Il direttore sportivo di una società di calcio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il direttore sportivo di una società di calcio"

Transcript

1 Il direttore sportivo di una società di calcio 1. La figura del direttore sportivo nell ambito della gestione di una società di calcio Lo sport in generale, e il calcio in particolare, è fra i maggiori settori economici del Paese e richiede sempre più di professionalità specializzate. Un profilo nuovo e fondamentale è il manager dello sport, una figura in grado di sintetizzare competenze organizzative, di marketing e comunicazione, in aggiunta agli aspetti progettuali, di pianificazione e gestione di un impianto sportivo, con forti competenze anche nella programmazione e realizzazione di eventi sportivi e spettacolistici. Le competenze professionali devono considerare lo sport non solo come un evento agonistico, ma come un evento inserito in un contesto più ampio di spettacolo sportivo con molte componenti. Ciò comporta che, oggi, le competenze dei manager sportivi devono essere: tecniche economico/finanziarie organizzative diplomatiche (Falsanisi-Giangreco, 2002). Secondo la Federazione italiana gioco calcio, i direttori sportivi svolgono una serie di attività che riguardano l assetto organizzativo delle società, gestiscono i rapporti anche contrattuali fra società, calciatori o tecnici e conducono trattative che hanno per oggetto il trasferimento di calciatori. Il direttore sportivo è, quindi, la personalità di raccordo tra la dirigenza ed il settore tecnico, rappresentando la società nei rapporti tecnici con le altre società calcistiche ed in sede di calciomercato, periodo nel quale il direttore sportivo si occupa, di concerto con la dirigenza ed il settore tecnico, al rafforzamento della squadra per i futuri impegni agonistici attraverso la compravendita di calciatori ed ai rapporti intercorrenti la società e lo staff tecnico (Lago, 2004) 1. I numerosi cambiamenti intervenuti nel mondo calcistico, che lo hanno reso un vero e proprio business, hanno modificato profondamente i ruoli dirigenziali. Nel calcio italiano, inaftti, il direttore sportivo è un ruolo di recente istituzione. Fino agli anni Settanta non se ne sentiva il bisogno, nemmeno nei massimi campionati. I loro compiti erano ricoperti praticamente dai Presidenti, dagli allenatori e a volte anche dai segretari, coadiuvati da conoscitori del calcio che agivano come osservatori e scopritori di talenti. Non esistendo nemmeno la figura del procuratore dei giocatori, i trasferimenti si realizzavano 1 Secondo la Cassazione, 8 giugno 1995, n. 6439, in Lav. Giur., 1996, p. 250, «il direttore sportivo di una società calcistica appartiene al novero dei dirigenti amministrativi e tecnici ( ) in quanto la sua attività, secondo nozioni di comune esperienza, concerne l assetto organizzativo della società, compresa la gestione di rapporti anche contrattuali tra società e calciatori o tecnici e la conduzione delle trattative con altre società sportive aventi ad oggetto il trasferimento dei calciatori e la cessione dei relativi contratti». 1

2 solo su iniziativa delle società. Solo negli anni Settanta, come si è detto, le squadre hanno cominciato ad avvalersi di personale con competenze sia tecniche che organizzative, i quali hanno affiancato i presidenti in un attività che stava diventando sempre più complessa. Progressivamente gli organici delle società di calcio si sono così arricchiti, di pari passo con le esigenze organizzative dei sodalizi 2. Per comprendere la collocazione la collocazione del Direttore tecnico nell ambito delle funzioni operative di una società di calcio è necessario descrivere l organigramma generale per macroaree (Lago, 2004). Organigramma generale di una società di calcio Come si può vedere, il Direttore Generale, in linea con gli obiettivi ed i mezzi fissati dal vertice societario (composto da Presidente, Amministratore Delegato e C.d.A.) sovrintende tutte le attività della società, così ripartite in cinque aree principali logicamente collegate e interdipendenti tra loro: l Area Tecnica, l Area Segreteria Generale, l Area Amministrativa, l Area Commerciale e l Area Comunicazione (Rubino, 2004). L Area tecnica prevede appunto la figura di un Direttore Sportivo, che ne coordina le attività. Le politiche in atto nel settore calcistico impongono una costante valorizzazione delle risorse più giovani e, quindi, non possono prescindere da una costante relazione tra settore giovanile e prima squadra. I rapporti tra le diverse figure professionali che compongono il team della prima squadra non seguono un 2 Questa evoluzione ha interessato anche numerosi altri ruoli. A partire dagli anni Novanta e nelle società di maggiori dimensioni, agli storici ruoli (presidente, allenatore, segretario, medico sociale e massaggiatore) si sono aggiunti l amministratore delegato, il responsabile tecnico, il responsabile organizzativo e logistica, il team manager, il responsabile dell area delle comunicazioni, l addetto stampa, il segretario generale, il segretario sportivo, i collaboratori tecnici, i coordinatori sanitari, gli chief financial officer, il direttore vendite, i preparatori atletici, il responsabile del settore giovanile, l allenatore dei portieri, gli allenatori della primavera, il consulente di mercato, il direttore dei servizi operativi, il direttore commerciale, il direttore editoriale, il responsabile del settore giovanile, i massofisioterapisti, i fisioterapisti, il direttore marketing, il direttore della pianificazione ed il controllo degli affari societari. 2

3 orientamento gerarchico, ma sono caratterizzate da una relazione di tipo funzionale. Le principali macroattività dell area tecnica sono relative: alla gestione di tutto il settore tecnico della Prima Squadra in rapporto all attività agonistica, ai trasferimenti calciatori, alla logistica; al settore giovanile; agli osservatori; alla struttura medico sanitaria (Falsanisi-Giangreco, 2002). Organigramma dell Area tecnica Contrariamente al passato, dove il Direttore Sportivo era soprattutto colui che si occupava degli aspetti sportivi (dalla compra-vendita dei calciatori alla formazione della squadra), oggi questa figura spesso si occupa anche di tutti gli aspetti organizzativi, gestionali ed economici della società di calcio, coincidendo con quella del Direttore Generale. Se infatti per alcune federazioni il direttore sportivo corrisponde all allenatore, nel calcio si tratta di un ruolo ibrido fra quelli manageriali e quelli tecnici. 2. La disciplina dell attività del Direttore sportivo Il dirigente di società sportive è una figura riconosciuta anche in seno alla Figc dal 1976, anno in cui è stata costituita l Associazione dei direttori e segretari delle società sportive. Questo ha consentito nel 1991 di arrivare al regolamento n. 61/a del 13 giugno 1991, che ha disciplinato il ruolo del Direttore Sportivo. L art. 1 del comunicato del 1991 stabilisce che il direttore sportivo è «la persona che svolge, per conto delle società sportive professionistiche, attività concernenti l assetto organizzativo delle società, ivi comprese espressamente la gestione dei rapporti anche contrattuali fra società e calciatori o tecnici e la conduzione dì trattative con altre società sportive, aventi ad oggetto il trasferimento dei calciatori e/o la stipulazione delle cessioni dei contratti». 3

4 Per svolgere questa funzione è necessario iscriversi nell Elenco Speciale dei Direttori Sportivi della FIGC. Questa iscrizione è subordinata alla frequenza dei corsi e al superamento dell esame indetti dalla FIGC e organizzati dal suo Settore Tecnico. I bandi dì concorso per la partecipazione ai corsi sorto sottoposti all approvazione del Consiglio Federale. Secondo l art. 4, poi, non può essere iscritto nell Elenco Speciale chi ha la carica di Dirigente Federale, di amministratore di società sportiva, di procuratore, di calciatore o altro tesserato. Questa incompatibilità ha la durata di un anno, è cioè in relazione alla validità del tesseramento federale per qualunque ruolo (Falsanisi-Giangreco, 2002). La licenza del Direttore sportivo, come mostra la figura seguente, rientra nella categoria Uefa B. I criteri A sono criteri vincolanti; il loro mancato rispetto comporta diniego della licenza. Anche criteri B sono criteri vincolanti; il loro mancato rispetto non comporta però il diniego della licenza, ma un richiamo ufficiale dell Ufficio Licenze UEFA indicante il termine per la sanatoria; in caso di ulteriore inadempienza la Commissione di primo grado ne valuta gravità e può disporre l invio degli atti alla Procura Federale per deferimento del club alla Commissione Disciplinare. Infine i criteri C sono raccomandazioni di buona prassi; il loro mancato rispetto non comporta sanzioni disciplinari né il diniego della licenza (Lago, 2004). L art. 6 della comunicazione n. 61 del 1991 elenca i doveri del direttore sportivo: «Lo svolgimento dell attività di direttore sportivo deve risultare da contratto che una delle partì contraenti deve depositare o inviare presso la Lega dì competenza, che provvede a trasmetterne una copia alla FISC». Alcune norme di carattere etico sono contenute nell art. 7. Il Direttore sportivo non può stipulare due contratti, con due diverse società, nella stessa stagione sportiva e deve sempre rispettare i regolamenti federali «improntando in ogni occasione il proprio operato a principi di correttezza e buona 4

5 fede». Nell art. 8 sono infine stabiliti i divieti delle società a tesserare altre persone non aventi il titolo di Direttore Sportivo, quindi non iscritte nell Elenco Speciale, per quell anno sportivo. Nel 1998 è stato stipulato tra Figc e Adise l accordo collettivo di categoria e ed è stato predisposto un contratto tipo, che fissa il quadro di riferimento giuridico per la disciplina dei rapporti fra società e direttore sportivo (Rubino, 2004). 3. Le attività del Direttore sportivo 3.1. La gestione ordinaria Settore Tecnico L attività del Direttore sportivo si sviluppa in sette macroaree, tutte presenti nei grandi club di calcio. La prima area è relativa alla gestione ordinaria Settore Tecnico. In questo ambito il Direttore sportivo ha il compito di supervisionare l organizzazione del settore tecnico relativamente all attività sportiva, di gestire al primo livello tutte le problematiche inerenti le richieste dei calciatori e di monitorare l attività del settore giovanile. L attività del Direttore Sportivo rientra, del resto, nell ambito della gestione strategica della società calcistica, la quale è a quattro principali modelli di business : a) il club come passione: l azionista riveste il ruolo di mecenate che investe nel club a fondo perduto, essenzialmente per passione e per un desiderio di affermazione sociale; b) il club come veicolo di immagine: l azionista (spesso un gruppo industriale) investe nel club per ottenere elevati e più complessivi ritorni di immagine da valorizzare altrove; c) il club come ambito per valorizzare nuovi talenti: l azionista investe nel club per scovare e lanciare giovani talenti da valorizzare e cedere ai grandi club, cercando di conseguire un profitto; d) il club come azienda di entertainment: l azionista ricerca l equilibrio economico tra i ricavi (generati da tutte le attività sportive e commerciali, connesse al team ed al brand) ed i costi (sostenuti per ricercare, mantenere e sviluppare quei ricavi) (Lago, 2004). Bisogna ricordare inoltre che la gestione della società calcistica si propone di massimizzare l acquisizione e la commercializzazione di cinque tipi di risorse: tangibili (risorse finanziarie e fisiche), intangibili (risorse tecnologiche, di innovazione, relazionali e di immagine) e risorse umane. Il crescente fabbisogno di risorse finanziarie è la principale caratteristica della trasformazione delle organizzazioni sportive dalla base volontaristica all orientamento al business. Tradizionalmente, la crescita di questo fabbisogno ha comportato la necessità di maggiori risorse da destinare all acquisto di giocatori e agli investimenti strategici. Oltre ai proventi che derivano dai contratti con le imprese dei media, le società calcistiche più prestigiose ricorrono oggi al reperimento di risorse finanziarie attraverso la quotazione sul mercato dei capitali (Falsanisi-Giangreco, 2002). 5

6 Il modello di business dell azienda calcio Le risorse fisiche di cui le società calcistiche hanno bisogno non sono necessariamente di proprietà dell azienda, ma, spesso, appartengono ad altri soggetti; per l organizzazione sportiva resta però la necessità di avere la disponibilità di queste risorse e di acquisire le capacità di gestione. Per risorse relazionali si intende quel capitale di fiducia, credibilità, immagine e relazioni che la società calcistica sviluppa con gli attori interni ed esterni. Per le organizzazioni sportive la principale risorsa relazionale è data dai tifosi. Le risorse organizzative sono un capitale organizzativo particolare, che solo recentemente gli studiosi delle società calcistiche hanno cominciato ad indagare. La componente valoriale e culturale del capitale organizzativo ha ricevuto un attenzione maggiore rispetto alle altre, fino allo sviluppo di profili culturali delle diverse società. Questo campo è stato indagato soprattutto per il contributo alla creazione del vantaggio competitivo sostenibile (Rubino, 2004). Le risone umane, infine, sono il campo specifico di azione del direttore sportivo. Essa rappresentano la risorsa più rilevante per le organizzazioni calcistiche. Per i grandi club, in particolare, le risorse umane ritenute critiche sono i campioni e il personale atletico (allenatori). Vi è una generale consapevolezza, infatti, dell importanza anche delle risorse umane rappresentate dai preparatori atletici, dai talent scout, dagli operatori dei settori organizzativo-gestionale, dell assistenza-consulenza. La disponibilità di queste risorse è uno degli elementi critici che richiede elevati investimenti per l acquisizione, la formazione e la retribuzione del personale (Lago, 2004). 6

7 3.2. La supervisione delle prove dei calciatori e i trasferimenti Una seconda macroarea nella quale si trova ad operare il Direttore Sportivo è quella della supervisione delle prove dei calciatori. Il compito del Direttore Sportivo è, in sostanza, quello di costruire un network per osservare gare e prove calciatori in Italia e all estero allo scopo di individuare calciatori acquistabili e giovani talenti da monitorare. In questa attività il Direttore Sportivo deve anche tenere un archivio per la gestione del file giocatori e delle relative prove visionate. Una terza macroarea è quella che fa riferimento alle prove di osservazione, la quale richiede di predisporre la programmazione dell osservazione dei calciatori, monitorandone costantemente l attività e preparando la reportistica. Legata a questa è la macroarea dello scouting, la quale consiste nel curare, di concerto con il vertice societario, e quando occorre con il responsabile del Settore Giovanile, la fase di reclutamento dei giovani talenti (Lago, 2004). La struttura dello scouting L importanza della figura del Direttore sportivo nell attività di selezione e valorizzazione dei nuovi talenti e dei giocatori di maggiore classe appare evidente sia considerando i grandi club che quelli di medio e piccole dimensioni. Bisogna sottolineare, però, una differenza sostanziale tra queste due realtà sportive, la quale si ripercuote sia a livello gestionale che strategico, dando liogo a due realtà aziendali completamente diverse (Rubino, 2004). I grandi club, infatti, scommettendo sull aumento dei ricavi che provengono dall espansione dei diritti televisivi a pagamento, dai contratti di sponsorizzazione e dal mechandising, investono per rafforzare massicciamente la squadra, nel tentativo di mettere in moto un circolo virtuoso (schematizzato sinteticamente nella figura seguente) tra risultati sportivi e risultati economici. 7

8 Il ciclo ha inizio con l aumento dei ricavi, che garantendo alle società notevoli risorse finanziarie permette alle stesse di poter corrispondere elevati stipendi ai propri calciatori. Ciò consente di attrarre i giocatori più forti dal punti di vista tecnico, così da comporre rose molto competitive. La formazione di squadre superiori rispetto alla concorrenza sul piano dello spessore tecnico-tattico porta, almeno teoricamente, i team al successo sportivo che in termini diretti consente di raccogliere ulteriori risorse finanziarie necessarie per iniziare nuovamente il ciclo appena descritto (Falsanisi-Giangreco, 2002). Circolo virtuoso tra risultati sportivi ed economici (grandi club) Risorse finanziarie Stipendi dei giocatori migliori Aumento dei ricavi Creazione di squadre competitive Risultati sportivi (vittorie) Fonte: Lago, 2004, p Naturalmente, innescare questo circolo virtuoso può essere difficile e potenzialmente pericoloso. Innanzitutto, per attivarlo occorrono ingenti risorse finanziarie. Poi non necessariamente la creazione di squadre competitive porta alla vittoria; infine i risultati sportivi si trasformano in ricavi nella misura in cui il club disponga di un vasto pubblico potenziale e sia in grado di sfruttare tutte le opportunità commerciali disponibili. I piccoli club presentano invece obiettivi gestionali completamente diversi rispetto alle squadre maggiori. Se per i grandi club i risultati sportivi sono esprimibili in termini di vittorie in campionato o nelle coppe (nazionali ed internazionali), per le provinciali essi sono esprimibili in termini di permanenza in serie A oppure di promozione dalla serie B alla A. Nonostante ciò, anche per questi club si può identificare un circolo virtuoso, alla cui realizzazione da un contributo decisivo il Direttore Sportivo (Lago, 2004). 8

9 Circolo virtuoso tra risultati sportivi ed economici (piccoli club) Risorse finanziarie Selezione di giocatori giovani Eventuale redditività Maggiori Ricavi Cessione dei giocatori (plusvalenze) Risultati sportivi (salvezza / promozione) Fonte: Lago, 2004, p Il circolo virtuoso per una piccola società di calcio comincia con la selezione di giovani giocatori di talento cresciuti nel proprio vivaio, oppure acquistati nelle serie minori di tutto il mondo a prezzi contenuti. In questa fase il ruolo del Direttore Sportivo è fondamentale, dal momento che egli deve organizzare e promuovere l attività di selezione, scouting e valorizzazione. Il secondo passo consiste nell assemblare agli ordini di un allenatore esperto un buon collettivo che faccia emergere il talento dei giovani; se rutto ciò viene realizzato in maniera corretta, si raggiungono gli obiettivi prefissati in termini di salvezza oppure di promozione. Il raggiungimento di questi risultati permette ai club di ottenere maggiori ricavi (da sponsor, televisione e botteghino) e plusvalenze derivanti dalla cessione dei giocatori più talentuosi. Un ultimo punto da tenere presente (e che riguarda da vicino l attività del Direttore Sportivo) è l entrata in vigore, dal settembre 2005, del nuovo regolamento Fifa sullo status e i trasferimenti internazionali dei calciatori. Alla luce di questo regolamento, infatti, il circolo virtuoso dei piccoli club potrebbe non essere più facilmente realizzato. Molti giovani giocatori hanno infatti cominciato ad abbandonare le società in cui si sono formati per andare a militare in squadre estere 3, facendo perciò 3 Il primo punto dell ari 18 del Regolamento stabilisce che: «i trasferimenti internazionali sono ammessi solo se il calciatore abbia più di 18 anni». Il secondo punto dell articolo presenta poi tre eccezioni alla regola generale: a) i genitori del calciatore si trasferiscono nel paese della 9

10 venir meno ai piccoli club la prima fase del circolo, ossia la selezione di giovani talenti cresciuti nel proprio vivaio. Se questi ultimi vengono attratti dalle società estere, il piccolo club non è più in grado di valorizzarli al proprio interno e successivamente incassare i proventi dalla loro cessione. Questo aspetto non è marginale, in quanto rischia di minare profondamente l equilibrio economico delle società (Lago, 2004) L attività di pubbliche relazioni La quinta, sesta e settima macroarea possono essere fatte rientrare nell attività di public relation legata ai trasferimenti e ai contatti con le istituzioni calcistiche. Ogni cessione di giocatore è accompagnata, infatti, da un insieme di attività precontrattuali, contrattuali e postcontrattuali che vanno definite dal punto di vista giuridico, attraverso incontri con i Direttori Sportivi e i manager delle altre squadre di calcio. Relativamente alla campagna trasferimenti, il Direttore sportivo deve supportare chi è delegato dal vertice societario nella redazione dei budget annuali e di quelli programmatici pluriennali, pianificando le strategie della campagna trasferimenti. In questo settore il Direttore Sportivo è incaricato, insieme al settore amministrativo, di definire gli ammontari finanziari di valutazione di un giocatore da acquistare o da cedere, oltre agli emolumenti da corrispondere ai nuovi acquisti (Falsanisi-Giangreco, 2002). Egli deve, inoltre, mantenere e sviluppare le relazioni con le istituzioni calcistiche e sviluppare (è questa la settima macroarea) il network di collegamenti con le società minori, con particolare riferimento a quelle operanti nel territorio. Lo schema seguente riporta gli attori principali del mondo del calcio, individuando i produttori (società calcistiche), i distributori, i consumatori (o clienti finali) e gli sponsor. In realtà queste denominazioni non sono univoche, dal momento che fanno riferimento a soggetti che a volte possono ricoprire più ruoli (Rubino, 2004). E opportuno analizzare ognuna di queste figure individuate per evidenziarne il ruolo e le funzioni nell ambito del marketing dell evento sportivo. Tra i produttori si possono annoverare i singoli atleti, le società sportive, i sindacati degli atleti, ma anche le società di management, gli Enti governativi, quali la FIGC ed il Ministero competente, le istituzioni locali (Lago, 2004). nuova società; b) il trasferimento avviene all interno dell U.E. e il calciatore ha un età compresa tra 16 e 18 anni, a patto che il nuovo club fornisca al calciatore un adeguata educazione calcistica, scolastica e una formazione permanente, e assicuri che il calciatore sia seguito nella migliore maniera possibile (ospitato in famiglia o in strutture societarie, guidato 10

11 Sistema della relazioni che danno vita all evento sportivo Sponsor Produttori Distributori Consumatori I distributori sono sostanzialmente i mass media, per lo sport spettacolo, oppure i puri gestori di impianti nello sport praticato o gareggiato. I consumatori sono rappresentati dai praticanti e dagli spettatori in generale, o da un pubblico più specializzato (istruttori, allenatori, ecc.). Gli sponsor, infine, si propongono come finanziatori e promotori di se stessi e dei propri prodotti tramite lo sport. Questi vari soggetti possono svolgere funzioni differenti, in varie occasioni o anche nella stessa manifestazione, di fatto sovrapponendo più ruoli. In altre situazioni possono invece collaborare fra loro, con effetti sinergici nella produzione, promozione o distribuzione dell evento. In alcuni casi, soprattutto dove il Direttore sportivo è particolarmente noto e influente, è egli stesso ha intrattenere alcuni rapporti con le aziende che sponsorizzano il club. A partire dalla metà degli anni 80, infatti, si è assistito ad una intensa crescita del fenomeno della sponsorizzazione. Essa consiste in un attività diretta alla diffusione di un determinato messaggio commerciale, il più delle volte imperniato su un marchio di prodotto o di servizio, attraverso l utilizzazione di un evento o di una serie di eventi di cui sono protagonisti uno o più soggetti comunque terzi rispetto all impresa cui il messaggio è riferito. In sostanza, la sponsorizzazione diffonde il proprio messaggio attraverso la creazione di un collegamento (che può assumere le forme più diverse) tra il soggetto sponsorizzatore e l evento stesso (Rubino, 2004). E evidente che, se la società sportiva consegue un buon risultato, la notorietà dell azienda e del prodotto aumenta notevolmente e la loro immagine ne trae un beneficio sicuro, mentre quando incontra periodi o prestazioni negative, non si ha il contrario, ossia una caduta di notorietà o di immagine: solo da un tutor); c) il calciatore vive in una località di frontiera e la nuova società ha sede a meno di 50 km dal confine. 11

12 non se ne acquista di aggiuntiva. Le sponsorizzazioni possono riguardare, come detto, un singolo atleta o una squadra, ma anche un intera manifestazione sportiva o evento sportivo 4. Le varie tipologie di sponsor delle società calcistiche, alla cui definizione contrattuale prende parte spesso anche il Direttore Sportivo, sono le seguenti: main sponsor: può esporre il proprio marchio sull abbigliamento ed il materiale di gioco della prima squadra; sponsor tecnico: fornisce i capi d abbigliamento sportivo, le attrezzature ed i materiali usati dalla squadra; il marchio appare sulle maglie ed i palloni da gioco fornitore ufficiale: acquisisce il diritto a fornire il proprio prodotto/ servizio alla squadra. licenziatario: ottiene la possibilità di applicare il marchio del club sui propri prodotti, che sono legati all ambito sportivo. produttore ufficiale: ottiene la facoltà di poter realizzare in esclusiva i prodotti promozionali della società, spesso comparendo su essi con un proprio logo (Falsanisi-Giangreco, 2002). 4. L attività di valorizzazione del vivaio Il mondo del calcio ha sperimentato negli ultimi anni e sta ancora attraversando una fase di profonda crisi. La possibilità di accesso a nuove fonti di reddito, verificatasi a partire dai primi anni Novanta, si è riflessa in un incremento più che proporzionale degli investimenti (rappresentati dall acquisizione dei diritti alle prestazioni dei giocatori) e dei loro ingaggi, cresciuti esponenzialmente. La flessione degli introiti da diritti tv (che per i principali campionati continentali rappresentano la primaria fonte di entrate nonostante la loro estrema volatilità), dovuta a fenomeni di ridimensionamento dei ricavi vissuti dai network televisivi, ha creato un circolo vizioso che, di lì a poco, ha reso insostenibile la situazione per le società sportive. In questo contesto è comprensibile come una gestione finanziaria accurata e di qualità costituisca una necessità per i club. Un importante e immediata leva gestionale può essere rappresentata dall investimento nel settore giovanile. Il processo di individuazione, attrazione e successiva formazione interna dei giovani talenti, affidato al Direttore Sportivo e al suo staff, può apportare notevoli vantaggi economici sotto un duplice aspetto: da un lato, l azzeramento del costo di acquisizione del cartellino (ossia del diritto alle prestazioni dei giocatori) dall esterno; dall altro la riduzione dei costi di gestione del parco giocatori (costo del lavoro e ammortamenti). L acquisto sul mercato di giocatori già formati implica infatti l erogazione di compensi elevati. I giocatori provenienti dal vivaio, invece, possono invece essere promossi in prima squadra attraverso primi contratti particolarmente vantaggiosi per i club. Un altro vantaggio, non di carattere economico ma ugualmente rilevante, è rappresentato dalla possibilità di 4 Il campionato di calcio di serie A, per esempio, in questi anni viene sponsorizzato dalla società di telefonia Telecom Italia, tanto è vero che si parla di Campionato di calcio TIM. 12

13 formare i giocatori secondo la propria filosofia, coerentemente con le esigenze del mestiere a livello professionistico (Lago, 2004). Il Direttore Sportivo ha di fronte diverse opzioni circa l impiego del giovane talento. In una prima ipotesi, il giovane calciatore viene inserito nell organico della prima squadra, prendendo parte alle competizioni in cui essa è impegnata e divenendo così un professionista di categoria a tutti gli effetti. L introduzione in rosa del giovane comporta la possibilità di sostituzione (oppure di mancato acquisto) di un calciatore professionista senior dalle caratteristiche similari. Il valore per il club in questo scenario è associato direttamente al risparmio di costo derivante dal mancato acquisto dall esterno di un professionista della stessa fascia qualitativa che comunque si sarebbe dovuto effettuare. Vi sarà inoltre un valore addizionale determinato dall eventuale differenza, se positiva, tra la remunerazione dell atleta di categoria e quella del giovane, la quale, almeno nella stesura del primo contratto da professionista, risulta nella maggior parte dei casi molto inferiore (Rubino, 2004). In particolare, il risparmio di costo totale è cosi rappresentabile: Mancate spese (risparmio di costi) = (cartellino giocatore pro + stipendio giocatore pro ) - primo stipendio giovane-pro. Il Direttore Sportivo può, invece, sollecitare la società a cedere a un altro club i diritti alle prestazioni sportive del calciatore formato internamente. È un eventualità osservabile abbastanza spesso nella pratica. Essa può avvenire sia per motivazioni di carattere economico, se la società ritiene più profittevole monetizzare l investimento effettuato sul giovane, sia per motivi più propriamente tecnici, quando egli sia ceduto come contropartita tecnica o per costituire un modalità di pagamento in natura dei diritti di un altro giocatore oggetto dello scambio (Falsanisi-Giangreco, 2002). Queste considerazioni mettono in evidenza come il Direttore Sportivo abbia un ruolo rilevante in numerosi aspetto della gestione delle risorse umane della società di calcio: a) egli coordina l attività della squadra nel suo complesso; b) tiene i rapporti con i singoli giocatori, sia quelli di natura finanziaria, che quelli che riguardano la quotidianità dell atleta; c) coordina lo staff di selezionatori che individuano gli atleti acquistabili per il potenziamento della squadra; d) coordina gli operatori del settore giovanile; e) tiene le relazione con i soggetti economici, istituzionali e sportivi che ruotano intorno alla società. Questo insieme di attività richiede particolari doti manageriali ed umane, oltre ad una buona esperienza del settore calcistico. Negli ultimi anni, del resto, le società calcistiche si stanno dotando sempre più di strutture tipiche delle grandi aziende, dando sempre più importanza all interazione tra le loro diverse aree. Nelle società di calcio questo processo ha assunto la dimensione di sempre maggiore specializzazione tecnica all interno del management, che ormai conta un numero molto elevato di ruoli e di competenze. Un esempio è offerto dall organigramma del Milano nella stagione Il direttore sportivo assume la denominazione di Direttore generale area sportiva ed è affiancato da un Direttore operazioni area tecnica. Vi è poi un direttore organizzativo e una serie di direttori che sono 13

14 chiamati a gestire ambito che molto spesso, nelle imprese minori, ricadono nelle competenze del Direttore Sportivo (Lago, 2004). Analogamente, nell organigramma delle Juventus, accanto a un Direttore Sportivo opera un Direttore delle risorse umane che svolge le attività di osservazione e scouting che tradizionalmente spettano al primo. Si è in presenza, in sostanza, almeno nei club più grandi, di un processo di specializzazione funzionale che tende a frazionare le competenze del Direttore Sportivo assegnandole a più soggetti. Questo processo non è, del resto, illogico. Le numerose funzioni svolte dal Direttore Sportivo risultano essere strategiche per il successo sportivo e commerciale della società di calcio: non sorprende, quindi, che esse vengano ripartite tra più soggetti, spesso datati di competenze specifiche e settoriali (Falsanisi-Giangreco, 2002). 14

15 Bibliografia Basile G., Brunelli M., Cazzulo G. (1997), Le società di calcio professionistiche, Roma. Falsanisi G., Giangreco E. F. (2002), Le società di calcio del 2000, Roma Lago U., Baroncelli A., Szymanski S. (2004), Il business del calcio: successi sportivi e rovesci finanziari, Milano, Egea Marzola P.L. (2003), L industria del calcio, Milano Rubino F. (2004), Un approccio manageriale alla gestione delle società di calcio, Milano 15

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI Università Commerciale Luigi Bocconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Amministrazione, Finanza e Controllo LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli