CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO"

Transcript

1 FACOLTA DI SCIENZE MM. FF. NN. Corso di laurea in Informatica Sistemi per l elaborazione dell informazione: Corso di reti di telecomunicazioni CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO a cura del prof. G. Russo ing. A. Violetta 2004 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 1

2 I Perché di un Sc? I cablaggi devono soddisfare le necessità dell Utente per un lungo periodo. Devono supportare i problemi di connettività di una grande varietà di servizi (voce, dati, LAN, immagini, video, sicurezza, allarmi, Building Automation, ecc.). La soluzione è data da un unico mezzo trasmissivo capace di soddisfare le necessità di tutte queste problematiche di comunicazione. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 2

3 Architettura di un SC Componenti per la distribuzione orizzontale Componenti di Work Area Componenti per la distribuzione verticale Componenti per i vani tecnici di piano(fd) Componenti per il vano tecnico di edificio (BD) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 3

4 Principi di un SC Predisposizione ai cambiamenti apparati servizi utenti layout uffici e arredamento Gli occupanti di ciascun edificio richiederanno maggiori e più diversificati servizi di telecomunicazione, per far fronte alle loro necessità sia personali che di lavoro. Fonte - CSA T530, Building Facilities, Design Guidelines for Telecommunications prof. G. Russo _ ing. A Violetta 4

5 Caratteristiche di un SC Caratteristiche di un cablaggio strutturato Indipendente da: produttore, utente, apparato e applicazione Progettato per un utilizzo a lungo termine Installabile in edifici nuovi o ristrutturati Non tutte le tratte devono essere contemporaneamente attive Ogni servizio può essere indirizzato ad ogni stazione di lavoro Amministrabile Aggiungere o spostare cavi in un edificio già in esercizio è circa due o tre volte più costoso che effettuare un attività preventiva di precablaggio prof. G. Russo _ ing. A Violetta 5

6 Raffronto Costi C. Complessivo costi C.Tradizionale SC integrato 2/ anni prof. G. Russo _ ing. A Violetta 6

7 Opportunità di Business Nuovi utenti, nuovi apparati, nuovi servizi legati ai frequenti spostamenti ristrutturazioni aziendali, nuove infrastrutture multimedialità con alte prestazioni, banda più ampia uffici remotizzati, telelavoro crescita degli accessi Internet Integrazioni di LAN fra sistemi, uffici, utenti mobili e telelavoratori dorsali ad alta velocità, accessi switched integrazioni fra collegamenti LAN e WAN prof. G. Russo _ ing. A Violetta 7

8 Il Cablaggio nel prossimo lustro Collegamenti ad alta velocità per tutti i potenziali utenti Comunicazioni voce e dati da un singolo apparato Intensificazione servizi basati su video Voice over IP Uffici virtuali, posti utente intelligenti con relativi apparati Coesistenza di apparati wireless e non Automazione di edificio Residenziale Tutto in rete IP prof. G. Russo _ ing. A Violetta 8

9 STANDARD AMERICANI EUROPEI INTERNAZIONALI prof. G. Russo _ ing. A Violetta 9

10 Standard Americani Infrastruttura di Edificio ANSI/EIA/TIA-569A Febbraio 1998 Commercial Building Standard for Telecommunications Pathways and Spaces Sistema di Terra ANSI/TIA/EIA-607 Agosto 1994 Commercial Building Grounding /Bonding Requirements Cablaggio Strutturato ANSI/TIA/EIA-568-A Ottobre 1995 ANSI/TIA/EIA-568A/A5 Giugno 2001 Commercial Building Telecommunications Cabling Standard prof. G. Russo _ ing. A Violetta 10

11 Termini e definizioni prof. G. Russo _ ing. A Violetta 11

12 ANSI American National Standards Institute Organizzazione di soci privata e no-profit che fornisce un foro neutrale per lo sviluppo di accordi consensuali verso standardizzazioni volontarie di sistemi come quelli del Cablaggio Strutturato. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 12

13 TIA / EIA Telecommunications Industry Association / Electronic Industries alliance Associazioni impegnate nello sviluppo di standard nell industria delle telecomunicazioni. ANSI ha dato a queste associazioni la responsabilità per la stesura degli standard sul cablaggio strutturato, come quelli dello standard ANSI/TIA/EIA 568, dal prof. G. Russo _ ing. A Violetta 13

14 Standards & TSBs Telecommunications Systems Bulletin I TSB sono documenti che contengono una serie di dati di ingegneria o informazioni ad uso dei tecnici del settore. I TSB rappresentano il giusto approccio alla ingegnerizzazione pratica che completa tutte le raccomandazioni trovate negli standard. Un ottimo esempio di questi TSB sono il TSB 67 & TSB 95 per i test dei cavi installati e il TSB 75 per le realizzazioni di uffici open space. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 14

15 BICSI BICSI a telecommunications association Originariamente conosciuto come Building Industry Consulting Service International. Associazione delle telecomunicazioni no-profit fondata nel 1974 come organizzazione professionale per supportare le attività di consulenti operanti nel mondo della telefonia e del cablaggio di edifici intelligenti. BICSI organizza corsi, conferenze, pubblicazioni tecniche e programmi di qualificazione per le aziende e le persone operanti nel settore delle telecomunicazioni e del cablaggio. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 15

16 RCDD / LAN Specialty Registered Communications Distribution Designer / Local Area Network Specialty Programma di qualifica professionale riservata agli iscritti BICSI più qualificati. Ottenerla significa avere un approfondita conoscenza delle problematiche di progettazione e installazione di sistemi di telecomunicazione. Il programma RCDD è riconosciuto internazionalmente come sinonimo di qualità e di elevata esperienza a livello progettuale. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 16

17 IEEE Institute of Electrical and Electronics Engineers, inc. Organizzazione privata Americana per ingegneri elettrici ed elettronici. Tra le molte altre attività la IEEE definisce gli standard per reti locali che andranno ad operare su sistemi di cablaggio strutturato. Sistemi commerciali come Ethernet (IEEE/ 802.3) e Token Ring (IEEE/ 802.5) sono regolamentati dalla IEEE. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 17

18 ISO / IEC International organization for Standardization / International Electrotechnical Commission Queste organizzazioni unitamente sviluppano e definiscono standard internazionali sul cablaggio è lo standard internazionale per i sistemi di cablaggio strutturato. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 18

19 Standard Americani UTP system testing ANSI/TIA/EIA-TSB-67 Ottobre 1995 Transmission Performance Specifications for Field Testing of Unshielded Twisted-Pair Cabling Systems Si applica anche al test di cablaggi FTP Amministrazione ANSI/TIA/EIA-606 Febbraio 1993 Administration Standard for the Communications Infrastructure of Commercial Buildings Progettazioni particolari ANSI/TIA/EIA-TSB-75 Wiring for Open space, Retail and POS enviroments prof. G. Russo _ ing. A Violetta 19

20 Standard Europei/Internazionali Infrastruttura di Edificio EN Cablaggio Strutturato EN ISO/IEC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 20

21 Struttura CD CAVO DORSALE DI CAMPUS BD BD BD CAVO DORSALE DI EDIFICIO FD FD FD FD CAVO ORIZZONTALE TP CAVO ORIZZONTALE TO TO TO TO TO prof. G. Russo _ ing. A Violetta 21

22 Struttura Un sistema di cablaggio è una struttura gerarchica ad albero a tre livelli Campus Edificio Piano Ognuno di questi è rigorosamente stellare prof. G. Russo _ ing. A Violetta 22

23 Architettura PLACCA UTENTE (TO) CABLAGGIO ORIZZONTALE DORSALI DI EDIFICIO ARMADIO INTERMEDIO (BD) ARMADIO DI PIANO (FD) ARMADIO PRINCIPALE (CD/BD) DORSALE DI CAMPUS prof. G. Russo _ ing. A Violetta 23

24 LINK e CHANNEL FLOOR DISTRIBUTOR Permanent LINK WORK AREA APPARATI ATTIVI PLACCA PATCH PANEL LINE CORD PATCH CORD CHANNEL prof. G. Russo _ ing. A Violetta 24

25 Applicazioni: Classi di trasmissione CLASSE A: SPECIFICA DEL LINK 100 KHz APPLICAZIONI VOCALI CLASSE B: SPECIFICA DEL LINK 1 MHz APPLICAZIONI A BASSA VELOCITA CLASSE C: SPECIFICA DEL LINK 16 MHz APPLICAZIONI LAN CLASSE D: SPECIFICA DEL LINK 100 MHz APPLICAZIONI LAN, BACKBONE CLASSE E: SPECIFICA DEL LINK 250 MHz APPLICAZIONI LAN, BACKBONE prof. G. Russo _ ing. A Violetta 25

26 Standard prof. G. Russo _ ing. A Violetta 26

27 E importante non confondere: STANDARD o normative sul cablaggio (Raccomandazioni, vincolanti per le prestazioni del sistema ma non vincolanti giuridicamente). Leggi e normative emesse dagli enti competenti - Ministeri o enti di normalizzazione- (Rispetto obbligatorio, controllo da organismi preposti, sanzioni). prof. G. Russo _ ing. A Violetta 27

28 Leggi: breve riassunto 109/91:relativa alle regole generali di realizzazione e collaudo di impianti e gli obblighi delle aziende che li attuano. 314/92: regola le modalità di installazione di impianti ed allacciamento di terminali all.13-. Definisce i livelli delle autorizzazioni ministeriali e la possibilità di agire sugli impianti da parte delle aziende. 46/90: tratta della sicurezza degli impianti elettrici. 626: tratta la sicurezza sul LAVORO (in questo caso la sicurezza sul cantiere) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 28

29 Leggi: breve riassunto Il Progetto e la dichiarazione di conformità Domanda più frequente: Un impianto di cablaggio strutturato è un impianto elettronico ai sensi della legge 46/90 e del DPR 447/91, art.1, comma 4 o un impianto telefonico interno al quale si applica la legge 109/91 e il DPR 314/92? Questa domanda richiederebbe una risposta molto laboriosa. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 29

30 CENELEC-EN Scopo dello Standard Struttura del cablaggio e minima configurazione Esigenze di implementazioni Esigenze di performance Esigenze di conformità Procedure di verifica prof. G. Russo _ ing. A Violetta 30

31 CENELEC-EN Elementi funzionali Campus Distributor (CD) Campus Backbone Cable Building Distributor (BD) Building Backbone Cable Floor Distributor (FD) Horizontal Cable Consolidation Point (CP) Telecommunications Outlet (TO) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 31

32 CENELEC-EN Topologia generale CD BD BD TO FD TO TO FD CD = Campus Distributor BD = Building Distributor FD = Floor Distributor -- = Optional Cables prof. G. Russo _ ing. A Violetta 32

33 CENELEC-EN Posizione dei locali tecnici Telecommunications Closets FD TO Cross-connect FD TO FD TO TO FD CD\BD Campus Backbone Cable Equipment Room Building Entrance Facilities Public Network prof. G. Russo _ ing. A Violetta 33

34 CENELEC-EN Pre-Cablaggio Sottosistema Mezzi Raccomandati per il Pre-cablaggio Cablaggio Orizzontale Tipo di mezzo Cavi bilanciati Fibra ottica Utilizzo raccomandato Fonia e dati¹ Dati¹ Cablaggio di Dorsale dell Edificio Cablaggio di Dorsale del Campus Cavi Bilanciati Fibra ottica Fibra ottica Cavi Bilanciati Fonia e dati con velocità da bassa a media Dati con velocità medio alta Per la maggior parte delle applicazioni ; usando fibre ottiche, i problemi dovuti alle differenze di potenziale della terra e altre fonti d interferenza d possono essere risolti. In base alle esigenze² 1) In certe condizioni (ad esempio ambientali, di sicurezza, ecc.) si dovrebbe considerare l installazione di fibre ottiche nel sottosistema di cablaggio orizzontale. 2) I cavi bilanciati possono essere usati nel sottosistema di cablaggio di dorsale del campus nei casi in cui l ampiezza di banda delle fibre ottiche non è richiesta, es. linee PBX. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 34

35 Norme Armonizzate Cenelec ai fini della direttiva EMC (Compatibilità elettromagnetica) EN compatibilità elettromagnetica. Norma generica sull emissione EN compatibilità elettromagnetica. Norma generica sull immunità EN Limiti e metodi di misura delle caratteristiche di radiodisturbo prodotto dagli apparecchi per la tecnologia dell informazione. Il cablaggio è considerato puramente un sistema passivo e non può essere testato individualmente per la conformità alla EMC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 35

36 CENELEC-EN Implementazione CD BD FD EQP G EQP F EQP E TO Terminal Equipment D 1500m 500m (1700 m) (300 m) 90 m Campus C Building B Horizontal Cable Backbone Backbone Cabling Cabling Subsystem Subsystem A A + B + E 10 m Combined length of work area cable, equipment cable and patch cord (or jumper) in the horizontal system C and D 20 m patch cord (or jumper) in the BD or CD F and G 30m equipment cables in the BD or CD EQP Application specific equipment NOTE 1. The 10m (A+B+E) and 30m (F and G) lengths are strongly recommended but of an advisory nature because they include equipment cables which are outside the scope of the European standard. NOTE 2. All Lengths are mechanical lengths prof. G. Russo _ ing. A Violetta 36

37 CENELEC-EN Implementazione cont... Categorie & hardware di connessione di diversi costruttori possono essere utilizzati con un sottosistema o link di cablaggio! Le performance del link saranno determinate dalle performance del componente di categoria più bassa Non utilizzare cavi con impedenza nominale diversa Non utilizzare fibra ottica di tipologia diversa sullo stesso link Derivazioni/Ponticellature Non permesse prof. G. Russo _ ing. A Violetta 37

38 CENELEC-EN Cablaggio orizzontale e PdL FD First cable; Max 90M 4 pair Category 5e, (100ohm preferred) onto 8 position modular jack (RJ45) with IDC connections Minimo 2 porte per postazione (10m 2 ) Second cable; Max 90M Either: 4 pair Category 5e, as above, (100ohm preferred), onto 8 position modular jack (RJ45) with IDC connections or 1 pair 62.5/125mm fibre onto SC connector or 1 pair 50/125mm fibre onto SC connector Lunghezza max 5 metri La lunghezza max combinata delle patch cord non deve superare i 10 metri prof. G. Russo _ ing. A Violetta 38

39 CENELEC-EN Cablaggio di Dorsale Cavo dorsale di edificio BD/CD BD Cavo dorsale di Campus FD FD FD TO TO TO TO TO TO TO TO TO Topologia stellare Massimo due livelli gerarchici di dorsale Non più di un BD tra CD e FD prof. G. Russo _ ing. A Violetta 39

40 CENELEC-EN Dorsale Cont... FD FD TO FD Sistema dorsale di Campus TO FD Sistema Dorsale di Edificio TO TO TO FD CD / BD TO FD BD prof. G. Russo _ ing. A Violetta 40

41 CENELEC-EN Tipologia cavi di Dorsale Raccomandati Multiple Strand, Graded Index 62.5/125mm Fibre with SC Duplex Connector Multiple Strand, Single Mode Fibre with SC Duplex Connector Multiple Pair, 100ohm, Category 3 or Category 5 Alternative Multiple Strand, Graded Index 50/125mm Fibre with SC Duplex Connector ST Connectors for Fibre, IF Pre-installed Base Exists prof. G. Russo _ ing. A Violetta 41

42 CENELEC EN Distanze di Dorsale 2000 m CD BD FD 500m (300 m -TIA 568B-) High Speed Copper Applications - 90 Metre Maximum No FTP, SFTP or STP-A between buildings CD to FD 2000m Maximum Unless Singlemode fibre is used then CD to FD 3000m BD to FD 500m (300m) Patchcords 20m in CD & BD Equipment cables in CD & BD 30m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 42

43 CENELEC-EN Classificazione del link La classe di connessione definisce le caratteristiche più importanti quali attenuazione, diafonia ACR, etc., riferite all insieme di tutti i componenti passivi interposti tra due apparati attivi di telecomunicazione. Link Classe A specificato a 100 KHz Supports Application Class A Link Classe B specificato a 1 MHz Supports Application Classes A & B Link Classe C specificato a 16 MHz Supports Application Classes A, B & C Link Classe D specificato a 100 MHz Supports Application Classes A, B, C & D Link Classe E specificato a 250 MHz Supports Application Classes A, B, C, D & E Optical Classe O specificato sopra 10 MHz Supports Application Classes O prof. G. Russo _ ing. A Violetta 43

44 CENELEC-EN Lunghezza del canale MEDIUM Category 3 Cable Category 5 Cable 150Ω STP-A Cable Multimode Optical Fibre Single Mode Fibre CHANNEL LENGTH CLASSE CLASSE CLASSE CLASSE CLASSE A B C D OTTICA 2000 m 200 m 100 m 1) m 260 m 160 m 2) 100 m 1) m 400 m 250 m 2) 150 m 2) - N/A N/A N/A N/A 2000 m N/A N/A N/A N/A 3000 m 3) 1) La distanza di 100 m include un totale di 10 m di cavo flessibile per patch cord o jumper (ponte), area di lavoro e connessioni dei dispositivi. Le specifiche di link sono compatibili con cavo orizzontale di 90 m, 7.5 m di lunghezza elettrica di cavi di collegamento e tre connettori della stessa categoria. 2) Quando il cablaggio orizzontale di sottosistemi richiede lunghezze di cavi bilanciati superiori a 100 m, dovrebbero essere consultate le normative di applicazione applicabili. 3) 3000 m è un limite definito dalla Normativa Europea e non è una restrizione relativa al mezzo. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 44

45 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Il Permanent Link Permanent Link Minimo 2 cavi ogni area di lavoro (10m 2 ) Distanza massima 90 m Cavo unico Nessuna derivazione o ponticellatura Consolidation Point (opzionale) Permanent Link begins at the end of the test cord, BUT includes the plug Basic Link starts here and ends here prof. G. Russo _ ing. A Violetta 45

46 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Il Canale The Channel Collegamento orizzontale completo Distanza massima 90 m + 5m patch cord postazione di lavoro, 5 m patch cord lato TR (Telecommunication Room) per permutazione e collegamento equipment, pannello di permutazione & pannello di collegamento equipment Collegamento reale prof. G. Russo _ ing. A Violetta 46

47 ANSI/TIA/EIA-568B.1 La Dorsale MC IC HC TO Terminal Equipment X X X 1 livello di dorsale 2 livello di dorsale Sottosistema di Cablaggio orizzontale Cablaggio area di lavoro Sistema di cablaggio strutturato prof. G. Russo _ ing. A Violetta 47

48 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Distanze di Dorsale MC C IC A B HC HC Applicazioni voce MEDIA TYPE A B C UTP cat3, 5e, 6* 800 m 300 m 500 m 50/125µm 2000 m 300 m 1700 m 62.5/125µm 2000 m 300 m 1700 m Singlemode 3000 m 300 m 2700 m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 48

49 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Distanze di Dorsale MC C IC A B HC HC Applicazioni dati MEDIA TYPE A B C UTP/ScTP cat3, 5e, 6* 90 m Not Permitted Not Permitted 50/125µm 2000 m 300 m 1700 m 62.5/125µm 2000 m 300 m 1700 m Singlemode 3000 m 300 m 2700 m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 49

50 ANSI/TIA/EIA-568-B.1TSB-72 F.O. centralizzate Pull-through - 90 metri massimo Splice or Interconnect metri massimo No Applicazioni Interbuilding Spostamenti amministrati dal crossconnect centralizzato prof. G. Russo _ ing. A Violetta 50

51 Marcatura performance C 6 Ce 5 C 5 Or CAT 6 6 Per la Categoria 6 Or CAT 5e Per la Categoria 5 Enanched Or CAT 5 5 Per la Categoria 5 C 4 Or CAT 4 4 Per la Categoria 4 C 3 Or CAT 3 3 Per la Categoria 3 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 51

52 Assegnazione pin T568A T568B prof. G. Russo _ ing. A Violetta 52

53 ANSI/EIA/TIA-569-A Canalizzazione e spazi Canalizzazioni orizzontali Sotto-pavimento Pavimento rialzato Conduttura Tubazione & canalizzazione A soffitto prof. G. Russo _ ing. A Violetta 53

54 ANSI/EIA/TIA-569-A Sotto-pavimento Inserto Pre Set Inserto After Set Piastra acciaio saldata Condotti contenimento cavi prof. G. Russo _ ing. A Violetta 54

55 ANSI/EIA/TIA-569-A Pavimento rialzato Piedistalli di supporto Mattonella removibili Alta capacità di contenimento cavi prof. G. Russo _ ing. A Violetta 55

56 ANSI/EIA/TIA-569-A Specifiche delle condutture Tipi raccomandati PVC rigido Tubazione metallica/rigida Non raccomandato Tubazione metallica flessibile prof. G. Russo _ ing. A Violetta 56

57 ANSI/EIA/TIA-569-A Richieste installative per condutture Non più di 30 m tra due punti di trazione Uso di box di trazione: almeno 12 x La sezione più piccola che può essere usata è 20 mm Non più di 2 curve di 90 tra due punti di trazione Raggio di curvatura interno per condutture 50mm almeno 6 x Raggio di curvatura interno per condutture > 50mm almeno 10 x Deve essere presente un cavo di trazione Non più di tre uscite per singola tratta, aumentando la sezione a partire dal TC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 57

58 ANSI/EIA/TIA-569-A Box di trazione X OK prof. G. Russo _ ing. A Violetta 58

59 ANSI/EIA/TIA-569-A Distribuzione a soffitto <450mm >75mm Cavi di supporto a soffitto Pannelli removibili prof. G. Russo _ ing. A Violetta 59

60 ANSI/EIA/TIA-569-A Canalizzazioni di Dorsale verticale all interno dell edificio (Intra building) Manicotti Fessure Bordo esterno mm Deve essere seguita la normativa antincendio e di messa a terra Un manicotto da 100 mm ogni 5000 m 2 di spazio utilizzato nell edificio + 2 manicotti liberi per un numero minimo di 3 x 100 mm prof. G. Russo _ ing. A Violetta 60

61 ANSI/EIA/TIA-758 Collegamento di dorsale tra edifici (Inter building) Lo standard ANSI/TIA/EIA 758 stabilisce le specifiche per il cablaggio tra gli edifici all interno di un campus. Sotterraneo- Conduttura interrata Assicurarsi che i cavi siano protetti da condotti Interrato direttamente Assicurarsi che i cavi siano armati & costruiti per essere interrati direttamente considerare anche una protezione antiroditore Aereo Assicurarsi la protezione del cavo per raggi UV assicurarsi sulla massima tensione di trazione Tunnel di servizio Assicurarsi della separazione delle canalizzazioni dai cavi di potenza elettrica prof. G. Russo _ ing. A Violetta 61

62 ANSI/TIA/EIA 758 Configurazione di rete Ci sono diversi metodi utilizzati a protezione delle interruzioni sul sistema trasmissivo. Apparato ridondante Instradamento fisico ridondante Gli apparati ridondanti sono coppie di fibre nello stesso cavo del sistema principale. Il sistema ridondante si attiverà se il sistema primario viene interrotto. Questo proteggerà ulteriormente gli apparati attivi dai guasti, ma non li proteggerà da una rottura completa del cavo. L instradamento fisico ridondante provvede ad una maggior protezione dalle interruzioni. Nei casi dove è richiesta una elevata sicurezza del sistema, dovrebbe essere considerato l instradamento fisico ridondato. L instradamento ridondato si ottiene utilizzando fibre di collegamento in un percorso alternativo che in caso di danneggiamento del cavo principale ripristinano immediatamente il sistema. Primary Link Standby Link Primary Link X Active Link Resilient Link ( old Primary Link) Primary Link prof. G. Russo _ ing. A Violetta 62

63 ANSI/EIA/TIA-569- Armadio delle telecomunicazioni Un TC ogni 1000 m 2 di spazio di piano utilizzabile Minimo un TC per piano Aumentare i TC quando l area di piano servita è >1000 m 2 o quando il cablaggio orizzontale è > 90 m Collegare TC multipli su uno stesso piano con una tubazione di sezione minima 75mm Localizzarlo se possibile in posizione baricentrica Area postazione di lavoro 10m 2 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 63

64 Messa a terra ed equipotenzialità L impianto di terra ed il collegamento delle masse elettriche delle telecomunicazioni è installato in aggiunta al sistema di terra dell edificio. Fare riferimento ai codici e le leggi locali che vengono definite principalmente per ragioni di sicurezza e non sono rivolte all affidabilità e alle prestazioni degli apparati. Una inadeguata o impropria messa a terra, in un sistema di telecomunicazione, può portare a: 1. Incidenti 2. Distruzione di apparati 3. Interruzione dei servizi 4. Degrado dell efficienza del lavoro La normativa EIA/TIA 607 assolutamente non sostituisce le richieste per la messa a terra elettrica, ma da una protezione aggiuntiva per creare equipotenzialità tra le canalizzazioni che contengono i cavi, gli apparati dei provider, i locali degli apparati delle telecomunicazioni e i locali tecnici delle telecomunicazioni. A livello europeo la Cenelec definisce le modalità di messa a terra del sistema di telecomunicazioni. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 64

65 ANSI/TIA/EIA 607 Importanza della messa a terra Scopo: 1. Minimizzare i rischi e gli effetti di innalzamenti della tensione elettrica 2. Aumentare il collegamento delle masse elettriche 3. Abbassare i potenziali di riferimento di massa del sistema Ci sono tre principi scientifici che servono a spiegare l importanza dei conduttori di messa a terra per i sistemi di comunicazione : 1. Equalizzazione: tenere sotto controllo l impedenza. L impedenza tra diversi punti di terra è un fattore significativo per i livelli di potenziale che si instaurano tra di essi. 2. Convogliamento: quando nel percorso di un cavo interferiscono dei transienti elettrici, un conduttore di messa a terra, sul quale questi vengono deviati, farà in modo che i conduttori interessati alla telecomunicazione verranno meno influenzati dai disturbi. 3. Collegamento: quando ci sono transienti elettrici, il collegamento delle diverse parti può parzialmente eliminare il transiente quando esso arriva agli apparati delle telecomunicazioni. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 65

66 Cenelec Importanza della messa a terra Collegamento di terra ed equipotenziale Gli scopi fondamentali del collegamento di terra ed equipotenziale si applicano sia ai sistemi di cablaggio schermati che a quelli non schermati: 1.Sicurezza: limitazione della tensione di contatto e percorso di ritorno di guasto a terra 2. EMC: riferimento di potenziale ed equalizzazione di tensione, effetto di schermatura. Fino a che le correnti attraversano il sistema di messa a terra e non i circuiti elettronici, non hanno effetti dannosi. Quando invece le reti di messa a terra non sono equipotenziali, correnti parassite ad alta frequenza si potranno diffondere anche sui cavi di segnale, disturbando o addirittura danneggiando seriamente le apparecchiature. La specifica EN50310 (Applicazione della connessione equipotenziale e della messa a terra in edifici contenenti apparecchiature per la tecnologia dell informazione) dovrà essere applicata almeno nel caso degli edifici di nuova costruzione e, ove possibile, negli edifici esistenti. La gestione dell installazione in un campus verrà eseguita in collaborazione tra tutte le parti (alimentazione elettrica, servizi di telecomunicazione, apparecchiature di tecnologia dell informazione, ecc.). prof. G. Russo _ ing. A Violetta 66

67 Cenelec Importanza della messa a terra Il sistema di messa a terra dovrebbe essere collegato in modo equipotenziale, in particolare per gli edifici multipiano, allo scopo di ottenere i migliori risultati, in particolare per gli edifici dotati di un sistema di rete dati. Uno dei pericoli maggiori è costituito dall induzione di campi magnetici di sovraccarico nei circuiti di terra ad anello. Il campo di sovraccarico è essenzialmente orizzontale e causa le tensioni parassite peggiori nei circuiti ad anello verticali. Due piani adiacenti dovrebbero essere collegati in modo equipotenziale, per mezzo di tutte le connessioni conduttive che attraversano il pavimento. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 67

68 ANSI/TIA/EIA-607 Importanza della messa a terra (definizioni) Componenti principali 1. Conduttore di collegamento di terra delle telecomunicazioni (minimo AWG6, collega la TMGB alla massa elettrica di edificio). 2. TMGB: punto centrale di connessione del sistema di messa a terrra 3. TBB:conduttore da 6 AWG che collega tutti i TGB alla TMGB 4. TGB: punto comune di connessione per gli apparati delle telecomunicazioni in ogni singolo locale tecnico o locale apparati. 5. TBBIBC: connessione di equalizzazione della messa a terra tra locali dello stesso piano. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 68

69 Scelta tra una soluzione schermata (S/FTP) o non schermata (UTP): Connessione di terra con cablaggio schermato Equipment Cord Patch Cord Horizontal Cable Zone Wiring Cord Patch Panel Consolidation Point Work Outlet Patch Cord V w.a. =V elect gnd -V telc ground < 1 Volt Collegamento separato con cablaggio non schermato Equipment Cord Patch Cord Horizontal Cable Zone Wiring Cord Patch Panel Consolidation Point Work Outlet Patch Cord prof. G. Russo _ ing. A Violetta 69

70 ANSI/TIA/EIA-606 Administration & Labeling IC HC 1st Level B/Bone Second Level Backbone 2nd Level B/Bone TR 2nd Level B/Bone Common Equip Misc HC 1st Level Backbone MC 1st Level B/Bone Interbuilding 1st level backbone HC Common Equip Interbldg B/Bone IC Interbldg B/Bone ER CO lines EF HC CPE ER network interface or demarc. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 70

71 ANSI/TIA/EIA-606 Administration & Labeling La nuova versione della normativa 606 sarà la 606-A. E stata sviluppata una matrice che comprende il cablaggio, le canalizzazioni, i locali tecnici, le barriere tagliafiamma e gli elementi di messa a terra dell impianto di telecomunicazione. Sono definite quattro classi in relazione alla complessità del sistema di cablaggio. Alcuni utenti potranno scegliere se definire un sistema di identificazione e amministrazione solo per alcuni o per tutti gli elementi sopra citati. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 71

72 Classe 1: singolo edificio con un solo locale tecnico, tutto il cablaggio è orizzontale. TR WA HC WA Classe 2: singolo edificio con diversi locali tecnici, include cablaggio orizzontale e di dorsale. TR HC WA ER MC Demarcation point prof. PBXG. Russo _ ing. A Violetta 72

73 Classe 3: un campus con diversi edifici, include cablaggio orizzontale, dorsale intra e inter edificio e identificazione degli edifici. TC TC TC TC TC TC Classe 4: WA WA WA WA WA WA TC TC TC TC TC TC WA WA WA WA WA WA TC TC TC TC TC TC campus diversi in locazioni geografiche diverse che includono tutti gli elementi precedentemente descritti. Sweden Russia & CIS WA WA WA WA WA WA Connecticut, USA United Kingdom France Spain Italy Florida, USA Turkey Costa Rica Dubai, UAE China Brazil Malaysia Australia prof. G. Russo _ ing. A Violetta 73

74 APPLICABILTÀ CONFORMITÀ EMC Conformità EMC Applicabile Conformità EMC non Applicabile Adattatori Passivi PCs con NIC Hub Adattatore Attivo Conformità EMC non Applicabile Adattatore Attivo Conformità EMC Applicabile prof. G. Russo _ ing. A Violetta 74

75 Risoluzione degli Standard Un SC, in quanto passivo non genera campi magnetici; non deve però essere tale da modificare oltre il previsto la qualità del segnale emesso dagli apparati ad esso connessi. Certificazioni di rispondenza agli standard e di qualità (es. 3P, EMC, ecc.) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 75

76 LANs: Problemi e tendenze Tecnologie Lan di oggi: Fast Ethernet e Gigabit Ethernet (source: Agilent Technologies 4Q-2001) Servers Desktops 80% 70% 3 Years Today 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 100-Mbps Ethernet 10-Mbps Ethernet 16-Mbps Token Ring 100-Mbps Token Ring Gigabit Ethernet No Server Farm 10-Mbps Ethernet Switched 100-Mbps Ethernet Switched 10-Mbps Ethernet Shared 16-Mbps Token Ring Shared 16-Mbps Token Ring Switched 100-Mbps Token Ring Gigabit Ethernet ATM prof. G. Russo _ ing. A Violetta 76

IL CABLAGGIO STRUTTURATO. Copyright: si veda nota a pag. 2

IL CABLAGGIO STRUTTURATO. Copyright: si veda nota a pag. 2 IL CABLAGGIO STRUTTURATO Copyright: si veda nota a pag. 2 Cos è il cablaggio Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori, ecc. opportunamente installati

Dettagli

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Introduzione Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard 12.2 Lo standard analizzato è l EIA/TIA 568. È uno standard sviluppato

Dettagli

Cavi e Patch cord. Sommario

Cavi e Patch cord. Sommario Sommario Cavi e Patch cord Introduzione Gamma Excillence a 10 GB......................... pagina 22 Cavi in rame categoria 5....................................... pagina 24 Cavi in rame categoria 6.......................................

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa

Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa Allegato 2 Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa 1. Introduzione 1.1. Abbreviazioni BD: CD: FD: FR: Building Distributor. Campus Distributor.

Dettagli

Sistemi di cablaggio evoluti: quando prestazioni e flessibilità richiedono di andare oltre i soliti schemi. di Antonio Martina martina@vem.

Sistemi di cablaggio evoluti: quando prestazioni e flessibilità richiedono di andare oltre i soliti schemi. di Antonio Martina martina@vem. Sistemi di cablaggio evoluti: quando prestazioni e flessibilità richiedono di andare oltre i soliti schemi di Antonio Martina martina@vem.com Sistemi di cablaggio evoluti Supporti trasmissivi per applicazioni

Dettagli

LO STANDARD EIA/TIA 569

LO STANDARD EIA/TIA 569 LO STANDARD EIA/TIA 569 Pier Luca Montessoro www.montessoro.it Pietro Nicoletti www.studioreti.it ET569-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

IL COLLAUDO E LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI

IL COLLAUDO E LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI IL COLLAUDO E LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI Pietro Nicoletti www.studioreti.it CERTIF-2003-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Cablaggio strutturato

Cablaggio strutturato Cablaggio strutturato Creare un infrastruttura di rete,che può essere esteso su più piani o su più edifici viene detto cablaggio. Il cablaggio è l insieme di tutti i componenti passivi (cavi connettori,

Dettagli

Il cablaggio strutturato

Il cablaggio strutturato Il cablaggio strutturato Pubblicato il: 21/09/2003 Aggiornato al: 21/09/2003 di Gianluigi Saveri 1. Generalità La necessità di comunicare e di trasmettere informazioni in modo razionale e affidabile ha

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Networking. Il cablaggio.

Networking. Il cablaggio. Networking. Il cablaggio. I cavi: caratteristiche, misure, posa e considerazioni pratiche. Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Parma rfc@rfc.it - www.rfc.it

Dettagli

PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO

PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO (articolo 37

Dettagli

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Presso l istituto I.T.I.S. Pininfarina di Moncalieri è stato previsto un intervento di ammodernamento dell infrastruttura di rete LAN

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45).

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45). OBIETTIVI DELLA SEZIONE Dopo aver completato la presente sezione sulla postazione di lavoro, lo studente sarà in grado di: I. Definire i criteri della postazione di lavoro per il Sistema di cablaggio Siemon

Dettagli

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet GigaBit-Ethernet 10-GigaBit Ethernet Le Opzioni per i Sistemi di Cablaggio in Fibra Ottica Versione 1.0 IT / 12.02.02 Wolfgang Rieger Hans-Jürgen Niethammer Gianluca Musetti A publication of Tyco Electronics

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI

LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI Ottobre 1996 LA CERTIFICAZIONE DEI CABLAGGI Pietro Nicoletti Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it Pier Luca Montessoro Montessoro@uniud.it http://www.uniud.it/~montessoro CERTIF 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO

CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO L esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico. Il continuo e repentino

Dettagli

BTNET GUIDA TECNICA 05 BN05G

BTNET GUIDA TECNICA 05 BN05G BTNET GUIDA TECNICA 05 BN05G 2 GUIDA AL CABLAGGIO STRUTTURATO BTNET INDICE Caratteristiche generali Introduzione al cablaggio strutturato 4 Le reti 5 Topologia delle reti 6 Le principali reti 7 Gli apparati

Dettagli

DATA. SYSTEM 5e. Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord)

DATA. SYSTEM 5e. Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord) DATA SYSTEM 5e Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord) DATA SYSTEM 5e SISTEMA DI PERMUTAZIONE 23700 CARATTERISTICHE GENERALI I sistemi

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO... 5 a) Armadio rack... b) Cablaggio fibra ottica... c) Postazioni di lavoro... Pagina 1 di 10 1. Premessa Il presente

Dettagli

Patch Panel SMARTen 24 STP

Patch Panel SMARTen 24 STP Patch Panel SMARTen 24 STP Caratteristiche Alta densità, 24 porte per 1U Alte prestazioni, supporta una larghezza di banda fino a 500MHz secondo lo standard IEEE 802.3an 10Gbps Speciale design del pannello

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8.

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8. Pag 1 di 6 Pag 2 di 6 Descrizione Generale L impianto prevede la fornitura, installazione, messa in esercizio e collaudo di una rete dati e per il collegamento di un edificio nuovo, denominato Edificio

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE

OBIETTIVI DELLA SEZIONE OBIETTIVI DELLA SEZIONE I. Ricordare tutti i requisiti degli strumenti di test per collegamenti in rame a coppie bilanciate e in fibra ottica nonché il corretto utilizzo di tale attrezzatura. II. Ricordare

Dettagli

Soluzioni ad alte e altissime prestazioni per il cablaggio strutturato degli edifici Alberto Zucchinali Siemon Italy 02 6467.2241

Soluzioni ad alte e altissime prestazioni per il cablaggio strutturato degli edifici Alberto Zucchinali Siemon Italy 02 6467.2241 Soluzioni ad alte e altissime prestazioni per il cablaggio strutturato degli edifici Alberto Zucchinali Siemon Italy 02 6467.2241 alberto_zucchinali@siemon.co.uk L evoluzione dei protocolli su rame CLASSE

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 INDICE pagina 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 6. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE 5 7. NODI DI RETE NUOVO

Dettagli

Informazioni su ADC KRONE

Informazioni su ADC KRONE ADC KRONE è un leader mondiale nella fornitura di prodotti e servizi per infrastrutture di rete globali che consentono di erogare efficacemente servizi voce, dati, video e Internet ad alta velocità a privati

Dettagli

Ricerca guasti nel cablaggio

Ricerca guasti nel cablaggio Ricerca guasti nel cablaggio Non c è un metodo migliore di ricerca guasti; e non c è un singolo attrezzo per risolvere i problemi di rete. Ecco alcuni approcci per la soluzione dei problemi Verifiche su

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione L approvazione dell edizione 2 di ISO/IEC 11801, IEC 61076-3-104 e IEC 60603-7-7 indica che è stato ormai definito e completato uno standard

Dettagli

IRCE Data Cables. Categoria 5e. Categoria 6. Categoria 7. Standard Internazionali. Sigle fondamentali. Sistema di cablaggio strutturato degli edifici

IRCE Data Cables. Categoria 5e. Categoria 6. Categoria 7. Standard Internazionali. Sigle fondamentali. Sistema di cablaggio strutturato degli edifici IRCE Data Cables Standard Internazionali ISO/IEC 11801 IEC 611565 ANSI/TIA/EIA 568A e B. EN 50173 EN 5088 Categoria 5e Sigle fondamentali Att. : Attenuazione NEXT : Diafonia RL : Perdita di ritorno UTP

Dettagli

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici Impianti Tecnologici Premessa Cablaggi Strutturati Videosorveglianza Networking Allestimenti Locali Tecnici 30 Premessa All interno della Project Milano è nata nel 2005 una divisione per promuovere sul

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Introduzione. L evoluzione delle Reti Locali. La nascita delle reti. I livelli. Facciamo due esempi:

Introduzione. L evoluzione delle Reti Locali. La nascita delle reti. I livelli. Facciamo due esempi: Introduzione Questo documento è stato realizzato per offrire una visione generale sui sistemi di cablaggio strutturato per personale non tecnico. Di seguito troverete la storia dell' evoluzione delle reti

Dettagli

GUIDA AL CABLAGGIO STRUTTURATO

GUIDA AL CABLAGGIO STRUTTURATO GUIDA AL CABLAGGIO STRUTTURATO INDICE 1 CABLAGGIO PER OGGI E PER DOMANI... 4 2 LA NECESSITÀ DI RETI... 5 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI SULLE RETI... 5 2.2 NECESSITÀ CRESCENTI DI RETI... 6 2.3 EVOLUZIONE DELLE

Dettagli

Le tre leggi del Networking

Le tre leggi del Networking Le tre leggi del Networking #1 - Le reti andranno sempre più veloci Progetti per alta velocità, incremento del flusso di dati, riduzione dei tempi di risposta. #2 - Le reti saranno sempre più vaste Progetti

Dettagli

Le nuove tecnologie del cablaggio per i Data Center. Alberto Zucchinali Technical Manager RCDD Siemon Italia

Le nuove tecnologie del cablaggio per i Data Center. Alberto Zucchinali Technical Manager RCDD Siemon Italia Le nuove tecnologie del cablaggio per i Data Center Alberto Zucchinali Technical Manager RCDD Siemon Italia TIA-942 La progettazione: Argomenti Le zone, i sistemi, le problematiche Il cablaggio: L evoluzione

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO (EN 50173-1 e non solo)

CABLAGGIO STRUTTURATO (EN 50173-1 e non solo) CABLAGGIO STRUTTURATO (EN 50173-1 e non solo) Nicola Ceccon Classe VIA as 2005/2006 Laboratorio di Sistemi Indice Il cablaggio pag. 3 Perché il cablaggio strutturato? pag. 3 Il cablaggio strutturato pag.

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

3.2 Mezzi trasmissivi elettrici

3.2 Mezzi trasmissivi elettrici 25 3.2 Mezzi trasmissivi elettrici I mezzi trasmissivi elettrici rappresentano ancora oggi il mezzo più diffuso, e nell'ambito delle reti locali assumono fondamentale importanza soprattutto per la realizzazione

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione L'hardware delle reti LAN HUB, Switch, Bridge e Router Domini di Collisione T. Motta Hardware di rete L hardware di rete fondamentale comprende: Hub Repeater Switch Bridge Router Gateway Firewall Modem

Dettagli

Le sfide legate ai test delle reti Ethernet 10 Gb/s sui cavi a doppino ritorto

Le sfide legate ai test delle reti Ethernet 10 Gb/s sui cavi a doppino ritorto Le sfide legate ai test delle reti Ethernet 10 Gb/s sui cavi a doppino ritorto Le nuove linee guida per l installazione e la verifica dei cavi aiutano ad arginare l Alien Crosstalk (AXTalk) Gli standard

Dettagli

Progettazione reti - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Progettazione reti - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Progettazione reti - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Progettazione reti Requisiti Progettazione Realizzazione Gestione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Progettazione

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Modulo 4 Test dei cavi

Modulo 4 Test dei cavi Modulo 4 Test dei cavi 4.1 Conoscenze di base per fare il test sui cavi 4.1.1 Onde (waves) I parametri di un onda sono: ampiezza, frequenza, periodo. 4.1.2 Onde sinusoidali e quadre Esempio di onde sinusoidali:

Dettagli

la nuova frontiera per il testing Maurizio Malinconi

la nuova frontiera per il testing Maurizio Malinconi 10GBASE-T T (10 Gigabit Ethernet), la nuova frontiera per il testing Maurizio Malinconi 1 Agenda I requisiti degli Standard Parametri di testing Problematiche di testing Accuratezza richiesta agli strumenti

Dettagli

Il cablaggio strutturato di edifici

Il cablaggio strutturato di edifici Unità di apprendimento Il cablaggio strutturato di edifici 1 Il cablaggio strutturato degli edifici Il cablaggio strutturato è una metodologia di progetto e realizzazione degli impianti di telecomunicazione

Dettagli

Area di lavoro. Area di lavoro. 10/07 102588IT Cablaggio Strutturato TrueNet. Prese modulari... 6.16. Scatole di distribuzione... 6.

Area di lavoro. Area di lavoro. 10/07 102588IT Cablaggio Strutturato TrueNet. Prese modulari... 6.16. Scatole di distribuzione... 6. Prese modulari... 6.16 Scatole di distribuzione... 6.18 Piastrine pre-caricate... 6.19 Patch cord... 6.21 6.15 Prese modulari Presa UTP RJ-45 TrueNet CopperTen TM e presa modulare Keystone STP La presa

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164.

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Guida CEI: 306-22 22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Esempio schematico di predisposizione di un infrastruttura un infrastruttura multiservizio in edifici multi-unità multi immobiliari

Dettagli

La soluzione Siemon 10Gip per i Data Center

La soluzione Siemon 10Gip per i Data Center La soluzione Siemon 10Gip per i Data Center Executive Summary Il termine data center può essere inteso secondo diversi significati: se qualche tempo fa identificava poco più di una stanza protetta per

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Cablaggio in fibra ottica

Cablaggio in fibra ottica Cavi in fibra ottica 60 Connettori ottici 63 Patch panel per fibra ottica 64 Supporti per connettori ottici 65 Patch cord in fibra ottica 66 Sistemi di connettorizzazione per fibra ottica 67 Cavi in fibra

Dettagli

Rete di accesso in rame Pag 1

Rete di accesso in rame Pag 1 Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche Rete di accesso in rame Pag 1 Tecnologie per l ultimo miglio Parametri di una linea trasmissiva in rame I 0 Cellula elementare I x G V 0 l g r c V x Linea

Dettagli

Indice. Introduzione...4

Indice. Introduzione...4 Indice Introduzione...4 - Capitolo 1 - Progetto del Cablaggio Strutturato...5-1.1 - Definizioni...5-1.2 - Filosofia...6-1.3 - Come funziona...6 - Dove lo si applica...7 - Normative di riferimento...7-1.4

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

CAVI LAN. Se ami la velocità, corri su una strada liscia e ben asfaltata... I cavi Fantonet ti portano in cima al podio. (R.

CAVI LAN. Se ami la velocità, corri su una strada liscia e ben asfaltata... I cavi Fantonet ti portano in cima al podio. (R. Se ami la velocità, corri su una strada liscia e ben asfaltata... I cavi Fantonet ti portano in cima al podio. (R. Fanton) CAVI LAN Cavo U/UTP - F/UTP - SF/UTP Cat. 5e Cavo U/UTP Cat. 5e Flex Cavo U/UTP

Dettagli

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni,

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, delle link interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, Verifica delle fibre ottiche p. 160 Qualifica delle reti p. 162 Verifica delle reti p. 163 Verifica

Dettagli

Ministero delle Comunicazioni Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell Informazione Indice

Ministero delle Comunicazioni Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell Informazione Indice Indice 1 Prefazione del Direttore...4 1.1 Introduzione...4 1.2 Cenni storici...4 1.3 Elementi di attenzione nella scelta e nell implementazione del cablaggio...5 1.3.1 Cablaggio strutturato...6 1.3.2 Applicazioni...6

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

PremisNET. Lo stato dell'arte dei componenti per la categoria 6

PremisNET. Lo stato dell'arte dei componenti per la categoria 6 PremisNET Lo stato dell'arte dei componenti per la categoria 6 CHI PIU SPENDE Fino primi anni 90 Costi Cablaggio Strutturato Cablaggio tradizionale Costi di progetto Costi di Installazione Costi di manutenzione

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO

CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO ITALIANO 01 MANUALI DIDATTICI 2004 INDICE INTRODUZIONE PAG. 5 LE RETI E GLI ASPETTI NORMATIVI PAG. 6 LE RETI LOCALI E IL CABLAGGIO STRUTTURATO PAG. 8 LA REALIZZAZIONE DI UN CABLAGGIO

Dettagli

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati Scaricatori di sovratensioni Telecomunicazioni e linee dati Guida alla scelta Protezione di reti telefoniche PSTN (Public Switched Telephone Network) e xdsl (Digital Subscriber Line) PSTN è una rete telefonica

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO SECONDO TIA/EIA 568

CABLAGGIO STRUTTURATO SECONDO TIA/EIA 568 pag.1/17 LAYOUT E CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO SECONDO TIA/EIA 568 Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori, ecc. opportunamente

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli

RETI LAN E CABLAGGIO STRUTTURATO

RETI LAN E CABLAGGIO STRUTTURATO RETI LAN E CABLAGGIO STRUTTURATO 1. INTRODUZIONE L'esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico.

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Allegato 1C

DISCIPLINARE TECNICO. Allegato 1C DISCIPLINARE TECNICO Allegato 1C S o m m a r i o 1 Premessa... 3 2 Oggetto del capitolato... 3 3 Prestazioni del sistema di cablaggio... 4 3.1 Requisiti minimi del Cablaggio... 5 3.2 Prestazioni del sistema...

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

I mezzi trasmissivi Per formare una rete

I mezzi trasmissivi Per formare una rete I mezzi trasmissivi Per formare una rete di comunicazione possono essere usati diversi mezzi trasmissivi (o media). La loro classificazione può essere fatta in base alle loro caratteristiche fisiche e

Dettagli

Cablaggio in fibra ottica

Cablaggio in fibra ottica Sommario Cablaggio in fibra ottica Introduzione - Sistema di cablaggio fibra ottica..................... pagina 72 Connettori ottici.............................................. pagina 74 Bussole....................................................

Dettagli

Actassi sistema fibra ottica

Actassi sistema fibra ottica Presentazione... 72 Actassi connettori e kit ottici FLC...73 Pigtail FLC...76 Bussole FLC... 77 Cavi in fibra ottica FLC...78 Patch cord in fibra ottica FLC...87 71 Un portafoglio di prodotti completo

Dettagli

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber 1. Oggetto della fornitura L appalto in questione ha per oggetto la realizzazione

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

SIGNAL MANAGEMENT PER LO SMART INSTALLER. La distribuzione dei segnali in convergenza tra broadcast e connessioni a banda larga

SIGNAL MANAGEMENT PER LO SMART INSTALLER. La distribuzione dei segnali in convergenza tra broadcast e connessioni a banda larga SIGNAL MANAGEMENT PER LO SMART INSTALLER La distribuzione dei segnali in convergenza tra broadcast e connessioni a banda larga Programma LEGGE 164/2014 FTTH FIBRA IN PILLOLE ARMADI SOHO MEDIA CONVERTER

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Confronto fra trasporto segnali su rame e su fibra Il sistema DigitalMedia utilizza cavi tipo CAT5 o fibra multimodale per il trasporto dei segnali.

Confronto fra trasporto segnali su rame e su fibra Il sistema DigitalMedia utilizza cavi tipo CAT5 o fibra multimodale per il trasporto dei segnali. Introduzione Lo scopo di questa guida e quello di illustrare i requisiti e le diverse soluzioni disponibili per l'infrastruttura delle installazioni DigitalMedia. DM è un sistema di distribuzione AV estremamente

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Allegato 1B

DISCIPLINARE TECNICO. Allegato 1B DISCIPLINARE TECNICO Allegato 1B S o m m a r i o Megahertz e Megabits...5 Prestazioni sui Parametri relativi a due coppie... 8 Requisiti sulle prestazioni relative alle quattro coppie... 10 Prestazioni

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Garanzia del Sistema Excel. Termini e Condizioni

Garanzia del Sistema Excel. Termini e Condizioni Garanzia del Sistema Excel Termini e Condizioni Ultima modifica: settembre 2010 1 Garanzia del Sistema Excel Termini e Condizioni Garanzia del Sistema Excel Termini e Condizioni Questo documento contiene:

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

Cablaggio in Data Center: la scelta della fibra ottica in relazione al recente standard 40/100Gb Ethernet

Cablaggio in Data Center: la scelta della fibra ottica in relazione al recente standard 40/100Gb Ethernet Cablaggio in Data Center: la scelta della fibra ottica in relazione al recente standard 40/100Gb Ethernet Mercoledì 26 Ottobre 2011, 9:20 Fulvia Bortolotto Agenda Aspetti storici e tendenze legate alla

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

Soluzioni avanzate per Connessioni Ibride

Soluzioni avanzate per Connessioni Ibride Soluzioni avanzate per Connessioni Ibride un nuovo modo per integrare prestazioni e praticità, risparmiando P. 1 Connessione ibrida Cosa si intende? DISPOSITIVO UNICO DI COLLEGAMENTO SIMULTANEO DI PIÙ

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet Rete LAN ed Ethernet Cavo a doppino incrociato che include quattro coppie di cavi incrociati, in genere collegati a una spina RJ-45 all estremità. Una rete locale (LAN, Local Area Network) è un gruppo

Dettagli

Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati

Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati Programma TCN (Test and Care Network) L importanza del cablaggio Il cablaggio strutturato

Dettagli

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07)

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Guida d approfondimento ORDERMAN cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Pagina2 Cablaggi e distanze La connessione tra porta seriale del PC/cassa e della stazione base RF Orderman avviene tramite

Dettagli