l'amplificatore a frequenza intermedia, il rivelatore in quadratura con controllo automatico di frequenza. Completo di decodificatore stereo a PLL, due amplificatori audio e due altoparlanti. Un sistema a microinterruttori, celati da uno sportello, consente di inserire 8 guasti nei circuiti del ricevitore. Gamma di frequenza: da 88 a 108 MHz Frequenza intermedia: 10,7 MHz Oscillatore: 76 khz (VCO) Potenza d'uscita: 2 x 1 W su 8 Ω Alimentazione: + 15 Vcc, 500 ma

12 Trasmettitore SSB DL 2514 oscillatore locale, modulatore, filtro SSB convertitore, amplificatore RF, amplificatore di potenza rilevazione delle prestazioni e allineamento di tutti gli stadi costituenti il trasmettitore realizzazione e studio, con il DL 2515, di un sistema di comunicazione completo Il pannello realizza, insieme al DL 2515 (ricevitore SSB), un sistema di comunicazione completo, operante a una frequenza di circa 1,4 MHz. Il pannello comprende l'amplificatore audio, il modulatore con oscillatore locale a circa 455 khz, il filtro SSB con amplificatore a frequenza intermedia, il convertitore a radio frequenza con oscillatore a 1 MHz e lo stadio d'antenna. Completo di generatore di tono di prova e di carico fittizio. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma Ricevitore SSB DL 2515 prestazioni degli oscillatori locali (LFO) e di battimento (BFO) per la demodulazione prestazioni dell'amplificatore RF, dello stadio IF, del demodulatore, dell'amplificatore audio allineamento del ricevitore realizzazione e studio, con il DL 2514, di un sistema di comunicazione completo Il pannello realizza, insieme al DL 2514 (trasmettitore SSB), un sistema di comunicazione completo, operante a una frequenza di circa 1,4 MHz. Il pannello comprende il circuito d'antenna a sintonia fissa e l'amplificatore a radiofrequenza, il convertitore con oscillatore locale a 1 MHz, l'amplificatore a frequenza intermedia ed il demodulatore SSB con l'oscillatore di battimento, l'amplificatore audio e l'altoparlante. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma

13 COMUNICAZIONI DIGITALI Modulazione Delta DL 2542 processo di modulazione e demodulazione delta relazione tra frequenza di campionamento e qualità di trasmissione fenomeno del "sovraccarico di pendenza" e metodi di correzione errore di quantizzazione, modulazione delta adattativa Il pannello permette l'analisi e lo studio della modulazione DELTA che, come è noto, è una discendenza recente e promettente della modulazione PCM a codificazione numerica.. Il pannello comprende gli elementi necessari per mostrare come nel modulatore avviene il processo di campionamento, il confronto di ciascun campione col precedente e la codifica a 1 bit della differenza. Nella sezione ricevente il segnale viene decodificato e restituito nella forma originaria. Il modulatore e il demodulatore sono configurabili per sperimentare schemi di quantizzazione con controllo manuale o automatico auto adattativo. Il pannello comprende, inoltre, circuiti ausiliari per l'esecuzione agevole delle esercitazioni: generatori di tono di prova, generatore di rumore, generatore di frequenza di campionamento. Banda trasmessa: da 340 a 3400 Hz. Generatori di tono sinusoidale e onda quadra: regolabili da 0 a 5 Vpp Frequenza di campionamento: variabile in modo continuo nell'intorno di 32 khz Variazione manuale o automatica dell'ampiezza del gradino d'integrazione. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma Modulatore demodulatore PWM PPM DL 2543 processo di modulazione e di demodulazione PWM e PPM prestazioni dei sistemi PWM e PPM nei riguardi della qualità di trasmissione in presenza di disturbi, attenuazione, rumore relazione tra banda del segnale trasmesso e frequenza di campionamento; considerazioni sulla banda occupata dal segnale modulato Il pannello consiste in una catena completa Modulatore / Trasmettitore / Ricevitore / Demodulatore programmabile per operare con modulazione di larghezza ad impulsi oppure di posizione ad impulsi. Il pannello comprende il generatore di segnali e temporizzazioni ed un generatore di tono di prova, così che è possibile eseguire esercitazioni anche complesse con un minimo di attrezzature esterne. Frequenza di campionamento variabile con continuità nell'intorno di 8 khz. Banda del segnale analogico in ingresso: da 340 a 3400 Hz. Alimentazione: ± 15 Vcc, 100 ma

14 Modulazione PCM differenziale DL 2545 sistema DPCM; approfondimento dei requisiti di prestazioni di ciascun blocco prestazioni e limiti della modulazione DPCM nei riguardi della banda trasmessa, del rumore di quantizzazione e degli errori di trasmissione confronti fra sistemi DPCM e altri sistemi di modulazione impulsiva Il pannello comprende la sezione trasmittente e quella ricevente di un sistema DPCM semplificato, ma completo. Nel trasmettitore ha luogo il processo di campionamento del segnale fonico, di confronto di ogni campione con il precedente, di codifica numerica del segnale differenza e trasmissione seriale. Nel ricevitore ha luogo il processo opposto di decodifica numerica analogica del segnale ricevuto e ricostruzione del segnale fonico. Capacità: una via fonica con banda nominale Hz. Frequenza di campionamento nominale: variabile in modo continuo nell'intorno di 8 khz. Formato dati numerici: 8 bits a livello TTL. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma Multiplatore demultiplatore PAM DL 2540 modulazione impulsiva di segnali analogici; relazione fra frequenza di campionamento e banda di trasmissione teorema del campionamento multiplazione temporale e trasmissione di segnali TDM; codificazione dei segnali di sincronismo nel segnale multiplo problematiche di sincronizzazione dei ricevitori; demultiplazione e decodifica PAM influenza delle caratteristiche di mezzi trasmissivi imperfetti sulla qualità di trasmissione Il pannello costituisce un sistema completo di trasmissione e ricezione multiplex a divisione di tempo, in tecnica PAM, dei segnali di quattro canali fonici. La sezione trasmittente del pannello comprende i generatori di sincronismi, gli amplificatori di canale, il modulatore/multiplatore PAM e l'amplificatore di linea. Il ricevitore comprende l'amplificatore/ricevitore di linea, la logica di estrazione e riconoscimento dei sincronismi, il demultiplatore e il demodulatore PAM e gli amplificatori/filtri d'uscita di canale. Il sistema è provvisto, inoltre, di 4 generatori di toni di prova in banda fonica, di un simulatore di linea di trasmissione ad attenuazione variabile e di un generatore variabile di rumore artificiale. Capacità del sistema: 4 canali fonici ( Hz). Frequenza di campionamento: selezionabile tra i valori di circa 8 khz (valore normale) e 4 khz. Generatori di toni sinusoidali ( Hz) con ampiezza regolabile separatamente. E' assicurata la relazione reciproca di fase dei segnali dei quattro generatori. Alimentazione: + 15 Vcc, 80 ma

15 Multiplatore demultiplatore PCM DL 2541 Il sistema è realizzato su due pannelli costituenti, rispettivamente, la sezione trasmittente e la sezione ricevente per la multiplazione a divisione di tempo in tecnica PCM. Il sistema è composto da: DL 2541A DL 2541A multiplatore trasmettitore PCM Il pannello comprende 4 canali fonici con amplificatore d'ingresso e convertitori A/D le cui uscite vengono lette in sequenza ed inviate ad un convertitore parallelo seriale. Completo di 4 generatori di toni sinusoidali ( ) con livelli regolabili, 2 segnali TTL, tensioni di riferimento e simulatore di linea di trasmissione con attenuatore e generatore di rumore. Velocità di campionamento: 8 khz nominali. E' disponibile un'altra velocità bassissima (64 Hz) per scopi particolari di studio. Velocità di trasmissione: 307 kbit/s. Formato dati trasmessi: livelli TTL. DL 2541B ricevitore demultiplatore PCM Il pannello comprende un ricevitore di linea con estrattore dei segnali di sincronismo, il convertitore seriale parallelo, il convertitore D/A e il demultiplexer analogico a divisione di tempo. Completo di amplificatori di uscita con filtro passa basso. DL 2541B Alimentazione: ± 15 Vcc, + 5 Vcc, 100 ma codificazione numerica di segnali analogici multiplazione a divisione di tempo costruzione della trama PCM codificazione dei segnali di sincronismo e allineamento ricezione di segnali numerici estrazione e riconoscimento dei sincronismi di bit e di trama decodificazione numerica/analogica demultiplazione temporale prestazione di sistemi TDM PCM: errore e rumore di quantizzazione, limitazione di banda, influenza della velocità di campionamento sulla qualità comportamento di sistemi di trasmissione numerici in presenza di attenuazione e rumore

16 Trasmissione dati in banda base Il pannello permette lo studio delle tecniche di trasmissione in banda base con diversi tipi di codifica: RZ (Return to Zero), NRZ (Not Return to Zero), Manchester, Biphase e Duo binary. Il pannello comprende un generatore di segnali casuali in banda base con velocità e composizione variabile e un generatore di portanti sinusoidali. DL 2560A Alimentazione: ±15Vcc elementi costituenti il sistema di trasmissione BB sperimentazione con diversi codici di linea andamento del tasso d'errore al variare della velocità di trasmissione e delle caratteristiche di attenuazione e rumore del mezzo trasmissivo Modulo di supporto Contiene: DL 2560B clock e carrier generator ottenuti da un'unica sorgente al quarzo a 2,4576 MHz con frequenza di clock selezionabile tra 2400, 4800, 9600, e Hz. Pseudo random data generator che genera due sequenze casuali di 1 e 0 di diversa lunghezza, 15 bit e 255 bit misuratore di BER generatore di rumore artificiale a livello regolabile che genera un segnale a spettro quasi bianco nella banda 2 40 khz jitter meter

17 Modulazione ASK DL 2561 architettura di sistemi ASK processo di modulazione/demodulazione ASK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti Il pannello consiste in una sezione modulatrice e in una sezione demodulatrice tipo ASK (Amplitude Shift Keying) intercollegabili per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore a interruttore statico a CMOS con buffer d'uscita e demodulatore. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma. Modulazione FSK Il pannello consiste in una sezione modulatrice e in una sezione demodulatrice tipo FSK (Frequency Shift Keying) inter collegabili per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore FSK e demodulatore PLL. DL 2562 Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma architettura di sistemi FSK processo di modulazione/demodulazione FSK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti

18 Modulazione PSK DL 2563 architettura di sistemi PSK processo di modulazione/demodulazione PSK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti Il pannello è composto da sezioni PSK di modulazione e demodulazione che possono essere interconnesse per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore a invertitore di fase e demodulatore PLL a frequenza regolabile seguito da filtro passa basso e squadratore. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma e + 5 Vcc, 200 ma

19 Sistemi di trasmissione Linee di trasmissione DL 2597 Il trainer è stato progettato per guidare l'allievo alla comprensione e alla sperimentazione dei principi fisici di propagazione dei segnali elettrici su linee di trasmissione e come introduzione all'applicazione delle linee quali elemento fondamentale nei sistemi di comunicazione. Il trainer consiste in un modulo con 100 metri di cavo coassiale a prese intermedie, ogni 25 metri, e con resistori variabili di terminazione determinazione dei parametri caratteristici della linea misura dell'attenuazione caratteristiche di frequenza della linea impedenza d'ingresso della linea onde stazionarie sfasamento del segnale lungo la linea localizzazione guasti lungo la linea linea in regime impulsivo Fibre ottiche DL 2570 architettura dei sistemi a fibre ottiche codificazione NRZ, BIFASE, MANCHESTER trasmettitore e ricevitore ottici velocità di trasmissione Il pannello consiste in un sistema di trasmissione su fibra ottica configurabile per sperimentare sia la trasmissione digitale che analogica dei segnali. Il pannello comprende: trasmettitore digitale con ingresso TTL, ricevitore digitale con rigeneratore dati, trasmettitore analogico con variazione continua del punto di lavoro del diodo emettitore, ricevitore analogico a guadagno variabile, dispositivi ausiliari (generatore di clock a frequenza variabile con continuità, generatore di sequenza pseudo casuale di bit, con codificazione di linea TTL unipolare/nrz/bifase/manchester), frequenza segnale interno di prova: khz, fibra plastica multimodale con connettori a innesto rapido (sono fornite due fibre di lunghezza 50 cm e 5 m rispettivamente), trasmettitore e ricevitore ottico: 880 nm, 50 MHz Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma.

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 Giancarlo Moda, I7SWX & Nicola Milillo, IZ7ANL Carissimi amici, non so se l esempio d ingresso e in linea con la storiella che intendo

Dettagli

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows PicoScope 9200A Oscilloscopi a campionamento per PC Windows Oscilloscopi a campionamento completi per PC Caratterizzazione del segnale Verifica di pre-conformità TDR e TDT elettriche Verifica pass/fail

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio Appunti di Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico Fiandrino Claudio 8 luglio 2009 1 Indice 1 Incertezze 4 1.1 Nozioni di metrologia....................... 4 1.2 Tipi di incertezze.........................

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione sensori di livello Introduzione Misura di livello: determinare la posizione, rispetto ad un piano di riferimento, dell interfaccia tra due fluidi separati per azione della forza di gravità Usata nei sistemi

Dettagli

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved.

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved. ADC-20/ADC-24 Registratori di dati ad alta risoluzione Manuale d'uso I Indice Indice 1 Introduzione...1...1 1 Panoramica 2 Informazioni...2...2 1 Avviso sulla sicurezza...3 2 Informazioni leg ali...3 3

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Elettrica AZIONAMENTI ELETTRICI ANALISI E SIMULAZIONE DI UN CONVERTITORE A TRE LIVELLI PER

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Sistemi di controllo (ad anello chiuso)

Sistemi di controllo (ad anello chiuso) SISTMI DI CONTOLLO...2 Nodo di confronto...2 Blocco di retroazione...2 Sistema (vero e proprio)...2 Funzione di trasferimento del sistema ad anello chiuso...3 Funzione di trasferimento del sistema ad anello

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI facoltà di INGEGNERIA CORSO di LAUREA in INGEGNERIA ELETTRONICA RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI Coordinatore: prof. Galli Giovanni Buttò Santina Calbo Giovanni Di Benedetto Luigi Mancuso Antonino

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

HA-2. Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE

HA-2. Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE HA-2 Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE Informazioni importanti Il punto esclamativo all interno di un triangolo equilatero ha lo scopo di avvisare l utente della presenza di istruzioni

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA

SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA Giancarlo Moda I7SWX + SWL I1-10089 i7swx@yahoo.com A.R.I. Sezione Cassano delle Murge IQ7MU Tra i radioamatori, oltre ai pigia bottoni, ai superoperatori,

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli