AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO"

Transcript

1 POR SARDEGNA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO FORMULARIO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO PATTO PER IL SOCIALE DEL DISTRETTO DI GUSPINI Novembre 2006 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

2 INDICE 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO PARTENARIATO DI PROGETTO Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Articolazione del Partenariato di Progetto QUADRO DI RIFERIMENTO DEL PROGETTO INTEGRATO Analisi di contesto Analisi SWOT OBIETTIVI E PRIORITA DEL PROGETTO INTEGRATO Costruzione dell albero dei problemi Costruzione dell albero degli obiettivi e selezione degli obiettivi prioritari Coerenza con gli obiettivi specifici definiti nei pertinenti Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati STRATEGIA E OPERAZIONI DEL PROGETTO INTEGRATO Definizione della strategia Definizione delle operazioni Analisi del rispetto del principio di Pari Opportunità Analisi della sostenibilità ambientale Definizione degli indicatori MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO INTEGRATO Iter procedurale e cronoprogrammi di attuazione delle operazioni Efficienza amministrativa del contesto territoriale di riferimento per l attuazione dell operazione Accordi di cooperazione per l attuazione del Progetto Integrato di Sviluppo QUADRO FINANZIARIO DEL PROGETTO INTEGRATO

3 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO A. Titolo del Progetto Integrato: PATTO PER IL SOCIALE DEL DISTRETTO DI GUSPINI. B. Classificazione del Progetto Integrato Tipologia del Progetto Integrato Progetto Integrato di Sviluppo Regionale Progetto Integrato di Sviluppo Territoriale Tema / Settore di Riferimento del Progetto Integrato (Fare riferimento agli Allegati dell Avviso Pubblico) Tipologia di Partenariato di Progetto Barrare la Casella di Interesse Industria, Artigianato e Servizi Regionale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Regionale Pesca, Acquacoltura e Aree Umide. Regionale Rete Ecologica Regionale. Regionale Parchi e Compendi Forestali Regionali. Regionale Itinerari di Sardegna (Itinerari Turistici) Regionale Inclusione, Sociale Regionale Sicurezza e Legalità. Regionale Industria, Artigianato e Servizi Territoriale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Territoriale Sviluppo delle Aree Rurali e Montane. Territoriale Turismo Sostenibile e Valorizzazione del Patrimonio Ambientale e Territoriale Culturale. Aree Urbane e Reti di Comuni. Territoriale 3

4 Provincia/e di Riferimento del Progetto Integrato (Barrare la/e Provincia/e solo per i Partenariati di Progetto Territoriali) Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Oristano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Sassari C. Partenariato di Progetto Tipologia e Numero di Soggetti del Partenariato di Progetto (Articolo 10, Comma 2 dell Avviso Pubblico) Numero Ente Locale (Comune, Comunità Montana, Provincia) 8 Enti Locali in Forma Associata (Associazioni, Unioni e Consorzi di Enti Locali) Impresa 7 Imprese in Forma Associata (Consorzi, Società Consortili, Associazioni Temporanee di Impresa, etc.) Università, Centro di Ricerca Pubblico, Centro di Ricerca Privato, Parco Scientifico 3 Associazione di Categoria e/o Datoriali Organizzazione Sindacale 2 Associazione Ambientalista Associazione Culturale Organizzazione del Terzo Settore (No Profit) 24 Costituendi Partenariati di Progetto (ai sensi dell articolo 10, comma 2 dell Avviso Pubblico) Altro (1 ASL, 1 Ass. R.P Sardegna, 1 Ass. Sportiva, 1 ANPE, 1 Ass. sarda di pedagogia, 1 Ente ecclesiastico, 2 Parrocchie, 1 CNIT, 5 Scuole medie superiori, 4 Scuole medie inferiori, 2 22 Istituti di formazione, 2 Istituti professionali, Composizione del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Cognome Nome Organismo Posta Elettronica Deidda Caterina Provincia M.C. Pittau Alessia Coop. La Clessidra - Villacidro Di Berardino Antonio Ass. RES - Cagliari Atzori A. Paola Coop. Alfabeta - Guspini Uras Davide Comune di San Gavino M.le Data di Sottoscrizione del Protocollo d Intesa (Allegato al Progetto Integrato) Data 18/12/06 Luogo Aula consiliare del Comune di Villacidro 4

5 D. Approvazione del Progetto Integrato Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Partenariato di Progetto Data 18/12/06 Luogo Aula consiliare del Comune di Villacidro Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Tavolo di Partenariato Regionale/Provinciale Data Luogo E. Presentazione del Progetto Integrato Firma dei Componenti del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Deidda Pittau Cognome Nome Firma Caterina Alessia Di Berardino Atzori Uras Antonio A. Paola Davide 5

6 2. SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO La finalità generale della Proposta di Progetto integrato è rappresentato dalla costituzione di un sistema di programmazione, gestione e verifica fondato su processi partecipativi e di corresponsabilità, nel rispetto delle differenti funzioni esercitate dai Soggetti Pubblici e Privati coinvolti. Si intende quindi favorire lo sviluppo di interazioni fra Istituzioni Pubbliche e forze del privato avanzando specifiche iniziative in ordine alla definizione di un percorso che, partendo dall analisi dei bisogni emergenti, dalla necessità di sostenere livelli più alti di socialità, porti a rafforzare l economia solidale e al miglioramento della qualità della vita nell intero territorio. Le principali azioni da attivare per una corretta attuazione Progetto integrato sono: Azioni di sistema Azioni relative agli anziani Azioni relative ai disabili Azioni relative ai minori, genitorialità e famiglie Azioni relative ai giovani, disagio e prevenzione Azioni relative all inserimento lavorativo All interno di queste aree sono presenti dei bisogni specifici emergenti. Il Progetto integrato si propone di dare risposta a questi bisogni tramite la presentazione di operazioni specifiche da attuare all interno dei partenariati. Le azioni di sistema sono azioni trasversali che si pongono a supporto del progetto integrato. Tali azioni sono di tipo formativo/informativo, di sensibilizzazione, di rilevazione dei bisogni, di messa in rete dei, di rafforzamento dell economia, la nascita di strutture ubicate strategicamente all interno del territorio del Medio Campidano, riqualificazione professionale, conciliazione domandaofferta lavoro, supporto alla mobilità territoriale. All interno delle singole aree sono stati individuati, sulla base della raccolta del bisogno, alcuni obiettivi specifici riassumibili in: 1) Promozione di azioni di integrazione dei soggetti a rischio di esclusione; 2) Promozione di azioni di inserimento, reinserimento lavorativo e riqualificazione dei soggetti svantaggiati. Per favorire il raggiungimento di tali obiettivi, i soggetti pubblici e privati hanno individuato una serie di operazioni e definito delle strategie di valorizzazione dei punti di forza e delle opportunità presenti. Azioni relative agli anziani Sono state proposte azioni per supportare l inclusione degli anziani e alleviare il carico familiare tramite la creazione e ristrutturazione di strutture residenziale e semiresidenziali (es. centri diurni), offerta di un sistema a supporto della mobilità territoriale. Alcune azioni vanno nel senso del rafforzamento della domiciliarità, in base al bisogno presente, tramite l A.D.I., l attivazione di di consegna pasti, telecontrollo, ecc. e la formazione di personale per l assistenza familiare. Azioni relative ai disabili Nell area della disabilità emerge un forte bisogno di che possano favorire un migliore processo di integrazione del disabile (adulto in particolare) con la proposta di a carattere residenziale (casa famiglia, ecc.), semiresidenziale (centro diurno, attivazione di laboratori, di gestione del tempo libero, ecc.). Alcune azioni, sulla base del bisogno, mirano alla deistituzionalizzazione proponendo la costituzione di gruppi appartamento con un grosso investimento sulle capacità di autonomia e inserimento della persona. Altre azioni in parallelo sono quelle relative all attuazione di inserimenti lavorativi e attuazione di strategie tali da favorire il compimento di un percorso di formazione professionale e di contestuale inserimento lavorativo, con l attivazione anche di esperienze di tipo autoimprenditoriale (es. fattorie sociali). Azioni relative ai minori, genitorialità e famiglie L area dei minori e della famiglia si caratterizza per la presenza di varie iniziative di sostegno alla genitorialità quali azioni di consulenza, di sostegno alla relazione educativa sia all interno della 6

7 famiglia che nel contesto Scuola, gruppi formazione/informazione per genitori anche di tipo esperienziale. Diverse operazioni mirano a fornire supporto e per la prima infanzia ( di asilo nido, baby parking, baby sitter comunali, ecc.) che favoriscano una maggiore conciliazione dei tempi lavoro-famiglia e siano di supporto alla gestione familiare che spesso ricade sulla donna. Azioni relative ai giovani, disagio e prevenzione In relazione alle azioni di prevenzione e di del disagio giovanile sono state proposte azioni a bassa soglia con una valorizzazione dell educativa di strada, dell attività di formazione, dei educativi, interventi contro la dispersione scolastica. Molte azioni vedono l inserimento della scuola come partner fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi proposti. Azioni relative all inserimento lavorativo I destinatari delle azioni di inserimento lavorativo sono molteplici. Le azioni proposte sono relative a: formazione; inserimenti lavorativi di soggetti con disabilità visiva; tirocini formativi/lavorativi; inserimenti lavorativi protetti socio-terapeutici; attività formative e informative per aziende; Attività di orientamento e tutoraggio rivolte a giovani in situazioni di inserimento reinserimento nel mercato dl lavoro e/o nel sistema formativo; microcredito. Le risorse su cui agire sono: la valorizzazione della famiglia, come risorsa fondamentale attraverso cui devono passare le azioni di prevenzione e tutte le azioni che mirano ad incidere sulla relazione educativa e sul benessere dei minori e dei giovani; integrazione socio sanitaria valorizzando l integrazione delle risorse umane; la co-progettazione tra attori pubblici e privati. 7

8 3. PARTENARIATO DI PROGETTO 3.1. Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Tabella 1 - Elenco degli Enti Pubblici che partecipano al Partenariato di Progetto Ente Pubblico Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Comune di Guspini Fattoria D543 Comune di Guspini Genitorialità D544 Comune di Guspini Gruppi appartamento H221 Comune di Guspini Anziani H664 Comune di Guspini Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Guspini Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Guspini Struttura dopo di noi N56 Comune di San Gavino M.le Inclusione lavoro E573 Comune di San Gavino M.le CESIL E573 Comune di San Gavino M.le Patto San Gavino Altrus G452 Comune di San Gavino M.le Asilo nido H499 Comune di San Gavino M.le Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di San Gavino M.le Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di San Gavino Struttura dopo di noi N56 Comune di Sardara Struttura dopo di noi N56 Comune di Villacidro Patto Eureka Villacidro H562 Comune di Villacidro Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Villacidro Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Villacidro Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Villacidro Centro Medico N56 8

9 Comune di Arbus Centro Residenziale Diurno Anziani N56 Comune di Arbus Percorsi educativi per bambini, ragazzi N77/A e genitori Comune di Arbus Patto Arbus2 D183 Comune di Arbus Patto Arbus1 - Percorsi educativi per H612 bambini, ragazzi e genitori non solo doposcuola Comune di Arbus Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Arbus Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Arbus Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Gonnosfanadiga Struttura dopo di noi N56 Comune di Gonnosfanadiga Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Gonnosfanadiga Patto Sinergie -Educativa di strada e di G513 (10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Gonnosfanadiga Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) sperimentale innovativo di formazione Comune di Pabillonis Patto Sinergie -Educativa di strada e di E242(10bis) comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Pabillonis Patto Sinergie -Educativa di strada G513 (10bis) e di comunità: percorsi sperimentali di empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Comune di Pabillonis Struttura dopo di noi N56 Azienda Usl n 6 Sanluri Asilo nido H499 Azienda Usl n 6 Sanluri Genitorialità D544 Azienda Usl n 6 Sanluri Patto comune di Guspini Fattoria D543 Azienda Usl n 6 Formazione badanti N56 Azienda Usl n 6 Casa del parto N56 Azienda Usl n 6 Formazione donne N56 Provincia del Medio Campidano La provincia del sorriso N56 Università di Cagliari - Dipartimento di Informatizzazione e osservatorio N56 Ingegneria Elettrica ed Elettronica (DIEE) Dipartimento di economia - Università Formazione, accompagnamento e M55 (+10bis) di Cagliari consulenza per plus Dipartimento di economia - Università Azione di sistema plus N56 di Cagliari CNIT- Consorzio Nazionale Interuniversitario Telecomunicazioni Formazione terzo settore plus N56 9

10 Tabella 2 - Elenco delle Imprese che partecipano al Partenariato di Progetto: Imprese Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Futurmatica Innovaz. Tecnologiche N56 Circolo Ippico S.Severa Servizi N56 Databank Servizi N56 Villtravel Servizio di trasporto N56 Teresa Bolliri; Assistenza e consulenza in aiuto alla H 611 persona ICIS di Indavuru e C. Snc ausili di supporto per il N119 (10bis) disabile ed il futuro turista disabile Consulnet Srl Azione di integrazione N56 Serra Luigi Srl Pensione per anziani autosuff. N154 ITER di Ruggeri Srl Patto comune di Guspini gruppi H221 appartamento AEDES costruzioni Patto comune di Guspini gruppi appartamento H221 Tabella 3 - Elenco degli Altri Soggetti che partecipano al Partenariato di Progetto. Altri Soggetti Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Istituto Professionale per l Agricoltura e Azione Scuola N56 l Ambiente Cettolini Scuola Media "Loru + Satta" Villacidro Azione Scuola N56 Liceo Ginnasio "Piga" Villacidro Azione Scuola N56 Istituto Magistrale E. Lussu S. Gavino Azione Scuola N56 Azione Scuola N56 Istituto Professionale per l Industria e Azione Scuola N56 l Artigianato A. Volta - Guspini Istituto Tecnico Buonarroti- Guspini Azione Scuola N56 Liceo Scientifico "Marconi" S.G.Monreale Azione Scuola N56 Scuola Media P.Leo" Arbus Azione Scuola N56 Scuola Media "E. Pais" Barumini Azione Scuola N56 Direzione didattica Guspini Genitorialità D544 CIOFS Sardegna Oriones orientamento,inserimento F66 (10bis) occupazionale, network Sardegna Lega delle Cooperative Associazione di Categoria (tutela N56 cooperative) CGIL Medio Campidano Sindacato (tutela lavoratori) N56 CISL: Unione Sindacale Territoriale Medio Sindacato (tutela lavoratori) N56 Campidano CSL (centro lavoro) SERVIZIO Patto comune San Gavino CESIL E573 DELLA PROVINCIA ANPAS Sardegna + UniTS Pisa Patto comune San Gavino CESIL E573 ENAIP N56 ENAP Patto comune di Guspini Anziani H664 IARES - Istituto ACLI per la Ricerca e lo Azione Plus N56 10

11 Sviluppo Consorzio SIS ( Sviluppo Impresa Sociale Azione Plus N56 Sassari) AUSER Patto comune di Guspini Anziani H664 Assoc. RES Rete per l ecologia Laborat. Polifunz. Diurno disabili N56 Assoc. La Città del Sole N56 Associazione sportiva Planet Dance Inclusione di soggetti N502 (10bis) Fitness disagiati Assoc. RP - Sardegna Biblioteca per non vedenti N56 Unione Italiana Ciechi Ass. RP Patto comune San Gavino CESIL E573 Sardegna Associazione Giochincorso Patto Inclusione Sociale N423 Assoc. Famiglie insieme Patto Arbus 2 D183 Assoc. Io e Te Insieme Dopo di noi N56 Assoc. Sinergie Patto Sinergie 1 N77/C Patto Sinergie -Educativa di strada e E242(10bis) di comunità: percorsi sperimentali di Assoc. Sinergie empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Patto Sinergie -Educativa di strada e G513 (10bis) di comunità: percorsi sperimentali di Assoc. Sinergie empowerment socio-culturale e di sviluppo locale attraverso la formazione-intervento Operatore di strada: un percorso E241 (10bis) Assoc. Sinergie sperimentale innovativo di formazione Assoc. Sinergie Educativa di strada N56 Associazione AIEM Integrazione soc. soggetti a rischio N56 Assoc Oltre Il Sogno Inserimento lavorativo per disabili N56 psich. Anpe - Ass. Naz. Pedagogisti Italiani Osservatorio Minori e famiglie N56 Associazione Prendi il Largo Centro diurno disabili N56 Assoc Logos Onlus Servizi integrati per l infanzia G318 (10bis) Assoc. Orientare Azione Scuola N56 Assoc. Società Sarda di Pedagogia Integrazione minori disabili e loro N56 famiglie Assoc. Volo Alto Patto Eureka Villacidro H562 Assoc. Volo alto Servizi N56 Assoc. Volsoc Patto comune di Guspini Anziani H664 Assoc.euro 2001 Patto San Gavino Altrus G452 Assoc. Il delfino Patto San Gavino Altrus G452 Attivazione di un laboratorio D340 (10bis) Assoc. Cult. Unidea permanente di teatro, danza e scenografia del Medio Campidano Consorzio Solidarietà Progetti integrati N56 La Banca del Tempo Patto comune di Guspini Anziani H664 Coop.Tamara Cossu (in costituz.) Dall alba al tramonto G438 (10bis) Coop Sociale Alfa Beta Genitorialità D544 Coop. Sociale Alfabeta Realizzazione asili nido N56 Coop Sociale Nuova Luna Servizi N56 Coop Happy Baby Realizzazione asili nido N56 Coop Sociale La Clessidra Patto comune di Guspini Fattoria D543 11

12 Coop Sociale La Clessidra Patto comune di Guspini Anziani H664 Coop Sociale C.T.R. Gruppi appartamento E557 Coop Sociale C.T.R. Abitare assistito N56 Coop Sociale Alle Sorgenti Patto comune di Guspini Gruppi H221 Appartamento Coop Sociale Eureka Patto Eureka Villacidro H562 Coop Sociale Infantiae Patto Arbus 1 H612 Coop Sociale l isola del sole Patto Arbus 2 D183 Coop Sociale Asce Due Azione minori N56 Coop Sociale Pardu Mannu Start-up inserimento lavorativo N56 disabili Coop Sociale Nuove frontiere Patto San Gavino Altrus G452 Coop Sociale Il Mio Mondo Microcellule a domicilio N56 Coop Sociale Il Girasole da eliminare è Patto Arbus 2 D183 un o del Comune di Arbus Legge 20/97 Soc. Abracadabra Patto Asl 6 Asilo Nido H499 Soc. Ape Maia Patto Asl 6 Asilo Nido H499 Fondazione Senescere Patto comune di Guspini Fattoria D543 Fondazione Senescere Patto comune di Guspini Anziani H664 Ente Ecclesiastico Parrocchia Sacro Assistenza agli anziani N56 Cuore Centro d'ascolto Ass. Madonna del Servizi N56 Rosario Parrocchia Santa Barbara (oratorio) Patto Eureka Villacidro H562 Anspi - Parrocchia B.V. di Lourdes Servizi N56 Centro d ascolto Monsignor Spettu Genitorialità D544 Centro Sportivo Sa Rocca Patto comune di Guspini Gruppi H221 Appartamento Fratellanza Operaia Patto Arbus 2 D183 E.S.I.E.A Patto comune di Guspini Fattoria D543 ERSAT Patto comune di Guspini Fattoria D543 ERSAT Patto comune di Guspini Fattoria D543 Coop. Asce 2 Spazio N56 LASA Patto Arbus 2 D183 AVIS Patto Arbus 2 D183 AIAS Progetto sollievo Famiglia H412 (10bis) S.S.C.C. Valderoa Villacidro Patto Eureka Villacidro H Articolazione del Partenariato di Progetto Il Progetto integrato di partenariato riguarda il territorio del Distretto sanitario di Guspini che in coerenza con la definizione e stesura del Plus si impegna a sancire un Patto che presti attenzione ai bisogni, oggigiorno sempre più complessi, del territorio sul piano, sanitario e sociosanitario. Nel Patto, la Provincia ha un ruolo di coordinamento generale dello stesso patto, promuove e attua 12

13 azioni di ricerca, sostiene il partenariato e caldeggia azioni specifiche. Gli Enti pubblici gestiscono e attuano specifiche azioni istituzionali e di partenariato, sono punti di riferimento per azioni di progettazione e valutazione dei, promuovono azioni di partecipazione. Le scuole promuovono e sostengono azioni strategiche del progetto integrato. Mettono a disposizione del partenariato risorse umane e spazi fisici, al fine di realizzare i progetti che puntano in particolare alla realizzazione di iniziative volte alla lotta contro la dispersione scolastica e il disagio giovanile. Il terzo settore si impegna sia nel ruolo di co-progettazione sia di gestione di interventi riferiti ai propri ambiti di competenza specialistica per cui hanno presentato manifestazione di interesse e azioni progettuali. Di seguito il diagramma illustra in modo sintetico il Partenariato di progetto specificando l ambito di intervento (minori e famiglie, anziani, disabili, giovani, povertà e marginalità) dei soggetti partecipanti. È bene evidenziare che nei grafici vi è riportato solo il soggetto capofila del singolo patto. 13

14 AREE TEMATI CHE 17 PATTI MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI POVERTÀ E MARGINA LITÀ ALTRO COMUNE DI ARBUS SINERGIE ASL 6 SANLURI COMUNE DI GUSPINI EUREKA COMUNE DI GUSPINI COMUNE DI GUSPINI CTR ONLUS COMUNE SAN GAVINO PROV. MD COMUNE DI ARBUS COMUNE SAN GAVINO Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori - N77/B Educativa di strada e laboratori integrati tra centro e periferia N276 Un nido come aiuto H499 Gruppi appartamen to H221 Centro culturale sportivo Villacidro - H562 Miglioramen to della qualità della vita H664 Con noi e dopo di noi F209 Progetto Imparis E557 Progetto Altrus. Centro diurno G452 La Provincia del sorriso - N56- Patto per Arbus -N77/C- Inclusione lavoro -E573- Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori -non solo doposcuola Sostegno alla genitorialità D554 Percorsi educativi per bambini, ragazzi e genitori - D183

15 AREE TEMATICHE ALTRI PATTI MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI MARGINAL. E POVERTA ALTRO PATTO COMUNE DI GUSPINI GENITORIALITA D554 PATTO ASL 6 ASILO NIDO- H499 PATTO ARBUS 1 - H612 PATTO COMUNE DI GUSPINI- GRUPPO APPARTAM. H221 PATTO SINERGIE PATTO COMUNE DI GUSPINI ANZIANI H664 PATTO EUREKA VILLACIDRO H562 PATTO COMUNE DI GUSPINI- LA FATTORIA SOCIALE D543 PATTO SAN GAVINO ALTRUS- G452 PATTO COMUNE SAN GAVINO CESIL E573 15

16 AREE TEMATI CHE 10 BIS MINORI ANZIANI GIOVANI DISABILI POVERTA E MARGINA LITA ALTRO SINERGIE OPERATORE DI STRADA E241 SINERGIE EDUCATIVA DI STRADA E242 SINERGIE EDUCATIVA DI STRADA E DI COMUNITA G513 LOGOS SERVIZI INTEGRATI PER L INFANZIA G318 TAMARA COSSU DALL ALBA Al TRAMONTO (BAMBINI E ANZIANI) G438 SERRA LUIGI SRL - PENSIONE PER ANZIANI AUTUSUFFICIEN TI N514 TAMARA COSSU DALL ALBA Al TRAMONTO (BAMBINI E ANZIANI) G438 TERESA BOLLIRI ASSIST. E CONSULENZA IN AIUTO ALLA PERSONA H611 ICIS DI INDIVARU- STRUTTURE E AUSILI A SUPPORO PER IL DISABILE N196 AIAS - SOLLIEVO FAMIGLIA H412 TERESA BOLLIRI ASSIST. E CONSULENZA IN AIUTO ALLA PERSONA H611 CIOFS ORIONES F66 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA UNIVERS. DI CA- M55 ASS.CULT. UNIDEA - LABORAT. PERMAN. TEATRO, DANZA, SCENOGRAF. H423 ASD.PLANET DANCE FITNESS - INCLUSIONE SOCIALE SOGGETTI DISAGIATI N502 16

17 Tabella 4 - Impegni specifici assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Soggetto del Partenariato Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti), Cooperativa CTR, Ass. Sinergie Onlus, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, ASL (Servizio Materno Infantile e Servizio di Neuropsichiatria Infantile), Cooperativa Sociale Happy Baby, Direzione Scolastica, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga Servizi Sociali e CeSil Azienda USL n. 6 CSM e SERT, Società Abracadabra, Società Ape Maia, Comune di Arbus, Teresa Bolliri, Comune di Pabillonis Impegno Specifico Favorire azioni inserimento in favore dei minori Priorità Attribuita all Impegno Specifico INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, Comune di Arbus, Associazione di volontariato Onlus famiglie insieme e Coop. di tipo B di imminente costituzione, Rp Sardegna onlus, Ass. Oltre il sogno, Cooperativa CTR, Coop. Pardu Mannu, Comune di Gonnosfanadiga, Amministrazione Comunale di Villanovaforru, e Società Cooperativa Sociale Asce 2, Associazione Prendi il Largo, Coop. Alfa Beta,Coop. Nuova Luna, SERT- CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP, Comune di San Gavino M.le, Servizi Sociali e CeSil, Associazione Il Delfino, Cooperativa Nuove Frontiere Provincia Medio Campidano e Associazione Società sarda di pedagogia, Cooperativa CTR, Comune di Guspini, ASL (Servizio Materno Infantile e Servizio di Neuropsichiatria Infantile), Comune di Arbus primari dei soggetti Sostegno alla famiglia nella relazione educativa INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Società sarda di pedagogia, Comune di Guspini, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Comune di Arbus, Comune di Villacidro Rafforzamento del rapporto scuola famiglia INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti), Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune Di Pabillonis e costituende coop., Azienda Sanitaria Locale n. 6 di Sanluri, Comune di San Gavino M.le, Società Abracadabra, Società Ape Maia Potenziamento dei per la prima infanzia INDISPENSABILE

18 Provincia del Medio, Comune di Arbus e LASA Arbus, Coop. Sociale L Isola del Sole Fratellanza Operaia, AVIS Comune di Guspini, Volsoc, Auser, Diminuzione del carico e sanitario dell anziano INDISPENSABILE Provincia del Medio, Cooperativa, Parrocchia Sacro cuore, Società in costituzione di Villacidro, Serra Luigi Srl Miglioramento della qualità della vita degli anziani INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Società Cooperativa Sociale CTR Cagliari e Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga e unione Italiana ciechi Servizi Sociali e CeSil, Azienda USL n. 6 CSM e SERT, ENAIP Sardegna, Comune di Gonnosfanadiga, Coop. Pardu Mannu Provincia del Medio Campidano, Società Cooperativa Sociale CTR Cagliari e Comune di Villacidro, Comuni di San Gavino M.le e Gonnosfanadiga e unione Italiana ciechi Servizi Sociali e CeSil, Azienda USL n. 6 CSM e SERT, ENAIP Sardegna, Comune di Gonnosfanadiga, Comune di Guspini ENAP, Ciofs-Sardegna Provincia del Medio Campidano, Ciofs- Sardegna Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Provincia del Medio Campidano - Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Università degli Studi di Cagliari Possibilità di trovare lavoro per i soggetti in situazione di forte svantaggio Facilità all inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati Facilità delle donne disoccupate nell inserirsi nel mercato del lavoro Profili professionali costantemente aggiornati INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Provincia del Medio Campidano - Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Linguaggio comune tra operatori INDISPENSABILE 18

19 Provincia del Medio Campidano, Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Rete dei sufficiente INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Servizi sociali e CESIL dei comuni di Villacidro, Guspini, San Gavino M.le, Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, Sardara, SERT ASL n 6 CSM CSL di San Gavino M.le ENAIP Sardegna, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, dipartimento di economia (Universita degli Studi di Cagliari Provincia del Medio Campidano, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini, Fondazione Senescere, Cooperativa La Clessidra, E.S.I.E.A., ERSAT, ASL, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Fondazione Senescere, Volsoc, AUSER, ERSAT, Banca del Tempo, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Provincia del Medio Campidano, Coop. Alfa Beta, Comune di Guspini, Fondazione Senescere, Cooperativa La Clessidra, E.S.I.E.A., ERSAT, ASL, Comune di Guspini, Cooperativa La Clessidra, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale, Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Fondazione Senescere, Volsoc, AUSER, ERSAT, Banca del Tempo, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Coinvolgimento della comunità nelle scelte che la riguardano Coinvolgimento del giovane nelle scelte che lo riguarda Adeguatezza dei a rispondere ai bisogni del giovane INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Provincia del Medio Campidano, Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Economia (Responsabile d azione) Iares - Comuni del Patto - Consorzio SIS, Comune di Guspini, Cooperativa Happy Baby, Scuola Materna ed Elementari, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini, Centro Servizi per il Lavoro di San Gavino Monreale, Esperti di orientamento del CSL di San Gavino Monreale, Enti di formazione professionale, Associazioni di categoria, Completa conoscenza della dispersione scolastica INDISPENSABILE 19

20 Albi professionali, Scuole pubbliche secondarie di secondo livello, Comune di Arbus, Comune di Villacidro, Volontari del Centro d Ascolto Monsignor Spettu di Guspini Provincia del Medio Campidano, AIEM: Associazione Integrazione Etnie del Mondo e Consulnet srl, Comune di Gonnosfanadiga, Cooperativa Asce 2, Coop. Alfa Beta, Coop. Nuova Luna, Comune di Guspini Provincia del Medio Campidano, Comune di Arbus, Comune di Villacidro, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Potenziate azioni per l accessibilità e l accoglienza Adeguati strumenti di analisi del disagio giovanile INDISPENSABILE INDISPENSABILE Provincia del Medio Campidano, Associazione Sinergie Onlus, Comune di Villacidro, Comune di Arbus, Comune di Gonnosfanadiga Potenziata integrazione scuola-lavoro INDISPENSABILE Tabella 5 - Impegni collettivi assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Impegno Specifico Promuovere azioni di integrazione per i disabili e le famiglie Azioni di sostegno la famiglia Inclusione degli anziani e delle loro famiglie Misure atte a favorire l occupazione Servizi sociali e sanitari in grado di rispondere alle necessità del territorio Inclusione delle problematiche giovanili nella programmazione territoriale Adeguato sistema formativo a tutti i livelli Priorità Attribuita all Impegno Specifico INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE INDISPENSABILE 20

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Presenti, come le montagne

Presenti, come le montagne Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale A.S.S. n. 3 Alto Friuli Progetto Azioni di sistema per la promozione dell Accessibilità e della Domiciliarità

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA Consegnate alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati il 26 aprile 2012 1. Il Forum per una legge nazionale Il Forum

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: EOS Interventi di

Dettagli

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : PER LA SEDE DI SASSARI: COSPES SALESIANI SARDEGNA VIA DE MARTINI N. 18 07040 SASSARI (SS) PER LA SEDE DI CAGLIARI: PARROCCHIA S. PAOLO, PIAZZA

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL NORD-OVEST DELLA SARDEGNA Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria LA RETE DELLE FATTORIE DIDATTICHE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ARMA DEI CARABINIERI COMANDO PROVINCIALE, LA QUESTURA DI CATANIA, L AZIENDA OSPEDALIERA O.V.E. FERRAROTTO S. BAMBINO DI CATANIA - L AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI CATANIA -

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art.

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art. PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO L ASC InSIEME L AUSL DI BOLOGNA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE E CURA

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 I Dirigenti scolastici de: Istituto Statale d Arte F. Mengaroni Pesaro Liceo Classico T. Mamiani Pesaro Liceo Scientifico G. Marconi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA E CREAZIONE DI PROTOTIPI INNOVATIVI 1 EUROPA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015)

SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015) SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015) Settore di intervento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione x 3. Scuola e Istruzione x 4. Casa/Alloggio 5. Salute

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli