PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE"

Transcript

1 REGIONE EMILIA ROMAGNA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE TELECOMUNICAZIONI

2 INDICE pag. Premessa 3 Centro Operativo di Protezione Civile 4 Allestimenti Logistici 2 Servizio Telecomunicazioni (TLC) 24 Organico Servizio TLC 3 Attivazione del Servizio TLC 32 Comunicazioni di emergenza 33 Schema indicativo dell impianto di telecomunicazioni 38 Procedure radiotelefoniche 44 Impianto TLC della Rete Regionale 46 Impianto TLC della Provincia di Bologna 48 Impianto TLC della Provincia di Ferrara 50 Impianto TLC della Provincia di Forli - Cesena 52 Impianto TLC della Provincia di Modena 54 Impianto TLC della Provincia di Parma 56 Impianto TLC della Provincia di Piacenza 58 Impianto TLC della Provincia di Ravenna 60 Impianto TLC della Provincia di Reggio Emilia 62 Impianto TLC della Provincia di Rimini 64 Frequenze Ponti Radio del Servizio di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna 66 Scheda Centro Operativo Misto 68 Scheda Centro Unificato Provinciale 69 Scheda Centro Operativo Comunale 70 Elaborazione: Ughi Gilberto I4IYO Prima edizione: Ultimo aggiornamento: Riproduzione vietata senza il consenso della Commissione Telecomunicazioni del Servizio di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna 2

3 PREMESSA Lo stato di crisi delle telecomunicazioni ordinarie, rappresenta uno dei fenomeni ricorrenti che si manifestano nelle situazioni di emergenza che coinvolgono la Protezione Civile. Le passate esperienze hanno infatti dimostrato come il complesso meccanismo delle reti comunicative tradizionali, possa facilmente subire delle alterazioni nel proprio funzionamento, anche in presenza di eventi di debole intensità. Il problema non è riconducibile ai soli aspetti tecnici relativi alla vulnerabilità dei sistemi di rete, che pure rappresenta una realtà evidente anche se continuamente migliorata, ma anche alla necessità di gestire grossi flussi di informazioni del tutto particolari in situazioni anomale. Appare quindi prioritaria, nella disciplina della attività di protezione civile, la preventiva definizione di metodi di comunicazione affidabili, destinati a soddisfare principalmente il fabbisogno dei Centri Operativi di Comando e Controllo, anche in previsione di interruzione dei sistemi tradizionali. Il Metodo Augustus, approntato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, costituisce il riferimento progettuale per l organizzazione delle strutture istituzionali destinate alla gestione delle emergenze. In esso sono individuati anche i principali soggetti a cui sono demandate competenze nel settore delle telecomunicazioni, ovvero: - Ministero delle Comunicazioni - Gestori servizi pubblici di rete - Radioamatori Questo manuale tecnico è destinato ai volontari che provvedono alle telecomunicazioni di Protezione Civile nei Centri Operativi di Comando e Controllo istituiti dalla Regione Emilia Romagna e contiene le informazioni necessarie per l attuazione delle procedure di gestione del sistema di trasmissione radioelettrico di emergenza regionale. 3

4 CENTRO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE Nel caso specifico di emergenze complesse, che sono definibili di protezione civile, risulta indispensabile il coordinamento unificato di tutti gli interventi di tipo specialistico, che sono normalmente attuati dai servizi di soccorso preposti (istituzioni, enti, volontariato ecc), nonché di tutte le operazioni di ripristino funzionale delle infrastrutture e dei servizi. La gestione delle emergenze viene pertanto attuata attraverso organismi denominati Centri Operativi di Comando e Controllo che sono in grado di applicare, secondo livelli di competenza identificati dalla normativa, le necessarie funzioni di coordinamento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali, ovvero: Evento di Tipo A) emergenze circoscritte, derivanti da fenomeni naturali o indotti da attività umane che possono essere fronteggiate in forma ordinaria dai singoli enti ed amministrazioni locali ( gestione dell emergenza in ambito comunale) Evento di Tipo B) emergenze di una certa importanza derivanti da fenomeni naturali o indotti da attività umane che possono essere fronteggiate attraverso l intervento coordinato di più enti o amministrazioni (gestione dell emergenza in ambito provinciale) ovvero con la competenza diretta della Regione Evento di Tipo C) emergenze catastrofiche che sono fronteggiabili solo con risorse e poteri straordinari dall autorità di governo (gestione dell emergenza in ambito nazionale) Il Metodo Augustus, approntato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, rappresenta il modello gestionale da attuare per consentire il coordinamento delle emergenze in tutte le tipologie di cui sopra. In sintesi si prevede l istituzione di centri operativi di comando e controllo organizzati per funzioni di supporto e strutturati su quattro livelli di competenza, ovvero: 4

5 . livello dei centri operativi di valenza nazionale CE.SI (Centro Situazioni) Dipartimento di Protezione Civile: per il coordinamento dei soccorsi negli eventi di Tipo A, Tipo B, Tipo C COAU (Centro Operativo Aereo Unificato): per il coordinamento degli interventi degli aeromobili (trasporti, antincendio ecc) COEM (Centro Operativo Emergenze in Mare): per il coordinamento delle emergenze in mare (emergenze costiere, inquinamenti, soccorso, trasporti ecc) DI.COMA.C (Direzione di Comando e Controllo): per il supporto specialistico in ambito locale agli enti interessati in caso di emergenze gravi 2. livello dei centri operativi di valenza regionale C.O.R. (Centro Operativo Regionale) Regione Emilia Romagna: per il coordinamento dei soccorsi negli eventi di Tipo A e di Tipo B 3. livello dei centri operativi di valenza provinciale C.C.S. (Centro Coordinamento Soccorsi) Prefetture: per il coordinamento unificato dei soccorsi negli eventi di tipo A e di tipo B C.P. (Centro Operativo Unificato Provinciale) Provincia: in Emilia Romagna sono istituiti per la gestione coordinata delle risorse negli eventi di tipo A e di tipo B C.O.M. (Centro Operativo Misto) Circondario, Comunità Montana: per la gestione delle emergenze sovracomunali di Tipo B 4. livello dei centri operativi di valenza comunale C.O.C. (Centro Operativo Comunale) Comune: per la gestione delle emergenze di Tipo A In Emilia Romagna la gestione dei Centri Operativi di Comando e Controllo è attuata secondo le procedure previste dal Metodo Augustus, che prevedono la composizione delle seguenti Funzioni di Supporto. 5

6 FUNZIONE TECNICO SCIENTIFICA, PIANIFICAZIONE GRUPPI DI RICERCA SCIENTIFICA (CNR) ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA REGIONI D.P.C. SERVIZI TECNICI NAZIONALI Comprende i Gruppi Nazionali di ricerca ed i Servizi Tecnici Nazionali e locali. Il referente della funzione sarà il rappresentante del Servizio Tecnico del comune o del Genio Civile o del Servizio Tecnico Nazionale. Dovrà mantenere e coordinare tutti i rapporti tra le varie componenti scientifiche e tecniche per l interpretazione fisica del fenomeno. FUNZIONE 2 SANITA, ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA MINISTERO DELLA SANITA - REGIONE/AA.SS.LL. C.R.I. VOLONTARIATO SOCIO SANITARIO Saranno presenti i responsabili del Servizio sanitario locale, della C.R.I., delle organizzazioni di volontariato che operano nel settore sanitario. In linea di massima il referente sarà il rappresentante del Servizio Sanitario locale. FUNZIONE 3 MASS-MEDIA ED INFORMAZIONE RAI EMITTENTI TV/RADIO PRIVATE NAZIONALI E LOCALI STAMPA Gli scopi principali di questa funzione sono: - informare e sensibilizzare la popolazione; - far conoscere le attività; - realizzare spot, creare annunci, fare comunicati; - organizzare tavole rotonde e conferenze stampa. L addetto stampa curerà i programmi e le modalità degli incontri con i giornalisti. Per quanto concerne l informazione al pubblico avrà il compito di divulgare le notizie per mezzo dei mass-media. 6

7 FUNZIONE 4 VOLONTARIATO DIPARTIMENTO P.C. ASSOCIAZIONI NAZIONALI, REGIONALI, PROVINCIALI, LOCALI Nella Sala Operativa prenderà posto il coordinatore designato nel piano di protezione civile. In tempo di pace provvederà ad organizzare esercitazioni congiunte con le altre forze preposte all emergenza al fine di verificare le capacità organizzative ed operative delle organizzazioni. In emergenza organizzerà e assegnerà i compiti e gli interventi da effettuare in relazione alla tipologia del rischio da affrontare, alla natura ed alla specificità delle attività esplicate dalle organizzazioni e dai mezzi a loro disposizione. FUNZIONE 5 MATERIALI E MEZZI C.A.P.I. MINISTERO DELL INTERNO FF.AA. C.R.I. AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE VOLONTARIATO La funzione di supporto "materiali e mezzi" è essenziale e primaria per fronteggiare emergenze di qualsiasi tipo. Si tratta di avere un quadro completo delle risorse disponibili suddivise per aree di stoccaggio. Per ogni risorsa si deve prevedere il tipo di trasporto ed il tempo di arrivo in zona di intervento. I materiali e mezzi normalmente disponibili appartengono a FF.AA., C.A.P.I., C.R.I., Amministrazioni locali, Volontariato, ditte private. Le richieste devono essere generalmente evase con le forze disponibili a livello locale, solo nel caso in cui ciò non fosse possibile il coordinatore rivolgerà la richiesta al livello superiore (com - ccs). FUNZIONE 6 TRASPORTO CIRCOLAZIONE E VIABILITA FF.SS. - SOC. AUTOSTRADE - ANAS - PROVINCIE - COMUNI - ACI - TRASPORTO AEREO - TRASPORTO MARITTIMO La funzione inerente i trasporti è strettamente collegata alla movimentazione dei materiali, allo spostamento dei mezzi, ad ottimizzare i flussi lungo le "vie di fuga" ed al funzionamento dei cancelli di accesso per regolare il flusso dei soccorritori. Questa funzione deve operare a stretto contatto anche con la n. 0 "Strutture Operative 7

8 S.A.R." Il coordinatore è normalmente un rappresentante della Polizia Stradale. Concorrono anche i Carabinieri ed i Vigili Urbani che in una emergenza a livello locale possono assumere direttamente la gestione della funzione. FUNZIONE 7 TELECOMUNICAZIONI TELECOM - MINISTERO POSTE - SISTEMA ARGO IMMARSAT - COSPAS/SARSAT -RADIOAMATORI Il responsabile di questa funzione, che può essere un esperto di telecomunicazioni della Prefettura, dovrà organizzare una rete di telecomunicazioni alternativa ed affidabile. Collaboreranno il responsabile territoriale della Telecom, delle PT, il rappresentante dell organizzazione di radioamatori presente sul territorio. FUNZIONE 8 SERVIZI ESSENZIALI ENEL - SNAM - GAS -ACQUEDOTTO In questa funzione saranno presenti i rappresentanti di tutti i servizi essenziali erogati sul territorio coinvolto. Deve essere mantenuta costantemente aggiornata la situazione sull efficienza e sugli interventi effettuati sulle reti. FUNZIONE 9 CENSIMENTO DANNI A PERSONE E COSE ATTIVITA' PRODUTTIVE (IND./ ART./ COMM.) - OPERE PUBBLICHE - BENI CULTURALI - INFRASTRUTTURE - PRIVATI - VARIE E particolarmente importante per fotografare la situazione che si è determinata in seguito all evento calamitoso, effettuare un censimento dei danni a persone e cose. Infatti sulla base dei risultati si determinano gli interventi d emergenza. Il responsabile della funzione dovrà effettuare censimenti dei danni riferiti a: - persone - edifici pubblici - edifici privati - impianti industriali - servizi essenziali 8

9 - attività produttive - infrastrutture pubbliche - opere di interesse culturale - agricoltura e zootecnia Per i censimenti collaboreranno funzionari degli Uffici Tecnici del Comune, del Genio Civile, esperti del settore sanitario, industriale e commerciale. E ipotizzabile l intervento di squadre miste per le verifiche del caso. FUNZIONE 0 STRUTTURE OPERATIVE S.a.R. (SEARCH and.rescue). DIPARTIMENTO P.C. - C.N.VV.F. - FF.AA. - C.R.I. - CC. - G.d.F. - C.F.S. - C.d.P. - P.S. - C.N.S.A.S. - OO.VOLONTARIATO Il responsabile dovrà coordinare le strutture operative presenti quali: - VV.F - FF.AA. - FF.OO. - C.F.S. - C.R.I. - Organizzazioni di Volontariato - C.N.S.A.S. - S.S.N. - Servizi Tecnici Nazionali - Gruppi Nazionali di ricerca scientifica FUNZIONE ENTI LOCALI COMUNI COINVOLTI - COMUNI OSPITANTI - REGIONE - PROVINCIA - COMUNITA' MONTANE In relazione all evento il responsabile dovrà essere in possesso della documentazione riguardante tutti i referenti di ciascun Ente ed Amministrazione della zona interessata. Si dovranno anche organizzare dei gemellaggi tra le Amministrazioni 9

10 comunali colpite, tra le aziende municipalizzate che possono portare soccorso per il ripristino dei servizi essenziali. FUNZIONE 2 MATERIALI PERICOLOSI VV.F. - C.N.R. - Lo stoccaggio dei materiali pericolosi, le industrie e attività che possono innescare ulteriori danni alla popolazione, dovranno essere censite e per ciascuno dovranno essere studiati i potenziali pericoli nonché le relative soluzioni per renderli innocui. FUNZIONE 3 ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE AMMINISTRAZIONI COMUNALI COINVOLTE E OSPITANTI Per fronteggiare le esigenze della popolazione che in seguito all evento calamitoso risultano senza tetto o soggette ad altre difficoltà, si dovranno organizzare in loco delle aree attrezzate per fornire i servizi necessari. A questa funzione dovrà presiedere un funzionario dell ente amministrativo locale che possiede la necessaria conoscenza e competenza in merito al patrimonio abitativo, alla recettività delle strutture turistiche (campeggi, alberghi etc.) alla possibilità di utilizzo di aree pubbliche e private da utilizzare come zone ospitanti. Dovrà occuparsi anche dell aspetto alimentare garantendo un costante flusso di derrate alimentari, il loro stoccaggio, e la successiva distribuzione alla popolazione assistita. FUNZIONE 4 COORDINAMENTO CENTRI OPERATIVI Il coordinatore della Sala Operativa che gestisce le quattordici funzioni di supporto, sarà anche responsabile di questa funzione in quanto dovrà conoscere le operatività degli altri centri operativi dislocati sul territorio al fine di garantire nell area di emergenza il massimo coordinamento delle operazioni di soccorso, razionalizzando le risorse di uomini e materiali. Dunque le amministrazioni che intervengono nella gestione dell'emergenza, sia il livello comunale, sia il livello provinciale, sia il livello nazionale, devono strutturarsi con una sala operativa organizzata secondo queste 0

11 funzioni di supporto, in modo tale che il responsabile della funzione 5 materiali e mezzi, ad esempio, del livello comunale può interagire con il suo corrispondente della medesima funzione 5 ma al livello superiore, quello provinciale, ed a sua volta quest'ultimo comunica con quello della funzione 5 del livello nazionale. In questo modo se in una località è necessario l'intervento di un mezzo particolare che il Comune non possiede o sono necessari dei materiali speciali che dispone solo l'amministrazione dello stato sarà sufficiente che il responsabile della funzione 5 del comune inoltri la richiesta al suo corrispondente della medesima funzione al livello superiore, provinciale o nazionale, il quale avrà il quadro completo delle disponibilità dei mezzi provinciali o nazionali e li farà arrivare velocemente sul posto.

12 ALLESTIMENTI LOGISTICI La gestione unitaria delle emergenze di protezione civile viene effettuata attraverso i Centri Operativi definiti di Comando e Controllo, che possono essere stabiliti in modo permanente (COR, CCS, C.P. ecc) o in modo temporaneo (COM, COC ecc) presso infrastrutture che soddisfano criteri di sicurezza ambientale e di convenienza logistica, solitamente palestre, scuole ecc. Le fasi di pianificazione delle attività di protezione civile comprendono quindi le opportune analisi necessarie ad individuare le strutture idonee ad accogliere il centro operativo, nonché il relativo fabbisogno di impianti ed attrezzature strumentali. Se richiesto, saranno intraprese anche le eventuali opere di adeguamento delle situazioni esistenti, in particolare per quanto riguarda gli impianti tecnologici (elettrico, telefonico, ecc), che dovranno consentire il funzionamento dei sistemi per l esercizio pratico delle attività amministrative e di coordinamento. Nel caso di soluzioni temporanee, l acquisizione complessiva e l accantonamento di tutte le attrezzature ritenute indispensabili per organizzare il centro operativo risulta economicamente incompatibile con la tipologia occasionale delle attività di emergenza, costituendo un immobilizzo di investimenti su capitale deteriorabile. Appare quindi logica la sola destinazione d uso, presso gli enti locali di competenza, dei mezzi strettamente necessari per consentire il regolare svolgimento delle funzioni di routine nell ambito della protezione civile, ovvero una essenziale disponibilità strumentale nei primi momenti dell emergenza. Per il fabbisogno integrativo delle risorse, necessarie all organizzazione del Centro Operativo per Funzioni di Supporto, come previsto dalla pianificazione Augustus, saranno invece individuate e concordate opportune modalità di acquisizione delle risorse attraverso convenzioni, noli, ecc. 2

13 AMBIENTI di seguito sono riportate, a titolo esemplificativo, le configurazioni sommarie di due possibili Centri Operativi di Comando e Controllo. Le planimetrie sono riferite ad una situazione ricorrente, ovvero la temporanea destinazione d uso di ambienti pubblici con caratteristiche di idoneità strutturale. : Centro Operativo Comunale (C.O.C.) il centro operativo è di piccole dimensioni e pertanto più funzioni sono raggruppate nei medesimi locali. La struttura è un edificio pubblico (scuola, comune ecc) con caratteristiche di idoneità strutturale 3

14 2: Centro Operativo Misto (C.O.M.) poiché le dimensioni del centro operativo sono considerevoli, la struttura è stata ricavata in un complesso sportivo (palazzetto dello sport, palestra, ecc ). Gli spazi sono realizzati con costruzioni prefabbricate di tipo leggero, che richiedono tempi minimi di messa in opera. 4

15 RISORSE risorse essenziali Servizi dotazione n permanente Sala Decisioni Videoproiettore TV Telefono PC notebook con accessori Stampante A4 portatile Scheda PCMCIA GSM/GPRS Sala Situazioni PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono Segreteria PC desktop con accessori Stampante A4 Fotocopiatrice Plotter Telefono Sala TLC PC desktop con accessori UPS 30 3 kva Stampante A4 Telefono Telefono ISDN Terminale GSM-GPRS-UMTS Telefono satellitare inmarsat Fax Registratore di suono Radio V-UHF regionale Radio V-UHF regionale portatile Radio VHF radioamatori Radio UHF radioamatori Radio HF radioamatori Radio V-UHF servizi antincendio Radio V-UHF polizia provinciale Radio V-UHF servizi forestali Alimentatore stabilizzato 2 Vcc 25 A Inverter 2Vcc 220Vca 600 VA Accumulatore 2 Vcc 0Ah si si si si si si si si si si si () no si si si si si si no no () si si si si si si no no no si si si 5

16 risorse complementari Funzioni di Supporto Funzioni di supporto dotazione n permanente - Tecnico Scientifica, Pianificazione PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 2 - Sanità, Assistenza Sociale, Veterinaria PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 3 Mass Media ed Informazione PC desktop con accessori Stampante A3 Telefono TV Videoregistratore Scanner A3 4 - Volontariato PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 5 Materiale e Mezzi PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 6 Trasporto Circolazione e Viabilità PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 7 - Telecomunicazioni PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 8 Servizi Essenziali PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 9 Censimento Danni a Persone e Cose PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 0 Struttura Operativa S.a.R. (Search and Rescue) PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono Enti Locali PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono 2 Materiali Pericolosi PC desktop con accessori Stampante A4 Telefono no no no no no no no no no no no no 6

17 IMPIANTO ELETTRICO Oltre le caratteristiche realizzative di sicurezza, richieste dalle normative vigenti (CEI 64-8 in Italia), l impianto elettrico deve soddisfare le migliori condizioni di esercizio anche in occasione di imprevedibili situazioni, come l interruzione della fornitura di energia dalla rete esterna od i guasti di utilizzatori interni che potrebbero indurre fenomeni indesiderati su tutto l impianto a servizio del centro operativo. Il quadro principale di alimentazione dovrà pertanto essere sezionabile dalla rete del gestore elettrico, al fine di consentire l inserimento in sicurezza di un generatore di corrente autonomo. Il generatore, del tipo mobile su container insonorizzato, avrà caratteristiche adeguate ai carichi massimi previsti (rif ISO 8528) e dovrà essere reperibile in tempi strettissimi, anche attraverso l ausilio di società convenzionate. In relazione al numero di vani e servizi, l impianto di distribuzione interno sarà realizzato su alcune dorsali separate, in modo da isolare eventuali guasti localizzati. Dal quadro principale si deriveranno quindi più dorsali per l illuminazione, per le prese monofasi a 220 V, quelle eventualmente trifasi a 380 V, secondo una suddivisione per aree funzionali. Eventuali sistemi di emergenza, come i gruppi di continuità statici (rif EN 5009), è preferibile siano del tipo compatto, da applicare ai singoli utilizzatori in funzione delle varie necessità. Sono in tal modo limitate le problematiche gestionali dovute ad un impianto di emergenza generale (locali speciali per il ricovero degli accumulatori, manutenzione ecc). Al fine di valutare approssimativamente il fabbisogno energetico del centro operativo, parametro necessario per la determinazione della potenza dei generatori, potranno essere adottate le seguenti indicazioni di massima 7

18 potenza: Tipologia del Servizio Illuminazione uffici e Potenza media comprensiva del fattore di contemporaneità 0 W/m 2 corridoi Prese uffici senza climatizzazione 5 W/m 2 Prese uffici con climatizzazione 40 W/m 2 Prese Sala TLC 60 W/m 2 Utilizzatori speciali valori di targa portate dei cavi: lunghezza linea monofase max 50m sezione del cavo in mm 2 corrente Ampere (A) dorsale principale 6 mm 2 32 derivazione 4 mm 2 20 derivazione 2,5 mm 2 6 derivazione,5 mm 2 0 8

19 IMPIANTO TELEFONICO L impianto telefonico interno al centro operativo potrà essere predisposto secondo la tecnologia analogica e/o digitale. Quest ultima soluzione appare tuttavia preferibile per le qualità superiori dei servizi applicabili. Un centralino di terminazione automatico PABX (Private Automatic Branch exchange), provvederà ad interfacciare la rete interna con la linea pubblica esterna disponibile (PSTN, PSDN, ISDN, ADSL, GSM, GPRS). Al centralino PABX faranno capo tutti i derivati della rete interna, ovvero telefoni, fax, modem, scheda DECT ecc. Al fine di evitare possibili problemi per sovraccarico, è necessario stabilire il fabbisogno di linee in ingresso al PABX in funzione del numero di derivati, stabilendo eventuali priorità degli utilizzatori. E inoltre opportuno acquisire anche qualche linea diretta passante il PABX, per gli usi riservati e per quelli del centro TLC. Le caratteristiche principali dell impianto telefonico sono le seguenti: apparecchi: tecnologia caratteristiche telefono BCA analogico semplice apparecchio multifunzione telefono digitale semplice apparecchio multifunzione PABX analogico scheda a gruppi di 8 derivati PABX digitale - scheda a gruppi di 6 derivati fabbisogno linee: linee in ingresso derivati

20 IMPIANTO DATI La predisposizione di una rete interna di collegamento fra computer (LAN) sarà attiva solo per le macchine che sono destinate ad un utilizzo permanente. La derivazione di terminali di rete in tutti i locali destinati ad accogliere le funzioni è tuttavia auspicabile. L adozione di un sistema con server unico, maggiormente efficiente, pone però il problema della possibile interruzione del servizio di tutta la rete in caso di problemi alla macchina principale, questa soluzione dovrà pertanto essere attentamente valutata. I componenti fondamentali per la realizzazione di una rete, possono essere i seguenti: componente caratteristiche Computer con scheda di rete server scheda Fast Ethernet uno per macro area hub 0 Mbps cablaggio doppino 0BaseT Categoria 5 sistema operativo Windows NT, Novell Net Ware router linea telefonica analogica ISDN ADSL FIBRA OTTICA SAT La rete LAN sarà normalmente collegato ad una linea esterna, telefonica o per dati ad alta velocità, per consentire il collegamento in rete WAN e quindi le telecomunicazioni esterne al centro. 20

21 IMPIANTO RADIOELETTRICO Le principali applicazioni radioelettriche che sono comunemente utilizzate per le comunicazioni presso il Centro Operativo di Comando e Controllo, sono di seguito sintetizzate:. telefonia cellulare i sistemi attuali (GSM, GPRS, UMTS) consentono il trasferimento di voce e dati attraverso apparecchiature personali o schede inserite nei PABX. Le infrastrutture d esercizio sono predisposte e gestite dalle società distributrici dei servizi. Questi sistemi non richiedono la realizzazione da parte dell utenza di particolari installazioni se non nei casi di scarsa copertura di rete (antenne direttive). Per gli usi gestionali del centro operativo la telefonia cellulare rappresenta una risorsa molto importante ed è opportuno prevedere la disponibilità di un certo quantitativo di telefoni portatili ed eventualmente di terminali da interfacciare con il centralino PABX. 2. telefonia senza fili (cordless) all interno del centro operativo l utilizzo di un sistema cordless digitale (DECT), risulta sicuramente utile. Con l adozione di apposite schede è possibile interfacciare il centralino PABX con il sistema DECT, che consentirà pertanto la comunicazione privata mobile tra utenti interni al centro ed il trasferimento di chiamate tra questi e la linea PSTN. E opportuno però verificare la necessità di eventuali ripetitori passivi per estendere il raggio d azione dei terminali DECT. 3. private mobile radio (PMR-PAMR) le comunicazioni di tipo operativo, necessarie al coordinamento e controllo delle attività di soccorso, sono normalmente gestite da sistemi radiomobili di tipo privato che, in caso di emergenza, consentono maggiore flessibilità rispetto ai servizi di telefonia pubblici. La rete radio è normalmente costituita da una o più stazioni ripetitrici, configurate tecnicamente in modo da assicurare i collegamenti, 2

22 in un area definita, ad una serie di stazioni radiomobili. L utenza è rappresentata da un unico soggetto destinatario di una concessione, l utilizzo del sistema avviene quindi su una o più frequenze stabilite dedicate (PMR). Al momento le tecnologie digitali consentono anche il cosiddetto multiaccesso, ovvero la condivisione di una unica frequenza da parte di più insiemi di utenti, eventualmente collegabili tra loro, senza problemi di interferenze (PAMR). Questi sistemi sono in fase avanzata di realizzazione in molte realtà europee ed italiane. TETRA e il TETRAPOL sono le tecnologie maggiormente interessate e vengono efficacemente utilizzate dai servizi di emergenza e sicurezza. E evidente che le reti PMR sono indicate prevalentemente alla gestione delle emergenze di tipo specialistico (sanità, VVF, volontariato ecc), mentre quelle PAMR consentono la gestione unificata delle emergenze complesse. 4. comunicazioni satellitari la disponibilità di uno o più sistemi satellitari offre una certa sicurezza nelle comunicazioni di tipo strategico. Esistono due tipologie di satelliti per comunicazioni: A) satelliti geostazionari (GEO): idonei alle comunicazioni di tipo semifisso ed in grado di supportare anche trasmissioni in banda larga. Le stazioni terrestri sono però vincolate dalla direzionalità dei segnali e dalla necessità di avere antenne paraboliche con dimensioni notevoli (a maggior diametro corrisponde maggior segnale). I satelliti GEO sono quindi indicati per situazioni di tipo permanente. Esistono tuttavia sistemi portatili di medie piccole dimensioni denominati VSAT (Very Small Aperture Terminal), che supportano servizi voce-fax-dati a bassa velocità (es: INMARSAT M) o a larga banda (es: EUTELSAT DSAT2000) che sono particolarmente indicati per le soluzioni temporanee o mobili. I sistemi GEO sono generalmente già operativi da anni e non presentano particolari problemi di affidabilità. 22

23 B) satelliti ad orbita media (MEO) o bassa (LEO): idonei a comunicazioni di tipo mobile, con apparecchi di piccole dimensioni e prevalentemente in modalità voce-dati con bit rate modesto. Per garantire la piena copertura del servizio i sistemi orbitanti richiedono costellazioni di satelliti numericamente considerevoli. Attualmente i gestori principali sono in fase di completamento dei relativi impianti e pertanto non sempre viene assicurata la continuità dei segnali. 5. rete radioamatoriale la rete radio gestita dal servizio internazionale di radioamatore consente il collegamento tra i centri operativi attraverso le proprie bande di frequenza attribuite, che spaziano in buona parte dello spettro radioelettrico. In funzione della frequenza impiegata sono accessibili trasmissioni sia a breve distanza sia a media e lunga distanza. La gamma HF (onde corte) consente collegamenti in fonia anche a considerevoli distanze, tuttavia le caratteristiche di qualità dei segnali possono risultare instabili essendo legate a fenomeni di propagazione delle onde radio ed alla presenza contemporanea di altre emissioni. In ogni caso una stazione mediamente attrezzata è in grado di assicurare il servizio in ambito nazionale. Le gamma VHF (onde cortissime) e quella UHF (onde ultracorte), sono impiegate per collegamenti i locali punto punto, ma anche per trasmissioni a media distanza attraverso le infrastrutture presenti, come i ponti ripetitori semplici o le dorsali ripetitrici. Queste applicazioni risultano le più flessibili e stabili e sono in grado di soddisfare le esigenze comunicative dei centri operativi. Il servizio di radioamatore, non presentando caratteristiche di professionalità, risulta conveniente dal punto di vista economico, ma richiede la definizione di standard procedurali ed accordi con le organizzazioni di settore per renderne efficace il funzionamento. 23

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Gruppo di Lavoro 4 Telecomunicazioni Po 2007 Esercitazione Regionale Emilia - Romagna Reggio Emilia 28 29 30 Settembre 2007 IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Ughi Gilberto PREMESSA Il presente

Dettagli

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali Corso base per operatori TLC di Protezione Civile Le telecomunicazioni tra Centri Operativi di Comando e Controllo Ughi Gilberto Protezione Civile Emilia-Romagna Comunicazione e Telecomunicazioni durata

Dettagli

Telecomunicazioni Radio

Telecomunicazioni Radio Corso base per operatori di Protezione Civile Telecomunicazioni Radio alcuni elementi di teoria delle trasmissioni radio Ughi Gilberto Il corso è rivolto agli operatori di Protezione Civile che intendono:

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE 2015 CORSO BASE Introduzione alle comunicazioni radioelettriche Il corso è rivolto principalmente ai volontari di Communications Emergency Rescue

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Seminario di formazione Valutazione dei danni provocati dal sisma Aula Magna _ Facoltà di Agraria di Bologna 19 giugno 2012 Agronomi

Dettagli

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE a)aree DI AMMASSAMENTO ( AA ) Le Aree di Ammassamento debbono: essere adatte all'ammassamento di materiali

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile ALLEGATO B ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile CIG : 2462539776 C.U.P. : B34C11000150002 Pag. 1 ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile di cui al protocollo d intesa

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 Da pag. 1 a pag. 5 Modello S0191.0000 (Base 2005) Da pag. 6 a pag. 7 Modello S0191.0001 (Base 2008) Da pag. 8 a pag. 9 Modello S0191.0002

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri##

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri## Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria F. Geri, Milano 8 ottobre 2013 www.protezionecivile.gov.it Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile

Dettagli

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico Gestione dell emergenza Al manifestarsi dell evento, qualora l intensità della scossa fosse tale da superare il quinto grado della scala MCS ed il conseguente effetto

Dettagli

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione civile Forlì-Cesena, 11 Giugno 2013 1 LA PROTEZIONE CIVILE Funzione pubblica di tutela delle attività sociali

Dettagli

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza SISTEMA DI GESTIONE TLC INTEGRATO La MPM, in relazione alle risorse di comunicazione disponibili quali: -Radio: HF/VHF/UHF;

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 IL METODO AUGUSTUS INDICE Premessa Piano di Emergenza Coordinamento ed Indirizzo secondo la L.N. 225/92 Pianificazione e Programmazione Definizione di Piano Successo

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 La gestione dell emergenze che hanno carattere nazionale viene attuata attraverso una predefinita catena di comando e controllo al vertice della quale si colloca

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

Telecomunicazioni Radio

Telecomunicazioni Radio COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE Corso base per operatori di Protezione Civile Telecomunicazioni Radio alcuni elementi di teoria delle trasmissioni radio p.i. Ughi Gilberto Il corso è rivolto agli operatori

Dettagli

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici G. Barreca Genova 09/06/2010 Provincia di Firenze Servizio Protezione

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI URAS PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CAPITOLO SECONDO MODELLO DI INTERVENTO DI PROTEZIONE CIVILE Luglio 2010 Redazione: Dott. Alberto

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile La gestione delle informazioni nelle attività di emergenz a, l attivazione e il coordinamento delle componenti del serviz io naz ionale della protezione civile e indicaz ione degli interventi prioritari

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile PROVINCIA DI LIVORNO COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DISCIPLINARE Premessa Le attività di protezione civile, così come definite dall art. 1 della Legge 24 febbraio 1992,

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM La rete SkyplexNetE TM, fornita e gestita da Telespazio, rappresenta la cosidetta Dorsale Satellitare Nazionale per le comunicazioni

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale Questionario Tecnico Gentile responsabile, La ringraziamo per il Suo interesse nei servizi

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA TRASMISSIONI RADIO I segnali di radio frequenza vengono irradiati dall antenna trasmittente in ogni direzione PORTATA

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA INDICE - Rete dati - Descrizione fisica e logica. - Protocolli ed indirizzamento - Referenti informatici di struttura - Servizi: - Sicurezza - DNS - Posta elettronica d Ateneo

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Comune di: ATESSA 1 dati generali Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Sede presso: CENTRO INFORMAGIOVANI Indirizzo: VIALE DELLE RIMEMBRANZE 38 via o altro N 0872850486 0872850486 telefono telefono

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2016-2018 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001 Edizione italiana BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia R Prese e satellite UNI EN ISO 9001 G 2597 Prese e satellite L evoluzione della tecnologia e delle tecniche installative Con l avvento

Dettagli

SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO

SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO ALLEGATO Il messaggio, inteso come informazione da trasmettere, viene normalmente compilato utilizzando il modulo di messaggio. Il modulo viene compilato dal mittente e

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

ARI C.R.L. COMITATO REGIONALE LOMBARDIA VIA NATTA, 11 20151 MILANO A.R.I.- RE - ASSOCIAZIONE ITALIANA RADIOAMATORI - RADIO EMERGENZA

ARI C.R.L. COMITATO REGIONALE LOMBARDIA VIA NATTA, 11 20151 MILANO A.R.I.- RE - ASSOCIAZIONE ITALIANA RADIOAMATORI - RADIO EMERGENZA ARI ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI ASSOCIAZIONE RADIOTECNICA ITALIANA (1927-1977) SEZIONE ITALIANA DELLA I.A.R.U. Eretta in Ente Morale il 10/1/50 (D.P.R. N. 368) ORGANO UFFICIALE: RADIO RIVISTA C.R.L.

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CS072-ST-01 0 09/01/2006 Implementazione CODICE REV. DATA MODIFICA VERIFICATO RT APPROVATO AMM Pagina

Dettagli

Direttiva - Prime indicazioni attuative del Regolamento di organizzazione e funzionamento interno.

Direttiva - Prime indicazioni attuative del Regolamento di organizzazione e funzionamento interno. Direttiva - Prime indicazioni attuative del Regolamento di organizzazione e funzionamento interno. Direttiva adottata dal Consiglio Direttivo, su proposta del Segretario Coordinatore, in data 10 dicembre

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Broadband immediata nei Comuni medio/piccoli Decreto Ministero delle Telecomunicazioni 4 Ottobre 2005 DECRETO LANDOLFI : BANDA LARGA

Dettagli

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato COMUNE DI RAVENNA Lett. b. SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008)

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Area Servizi Interni Servizio Informatica Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo (RA) Tel. 0545 38439 Fax 0545 38416 informatica@unione.labassaromagna.it UNIONE DEI COMUNI Misure finalizzate al contenimento della

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO Perché sono importanti le comunicazioni radio? Non sempre il CELLULARE è la soluzione 2 Agenti atmosferici Linee telefoniche sature Interruzione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA Allegato al Decreto (DDUO) n 12172 del 17-12-2012 MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA 0. Premessa 1. Mission della Colonna Mobile

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 1 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Definizioni- Le funzionalità delle reti di TLC 2 Definizioni Comunicazione: trasferimento

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli