LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA"

Transcript

1 LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA Idice Lisa degli esempi applicaivi Iroduzioe Il modello lieare. Aalisi ecoomica ed aalisi ecoomerica Primi obieivi dell Ecoomeria. I modelli e il lugo periodo Modelli saici e diamici Il seiero di equilibrio di lugo periodo La edeza di lugo periodo come modello semilogariimico Approssimazioe del saggio di crescia Primi caraeri delle serie soriche: edeza, sagioalià e ciclo.3 La sima dei miimi quadrai (OLS) della edeza lieare.4 I residui.5 Il breve e il lugo periodo.6 Le sime dei miimi quadrai (OLS) el modello lieare semplice.7 L ierpreazioe saisica.8 La scomposizioe della deviaza e il coefficiee di deermiazioe Il coefficiee di deermiazioe o cerao Cauela ell uso del coefficiee di deermiazioe Elimiazioe della edeza lieare co ua differeza prima.9 Sima di ua fuzioe del cosumo Coefficiee di deermiazioe e scela del modello Omogeeià dei dai No liearià rispeo alle variabili. Propesioe media ed elasicià

2 L elasicià. Alri esempi La legge di Oku Relazioe ra asso di cambio omiale e prezzi relaivi Appedice. Serie soriche, dai sezioali e logiudiali Dai logiudiali Appedice. Complemei aaliici Appedice.3 Appedice.4 Differeza prima logarimica Le codizioi sufficiei per la sima dei miimi quadrai Nullià del ermie miso ella scomposizioe della deviaza oale 3 L ambiee socasico 3. I residui come ei aleaori: le ipoesi deboli 3. Defiizioi e risulai ell approccio socasico Sime e simaori dei miimi quadrai Il eorema di Gauss-Markov 3.3 La correlazioe ra le variabili e ra gli simaori dei parameri La correlazioe ra gli simaori dei parameri 3.4 Le ipoesi fori sui residui Iervalli di cofideza Sima iervallare Verifiche (o es) di ipoesi Residui ormali Idipedeza i probabilià 3.5 Ifereza saisica per i parameri del modello lieare semplice Verifica di ipoesi 3.6 Ifereza saisica per la variaza dei residui Sima iervallare per σ Verifica di ipoesi lieari semplici per 3.7 Ifereza saisica per i parameri del modello lieare semplice co Errori sadard delle sime Verifica di ipoesi 3.8 Tre esempi σ Rea ierpolae il logarimo dei cosumi σ igoo

3 Fuzioe del cosumo Relazioe ra asso di cambio omiale e prezzi relaivi Appedice 3. Complemei aaliici La variaza di ua somma di variabili aleaorie La sruura di variaza covariaza ivariae rispeo ad ua cosae addiiva Gli simaori dei miimi quadrai Le variaze degli simaori dei miimi quadrai La covariaza ra gli simaori dei miimi quadrai Campo di variazioe del coefficiee di correlazioe Idipedeza socasica del umeraore e del deomiaore elle di Sude Appedice 3. Disribuzioi di probabilià rilevai Disribuzioe ormale Disribuzioe del chi quadrao Disribuzioe della di Sude Disribuzioe della F di Fisher 4 La proiezioe 4. Proiezioe e proieore ei modelli lieari 4. La proiezioe co il crierio dei miimi quadrai L errore di proiezioe Proiezioi ex pos ed ex ae L errore quadraico medio di proiezioe 4.3 Iervalli di cofideza per le proiezioi 4.4 Tre esempi Rea ierpolae il logarimo dei cosumi Fuzioe del cosumo Relazioe ra asso di cambio omiale e prezzi relaivi 4.5 Idicaori dell accuraezza delle proiezioi Appedice 4. Complemei aaliici La variaza dell errore di proiezioe 5 La malaspecificazioe 5. Aspei variegai della malaspecificazioe 5. Eeroschedasicià dei residui La sima dei miimi quadrai poderai (WLS) 5.3 Tes di omoschedasicià 3

4 Il es di Breusch e Paga Il es del chi quadrao La formulazioe di Koeker 5.4 La correzioe per l eeroschedasicià di Whie 5.5 Foi e cosegueze dell auocorrelazioe 5.6 Tes di auocorrelazioe dei residui Il es di Durbi e Waso Tre esempi 5.7 Il raameo dell auocorrelazioe di ordie uo ϕ deermiao dalla saisica di Durbi e Waso Il meodo di Cochrae e Orcu 5.8 Tes di cambiameo sruurale per il modello semplice (Tes del Chow) Il caso > k, > k Il es della F di Fisher Il caso > k, k 5.9 Il es di ormalià di Jarque Bera Appedice 5. Complemei aaliici Uguagliaza ra coefficiee di auoregressioe del primo ordie e ρ 6 Il modello lieare muliplo 6. I veori e la moliplicazioe righe per coloe 6. Il modello lieare muliplo 6.3 I miimi quadrai el modello lieare muliplo 6.4 Veori e marici Veori Operazioi ra veori Marici 6.5 Operazioi ra marici La marice iversa Il deermiae 6.6 Le sime dei miimi quadrai Le sime dei residui 6.7 Il coefficiee di deermiazioe correo 4

5 Appedice 6. Complemei aaliici Codizioi per la miimizzazioe della deviaza residuale Orogoalià dei residui simai rispeo alle variabili esplicaive Appedice 6. L iversa di ua marice Il deermiae di ua marice quadraa L aggiua di ua marice quadraa Il modello lieare semplice i ermii mariciali Lisa degli esempi applicaivi. (Esempio.) Tedeza lieare del logarimo dei cosumi privai omiali i Ialia. (Esempio.) Tedeza espoeziale dei cosumi privai omiali i Ialia 3. (Esempio.) Tedeza lieare dei cosumi privai omiali i Ialia 4. (Esempio.3) PIL e propesioe media al cosumo (ipoesi del Dueseberr) 5. Fuzioe del cosumo (rispeo al reddio corree) i Ialia 6. (Esempio.) Elasicià del cosumo privao rispeo al reddio e al reddio dispoibile i Ialia 7. Legge di Oku per gli USA e per l Ialia 8. Relazioe ra asso di cambio omiale (valua ialiaa/$) e prezzi relaivi 5

6 CAPITOLO I INTRODUZIONE Per olre cique lusri i miei sudei del corso quadrieale di Ecoomeria ella Facolà di Ecoomia de La Sapieza si soo preparai essezialmee sulla Traccia, dispese dispoibili sia sulla ree che i forma caracea, foocopiabile. Ao dopo ao queso eso si è igradio, fio a raggiugere u migliaio di pagie, comprededo ache emi o raai el corso ma dichiaraamee uili agli sudei più avazai, come i modelli di serie soriche, lieari e o, quelli auoregressivi veoriali, o l aalisi sperale. Passado dal vecchio al uovo ordiameo, la didaica ha dovuo essere cambiaa, el seso di dover essere basaa su emi più circoscrii, direamee operaivi, fruibili da sudei ieressai a seori variegai dell Ecoomia, da quella macro all aziedale, dalle ricerche di mercao alla fiaza. Così è aa l esigeza di forire agli sudei del corso semesrale di base di Ecoomeria u eso che assemblasse gli elemei iroduivi della Traccia, curadoe i paricolare gli aspei ierpreaivi e quelli empirici, e relegado i appedice la maeria aaliicamee più avazaa. Quese Lezioi cosiuiscoo ale eso. La Traccia, uora dispoibile i ree, raccoglie emi di Ecoomeria esposi i forma a vole edezialmee meodologica e alre vole più orieaa alle applicazioi; quese Lezioi soo viceversa più omogeee e fializzae a redere semplice e appeibile l appredimeo di ua maeria che di per sé è complessa. La didaica, duque, e cosiuisce uo degli aspei domiai; co re caraerisiche che mi preme rimarcare. Prima: le ozioi che vegoo espose iizialmee lo soo i ermii più elemeari e disesi; ma mao che il eso procede, l esposizioe è faa i forma più compaa e immediaa. Queso affiché lo sudee sia faciliao ell impao iiziale dello sudio di ua maeria o semplice; assuefao al meodo e agli srumei, può appredere uleriori ozioi i modo più direo. Secoda: geeralmee, ei libri di eso di caraere aaliico l esposizioe di u argomeo è accompagaa da u ampia e il più possibile esausiva sequela 6

7 di specificazioi, complemei, corollari; i quese Lezioi si segue, viceversa, il crierio di esporre i cocei accompagai solao dalle caraerizzazioi che servoo al momeo. Si riuzia alla compleezza scieifica a favore dell efficacia didaica: prima di imparare le specificazioi, i complemei, i corollari di u argomeo, sia esso u coceo o u crierio o u eorema, lo sudee deve avere be chiari la moivazioe, l ierpreazioe, il domiio di applicabilià. Terza: l Ecoomeria è ua braca dell Ecoomia spiccaamee ierdiscipliare; comprede pari rilevai ache della Teoria delle probabilià, dell Ifereza saisica, dell Aalisi maemaica (oimizzazioe e algebra mariciale) e della Saisica ecoomica, che spesso soo sieizzae i capioli o i appedici specifici. I quese Lezioi, al corario, le ozioi (quelle sreamee ecessarie) di quese brache soo dissemiae el eso là dove servoo, co l idea di o cosiderare l Ecoomeria come somma di pezzi di disciplie disie, ma come iegrazioe aurale di cocei che solao per covezioe o coveieza soo aribuii a seori discipliari diversi. E così, e quesa porebbe essere cosideraa come ua quara caraerisica didaica, soo ache aggiue, spesso i specifici Box, ozioi probabilisiche, di Ifereza saisica, di Algebra delle marici, i forma o sempre complea ma immediaamee compresibile, iadaa forse a probabilisi, saisici e maemaici ma apposiamee elaboraa per chi deve occuparsi di Scieze umae. Curiosamee, oggi l Ecoomeria è rieua ua raccola di meodi; operaivamee poi, divea u alra cosa, l Ecoomeria applicaa. Esisoo moli buoi esi, i iglese e ache i ialiao, scrii da ialiai, di Ecoomeria meodologica; alcui soo di ipo eciclopedico, alri moografici, alri acora privilegiai l aspeo probabilisico o il rigore maemaico. Esisoo alri oimi esi, geeralmee i iglese, di applicazioi. Quese Lezioi, al corario, si pogoo u obieivo molo più limiao: isegare l Ecoomeria. No i suoi meodi, ma come l iese il suo fodaore, Ragar Frisch, ua seaia d ai fa. 7

8 Nello scrivere quese Lezioi soo sao esesamee aiuao dalla do.ssa Agieszka Niewiska. A lei va il mio più cordiale rigraziameo. 8

9 CAPITOLO II IL MODELLO LINEARE 9

10 . Aalisi ecoomica e aalisi ecoomerica Per illusrare co chiarezza il sigificao e gli obieivi dell Ecoomeria è opporuo parire da alcui coeui dell aalisi ecoomica ed effeuare poi u esesioe i ermii di elaborazioe ecoomerica; si riesce così più facilmee a meere i risalo le caraerisiche specifiche e ad evideziare le poezialià. U aalisi ecoomica di grade rilevaza fu faa da J.M. Kees (936) quado formulò la relazioe ra il cosumo c e il reddio rappreseabile ella forma c = µ + β (..) dove c ed soo variabili mere µ e β soo parameri, e la caraerizzò mediae le proposizioi seguei: - la fuzioe (..), che possiamo scrivere ella forma geerale c = f ( ), la fuzioe del cosumo, è sabile el empo; - l iercea µ è posiiva e la propesioe margiale al cosumo β è posiiva e iferiore all uià µ >, < β < (..) - la propesioe β è iferiore alla propesioe media c. Osservazioe. La sabilià della (..) idica che la fuzioe può essere cosideraa valida per periodi di empo relaivamee lughi, ad esempio per alcui decei. Queso, ovviamee, i media, perché da u empo all alro, ad esempio da u ao all alro, ci possoo essere leggere discrepaze ra il membro a siisra e quello a desra. Osservazioe. Maemaicamee parlado, µ è il ermie oo e β è il coefficiee agolare della rea (..). I alre parole, µ rappresea l iercea di c co l asse =, e β la pedeza della rea, che cresce se β > e decresce se β <. Osservazioe.3 Sempre maemaicamee, la propesioe margiale al cosumo è ( ) d f β = d

11 mere la propesioe media è daa dal rapporo c. Osservazioe.4 La forma (..) è lieare rispeo sia ai parameri che alle variabili. Per ipoizzare le relazioi (..)-(..) il Kees si basò essezialmee su cosiderazioi eoriche ed il fuzioameo reale del sisema ecoomico fu da lui esamiao, a queso proposio, solao i maiera descriiva. Sempre ell ambio dell aalisi ecoomica è possibile supporre che la fuzioe del cosumo offra ua descrizioe migliore della realà ecoomica se viee sosiuio dal reddio dispoibile che defiiamo ella semplice forma d = v (..3) dove v è l imposa complessiva sul reddio ( ) c = µ + β v (..4) i quao u esame ache semplificao del comporameo dei cosumaori può codurre a rieere che essi basio le decisioi di spesa sulla quaià di reddio che hao effeivamee a disposizioe ua vola che siao derae le impose. Le relazioi maemaiche (..) e (..4) soo modelli, molo semplici, rappreseaivi del modo di cosumare di ua famiglia, o di u gruppo di persoe o di ua popolazioe. Soo saiche, i quao legao le variabili c, e v allo sesso empo; ma si può presumere, sempre cogeurado i ermii di eoria ecoomica, che il cosumo c al empo sia piuoso fuzioe del reddio goduo ei periodi precedei come ella relazioe seguee c = µ + β µ >, < β < (..5) dove le variabili soo associae ad u idice (o pedice) emporale e c è fuzioe lieare del reddio riardao di u uià emporale, oppure ell alra c = µ + β + β + β (..6) dove la variabile sussise sia al empo corree che a quello riardao di ua e due uià. La relazioe (..6) può essere uleriormee geeralizzaa fio a cosiderare ifiii riardi del reddio c = µ + β + β + K + β k k

12 ma sorge i al caso u dissidio fra gli aspei eorici e quelli empirici dell aalisi, dovuo al fao che il umero di riardi k, pur essedo relaivamee semplice da deermiare i ermii empirici, è difficile da giusificare i ermii eorici (perché k e o k + o k -?). Quesa uleriore esesioe ha quidi u aspeo di arbirarieà (il umero di riardi k) che risula difficilmee cociliabile co le esigeze di geeralià dell aalisi eorica. Queso dissidio può essere i pare ricomposo se si geeralizza la (..6) fio a cosiderare ifiii riardi emporali, oeedosi lo schema a riardi disribuii ifiii c = µ + β + β + β +... = µ + β (..7) j j j= el quale la moivazioe ecoomica cosise el rieere che il cosumo sia fuzioe di ua la soria passaa ieree il reddio, co faori di proporzioalià all aumeare della loaaza del empo. β j decrescei I realà la giusificazioe della (..7) o è uicamee ecoomica, i quao è difficile poer supporre che esisao iflueze sigificaive dalle j sulla c per riardi j molo gradi; ua pare rilevae di ale moivazioe cosise, i effei, ella facilià co cui lo schema a riardi disribuii può essere rasformao, maemaicamee, i modo da ridurre il umero, ifiio, di parameri parsimoiosa. Ifai, se si fao le ipoesi β j presei ed oeere ua relazioe molo j β j = β ρ, ρ < < (..8) che soo foremee vicolai dal puo di visa ecoomico, sosiuedo ella (..7) si oiee c = (..9) µ β βρ βρ... che, riardaa di u uià emporale, divea c = (..) µ β βρ βρ 3... Soraedo, ifie, dalla (..9) la (..) moliplicaa per ρ si oiee cioè, poedo ( ρ ) µ = µ, ( ) c c = + (..) ρ ρ µ β c = µ ' + ρc + β (..) che mosra come lo schema (..7) co ifiii parameri u alro coeee solao µ, β e ρ. β j possa essere rasformao i

13 Duque, soo le ipoesi (..8) i due modelli (..7) e (..) soo equivalei, sebbee il secodo sia be più parsimoioso del primo. Dal puo di visa ecoomico, uavia, ribadiamo che o è affao deo che le (..8) siao aderei alla realà. Primi obieivi dell Ecoomeria All iero della eoria, a queso puo, è difficile, per o dire impossibile, deermiare quale sia la relazioe migliore, ra quelle espose, i ermii di adeguaezza alla rappreseazioe del fuzioameo reale del sisema ecoomico; i paricolare, la speculazioe eorica o è idoea a defiire compiuamee la diamica ecoomica e quidi a discrimiare ra le fuzioi (..5), (..6) e (..), che preseao il reddio ed il cosumo associai ad idici emporali diversi. Per effeuare ua scela razioale, allora, è ecessario esamiare la realà empirica o più solao i forma meramee descriiva, ma co u idagie più avazaa, che uilizzi coveieemee i meodi della Saisica. Quesi soo adoperai per simare (deermiare i valori sfruado dei dai campioari) i parameri µ, β, µ, ρ dei re modelli e per valuarli secodo u crierio di oimo presabilio. Dall aalisi ecoomica si passa, i al guisa, all aalisi ecoomerica. Durae le idagii empiriche accade sovee che si abbiao dei suggerimei o delle idicazioi sul come modificare le ipoesi ecoomiche di pareza, che quidi soo soggee ad essere uovamee deagliae ed aalizzae co la meodologia saisica, oppure, acora, daa ua formulazioe eorica di pareza, avviee frequeemee che l uso del procedimeo ecoomerico per covalidarla o per cofroarla co alre ipoesi o ao coduca ad ua sua coferma o egazioe ma piuoso possa suggerire, i virù dei rirovai empirici, modificazioi o ampliamei di caraere eorico che auralmee solao il ricercaore co adeguaa preparazioe ecoomica può sfruare iegralmee. La cosegueza di quese argomeazioi è che si sviluppa u aalisi ecoomerica composa da fasi di speculazioe ecoomica eorica e da fasi di idagie empirica o separabili besì foremee iegrae ra di loro. Duque o è sufficiee l uso dei dai osservai, come ad esempio l asserio da Spaos (986, p.3), a disiguere l ecoomeria dalle alre forme di sudio dei feomei ecoomici. L aalisi descriiva di quesi può esser effeuaa all iero di ua speculazioe ecoomica ma o è codizioe sufficiee a farla deomiare ecoomerica. No ha ragio d essere, quidi, idea, purroppo molo diffusa, secodo la quale la disamia ecoomerica è solao srumeale rispeo a quella ecoomica. 3

14 . I modelli e il lugo periodo Modelli saici e diamici Le relazioi (..) e (..4) ra le variabili c ed cosiuiscoo, come si è deo, dei modelli rappreseaivi 3 di ipoesi ecoomiche, e le disuguagliaze (..) cui soo soggei loro parameri µ e β e cosiuiscoo pare iegrae. Quesi modelli soo rappreseazioi formali ed idealizzae delle caraerisiche osservae di regolarià e di sabilià dei feomei ecoomici soo sudio e vegoo specificai i base al processo ieraivo di speculazioe eorica ed idagie empirica descrio el paragrafo precedee. Tali caraerisiche soo ache chiamae fai silizzai (si veda più avai la figura.). I modelli (..) ed (..4) soo dei saici poiché vi iervegoo solo variabili correi, cioè associae allo sesso empo ; i modelli (..5) (..6) (..7) e (..) soo dei diamici i quao coegoo variabili sia correi che riardae di ua o più uià emporali. Il seiero di equilibrio di lugo periodo Poiché i feomei ecoomici evolvoo el empo, i modelli diamici hao ua rilevaza be più grade degli saici, ma occorre eer presee che quesi ulimi possoo sovee essere cosiderai come rappreseaivi dei seieri di equilibrio di lugo periodo dei modelli diamici. Se, ad esempio, si cosidera la relazioe diamica (..) e si suppoe che il cosumo cresca al saggio cosae di γ per uià di empo, cosicché sia c ( γ ) c = + (..) sosiuedo, la (..) divea ( + γ ) ( + γ ) c = µ + β + γ ρ + γ ρ (..) che è aaloga al modello saico (..); ques ulimo, duque, può essere viso come la relazioe di equilibrio di lugo periodo ra il cosumo ed il reddio el caso i cui il modello di breve periodo sia quello diamico (..) e il comporameo di lugo periodo del cosumo sia defiio dalla (..). 3 Il coceo modero di modello può essere fao risalire i lavori di R. Frisch [935-36] e J. Tiberge [939]. 4

15 La (..) può essere scria ella forma c c = γ c (..3) o acora, più cocisamee, ell alra c = γ c (..4) dove l operaore Δ opera su c rasformadola ella differeza c c. Duque, se vale la (..) i u cero iervallo di empo, il cosumo aumea (se γ > ) o dimiuisce (se c γ < ) di ua porzioe di i ogi uià emporale, ad esempio i ogi ao se misuriamo il empo i ai. La porzioe di c è daa appuo dal saggio γ. La edeza di lugo periodo come modello semilogarimico Soffermiamoci uovamee sulla (..) che rappresea u modo molo frequee di evolvere el empo del cosumo c. Se γ > ( γ < ), il seiero di evoluzioe di lugo periodo per il reddio è di crescia (di decrescia), come spesso si ha i ecoomia. Iseredo ella (..) =, poi =, = 3,..., si oiee c = ( + γ ) c e quidi, sosiuedo ieraivamee, c = ( + γ ) c = ( + γ ) c... c = ( + γ ) c (..5) dove c è ua cosae, corrispodee al valore che c assume all origie dei empi ( = ). La c è dea rappreseare ua codizioe iiziale, al di fuori della serie sorica { c } { c, c,..., c } = (..6) cosiuia dalle osservazioi dispoibili. La fuzioe (..5) può essere coveieemee scria i u alro modo. Se prediamo il logarimo 4 dei due membri oeiamo l c = l c + l( + γ ) cioè l c = µ + β (..7) 4 I ecoomeria si usao solao i logarimi (aurali) i base e, idicai co l ; log idica il logarimo i base. 5

16 se chiamiamo le cosai l c = µ e l( + γ ) = β. Il modello (..7), deo semilogarimico perché esprime ua variabile logarimizzaa (la c ) i fuzioe di ua o rasformaa (il empo ), corrispode esaamee al (..5) e cosiuisce u esempio di forma o lieare elle variabili. Il saggio di crescia γ ra il empo e il è facilmee oeuo: ifai, se l( + γ ) = β, segue che γ = exp( β ) (..8) La forma (..7) esprime duque come l c evolve i fuzioe del empo; e deoa, cioè, la sua edeza di lugo periodo. Approssimazioe del saggio di crescia Il saggio di crescia γ ell uià di empo di ua variabile x. ( x x ) x γ (..9) = può essere coveieemee approssimao da ua differeza prima logarimica l x = l x l x (..) dove il simbolo Δ deoa appuo ua differeza prima. La differeza prima logarimica di x è alvola idicaa co la x sormoaa da u puo: x&. L approssimazioe di γ co la (..) è dimosraa aaliicamee ell appedice.. Quesa è molo buoa per valori piccoli di γ, diciamo ra e.6; per valori superiori a.6 lo è meo, come si può vedere dalla avola.: 7% è approssimao co 6.77%, 8% co 7.69% e così via. γ l x Tavola. Approssimazioe del saggio di crescia γ co la differeza prima logarimica. Primi caraeri delle serie soriche: edeza, sagioalià e ciclo La (..7) rappresea il modo di evolvere lieare della serie sorica { l c } ; e cosiuisce, cioè, la edeza lieare. La edeza, che può essere ache espoeziale, quadraica, cubica,, a secoda del ipo di fuzioe che la rappresea, forma ua prima coformazioe silizzaa delle serie soriche ecoomiche, ed è ad esempio visibile elle figure. (lieare) e.3 (espoeziale). 6

17 Ua secoda coformazioe silizzaa molo imporae è cosiuia, elle serie soriche ecoomiche deermiae co ua cadeza ifraauale, ad esempio mesile o rimesrale, dal fao che esisoo adamei ifraauali che si ripeoo similmee, ei empi così come elle dimesioi, ao dopo ao: le cosiddee sagioalià. Nella figura 3. si oa chiaramee il profilo sagioale che si ripee ogi ao (prescidedo dalle ampiezze delle oscillazioi che aumeao cosaemee all aumeare del empo) ella serie rimesrale. La erza coformazioe silizzaa che per il momeo viee cosideraa elle serie soriche ecoomiche è cosiuia dall alerarsi di fasi di espasioe dell aivià co fasi di recessioe, feomeo che viee idicao co il ome di ciclo ecoomico. La serie sorica del PIL ialiao depuraa della edeza lieare ella figura.8 mee be i rilievo il ciclo el periodo 97, co le recessioi (aree i grigio) egli ai 975 e (dovue alle crisi perolifere), e degli alri (dovua alla poliica moearia della Germaia a seguio della riuificazioe). Si può oare che i ui e re i casi la recessioe sia avveua repeiamee ( 3 ai), mere le fasi di ripresa 5 più espasioe si siao svole molo più leamee (i 5 7 ai). Ques alro fao silizzao cosiuisce l asimmeria del ciclo ecoomico. 5 I iglese: recover. 7

18 .3 La sima dei miimi quadrai (OLS) della edeza lieare Affroiamo ora il problema di simare (deermiare i valori de) i parameri µ e β della (..7) a parire da u campioe di dai cosiuia dalla serie sorica (..6) e uilizzado il crierio di sima dei miimi quadrai. Queso è facilmee illusrabile se i parameri da simare apparegoo ad u equazioe lieare o solo ei parameri ma ache elle variabili. Liearizziamo perao la (..7) poedo l c = z, =,, 3,..., ; si oiee il modello lieare semplice z = µ + β =,,..., (.3.) valido ei empi da fio al geerico. I dai z possoo essere disegai i u diagramma caresiao che ha i empi sull asse delle ascisse, come ella figura.; essi cosiuiscoo ua uvola di pui araverso la quale passa la rea (.3.). Quesa, auralmee, o può occare ui i pui (che ella figura. soo, a iolo di esempio, quaro), che quidi rimagoo ad ua disaza (misuraa lugo l asse delle ordiae) geeralmee oulla secoda del crierio che vicola quese disaze coeee cioè valori differei per i parameri µ e β. u dalla rea sessa. A u si oiee ua rea (.3.) diversa, Ovviamee, si ea di deermiare quella rea per la quale le disaze u siao globalmee le più piccole secodo u dao crierio. Ad esempio, si può pesare di usare il crierio di miimizzare la somma delle u 4 mi u (.3.) = ma queso o è buoo perché le u soo la rea (egaive) si possoo compesare co le u sopra la rea (posiive), e la somma (.3.) può essere molo piccola pur i preseza di disaze u molo gradi i valore assoluo. La miimizzazioe della (.3.) cosiuisce quidi u crierio che ha poco seso. Si porebbe pesare al crierio di miimizzare la somma delle u prese i valore assoluo 4 mi u (.3.3) = 8

19 eviado quidi il difeo di cui sopra. Queso crierio porebbe essere valido se o accadesse che la miimizzazioe (.3.3) o è facilmee eseguibile i maemaica. Allora si usa il crierio di miimizzare i quadrai delle mi 4 = u u (.3.4) che è maemaicamee raabile i forma semplice e o presea il difeo della compesazioe descrio sopra. È il crierio dei miimi quadrai e deermia ua rea i cui parameri soo dei sime dei miimi quadrai (OLS) 6. z z 4 u 4 z z 3 u u 3 z = µ + β z u Figura. Nuvola di pui rea z = µ + β. 3 4 z disai (lugo l asse delle ordiae) u da ua geerica Esempio. Esraiamo dal CD dell OECD (Saisical Compedium, Versioe 4 -) 7 la serie sorica { c } dei cosumi privai reali oali 8 dell Ialia ITACPV, espressi i milioi di euro. Moliplicado la serie per il deflaore dei cosumi privai ITAPCP oeiamo la serie dei cosumi privai i ermii omiali, e prediamo il logarimo e 6 Quesi miimi quadrai soo dei ordiari (i iglese Ordiar Leas Squares; OLS) per disiguerli da alri meo semplici, ad esempio i o lieari (i iglese No Liear Leas Squares; NLLS) oppure i geeralizzai, (i iglese Geeralized Leas Squares; GLS) che vedremo i seguio. 7 Alcui cei sull uso di quesa base di dai soo esposi ell Appedice.3 di queso capiolo 8 I base 995, quidi reali. 9

20 e cosruiamo il modello (..7); se simiamo 9 i parameri del modello (più semplicemee si dice: simiamo il modello) co gli OLS oeiamo l c = (.3.5) curva disegaa ella figura. isieme ai pui che defiiscoo la serie sorica { l c }. 7 l(c ) l(cosumi) Lieare (l(cosumi)) Figura. Serie sorica dei logarimi dei cosumi privai oali omiali i Ialia ierpolai co la rea (.3.5); ai Poiché la sima β =.9, il suo ailogarimo (cioè il valore della fuzioe iversa del logarimo, che è l espoeziale) è.38 e quidi il saggio di crescia auale è, per la (..8), γ =.38 =.38 cioè il 3.8% (il saggio sembra alo, ma si ricordi che i cosumi soo omiali). Nella figura.3 soo esposi i pui c (quidi gli ailogarimi dei pui della figura.) e la curva ierpolae, che ora o è più ua rea ma l espoeziale che deriva dalla (.3.5) c { } = exp (.3.6) 9 La sima è calcolaa co il sofware EasReg versioe.3, scria da H.J.Bieres, che uilizzeremo i uo il eso. Esisoo moli oimi programmi di ecoomeria el mercao ma si è scelo EasReg perché è grauio e facilmee scaricabile da Iere. Cei sul suo uso soo esposi ell Appedice.4.

21 c cos om Espo. (cos om) Figura.3 Serie sorica dei cosumi privai oali omiali i Ialia ierpolai co l espoeziale (.3.6); ai 96-98; dai i miliardi di euro. Osservazioe.5 Poiché la variabile cosumo omiale c è pari al prodoo del cosumo reale c per il prezzo p il suo saggio di crescia è approssimaivamee uguale alla somma dei saggi di crescia di Ifai c e p. c = c p da cui logarimizzado l c = l c + l p (.3.7) ed acora, riardado di u uià emporale l c (.3.8) = l c + l p per cui, facedo la differeza ra la (.3.7) e la (.3.8), si oiee l c = l c + l p che dimosra, cosiderado la (..), l affermazioe precedee. Si lascia al leore rovare che il saggio di crescia dei cosumi privai oali reali i Ialia el periodo è pari a.49 e quello del deflaore relaivo è pari a.85, per cui la loro somma è uguale a.34 approssimaivamee pari proprio a.38 (il saggio di crescia dei cosumi privai oali omiali).

22 L approssimazioe (e la o perfea uguagliaza) deriva dal fao che le re quaià, cosumo omiale, cosumo reale e deflaore, soo ciascua ua media (calcolaa separaamee dalle alre) el periodo campioario. Ovviamee queso risulao è del uo geerale: il saggio di crescia del prodoo di più faori è approssimaivamee pari alla somma dei loro saggi di crescia. Esempio. E isruivo cosruire il modello (.3.) seza logarimizzare preveivamee i cosumi c, e poedo quidi direamee z = c ella (.3.). Nella figura.4 soo esposi i risulai: i dai soo gli sessi della figura.3 ma la curva ierpolae è ua rea e o più u espoeziale. Il modello è sao simao co i miimi quadrai ma la somma dei quadrai delle disaze u, che è = u essedo =, il umero delle osservazioi dispoibili, è molo maggiore: 43686, ivece che 6787 (caso dell ierpolae (.3.6)). c cos om Lieare (cos om) Figura.4 Serie sorica dei cosumi privai oali omiali i Ialia ierpolai co la fuzioe lieare; ai 96-98, dai i miliardi di euro. Osservazioe.6 Coviee sempre presare aezioe al umero di cifre sigificaive (diverse dallo zero) che maeiamo ei calcoli. U umero roppo grade rede farragiosa la scriura ed è foriero di errori di

23 impuazioe dei dai (ad esempio ei compuer); u umero roppo piccolo può codurre ad approssimazioi imprecise. Dal puo di visa saisico della sigificaivià dei dai è difficile che possao servire più di quaro cifre sigificaive (ad esempio 53 oppure 5.3 o ache.53) perché già co esse si oiee u approssimazioe iferiore al millesimo. Da quello ecoomico, poi, già re cifre sigificaive dao u approssimazioe iferiore al ceesimo, più che sufficiee per ogi ipo di aalisi. I logarimi, uavia, soo molo sesibili ai decimali ed è quidi cosigliabile calcolarli co almeo cique cifre decimali. Ua sima precisa della (.3.5) forisce, ad esempio l c = che può essere coveieemee cosideraa migliore. Si ricordi, ad ogi modo, di approssimare alla cifra superiore o iferiore a secoda dei casi (el caso della (.3.5) è approssimao a e.9479 a.948). 3

24 .4 I residui Le disaze u ra i dai osservai z e quelli co la sessa ascissa sulla rea ella figura., dei eorici, soo chiamae i vario modo, il più frequee dei quali è errori, iededosi per errore il fao di aver sosiuio ai dai osservai alri valori da essi geeralmee (ed erroeamee, secodo quesa imposazioe) diversi. I realà di sbaglio o si raa, ma della osra voloà (perché ciò ci fa comodo) di ridurre la uvola dei pui ad ua rea; chiamiamo allora meglio le disaze u residui, derivai dall aver voluo approssimare i pui della uvola co quelli della rea. Se la realà è defiia, ad esempio miimizzado la somma dei quadrai dei residui (.3.4) (cioè co il crierio dei miimi quadrai), soo ache idividuae le sime µ e β dei parameri della rea (.3.), che scriviamo ella forma z = µ + β =,,..., (.4.) Ache i residui soo allora deermiai e li idichiamo co u per cui diveao u = z z = z µ β =,,..., (.4.) disaze ra i valori osservai e quelli eorici dai dalla rea (.4.). Dalla (.4.) si rae che u è deermiao ua vola che siao deermiae µ e β. Se quese acora o lo soo, ache u o lo è, per cui possiamo scrivere u = z µ β =,,..., (.4.3) oppure z = µ + β + u =,,..., (.4.4) voledosi iedere il residuo u come quel ermie da aggiugere (o sorarre, se egaivo) al valore eorico ( µ + β ) per aversi il dao osservao z. Le u, deermiae umericamee come differeze ra i valori osservai z e quelli eorici z, possoo essere cosiderae come sime delle u e quidi residui simai. E i geere molo uile rappreseare graficamee i residui, al fie di verificare più i deaglio, sia pure visivo, l adeguaezza dell ierpolazioe. Nelle figure.5,.6 e.7 soo esposi i residui (simai) delle re ierpolazioi l c = µ + β + u (.4.5) 4

2. Duration. Stefano Di Colli

2. Duration. Stefano Di Colli 2. Duraio Meodi Saisici per il Credio e la Fiaza Sefao Di Colli Tassi di ieresse e redimei La reddiivià di u obbligazioe è misuraa dal asso di redimeo o dal asso di ieresse U idicaore del redimeo deve

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL Calibrazioe di rache CDO co il modello diamico GPL La calibrazioe di u idice di credio e delle sue rache cosiseemee sulle varie scadeze co u sigolo modello i asseza di opporuià di arbiraggio è u problema

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING CAPITAL BUDGETING VALUTAZIONE DI PROGETTI D INVESTIMENTO CON PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA ATTESI: l impresa ivese moea oggi per oeere flussi moeari icremeali el fuuro.* PROGETTO: Ivesimeo i arezzaure

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Modelli attuariali per la previdenza complementare

Modelli attuariali per la previdenza complementare Modelli auariali per la prevideza complemeare Fabio Grasso Diparimeo di Scieze Saisiche Uiversià degli Sudi di Roma La Sapieza fabiograsso@uiroma1i Riassuo Il presee lavoro esamia i profili auariali della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facolà di Ecoomia Diparimeo di Maemaica, saisica, iformaica e applicazioi "Lorezo Mascheroi" Doorao di Ricerca i: Meodi compuazioali per le previsioi e decisioi ecoomiche

Dettagli

Minicorso Stocks Market Trading Analysis

Minicorso Stocks Market Trading Analysis Pare 1 Miicorso Socks Marke Tradig Aalysis di Adrea Saviao Vedo prevedo sravedo, premessa L aalisi ecica e l albero di Naale Il bravo scieziao: sadard e ormale, iaziuo Gli srumei a disposizioe del bravo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002 OTTOBRE www.ris.e Ris Ialia CURRECIES ITEREST RATES EQUITIES COMMODITIES CREDIT RISK ITALIA VOL / O OTTOBRE L'aivià i prodoi derivai di BacoPosa Iervisa co Sefao Calderao, resposabile dei prodoi reail

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA aa 2009-2010 Operazioi statistiche elemetari Spesso ci si preseta il problema del cofroto tra dati Ad esempio, possiamo voler cofrotare feomei [ecoomici]

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Complementi di Matematica e Statistica

Complementi di Matematica e Statistica Uiversità di Bologa Sede di Forlì Ao Accademico 009-00 Complemeti di Matematica e Statistica (Alessadro Lubisco) Aalisi delle compoeti pricipali INDICE Idice... i Aalisi delle compoeti pricipali... Premessa...

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Le variabili predittive della posizione netta in credito commerciale: evidenze empiriche per le imprese italiane

Le variabili predittive della posizione netta in credito commerciale: evidenze empiriche per le imprese italiane Le variabili prediive della posizioe ea i credio commerciale: evideze empiriche per le imprese ialiae di Lucia Gibilaro Uiversià degli Sudi di Bergamo e Gialuca Maarocci Uiversià degli Sudi di Roma Tor

Dettagli

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche Itroduzioe alla Statistica descrittiva Defiizioi prelimiari È la scieza che studia i feomei collettivi o di massa. U feomeo è detto collettivo o di massa quado è determiato solo attraverso ua molteplicità

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI

SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE UNIVERSITÀ

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1 ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO Agela Doatiello 1 Esercizio. E stato tabulato il peso di ua certa popolazioe

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2)

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2) G. Perucci Lezioi di Cosruzioe di Macchie 33. LE RUOTE DENTATE Le ruoe deae soo elemei di macchia uilizzai er la rasmissioe del moo roaorio e della oeza mediae aleri o coassiali, cioè aralleli (ruoe cilidriche),

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione Questi esempi vi potrao essere utili come riferimeto ella ricerca di itervalli di cofideza e test di ipotesi statistiche. Per gli aggiorameti potete visitare i siti www.boch.et o www.feaor.com. Per dubbi

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

1 FLESSIBILITÀ DELLE PRESTAZIONI... 2 1.1 Adeguamento delle prestazioni... 3 1.1.1 Assicurazioni indicizzate e rivalutabili... 5 1.

1 FLESSIBILITÀ DELLE PRESTAZIONI... 2 1.1 Adeguamento delle prestazioni... 3 1.1.1 Assicurazioni indicizzate e rivalutabili... 5 1. FLEIBILITÀ DELLE PRETZIONI... 2. deguameo delle resazioi... 3.. ssicurazioi idicizzae e rivaluabili... 5.2 ssicurazioi Wi Profi... 7.3 ssicurazioi Ui Liked....4 Ierazioi ra riserva maemaica ed ivesimei

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI www.shutterstock.com/vladitto Stima di u immobile a destiazioe alberghiera di Maria Ciua (Ricercatore di Estimo Facoltà di Igegeria dell Uiversità di Palermo) I geere ell expertise immobiliare

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE I EDIMETI LE SEIE STOICHE FIAZIAIE Aivià finanziarie Azioni es. Capialia, Mediase,... Tioli di sao BOT, BT, Tassi di cambio Euro/Dollaro, Euro/Serlina, Indici di Borsa S&/MIB, CAC4, ETF Tassi di ineresse

Dettagli

Analisi di intervento (Intervention Analysis)

Analisi di intervento (Intervention Analysis) Alisi di ierveo (erveio Alysis) Meo Pelgi SOMMARO roduzioe Cso uivrio poesi sul modello socsico i ssez di ierveo Modello d'ierveo 3 Residui6 4 Sim cogiu dei prmeri 7 3 Cso mulivrio8 3 poesi sul modello

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE Capitoo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE 3.1 LA TEORIA DI WEIBULL I comportameto meccaico dee fibre di giestra e di juta è stato caratterizzato mediate o studio dea resisteza a trazioe dee fibre

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli