Che cos è un vitigno? Estratto dall articolo L evoluzione dei vitigni Arunda 83 Rebsaft dott. José Vouillamoz, Svizzera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cos è un vitigno? Estratto dall articolo L evoluzione dei vitigni Arunda 83 Rebsaft dott. José Vouillamoz, Svizzera"

Transcript

1 Che cos è un vitigno? Estratto dall articolo L evoluzione dei vitigni Arunda 83 Rebsaft dott. José Vouillamoz, Svizzera Da quando la vite è apparsa e si è evoluta sulla Terra, ogni sua varietà e quindi ogni vitigno è derivata da una sola pianta, cresciuta da un unico seme, e quel seme, a sua volta, è sempre stato il risultato di un accoppiamento sessuale fra due vitigni genitori o precursori (figura 5). Perché un nuovo vitigno si sviluppi spontaneamente, devono verificarsi diversi presupposti: Un fiore di un grappolo d uva deve essere impollinato per trasformarsi in acino. Quel grappolo non deve essere raccolto. L acino deve cadere sul terreno, oppure essere mangiato da un animale ed evacuato altrove. Il seme deve germinare e trasformarsi in pianticella o semenzale. Il semenzale non deve essere strappato da terra. La piantina deve riuscire a sopravvivere per almeno tre anni, in modo da fruttificare ed essere riconosciuta come vitigno interessante dall occhio umano. La piantina deve diffondersi per talea o propagginazione per tutto il proprio ciclo di vita. Per tutta l Antichità e fino all Ottocento, ogni vigneto era, in realtà, una miscela più o meno eterogenea di vari vitigni, piantati senza un progetto o una struttura specifica, sicché gli incroci fra varietà distinte potevano verificarsi in qualunque momento, e crescere liberamente. Ma questa nascita spontanea di nuovi vitigni è divenuta pressoché impossibile nei vigneti moderni - controllati e monovarietali - dove è assai più diffusa l autoimpollinazione e dove ogni piantina nuova viene sistematicamente eliminata. Di conseguenza, l evoluzione spontanea dei vitigni è di fatto terminata, e dall Ottocento è stata sostituita dagli incroci mirati eseguiti nei centri di ricerca varietale.

2 Figura 5. Come si forma un nuovo vitigno? Ogni nuovo vitigno o varietà di vite è il risultato di una riproduzione sessuale. Col termine di vitigno s intende un gruppo di cloni morfologicamente distinti, tutti derivanti da un singolo seme nato da due vitigni genitori, che si sviluppano per propagazione vegetativa tramite talea. Legenda: father = padre; mother = madre; grape seed = seme; plant = pianta; propagation = diffusione; cutting = talea; layering = propagginazione; clones = cloni; grape cultivar = cultivar o vitigno coltivato Quando uno dei biliardi di semi di vite prodotti ogni anno per autoimpollinazione sul Pianeta si deposita nel terreno, il semenzale che ne scaturisce rappresenta una varietà nuova e distinta, altamente consanguinea con la pianta madre (per effetto del cosiddetto inincrocio o inbreeding). È questo il motivo per cui l autoimpollinazione non è mai stata vista con favore dai viticoltori, poiché le piante che ne scaturiscono di solito sono meno stabili e più suscettibili alle malattie. L enorme varietà genetica che s osserva tra i vitigni di oggi (Aradhya et al. 2003; Cipriani et al. 2010; Myles et al. 2011) è la prova indiretta che l impollinazione incrociata fu il processo più frequente alla base dei circa vitigni esistenti oggigiorno, dove la combinazione fra più genomi distinti ha prodotto delle varietà più differenziate e interessanti per la viticoltura, grazie soprattutto all emergere di nuove caratteristiche. Queste ultime, inoltre, possono manifestarsi anche in seguito a mutazioni genetiche. Le mutazioni Una volta selezionato un nuovo vitigno, per conservarne le caratteristiche morfologiche e organolettiche desiderate occorre diffonderlo per talea o propagginazione. Ma ad ogni divisione cellulare che porta alla crescita della pianta, possono verificarsi degli errori nella replicazione del DNA, che prendono il nome di mutazioni spontanee. Gran parte di queste mutazioni non modifica la pianta, poiché riguarda porzioni del DNA non codificanti (più del 90% del DNA di un organismo superiore non ha delle funzioni biologiche conosciute, tanto che i ricercatori lo chiamano DNA spazzatura ). Il tasso delle mutazioni che riguardano il DNA codificante (geni), negli organismi superiori è di circa una su trecento divisioni cellulari (Drake et al. 1998). Dopo decenni o secoli di diffusione vegetativa, ogni pianta di un determinato vitigno contiene in sé centinaia di migliaia di nuove mutazioni. Gran parte di queste resta inosservata, e solo quelle che incidono su aspetti evidenti come il diametro o il colore degli acini, la grandezza dei grappoli, la forma delle foglie, il periodo di maturazione o altre caratteristiche evidenti per l occhio umano, saranno notate e diffuse separatamente. Tuttavia, per quanto evidente possa essere una variazione morfologica,

3 quest accumulo di mutazioni che si verifica nel tempo non dà vita a nuovi vitigni, ma solo a nuovi cloni del medesimo vitigno. Pertanto, un vitigno si può definire come un gruppo di cloni morfologicamente distinti derivanti da un singolo seme iniziale, prodotto a sua volta da un vitigno padre che ha impollinato un vitigno madre (Bourisquot and This, 1999) (figura 5). Quanto più antico è un vitigno, quindi, tanto maggiore sarà il numero dei suoi cloni. Per esempio, il Pinot ha centinaia di cloni semplicemente perché esiste da molto tempo, e non perché - come erroneamente postulato - sarebbe più incline di altri vitigni a subire mutazioni genetiche (Bernard 1995). Il Pinot nero (acini neri), il Pinot grigio (acini grigi o rosa) e il Pinot bianco (acini bianchi) spesso sono considerati dei vitigni distinti, ma in realtà costituiscono mere variazioni del colore della buccia del medesimo vitigno, derivanti da un particolare tipo di mutazione, ossia l inserimento di un trasposone (salto di gene) nel tratto di genoma (DNA) che codifica il gene responsabile della sintesi degli antociani (chiamato VvmybA1), un processo che provoca la perdita del colore scuro nella buccia dell acino (This et al. 2007). In realtà, il Pinot nero, il Pinot grigio e il Pinot bianco non sono distinguibili all esame del DNA, e vanno quindi considerati mere varianti del medesimo vitigno.

4 I vitigni fondatori Poiché ogni essere vivente (vite, essere umano ecc.) riceve la metà del proprio DNA dal padre e l altra metà dalla madre, analizzare il profilo del DNA è utile anche per ricostruire i legami di parentela e l albero genealogico di un vitigno (come in un test di paternità). In questo caso, occorre analizzare da 20 a 60 microsatelliti per avere un affidabilità statistica sufficiente. Il primo test di paternità eseguito con successo in viticoltura risale al 1997, all Università della California a Devis, dove la professoressa Carol Meredith e il suo dottorando John Bowers dimostrarono che il Cabernet Sauvignon, nobile vitigno bordolese, molto probabilmente deriva da un incrocio naturale fra il Cabernet Franc e il Sauvignon Blanc (Bowers and Meredith 1997) (tabella 1), una scoperta che suscitò grande sorpresa fra gli esperti. Da allora, lo studio dei rapporti di parentela fra i diversi vitigni è entrato nella nuova era della genetica storica, propiziando la scoperta di diversi alberi genealogici e parentele del tutto inaspettate (vedi Sefc et al per una panoramica). Nel frattempo, si è fatta luce anche sui legami di parentela monoparentale : in sostanza, quando uno dei due vitigni genitori è sconosciuto (vale a dire non ancora analizzato o estinto), è comunque possibile individuare legami di parentela di origine fra due vitigni, a condizione che condividano almeno un valore di ciascun microsatellite, e si è visto che l affidabilità statistica si ottiene verificando un minimo di microsatelliti (Vouillamoz and Grando 2006). Tuttavia, in questi casi non è possibile determinare qual sia il vitigno genitore e quale quello discendente, per il semplice fatto che non è nota l età del vitigno. Anche non conoscendo nessuno dei vitigni genitori, applicando l approccio probabilistico sviluppato di recente si sono scoperti fratelli, fratellastri, nonni o nipoti insospettati nel pedigree assai complesso del Syrah (Vouillamoz and Grando 2006). Tabella 1. Nel 1957 si scoprì inaspettatamente che il Cabernet Sauvignon è un discendente naturale del Cabernet Franc e del Sauvignon Blanc. In ciascuno dei 32 microsatelliti analizzati, infatti, il Cabernet Sauvignon fece evidenziare un valore del padre (Cabernet Franc) e uno della madre (Sauvi gnon Blanc).

5 Cabernet Franc Cabernet Sauvignon Sauvignon Blanc Microsatellite Microsatellite Microsatellite Microsatellite Microsatellite Microsatellite ecc. Tabella 2. Quasi tutti i vitigni coltivati attualmente nell Europa occidentale sembrano discendere, per incrocio spontaneo, da un gruppo ristretto di vitigni fondatori. Francia Italia Croazia Spagna Alpi Vitigni fondatori Pinot, Gouais Garganega, Tribidrag Cayetana Rèze blanc, Nebbiolo, Blanca Savagnin, Teroldego, Cabernet Luglienga franc, Bianca, Mondeuse Moscato noire bianco ad acini piccoli A 15 anni dall inizio di questa ricostruzione degli alberi genealogici dei vitigni, è ormai evidente che un numero ristretto di vitigni fondatori diede origine, per incrocio spontaneo, a quella vasta progenie che costituisce attualmente il germoplasma della vite nell Europa Occidentale (tabella 2). Uno di questi vitigni fondatori è il Cabernet Franc: oltre ad aver originato il Cabernet Sauvignon, è anche il genitore di altri due vitigni bordolesi, ossia il Merlot e il Carmenère (una varietà oggi più

6 diffusa in Cile e in Cina che nella sua patria d origine). Ma il vitigno fondatore più importante sembra essere il Gouais Blanc, una varietà oggi quasi dimenticata, ma assai diffusa in tutta l Europa occidentale durante il Medio Evo: è il vitigno genitore di nientemeno che 80 vitigni, fra cui il Riesling tedesco, lo Chardonnay e il Gamay della Borgogna, il Furmint ungherese, il Blaufränkisch austriaco e altri. Anche il Savagnin, noto con nomi e varianti differenti (Traminer, Traminer aromatico, Traminer giallo, Savagnin rosato ecc.) ha influito in misura significativa sullo sviluppo della viticoltura dell Europa occidentale, dando i natali a vitigni oggi assai diversi fra loro come il Sauvignon blanc e il Chenin blanc della Loira, il Verdelho di Madera, Il Grüner Veltliner austriaco e altri. Lo segue a breve distanza il Pinot (senza distinzione di colore), che ha generato lo Chardonnay e il Gamay nella Borgogna, e probabilmente lo stesso Savagnin. Oltre a questi, nell Europa occidentale ci sono diversi vitigni fondatori (vedi Tabella 2), e gli studi futuri sull albero genealogico dei vitigni coltivati fin dall Antichità ne faranno sicuramente emergere altri per ciascun territorio, fornendo nuovi dati e migliorando notevolmente la conoscenza dell evoluzione dei vitigni. Foto: L autore José Vouillamoz (a destra) insieme a Patrick McGovern (a sinistra) fotografati davanti a una vite selvatica alle pendici delle sorgenti del Tigri, nel Sud-Est della Turchia (Foto: Ali Ergül) Bibliografia dell intero articolo Aradhya MK, Dangl GS, Prins BH, Boursiquot JM, Walker MA, Meredith CP, Simon CJ (2003) Genetic structure and differentiation in cultivated grape, Vitis vinifera L. Genetical Research 81: Arnold C, Gillet F, Gobat J-M (1998) Situation de la vigne sauvage Vitis vinifera ssp. sylvestris en Europe. Vitis 37: Barnard H, Dooley AN, Areshian G, Gasparyan B, Faull K (2011) Chemical evidence for wine production around 4000 BCE in the Late Chalcolithic Near Eastern highlands Journal of Archaeological Science 38: Bernard R (1995) Aspects of clonal selection in Burgundy. American Journal of Enology and Viticulture Proceedings of the international symposium on clonal selection, June 1995, Portland, Oregon:52-59 Boursiquot J-M, This P (1999) Essai de définition du cépage. Le Progrès Agricole et Viticole 116: Bowers JE, Meredith CP (1997) The parentage of a classic wine grape, Cabernet Sauvignon. Nature Genetics 16:84-87 Cipriani G, Spadotto A, Jurman I, Di Gaspero G, Crespan M, Meneghetti S, Frare E, VIgnani R, Cresti M, Morgante M, Pezzotti M, Pe E, Policriti A, Testolin R (2010) The SSR-based molecular profile of 1005 grapevine (Vitis vinifera L.) accessions uncovers new synonymy and parentages, and reveals a large admixture amongst varieties of different geographic origin Theoretical & Applied Genetics 121: Drake JW, Charlesworth B, Charlesworth D, Crow JF (1998) Rates of spontaneous mutation. Genetics 148: Gamkrelidze TV, Ivanonv VV (1990) The early history of Indo-European languages. Scientific American 262: Gray RD, Atkinson QD (2003) Language-tree divergence times support the Anatolian theory of Indo-European origin. Nature 426: Jacquat C, Martinoli D (1999) Vitis vinifera L.: wild or cultivated? Study of the grape pips found at Petra, Jordan; 150 BC - AD 40. Vegetation History & Archaeobotany 8:25-30 McGovern PE (2003) Ancient Wine: The Search for the Origins of Viniculture. Princeton University Press

7 Myles S, Boyko AR, Owens CL, Brown PJ, Grassi F, Aradhya MK, Prins B, Reynolds A, Chiah J-M, Ware D, Bustamante CD, Buckler ES (2011) Genetic structure and domestication history of the grape. Proceedings of the National Academy of Sciences 108: Negrul AM (1938) Evolution of cultivated forms of grapes. Comptes Rendus (Doklady) Académie Sciences USSR 18: Sefc KM, Pejić I, Maletić E, Thomas MR, Lefort F (2009) Microsatellite markers for grapevine: tools for cultivar identification & pedigree reconstruction. In: Roubelakis-Angelakis KA (ed) Grapevine Molecular Physiology & Biotechnology, 2nd edn. Springer Science+Business Media B.V., New York, pp This P, Lacombe T, Cadle-Davidson M, Owens CL (2007) Wine grape (Vitis vinifera L.) color associates with allelic variation in the domestication gene VvmybA1. Theoretical & Applied Genetics 114: This P, Lacombe T, Thomas MR (2006) Historical origins and genetic diversity of wine grapes. Trends in Genetics 22: Vavilov NI (1926) Studies on the origin of cultivated plants, Leningrad Vouillamoz JF, Grando MS (2006) Genealogy of wine grape cultivars: Pinot is related to Syrah. Heredity 97: Vouillamoz JF, Grando MS, Ergül A, Agaoglu S, Tevzadze G, Meredith CP, McGovern PE (2004) Is Transcaucasia the cradle of viticulture? DNA might provide an answer. In: Vieira A (ed) III Symposium of the International Association of History and Civilization of the Vine and the Wine. Centro de Estudos de História do Atlântico, Funchal (Madeira), October 5-8, 2003, pp Zohary D, Hopf M (2000) Domestication of plants in the Old World, Third edition edn. Oxford University Press Inc., New York

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà

Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà Chi ha paura degli organismi geneticamente modificati? Chiavi di lettura a cura di Federico Tibone e Lisa Vozza indice Introduzione 5 1. Le leggi della natura

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

OGM in agricoltura: le risposte alle domande più frequenti

OGM in agricoltura: le risposte alle domande più frequenti RegioneLombardia Agricoltura Università degli studi di Milano OGM in agricoltura: le risposte alle domande più frequenti Consiglio Scientifico per le Biotecnologie in Agricoltura QUADERNI DELLA RICERCA

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE Per gli studenti del 1 Anno della Facoltà di Agraria APPUNTI DALLE LEZIONI (A.A. 00/003) Andrea Onofri Dipartimento di Scienze Agroambientali e della

Dettagli

LA MENTE NELLA CULTURA: COGNIZIONE ED ANALISI DEI FATTI CULTURALI

LA MENTE NELLA CULTURA: COGNIZIONE ED ANALISI DEI FATTI CULTURALI ALBERTO ACERBI LA MENTE NELLA CULTURA: COGNIZIONE ED ANALISI DEI FATTI CULTURALI Esattamente vent anni fa, Dan Sperber auspicava che gli antropologi futuri si rivolgessero con sempre maggiore attenzione

Dettagli

SOAVE REGIONE VENETO. Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali

SOAVE REGIONE VENETO. Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali FEASR FEASR REGIONE VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali Fondo europeo

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE Customer satisfaction: a che punto siamo Indagine sullo stato di attuazione della direttiva del Ministro per la Funzione pubblica del 24 marzo 2004 sulle rilevazioni della qualità dei servizi percepita

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

Per fare un piatto ci vuole un seme...

Per fare un piatto ci vuole un seme... Per fare un piatto ci vuole un seme... Sommario 1 Perché una guida sui semi? 2 Da dove sono arrivate le sementi che oggi usiamo? 3 Semi rurali 5 La legge del seme 6 La bellezza dell imperfezione 7 Ma cosa

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali Etica & Politica / Ethics & Politics, IX, 2007, 2, pp. 148-181 Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali ROBERTO FESTA Dipartimento di filosofia Università di Trieste festa@units.it ABSTRACT Mathematical

Dettagli

Lezioni di Fisica non lineare

Lezioni di Fisica non lineare Università degli Studi di Bari Corso di Laurea in Fisica Lezioni di Fisica non lineare Giuseppe Gonnella Dipartimento di Fisica via Amendola 173, 70126 Bari, Italy gonnella@ba.infn.it 2 Indice 1 Fisica

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Come cambia la cura dell infanzia

Come cambia la cura dell infanzia UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 8 Come cambia la cura dell infanzia Un quadro comparativo dei servizi educativi e della cura per la prima infanzia nei paesi economicamente avanzati La presente

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Liuc Papers n. 144, Serie Economia e Impresa, 36, marzo 2004 ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Christian Garavaglia 1 1. Introduzione È ampiamente

Dettagli

Idroponica per tutti. HydroScope. Dello stesso autore. Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture

Idroponica per tutti. HydroScope. Dello stesso autore. Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture Dello stesso autore Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture (English Edition, Mama Editions, 2013, 2014, 2015) L Hydroponie pour tous, Tout sur l horticulture à la maison (French Edition,

Dettagli

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

Le figure professionali emergenti

Le figure professionali emergenti Le figure professionali emergenti Il mondo farmaceutico che cambia Project Work Scienziati in Azienda XIII edizione Andrea Cerutti Rosanna Faillace Luca Pessina Alberto Poli Andrea Robotti Ilaria Valente

Dettagli

Cosa sono i campi elettromagnetici?

Cosa sono i campi elettromagnetici? Cosa sono i campi elettromagnetici? Definizioni e sorgenti I campi elettrici sono creati da differenze di potenziale elettrico, o tensioni: più alta è la tensione, più intenso è il campo elettrico risultante.

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Ufficio Regionale per l Europa dell OMS e BZgA. Standard per l Educazione Sessuale in Europa

Ufficio Regionale per l Europa dell OMS e BZgA. Standard per l Educazione Sessuale in Europa Ufficio Regionale per l Europa dell OMS e BZgA Standard per l Educazione Sessuale in Europa Quadro di riferimento per responsabili delle politiche, autorità scolastiche e sanitarie, specialisti Ufficio

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli