AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO"

Transcript

1 POR SARDEGNA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO FORMULARIO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO PATTO PER IL SOCIALE DEL DISTRETTO DI GUSPINI Novembre 2006 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

2 INDICE 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO PARTENARIATO DI PROGETTO Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Articolazione del Partenariato di Progetto QUADRO DI RIFERIMENTO DEL PROGETTO INTEGRATO Analisi di contesto Analisi SWOT OBIETTIVI E PRIORITA DEL PROGETTO INTEGRATO Costruzione dell albero dei problemi Costruzione dell albero degli obiettivi e selezione degli obiettivi prioritari Coerenza con gli obiettivi specifici definiti nei pertinenti Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati STRATEGIA E OPERAZIONI DEL PROGETTO INTEGRATO Definizione della strategia Definizione delle operazioni Analisi del rispetto del principio di Pari Opportunità Analisi della sostenibilità ambientale Definizione degli indicatori MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO INTEGRATO Iter procedurale e cronoprogrammi di attuazione delle operazioni Efficienza amministrativa del contesto territoriale di riferimento per l attuazione dell operazione Accordi di cooperazione per l attuazione del Progetto Integrato di Sviluppo QUADRO FINANZIARIO DEL PROGETTO INTEGRATO

3 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO A. Titolo del Progetto Integrato: PATTO PER IL SOCIALE DEL DISTRETTO DI GUSPINI. B. Classificazione del Progetto Integrato Tipologia del Progetto Integrato Progetto Integrato di Sviluppo Regionale Progetto Integrato di Sviluppo Territoriale Tema / Settore di Riferimento del Progetto Integrato (Fare riferimento agli Allegati dell Avviso Pubblico) Tipologia di Partenariato di Progetto Barrare la Casella di Interesse Industria, Artigianato e Servizi Regionale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Regionale Pesca, Acquacoltura e Aree Umide. Regionale Rete Ecologica Regionale. Regionale Parchi e Compendi Forestali Regionali. Regionale Itinerari di Sardegna (Itinerari Turistici) Regionale Inclusione, Sociale Regionale Sicurezza e Legalità. Regionale Industria, Artigianato e Servizi Territoriale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Territoriale Sviluppo delle Aree Rurali e Montane. Territoriale Turismo Sostenibile e Valorizzazione del Patrimonio Ambientale e Territoriale Culturale. Aree Urbane e Reti di Comuni. Territoriale 3

4 Provincia/e di Riferimento del Progetto Integrato (Barrare la/e Provincia/e solo per i Partenariati di Progetto Territoriali) Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Oristano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Sassari C. Partenariato di Progetto Tipologia e Numero di Soggetti del Partenariato di Progetto (Articolo 10, Comma 2 dell Avviso Pubblico) Numero Ente Locale (Comune, Comunità Montana, Provincia) 8 Enti Locali in Forma Associata (Associazioni, Unioni e Consorzi di Enti Locali) Impresa 7 Imprese in Forma Associata (Consorzi, Società Consortili, Associazioni Temporanee di Impresa, etc.) Università, Centro di Ricerca Pubblico, Centro di Ricerca Privato, Parco Scientifico 3 Associazione di Categoria e/o Datoriali Organizzazione Sindacale 2 Associazione Ambientalista Associazione Culturale Organizzazione del Terzo Settore (No Profit) 24 Costituendi Partenariati di Progetto (ai sensi dell articolo 10, comma 2 dell Avviso Pubblico) Altro (1 ASL, 1 Ass. R.P Sardegna, 1 Ass. Sportiva, 1 ANPE, 1 Ass. sarda di pedagogia, 1 Ente ecclesiastico, 2 Parrocchie, 1 CNIT, 5 Scuole medie superiori, 4 Scuole medie inferiori, 2 22 Istituti di formazione, 2 Istituti professionali, Composizione del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Cognome Nome Organismo Posta Elettronica Deidda Caterina Provincia M.C. Pittau Alessia Coop. La Clessidra - Villacidro Di Berardino Antonio Ass. RES - Cagliari Atzori A. Paola Coop. Alfabeta - Guspini Uras Davide Comune di San Gavino M.le Data di Sottoscrizione del Protocollo d Intesa (Allegato al Progetto Integrato) Data 18/12/06 Luogo Aula consiliare del Comune di Villacidro 4

5 D. Approvazione del Progetto Integrato Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Partenariato di Progetto Data 18/12/06 Luogo Aula consiliare del Comune di Villacidro Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Tavolo di Partenariato Regionale/Provinciale Data Luogo E. Presentazione del Progetto Integrato Firma dei Componenti del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Deidda Pittau Cognome Nome Firma Caterina Alessia Di Berardino Atzori Uras Antonio A. Paola Davide 5

6 2. SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO La finalità generale della Proposta di Progetto integrato è rappresentato dalla costituzione di un sistema di programmazione, gestione e verifica fondato su processi partecipativi e di corresponsabilità, nel rispetto delle differenti funzioni esercitate dai Soggetti Pubblici e Privati coinvolti. Si intende quindi favorire lo sviluppo di interazioni fra Istituzioni Pubbliche e forze del privato avanzando specifiche iniziative in ordine alla definizione di un percorso che, partendo dall analisi dei bisogni emergenti, dalla necessità di sostenere livelli più alti di socialità, porti a rafforzare l economia solidale e al miglioramento della qualità della vita nell intero territorio. Le principali azioni da attivare per una corretta attuazione Progetto integrato sono: Azioni di sistema Azioni relative agli anziani Azioni relative ai disabili Azioni relative ai minori, genitorialità e famiglie Azioni relative ai giovani, disagio e prevenzione Azioni relative all inserimento lavorativo All interno di queste aree sono presenti dei bisogni specifici emergenti. Il Progetto integrato si propone di dare risposta a questi bisogni tramite la presentazione di operazioni specifiche da attuare all interno dei partenariati. Le azioni di sistema sono azioni trasversali che si pongono a supporto del progetto integrato. Tali azioni sono di tipo formativo/informativo, di sensibilizzazione, di rilevazione dei bisogni, di messa in rete dei, di rafforzamento dell economia, la nascita di strutture ubicate strategicamente all interno del territorio del Medio Campidano, riqualificazione professionale, conciliazione domandaofferta lavoro, supporto alla mobilità territoriale. All interno delle singole aree sono stati individuati, sulla base della raccolta del bisogno, alcuni obiettivi specifici riassumibili in: 1) Promozione di azioni di integrazione dei soggetti a rischio di esclusione; 2) Promozione di azioni di inserimento, reinserimento lavorativo e riqualificazione dei soggetti svantaggiati. Per favorire il raggiungimento di tali obiettivi, i soggetti pubblici e privati hanno individuato una serie di operazioni e definito delle strategie di valorizzazione dei punti di forza e delle opportunità presenti. Azioni relative agli anziani Sono state proposte azioni per supportare l inclusione degli anziani e alleviare il carico familiare tramite la creazione e ristrutturazione di strutture residenziale e semiresidenziali (es. centri diurni), offerta di un sistema a supporto della mobilità territoriale. Alcune azioni vanno nel senso del rafforzamento della domiciliarità, in base al bisogno presente, tramite l A.D.I., l attivazione di di consegna pasti, telecontrollo, ecc. e la formazione di personale per l assistenza familiare. Azioni relative ai disabili Nell area della disabilità emerge un forte bisogno di che possano favorire un migliore processo di integrazione del disabile (adulto in particolare) con la proposta di a carattere residenziale (casa famiglia, ecc.), semiresidenziale (centro diurno, attivazione di laboratori, di gestione del tempo libero, ecc.). Alcune azioni, sulla base del bisogno, mirano alla deistituzionalizzazione proponendo la costituzione di gruppi appartamento con un grosso investimento sulle capacità di autonomia e inserimento della persona. Altre azioni in parallelo sono quelle relative all attuazione di inserimenti lavorativi e attuazione di strategie tali da favorire il compimento di un percorso di formazione professionale e di contestuale inserimento lavorativo, con l attivazione anche di esperienze di tipo autoimprenditoriale (es. fattorie sociali). Azioni relative ai minori, genitorialità e famiglie L area dei minori e della famiglia si caratterizza per la presenza di varie iniziative di sostegno alla genitorialità quali azioni di consulenza, di sostegno alla relazione educativa sia all interno della 6

7 famiglia che nel contesto Scuola, gruppi formazione/informazione per genitori anche di tipo esperienziale. Diverse operazioni mirano a fornire supporto e per la prima infanzia ( di asilo nido, baby parking, baby sitter comunali, ecc.) che favoriscano una maggiore conciliazione dei tempi lavoro-famiglia e siano di supporto alla gestione familiare che spesso ricade sulla donna. Azioni relative ai giovani, disagio e prevenzione In relazione alle azioni di prevenzione e di del disagio giovanile sono state proposte azioni a bassa soglia con una valorizzazione dell educativa di strada, dell attività di formazione, dei educativi, interventi contro la dispersione scolastica. Molte azioni vedono l inserimento della scuola come partner fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi proposti. Azioni relative all inserimento lavorativo I destinatari delle azioni di inserimento lavorativo sono molteplici. Le azioni proposte sono relative a: formazione; inserimenti lavorativi di soggetti con disabilità visiva; tirocini formativi/lavorativi; inserimenti lavorativi protetti socio-terapeutici; attività formative e informative per aziende; Attività di orientamento e tutoraggio rivolte a giovani in situazioni di inserimento reinserimento nel mercato dl lavoro e/o nel sistema formativo; microcredito. Le risorse su cui agire sono: la valorizzazione della famiglia, come risorsa fondamentale attraverso cui devono passare le azioni di prevenzione e tutte le azioni che mirano ad incidere sulla relazione educativa e sul benessere dei minori e dei giovani; integrazione socio sanitaria valorizzando l integrazione delle risorse umane; la co-progettazione tra attori pubblici e privati. 7

8 3. PARTENARIATO DI PROGETTO 3.1. Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Tabella 1 - Elenco degli Enti Pubblici che partecipano al Partenariato di Progetto Ente Pubblico Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Comune di Guspini Fattoria D543 Comune di Guspini Genitorialità D544 Comune di Guspini Gruppi appartamento H221 Comune di Guspini Anziani H664 Comune di Guspini Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Guspini Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Guspini Struttura dopo di noi N56 Comune di San Gavino M.le Inclusione lavoro E573 Comune di San Gavino M.le CESIL E573 Comune di San Gavino M.le Patto San Gavino Altrus G452 Comune di San Gavino M.le Asilo nido H499 Comune di San Gavino M.le Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di San Gavino M.le Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di San Gavino Struttura dopo di noi N56 Comune di Sardara Struttura dopo di noi N56 Comune di Villacidro Patto Eureka Villacidro H562 Comune di Villacidro Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Villacidro Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Villacidro Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Villacidro Centro Medico N56 8

9 Comune di Arbus Centro Residenziale Diurno Anziani N56 Comune di Arbus Percorsi educativi per bambini, ragazzi N77/A e genitori Comune di Arbus Patto Arbus2 D183 Comune di Arbus Patto Arbus1 - Percorsi educativi per H612 bambini, ragazzi e genitori non solo doposcuola Comune di Arbus Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Arbus Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Arbus Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Gonnosfanadiga Struttura dopo di noi N56 Comune di Gonnosfanadiga Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Gonnosfanadiga Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Gonnosfanadiga Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Pabillonis Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Pabillonis Patto Sinergie -Educativa di strada G513 (10bis) e di comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Pabillonis Struttura dopo di noi N56 Azienda Usl n 6 Sanluri Asilo nido H499 Azienda Usl n 6 Sanluri Genitorialità D544 Azienda Usl n 6 Sanluri Patto comune di Guspini Fattoria D543 Azienda Usl n 6 Formazione badanti N56 Azienda Usl n 6 Casa del parto N56 Azienda Usl n 6 Formazione donne N56 Provincia del Medio Campidano La provincia del sorriso N56 Università di Cagliari - Dipartimento di Informatizzazione e osservatorio N56 Ingegneria Elettrica ed Elettronica (DIEE) Dipartimento di economia - Università Formazione, accompagnamento e M55 (+10bis) di Cagliari consulenza per plus Dipartimento di economia - Università Azione di sistema plus N56 di Cagliari CNIT- Consorzio Nazionale Interuniversitario Telecomunicazioni Formazione terzo settore plus N56 9

10 Tabella 2 - Elenco delle Imprese che partecipano al Partenariato di Progetto: Imprese Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Futurmatica Innovaz. Tecnologiche N56 Circolo Ippico S.Severa Servizi N56 Databank Servizi N56 Villtravel Servizio di trasporto N56 Teresa Bolliri; Assistenza e consulenza in aiuto alla H 611 persona ICIS di Indavuru e C. Snc ausili di supporto per il N119 (10bis) disabile ed il futuro turista disabile Consulnet Srl Azione di integrazione N56 Serra Luigi Srl Pensione per anziani autosuff. N154 ITER di Ruggeri Srl Patto comune di Guspini gruppi H221 appartamento AEDES costruzioni Patto comune di Guspini gruppi appartamento H221 Tabella 3 - Elenco degli Altri Soggetti che partecipano al Partenariato di Progetto. Altri Soggetti Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Istituto Professionale per l Agricoltura e Azione Scuola N56 l Ambiente Cettolini Scuola Media "Loru + Satta" Villacidro Azione Scuola N56 Liceo Ginnasio "Piga" Villacidro Azione Scuola N56 Istituto Magistrale E. Lussu S. Gavino Azione Scuola N56 Azione Scuola N56 Istituto Professionale per l Industria e Azione Scuola N56 l Artigianato A. Volta - Guspini Istituto Tecnico Buonarroti- Guspini Azione Scuola N56 Liceo Scientifico "Marconi" S.G.Monreale Azione Scuola N56 Scuola Media P.Leo" Arbus Azione Scuola N56 Scuola Media "E. Pais" Barumini Azione Scuola N56 Direzione didattica Guspini Genitorialità D544 CIOFS Sardegna Oriones orientamento,inserimento F66 (10bis) occupazionale, network Sardegna Lega delle Cooperative Associazione di Categoria (tutela N56 cooperative) CGIL Medio Campidano Sindacato (tutela lavoratori) N56 CISL: Unione Sindacale Territoriale Medio Sindacato (tutela lavoratori) N56 Campidano CSL (centro lavoro) SERVIZIO Patto comune San Gavino CESIL E573 DELLA PROVINCIA ANPAS Sardegna + UniTS Pisa Patto comune San Gavino CESIL E573 ENAIP N56 ENAP Patto comune di Guspini Anziani H664 IARES - Istituto ACLI per la Ricerca e lo Azione Plus N56 10

11 Sviluppo Consorzio SIS ( Sviluppo Impresa Sociale Azione Plus N56 Sassari) AUSER Patto comune di Guspini Anziani H664 Assoc. RES Rete per l ecologia Laborat. Polifunz. Diurno disabili N56 Assoc. La Città del Sole N56 Associazione sportiva Planet Dance Inclusione di soggetti N502 (10bis) Fitness disagiati Assoc. RP - Sardegna Biblioteca per non vedenti N56 Unione Italiana Ciechi Ass. RP Patto comune San Gavino CESIL E573 Sardegna Associazione Giochincorso Patto Inclusione Sociale N423 Assoc. Famiglie insieme Patto Arbus 2 D183 Assoc. Io e Te Insieme Dopo di noi N56 Assoc. Sinergie Patto Sinergie 1 N77/C Patto Sinergie -Educativa di strada e E242(10bis) di comunità: percorsi sperimentali di Assoc. Sinergie empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Patto Sinergie -Educativa di strada e G513 (10bis) di comunità: percorsi sperimentali di Assoc. Sinergie empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) Assoc. Sinergie sperimentale innovativo di formazione Assoc. Sinergie Educativa di strada N56 Associazione AIEM Integrazione soc. soggetti a rischio N56 Assoc Oltre Il Sogno Inserimento lavorativo per disabili N56 psich. Anpe - Ass. Naz. Pedagogisti Italiani Osservatorio Minori e famiglie N56 Associazione Prendi il Largo Centro diurno disabili N56 Assoc Logos Onlus Servizi integrati per l infanzia G318 (10bis) Assoc. Orientare Azione Scuola N56 Assoc. Società Sarda di Pedagogia Integrazione minori disabili e loro N56 famiglie Assoc. Volo Alto Patto Eureka Villacidro H562 Assoc. Volo alto Servizi N56 Assoc. Volsoc Patto comune di Guspini Anziani H664 Assoc.euro 2001 Patto San Gavino Altrus G452 Assoc. Il delfino Patto San Gavino Altrus G452 Attivazione di un laboratorio D340 (10bis) Assoc. Cult. Unidea permanente di teatro, danza e scenografia del Medio Campidano Consorzio Solidarietà Progetti integrati N56 La Banca del Tempo Patto comune di Guspini Anziani H664 Coop.Tamara Cossu (in costituz.) Dall alba al tramonto G438 (10bis) Coop Sociale Alfa Beta Genitorialità D544 Coop. Sociale Alfabeta Realizzazione asili nido N56 Coop Sociale Nuova Luna Servizi N56 Coop Happy Baby Realizzazione asili nido N56 Coop Sociale La Clessidra Patto comune di Guspini Fattoria D543 11

12 Coop Sociale La Clessidra Patto comune di Guspini Anziani H664 Coop Sociale C.T.R. Gruppi appartamento E557 Coop Sociale C.T.R. Abitare assistito N56 Coop Sociale Alle Sorgenti Patto comune di Guspini Gruppi H221 Appartamento Coop Sociale Eureka Patto Eureka Villacidro H562 Coop Sociale Infantiae Patto Arbus 1 H612 Coop Sociale l isola del sole Patto Arbus 2 D183 Coop Sociale Asce Due Azione minori N56 Coop Sociale Pardu Mannu Start-up inserimento lavorativo N56 disabili Coop Sociale Nuove frontiere Patto San Gavino Altrus G452 Coop Sociale Il Mio Mondo Microcellule a domicilio N56 Coop Sociale Il Girasole da eliminare è Patto Arbus 2 D183 un o del Comune di Arbus Legge 20/97 Soc. Abracadabra Patto Asl 6 Asilo Nido H499 Soc. Ape Maia Patto Asl 6 Asilo Nido H499 Fondazione Senescere Patto comune di Guspini Fattoria D543 Fondazione Senescere Patto comune di Guspini Anziani H664 Ente Ecclesiastico Parrocchia Sacro Assistenza agli anziani N56 Cuore Centro d'ascolto Ass. Madonna del Servizi N56 Rosario Parrocchia Santa Barbara (oratorio) Patto Eureka Villacidro H562 Anspi - Parrocchia B.V. di Lourdes Servizi N56 Centro d ascolto Monsignor Spettu Genitorialità D544 Centro Sportivo Sa Rocca Patto comune di Guspini Gruppi H221 Appartamento Fratellanza Operaia Patto Arbus 2 D183 E.S.I.E.A Patto comune di Guspini Fattoria D543 ERSAT Patto comune di Guspini Fattoria D543 ERSAT Patto comune di Guspini Fattoria D543 Coop. Asce 2 Spazio N56 LASA Patto Arbus 2 D183 AVIS Patto Arbus 2 D183 AIAS Progetto sollievo Famiglia H412 (10bis) S.S.C.C. Valderoa Villacidro Patto Eureka Villacidro H Articolazione del Partenariato di Progetto Il Progetto integrato di partenariato riguarda il territorio del Distretto sanitario di Guspini che in coerenza con la definizione e stesura del Plus si impegna a sancire un Patto che presti attenzione ai bisogni, oggigiorno sempre più complessi, del territorio sul piano, sanitario e sociosanitario. Nel Patto, la Provincia ha un ruolo di coordinamento generale dello stesso patto, promuove e attua 12

13 azioni di ricerca, sostiene il partenariato e caldeggia azioni specifiche. Gli Enti pubblici gestiscono e attuano specifiche azioni istituzionali e di partenariato, sono punti di riferimento per azioni di progettazione e valutazione dei, promuovono azioni di partecipazione. Le scuole promuovono e sostengono azioni strategiche del progetto integrato. Mettono a disposizione del partenariato risorse umane e spazi fisici, al fine di realizzare i progetti che puntano in particolare alla realizzazione di iniziative volte alla lotta contro la dispersione scolastica e il disagio giovanile. Il terzo settore si impegna sia nel ruolo di co-progettazione sia di gestione di interventi riferiti ai propri ambiti di competenza specialistica per cui hanno presentato manifestazione di interesse e azioni progettuali. Di seguito il diagramma illustra in modo sintetico il Partenariato di progetto specificando l ambito di intervento (minori e famiglie, anziani, disabili, giovani, povertà e marginalità) dei soggetti partecipanti. È bene evidenziare che nei grafici vi è riportato solo il soggetto capofila del singolo patto. 13

14 AREE TEMATI CHE 17 PATTI MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI POVERTÀ E MARGINA LITÀ ALTRO COMUNE DI ARBUS SINERGIE ASL 6 SANLURI COMUNE DI GUSPINI EUREKA COMUNE DI GUSPINI COMUNE DI GUSPINI CTR ONLUS COMUNE SAN GAVINO PROV. MD COMUNE DI ARBUS COMUNE SAN GAVINO Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori - N77/B Educativa di strada e laboratori integrati tra centro e periferia N276 Un nido come aiuto H499 Gruppi appartamen to H221 Centro culturale sportivo Villacidro - H562 Miglioramen to della qualità della vita H664 Con noi e dopo di noi F209 Progetto Imparis E557 Progetto Altrus. Centro diurno G452 La Provincia del sorriso - N56- Patto per Arbus -N77/C- Inclusione lavoro -E573- Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori -non solo doposcuola Sostegno alla genitorialità D554 Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori - D183

15 AREE TEMATICHE ALTRI PATTI MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI MARGINAL. E POVERTA ALTRO PATTO COMUNE DI GUSPINI GENITORIALITA D554 PATTO ASL 6 ASILO NIDO- H499 PATTO ARBUS 1 - H612 PATTO COMUNE DI GUSPINI- GRUPPO APPARTAM. H221 PATTO SINERGIE PATTO COMUNE DI GUSPINI ANZIANI H664 PATTO EUREKA VILLACIDRO H562 PATTO COMUNE DI GUSPINI- LA FATTORIA SOCIALE D543 PATTO SAN GAVINO ALTRUS- G452 PATTO COMUNE SAN GAVINO CESIL E573 15

16 AREE TEMATI CHE 10 BIS MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI POVERTA E MARGINA LITA ALTRO SINERGIE OPERATORE DI STRADA E241 SINERGIE EDUCATIVA DI STRADA E242 SINERGIE EDUCATIVA DI STRADA E DI COMUNITA G513 LOGOS SERVIZI INTEGRATI PER L INFANZIA G318 TAMARA COSSU DALL ALBA Al TRAMONTO (BAMBINI E ANZIANI) G438 SERRA LUIGI SRL - PENSIONE PER ANZIANI AUTUSUFFICIEN TI N514 TAMARA COSSU DALL ALBA Al TRAMONTO (BAMBINI E ANZIANI) G438 TERESA BOLLIRI ASSIST. E CONSULENZA IN AIUTO ALLA PERSONA H611 ICIS DI INDIVARU- STRUTTURE E AUSILI A SUPPORO PER IL DISABILE N196 AIAS - SOLLIEVO FAMIGLIA H412 TERESA BOLLIRI ASSIST. E CONSULENZA IN AIUTO ALLA PERSONA H611 CIOFS ORIONES F66 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA UNIVERS. DI CA- M55 ASS.CULT. UNIDEA - LABORAT. PERMAN. TEATRO, DANZA, SCENOGRAF. H423 ASD.PLANET DANCE FITNESS - INCLUSIONE SOCIALE SOGGETTI DISAGIATI N502 16

17 Tabella 4 - Impegni specifici assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Soggetto del Partenariato Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti), Cooperativa CTR, Ass. Sinergie Onlus, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, ASL (Servizio Materno Infantile e Servizio di Neuropsichiatria Infantile), Cooperativa Sociale Happy Baby, Direzione Scolastica, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga Servizi Sociali e CeSil Azienda USL n. 6 CSM e SERT, Società Abracadabra, Società Ape Maia, Comune di Arbus, Teresa Bolliri, Comune di Pabillonis Impegno Specifico Favorire azioni inserimento in favore dei minori Priorità Attribuita all Impegno Specifico INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, Comune di Arbus, Associazione di volontariato Onlus famiglie insieme e Coop. di tipo B di imminente costituzione, Rp Sardegna onlus, Ass. Oltre il sogno, Cooperativa CTR, Coop. Pardu Mannu, Comune di Gonnosfanadiga, Amministrazione Comunale di Villanovaforru, e Società Cooperativa Sociale Asce 2, Associazione Prendi il Largo, Coop. Alfa Beta,Coop. Nuova Luna, SERT- CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP, Comune di San Gavino M.le, Servizi Sociali e CeSil, Associazione Il Delfino, Cooperativa Nuove Frontiere Provincia Medio Campidano e Associazione Società sarda di pedagogia, Cooperativa CTR, Comune di Guspini, ASL (Servizio Materno Infantile e Servizio di Neuropsichiatria Infantile), Comune di Arbus primari dei soggetti Sostegno alla famiglia nella relazione educativa INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, Comune di Guspini, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Comune di Arbus, Comune di Villacidro Rafforzamento del rapporto scuola famiglia INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti), Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune Di Pabillonis e costituende coop., Azienda Sanitaria Locale n. 6 di Sanluri, Comune di San Gavino M.le, Società Abracadabra, Società Ape Maia Potenziamento dei per la prima infanzia INDISPENSABILE

18 Provincia del Medio, Comune di Arbus e LASA Arbus, Coop. Sociale L Isola del Sole Fratellanza Operaia, AVIS Comune di Guspini, Volsoc, Auser, Diminuzione del carico e sanitario dell anziano INDISPENSABILE Provincia del Medio, Cooperativa, Parrocchia Sacro cuore, Società in costituzione di Villacidro, Serra Luigi Srl Miglioramento della qualità della vita degli anziani INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Società Cooperativa Sociale CTR Cagliari e Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga e unione Italiana ciechi Servizi Sociali e CeSil, Azienda USL n. 6 CSM e SERT, ENAIP Sardegna, Comune di Gonnosfanadiga, Coop. Pardu Mannu Provincia del Medio Campidano, Società Cooperativa Sociale CTR Cagliari e Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga e unione Italiana ciechi Servizi Sociali e CeSil, Azienda USL n. 6 CSM e SERT, ENAIP Sardegna, Comune di Gonnosfanadiga, Comune di Guspini ENAP, Ciofs-Sardegna Provincia del Medio Campidano, Ciofs- Sardegna Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Provincia del Medio Campidano - Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Università degli Studi di Cagliari Possibilità di trovare lavoro per i soggetti in situazione di forte svantaggio Facilità all inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati Facilità delle donne disoccupate nell inserirsi nel mercato del lavoro Profili professionali costantemente aggiornati INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Provincia del Medio Campidano - Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Linguaggio comune tra operatori INDISPENSABILE 18

19 Provincia del Medio Campidano, Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Rete dei sufficiente INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Provincia del Medio Campidano, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini, Fondazione Senescere, Cooperativa La Clessidra, E.S.I.E.A., ERSAT, ASL, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Fondazione Senescere, Volsoc, AUSER, ERSAT, Banca del Tempo, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Provincia del Medio Campidano, Coop. Alfa Beta, Comune di Guspini, Fondazione Senescere, Cooperativa La Clessidra, E.S.I.E.A., ERSAT, ASL, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale, Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Fondazione Senescere, Volsoc, AUSER, ERSAT, Banca del Tempo, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Coinvolgimento della comunità nelle scelte che la riguardano Coinvolgimento del giovane nelle scelte che lo riguarda Adeguatezza dei a rispondere ai bisogni del giovane INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Provincia del Medio Campidano, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, Comune di Guspini, Cooperativa Happy Baby, Scuola Materna ed Elementari, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale, Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Completa conoscenza della dispersione scolastica INDISPENSABILE 19

20 Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Comune di Arbus, Comune di Villacidro, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini Provincia del Medio Campidano, AIEM: Associazione Integrazione Etnie del Mondo e Consulnet srl, Comune di Gonnosfanadiga, Cooperativa Asce 2, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini Provincia del Medio Campidano, Comune di Arbus, Comune di Villacidro, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Potenziate azioni per l accessibilità e l accoglienza Adeguati strumenti di analisi del disagio giovanile INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Potenziata integrazione scuola-lavoro INDISPENSABILE Tabella 5 - Impegni collettivi assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Impegno Specifico Promuovere azioni di integrazione per i disabili e le famiglie Azioni di sostegno la famiglia Inclusione degli anziani e delle loro famiglie Misure atte a favorire l occupazione Servizi sociali e sanitari in grado di rispondere alle necessità del territorio Inclusione delle problematiche giovanili nella programmazione territoriale Adeguato sistema formativo a tutti i livelli Priorità Attribuita all Impegno Specifico INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE 20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

REGIONE LIGURIA. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge regionale: TITOLO I NORME GENERALI

REGIONE LIGURIA. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge regionale: TITOLO I NORME GENERALI REGIONE LIGURIA Legge Regionale 24 maggio 2006 n. 12, Promozione del sistema integrato di servizi sociali e sociosanitari (BUR n. 8 del 31/05/2006). IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli