Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti della Banca Centrale Europea"

Transcript

1 Gli strumenti della Banca Centrale Europea

2 Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni di Rifinanziamento Principali Operazioni Temporanee - Operazioni di Rifinanziamento a più Lungo Termine Operazioni Temporanee - Operazioni di Fine-Tuning Operazioni Temporanee Operazioni Temporanee Operazioni di Swap in Valuta Operazioni di Swap in Valuta Raccolta di Depositi a Tempo Determinato Acquisti Definitivi Vendite Definitive Operazioni di Tipo Strutturale Operazioni Temporanee Emissione di Certificati di Debito Acquisti Definitivi Vendite Definitive Operazioni su Iniziativa delle Controparti Operazioni di Rifinanziamento Marginale Operazioni Temporanee - Depositi presso la Banca Centrale - Depositi

3 Operazioni di mercato aperto (1) Perseguono i seguenti obiettivi: controllare i tassi di interesse, determinare le condizioni di liquidità sul mercato e segnalare l orientamento della politica monetaria Quattro categorie: 1. Operazioni di rifinanziamento principali; 2. Operazioni di rifinanziamento a più lungo termine; 3. Operazioni di fine tuning; 4. Operazioni di tipo strutturale Le operazioni temporanee sono il principale strumento di mercato aperto e possono essere utilizzate in tutte e quattro le categorie di operazioni I certificati di debito possono essere utilizzati per operazioni di assorbimento di liquidità di carattere strutturale Strumenti ulteriori per operazioni di fine tuning: operazioni definitive, operazioni di swap in valuta, raccolta di depositi a tempo determinato

4 Operazioni di mercato aperto (2) Le operazioni di rifinanziamento principali hanno un ruolo centrale nel conseguimento degli obiettivi e forniscono la maggior parte del rifinanziamento necessario al settore finanziario Le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine servono a fornire alle controparti ulteriori finanziamenti a più lungo termine; non vengono utilizzate per inviare segnali al mercato Le operazioni di fine tuning servono a regolare la liquidità sul mercato e a controllare l evoluzione dei tassi di interesse; vengono utilizzate per ridurre gli effetti sui tassi di interesse causati da fluttuazioni impreviste della liquidità di mercato Le operazioni di tipo strutturale servono a modificare la posizione strutturale dell Eurosistema nei confronti del sistema finanziario

5 Operazioni temporanee Sono effettuate tramite l acquisto o la vendita di attività nella forma di contratti di vendita (acquisto) a pronti con patto di riacquisto (vendita) a termine Vengono utilizzate per le operazioni di rifinanziamento principale e per quelle a più lungo termine, ma anche per le operazioni di tipo strutturale e di fine tuning Giuridicamente, rappresentano contratti di vendita (acquisto) a pronti con patto di riacquisto (vendita) a termine La differenza tra il prezzo di acquisto e quello di riacquisto in un operazione di pronti contro termine corrisponde all interesse dovuto alla scadenza sull importo preso o dato in prestito

6 Operazioni temporanee: operazioni di rifinanziamento principali Sono operazioni di finanziamento Vengono effettuate regolarmente con frequenza settimanale Hanno scadenza due settimane Sono effettuate a livello decentrato dalle singole banche centrali nazionali Sono effettuate mediante aste standard

7 Operazioni temporanee: operazioni di rifinanziamento a più lungo termine Sono operazioni di finanziamento Vengono effettuate regolarmente con frequenza mensile Hanno normalmente scadenza tre mesi Sono effettuate a livello decentrato dalle banche centrali nazionali Sono effettuate mediante aste standard

8 Operazioni temporanee: operazioni di fine tuning Possono assumere la forma di operazioni di finanziamento o di assorbimento di liquidità Hanno frequenza non regolare Hanno scadenza non standardizzata Sono effettuate mediante aste veloci o procedure bilaterali Sono effettuate a livello decentrato dalle singole banche centrali nazionali Può essere limitato il numero di controparti ammesse

9 Operazioni temporanee: operazioni di tipo strutturale Sono operazioni di finanziamento Possono avere frequenza regolare o non regolare Hanno scadenza non standardizzata Sono effettuate mediante aste standard Sono effettuate a livello decentrato dalle singole banche centrali nazionali

10 Operazione temporanea di finanziamento mediante asta a tasso fisso La BCE immette liquidità tramite un operazione temporanea organizzata con asta a tasso fisso. Le offerte ricevute da tre controparti sono le seguenti: Controparte Offerta (milioni di Euro) Banca 1 30 Banca 2 40 Banca 3 70 Totale 140 La BCE decide di assegnare un totale di 105 milioni. La percentuale di riparto sarà: 105/( )=75%. L assegnazione alle controparti, al tasso fisso indicato, è la seguente: Controparte Offerta Aggiudicazione (milioni di Euro) (milioni di Euro) Banca ,5 Banca ,5 Banca ,5 Totale

11 Operazione temporanea di finanziamento mediante asta a tasso variabile (1) La BCE immette liquidità sul mercato mediante un operazione temporanea con procedura d asta a tasso variabile. Tre controparti presentano le seguenti offerte: Tasso Importi (Milioni di Euro) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale offerte Offerta aggregata 3, , , , , , , , , Totale La BCE decide di assegnare 94 milioni di Euro, con conseguente tasso marginale del 3,05. Le offerte superiori al 3,05 (per un totale di 80 milioni di Euro) sono accolte; al 3,05 la percentuale di riparto è la seguente: (94-80)/35=40%. Ad esempio per la Banca 1 al 3,05 l assegnazione sarà: 0,4*10=4. La sua assegnazione totale sarà: 5+5+4=14.

12 Operazione temporanea di finanziamento mediante asta a tasso variabile (2) Il risultato dell asta sarà il seguente: Importi (milioni di Euro) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale Totale offerte Totale assegnazioni Nel caso in cui l aggiudicazione avvenga in base una procedura d asta a tasso unico il tasso applicato agli importi assegnati sarà il 3,05 (tasso marginale). Nel caso in cui l aggiudicazione avvenga in base ad una proceduta d asta a tasso multiplo, viene applicato il tasso di riferimento per ogni importo assegnato. Ad esempio, la Banca 1 riceve 5 milioni al 3,07, 5 milioni al 3,06 e 4 milioni (perché c è riparto) al 3,05 (tasso marginale).

13 Operazione temporanea di finanziamento mediante asta a tasso variabile e tasso di esclusione (3) Tasso Quantità N operatori 5, , , , Tot Se la BCE decide di assegnare 200 milioni, in questo caso il tasso marginale (4,9) non coincide con quello di esclusione (4,75) Gli agenti che hanno richiesto al 4,75 verranno esclusi. Gli agenti che hanno richiesto al tasso marginale (4,9) saranno soggetti a riparto: 20/100 Ogni agente paga il tasso relativo alla propria domanda

14 Operazione temporanea di finanziamento mediante asta: sintesi delle procedure per incidere sui risultati Tipologia d asta: a tasso fisso o variabile Tipologia di aggiudicazione: a tasso fisso o variabile Variazione dell importo da assegnare Tasso di esclusione

15 Operazioni definitive Sono operazioni di acquisto o vendita a titolo definitivo di attività Vengono effettuate per finalità strutturali o di fine tuning Possono assumere la forma di operazioni di finanziamento (acquisto definitivo) o di assorbimento (vendita definitiva) di liquidità Hanno frequenza non standardizzata Sono effettuate con procedure bilaterali Sono effettuate a livello decentrato dalle singole banche centrali nazionali

16 Emissione di certificati di debito I certificati rappresentano un debito della BCE nei confronti del detentore Sono emessi per assorbire liquidità sul mercato Possono essere emessi con frequenza regolare e non regolare Hanno scadenza inferiore ai 12 mesi Vengono emessi mediante aste standard Le aste sono effettuate a livello decentrato dalle BCN

17 Emissione di certificati di debito mediante asta a tasso variabile La Bce assorbe liquidità attraverso l emissione di certificati di debito con asta a tasso variabile. Tre controparti presentano le seguenti offerte: Tasso Importi (Milioni di Euro) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale offerte Offerta aggregata , , , , , , , , Totale La BCE decide di assegnare un importo di 124,5 milioni di Euro, con conseguente tasso marginale del 3,05. Le offerte al di sotto del 3,05 (per un totale di 65 milioni di Euro) sono accolte per intero. Al 3,05 la percentuale di assegnazione è la seguente: (124,5-65)/70=85%. Ad esempio, al tasso 3,05 per la Banca 1 l assegnazione è di : 0,85*20=17. Il risultato sarà: Importi (milioni di Euro) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale Totale offerte Totale assegnazioni ,5 124,5

18 Operazioni di swap in valuta Sono transazioni contestuali a pronti e a termine di euro contro una valuta estera Sono utilizzate per finalità di fine tuning per determinare le condizioni di liquidità sul mercato e di controllare i tassi di interesse Possono assumere la forma di operazioni di finanziamento o di assorbimento di liquidità Hanno frequenza non regolare Hanno scadenza non standardizzata Sono effettuate mediante aste veloci o procedure bilaterali Sono effettuate a livello decentrato dalle BCN

19 Operazione di swap in valuta effettuata tramite asta a tasso variabile per assorbire liquidità (1) La BCE assorbe liquidità attraverso un operazione di swap in valuta sul tasso di cambio Euro/dollaro mediante asta a tasso variabile. Tre controparti presentano le seguenti offerte: Punti a termine Importi (Milioni di Euro) ( per ) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale offerte Offerta aggregata 6, , , , , , , , , Totale La BCE decide di assegnare 158 milioni: i punti a termine marginali sono 6,63. Le offerte superiori sono accolte per intero (per un totale di 65 milioni di Euro). Al 6,63 la percentuale di riparto è (158-65)/100=93%. I risultati sono i seguenti: Importi (milioni di Euro) Banca 1 Banca 2 Banca 3 Totale Totale offerte Totale assegnazioni 48,25 52,55 57,2 158

20 Operazione di swap in valuta effettuata tramite asta a tasso variabile per assorbire liquidità (2) La BCE stabilisce per l operazione un tasso di cambio a pronti di 1,13. Nel caso in cui l assegnazione avvenga in base a una procedura a tasso unico, alla data di inizio dell operazione l Eurosistema acquista di Euro e vende dollari. Alla data di scadenza l Eurosistema vende di Euro e acquista di dollari. Il tasso di cambio a termine sarà infatti 1,1300+0,000663= 1, Nel caso in cui l aggiudicazione avvenga secondo una procedura a tasso multiplo, gli importi scambiati saranno: Operazioni a pronti Operazioni a termine Tasso di Euro Dollari Tasso di Euro Dollari cambio acquistati venduti cambio venduti acquistati 1,1300 1, , , , , , , , , , , ,1300 1, ,1300 1, ,1300 1, Totale Totale

21 Raccolta di depositi a tempo determinato L Eurosistema può invitare le controparti ad aprire depositi remunerati a tempo determinato presso la banca centrale nazionale dello Stato membro in cui ha sede la controparte La raccolta di depositi a tempo è prevista solo per finalità di fine tuning I depositi sono raccolti per assorbire liquidità La frequenza di raccolta dei depositi non è regolare La scadenza dei depositi non è standardizzata La raccolta è effettuata mediante aste volci La raccolta di depositi è fatta in modo decentrato dalle BCN Il numero di controparti ammesse all accesso può essere limitato

22 Operazioni su iniziativa delle controparti Sono finalizzate ad immettere e ad assorbire liquidità overnight, a segnalare l orientamento generale della politica monetaria e a fornire un limite alle fluttuazioni dei tassi di interesse del mercato overnight Hanno forma di: 1. Operazioni di rifinanziamento marginale 2. Operazioni di deposito I tassi sulle rispettive operazioni rappresentano il limite massimo e minimo del corridoio dei tassi di interesse

23 Operazioni su iniziativa delle controparti: operazioni di rifinanziamento marginale Servono ad ottenere dalle BCN liquidità overnight a un tasso di interesse stabilito Lo strumento è finalizzato a soddisfare esigenze temporanee di liquidità delle controparti Il tasso sulle stesse rappresenta il limite massimo al tasso overnight Non vi sono limiti all ammontare di credito erogabile

24 Operazioni su iniziativa delle controparti: operazioni di deposito presso la banca centrale Rappresentano depositi overnight presso la banca centrale nazionale I depositi sono remunerati a un tasso di interesse prestabilito Il tasso sui depositi rappresenta il limite minimo al tasso overnight Non sono previsti limiti all ammontare che le controparti possono depositare presso le banche centrali nazionali

25 Corridoio tassi BCE 6 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 Tasso sui depositi P/T Tasso di rifinanziamento marginale EONIA 1 19/11/99 19/02/00 19/05/00 19/08/00 19/11/00 19/02/01 19/05/01 19/08/01 19/11/01 19/02/02 19/05/02 19/08/02 19/11/02 19/02/03

26 Riserva obbligatoria (1) Soggette a riserva tutte le istituzioni con sede negli Stati membri dell area Euro: Le filiali situate nell area euro di enti che non hanno insediamenti in quest ultima sono soggette; Le filiali situate al di fuori dell area euro di istituti insediati in quest ultima non sono soggette Esenzioni dal regime secondo i seguenti criteri: 1. L istituzione persegue finalità particolari 2. L istituzione non esercita attività bancaria in concorrenza con altri istituti 3. L istituzione ha tutti i suoi depositi destinati a progetti di sviluppo e assistenza regionale e/o internazionale

27 Riserva obbligatoria (2) Il regime di riserva persegue: 1. La stabilizzazione dei tassi di interesse di mercato 2. Creazione o aumento del fabbisogno strutturale di liquidità

28 Regime di riserva obbligatoria Coefficiente di riserva pari al 2% Ammontare remunerato al tasso delle operazioni di rifinanziamento principale Ammontare mobilizzabile L aggregato soggetto a riserva viene definito in rapporto alle voci di bilancio Il periodo di mantenimento ha durata un mese, con inizio il giorno 24 di ciascune mese e termine il 23 di quello successivo La riserva dovuta viene calcolata applicando all ammontare delle passività soggette le aliquote di riserva relative alle categorie di passività corrispondenti

29 Aggregato soggetto a riserva e aliquote di riserva Passività incluse nell aggregato soggetto a riserva alle quali si applica un aliquota di riserva positiva: Depositi a vista Depositi con scadenza predeterminata fino a 2 anni Depositi rimborsabili con preavviso fino a due anni Titoli di debito con scadenza originaria fino a 2 anni Strumenti di raccolta a breve termine Passività incluse nell aggregato soggetto a riserva alle quali si applica un aliquota di riserva pari a zero: Depositi con scadenza oltre 2 anni Depositi rimborsabili con preavviso oltre 2 anni Pronti contro termine Titoli di debito con scadenza superiore a 2 anni Passività escluse dall aggregato soggetto a riserva: Passività nei confronti delle altre istituzioni soggette al regime di riserva Passività nei confronti della BCE e delle BCN

30 Dove: Calcolo della remunerazione della riserva obbligatoria La riserva obbligatoria è remunerata in base alla seguente formula: R t? H t? n t? n? i? 1 n t? 360 MR i 100 H è la riserva obbligatoria detenuta nel periodo di mantenimento n è il numero di giorni di mantenimento i è l i-esimo giorno di mantenimento MR è il tasso di interesse marginale della più recente operazione di rifinanziamento rispetto all i-esimo giorno

31 SME 2 Possibilità di definire parità centrali tra l Euro e la valute out Margini di oscillazione massimi: 15% SEBC può intervenire a difesa delle parità purchè non comprometta il principio della stabilità dei prezzi Interventi al margine automatici e illimitati Possibili interventi inframarginali Utilizzabile il meccanismo di finanziamento a brevissimo termine Interventi con valute trasferite dalle BCN per un ammontare di 50 miliardi di Euro Sono possibili accordi più restrittivi su base volontaria Attuali accordi: corona danese con margine del 2,25%; in precedenza la dracma greca aveva un margine del 15%

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2011O0014 IT 03.01.2013 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 20 settembre

Dettagli

Capitolo II - Operazioni di mercato aperto

Capitolo II - Operazioni di mercato aperto Capitolo II - di mercato aperto II.1 Panoramica delle categorie e degli strumenti relativi alle operazioni di mercato aperto L'Eurosistema può condurre operazioni di mercato aperto per indirizzare i tassi

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008

L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008 IT L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008 BANCA CENTRALE EUROPEA CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI STRUMENTI E DELLE PROCEDURE DI POLITICA MONETARIA DELL EUROSISTEMA L ATTUAZIONE

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 7

Economia Monetaria - Slide 7 1 Economia Monetaria - Slide 7 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA L 36/22 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.2.2009 BANCA CENTRALE EUROPEA DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA dell 11 dicembre 2008 che modifica la decisione BCE/2006/17 sui conti annuali della

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 68/54 DECISIONE (UE) 2015/425 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 15 dicembre 2014 che modifica la decisione BCE/2010/21 sul bilancio della Banca centrale europea (BCE/2014/55) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca Titoli di Stato italiani indicizzati all inflazione TLTRO Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca 14 maggio 2015

Dettagli

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema trasformazione dell area in una struttura maggiormente orientata al mercato. L integrazione dei mercati monetari nazionali in un unico mercato dell area dell euro per la liquidità a breve termine è proceduta

Dettagli

Alessandro Scopelliti

Alessandro Scopelliti Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Politica Monetaria e Sistema Finanziario Perché la politica monetaria è rilevante per il sistema

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema. Guida per gli operatori

Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema. Guida per gli operatori Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema Guida per gli operatori marzo 2013 Strumenti di politica monetaria dell Eurosistema - Guida per gli operatori - marzo 2013 2 INDICE CAPITOLO I Ambito di

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE. Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC

LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE. Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC B ANCA C ENTRALE E UROPEA LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC Settembre 1998 . Banca Centrale Europea,

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Dott. Rundeddu Vincenzo LA RACCOLTA

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

1 i n t ro d u z i o n e

1 i n t ro d u z i o n e l e o p e r a z i o n i d i m e r c ato a p e rto d e l l e u ro s i s t e m a d u r a n t e l a r e c e n t e fa s e d i vo l at i l i tà s u i m e r c at i f i n a n z i a r i La recente fase di volatilità

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

IL BILANCIO DELLA BCE

IL BILANCIO DELLA BCE IL BILANCIO DELLA BCE INDICE STATO PATRIMONIALE pagina 3 CONTO ECONOMICO pagina 5 CRITERI DI RILEVAZIONE CONTABILE E DI REDAZIONE DEL BILANCIO pagina 6 NOTE ALLO STATO PATRIMONIALE pagina 14 NOTE AL CONTO

Dettagli

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI POLITICA ECONOMICA LEZIONE XI LA POLITICA ECONOMICA DELL'UNIONE EUROPEA PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 Introduzione ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003O0002 IT 7.02.2005 00.00 Trattandosi un semplice strumento documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA 6 febbraio 2003 relativo a taluni

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (Prima parte)

Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli effetti della

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 23.1.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 18/1 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) BANCA CENTRALE EUROPEA INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 10

Economia Monetaria - Slide 10 1 Economia Monetaria - Slide 10 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP. BOLLETTINO MENSILE Novembre 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO. Novembre 2000

BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP. BOLLETTINO MENSILE Novembre 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO. Novembre 2000 IT BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO MENSILE Novembre 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP BOLLETTINO M E N S I L E Novembre 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA B O L L E T T I N O M E N S I L E Novembre

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 250/10 REGOLAMENTO (CE) N. 1745/2003 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 12 settembre 2003 sull'applicazione di riserve obbligatorie minime (BCE/2003/9) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA,

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO CAPITOLO 1 IL SISTEMA FINANZIARIO Strumenti finanziari sono una particolare categoria di contratti che hanno per oggetto diritti e prestazioni di natura finanziaria. Gli strumenti finanziari sono quindi

Dettagli

Operazioni di Mercato Aperto dell Eurosistema

Operazioni di Mercato Aperto dell Eurosistema ALL. 3 Operazioni di Mercato Aperto dell Eurosistema Specifiche per gli Operatori Strumenti di politica monetaria dell Eurosistema - Guida per gli operatori novembre 2015 1 INDICE 1. Introduzione 1.1.

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA a cura di G.Vitali Appunti per il modulo di Economia dell Unione Europea,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 290/2009 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

REGOLAMENTO (CE) N. 290/2009 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA 8.4.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/75 REGOLAMENTO (CE) N. 290/2009 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 31 marzo 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 63/2002 (BCE/2001/18) relativo alle

Dettagli

(Atti non legislativi) ORIENTAMENTI. INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 aprile 2014 relativo alle statistiche monetarie e finanziarie

(Atti non legislativi) ORIENTAMENTI. INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 aprile 2014 relativo alle statistiche monetarie e finanziarie 26.11.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 340/1 II (Atti non legislativi) ORIENTAMENTI INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 aprile 2014 relativo alle statistiche monetarie e finanziarie

Dettagli

Facoltà di Economia Marco Biagi Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria

Facoltà di Economia Marco Biagi Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Le procedure operative delle Banche Centrali prima e dopo la la crisi finanziaria: un confronto tra Federal

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE aggiornate il 20/01/2009

CONDIZIONI DEFINITIVE aggiornate il 20/01/2009 Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

L'IMPORTANZA DEGLI OBIETTIVI DELLA BANCA CENTRALE

L'IMPORTANZA DEGLI OBIETTIVI DELLA BANCA CENTRALE L'IMPORTANZA DEGLI OBIETTIVI DELLA BANCA CENTRALE Abbiamo visto dallo studio del legame tra inflazione e disoccupazione che, se il sistema si sposta dall'equilibrio, l'inflazione non è più costante. Le

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA a cura di G.Vitali Appunti per corso di Politica Economica a.a. 2010-2011,

Dettagli

ELEMENTI ANALITICI ED ISTITUZIONALI NELLA TRATTAZIONE DELL'OFFERTA DI MONETA.

ELEMENTI ANALITICI ED ISTITUZIONALI NELLA TRATTAZIONE DELL'OFFERTA DI MONETA. ELEMENTI ANALITICI ED ISTITUZIONALI NELLA TRATTAZIONE DELL'OFFERTA DI MONETA. Carlo Panico Dipartimento di Economia Università di Napoli 'Federico II' Via Mezzocannone, 16 80138 NAPOLI 1. Perché studiare

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 Gennaio 2012 CERCASI LIQUIDITÁ DISPERATAMENTE Mentre prosegue l azione di allentamento delle condizioni monetarie internazionali, il mercato interbancario italiano soffre

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille 02/03/2009 02/03/2019 Tasso Variabile 2^ emiss. ISIN IT000446691.5 Le presenti Condizioni

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP. BOLLETTINO MENSILE Maggio 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO. Maggio 2000

BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP. BOLLETTINO MENSILE Maggio 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO. Maggio 2000 IT BANCA CENTRALE EUROPEA BOLLETTINO MENSILE Maggio 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP BOLLETTINO M E N S I L E Maggio 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA B O L L E T T I N O M E N S I L E Maggio

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

duemilasei AL PARLAMENTO E AL GOVERNO relazione EUROSISTEMA

duemilasei AL PARLAMENTO E AL GOVERNO relazione EUROSISTEMA duemilasei EUROSISTEMA relazione AL PARLAMENTO E AL GOVERNO I relazione AL PARLAMENTO E AL GOVERNO I 2006 Banca d Italia, 2006 Indirizzo Via Nazionale, 91 00184 Roma - Italia Telefono +39 0647921 Sito

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Allegato al Decreto Dirigenziale N. 126106 del 21 Dicembre 2007 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro - Direzione II GLI SPECIALISTI IN TITOLI DI STATO CRITERI DI VALUTAZIONE

Dettagli

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta UNIONE MONETARIA I paesi aderenti adottano un unica moneta Quali implicazioni per la politica economica? unica politica monetaria (obiettivi, organi, strumenti) la politica monetaria assume come riferimento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI Banca Popolare Commercio e Industria 12.06.09-12.06.11 tasso fisso 2,30% Welcome Edition ISIN IT0004493158 di seguito le Obbligazioni o i Titoli

Dettagli

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it)

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 8 A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

I TITOLI DI STATO. Modalità di collocamento

I TITOLI DI STATO. Modalità di collocamento I TITOLI DI STATO I Titoli di Stato sono strumenti di debito utilizzati dallo Stato Italiano per finanziare le proprie esigenze finanziarie. Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha previsto di effettuare

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI

I MERCATI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI 1 SCOPRIREMO cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse 2 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE Due attività: Moneta non frutta interessi serve per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207 BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

MONETA 1. CHE COS È MONETA?

MONETA 1. CHE COS È MONETA? MONETA DI CLAUDIO GNESUTTA 1 L attuale situazione di crisi nella quale la lunga recessione provoca pesanti perdite di produzione e di occupazione, si rinvigorisce la richiesta alle autorità monetarie (alla

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120 CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

BANCA POPOLARE DI RAVENNA

BANCA POPOLARE DI RAVENNA BANCA POPOLARE DI RAVENNA Società per Azioni Ravenna, Via A.Guerrini 14 ------- Iscritta nell Albo delle Banche al n.1161 Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Attività di direzione e coordinamento:

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli