PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO FUNZIONALE CREDITO"

Transcript

1 MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli studenti del Master Piccole Imprese della SDA Bocconi; ogni riproduzione non autorizzata sarà perseguita a norma della legge sul diritto di autore. Università L. Bocconi Milano. Pag 1 di 11

2 1 I bisogni finanziari delle imprese I bisogni finanziari delle imprese possono essere ricondotti a quattro macro categorie: 1. Finanziamento del capitale circolante netto aperture di credito, sconti, anticipazioni 2. Finanziamento del capitale fisso a) In fase di costituzione dell impresa venture capital b) Per un impresa avviata finanziamenti attraverso strumenti di debito o emissioni azionarie 3. Risk Management a) Rischi di mercato i) Rischio di cambio operazioni a termine, derivati su valute ii) Rischio di tasso di interesse IRS, Swap, Swaption, Cap, Floor, Collar iii) Altri rischi di mercato prodotti assicurativi b) Rischi puri i) Rischi di controparte assistenza agli scambi ii) Altri rischi puri prodotti assicurativi 2 La gestione del rischio di tasso di interesse Possiamo definire come rischio di tasso di interesse il rischio di una variazione di una variabile economica rilevante (una voce di bilancio) indotta da una variazione del livello dei tassi di interesse. Esempi di variabili economiche rilevanti possono essere: 1. Di natura patrimoniale a) Il valore di mercato di una voce dell attivo di bilancio, come ad esempio un obbligazione in cui l impresa ha investito b) Il valore di mercato di una voce del passivo di bilancio, come ad esempio un mutuo con cui l impresa si è finanziata 2. Di natura reddituale a) L ammontare di interessi passivi derivanti da una linea di finanziamento b) L ammontare di interessi attivi derivanti dall investimento della liquidità eccedente La gestione del tasso di interesse può essere svolta 1. In monte, ovvero gestendo in modo congiunto tutte le posizioni dell attivo e del passivo di bilancio. Appartengono a questa categoria le metodologie di Asset and Liability Management (ALM), come ad Pag 2 di 11

3 esempio la gap analysis e la duration gap, utilizzate degli intermediari finanziari per la gestione del proprio rischio di tasso. 2. Su singole posizioni, ovvero gestendo attraverso l utilizzo di strumenti derivati il rischio di tasso relativo a singoli finanziamenti o singoli investimenti. La gestione del rischio di tasso di interesse può avvenire: 1. In ottica speculativa: utilizzo le mie previsioni riguardo il futuro andamento dei tassi di interesse per cercare di ottenere un profitto. Aumento la mia esposizione al rischio di tasso. 2. In ottica di copertura: riduco la mia esposizione al rischio di tasso per evitare che variazioni più o meno inattese dei tassi possano avere un effetto negativo sul mio equilibrio economico e patrimoniale. La gestione del rischio di tasso può essere eseguita in modo 1. Simmetrico: aumento (speculazione) o diminuisco (copertura) in modo uguale sia le mie possibilità di guadagno che di perdita. 2. Asimmetrico: in una speculazione aumento le mie possibilità di guadagno senza aumentare le possibilità di perdita, mentre in una copertura diminuisco le mie possibilità di perdita senza diminuire le possibilità di guadagno. 2.1 Gli strumenti per la gestione del rischio di tasso di interesse Non vi è differenza tra gli strumenti utilizzati in ottica di copertura rispetto a quelli utilizzati in ottica speculativa, è quindi possibile procedere a una catalogazione lungo le due dimensioni restanti. Reddituali Patrimoniali Asimmetriche Cap, Floor, Collar, Swaption Opzioni su obbligazioni Simmetriche Swap, FRA Future su obbligazioni Ovviamente per quanto riguarda le gestioni asimmetriche si utilizzano varie tipologie di opzioni, mentre per quanto riguarda le posizioni simmetriche si fa ricorso a FRA/Future e Swap. I derivati utilizzati per la gestione degli effetti reddituali delle variazioni dei tassi di interesse si chiamano derivati su tassi. Per gestire invece gli effetti patrimoniali è necessario fare ricorso a derivati su titoli obbligazionari. 2.2 La gestione dell aspetto patrimoniale del rischio di tasso Un esempio di copertura asimmetrica Il 3/3/xx l impresa Abc SpA ha investito un eccedenza temporanea di liquidità ( ) in uno zero coupon bond con scadenza 5 anni e prezzo pari a 80 (RES 4.56%). Il 3/6/xx l impresa decide di investire la Pag 3 di 11

4 liquidità accumulata nell acquisto di un nuovo macchinario il cui pagamento dovrà avvenire al termine dei collaudi previsto per il 20/01/xx+1. In questo momento l impresa è esposta al rischio di un rialzo dei tassi di interesse che potrebbe far diminuire il valore dello zcb, privandola in tal modo del denaro necessario al pagamento del nuovo macchinario. L impresa decide di procedere all azzeramento della propria esposizione a un possibile rialzo dei tassi senza tuttavia eliminare la possibilità di guadagno derivante da un ribasso dei tassi stessi. Procede quindi all acquisto di un opzione put sullo stesso zcb con le seguenti caratteristiche: Sottostante: zcb in questione per un controvalore nominale di Prezzo di esercizio: 81 Prezzo dell opzione: Scadenza: 10/01/xx+1 La posizione risultante è riportata nella figura che segue. Prof Obb Prof Opz Prof otale Profitto o perdita ,8 73,4 74,0 74,6 75,2 75,8 76,4 77,0 77,6 78,2 78,9 79,5 80,1 80,8 81,4 82,1 82,8 83,4 84,1 ZCB 2.3 Le coperture di natura reddituale Nell analizzare questi tipi di operazioni ci porremo soprattutto nell ottica della funzione di tesoreria di un impresa che, gestendo i fabbisogni di liquidità della stessa, ha spesso la necessità di proteggersi contro un possibile aumento del costo dei finanziamenti I Forward Rate Agreement (FRA) Il FRA è un contratto in base al quale due controparti si accordano su un tasso di interesse fisso da applicare ad un capitale convenzionale per un periodo futuro predefinito. E il corrispondente dell acquisto a termine di valuta: in quel caso mi garantisco la disponibilità, a una data futura, di una certa quantità di valuta straniera ad un prezzo (cambio) prefissato. In questo caso invece mi garantisco la disponibilità di una certa somma di valuta locale fissando in modo anticipato il prezzo (tasso di interesse). Pag 4 di 11

5 Dal momento che quello che interessa all impresa non è la disponibilità della somma di denaro, ma una garanzia circa il costo effettivo per l impiego di una somma di denaro che già possiede (finanziamento preesistente e a tasso variabile) il FRA pur rimanendo nella sostanza quello definito sopra viene costruito in maniera leggermente diversa: Le due controparti determinano, nel contratto, un tasso fisso e un tasso variabile di riferimento (da rilevare a una certa data futura). Se alla data di rilevazione il tasso essibile risulta maggiore del tasso fisso una delle due parti (il compratore del FRA) riceve la differenza fra i tassi moltiplicata per il capitale nozionale. Se alla data di rilevazione il tasso essibile risulta minore del tasso fisso una delle due parti (il venditore del FRA) riceve la differenza fra i tassi moltiplicata per il capitale nozionale. Nelle operazioni di copertura finalizzate a contenere il costo massimo di un finanziamento solitamente l impresa assume il ruolo di compratore del FRA, mentre la figura del venditore è assunta da un intermediario finanziario. Gli elementi di un contratto FRA sono i seguenti: 1. Il tasso fisso (i fx ) 2. Il tasso variabile ( i ) 3. Il capitale nozionale di riferimento (C) 4. La data di liquidazione (t L ) 5. La data finale (t F ) La data di liquidazione rappresenta la data futura nella quale si provvederà a rilevare il tasso variabile e a liquidare il differenziale a favore di uno dei due contraenti. Il periodo di tempo che intercorre tra la data di liquidazione e la data finale viene definito periodo di riferimento contrattuale o contract period e viene assunto come base temporale per il calcolo degli interessi. Il pagamento effettivo del differenziale tra i tassi di interessi può avvenire alla data di liquidazione (in tal caso si parlerà di FRA con pagamenti anticipati) oppure alla data finale (FRA con pagamenti posticipati). Un esempio di FRA Il tesoriere dell impresa ha una linea finanziaria del tipo stand by di con rivedibilità semestrale dei tassi (ogni 30 aprile e 30 ottobre) legati all andamento dell indice 6m; il 30 giugno prevedendone un utilizzo nel semestre ottobre - aprile p.v., e aspettandosi una crescita del livello generale dei tassi di interesse, decide di acquistare un FRA 4 X 10 con pagamenti posticipati. Clausole del contratto forward i fx = 6:00% annuo i = 6m lettera C = t L = 31/10/xx t F = 30/04/xx+1 Commissioni aggiuntive = 0.15% del capitale nominale una tantum Pag 5 di 11

6 Stati del mondo DIFF. CASH FL. COMM. CRED. FL. O. 1 4,82% -1,18% -2,95-0,75-12,05-15,75 6,30% 2 6,00% 0% 0-0, ,75 6,30% 3 7,12% 1,12% 2,8-0,75-17,8-15,75 6,30% 2.4 Gli Interest Rate Swap (IRS) Un IRS è un contratto mediante il quale due parti decidono di scambiarsi una serie di ussi di cassa calcolati applicando due diversi tassi di interesse a un medesimo capitale nozionale. I due tipi principali di swap utilizzati in questo contesto sono: Fixed for Floating Swap (plain vanilla swap) in cui una delle due parti effettua pagamenti a tasso fisso e riceve pagamenti a tasso variabile Floating for Floating Swap in cui le parti si scambiano ussi calcolati con due diversi tassi variabili Come si può notare un IRS altro non è che un portafoglio di FRA con pari durata e scadenze successive in modo che la data finale di uno corrisponda alla data di liquidazione di quello successivo. Gli elementi di un contratto IRS sono 1. I tassi con cui le parti calcolano i rispettivi ussi di cassa (i fx ; i ) oppure (i 1 ; i 2 ) 2. Il capitale nozionale di riferimento (C) 3. Le date di liquidazione 4. La durata del contratto Un esempio di IRS (Palin Vanilla) Mettiamoci nuovamente nei panni del tesoriere di un impresa che, prevedendo un bisogno continuativo per i prossimi tre anni stipula con la propria banca di riferimento un mutuo di al tasso 6m + 100bp con rimborso a scadenza dl capitale. Per mettersi al riparo da eventuali rialzi dei tassi di interesse l impresa può, in alternativa a stipulare 6 contratti FRA, stipulare, con la propria banca, un contratto IRS fixed for oating con le seguenti caratteristiche: i fx = 5.00% annuo i = 6m lettera C = Date di liquidazione: ogni 31/10 e 30/4 (quindi semestrali) Commissioni aggiuntive: 0.5% del capitale nominale una tantum Pag 6 di 11

7 Fixed Floating SWAP Netto Altri Costi ,5 497,5 % 1 4,66% -14,15-12,5 11,65-0, ,00% 2 4,92% -14,80-12,5 12,30-0, ,00% 3 5,69% -16,73-12,5 14,23 1, ,00% 4 6,62% -19,05-12,5 16,55 4, ,00% 5 6,02% -17,55-12,5 15,05 2, ,00% 6 7,18% -520,45-12,5 17,95 5, ,00% Un esempio di IRS plain vanilla contratto in posizione corta Mettiamoci per l ennesima volta nei panni del tesoriere di un impresa che, prevedendo un bisogno continuativo per i prossimi tre anni stipula con la propria banca di riferimento un mutuo di a tasso fisso 6% con restituzione a scadenza del capitale. Se il tesoriere della società ha aspettative di ribasso dei tassi può tentare di ridurre il costo del finanziamento stipulando un IRS in cui paga il variabile e riceve il fisso (posizione corta). i fx = 5.80% annuo i = 6m lettera C = Date di liquidazione: ogni 31/10 e 30/4 (quindi semestrali) Commissioni aggiuntive: 0.5% del capitale nominale una tantum Fixed Floating SWAP Netto Altri Costi ,5 497,5 % 1 6,20% -15,00 14,5-15,50-1, ,40% 2 6,50% -15,00 14,5-16,25-1,75-16,75-6,70% 3 5,80% -15,00 14,5-14,50 0, ,00% 4 5,00% -15,00 14,5-12,50 2, ,20% 5 4,50% -15,00 14,5-11,25 3,25-11,75-4,70% 6 4,00% -515,00 14,5-10,00 4,50-510,5-4,20% Un esempio di IRS Floating for Floating Può accadere che l impresa abbia nell attivo di bilancio un attività immobilizzata che produce ussi finanziari parametrati a un certo tasso variabile: ad esempio un CC decennale con cedola legata al tasso BO. In questo caso se l impresa accede a un finanziamento a tasso variabile (ad esempio il mutuo di cui al punto precedente legato all andamento del tasso ) l esposizione netta dell impresa alla variazione dei tassi di interesse non sarà legata alla variazione totale dei tassi, ma al cd rischio di base o basis risk, pari al differenziale di variazione dei due tassi: se entrambi i tassi variano nella stessa direzione e per lo stesso ammontare. Pag 7 di 11

8 Nell esempio che segue ipotizziamo un mutuo identico a quello presentato nell esempio precedente affiancato da un CC con cedola semestrale parametrata al tasso BO 6m (per semplicità di esposizione consideriamo pari a zero lo spread, ovvero il rendimento aggiuntivo del CC rispetto al BO). Il tesoriere dell impresa decide di coprire la sua esposizione totale al rischio di tasso d interesse attivando uno swap variabile contro variabile in cui i pagamenti sono legati al tasso BO e gli incassi al tasso Euribor (anche per lo swap consideriamo i pagamenti legati ai tassi senza alcuno spread). asso asso BO CC SWAP Pagam. SWAP Incassi SWAP Netto Altri Costi ,5 497,5 1 6,20% 6,10% -15,50 15,25-15,25 15,50 0, ,50% 6,40% -16,25 16,00-16,00 16,25 0, ,80% 5,60% -14,50 14,00-14,00 14,50 0, ,00% 4,60% -12,50 11,50-11,50 12,50 1, ,50% 4,20% -11,25 10,50-10,50 11,25 0, ,00% 3,80% -510,00 9,50-9,50 10,00 0, L assenza di ussi totali netti non significa che si è azzerato il costo del finanziamento ma che si è ottenuto un matching perfetto tra i ussi negativi del mutuo e quelli positivi prodotti dal CC. In questo modo il conto economico dell impresa diventa insensibile rispetto all andamento dei tassi di interesse, si è cioè ottenuta una copertura perfetta. E importante considerare che se l impresa avesse effettuato uno swap plain vanilla trasformando il mutuo in un finanziamento a tasso fisso avrebbe ottenuto una copertura perfetta della singola posizione ma non dell intero conto economico: in caso di ribasso dei tassi a fronte di ussi in uscita costanti (le rate del mutuo swappate a tasso fisso) si avrebbero avuti ussi in entrata decrescenti (le cedole del CC a tasso variabile) con un conseguente peggioramento dell utile e della liquidità dell impresa. 2.5 Le opzioni su tasso di interesse: i CAP Un cap è sostanzialmente un opzione call di tipo europeo su tassi di interesse: i contraenti fissano un tasso cap (lo strike price o prezzo di esercizio) e se a scadenza il tasso variabile di mercato i (sottostante) risulta superiore al tasso cap il compratore esercita l opzione e il venditore dell opzione verserà una somma pari alla differenza tra il tasso di mercato e il tasso cap moltiplicato per un capitale nozionale di riferimento C. CF = max ; [ 0 C ( i cap) ] Solitamente i cap vengono strutturati come portafogli di opzioni con scadenze successive, le singole opzioni componenti il portafoglio vengono chiamate caplets. Un esempio di copertura asimmetrica mediante cap L impresa ha da poco sottoscritto un finanziamento dell importo di di lire con pagamenti semestrali degli interessi parametrati al tasso + 100bp e rimborso del capitale alla scadenza. emendo un rialzo dei tassi il tesoriere decide di effettuare una copertura di tipo asimmetrico mediante l acquisto di un cap, in modo da non perdere l occasione di ridurre il costo del finanziamento in seguito a un possibile ribasso dei tassi di mercato. Gli elementi contrattuali del cap sono i seguenti: Pag 8 di 11

9 Durata 3 anni Capitale nominale Cap rate 6.0% Parametro di riferimento 6m lettera Periodicità dei pagamenti semestrale Costo del contratto 0.3% sul capitale nominale all anno Esercizio CAP CAP Altri Costi % % No % % No % % No % % Si % % Si % % Si % 2.6 Il collar La copertura tramite cap può a volte risultare, come ogni copertura di tipo asimmetrico, eccessivamente onerosa. Per ridurne il costo a volte le imprese uniscono all acquisto di un opzione call su tassi di interesse la vendita di un opzione put sullo stesso tasso. Quest opzione ha il nome di oor e comporta l onere dell impresa, qualora l acquirente della put decida di esercitare l opzione (quindi nel caso in cui il tasso variabile di riferimento risulti inferiore al oor rate), di versare una somma pari alla differenza tra i tassi moltiplicata per il capitale nozionale di riferimento. Il portafoglio composto da un cap e un oor prende il nome di collar, con esso l impresa fissa un tasso minimo e un tasso massimo per il proprio indebitamento. I cash ow derivati dall operazione possono essere così rappresentati. C 0 C ( i cap) se se > cap cap > i ( oor i ) se i < oor i > oor Il primo usso si ha allorquando viene esercitata la call (CAP), si tratta di un usso positivo (in entrata) in quanto stipulando il collar l impresa compra la call ed è quindi l impresa stessa ad esercitarla. Il terzo usso si ha invece quando viene esercitata la put (FLOOR), si tratta di un usso negativo (in uscita) perché stipulando un collar l impresa vende la put che viene quindi esercitata dalla controparte dell operazione. Un esempio di collar Il tesoriere di un impresa che ha appena attivato un finanziamento di triennale con interessi semestrali pari a 6m + 100bp e rimborso del capitale alla scadenza decide di proteggersi da un possibile rialzo dei tassi stipulando con la propria banca un contratto collar con le seguenti caratteristiche: Durata 3 anni Pag 9 di 11

10 Capitale nominale Cap rate 6.0% Floor rate 4.75% Parametro di riferimento 6m lettera Periodicità dei pagamenti semestrale Costo del contratto 0.25% sul capitale nominale all anno FLOOR CAP Altri Costi % % % % % % % % % % % % % 2.7 Le swap option (o Swaption) Una swap option altro non è che un opzione call avente, come sottostante, un interest rate swap (solitamente plain vanilla). L'acquirente della swaption può, alla data di esercizio decidere se attivare con la banca venditrice un contratto swap con le caratteristiche prefissate al momento della stipula dell opzione. Questo strumento viene solitamente utilizzato per fissare in anticipo il tasso fisso di un finanziamento di cui l impresa avrà necessità a una data futura. L impresa può raggiungere questo obiettivo in tre modi: 1. Attivando fin d ora una linea di credito stand by a tasso fisso da utilizzarsi a partire da una data futura 2. Acquistando un forward swap in posizione lunga e attivando alla data futura un finanziamento a tasso variabile 3. Acquitando una swaption e attivando alla data futura un finanziamento a tasso variabile Le prime due soluzioni hanno lo svantaggio di avere natura simmetrica: l impresa blocca oggi il tasso fisso e non è in grado di beneficiare di generali riduzioni dei tassi. Acquistando una swaption invece l impresa effettua una copertura di natura asimmetrica e si riserva la possibilità di non esercitare l opzione allorquando, alla data di esercizio, a causa di una riduzione nel livello generale dei tassi sia possibile Attivare uno swap con tasso fisso minore Attivare un finanziamento con tasso fisso minore Un esempio di swaption Al 30/06/xx l impresa prevede di doversi indebitare per un anno a partire dal 1/1/xx+1 per l importo di Il tesoriere decide di effettuare una copertura asimmetrica per proteggere il costo massimo del finanziamento attraverso l acquisto di una swaption con le seguenti caratteristiche: Data di stipula del contratto 30/06/xx Data di esercizio 01/01/xx+1 Pag 10 di 11

11 Durata dello swap (se esercitato) 1 anno asso fisso (strike) 3.50% asso variabile 6m lettera Capitale nozionale Periodicità trimestrale Costo del contratto 0.625% una tantum Fixed Floating Altri Costi % % % % % % % % % Evidentemente questo strumento permette una copertura asimmetrica fino alla data di esercizio (periodo in cui è in vita l opzione) da quel momento in poi se attivo lo swap la copertura diventa simmetrica. Milano, novembre 2001 Pag 11 di 11

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA La vigilanza e le garanzie finanziarie QUADERNI 12 L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA PARTE PRIMA INDICE L Asset-Liability Management nelle imprese di assicurazione

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Sezioni riunite in sede di controllo INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI VI COMMISSIONE PARLAMENTARE Maggio 2015 INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla. Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma

Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla. Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma elaborata dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato del MEF 1 a cura di Marco Causi 2

Dettagli

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati CAPIRE LA FINANZA I Derivati Indice Introduzione 1. Cosa sono i derivati 1.1 Tipi di strumenti derivati 2. Il mercato dei derivati 2.1 Le dimensioni e i trend internazionali 2.2 I derivati scambiati nei

Dettagli