60 ANNI DELLA PALLACANESTRO FEMMINILE ORVIETANA ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "60 ANNI DELLA PALLACANESTRO FEMMINILE ORVIETANA (1946-2006)"

Transcript

1 60 ANNI DELLA PALLACANESTRO FEMMINILE ORVIETANA ( )

2 Prefazione Gli anni '50 - I primi passi Gli anni '60 Gli anni '70 Gli anni '80 Gli anni '90 Il nuovo secolo La Società 2

3 Prefazione Caro Amico, questo opuscolo è un nostro omaggio, creato appositamente per celebrare i sessant anni del basket femminile orvietano. Si tratta di una pubblicazione monografica che narra, attraverso immagini talvolta anche originali e buffe, il viaggio iniziato nell immediato dopoguerra. Senza avere la pretesa di essere un compendio definitivo sul basket, tale opuscolo vuole essere una sorta di album fotografico e al tempo stesso un itinerario nella memoria, alla scoperta di come eravamo, come siamo e che cosa ha rappresentato questo sport per la città di Orvieto. Giuliana Nulli, Elisa Bigi, Elena Guidotti, Rosita Breccia, Liliana Baglioni, Erenia Casalicchio, Pascucci e Lantieri, agli ordini dell allenatore Lillo Mosciarelli, gettarono le basi di quella che in pochi anni diventerà la sezione pallacanestro femminile. La tradizione orale tramanda che le ragazze, in quella occasione, indossavano un elegante divisa da gioco (maglie verdi con bordo bianco, nonché scarpe di bufalina). Premessa DALLA PALLA AL CESTO... AL BASKET L attività sportiva della U.S. Orvietana ha inizio, in modo non organizzato, nel giugno 1910; nel 1913 fa la sua prima apparizione nello scenario sportivo cittadino, in qualità di organizzatore, il Conte Vittorio Ravizza ed è quest ultimo, al quale va riconosciuto il merito di avere iniziato le attività sportive, che dà formale costituzione alla società Unione Sportiva Orvietana. (MICHELANGELI V., RAMUNNO G. - Unione Sportiva Orvietana 75 anni anni di storia - Ed. Unione Sportiva Orvietana - Orvieto, Gli anni 50: I primi passi L attività sportiva della stagione 1946/47 fu condizionata da difficoltà economiche ed organizzative. Il 23 novembre 1946 la sezione pallacanestro della Unione Sportiva Orvietana venne ammessa alla FIP per disputare i campionati federali. La presenza delle accademiste ad Orvieto ed il gruppo delle abili cestiste del G.S. Libertas del 1946, sono segnali evidenti delle buone potenzialità della pallacanestro femminile orvietana (CONTICELLI M., Catalogo: 50 anni della pallacanestro orvietana - Ed. Marsili, Orvieto - giugno 1997). 3

4 Domenica Tordi, Margherita Masnada, Jole Rossetti, Mara Valeri, Pettirossi, Renato Gribaudo (all.), Laura Bolletta, Olga Solini, Maria G. Perugini e Valeriano Venturi (arbitro/accompagnatore) effettuarono, agli inizi degli anni 50, un primo tentativo di creazione di una squadra femminile. Il primo incontro di cui si ebbe notizia fu del 31 marzo La squadra nacque per merito di un gruppo di giovani atlete orvietane, sotto il nome di G. S. Libertas e giocò la sua prima partita nella palestra scoperta delle Scuole Elementari. L attività femminile degli anni cinquanta, venne apprezzata e seguita come dimostrarono le ampie cronache sui quotidiani dell epoca. Gli appassionati di "palla al cesto" dovettero attendere ben nove anni prima di veder gare ufficiali. Infatti nell anno 1955, la prima squadra femminile del dopoguerra partecipò al campionato di Propaganda ed iniziò così la bella avventura delle cestiste orvietane verso la formidabile avanzata alla serie A, del

5 Fu il periodo in cui svettò per altezza e capacità, Bianca Prosperini, premiata con una prestigiosa convocazione nella Nazionale Juniores del Prof. Paratore. Gli anni 60 Intorno alla metà degli anni 60, ad opera di alcuni appassionati e tecnici, venne creata ed organizzata una nuova associazione per ridare slancio al settore femminile non tenuto in debita considerazione dalla dirigenza dell Unione Sportiva Orvietana. La denominazione presa dalla società fu quella di Basket Club Orvieto. Un primo gruppo di giocatrici (a destra) parteciparono intorno al 1965 ai primi campionati giovanili, ottenendo lusinghieri successi. Nell anno 1966/67 venne istituito in Orvieto, a cura della FIP, un centro giovanile di addestramento che si prefisse lo scopo di avviare alla pallacanestro i giovani che avessero avuto l idoneità fisica e le attitudini necessarie. Il basket, da qualche anno, aveva subìto una certa pausa nella nostra città. Il centro pertanto voleva alimentare nei giovanissimi questo sport. (a sinistra) la squadra giovanile della stagione 1966/67 proveniente dal Centro Giovanile di Addestramento per la pallacanestro diretto dal Prof. Borri, con istruttori i Proff. Carnevali, Carusi e Gribaudo. Gli anni '70 Il settore femminile, dopo essere confluito -come sopra accennato- nella Associazione Sportiva Basket Club Orvieto, nel novembre del 1971 divenne Sporting Club Orvieto del Presidente Costantino Bonifazi, guidata dai tecnici Renato Gribaudo e Giocondo Carusi, e che tanto fece parlare bene di sé nei primi anni 70. Sono i tempi delle semifinali junior di Rovigo con Milena Salani in cattedra, della prima promozione in Serie B 5

6 Rovigo aprile 1970 di Mariangela De Luca alla Standa di Milano. Giovanili dei primissimi anni 70 Furono anche gli anni delle sorelle Custodi, Bologna e Mencarelli; di Katia Rossi e di tantissime altre favolose ragazze. Promozione femminile anni 70 6

7 ., Giovanili dei primissimi anni 70 Proprio le ragazze dello Sporting Club Orvieto dominarono la scena orvietana e si fecero apprezzare nel panorama regionale sino alla stagione sportiva 1975/76 quando, una storica quanto infelice fusione, provocò la fuoriuscita della sezione pallacanestro dall USO e la creazione dell A.S. Orvieto Basket, tutt ora presente. L unione tra USO e Sporting, sebbene ispirata da buoni propositi, non provocò quei vantaggi che da ogni angolo della città si andava sostenendo, ma suscitò un grave ed inaspettato disagio nel basket orvietano, da indurre molti tesserati ad interrompere il proprio impegno e lo stesso movimento femminile a rallentare sensibilmente la propria attività. 7

8 Le favolose ragazze del 70 Purtroppo evidenti difficoltà organizzative e finanziarie, come pure un atteggiamento di superficiale approccio al basket rosa, nella metà degli anni 80 determinarono in alcuni dirigenti dell ormai disciolto Sporting Club Orvieto l urgente necessità di creare un nuovo gruppo sportivo. Gli anni 80: la rinascita. Furono gli anni in cui nacque il Basket Club Porano del Presidente Forbicioni, con l impronta del Prof. Gribaudo, l impulso del Prof. Eugenio Fumi (sponsor Itelco), prima; e della Termica Orvietana di Elio Primi, poi. 8

9 Stagione sportiva 1983/1984 Campionato Italiano di Pallacanestro Promozione Femminile Il 1986, è l anno in cui piace ricordarlo per un evento che non ebbe nulla a che vedere con lo sport, almeno agonisticamente. Fu l anno in cui una nostra ragazza, Roberta Cotigni, divenne madre di Andrea e 6 mesi dopo, alla ripresa dell attività, quel bimbo andò in trasferta con i propri genitori fino a Pesaro. Pesaro, Palasport Scavolini In quella occasione, la Signora Giuseppina De Mauri, di Alessandria, presente al Palazzetto Scavolini di Pesaro, volle evidenziare quell evento scrivendo un articolo su Il Corriere della Sera. 9

10 Da Il Corriere della Sera del 1987 Dopo alcune stagioni altalenanti e prive di esiti lusinghieri, la prima squadra (foto sotto), guidata da Giulio Ladi, affrontò il campionato con tanta grinta raggiungendo discreti risultati. 10

11 Gli intendimenti della società furono, sì, quelli di offrire un ottimo spettacolo tecnico nel disputare campionati e tornei, ma anche di cimentarsi nel voler fare bene nel campo dell organizzazione di eventi, valorizzando le potenzialità che questo sport poteva offrire nella zona dell orvietano. Il programma che prese corpo nell ambito della dirigenza della società, presente stabilmente da alcune stagioni nella divisione nazionale serie C, risultò interessante e stimolante. Nel settembre 1988 fu presentato il primo torneo nazionale di basket femminile. La manifestazione volle ricordare la figura di uno dei più attivi dirigenti del basket orvietano, Sergio Fiorenzi (nella foto a destra,indicato dal tondo), prematuramente scomparso ma vivo più che mai nel ricordo di quanti lo conobbero e ne apprezzarono le indubbie doti morali e umane. Nel momento in cui la Signora Anna Fiorenzi, consorte dello scomparso dirigente, consegnò alla squadra vincitrice del torneo lo stupendo trofeo in argento, una sincera commozione attraversò le volte del Palazzetto dello sport di Ciconia. Sicuramente negli occhi di molti presenti, oltre ad un velo nebbioso fatto di lacrime, scorsero immagini passate, ma non per questo meno vive, momenti che avevano visto Sergio tra i trascinatori della pallacanestro orvietana. Il 20 febbraio 1989 i dirigenti del basket femminile inaugurarono un singolare ciclo di incontri, denominato salotto del basket. Una idea, una telefonata per provare e così nacque una delle iniziative più importanti per la promozione del basket orvietano e di quello umbro. L idea venne quindi un po per gioco, un po per non ridurre il basket, e comunque lo sport, ai soli risultati di una squadra. La telefonata a Franco Lauro (qui a fianco con il dott. Giordano), giornalista Rai e conduttore di trasmissioni di basket confermò la bontà dell idea. Lauro aderì con entusiasmo facendoci capire che avevamo fatto centro e tenne una prolusione su: basket e televisione negli anni 90. Ed in successione si affrontarono argomenti sempre interessanti e con relatori di primissimo piano. La seconda serata vide la presenza di Marco Rota, allenatore della squadra rivelazione del campionato di A1, la Soc. Giraffe Pool Viterbo, che intrattenne la numerosa e qualificata platea sul tema: Americane in Italia: scelte e gestione. Ospiti della serata le due giocatrici del Viterbo Valerie Walker e Sharon Stewart (foto a destra). Successivamente, il tema: il basket di ieri e di oggi venne affrontato da Massimo Masini (foto a lato), allenatore della Soc. Sharp Montecatini, pivot della nazionale italiana e del leggendario Simmenthal Milano. 11

12 Venerdì 30 giugno 1989, a sei mesi dalla prima serata, ci fu l idea di far confessare i due arbitri della quinta partita dello scudetto: Pasquale Zeppilli e l orvietanissimo Francesco Grotti. Nell occasione si parlò di: «Enichem Livorno-Philips Milano, a mente fredda». Nell estate del medesimo anno, in una simpatica serata del «salotto», si celebrarono i grandi protagonisti degli incontri-scontri tra l Unione Sportiva Orvietana e la Leo Basket Terni, con una partita tra ex cestisti che non si vedevano da almeno venticinque anni. Successivamente, lunedì 30 aprile 1990, venne affrontato il tema: Basket open: sue contraddizioni guardando a chi vincerà questo campionato. Ospite gradito, in quella serata, Enrico Campana, già redattore di Super Basket e Capo redattore de La Gazzetta dello Sport. Il «Salotto del Basket» contribuì in maniera determinante, anche grazie ai contributi della stampa nazionale ad avvicinare ad Orvieto e a tutto il mondo cestistico orvietano il basket che conta, costituito da dirigenti capaci e disponibili, da giornalisti, da allenatori famosi. Nel 1989 a Foggia, al Trofeo Decio Scuri, la squadra femminile dell Umbria centrò il miglior risultato di sempre, cioè un ottavo posto tra le 16 rappresentative di tutte le Regioni italiane, che per la prima volta ci pose nel primo gruppo di merito. Ne fecero parte due nostre ragazze: Claudia Faccenda e Chiara Patacchini, insieme a Giovanna Granieri e Anna Ippoliti (oggi giocatrici in serie A1), Barbara Granturchelli (in A2 con Umbertide) e Alessia Merli (in B d eccellenza con il Madonna Alta di Perugia). Il criterio che guidò tale progetto fu quello di avere un importante vivaio per i campionati di appartenenza o giovani atlete da lanciare in continuità in tempi debiti in prima squadra o nei trofei nazionali. Orvieto aveva sempre prodotto giocatrici di pallacanestro di un buon valore tecnico. Si erano vedute atlete come Sandra Caporossi (a destra), Donatella Catteruccia, come Carla Ubaldi. Un clima che aveva contagiato anche le giovanissime locali, che dopo una faticosa partenza sembrarono essersi amalgamate alle più grandi ed aver capito l importanza di far parte della rosa della prima squadra. Su Claudia Faccenda, Chiara e Francesca Patacchini, Magda Berrocal, Silvia Barbagallo e Sara Proietti, la società contò molto e finalmente sembrò esserci una corrispondenza di intenti. Arrivò Patrizia Fusi e fece vedere un altro modo di interpretare il basket femminile. Come? Da basket maschile. E vennero ad Orvieto Chiara Sclano, Daniela Flores, Laura Giannetti, Bea De Santis (sotto a sinistra) e dulcis in fondo Rita Paltriccia, Antonella Severini, Anna Maria Ranucci. Gli anni 90: La svolta Fu l anno del VII centenario del Duomo ad ispirare il basket femminile orvietano. Per cinque anni Orvieto celebrò il compleanno del suo monumento più bello e più importante, quello che la rese famosa dovunque. Grande risalto a mezzo della stampa più qualificata fu data alla macchina del duomo creata da Portoghesi per indicare a tutti, come moderna stella cometa, il prodigio dell arte rappresentato proprio dalla nostra cattedrale. Da questo nacque un programma ambizioso, sicuramente importante da offrire agli sponsor cittadini ed umbri in genere: cavalcare questo momento di proiezione di Orvieto in Italia e nel mondo con un nostro sport cittadino da portare nei cinque anni dei festeggiamenti della cattedrale al vertice dello sport nazionale e contribuendo a diffondere in Italia l immagine dinamica e produttiva di questa nostra antica e suggestiva Umbria. Tale programma non era basato sui consueti proclami estivi di una competitività della prima 12

13 squadra, ma su un coinvolgimento di quanti volevano tentare con il basket femminile, uno sport i cui costi potevano essere ancora accessibili alla realtà orvietana, la scalata alle massime divisioni nazionali. Per qualche anno la società orvietana, che aveva dirigenti e sede in Orvieto si chiamò Porano, centro turistico a pochi chilometri da Orvieto. Per tanti che si avvicinavano alla società era un po stretto questo Porano, non molto conosciuto nel resto d Italia. A dire il vero il paesino dette un certo contributo con qualche atleta che avrebbe potuto farsi strada, ma solo quello. Bisognò risolvere quindi il pataracchio di una società orvietana che era costretta, suo malgrado, a giocare fuori dai confini, seppure in ambito territoriale. Nacque così il Pool Orvieto su iniziativa del Presidente Elio Forbicioni che riuscì a coinvolgere un gruppo di imprese operanti soprattutto nel comparto edile. La costituzione del Pool Orvieto e l adesione della leadership orvietana quasi al completo, furono garanzia di un programma che dette i suoi frutti. Questo aiuto consentì alla Società di restare al passo coi tempi e guardare con ottimismo al futuro. La sinergia degli sponsor permise di destreggiarsi al meglio in un settore sportivo sempre più orientato verso il professionismo. Fu sicuramente questa una prima rivoluzione del basket femminile, insieme alla sponsorizzazione della TECNOSANIMED di Solfagnano, specializzata in materiale sanitario e alla sponsorizzazione tecnica di EVISIA, una catena di negozi per l abbigliamento tra Orvieto e Terni. Quello che fu certo, che si vinse sempre di più, si fecero promozioni su promozioni, si vissero momenti sportivi straordinari ed il Pool Orvieto divenne il fenomeno del mondo cestistico femminile nazionale. Si cominciò a vincere. Si cominciò a parlare di play off e di spareggi. Una drammatica e bellissima gara due della finalissima dei play off per la serie B concluse la grande stagione 1990/1991. Quaranta minuti dai toni agonistici e tecnici elevatissimi non furono sufficienti per decretare una squadra vincente. Occorsero un tempo supplementare per portare il Palestrina in serie B. Eppure le cose non erano cominciate male; infatti il pomeriggio era iniziato con una sorta di conferenza stampa dove erano stati presentati i nuovi dirigenti del Pool Orvieto: Sergio Casasole, Franco Ceprini (diverrà presidente della società nella successiva stagione), Domenico Gregori, Massimo Mazzi, Gianfranco Palmieri e Gianfranco Picciaia (recentemente scomparso e che ricordiamo con grande nostalgia ed affetto). Nella cronaca di quel giorno, da annoverare ricordiamo la firma, da parte del Presidente Forbicioni, del contratto con il nuovo sponsor tecnico, la Società Viterbo Arredi. In un anno: passato, presente e futuro La squadra dopo una estenuante serie di gare dei play off, approdò in serie B nel Elio Forbicioni divenne presidente onorario per acclamazione. Lo scanno più alto della società fu di Franco Ceprini. Biondini Milena, De Santis Bea, Faccenda Claudia, Flores Daniela, Sclano Chiara, Polano Paola, Paltriccia Rita, Tredici Rossella, Severini Antonella, Forbicioni Teodora, Ubaldi Carla, magistralmente guidate da Donatella Catteruccia e Stefano Mogetti, furono le artefici principali di quella magnifica stagione sportiva. 13

14 Donatella Catteruccia, da esordiente in panchina arriverà fino alla Serie B. Avrà comunque la possibilità di tentare la serie A2, persa all ultimo spareggio. Lascerà il ricordo dello straordinario Pool Orvieto delle ormai leggendarie gare di Ostuni e di Capri, come pure il ricordo di un Palazzetto dello Sport pieno di gente, di striscioni, di coriandoli e stelle filanti. Stefano Mogetti, dopo una breve esperienza nel basket maschile, diventerà dirigente di un affermata azienda di materiale sportivo. Ci stavamo finalmente adeguando a tutte le società che si rispettano e con le quali il basket femminile orvietano aveva avuto contatti in questo preziosissimo anno. Accanto allo sponsor principale, l ormai ben noto Pool Orvieto, sorto soprattutto per fare giustizia del pataracchio almeno sulle maglie, cominciavano a circolare personaggi sempre più importanti. Aveva stabilito rapporti con l industria della ceramica di Civita Castellana. Nuovi esperimenti ottennero frutti copiosi. Per la prima volta a Orvieto si sentirono vocaboli come minibasket e camp (nel ricordo di tanti vi sono le meravigliose giornate trascorse con le più giovani a Camaldoli e Poppi) che introdussero i corsi per bambini, con la possibilità di divertirsi e di imparare a giocare a pallacanestro. Significativi segnali di ripresa si intuirono dal buon andamento del vivaio. A più riprese le formazioni giovanili accessero alle finali regionali di categoria. Nello stesso anno della promozione in serie B (1992) la squadra Cadette (foto sotto), allenata da Bobo Paleari, approdò alle finali interregionali di Veroli. Fu l anno della definitiva consacrazione e promozione in prima squadra di Elisabetta Breccolotto, Cristina Vigna, Anna Maria Lucarelli, Ilaria Mazzi, Silvia Pace, Chiara Caponeri, Stefania Senzaquattrini, Roberta Barbabella, Giulia Mencarelli, Elisa Grassini (a destra) e Chiara Paleari (oggi felicemente mamma e giocatrice in B d Eccellenza con la squadra Libertas Forlì). Gerry Scotti, uomo di spettacolo, tra la fine degli anni 80 e nei primi anni 90 quando venne eletto Presidente della Lega Basket Femminile si presentò al pubblico con questo slogan: «donna è bello, basket-donna è ancora più bello». E noi fummo talmente d accordo che presentammo il nostro torneo nazionale con la seguente didascalia: 14

15 Parteciparono squadre importanti, che disputarono la massima serie e con stelle di prima grandezza, come Andrea Lloyd e Chana Perry. Dopo diversi anni come allenatore della squadra maschile, approdò nel basket femminile Spartaco Ladi, uno dei giocatori più interessanti che il basket orvietano aveva avuto intorno alla metà degli anni 70. Fu l anno in cui la Società cambiò, ancora una volta, la propria denominazione sociale e ritornò a chiamarsi Basket Club Orvieto. Arrivarono due atlete, l una, Anna Rita Anellino (a sinistra), che vinse con la squadra di Priolo campionato italiano e coppa dei campioni; l altra, Raffaella Agozzino (a destra), che aveva indossato più volte la maglia azzurra della nazionale maggiore e che l anno precedente era in quintetto con Avellino in A1. Fu un anno di transizione, nel frattempo se ne andarono Postiglione e Fusi. Il coach chiese due lunghe. La società portò ad Orvieto Anna Maria Ranucci e Tiziana Fusco. 15

16 Nell anno 1993/94 Orvieto si è regalato un sogno: la promozione in serie A2! 16

17 Fu il trionfo del Presidente Ceprini e del nuovo allenatore Aldo Gierardini, con esperienza notevole in società di A1; fu l inizio di una lunga, proficua ed intelligente collaborazione con le aziende di Ceramica Sanitaria di Civita Castellana, come Azzurra Finparco, Art Ceram, Colavene, Colban e Deco; insieme, ovviamente, alla Cassa di Risparmio di Orvieto che contribuì a far ottenere al basket femminile orvietano grandi successi proprio con il nome dell istituto di credito sulle maglie delle atlete (foto a destra). Dopo 4 anni trascorsi tra paradiso e inferno (nella passata stagione la società retrocesse in serie B), il basket femminile si rifarà il trucco per affrontare, più agguerrito che mai lo start dell impegno targato 1998/99. L estate spinse alla riflessione, da cui scaturirono numerose novità. Le più eclatanti furono quelle relative alla nomina del nuovo presidente, nella persona del dott. Giampiero Giordano ed all attribuzione alla società di un nome nuovo di zecca: verrà denominata Cestistica Azzurra Orvieto. Di vitale importanza fu la notizia del ripescaggio in serie A2. Essere in questa competizione significava far parte di una vera e propria élite della pallacanestro italiana. L inaspettato quanto gradito ripescaggio costrinse i vertici dirigenziali a rivedere le proprie strategie in sede di campagna acquisti. Serviva una lunga ed ai rimbalzi arrivò Cristiana Folchitto (1,88); vi era bisogno di un play veloce ed esperto, ed ecco Emanuela Rosseti, di categoria superiore. Fu riconfermato il blocco storico, con le più giovani, sempre attentamente malleate dalla mano di Aldo Gierardini. Vi fu un gradito ritorno, quello di Antonella Severini (a destra), dopo due anni di esperienza siciliana, tornò a disposizione dell Azzurra. Unica assenza quella di Valeria Martino, passata alla Costa Catania sempre in A2. La prima parte del campionato non fu molto esaltante per i colori orvietani. Il primo brindisi per la Cestistica Azzurra Orvieto arrivò il 4 novembre 1998 con l affermazione sul basket Livorno. Alla ripresa dell attività dopo le feste natalizie, Aldo Gierardini, d accordo con la società, abbandonerà la squadra e andrà ad allenare la Pasta Ambra Bari che partecipava al campionato di A1. La società trovò nel frattempo il sostituto da far sedere in panchina, per guidare le ragazze nel campionato di serie A2. Venne Angelo Bondi e arrivò da Viterbo. Diresse già, insieme all aiuto coach Andrea Baleani (ultima esperienza nel basket maschile a Spoleto in C2), gli allenamenti della squadra orvietana che, il sabato successivo, doveva recarsi a Firenze per disputarsi una parte di salvezza. Conosceva bene tutto il mondo della pallacanestro femminile e anche l Azzurra Orvieto, che di lì a poco avrebbe dovuto tirarla fuori dalle brutte acque in cui navigava. Riprese a pieno regime, intanto, l attività degli altri campionati. La società partecipò al campionato di promozione e tra le artefici di quell anno ci furono: Aguzzi Valentina, Chioma Valeria, Scoscia Silvia (negli anni successivi la troveremo interprete, prima nei campionati giovanili e poi in prima squadra), Tiberi Serena, Breccolotto Elisabetta, Caponeri Benedetta, Cesaretti Dalila, Lucarelli Anna Maria, Bellini Fabiola, Bernini Giovanna, Faccenda Claudia, Fiore Monica e Patacchini Chiara. Ritrovammo anche le ragazze (nate ) che parteciparono al campionato Allieve e al Trofeo Ragazze: Batella Valentina, Benedetti Elisa, Desideri Vanessa, La Vecchia Cristina, Materni Samuela, Pasqualoni Natascia, Passeri Valeria, Prosperi Giada (negli anni a seguire parteciperà, con discreto successo, a diverse edizioni del concorso per Miss Umbria), Scoscia Silvia, Serranti Alessia, Tiberi Chiara e Serena, Spanetta Caterina, Servettini Laura, Pelucchi Cecilia e Arcangeletti Alessandra, allenate da Andrea Baleani e Valeria Gribaudo. Alcune di queste ragazze: Desideri Vanessa, La Vecchia Cristina e Passeri Valeria, (indicate nel tondo giallo a destra) fecero parte della selezione della Regione dell Umbria e parteciparono nel 2000 alla fase finale del Torneo delle Regioni di Pesaro. Intanto si affacciarono per la prima volta le ragazzine ( ) guidate dall Istruttrice Valeria Gribaudo. Il gruppo di queste ragazze partecipò nella successiva stagione sportiva al Torneo Propaganda ed al campionato Cadette. La prima squadra, nonostante gli sforzi profusi da parte del coach Bondi, dopo una estenuante fase dei play out, retrocesse in Serie B. 17

18 Il nuovo secolo Allo scoccare della fine del secondo millennio, considerato che il basket giovanile da qualche stagione sembrava avviato ad un tracollo ormai irreversibile, nonostante gli apprezzabili intendimenti alla ricerca costante e continua di rivitalizzare i vivai, la società decise di intraprendere alcune iniziative per cercare di risolvere questa profonda crisi. In tal senso fu avviata la stesura di programmi, progetti e strategie per riuscire a promuovere e propagandare nelle scuole del territorio orvietano il gioco della pallacanestro, al fine di incrementare il settore giovanile. Parallelamente ed in piena autonomia, nella consapevolezza che la società potesse contribuire al conseguimento di comuni obiettivi in materia di educazione sportiva e non solo, venne proposta ad alcune istituzioni presenti sul territorio dei Comuni di Bagnoregio, Lubriano, Castiglione in Teverina e Civitella d Agliano, una collaborazione per la propaganda e lo sviluppo della pallacanestro; ed inoltre, la conoscenza sia dal punto di vista turistico che culturale, di alcune delle più caratteristiche zone dell Alta Tuscia. Tali iniziative non ebbero alcun risultato positivo in termini di reclutamento, ma sicuramente avviarono una serie di incontri che fecero conoscere la qualità della società, le attività svolte e gli obiettivi raggiunti. La società, nonostante le difficoltà scaturite a seguito della retrocessione in serie B nella stagione 1999/2000, provvide ad assolvere gli obblighi previsti dai regolamenti federali disputando un campionato giovanile ed un Trofeo. La squadra Propaganda (foto a sinistra) fu affidata a Valeria Gribaudo e disputò la finale per il 1 e 2 posto, incontrando il Basket Club Perugia. Il risultato fu favorevole alle atlete perugine, forti della supremazia fisica e che aveva permesso loro di dominare la stagione regolare. La squadra Propaganda La squadra Cadette (foto sotto), dopo un interim di Valeria Gribaudo, venne affidata nella stagione sportiva 2001/2002 a Francesca De Fraia, da un anno giocatrice della prima squadra, poiché era in possesso di tessera di allievo allenatore, condizione essenziale per poter partecipare alle gare. La squadra Cadette Fu tempo di bilanci per l Azzurra Orvieto, società che da tempo teneva alto nell Italia del basket il nome della città del Duomo. Angelo Bondi lasciò, per motivi di lavoro, la panchina dell Azzurra. La squadra, che disputava il campionato nazionale di serie B, venne affidata al vice Andrea Baleani, giovane coach viterbese con all attivo già molte significative esperienze sia in campo maschile che femminile. La squadra di quella stagione aveva le carte in regola per puntare in alto e lottare per l unico posto a disposizione per risalire in A2. La dirigenza orvietana preferì puntare sul nucleo storico che già si era ben comportato nella precedente stagione confermando quasi tutte le giocatrici, aggiungendo qualche tassello ad un mosaico già in grado di fare un ottima figura. La leader indiscussa sia in campo che fuori era (ed è tutt ora) 18

19 Francesca De Fraia, play-guardia che arrivava da Santa Marinella. La De Fraia rappresentò il barometro della squadra. Quando girava lei, la squadra andava a mille. E viceversa. All esperienza di questa atleta si aggiunse l entusiasmo delle giovani promesse che arricchivano il quintetto orvietano quali: Cristina La Vecchia, Giada Prosperi, Valeria Passeri e Natascia Pasqualoni. Tra le ali della compagine di Baleani spiccava Stefania Paparazzo, (sorella della ben nota Elena Paparazzo della Pool Comense), romana, un ala piccola dotata di una tecnica e di una forma fisica che non avevano uguali a livello di serie B. Una leader silenziosa, ma non meno efficace, la Paparazzo era probabilmente la miglior giocatrice dell Azzurra nell avvio del campionato della stagione sportiva 2001/2002. Sempre come ala giocò Benedetta Caponeri, l altra poranese frutto del vivaio dell Azzurra, che faceva della grinta la sua arma migliore. Il reparto lunghe era composto da Elena Amalfitano, ex Viterbo, ad Orvieto dalla metà della scorsa stagione e Laura Luise, ex Xandita Roma. La squadra era completata dalle gemelle Volpi, Chiara e Silvia (a sinistra), rispettivamente play e guardia, dopo aver giocato a Viterbo nelle giovanili e in serie A2. Il reparto guardie era coperto da Silvia Scoscia (a destra), play-guardia, anch essa frutto del vivaio dell Azzurra, che nonostante la giovane età, si stava rivelando all altezza del campionato con prestazioni degne di una veterana. Esordio vittorioso delle giovani atlete orvietane, allenate da Francesca De Fraia, nel torneo svoltosi al Palazzetto dello Sport di Porano e che le vide misurarsi con le coetanee della Virtus Viterbo e della Leo Ovito Terni. La Cestistica Azzurra Orvieto, oltre al trofeo si aggiudicò anche la gara di tiro con Maria Giulia Pezzola. In doppia cifra, rispetto alle realizzazioni, anche Margherita Ceccantoni e Silvia Vermicelli (lato a sinistra). Migliore giocatrice Elisa Scozzarella, premiata anche come migliore realizzatrice. 19

20 Stagione sportiva 2003/2004 La squadra fu allenata per il secondo anno consecutivo da Andrea Baleani. Gli si chiese di far crescere il gruppo di giovani, provare a dare un impostazione nuova e soprattutto di ripetere la bella stagione appena trascorsa e che aveva riservato alla società la piacevole sorpresa del quarto posto in classifica, dopo aver disputato una interessante fase dei play off. Non rientrava nei programmi societari una promozione in A2, almeno per la stagione in corso, ma era ovvio che se tutto fosse andato per il verso giusto la dirigenza era pronta a cambiare i programmi. Certo era che CUS Roma, Santa Marinella, Stelle Marine Ostia ed Umbertide rappresentavano team di tutto rispetto ed assolutamente in grado di conquistare a pieno merito il primo posto di questo campionato. Il roster della passata stagione fu totalmente confermato; unico nuovo innesto in quella stagione era rappresentato da Giorgia Narcisi, che la vide impegnata anche nel settore giovanile con le allieve e nel minibasket. Per il secondo anno consecutivo, la squadra approdò ai play off, dopo aver concluso la stagione regolare al 5 posto. Stagione sportiva 2004/2005 Nuovo anno, nuova rivoluzione. E questa è stata proprio epocale. Tra le polemiche, Andrea Baleani, non fu confermato capo-allenatore. Si rinunciò anche a Amalfitano, a Caponeri (per motivi di studio), a Narcisi (ora a Sulmona, con la Manhattan) ed a Lucarelli (per cessazione dell attività). Al loro posto arrivarono Pilloni, Frillici, Zinno, Cavalaglio e Mancinelli, queste ultime due, una guardia e un play, giovani promesse provenienti da Perugia. Fu dato più spazio a Silvia Scoscia, giovane prodotto del vivaio che nella stagione precedente si era ben distinta. Il nuovo allenatore fu Daniele Precetti, dopo una stagione a Santa Marinella, alla prima vera esperienza sulla panchina di un club ambizioso. La stagione apparve difficile e non certo ricca di successi. Cambiò anche lo sponsor sulle maglie (Azzurra e Iemmeci restano ancora fedeli sostenitori), per la corrente stagione la società si avvalse come primo sponsor della società Ceprini Costruzioni Orvieto. La squadra al termine del campionato si classificò al 6 posto e disputò senza infamia e senza lode i play off. 20

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1 Posti disponibili A 245 CIACCI Angela pos.214 punt.70,20 CHEILAN Claria Marie pos.221 punt.70,00 MELLI CREMONINI Elisabetta pos.210 punt.70,50 MUCCHINO Valentina pos.212 punt.70,30 APPIGNANESI SIMONA pos.224

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Tipo Posto Cod. Tipo Posto Posto Cognome Nome Punteggio COMUNE AN 1 VICARI

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500 - CLASSIFICA 1989 CLASSIFICA 1990

GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500 - CLASSIFICA 1989 CLASSIFICA 1990 GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500-1 LEONARDI GIULIA 5 CERCHI SEREGNO 1990 2 SERQUEIRA LEINA AICS BIASSONO 1990 3 MANZONI SILVIA GSA BRUGHERIO 1989 4 TAINO ALBA POL. NOVATE 1990 5 SCIARRINO VALENTINA

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) BATTAGLIA FRANCESCO MATEMATICA Giovedì / 08.58 09.56 CECCHINI ANTONELLA INGLESE Riceve su appuntamento CEOTTO PIETRO TECN MECC ed APPLIC

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

ATLETI UMBRI IN MAGLIA AZZURRA NELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ASSOLUTE E GIOVANILI

ATLETI UMBRI IN MAGLIA AZZURRA NELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ASSOLUTE E GIOVANILI ATLETI UMBRI IN MAGLIA AZZURRA NELLE RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ASSOLUTE E GIOVANILI 1930 Nazionale Assoluta Maschile Rosati Fausto Assisi 28-07-12 1940 Nazionale Assoluta Maschile Pieracci Piero C.Castello

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Venerdì 27 febbraio 2015 (0) Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Lunedì 2 marzo a partire dalle 15,30 il ciclista Ivan Basso, oggi corridore per il team Tinko!- Saxo,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli