Centro di Economia e Ricerca Applicata Via Cavour Alessandria. I Costi dell Assistenza Socio-sanitaria agli Anziani Non Autosufficienti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro di Economia e Ricerca Applicata Via Cavour 84 15100 Alessandria. I Costi dell Assistenza Socio-sanitaria agli Anziani Non Autosufficienti"

Transcript

1 C.e.rc.a Centro di Economia e Ricerca Applicata Via Cavour Alessandria I Costi dell Assistenza Socio-sanitaria agli Anziani Non Autosufficienti nel Distretto 3 dell A.S.L. 5 Marzo 2006

2 Gli autori di questo rapporto sono: Carmelo Termine (cap. 1, 2 (escluso par. 2.3) e 3), Matteo Rizzo (par. 2.3 e congiuntamente a Carmelo Termine par.3.2), Roberto Zanola (cap. 4). Rocco Ballacchino che ha curato l editing del rapporto. Progetto finanziato dalla Regione Piemonte attraverso il Fondo per la Ricerca Finalizzata (coordinatore del progetto: Roberto Zanola, e- 2

3 INTRODUZIONE...5 IL RAPPORTO EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E INVECCHIAMENTO UNA POPOLAZIONE CHE INVECCHIA STATO DI SALUTE E INVECCHIAMENTO L ASSISTENZA CONTINUATIVA AGLI ANZIANI...14 Tabella 1.1. Proiezione demografica della popolazione anziana in Europa...16 Tabella 1.2. Percentuale di popolazione 65+ anni e 80+ anni per sesso e per Regione (Anno 2001)...17 Tabella 1.3. Popolazione di 65+ anni per condizione di salute (Anno 2002)...18 Tabella 1.4. Popolazione di 65+ anni: malattie croniche e consumo di farmaci (Anno 2002) ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENZA VERSO UNA DEFINIZIONE DI DISABILITÀ LA CONDIZIONE DI NON AUTO SUFFICIENZA IN ITALIA L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN PIEMONTE I servizi domiciliari I servizi semiresidenziali I servizi residenziali...26 Tabella 2.1. Percentuale disabili per età e per attività ADL (Anno 1999)...29 Tabella 2.2. Anziani non autosufficienti in Italia (Anno 2004)...30 Tabella 2.3. Proiezione demografica degli anziani non autosufficienti in Italia...31 Tabella 2.4 Proiezioni demografiche non autosufficienti per sesso IL DISTRETTO 3 DELL A.S.L IL DISTRETTO I SERVIZI SOCIO-SANITARI DEL DISTRETTO Tabella 3.1. La popolazione del Distretto Tabella 3.2. I Servizi residenziali nel Distretto Tabella 3.3. Altri servizi socio-assistenziali nel Distretto Tabella 3.4. Costi sostenuti dal C.I.di.S. periodo LA SIMULAZIONE DEI COSTI SOCIO-SANITARI

4 4.1. PROIEZIONE STATISTICA DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI I COSTI SOCIO-SANITARI DELL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI GLI SCENARI Anziani con disabilità in 2 o più ADL Crescita PIL e inflazione Tabella 4.1. Tassi simulati di incidenza della non autosufficienza in Italia Tabella 4.2. Numero stimato di disabili nelle ADL presenti nel Distretto 3 (Anno 2003) 50 Tabella 4.3. Evoluzione attesa del numero di disabili nel Distretto Tabella 4.4. I costi socio-sanitari degli anziani non autosufficienti Tabella 4.5. Stima del costo socio-assistenziale degli anziani non autosufficienti nel Distretto 3 (2003=100) Tabella 4.6. Scenario 1: non autosufficienti con 2 o più ADL (2003=100) Tabella 4.7. Scenario 2: crescita PIL (+2,0%) e inflazione (+1,5%) (2003=100) Tabella 4.8. Scenario 2: crescita PIL (+1,5%) e inflazione (+2,0%) (2003=100) CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

5 INTRODUZIONE Da tempo l invecchiamento della popolazione è oggetto di attenzione. Infatti, due fattori sembrano concorrere a tale attenzione: (i) la consapevolezza della rapidità dei mutamenti demografici, particolarmente accentuati nel nostro Paese; (ii) la presunzione di forti modifiche nei bisogni medi della popolazione provocati dall invecchiamento (Donia Sofio e Spandonaro, 2003). L invecchiamento della popolazione è un fenomeno inevitabile, in considerazione dell andamento demografico e dell innalzamento dell età media. Nel nostro Paese, in base alle previsioni dell Istat, la quota di popolazione con più di 65 anni passerà dall attuale 16,8 per cento al 20,4 per cento del 2010, al 27,1 per cento del Per effetto di queste dinamiche nel 2030 sono previste 307 persone con più di 65 anni per ogni 100 ragazzi al di sotto dei 15 anni di età. L allungamento medio della vita presenta due ordini di rischi. Il primo consiste nel non avere i mezzi economici sufficienti a soddisfare bisogni vitali per un periodo di tempo più lungo che in passato. Tuttavia, è utile ricordarlo, la letteratura economica non è pervenuta a un risultato univoco circa l esistenza di una correlazione positiva tra livelli di spesa e frequenza di anziani. Infatti, se da una parte esiste una ricca produzione scientifica che conferma l incidenza positiva sui costi sanitari prodotti da una popolazione che invecchia (Karatzas, 2000; Salas e Raftery, 2001), dall altra alcuni autori hanno evidenziato come sia il reddito e non l invecchiamento la variabile che maggiormente influenza la domanda (Materia, 1999; Deaton, 2001). Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che ceteris paribus l impatto sulla spesa sanitaria di un aumento di frequenza delle classi anagraficamente più anziane risulta trascurabile, essendo i picchi di spesa concentrati prevalentemente negli ultimi mesi di vita dell individuo (Dirindin, 1994; Zweifel et al., 1999; Cutler e Meara, 1998, 1999; Cutler e Sheiner, 1999; Chernichovsky e Markowitz, 2004; Seshamani e Gray, 2004). Il secondo rischio è connesso al progressivo decadimento fisico e/o mentale che rappresenta un fenomeno diffuso della condizione di non autosufficienza. Secondo i dati dell Istat in Italia gli anziani con problemi di autosufficienza sono pari a poco più di 2 milioni, con un incidenza del 10 per cento per la popolazione nella classe di età anni; del 20 per cento nella classe anni e del 50 per cento circa nella la popolazione sopra gli 80 anni. Per il futuro, le proiezioni non sembrano indicare un peggioramento di tali percentuali e anzi, grazie ai progressi della medicina e delle tecnologie di assistenza, gli scenari più realistici ipotizzano una stabilizzazione, se non addirittura una diminuzione, dei tassi di non autosufficienza. Tuttavia, l aumento della popolazione anziana farà pur sempre aumentare sensibilmente il numero dei non autosufficienti, creando per conseguenza un problema sociale alla cui soluzione andranno dedicate risorse adeguate. Naturalmente esiste una relazione tra i due tipi di rischio che però è bene tenere concettualmente distinti. Il primo rischio viene gestito dai sistemi previdenziali, il secondo, in parte coperto dal sistema sanitario, 5

6 richiede strumenti nuovi per evitare che le conseguenze del decadimento fisico determinino una sensibile contrazione del livello minimo di assistenza sanitaria ai cittadini. Infatti, le importanti modificazioni economiche e sociali in corso evidenziano come la tradizionale rete familiare di sostegno alle persone non autosufficienti tenda e venire meno determinando una crescente quota di assistenza, sia sanitaria che economica, che deve essere erogata da strutture formali. Da qui la necessità di attivare risposte capaci di dare garanzie adeguate. In particolare dal lato dell offerta sembra utile garantire un estesa varietà di risposte pubbliche e private, residenziali e domiciliari entro cui la persona dovrebbe avere la libertà di scelta. Dal lato del finanziamento, invece, le possibili soluzioni che si delineano sono riconducibili a tre fattispecie essenziali: (i) uno schema di puro mercato, in cui gli individui si tutelano accumulando risparmio volontario e stipulando polizze assicurative; (ii) uno schema pubblico puro, in cui il finanziamento deriva sostanzialmente da fondi pubblici; (iii) una forma mista, in cui la tutela assicurativa è sostenuta dal settore pubblico attraverso significative agevolazioni fiscali, oltre all assunzione diretta da parte del pubblico nel caso di insufficiente capacità di acquisto del singolo. Tuttavia, in questo contesto appare preliminare (e necessaria) a qualsiasi azione la conoscenza del fabbisogno finanziario dell assistenza ai non autosufficienti che implica sia la stima delle persone classificabili come non autosufficienti e la stima del costo medio dell assistenza, considerando entrambi i valori nella loro consistenza attuale e nella loro evoluzione. 6

7 IL RAPPORTO La ricerca è stata finalizzata alla produzione di un rapporto strutturato in due parti distinte. La prima parte di natura generale è organizzata in due capitoli: evoluzione demografica e invecchiamento; anziani e non autosufficienza. Nel primo capitolo si procede ad una descrizione del processo di invecchiamento che caratterizza le popolazioni dei paesi avanzati attraverso l uso di dati quantitativi. Questi valori vengono quindi messi in relazione con lo stato di salute della popolazione anziana. Infine, sono analizzate le conseguenze economiche del problema dell assistenza continuativa agli anziani. Il secondo capitolo affronta in modo più specifico la non autosufficienza. Infatti, dopo aver fornito una definizione puntuale di disabilità, vengono illustrati i dati relativi alla condizione di non autosufficienza in Italia. Chiude il capitolo una presentazione dei servizi anche attraverso la descrizione di quelli forniti agli anziani non autosufficienti in Piemonte. La seconda parte del rapporto, strutturata in due capitoli, analizza in modo specifico il Distretto 3 dell A.S.L.5 e presenta i dati relativi alla simulazione dei costi socio-sanitari relativi allo specifico distretto. Nel terzo capitolo, dopo aver illustrato le caratteristiche territoriali e demografiche del distretto, vengono elencati i servizi socio-sanitari offerti sul territorio con i relativi costi socio-assistenziali, là dove forniti in tempo utile per l elaborazione. Il quarto capitolo presenta i dati della simulazione. La metodologia standard adottata ha previsto l individuazione di un profilo di spesa pro capite per età da combinarsi con l evoluzione demografica prevista per ciascuna classe di età. Nello specifico si è seguito un modello a tre fasi: (i) stima dell incidenza della non autosufficienza nella popolazione anziana del Distretto 3 e simulazione, all avanzare dell età, del progressivo passaggio di stato nella condizione di autosufficienza; (ii) utilizzando i valori delle stime dei costi prodotte in studi analoghi, sono stimati i costi socio-sanitari del Distretto 3; (iii) infine, si procede alla costruzione di scenari alternativi al fine di comprendere meglio i risultati della simulazione. Nel caso generale in cui l intera popolazione non autosufficiente sia considerata i dati della simulazione evidenziano una crescita sensibile dei costi socio-sanitari dal 6,90% al 13,00% nel 2010, fino al 51,72% e 69,51% nel Se, altresì, si focalizza l attenzione ai soli casi di disabilità in 2 o più ADL, pur riscontrando un limitato scostamento dei valori nel 2010, tuttavia nel 2030 la differenza rispetto al caso generale oscilla tra i 7,0 e 8,5 punti percentuali in più (a seconda dei modelli di riferimento utilizzati), per spingersi ad oltre 13 punti per le proiezioni al Infine, se si introduce un ipotesi di crescita difforme tra tasso di crescita del PIL e tasso di inflazione, la dinamica dei costi è più o meno pronunciata rispetto al caso generale a seconda che il tasso di crescita del PIL sia minore o maggiore di quello di crescita dell inflazione. 7

8 Alcuni limiti di natura esogena imposti alla ricerca hanno in parte limitato la generalizzazione dei risultati ottenuti. L originale progetto, infatti, più ambizioso nella dimensione dell area geografica studiata e nei contenuti dell analisi, ha dovuto subire un ridimensionamento a causa della ridotta disponibilità di finanziamento a fronte della richiesta iniziale. Inoltre, abbiamo riscontrato una certa difficoltà ad accedere ai dati, legata più alle modalità di raccolta ed elaborazione degli stessi che non alla disponibilità a fornirli da parte delle strutture coinvolte, difficoltà che ha impattato sensibilmente sui risultati della simulazione. A fronte di queste limiti, tuttavia, riteniamo che i risultati prodotti da questa ricerca costituiscano una valida base di partenza da cui partire al fine di una conoscenza più puntuale del fenomeno. In particolare, lo sviluppo naturale di questa ricerca, su cui contiamo di lavorare nei prossimi mesi, è costituito dall'applicazione della metodologia utilizzata nel progetto C.A.S.A.N.A. a dati individuali. 8

9 1. EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E INVECCHIAMENTO Nell introduzione è stato evidenziato come l invecchiamento della popolazione rappresenti un problema crescente per le economie dei paesi avanzati. Al fine di meglio comprendere le implicazioni di tale affermazione, in questo primo capitolo saranno trattati tre differenti aspetti : una descrizione del processo di invecchiamento che caratterizza le popolazioni dei paesi avanzati, ivi compresa l Italia, attraverso l uso di dati quantitativi; gli effetti di tale processo di invecchiamento sullo stato di salute della popolazione anziana; infine, sono analizzate le conseguenze economiche dell assistenza continuativa agli anziani. 9

10 1.1. Una popolazione che invecchia L aumento progressivo del numero degli anziani rispetto alla popolazione complessiva è un fenomeno comune nei paesi avanzati e da monitorare per le conseguenze sociali ed economiche di tale dinamica sulla spesa socio-sanitaria. L Ocse prevede che tra il 2000 e il 2040 nei paesi industrializzati si avrà quasi un raddoppiamento della popolazione con età superiore ai 65 anni: si passerà infatti dal 13,8% al 25,6% del totale della popolazione (Rebba, 2005). Le proiezioni evidenziano, inoltre, una sensibile crescita nella popolazione anziana con età superiore ai 75 anni. Il progressivo invecchiamento della popolazione è un evento relativamente recente e riferibile soprattutto al secondo dopoguerra. Sono vari i fattori che hanno influito sulle trasformazioni della struttura della popolazione. Tra questi, la diminuzione della fertilità influisce in maniera rilevante sull aumento proporzionale degli anziani rispetto alla popolazione complessiva. Inoltre, nei prossimi decenni, l invecchiamento dei cosiddetti baby boomer, inciderà sensibilmente sull aumento dell indice di dipendenza, ovvero il rapporto tra la popolazione over 65 e popolazione in età lavorativa, che raffigura il peso della popolazione anziana sulla popolazione più giovane (Taroni, 2003). Infine, il miglioramento delle condizioni di vita e i progressi nel campo medico hanno influito sulla longevità della popolazione, specialmente nelle fasce di età più avanzata. Si tratta di un processo continuo che ha avuto inizio dai primi anni sessanta: i tassi di mortalità per la popolazione compresa tra gli 80 e i 99 anni sono diminuiti annualmente dell 1-2% per le donne e dello 0,5-1,5% per gli uomini. Tutto ciò ha come conseguenza un aumento progressivo della speranza di vita. Infatti, nei paesi Ocse la vita attesa a 65 anni è pari a 15 anni per gli uomini e a circa 19 anni per le donne, mentre la vita attesa a 80 anni è pari a 6,6 anni per gli uomini e a 8 anni per le donne (Isvap, 2001). La Tabella 1.1. mostra i dati e le proiezioni all anno 2030 relative all andamento della popolazione anziana nei paesi dell Unione Europea divisa in due classi di età: 65+ e 75+ anni. [Tabella 1.1.] La dinamica dell invecchiamento della popolazione è diversa nei differenti paesi europei. La quota di popolazione anziana con età superiore agli 80 anni, infatti, è maggiore nei paesi dove il processo di invecchiamento è iniziato prima (Paesi scandinavi, Germania, Francia), mentre nei paesi dell Europa meridionale la popolazione che ha superato i sessantacinque anni è preponderante rispetto alla percentuale di popolazione ultraottantenne. Infine, l Irlanda e, dall altro lato dell Atlantico, Stati Uniti e Canada presentano una popolazione ancora relativamente giovane e quindi meno colpita dai problemi legati all invecchiamento. 10

11 Per quanto riguarda specificatamente l Italia, essa è tra i paesi europei quello che presenta il tasso d invecchiamento della popolazione più alto. La percentuale di popolazione anziana sul totale della popolazione è ancora più alta e destinata ad aumentare al 2030, dal 18,2% al 33,1%. Gli anziani appartenenti alla fascia d età sono aumentati ad un tasso 3 volte più elevato di quello degli anziani nella fascia anni. Gli ultraottantenni passeranno dal 4% al 10% della popolazione, con una crescita a un tasso di quasi sette volte superiore a quello degli anziani di età anni (Rebba, 2005). Per quanto riguarda la distribuzione geografica, si osservano valori diversi sul territorio nazionale. Le aree del nord presentano una percentuale di popolazione con età maggiore ai 65 anni più elevata rispetto alle aree meridionali. La Tabella 1.2, alla fine del paragrafo, mostra i dati percentuali della popolazione con età superiore ai 65 e agli 80 anni divisi per regione geografica e per genere. [Tabella 1.2] La Liguria è la regione con una percentuale di anziani (in entrambe le fasce di età) più elevata, mentre la Campania è quella con la percentuale più bassa. I dati in tabella evidenziano anche l influenza del genere sulla longevità: in media il 21% della popolazione di sesso femminile ha un età compresa tra i 65 e i 79 anni, mentre i maschi anziani rappresentano il 15,3% della popolazione di sesso maschile. Un trend simile si osserva anche per la popolazione ultraottantenne: il 5,4% della popolazione femminile contro il 2,7% della popolazione maschile. 11

12 1.2. Stato di salute e invecchiamento L invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza l aumento di malattie cronicodegenerative. Al crescere dell età aumentano le patologie croniche e si riduce il numero di soggetti privi di patologie. A questo proposito dalla Tabella 1.3 si può rilevare che in Italia nel 2002 l 80,6% della popolazione con età superiore ai 65 anni soffriva di almeno una malattia cronica. [Tabella 1.3] Nella popolazione anziana si riscontra un elevata frequenza del fenomeno della comorbidità, cioè la presenza contemporanea di più condizioni patologiche. Questo fenomeno influisce sullo stato di salute dell anziano mettendolo a rischio della perdita di funzioni e quindi della perdita dell autosufficienza. Sono diverse le patologie che al manifestarsi in età avanzata possono avere conseguenze gravi sullo stato di salute dell anziano. Le patologie cardio-vascolari sono direttamente proporzionali all avanzare dell età e sono tra le cause più frequenti di morte: nella popolazione anziane le patologie cardiovascolari causano oltre un terzo dei ricoveri ospedalieri degli anziani. Anche nel caso del cancro si riscontra un incidenza positiva dell età. Nell uomo anziano gli organi più frequentemente colpiti sono il polmone, il grosso intestino, lo stomaco e la prostata; nella donna il grosso intestino, la mammella, il polmone e l utero. Le malattie dell apparato osteoarticolare causano frequentemente alla persona anziana la perdita di autonomia e di autosufficienza. La maggior parte degli anziani presenta lesioni alle articolazioni e perdite di osso rilevanti. La persona anziana è anche fortemente a rischio di infezioni: a titolo di esempio si pensi che il rischio di morte per polmonite è 10 volte più elevato nella persona con età superiore ai 75 anni di quello della media della popolazione. Infine l incontinenza urinaria è una patologia che aumenta al crescere dell età ed è maggiore negli individui di sesso femminile. L incontinenza non è un problema che affligge solo gli anziani gravemente malati, ma anche i soggetti apparentemente sani. Le persone affette da questa patologia presentano uno stato di salute fisica peggiore ed una maggiore alterazione nelle funzioni rispetto alla popolazione di pari età e sesso non colpita (Levorato et al., 1994). La Tabella 1.4, elaborata dal Censis su un indagine campionaria Istat, mette in evidenza l incidenza, su base regionale, di diverse patologie e del consumo di farmaci nella popolazione di età superiore ai 65 anni (Censis-ASSR, 2004). [Tabella 1.4] L avanzare dell età è associato anche ad un aumento del numero dei farmaci assunti dall individuo: il 73,9% dei soggetti intervistati, soggetti di età superiore ai 65 anni, ha consumato farmaci nei due giorni precedenti la rilevazione. Dunque, l incremento reale del bisogno di cure da parte dell anziano, che si esplicita con il 12

13 ricorso a prestazioni sanitarie crescenti e all aumento del consumo di farmaci, determina un incremento della domanda di sanità con un conseguente effetto sulla spesa sanitaria (Karatzas, 2000; Salas e Raftery, 2001). Più complessa, tuttavia, risulta la quantificazione di tale impatto nel lungo periodo. Infatti, la spesa sociosanitaria presenta un profilo a forma di J, cioè con una crescita sensibile in prossimità del decesso (Lubitz e Riley, 1993; Zweifel e al., 1999). Quindi la relazione tra età e spesa sanitaria è determinata anche dalla correlazione positiva tra invecchiamento e tasso di mortalità 1. Conseguentemente, l aumento della speranza di vita dovrebbe spostare in avanti i mortality-related costs, ovvero i costi per assistenza e cura connessi alla fase terminale della vita, e ciò dovrebbe influire positivamente su una riduzione della spesa sanitaria (Dirindin, 1994; Zweifel et al., 1999; Cutler e Meara, 1998, 1999; Cutler e Sheiner, 1999; Chernichovsky e Markowitz, 2004; Seshamani e Gray, 2004; Rebba, 2005; ISAE, 2005). Inoltre, altri fattori diversi da quelli demografici influenzano la spesa socio-sanitaria e rendono più difficile le previsioni future. Tra questi fattori, l innovazione tecnologica ha assunto, specie negli anni più recenti, un importanza particolare. Essa, infatti, influisce sul cambiamento della domanda di cura e sulla riduzione delle disabilità; per contro, è causa di un aumento rilevante della spesa sanitaria, difficilmente controllabile. Infatti, il progresso medico riduce le patologie croniche e la disabilità, ma influisce anche sull aumento della domanda di assistenza sanitaria da parte dell anziano (aumento delle protesi d anca, degli interventi per cataratta, migliori cure per l ipertensione, il diabete e l artrosi, etc.) con un conseguente aumento dei costi sanitari. Un altro fattore che influenza la spesa sanitaria è costituito dai prezzi dei beni sanitari, i quali crescono maggiormente rispetto al livello generale dei prezzi, essendo caratterizzati da un fattore lavoro con incidenza maggiore sul bene (Rebba, 2005). 1 Per una rassegna sull argomento si veda Rapporto ISAE (2005). 13

14 1.3 L assistenza continuativa agli anziani L aumento della popolazione anziana e anche il mutamento del quadro nosologico, specie per la popolazione ultrasettantacinquenne diminuzione delle malattie acute con exitus mortale a breve termine e aumento delle malattie croniche - hanno influenzato i bisogni sanitari e aumentato la domanda di assistenza continuativa (Long Term Care, LTC) allo scopo di prevenire o rallentare la perdita di autonomia connessa alle patologie dell età anziana (Kalisch et al, 1998). La LTC è stata definita dall OECD come ogni forma di cura fornita lungo un periodo di tempo esteso, senza data di termine predefinita. Un altra definizione più ristretta che non prende in considerazione la cura delle patologie acute e croniche, considera le LTC come tutte le forme di cura della persona o assistenza sanitaria, e gli interventi di cura domestica associati, che abbiano natura continuativa (Lang, 1993). In Italia le prestazioni reali per LTC richiedono un interazione tra servizi sanitari e servizi socio-assistenziali e si distinguono sia in base alla tipologia (supporto medico e infermieristico, cura della persona, aiuto domestico, supporto sociale) sia in base al luogo nel quale sono offerte (prestazioni domiciliari, prestazioni presso strutture residenziali e prestazioni presso strutture intermedie) 2. L interazione tra servizi sanitari e socio-assistenziali si realizza anche con l interazione tra i soggetti cui spetta la programmazione e il finanziamento dei servizi. All ente locale compete la programmazione, progettazione e realizzazione dei servizi sociali a livello locale; alle Aziende Sanitarie Locali spetta l erogazione delle prestazioni sanitarie e delle prestazioni socio-sanitarie ad elevata integrazione sanitaria (Coda Moscarola, 2003). Anche nel caso della spesa relativa alla LTC i fattori demografici da soli non spiegano la totalità della spesa. In questo caso, tuttavia, gli altri fattori che influenzano la spesa per LTC sono diversi da quelli che concorrono alla spesa per patologie acute. Infatti, poiché la LTC è meno soggetta a picchi di domanda, gli effetti dei mortality-related costs sono contenuti, così come l innovazione tecnologica esercita un influenza minore sulla tipologia di cure e quindi un impatto più contenuto sulla spesa (Rebba, 2005). Un fattore che caratterizza in modo rilevante la LTC, invece, è l assistenza informale. Per assistenza informale si intende l assistenza offerta ai non autosufficienti in modo autonomo e all esterno dell assistenza organizzata. Essa comprende sia l attività svolta dalle badanti che l assistenza fornita dalla struttura familiare. L assistenza informale riveste un importanza fondamentale nella cura ai disabili e spesso supplisce all insufficienza dell assistenza pubblica. A oggi il principale care giver può essere considerato la famiglia. 3 Spesso, come dimostrato da indagini effettuate negli Stati Uniti, la disponibilità di cure familiari è un fattore che influisce negativamente sulla scelta del ricovero del disabile in strutture (Lakdawalla e Phillipson, 1999). 2 La Ragioneria Generale dello Stato (2002) fa rientrare nella definizione di LTC l assistenza domiciliare, la semiresidenziale, la residenziale e l assistenza protesica. Inoltre include l assistenza termale e integrativa, mentre non comprende le prestazioni farmaceutiche e specialistiche anche se rivolte a disabili o anziani non autosufficienti. 14

15 Tuttavia, appare plausibile ipotizzare una diminuzione dell assistenza informale nei prossimi anni sia a causa dell incremento degli anziani non autosufficienti sia per la costante modifica del tessuto sociale (diminuzione dei matrimoni, calo delle nascite, aumento dei nuclei mono componenti, etc.). Ne consegue un aumento necessario della spesa per LTC? La letteratura economica non fornisce una risposta certa al quesito. Infatti, da una parte alcuni autori (Jacobzone et al., 2000) ritengono che la diminuzione della prevalenza di disabilità potrebbe attenuare, più di quanto generalmente previsto, la spesa di LTC; ciò potrebbe avere come conseguenza possibile un fenomeno di sostituzione tra tipologie di spesa sanitaria, tale per cui ad una diminuzione della spesa per LTC corrisponda un aumento della spesa per prevenzione (Rebba, 2005). Dall altra, alcuni studi empirici (OECD, 2006) confermano l effetto dell invecchiamento della popolazione e della riduzione delle cure informali sulla crescita della spesa per LTC 4. Una quantificazione della spesa per LTC in Italia è fornita dal Piano Sanitario Nazionale , che ha calcolato la spesa per LTC di tipo socio-assistenziale in circa milioni di euro, pari all 1,3% del PIL nazionale. 5 Ma come finanziare questa spesa? In Italia il dibattito tecnico-politico si è concentrato sull istituzione di un fondo pubblico al quale destinare le risorse necessarie da finanziare attraverso due possibili modalità: lo spostamento e redistribuzione di risorse da settori diversi della spesa pubblica e la richiesta di ulteriori risorse attraverso la fiscalità o la contribuzione. 6 Attualmente il progetto di un fondo nazionale per la non autosufficienza è rimasto solo un progetto 7. Invece, alcune regioni hanno istituito o stanno per istituire e regolamentare un fondo regionale (Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Veneto e le Province Autonome di Trento e Bolzano). 8 3 Uno studio Censis-ASSR (2004) ha rilevato come in Italia il 75,1% degli anziani riceva aiuto dai figli, il 41,6% dal coniuge convivente e il 20,6% da altri parenti. 4 Secondo questo rapporto, nei paesi OCSE la spesa per LTC nel 2050 in media sarà pari dal 2,4% del PIL al 3,3% del PIL a seconda degli scenari previstivi. 5 Tale spesa riuscirebbe a coprire, secondo il Ministero, i livelli essenziali di assistenza (LEA) per la popolazione disabile, così come previsto dalla Legge 328/ Ovviamente sono possibili modalità di finanziamento che ricorrono direttamente al mercato privato, come l assicurazione privata e i fondi assicurativi sia volontari che obbligatori. 7 Il disegno di legge n. 2166/2003 prevedeva un mix tra le due modalità: il fondo veniva finanziato dal gettito di un addizionale pari allo 0,75% delle imposte sui redditi e dal trasferimento delle risorse ora destinate all indennità di accompagnamento. 8 Questa nuova tendenza potrebbe però contribuire all ampliamento della forbice tra le regioni italiane nel campo dell offerta di servizi socio-assistenziali. 15

16 Tabella 1.1. Proiezione demografica della popolazione anziana in Europa % 65 + % 65 + % 75 + % 75 + Italia 18,1 28,1 7,9 14,1 Grecia 17,3 25,4 6,7 12,7 Svezia 17,3 25,1 8,9 13,4 Spagna 17,1 25,3 7,3 9,5 Belgio 16,8 25,4 7,2 12,2 Germania 16,2 25,8 6,9 12,0 Francia 16,0 24,0 7,3 12,3 Regno Unito 15,7 23,5 7,4 11,2 Portogallo 15,5 22,8 6,1 7,8 Austria 15,4 25,2 7,0 12,5 Danimarca 14,9 23,0 7,1 11,4 Finlandia 14,9 23,9 6,5 7,8 Lussemburgo 14,0 19,8 5,7 9,0 Olanda 13,8 23,9 6,1 6,9 Irlanda 11,4 18,7 4,9 5,2 Fonte: Pesaresi-Gori (2003) 16

17 Tabella 1.2. Percentuale di popolazione 65+ anni e 80+ anni per sesso e per Regione (Anno 2001) % 65 + % 80 + Regione M F MF M F MF Liguria 20,9 28,7 25,0 4,2 8,4 6,4 Lombardia 14,3 21,1 17,8 2,2 5,5 3,9 Piemonte 17,3 23,9 20,7 3,0 6,5 4,8 Valle d Aosta 15,5 22,2 18,9 2,7 6,0 4,4 Emilia Romagna 18,8 25,3 22,1 3,8 7,3 5,6 Friuli Venezia Giulia 16,9 25,2 21,2 3,3 7,6 5,5 Trentino Alto Adige 13,5 19,9 16,8 2,3 5,4 3,9 Veneto 14,5 21,2 18,0 2,5 5,7 4,1 Lazio 14,8 19,7 17,4 2,5 4,7 3,6 Marche 18,6 24,3 21,5 3,7 6,7 5,2 Toscana 18,9 25,1 22,1 3,8 7,1 5,5 Umbria 19,4 25,1 22,3 3,8 6,7 5,3 Abruzzo 17,3 22,6 20,0 3,4 5,9 4,7 Basilicata 16,2 20,1 18,1 3,0 4,6 3,8 Calabria 14,5 18,8 16,7 2,7 4,6 3,7 Campania 11,7 16,0 13,9 1,8 3,5 2,7 Molise 18,1 23,5 20,9 3,7 6,3 5,0 Puglia 13,4 17,4 15,4 2,4 4,1 3,3 Sardegna 13,4 17,6 15,5 2,6 4,3 3,5 Sicilia 14,3 18,4 16,4 2,6 4,3 3,5 Italia 15,3 21,0 18,2 2,7 5,4 4,1 Fonte: Istat (2002) 17

18 Tabella 1.3. Popolazione di 65+ anni per condizione di salute (Anno 2002) In buona salute (%) Almeno una malattia cronica (%) Cronici in buona salute (%) PMN 36,3 74,6 28,6 LOM 38,7 76,1 29,0 TAA 45,9 70,3 34,2 VEN 36,6 78,2 28,2 FVG 33,2 76,5 27,7 LIG 37,3 79,1 29,6 ERO 37,5 80,1 29,6 TOS 37,0 79,6 31,1 UMB 42,0 81,0 33,7 MAR 35,4 82,4 26,9 LAZ 35,8 81,0 29,0 ABR 35,9 87,7 31,3 MOL 34,5 81,6 27,2 CAM 36,7 85,8 30,5 PUG 32,7 84,3 27,2 BAS 33,7 87,9 26,5 CAL 27,3 90,1 23,9 SIC 28,8 84,5 20,8 SAR 35,8 90,4 30,9 Italia 35,8 80,6 28,4 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat 18

19 Tabella 1.4. Popolazione di 65+ anni: malattie croniche e consumo di farmaci (Anno 2002) Diabete Ipertensione Artrosi Osteoporosi Malattie Disturbi Ulcera Consumo Artrite allergiche nervosi gastrica o duodenale farmaci negli ultimi due giorni PMN 11,3 36,6 45,2 19,7 6,8 9,6 8,5 71,3 LOM 11,4 33,6 50,1 23,2 8,3 7,9 6,3 72,2 TAA 8,5 32,6 46,4 16,3 5,2 9,2 5,8 68,7 VEN 13,0 40,4 49,3 19,4 7,7 8,3 7,7 78,2 FVG 14,1 32,6 55,0 23,7 7,4 3,8 6,3 70,4 LIG 12,3 43,8 56,1 27,7 6,8 13,1 7,5 71,6 ERO 12,8 36,4 54,5 20,1 7,1 9,9 8,6 79,2 TOS 11,4 31,6 54,4 27,2 8,6 7,8 5,8 75,6 UMB 12,6 44,6 58,9 21,1 6,4 10,8 8,7 75,8 MAR 14,0 32,1 64,8 21,6 6,6 7,9 7,5 69,3 LAZ 12,8 45,6 58,1 26,9 6,8 11,9 7,1 72,6 ABR 17,6 46,1 67,8 29,0 9,1 11,9 9,1 73,0 MOL 12,7 37,6 59,6 21,2 5,5 5,4 5,8 69,4 CAM 15,8 47,9 65,0 33,6 6,4 10,7 5,2 73,1 PUG 19,7 44,8 59,7 30,6 6,3 14,2 8,4 75,4 BAS 10,5 43,8 68,8 33,8 6,4 7,9 16,5 71,8 CAL 18,5 49,5 73,4 27,6 11,4 13,2 12,3 78,4 SIC 14,9 43,0 60,6 28,4 7,9 11,7 10,0 73,9 SAR 10,1 43,9 73,1 35,9 13,5 12,9 9,6 72,1 ITALIA 13,4 39,7 56,5 25,3 7,6 10,0 7,7 73,9 Fonte: Censis-ASSR (2004) 19

20

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011

Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011 Il problema dell autosufficienza degli anziani: potenziale bisogno di assistenza a lungo termine nei dati SHARE Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011 1 Perché l assistenza

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Rimini, 24 gennaio 2012 Le modalità

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo.

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. Per chi vuole saperne di più. La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. L Italia sta diventando un paese per vecchi. Dal 2001 al 2011 gli over 65 anni sono passati dal 18,7%

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

11. Mercato del lavoro

11. Mercato del lavoro 11. Mercato del lavoro Sembrano lontanissimi i tempi in cui i veneti erano costretti ad emigrare per trovare lavoro. Oggi il Veneto ha raggiunto livelli di quasi piena occupazione. Già nel 199 il tasso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente ARAT (Associazione Residenze Anziani Toscana) Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente Firenze 24 Febbraio 2014 A cura di Giancarlo Girolami Chiara Bartolini

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

1. RIORDINO DELLE PRESTAZIONI SOCIO SANITARIE DI ASSISTENZA TUTELARE

1. RIORDINO DELLE PRESTAZIONI SOCIO SANITARIE DI ASSISTENZA TUTELARE Allegato A) RIORDINO DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA TUTELARE SOCIO SANITARIA E ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA PER LA LUNGOASSISTENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI.

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni

Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni Quante sono, oggi, in Italia le persone con disabilità? Quante si trovano in una condizione di gravità tale da richiedere un maggiore

Dettagli

LE RISPOSTE DEI SISTEMI SANITARI: UNA PROSPETTIVA INTERNAZIONALE

LE RISPOSTE DEI SISTEMI SANITARI: UNA PROSPETTIVA INTERNAZIONALE LE RISPOSTE DEI SISTEMI SANITARI: UNA PROSPETTIVA INTERNAZIONALE Prof. Guido Giarelli Dipartimento di Scienze della Salute Università Magna Graecia - Catanzaro CONTENUTI 1. Come cambiano gli scenari demografici

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Introduzione...1 I diritti della persona malata. Cosa dicono le leggi...2 La tutela della salute in ospedale nelle residenze a domicilio...2

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Capitolo 1 Modelli regionali di intervento a favore degli anziani non autosufficienti Il caso emiliano-romagnolo

Capitolo 1 Modelli regionali di intervento a favore degli anziani non autosufficienti Il caso emiliano-romagnolo Capitolo 1 Modelli regionali di intervento a favore degli anziani non autosufficienti Il caso emiliano-romagnolo Sommario 1. Introduzione. 2. Le dimensioni del problema. 3. Le modalità di intervento nelle

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli

INTRODUZIONE. Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

INTRODUZIONE. Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Introduzione...1 I diritti della persona malata. Cosa dicono le leggi...2 La tutela della salute in ospedale nelle residenze a domicilio...2

Dettagli

LaRegioneVeneto conglianziani. perglianziani. I ServiziSocio-Assistenziali REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA

LaRegioneVeneto conglianziani. perglianziani. I ServiziSocio-Assistenziali REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Le tendenze demografiche mostrano un progressivo invecchiamento della popolazione italiana, sia in senso assoluto, per la diminuzione della mortalità e l aumento della speranza di vita, sia in senso relativo,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO

FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO 6 Giugno 2007 I NUMERI DELLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI IN ITALIA LA RETE DISTRIBUTIVA: 23.800 impianti di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 6 luglio 2015 IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 Le cure odontoiatriche hanno subìto una flessione negli anni della crisi economica. La quota di popolazione che

Dettagli

LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI APERTE

LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI APERTE IL SISTEMA SANITARIO IN CONTROLUCE, Rapporto Farmafactoring 2015 ASPETTI SOCIALI E SANITARI DELLA LONG TERM CARE: ANALISI DELLA SITUAZIONE IN SICILIA E IN ITALIA LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto

Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Venezia, 19 marzo 2014 Il debito pubblico e l economia sommersa

Dettagli

IL FABBISOGNO DI STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI NEL PLUS AREA OVEST

IL FABBISOGNO DI STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI NEL PLUS AREA OVEST IL FABBISOGNO DI STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI NEL PLUS AREA OVEST INTRODUZIONE E NOTA METODOLOGICA I metodi di calcolo che definiscono il fabbisogno di strutture e servizi si riferiscono

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

C E N S I S. Analisi comparativa dei principali servizi per gli anziani non autosufficienti

C E N S I S. Analisi comparativa dei principali servizi per gli anziani non autosufficienti C E N S I S Analisi comparativa dei principali servizi per gli anziani non autosufficienti Roma, luglio 2005 La ricerca è stato realizzata da un gruppo di lavoro della Fondazione Censis Centro Studi Investimenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli