LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa"

Transcript

1 LA POLITICA ECONOMICA La teoria normativa 1

2 Questioni affrontate a) Le autorità di politica economica devono intervenire nell economia, oppure dovrebbero limitare al minimo i propri interventi e lasciare il mercato libero di agire? b) Qualora decidano di intervenire, quali sono gli strumenti più efficaci per raggiungere gli obiettivi che si sono prefissi? c) Esiste una politica economica ottimale ed in che modo può essere determinata? 2

3 Intervento pubblico Teoria della politica economica: Normativa: cosa dovrebbe fare l operatore pubblico agendo razionalmente Positiva: comportamento reale dell operatore pubblico (fallimenti del non mercato ) La formulazione di una teoria sia normativa sia positiva dell intervento pubblico fornisce indicazioni sul ruolo relativo da assegnare alle istituzioni Stato e mercato nella regolazione delle attività economiche 3

4 La teoria normativa La teoria normativa della politica economica ricerca le regole di condotta tendenti a influire sui fenomeni economici in vista di orientarli in un senso desiderato ; essa studia quindi il tema di come il responsabile di politica economica (policy maker) dovrebbe agire La teoria normativa dell intervento pubblico, dunque, fornisce l apparato concettuale per l adozione di decisioni coordinate e coerenti di politica economica (programmazione) 4

5 Programmazione economica Adottare decisioni coordinate e coerenti di politica economica, considerando il complesso delle finalità di politica (obiettivi) l'insieme delle azioni possibili (strumenti) L esigenza di coordinamento degli interventi di politica economica deriva da: Molteplicità di strumenti disponibili Molteplicità di obbiettivi Legame fra le scelte in vari periodi 5

6 Elementi costitutivi programma: 1. Obiettivi 2. Strumenti 3. Modello di analisi 6

7 Obiettivi e strumenti di politica economica Una importante distinzione è quella tra strumenti e obiettivi. Gli obiettivi finali sono macrovariabili che il politcymaker intende modificare (reddito, produzione, livello dei Prezzi, tasso di disoccupazione, bilancia commerciale), Gli strumenti sono variabili che si intendono manovrare al fine di influenzare l obiettivo finale (es. la spesa pubblica, le imposte, i trasferimenti dello stato, l offerta di moneta, il tasso ufficiale di riferimento, ect..). I legami tra obiettivi e strumenti sono definiti e analizzati nei modelli economici. 7

8 Come esprimere gli obiettivi 1.Obiettivi fissi se predeterminati dai politcymaker 2. Obiettivi flessibili se derivati dalla massimizzazione di una funzione del benessere sociale. 8

9 Classificazioni degli strumenti 1. Politiche quantitative, qualitative (riforme) modifica del valore di uno strumento esistente (aumentare la spesa pubblica del 1%) introduzione di un nuovo strumento o nell'eliminazione di uno strumento esistente (eliminare gli albi professionali) 2.Controllo diretto e indiretto Introduzione dell obbligo dei depuratori Variazione del tasso di sconto banche credito 3.Misure discrezionali e regole automatiche Introduzione dell IMU nel 2012 Tassazione progressiva (quando l economia cresce aumenta il prelievo sul PIL e vice versa) 9

10 Gli obiettivi possono inoltre essere: Obiettivi intermedi che si riferiscono a quelle macro-variabili a metà strada tra strumenti e obiettivi finali. Spesso questi obiettivi intermedi offrono il vantaggio di poter essere controllati e di verificare l efficacia di una politica economica (se variamo la base monetaria BM avremo modificato lo stock di moneta M e quindi ci si può aspettare l aumento del reddito Y) Generalmente gli obiettivi specifici intermedi sono: a) Il livello dei tassi di interesse (per i keynesiani); b) Lo stock complessivo di moneta (scuola monetarista). Per i keynesiani l obiettivo intermedio del tasso di interesse deve essere assunto dalla politica economica come ausiliare o accomodante ad una politica fiscale espansiva. Un aumento di G che sposta verso destra la ls determina un aumento di Y ma altresì del tasso di interesse. Se la banca centrale aumenta lo stock di moneta spostando la LM verso destra stabilizza contemporaneamente i tassi di interesse. Altri obiettivi intermedi sono il Credito totale interno (credito privato e fabbisogno pubblico), il tasso di cambio e l inflation targeting. 10

11 Modelli economici positivi e normativi La teoria della politica economica è principalmente fondata sul concetto di modello di politica economica, o modello di strategia o di decisione, alla cui base si trova tuttavia un modello di economia politica, o modello di analisi: infatti non si può pensare di intervenire per modificare gli aspetti non soddisfacenti di un sistema economico se non si dispone di uno schema interpretativo di come il sistema economico stesso funziona. 11

12 In termini generali, un modello di economia politica è un insieme di relazioni causali fra le diverse variabili economiche, normalmente espresse da un insieme di equazioni, che descrivono il funzionamento del sistema economico a livello aggregato (modello macroeconomico) o disaggregato (modello microeconomico). Consideriamo un modello macroeconomico. La soluzione del modello di analisi determina il valore di alcune variabili endogene (ad es. il reddito, l occupazione, il livello dei prezzi, ecc.) sulla base dei valori noti di alcune variabili esogene (ad es. l ammontare della spesa pubblica, l aliquota fiscale, la base monetaria, ecc.) e del comportamento dei soggetti economici. 12

13 La descrizione della realtà attraverso un modello economico, anche se a livello necessariamente astratto e semplificato, permette di evidenziarne quegli aspetti che il policy maker ritiene non soddisfacenti o non coerenti con gli obiettivi che si pone. Pertanto, le grandezze che vengono determinate nel modello economico (esempio il reddito, l occupazione, il livello dei prezzi, ecc.) nel modello di politica economica vengono considerate degli obiettivi, quindi esogenamente dati dall esterno del modello stesso. La soluzione del modello di decisione determina allora il valore delle variabili scelte per essere strumento della politica economica (ad es. l ammontare della spesa pubblica, il valore dell aliquota fiscale, la base monetaria, ecc.) che nel modello di analisi erano dei dati. Il modello economico di partenza deve quindi essere in qualche modo rovesciato per essere trasformato in un modello che guidi l azione del policy maker. 13

14 Per giungere alla formulazione di un modello di politica economica occorre quindi un modello di analisi di riferimento, da trasformare in modello normativo, nonchè l indicazione dell obiettivo (o degli obiettivi) da conseguire. Il modello di analisi sarà diverso a seconda della scuola di pensiero cui si fa riferimento; in presenza di impostazioni teoriche fortemente differenziate, la scelta del modello di analisi cui fare riferimento riflette una impostazione ideologica che il policy maker fa propria, più o meno consciamente. Non occorre sottolineare che, a parità di obiettivo del policy maker, una diversa interpretazione del funzionamento del sistema economico comporta diverse strategie di politica economica. 14

15 Il modello in forma strutturale Il modello è un modello di analisi (insieme di relazioni che rappresentano, di norma in termini matematici attraverso equazioni, il processo economico in modo astratto e semplificato) in forma strutturale (rappresenta le connessioni fra le grandezze economiche così come vengono suggerite dall analisi economica). 15

16 Le equazioni a loro volta possono essere: a) Comportamentali (la dell investimento); funzione del consumo o b) Definitorie (che sono delle identità) come la spesa aggregata A=C+G+I; c) Di equilibrio (es l equilibrio del mercato dei beni A=Y) d) Tecniche o istituzionali (esempio la funzione di produzione) Nel modello sono presenti variabili endogene variabili esogene parametri. Nel modello in forma strutturale le variabili endogene sono espresse in funzione delle variabili endogene stesse, delle variabili esogene e dei parametri. 16

17 Variabili endogene/esogene Le variabili esogene sono quelle variabili che determinano altre variabili, ma non ne sono influenzate. - tra le variabili esogene vi sono: a)le variabili strumento del policy maker b) delle variabili esogene non controllabili Le variabili endogene sono quelle che possono anche determinare il valore di qualche variabile, ma il cui valore dipende, comunque, da altre variabili tra le variabili endogene vi sono a) le variabili obiettivo del policymaker b) le variabili libere (non considerate obiettivi, dette anche irrilevanti) La distinzione non è assoluta ma dipende dal modello teorico di riferimento 17

18 Modello Keynesiano (semplice) forma strutturale C=C 0 +cy A=C+I+G Y=A (1) equazione comportamentale (2) equazione definitoria (3) equazione di equilibrio 18

19 Il modello in forma ridotta Il modello in forma ridotta si ottiene a partire da quello in forma strutturale, ponendo in equilibrio Y = A ed esprimendo le variabili endogene in termini delle sole variabili esogene e dei parametri. La forma ridotta del modello di analisi è il punto di partenza per la definizione del modello di politica economica (o modello normativo) che rappresenta lo strumento teorico essenziale per la determinazione delle politiche quantitative più appropriate. 19

20 Modello Keynesiano (semplice) forma ridotta Per passare alla forma ridotta basta sostituire la 2 nella 3 ottenendo: Y=C+I+G (4) e poi la 1 nella 4 ottenendo: Y=C 0 +cy+i+g Da cui risolvendo per Y Y= (1/1-c) (C 0 +I+G) Forma ridotta del modello La variabile endogena Y è funzione delle variabile esogene e dei parametri. 20

21 Dal modello in forma ridotta al modello di politica economica La forma ridotta del modello di analisi è il punto di partenza per la definizione del modello di politica economica (o modello normativo) che rappresenta lo strumento teorico essenziale per la determinazione delle politiche quantitative più appropriate. Nel modello di politica economica le variabili endogene del modello di analisi in forma strutturale vengono considerate come note, e possono rappresentare gli obiettivi del responsabile di politica economica. In generale, non tutte le variabili endogene sono necessariamente considerate degli obiettivi per il policy maker (e in tal caso sono delle variabili libere) Alcune variabili esogene del modello di analisi vengono considerate come incognite, e rappresentano gli strumenti a disposizione. In generale non tutte le variabili esogene sono manovrabili dal policy maker (e in tal caso sono delle variabili esogene non controllabili) Ricordiamo che per obiettivo della politica economica si intende un traguardo dell azione dell autorità pubblica (es. occupazione N*), mentre per strumento si intende una variabile che viene usata dal responsabile di politica economica per raggiungere un fine desiderato (esempio G). 21

22 Modello Keynesiano (semplice) obiettivo di politica economica Il passaggio al modello di politica economica, comporta però l individuazione dello strumento (che nel nostro caso è G) il quale diventa l incognita del problema. Il problema ha soluzione in quanto è soddisfatta la regola di Tinbergen: n. strumenti=n.obiettivi (nel nostro esempio entrambi pari a 1). Da notare che il numero di obiettivi coincide con il n. di equazioni della forma ridotta. 22

23 Il modello di politica economica esempio Dato un valore desiderato da raggiungere per il reddito poniamo Y=Y*, determiniamo la cosiddetta forma ridotta inversa, partendo dalla forma ridotta: Y= (1/1-c) (C 0 +I+G) Forma ridotta - (1/1-c)G= - Y*+(1/1-c)(C 0 +I) G*= (1-c)Y*-(1-c) (1/1-c)(C 0 +I) G*=(1-c)Y*- I- C 0 Forma ridotta inversa L equazione mostra quale valore deve assumere lo strumento (G) per raggiungere l obiettivo Y*. 23

24 Riassumendo Forma strutturale e ridotta Modello di politica economica La forma strutturale è un sistema di equazioni che descrive come funziona l economia La forma ridotta esprime le variabili endogene in funzione di quelle esogene. La forma ridotta del modello di analisi è il punto di partenza per la definizione del modello di politica economica (o modello normativo) che rappresenta lo strumento teorico essenziale per la determinazione delle politiche quantitative più appropriate. 24

25 L olandese Tibergen (1956) ha contribuito alla definizione dei modelli di politica economica con la regola aurea di politica economica secondo cui in un modello è necessario individuare lo strumento e ad ogni strumento di politica economica coincide un obiettivo (n.strumenti=n.obiettivi). Ad ogni obiettivo coincide una equazione in forma ridotta. Condizione necessaria perché un problema di politica economica abbia soluzione è che il numero degli strumenti deve essere uguale o superiore al numero degli obiettivi. 25

26 La regola aurea (Tinbergen) Consideriamo un policymaker con X obiettivi fissi Se il numero di strumenti indipendenti di cui dispone è almeno pari al numero dei suoi obiettivi, sarà in grado di ottenere tutti i target Se gli strumenti sono Y: Y=X con gli Y controlla le X variabili obiettivo Y>X sistema sovradeterminato: problema della scelta degli strumenti Y<X sistema sotto-determinato: in generale, non può ottenere i target per le sue variabili obbiettivo!!! 26

27 Il modello di politica economica con obiettivi fissi Si hanno obiettivi fissi quando gli obiettivi dell autorità pubblica sono espressi attraverso precisi valori numerici (Nell esempio Y=Y*). La soluzione di un problema di politica economica espresso in termini di obiettivi fissi consiste nel determinare in che misura il policy maker deve agire sulle variabili strumentali per poter raggiungere gli obiettivi che si è posto. Per giungere a tale soluzione occorre che dal modello di analisi in forma ridotta si passi alla forma ridotta invertita, in cui si considerano come variabili endogene gli strumenti (nell esempio G) e come variabili esogene gli obiettivi. 27

28 Caso A Un obiettivo fisso, uno strumento Partendo dal nostro modello in forma ridotta, il responsabile di politica economica si pone solo l obiettivo del livello del reddito (Y = Y* ) ed ha a disposizione lo strumento della spesa pubblica. Condizione necessaria perché un problema di politica economica abbia soluzione è che il numero degli strumenti deve essere uguale o superiore al numero degli obiettivi. Nel nostro esempio il problema di politica economica ha soluzione. 28

29 Caso B Due obiettivi fissi, due strumenti Partiamo dal modello IS-LM in forma strutturale: C=C 0 +cy (1) (eq.comportamentale) I=I 0 - di (2) (eq. Comportamentale) Y=C+I+G (3) (eq. Equilibrio) M D /P= L=kY-hi (4) (eq. comportamentale) M S /P=M/P (5) (eq. Istituzionale) M D /P=M S /P (6) (eq. Equilibrio) P=P 0 29

30 Caso B Due obiettivi fissi, due strumenti Variabili endogene obiettivo: Y e i Variabili esogene strumento: G e M S Affinchè il problema di politica economica abbia soluzione il n degli strumenti deve essere almeno pari al numero degli obiettivi. Il numero di equazioni in forma ridotta deve essere almeno pari al numero degli obiettivi 30

31 Caso B Due obiettivi fissi, due Y=(1/1-c) (C 0 + I 0 +G-di) i=(k/h)y (1/h)(M/P) strumenti Curva IS Curva LM Le due equazioni rappresentano la forma ridotta del modello economico. Il sistema di due equazioni in due incognite permette di calcolare i valori di G e di M che insieme consentono di raggiungere gli obiettivi fissi (Y e i) indicati dal policy maker. 31

32 Caso B Due obiettivi fissi, due strumenti Dalla soluzione del sistema otteniamo: Y = α(a 0 +G) + β (M/P) Dove α = 1/[(1-c)+kd/h] α=moltiplicatore della politica fiscale β = 1/[(1-c)h/d +k] β =moltiplicatore della politica monetaria 32

33 Caso B Due obiettivi fissi, due strumenti Le equazioni IS LM rappresentano la forma ridotta del modello. Essa ci permette di calcolare, attraverso un esercizio di statica comparata, i valori delle variabili endogene in corrispondenza di ogni livello, e variazione, delle variabili esogene. Nello specifico del nostro esempio, ci consente di trovare il livello di equilibrio del reddito e del tasso di interesse per dati livelli della spesa pubblica e/o dell offerta di moneta, nonché di determinare come variano il reddito ed il tasso di interesse al variare della spesa pubblica e/o dell offerta di moneta. 33

34 Caso B Due obiettivi fissi, due strumenti La forma ridotta del modello di analisi è il punto di partenza per la definizione del modello di politica economica (o modello normativo) che rappresenta lo strumento teorico essenziale per la determinazione delle politiche quantitative più appropriate. 34

35 Caso B. Il modello di politica economica Ricordiamo che nel modello di politica economica le variabili endogene del modello di analisi in forma strutturale vengono considerate come note, e rappresentano gli obiettivi del responsabile di politica economica, mentre le variabili esogene del modello di analisi vengono considerate come incognite, e rappresentano gli strumenti a disposizione. 35

36 Caso B. Il modello di politica economica La soluzione di politica economica comporta pertanto una volta fissati dei valori desiderati per le variabili obiettivo (Y* e i*) e date le variabili esogene non strumentali, nonché i valori numerici dei parametri (α e β), l ottenimento dei valori per le variabili strumentali (G*, strumento di politica fiscale, e M*, strumento di politica monetaria) 36

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

INDICE. Prefazione... Pag. XI. Capitolo 1 LA MONETA

INDICE. Prefazione... Pag. XI. Capitolo 1 LA MONETA INDICE Prefazione... Pag. XI Capitolo 1 LA MONETA 1. I temi trattati..................... Pag. 3 1.1. La moneta: una definizione problematica..................» 4 1.2. La moneta come mezzo di scambio.....................»

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che

Dettagli

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 1. Le funzioni dell investimento e del consumo sono, rispettivamente: I = 70 310 r C = 60 + 0,8 Y Rappresentarle entrambe. Mostrare nello stesso

Dettagli

2 Il modello reddito - spesa

2 Il modello reddito - spesa 2 Il modello reddito - spesa Il modello reddito-spesa (RS) è la rappresentazione più semplificata dell analisi keynesiana e costitutisce il primo passo verso la costruzione del modello più generale a quattro

Dettagli

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2.

Macroeconomia, Esercitazione 2. Macroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1.1 Domanda e Offerta aggregate/1 In un sistema economico privo di settore pubblico,

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Prezzi vischiosi e domanda aggregata

Prezzi vischiosi e domanda aggregata Prezzi vischiosi e domanda aggregata Ciò che rende differente il lungo periodo dal breve è il comportamento dei prezzi. Nel lungo periodo i prezzi sono flessibili, nel breve sono vischiosi. Il fatto che

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

KEYNES E IL MODELLO IS-LM

KEYNES E IL MODELLO IS-LM Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 KEYNES E IL MODELLO IS-LM Fabio

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione Prof. Gianmaria Martini Cosa studia l economia L economia è la scienza delle decisioni di soggetti razionali

Dettagli

CAP. 2 - ESEMPIO 2.2 FORMA RIDOTTA E FORMA STRUTTURALE

CAP. 2 - ESEMPIO 2.2 FORMA RIDOTTA E FORMA STRUTTURALE ESEMPI ED ESERCIZI CP.2 - ESEMPIO 2.1 - VRIILI ESOGENE ED ENDOGENE CP. 2 - ESEMPIO 2.2 FORM RIDOTT E FORM STRUTTURLE CP. 2 ESERCIZI NUMERICI D RISOLVERE CP. 3 - ESERCIZI NUMERICI D RISOLVERE CP. 6- ESEMPIO

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione Modulo 2 Domanda aggregata e livello di produzione Esercizio. In un sistema economico privo di settore pubblico, la funzione di consumo è: C = 200 + 0.8Y; gli investimenti sono I= 50. a) Qual è il livello

Dettagli

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1 LA TEORIA DEL REDDITO NAZIONALE (*) COMPETENZE ABILITA /CAPACITA

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1,

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1, Esercitazione 8 Domande 1. Si consideri un economia per cui il coefficiente di liquidità sia pari a Cl = 5%, mentre il coefficiente di riserva è Cr = 3%. a) Si calcoli il moltiplicatore monetario. b) Se

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 3

Economia Monetaria - Slide 3 1 Economia Monetaria - Slide 3 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)%

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% EFFETTI DEL PROTEZIONISMO SULLA BILANCIA DEI PAGAMENTI (cfr. G. Mankiw, Macroeconomia, Zanichelli) Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% Sipuòdimostrarechel a3uazionediformeprotezionis7cheproducesulla

Dettagli

N.B. IL PROGRAMMA DEL CORSO FA RIFERIMENTO AL CORSO TENUTO NELL' A.A. 2005 2006 PROF. ANDREA MARIO LAVEZZI

N.B. IL PROGRAMMA DEL CORSO FA RIFERIMENTO AL CORSO TENUTO NELL' A.A. 2005 2006 PROF. ANDREA MARIO LAVEZZI ECONOMIA POLITICA (9 CFU) Corso per Operatore della Pubblica Ammistrazione Facoltà di Giurisprudenza Università di Palermo Polo didattico di Agrigento A.A. 2010-2011 1 N.B. IL PROGRAMMA DEL CORSO FA RIFERIMENTO

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Capitolo 7 Z La politica monetaria

Capitolo 7 Z La politica monetaria Capitolo 7 Z La politica monetaria Sommario Z 1. Obiettivi finali, intermedi e operativi. - 2. Gli strumenti della politica monetaria. - 2.1 La manovra delle riserve obbligatorie. - 2.2 Le operazioni di

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Vincenzo Di Vita Compendio di Economia politica Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Tutti gli argomenti oggetto delle prove d esame Copyright 2011 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (prima parte del programma), 30.10.2015. PARTE

Dettagli

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento INDICE XVII 1 2 4 5 Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento 1.1 1.2 1.3 1.4 L'oggetto della macroeconomia

Dettagli

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 11 IL MODELLO DI MUNDELL-FLEMING IN CAMBI FLESSIBILI Cambi flessibili un deprezzamento sposta la BP verso il basso; un apprezzamento sposta la BP verso l alto. Poiché

Dettagli

Risparmio, accumulazione di capitale e produzione

Risparmio, accumulazione di capitale e produzione Lezione 13 (BAG cap. 12) Risparmio, accumulazione di capitale e produzione Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Il tasso di risparmio Tasso di risparmio di una economia: rapporto

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Stefania Spaziani ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Collana Didattica 14 Stefania Spaziani, Eserciziario di Macroeconomia e Politica Macroeconomica Copyright 2015 Tangram Edizioni

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Facoltà di giurisprudenza

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Facoltà di giurisprudenza UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Facoltà di giurisprudenza CAPITOLO IL MODELLO KEYNESIANO CAPITOLO 2 IL MODELLO DI HICKS CAPITOLO 3 domanda ed offerta aggregata DISPENSE a cura del Prof. A. PELOSI.. cenni

Dettagli