Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi. Diaman Holding srl. DiamanTech srl. Redatta ai sensi dell art del C.C.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi. Diaman Holding srl. DiamanTech srl. Redatta ai sensi dell art. 2465 del C.C."

Transcript

1 Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi Redatta ai sensi dell art del C.C. Di Diaman Holding srl Da conferire in DiamanTech srl 1

2 INDICE 1. Motivo ed oggetto dell incarico...pag Data di riferimento della stima...pag Documentazione esaminata...pag Metodologie di valutazione adottate... pag. 5 5.Storia e oggetto della perizia. pag La stima dell oggetto del conferimento...pag Conclusioni... pag Allegati.. pag. 20 2

3 1. Motivo ed oggetto dell incarico Il sottoscritto, dott. Costantino Magro, nato a Padova il 22 Maggio 1963, con Studio in Mogliano Veneto, Piazza Duca D Aosta, 4 (tel ; fax ), iscritto all albo dei Dottori commercialisti con il n. 585/A dal e al registro dei revisori legali con il n dal , Premesso: che la società Diaman Holding srl, con sede in Marcon (VE), Via Lombardi n. 14/4 iscritta al registro delle imprese di Venezia, numero d iscrizione e codice fiscale , numero REA VE ha per oggetto sociale il coordinamento tecnico amministrativo delle Società del Gruppo di appartenenza nonché l'effettuazione, in proprio o per mandato, di ogni operazione finanziaria, attiva e passiva nei confronti delle stesse, gruppo cui fa parte Diaman Tech Srl con sede in Marcon via Lombardi 14/4 iscritta al registro delle imprese di Venezia, numero d iscrizione e codice fiscale ; che è intenzione della stessa procedere ad un aumento di Capitale Sociale della controllata Diaman Tech srl mediante conferimento di beni in natura, e nello specifico dei modelli di calcolo e software applicativi denominati ExAnte, Iscoring, Irating, costruiti internamente alle Società del Gruppo e dei relativi marchi; che i suddetti modelli di calcolo, relativi marchi e brevetti sono stati oggetto di cessione da Diaman scf srl a Diaman Holding srl con atto del autenticato in data che sarà oggetto di successiva voltura preso l ufficio brevetti competente, per la parte relativa alla proprietà intellettuale; di aver ricevuto dalla suddetta Società l incarico di procedere alla determinazione e alla valutazione peritale dei beni immateriali sopra sinteticamente elencati, secondo quanto disposto dall art del C.C. Dichiara Di aver proceduto alla redazione della relazione di stima contenente la descrizione dei suddetti software e marchi, il valore a ciascuno di essi attribuito ed i criteri di valutazione singolarmente seguiti, con la finalità di stabilire il valore economico ragionevolmente attribuibile. 3

4 A tal fine sono state organizzate riunioni di lavoro con la proprietà in cui sono stati richiesti ed esaminati i documenti di carattere generale necessari a conoscere le singole fasi del ciclo di sviluppo dei software, nonché la documentazione amministrativa/contabile specifica relativa alle singole componenti di costo. Sono inoltre state eseguite verifiche sui dati contabili per accertare l esistenza dei suddetti beni immateriali. In ultima analisi, sono state considerate anche le informazioni di carattere generale assunte con riferimento ai servizi e ai mercati nell'ambito dei quali la ditta opera. La presente valutazione è basata principalmente sulla documentazione acquisita ed elencata in seguito e sulle informazioni acquisite nel corso di colloqui intercorsi con la proprietà; pertanto la bontà delle conclusioni ottenute in sede di valutazione si fonda sulla precisione dei dati, delle informazioni e dei documenti sopra citati. 2. Data di riferimento della stima Il valore dei suddetti modelli di calcolo oggetto della presente relazione di stima è stato determinato in riferimento alla data del 5 dicembre A tale riguardo, si precisa, per altro, che, successivamente a tale data, non si sono verificati eventi diversi da quelli relativi al normale svolgimento dell attività aziendale, che abbiano inciso in modo significativo sul valore dei beni immateriali oggetto della presente relazione di stima. 3. Documentazione esaminata A seguito dell incarico peritale affidatomi per valutare in modo attendibile i beni in oggetto, è stata richiesta ed esaminata la seguente documentazione: Tabulato delle ore dedicate dal personale specializzato addetto allo sviluppo dei software, compilato e sottoscritto dagli stessi; Tabelle riepilogative del costo orario complessivo di ogni dipendente e collaboratore, ottenuto dal consulente del lavoro della società; Documenti registrazione dei marchi; Documenti delle richieste di registrazione brevetti; Situazione contabile delle tre Società del Gruppo: Diaman Scf Srl, Diaman Tech srl, Diaman Holding Srl; 4

5 Contratto di cessione dei brevetti tra Diaman scf srl e Diaman Holding srl, sotto scritto in data 5 dicembre 2013; Contratti in essere relativi alla cessione delle licenze dei modelli di calcolo oggetto della perizia; Descrizione dei modelli di calcolo adottati; Contratti di servizio con i fornitori esterni; Business plan prodotti dagli amministratori. 4. Metodologie di valutazione. La valutazione ha lo scopo di pervenire alla determinazione del valore economico dei modelli di calcolo costruiti internamente alle Società del Gruppo e dei relativi marchi, al fine di procedere, attraverso il loro conferimento, ad un aumento di Capitale sociale dello stesso importo nella Società controllata Diaman Tech Srl. Si tratta in particolare di: Modello di calcolo Ex-Ante, I-scoring e I-rating Marchio Ex-Ante Marchio I-rating Marchio I-scoring In ordine ai criteri di valutazione adottati è da precisare la peculiarità dei beni oggetto della stima peritale e l oggettiva difficoltà da sempre riscontrata nella prassi, nel quantificare e apprezzare il valore economico dei cosiddetti beni intangibles. La dottrina economico-aziendale ha elaborato, nel corso del tempo, molteplici metodi per la determinazione del valore attribuibile ad un bene immateriale, i quali, rispondendo a teorie e presupposti logici diversi, possono condurre, talvolta, a risultati in parte difformi. In considerazione di tale fatto, la scelta del metodo o dei metodi di valutazione da utilizzarsi costituisce un momento di fondamentale importanza nello svolgimento del processo estimativo, considerato che l adozione di un metodo piuttosto che di un altro può condurre, a volte, a valori anche sensibilmente differenti. 5

6 Prima di illustrare e giustificare la scelta del metodo di valutazione adottato nella presente relazione di stima, si ritiene opportuno, pertanto, fare un breve accenno alle differenti metodologie elaborate dalla dottrina 1, le quali si possono suddividere in tre macro categorie: Approccio del costo - Metodo del costo storico; - Metodo del costo di riproduzione; Approccio economico reddituale - Metodo del contributo specifico. Approccio del mercato Illustrando brevemente la teoria sottostante a ciascuna delle categorie sopra indicate si può dire in primo luogo che secondo l approccio basato sul costo il valore di un bene è dato unicamente dalla sommatoria dei costi più significativi ai fini della loro valutazione. La prima metodologia, cosiddetta del costo storico si basa sulla somma e successiva attualizzazione di tutti i costi sostenuti per l ottenimento di quella determinata innovazione di cui fanno parte, a titolo esemplificativo,o le spese relative all iscrizione del marchio, il lancio del software nel mercato e i costi relativi al capitale umano impiegato. Tuttavia, questa metodologia presenta dei limiti dovuti alla sua incapacità di dare un espressione prospettica del valore economico attribuibile al bene in relazione alla sua capacità di generare redditi futuri. Esso infatti non tiene conto dei flussi reddituali che deriveranno da quella specifica tecnologia anche se già ben determinati e quantificabili. Il metodo del costo di riproduzione, invece, prende in considerazione quel costo che si dovrebbe sostenere per creare da zero un bene immateriale avente le stesse caratteristiche tecniche e stesse potenzialità reddituali di quello che stiamo andando a valutare. Il limite di questo metodo può essere individuato nella concreta difficoltà di trovare o creare una tecnologia simile in grado di sostituire quella oggetto della nostra valutazione. I metodi economico-reddituali invece, prescindono completamente dalla composizione dei costi sostenuti per ottenerli, ma valutano gli stessi esclusivamente in funzione dei redditi che sono in grado di generare. Il metodo cosiddetto del contributo specifico si propone, infatti, di determinare il valore del bene immateriale sulla base dell apporto marginale dello stesso alla redditività globale dell azienda e l incidenza sul delta competitivo tecnologico rispetto ad uno 1 Stefano Pozzoli, VALUTAZIONE D AZIENDA, Wolters Kluver Italia srl 2013 Michele Brusaterra, Perizie di stima,giuffre Editore, Milano

7 scenario senza apporto 2. Questa metodologia si traduce, nella pratica, nella attualizzazione, per il numero di anni nel quale si ritiene che la nuova tecnologia avrà vita utile, degli incrementi sul fatturato che la stessa apporterà all azienda. La logica sottostante il terzo approccio, cosiddetto del mercato, invece, determina il valore del bene immateriale attraverso il valore (prezzo) dato dal mercato in recenti transazioni, di asset simili. Ai fini di un corretto utilizzo di questo criterio, è necessario che sussista un mercato attivo caratterizzato da frequenti transazioni perfettamente concorrenziali e trasparenti, e un effettivo scambio di beni assimilabili al bene in esame. Qualora nel mercato non dovessero esistere beni assimilabili a quello oggetto della verifica, dovrà essere tenuto in debita considerazione attraverso correttivi adeguati. E importante precisare, comunque, che la scelta di uno piuttosto che di un altro dei metodi sopra brevemente delineati deve essere effettuata tenendo in considerazione le finalità proprie della relazione di stima e, successivamente, le caratteristiche dei beni immateriali oggetto di valutazione. Pertanto, è necessario che il perito svolga con la massima attenzione questa fase preliminare del processo di stima, al fine di scegliere la metodologia che possa condurre ad una più corretta attribuzione di valore. Considerando le finalità che hanno reso necessaria la redazione della presente perizia di stima, il limitato tempo a disposizione, e la peculiarità degli oggetti da valutare, si ritiene di adottare un duplice criterio. Ovvero di utilizzare un primo metodo di stima, considerato quello principale e successivamente eseguire uno stress test, utilizzando un secondo metodo per confronto, come si dirà meglio in seguito. 5. Storia e descrizione dei beni oggetto di stima E possibile dividere l oggetto della presente perizia in due categorie: i modelli di calcolo e i relativi marchi. 5.1 I modelli di calcolo e i software applicativi: I-rating, I-scoring Ex-ante Il rating, in italiano classificazione, è un metodo utilizzato per valutare sia i titoli azionari e obbligazionari, sia le imprese in base al loro rischio finanziario. Le valutazioni del rating sono emesse ad opera delle cosiddette agenzie di rating. Le agenzie di rating hanno indubbiamente avuto un ruolo da protagonista nelle dinamiche e nell'evoluzione dei mercati finanziari di questi ultimi decenni. Nate come società specializzate nel fornire giudizi sul rischio dei bond che fungessero da supporto alle decisioni degli investitori, le agenzie, nella seconda 2 Cit. Michele Brusaterra, Perizie di stima,giuffre Editore, Milano

8 metà del XX secolo, si ritrovano investite di una funzione quasi regolamentare, determinando con i propri giudizi non solo l'interesse che un emittente deve corrispondere per collocare i propri titoli di debito, ma anche la disciplina stessa cui tale emittente e i suoi titoli sono sottoposti. Questo ruolo delle agenzie, derivante da una normativa finanziaria rating oriented, ha creato una situazione singolare in cui le agenzie di rating esercitavano una funzione integrativa della regolazione finanziaria, senza essere a loro volta destinatarie di una normativa che disciplinasse puntualmente l'attività da esse svolta e i servizi da esse erogati. Il risultato di questa anomalia regolamentare è stato la creazione di un mercato del rating ristretto, spartito principalmente tra tre grandi agenzie che godevano di un riconoscimento esplicito da parte della legislazione. Nel tempo, le agenzie a partire dagli anni settanta non erano più retribuite dagli investitori mediante l'acquisto diretto dei loro giudizi, ma hanno al contrario iniziato ad essere pagate dagli emittenti stessi, i quali erano e sono soliti commissionare periodicamente i rating alle agenzie, in modo non dissimile da come sono acquistate altre tipologie di certificazione. Questo modello di mercato ha iniziato a registrare qualche cambiamento dagli anni duemila, cioè da quando, in risposta ad alcuni rating macroscopicamente errati emessi dalle agenzie, il legislatore sia negli Stati Uniti che in Europa è intervenuto per la prima volta introducendo una disciplina volta a regolare la struttura e la funzione delle agenzie e imponendo loro requisiti organizzativi e professionali. Le tre principali società di Rating S&P, Moody s e Fitch di fatto dominano il settore della valutazione del rischio di credito e hanno utilizzato una speciale classificazione basata sulle lettere dell alfabeto che è diventata di utilizzo comune nel settore. Di recente, in Europa, si è affacciata sul mercato una nuova agenzia asiatica la Dagong Europe credit rating srl, la quale produce criteri e modelli ai fini di una tempestiva valutazione dei crediti anch essa utilizzando un sistema alfabetico. Di fatto l utilizzo delle lettere è dovuto al fatto che nel mondo anglosassone le lettere vengono utilizzate come giudizi nell ambito scolastico e quindi questo tipo di valutazioni fanno leva su di un bagaglio esperienziale quanto meno degli inventori. L innovazione del modello di calcolo denominato I-rating consiste in un sistema di valorizzazione a carattere numerico e non più delle capacità di rimborso del capitale di una emissione obbligazionaria da parte della Società emittente tramite una tabella di conversione delle probabilità di fallimento dello stesso emittente ottenute mediante un modello di valutazione implicito. La conversione è gestita tramite una tabella che associa alla probabilità di default calcolata un valore numerico compreso tra 1 e 10. In pratica la presente invenzione consiste nel creare con una sequenza di fasi operative ben definite e riproducibili e con l'utilizzazione di tradizionali strumenti 8

9 finanziari (tabelle) un "numero" che converta il risultato di valutazioni, effettuate dalle differenti agenzie di rating, in una scala di valori numerici analoga a quella che può essere utilizzata in ambito scolastico per valutare la preparazione di un alunno. In un panorama come quello italiano la conversione delle valutazioni in valori compresi tra 1 e 10 riportano la questione della valutazione in un ambito più familiare rispetto ad una valutazione in lettere più vicina all esperienza e alla concezione scolastica anglosassone. Il passaggio ad una variabile con scala numerica 1-10 permette l ordinamento e il calcolo di statistiche singole e di portafoglio, inoltre la classifica è stata impostata in modo tale da essere congruente e confrontabile con i valori espressi tramite il calcolo dell Iscoring. Questo secondo modello di calcolo consiste in un sistema di conversione in valori quantitativi di variabili qualitative ordinate (Ratings), basato su criteri diversi atti a catturare la capacità di rischio o rimborso delle aziende. La conversione è gestita tramite una doppia tabella che associa un valore numerico compreso tra 0 e 10 ad ogni valutazione qualitativa da parte del valutatore. Il passaggio ad una variabile numerica permette l ordinamento e il calcolo di statistiche. Nell ambito di valutazione del rischio di credito di un portafoglio finanziario le valutazioni qualitative permettono un uso ristretto delle statistiche e in particolare non permettono il calcolo del rating medio di portafoglio o il rating medio delle agenzie associate ad una determinata Società o emittente oppure il confronto tra due Società con giudizi provenienti da agenzie diverse. Le medie così calcolate vengono riconvertite in voti attraverso una seconda tabella con scala anch essa compresa tra 0 e 10. Ex-ante è un modello di calcolo delle probabilità di rendimento futuro di un fondo ovvero di un portafoglio di fondi o ETF attraverso le probabilità condizionate; modello che, a differenza della statistica finanziaria attualmente diffusa e maggiormente conosciuta dagli operatori, ipotizza che i mercati non siano efficienti e tantomeno casuali. È importante per l'utilizzatore del software EX- ANTE comprendere bene le logiche alla base del motore di calcolo delle probabilità condizionate, e quindi dell'enorme vantaggio competitivo che un software del genere è in grado di apportare a chi lo usa come strumento per prendere le corrette decisioni di investimento. Proprio le difficili decisioni di investimento, che sono sempre prese in condizione di incertezza, sono il motivo per cui DIAMAN SIM ora SCF ha pensato di realizzare e diffondere questo software, per dare maggiori informazioni e dati utili a chi queste decisioni deve prenderle, non tanto per se stessi, quanto per clienti o investitori. 9

10 5.2 I marchi : Per quanto concerne i tre marchi il perito ha verificato che gli stessi fossero stati effettivamente oggetto di protezione presso l Ufficio preposto alla gestione dei marchi e del design industriale per il mercato interno dell Unione europea, UAMI, e che corrispondessero alla loro diffusione. In particolare ha riscontrato che : I-rating è stato rilasciato in data 29/08/2013 il certificato di registrazione per il marchio comunitario contrassegnato dal numero di domanda e data di registrazione 16/01/2013; I-scoring è stato rilasciato in data 29/08/2013 il certificato di registrazione per il marchio comunitario contrassegnato dal numero di domanda e data di registrazione 17/01/2013; Ex-ante è stato depositato da Diaman Holding srl in data 11/10/2012 la domanda di registrazione presso l UAMI con numero di domanda di marchio comunitario Si ritiene opportuno informare che la Società ha ricevuto in data 12 settembre 2013 un opposizione da parte della Società francese, Exane Sa, parte del gruppo BNP Paribas, contro la registrazione del marchio Ex-ante. Tale disputa risulta essere in corso di definizione, tuttavia l esito non è per nulla certo. Il perito, pur riconoscendo il contenuto di pregio de i marchi, non è in grado di procedere ad una stima attendibile del valore degli stessi, a causa della loro recente diffusione e dalla identificazione con il prodotto commercializzato. La distribuzione di tali prodotti è attualmente alle prime fasi e non è possibile, verificarne con ragionevolezza, il contributo commerciale. Ad ogni modo, poiché i costi di registrazione sono sati effettivamente sostenuti si attribuisce agli stessi tale valore, descritto nella tabella che segue: I-RATING I-SCORING EX-ANTE TOTALE MC MC MC

11 6. Il metodo adottato e la stima dell oggetto del conferimento. Dopo aver descritto in linea generale le caratteristiche dei beni oggetto della presente perizia di stima ed aver fatto le opportune valutazioni circa il metodo più indicato a determinarne il valore ragionevolmente attribuibile, si è deciso di utilizzare come metodo principale di valutazione quello basato sul costo storico. Sulla base della teoria su cui si fonda questo criterio abbiamo individuato le categorie di costo che si sono rivelate necessarie per la progettazione dei beni oggetto della nostra verifica come descritto dalla seguente tabella: PROVENIENZA/ ORIGINE Costo risorse umane (1) Costi di registrazione Costi per software R&S Università (4) Altri costi (5) (2) applicativi diretti (3) Diaman scf srl Diaman holding srl (1) COSTO RISORSE UMANE per il calcolo è stato assunto il costo orari medio di ciascun dipendente occupato nel progetto moltiplicato per il numero dello ore dedicate al singolo progetto, che nel caso specifico sono state: QUALIFICA CONTRATTO COSTO ORARIO N. ORE DEDICATE N. ORE DEDICATE TOTALE COSTO AI PROGETTI 2012 AI PROGETTI 2013 PERSONALE DIPENDENTE CCNL 23,20 23, COMMERCIO DIPENDENTE CCNL 21, COMMERCIO AMMINISTRATORE 29,33 29, TOTALE

12 Come si evince dalla tabella, il costo delle risorse umane è stato calcolato moltiplicando il costo orario determinato sulla base della retribuzione lorda tabellare di ciascun dipendente coinvolto (due dipendenti e l amministratore), per le ore effettivamente impiegate per lo sviluppo dei beni immateriali oggetto della perizia, così come certificate dalle dichiarazioni rilasciate e sottoscritte dai singoli sviluppatori ed acquisite agli atti. ( 2 ) COSTI DI REGISTRAZIONE Il perito ha certificato attraverso l acquisizione della relativa documentazione che: L innovazione denominata I-rating è stata depositata dalla Diaman sim spa (ora scf) il 19 ottobre 2012 presso l Ufficio italiano Brevetti e Marchi UIBM sostenendo per il suo deposito i seguenti costi: - Marca da bollo: 14,62 - Agenzia delle Entrate, Diritto di deposito: CCIA Venezia, Ufficio Brevetti: 43,00 L innovazione denominata I-scoring è stata depositata dalla Diaman sim spa (ora scf) il 19 ottobre 2012 presso l Ufficio italiano Brevetti e Marchi UIBM sostenendo per il suo deposito i seguenti costi: - Marca da bollo: 14,62 - Agenzia delle Entrate, Diritto di deposito: CCIA Venezia, Ufficio Brevetti: 43,00 E stato pertanto verificato che i costi totali sostenuti per la registrazione dei suddetti brevetti è stato di 355,24. (3) COSTI PER SOFTWARE APPLICATIVI DIRETTI Ai fini della progettazione dei modelli di calcolo è stato necessario per la Società acquisire un ulteriore stadio di sviluppo costituito da un software in grado di dare un interfaccia grafica per la rappresentazione dei dati e l impiego dei modelli di calcolo su piattaforme diverse, compresi i dispositivi mobili (per es. tablet). Le attività che sono state svolte dai fornitori esterni sono le seguenti: 12

13 - Analisi delle interfacce utente da sviluppare - Progettazione e sviluppo delle interfacce - Sviluppo funzionalità - Test applicativo e correzione di eventuali anomalie - Installazione e configurazione nel server. I costi sostenuti per l acquisto di questo software sono stati certificati attraverso la visione e verifica del contratto con la Società che l ha fornito e le relative fatture di vendita. Il dettaglio dei costi è riportato nella seguente tabella: ORIGINE FORNITORE DOCUMENTO IMPORTO Diaman scf srl I CONTACT srl FATTURA 16/B DEL 06/05/ I CONTACT srl FATTURA 32/B DEL 18/10/ TOTALE Diaman scf srl Diaman Holding srl I CONTACT srl FATTURA 12/B DEL 05/03/ I CONTACT srl FATTURA 50/B DEL 23/11/ I CONTACT srl FATTURA 25/B DEL 07/05/ TOTALE Diaman H. srl Come si evince dalla tabella i costi relativi all acquisto dei software applicativi sono stati sostenuti in parte dalla Diaman Holding srl e in parte dalla controllata Diaman scf srl. In data Diaman scf srl con contratto autenticato nelle firme in data ha provveduto a cedere quanto sviluppato e di sua proprietà alla capogruppo ai fini del successivo conferimento presso la Diaman Tech srl. (4) R&S UNIVERSITA In questa categoria sono stati riportati i costi sostenuti per le consulenze fornite dal Professor Vargiolu dell Università di Padova Dipartimento di matematica per l analisi di modelli di 13

14 probabilità condizionate applicate alle previsioni finanziarie e la calibrazione di modelli di probabilità. Ai fini della loro verifica sono state richieste le fatture emesse dalla Università. (5) ALTRI COSTI In questa categoria residuale sono esposti i costi sostenuti dalla Società per la realizzazione grafica del sito internet e la registrazione dei domini come riportato nelle fatture emesse dal fornitore FlyWeb sas di Belluno. ********* Il totale dei costi riscontrati presso i due soggetti che hanno prodotto i beni è pertanto così riassunto: costi sostenuti da Diaman sim (ora scf) euro: costi sostenuti da Diaman Holding srl euro: Si precisa ancora che Diaman SCF srl, in data 05/12/2013 ha provveduto a cedere a Diaman Holding srl i brevetti e i modelli di calcolo per un corrispettivo unitario di euro ,00, oggetto di apposita fatturazione. In conclusione della nostra valutazione, il totale dei costi, assunti con il metodo del costo storico e relativi ai beni immateriali oggetto della perizia ammontano ad , secondo il seguente calcolo: BREVETTI SOTWARE MARCHI TOTALE Stress tests Come accennato nelle premesse di questa perizia, oltre al metodo principale, si è deciso di impiegare un metodo alternativo per la verifica della qualità del risultato ottenuto con il metodo principale. 14

15 Come approccio metodologico si è deciso di escludere l impiego di un metodo appartenente alla stessa classe del metodo principale, basato sul costo. Pertanto non è stato utilizzato il metodo di sostituzione (o di riproduzione) anche perché in parte riprodurrebbe la stessa logica del metodo principale adottato, vista la vicinanza del momento di creazione del software (prodotto nel corso degli ultimi due anni), con la conseguente difficoltà di monitorare, individuare, eventuali costi di miglioramento distribuzione e manutenzione. Per la scelta del metodo alternativo, allora, si è preso in considerazione, in primo luogo il panorama di fornitori di prodotti di analisi matematica similari a quello oggetto di perizia. Le principali agenzie di rating internazionali forniscono, tra i loro servizi, una sezione dedicata alla analisi di titoli azionari e obbligazionari, in grado di fornire un indice di rischio articolato come noto in lettere dell alfabeto e/o lettere e numeri (AAA, B1, ecc ). Stante l analogia del risultato, si è preso in considerazione, non tanto di chiedere a tali società una quotazione per l acquisto del software, probabilmente impossibile a causa della protezione dello stesso, bensì chiedere una valutazione per l impiego di detto servizio. Il perito ha chiesto alla società di disporre di una valutazione economica da parte di Moody s, per tali prestazioni e in particolare del servizio Moody s analitycs. Ebbene tale offerta prevedeva, nella formulazione CreditEdge Plus CDS I EDF, un canone annuale di euro ,00. Tale valore di mercato, comparato con il costo sostenuto internamente dalla società pari ad euro , permette di giungere alla seguente conclusione: in termini reali, l utilizzo di detto software per un numero di anni pari a 6 (cioè ,00 pari al valore del costo di produzione diviso il corrispettivo del canone annuale per l impiego di un software equivalente) permetterebbe di recuperare integralmente il costo sostenuto. Tale lasso temporale di impiego (ancorché soggetto ad un eventuale aumento a causa della necessaria manutenzione del software) sembra ragionevole, atteso che tali modelli di valutazione sono presenti sul mercato dagli 30, e dagli anni 90 hanno travato un forte impulso a causa della volatilità dei mercati e una regolamentazione sempre più profonda. Un ulteriore verifica è stata poi eseguita prendendo in visione il piano economico finanziario sviluppato dalla società conferitaria, per la diffusione e distribuzione anche dei software oggetto della presente perizia, così come consegnato dall amministratore Mattia Annovi, coadiuvato dal dott. Daniele Bernardi amministratore unico di Diaman Holding. 15

16 Il perito ha altresì raccolto copia dei contratti di vendita del software Ex-ante, attualmente realizzati da Diaman Tech srl, nonostante quest ultima formalmente non fosse ancora proprietaria dei diritti di sfruttamento degli stessi, assieme ad una lista dei soggetti interessati al software I scoring così come registrati sul sito web dedicato ai singoli software (le adesioni ricevute sono al momento circa 200). Successivamente ha chiesto alla società di estrapolare dal business complessivo le informazioni esclusivamente riferite ai software oggetto di perizia. Da tale selezione il business modellizzato è il seguente: BUSINESS PLAN DESCRIZIONE RICAVI Vendita software EXANTE Vendita software irating Commissioni da Negoziazione Commissioni da Collocamento 0 Vendita servizi firma grafometrica 0 TOTALE RICAVI DESCRIZIONE COSTI Costi di Direzione Amministratore unico Costi di Attivita' + personale Affitto, spese ufficio, noleggio PC Resp. Sviluppo software e processi 0 Responsabile Database 0 Assistenza Clienti 0 Costi di Contabilita' Sharing contabilità Commercialista Costi Commerciali e partner Commissione variabile al commerciale Commissioni ribaltate a partner firma 0 0 Rimborso spese fisso al commerciale Costi ricerca e sviluppo 0 Sviluppo nuove release Acquisto dilazionato licenze DIAMAN Software Moody's per irating Costi varie (7%) TOTALE COSTI COMPLESSIVI EBITDA Ammortamenti Risultato gestione Operativa Imposte Recupero perdite pregresse 0 0 Utile (perdita) di esercizio

17 Si ritiene a questo punto utile evidenziare che, senza procedere a calcoli attuariali complessi, vista la limitatezza del periodo temporale sotto esame, i flussi reddituali, non attualizzati, prodotti dalla cessione dei software sono pari ad euro ,00. A contro prova di quanto sopra detto il perito ha anche verificato la solidità dei dati proposti nel business plan. In particolare ha verificato che, accedendo al sito di e-commerce prodotto dal conferitario, i prezzi proposti per i singoli software sono i seguenti: I-scoring e I-rating: 1) Mercato TLX e Hi-Mtf prezzo 1500 Euro scontato per il primo anno a 750 Euro 2) Mercato Europa ed America prezzo Euro scontato per il primo anno a Euro 3) Tutto il mondo prezzo Euro scontato per il primo anno a Euro La società ha messo a disposizione del perito l elenco di tutti i nominativi che si sono iscritti per prendere in visone il software, elenco composto da 200 soggetti. Ipotizzando un prezzo mediano di euro e una percentuale di successo in termini di vendite del 20% il volume generato il primo anno potrebbe essere di euro 1.500*(200*20%) = A questo volume di vendite andrebbero poi aggiunti i volumi di vendita del prodotto ex-ante, di cui esiste già una prima esperienza, condotta da Diaman Tech srl. Sotto riportata. Considerato che le vendite sono appena iniziate, il dato sembra confermare l interesse per il prodotto da parte del mercato. 17

18 Dalla verifica dei contratti di vendita è emerso quanto segue : TOTALE VENDITE EX ANTE Px TOT. px medio Volume vendite 500,00 9 DIAMAN HOLDING 2012 DIAMAN TECH , ,87 4 TOT. CONTRATTI 495,00 5 TOT. CONTRATTI 350, ,80 1 DIAMAN TECH , , ,88 2 TOT. CONTRATTI TOTALE

19 7. Conclusioni Come già detto in precedenza, a fronte del conferimento in natura dei beni la società Diaman Tech S.r.l. aumenterà il proprio capitale sociale per l importo di ,00, nominali con un sovrapprezzo di complessivi 1.000,00. Il metodo del costo storico ha permesso di stimare i beni oggetto di conferimento in euro ,00 e li stress test applicati hanno reso valori superiori e di tenuta degli assunti a base delle simulazioni eseguite. Il sottoscritto perito, in base ai metodi di valutazione ai quali si è ispirato nell espletamento del presente incarico ed alle osservazioni sopra svolte, determina, ai sensi e per gli effetti di cui all art del codice civile: - il valore dei beni immateriali oggetto di conferimento da parte della società Diaman Holding srl in misura non inferiore a complessivi ,00 ed attesta che, ai sensi del citato articolo del codice civile, è almeno pari a quello ad esso attribuito ai fini della determinazione dell aumento del capitale sociale della Diman Tech S.r.l. di nominali ,00 destinato ad essere assegnato al soggetto conferente e del relativo sovrapprezzo di 1.000,00, pari a complessivi ,00. Con osservanza, lì, 10 dicembre 2013 Il perito Costantino Magro Allegati vedi sotto 19

20 ALLEGATO A Immagini dei marchi 20

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL RELAZIONE WEB OFFER DIAMAN TECH SRL Indice Introduzione pag. 3 Parte generale..pag. 3 Il caso specifico...pag. 4 Conclusioni..pag. 6 INTRODUZIONE Il sottoscritto dott. Costantino Magro, nato a Padova il

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2 RELAZIONE DI STIMA, REDATTA AI SENSI DELL ART. 2465, 1 COMMA, DEL CODICE CIVILE, SUL VALORE ATTRIBUIBILE AL RAMO D AZIENDA CENTRIFUGHE, OPERANTE ALL INTERNO DELLA SOCIETÀ Y S.R.L. Indice sommario 1. Motivo

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA. Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A.,

TRIBUNALE DI MODENA. Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A., TRIBUNALE DI MODENA Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A., con sede in Modena, via Emilia n. 100, capitale sociale euro 1.000,00 i.v., iscritta al Registro

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 20 febbraio 2004

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 20 febbraio 2004 CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2004 Oggetto:valutazione delle azioni e titoli similari non negoziati in mercati regolamentati italiani o esteri Omogeneizzazione

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa La valutazione di un ramo d azienda che svolge l attività di manutenzione caldaie a domicilio, oggetto di conferimento. Il metodo reddituale a due fasi 1 L oggetto dell incarico 2 L oggetto della valutazione

Dettagli

Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio

Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio a cura di: Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera L ammortamento del disaggio su prestiti, il rimborso dei prestiti

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 379 del 28/10/2013 Proposta n. 379 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI E ADEMPIMENTI CONNESSI ANNI 2014/2017 A FAVORE DELLA DITTA ENTI SERVICE SRL DI

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Investimenti e Sviluppo S.p.A.

Investimenti e Sviluppo S.p.A. MAZARS & GUÉRARD Investimenti e Sviluppo S.p.A. Relazione della società di revisione sulla congruità del prezzo di emissione delle azioni relative all aumento di Capitale Sociale con esclusione del diritto

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti dell Aderente in base alle Condizioni di Polizza, la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

Fallimento MAX HOTELS & RESORTS S.R.L. IN LIQUIDAZIONE

Fallimento MAX HOTELS & RESORTS S.R.L. IN LIQUIDAZIONE 1 Fallimento MAX HOTELS & RESORTS S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Viale Hanoi, 16 Pontassieve (Fi) C.F. e N. R.I. di Firenze 05875970484 P E R I Z I A D I S T I M A PER LA VALUTAZIONE DEL MARCHIO MAX HOTELS & RESORTS

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti Confermati i dati del bilancio consolidato già comunicati a febbraio

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Codice ABI 08407

Dettagli

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve Introduzione Le istanze connesse ai titoli di proprietà industriale, denominate anche seguiti brevettuali, vengono depositate successivamente alla domanda originaria. Sono necessarie in caso di trasferimenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Masiano (Pistoia) in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale)

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) I redditi attesi stimati sono: - reali; - normali; - netti e sono riportati nella tabella seguente. Importo 2013 Importo 2014 Importo 2015 VF 2015

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ! DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE in merito all operazione di sottoscrizione da parte di TRUE ENERGY SOLAR S.A., società interamente controllata dal

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Condizioni definitive. in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento del prestito. Condizioni definitive

Condizioni definitive. in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento del prestito. Condizioni definitive Condizioni definitive Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 155.773.138,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Iscritta all Albo

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTA la legge 17 novembre 2005, n. 165 (di seguito, per brevità: LISF ) che, tra l altro, attribuisce alla Banca Centrale della

Dettagli

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011 Tirreno Acque S.c.r.l. - Bilancio finale di liquidazione Codice Fiscale 01500410509 Tirreno Acque - Società consortile a responsabilità limitata in liquidazione Capitale sociale 70.232,00 i.v. Sede in

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

MODULO RICHIESTA DI BREVETTO

MODULO RICHIESTA DI BREVETTO MODULO RICHIESTA DI BREVETTO Università degli Studi di Bari Servizio trasferimento tecnologico Piazza Umberto I, n.1 70121 BARI A. TITOLO DELL INVENZIONE Creare un breve titolo che descriva la natura dell

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

dott. Enrico ZANETTI

dott. Enrico ZANETTI TRASFERIMENTI DI QUOTE DI SRL PROCEDURA CON FIRMA DIGITALE dott. Enrico ZANETTI Diretta 27 ottobre 2008 PROFILI INTRODUTTIVI CO. 1-BIS DELL ART. 36 DEL DL 112/2008 L ATTO DI TRASFERIMENTO DI CUI AL SECONDO

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

dell incasso degli avvisi di pagamento e dei flussi di rendicontazione di poste italiane.

dell incasso degli avvisi di pagamento e dei flussi di rendicontazione di poste italiane. SEDE DI: Pisa STRUTTURA PROPONENTE: AREA AFFARI GENERALI PROPOSTA NOTA DI SERVIZIO N. // del // DETERMINA DEL DIRETTORE AMM.VO AFFARI GENERALI E CATASTO N. 62 DEL 09.12.2014 OGGETTO: noleggio annuale (2015)

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

1. Valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata.

1. Valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata. ALLEGATO 1 Direttiva per la valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata e per lo svolgimento delle funzioni inerenti il controllo e la

Dettagli

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA NEL CASO DI INDISPONIBILITA DEI COSTI STORICI ORIGINARI E DELLE VITE UTILI RILEVANTI AI FINI DEL REGIME DI PEREQUAZIONE

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi (Allegato alla Circolare 5879 del 18 settembre 2014) Variazioni formalmente sottoposte

Dettagli

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data Attività di Finpiemonte 2 Attività di Finpiemonte Le verifiche documentali effettuate da Finpiemonte riguardano tutte le domande di rimborso presentate dai beneficiari

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA (approvato con deliberazione consiliare n. 76 del 7/04/2009, in vigore dal 8/06/2009) Art. 1 (Finalità) 1. Il

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli