DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 a Sezione Ws

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 a Sezione Ws"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Certificazione ISO n /11/S ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti Marittimi / Logistica Indirizzi: Elettrotecnica ed Elettronica / Informatica e Telecomunicazioni ======================================== I.I.S. BUCCARI-MARCONI CAGLIARI DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 a Sezione Ws INDIRIZZO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 1

2 ARTICOLAZIONE DEL DOCUMENTO Pag. L ISTITUTO 3 IL CORSO DI STUDI 3 OBIETTIVI 4 DURATA DEGLI STUDI - TIPOLOGIA DEL CORSO 5 QUADRO ORARIO SETTIMANALE 5 PROGRESSIONE FORMATIVA 5 COMPONENTI CONSIGLIO DI CLASSE 6 MODALITÀ DI LAVORO E STRUMENTI UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE 7 OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE 8 COMPOSIZIONE - PROFILO STORIA DELLA CLASSE 9 ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO 9 SIMULAZIONI TERZA PROVA D ESAME 9 ALLEGATI: CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO 11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEL CREDITO FORMATIVO 11 ITALIANO 13 STORIA 16 LINGUA STRANIERA 21 CONTENUTI DISCIPLINARI DIRITTO ED ECONOMIA 22 MATEMATICA 28 ELETTRONICA 30 SISTEMI AUTOMATICI 33 TELECOMUNICAZIONI 36 T.D.P. 40 GRIGLIE DI VALUTAZIONE PROVE SCRITTE 43 PROVE SOMMINISTRATE IN FASE DI SIMULAZIONE 46 Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 2

3 L ISTITUTO L Istituto IIS Buccari Marconi nasce nell anno scolastico dall unione dell Istituto Tecnico Nautico Buccari e dall Istituto Tecnico Industriale G. Marconi.L Istituto Tecnico Industriale G. Marconi., iniziò a operare autonomamente quando, nell anno scolastico 1979/80, le sezioni con specializzazione Elettrotecnica si separarono dall Istituto Tecnico Industriale D. Scano per dar vita a una nuova scuola. Nell anno scolastico 1999/2000, l Amministrazione Provinciale ha consegnato i nuovi locali scolastici di via V. Pisano in località Terramaini che attualmente costituiscono l unica sede. IL CORSO DI STUDI I corsi serali dell'itis BUCCARI MARCONI, limitatamente all anno in corso e solo per la classe terminale, adottano il "PROGETTO SPERIMENTALE SIRIO" progettato per venire incontro alle particolari esigenze degli studenti-lavoratori e che a suo tempo ha introdotto alcune importanti novità: una consistente riduzione dell'orario settimanale di lezione: le 36 ore del corso diurno diventano 25 ore settimanali nelle classi prime e seconde, 28 ore nelle altre classi. il riconoscimento dei Crediti Formativi, grazie al quale chiunque già possieda specifiche conoscenze, acquisite in precedenti esperienze di studio ed anche nel corso dell'attività lavorativa, può chiederne il riconoscimento ed ottenere così il parziale esonero dalla frequenza delle lezioni. un diverso approccio nel rapporto allievo-insegnante, teso a valorizzare le competenze professionali di ciascuno. Il corso di studi, avente la durata di cinque anni, dava la possibilità di iscriversi, se in possesso di idoneità o di adeguati Crediti Formativi, anche in classi successive alla prima. Le lezioni vengono svolte dal lunedì al venerdì, iniziano alle e terminano alle L unità didattica (ora di lezione) è di 60 minuti ad eccezione della prima e ultima ora che sono di 50 minuti. Per quanto attiene la frequenza alle lezioni, anche se considerata fattore essenziale per il buon risultato degli studi, possono essere riconosciute a seguito dell'attività lavorativa, delle deroghe al computo delle assenze previsto dal DPR 122 del 22/06/09. In più, a questo percorso formativo basato sulla personalizzazione dell apprendimento, sul riconoscimento di crediti o sull attribuzione di debiti, è previsto l'affiancamento di un tutor che assiste i singoli allievi in merito alle strategie idonee a colmare le carenze culturali. Il progetto Sirio rispondeva ai bisogni di coloro che intendevano rientrare nel sistema formativo per conseguire il diploma di Perito in Elettronica e Telecomunicazioni, attraverso un percorso che valorizzasse le esperienze professionali e le conoscenze culturali di ciascun lavoratore-studente. Gli obiettivi del corso erano principalmente rappresentati dall esigenza di qualificare giovani e adulti privi di professionalità aggiornata, per i quali la licenza media non costituiva più una garanzia Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 3

4 all emarginazione culturale e/o lavorativa. In generale l'utenza di un corso serale è particolarmente varia e differenziata, sia per l età degli alunni che per la loro formazione culturale. Tra gli studenti vi è chi ha abbandonato gli studi per necessità familiari e lavorative, chi invece per sfiducia, chi ancora per mancanza di stimoli o perché segnato da precedenti esperienze scolastiche negative, alcuni di questi provengono dai corsi diurni. Gli studenti lavoratori affrontano l attività scolastica dopo una giornata di lavoro, pertanto risultano particolarmente motivati e sostenuti dalla volontà di conseguire un obbiettivo prezioso, dal momento che consapevolmente sacrificano tempo libero, amici e spesso anche affetti familiari. L attività didattica dei docenti deve quindi necessariamente tenere conto di alcuni fattori, quali l impossibilità da parte degli alunni di studiare a casa con continuità e costanza, o la frequenza non sempre assidua da parte di alcuni, per motivi di lavoro. Diventa così necessario organizzare e svolgere in classe, quanto più possibile, l attività didattica e fare in modo che questa sia sostenuta da una programmazione puntuale e nello stesso tempo flessibile, che nulla lasci all improvvisazione e che coinvolga il più possibile l alunno. OBIETTIVI Le finalità generali previste dal profilo professionale del perito industriale per l'elettronica e Telecomunicazioni pongono come obiettivo quello di definire una figura professionale capace d'inserirsi in realtà produttive differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell'organizzazione del lavoro. In particolare si tende a creare un tecnico che sia in grado di: 1. Saper analizzare e dimensionare vari circuiti elettronici ; 2. Saper analizzare le caratteristiche funzionali dei sistemi, anche complessi, di circuiti elettronici di amplificazione, selezione e conversione dei segnali; 3. Saper partecipare al collaudo, alla gestione e al controllo di sistemi elettronici anche complessi con relativa ricerca guasti; 4. Saper progettare, realizzare e collaudare piccole parti di sistemi, con particolare riferimento ai dispositivi per le telecomunicazioni; 5. Saper progettare, realizzare e collaudare sistemi elettronici semplici ma completi, valutando, anche sotto il profilo economico, la componentistica presente sul mercato; 6. Saper descrivere il lavoro svolto, redigere documenti per la produzione dei sistemi progettati e scriverne il manuale d'uso; 7. Saper comprendere ed interpretare i datasheet dei vari componenti discreti ed integrati e redigere brevi relazioni in lingua straniera. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 4

5 DURATA DEGLI STUDI: TIPOLOGIA DEL CORSO: 5 anni Corso scolastico a tempo pieno QUADRO ORARIO SETTIMANALE - PROGETTO SIRIO Discipline 3 anno 4 anno 5 anno Italiano Storia Lingua inglese Economia industriale ed elementi di diritto Matematica Meccanica e Macchine Elettrotecnica 4(2) 3 - Elettronica 4(2) 4(2) 4(2) Sistemi automatici 3(2) 3(2) 4(2) Telecomunicazioni - 3 5(2) Tecnologie Elettroniche, Disegno e progettazione 4(3) 4(4) 5(4) Totale ore di laboratorio (9) (8) (10) Totale complessivo ore settimanali PROGRESSIONE FORMATIVA Istruzione superiore universitaria Istruzione/formazione post-secondaria Tirocinio professionale per accedere all esame per conseguire l iscrizione all albo dei periti Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 5

6 COMPONENTI IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE DISCIPLINA CONTINUITA DIDATTICA Pisu Luigi Stefano Italiano - Storia NO Olla Antonio Inglese NO Putzu Giuseppina Matematica SI Mazzanesu Carlo Diritto SI Sarigu Antonio Elettronica Sistemi NO NO Piroddi Luigi T.D.P NO Scano Marco Telecomunicazioni SI Lai Marco Lab. di Elettronica e Telec. NO Rodolico Pierluigi Lab. di Sistemi e Lab. di T.D.P. SI Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 6

7 MODALITÀ DI LAVORO E STRUMENTI UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE METODOLOGIA Sono state utilizzate le differenti metodologie didattiche e i supporti disponibili in funzione delle discipline, degli obiettivi e degli argomenti: lezione frontale partecipata, studio guidato, lavoro di gruppo, letture di testi tecnici e di riviste, dibattito, esperienze di laboratorio. VERIFICHE E VALUTAZIONI Le verifiche sono state effettuate utilizzando strumenti quali: interrogazione - elaborati - questionari e test semi strutturati e strutturati nelle tipologie previste A, B e C, relazioni disegni progetti - prove di laboratorio. Le verifiche sia di tipo orale, che scritto o grafico sono state intese come controllo del processo di apprendimento al fine sia di diagnosticare e correggere in itinere gli errori rilevati, sia di indurre corretti comportamenti autovalutativi negli studenti. Per la valutazione sommativa intermedia, effettuata per classificare gli alunni, si sono utilizzati strumenti funzionali al tipo di obiettivi (prove scritte strutturate e non strutturate, prove orali). Per le valutazioni intermedie e finali, come previsto dalla sperimentazione Sirio si è utilizzato un voto unico anche per quelle discipline che prevedono prove scritte, grafiche e pratiche oltre che orali. Al fine di rendere il più possibile collegiale la valutazione di fine periodo e consentire di integrare i risultati raggiunti nelle singole discipline con la formazione globale dell alunno sono stati utilizzati alcuni indicatori quali: l impegno e la partecipazione; la progressione rispetto al livello di partenza; il raggiungimento degli obiettivi minimi disciplinari di conoscenza e di sviluppo delle capacità fissati in sede di programmazione iniziale. I criteri di valutazione, tenendo conto del progresso degli studenti rispetto al livello iniziale, dell'impegno di studio a casa e della partecipazione al dialogo educativo, hanno privilegiato nell'ordine: conoscenza degli argomenti; linearità dell'espressione e impiego del linguaggio specifico; coerenza logica; analisi e individuazione dei concetti chiave; rapporti e collegamenti interdisciplinari; SUSSIDI DIDATTICI E FISICI Libri di testo, libri consigliati, fotocopie, proiettore video, elaboratori elettronici completi di programmi esplicativi (video scrittura, foglio elettronico, CAD elettronici e programmi di simulazione quali Protel, Pspice e Workbench, sistemi di sviluppo per microcontrollori), strumentazione di misura, materiale audiovisivo, laboratori, documentazione tecnica reperita sul WEB Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 7

8 OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di Classe, dopo un attento esame dei prerequisiti dei singoli studenti e in funzione delle capacità delle conoscenze di base e delle competenze specifiche d'ognuno di essi pur avendo fatto propri gli obiettivi generali sopraelencati, ne ha anche individuato alcuni che rappresentano gli obiettivi minimi fondamentali: 1) Saper affrontare e padroneggiare i diversi aspetti relativi alla progettazione; 2) Saper correttamente descrivere il lavoro svolto con riferimento anche al linguaggio tecnico nell'ottica sempre più diffusa del lavoro d'equipe; 3) Saper produrre documentazione tecnica da utilizzare secondo le circostanze di lavoro; Gli interventi didattici sono stati finalizzati innanzi tutto per creare nella classe un clima di fiducia riguardo le possibilità di riuscita e di successo. Tenendo conto dell età adulta della maggior parte degli allievi, si sono adottati quindi linguaggio, modalità relazionali e comportamenti professionali rispettosi del loro vissuto oltre che dei loro ritmi e stili di apprendimento. L azione didattica del C.d.c. si è articolata quindi principalmente sui seguenti punti: - valorizzare le esperienze umane, culturali e professionali degli studenti ogni qualvolta il dibattito scolastico lo permettesse; - motivare gli allievi alla partecipazione e allo studio evidenziando soprattutto il valore formativo e l apporto professionale di ciascuna proposta didattica; - favorire il lavoro di gruppo, specie nelle materie di indirizzo; - ridurre al minimo indispensabile le lezioni frontali, dando preminenza al problem-solving come strategia più funzionale a processi di apprendimento efficaci, soprattutto per studenti adulti. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 8

9 COMPOSIZIONE - PROFILO STORIA DELLA CLASSE La classe, inserita nel progetto coordinato per corsi serali Sirio, è un collettivo costituito da 13 studenti. La classe proviene dalla quarta dell anno precedente ad eccezione di due studenti che sono di nuovo inserimento. Ad eccezione di alcuni, la maggior parte degli allievi risulta impiegata in attività lavorative, sia saltuariamente che a tempo indeterminato; ciò ha chiaramente comportato, per taluni, alcune difficoltà a partecipare assiduamente alle diverse attività didattiche, in special modo a quelle svolgentesi nelle prime ore, ciò dovuto al protrarsi delle attività lavorative oltre l ora di inizio dell'attività didattica. La classe, si presentava inizialmente con abilità e competenze sufficientemente omogenee. L interesse e l impegno hanno consentito a diversi elementi un miglioramento sensibile, rispetto alla situazione iniziale. Altri non sono riusciti a colmare le lacune della loro preparazione, nonostante la collaborazione dei docenti. Si evidenziano quindi diversi studenti che frequentano regolarmente le lezioni, partecipano con interesse e impegno e ottengono risultati sufficienti; altri che si applicano in modo discontinuo o insufficiente, per i quali la preparazione risulta appena sufficiente o mediocre in alcune materie. ATTIVITA' DI RECUPERO E DI SOSTEGNO Gli insegnanti nella loro autonomia hanno svolto attività di recupero durante le ore curricolari ogni qualvolta l'hanno ritenuto necessario ed opportuno. SIMULAZIONI TERZA PROVA D ESAME Il Consiglio di Classe ha deliberato di proporre due tipologie tra quelle suggerite dalla normativa per le simulazioni della terza prova d esame. Di seguito sono indicate le due tipologie proposte e successivamente allegate le due prove somministrate. Tipologia prova Data Simulazione Discipline coinvolte B Quesiti a risposta breve TDP - ELETTRONICA INGLESE TELECOMUNICAZIONI - STORIA C Quesiti a risposta multipla TDP - ELETTRONICA INGLESE TELECOMUNICAZIONI - STORIA Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 9

10 ALLEGATI Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 10

11 CRITERI ATRIBUZIONE CREDITO SCOLASTICO Il credito scolastico viene attribuito nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi 3 anni della scuola superiore secondo il D.M. n. 42 /2007. La somma dei punteggi ottenuti nei tre anni costituisce il credito scolastico che potrà raggiungere il punteggio massimo complessivo di 25 punti. II punteggio più alto della fascia di appartenenza viene attribuito di norma ad ogni studente che abbia conseguito per proprio merito una media 0.50 della fascia stessa (es. 6,50; 7,50; etc.). II consiglio di classe, inoltre, per l'attribuzione del punteggio in caso di M 8, può tenere conto di: a)particolare interesse ed impegno dimostrato nel corso del triennio b)partecipazione a progetti (orientamento, teatro, ed. ambientale), concorsi, mostre c)accertati e seri problemi di salute. CRITERI ATRIBUZIONE CREDITO FORMATIVO II Consiglio di Classe, nello scrutinio finale, valuta l'idoneità della documentazione presentata dai singoli allievi ai fini dell'attribuzione del credito formativo e scolastico. Il credito formativo sarà attribuito con estremo rigore, solo alla presenza di attività certificate da enti riconosciuti, non sporadiche, che abbiano prodotto risultati positivi documentati. Potranno essere riconosciuti i crediti formativi (massimo 2), attribuendo il punteggio di 0,50 per ognuno, acquisiti con la partecipazione a: attività non curriculari promosse dalla scuola quali la partecipazione a stage lavorativi. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 11

12 CONTENUTI DISCIPLINARI Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 12

13 Materia ITALIANO Docente Prof. Luigi Stefano Pisu Testi: Vari, fotocopie, appunti. OBIETTIVI GENERALI Conoscere i contenuti delle tematiche affrontate durante l anno scolastico nelle linee essenziali. Saper leggere, contestualizzare ed interpretare un testo letterario. Saper produrre testi scritti di tipo diverso ( analisi e commento di un testo letterario o non letterario, saggio breve, tema) Sapersi esprimere e comunicare in modo chiaro, coerente e corretto. MODALITA' DI LAVORO PER TUTTE LE UNITA' DIDATTICHE Lezione frontale interattiva. Lettura, analisi e commento dei testi in classe. Discussione e verifica orale Verifica scritta. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE Interrogazioni, questionari. CRITERI VALUTAZIONE ELABORATI SCRITTI Attinenza alla traccia; Coerenza e coesione interna; Correttezza morfo-sintattica; Presenza e articolazione argomentazione. Capacità di analisi e sintesi; Valutazione critica e originalità. CRITERI VALUTAZIONE PRODUZIONE ORALE Conoscenza contenuti; Chiarezza espositiva; Capacità di contestualizzare e confrontare autori e temi; Capacità di orientarsi nel programma svolto. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 13

14 CONTENUTI EDUCAZIONE LINGUISTICA PRINCIPI DELLA COMUNICAZIONE: LA FUNZIONE POETICA LESSICO: LE COMPONENTI DEL LESSICO ITALIANO SINTASSI: LA FRASE SEMPLICE. COORDINAZIONE E SUBORDINAZIONE. ANALISI DEL TESTO POETICO LA POESIA LIRICA LA PARAFRASI LE FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO: SIMILITUDINE, METAFORA, ANALOGIA, SINESTESIA, METONIMIA, IPERBOLE, OSSIMORO, ANTITESI LE FIGURE RETORICHE D ORDINE: ANAFORA, CLIMAX LE FIGURE RETORICHE DEL SUONO: ALLITTERAZIONE, ASSONANZA, CONSONANZA, ONOMATOPEA. IL TESTO NARRATIVO: ANALISI DEL LIVELLO INTRATESTUALE ED EXTRATESTUALE. LA CRITICA LETTERARIA: I FORMALISTI RUSSI, LA SCUOLA PSICOANALITICA, LA CRITICA DELL IDEOLOGIA, LO STRUTTURALISMO. FOSCOLO E IL NEOCLASSICISMO ( analisi e commento di passi scelti) IL ROMANTICISMO: NASCITA E SVILUPPI LEOPARDI: ASPETTI DEL PENSIERO E ANALISI E COMMENTO DI PASSI SCELTI IL ROMANZO: STORIA DI UN GENERE LETTERARIO IL NATURALISMO FRANCESE. L INTRODUZIONE A GERMINIE LACERTEUX. : LETTURA, ANALISI E COMMENTO MADAME BOVARY: CRITICA AL ROMANTICISMO E OGGETTIVITÀ DEL NARRARE. EMMA E LA FOLLIA DA IDENTIFICAZIONE LETTERARIA Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 14

15 IL VERISMO E VERGA. DA VITA DEI CAMPI LA LUPA, : LETTURA, ANALISI FORMALE E COMMENTO. LE TECNICHE NARRATIVE: REGRESSIONE, ECLISSE, STRANIAMENTO E DISCORSO INDIRETTO LIBERO. LA SOCIETÀ COME STRUTTURA STRUTTURANTE E GIUDICANTE. DA NOVELLE RUSTICANE LA ROBA, : LETTURA, ANALISI FORMALE E COMMENTO. INTRODUZIONE AL TEMA DELL ARRAMPICATORE SOCIALE. MASTRO DON GESUALDO: TEMATICHE PORTANTI. L ACCUMULO DELLA ROBA E IL DRAMMA DELL ESCLUSIONE. LA MORTE DI GESUALDO IL DECADENTISMO LA VITA COME UN OPERA D ARTE: CONTROCORRENTE DI HUYSMANS. LA NEVROSI DI DESESSENT. IL SIMBOLISMO IN POESIA GIOVANNI PASCOLI LA POETICA DEL FANCIULLINO: L INTERPRETAZIONE PSICOANALITICA DA MYRICAE : L ASSIUOLO, : LETTURA, ANALISI FORMALE E COMMENTO. IL TEMA DEL NIDO. IL FONOSIMBOLISMO; IL DISCORSO ANALOGICO E IMPRESSIONISTICO. VITA E MORTE. LUIGI PIRANDELLO LA CONCEZIONE FILOSOFICA: IL RELATIVISMO GNOSEOLOGICO COSÌ È SE VI PARE: SINTESI E ANALISI DELLE TEMATICHE PORTANTI. L UMORISMO: AVVERTIMENTO DEL CONTRARIO E SENTIMENTO DEL CONTRARIO. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 15

16 Materia STORIA Docente Prof. Luigi Stefano Pisu Testi: V. Calvani Il gusto della storia Arnoldo Mondadori scuola, fotocopie, appunti, file preparati dall insegnante. OBIETTIVI GENERALI Acquisire il senso della storia, la sua complessità e molteplicità di piani e modelli interpretativi Conoscere e comprendere gli avvenimenti piu significativi dei periodi esaminati Comprendere ed esporre i concetti-chiave essenziali Collocare nel tempo e nello spazio gli avvenimenti principali e collegarli tra loro Essere in grado di rielaborare in maniera autonoma le informazioni acquisite CRITERI DI VALUTAZIONE Raggiungimento degli obiettivi Conoscenza dei contenuti Impegno e partecipazione al dialogo educativo-didattico METODI E VERIFICHE Lezione frontale interattiva Discussione Sintesi orali e scritte Brevi interrogazioni, questionari, test delle diverse tipologie La strategia didattica privilegiata per favorire l apprendimento è stata la lezione frontale, non monocorde, ma aperta al confronto e al dibattito, spesso povero, per mancanza di concetti cardine sui quali si sarebbe dovuta fondare l'azione didattica ; calibrata ai singoli interventi è stata la tecnica del problem solving, nonostante non abbia sortito gli effetti desiderati. Gli alunni sono stati verificati oralmente e per iscritto con prove di verifica comprendenti ampie porzioni del programma; così come la spiegazione, anche le interrogazioni, ed in generale tutte le prove e le verifiche proposte, sono sempre state condotte a partire dal testo, richiedendo agli alunni di ricavare da esso le caratteristiche formali e i temi tipici, di contestualizzarlo, o eventualmente di collegarlo ad aspetti e forme o problemi riscontrati in altre discipline.si fa presente, inoltre, che il programma di letteratura previsto è stato tuttavia rallentato dalla necessità, per scelta del docente, di affrontare una parte del programma relativa alle nozioni base di linguistica, alla narratologia e all'analisi del testo in genere secondo i principali orientamenti della critica. La tipologia delle prove scritte ha previsto l analisi testuale, l'articolo di giornale, il saggio breve e il tema argomentativo. Sono stati oggetto di verifica anche gli interventi autonomi. Nella valutazione si è tenuto conto oltre che dell acquisizione dei contenuti, dell interesse e della partecipazione di ciascun allievo all attività didattica ma anche dei progressi rispetto al livello di partenza; Permangono ancora come punto debole, per la maggior parte, l'organizzazione argomentativa e, in alcuni casi, perfino la correttezza morfosintattica. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 16

17 Per quanto attiene alla storia la progettazione didattica non è stata svolta in maniera integrale; il docente ha ritenuto necessario sottrarre tempo alla disciplina per rafforzare le competenze linguistiche di base, l'organizzazione del discorso e la selezione delle informazioni, aspetti che, vagliando i risultati dei test in ingresso, sono apparsi fortemente compromessi: questa la causa principale del ridimensionamento dell azione didattica. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 17

18 CONTENUTI BREVE SINTESI DELLA SITUAZIONE DELL ITALIA DAL CONGRESSO DI VIENNA SINO ALL UNITA LA DESTRA STORICA I PROBLEMI ALL INDOMANI DELL UNITÀ LA MONARCHIA COSTITUZIONALE I CODICI LA SCUOLA IL PAREGGIO DEL BILANCIO LA TASSA SUL MACINATO LA QUESTIONE MERIDIONALE 1. IL BRIGANTAGGIO LA QUESTIONE ROMANA E ROMA CAPITALE L IDEA DI CAVOUR LA SOLUZIONE GARIBALDINA LA CONVENZIONE DI SETTEMBRE LA REAZIONE DI PIO IX: IL SILLABO IL CONCILIO VATICANO I LA BRECCIA DI PORTA PIA LA LEGGE DELLE GUARENTIGIE IL NON EXPEDIT LA SINISTRA STORICA IL DISCORSO DI STRADELLA LA RIVOLUZIONE PARLAMENTARE Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 18

19 LA LEGGE COPPINO IL TRASFORMISMO LA POLITICA ESTERA E LA TRIPLICE ALLEANZA L ETÀ CRISPINA IL CODICE ZANARDELLI IL PRIMO GOVERNO GIOLITTI NASCITA DEL PSI CATTOLICESIMO SOCIALE E RERUM NOVARUM GIOLITTI SCANDALO DELLA BANCA ROMANA IL PROGRAMMA DEL SECONDO GOVERNO GIOLITTI LA POLITICA PER IL MEZZOGIORNO LEGISLAZIONE SUL LAVORO RIFORMA ELETTORALE LA NASCITA DEI SINDACATI I NAZIONALISTI I PATTI GENTILONI LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE TENSIONI INTERNAZIONALI LE NUOVE ALLEANZE LO SCOPPIO DEL CONFLITTO: SARAJEVO IL PIANO TEDESCO FRONTE OCCIDENTALE E FRONTE ORIENTALE LA GUERRA SOTTOMARINA Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 19

20 L ITALIA IN GUERRA INTERVENTISTI E IRREDENTISTI IL PATTO DI LONDRA IL FRONTE ITALIANO CAPORETTO GLI ACCORDI DI PACE IL BIENNIO ROSSO IL FASCISMO L ASCESA DI MUSSOLINI E LA NASCITA DEL PARTITO FASCISTA MUSSOLINI AL POTERE: LEGGI FASCISTISSIME E DITTATURA IL NAZISMO GENESI E SVILUPPI LA SECONDA GUERRA MONDIALE (BREVE SINTESI) Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 20

21 Materia LINGUA E CIVILTA INGLESE Docente Prof. Olla Antonio OBIETTIVI Acquisire una buona capacità di lettura e pronuncia di un testo; comprendere in maniera analitica un testo di microlingua; saper tradurre in italiano testi di argomento tecnico; raggiungere una maggiore competenza linguistica; esporre oralmente i testi analizzati in classe. METODOLOGIA DIDATTICA Si è utilizzato il metodo funzionale comunicativo, con una partecipata interazione degli studenti. Si è proceduto con la lettura e traduzione di un testo tecnico, permettendo agli studenti di esercitarsi nella comprensione e rielaborazione dei contenuti. STRUMENTI DIDATTICI Libro di testo e fotocopie, fornite dal docente. VERIFICHE In itinere e sommative. Sono state somministrate verifiche sotto forma di domande a risposta aperta e verifiche orali. CONTENUTI Early Britain, a history of invasions: the Celts and Druids. Beowulf: an early epic; Christianity and paganism; monster as metaphor; E-commerce: definition; methods of payment; advantages and disadvantages; The atom; Parts of an atom; Electric charges; Electrons can move; Lightning; Direct current; Alternating current; The advantage of AC; Electric transmission. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 21

22 Materia DISCIPLINE GIURIDICO ECONOMICHE Docente Prof. Carlo MAZZANESU TESTI AZIENDA, DIRITTO, ORGANIZZAZIONE Autori: M.R. Cattani, Gianna Gabbi, Favia Zaccarini -Casa editrice: Paramond - DIRITTO, ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Autori: P. Orabona, a. Pescaglini, F. Vitagliano, Redazione Simone per la scuola - Edizioni Simone per la Scuola OBIETTIVI GENERALI contribuire, unitamente alle altre discipline che compongono il corso, a definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell organizzazione del lavoro. valorizzare le esperienze personali o lavorative e rinforzare l autostima e la consapevolezza delle proprie capacità e potenzialità. favorire le capacità di comprensione, comunicazione e di senso critico fornendo le conoscenze minime della disciplina utili per un inserimento consapevole nel sistema socio economico complesso come quello attuale; acquisizione da parte degli allievi di nuovi codici linguistici e abilità professionali importanti per comprendere ed affrontare la complessità della realtà giuridica ed economica; impiego delle conoscenze per risolvere casi di semplice soluzione; favorire la capacità di saper esprimere giudizi personali sulle tematiche esaminate. IMPOSTAZIONE DIDATTICO-METODOLOGICA La realizzazione degli obiettivi generali e didattici è stata perseguita utilizzando come strumento principale la tradizionale lezione frontale partecipata cercando di valorizzare le esperienze umane, professionali e culturali degli studenti in tutte le situazioni didattiche in cui è stato possibile. Si è cercato di motivare gli studenti alla partecipazione e allo studio, evidenziando soprattutto il valore formativo e l apporto professionale di ogni proposta didattica. Per agevolare la comprensione delle tematiche trattate si è partiti anche da contesti conosciuti e da momenti concreti di esperienza della vita individuale, familiare e sociale degli allievi per poi addivenire alla definizione delle categorie e dei concetti astratti. In questo modo si è cercato di suscitare l interesse degli allievi e di facilitare la comprensione della realtà giuridica ed economica che li circonda attraverso chiavi di interpretazione empiriche. Allo scopo di agevolare l approccio alle tematiche giuridiche ed economiche trattate e al linguaggio specifico della disciplina, si è evitato il più possibile il tecnicismo fine a se stesso, senza tuttavia mai scadere nel discorso semplicistico, valorizzando comunque l importanza del dato tecnico. Infine è stata sempre sollecitata la discussione al fine di favorire lo sviluppo delle loro capacità logico-deduttive e di analisi critica. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 22

23 VERIFICA DELL APPRENDIMENTO Per accertare il grado di apprendimento e valutare gli allievi si sono utilizzati sia le discussioni collettive che il tradizionale metodo dell interrogazione orale individuale e i tests di apprendimento strutturati e semi strutturati compatibilmente con i tempi a disposizione. Si è previsto di effettuare un numero minimo di due verifiche al quadrimestre. Le verifiche orali si sono basate anche su dibattiti e discussioni e gli interventi spontanei e gli apporti individuali hanno costituito strumenti di verifica e concorso alla determinazione della valutazione finale. PARAMETRI VALUTATIVI Nella valutazione si è tenuto conto dei seguenti criteri: assiduità nell impegno, interesse e motivazione; partecipazione attiva al dialogo educativo; conoscenza e comprensione dei contenuti appresi; capacità di rielaborazione concettuale; capacità di analisi, sintesi, valutazione e applicazione; efficace esposizione attraverso il corretto utilizzo della terminologia giuridica ed economica; pertinenza degli interventi e dei collegamenti; progresso raggiunto rispetto alla situazione di partenza. La sufficienza è stata ottenuta dimostrando perlomeno una conoscenza e una comprensione accettabili dei contenuti della materia ed esprimendoli in modo sufficientemente chiaro ed appropriato nella terminologia. Viale Colombo Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria Pag. 23

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli