La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto"

Transcript

1 La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto Ester Giolo 29/01/ INDICE Cos è la condizionalità? Impegni comuni e specifici Il campione Il controllo L esito La consulenza Appendice normativa Il campo tiene banco 2 1

2 COS E LA CONDIZIONALITÀ? Insieme di impegni derivanti da normative comunitarie, recepite a livello nazionale e regionale NORMATIVA REGOLE IMPEGNI divisi in 4 campi: Ambiente, Sanità, Benessere animale, Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali Tali obblighi si applicano, limitatamente allo svolgimento dell attività agricola e zootecnica od alla superficie agricola dell azienda, ad ogni agricoltore beneficiario di pagamenti. 3 COS E LA CONDIZIONALITÀ? Insieme di impegni derivanti da normative comunitarie, recepite a livello nazionale e regionale NORMATIVA REGOLE 01/01/2015 IMPEGNI divisi in 3 campi: Ambiente e Buone Condizioni Agronomichee Ambientali, Sanità, Benessere animale, Tali obblighi si applicano, limitatamente allo svolgimento dell attività agricola e zootecnica od alla superficie agricola dell azienda, ad ogni agricoltore beneficiario di pagamenti. 4 2

3 COS E LA CONDIZIONALITÀ? Il rispetto degli impegni è la condizione necessaria per percepire interamente gli aiuti comunitari: Domanda Unica Pagamenti diretti OCM Vino (PRRV, vendemmia verde, estirpazione) PSR Misura 211 Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane Misura 212 Indennitàa favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali diversi dalle zone montane Misura 213 Indennità Natura 2000 Misura 214 Pagamenti agroambientali Misura 215 Miglioramento del benessere degli animali Misura 221 Imboschimento dei terreni agricoli Misura 224 Indennità Natura 2000 in terreni forestali Misura 225 Pagamenti per interventi silvo ambientali 5 COS E LA CONDIZIONALITÀ? Nel momento in cui l azienda presenta domanda, sottoscrive anche l impegno al rispetto della condizionalità. In questo modo, in fase preventiva di formazione del fascicolo o, al più tardi, al momento della domanda, l agricoltore è informato degli impegni che è tenuto a rispettare. 6 3

4 COS E LA CONDIZIONALITÀ? Le aziende agricole tenute al rispetto della condizionalità NON devono necessariamente rispettare tutti gli Atti e le Norme previste (REGOLE DI CONDIZIONALITÀ). Il numero e la tipologia differiscono: - in ragione dell ubicazione dell azienda, dell utilizzo di determinate sostanze pericolose o della presenza di allevamenti (criteri di gestione obbligatori CGO); - in ragione della tipologia di utilizzazione delle singole particelle aziendali dichiarate nel piano colturale (buone condizioni agronomiche ed ambientali BCAA). 7 IMPEGNI COMUNI A TUTTE LE AZIENDE AGRICOLE Impegni che devono essere rispettati da qualsiasi azienda indipendentemente dal proprio indirizzo produttivo 8 4

5 SE rientri nella filiera alimentare Atto B11 (CGO 4): 4 sicurezza alimentare (1) Sistema di tracciabilità DEVI Disporre di sistemi e procedure per individuare i fornitori degli alimenti, mangimi, animali etc. e le imprese alle quali hai venduto i tuoi prodotti Ad esempio: conservare le fatture/bolle d acquisto organizzate per data/fornitore/prodotto possedere un registro aggiornato di carico e scarico dei prodotti acquistati e/o venduti tenere un manuale aziendale di rintracciabilità del latte alimentare fresco tenere manuali aziendali di autocontrollo 9 SE rientri nella filiera alimentare Atto B11 (CGO 4): 4 sicurezza alimentare (2) Pacchetto Igiene DEVI Garantire che tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione degli alimenti o mangimi soddisfino le norme in materia di sicurezza alimentare Come fare? stoccando rifiuti speciali/sostanze pericolose in spazi dedicati separati fisicamente dagli ambienti in cui si trovano mangimi e alimenti aggiornando il registro dei trattamenti fitosanitari e veterinari e il registro delle vendite dirette e delle consegne del latte distinguendo e separando mangimi medicati da quelli non medicati isolando animali malati, infetti e/o sotto trattamento farmacologico usando in modo corretto i medicinali veterinari (prescrizione veterinaria) tenendo in condizioni igienico - sanitarie adeguate i locali/impianti di mungitura e di stoccaggio del latte commercializzando solo gli animali ai quali non siano state somministrate sostanze vietate o non autorizzate rispettando il periodo di sospensione prescritto in caso di animali cui sono state somministrate sostanze autorizzate acquistando mangimi da fornitori riconosciuti e/o registrati ai sensi del Reg. CE 183/

6 AZIENDA CON ALLEVAMENTI (BOVINI, SUINI, OVICAPRINI, ALTRO) 11 IMPEGNI COMUNI ALLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI B10 (CGO 5) 5 - Divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e betagoniste nelle produzioni animali B12 (CGO 9) 9 - Prevenzione, controllo ed eradicazione di alcune encefalopatie spongiformi B13 - Misure di lotta contro l afta epizootica C18 (CGO CGO 13) - Protezione degli animali negli allevamenti 12 6

7 IMPEGNI COMUNI ALLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI casi particolari SE l allevamento è bovino devi rispettare: A7 (CGO 7) 7 - Identificazione e registrazione dei bovini C16 (CGO 11)- Norme minime per la protezione dei vitelli SE l allevamento è ovicaprino: A8 (CGO 8) 8 - Identificazione e registrazione degli ovini e dei caprini B15 - Misure di lotta ed eradicazione della febbre catarrale degli ovini SE l allevamento è suino A6 (CGO 6) 6 - Identificazione e registrazione dei suini B14 - Misure di lotta contro alcune malattie degli animali nonchémisure specifiche per la malattia vescicolare dei suini C17 (CGO 12) - Norme minime per la protezione dei suini 13 Atto B10 (CGO 5): 5 divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e betagoniste NON SI DEVE SOMMINISTRARE Tireostatici, stilbenie suoi derivati, estradiolo-17beta e sostanze beta -agoniste, sostanze ad azione estrogena androgena o gestagena, nonchéqualsiasi altra sostanza ad effetto anabolizzante agli animali in azienda e agli animali d acquacoltura NONSI DEVE DETENERE Tali sostanze in azienda (escluse quelle sotto controllo ufficiale, prescritte a scopo terapeutico dal veterinario) NONSI DEVE inoltre COMMERCIALIZZARE - né animali trattati con tali sostanze vietate, né prodotti derivati da tali animali - né animali per i quali nonèstato rispettato il tempo di sospensione in caso di somministrazione di sostanze autorizzate, né prodotti derivati da tali animali 14 7

8 Atto B12 (CGO 9): 9 prevenzione, controllo ed eradicazione di alcune encefalopatie spongiformi (TSE) NONsi deve Somministrare ai ruminanti alimenti a base di proteine di origine animale, gelatine ricavate dai ruminanti, prodotti a base di sangue e di proteine idrolizzate, fosfato di-tri calcico di origine animale SI DEVE Denunciare immediatamente alle autorità competenti ogni caso di sospetta infezione da TSE e i casi di decessi sospetti 15 Atto C18 (CGO 13 CGO 13): norme minime per la protezione degli animali negli allevamenti SI DEVE Ad esempio: Garantire libertà di movimento (spazio adeguato alle esigenze fisiologiche ed etologiche degli animali): Assicurare che i fabbricati e locali di stabulazione: siano puliti e disinfettati non presentino spigoli taglienti e sporgenze tali da causare lesioni presentino adeguate condizioni di temperatura, umiditàe circolazione dell aria e che le quantitàpolveri e la concentrazione di gas siano mantenute entro limiti non dannosi per gli animali presentino condizioni di illuminazione adeguata (NO buio costante e nemmeno illuminazione artificiale senza periodo di riposo) possiedano, in caso di ventilazione artificiale, anche un impianto di riserva Somministrare alimenti e liquidiagli animali in modo da non causare loro sofferenze (NO alimentazione forzata ad anatre e oche) NON SI DEVE effettuare Ad esempio: La bruciatura dei tendini e il taglio di ali per i volatili e code per i bovini (POSSIBILE solo a fini terapeutici certificati) Il taglio del becco dopo i primi giorni di vita La spiumatura di volatili vivi La cauterizzazione dell abbozzo corneale dopo le 3 settimane di vita senza anestesia La castrazione dopo il raggiungimento della maturità sessuale N.B. le suddette pratiche, quando consentite, devono essere effettuate sotto il controllo medico veterinario dell azienda 16 8

9 Se l allevamento è BOVINO Atto A7 (CGO 7): 7 Identificazione e registrazione dei bovini SI DEVE Richiedere la registrazione presso la Asl dell allevamento in BDR/BDN (Banca dati regionale/banca dati nazionale) Possedere un registro di stalla (anche informatizzato) Aggiornare sia il registro di stalla sia la BDN secondo nascite, decessi, vendite,acquisti, furti/smarrimenti degli animali allevati nei tempi previsti (n. CAPI IN AZIENDA = n. CAPI ATTIVI SU REGISTRO = n. CAPI ATTIVI SU BDN) Possedere un passaporto per ogni animale allevato e compilare eventuali passaggi di proprietà Compilare il modello IV *ogni qualvolta movimenti un capo Richiedere all ASL/ente delegato marche auricolari (con relativa cedola identificativa) sia per nascite sia per eventuale smarrimento di marche Identificare e marchiare i capi con doppia marca auricolare entro 20 ggdalla nascita e compilare la relativa cedola identificativa * dichiarazione di provenienza e di destinazione degli animali 17 Se l allevamento è BOVINO Atto C16 (CGO 11): norme minime per la protezione dei vitelli NONSI DEVE Né tener legati alla catena i vitelli e nemmeno apporre loro la museruola SI DEVE Ad esempio: Prevedere, per i vitelli di età inferiore a 2 settimane, una lettiera adeguata Rimuovere con regolaritàgli escrementi, l urina, e i foraggi non mangiati o caduti Garantire ai vitelli un idonea nutrizione: a. colostro dopo la nascita e entro prime 6 ore di vita b. alimenti con un tenore di ferrosufficiente a raggiungere un tasso di emoglobina di almeno 4,5 mmol/litro o 7,3 g%; c. dose giornaliera di alimento fibroso dopo le 2 settimane di vita d. dose giornaliera di alimento fibroso aumentata da 50 g a 250 fra le 8 e le 20 settimane di vita e. mangimi adeguati all età dell animale dopo lo svezzamento Assicurare sempre acqua fresca ai vitelli malati e sottoposti acondizioni atmosferiche di grande calore 18 9

10 Se l allevamento è BOVINO Atto C16 (CGO 11): norme minime per la protezione dei vitelli SI DEVE inoltre Garantire un adeguata illuminazione naturale o artificiale (illuminazione naturale disponibile tra le ore 9.00 e le 17.00), una temperaturaadeguata (18-22 C) e un adeguato livello di umidità (65-75%), un idonea circolazione dell aria attraverso una ventilazione naturale (presenza di camini e finestre apribili e/o di ventole funzionanti come integrazione alla ventilazione naturale) o artificiale Assicurare che i fabbricati e locali di stabulazione e relative attrezzature siano lavabili e disinfettabili e che le pavimentazioni non siano sdrucciolevoli e siano prive di asperità con superficie rigida piana e stabile (se gli animali non sono allevati in recinti all aperto fissi o mobili) Garantire che i vitelli stabulati in gruppo dispongano di uno spazio libero idoneo Allevare in box multipli i vitelli di etàsuperiore alle 8 settimane, non malati MAPUÒ Allevare i vitelli di età< alle 8 settimane in box singoli aventi le seguenti dimensioni: - larghezza min pari all altezza al garrese del vitello - lunghezza almeno pari alla lunghezza del vitello 19 Se l allevamento è OVICAPRINO Atto A8 (CGO 8): 8 identificazione e registrazione degli ovini e dei caprini SI DEVE Richiedere la registrazione dell allevamento in BDR / BDN alla ASL - Entro il 30 aprile di ogni anno REGISTRARE in BDR/BDN tramite l ASL la consistenza dell allevamento riferito al 30 marzo (censimento annuale) Compilare il modello IV ogni qualvolta movimenti un capo Identificare i capi entro 6 mesi dalla nascita o comunque prima della loro movimentazione MA PUÒ Sei esentato dalla comunicazione del censimento annuale (nota ministeriale del marzo 2012) se i singoli capi del tuo allevamento, (eccezion fatta per gli agnelli da inviare al macello entro i 12 mesi di età), sono stati registrati singolarmente in BDR/BDN insieme alle relative movimentazioni (nascite, morti o invii al macello ed eventuali compravendite) Marchiare ogni singolo individuo con doppia marca auricolare univocaed individuale * (marchio giallo IT + 13 o 12 numeri) E obbligatoria l identificazione elettronica: su un orecchio va apposto il marchio elettronico (o il bolo endoruminale), sull altro orecchio il marchio tradizionale. NB -Per gli animali destinati alla macellazione entro i 12 mesi: marchiare con unico marchio auricolare (identificazione semplificata) all orecchio sxo un tatuaggio recante il codice aziendale (marchio salmone es. IT + 001BG001) NB -Greggi vaganti: Gli animali destinati al pascolo vagante OLTRE al doppio identificativo univoco ed individuale devono recare ANCHE il tatuaggio riportante il codice aziendale. Il tatuaggio va apposto dopo lo svezzamento. Registro di stalla: Riportare sul registro di stalla obbligatoriamente la consistenza totale divisa per specie e i singoli capi con codiceunivoco ed individuale Registro di stalla: registrazioni solo per partita per i capi in possesso della marcatura semplificata (capi sotto i 12 mesi destinati al macello) mentre registrazione individuale per i capi con doppia marcatura (sopra i 12 mesi) * ATTENZIONE Se perdi una marca la sostituzione con la doppia è obbligatoria solo prima della movimentazione ricordati di tenerne traccia sul registro di stalla! 20 10

11 Se l allevamento è SUINO Atto A6 (CGO 6): 6 identificazione e registrazione dei suini SI DEVE Registrare l allevamento in BDR/BDN Tenere un registro di carico e scarico (registro di stalla) che riporta numero degli animali presenti in azienda alla data del 31 marzo di ogni anno, le movimentazioni in ingresso ed uscita entro 3 ggdall evento ed il numero di animali nati/ morti entro 30 giorni dall evento Compilare il modello IV ogni qualvolta movimenti un capo Assicurare che gli animali siano contrassegnati nell azienda di origine entro 70 giorni dalla nascita e comunque prima della movimentazione, attraverso: - obbligatoriamente un tatuaggio sull'orecchio sinistro o in alternativa sulla parte esterna delle cosce e - nonobbligatoriamente anche una marca auricolare da apporre al padiglione auricolare dell'orecchio destro in aggiunta al tatuaggio Il tatuaggio e, ove presente, la marca auricolare, riportano il codice allevamento identificativo dell'azienda di nascita e NON è individuale. Casi particolari: A - Il detentore di un solo capo suino da ingrasso deve assicurarsi che il capo sia identificato con tatuaggio e deve comunicare all ASL la detenzione del capo e il suo destino finale. B - I detentori di suini da ingrasso, fino ad un massimo di 4 capi, che non movimentano animali verso altri allevamenti (autoconsumo) sono obbligati a registrare l allevamento presso l ASL, a detenere il registro di stalla ed a registrare i soli ingressi (mediante il mod. IV). 21 Se l allevamento è SUINO Atto C17 (CGO 12): norme minime per la protezione dei suini SI DEVE (per scrofe e scrofette), ad esempio: - Fornire loro mangime riempitivo ed alimenti ad alto tenore energetico - Assicurare un accurata pulizia prima della loro sistemazione negli stalli da parto (tali stalli devono prevedere una zona libera dietro l animale per rendere agevole il parto e possedere strutture per proteggere i lattonzoli) - Prevedere nella settimana precedente il parto una lettiera adeguata - Allevarle in gruppo nel periodo compreso tra le 4 settimane dopo la fecondazione e la settimana prima della data prevista per il parto e NON SI DEVE tenerle legate SI DEVE inoltre, ad esempio: - Iniziare lo svezzamento dei lattonzoli solo dopo 28/21 giorni di vita - Procedere alla riduzione uniforme degli incisivi mediante levigatura o troncatura entro i primi 7 giorni di vita - Far eseguire la castrazione di suini di sesso maschile da personale qualificato 22 11

12 Se l allevamento è SUINO Atto C17 (CGO 12): norme minime per la protezione dei suini SI DEVE inoltre, ad esempio: Assicurare che i locali di stabulazione siano costruiti in modo da permettere a suini da ingrasso, scrofe scrofette, lattonzoli di: a. avere accesso ad una zona in cui coricarsi confortevole dal punto di vista fisico e termico e adeguatamente prosciugata e pulita b. consentire loro di stare distesi contemporaneamente e di riposare e alzarsi agevolmente* c. vedere altri suini d. muoversi su pavimentazioni lavabili e disinfettabili non sdrucciolevoli e privi di spigoli taglienti, con superficie rigida piana e stabile* e. avere adeguata temperatura (per lattonzoli t = intorno ai 30 C; per suini adulti tra 16 e 24 C), umiditàdell aria (65-75%) e illuminazione (almeno 40 lux per un minimo di 8 ore al giorno) Prevedere recinti individuali di dimensioni adeguate* per i verri e per isolare temporaneamente soggetti particolarmente aggressivi, attaccati da altri suini, malati, feriti etc. Fornire materiale manipolabile *FARE ATTENZIONE alle dimensioni degli spazi liberi e a quelle delle pavimentazioni da garantire per le diverse categorie d età! 23 Se l allevamento è SUINO Atto C17 (CGO 12): norme minime per la protezione dei suini SI DEVE rispettare le dimensioni sottoindicate! Dimensioni minime degli spazi liberi da garantire per le diverse categorie d età Ciascun suinetto o suino all ingrasso allevato in gruppo ha a disposizione almeno uno spazio libero idoneo ossia: 0,15 mq per suini di peso vivo pari o < a 10 kg 0,20 mq per suini di peso vivo compreso tra 10 kg e 20 kg 0,30 mq per suini di peso vivo compreso tra 20 kg e 30 kg 0,40 mq per suini di peso vivo compreso tra 30 kg e 50 kg 0,55 mq per suini di peso vivo compreso tra 50 kg e 85 kg 0,65 mq per suini di peso vivo compreso tra 85 kg e 110 kg 1,00 mq per suini di peso vivo superiore a 110 kg Ogni verro ha a disposizione un recinto individuale con le seguenti caratteristiche: -la superficie libera al suolo minima di 6 mq -la superficie al suolo è di almeno 10 mq, se viene utilizzato anche per l accoppiamento Le superfici libere totali a disposizione di ciascuna scrofetta e scrofa allevate in gruppo sono di: -1,64 mq per ciascuna scrofetta dopo la fecondazione -2,25 mq per ciascuna scrofa I lati del recinto dove viene allevato il gruppo di scrofe o di scrofette hanno una lunghezza: -superiore a 2,8 m -oppure superiore a 2,4 m se sono allevati meno di 6 animali Se le scrofette dopo la fecondazione e le scrofe sono allevate in gruppi di: a)< di 6 animali = le superfici libere disponibili (1,64 o 2,25 mq) sono aumentate del 10% b)40 o più animali = le superfici libere disponibili (1,64 o 2,25 mq) sono ridotte del 10% Caratteristiche pavimentazioni per le diverse categorie d età Qualora si utilizzino pavimenti fessurati in calcestruzzo: A) l'ampiezza massima delle aperture deve essere di: 11 mm per i lattonzoli; 14 mm per i suinetti; 18 mm per i suini all'ingrasso; 20 mm per le scrofette dopo la fecondazione e le scrofe; B) l'ampiezza minima dei travetti deve essere di: 50 mm per i lattonzoli e i suinetti; 80 mm per i suini all'ingrasso, per le scrofette dopo la fecondazione e le scrofe. Le scrofette dopo la fecondazione e le scrofe gravide devono avere a disposizione un pavimento pieno continuo: -di almeno 0,95 mq per ogni scrofetta -di almeno 1,3 mq per ogni scrofa Pavimentazione dei box dei lattonzoli deve essere piena e/o ricoperta da un tappetino, da paglia o da altro materiale adeguato 24 12

13 IL CAMPIONE GLI IMPEGNI DEVONO ESSERE RISPETTATI!!! AVEPA CONTROLLA OGNI ANNO UNA PARTE DELLE AZIENDE: ALMENO L 1%!!! Fatte salve percentuali previste da altri regolamenti 3% aziende con allevamenti BOVINI 3% aziende con allevamenti OVICAPRINI 1% aziende con allevamenti SUINI ANNUALMENTEVENGONO DEFINITE E CONCORDATE LINEE GUIDA PER L INTERSCAMBIO DELLE INFORMAZIONI DELLE ATTIVITA DICONTROLLO SVOLTE DAI SSVV REGIONALI 25 IL CONTROLLO - Ogni controllo in loco è oggetto di una relazione di controllo redatta dall autoritàcompetente, che viene lasciata in copia all azienda. Gli organismi di controllo specializzatisono responsabili dello svolgimento delle verifiche e dei controlli volti ad accertare il rispetto dei criteri e delle norme. Gli organismi pagatorisono responsabili della determinazione delle riduzioni e delle esclusioni da applicare. In deroga, gli Stati membri possono decidere di affidare all organismo pagatore le verifiche e i controlli relativi a tutti i criteri, norme, atti o campi di condizionalitào ad alcuni di essi, purché lo Stato membro garantisca che l efficacia delle verifiche e dei controlli sia almeno pari a quella ottenuta affidando l esecuzione delle verifiche e dei controlli a un organismo di controllo specializzato

14 IL CONTROLLO 27 IL CONTROLLO -Se opportuno, i controlli in loco possono essere effettuati mediante telerilevamento. - ( ) - In generale, ciascuno degli agricoltori selezionati per essere sottoposti a controlli in loco viene controllato in un momento in cui può essere controllata la maggior parte dei criteri e delle norme per cui è stato selezionato. - I controlli in loco vengono effettuati nel corso dell anno civile in cui sono state presentate le domande di aiuto

15 IL CONTROLLO I controlli in loco possono essere preceduti da un preavviso purché non venga compromessa la finalitàdel controllo. Il preavviso è strettamente limitato alla durata minima necessaria e non può essere superiore a 5 giorni (per AVEPA). Tuttavia, per i controlli in loco relativi alle domande di aiuto per animale, il preavviso non può essere superiore a 48 ore, salvo in casi debitamente giustificati. ( ) Le domande di aiuto in questione sono respinte qualora un controllo in loco non possa essere effettuato per cause imputabili all agricoltore o a chi ne fa le veci. 29 L ESITO 30 15

16 L ESITO In caso di negligenza, la percentuale di riduzione non supera il 5% ( ) Negligenza: qualsiasi infrazione cui non sia attribuito carattere di intenzionalità 31 L ESITO Inadempienza di importanza minore: inadempienza di scarsa rilevanza con livelli bassi di portata, gravità e durata. Tuttavia, i casi di inadempienza che costituiscono un rischio diretto per la salute pubblica o degli animali non possono essere considerati di scarsa rilevanza

17 L ESITO Azioni correttive Azione agronomica, strutturale o amministrativa che ha come obiettivo il ripristino delle condizioni ante-inadempienza oppure l eliminazione degli effetti negativi della stessa, tramite interventi alternativi. Nel caso in cui sia prescritta all azienda un azione correttiva e l azienda non la realizzi nei termini previsti, l infrazione sarà considerata ripetuta e saranno applicate le riduzioni previste nei casi di reiterazione. Nel caso in cui l azienda la realizzi nei termini previste, l infrazione saràannullata e non si procederàcon la riduzione 33 L ESITO Impegni di ripristino Azione agronomica, strutturale o amministrativa che ha come obiettivo il ripristino delle condizioni ante-inadempienza oppure l eliminazione degli effetti negativi della stessa, tramite interventi alternativi. Nel caso in cui sia prescritto all azienda un impegno di ripristino e l azienda non lo realizzi nei termini previsti, l infrazione sarà considerata ripetuta e saranno applicate le riduzioni previste nei casi di reiterazione. Nel caso in cui l azienda lo realizzi l infrazione rimane! 34 17

18 L ESITO ( ) e in caso di recidivail 15%. Infrazione ripetuta (reiterazione): l inottemperanza accertata più di una volta in tre anni consecutivi a uno stesso requisito, norma od obbligo, purché l agricoltore sia stato informato di una infrazione anteriore e, se del caso, abbia avuto l opportunità di adottare i provvedimenti necessari per porre termine a tale precedente situazione di inottemperanza. La percentuale fissata per il primo caso di infrazione deve essere moltiplicata per 3 (tre) 35 L ESITO Intenzionalità: infrazione commessa intenzionalmente dall agricoltore. La percentuale di riduzione non è, in linea di massima, inferiore al 20% e può arrivare fino all esclusione totale da uno o piùregimi di aiuto ed essere applicata a uno o più anni civili. Si considera intenzionale l infrazione rilevata in uno dei seguenti casi: a) quando l infrazione alla singola norma supera i livelli stabiliti dall Autorità di controllo b) quando sia riscontrato dagli Enti Specializzati nel corso dei loro controlli c) quando si verificano le condizioni di ripetuta reiterazione dell infrazione 36 18

19 19 37 L ESITO B15 B14 B13 B12 B11 B10 A8 A7 A C18 C17 C16 Benessere Salute pubblica 38 IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE

20 IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE Gli Stati Membri mettono a disposizione degli agricoltori un sistema di consulenza sulla conduzione della terra e dell azienda (sistema di consulenza aziendale), gestito da una o piùautoritàdesignate o da enti privati. Il sistema di consulenza verte come minimo sui criteri di gestione obbligatori e sulle buone condizioni agronomiche ed ambientali. Gli agricoltori possono partecipare al sistema di consulenza aziendale a titolo volontario. Misura Utilizzo dei servizi di consulenza Gli imprenditori agricoli e i detentori di aree forestali possono avere il contributo previsto dalla Misura 114 del PSR per le spese di consulenza sulla condizionalità e sulla prevenzione e protezione sul lavoro rivolgendosi agli Organismi di Consulenza riconosciuti dalla Regione del Veneto. La deliberazione della Giunta regionale n del 08/07/2008ha stabilito i requisiti che devono possedere le società e le associazioni per essere riconosciute come Organismi di Consulenza. La Direzione regionale Agroambiente, competente per le istruttorie, ha riconosciuto gli Organismi di consulenza idonei iscrivendoli nell'elenco regionale degli Organismi di Consulenza per la Misura 114 distinto nelle sezioni agricola e forestale. Gli interessati possono trovare nei due elenchi tutte le informazioni utili per scegliere l'organismo di consulenza al quale rivolgersi. 39 IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE Denominazione : Associazione Regionale Allevatori del Veneto - ARAV Riconoscimento con Decreto del Dirigente Dir. Agroambiente e Servizi per l Agricoltura n. 67 del 12/02/09 Indirizzo sede operativa: corso Australia 67/A PADOVA PD Telefono : Fax : Posta elettronica : Denominazione : UNICARVE - associazione produttori carni bovine del triveneto Riconoscimento con Decreto del Dirigente Dir. Agroambiente e Servizi per l Agricoltura n. 67 del 12/02/09 Indirizzo sede operativa: via 1 maggio Legnaro PD Telefono : Fax : Posta elettronica : Denominazione : Associazione Provinciale Allevatori di Treviso Riconoscimento con Decreto del Dirigente Dir. Agroambiente n. 15 del 20/02/12 Indirizzo sede operativa: vicolo Mazzini Fontane di Villorba TV Telefono : Fax : Posta elettronica : 40 20

21 IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE 2. Soggetti richiedenti Possono richiedere il riconoscimento dell idoneità all erogazione di servizi di consulenza agricola e forestale gli organismi privati con forma giuridica di società o associazione, anche professionale, costituita con atto pubblico. 3. Criteri di ammissibilità Per essere riconosciuti idonei all erogazione di servizi di consulenza agricola e forestale, gli organismi richiedenti devono possedere, alla data di presentazione della domanda, i seguenti requisiti minimi: a) fini statutari o oggetto sociale comprendenti la realizzazione di attività e servizi di consulenza/assistenza agli imprenditori agricoli e /o ai detentori di aree forestali; b) non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o avere in corso a proprio carico un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni; c) essere in regola con gli obblighi contrattuali, assistenziali e previdenziali a favore dei lavoratori nonché con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse; d) adeguata capacità e qualificazione dello staff tecnico che deve, nel suo complesso, possedere adeguate conoscenze e competenze su tutti i campi di condizionalità previsti dalla normativa comunitaria (ambiente; sanità pubblica, salute delle piante e degli animali; benessere degli animali; buone condizioni agronomiche e ambientali) e in materia di sicurezza sul lavoro, nonché sugli aspetti tecnico-gestionali relativi all applicazione degli atti e delle norme che ad essi si riferiscono. Lo staff tecnico deve essere composto da almeno quattro operatori da impiegare direttamente nell erogazione di servizi di consulenza e deve comunque comprendere almeno un laureato o diplomato in materie agrarie, un laureato in discipline ad indirizzo zootecnico o veterinario e un esperto in materia di prevenzione e protezione sul lavoro, di cui 41 al Testo unico Dlgs 81/2008 art.32 con specializzazione nel settore agricoltura. IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE Gli operatori esperti in condizionalità devono essere singolarmente in possesso di tutti i requisiti di seguito specificati: - titolo di studio di livello, come minimo, di scuola superiore pertinente con le materie oggetto di consulenza (laurea in scienze agrarie, forestali, delle preparazioni alimentari, delle produzioni animali, medicina veterinaria, diploma di perito agrario, agrotecnico, ed eventuali altre lauree o diplomi pertinenti); - partecipazione ad iniziative formative/informative di almeno 20 ore complessive in tema di condizionalità, frequentando appositi corsi, per i quali sia previsto il rilascio di attestato, organizzati, anche in modalità e-learning, dall ente strumentale regionale Veneto Agricoltura o da altri istituti ed enti pubblici. Successivamente al 1 gennaio 2009, la durata di tali iniziative formative/informative sarà di almeno 24 ore. Da tale data, inoltre, per mantenere l autorizzazione a svolgere attività di consulenza, gli operatori dovranno frequentare iniziative formative/informative di aggiornamento della durata minima di 24 ore con cadenza almeno biennale, organizzate, anche in modalità e-learning, dall ente strumentale regionale Veneto Agricoltura o da altri istituti ed enti pubblici; - esperienza lavorativa almeno biennale nell ambito della consulenza agricola e/o forestale. Il possesso del titolo di studio e dell esperienza lavorativa devono essere documentati mediante la presentazione di un dettagliato curriculum professionale sottoscritto dall interessato cui dovranno essere allegati gli attestati relativi alla partecipazione ad iniziative formative/informative di almeno 20 ore in tema di condizionalità. Gli operatori dello staff tecnico, privi dei requisiti formativi sufficienti, sono tenuti ad acquisirli entro il 31/12/2008. Dal 01/01/2009 dovranno essere attestate almeno 24 ore di partecipazione ad iniziative formative/informative in tema di condizionalità

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO DETENTORE. Indirizzo.. Tipologia allevamento: vendita vitelli ingrasso vitelli N capi

Dettagli

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE TUTTO QUELLO CHE GLI ALLEVATORI DEVONO FARE PER

Dettagli

Rintracciabilità degli animali

Rintracciabilità degli animali Rintracciabilità degli animali Base normativa comunitaria Dir. 92/102 relativa all identificazione degli animali Reg. CE 820/97 che istituisce un sistema di identificazione Reg. CE 1760/00 che istituisce

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini Esperienze sul territorio dell Azienda USL di Modena Dott.ssa Giovanna Trambajolo Dott Luca Ferri Dott.ssa

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA PSR TOSCANA 2007/2013 Regolamento CE 1698/05 MISURA 114 Utilizzo servizi di consulenza Provincia di... Organismo prestatore del servizio:. Beneficiario :..... Tipologia

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA POLITICHE REGIONALI DI SVILUPPO RURALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEI BANDI PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DI ADESIONE

Dettagli

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - D.P.R. 30 aprile 1996, n.317 Regolamento recante norme per l'attuazione dell direttiva 92/10/CEE relativa all'identifcazione e alla registrazione degli animali

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014)

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Riccardo De Gobbi Sezione Agroambiente Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per

Dettagli

LA CONDIZIONALITA IN AGRICOLTURA Principi, norme e applicazioni

LA CONDIZIONALITA IN AGRICOLTURA Principi, norme e applicazioni LA CONDIZIONALITA IN AGRICOLTURA Principi, norme e applicazioni La condizionalità rappresenta una serie di norme in materia ambientale, di sicurezza alimentare, di benessere e salute degli animali, di

Dettagli

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Titolo della misura: Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e dei detentori

Dettagli

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( )

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( ) ALLEGATO 1 MODELLO 1 codice 52 06 09 - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli - PEC: dg06.uod09@pec.regione.campania.it Oggetto: Richiesta autorizzazione a gestire una stazione di monta naturale

Dettagli

CONDIZIONALITÀ. Dal 1 gennaio 2005 i pagamenti degli aiuti diretti sono subordinati al rispetto di norme vigenti:

CONDIZIONALITÀ. Dal 1 gennaio 2005 i pagamenti degli aiuti diretti sono subordinati al rispetto di norme vigenti: LA CONDIZIONALITA rappresenta l insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico CONDIZIONALITÀ Dal 1 gennaio 2005 i pagamenti

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A. La condizionalità negli allevamenti da latte CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A.

Dettagli

Il regolamento orizzontale (1306/2013)

Il regolamento orizzontale (1306/2013) Il regolamento orizzontale (1306/2013) Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Milano, 14 aprile 2014 Gli atti normativi Il Regolamento

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA ORDINANZA N. 35 DEL 15-07-2015 UFFICIO SINDACO ORIGINALE Oggetto: Attuazione della Delibera di G.R.T. 1 Dicembre 2014 n. 1095 - Disposizioni operative sull'interramento in loco di carcasse di animali morti

Dettagli

Anagrafe Ovina e Caprina

Anagrafe Ovina e Caprina Anagrafe Ovina e Caprina Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it www.sanita.regione.lombardia.it (Veterinaria) Sommario:

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg.

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. CE1698/05) Riconoscimento degli organismi abilitati all erogazione di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE 6.8.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 205/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2005 recante modifica dell allegato IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE L 16/46 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.1.2005 REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE del 19 gennaio 2005 che attua il regolamento (CE) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Anagrafe Suina. Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Anagrafe Suina. Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Anagrafe Suina Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it www.sanita.regione.lombardia.it (Veterinaria) E possibile consultare

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI All Ufficio S.U.A.P. del COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI ai sensi dell art. 19 L. 241/90 e D.P.R. 8

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo Seconda Sessione - L impatto sulla sicurezza alimentare: dall autocontrollo al controllo ufficiale PERCORSO FROM FARM TO FORK

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

PSR REGIONE MARCHE 2014-2020

PSR REGIONE MARCHE 2014-2020 PSR REGIONE MARCHE 2014-2020 MISURA 6.1 AIUTO ALL AVVIAMENTO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Andrea Sileoni Settembre 2015 1 Obiettivi e finalità La misura si pone l obiettivo di: favorire l

Dettagli

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI INDICE Capo 1. Macellazione di ovini secondo rito religioso presso

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

Allegato 1 alla D.G.R. n. del

Allegato 1 alla D.G.R. n. del Allegato 1 alla D.G.R. n. del MISURA INVESTIMENTI Programma Nazionale di Sostegno (PNSV) FINALITÀ AMBITO DI APPLICAZIONE E DURATA DELLA MISURA SOGGETTI AMMISSIBILI AL SOSTEGNO COMUNITARIO TIPOLOGIE DI

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti.

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. POLITICA AGRICOLA COMUNE DOMANDA UNICA 2007 Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. Da quest anno, per effetto delle norme contenute nella Finanziaria 2007, i premi PAC non verranno più pagati

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

Domanda Unica campagna 2013

Domanda Unica campagna 2013 Allegato A al Decreto Dirigenziale n.116 del 07/10/2013 Agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Settore Affari generali, Contabilizzazione, Controlli aziendali ed ex-post P.O. Verifiche

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI E DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) AI SENSI DELLA D.G.R. LIGURIA 29/06/2012 N. 793 1. Introduzione Un efficace formazione e un adeguato addestramento del personale

Dettagli

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina Modello 1 Alla Regione Campania A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Sperimentazione Informazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli Oggetto:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative ALLEGATO 1) RELAZIONE TECNICA (da allegare alle istanze presentate ai sensi della Misura 121 del PSR 2007-2013 "Ammodernamento delle aziende agricole") Aziende non cooperative N. DOMANDA RICHIEDENTE DATI

Dettagli

Legislazione di riferimento

Legislazione di riferimento CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO SULL APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE E REGISTRAZIONE DEGLI ANIMALI DELLA SPECIE BOVINA E BUFALINA AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) 1082/03 E SUCCESSIVE

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 8 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro DECRETO LEGISLATIVO 7 luglio 2011, n.122 Attuazione della direttiva 2008/120/CE che stabilisce le norme minime per la protezione dei suini. (11G0164)

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Roberto Pagni Regione Toscana Luglio 2015 Firenze 1 PACCHETTO GIOVANI: OBIETTIVI 1/2 Promuovere

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 53/25 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21 febbraio 2001 recante Unito [notificata con il numero C(2001) 474] (Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/145/CE) LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 Oggetto: Domanda Unica campagna 2016: avvio del procedimento di cui al Reg.

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Struttura Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali PSR 2007/2013 Istruzioni per la compilazione Istanze

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

I requisiti del latte alimentare

I requisiti del latte alimentare I requisiti del latte alimentare Le disposizioni delle Linee Guida e della Misura 215. Progetto Qualità Latte Premessa A partire dal 1 gennaio 2006, sono in applicazione le disposizioni previste dai regolamenti

Dettagli

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016)

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTO l art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELL AZIONE 1.1

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Genova, 2 luglio 2014 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Le vostre domande e le nostre risposte Per alcune di esse,

Dettagli

"La condizionalità in agricoltura: principi, norme e applicazione

La condizionalità in agricoltura: principi, norme e applicazione "La condizionalità in agricoltura: principi, norme e applicazione Laboratorio di consulenza partecipata Regione Puglia Assessorato alle Risorse Agroalimentari Regione Puglia Servizi di Sviluppo Agricolo

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO X Roma, AGLI ASSESSORATI ALLA SANITA DELLLE REGIONI E PROVINCE

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 32 31 marzo 2015 Oggetto : Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale

Dettagli

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99.

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99. Allegato A1 Al Servizio Veterinario dell Azienda ULSS n.. RACCOMANDATA A/R Oggetto: notifica ai sensi del Regolamento (CE) 183/2005 - art. 18, comma 1. Il sottoscritto nato a il _ _ / _ _ / _ _ _ _ in

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina:

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina: intesa Stato/Regioni n. 159/CSR del 23-9-2010 In materia di impiego transitorio di latte crudo bovino non rispondente ai criteri di cui all allegato III, sezione IX del regolamento CE 853/2004, per quanto

Dettagli

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta)

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta) RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA del Piano di Investimenti (PI) presentato ai sensi della Misura 121 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna (Reg. CE 1698/2005) allegata alla DOMANDA DI AIUTO presentata

Dettagli

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Il Regime di Pagamento Unico Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Riforma Fischler (2003) Motivazioni della riforma Allargamento dell UE del 2004 (15 25 Stati Membri): Nuovi SM: rapporto abitanti/agricoltori;

Dettagli

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia Rassegna Suinicola Internazionale, Reggio Emilia 16.04.09 Benessere dei suini Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione macellazione Paolo Candotti IZSLER, Brescia Un po di

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli