DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via F.lli Kennedy, 7 SANTERAMO IN COLLE (BA) ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (PERCORSO EDUCATIVO E FORMATIVO) A.S Classe 5ª TIEN /A Docente Coordinatrice Prof.ssa Rosanna Renna Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maddalena RAGONE AFFISSIONE ALL ALBO PROT C29/A DEL 11/05/2012 1

2 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIA COGNOME E NOME FIRMA ITALIANO STORIA ROSANNA RENNA ROSANNA RENNA INGLESE PAOLA GUARINI MATEMATICA C. AMOROSO D'ARAGONA ED. FISICA TOTARO PATRIZIA SISTEMI LUIGI SPORTELLI TELECOMUNICAZIONI NUNZIO SCATTAGLIA COOP.LAB. RELIGIONE V.ERASMO LUCARELLI MICHELE D'AMBROSIO Coordinatore- Segretario Prof.ssa Rosanna Renna IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Maddalena Ragone 2

3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE INDICE 1) INDIRIZZI DI STUDIO 2) PRESENTAZIONE DELLA CLASSE a. Dati statistici storici del triennio della classe b. Informazioni generali sulla classe c. Risultati anni precedenti 3) ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 4) PERCORSO FORMATIVO ED EDUCATIVO 5) METODI, MEZZI E TEMPI 6) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI 7) CRITERI GENERALI PER L'ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO 8) GRIGLIE DI VALUTAZIONE 9) CONTENUTI DISCIPLINARI Matematica Educazione Fisica Sistemi Italiano Storia Telecomunicazioni Religione Inglese Programmazione educativa individualizzata 10) SIMULAZIONE TERZA PROVA a. Prima simulazione b. Seconda simulazione ALLEGATO: progetto terza area di professionalizzazione 3

4 2) INDIRIZZI DI STUDIO Il corso di studi è suddiviso in due cicli distinti: un triennio, al termine del quale si consegue un attestato di qualifica, ed un biennio successivo che consente, attraverso gli Esami di Stato, di conseguire un diploma. Le qualifiche (di durata triennale), consentono l inserimento nel mondo del lavoro e sono conseguite dopo un biennio di base e un monoennio di indirizzo. Attualmente sono attivati i seguenti corsi: - Tecnico dell Industria Meccanica - Tecnico dell industria Elettronica - Tecnico Chimico-Biologico - Tecnico Abbigliamento Moda I corsi post-qualifica sono integrati da corsi di valenza regionale, noti come corsi di Terza Area; essi consentono il conseguimento, superato l Esame di Stato, di un ulteriore qualificazione tecnica. Questi corsi prevedono esperienze lavorative nelle aziende di settore, attività progettuali e approfondimenti delle discipline affini a quelle curricolari. -CORSI POST-QUALIFICA DI NUOVO ORDINAMENTO [ BIENNIO ] L abbandono della specializzazione dei ruoli, provocato dalla massiccia introduzione dell automazione e dell informatica nel mondo del lavoro, richiede sempre più la figura di un tecnico multiruolo ed una nuova cultura tecnica, caratterizzata da: - flessibilità: capacità di fare lavori diversi e di giocare ruoli diversi; - imprenditorialità: responsabilizzazione sia in un lavoro autonomo che dipendente, come adesione a criteri di qualità del prodotto; - trasversalità: ricorso a conoscenze logiche di base, piuttosto che specialistiche. Il nuovo curricolo per il quarto e il quinto anno del corso post qualifica è finalizzato ad un rapido accesso al mondo del lavoro, sia esso rivolto verso l industria che autonomo. Si pone quindi l obiettivo di dare agli allievi una concreta e spendibile identità professionale. Il curricolo è,quindi, articolato in maniera da definire una figura professionale, che attraverso un robusto substrato culturale, sia in grado di valorizzare gli aspetti applicativi ed operativi del sapere. 4

5 Risultato dello scrutinio finale della classe IV MATERIA N STUDENTI M=6 N STUDENTI M=7 N STUDENTI M=8 N STUDENTI M=9/10 N STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO Italiano Storia Matematica Inglese 5 2 telecomunicazioni sistemi

6 Informazioni generali sulla classe Breve storia della classe. Continuità didattica/discontinuità didattica: La classe è composta da 14 alunni, tutti provenienti dalla stessa classe quarta. Gli allievi sono residenti a Santeramo eccetto due che provengono dalla vicina cittadina di Sannicandro. La loro estrazione sociale è alquanto omogenea, poiché appartengono a famiglie della borghesia operaia e contadina. Parecchi alunni lavorano nelle ore pomeridiane e ciò influisce negativamente sull' impegno domestico nell'applicazione allo studio che risulta scarso e saltuario. La classe ha cambiato alcuni docenti dello scorso anno (matematica, sistemi ed. fisica, ) ; questo ha significato doversi confrontare con metodologie diverse che hanno tuttavia consentito una maggiore apertura al dialogo educativo, non sempre continuo e produttivo. Il gruppo ha conquistato una minima autonomia di lavoro; la disposizione all apprendimento si è rivelata per buona parte della classe adeguata alla classe frequentata. Per quanto concerne l andamento didattico-disciplinare, i docenti sottolineano un comportamento non sempre corretto degli alunni che si è manifestato in frequenti ritardi nell'ingresso a scuola e un atteggiamento passivo nelle attività scolastiche. Soltanto alcuni hanno maturato un atteggiamento responsabile e l impegno necessario per la preparazione all Esame di Stato. Un ristrettissimo gruppo ha mostrato di possedere un metodo di studio organizzato. La classe ha frequentato il corso di terza area di professionalizzazione terminato il \12 aprile 2012,di cui si allega la relazione. La classe ha partecipato a quasi tutti gli incontri di orientamento e culturali organizzati dall'istituto. 6

7 V CANDIDATI O T0 DI Q U A LI FI CREDI TO SCOL ASTIC O III ANNO ME DIA VOT I IV AN NO CRE DIT O SCO LAS TIC O IV AN DEBITO FORMATIVO CREDITO TOTALE C NO A 09/ , / , / ,00 5 elettronica 9 09/ , / , / ,00 4 matematica 8 09/ , / ,00 4 Matematica,ele ttr. 8 07/ , / , / , / ,00 5 Ital., mat / ,00 5 elettronica 9 07/ ,

8 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO RISPETTO AGLI OBIETTIVI PREFISSATI Il lavoro collegiale è stato basato essenzialmente sulla tipologia tradizionale del Consiglio di Classe. In relazione alle singole discipline sono state realizzate riunioni per materia, per la definizione degli obiettivi formativi, dei programmi per il loro conseguimento, dei criteri di valutazione, dei testi da adottare, etc. Esiste un docente responsabile della gestione delle attività della Terza area. Le attività curriculari e l organizzazione della didattica hanno seguito procedure tradizionali. 5. PERCORSO FORMATIVO ED EDUCATIVO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI CONSEGUITI Senso di responsabilità di gruppo e personale (per buona parte della classe). Capacità di orientare le proprie attitudini personali. Definizione e arricchimento, in senso culturale e specifico, del profilo professionale in uscita (per un piccolo gruppo di alunni). CONTENUTI TRASMESSI E OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI In termini di acquisizione conoscenze e competenze, utilizzo conoscenze e capacità, rielaborazione conoscenze, abilità linguistico-espressive, uso del linguaggio tecnico, si rimanda ai programmi svolti dai singoli docenti. 8

9 6) METODI, MEZZI E TEMPI Metodi Lezioni frontale Lavori di gruppo Ricerche individuali Dibattito e confronto in classe Esercitazioni Prove strutturate e semistrutturate Simulazione di tipologie delle prove d esame e di colloquio Mezzi Laboratori e aula di informatica Sussidi audiovisivi Libri di testo, fotocopie, appunti, testi e documenti internet Palestra e attrezzature sportive Tempi del percorso formativo 7) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI DAL CONSIGLIO SULLA BASE DEI CRITERI GENERALI DEL COLLEGIO DOCENTI La valutazione è stata trasparente ed oggettiva ed ha tenuto conto dei livelli di partenza, degli obiettivi formativi, dell attenzione, della partecipazione, dell impegno, delle attività svolte. Ai diversi momenti di valutazione formativa ha fatto seguito in tutte le discipline quella sommativa: interrogazioni (almeno tre per quadrimestre) Nuove tipologie della I prova: analisi del testo; saggio breve; articolo di giornale; tema di storia e tema d attualità. Prove strutturate e semistrutturate Esercitazioni Simulazione terza prova (n.2) L insegnante di Italiano ha avuto cura di somministrare alla classe prove scritte nelle nuove tipologie previste per l esame di Stato. Sono state effettuate due simulazioni della III prova di esame contenenti i quesiti oggetto della prova in forma, la prima di risposta singola (Tipologia B) e la seconda a scelta multipla (Tipologia C) nelle seguenti discipline: Storia, sistemi lab, inglese. 9

10 8) CRITERI GENERALI PER L'ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO Assenze minori o uguali a 50 giorni una positività Media dei voti da maggiore di 0,4 minore uguale a 0,7 una positività Media dei voti da maggiore di 0,7 minore uguale a 1 due positività Partecipazione ad attività aggiuntive (POF) per ogni attività una positività Per ogni credito formativo una positività Valutazione positiva alla terza area (solo III e IV professionale) una positività Due positività fanno scattare il punteggio massimo della banda di oscillazione. Per la media maggiore o uguale a 5 e minore di 6 si possono attribuire da 1 a 3 punti di credito. In questo caso si segue il seguente criterio: nessuna positività o una sola positività un punto di credito due positività due punti di credito tre positività tre punti di credito 10

11 9) GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE I PROVA SCRITTA Tipologia A: analisi di un testo letterario e non, in prosa o poesia Obiettivo Valutazione Voto Comprensione del testo, pertinenza e completezza d informazione articolo minimo 1 massimo 3 di giornale Obiettivo Valutazione Voto Pertinenza, capacità di avvalersi del materiale proposto e coerenza rispetto alla tipologia scelta minimo 1 massimo 4 Correttezza dell informazione e livello di approfondimento/originalità minimo 1 massimo 4 Espressione organica e coerenza espositiva - argomentativa minimo 1 massimo 4 Correttezza ortografica, lessicale e sintattica minimo 1 massimo 3 Tipologia C: tema di argom Completezza nell analisi delle strutture formali e tematiche minimo 1 massimo 3 Capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale minimo 1 massimo 3 Espressione organica e consequenziale minimo 1 massimo 3 Correttezza ortografica, lessicale e sintattica minimo 1 massimo 3 Tipologia B: saggio breve oento storico Obiettivo Valutazione Voto Conoscenza esatta in senso diacronico e sincronico minimo 1 massimo 4 Esposizione ordinata e organica degli eventi storici considerati minimo 1 massimo 4 Analisi della complessità dell evento storico nei suoi vari aspetti per minimo 1 massimo 4 arrivare ad una valutazione critica Correttezza ortografica, lessicale e sintattica minimo 1 massimo 3 Tipologia D: tema di carattere generale Obiettivo Valutazione Voto Pertinenza e conoscenza dell argomento minimo 1 massimo 4 Correttezza dell informazione e livello di approfondimento/originalità minimo 1 massimo 4 Espressione organica e coerenza espositiva - argomentativa minimo 1 massimo 4 Correttezza ortografica, lessicale e sintattica minimo 1 massimo 3 Valutazione prova../15 11

12 GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA: ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI ED APPLICAZIONI ADERENZA ALLA TRACCIA COMPLETA PARZIALE SUPERFICIALE INCOMPLETA SCARSA NESSUNA CONOSCENZA DEI CONTENUTI LINGUAGGIO SPECIFICO Appropriato Qualche incertezza Assolutamente incerto Scorretto Molto scorretto Articolata Appropriata Incerta Incerta Non evidenziata CAPACITA CRITICA

13 TERZA PROVA SCRITTA La terza prova eseguita in preparazione dell esame ha evidenziato una maggiore attitudine degli alunni verso quesiti a risposta multipla. ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO DELLA TERZA PROVA Punteggio : 0,25 punti per ciascuna risposta esatta, 1 punto per la risposta aperta, 0 nel caso di risposta inesatta o non data MATERIA INGLESE 1 1 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 MATEMATICA 1 1 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 TELECOMUNICAZIONI 1 1 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 STORIA 1 1 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 0,25 Valutazione prova 3/75 13

14 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL COLLOQUIO CANDIDATO: Conoscenze Conosce i temi trattati: (votazione da 1 a 5) superficialmente 1/2 adeguatamente 3/4 approfonditamente 5 Espressione Si esprime con linguaggio specifico: (votazione da 1 a 5) non sempre corretto e appropriato 1/2 corretto ed adeguato 3/4 adeguato, ricco e fluido 5 Esposizione Articola il discorso in modo non sempre coerente 1/2 (votazione da 1 a 5) Articola il discorso in modo semplice e coerente Analisi (votazione da 1 a 5) Sintesi (votazione da 1 a 5) Valutazione (votazione da 1 a 5) Articola il discorso adeguatamente ed in modo ricco ed organico Non sa individuare i concetti chiave Sa analizzare alcuni aspetti significativi Sa analizzare i vari aspetti significativi ed approfondisce adeguatamente Sa individuare i concetti chiave ma non collegarli Sa individuare i concetti chiave e stabilire semplici collegamenti Sa individuare i concetti chiave e stabilire efficaci collegamenti Non sa esprimere giudizi personali né operare scelte proprie Esprime giudizi e scelte adeguati ma non debitamente motivati Esprime giudizi e scelte adeguati ampiamente e criticamente motivati Valutazione prova.. 14

15 PRIMA SIMULAZIONE TERZA PROVA 15

16 16

17 17

18 IISS -IPSIA CLASSE V SIMULAZIONE III PROVA STORIA 1 L isolazionismo dell America dopo il primo conflitto determinò + L allontanamento ideologico rispetto alla politica dell Europa + La supremazia politica degli Stati Uniti + Il Paese badava a curare solo la politica interna + Il Paese aveva esaurito le materie prime 2 Nel 29 il crollo della borsa americana fu causato da + Un esagerata produzione industriale + Perdita di posti di lavoro + Una gigantesca diminuzione della liquidità,ovvero furono immesse sul mercato troppe azioni. + Le banche imponevano troppi interessi 3 La propaganda fascista operava + attraverso I mezzi di comunicazione e l'istruzione + attraverso rappresentanti del governo che contattavano direttamente I cittadini + attraverso I discorsi del duce + attraverso riviste specializzate 4 Il Nazismo propagandava + la purezza della razza, la lotta al marxismo,il disprezzo per la democrazia + l'unificazione dell'europa sotto la presidenza tedesca + il primato culturale della tradizione tedesca + il primato personale del primo Cancelliere 5 In non più di dieci righi esponi le cause del successo e l entrata al governo del Partito fascista nel In non più di dieci righi esponi perché anche in Italia furono applicate le leggi razziali (1928) 18

19 TELECOMUNICAZIONI a) Domande a risposta aperta 1. Descrivi brevemente il rumore termico. Punti 1 2. Illustrare la modulazione AM. Punti 1 b) Domande a scelta multipla 1) Il campo elettrico e quello magnetico di un onda elettromagnetica giacciono in due piani che sono: paralleli fra loro perpendicolari fra loro i due piani formano un angolo di 45 i due piani formano un angolo di 180 Punti 0,25 2) Quante emittenti radiofoniche commerciali AM possono essere allocate in una banda di 90 KHz, nel caso in cui fissiamo come massima frequenza permessa della modulazione 4,5 KHz: altro cioè. Punti 0,25 19

20 3) La lunghezza d onda di 820nm espressa in µm diventa: 8,2 82 0,82 0,00082 Punti 0,25 4) Se un amplificatore ha in ingresso un rapporto segnale rumore pari a 100 e in uscita pari a 50, allora la figura di rumore F sarà uguale a: 0, Punti 0,25 5) Se l angolo al vertice del cono di accettazione di una fibra ottica è 80, l apertura numerica è data da: sen 80 cos 80 sen 40 cos 40 6) Se un onda avente una lunghezza d onda di 1000 metri si propaga nel vuoto la sua frequenza sarà: 300 MHz 1000 Hz 300 KHz 3000 Hz Punti 0,25 Punti 0,25 7) La potenza associata alla portante di un segnale AM con m=80% è pari a 10W. Qual è la potenza associata alle bande laterali: 3,6 W 1,8 W 2,8 W 1,18 W Punti 0,25 Totale /3,75 20

21 ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA PIETRO SETTE Sez. IPSIA DISCIPLINA: INGLESE TERZA PROVA 1) Guglielmo Marconi a) predicted the existence of electromagnetic waves b) showed that an electric current produces magnetic effects c) demonstrated that radio waves could travel without any connecting wires d) developed a practical radio system for long distances 2) The iconoscope a) is an electronic camera developed by Zworykin b) is a mechanical system invented by Baird c) is a vacuum tube conceived by Braun d) is a special screen invented by Rosing 3) The distance from crest to trough a) is called wavelength b) is called amplitude c) is called frequency d) is called spectrum 4) Sky waves a) are mainly used for navigation signals and for AM radio signals b) are only used for AM radio signals c) are mainly used for FM radio signals and for TV signals d) are used for cell phones and for satellite communications 5) The fibre-optic cable a) has a metal tube conductor surrounding an inner conductor b) can have a typical diameter of 7 mm c) carries messages in the form of light d) is bigger than a coaxial cable 6) A multiple element antenna a) consists of a straight metal rod split in the centre b) has one or more dipoles and one or more reflectors c) is made up of dipoles, reflectors and directors d) has more directors placed behind dipoles 21

22 7) Frequency modulation a) is the oldest and method for radio transmission b) was developed to overcome the interference of AM radio reception c) is more susceptible to certain kinds of interference d) is not suitable for the transmission of stereophonic sound 8) What did Samuel Morse invent? ) Who created the cathode ray tube? What is it?

23 SECONDA SIMULAZIONE TERZA PROVA 23

24 24

25 25

26 NOME ALLIEVO... IISS PIETRO SETTE CLASSE V TIEN II SIMULAZIONE DI STORIA 1 Per decolonizzazione si intende + l'imposizione ai coloni di nuove leggi + il passaggio politico da una nazione ad un'altra + la formazione di Stati asiatici ed africani indipendenti + la disgregazione degli imperi coloniali delle potenze europee 2 Con il piano Marshall l'america si proponeva di + evitare il ripetersi di una crisi economica mondiale e contrastare il comunismo + vendere più prodotti americani in Europa + favorire la circolazione del dollaro anche in Europa + esportare in Europa I manufatti dell'industria americana 26

27 3 la guerra di Corea scoppiò perchè + gli Stati Uniti volevano ostacolare l'espansione politica dell'unione Sovietica + perchè la Corea era in una posizione strategica nel Pacifico + perchè gli S.U. Volevano sfruttare le risorse naturali del territorio coreano + perchè la Corea attaccò militarmente gli S.U. 4 il processo di distensione si chiamò così,perchè + I confini dell'europa furono distesi verso oriente + si volevano ottimizzare I rapporti tra Berlino est e Berlino ovest + Il Partito comunista sovietico desiderava far dimenticare I crimini di Stalin + ci fu un graduale allentamento della tensione tra Unione Sovietica e mondo occidentale 5 Negli anni 50 in Europa si verifica un intensa crescita economica, perché Dall America arriva molto denaro Si intensifica lo sviluppo del mercato mondiale Nasce il fenomeno della pubblicità Si stava realizzando il processo di decolonizzazione 6 La cortina di ferro era + un confine sempre esistito tra i paesi dell est Europa e la Turchia + un muro di metallo per difendersi da eventuali attacchi missilistici + una linea di confine fra i paesi dell est europa e quelli dell ovest 27

28 + una specie di tenda in metallo 7 In Italia, nel 1946 fu indetto il referendum tra monarchia e repubblica perché + la monarchia era accusata di essere stata complice del fascismo + occorreva esercitare i cittadini a votare dopo venti anni di dittatura + la repubblica era una forma di governo più moderna + lo stesso re d Italia lo aveva richiesto 8 esponi brevemente su quali principi si basa la Costiuzione italiana 9 commenta i primi due articoli della Costituzione 28

29 TELECOMUNICAZIONI b) Domande a risposta aperta 1. Descrivi brevemente la struttura di una fibra ottica. Punti 1 2. Illustrare la modulazione FSK. Punti 1 b) Domande a scelta multipla 1) Nella modulazione impulsiva PAM si modifica: l ampiezza dell impulso portante la durata dell impulso portante la posizione dell impulso portante la frequenza dell impulso portante Punti 0,25 2) Se un modulatore FM di sensibilità K f =4 khz/v è modulato da una tensione sinusoidale avente frequenza di 1 khz e ampiezza 1,5 V l indice di modulazione di frequenza m f ammonta a:

30 Punti 0,25 3) Le funzioni di Bessel servono a determinare: l indice di modulazione la pulsazione istantanea l ampiezza delle righe spettrali la banda di frequenza Punti 0,25 4) L indice di modulazione di fase è dato da: m ph = Δα max m ph = Δα max /f m m ph = Δf max /f m m ph = V p /f m Punti 0,25 5) Qual è l intruso: fibre ottiche doppino telefonico cavo assiale etere Punti 0,25 6) Un segnale sinusoidale di 8 KHz è modulato in frequenza da un segnale sinusoidale con un indice di modulazione m f =5. La larghezza di banda del segnale FM risulta di: 180 KHz 96 KHz 16 KHz 5 KHz 7) Una sequenza binaria viene trasmessa in un tempo di 1 ms. Qual è la frequenza di cifra: 10 Kbit/s 10 bit/s 1 Kbit/s 2 Kbit/s Punti 0,25 Punti 0,25 Totale /3,75 30

31 ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA PIETRO SETTE Sez. IPSIA TERZA PROVA DISCIPLINA: INGLESE CANDIDATO: CLASSE: 1) A modulated signal is amplified a) to be separated from the carrier wave b) to remove half of its voltage c) to increase its power d) to decrease its power 2) Attenuation is a) the reduction in the amplitude of a signal b) the reduction in the amplitude and power of a signal c) the presence of undesirable electromagnetic emissions d) an undesired change in the amplitude of a signal 3) A typical coaxial cable a) is about 7 mm in diameter b) is longer than 22 mm c) is about 2 mm in diameter d) is smaller than a fibre optic cable 4) The first telephone exchange a) opened in 1878 in Germany b) was introduced in 1879 in Italy c) opened in 1878 in the USA d) was inaugurated in 1877 in France 5) Cellular telephones a) transmit messages using radio signals b) transmit messages using audio signals c) cannot transit over a wide area d) cannot communicate with home phones 31

32 6) John Logie Baird was a Scottish inventor a) who elaborated the spinning disc b) who invented the cathode ray tube c) who opened the first television studio d) who created the first colour television 7) The first automatic telephone exchange a) was invented by Alexander Graham Bell b) was introduced by a German physicist c) was invented by an American funeral director d) was patented in the 1880s 8) How did exchange operators connect callers? ) What is modulation? What are its most commonly altered characteristics?

33 CONTENUTI DISCIPLINARI PROGRAMMI 33

34 Disciplina: STORIA Docente: RENNA Classe /5TIEN Testo: De Bernardi Guarracino STORICAMENTE Ed. Bruno Mondadori OBIETTIVI Le conoscenze acquisite riguardano: Conoscenza dei fenomeni storici Capacità di appropriarsi della memoria storica Saper interpretare le dinamiche storiche e sociali del passato, al fine di orientarsi per la comprensione dei fatti del presente Saper usare il linguaggio specifico della disciplina. CONTENUTI MODULO 1 L Europa agli esordi del XX secolo MODULO 2 La dissoluzione dell ordine Europeo MODULO 3 Democrazie e regimi totalitari fra le due guerre: Fascismo e Nazismo MODULO 4 La Seconda Guerra Mondiale MODULO 5 Il Mondo diviso METODOLOGIA Sono stati effettuati dibattiti aperti e lezioni frontali in modo da stimolare le capacità logico-dialogiche, le capacità di analisi e critica dei fatti storici. Sono stati usati libri di testo, documenti storici, mezzi audiovisivi. VERIFICA Le verifiche sono state orali e scritte; queste ultime sono state realizzate mediante prove strutturate e semistrutturate con quesiti a risposta multipla, brevi trattazioni argomentative e temi strutturati. Inoltre sono state realizzate ricerche individuali e tesine. VALUTAZIONE E stato valutato il conseguimento degli obiettivi programmati con particolare riferimento alle capacità di analisi e di sintesi secondo la griglia di valutazione approntata. È stato oggetto di valutazione, soprattutto, l impegno profuso e l attiva partecipazione. SANTERAMO IN COLLE, DOCENTE 34

35 Disciplina: ITALIANO Docente: Prof. RENNA Classe 5TIEN Testo :Magri Vittorini IMPRONTE Ed. Paravia OBIETTIVI Le conoscenze acquisite riguardano saper utilizzare la lingua sia in forma orale che scritta in modo corretto saper storicizzare un testo letterario inquadrando l opera nel suo contesto storico culturale saper produrre testi scritti argomentativi, interpretativi e articolati di giornale saper produrre commenti coerenti ai testi letterari letti conoscere la correnti letterarie saper comprendere ed analizzare diverse tipologie testuali. CONTENUTI MODULO 1 Letteratura e Storia- Il Decadentismo e il mandato sociale del letterato MODULO 2 Incontro con l autore Giovanni Pascoli MODULO 3 Forma della prosa Un incontro con l autore: Gabriele D Annunzio MODULO 4 Incontro con l autore: Italo Svevo - Luigi Pirandello MODULO 5 Letteratura e Storia Incontro con l autore: Giuseppe Ungaretti e Eugenio Montale MODULO 6 La parabola del Neorealismo: Realismo ed esistenzialismo in Alberto Moravia Realismo e simbolismo in Cesare Pavese MODULO 7 Incontro con l'autore: Pasolini Calvino Levi METODOLOGIA La strategia didattica è stata realizzata sia con lezioni frontali che interattive, sostenute da dibattiti aperti in modo da incoraggiare l approccio problematico alle conoscenze e per stimolare il senso critico. Come strumento didattico sono stati utilizzati appunti, questionari, fotocopie e sussidi audiovisivi VERIFICA Le verifiche in itinere sono state orali e scritte; queste ultime sono state di tipo tradizionale e strutturate, singola e con brevi trattazioni argomentative e temi strutturali con tipologia riflessiva e di attualità. E stato sperimentato il saggio breve e l articolo di giornale.

36 VALUTAZIONE E stato valutato il conseguimento degli obiettivi programmati con particolare riferimento alle capacità logico-dialogiche, di analisi, in rapporto alle griglie di valutazione. Sono state realizzate ricerche soggettive e stesure di tesine su autori, correnti letterarie di appartenenza, periodo storico. Sono stati altresì valutati il grado di partecipazione in classe e l impegno dimostrato. SANTERAMO IN COLLE, DOCENTE

37 EDUCAZIONE FISICA OBIETTIVI Conoscere le regole degli sport MODULO 2: PRONTO SOCCORSO OBIETTIVI Conoscere i principali traumi che possono capitare durante l attività sportiva. Primi soccorsi CONTENUTI: pallavolo calcio tennis tavolo CONTENUTI Lesioni dell apparato scheletrico e dell apparato muscolare TEMPI Di attuazione 10h TEMPI Di attuazione 10h MODULO 3: IPOCINESIA OBIETTIVI Conoscere le cause e le conseguenze della mancanza di movimento CONTENUTI Paramorfismi e dimorfismi della colonna vertebrale. Lo streetching MODULO 4: SOSTANZE CHE ALTERANO LE CONDIZIONI FISICHE OBIETTIVI CONTENUTI Conoscere i problemi legati al Il doping mondo dello sport MODULO 5: PREVENZAIONE ATTIVITà FISICA OBIETTIVI CONTENUTI Conoscere le pratiche prima dello Visite mediche specialistiche svenimento di qualsiasi attività sportiva MODULO 6: INFORMAZIONI DI FISIOLOGIA OBIETTIVI CONTENUTI Conoscere il funzionamento Apparato cardiocircolatorio. La dell apparato cardiocircolatorio e respirazione della respirazione TEMPI Di attuazione 10h TEMPI Di attuazione 10h TEMPI Di attuazione 10h TEMPI Di attuazione 15h MODULO 7: DISTURBI ALIMENTARI OBIETTIVI Conoscere i problemi dell alimentazione e le sue conseguenze CONTENUTI Bulimia. Anoressia. TEMPI Di attuazione 10h 37

38 Disciplina: MATEMATICA Prof.ssa Concetta Amoroso d Aragona Libro di testo : ANALISI Industria e artigianato ATLAS Fraschini Grazzi Spezia Modulo o Unità didattica Conoscenze Competenze Equazioni e Disequazioni Equazioni e disequazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni Equazioni irrazionali Saper risolvere equazioni e disequazioni di primo grado. Saper risolvere equazioni e disequazioni di secondo grado. Saper risolvere disequazioni di grado superiore al secondo e le disequazioni fratte. Saper risolvere sistemi di disequazioni. Saper risolvere equazioni irrazionali Funzioni Concetto di funzione: variabile indipendente e variabile dipendente. Classificazione delle funzioni. Determinazione dell insieme di esistenza di una funzione. Intersezione della funzione con gli assi cartesiani. Determinazione degli intervalli di positività e di negatività di una funzione, in particolare di funzioni razionali intere e fratte. Asintoti verticali e orizzontali. Punti di massimo e minimo di funzioni. Saper dire che cosa sono le funzioni. Saper classificare le funzioni. Determinare il dominio di semplici funzioni razionali,intere e fratte,irrazionali. Saper dedurre dall osservazione del grafico di una funzione il dominio, gli zeri e gli intervalli di positività e negatività, gli asintoti e i punti di massimo e minimo Grafico Probabile Dal grafico di una funzione alle sue caratteristiche Funzioni polinomiali Funzioni fratte Funzioni irrazionali Conoscere i passi per determinare le caratteristiche di una funzione e saper individuare il dominio, eventuali simmetrie, le intersezioni con gli assi, il segno. Saper dedurre dal grafico di una funzione: Il dominio della funzione rappresentata Le intersezioni con gli assi Gli intervalli in cui la funzione è positiva e negativa, gli asintiti e i punti di massimo e minimo. 38

39 Contenuti disciplinari di: ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI ED APPLICAZIONI Testo in adozione: TELECOMUNICAZIONI ED APPLICAZIONI Autore: A. Cecconelli A. Cecconelli - Editore CALDERINI CLASSE V T.I.EN. SEZ. A A.S MODULO N. 1: MEZZI DI TRASMISSIONE OBIETTIVI CONTENUTI TEMPI Conoscere i parametri caratteristici. Conoscere il concetto di propagazione nello spazio. Conoscere le fibre ottiche e le caratteristiche principali. - Sistemi di trasmissione. - Propagazione delle onde E.M. - Classificazione delle onde E.M. - Fibre ottiche. - Sorgenti e fotorivelatori. Settembre Ottobre MODULO N. 2: I SEGNALI NELLE TELECOMUNICAZIONI OBIETTIVI CONTENUTI TEMPI Conoscere le tipologie dei segnali impiegati nelle telecomunicazioni. Conoscere le origini dei segnale rumore e la sua azione nel segnale informativo. Saper valutare il rapporto Segnale/Rumore e la figura di rumore. - Analisi dei segnali nel dominio del tempo e della frequenza. - Unità di misura e livelli di segnale. - Segnali aleatori e rumore. - Figura di rumore di quadripoli in cascata. Novembre - Dicembre MODULO N. 3: MODULAZIONE E DEMODULAZIONE ANALOGICA OBIETTIVI CONTENUTI TEMPI Conoscere i caratteri caratteristici di un segnale modulato. Comprendere le tecniche di multiplazione FDM e della modulazione analogica. Conoscere i principi di funzionamento dell AM, FM, PM. Comprendere il principio di funzionamento dei modulatori e demodulatori. - Modulazione d ampiezza. - Modulazioni angolari. - Multiplazione a divisione di frequenza. - Apparati AM e FM di radio diffusione. - Rivelatori per segnali modulati. Gennaio Febbraio metà Marzo 39

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli