165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap"

Transcript

1 165. Considerazioni sulla valuazione di un ineres rae swap Gabriella D Agosino, Anonio Guglielmi Absrac The aim of his paper is o pren an inroducory disraion on pricing of a ineres rae swap in he local Ialian Public Adminisraions. In he firs par of paper We will begin by defining he ineres rae swap and oulining he main feaures. Then We pren he principal mehod of pricing. Finally We pren a shor ca sudy. 1. Inroduzione Sino al 2001 l offera finanziaria per le amminisrazioni locali si è limiaa ad una scela ra muui della Cassa Deposii e Presii a asso fisso e muui presso Isiui di Credio ordinario con assi massimi fissai da decrei miniriali. Con la Legge finanziaria del 2002 il legislaore ha dao agli Eni locali sia la possibilià di emeere ioli obbligazionari, sia la possibilià di sooscrivere conrai di finanza derivaa. Da quel momeno mole amminisrazioni pubbliche hanno deciso di sooscrivere conrai derivai, ovvero conrai il cui valore è legao all andameno di beni o indici finanziari soosani, per rimodulare la sruura delle proprie passivià finanziarie. Raramene, infai, quesi conrai riguardano l as delle amminisrazioni, ma quasi esclusivamene aengono ad un liabiliy managemen. Sul mercao si possono individuare moleplici faispecie conrauali riguardani srumeni finanziari di quesa naura, infai possono avere caraerisiche e scadenze sandardizzae ed esre conraai su mercai isiuzionali regolamenai (come i conrai fuure), o avere naura flessibile per profilo, flussi e scadenze, ed esre scambiai su mercai Over he couner (OC) da banche, isiui di inermediazione finanziaria e gesori di fondi comuni d invesimeno. Lo srumeno derivao più diffuso ra gli Eni locali è lo swap sui assi di ineres o ineres rae swap (IRS), che daa la sua flessibilià è considerao uno srumeno idoneo ad una gesione dinamica della sruura complessiva dell indebiameno dell Ene. 2. Ineres Rae Swap È opporuno definire qual è lo schema conrauale e quali sono le caraerisiche di un ineres rae swap. Riferendosi alla forma più mplice di IRS, quella definia plain vanilla, possiamo definire un conrao di IRS leeralmene un scambio di posizioni debiorie, una a asso fiso ed una a asso variabile. Poso che il soggeo A abbia già in esre un finanziameno a asso fisso (o variabile)con un inermediario finanziario, può accordarsi con un soggeo B riguardo al pagameno degli ineressi riferii allo sso capiale (il c.d. capiale nozionale) per la via residua del finanziameno, o per un alro definio lasso di empo, scambiando il proprio asso fisso (variabile) con un asso variabile (fisso) che il soggeo B si impegna a versare conesualmene. In realà non avviene mai lo scambio delle inere cedole, ma solano dei differenziali ra cedole a asso fisso e cedole a asso variabile. Su ogni scadenza. Il capiale nozionale non è mai coinvolo nello scambio, ma è solano la ba di calcolo delle cedole. Benché fruo di un lavoro comune ai due auori, la sura dei paragrafi 2 e 3 è da aribuire a Gabriella D Agosino, la sura dei paragrafi 4 e 5 ad Anonio Guglielmi, inroduzione e conclusioni ad enrambi gli auori. Gabriella D Agosino, Doore di Ricerca - Universià del Saleno, Diparimeno di Scienze Economiche e Maemaico Saisiche, Via per Moneroni Lecce (LE), Anonio Guglielmi, Phd, ITC G. Calò ITT de di Oria, Via E. Di Alicarnasso Oria (BR), 47

2 Un conrao di IRS, dunque, permee di rasformare agevolmene conrai di finanziameno da asso fisso a variabile e viceversa. È uno srumeno finanziario esremamene flessibile, infai, la liberà conrauale che lo caraerizza conne di personalizzare la periodicià di ogni singola gamba, prevedere un piano di ammorameno del nozionale, pagare o riscuoere premi (Up-fron) e commissioni, gesire l esinzione anicipaa oale o parziale; nonché uilizzare anziché un solo asso (soliamene l Euribor) una combinazione di assi in percenuali diver con clausole barriera o minimo garanio. Gli elemeni conrauali che inervengono nello schema di un IRS sono: il capiale nozionale, ossia il capiale eorico di ba per il calcolo dei flussi di ineres (C fisso, D variabile); la daa di negoziazione, ovvero la daa in cui si sipula il conrao di IRS; la daa iniziale, ossia la daa di decorrenza del conrao; la daa finale, ossia la daa in cui il conrao ha ermine; le dae inermedie di pagameno, ovvero le dae in cui vengono pagae le cedole calcolae a asso fisso e a asso variabile. Occorre definire, inolre, la pare conrauale che si impegna a corrispondere cedole a asso fisso (il debiore asso fisso) e quella che verrà gli ineressi a asso variabile (il debiore asso variabile), nonché la gamba fissa del conrao, ovvero il flusso di cedole calcolae a asso fisso e la gamba variabile, ovvero quella cosiuia dal flusso cedolare calcolao a asso variabile. Il conrao deve indicare, inolre, il asso fisso di riferimeno e l evenuale spread del asso fisso, da sommare allo sso, ed il asso paramero variabile, ovvero il paramero di indicizzazione rilevao alle scadenze di riferimeno, soliamene l Euribor 6M, il asso soglia, che rapprena la barriera del asso paramero variabile il cui raggiungimeno, alla daa del fixing, deerminerà la modifica delle condizioni di calcolo del asso variabile e lo spread da sommare al asso variabile ed anche le dae in cui ques ulimo deve esre rilevao. Le cedole sono rilevae in ragione del faore moliplicaivo, ac/, dove ac = giorni effeivi di calendario, menre è il numero di giorni che convenzionalmene compongono l anno. Poiché la posizione del soggeo A deve esre in equilibrio finanziario con quella del soggeo B alla sipula, il conrao di IRS può prevedere la corresponsione di un Up-fron ( U F ), ossia una somma corrisposa alla daa di negoziazione o di inizio del conrao affinché la differenza aualizzaa ra la gamba fissa e la gamba variabile sia nulla. Un Ene locale che sooscrive un conrao di finanziameno a asso fisso conosce, al momeno della sipula, l ammonare esao delle cedole che dovrà pagare sino alla scadenza del conrao, ma ciò espone al conempo l Ene locale al rischio di dover pagare un asso superiore rispeo al asso vigene sul mercao in caso di una discesa dei assi. Per conro, un Ene locale che sooscrive un conrao di finanziameno a asso variabile in ogni scadenza pagherà cedole che sono calcolae in ba ad un asso di riferimeno, che gue le oscillazioni del mercao. Nel caso di una diminuzione del asso, l Ene locale avrà un risparmio, ma simmericamene un aumeno dei assi genererà delle perdie rispeo ad un conrao a asso fisso. Perano, si prevede una crescia dei assi è opporuno passare dal asso variabile a quello fisso, menre si prevede una discesa dei assi è opporuno passare da un asso fisso ad un asso variabile. È di fondamenale imporanza fare previsioni corree sul fuuro andameno del mercao sia al momeno della sipula del conrao, per decidere opare per il asso fisso o quello variabile, sia successivamene, per moniorare l andameno del mercao ed evenualmene cogliere l opporunià di conenere il coso del denaro modificando le condizioni conrauali per passare dal asso fisso a quello variabile, o viceversa, coerenemene con le proprie aspeaive. 48

3 3. Il calcolo dei flussi ed il valore di mercao di un IRS L'ineres rae swap è cosiuio da due rie di flussi di cassa di gno opposo. Per calcolare il valore auale del conrao è necessario individuare con esaezza ali flussi ed aualizzarli. Dalla differenza ra i due sarà possibile deerminare il valore correne dello swap. Uno dei due flussi è deo gamba fissa ed è cosiuio da versameni periodici calcolaai ad un asso fisso; menre l alro flusso è deo gamba variabile poiché deerminao da versameni periodici calcolai ad un asso variabile di riferimeno. La cedola della gamba fissa in ogni periodo è il prodoo ra il capiale nozionale, il asso fisso (a cui è sommao lo spread, previso) per il day coun (soliamene 30/). Quando l IRS è di ipo amorizing le cedole vengono calcolae in riferimeno al debio residuo del periodo. Quindi la gamba fissa di un IRS con nozionale cosane è daa da I C i day coun con C capiale nozionale, i asso fisso periodale su ba annua e scadenze disribuie su uno scadenzario equidisanziao. Alla daa, con n, ossia inermedia ra la daa di sipula e la daa di scadenza del conrao il valore auale della gamba fissa è: 49 V I v(, ) GF con v (, ) faore di scono valuao in. Se si considerano, invece, cedole a asso fisso riferie ad un muuo soosane con capiale decrescene, ossia di ipo amorizing, con scadenze equidisanziae: saranno calcolae sulla ba di: I D i day coun con D debio residuo al periodo precedene sulla ba del quale deve esre calcolaa la cedola correne. Il valore di mercao alla daa di ale flusso sarà espresso da: V I v(, ) GF Per il calcolo della gamba variabile ( V GV ), invece, occorre uilizzare assi variabili, non noi alla sipula, né alla daa di valuazione, agganciai agli indici di riferimeno. Quesi vengono ricavai, dalla sruura per scadenza quoaa dal mercao alla daa di valuazione. Si assume, cioè, che i assi fuuri del mercao, che deermineranno le fuure quoe di ineres, siano uguali ai assi a ermine implicii nella sruura a proni osrvaa sul mercao alla daa. Ciò non vuol dire che si ha un ipoesi di evoluzione deerminisica (ovvero in condizioni di cerezza) della sruura dei assi di ineres basaa sull uguaglianza ra i assi a proni fuuri e i corrispondeni assi a ermine, ma piuoso che alla daa di valuazione il mercao, che incorpora le aspeaive degli operaori, valua i fuuri assi uguali ai assi a ermine implicii nella sruura a proni osrvaa alla daa. Per calcolare il flusso degli ineressi variabili ( J ) nel caso di un conrao swap plain vanilla indicizzao con spread avremo: 30 30

4 J C [ 1) s] con r ( 1) asso su ba annua rilevao in 1 e relaivo al periodo [ 1, ] e s spread riferio all anno. Se si effeua la valuazione alla daa avremo: J C [ i(, 1, ) s] con i,, ) asso forward valuao in riferio al periodo, ] su ba annua. Occorre ( 1 Ac Ac [ 1 soolineare che 1 allora i ( 1, ) 1), ossia il asso a proni i( 1, ) coincide con il asso di mercao r ( 1). Nel caso di un iolo amorizing avremo: J D [ i(, 1, ) s] Per valuare, ad una generica daa, un conrao IRS occorre perano deerminare sulla ba della curva dei assi spo e sulla curva dei rendimeni fuuri i assi implicii. Una vola deerminai i assi forward sarà possibile calcolare i flussi variabili fuuri. La somma del differenziale ra flusso cero e flusso incero, così deerminao, aualizzao per ue le scadenze deermina il valore del conrao alla daa in cui si è deerminaa la curva dei assi implicii. Tale valore al momeno della definizione del conrao dovrebbe esre nullo. Valori diversi dallo zero deerminano la definizione di un Up-fron per riporare il conrao in equilibrio. Il conrao di un IRS amorizing index lined mesrale in, [ sarà così deerminao: ] n Ac W IRS D i 180 i(,, ) Ac v(, ) 1 4. Alcune opzioni preni nei conai IRS Spesso i sooscriori di un conrao di IRS meono in ao sraegie proeive per immunizzarsi dal rischio di un ribasso roppo consine dei assi o di un rialzo roppo oneroso di ques ulimo. A queso scopo si combinano il conrao di IRS con opzioni di ipo floor o di ipo cap. L opzione cap è una opzione che fissa un eo massimo all oscillazione del asso variabile verso l alo, infai per assi al di sopra della soglia sabilia si aiva l opzione e quindi ci si proegge dall aumeno dei assi. L opzione floor, invece, è un opzione che fissa invece una ba all oscillazione del asso variabile che proegge dal ribasso dei assi. La composizione ra l acquiso di un opzione cap e la vendia di un opzione floor genera un conrao collar, grazie a ques ulimo si fissa un range enro cui porà oscillare il asso variabile. 50

5 In un conrao collar il asso è definio dalle relazioni: ossia: Cioè: j( 1, s1 s ) 1) s s2 s s ) s 1 1 ) s ) s s ; ) max 0; j( s 1, ) s max 1 1 1) 0;[ ) s ] max 0;[ ) ] j( 1, ) s s1 max s2 Uilizzando quesa sinassi si può così definire la cedola di un IRS con collar come: J D s s max 0; ) s max 0; s ) Nel caso di debio decrescene, ovviamene nel caso di nozionale fisso Ponendoci in, e uilizzando la curva dei assi forward avremo: J D D C. Ac s s1 max 0; i (, 1, ) s1 max 0; i (, 1, ) s2 5. Un caso di sudio Si supponga di analizzare uno specifico conrao che prena le caraerisiche conrauali riporae nella abella guene. Si raa di un conrao di IRS con collar che prena le s caraerisiche conrauali sooscrie da alcune Amminisrazioni locali del Saleno, si è comunque preferio modificare alcune caraerisiche conrauali per rispeare la rirvaezza dell Ene. Capiale nozionale Euro ,00 (in ammorameno a quoe cosani) Daa di negoziazione 29/06/07 Daa iniziale 31/12/06 Scadenza conrao 31/12/16 Scadenza periodica del conrao Semesrale Tasso paramero A Al 31/12/07 il 3,4500% (compreso spread) Al 30/06/08 il 3,4500% (compreso spread) Al 31/12/08 il 3,4500% (compreso spread) Al 30/06/09 il 3,4500% (compreso spread) Dal 01/07/09 - il 3,50% + spread Euribor a 6 mesi è minore o uguale al 3,50%; - Euribor al 6 mesi + spread Euribor a 6 mesi è compreso ra il 3,50% e il 5,80%; - il 5,80% + spread Euribor a 6 mesi è superiore o uguale al 5,80%. Ba asso paramero A Giorni effeivi/ Spread asso paramero A 0,36% Debiore asso paramero A Ene Locale Ba asso paramero B 30/ Rilevazione asso paramero B Ulimo giorno lavoraivo del periodo precedene. Debiore asso paramero B Banca Tasso paramero B 4,4% Up-fron ,06 (a favore dell Ene locale) 5.1 Descrizione dell operazione finanziaria La sruura del conrao con scadenza al 31 dicembre 2016 ed un imporo nozionale di riferimeno di Euro ,00 (soggeo ad un piano di ammorameno con quoa capiale cosane), prevedeva che 51

6 l Ene locale versi rae mesrali (30/06 e 31/12 di ogni anno) da calcolare, a parire dal 01/07/2009 in ragione di un asso di ineres paramerao all Euribor 6M maggiorao di uno spread di 36 puni ba, purché lo sso paramero non sia inferiore al 3,50% o superiore al 5,80%. Il superameno del asso cap (5,80%) compora il pagameno di ineressi calcolai al asso del 6,16% ( asso cap + spread), menre un asso inferiore del asso floor (3,50%) comporaa il pagameno di ineressi calcolai al asso del 3,86% (asso floor + spread). Dal momeno della sipula e sino al 30 giugno 2009 si prevede che l Ene locale versi cedole ad un asso fisso del 3,45%. Il asso debiorio j, ) per l Ene locale, perano, è definio dalle relazioni: ( 1 j ( 1, 3,5% 0,36% ) 1) 0,36% 5,8% 0,36% 3,5% 1 1 ) 3,5% 1 ) 5,8% ) 5,8% Per converso la conropare, la Banca, si impegna a versare rae calcolae sul capiale nozionale in amorizing in ragione di un asso cosane fissao al 4,4%. L opzione collar ha la finalià di conenere il rischio di rialzo dei assi d ineres, infai, permee di limiare il asso massimo, rinunciando al conempo a beneficiare di un evenuale ribasso dei assi d ineres, poiché si è sooscria una soglia minima (floor). La figura guene ripora: I assi in, ossia i assi che la Banca si impegna a pagare, che sono pari a quelli che l Ene locale avrebbe dovuo pagare per ua la duraa del conrao sui debii soosani allo swap; Il asso floor comprensivo dello spread, che è il asso minimo che l Ene si è impegnao a versare anche in caso di ribasso consine dei assi; Il asso cap comprensivo dello spread, ossia il asso il asso massimo che si porà richiedere all Ene di versare anche per picchi più consine dei assi. 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% 0,0% 30/06/ /06/ /07/ /07/ /07/ /07/ /07/ /07/ /07/ /07/2016 Tassi In Tasso Cap Tasso foor L area compresa ra i assi in ed il asso floor complessivo dello spread è l area di guadagno per il Comune, infai l Euribor a 6M si aesa in quesa zona il conrao genera dei differenziali posiivi, menre l area compresa ra il asso cap comprensivo dello spread ed i assi in è l area di guadagno per la Banca. Nel complesso l operazione prena, come si evince dalla rapprenazione grafica, un limiao vanaggio per l Ene locale, che beneficia di un conenuo risparmio in ermini di ineres per valori del paramero di riferimeno inferiori al 3,5% (54 puni ba), ma di un consine peggiorameno in caso di un aumeno dei assi (176 puni ba). 52

7 Il conrao prevede a favore dell Ene locale un Up-fron di Euro ,50. Se il conrao aves previso uno spread del 0, % il valore della gamba fissa e della banca variabile sarebbero sai uguali e perano l Up-fron sarebbe sao nullo. Il conrao prevede che il asso a debio per l Ene locale per i primi due anni, ovvero le prime quaro scadenze sia pari al 3,45%. Quesa condizione ipica di moli conrai di ineres rae swap ha il solo scopo di garanire enrae cere nei due anni successivi alla sipula del conrao e procrasinare l aleaorieà dello sso. Infai nei due anni successivi alla sipula l Ene locale paga un asso del 3,45% ed incassa un asso del 4,4%. Nella abella 2 in allegao sono sai riporai ui i calcolo necessari alla valuazione del conrao alla daa della sipula. La sruura per scadenza dei assi forward è saa calcolaa guendo la procedura indicaa nel paragrafo n Valuazione dell operazione finanziaria al 15/09/2011 Pare opporuna una premessa meodologica che conne di disinguere due prospeive di analisi. La prima aiene infai ad una valuazione sorica della successione di flussi finanziari che si sono verificai per effeo del conrao poso in esre (Up-fron e flussi periodici), menre la conda aiene ad una valuazione prospeica dei flussi finanziari aesi raducibili nel valore del mar o mare, ovvero del conrovalore (posiivo o negaivo) del conrao alla daa di valuazione dello sso. La disinzione ra flussi di cassa realizzai e flussi di cassa prospeici (implicii nella quoazione del mar o mare), è deerminane per valuare coerenemene l operazione finanziaria. Non è possibile infai considerare conveniene un conrao mplicemene perché lo sso ha generao in passao dei flussi di cassa posiivi, dal momeno che un giudizio più compleo dove considerare anche il valore dei flussi finanziari che si avranno (o meglio si porebbero avere) in fuuro. Una valuazione della convenienza del conrao deve perciò scaurire dallo scenario passao e quello fuuro giudicao aendibile. Fae que brevi premes il conrao derivao sipulao ha generao solo flussi posiivi per l Ene locale, per un oale di Euro ,16, olre l Up-fron. Nella abella n. 1 sono riporai i calcoli dei flussi finanziari generai dal conrao. Tabella 1 Calcolo dei flussi finanziari generai dal conrao di IRS con collar sino al 31/12/2011 Scadenza Capiale Euribor Tasso applicao Ac/ Banca Ene Locale Differenza cedolare 30/06/ /12/ ## ## 3,450% 0, , , ,00 30/06/ ## ## 3,450% 0, , , ,50 31/12/ ## ## 3,450% 0, , , ,00 30/06/ ,322% 3,450% 0, , , ,00 31/12/ ,994% 3,860% 0, , , ,96 30/06/ ,041% 3,860% 0, , , ,45 31/12/ ,227% 3,860% 0, , , ,34 30/06/ ,788% 3,860% 0, , , ,19 31/12/ ## ## 3,860% 0, , ,28 795,72 Toale ,16 53

8 Tabella 2: Calcolo dei flussi cedolari simai e del MTM del conrao alla daa della sipula Daa di valuazione Floar 3,500% Tasso Banca 4,400% Daa Pagameno cedola 29/06/07 Spread 0,% Banca 30/ 0,5 Capiale da rimborsare Faore di scono Cap 5,800% Tasso a ermine su ba annua Tasso applicao Ac/ Banca EL Differenza ra le Cedole Diff. ra Cedole aualizzae 30/06/ ,00 1, /12/ ,00 0, ,423% 3,450% 0, , , , ,58 30/06/ ,00 0, ,595% 3,450% 0, , , , ,53 31/12/ ,00 0, ,652% 3,450% 0, , , , ,62 30/06/ ,00 0, ,710% 3,450% 0, , , , ,52 31/12/ ,00 0, ,725% 5,085% 0, , , , ,99 30/06/ ,00 0, ,741% 5,101% 0, , , , ,11 31/12/ ,00 0, ,749% 5,109% 0, , , , ,68 30/06/ ,00 0, ,757% 5,117% 0, , , , ,80 31/12/ ,00 0, ,765% 5,125% 0, , , , ,09 30/06/ ,00 0, ,773% 5,133% 0, , , , ,22 31/12/ ,00 0, ,782% 5,142% 0, , , , ,97 30/06/ ,00 0, ,790% 5,150% 0, , , , ,18 31/12/ ,00 0, ,799% 5,159% 0, , , , ,10 30/06/ ,00 0, ,807% 5,167% 0, , , , ,49 31/12/ ,00 0, ,818% 5,178% 0, , , , ,42 30/06/ ,00 0, ,828% 5,188% 0, , , , ,08 31/12/ ,00 0, ,838% 5,198% 0, , , , ,54 30/06/ ,00 0, ,849% 5,209% 0, , , , ,22 31/12/ ,00 0, ,860% 5,220% 0, , , ,90-894,43 TOTALE ,06 54

9 Tabella 3: Calcolo dei flussi cedolari simai e del MTM del conrao alla daa del 15/09/2011 Daa di valuazione Floar 3,500% Tasso Banca 4,400% 15/09/11 Spread 0,% Banca 30/ 0,5 Cap 5,800% Daa Pagameno cedola Capiale da rimborsare Faore di scono Tasso a ermine su ba annua Tasso applicao Ac/ Banca EL Differenza ra le Cedole Diff. ra Cedole aualizzae 30/06/ ,00 15/09/2011 1, /12/ ,00 0, ,770% 3,860% 0, , , , ,77 30/06/ ,00 0, ,107% 3,860% 0, , , , ,33 31/12/ ,00 0, ,535% 3,860% 0, , , , ,66 30/06/ ,00 0, ,717% 3,860% 0, , , , ,42 31/12/ ,00 0, ,967% 3,860% 0, , , , ,32 30/06/ ,00 0, ,231% 3,860% 0, , , , ,39 31/12/ ,00 0, ,512% 3,860% 0, , , , ,59 30/06/ ,00 0, ,713% 3,860% 0, , , , ,71 31/12/ ,00 0, ,915% 3,860% 0, , , , ,63 30/06/ ,00 0, ,021% 3,860% 0, , , , ,36 31/12/ ,00 0, ,131% 3,860% 0, , , , ,37 TOTALE ,54 L effeo finanziario favorevole prodoo sui bilanci dell Ene Locale deve esre ovviamene valuao alla luce del valore economico degli impegni assuni dal Comune sso nei confroni della Banca. Il drasico cambiameno dello scenario macroeconomico inervenuo nel corso del 2008 e le fori ensioni sui assi d ineres (vedi grafico guene) regisrae nel corso degli ulimi anni, da un lao, sino al 30/06/2009 non hanno prodoo per l Ene locale nessun effeo finanziario immediao a causa del asso bloccao al 3,95%, dall alro hanno modificao gli elemeni che porano alla quanificazione del mar o mare. Infai il conrao alla daa di sipula (30/06/2007) aveva un valore di Euro ,06 (l Up-fron) a favore della Banca, alla daa del 15/09/2011 la quoazione è decisamene miglioraa e risula pari a Euro ,54 a favore dell Ene locale (vedi abella n. 3). Nel grafico guene è rapprenao l andameno dell Euribor a 6 mesi, dal quale si evince che il conrao ha beneficiao del asso bloccao ra al 3,95 nel periodo in cui l Euribor è sao superiore al asso Banca, menre successivamene al 30/06/2009 l Euribor è mpre sao inferiore al asso Banca. Perano sino alla fine dell anno 2011 il conrao ha generao flussi posiivi per l Ene locale. Ma in una valuazione coerene che prenda in considerazione ue le variabili macroeconomiche, esogene al sima Banca - Ene locale, non si può prescindere dal considerare gli eveni degli ulimi 55

10 mesi che lasciano inravedere, soprauo alla luce del declassameno di S&P del raing dei ioli di Sao Ialiano e del rischio di defaul della Grecia, scenari di insabilià finanziaria e di crisi monearia non solo dei Paesi direamene coinvoli, ma di ua l Eurozona. Nel grafico guene sono rapprenai i valori dell Euribor a 1M; 3M, 6M e 12M, dai quali si evince un rend crescene. 2,50% 2,00% 1,50% 1 mes e 1,00% 3 mes i 0,50% 0,00% 6 mes i 12 mes i 03/01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/2011 La quanificazione del mar o mare non discende ovviamene dalla conoscenza cera del livello dei assi d ineres fuuri che andranno a definire i flussi finanziari sino al ermine del conrao, ma dal ricorso alla sruura a ermine dei assi d ineres (curva forward implicia) che conne di approssimare quali siano le aspeaive di asso incorporae nell auale configurazione dei assi d ineres sulle diver scadenze. Il valore dei flussi fuuri e il conguene valore di esinzione anicipaa del conrao sono riferibili esclusivamene alla siuazione rilevaa alla daa del 15/09/2011 e quindi susceibile di variazioni giornaliere anche considerevoli derivani dalle oscillazioni dei assi di mercao di riferimeno e dalla volailià dei mercai ssi. Diver condizioni di mercao porebbero generare perano valuazioni e considerazioni difformi rispeo alle conclusioni in esre. Occorre inolre considerare che il mar o mare è una grandezza che dipende dal modello uilizzao per la sua valuazione e dalla scela dei parameri e dalle sime effeuae sull andameno fuuro del mercao, cioè dalle informazioni di cui si dispone al momeno della valuazione. Vale la pena ricordare che L Ene locale non beneficia di un uleriore ribasso dei assi d ineres avendo con l opzione collar fissao una barriera che blocca l enià minima dei assi passivi, menre è esposo al progressivo aumeno dei flussi negaivi in prenza di un rialzo dei assi sino al raggiungimeno della barriera cap, che farebbe enrare in vigore l opzione collar. Ne discende che bbene l operazione di conversione dei debii da asso fisso a asso variabile si sia sviluppando posiivamene per il Comune, l acquiso dell opzione collar sa in pare penalizzando l Ene locale, perché non permee al asso paramerao di scendere soo il 3,75%. 56

11 6. Conclusioni Queso lavoro si è proposo di fornire un conribuo che fos d aiuo nell operare scele in ambio finanziario avvalendosi di srumeni di finanza derivaa per meere in ao sraegie di liabiliy managemen a fine di hedging. In queso ambio, di sicuro ineres, soprauo alla luce delle ricadue economiche e sociali che l uilizzo di conrai IRS da pare di Eni pubblici compora su ua la comunià errioriale, è necessario aver ben chiari gli srumeni da uilizzare e gli obieivi da perguire, poiché occorre compiere scele oculae che non espongano l amminisrazione a rischi e cosi roppo onerosi. Tuavia, pur analizzando deagliaamene quesi srumeni finanziari, non è comunque possibile eliminare del uo quell aleaorieà insia nel conrao sso ma, operando valuazioni coereni con le aspeaive del mercao, è possibile conenere il rischio di rialzi e di ribassi roppo onerosi del asso d ineres. E, inolre, possibile come è sao illusrao, in queso breve conribuo, meere in ao sraegie di coperura associando opzioni cap e floor al conrao IRS per conenere l oscillazione del asso variabile in un range rienuo sopporabile dai bilanci dell Ene (ed alreano conveniene da pare della Banca). Come nel caso di sudio, può accadere uavia da un lao la definizione del collar permee di avere perdie conenue, comprime e morifica le possibilià di guadagno, nel rispeo dell ovvio principio che maggiori rischi debbano esre bilanciai da migliori opporunià di guadagno. Talvola accade però che la deerminazione di una soglia floor roppo elevaa rispeo a quelli che sono i rendimeni correni non conne di approfiare del livello conenuo dei assi di mercao e a queso si associa un eo del collar alreano elevao ciò compora un onerosià del conrao maggiore rispeo a quano il mercao richiederebbe. Alla luce di ali considerazioni, si è avveria la necessià di fornire un conribuo che fos spuno per una maggiore riflessione ed analisi raando conrai di queso genere e fornis al conempo srumeni ecnico-maemaici per valuare correamene un conrao di IRS. Bibliografia esnziale ANZILLI L., D AGOSTINO G., GUGLIELMI A., SCOLOZZI D., Liabiliy managemen negli Eni locali. L esperienza nel Consorzio dei Comuni del Nord Saleno - Valle della Cupa, Edizioni Publigraic, BRIGO D., MERCURIO F., Ineres rae models Theory and Praice, New Yor, Spriner Verlag Berlin, CASTELLANI G., DE FELICE M., MORIONI F., Manuale di finanza. Teoria del porafoglio e mercao azionario, Bologna, Il Mulino, COMMISSIONE VI FINANZE, Le problemaiche relaive agli srumeni finanziari derivai, Camera dei Depuai, Roma, D AGOSTINO G., GUGLIELMI A., Il modello maemaico soosane alla curva dei rendimeni della BCE, Maemaicamene.i Magazine, (15) Maggio 2011, pp HULL J. C., Opzioni Fuures e alri derivai, Milano, Prenice Hall Inernaional, MENEGUZZO M., (a cura di), Manuale di finanza innovaiva per le amminisrazioni pubbliche. Soveria Mannelli, Rubeino Ediore, MENONCIN G., Misurare e gesire il rischio finanziario, Milano, Spriner Verlag Ialia, SACCOMANNI F., Le problemaiche relaive agli srumeni finanziari derivai, Ai della 6 a Commissione permanene (Finanze), SCIANDRA L., I derivai negli Eni Locali: origine, dimensioni e criicià, Rapporo ISAE Finanza Pubblica, 2008, pagg SPECA M., Gli Ineres rae swap negli Eni locali: rischi, opporunià e nuovo profili giuridico, Socieà ialiana di Economia Pubblica, 2002, pagg

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli