CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO"

Transcript

1 FACOLTA DI SCIENZE MM. FF. NN. Corso di laurea in Informatica Sistemi per l elaborazione dell informazione: Corso di reti di telecomunicazioni CORSO PROGETTAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO a cura del prof. G. Russo ing. A. Violetta 2004 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 1

2 I Perché di un Sc? I cablaggi devono soddisfare le necessità dell Utente per un lungo periodo. Devono supportare i problemi di connettività di una grande varietà di servizi (voce, dati, LAN, immagini, video, sicurezza, allarmi, Building Automation, ecc.). La soluzione è data da un unico mezzo trasmissivo capace di soddisfare le necessità di tutte queste problematiche di comunicazione. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 2

3 Architettura di un SC Componenti per la distribuzione orizzontale Componenti di Work Area Componenti per la distribuzione verticale Componenti per i vani tecnici di piano(fd) Componenti per il vano tecnico di edificio (BD) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 3

4 Principi di un SC Predisposizione ai cambiamenti apparati servizi utenti layout uffici e arredamento Gli occupanti di ciascun edificio richiederanno maggiori e più diversificati servizi di telecomunicazione, per far fronte alle loro necessità sia personali che di lavoro. Fonte - CSA T530, Building Facilities, Design Guidelines for Telecommunications prof. G. Russo _ ing. A Violetta 4

5 Caratteristiche di un SC Caratteristiche di un cablaggio strutturato Indipendente da: produttore, utente, apparato e applicazione Progettato per un utilizzo a lungo termine Installabile in edifici nuovi o ristrutturati Non tutte le tratte devono essere contemporaneamente attive Ogni servizio può essere indirizzato ad ogni stazione di lavoro Amministrabile Aggiungere o spostare cavi in un edificio già in esercizio è circa due o tre volte più costoso che effettuare un attività preventiva di precablaggio prof. G. Russo _ ing. A Violetta 5

6 Raffronto Costi C. Complessivo costi C.Tradizionale SC integrato 2/ anni prof. G. Russo _ ing. A Violetta 6

7 Opportunità di Business Nuovi utenti, nuovi apparati, nuovi servizi legati ai frequenti spostamenti ristrutturazioni aziendali, nuove infrastrutture multimedialità con alte prestazioni, banda più ampia uffici remotizzati, telelavoro crescita degli accessi Internet Integrazioni di LAN fra sistemi, uffici, utenti mobili e telelavoratori dorsali ad alta velocità, accessi switched integrazioni fra collegamenti LAN e WAN prof. G. Russo _ ing. A Violetta 7

8 Il Cablaggio nel prossimo lustro Collegamenti ad alta velocità per tutti i potenziali utenti Comunicazioni voce e dati da un singolo apparato Intensificazione servizi basati su video Voice over IP Uffici virtuali, posti utente intelligenti con relativi apparati Coesistenza di apparati wireless e non Automazione di edificio Residenziale Tutto in rete IP prof. G. Russo _ ing. A Violetta 8

9 STANDARD AMERICANI EUROPEI INTERNAZIONALI prof. G. Russo _ ing. A Violetta 9

10 Standard Americani Infrastruttura di Edificio ANSI/EIA/TIA-569A Febbraio 1998 Commercial Building Standard for Telecommunications Pathways and Spaces Sistema di Terra ANSI/TIA/EIA-607 Agosto 1994 Commercial Building Grounding /Bonding Requirements Cablaggio Strutturato ANSI/TIA/EIA-568-A Ottobre 1995 ANSI/TIA/EIA-568A/A5 Giugno 2001 Commercial Building Telecommunications Cabling Standard prof. G. Russo _ ing. A Violetta 10

11 Termini e definizioni prof. G. Russo _ ing. A Violetta 11

12 ANSI American National Standards Institute Organizzazione di soci privata e no-profit che fornisce un foro neutrale per lo sviluppo di accordi consensuali verso standardizzazioni volontarie di sistemi come quelli del Cablaggio Strutturato. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 12

13 TIA / EIA Telecommunications Industry Association / Electronic Industries alliance Associazioni impegnate nello sviluppo di standard nell industria delle telecomunicazioni. ANSI ha dato a queste associazioni la responsabilità per la stesura degli standard sul cablaggio strutturato, come quelli dello standard ANSI/TIA/EIA 568, dal prof. G. Russo _ ing. A Violetta 13

14 Standards & TSBs Telecommunications Systems Bulletin I TSB sono documenti che contengono una serie di dati di ingegneria o informazioni ad uso dei tecnici del settore. I TSB rappresentano il giusto approccio alla ingegnerizzazione pratica che completa tutte le raccomandazioni trovate negli standard. Un ottimo esempio di questi TSB sono il TSB 67 & TSB 95 per i test dei cavi installati e il TSB 75 per le realizzazioni di uffici open space. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 14

15 BICSI BICSI a telecommunications association Originariamente conosciuto come Building Industry Consulting Service International. Associazione delle telecomunicazioni no-profit fondata nel 1974 come organizzazione professionale per supportare le attività di consulenti operanti nel mondo della telefonia e del cablaggio di edifici intelligenti. BICSI organizza corsi, conferenze, pubblicazioni tecniche e programmi di qualificazione per le aziende e le persone operanti nel settore delle telecomunicazioni e del cablaggio. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 15

16 RCDD / LAN Specialty Registered Communications Distribution Designer / Local Area Network Specialty Programma di qualifica professionale riservata agli iscritti BICSI più qualificati. Ottenerla significa avere un approfondita conoscenza delle problematiche di progettazione e installazione di sistemi di telecomunicazione. Il programma RCDD è riconosciuto internazionalmente come sinonimo di qualità e di elevata esperienza a livello progettuale. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 16

17 IEEE Institute of Electrical and Electronics Engineers, inc. Organizzazione privata Americana per ingegneri elettrici ed elettronici. Tra le molte altre attività la IEEE definisce gli standard per reti locali che andranno ad operare su sistemi di cablaggio strutturato. Sistemi commerciali come Ethernet (IEEE/ 802.3) e Token Ring (IEEE/ 802.5) sono regolamentati dalla IEEE. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 17

18 ISO / IEC International organization for Standardization / International Electrotechnical Commission Queste organizzazioni unitamente sviluppano e definiscono standard internazionali sul cablaggio è lo standard internazionale per i sistemi di cablaggio strutturato. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 18

19 Standard Americani UTP system testing ANSI/TIA/EIA-TSB-67 Ottobre 1995 Transmission Performance Specifications for Field Testing of Unshielded Twisted-Pair Cabling Systems Si applica anche al test di cablaggi FTP Amministrazione ANSI/TIA/EIA-606 Febbraio 1993 Administration Standard for the Communications Infrastructure of Commercial Buildings Progettazioni particolari ANSI/TIA/EIA-TSB-75 Wiring for Open space, Retail and POS enviroments prof. G. Russo _ ing. A Violetta 19

20 Standard Europei/Internazionali Infrastruttura di Edificio EN Cablaggio Strutturato EN ISO/IEC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 20

21 Struttura CD CAVO DORSALE DI CAMPUS BD BD BD CAVO DORSALE DI EDIFICIO FD FD FD FD CAVO ORIZZONTALE TP CAVO ORIZZONTALE TO TO TO TO TO prof. G. Russo _ ing. A Violetta 21

22 Struttura Un sistema di cablaggio è una struttura gerarchica ad albero a tre livelli Campus Edificio Piano Ognuno di questi è rigorosamente stellare prof. G. Russo _ ing. A Violetta 22

23 Architettura PLACCA UTENTE (TO) CABLAGGIO ORIZZONTALE DORSALI DI EDIFICIO ARMADIO INTERMEDIO (BD) ARMADIO DI PIANO (FD) ARMADIO PRINCIPALE (CD/BD) DORSALE DI CAMPUS prof. G. Russo _ ing. A Violetta 23

24 LINK e CHANNEL FLOOR DISTRIBUTOR Permanent LINK WORK AREA APPARATI ATTIVI PLACCA PATCH PANEL LINE CORD PATCH CORD CHANNEL prof. G. Russo _ ing. A Violetta 24

25 Applicazioni: Classi di trasmissione CLASSE A: SPECIFICA DEL LINK 100 KHz APPLICAZIONI VOCALI CLASSE B: SPECIFICA DEL LINK 1 MHz APPLICAZIONI A BASSA VELOCITA CLASSE C: SPECIFICA DEL LINK 16 MHz APPLICAZIONI LAN CLASSE D: SPECIFICA DEL LINK 100 MHz APPLICAZIONI LAN, BACKBONE CLASSE E: SPECIFICA DEL LINK 250 MHz APPLICAZIONI LAN, BACKBONE prof. G. Russo _ ing. A Violetta 25

26 Standard prof. G. Russo _ ing. A Violetta 26

27 E importante non confondere: STANDARD o normative sul cablaggio (Raccomandazioni, vincolanti per le prestazioni del sistema ma non vincolanti giuridicamente). Leggi e normative emesse dagli enti competenti - Ministeri o enti di normalizzazione- (Rispetto obbligatorio, controllo da organismi preposti, sanzioni). prof. G. Russo _ ing. A Violetta 27

28 Leggi: breve riassunto 109/91:relativa alle regole generali di realizzazione e collaudo di impianti e gli obblighi delle aziende che li attuano. 314/92: regola le modalità di installazione di impianti ed allacciamento di terminali all.13-. Definisce i livelli delle autorizzazioni ministeriali e la possibilità di agire sugli impianti da parte delle aziende. 46/90: tratta della sicurezza degli impianti elettrici. 626: tratta la sicurezza sul LAVORO (in questo caso la sicurezza sul cantiere) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 28

29 Leggi: breve riassunto Il Progetto e la dichiarazione di conformità Domanda più frequente: Un impianto di cablaggio strutturato è un impianto elettronico ai sensi della legge 46/90 e del DPR 447/91, art.1, comma 4 o un impianto telefonico interno al quale si applica la legge 109/91 e il DPR 314/92? Questa domanda richiederebbe una risposta molto laboriosa. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 29

30 CENELEC-EN Scopo dello Standard Struttura del cablaggio e minima configurazione Esigenze di implementazioni Esigenze di performance Esigenze di conformità Procedure di verifica prof. G. Russo _ ing. A Violetta 30

31 CENELEC-EN Elementi funzionali Campus Distributor (CD) Campus Backbone Cable Building Distributor (BD) Building Backbone Cable Floor Distributor (FD) Horizontal Cable Consolidation Point (CP) Telecommunications Outlet (TO) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 31

32 CENELEC-EN Topologia generale CD BD BD TO FD TO TO FD CD = Campus Distributor BD = Building Distributor FD = Floor Distributor -- = Optional Cables prof. G. Russo _ ing. A Violetta 32

33 CENELEC-EN Posizione dei locali tecnici Telecommunications Closets FD TO Cross-connect FD TO FD TO TO FD CD\BD Campus Backbone Cable Equipment Room Building Entrance Facilities Public Network prof. G. Russo _ ing. A Violetta 33

34 CENELEC-EN Pre-Cablaggio Sottosistema Mezzi Raccomandati per il Pre-cablaggio Cablaggio Orizzontale Tipo di mezzo Cavi bilanciati Fibra ottica Utilizzo raccomandato Fonia e dati¹ Dati¹ Cablaggio di Dorsale dell Edificio Cablaggio di Dorsale del Campus Cavi Bilanciati Fibra ottica Fibra ottica Cavi Bilanciati Fonia e dati con velocità da bassa a media Dati con velocità medio alta Per la maggior parte delle applicazioni ; usando fibre ottiche, i problemi dovuti alle differenze di potenziale della terra e altre fonti d interferenza d possono essere risolti. In base alle esigenze² 1) In certe condizioni (ad esempio ambientali, di sicurezza, ecc.) si dovrebbe considerare l installazione di fibre ottiche nel sottosistema di cablaggio orizzontale. 2) I cavi bilanciati possono essere usati nel sottosistema di cablaggio di dorsale del campus nei casi in cui l ampiezza di banda delle fibre ottiche non è richiesta, es. linee PBX. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 34

35 Norme Armonizzate Cenelec ai fini della direttiva EMC (Compatibilità elettromagnetica) EN compatibilità elettromagnetica. Norma generica sull emissione EN compatibilità elettromagnetica. Norma generica sull immunità EN Limiti e metodi di misura delle caratteristiche di radiodisturbo prodotto dagli apparecchi per la tecnologia dell informazione. Il cablaggio è considerato puramente un sistema passivo e non può essere testato individualmente per la conformità alla EMC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 35

36 CENELEC-EN Implementazione CD BD FD EQP G EQP F EQP E TO Terminal Equipment D 1500m 500m (1700 m) (300 m) 90 m Campus C Building B Horizontal Cable Backbone Backbone Cabling Cabling Subsystem Subsystem A A + B + E 10 m Combined length of work area cable, equipment cable and patch cord (or jumper) in the horizontal system C and D 20 m patch cord (or jumper) in the BD or CD F and G 30m equipment cables in the BD or CD EQP Application specific equipment NOTE 1. The 10m (A+B+E) and 30m (F and G) lengths are strongly recommended but of an advisory nature because they include equipment cables which are outside the scope of the European standard. NOTE 2. All Lengths are mechanical lengths prof. G. Russo _ ing. A Violetta 36

37 CENELEC-EN Implementazione cont... Categorie & hardware di connessione di diversi costruttori possono essere utilizzati con un sottosistema o link di cablaggio! Le performance del link saranno determinate dalle performance del componente di categoria più bassa Non utilizzare cavi con impedenza nominale diversa Non utilizzare fibra ottica di tipologia diversa sullo stesso link Derivazioni/Ponticellature Non permesse prof. G. Russo _ ing. A Violetta 37

38 CENELEC-EN Cablaggio orizzontale e PdL FD First cable; Max 90M 4 pair Category 5e, (100ohm preferred) onto 8 position modular jack (RJ45) with IDC connections Minimo 2 porte per postazione (10m 2 ) Second cable; Max 90M Either: 4 pair Category 5e, as above, (100ohm preferred), onto 8 position modular jack (RJ45) with IDC connections or 1 pair 62.5/125mm fibre onto SC connector or 1 pair 50/125mm fibre onto SC connector Lunghezza max 5 metri La lunghezza max combinata delle patch cord non deve superare i 10 metri prof. G. Russo _ ing. A Violetta 38

39 CENELEC-EN Cablaggio di Dorsale Cavo dorsale di edificio BD/CD BD Cavo dorsale di Campus FD FD FD TO TO TO TO TO TO TO TO TO Topologia stellare Massimo due livelli gerarchici di dorsale Non più di un BD tra CD e FD prof. G. Russo _ ing. A Violetta 39

40 CENELEC-EN Dorsale Cont... FD FD TO FD Sistema dorsale di Campus TO FD Sistema Dorsale di Edificio TO TO TO FD CD / BD TO FD BD prof. G. Russo _ ing. A Violetta 40

41 CENELEC-EN Tipologia cavi di Dorsale Raccomandati Multiple Strand, Graded Index 62.5/125mm Fibre with SC Duplex Connector Multiple Strand, Single Mode Fibre with SC Duplex Connector Multiple Pair, 100ohm, Category 3 or Category 5 Alternative Multiple Strand, Graded Index 50/125mm Fibre with SC Duplex Connector ST Connectors for Fibre, IF Pre-installed Base Exists prof. G. Russo _ ing. A Violetta 41

42 CENELEC EN Distanze di Dorsale 2000 m CD BD FD 500m (300 m -TIA 568B-) High Speed Copper Applications - 90 Metre Maximum No FTP, SFTP or STP-A between buildings CD to FD 2000m Maximum Unless Singlemode fibre is used then CD to FD 3000m BD to FD 500m (300m) Patchcords 20m in CD & BD Equipment cables in CD & BD 30m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 42

43 CENELEC-EN Classificazione del link La classe di connessione definisce le caratteristiche più importanti quali attenuazione, diafonia ACR, etc., riferite all insieme di tutti i componenti passivi interposti tra due apparati attivi di telecomunicazione. Link Classe A specificato a 100 KHz Supports Application Class A Link Classe B specificato a 1 MHz Supports Application Classes A & B Link Classe C specificato a 16 MHz Supports Application Classes A, B & C Link Classe D specificato a 100 MHz Supports Application Classes A, B, C & D Link Classe E specificato a 250 MHz Supports Application Classes A, B, C, D & E Optical Classe O specificato sopra 10 MHz Supports Application Classes O prof. G. Russo _ ing. A Violetta 43

44 CENELEC-EN Lunghezza del canale MEDIUM Category 3 Cable Category 5 Cable 150Ω STP-A Cable Multimode Optical Fibre Single Mode Fibre CHANNEL LENGTH CLASSE CLASSE CLASSE CLASSE CLASSE A B C D OTTICA 2000 m 200 m 100 m 1) m 260 m 160 m 2) 100 m 1) m 400 m 250 m 2) 150 m 2) - N/A N/A N/A N/A 2000 m N/A N/A N/A N/A 3000 m 3) 1) La distanza di 100 m include un totale di 10 m di cavo flessibile per patch cord o jumper (ponte), area di lavoro e connessioni dei dispositivi. Le specifiche di link sono compatibili con cavo orizzontale di 90 m, 7.5 m di lunghezza elettrica di cavi di collegamento e tre connettori della stessa categoria. 2) Quando il cablaggio orizzontale di sottosistemi richiede lunghezze di cavi bilanciati superiori a 100 m, dovrebbero essere consultate le normative di applicazione applicabili. 3) 3000 m è un limite definito dalla Normativa Europea e non è una restrizione relativa al mezzo. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 44

45 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Il Permanent Link Permanent Link Minimo 2 cavi ogni area di lavoro (10m 2 ) Distanza massima 90 m Cavo unico Nessuna derivazione o ponticellatura Consolidation Point (opzionale) Permanent Link begins at the end of the test cord, BUT includes the plug Basic Link starts here and ends here prof. G. Russo _ ing. A Violetta 45

46 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Il Canale The Channel Collegamento orizzontale completo Distanza massima 90 m + 5m patch cord postazione di lavoro, 5 m patch cord lato TR (Telecommunication Room) per permutazione e collegamento equipment, pannello di permutazione & pannello di collegamento equipment Collegamento reale prof. G. Russo _ ing. A Violetta 46

47 ANSI/TIA/EIA-568B.1 La Dorsale MC IC HC TO Terminal Equipment X X X 1 livello di dorsale 2 livello di dorsale Sottosistema di Cablaggio orizzontale Cablaggio area di lavoro Sistema di cablaggio strutturato prof. G. Russo _ ing. A Violetta 47

48 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Distanze di Dorsale MC C IC A B HC HC Applicazioni voce MEDIA TYPE A B C UTP cat3, 5e, 6* 800 m 300 m 500 m 50/125µm 2000 m 300 m 1700 m 62.5/125µm 2000 m 300 m 1700 m Singlemode 3000 m 300 m 2700 m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 48

49 ANSI/TIA/EIA-568B.1 Distanze di Dorsale MC C IC A B HC HC Applicazioni dati MEDIA TYPE A B C UTP/ScTP cat3, 5e, 6* 90 m Not Permitted Not Permitted 50/125µm 2000 m 300 m 1700 m 62.5/125µm 2000 m 300 m 1700 m Singlemode 3000 m 300 m 2700 m prof. G. Russo _ ing. A Violetta 49

50 ANSI/TIA/EIA-568-B.1TSB-72 F.O. centralizzate Pull-through - 90 metri massimo Splice or Interconnect metri massimo No Applicazioni Interbuilding Spostamenti amministrati dal crossconnect centralizzato prof. G. Russo _ ing. A Violetta 50

51 Marcatura performance C 6 Ce 5 C 5 Or CAT 6 6 Per la Categoria 6 Or CAT 5e Per la Categoria 5 Enanched Or CAT 5 5 Per la Categoria 5 C 4 Or CAT 4 4 Per la Categoria 4 C 3 Or CAT 3 3 Per la Categoria 3 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 51

52 Assegnazione pin T568A T568B prof. G. Russo _ ing. A Violetta 52

53 ANSI/EIA/TIA-569-A Canalizzazione e spazi Canalizzazioni orizzontali Sotto-pavimento Pavimento rialzato Conduttura Tubazione & canalizzazione A soffitto prof. G. Russo _ ing. A Violetta 53

54 ANSI/EIA/TIA-569-A Sotto-pavimento Inserto Pre Set Inserto After Set Piastra acciaio saldata Condotti contenimento cavi prof. G. Russo _ ing. A Violetta 54

55 ANSI/EIA/TIA-569-A Pavimento rialzato Piedistalli di supporto Mattonella removibili Alta capacità di contenimento cavi prof. G. Russo _ ing. A Violetta 55

56 ANSI/EIA/TIA-569-A Specifiche delle condutture Tipi raccomandati PVC rigido Tubazione metallica/rigida Non raccomandato Tubazione metallica flessibile prof. G. Russo _ ing. A Violetta 56

57 ANSI/EIA/TIA-569-A Richieste installative per condutture Non più di 30 m tra due punti di trazione Uso di box di trazione: almeno 12 x La sezione più piccola che può essere usata è 20 mm Non più di 2 curve di 90 tra due punti di trazione Raggio di curvatura interno per condutture 50mm almeno 6 x Raggio di curvatura interno per condutture > 50mm almeno 10 x Deve essere presente un cavo di trazione Non più di tre uscite per singola tratta, aumentando la sezione a partire dal TC prof. G. Russo _ ing. A Violetta 57

58 ANSI/EIA/TIA-569-A Box di trazione X OK prof. G. Russo _ ing. A Violetta 58

59 ANSI/EIA/TIA-569-A Distribuzione a soffitto <450mm >75mm Cavi di supporto a soffitto Pannelli removibili prof. G. Russo _ ing. A Violetta 59

60 ANSI/EIA/TIA-569-A Canalizzazioni di Dorsale verticale all interno dell edificio (Intra building) Manicotti Fessure Bordo esterno mm Deve essere seguita la normativa antincendio e di messa a terra Un manicotto da 100 mm ogni 5000 m 2 di spazio utilizzato nell edificio + 2 manicotti liberi per un numero minimo di 3 x 100 mm prof. G. Russo _ ing. A Violetta 60

61 ANSI/EIA/TIA-758 Collegamento di dorsale tra edifici (Inter building) Lo standard ANSI/TIA/EIA 758 stabilisce le specifiche per il cablaggio tra gli edifici all interno di un campus. Sotterraneo- Conduttura interrata Assicurarsi che i cavi siano protetti da condotti Interrato direttamente Assicurarsi che i cavi siano armati & costruiti per essere interrati direttamente considerare anche una protezione antiroditore Aereo Assicurarsi la protezione del cavo per raggi UV assicurarsi sulla massima tensione di trazione Tunnel di servizio Assicurarsi della separazione delle canalizzazioni dai cavi di potenza elettrica prof. G. Russo _ ing. A Violetta 61

62 ANSI/TIA/EIA 758 Configurazione di rete Ci sono diversi metodi utilizzati a protezione delle interruzioni sul sistema trasmissivo. Apparato ridondante Instradamento fisico ridondante Gli apparati ridondanti sono coppie di fibre nello stesso cavo del sistema principale. Il sistema ridondante si attiverà se il sistema primario viene interrotto. Questo proteggerà ulteriormente gli apparati attivi dai guasti, ma non li proteggerà da una rottura completa del cavo. L instradamento fisico ridondante provvede ad una maggior protezione dalle interruzioni. Nei casi dove è richiesta una elevata sicurezza del sistema, dovrebbe essere considerato l instradamento fisico ridondato. L instradamento ridondato si ottiene utilizzando fibre di collegamento in un percorso alternativo che in caso di danneggiamento del cavo principale ripristinano immediatamente il sistema. Primary Link Standby Link Primary Link X Active Link Resilient Link ( old Primary Link) Primary Link prof. G. Russo _ ing. A Violetta 62

63 ANSI/EIA/TIA-569- Armadio delle telecomunicazioni Un TC ogni 1000 m 2 di spazio di piano utilizzabile Minimo un TC per piano Aumentare i TC quando l area di piano servita è >1000 m 2 o quando il cablaggio orizzontale è > 90 m Collegare TC multipli su uno stesso piano con una tubazione di sezione minima 75mm Localizzarlo se possibile in posizione baricentrica Area postazione di lavoro 10m 2 prof. G. Russo _ ing. A Violetta 63

64 Messa a terra ed equipotenzialità L impianto di terra ed il collegamento delle masse elettriche delle telecomunicazioni è installato in aggiunta al sistema di terra dell edificio. Fare riferimento ai codici e le leggi locali che vengono definite principalmente per ragioni di sicurezza e non sono rivolte all affidabilità e alle prestazioni degli apparati. Una inadeguata o impropria messa a terra, in un sistema di telecomunicazione, può portare a: 1. Incidenti 2. Distruzione di apparati 3. Interruzione dei servizi 4. Degrado dell efficienza del lavoro La normativa EIA/TIA 607 assolutamente non sostituisce le richieste per la messa a terra elettrica, ma da una protezione aggiuntiva per creare equipotenzialità tra le canalizzazioni che contengono i cavi, gli apparati dei provider, i locali degli apparati delle telecomunicazioni e i locali tecnici delle telecomunicazioni. A livello europeo la Cenelec definisce le modalità di messa a terra del sistema di telecomunicazioni. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 64

65 ANSI/TIA/EIA 607 Importanza della messa a terra Scopo: 1. Minimizzare i rischi e gli effetti di innalzamenti della tensione elettrica 2. Aumentare il collegamento delle masse elettriche 3. Abbassare i potenziali di riferimento di massa del sistema Ci sono tre principi scientifici che servono a spiegare l importanza dei conduttori di messa a terra per i sistemi di comunicazione : 1. Equalizzazione: tenere sotto controllo l impedenza. L impedenza tra diversi punti di terra è un fattore significativo per i livelli di potenziale che si instaurano tra di essi. 2. Convogliamento: quando nel percorso di un cavo interferiscono dei transienti elettrici, un conduttore di messa a terra, sul quale questi vengono deviati, farà in modo che i conduttori interessati alla telecomunicazione verranno meno influenzati dai disturbi. 3. Collegamento: quando ci sono transienti elettrici, il collegamento delle diverse parti può parzialmente eliminare il transiente quando esso arriva agli apparati delle telecomunicazioni. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 65

66 Cenelec Importanza della messa a terra Collegamento di terra ed equipotenziale Gli scopi fondamentali del collegamento di terra ed equipotenziale si applicano sia ai sistemi di cablaggio schermati che a quelli non schermati: 1.Sicurezza: limitazione della tensione di contatto e percorso di ritorno di guasto a terra 2. EMC: riferimento di potenziale ed equalizzazione di tensione, effetto di schermatura. Fino a che le correnti attraversano il sistema di messa a terra e non i circuiti elettronici, non hanno effetti dannosi. Quando invece le reti di messa a terra non sono equipotenziali, correnti parassite ad alta frequenza si potranno diffondere anche sui cavi di segnale, disturbando o addirittura danneggiando seriamente le apparecchiature. La specifica EN50310 (Applicazione della connessione equipotenziale e della messa a terra in edifici contenenti apparecchiature per la tecnologia dell informazione) dovrà essere applicata almeno nel caso degli edifici di nuova costruzione e, ove possibile, negli edifici esistenti. La gestione dell installazione in un campus verrà eseguita in collaborazione tra tutte le parti (alimentazione elettrica, servizi di telecomunicazione, apparecchiature di tecnologia dell informazione, ecc.). prof. G. Russo _ ing. A Violetta 66

67 Cenelec Importanza della messa a terra Il sistema di messa a terra dovrebbe essere collegato in modo equipotenziale, in particolare per gli edifici multipiano, allo scopo di ottenere i migliori risultati, in particolare per gli edifici dotati di un sistema di rete dati. Uno dei pericoli maggiori è costituito dall induzione di campi magnetici di sovraccarico nei circuiti di terra ad anello. Il campo di sovraccarico è essenzialmente orizzontale e causa le tensioni parassite peggiori nei circuiti ad anello verticali. Due piani adiacenti dovrebbero essere collegati in modo equipotenziale, per mezzo di tutte le connessioni conduttive che attraversano il pavimento. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 67

68 ANSI/TIA/EIA-607 Importanza della messa a terra (definizioni) Componenti principali 1. Conduttore di collegamento di terra delle telecomunicazioni (minimo AWG6, collega la TMGB alla massa elettrica di edificio). 2. TMGB: punto centrale di connessione del sistema di messa a terrra 3. TBB:conduttore da 6 AWG che collega tutti i TGB alla TMGB 4. TGB: punto comune di connessione per gli apparati delle telecomunicazioni in ogni singolo locale tecnico o locale apparati. 5. TBBIBC: connessione di equalizzazione della messa a terra tra locali dello stesso piano. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 68

69 Scelta tra una soluzione schermata (S/FTP) o non schermata (UTP): Connessione di terra con cablaggio schermato Equipment Cord Patch Cord Horizontal Cable Zone Wiring Cord Patch Panel Consolidation Point Work Outlet Patch Cord V w.a. =V elect gnd -V telc ground < 1 Volt Collegamento separato con cablaggio non schermato Equipment Cord Patch Cord Horizontal Cable Zone Wiring Cord Patch Panel Consolidation Point Work Outlet Patch Cord prof. G. Russo _ ing. A Violetta 69

70 ANSI/TIA/EIA-606 Administration & Labeling IC HC 1st Level B/Bone Second Level Backbone 2nd Level B/Bone TR 2nd Level B/Bone Common Equip Misc HC 1st Level Backbone MC 1st Level B/Bone Interbuilding 1st level backbone HC Common Equip Interbldg B/Bone IC Interbldg B/Bone ER CO lines EF HC CPE ER network interface or demarc. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 70

71 ANSI/TIA/EIA-606 Administration & Labeling La nuova versione della normativa 606 sarà la 606-A. E stata sviluppata una matrice che comprende il cablaggio, le canalizzazioni, i locali tecnici, le barriere tagliafiamma e gli elementi di messa a terra dell impianto di telecomunicazione. Sono definite quattro classi in relazione alla complessità del sistema di cablaggio. Alcuni utenti potranno scegliere se definire un sistema di identificazione e amministrazione solo per alcuni o per tutti gli elementi sopra citati. prof. G. Russo _ ing. A Violetta 71

72 Classe 1: singolo edificio con un solo locale tecnico, tutto il cablaggio è orizzontale. TR WA HC WA Classe 2: singolo edificio con diversi locali tecnici, include cablaggio orizzontale e di dorsale. TR HC WA ER MC Demarcation point prof. PBXG. Russo _ ing. A Violetta 72

73 Classe 3: un campus con diversi edifici, include cablaggio orizzontale, dorsale intra e inter edificio e identificazione degli edifici. TC TC TC TC TC TC Classe 4: WA WA WA WA WA WA TC TC TC TC TC TC WA WA WA WA WA WA TC TC TC TC TC TC campus diversi in locazioni geografiche diverse che includono tutti gli elementi precedentemente descritti. Sweden Russia & CIS WA WA WA WA WA WA Connecticut, USA United Kingdom France Spain Italy Florida, USA Turkey Costa Rica Dubai, UAE China Brazil Malaysia Australia prof. G. Russo _ ing. A Violetta 73

74 APPLICABILTÀ CONFORMITÀ EMC Conformità EMC Applicabile Conformità EMC non Applicabile Adattatori Passivi PCs con NIC Hub Adattatore Attivo Conformità EMC non Applicabile Adattatore Attivo Conformità EMC Applicabile prof. G. Russo _ ing. A Violetta 74

75 Risoluzione degli Standard Un SC, in quanto passivo non genera campi magnetici; non deve però essere tale da modificare oltre il previsto la qualità del segnale emesso dagli apparati ad esso connessi. Certificazioni di rispondenza agli standard e di qualità (es. 3P, EMC, ecc.) prof. G. Russo _ ing. A Violetta 75

76 LANs: Problemi e tendenze Tecnologie Lan di oggi: Fast Ethernet e Gigabit Ethernet (source: Agilent Technologies 4Q-2001) Servers Desktops 80% 70% 3 Years Today 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 100-Mbps Ethernet 10-Mbps Ethernet 16-Mbps Token Ring 100-Mbps Token Ring Gigabit Ethernet No Server Farm 10-Mbps Ethernet Switched 100-Mbps Ethernet Switched 10-Mbps Ethernet Shared 16-Mbps Token Ring Shared 16-Mbps Token Ring Switched 100-Mbps Token Ring Gigabit Ethernet ATM prof. G. Russo _ ing. A Violetta 76

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

CAVI E ACCESSORI A FIBRE OTTICHE PER TRASMISSIONE DATI

CAVI E ACCESSORI A FIBRE OTTICHE PER TRASMISSIONE DATI CAVI E ACCESSORI A FIBRE OTTICHE PER TRASMISSIONE DATI LA TRASMISSIONE DATI Nella TRASMISSIONE DATI l'attività della FORT FIBRE OTTICHE è particolarmente intensa nei seguenti settori: LA SOCIETA FORT FIBRE

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

TIA/EIA 568A, 50173, ISO/IEC

TIA/EIA 568A, 50173, ISO/IEC Cos è il cablaggio Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori, ecc. opportunamente installati e predisposti per poter interconnettere degli apparati

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli