Area marketing. 12 novembre 2007 MAURO CAVALLONE MARKETING E COMUNICAZIONE NEL MONDO DELLO SPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area marketing. 12 novembre 2007 MAURO CAVALLONE MARKETING E COMUNICAZIONE NEL MONDO DELLO SPORT"

Transcript

1 SPORT: OLTRE IL GESTO TECNICO Corso di formazione base per dirigenti sportivi, allenatori e appassionati Area marketing 12 novembre 2007 MAURO CAVALLONE MARKETING E COMUNICAZIONE NEL MONDO DELLO SPORT Indice Che cosa è il marketing pag. 2 Il marketing mix: considerazioni generali pag. 2 Il prodotto (la qualità percepita/assortimento) pag. 3 Il prezzo (il valore per il cliente) pag. 3 La pubblicità (la comunicazione integrata) pag. 3 La politica distributiva (i canali e la virtualità) pag. 3 Il personale (la squadra e il team building) pag. 4 Il marketing sportivo pag. 4 Il mass marketing pag. 6 Il marketing mix per spettatori e tifosi pag. 6 Il marketing mix per praticanti sportivi pag. 7 Il marketing mix rivolto alle aziende: il business marketing pag. 8 Il marketing mix degli sponsor pag. 8 Esempi di marketing sportivo pag. 9 La comunicazione pag. 11 Bibliografia Incontro col Marketing, M. Cavallone, Editrice San Marco, 1994 Il Marketing Sportivo, S. Cherubini, FrancoAngeli, 1996 Oltre la fidelizzazione: il marketing nell era della complessità, M. Cavallone, FrancoAngeli, 2000 Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 1

2 Che cosa è il marketing 1 Rispondere alla domanda che cosa è il marketing non è certo facile; gli autori più quotati, da tempo si sono espressi in modo preciso, sia con definizioni sintetiche che estese. Alcuni l hanno definito come una scienza emergente, altri come una disciplina vivificante, altri ancora il modo in cui l azienda deve operare per comportarsi correttamente nei confronti del consumatore finale e del mercato nel quale opera. Non è un mio obiettivo dare una definizione di marketing, ma intendo cercare di spiegare che cosa è e cosa rappresenta per le aziende. Mi piace pensare al marketing come ad una filosofia aziendale, come ad un modo di pensare, come ad uno stile di vita aziendale; in altre parole lo vivo come il modo in cui le aziende, cercando di focalizzare bisogni, esigenze ed aspettative dei consumatori, prima di realizzare fisicamente o il servizio, focalizzano i bisogni degli utilizzatori finali, e, una volta definitili con precisione, realizzano il prodotto più adatto a soddisfarli coordinando al meglio le attività operative che concretizzano, così, la marketing idea. Modo di pensare, filosofia aziendale, stile di vita non vogliono essere teoria, ma i concetti fondamentali per tradurre la teoria in pratica. Definiamo, quindi, il marketing come un atteggiamento: l atteggiamento corretto che permette, prima di muovere qualsiasi passo operativo, di definire il sentiero che dovrebbe percorrere, per soddisfare i bisogni dei potenziali consumatori. Questa non voluta definizione può sembrare provocatoria. In effetti il fine ultimo dell azienda può essere (secondo un ottica limitata) quello di produrre dei prodotti, venderli, ottenere dei ricavi superiori ai costi, distribuire ricchezza ai lavoratori e agli imprenditori, fare degli investimenti e riprendere il processo produttivo ed economico. In altre parole: produrre e vendere. Il marketing, con la sua filosofia rivolta in modo particolare al consumatore, stravolge questo modo di vedere. Possiamo, infatti, dire che il marketing sia la scelta del cambiamento di ottica, perché si orienta e si focalizza sul consumatore, il quale diventa il protagonista delle attenzioni aziendali, il punto di riferimento da tenere sotto osservazione nel momento in cui si sceglie cosa produrre. Operando in questa logica l azienda cerca di capire a monte i bisogni specifici del consumatore e realizza di conseguenza prodotti specifici in grado di soddisfare questi bisogni. Il punto focale è il modo in cui i bisogni vengono soddisfatti. Soddisfare i bisogni del consumatore sembra una cosa facile da farsi, così come facile sembra anche i marketing. In effetti il marketing è logico, facile, semplice, intuibile; il processo ed il concetto di marketing spesso sono scontati, ma sono così facili,così logici, così intuibili e così scontati che tante aziende non riescono a focalizzarli. La prima difficoltà delle aziende non è realizzare cose difficili, ma fare bene le cose facili (o che così sembrano!). Il Marketing Mix considerazioni generali Il concetto di marketing mix è ormai considerato una colonna portante del pensiero di marketing e rappresenta il principio base su cui si articola la traduzione in pratica della strategia. Da tale teoria si evidenzia, infatti, che il successo di qualsiasi azienda non può basarsi unicamente sull enfasi posta un unica variabile o elemento (la qualità, il prezzo, la rete di vendita, etc.) ma è il risultato dello sfruttamento sinergico, relativo all ottimizzazione dell utilizzo di un insieme ponderato di variabili strategiche. E.J. Mc Carty ha definito le 4 variabili strategiche di Prodotto, Prezzo, Pubblicità (e Promozione), Politica Distributiva, alle quali si aggiunge per il marketing dei servizi una quinta P : il Personale. Queste variabili definite Interne in quanto direttamente monovrabili (come risultato delle decisioni strategiche dei top manager) devono permettere all azienda di evidenziare e difendere dei vantaggi competitivi che la differenzino dalla concorrenza in modo continuativo (o dinamico). Un concetto direttamente riconducibile all aspetto operativo del marketing mix è il suggerimento di James Culliton (Journal of Advertising Research, 1948) dove il responsabile del marketing viene definito come un miscelatore di ingredienti. In effetti, possiamo paragonare il responsabile del marketing operativo ad un pasticcere che per fare una torta ha bisogno, innanzitutto della ricetta giusta (paragonabile alla strategia) successivamente sceglie gli ingredienti specifici: uova, farina, latte, zucchero, burro, lievito (assimilabili alle variabili del marketing mix), in terzo luogo miscela gli ingredienti realizzando l impasto, riuscendo a combinare, amalgamare, mixare questi ingredienti in modo da ottenere la migliore risultanza (quindi il migliore marketing mix). Cotto l impasto toglie la torta dal forno (il prodotto esce dall azienda) e lo colloca in bella vista in vetrina (posizionamento sul punto vendita) e, dopo aver pubblicizzato la sua attività, aspetterà che il consumatore entri nel suo negozio 1 Tratto da Incontro col Marketing" Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 2

3 per acquistare quanto da lui realizzato (vendita del prodotto/servizio) verificando la volta successiva i suoi commenti e giudizi (considerazioni post acquisto). Il concetto di ricetta può essere trasferito in modo diretto nel mondo aziendale. Le variabili strategiche del marketing mix devono essere utilizzate in modo ponderato, efficace ed efficiente affinché la sinergia, che deriva dal migliore sfruttamento di tale concetto, permetta di ottenere i più lusinghieri risultati globali. Operanddo in questo modo si ottimizzano gli sforzi aziendali migliorando in modo sentito le potenzialità dell azienda. Vanno tenute presenti, poi, le variabili definite esterne, quindi non direttamente manovrabili da parte dell azienda, che sono: l Opinione Pubblica e il Pubblico Potere. Non possiamo, infine, dimenticare l importanza delle Pubbliche Relazioni, diventate parte integrante del processo di comunicazione aziendale. A conclusione non può essere dimenticata l importanza dell analisi della concorrenza, in quanto, da una corretta osservazione di quanto da lei offerto e dall analisi del mix utilizzato, si riescono ad ottenere le informazioni strategiche che permettono di risalire alle decisioni aziendali che ne avevano stabilito a monte l implementazione. Il motivo per cui enfatizzo l importanza del Basic marketing deriva proprio dal fatto che il marketing mix, introdotto nel 1954 Mc Cartney e successivamente modificato nel tempo, rimane la pietra miliare dell operatività di marketing. Innanzitutto perché è un processo di sintesi, e secondariamente perché è riuscito, nel paradigma della sintesi, a definire le variabili strategiche da presidiare per avere successo sul mercato; quello che è cambiato nel tempo è il contenuto e la valenza delle singole variabili che, di seguito, andiamo ad analizzare. Il prodotto (la qualità percepita/assortimento) Nel prodotto da sempre rientrano le fasi del ciclo di vita e tutti gli elementi relativi alle linee dello stesso, all assortimento, alla sostituzione di nuovi prodotti, alla pietrificazione, alla maturità innovativa. Oggi questi concetti si legano a quello di qualità, intesa non come quello che l azienda è in grado di fare, ma come occhi del cliente, cioè ciò che egli desidera ricevere. Da sempre sostengo che la qualità aziendale non deve rappresentare la migliore performance, piuttosto il minimo accettabile dal punto di vista del consumatore, dal che deriva la definizione come occhi del cliente. La qualità è legata anche alla certificazione, al rispetto delle norme UNI EN ISO 9000, a volte richieste dai clienti, che oggi sposta la sua attenzione verso la vision, che, introducendo concetti di Customer Satisfaction, riconosce ufficialmente la sovranità del cliente. Il prezzo (il valore per il cliente) Il prezzo, seconda leva del marketing mix, è stato da sempre sinonimo dei metodi per la determinazione del prezzo, ovvero: imitazione del leader, studio del margine di contribuzione, teoria del mercato (domanda/offerta) e del valore percepito dal cliente. Oggi l accezione totale del valore va intesa come valore olistico che il cliente ricerca, non l ammontare di denaro che scambia per ottenere un determinato prodotto - servizio. I fattori intangibili (tranquillità, sicurezza, servizio, notorietà, immagine), stanno diventando, e a volte già lo sono, più importanti di quelli tangibili (assistenza tecnica, assistenza post-vendita, garanzia, pezzi di ricambio); tutti elementi che, in quanto non concreti, risultano difficili da mettere sul piatto della bilancia, ma che sono imprescindibili nella valutazione perché creano valore per il cliente. La pubblicità (la comunicazione integrata) La pubblicità, da sempre intesa come variabile istituzionale (quindi pubblicità esterna, insegne luminose, giornali, radio, televisioni, media, oppure sotto la linea, marketing diretto piuttosto che telemarketing), è oggi diventata comunicazione integrata. Essa considera contemporaneamente sia il mix di pubblicità volta verso l esterno, che quella volta verso l interno. Diventa infatti fondamentale comunicare alle persone che lavorano per noi quali siano valori, visioni, linee guida. La politica distributiva (i canali e la virtualità) La politica distributiva da sempre è concentrata sui tre canali tradizionali, la cui attenta analisi ha stimolato la nascita del trade marketing. Oggi essa non si limita più alla scelta del canale indiretto (breve e lungo) e di quello diretto, oppure alla selezione delle tradizionali leve del trade marketing mix: paniere, assortimento, Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 3

4 scontistica, marketing sul punto vendita, merchandising, franchising, e così via. Si assiste alla trasformazione epocale data dalla virtualità dei canali attraverso il telefono, Internet, ed altri approcci che si avvicinano alla vendita per corrispondenza. Sulla trasformazione della quarta leva si lavorerà molto in futuro, perché la virtualizzazione dei canali è un elemento che trasformerà completamente lo scenario. Il personale (la squadra, il team building) Il personale qualificato sta diventando una risorsa rara a tutti i livelli: dai colletti bianchi ai top manager, passando per le maestranze. È difficile trovare persone realmente soddisfatte nell esercizio delle loro competenze, qualitativamente preparate a svolgere il loro lavoro, abbastanza flessibili da essere in grado di commutare la propria professione/professionalità in base alle richieste dell azienda. Per le imprese si tratta di tentare in ogni modo di riuscire ad accaparrarsi le risorse migliori, ovvero quelle che nella dematerializzazione del prodotto e dell economia rappresentino una variabile clou insostituibile. Da uno studio continuativo che svolgo con il professor Martyn Robertson presso l Università di Leeds, risulta che un neodiplomato/laureato, durante i trentacinque anni della propria vita lavorativa, cambierà tra i sette/otto lavori. MARKKETING MIX IERI Prodotto Prezzo Pubblicità Politica Distributiva Personale Pubblica Opinione Potere Pubblico Pubbliche Relazioni MARKETING MIX OGGI Variabili Interne Qualità (gli occhi del cliente) Assortimento Valore per il Cliente Comunicazione Integrata Nuovi canali e virtualità Team Building e Squadra Variabili Esterne Cosa pensa la gente di noi La legge Incontro tra l azienda e l esterno Il marketing sportivo Il marketing, inteso come filosofia aziendale, come ideologia, come tecnica di approccio al mercato sii sta rapidamente diffondendo in tutti i settori, compreso quello sportivo. Gli studiosi americani definiscono il marketing applicato a realtà diverse da quelle aziendali con il termine di metamarketing (dal termine marketing al quale si applica il prefisso meta che in greco significa oltre). Il marketing, quindi, è sempre più inteso come un elemento, un attività che, se seguita con attenzione, intelligenza ed intuito, può condurre a considerevoli risultati. Possibili fruitori del marketing sportivo, non sono solo le società sportive che ne traggono vantaggio in termini di immagine, successo ed introiti, ma anche: gli atleti che guadagnano in notorietà, longevità professionale; le Federazioni, i CONI e lo Stato termini sociologici (lo sport è un collante sociale ) che economici (per via delle diverse forme di introito che ne conseguono, scommesse, lotterie, etc.); il pubblico, sia quello che partecipa direttamente all evento sportivo, sia quello che lo segue comodamente dai media, che sarebbe spettatore di eventi più interessanti e usufruirebbe di servizi ed informazioni qualitativamente migliori; aziende che gravitano intorno al mondo dello sport, da quelle produttrici di attrezzature ed abbigliamento sportivo, a quelle turistiche che potranno allargare la propria offerta proponendo la partecipazione ad eventi sportivi sempre più qualificati. L effetto moltiplicatore di una corretta azione di marketing è, quindi, matematicamente provato anche nel settore sportivo. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 4

5 Il circolo virtuoso di una società sportiva Fonte: Il Marketing Sportivo, Sergio Cherubini, FrancoAngeli, 1996 Potenziamento della società Capacità di spesa Partecipazione alla gare Introiti Attenzione del pubblico Immagine Successo Attenzione delle imprese Insuccesso Una distinzione fondamentale per l impostazione di una buona azione di marketing sportivo è quella tra fruitori e finanziatori del servizio sportivo. Il marketing che si rivolge ai primi è definito dalla letteratura mass marketing, quello indirizzato alle aziende business marketing. I protagonisti del mercato di massa sono: praticanti tifosi presenti tifosi distanti appassionati alla disciplina sportivi generali non interessati. Protagonisti del business marketing sono, invece, le aziende, intese come sponsor, produttori di abbigliamento e materiale tecnico, editori televisivi e la stampa. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 5

6 Differenze tra mass marketing e business marketing Fonte: Il Marketing Sportivo, Sergio Cherubini, FrancoAngeli, 1996 Caratteristiche Mass Marketing Business marketing Numerosità Grande Piccola Logiche Emotive Razionali Fedeltà Alta Bassa Vendita Semplice Complessa Segmentazione Differenziata Concentrata Prestazioni Ampia Coinvolgimento Mirata consulenza Assistenza Prezzo Livello differenziato Analisi economica - concorrenziale Distribuzione Gravitazionale Customizzata Relazioni Pubbliche Alte Comunicazione Pubblicità Direct Marketing Promoter - Immagine Il mass marketing Il mercato di massa è caratterizzato da diverse tipologie di soggetti: praticanti tradizionali che si avvicinano alla società sportiva per imparare o migliorare una disciplina ; atleti che praticano lo sport a livello agonistico spettatori presenti che seguono lo direttamente l evento sportivo spettatori distanti che seguono lo sport attraverso i media. Le variabili del marketing mix assumono significati diversi a seconda del mercato considerato. Il marketing mix per spettatori e tifosi Il prodotto Lo scenario del mercato ha trasformato notevolmente l offerta sportiva, avvicinando allo spettacolo/gara un ventaglio di servizi accessori e di prodotti più tangibili, dalla maglietta al gadget con i colori della squadra, che servono alla squadra per aumentare sia la soddisfazione dei propri clienti sia il proprio successo in termini di immagine e di profitti. Definire, quindi, le società sportive come aziende erogatrici di servizi appare quanto mai riduttivo. La prestazione base rimane pur sempre lo spettacolo che viene comunque potenziato con una serie di fattori complementari riconducibili, in prima istanza, agli aspetti logistici. Rientrano tra questi: parcheggi adiacenti il luogo della gara servizi di trasporto pubblici collegamenti stradali servizi che rendono più comoda e confortevole la visione della gara (numerazione dei posti, posti coperti ) servizi di prenotazione servizi di ristoro tifo organizzato e coreografie intrattenimento pre-gara servizi di sicurezza ed accoglimento Il prezzo Il prezzo è la variabile del marketing mix che subisce minori cambiamenti nel passaggio dal mondo aziendale a quello sportivo. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 6

7 Considerata la duplice natura del prodotto/servizio offerto dalle società sportive anche la variabile prezzo è riconducibile a due accezioni: A. il prezzo del biglietto d ingresso Le variabili che incidono sulla determinazione del prezzo sono sostanzialmente tre: 1. controllo normativo effettuato dalle Federazioni e dalle Leghe sui prezzi dei biglietti 2. la fedeltà e l emotività del tifoso 3. eccitazione, coinvolgimento del pubblico. La politica di prezzo più utilizzata è quella che fa riferimento alla differenziazione in base a criteri di: quantità abbonamenti o miniabbonamenti tipologia di clienti uomini, donne, bambini tempo ingressi ritardati rispetto all inizio dello spettacolo aree geografiche B. il prezzo di vendita dei gadget In questo secondo caso sembra che le società sportive vendano qualcosa in più dello spettacolo sportivo: l identificazione con la propria città, con il gruppo, con una fede a cui ispirarsi. Ciò che viene venduto è quindi sono le emozioni le illusioni, le speranze, le passioni. La metodologia, proposta dal marketing per la determinazione del prezzo, è quella dell orientamento al consumatore che prende in considerazione l analisi costi/benefici secondo l ottica dell acquirente finale. Questo metodo parte dall individuazione del cliente, considera i vantaggi collegati al prodotto e determina il prezzo in base al valore che lo stesso gli attribuisce. I clienti rapportano i benefici derivati dall acquisto al suo costo, e se l insieme dei benefici è superiore al costo, il cliente decide di acquistare il prodotto. Resta per l azienda la grande incognita della corretta determinazione dell ammontare del valore del prodotto. Per fare questo sono di grande ausilio le ricerche di mercato che, con opportuni questionari, permettono di comprendere la globalità degli usi del prodotto, di analizzare i benefici percepiti dal consumatore e, di conseguenza, quantificare i costi del cliente per poter applicare correttamente la citata analisi costi/benefici. La distribuzione Le decisioni relative al miglioramento del canale distributivo sono riconducibili a: 1. luogo della gara: il fatto che le strutture logistiche siano spesso inadeguate e che non siano di proprietà della società sportiva non deve fungere da deterrente per i manager sportivi che devono comunque concentrarsi ed intraprendere azioni di tipo migliorativo per garantire accessibilità, confort e sicurezza. 2. diffusione dell evento attraverso canali alternativi: ci si riferisce alle trasmissioni televisive o, in alternativa, per eventi particolarmente importanti a proiezioni nelle sale cinematografiche o a schermi giganti situati nelle piazze. 3. Distribuzione dei biglietti: anche in questo caso, sii tratta di valutare la possibilità di vendere i biglietti utilizzando i canali tecnologici, quali internet. La comunicazione Una comunicazione efficace prende le mosse da una attenta definizione degli obiettivi da raggiungere, che possono essere, alternativamente, far conoscere la società aumentare il numero degli abbonamenti/biglietti venduti migliorare l immagine della società. Per quanto attiene, invece, gli strumenti, il mix della comunicazione si compone di 4 elementi: 1. la pubblicità: della società sportiva, della manifestazione, dei gadget 2. la promozione 3. le pubbliche relazione: relazioni con i tifosi, con la stampa, le pubblicazioni (riviste, annuari, etc.), riunioni con gli enti territoriali. 4. il direct marketing. Il marketing mix per i praticanti sportivi Il prodotto Ciò che una società sportiva offre ai propri atleti è la possibilità di praticare attività sportiva tanto a livello agonistico quanto a livello dilettantistico. Compatibilmente con tale offerta ogni società deve mettere a Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 7

8 disposizione agli atleti tutta una serie di servizi che consentano loro di praticare al meglio l attività fisica, finalizzata, nel caso degli agonisti, al raggiungimento dei risultati. Il prezzo In questo caso il prezzo deve essere commisurato al servizio che viene offerto, sia in termini di qualità degli istruttori presenti che degli impianti e degli attrezzi che vengono messi a disposizione. La principale difficoltà consiste nel quantificare la qualità del servizio offerto, per cui un ruolo estremamente importante nella definizione dello stesso viene svolto dall immagine che la società ha all interno della comunità, dal passaparola di amici e conoscenti che hanno già sperimentato la società e dal rapporto di fiducia che quest ultima riesce a creare con tutte le persone che le gravitano intorno. La distribuzione Il problema si concentra in maniera esclusiva sull impianto presso il quale svolgere l attività. Più che di distribuzione si deve quindi parlare di centro di attrazione facendo leva sull accessibilità in senso logistico ed organizzativo. Quest ultimo è da intendere come la frequenza degli allenamenti, diversificazione delle attività praticabili, etc,; elementi, che di riflesso, possono fungere anche da attrazione per i campioni in erba. La comunicazione Più che alla comunicazione esterna, rivolta cioè al mercato, si deva fare riferimento in questo caso alla comunicazione interna, vale a dire a tutti i flussi di informazione che circolano all interno della società sportiva: tra allenatore e atleti, tra manager sportivi, allenatori e praticanti. Un ruolo determinante è svolto, in questo caso, a tutte le azioni poste in essere al fine di creare ed accrescere la motivazione del team di atleti, elemento chiave per il mantenimento e la crescita del quoziente motivazionale. Il marketing rivolto alle aziende: il business marketing Destinatari dell azione di business marketing sono: 1. sponsor commerciali che utilizzano la squadra come un mezzo di comunicazione; 2. sponsor commerciali minori, che intendono raggiungere il maggior numero di tifosi e appassionati possibili con l intento di promuovere i loro prodotti e servizi; 3. sponsor tecnici che sponsorizzano la squadra per mostrare la qualità del loro abbigliamento o delle loro attrezzature; 4. media che si occupano dell evento sportivo per aumentare la loro audience o la tiratura. Il marketing mix degli sponsor Prodotto Nel caso delle sponsorizzazioni, il prodotto messo a disposizione dalle società sportive è rappresentato dagli spazi pubblicitari messi a disposizione per l apposizione del marchio. Le tipologie di spazi sono di due tipi: 1. gestiti direttamente dalle società sportive: divise, impianti, prodotti del merchandising, mezzi di trasporto; 2. gestiti indirettamente, sui quali cioè la società non ha un controllo diretto. Rientrano in tale categoria tutte le occasioni di esposizione della società sui diversi media a seguito della sua attività e dei risultai conseguiti. Prezzo Si tratta di determinare il prezzo che l azienda sponsor deve pagare alla società sponsorizzata. Scopo di una tale azione è la copertura di costi da parte della società sportiva. Le principali decisioni da prendere riguardo la determinazione del prezzo riguardano: 1. determinazione del prezzo: la società sportiva di norma definisce un proprio listino prezzi differenziato a seconda che si tratti di una sponsorizzazione duratura od occasionale, della tipologia dell azienda sponsorizzatrice, dell evento sponsorizzato e dell area geografica interessata; 2. variazioni del prezzo: possono essere temporanee o permanenti. a. Temporanee: fatte di norma per abbassare il prezzo attraverso degli sconti sul listino b. Permanenti: sono verso il basso (in periodi di crisi economica) o verso l alto (quando si verifica un eccesso della domanda conseguente all ottenimento di risultati positivi da parte della squadra). Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 8

9 Distribuzione Rientrano in questa voce i soggetti e le strutture interne ed esterne alle quali viene affidato il compito di pianificare e attuare la ricerca degli sponsor. Le decisioni strategiche riguardano quindi: la scelta della struttura: interna, più adatta per le piccole società, o esterna, affidandosi ad una agenzia specializzata piano di ricerca dello sponsor: che si articola in tre fasi: a) pianificazione della ricerca analisi delle aziende potenzialmente interessate all attività di sponsorizzazione (prodotti, immagine, punti di forza ed aree di miglioramento, ); b) progettazione dell offerta la società stila un piano nel quale mostra le opportunità e i benefici per l azienda sponsorizzatrice; c) attivazione del piano di ricerca: selezionate le aziende e formulato il piano si tratta di identificare il responsabile dell azienda sponsor da contattare per formalizzare il progetto. La comunicazione Il mix della comunicazione, in questo caso, si compone di attività volte ad instaurare un rapporto one to one con l azienda sponsor, per cui, il direct marketing e la vendita personale sono da preferirsi alle altre forme di comunicazione. Esempi di marketing sportivo. S.S. Lazio Il progetto di rinnovamento si muove lungo due direttrici: 1. tecnica: legata al potenziamento della squadra e dello staff tecnico 2. manageriale: indirizzata alla ridefinizione dell organigramma in chiave aziendale e alla gestione del prodotto. Si è provveduto alla costituzione di un ufficio marketing che ha attuato il programma Progetto Lazio 2000 che si basa su tre obiettivi fondamentali: a. aumentare gli incassi derivanti dagli incontri di calcio in termini sia assoluti che percentuali; b. incremento degli introiti derivanti dall offerta di prodotti e servizi ai tifosi; c. razionalizzazione delle funzioni e delle strutture della società. Tali obiettivi vengono perseguiti attraverso il presidio di tre aree di intervento: 1. aumento delle presenze allo stadio La principale area di azione riguarda la crescita del numero degli abbonati, fortemente condizionato dai risultati ottenuti nella stagione precedente e dalla campagna acquisti attivata. La Lazio ha cercato di personalizzare l offerta attraverso: a. il riesame dei prezzi e dei settori: l obiettivo è il giusto prezzo per il cliente. Sono stati creati nuovi settori con prezzi intermedi a quelli pagati per la curva e per la tribuna. Una efficace azione di marketing ha fatto sì che fosse creato un settore specifico denominato Tribuna famiglia, destinato a gruppi di minimo due persone appartenenti allo stesso gruppo famigliare, con l obiettivo di portare allo stadio coloro che non potevano permettersi più di un abbonamento o che preferivano passare la domenica in famiglia; b. la creazione di abbonamenti per fasce di clientela: ne sono un esempio i mini - abbonamenti creati per i soli abbonati per assistere alle tre partite di Champions League. Nel caso in cui la squadra si qualifichi alla fase successiva, lo stesso abbonamento garantisce un diritto di prelazione per l acquisto di un ulteriore mini abbonamento a prezzi più vantaggiosi. Per avvicinare i giovani (bambini fino a 10 anni) allo stadio sono stati studiati abbonamenti a prezzi molto contenuti (dalle alle ) se venduti insieme a quelli dell accompagnatore adulto; c. incremento dei servizi offerti all abbonato: meritano di essere citati gli abbonamenti magneto ottici, introdotti in via sperimentale per gli abbonati della Tribuna Monte Mario centrale e per la Tribuna d onore, che oltre all accesso attraverso appositi ingressi riservati, garantisce la possibilità di usufruire di servizi speciali, quali Medital Assistance e Club Biancoceleste. d. attivazione di una attenta campagna di comunicazione pubblicitaria e di azioni di telemarketing: le tradizionali locandine pubblicitarie sono state affiancate da una azione capillare di telemarketing, rivolta soprattutto ai vecchi abbonati, che stimolasse e accelerasse la decisione di rinnovare l abbonamento. A supporto di una tale iniziativa è stata potenziata la politica distributiva. Gli abbonamenti infatti, possono essere acquistati: presso la rete di vendita Ticket One Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 9

10 telefonicamente ( Lazio Call Center ) che consente di avere le tessere recapitate direttamente a casa via Internet (www.sslazio.it). Oltre alla vendita dio biglietti il sito offre una molteplicità di servizi per il tifoso: dalle risposte on-line di giocatori e allenatore, all anglo del tifoso, un vero mercatino virtuale nel quale è possibile vendere e comprare magliette, autografi e biglietti. Sono stati, poi, implementati una serie di servizi sia che accompagnano il tifoso alla partita che durante la settimana, quali: La Navetta Biancoazzurra che porta i tifosi allo stadio; Miniclub Lazio, un centro di intrattenimento per i bambini durante la partita Intrattenimenti all interno dello stadio, dalla partita dei Pulcini, ai concorsi a premi Abbonamento rateizzato Il Club Binacoceleste Tessera Medital Assistance, che offre ai tifosi un servizio medico d urgenza (alcuni servizi sono gratuiti, altri a pagamento ma ad un prezzo estremamente vantaggioso) Lazio Card American Express: in accordo con la Banca di Roma, non solo funziona come una normale carta di credito, ma riserva ai possessori altri vantaggi, tra cui: 3 mesi di abbonamento gratuito alla rivista della squadra, sconti del 10% per acquisti fatti presso i Lazio Point, biglietti recapitati a casa gratuitamente, offerte degli sponsor, ingresso al Programma Membership Rewards-Essential (per ogni di spese pagate con al carta si acquisisce un punto da accumulare per ottenere dei premi esclusivi della Lazio). 2. sponsorizzazioni 3. introiti derivanti dalla vendita di prodotti e servizi ai tifosi: vengono commercializzati oggetti (capi di abbigliamento, cuscini, videocassette, gadget vari ) e servizi (es. catering). I prodotti vengono venduti attraverso due modalità di vendita: a. diretta: punti vendita nella città di Roma, espositori ( corner ) all interno di grandi magazzini e negozi di sport; b. catalogo: propri e di settore FIS (Federazione Internazionale di Sci) Obiettivo principe della Fis è salvaguardare gli ideali sportivi e la promozione dello sci in più paesi possibili. Le località nelle quali si svolgono le gare sono le stazioni classiche e più prestigiose, opportunamente attrezzate per ospitare le competizioni. Esistono delle fonti che disciplinano le modalità di attuazione delle sponsorizzazioni, ed in particolare: le ICR (International Ski Competition Rules) della Federazione Internazionale di Sci che regolamentano forme, strumenti, dimensioni, collocamento degli sponsor e dettano norme per l organizzazione e lo svolgimento delle gare; protocollo d intesa FIS EBU (European Broadcasting Union), per la gestione dei diritti televisivi. Il protocollo contiene alcune disposizioni relative alla pubblicità sonora, ai colori non ammessi, contenuti e dimensioni degli sponsor, il divieto di pubblicità per alcolici, tabacchi e prodotti farmaceutici lungo il percorso di gara. Il marketing può essere uno strumento di valido aiuto per: 1. estendere la promozione dello sci in più paesi, inserendo nuovi campi di gara; 2. aumentare l audience; 3. aumentare gli introiti pubblicitari e televisivi; 4. migliorare l equità competitiva dello sci, cercando di promuovere federazioni ed atleti dei paesi meno abbienti. Aumentando il numero dei campioni appartenenti a Paesi diversi si aumenta l interesse per lo sci sia da parte del pubblico che da parte dei mass media 5. aumentare l interesse e lo spettacolo per la Coppa del Mondo di Sci Alpino. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 10

11 La comunicazione Un uomo di marketing deve necessariamente conoscere come si svolge la comunicazione. Gli elementi del processo di comunicazione, formalizzato nel 1946 da Shannon e Weawer sono sintetizzabili nel seguente schema: Codifica Decodifica Emittente MSG Canale MSG Destinatari Rumori Codice Risposta Analizziamo in maniera rapida le componenti dello schema: Emittente comunicatore: è colui che emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto; Codifica: è il processo che riguarda la trasformazione del pensiero in forma simbolica; Messaggio: è l insieme dei simboli che il comunicatore trasmette; Canale mezzo: è il canale di comunicazione attraverso il quale il messaggio passa dalla fonte al ricevente, una sorta di mezzo di trasporto dell informazione, come ad esempio: scrittura voce - suoni corpo e gestualità immagini odori. Può essere combinato, come ad esempio voce e gesti. Si possono usare altri mezzi, quali: telefono fax radio televisore registratore computer internet; Codice: è il linguaggio usato per veicolare il messaggio. Esistono diverse tipologie di codici: linguistici: lingue, dialetti, lessico aziendale, lessico gergale simbolici: numeri, formule, simboli, note musicali, linguaggio gestuale (alfabeto dei sordomunti, danza, ), alfabeto morse, alfabeto Nato (alfa, bravo, charlie, ) sonori: musica, rumori, silenzio. Decodifica: è il processo mediante il quale chi riceve dà significato ai simboli trasmessi dalla fonte; Destinatario ricevente: è colui che riceve il messaggio; Risposta: è l insieme di reazioni che il ricevente ha dopo essere stato esposto al messaggio; Rumori: sono le distorsioni non pianificate che si manifestano durante il processo di comunicazione, per cui al ricevente arriva un messaggio diverso da quello emesso alla fonte. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 11

12 Un attenzione particolare merita l analisi dei rumori, o filtri, della comunicazione. Ci si rende particolarmente conto della loro presenza e quindi della necessità di eliminarli, osservando i risultati di uno studio fatto da IBM, secondo il quale, in 60 secondi di comunicazione: SI PENSANO 2000 PAROLE SI DICONO 120 PAROLE SI ASCOLTANO 60 PAROLE SI ACCETTANO 30 PAROLE SI TRATTENGONO 20 PAROLE Il messaggio emesso dalla fonte non viene ricevuto dall emittente nel modo esatto in cui è stato trasmesso, per via di uno dei tre seguenti elementi: attenzione selettiva: un individuo non è in grado di considerare ed osservare tutte le cose che si svolgono intorno a lui; distorsione selettiva: ogni individuo modifica il messaggio che riceve per adattarlo ai suoi desideri e alle sue aspettative; ricordo selettivo: si ricorda solo una minima parte dei messaggi ricevuti (circa il 30%; studi sulla curva della memoria dimostrano che si ricordano di più le prime e le ultime informazioni ricevute). Tanto chi invia quanto chi riceve il messaggio mette in atto una serie di mezzi per filtrare e selezionare ciò che comunica e riceve. Questo può essere dovuto a meccanismi non sempre coscienti, in quanto ciascuno di noi ha come metro di riferimento un complesso insieme di norme decisionali che siamo venuti apprendendo nel corso della nostra vita e che riflettono una serie di fattori specifici: immagine di se stessi immagine dell altra persona definizione della situazione idee precostituite motivazioni, stati d animo, intenzioni, atteggiamenti, aspettative. Ad esempio, è stato notato che ogni volta che comunichiamo con altre persone, ci sono, nella nostra comunicazione, una serie di messaggi diversi uno dall altro: ciò che vorremmo significare ciò che noi realmente diciamo ciò che l interlocutore sente ciò che l interlocutore ritiene di aver sentito ciò che l interlocutore dice ciò che noi riteniamo l altra persona abbia detto. Da tutto questo risulta evidente la necessità di saper gestire al meglio il processo di comunicazione per capire e farsi capire dagli altri. Di seguito, sono elencati, a titolo esemplificativo, alcuni dei principali filtri che ostacolano la comunicazione: preoccupazione blocco emozionale ostilità carisma distrazione ricordo di una esperienza passata linguaggio stereotipi ambiente fisico meccanismi di difesa dell io status particolare incongruenza tra verbale e non verbale. La comunicazione non è solo un fattore verbale, tant è che l assioma della pragmatica della comunicazione sostiene che: Non si può non comunicare: qualsiasi tipo di comportamento osservabile è comunicazione. Tutti noi comunichiamo, per esempio, attraverso il modo in cui vestiamo e ci muoviamo, mediante le nostre espressioni gestuali e senza "aprire bocca" molto spesso comunichiamo il nostro carattere, gli stati d'animo, i sentimenti, ecc.. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 12

13 La Programmazione Neuro-Linguistica (P.N.L.) insegna che esistono tre modalità di comunicazione principali: Visivo: persona che utilizza soprattutto il senso della vista per percepire il mondo e basa le sue decisioni sulle immagini che riceve. Uditivo: persona che utilizza soprattutto il senso dell'udito per percepire il mondo e che dipende dalle parole per le informazioni che decidono il suo comportamento. Cinestetico; persona che procede attraverso le sue esperienze usando l'intuizione. Usa il "sesto senso" nel prendere decisioni vitali. Percepisce il mondo attraverso ciò che sente a livello "viscerale". Possiamo integrare il senso dell'olfatto, del tatto e del gusto in questa modalità. Capire quale è il canale preferenziale utilizzato dall emittente o dal ricevente per dare o ricevere informazioni è fondamentale, in quanto permette di creare un feeling, di sintonizzarsi sulla stessa frequenza, eliminando in parte filtri e rumori. Una persona sarà portata a sviluppare maggiormente uno dei tre canali di conoscenza sopra esposti; ma non bisogna dimenticare che tutti i 5 sensi intervengono nel processo di comunicazione. Uno studio condotto dalla ESSO dimostra che: SI RICORDA MEDIAMENTE : VISTA 26% ODORATO 18% GUSTO 32% TATTO 13% UDITO 11% SI APPRENDE: VISTA 83% ODORATO 3.5% GUSTO 1% TATTO 1.5% UDITO 11%. McClelland, uno psicologo ricercatore del Mit (Massachusset Institute of Technology), sostiene che il comportamento dell'uomo non è determinato dai bisogni ma da orientamenti motivazionali che, a seconda della persona, si classificano tra Potere, Affiliazione e Realizzazione. Egli definisce simpaticamente chi si identifica con uno dei tre orientamenti, rispettivamente: B-POT: è colui che si preoccupa di: Influire attraverso azioni di forza Suscitare negli altri emozioni positive o negative Acquisire una reputazione o una posizione Avere il controllo delle situazioni. B-AFF: è colui che si preoccupa di: Fare parte di un gruppo o di una squadra Essere accettato e ben voluto Mantenere rapporti interpersonali positivi Affrontare situazioni di lavoro insieme con altri Ridurre al minimo le situazioni conflittuali B- REAL: è colui che si preoccupa di: Fare meglio degli altri Rispettare o superare un criterio autoimposto di eccellenza Sforzarsi di creare un contributo esclusivo Fissare obiettivi di lungo termine Pianificare per superare gli ostacoli personali, di lavoro e di altro genere. Riconoscere questi stati nelle persone aiuta a comunicare, a conoscere ed a instaurare un rapporto. È, quindi un altro strumento da applicare per cercare di eliminare filtri e barriere della comunicazione, favorendo il passaggio del messaggio nella maniera meno distorta possibile. Oltre a ciò essi si configurano anche come leve di carattere motivazionale, cioè elementi da utilizzare per dare una carica alle persone. Sono pertanto utilizzabili per far salire la febbre motivazionale all interno dei team, ottimizzando i risultati personali degli atleti e quelli dell intera squadra. Muaro Cavallone per CONI Bergamo 12 Novembre Il Marketing Sportivo 13

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE AZIENDALE LA COMUNICAZIONE AZIENDALE Attività finalizzata a trasmettere particolari contenuti a determinati destinatari FATTORI STRUTTURALI EMITTENTE CODICE STRUMENTI MESSAGGIO CANALE AUDIENCE Presidente - Consiglio

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA Il rapporto di necessità fra comunicazione e sponsorizzazioni PROGETTO MANAGER FIDAF IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA a cura di EUGENIO MEINI CONCETTI DI MARKETING Il marketing è inutile quanto

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento evento Scaricato da Bologna, 26 ottobre 2007 www.largoconsumo.info IL BACINO DEI TIFOSI DELLA SERIE A 2 I TIFOSI DELLE SQUADRE DI SERIE A Oltre

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Formazione Manageriale e Comportamentale

Formazione Manageriale e Comportamentale Formazione Manageriale e Comportamentale La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Manageriale e Comportamentale 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA

Dettagli

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione:

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: PROFILE La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: La Kick Off Group nasce con la prospettiva di offrire al mercato il proprio know how, basandosi sull esperienza

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Marketing

Ciclo di formazione per PMI Marketing Ciclo di formazione per PMI Marketing Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business Ciclo

Dettagli

prima fila in prima fila

prima fila in prima fila con la tessera del tifoso vivi lo spettacolo in prima fila prima fila in La tessera del tifoso è il futuro per tutte le Società calcistiche che traggono, ogni domenica, energia dal cuore pulsante dei tifosi.

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

chi siamo - La disponibilità a mettere a fattor comune risorse ed esperienze non è molto

chi siamo - La disponibilità a mettere a fattor comune risorse ed esperienze non è molto retro copertina chi siamo - La disponibilità a mettere a fattor comune risorse ed esperienze non è molto frequente tra società sportive che per natura sentono ancora molto lo spirito campanilistico e ancora

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT Lo sport in Italia, è uno dei pochi settori in crescita costante che richiede nuovi professionisti in grado di affiancare alla passione le conoscenze tecniche e

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism CONSULTING Trend, Strategy & Marketing in Tourism TSM Consulting vuole dare un contributo sostanziale al settore del turismo, migliorando la comprensione e la soddisfazione della domanda e aumentando la

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Gp.Studios - Via del Cavone7, 47100 Forlì Tel e Fax +39 0543 84099 - www.gpstudios.it - info@gpstudios.it

Gp.Studios - Via del Cavone7, 47100 Forlì Tel e Fax +39 0543 84099 - www.gpstudios.it - info@gpstudios.it Gp.Studios - Via del Cavone7, 47100 Forlì Tel e Fax +39 0543 84099 - www.gpstudios.it - info@gpstudios.it L azienda Gp.Studios GP.Studios è una società di Consulenza e di Formazione che opera nell ambito

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management Presentazione ed Obiettivi del corso La fase storica che l Italia sta attraversando si caratterizza, tra le altre cose, per un mercato del lavoro le cui dinamiche sono molto cambiate rispetto al passato

Dettagli

PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING 2009-2012

PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING 2009-2012 Area Comunicazione e Marketing PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING 2009-2012 Bologna, 10 gennaio 2009 Sintesi del programma - Comprenderne la visione. - Analizzarne la struttura organica

Dettagli

Glossario di Marketing

Glossario di Marketing Viale Atlantici, 65/a - 82100 Benevento Tel: +39.0824.334189 Fax: +39.06.23318693 www. info@ www. Glossario di Marketing Advertising O pubblicità. E il termine che indica le forme e i servizi di comunicazione

Dettagli

LA MOSTRA TEMPORANEA Il caso: «La Forza del Bello»

LA MOSTRA TEMPORANEA Il caso: «La Forza del Bello» LA MOSTRA TEMPORANEA Il caso: «La Forza del Bello» Evento culturale - Servizio «Esposizione delle opere di uno o più artisti» Concetto evoluto nel tempo - Differenze 1^ Differenza: il LUOGO* Permanente

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Presentazione. Stagione 2011/201. ASD Pallavolo Nottolini Capannori /2012

Presentazione. Stagione 2011/201. ASD Pallavolo Nottolini Capannori /2012 Presentazione ASD Pallavolo Nottolini Capannori Stagione 2011/201 /2012 Associazione Sportiva Dilettantistica Pallavolo Nottolini Capannori è una società sportiva che opera nel mondo della pallavolo femminile

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale)

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) VERSO UN NUOVO UMANESIMO ECONOMICO E nata una nuova

Dettagli

SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E BRAND EQUITY

SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E BRAND EQUITY UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - Milano - FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Scienze dell'economia e della Gestione Aziendale QUADERNI DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE GESTIONE

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Marketing per lo sport. A cosa serve il marketing per le società sportive

Marketing per lo sport. A cosa serve il marketing per le società sportive Marketing per lo sport A cosa serve il marketing per le società sportive Cosa e il marketing e a cosa serve? Molti confondono il marketing con le attività promozionali, altri con la vendita. Proviamo a

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

S AZ A I Z PUB U B B LI L C I ITA T R A I R DIS I P S ONI N B I I B L I I

S AZ A I Z PUB U B B LI L C I ITA T R A I R DIS I P S ONI N B I I B L I I F.C.D. VIGNAREAL Centro Sportivo Comunale --- via Lazzaretto, 20060 Vignate (MI) C.F. 91586850157 --- P.IVA 09134560961 Telefono: 0295360922 --- E-mail: info@fcdvignareal.it --- Sito: www.fcdvignareal.it

Dettagli

MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE

MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN MARKETING E COMUNICAZIONE Istituito a Cagliari nel 2000 da Interforma, il Master in Marketing e Comunicazione, è un corso postlaurea e professionale della durata di 6 mesi

Dettagli

Creare e Gestire una ASD vincente

Creare e Gestire una ASD vincente CONI Point Latina Corso per Dirigenti e Operatori Sportivi delle ASD Creare e Gestire una ASD vincente L Organizzazione del Settore Tecnico - Comunicare con Successo - Strategie di Marketing SABAUDIA,

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

2011/2012 PIANO DI MARKETING

2011/2012 PIANO DI MARKETING 2011/2012 PIANO DI MARKETING A pallacanestro si gioca con la testa e con il cuore 2 PERCHE LA PALLACANESTRO E uno sport che richiede doti di coraggio, generosità, abnegazione, altruismo e sacrificio. La

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Che l economia internazionale stia attraversando un

Che l economia internazionale stia attraversando un 8 Il Marketing aziendale in momenti di recessione di Andrea Dari In una fase di recessione economica le aziende ben consolidate dovrebbero astenersi dal tagliare i budget per il marketing Che l economia

Dettagli

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPEN B2B L OFFERTA DEDICATA A TUTTI I PARTNER COMMERCIALI DI OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. La nostra parola

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE web applications e marketing tridimensionale COMPANY PROFILE INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE Il successo non è un obiettivo programmabile bensì la conseguenza delle

Dettagli

Centri Commerciali Naturali

Centri Commerciali Naturali Shopping Plus per i Centri Commerciali Naturali Le Fidelity Card per gli acquisti in città LA FIDELIZZAZIONE: COS È? La fidelizzazione consiste nell insieme di azioni mirate al mantenimento della clientela

Dettagli

«UNA SFIDA PER CRESCERE INSIEME»

«UNA SFIDA PER CRESCERE INSIEME» ASD UNIONE PALLAVOLO SESTESE «UNA SFIDA PER CRESCERE INSIEME» Piano Marketing e Sponsorizzazione 11/12 I VALORI DEL VOLLEY La pallavolo è uno sport di squadra da sempre molto presente nelle scuole. È particolarmente

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 2014

CORSI DI FORMAZIONE 2014 CORSI DI FORMAZIONE 2014 Gentile utente, Con grande piacere presento il nuovo catalogo per la formazione d impresa, periodo 2014, strumento indispensabile per pianificare gli interventi formativi delle

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

ITALIA TEAM. Cinque grandi Partner per accompagnare la Squadra Olimpica italiana

ITALIA TEAM. Cinque grandi Partner per accompagnare la Squadra Olimpica italiana ITALIA TEAM. Cinque grandi Partner per accompagnare la Squadra Olimpica italiana A cinque mesi dallo startup ufficiale di Italia Team, Octagon e Assist danno il benvenuto a cinque aziende leader e presentano

Dettagli

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Prima parte - Parleremo di evoluzione della comunicazione btb Ma le aziende btb comunicano? Come cambia la comunicazione btb

Dettagli

il tuo sviluppo concreto

il tuo sviluppo concreto BROCHURE 2015 Navigare necesse est, vivere non necesse il tuo sviluppo concreto 01 Coerenza: Siamo prima di tutto imprenditori che applicano le tecniche che forniamo 02 Responsabilità: ci sentiamo e comportiamo

Dettagli

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI 1 CONOSCERE IL PROPRIO PUBBLICO Tutte le attività commerciali, prima di programmare qualsiasi tipo di strategia di marketing, DEVONO

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

MODULO Sistema azienda, organizzazione e strategie nelle imprese

MODULO Sistema azienda, organizzazione e strategie nelle imprese MODULO Sistema azienda, organizzazione e strategie nelle imprese L impresa albergo L organizzazione aziendale e le funzioni operative Corporate internazionali e organizzazioni alberghiere Organizzazione

Dettagli

USI facoltà di scienze economiche 29.11.2002. Marco Citterio Benedetta Daldini Daniele Pedrioli Davide Pizzetti. FI+marketing.doc pag.

USI facoltà di scienze economiche 29.11.2002. Marco Citterio Benedetta Daldini Daniele Pedrioli Davide Pizzetti. FI+marketing.doc pag. by Marco Citterio Benedetta Daldini Daniele Pedrioli Davide Pizzetti FI+marketing.doc pag. 1 di 7 Introduzione Il drive-in situato a Rivera si prefigge di portare una novità nell ambito dell intrattenimento

Dettagli