INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO"

Transcript

1

2

3 INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO PAGINA 1 Asilo nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Pag.01 2 Servizi di conciliazione vita- lavoro Pag.03 3 Rete di Pronto Intervento Sociale - PIS Pag.04 4 Rete di Pronto Intervento Sociale - emergenza abitativa Pag.06 5 Percorsi di inclusione socio - lavorativa Pag.07 6 Servizio sociale professionale Pag.09 7 Rete di accesso segretariato Pag.11 8 Rete di accesso - sportello immigrati Pag.13 9 Rete di accesso - PUA Pag Centri di ascolto per le famiglie Pag Educativa domiciliare per minori Pag Buoni servizio di conciliazione - infanzia e adolescenza Pag Affido familiare - équipe Pag Affido familiare Pag Adozione familiare Pag Centri diurni (art 52 e 104 rr 4/2007) Pag Unità di Valutazione Multidimensionale Pag Assistenza domiciliare non autosufficienti - ADI Pag Assistenza domiciliare non autosufficienti - SAD Pag Assistenza Domiciliare per persone con disagio psichico Pag Abbattimento barriere architettoniche Pag Buoni servizio di conciliazione disabili e anziani Pag Progetti di vita indipendente Pag Centri diurni anziani ( art. 106 RR 4/2007) Pag Centri diurni disabili ( art. 105 RR 4/2007) Pag Centri diurni disabili ( art. 60 RR 4/2007) Pag Dopo di noi (art RR4/2007) Pag Centri diurni Alzheimer (art.60 ter RR 4/2007) Pag Integrazione alunni con disabilità art.92 RR 4/ équipe Pag Integrazione alunni con disabilità art. 92 RR 4/2007 Pag Trasporto sociale per persone con disabilità Pag Inserimento in strutture a ciclo diurno per persone con disagio psichico (art bis-105) Pag Residenze per persone con disagio psichico (art:70-60bis-rr 4/2007) Pag Percorsi di inclusione socio - lavorativa Pag Maltrattamento e violenza - CAV Pag Maltrattamento e violenza - residenziale Pag Maltrattamento e violenza - équipe Pag Interventi di prevenzione in materia di dipendenze patologiche Pag Interventi indifferibili per minori fuori famiglia Pag Ufficio di Piano Pag.66

4

5 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 1 TITOLO: Asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Annualità 2 : 2013 r 2014 x 2015r 2016 r Numero progressivo: 1 Denominazione servizio/intervento: Asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Art. del r.r. 4/2007: Importo totale programmato: ,00 di cui: ,00 PAC Infanzia garantiscono la realizzazione dell intervento in oggetto ulteriori risorse rinvenienti da risorse comunali (SERVIZI COM) comprensive della compartecipazione dell utenza al costo del servizio. Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) r gestione in economia x gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare: in coerenza con la normativa vigente in tema di contratti ed appalti pubblici e della regolamentazione regionale di settore si provvederà all affidamento del servizio/i mediante procedure di gara aperta ai sensi degli art. 3, comma 37 e art. 55 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i. applicando il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 81 e 83 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i, escludendo in ogni caso il ricorso al massimo ribasso, attribuendo alla valutazione del prezzo un valore non superiore ai 40 punti su 100) Tipologia di utenti: minori 0-36 mesi e nuclei familiari di riferimento N medio annuo previsto di posti/utenti: 109 Prima di passare alla descrizione degli obiettivi, delle azioni e dei risultati attesi che si intende perseguire con la programmazione del terzo Piano sociale di zona da parte dell Ambito territoriale e nello specifico con le azioni programmate in relazione ai servizi cui la presente scheda si riferisce è utile richiamare in termini generali una breve descrizione del servizio/intervento in oggetto. Descrizione e standard di riferimento L asilo nido e i servizi ad esso assimilati (sezioni primavera, micro nidi, nidi aziendali,..) rappresenta un servizio educativo e sociale d interesse pubblico, aperto a tutti i bambini di età compresa tra i 3 e i 36 mesi, che concorre con le famiglia alla loro crescita e formazione nel quadro di una politica per la prima infanzia volta garantire il diritto all educazione di tutti i bambini, nel rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa; oltre che a costituire un valido supporto ad una più equilibrata organizzazione familiare e al sostegno a politiche di conciliazione dei tempi di vita e lavoro. Per raggiungere tali finalità il servizio assicura prestazioni di cura ed assistenza quotidiana dei bambini, di stimolazione allo sviluppo e alla socializzazione, a tutela del loro benessere psicofisico, 1 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 2 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 1

6 delle loro potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali. Durante la permanenza dei bambini nella struttura, i cui parametri minimi dii riferimento dal punto di vita strutturale sono indicati all art. 53 del Regolamento regionale 4/2007 e s.m.i., devono essere garantiti i servizi di igiene, il servizio mensa, il servizio di cura e sorveglianza continua dei piccoli ospiti, il tempo riposo, lo svolgimento di un piano educativo personalizzato, mediante l impiego di personale adeguatamente formato fornito dei titoli di studio e delle qualifiche previste dalla normativa nazionale e regionale di riferimento, in numero adeguato alla tipologia degli ospiti, alla ricettività e capienza della struttura. Obiettivi di programmazione: consolidare e ampliare il sistema di offerta dei servizi socioeducativi per la prima infanzia a titolarità pubblica potenziando e qualificando le strutture esistenti: asilo nido e sezione primavera comunali di Sava, asilo nido comunale di Avetrana, asilo nido comunale di Maruggio; Azioni da realizzare: garantire, tramite l utilizzo delle risorse del PAC infanzia I stralcio assegnate all Ambito territoriale l ampliamento e la qualificazione dei livelli di servizio nelle strutture ad oggi attive in modo da raggiungere nell anno scolastico la disponibilità di n. 109 posti nido pubblici a fronte dei 47 attualmente disponibili, di cui 80 sostenuti con risorse PAC. Risultati attesi: incremento e qualificazione dell offerta di posti nido pubblici in modo da raggiungere il 93,16 % dell obiettivo di servizio previsto dal Piano Regionale Politiche Sociali ; riequilibrio e coordinamento sull intero territorio dell ambito territoriale della rete dell offerta pubblica di servizi per la prima infanzia rispetto all offerta privata; progressiva integrazione della rete pubblico-privata convenzionata sul territorio dell ambito in modo da garantire alle famiglie un offerta uniforme sia dal punto di vista qualitativo che delle procedure, modalità e criteri di accesso, anche attraverso l introduzione di sistemi di convenzione e acquisto posti in modo da garantire l accesso a tariffe agevolata anche alle famiglie non in possesso dei requisiti per beneficiare delle misure regionali di sostegno della domanda di servizi per la prima infanzia (buoni servizio di conciliazione). Secondo i parametri e gli standard minimi previsti dalla normativa regionale di riferimento il personale del servizio asilo nido è costituito da: coordinatore pedagogico, in possesso dei titoli di studio e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, e in coerenza di quanto previsto dall art. 46 del Regolamento regionale 4/2007 e s.m.i.; educatori, in possesso dei titoli di studio e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, e in coerenza di quanto previsto dall art. 46 del Regolamento regionale 4/2007 e s.m.i.; in misura rispondente ai parametri regionali previsti; personale addetto ai servizi generali in misura rispondente ai parametri regionali previsti; personale dedicato alla cucina nel caso in cui i pasti vengano preparati all interno della struttura. 2

7 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 3 TITOLO: Servizi di conciliazione vita - lavoro Annualità 4 : 2013 r 2014 x 2015 x 2016 x Numero progressivo: 2 Denominazione servizio/intervento: Servizi di conciliazione vita - lavoro Art. del r.r. 4/2007: Altro Importo totale programmato: Spesa ricompresa in scheda N. 40 Ufficio di piano Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) x gestione in economia r gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare) Tipologia di utenti: intera popolazione, con particolare attenzione ai nuclei familiari con figli minori e con particolari carichi di cura (famiglie con persone non autosufficienti, ) N medio annuo previsto di utenti: Obiettivi: promuovere e sostenere a livello territoriale e inter-istituzionale una politica attenta alla conciliazione dei tempi vita-lavoro anche attraverso la realizzazione di progetti integrati, lo sviluppo di reti sociali e dell uso dei tempi a fini solidaristici, la responsabilità sociale delle imprese, in modo da favorire una più adeguata distribuzione dei ruoli e dei compiti nell organizzazione della vita delle famiglie e garantire una maggiore partecipazione delle donne al mondo del lavoro; Azioni da realizzare: sperimentazione di azioni e progetti integrati tesi a favorire l organizzazione dei servizi pubblici e privati, della mobilità cittadina, delle opportunità di fruizione degli spazi e dei luoghi culturali, sportivi, ludico-ricreativi, in modo da sostenere e favorire la conciliazione dei tempi di vita e lavoro; Risultati attesi: istituzione dell Ufficio Tempi e Spazi della Città quale snodo di coordinamento e raccordo delle diverse iniziative da mettere in campo per favorire una maggiore attenzione da parte delle istituzioni, della comunità cittadina nelle sue diverse componenti, al tema della conciliazione dei tempi di vita e lavoro. Ufficio Tempi e Spazi della Città attivo all interno dell UdP con personale tecnico-amministrativo dedicato alla raccolta dati, verifica procedure e mappatura dei servizi e delle opportunità offerte dalla rete pubblico-privata dei servizi e del capitale sociale cittadino, all informazione ai cittadini. 3 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 4 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 3

8 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 5 TITOLO: Rete di pronto intervento sociale - PIS Annualità 6 : 2013 r 2014 x 2015 r 2016 r Numero progressivo: 3 Denominazione servizio/intervento: Rete di pronto intervento sociale - PIS Art. del r.r. 4/2007: 85 Importo totale programmato: spesa ricompresa in scheda N. 6 Servizio sociale professionale e N. 7 Rete di accesso- segretariato sociale, in raccordo con risorse di bilancio comunale (COM) destinate a interventi di contrasto della povertà. Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) S gestione in economia r gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare) Tipologia di utenti: Persone e nuclei familiari in condizione di forte svantaggio socio-economico N medio annuo previsto di utenti: Obiettivi: dotare il territorio di una rete integrata di servizi e strutture per l accoglienza nelle situazioni di emergenza sociale, che faccia perno sul sistema pubblico di accesso e presa in carico (Servizio sociale professionale comunale e Rete del segretariato sociale, coordinati a livello dell Ufficio di piano con modalità e regolamentazioni uniformi sul territorio dell ambito) caratterizzata da un forte collaborazione tra istituzioni locali, terzo settore e organizzazioni di volontariato; Azioni da realizzare: porre le condizioni per la costruzione di un servizio di ambito di Pronto Intervento Sociale con personale dedicato nell ambito del Servizio sociale professionale e del Segretariato sociale comunali, coordinato a livello di ambito ed articolato per snodi comunali, in stretto raccordo con la rete territoriale dei servizi di prossimità e di pronta accoglienza del volontariato, del terzo settore e del mutuo aiuto; Risultati attesi: immediato e diretto sostegno ai soggetti che versano in condizioni di vulnerabilità attraverso servizi di pronto intervento sociale in rete con servizi di prossimità (mensa, banco alimentare e dei farmaci, prima accoglienza e igiene personale, contributi economici di prima necessità); consolidamento di forme di accoglienza di breve e media durata per persone a rischio di esclusione sociale e di misure per il sostegno in direzione dell abitare protetto seppur autonomo; riduzione del numero delle persone e delle famiglie a rischio di esclusione. Target OdS: punti di Pronto Intervento sociale operativi con regolamento unico di ambito. Grado di raggiungimento OdS: 12,50%. 5 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 6 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 4

9 assistenti sociali e personale amministrativo del settore servizi sociali (servizio sociale professionale e segretariato sociale); operatori/volontari delle organizzazioni del terzo settore attive e da coinvolgere nella rete territoriale del Pronto Intervento Sociale. 5

10 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 7 TITOLO: Rete di pronto intervento sociale emergenza abitativa Annualità 8 : 2013 r 2014 x 2015 r 2016 r Obiettivo di servizio: x SI r NO Numero progressivo: 4 Denominazione servizio/intervento: Rete di pronto intervento sociale emergenza abitativa Art. del r.r. 4/2007: 77-81ter Importo totale programmato: 5.000,00 di cui: ,00 da FGSA 2013 Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) x gestione in economia r gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare) Tipologia di utenti: persone e nuclei familiari in condizioni di disagio socio-economico ed emergenza abitativa N medio annuo previsto di utenti: 2 posti/interventi Obiettivi: dotare il territorio di una rete integrata di servizi e strutture per l accoglienza nelle situazioni di emergenza sociale, caratterizzata da un forte collaborazione tra istituzioni pubbliche locali, terzo settore e organizzazioni di volontariato; Azioni da realizzare: costruire la rete territoriale per l accoglienza abitativa di soggetti svantaggiati in condizioni di emergenza, a rischio di esclusione sociale, attraverso accordi/convenzioni con strutture private e l attivazione misure di sostegno economico all autonomia abitativa; Risultati attesi: consolidamento di forme di accoglienza di breve e media durata per persone a rischio di esclusione sociale e di misure di sostengo dell autonomia abitativa. Target OdS: n.1 posto (diretti o convenzionati) ogni 5mila abitanti=16 posti/interventi di sostegno Grado di raggiungimento OdS: 12,50%. assistenti sociali e personale amministrativo del settore servizi sociali (servizio sociale professionale e segretariato sociale); operatori/volontari delle organizzazioni del terzo settore attive e da coinvolgere nella rete territoriale del Pronto Intervento Sociale. 7 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 8 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 6

11 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 9 TITOLO: Percorsi di inclusione socio - lavorativa Annualità 10 : 2013 r 2014 x 2015 x 2016 x Numero progressivo: 5 in raccordo con scheda 34 Denominazione servizio/intervento: Percorsi di inclusione socio - lavorativa Art. del r.r. 4/2007: 102 Importo totale programmato: ,00 di cui: ,00 da residui di stanziamento PdZ Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) r gestione in economia x gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare: in coerenza con la normativa vigente in tema di contratti ed appalti pubblici e della regolamentazione regionale di settore si provvederà all affidamento del servizio/i mediante procedure di gara aperta ai sensi degli art. 3, comma 37 e art. 55 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i. applicando il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 81 e 83 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i, escludendo in ogni caso il ricorso al massimo ribasso, attribuendo alla valutazione del prezzo un valore non superiore ai 40 punti su 100) r altra modalità di gestione (specificare) Tipologia di utenti: persone in condizioni di svantaggio e a rischio di esclusione sociale in carico ai servizi pubblici territoriali: sociali, sanitari, della giustizia, (a titolo esemplificativo: disoccupati di lunga durata, adulti in difficoltà con carichi familiari, immigrati, persone con disabilità, minori in età lavorativa privi di titolo di studio o di qualifica professionale a rischio di devianza, donne sole con figli prive di autonomia economica, persone sottoposte a misure restrittive della libertà, ) N medio annuo previsto di utenti inseriti in percorsi d inclusione sociale attiva: 14 Obiettivi: contrastare la povertà e l esclusione sociale delle fasce più vulnerabili della popolazione attraverso percorsi d inclusione sociale attiva; Azioni da realizzare: sperimentare percorsi integrati di sostegno ed accompagnamento personalizzati nella fase di accesso e/o reinserimento nel mercato del lavoro di persone svantaggiate, in collaborazione con i servizi per l impiego, le agenzia della formazione, il tessuto produttivo locale, il volontariato e il terzo settore; Risultati attesi: attivazione, definizione, modellizzazione e consolidamento di percorsi d inclusione sociale attiva da sostenere, in fase di stabilizzazione anche con risorse FSE di prossima assegnazione nel corso del triennio di vigenza del PSdZ Attivazione di 42 percorsi di inclusione socio-lavorativa attivati nel corso del triennio. Grado di raggiungimento dell obiettivo di servizio: 175%. Target OdS: n.1 percorso ogni 5mila abitanti=16 percorsi 9 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 10 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 7

12 N. percorsi d inclusione sociale attiva nell anno previsti: 14 Grado auspicato di raggiungimento OdS: 87,50%. La tipologia di servizio richiede l intervento convergente di diverse figure professionali facenti capo sia ai servizi istituzionali invianti cui compete la selezione e la definizione delle modalità di accesso al servizio da parte degli utenti che al soggetto cui è affidata la gestione del servizio: personale (diversi profili professionali: assistenti sociali, psicologi, personale medico e sanitario, amministrativi,..) dei servizi pubblici, sociali, socio-sanitari, della giustizia, invianti cui compete la selezione degli utenti e il coordinamento della rete pubblico-privata di supporto e sostegno; personale del soggetto gestore del servizio per il tutoraggio, l orientamento, il bilancio delle competenze, il sostegno socio-psico-educativo di accompagnamento nel percorso d inclusione; il sostegno e la informazione-formazione rivolta allo sviluppo di percorsi all autoimpiego, l accompagnamento nella concreta esperienza di pre-inserimento lavorativo attraverso l istituto del tirocinio formativo o altra modalità consentita dalla vigente normativa di settore e nella successiva fase di ricerca attiva del lavoro,.. 8

13 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 11 TITOLO: Servizio Sociale Professionale Annualità 12 : 2013 r 2014 x 2015 r 2016 r Obiettivo di servizio: x SI r NO Numero progressivo: 6 in raccordo con schede Denominazione servizio/intervento: Servizio Sociale Professionale Art. del r.r. 4/2007: 86 Importo totale programmato: ,05 di cui: ,05 da Risorse di bilancio comunale 2014 per spesa storica personale in organico presso gli uffici comunali di servizio sociale Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) x gestione in economia r gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare:) Tipologia di utenti: popolazione residente e presente sul territorio comunale N medio annuo previsto di utenti: Prima di passare alla descrizione degli obiettivi, delle azioni e dei risultati attesi che si intende perseguire con la programmazione del terzo Piano sociale di zona da parte dell Ambito territoriale e nello specifico con le azioni programmate in relazione ai servizi cui la presente scheda si riferisce è utile richiamare in termini generali una breve descrizione del servizio/intervento in oggetto. Descrizione e standard di riferimento Il Servizio Sociale Professionale (ex art. 86 Regolamento regionale 4/2007 e s.m.i.) si caratterizza come servizio pubblico aperto ai bisogni della comunità, finalizzato ad assicurare le prestazioni necessarie a prevenire, ridurre e/o rimuovere situazioni problematiche o di bisogno sociale dei cittadini. Sono prestazioni caratteristiche del servizio: la lettura e la decodifica dei bisogni e della domanda sociale, la presa in carico della persona, della famiglie e/o del gruppo sociale, la predisposizione di progetti personalizzati, l attivazione e l integrazione dei servizi e delle risorse in rete, l accompagnamento e l aiuto nel processo di promozione ed emancipazione. Va evidenziato come si tratti di un servizio trasversale ai vari servizi e prestazioni specialistiche, che oltretutto svolge un ruolo importante e centrale nei processi di programmazione e coordinamento della rete dei servizi territoriali, rappresentando da questo punto di vista un interfaccia privilegiata dell Ufficio di piano (vedi scheda n. 40). Il Servizio Sociale Professionale si articola territorialmente garantendo la massima prossimità ai cittadini in quanto parte integrante della strutturazione degli uffici delle municipalità dell ambito. Rispetto alle tipologie di intervento proprie del Servizio Sociale Professionale è utile distinguere tre diverse macro-funzioni: segretariato sociale 11 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 12 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 9

14 gestione sociale del caso pronto intervento sociale. Si tratta di tre aspetti che convergono nella definizione del sistema territoriale di accesso, inteso nella complessità delle funzioni che ne caratterizzano il ruolo e la complessità organizzativa, oltre che la centralità nel sistema territoriale di welfare, più volte ribadita e sottolineata nel documento di programmazione regionale (PRPS Asse prioritario Promuovere la cultura dell accoglienza) a cui il Piano sociale di zona dell Ambito territoriale di Manduria si richiama nelle scelte di programmazione effettuate. Per quanto premesso è importante considerare le schede di dettaglio che definiscono i servizi di accesso, siano essi pubblici che privati (n ) non come interventi separati ma come parti integrate di un sistema unico di regolamentato a livello di ambito territoriale, centrato sul Servizio Sociale Professionale articolato territorialmente in ciascun comune dell ambito e coordinato a livello dell Ufficio di piano (scheda n. 40). Obiettivi: strutturare e potenziare il sistema territoriale di accesso in modo da garantire le funzioni di prima informazione, accoglienza, orientamento della domanda e presa in carico individualizzata; Azioni da realizzare: potenziare e qualificare la dotazione organica (+ n. 6 ULA rispetto alle attuali n. 9 unità in organico) della figura dell assistente sociale in coerenza con l OdS attraverso il reclutamento di nuovo personale e/o l ampliamento della copertura oraria del personale già attivo); garantire in continuità la copertura territoriale attuale promuovendo e sostenendo un efficace coordinamento a livello di ambito degli sportelli e una più diffusa informazione ai cittadini sull offerta dei servizi del territorio, sulle modalità e procedure di accesso, sui diritti di cittadinanza, anche attraverso accordi di collaborazione con organismi di volontariato e terzo settore e la diffusione di materiale informativo. Risultati attesi: garantire un adeguata copertura con professionisti assistenti sociali dell intera rete dell accesso considerata nelle sue diverse articolazioni funzionali di segretariato sociale, presa in carico e pronto intervento per l emergenza sociale; disponibilità di un sistema informativo unico per la gestione, condivisione e aggiornamento delle cartelle sociali e sociosanitarie degli utenti presi in carico; Target OdS: n.1 assistente sociale ogni 5mila abitanti=16 assistenti sociali Grado auspicato di raggiungimento OdS: 93,75%. Professionisti assistenti sociali Personale amministrativo di supporto; 10

15 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 13 TITOLO: Rete di accesso - Segretariato Annualità 14 : 2013 r 2014 x 2015 r 2016 r Numero progressivo: 7 in raccordo con schede Denominazione servizio/intervento: Rete di accesso -Segretariato Art. del r.r. 4/2007: 83 Importo totale programmato: ,00 di cui: ,00 da Residui di stanziamento PdZ Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) x gestione in economia x gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare: avviso pubblico per selezione di personale da contrattualizzare a norma di legge o affidamento del servizio di segretariato sociale mediante procedure di gara aperta ai sensi degli art. 3, comma 37 e art. 55 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i. applicando il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 81 e 83 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i, escludendo in ogni caso il ricorso al massimo ribasso, attribuendo alla valutazione del prezzo un valore non superiore ai 40 punti su 100) Tipologia di utenti: popolazione residente e presente sul territorio dell ambito territoriale N medio annuo previsto di utenti: Prima di passare alla descrizione degli obiettivi, delle azioni e dei risultati attesi che si intende perseguire con la programmazione del terzo Piano sociale di zona e nello specifico con le azioni programmate in relazione ai servizi cui la presente scheda si riferisce è utile richiamare in termini generali una breve descrizione del servizio/intervento in oggetto. Descrizione e standard di riferimento Il servizio di segretariato sociale (ex art. 83 Regolamento regionale 4/2007 e s.m.i.), assicurato nell ambito del servizio Sociale Professionale, opera come sportello per l accesso ai servizi socioassistenziali e sportello di cittadinanza, svolgendo attività d informazione, di accoglienza, di accompagnamento, di ascolto e di orientamento sui diritti di cittadinanza con caratteristiche di gratuità per l utenza. Si caratterizza per l elevato grado di prossimità al cittadino, diversificandosi dalle attività di presa in carico e il ruolo promozionale da svolgere d intesa con le associazioni e gli enti di patronato. Obiettivi: potenziare il sistema territoriale di accesso in modo da garantire le funzioni di prima informazione, accoglienza, orientamento della domanda sociale; Azioni da realizzare: creazione di una rete stabile e di prossimità del segretariato sociale, promuovendo e consolidando la collaborazione con le reti e gli organismi della solidarietà sociale 13 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 14 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 11

16 attivi sul territorio e modalità comunicative finalizzate alla massima diffusione delle informazioni sull offerta territoriale dei servizi ai cittadini; Risultati attesi: adeguata presenza in organico della figura dell assistente sociale in modo da raggiungere un livello soddisfacente di copertura territoriale e di raggiungimento dell OdS previsto. Target OdS: n.1 assistente sociale ogni 5mila abitanti=16 assistenti sociali Grado auspicato di raggiungimento OdS: 93,75%. professionisti assistenti sociali altro personale di supporto per le attività informative. 12

17 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 15 TITOLO: Rete di accesso sportello immigrati Annualità 16 : 2013 r 2014 x 2015 r 2016 r Numero progressivo: 8 Denominazione servizio/intervento: Rete di accesso sportello immigrati Art. del r.r. 4/2007: 108 Importo totale programmato: ,00 di cui: ,00 da Residui di stanziamento PdZ Modalità di gestione del servizio (in coerenza con quanto indicato nelle schede finanziarie) r gestione in economia x gestione diretta con affidamento a terzi r altra modalità di gestione (specificare: in coerenza con la normativa vigente in tema di contratti ed appalti pubblici e della regolamentazione regionale di settore si provvederà all affidamento del servizio/i mediante procedure di gara aperta ai sensi degli art. 3, comma 37 e art. 55 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i. applicando il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 81 e 83 del D. Lg n. 163/2006 e s.m.i, escludendo in ogni caso il ricorso al massimo ribasso, attribuendo alla valutazione del prezzo un valore non superiore ai 40 punti su 100) Tipologia di utenti: cittadini stranieri, operatori dei servizi territoriali, popolazione residente N medio annuo previsto di utenti: Prima di passare alla descrizione degli obiettivi, delle azioni e dei risultati attesi che si intende perseguire con la programmazione del terzo Piano sociale di zona e nello specifico con le azioni programmate in relazione ai servizi cui la presente scheda si riferisce è utile richiamare in termini generali una breve descrizione del servizio/intervento in oggetto. Descrizione e standard di riferimento Il servizio di Sportello per l integrazione socio-sanitaria-culturale (ex art. 108 Regolamento regionale 4/2007 e s.m.m.i.) svolge attività di informazione sui diritti, di formazione e affiancamento degli operatori sociali e sanitari per la promozione della cultura dell integrazione organizzativa e professionale in favore degli immigrati, di primo orientamento e accompagnamento dei cittadini immigrati e loro nuclei familiari nell accesso alla rete dei servizi sociali, sanitari, dell istruzione, di consulenza tecnica specialistica per supportare i servizi sanitari, dell istruzione, di consulenza tecnica specialistica per supportare i servizi nella costruzione e nella gestione dei progetti personalizzati d intervento. Il servizio opera in stretto contatto con la rete pubblica del segretariato sociale assicurando la presenza al suo interno per lo svolgimento delle prestazioni che lo caratterizzano personale qualificato nella mediazione linguistica e interculturale. 15 Da compilare almeno per tutti gli Obiettivi di Servizio (ex PRPS ) programmati nel Piano di Zona. 16 Indicare le annualità di realizzazione del servizio/intervento che hanno copertura finanziaria con le risorse già disponibili 13

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE Comune di Palo del Colle Comune di Bitonto RELAZIONE ILLUSTRATIVA In occasione della programmazione delle attività e dei servizi del Piano Sociale di Zona

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

OGGETTO : Programmazione finanziaria Piano di Zona 2014/2016 - esercizio finanziario 2015. Approvazione. 2. PANTALEO PALUMBO (calimera)

OGGETTO : Programmazione finanziaria Piano di Zona 2014/2016 - esercizio finanziario 2015. Approvazione. 2. PANTALEO PALUMBO (calimera) AMBITO DI MARTANO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI http://www.ambitodimartano.it - mailto: ambito@comune.martano.le.it Sede legale in Martano - Piazzetta Giacomo Matteotti n. 12 info: 0836.575272

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE 133 134 PROGETTO 9.0 GESTIONE ORDINARIA SERVIZI SOCIALI ATTIVITA ISTITUZIONALE In linea con le iniziative già realizzate negli ultimi anni, si intende continuare a gestire

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Sport; lo Statuto della Regione Lazio; la L.R. 6 agosto

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti;

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti; Delib.Ass.Legisl. 23-11-2006 n. 91 Programma annuale 2006: interventi, obiettivi, criteri generali di ripartizione delle risorse ai sensi dell'art. 47, comma 3, della L.R. n. 2/2003. Stralcio del Piano

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE N. 2

SCHEDA PROGETTUALE N. 2 Allegato n. 2 SCHEDA PROGETTUALE N. 2 MACRO-AREA DI INTERVENTO: (X) Relazioni familiari (X) Diritti dei minori () Persone anziane ( ) Contrasto della povertà ( ) Disabili ( ) Avvio della riforma () Altro

Dettagli

COMUNE DI CORI CAPITOLATO SPECIALE DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE. ART. 1 Oggetto dell Appalto. ART. 2 Finalità del Servizio

COMUNE DI CORI CAPITOLATO SPECIALE DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE. ART. 1 Oggetto dell Appalto. ART. 2 Finalità del Servizio COMUNE DI CORI DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza sul territorio distrettuale, dei Livelli Essenziali di

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

3 Piano Sociale di Zona 2014-2016

3 Piano Sociale di Zona 2014-2016 Ambito Territoriale Alto Tavoliere Comuni di San Severo, Apricena, Chieuti, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, Serracapriola e Torremaggiore 3 Piano Sociale di Zona 2014-2016 Fascicolo 2

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 11 del 16.9.2008 Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza La Regione, al fine di garantire adeguato sostegno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Le politiche per la terza età L'invecchiamento è un processo naturale che riguarda tutte le persone e che si sviluppa in modo differenziato secondo i contesti familiari, culturali, sociali nei quali esso

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi di Ambito

Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi di Ambito Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi di Ambito PIANO DI ZONA 2010-2013 Annualità: 2010 2011 2012 2013 AMBITO DI GALATINA PROV. DI LECCE Informazioni generali Ambito di intervento: WELFARE

Dettagli

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione Newsletter n.70 Dicembre 2009 Approfondimento_10 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE III - INCLUSIONE SOCIALE E SERVIZI PER LA QUALITÀ DELLA VITA E L'ATTRATTIVITÀ TERRITORIALE Linee di intervento, azioni e stato

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Destinatari del servizio pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Il servizio è rivolto a gestanti e madri con bambini che hanno bisogno di temporanea ospitalità, indipendentemente dalla loro nazionalità,

Dettagli