Si osserva un minuto di silenzio in ricordo dei sigg. Jacques Berger, Marcel Pfeuti e Jean-Pierre Desarzens.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si osserva un minuto di silenzio in ricordo dei sigg. Jacques Berger, Marcel Pfeuti e Jean-Pierre Desarzens."

Transcript

1 Verbale dell Assemblea ordinaria dei delegati di Swiss Basketball alla Casa dello Sport di Ittigen sabato 12 aprile 2008 alle Apertura Il signor Stéfan Schibler, Presidente centrale, saluta l assemblea e ringrazia i delegati per la loro presenza. Porge il suo saluto ai diversi inviati, elenca le dimissioni, i nuovi delegati e i supplenti. Invitati presenti: Sig.ra Françoise Perrin, Sigg. Bernard Clivaz, Gabriel Gisler e Dominique Seydoux Invitati scusati : Sig.ra Josette Gaille, Sigg. Patrick Baumann, Marc-André Giger e Thomas Burch (Swiss Olympic), Zoran Radovic, Richard Baillif, Gilbert Burkhardt, Maurice Monnier et Bernard Pasteris). Dimissioni dei delegati : Sigg. D. Revaz et B. Vecchio (AVSBA), M. P. Kuenlin (AFBB) Nuovi delegati : Sig.ra M. Cheseaux e Sigg. M. Schoeni (AVSBA) I delegati Jean Bellotti (AFBB) G. Roncoroni (KBBV), K. Theiler (ProBasket) et G. Poretti (ATP) sono scusati e sostituiti dai supplenti Sig. T. Pfaff (KBBV), Sigr.a G. Boros (ProBasket) e Sig. G. Monzeglio (ATP). Si osserva un minuto di silenzio in ricordo dei sigg. Jacques Berger, Marcel Pfeuti e Jean-Pierre Desarzens. 2. Saluto di benvenuto di Swiss Olympic S. Schibler scusa l assenza del sig. M. Giger di Swiss Olympic. 3. Costituzione Assemblea Gli scrutatori proposti e accettati dall Assemblea sono i sigg. Marc Schoeni e Daniel Muri. Il quorum è fissato a 21, essendo 40 i delegati presenti. Le votazioni saranno effettuate per alzata di mano. L ordine del giorno, è stato inviato ai delegati entro i termini previsti, lo scorso 29 gennaio Le proposte dei sigg. H. Rosset ( ) e M. Lenggenhager ( ) saranno trattate ai punti e 17.2 dell ordine del giorno. Adozione ordine del giorno G. Augugliaro chiede di votare per modificare l ordine del giorno spostando il punto 8 (Elezione degli organi) dopo la ratifica della politica sportiva prevista al punto 11. G. Langlotz chiede di trattare il suo rapporto della CGC al punto 5.3 insieme al Rapporto della commissione CGC. S. Schibler risponde che questo è già previsto. M. Lenggenhager propone che i punti 8 e 11 siano trattati dopo il punto 13 S. Schibler chiede all assemblea se tutti sono d accordo di trattare le elezioni previste al punto 8 dopo il punto 13? Votazione per alzata di mano: accettato all unanimità. S. Schibler confirma dunque che le elezioni previste al punto 8 saranno trattate dopo il punto Verbale AG del 24 marzo 2007 Il verbale è stato inviato entro i termini, non sono giunti commenti nei 30 giorni, è dunque accettato. PV Assemblée des Délégués ital. Page 1 sur 11

2 5 Rapporto del Presidente centrale Il presidente informa in dettaglio delle attività e dei compiti portati a termine dal Comitato Direttivo. I punti salienti sono, tra gli altri, la creazione della Commissione della Lega nazionale femminile, l adozione dei diversi quaderni dei compiti, di numerose direttive, della continua collaborazione con Grand Chelem, la nomina del coordinatore tecnico nazionali giovanili, le diverse riunioni, la creazione della squadra nazionale u18 maschile, il proseguimento della strategia 5 anni, l investimento per la messa in funzione del programma Basketplan 3.0. Per quanto riguarda le relazioni esterne, fa un breve bilancio del mandato precedente e informa che il contratto di esclusività con Grand Chelem Management non è stato rinnovato. Informa di aver partecipato a diverse riunioni e assemblee Fiba, Swiss Olyimpic, come pure finali, altre visite e riunioni. S. Schibler ritiene di aver migliorato la struttura e l organizzazione di Swiss Basketball. Fa presente il successo degli eventi quali Svizzera-Francia a Ginevra e le partite della squadra nazionale maschile disputate a Zurigo. Il presidente, termina il suo rapporto ringraziando i membri del Comitato Direttivo, il personale di Swissbasketball, i presidenti e i membri delle commissioni, come pure tutte le persone che si impegnano per il nostro sport. Un ringraziamento particolare a coloro che hanno contribuito alla buona riuscita degli eventi della nostra squadra nazionale maggiore e cioè le partite di Ginevra e di Zurigo. M. Spoerri ringrazia il presidente centrale per l impegno e il lavoro in seno a Swiss Basketball. 5.2 Rapporto del Direttore François Stempfel informa i delegati che il suo rapporto è stato distribuito all entrata dell Assemblea. Fa presente che si è concentrato sui punti importanti della stagione ma anche sulle attività della corrente stagione. Per quanto riguarda i nuovi contratti di sponsorizzazione, informa sull apporto della Solidarité olympique che ha portato un contributo di dollari, come pure un nuovo contratto con Intras Assicurazioni. A livello di eventi, diversi contatti hanno portato un contributo di CHF Per finire, M. Stempfel annuncia la firma di un contratto con lo sponsor tecnico ERREA, valido per i prossimi 3 anni con un contributo d acquisto di CHF , cioè circa CHF di materiale per la stagione 08/09. A livello amministrativo bisogna purtroppo notare la diminuzione del 3% del numero dei tesserati, tendenza che però sembra attualmente si sia invertita. Il programma Basketplan 3.0 è oramai operativo per tutti i club. M. Stempfel ringrazia il Comitato Direttivo e tutto lo staff di Swiss Basketball per il lavoro svolto e per l eccellente collaborazione. 5.3 Rapporto delle Commissioni M. Stempfel informa che i rapporti non saranno letti e chiede ai delegati se ci sono domande in merito. Nessuno chiede la parola e M. Stempfel la cede a Georg Langlotz, in merito alla sua lettera. G. Langlotz comunica che il suo rapporto della CGC, inviato ai delegati per posta elettronica 3 giorni prima dell Assemblea, si basa sul regolamento della CGC elaborato e ratificato l anno scorso. Presenta le note espresse nello stesso: a) ratifica del budget e dei conti solo per 2 stagioni motivazioni espresse sul rapporto b) strategia e politica sportiva devono essere contenute nello stesso punto. E opportuno inoltre che gli obiettivi siano valutabili. PV Assemblée des Délégués ital. Page 2 sur 11

3 c) il controllo dei costi delle commissioni deve essere migliorato. d) non sprecare il denaro a disposizione. S. Thommen In merito alle osservazioni di M. Langlotz, presenta alcune riflessioni. Prima di tutto è stupefatto delle segnalazioni fatte 3 giorni prima dell Assemblea dei delegati. I punti citati sono stati discussi in occasione della riunione della CGC del 19 gennaio Inoltre, si sono incontrati 4 settimane fa per discutere alcune osservazioni che però concernevano piuttosto le procedure di collaborazione tra la CGC, il Comitato Direttivo e l Assemblea dei Delegati. Il verbale della riunione è stato inviato al presidente della CGC, che ha comunicato, per corrispondenza, il suo accordo sulle riflessioni di base concernenti questa procedura. S. Thommen precisa che il rapporto della CGC è contenuto nel dossier per l Assemblea dei Delegati ed è stato preparato secondo il regolamento della CGC, ed è stato ritenuto valido dal Comitato Direttivo. Il Comitato Direttivo è sorpreso che un membro della CGC invii un rapporto personale che va contro alla decisione collegiale della commissione e questo 3 giorni prima dell Assemblea dei Delegati e rifiutano categoricamente il tentativo di creare sfiducia che questo rapporto vuole provocare. Il CD è molto contento della collaborazione avuta fino ad oggi con la CGC, ringrazia il presidente per il lavoro costruttivo, critico ma di fiducia verso Swiss Basketball. P. Buss si chiede quale sia il compito della CGC? Secondo il regolamento, non si tratta di una commissione di revisione, ma come si nota alla fine del rapporto dove la CGC propone di accettare i conti, compito che spetta all organo di revisione. Si chiede perchè, nel rapporto ufficiale, non ci sono annotazioni concernente l art. 2 del regolamento della CGC. Si chiede perchè la CGC non svolge i compiti previsti e fissati nel regolamento della commissione. Nessun altro delegato prende la parola, S.Thommen chiede a M. Langlotz qual è la sua proposta in rapporto alla sua lettera. M. Guildmann fa notare che per lui la CGC è la coscienza della federazione visto che i delegati hanno poca influenza. Visto che i due rapporti contengono informazioni differenti, vorrebbe che i membri della CGC o gli organi superiori prendano posizione alle domande di G. Langlotz. S. Thommen fa notare che i punti sollevati da G. Langlotz sono già stati discussi con lui e potranno essere discussi ancora più in dettaglio. Pensa che l Assemblea non sia il posto giusto per discutere queste cose tanto più che le informazioni sono arrivate poco prima dell Assemblea. Propone che il Comitato Direttivo ne discuta insieme alla CGC e che l Assemblea sia informata dei risultati della discussione. M. Spörri informa i delegati sui motivi che hanno portato a fissare il regolamento della CGC e che lo stesso è stato adottato dall ultima Assemblea dei Delegati. Il compito della CGC è quello di controllare che gli obiettivi statutari della federazione siano rispettati. La CDG non deve occuparsi della politica sportiva, questo compito è riservato ai Delegati che votano la politica sportiva e la strategia proposti dal Comitato Direttivo. La messa in pratica è di responsabilità del Comitato Direttivo e della Direzione. M. Thommen propone un voto di consultazione in modo da sapere se i delegati voglio entrare in materia oppure no. M. Schoeni fa presente di non aver ricevuto nessuna comunicazione del genere, lo stesso per i sigg. M. Jelmi e Mottet tra gli altri e dichiara di non poter decidere su un documento di cui non è a conoscenza. Peter Buss chiede perchè non ci sono osservazioni nel rapporto della CGC concernenti l articolo 2 del regolamento. Martin Spoerri chiede perchè G. Langlotz non ha integrato nel rapporto ufficiale della commissione le sue osservazioni. G. Langlotz precisa che B. Clivaz, presidente della CGC, non era d accordo di inserire le sue osservazioni nel rapporto ufficiale. Considerato che ci sono solo due persone nella CDG, ci sono due rapporti. PV Assemblée des Délégués ital. Page 3 sur 11

4 S. Thommen propone, a nome del Comitato Direttivo di non entrare in materia oggi e di chiedere un rapporto ordinario per la prossima assemblea ordinaria. La proposta del Comitato Direttivo è accettata per 13 voti contro 8. I rapporti annuali come presentati sono approvati per 19 voti contro Conti S. Thommen presenta i conti annuali che chiudono con una perdita di CHF 104' Il risultato è migliore di CHF 41' di quanto previsto dal budget. S. Thommen presenta il bilancio. Malgrado che questa perdita ha diminuito la liquidità, la situazione finanziaria rimane solida. E chiaro che in futuro bisogna continuare ad essere previdenti. Il Comitato Direttivo propone di accettare la suddivisione seguente della perdita : - il risultato positivo della CLNF è attribuito all apposito fondo e cioè CHF Nuovo saldo del fondo CLNF : CHF 20'119.56) - Dissoluzione parziale del fondo «Centres de formation», per CHF -79' Nuovo saldo del fondo (Centres de formation) : CHF 100'000.00) - per il resto : diminuzione del capitale della Fédération perchf -34' Nuovo saldo del capitale della CHF 213' M. Thommen chiede se ci sono domande concernente l esercizio e non essendo il caso, passa la parola al presidente della Commissione della Gestione. 6.1 Rapporto della Commissione di Gestione e Controllo M. Clivaz fa notare che a seguito del suo rapporto M. Langlotz ha inviato le sue annotazioni per 5 punti. Il primo punto riguardava il sorpasso conti CFA di CHF 20'000.00, nota che non è stata presa in considerazione in quanto in occasione della discussione con M. Thommen è stato constatato che questi CHF 20' erano integrati nelle previsioni e integrati nel budget Non si tratta dunque di un sorpasso voluto ma è relativo alla messa in opera di una nuova struttura. Il 2 punto chiedeva : prendere in considerazione i conti e i budget sull arco di 2 anni e non di 3 stagioni si tratta di un problema organizzativo interno della CGC e del CD, non è dunque il caso di inserirlo sul rapporto della CGC. Il terzo punto fare un controllo della CGC prima di quello della fiduciaria incaricata è ancora un punto organizzativo interno della CGC e non deve figurare sul rapporto. Al punto 4, desiderava avere i documenti contabili della Commissione Lega femminile disponibili presso Swiss Basketball la fiduciaria ne ha preso conoscenza e i giustificati sono ritornati alla Lega e non sono stati segnalati problemi. Il punto 5 concerneva le pubblicità che secondo lui erano inferiori di CHF 7' In effetti si è trattato di un errore in quanto effettivamente gli introiti erano superiori di CHF 7'000.00, ma non si è ritenuto opportuno inserire questo punto nel rapporto. Questi sono i chiarimenti forniti da M. Clivaz a seguito della missiva di M. Langlotz. M. Clivaz è a disposizione per ogni altra domanda. G. Langlotz, malgrado la non entrata in materia sui due rapporti della CGC, chiede di poter esprimere il suo parere. Fa notare che in merito all ultimo punto dei CHF 7'000.00, B. Clivaz ha mal interpretato la sua annotazione in quanto le entrate sono superiori e questo è positivo. Per il punto 2 concernente la LNF, ricorda che nonostante siano più di 2 anni che si dice che i giustificativi contabili devono essere messi a disposizione della CGC, questo non è ancora avvenuto. In merito al conto arbitri (conto 3100), fa notare che i delegati non potevano vedere, nei documenti ricevuti, la deduzione superiore di Questo importo è un sorpasso pari al 20% del budget accettato per la CFA. Ritiene sia importante far presente le anomalie ed incaricare il CD di controllare che sorpassi simili non si verifichino più. M. Thommen fa notare che il dettaglio concernente la CFA è visibile sulla sua presentazione Powerpoint. PV Assemblée des Délégués ital. Page 4 sur 11

5 Precisa inoltre che è impossibile prendere delle decisioni su cose passate da una o due stagioni in quanto si è in ritardo. Ecco perchè i conti sono presentati solo per due stagioni, i conti chiusi della stagione appena terminata e il budget per la prossima. 6.3 Rapporto dell organo di controllo Il sig. Seydoux, rappresentante della società di revisione, comunica ai presenti che i conti sono stati ben tenuti in conformità alle norme di Swiss Olympic. Secondo le norme svizzere dopo un sondaggio e preavviso favorevole dell organo di controllo, si chiede all assembla di approvare i conti. Il sig. Schibler ringrazia il Sig. Seydoux e chiede di votare l approvazione dei conti. Votazione per alzata di mano: accettata con 31 voti 0 contrari 7. Scarico al Comitato Direttivo e alla direzione I delegati danno scarico al Comitato Direttivo ed alla direzione con voto unanime. 9. Concetto Relève J.-R. Wuersdoerfer presenta il concetto Formazione, tutti i documenti concernenti questo concetto sono sul sito e sono inclusi nel dossier consegnato ai delegati. Precisa che questi documenti sono già stati presentati alle AR che hanno accettato l idea di mettere i giocatori al centro del concetto e di offrire delle condizioni-quadro. L obiettivo finale è di permettere ai giovani svizzeri, formati in Svizzera, di evolvere nell elite svizzera. Informa che meno del 10% dei tesserati sono coinvolti in questo concetto e che si vuole arrivare ad avere 8 CPE. Uno degli obiettivi è di proporre un campionato CPE meno di 17 anni e in seguito uno con giocatori minori di 18 anni (U 18) che possa disputare il campionato di LNB. I criteri di un centro di promozione speranze (CPE) è imposto dagli organi preposti. Ci sono direttive che fissano i minimi da applicare, nel dossier Relève sono indicati tutti i dettagli relativi ai CPE. La struttura proposta è identica a quelle attualmente in vigore negli altri sport, in conformità ai criteri di Swiss Olympic. J.-R. Wuersdoerfer precisa che ci sono club d elite che ingaggiano i giovani che vogliono. Swiss Basketball ha scelto di agire sulla formazione e di permettere ai giovani di raggiungere l elite. Le finali di Coppa Svizzera a questo riguardo ne sono un esempio. Swiss Basketball desidera dunque che per questo progetto si offra una formazione equivalente a quella dei nostri paesi vicini e che in futuro sempre più spesso i giovani svizzeri possano giocare nell elite. M. Guldimann si felicita per il concetto, tuttavia fa notare che nella lista dei giovani giocatori che giocano attualmente in svizzera ci sono molti più stranieri che svizzeri. Si chiede se non è il caso di proporre un gentlemen-agreement come esiste nell hockey. J.-R. Wuersdoerfer fa notare che sono i club che gestiscono le quote di stranieri se SWB da un segnale in questo senso e forma dei giocatori svizzeri, spera che i club si identifichino poi con questi giocatori svizzeri, formati da noi. S. Schibler fa notare che è competenza delle Leghe definire la politica sportiva, tra le altre cose per quello che riguarda il numero dei giocatori stranieri. Informa che una delle misure stabilite nella strategia per la LNA femminile è la volontà di limitare l importanza delle giocatrici straniere. Swiss Basketball ha in previsione una riunione con la presidente della CLNF per discutere di questo ma comunque la decisione finale spetterà però ai club femminili. M. Maerchy si dice dispiaciuto che non ci siano delle scadenze in merito alla regolamentazione del numero massimo di giocatori stranieri. Tutto i lavoro di formazione allora non serve a niente, se non si può schierarli nelle categorie maggiori. Ci vuole un regolamento che stabilisca il numero di giocatori PV Assemblée des Délégués ital. Page 5 sur 11

6 svizzeri da schierare. Se non si investe per avere una squadra nazionale, vuole sapere come viene usato il denaro. E convinto che se non si fissa un limite, i club avranno sempre più problemi finanziari e che alla fine resteranno solo 3 o 4 club in LNAF che avranno le giocatrici necessarie e gli altri club finiranno per sciogliersi. Propone che i club si riuniscano per trovare una soluzione al problema. G. Augugliaro crede che il Comitato Direttivo non ha lavorato abbastanza in questo senso con le leghe. S. Schibler fa presente che le relazioni con la Commissione delle Leghe Femminile sono buone e che con la Lega maschile i rapporti sono molto frequenti ma che comunque ognuno ha la propria autonomia. F. Barras informa che la LNM ha partecipato all allestimento del concetto «Relève». Constata che la formazione evolve bene e il trend è positivo. I giocatori svizzeri migliorano e potranno avere minuti di gioco ma prima è necessario lasciare tempo alla formazione. M. Guldimann è dell opinione che è necessario un agreement con il limite massimo di 3 o 4 stranieri, in questo modo ci sono i posti liberi per i giocatori svizzeri, senza che si abbassi il livello. M. Jelmi sostiene che ci vogliono 3 o 4 anni, in un centro di promozione speranze per riuscire ad avere dei buoni elementi fa presente che Uni Neuchâtel ci è riuscito dopo 3 anni il livello dei giovani svizzeri è migliorato e con pazienza i risultati arriveranno. 10. Strategia 5 anni S. Schibler ricorda che la visione strategica è prevista sul periodo e che i concetti e le misure non dovranno essere tutti operativi dalla prossima stagione. Secondo i nuovi statuti centrali, entrati in vigore nel 2004, il compito principale del Comitato Direttivo è lo sviluppo di una strategia mentre le fasi operative sono delegate alla Direzione. L obiettivo è la visione comune per tutti gli attori del basket svizzero. Questa visione non è fissa, deve essere mutevole nel tempo; miglioramenti o adattamenti devono essere apporti regolarmente a seconda dell evoluzione. S. Schibler fa un breve riepilogo della situazione dall inizio dell adozione della strategia Marzo 2006 : input alle AR. Gennaio 2007 : 1 er work-shop strategico del CD, con la direzione esecutiva della Lega Nazionale Marzo 2007 : presentazione alla conferenza dei presidenti AR dell avanzamento dei lavori. Primavera 2007 : creazione dei gruppi di lavoro Settembre 2007 : 2 ème work-shop stabilire le misure da adottare Novembre 2007 : presentazione alla conferenza dei presidenti delle AR Gennaio 2008 : 3 ème work-shop con la presidente della CLNF e la direzione esecutiva della Lega (finanziamento e ripartizione delle misure) Febbraio 2008 : presentazione ai club (maschili e femminili AR e Lega Marzo 2008 : conferenza dei presidenti AR La base della riflessione parte dal presupposto che ci sono 3 poli: elite, formazione e sport di massa e che tra i poli ci siano delle interazioni. S. Schibler fa qualche esempio. Per uno sviluppo a lungo termine, ogni organo del basket svizzero, comprese le leghe nazionali, le associazioni regionali e i club, ognuno al suo livello, devono pensare a lavorare nei 3 poli. La visione strategica in 4 fasi è: - Un basket di alto livello in ogni regione e squadre nazionali competitive - Un programma di formazione riconosciuto da tutti, dal livello di base fino al livello internazionale - Il basket è uno sport popolare in tutta la Svizzera - Il basket è considerato a livello economico, politico e sportivo Informa sui 5 assi della strategia : elite, formazione, sport di massa, quadri e marketing. PV Assemblée des Délégués ital. Page 6 sur 11

7 Per uno sviluppo armonioso della piramide con questi 3 poli, è indispensabile che si cooperi e si lavori uniti per realizzare gli scopi. Il Comitato Direttivo è cosciente delle ambizioni del progetto e delle difficoltà che esistono nelle regioni, ma le difficoltà non devono essere ostacoli alla visione strategica. Il Comitato ha bisogno di sapere se i delegati sono d accordo. Sarà fatta una votazione unicamente quale sondaggio, ma per ora ogni discussione è aperta. J.-D. Briod si complimenta anche lui per quanto riguarda il progetto relève. Sostiene che un sondaggio non deve essere considerato un impegno per votare il finanziamento del progetto. Fa notare che mancano risultati dell impatto sullo sport di massa (LNB e 1LN). Non ci sono analisi di eventuali danni sul funzionamento delle altre leghe. F. Stempfel risponde rimandando alla pagina 11 della strategia su 5 anni e precisa che la LNB e la 1LN sono leghe di formazione, destinate a favorire l integrazione di squadre e giocatori che arrivano dai CPE. M. Wuersdoerfer fa notare che l intenzione non è quella di avere 8 CPE in LNB. S. Schibler chiede una votazione di sondaggio in modo da avere un idea se i delegati aderiscono alla strategia. Risultato della votazione: accettato da 28 voti contro Ratifica della politica sportiva F. Stempfel spiega che la politica sportiva deve essere la sintesi operativa del 1 anno di strategia cioè la sfida maggiore del I punti più grandi sono l investimento nella formazione con la finalizzazione della politica sportiva votata dall Assemblea generale del : in occasione di questa assemblea, tutti i club hanno accettato di intraprendere la via della formazione e la creazione dei centri di formazione. Il 2 punto principale era il rilancio del basket femminile, creando le squadre nazionali giovanili femminili per avere tutte le squadre complete et la reattivazione della squadra femminile senior. M. Lenggenhager interviene dicendo che la votazione di inizio assemblea, in rapporto al cambiamento dell ordine del giorno non è stata rispettata. Secondo lui si è deciso che i punti 8 e 11 andavano trattati dopo il punto 13 (budget). G. Augugliaro fa notare che prima bisogna discutere della politica sportiva e poi si può votare il budget ma che senza le informazioni concernenti la politica sportiva non c è la base per discutere e votare il budget. S. Schibler interviene ricordando a M. Lenggenhager che l Assemblea ha accettato di passare il punto 8 dopo il 13 ma non si è parlato del punto 11. F. Stempfel continua dunque con la politica sportiva terminando la sua presentazione con il 3 punto importante, il concetto degli allenatori regionali. I delegati non hanno domande in merito alla politica sportiva e F. Stempfel passa al finanziamento. F. Stempfel spiega le previsioni di finanziamento. Visto l interdipendenza tra sport di massa e sport d elite, il Comitato Direttivo parte dal principio che questi 3 poli devono contribuire anche in termini di risorse al finanziamento dello sviluppo del basket svizzero. Il Comitato Direttivo ha definito 3 poli di risorse finanziarie: - la federazione (Swiss Basketball) : sponsorizzazioni e risparmi sul budget - i club d elite : contributi dei club di lega nazionale maschile e femminile - singoli membri : tasse F. Stempfel presenta i dettagli delle misure finanziari di ogni polo. In merito alle tasse individuali il CD propone un aumento come da documento inviato. PV Assemblée des Délégués ital. Page 7 sur 11

8 Si è fatto un paragone con le altre federazioni, della stessa nostra grandezza, ma che sono nella categoria 2 o 3 di Swiss Olympic. Swiss Basketball è attualmente classificata nella categoria 4 di Swiss Olympic. Questo ci porta le seguenti prestazioni: 1) un collaboratore al 50% a Macolin, CHF 15' contanti e la possibilità a tutti i club di fare gli annunci J+S. Si sta lavorando per ottenere la categoria 3 ma la decisione sarà presa dall Associazione Olimpica Svizzera solo dopo i Giochi Olimpici di Pechino, e sarà valida per il budget Se non ci sono investimenti nella formazione, ci sarà un rischio grandissimo di essere degradati alla categoria 5 e di conseguenza di non poter più fare gli annunci J+S e di conseguenza delle mancate entrate per i club. Gli allenatori regionali, dovrebbero essere finanziati dai contributi versati dagli allenatori che pagheranno CHF a testa. Quale contro prestazioni in natura ci saranno 6 clinics tenuti da un Tecnico specialista, 2 visite presso i club e 2 giorni di formazione sotto i quadri del concetto Relève. Non sono previsti aumenti per questa stagione per arbitri e gli ufficiali al tavolo. Infine i club di lega nazionale si vedranno aumentate le tasse per le loro squadre, le squadre femminili avranno delle tasse progressive a seconda della lega dove giocano. I club femminili riceveranno la fattura delle tasse direttamente da Swiss Basketball (non soggetta all?iva). F. Stempfel ricapitola la situazione delle risorse finanziarie ammontanti a CHF 500' per garantire una politica continua nel tempo per non avere brutte sorprese in futuro. Questo importo è composto da CHF 200' perdita sul budget 07-08, votato in occasione dell ultima Assemblea dei delegati, e investimenti per CHF 300' per la stagione Swiss Basketball contribuisce con CHF 180' I club delle leghe maschile e femminili con CHF 80'000.00, i singoli membri con CHF 150'000.00, il contributo degli allenatori sarà di CHF 85' M. Bendayan informa che in occasione dell AG straordinaria dei club ginevrini, è stato fatto notare che si parla molto di formazione ma troppo poco della massa che è quella che porta alla formazione. Trovano che la leghe non fa alcun sforzo per integrare i giovani. Per quanto riguarda il budget 08-09, i club ginevrini vorrebbero che ci fosse un budget per 5 anni come previsto per la strategia di 5 anni. A seguito del loro studio del budget hanno notato che non ci sono cambiamenti per quanto riguarda il mini-basket, le selezioni e i CSJ che hanno sempre lo stesso importo. Non ci sono miglioramenti concreti. In merito agli allenatori, si era già discusso a Liestal di questa tassa, che riguarda principalmente il movimento giovanile, il movimento senior ne è risparmiato e dunque perchè cercare fondi ancora dove bisogna invece formare? E noto che le sovvenzioni diminuiscono da tutte le parti e i club saranno costretti a diminuire i movimenti giovanili. Bisogna aiutare la massa per avere la qualità, come si può formare dei giocatori che ci costeranno ma che i club vicini verranno a portarci via? I club ginevrini aspettano una risposta alle loro domande concernente la posizione definitiva della Lega Nazionale. M Bendayan termina precisando che l ACGBA sostiene il progetto ma per ora lo ritiene troppo poco chiaro. F. Stempfel informa con precisione sui contributi finanziari elite, incluso la formazione. La struttura fianziaria della Swiss Basketball fa que dipendiamo dalle quote dei membri e lo sport di massa finanzia effettivamente lo sport d elite, almeno in un certo modo. Per gli allenatori, le quote previste sono bilanciate dalle contropartite già citate. M. Bendayan spera e propone, a nome dell ACGBA, che gli allenatori regionali siano tolti e separati, infatti l importo indicato nel gruppo di lavoro «quadri», di cui facevano parte, era di CHF per allenatore e non di CHF come previsto nel budget. Propone una quota per allenatore di CHF e di CHF per club per allenatore (attualmente CHF ). M. Roduit precisa ancora che ogni allenatore, compresi quelle delle squadre nazionali, dovranno contribuire finanziariamente. Gli allenatori regionali collaboreranno con i club che hanno movimento giovanile e quindi lo sport di massa ne trarrà vantaggio. PV Assemblée des Délégués ital. Page 8 sur 11

9 M. Guldimann vorrebbe sapere la durata dei contratti con gli sponsor, se si perderanno sponsor i club saranno nuovamente confrontati con degli aumenti, per compensare le mancate entrate di sponsorizzazioni. F. Stempfel risponde che i contratti Intras e Errea durano 3 anni. Il concetto di sponsorizzazione prevede degli obiettivi, possibilmente da raggiungere nei 3 anni. M. Maerchy è dell avviso che le squadre nazionali potrebbero essere finanziate tramite gli stranieri, ciô che sarebbe giusto e equo. La maggior parte degli allenatori lavorano a titolo di volontariato e saranno di nuovo penalizzati. Se gli CHF 85' di sponsorizzazione necessari non si troveranno, cosa si fa? Vorrebbe avere una garanzia di finanziamento che i club non saranno interessati a sostenere il finanziamento. Non bisogna penalizzare i volontari che aiutano nei club. Propone un sistema progressivo per i giocatori stranieri: CHF per il 1 giocatore, CHF per il 2, CHF per il 3. F. Stempfel risponde che CHF 80'000 di sponsorizzazione devono essere trovati entro un anno e che non si sogna neppure di far pagare ai club il fatto di non aver trovato uno sponsor. In questo caso, le prestazioni dovranno essere di sicuro soppresse. J.-D. Briod pensa che la ripartizione non è appropriata dove si parla di membri, perchè i membri sono sempre i club. I club pagano i contributi di tutte le leghe nazionali, le tasse per gli allenatori e i tesseramenti (incorporate nelle quote dei membri). Il totale dei contributi supplementari e cioè CHF 235' che si chiede ai club, bisogna trovarlo altrove altrimenti bisogna diminuire le entrate. Questa proposta sembra fatta per passare i soldi da una tasca all altra della formazione, escluso i CHF 180' di Swiss Basketball. E d accordo che ci vuole uno sforzo per trovare questi soldi supplementari per la formazione (nei club di lega A per esempio) o cercando altri modi di finanziamento. M. Berthet ricorda che per il concetto di allenatori regionali, qualche anno fa, gli allenatori si erano già visti fatturare una tassa personale e che il sistema non è stato ben accolto. G. Monzeglio ritorna sulla politica sportiva dicendo che bisognerà pure cominciare una buona volta fissando una scadenza! Suggerisce di fare uno sforzo e di lasciar passare 2 anni, in seguito una decisione potrà essere presa in base ai risultati. Però tutto deve essere fatto sotto stretto controllo. F. Stempfel conferma che la funzione c è e l impegno è annuale. Il budget è votato anno per anno insieme agli importi delle tasse e alla politica sportiva. G. Augugliaro sottolinea la posizione del Ticino, in occasione della discussione sull aumento delle quote. Nelle categorie u11 e u13 in Ticino ci sono 800 tesserati mentre nelle altre AR sono tesserati solo bambini ma questo solo perchè non sono annunciati e tesserati. La soluzione proposta non è soddisfacente, vista la proporzione del numero dei tesserati di categoria delle differenti AR. Inoltre gli u11 e gli u13 non pagano niente a Swiss Basketball, i CHF 5. (simbolici) erano stati stabiliti per aumentare il numero di tesserati e oggi sarebbe bene chiedere alle altre AR di tesserare i loro giovani. Se si aumentano le quote di queste categorie, il numero dei tesserati diminuirà. L idea di far pagare i club di LNA è una proposta interessante per finanziare la squadra nazionale. Secondo lui i club che possono ingaggiare tanti stranieri pagheranno di più e saranno obbligati ad aderire alla politica sportiva adottata. M. Bendayan ritorna sui senior e dichiara che aumentando le tasse si perderanno tesserati anche in queste categorie. Secondo lui il CD deve studiare di nuovo la progressione delle licenze dei senior in rapporto alle leghe, mantenendo una partecipazione dei club elite. Non ci deve essere uno squilibrio tra una licenza di CHF per un senior di lega regionale e uno straniero di lega nazionale. M. Guldimann ritiene sia opportuno che il voto di oggi dia un indicazione da seguire in futuro e non bisogna che i buoni propositi dei concetti partano o si fermino per una votazione emotiva. Però non sa che cosa votare. Secondo lui ci si è scordati d integrare il piano finanziario nella strategia, se fosse stato fatto, si potrebbero avere anche altre proposte. Chiede di non votare questo budget che non tiene conto delle annotazioni esposte e delle proposte dei delegati sulla strategia che rimette tutto in discussione. PV Assemblée des Délégués ital. Page 9 sur 11

10 Propone che il budget sia votato in un assemblea straordinaria. Non vuole prendersi la responsabilità, quale delegato, di tornare dopo 2 anni per votare di nuovo un aumento delle quote. S. Schibler fa presente ai delegati che bisogna andare avanti. Tutte le possibili soluzioni sono state studiate dal Comitato Direttivo. La politica sportiva delle squadre nazionali è stata decisa 3-4 anni fa ed ha potuto essere applicata fino ad oggi grazie alle riserve. Il Budget votato per la stagione attuale ha un deficit di CHF 200' Se non abbiamo il coraggio di andare avanti oggi e di dare una possibilità di successo a quanto previsto, bisogna fermare immediatamente le squadre nazionali. M. Maerchy fa presente che i delegati non sono contrari, ma che vedono le problematiche in modo diverso. Si è partiti con l idea di venire a Berna per discutere e si constata che le opinioni dei delegati non sono richieste. I delegati hanno il diritto di esprimere i loro dubbi perchè alla fine sono i club che sono responsabili se i soldi non ci sono. Non è stato detto che non si volevano le squadre nazionali, sono state proposte altre varianti. Bisogna avere il coraggio d infrangere qualche tabù e farsi finanziare dai giocatori stranieri. Si ha l impressione che questa possibilità di finanziamento non sia desiderata. Precisa ancora che è deluso, quale membro e pensa di perdere il suo tempo, le opinioni dei delegati non sono richieste. S. Schibler fa notare che sono li per decidere! Il Comitato Direttivo e la Direzione hanno visitato club e AR e i club di lega nazionale presentando questo concetto e non sono quasi state sollevate osservazioni in merito al finanziamento. Bisogna prendere una decisione. C. Friedrich espone la sua impressione personale. Spera che si trovi una soluzione perchè il suo club sta per sviluppare un CPE. L immagine del basket deve essere forte ma i finanziamenti sono da rivedere. Si dichiara della stessa opinione del rappresentante di Brunnen e secondo lei le squadre di lega nazionale A hanno i mezzi e gli sponsor e sarebbe dunque giudizioso far pagare le licenze dei giocatori stranieri, e suggerisce per esempio una scala: la 1.a licenza CHF , la seconda CHF , la terza CHF e aumentare di seguito. I club sapranno così fino a che punto potranno arrivare. Precisa che il suo club, Nyon Basket femminile, avrà una squadra in serie A la prossima stagione ma che terrà fede alle sue parole. S. Thommen fa presente che non si può decidere oggi in quanto ci sono club che non sono rappresentati. Propone di adottare la strategia per un periodo di prova di 2 anni, che si assicuri il finanziamento per questo periodo come da proposte presentate dal Comitato Direttivo, tenendo sotto stretto controllo le sponsorizzazioni e che il CD si incarichi di trovare delle alternative di finanziamento durante il suo mandato se sarà rieletto. Questo sistema permetterà di verificare se il concetto di sponsorizzazione funziona e se si riesce a trovare degli sponsor per le squadre nazionali facendo un analisi dopo 2 anni. Se si vede che non c è modo di trovare il finanziamento necessario, bisognerà accettare che il basket non può svilupparsi in questa direzione. Propone che il Comitato Direttivo studi le alternative proposte oggi, tramite uno studio di fattibilità. Bisogna avere un budget per la prossima stagione: non è possibile mettere in piedi un nuovo concetto di finanziamento in un mese cercando di venderlo agli interessati. G. Langlotz fa notare che ci sono delle proposte che devono essere votate. M. Bendayan fa presente che il concetto è stato presentato 3 anni fa, che il suo budget è stato richiesto in occasione di ogni riunione dei presidenti AR ma che non è mai stato presentato. Il budget presentato nei documenti dell Assemblea è stato una doccia fredda, quando si è presentato lo studio dello sviluppo del concetto bisognava prevedere anche il concetto di finanziamento. L apertura c è, considerate le eccellenti proposte emerse oggi e fa pure notare che i club di lega nazionale sono pure rappresentati a questa Assemblea. S. Thommen visto che i club nazionali sono rappresentati, pensa che si possa votare. Propone di nuovo una votazione per un periodo di prova di 2 anni. I delegati sono d accordo di votare. La proposta di S. Thommenn è respinta con 19 voti contro 15. PV Assemblée des Délégués ital. Page 10 sur 11

11 P. Jelmi propone un budget con una perdita. S. Schibler risponde che per il CD non ci sono alternative. Considerato che sono le 14.30, S Schibler propone di rimandare le decisioni concernenti i punti non trattati e previsti all ordine del giorno ad una prossima assemblea straordinaria. La proposta è accettata all unanimità. A norma degli statuti centrali, un assemblea dei delegati straordinaria deve essere fissata entro i 45 giorni dalla data della richiesta. S. Schibler informa che la data e il luogo dell assemblea straordinaria dei delegati sarà comunicata al più presto. Ringrazia i delegati e chiude la seduta alle e invita i delegati a un aperitivo. PV Assemblée des Délégués ital. Page 11 sur 11

Il Sig. Spoerri ringrazia il Presidente Centrale per il suo impegno in seno alla Federazione.

Il Sig. Spoerri ringrazia il Presidente Centrale per il suo impegno in seno alla Federazione. Processo verbale Dell Assemblea ordinaria dei delegati di Swiss Basketball presso éa Casa dello Sport di Berna di sabato 24 marzo 2007 alle ore 11 1. Introduzione Il Sig. Schibler, Presidente centrale,

Dettagli

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile STATUTI Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile Accettato dall Assemblea Generale del 19 marzo 2005 Statuti ASPT Pagina 2 I. Scopi e obiettivi

Dettagli

DIRETTIVE PER GLI ALLENATORI

DIRETTIVE PER GLI ALLENATORI Capitolo 1 DISPOSIZIONI TECNICHE ED AMMINISTRATIVE Art. 1 Formazione e classificazione degli allenatori La formazione degli allenatori e degli istruttori Swiss Basketball è organizzata congiuntamente da

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali Statuti della SGfB I. Disposizioni generali Art. 1 Nome e sede Con la denominazione di Associazione Svizzera di Consulenza SGfB/Swiss Association for Counselling si è costituita un associazione ai sensi

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Art. 1. Ragione sociale

Art. 1. Ragione sociale Art. 1 Ragione sociale Sotto la ragione sociale SOS Ticino è costituita un associazione ai sensi dell art. 60 e segg. del Codice Civile svizzero con sede sociale a Lugano. Scopo Art. 2 SOS Ticino è un

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

Direttive indennità di formazione

Direttive indennità di formazione Direttive relative alle indennità di formazione Le direttive relative alle indennità di formazione definiscono le indennità di formazione che i club di Lega Nazionale A maschile devono versare ai club

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 - L Associazione L Associazione GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo (GIOVANI

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita un Associazione denominata: ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI, con sede in Viareggio, Piazza

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

STATUTO DELL ALLIANCE FRANCAISE DI COSENZA

STATUTO DELL ALLIANCE FRANCAISE DI COSENZA STATUTO DELL ALLIANCE FRANCAISE DI COSENZA 1. SCOPO E COMPOSIZIONE DELL ASSOCIAZIONE. ARTICOLO 1. Associazione senza fini di lucro, L Alliance Francaise di Cosenza, costituita in conformità con lo statuto

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Allegato A STATUTO SOCIALE

Allegato A STATUTO SOCIALE Allegato A STATUTO SOCIALE Art. 1 L Associazione denominata Associazione Sportiva Dilettantistica Atletica Amatori Velletri con sede in Velletri (Roma), costituita il 19 ottobre 2000 nello spirito della

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese Statuto Servizio Cure a Domicilio del Luganese CAPITOLO 1 Scopo, sede e durata Denominazione Art. 1 Con la denominazione Servizio cure a domicilio del Luganese - SCuDo è costituita a Lugano un Associazione

Dettagli

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata STATUTO FEDERALBERGHI SIENA ASSOCIAZIONE SENESE ALBERGATORI Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata FEDERALBERGHI SIENA - ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI Art. 1 (costituzione,natura,attività,principi ispiratori) E costituita l associazione

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI Titolo 1 - Costituzione Denominazione - Sede Art. 1 - È costituita con sede in Molfetta, via Francesco

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 REGOLAMENTO UFFICIALE - Il Presidente di Lega I compiti del presidente di lega sono fondamentalmente i seguenti: 1. Gestione dell asta di calciomercato 2. Contabilità

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale.

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale. S T A T U T I I. DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 - Generalità Con il nome dell Associazione Svizzera delle Imprese di Rimozione Amianto e Bonifiche (abbreviato ASIRAB) viene costituita un associazione

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF)

Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF) 1 Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF) I. Nome e sede Nome Art. 1 La Società Svizzera di Psichiatria Forense è un associazione neutrale dal punto di vista politico e confessionale ai

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

STATUTO. Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB

STATUTO. Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB STATUTO Dell Associazione INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB Art, 1 E costituita l Associazione denominata INTERNATIONAL MILITARY VEHICLE COLLECTORS CLUB Art. 2 Essa ha sede in Torino via Mantova

Dettagli

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen Il datore di lavoro Richard Mann Circa un anno e mezzo fa, nell ambito del progetto Integrazione di persone disabili presso la Posta, abbiamo assunto una nuova

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni di Legge, è costituita l Associazione Sportiva

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO 1 2 AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO Art. 1 - Definizione e Sede

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

STATUTO dell ASSOCIAZIONE

STATUTO dell ASSOCIAZIONE STATUTO dell ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 - E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica Pro Scogli, un associazione che riunisce sportivi, pescatori ed appassionati di mare in genere. Essa ha sede

Dettagli

V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO

V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELL EMILIA ROMAGNA (Bologna - 5 febbraio 2005) I rappresentanti delle 2357 organizzazioni di volontariato, iscritte nel registro regionale e nei registri provinciali,

Dettagli

STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO

STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO STATUTO DI PRO SENECTUTE TICINO E MOESANO 8 maggio 2015 INDICE Art. 1 Nome e sede 4 Art. 2 Scopo 4 Art. 3 Comprensorio di attività 4 Art. 4 Organizzazione 5 Art. 5 Patrimonio e finanziamento 5 Art. 6 Organi

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008 STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008 DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1 E' costituita l'associazione "COOPERAZIONE INTERNAZIONALE",

Dettagli

Verbale dell assemblea dei delegati IAS 2013

Verbale dell assemblea dei delegati IAS 2013 Casa dei cantoni Speichergasse 6 Cassella postale 3000 Berna 7 Telefono 031 320 11 44 Fax 031 320 11 49 info@ivr.ch www.ivr-ias.ch Verbale dell assemblea dei delegati IAS 2013 Luogo: Centro congressuale

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

Verbale 10 a Riunione della Commissione Regole IIT-CNR - Pisa 2 marzo 2005

Verbale 10 a Riunione della Commissione Regole IIT-CNR - Pisa 2 marzo 2005 Verbale 10 a Riunione della Commissione Regole IIT-CNR - Pisa 2 marzo 2005 Presenti: Claudio Allocchio (in videoconferenza) Vittorio Bertola (in videoconferenza) Joy Marino Gabriella Paolini (in videoconferenza)

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

6. Il Presidente, Sig. Giovanni Cibrario, viene delegato a richiedere la registrazione del presente Atto Costitutivo e dell allegato Statuto.

6. Il Presidente, Sig. Giovanni Cibrario, viene delegato a richiedere la registrazione del presente Atto Costitutivo e dell allegato Statuto. ATTO COSTITUTIVO Il giorno 26 del mese di Ottobre dell anno duemilasette, alle ore 18:30, nel locale di Pianezza (TO), via Almese 6, si riuniscono i seguenti Signori: sig. Giovanni Cibrario, nato a Torino

Dettagli

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1 - Costituzione e Sede E costituta l Associazione Culturale

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione Page 1 de 5 Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA... 2008 1 Consiglio di amministrazione Art. 1 Compiti e poteri Al Consiglio di amministrazione spettano ai sensi dell art. 15 degli statuti la

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

STATUTI. Associazione Svizzera del Brillamento ASB. Sezione Svizzera Italiana

STATUTI. Associazione Svizzera del Brillamento ASB. Sezione Svizzera Italiana STATUTI Associazione Svizzera del Brillamento ASB Sezione Svizzera Italiana I. Nome e sede Art. 1 Con il nome di Associazione Svizzera del Brillamento ASB, Sezione Svizzera Italiana, è costituita una società

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

Progetto Scacchi a scuola Anno scolastico 2015 / 2016

Progetto Scacchi a scuola Anno scolastico 2015 / 2016 Progetto Scacchi a scuola Anno scolastico 2015 / 2016 La Federazione Scacchistica Italiana (F.S.I.) è una Disciplina Sportiva Associata al C.O.N.I. (D.S.A.), senza fini di lucro, con personalità giuridica

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Associazione GREST-TICINO

Associazione GREST-TICINO Associazione GREST-TICINO 1. Nome e sede A norma dell art. 60 segg. del Codice civile è costituita un associazione denominata Associazione GREST-TICINO. 2. Finalità L associazione ha quale fine promuovere,

Dettagli

Statuto. dell associazione Jugendzentrum Bruneck Centro giovanile di Brunico. deliberato. nell assemblea straordinaria dei soci del 29 giugno 1999

Statuto. dell associazione Jugendzentrum Bruneck Centro giovanile di Brunico. deliberato. nell assemblea straordinaria dei soci del 29 giugno 1999 Statuto dell associazione Jugendzentrum Bruneck Centro giovanile di Brunico deliberato nell assemblea straordinaria dei soci del 29 giugno 1999 confermato in presenza del notaio Dott. Ida Tratter presso

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015)

STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015) STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015) Costituzione, denominazione e sede Art. 1 E costituita l associazione denominata: Società Italiana di Economia

Dettagli

STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO

STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO I. Forma giuridica e denominazione Art. 1 Sotto la denominazione Associazione FIDUCIARI SUISSE (Unione Svizzera dei Fiduciari) Sezione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA Con la seguente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge si conviene e si stipula quanto segue ARTICOLO 1) COSTITUZIONE E SEDE In

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO RESTAURO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO RESTAURO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO RESTAURO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO I. DENOMINAZIONE, SCOPO E SEDE Art. 1 Denominazione Sotto la denominazione Associazione Pro restauro del Sacro Monte della

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

STATUTO dell'associazione RIUSA CON AMORE. Essa è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia.

STATUTO dell'associazione RIUSA CON AMORE. Essa è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia. STATUTO dell'associazione RIUSA CON AMORE Art. 1 - Denominazione E' costituita l'associazione denominata RIUSA CON AMORE.. Essa è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia. Art.

Dettagli

La raccomandata o la quadratura del cerchio

La raccomandata o la quadratura del cerchio 1 La raccomandata o la quadratura del cerchio Premessa Dedicheró questo post alla raccomandata e alle conseguenze di una notifica infruttuosa della stessa.. La realizzazione di molte conseguenze giuridiche,

Dettagli