Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi. Diaman Holding srl. DiamanTech srl. Redatta ai sensi dell art del C.C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi. Diaman Holding srl. DiamanTech srl. Redatta ai sensi dell art. 2465 del C.C."

Transcript

1 Perizia di stima di modelli di calcolo, software e marchi Redatta ai sensi dell art del C.C. Di Diaman Holding srl Da conferire in DiamanTech srl 1

2 INDICE 1. Motivo ed oggetto dell incarico...pag Data di riferimento della stima...pag Documentazione esaminata...pag Metodologie di valutazione adottate... pag. 5 5.Storia e oggetto della perizia. pag La stima dell oggetto del conferimento...pag Conclusioni... pag Allegati.. pag. 20 2

3 1. Motivo ed oggetto dell incarico Il sottoscritto, dott. Costantino Magro, nato a Padova il 22 Maggio 1963, con Studio in Mogliano Veneto, Piazza Duca D Aosta, 4 (tel ; fax ), iscritto all albo dei Dottori commercialisti con il n. 585/A dal e al registro dei revisori legali con il n dal , Premesso: che la società Diaman Holding srl, con sede in Marcon (VE), Via Lombardi n. 14/4 iscritta al registro delle imprese di Venezia, numero d iscrizione e codice fiscale , numero REA VE ha per oggetto sociale il coordinamento tecnico amministrativo delle Società del Gruppo di appartenenza nonché l'effettuazione, in proprio o per mandato, di ogni operazione finanziaria, attiva e passiva nei confronti delle stesse, gruppo cui fa parte Diaman Tech Srl con sede in Marcon via Lombardi 14/4 iscritta al registro delle imprese di Venezia, numero d iscrizione e codice fiscale ; che è intenzione della stessa procedere ad un aumento di Capitale Sociale della controllata Diaman Tech srl mediante conferimento di beni in natura, e nello specifico dei modelli di calcolo e software applicativi denominati ExAnte, Iscoring, Irating, costruiti internamente alle Società del Gruppo e dei relativi marchi; che i suddetti modelli di calcolo, relativi marchi e brevetti sono stati oggetto di cessione da Diaman scf srl a Diaman Holding srl con atto del autenticato in data che sarà oggetto di successiva voltura preso l ufficio brevetti competente, per la parte relativa alla proprietà intellettuale; di aver ricevuto dalla suddetta Società l incarico di procedere alla determinazione e alla valutazione peritale dei beni immateriali sopra sinteticamente elencati, secondo quanto disposto dall art del C.C. Dichiara Di aver proceduto alla redazione della relazione di stima contenente la descrizione dei suddetti software e marchi, il valore a ciascuno di essi attribuito ed i criteri di valutazione singolarmente seguiti, con la finalità di stabilire il valore economico ragionevolmente attribuibile. 3

4 A tal fine sono state organizzate riunioni di lavoro con la proprietà in cui sono stati richiesti ed esaminati i documenti di carattere generale necessari a conoscere le singole fasi del ciclo di sviluppo dei software, nonché la documentazione amministrativa/contabile specifica relativa alle singole componenti di costo. Sono inoltre state eseguite verifiche sui dati contabili per accertare l esistenza dei suddetti beni immateriali. In ultima analisi, sono state considerate anche le informazioni di carattere generale assunte con riferimento ai servizi e ai mercati nell'ambito dei quali la ditta opera. La presente valutazione è basata principalmente sulla documentazione acquisita ed elencata in seguito e sulle informazioni acquisite nel corso di colloqui intercorsi con la proprietà; pertanto la bontà delle conclusioni ottenute in sede di valutazione si fonda sulla precisione dei dati, delle informazioni e dei documenti sopra citati. 2. Data di riferimento della stima Il valore dei suddetti modelli di calcolo oggetto della presente relazione di stima è stato determinato in riferimento alla data del 5 dicembre A tale riguardo, si precisa, per altro, che, successivamente a tale data, non si sono verificati eventi diversi da quelli relativi al normale svolgimento dell attività aziendale, che abbiano inciso in modo significativo sul valore dei beni immateriali oggetto della presente relazione di stima. 3. Documentazione esaminata A seguito dell incarico peritale affidatomi per valutare in modo attendibile i beni in oggetto, è stata richiesta ed esaminata la seguente documentazione: Tabulato delle ore dedicate dal personale specializzato addetto allo sviluppo dei software, compilato e sottoscritto dagli stessi; Tabelle riepilogative del costo orario complessivo di ogni dipendente e collaboratore, ottenuto dal consulente del lavoro della società; Documenti registrazione dei marchi; Documenti delle richieste di registrazione brevetti; Situazione contabile delle tre Società del Gruppo: Diaman Scf Srl, Diaman Tech srl, Diaman Holding Srl; 4

5 Contratto di cessione dei brevetti tra Diaman scf srl e Diaman Holding srl, sotto scritto in data 5 dicembre 2013; Contratti in essere relativi alla cessione delle licenze dei modelli di calcolo oggetto della perizia; Descrizione dei modelli di calcolo adottati; Contratti di servizio con i fornitori esterni; Business plan prodotti dagli amministratori. 4. Metodologie di valutazione. La valutazione ha lo scopo di pervenire alla determinazione del valore economico dei modelli di calcolo costruiti internamente alle Società del Gruppo e dei relativi marchi, al fine di procedere, attraverso il loro conferimento, ad un aumento di Capitale sociale dello stesso importo nella Società controllata Diaman Tech Srl. Si tratta in particolare di: Modello di calcolo Ex-Ante, I-scoring e I-rating Marchio Ex-Ante Marchio I-rating Marchio I-scoring In ordine ai criteri di valutazione adottati è da precisare la peculiarità dei beni oggetto della stima peritale e l oggettiva difficoltà da sempre riscontrata nella prassi, nel quantificare e apprezzare il valore economico dei cosiddetti beni intangibles. La dottrina economico-aziendale ha elaborato, nel corso del tempo, molteplici metodi per la determinazione del valore attribuibile ad un bene immateriale, i quali, rispondendo a teorie e presupposti logici diversi, possono condurre, talvolta, a risultati in parte difformi. In considerazione di tale fatto, la scelta del metodo o dei metodi di valutazione da utilizzarsi costituisce un momento di fondamentale importanza nello svolgimento del processo estimativo, considerato che l adozione di un metodo piuttosto che di un altro può condurre, a volte, a valori anche sensibilmente differenti. 5

6 Prima di illustrare e giustificare la scelta del metodo di valutazione adottato nella presente relazione di stima, si ritiene opportuno, pertanto, fare un breve accenno alle differenti metodologie elaborate dalla dottrina 1, le quali si possono suddividere in tre macro categorie: Approccio del costo - Metodo del costo storico; - Metodo del costo di riproduzione; Approccio economico reddituale - Metodo del contributo specifico. Approccio del mercato Illustrando brevemente la teoria sottostante a ciascuna delle categorie sopra indicate si può dire in primo luogo che secondo l approccio basato sul costo il valore di un bene è dato unicamente dalla sommatoria dei costi più significativi ai fini della loro valutazione. La prima metodologia, cosiddetta del costo storico si basa sulla somma e successiva attualizzazione di tutti i costi sostenuti per l ottenimento di quella determinata innovazione di cui fanno parte, a titolo esemplificativo,o le spese relative all iscrizione del marchio, il lancio del software nel mercato e i costi relativi al capitale umano impiegato. Tuttavia, questa metodologia presenta dei limiti dovuti alla sua incapacità di dare un espressione prospettica del valore economico attribuibile al bene in relazione alla sua capacità di generare redditi futuri. Esso infatti non tiene conto dei flussi reddituali che deriveranno da quella specifica tecnologia anche se già ben determinati e quantificabili. Il metodo del costo di riproduzione, invece, prende in considerazione quel costo che si dovrebbe sostenere per creare da zero un bene immateriale avente le stesse caratteristiche tecniche e stesse potenzialità reddituali di quello che stiamo andando a valutare. Il limite di questo metodo può essere individuato nella concreta difficoltà di trovare o creare una tecnologia simile in grado di sostituire quella oggetto della nostra valutazione. I metodi economico-reddituali invece, prescindono completamente dalla composizione dei costi sostenuti per ottenerli, ma valutano gli stessi esclusivamente in funzione dei redditi che sono in grado di generare. Il metodo cosiddetto del contributo specifico si propone, infatti, di determinare il valore del bene immateriale sulla base dell apporto marginale dello stesso alla redditività globale dell azienda e l incidenza sul delta competitivo tecnologico rispetto ad uno 1 Stefano Pozzoli, VALUTAZIONE D AZIENDA, Wolters Kluver Italia srl 2013 Michele Brusaterra, Perizie di stima,giuffre Editore, Milano

7 scenario senza apporto 2. Questa metodologia si traduce, nella pratica, nella attualizzazione, per il numero di anni nel quale si ritiene che la nuova tecnologia avrà vita utile, degli incrementi sul fatturato che la stessa apporterà all azienda. La logica sottostante il terzo approccio, cosiddetto del mercato, invece, determina il valore del bene immateriale attraverso il valore (prezzo) dato dal mercato in recenti transazioni, di asset simili. Ai fini di un corretto utilizzo di questo criterio, è necessario che sussista un mercato attivo caratterizzato da frequenti transazioni perfettamente concorrenziali e trasparenti, e un effettivo scambio di beni assimilabili al bene in esame. Qualora nel mercato non dovessero esistere beni assimilabili a quello oggetto della verifica, dovrà essere tenuto in debita considerazione attraverso correttivi adeguati. E importante precisare, comunque, che la scelta di uno piuttosto che di un altro dei metodi sopra brevemente delineati deve essere effettuata tenendo in considerazione le finalità proprie della relazione di stima e, successivamente, le caratteristiche dei beni immateriali oggetto di valutazione. Pertanto, è necessario che il perito svolga con la massima attenzione questa fase preliminare del processo di stima, al fine di scegliere la metodologia che possa condurre ad una più corretta attribuzione di valore. Considerando le finalità che hanno reso necessaria la redazione della presente perizia di stima, il limitato tempo a disposizione, e la peculiarità degli oggetti da valutare, si ritiene di adottare un duplice criterio. Ovvero di utilizzare un primo metodo di stima, considerato quello principale e successivamente eseguire uno stress test, utilizzando un secondo metodo per confronto, come si dirà meglio in seguito. 5. Storia e descrizione dei beni oggetto di stima E possibile dividere l oggetto della presente perizia in due categorie: i modelli di calcolo e i relativi marchi. 5.1 I modelli di calcolo e i software applicativi: I-rating, I-scoring Ex-ante Il rating, in italiano classificazione, è un metodo utilizzato per valutare sia i titoli azionari e obbligazionari, sia le imprese in base al loro rischio finanziario. Le valutazioni del rating sono emesse ad opera delle cosiddette agenzie di rating. Le agenzie di rating hanno indubbiamente avuto un ruolo da protagonista nelle dinamiche e nell'evoluzione dei mercati finanziari di questi ultimi decenni. Nate come società specializzate nel fornire giudizi sul rischio dei bond che fungessero da supporto alle decisioni degli investitori, le agenzie, nella seconda 2 Cit. Michele Brusaterra, Perizie di stima,giuffre Editore, Milano

8 metà del XX secolo, si ritrovano investite di una funzione quasi regolamentare, determinando con i propri giudizi non solo l'interesse che un emittente deve corrispondere per collocare i propri titoli di debito, ma anche la disciplina stessa cui tale emittente e i suoi titoli sono sottoposti. Questo ruolo delle agenzie, derivante da una normativa finanziaria rating oriented, ha creato una situazione singolare in cui le agenzie di rating esercitavano una funzione integrativa della regolazione finanziaria, senza essere a loro volta destinatarie di una normativa che disciplinasse puntualmente l'attività da esse svolta e i servizi da esse erogati. Il risultato di questa anomalia regolamentare è stato la creazione di un mercato del rating ristretto, spartito principalmente tra tre grandi agenzie che godevano di un riconoscimento esplicito da parte della legislazione. Nel tempo, le agenzie a partire dagli anni settanta non erano più retribuite dagli investitori mediante l'acquisto diretto dei loro giudizi, ma hanno al contrario iniziato ad essere pagate dagli emittenti stessi, i quali erano e sono soliti commissionare periodicamente i rating alle agenzie, in modo non dissimile da come sono acquistate altre tipologie di certificazione. Questo modello di mercato ha iniziato a registrare qualche cambiamento dagli anni duemila, cioè da quando, in risposta ad alcuni rating macroscopicamente errati emessi dalle agenzie, il legislatore sia negli Stati Uniti che in Europa è intervenuto per la prima volta introducendo una disciplina volta a regolare la struttura e la funzione delle agenzie e imponendo loro requisiti organizzativi e professionali. Le tre principali società di Rating S&P, Moody s e Fitch di fatto dominano il settore della valutazione del rischio di credito e hanno utilizzato una speciale classificazione basata sulle lettere dell alfabeto che è diventata di utilizzo comune nel settore. Di recente, in Europa, si è affacciata sul mercato una nuova agenzia asiatica la Dagong Europe credit rating srl, la quale produce criteri e modelli ai fini di una tempestiva valutazione dei crediti anch essa utilizzando un sistema alfabetico. Di fatto l utilizzo delle lettere è dovuto al fatto che nel mondo anglosassone le lettere vengono utilizzate come giudizi nell ambito scolastico e quindi questo tipo di valutazioni fanno leva su di un bagaglio esperienziale quanto meno degli inventori. L innovazione del modello di calcolo denominato I-rating consiste in un sistema di valorizzazione a carattere numerico e non più delle capacità di rimborso del capitale di una emissione obbligazionaria da parte della Società emittente tramite una tabella di conversione delle probabilità di fallimento dello stesso emittente ottenute mediante un modello di valutazione implicito. La conversione è gestita tramite una tabella che associa alla probabilità di default calcolata un valore numerico compreso tra 1 e 10. In pratica la presente invenzione consiste nel creare con una sequenza di fasi operative ben definite e riproducibili e con l'utilizzazione di tradizionali strumenti 8

9 finanziari (tabelle) un "numero" che converta il risultato di valutazioni, effettuate dalle differenti agenzie di rating, in una scala di valori numerici analoga a quella che può essere utilizzata in ambito scolastico per valutare la preparazione di un alunno. In un panorama come quello italiano la conversione delle valutazioni in valori compresi tra 1 e 10 riportano la questione della valutazione in un ambito più familiare rispetto ad una valutazione in lettere più vicina all esperienza e alla concezione scolastica anglosassone. Il passaggio ad una variabile con scala numerica 1-10 permette l ordinamento e il calcolo di statistiche singole e di portafoglio, inoltre la classifica è stata impostata in modo tale da essere congruente e confrontabile con i valori espressi tramite il calcolo dell Iscoring. Questo secondo modello di calcolo consiste in un sistema di conversione in valori quantitativi di variabili qualitative ordinate (Ratings), basato su criteri diversi atti a catturare la capacità di rischio o rimborso delle aziende. La conversione è gestita tramite una doppia tabella che associa un valore numerico compreso tra 0 e 10 ad ogni valutazione qualitativa da parte del valutatore. Il passaggio ad una variabile numerica permette l ordinamento e il calcolo di statistiche. Nell ambito di valutazione del rischio di credito di un portafoglio finanziario le valutazioni qualitative permettono un uso ristretto delle statistiche e in particolare non permettono il calcolo del rating medio di portafoglio o il rating medio delle agenzie associate ad una determinata Società o emittente oppure il confronto tra due Società con giudizi provenienti da agenzie diverse. Le medie così calcolate vengono riconvertite in voti attraverso una seconda tabella con scala anch essa compresa tra 0 e 10. Ex-ante è un modello di calcolo delle probabilità di rendimento futuro di un fondo ovvero di un portafoglio di fondi o ETF attraverso le probabilità condizionate; modello che, a differenza della statistica finanziaria attualmente diffusa e maggiormente conosciuta dagli operatori, ipotizza che i mercati non siano efficienti e tantomeno casuali. È importante per l'utilizzatore del software EX- ANTE comprendere bene le logiche alla base del motore di calcolo delle probabilità condizionate, e quindi dell'enorme vantaggio competitivo che un software del genere è in grado di apportare a chi lo usa come strumento per prendere le corrette decisioni di investimento. Proprio le difficili decisioni di investimento, che sono sempre prese in condizione di incertezza, sono il motivo per cui DIAMAN SIM ora SCF ha pensato di realizzare e diffondere questo software, per dare maggiori informazioni e dati utili a chi queste decisioni deve prenderle, non tanto per se stessi, quanto per clienti o investitori. 9

10 5.2 I marchi : Per quanto concerne i tre marchi il perito ha verificato che gli stessi fossero stati effettivamente oggetto di protezione presso l Ufficio preposto alla gestione dei marchi e del design industriale per il mercato interno dell Unione europea, UAMI, e che corrispondessero alla loro diffusione. In particolare ha riscontrato che : I-rating è stato rilasciato in data 29/08/2013 il certificato di registrazione per il marchio comunitario contrassegnato dal numero di domanda e data di registrazione 16/01/2013; I-scoring è stato rilasciato in data 29/08/2013 il certificato di registrazione per il marchio comunitario contrassegnato dal numero di domanda e data di registrazione 17/01/2013; Ex-ante è stato depositato da Diaman Holding srl in data 11/10/2012 la domanda di registrazione presso l UAMI con numero di domanda di marchio comunitario Si ritiene opportuno informare che la Società ha ricevuto in data 12 settembre 2013 un opposizione da parte della Società francese, Exane Sa, parte del gruppo BNP Paribas, contro la registrazione del marchio Ex-ante. Tale disputa risulta essere in corso di definizione, tuttavia l esito non è per nulla certo. Il perito, pur riconoscendo il contenuto di pregio de i marchi, non è in grado di procedere ad una stima attendibile del valore degli stessi, a causa della loro recente diffusione e dalla identificazione con il prodotto commercializzato. La distribuzione di tali prodotti è attualmente alle prime fasi e non è possibile, verificarne con ragionevolezza, il contributo commerciale. Ad ogni modo, poiché i costi di registrazione sono sati effettivamente sostenuti si attribuisce agli stessi tale valore, descritto nella tabella che segue: I-RATING I-SCORING EX-ANTE TOTALE MC MC MC

11 6. Il metodo adottato e la stima dell oggetto del conferimento. Dopo aver descritto in linea generale le caratteristiche dei beni oggetto della presente perizia di stima ed aver fatto le opportune valutazioni circa il metodo più indicato a determinarne il valore ragionevolmente attribuibile, si è deciso di utilizzare come metodo principale di valutazione quello basato sul costo storico. Sulla base della teoria su cui si fonda questo criterio abbiamo individuato le categorie di costo che si sono rivelate necessarie per la progettazione dei beni oggetto della nostra verifica come descritto dalla seguente tabella: PROVENIENZA/ ORIGINE Costo risorse umane (1) Costi di registrazione Costi per software R&S Università (4) Altri costi (5) (2) applicativi diretti (3) Diaman scf srl Diaman holding srl (1) COSTO RISORSE UMANE per il calcolo è stato assunto il costo orari medio di ciascun dipendente occupato nel progetto moltiplicato per il numero dello ore dedicate al singolo progetto, che nel caso specifico sono state: QUALIFICA CONTRATTO COSTO ORARIO N. ORE DEDICATE N. ORE DEDICATE TOTALE COSTO AI PROGETTI 2012 AI PROGETTI 2013 PERSONALE DIPENDENTE CCNL 23,20 23, COMMERCIO DIPENDENTE CCNL 21, COMMERCIO AMMINISTRATORE 29,33 29, TOTALE

12 Come si evince dalla tabella, il costo delle risorse umane è stato calcolato moltiplicando il costo orario determinato sulla base della retribuzione lorda tabellare di ciascun dipendente coinvolto (due dipendenti e l amministratore), per le ore effettivamente impiegate per lo sviluppo dei beni immateriali oggetto della perizia, così come certificate dalle dichiarazioni rilasciate e sottoscritte dai singoli sviluppatori ed acquisite agli atti. ( 2 ) COSTI DI REGISTRAZIONE Il perito ha certificato attraverso l acquisizione della relativa documentazione che: L innovazione denominata I-rating è stata depositata dalla Diaman sim spa (ora scf) il 19 ottobre 2012 presso l Ufficio italiano Brevetti e Marchi UIBM sostenendo per il suo deposito i seguenti costi: - Marca da bollo: 14,62 - Agenzia delle Entrate, Diritto di deposito: CCIA Venezia, Ufficio Brevetti: 43,00 L innovazione denominata I-scoring è stata depositata dalla Diaman sim spa (ora scf) il 19 ottobre 2012 presso l Ufficio italiano Brevetti e Marchi UIBM sostenendo per il suo deposito i seguenti costi: - Marca da bollo: 14,62 - Agenzia delle Entrate, Diritto di deposito: CCIA Venezia, Ufficio Brevetti: 43,00 E stato pertanto verificato che i costi totali sostenuti per la registrazione dei suddetti brevetti è stato di 355,24. (3) COSTI PER SOFTWARE APPLICATIVI DIRETTI Ai fini della progettazione dei modelli di calcolo è stato necessario per la Società acquisire un ulteriore stadio di sviluppo costituito da un software in grado di dare un interfaccia grafica per la rappresentazione dei dati e l impiego dei modelli di calcolo su piattaforme diverse, compresi i dispositivi mobili (per es. tablet). Le attività che sono state svolte dai fornitori esterni sono le seguenti: 12

13 - Analisi delle interfacce utente da sviluppare - Progettazione e sviluppo delle interfacce - Sviluppo funzionalità - Test applicativo e correzione di eventuali anomalie - Installazione e configurazione nel server. I costi sostenuti per l acquisto di questo software sono stati certificati attraverso la visione e verifica del contratto con la Società che l ha fornito e le relative fatture di vendita. Il dettaglio dei costi è riportato nella seguente tabella: ORIGINE FORNITORE DOCUMENTO IMPORTO Diaman scf srl I CONTACT srl FATTURA 16/B DEL 06/05/ I CONTACT srl FATTURA 32/B DEL 18/10/ TOTALE Diaman scf srl Diaman Holding srl I CONTACT srl FATTURA 12/B DEL 05/03/ I CONTACT srl FATTURA 50/B DEL 23/11/ I CONTACT srl FATTURA 25/B DEL 07/05/ TOTALE Diaman H. srl Come si evince dalla tabella i costi relativi all acquisto dei software applicativi sono stati sostenuti in parte dalla Diaman Holding srl e in parte dalla controllata Diaman scf srl. In data Diaman scf srl con contratto autenticato nelle firme in data ha provveduto a cedere quanto sviluppato e di sua proprietà alla capogruppo ai fini del successivo conferimento presso la Diaman Tech srl. (4) R&S UNIVERSITA In questa categoria sono stati riportati i costi sostenuti per le consulenze fornite dal Professor Vargiolu dell Università di Padova Dipartimento di matematica per l analisi di modelli di 13

14 probabilità condizionate applicate alle previsioni finanziarie e la calibrazione di modelli di probabilità. Ai fini della loro verifica sono state richieste le fatture emesse dalla Università. (5) ALTRI COSTI In questa categoria residuale sono esposti i costi sostenuti dalla Società per la realizzazione grafica del sito internet e la registrazione dei domini come riportato nelle fatture emesse dal fornitore FlyWeb sas di Belluno. ********* Il totale dei costi riscontrati presso i due soggetti che hanno prodotto i beni è pertanto così riassunto: costi sostenuti da Diaman sim (ora scf) euro: costi sostenuti da Diaman Holding srl euro: Si precisa ancora che Diaman SCF srl, in data 05/12/2013 ha provveduto a cedere a Diaman Holding srl i brevetti e i modelli di calcolo per un corrispettivo unitario di euro ,00, oggetto di apposita fatturazione. In conclusione della nostra valutazione, il totale dei costi, assunti con il metodo del costo storico e relativi ai beni immateriali oggetto della perizia ammontano ad , secondo il seguente calcolo: BREVETTI SOTWARE MARCHI TOTALE Stress tests Come accennato nelle premesse di questa perizia, oltre al metodo principale, si è deciso di impiegare un metodo alternativo per la verifica della qualità del risultato ottenuto con il metodo principale. 14

15 Come approccio metodologico si è deciso di escludere l impiego di un metodo appartenente alla stessa classe del metodo principale, basato sul costo. Pertanto non è stato utilizzato il metodo di sostituzione (o di riproduzione) anche perché in parte riprodurrebbe la stessa logica del metodo principale adottato, vista la vicinanza del momento di creazione del software (prodotto nel corso degli ultimi due anni), con la conseguente difficoltà di monitorare, individuare, eventuali costi di miglioramento distribuzione e manutenzione. Per la scelta del metodo alternativo, allora, si è preso in considerazione, in primo luogo il panorama di fornitori di prodotti di analisi matematica similari a quello oggetto di perizia. Le principali agenzie di rating internazionali forniscono, tra i loro servizi, una sezione dedicata alla analisi di titoli azionari e obbligazionari, in grado di fornire un indice di rischio articolato come noto in lettere dell alfabeto e/o lettere e numeri (AAA, B1, ecc ). Stante l analogia del risultato, si è preso in considerazione, non tanto di chiedere a tali società una quotazione per l acquisto del software, probabilmente impossibile a causa della protezione dello stesso, bensì chiedere una valutazione per l impiego di detto servizio. Il perito ha chiesto alla società di disporre di una valutazione economica da parte di Moody s, per tali prestazioni e in particolare del servizio Moody s analitycs. Ebbene tale offerta prevedeva, nella formulazione CreditEdge Plus CDS I EDF, un canone annuale di euro ,00. Tale valore di mercato, comparato con il costo sostenuto internamente dalla società pari ad euro , permette di giungere alla seguente conclusione: in termini reali, l utilizzo di detto software per un numero di anni pari a 6 (cioè ,00 pari al valore del costo di produzione diviso il corrispettivo del canone annuale per l impiego di un software equivalente) permetterebbe di recuperare integralmente il costo sostenuto. Tale lasso temporale di impiego (ancorché soggetto ad un eventuale aumento a causa della necessaria manutenzione del software) sembra ragionevole, atteso che tali modelli di valutazione sono presenti sul mercato dagli 30, e dagli anni 90 hanno travato un forte impulso a causa della volatilità dei mercati e una regolamentazione sempre più profonda. Un ulteriore verifica è stata poi eseguita prendendo in visione il piano economico finanziario sviluppato dalla società conferitaria, per la diffusione e distribuzione anche dei software oggetto della presente perizia, così come consegnato dall amministratore Mattia Annovi, coadiuvato dal dott. Daniele Bernardi amministratore unico di Diaman Holding. 15

16 Il perito ha altresì raccolto copia dei contratti di vendita del software Ex-ante, attualmente realizzati da Diaman Tech srl, nonostante quest ultima formalmente non fosse ancora proprietaria dei diritti di sfruttamento degli stessi, assieme ad una lista dei soggetti interessati al software I scoring così come registrati sul sito web dedicato ai singoli software (le adesioni ricevute sono al momento circa 200). Successivamente ha chiesto alla società di estrapolare dal business complessivo le informazioni esclusivamente riferite ai software oggetto di perizia. Da tale selezione il business modellizzato è il seguente: BUSINESS PLAN DESCRIZIONE RICAVI Vendita software EXANTE Vendita software irating Commissioni da Negoziazione Commissioni da Collocamento 0 Vendita servizi firma grafometrica 0 TOTALE RICAVI DESCRIZIONE COSTI Costi di Direzione Amministratore unico Costi di Attivita' + personale Affitto, spese ufficio, noleggio PC Resp. Sviluppo software e processi 0 Responsabile Database 0 Assistenza Clienti 0 Costi di Contabilita' Sharing contabilità Commercialista Costi Commerciali e partner Commissione variabile al commerciale Commissioni ribaltate a partner firma 0 0 Rimborso spese fisso al commerciale Costi ricerca e sviluppo 0 Sviluppo nuove release Acquisto dilazionato licenze DIAMAN Software Moody's per irating Costi varie (7%) TOTALE COSTI COMPLESSIVI EBITDA Ammortamenti Risultato gestione Operativa Imposte Recupero perdite pregresse 0 0 Utile (perdita) di esercizio

17 Si ritiene a questo punto utile evidenziare che, senza procedere a calcoli attuariali complessi, vista la limitatezza del periodo temporale sotto esame, i flussi reddituali, non attualizzati, prodotti dalla cessione dei software sono pari ad euro ,00. A contro prova di quanto sopra detto il perito ha anche verificato la solidità dei dati proposti nel business plan. In particolare ha verificato che, accedendo al sito di e-commerce prodotto dal conferitario, i prezzi proposti per i singoli software sono i seguenti: I-scoring e I-rating: 1) Mercato TLX e Hi-Mtf prezzo 1500 Euro scontato per il primo anno a 750 Euro 2) Mercato Europa ed America prezzo Euro scontato per il primo anno a Euro 3) Tutto il mondo prezzo Euro scontato per il primo anno a Euro La società ha messo a disposizione del perito l elenco di tutti i nominativi che si sono iscritti per prendere in visone il software, elenco composto da 200 soggetti. Ipotizzando un prezzo mediano di euro e una percentuale di successo in termini di vendite del 20% il volume generato il primo anno potrebbe essere di euro 1.500*(200*20%) = A questo volume di vendite andrebbero poi aggiunti i volumi di vendita del prodotto ex-ante, di cui esiste già una prima esperienza, condotta da Diaman Tech srl. Sotto riportata. Considerato che le vendite sono appena iniziate, il dato sembra confermare l interesse per il prodotto da parte del mercato. 17

18 Dalla verifica dei contratti di vendita è emerso quanto segue : TOTALE VENDITE EX ANTE Px TOT. px medio Volume vendite 500,00 9 DIAMAN HOLDING 2012 DIAMAN TECH , ,87 4 TOT. CONTRATTI 495,00 5 TOT. CONTRATTI 350, ,80 1 DIAMAN TECH , , ,88 2 TOT. CONTRATTI TOTALE

19 7. Conclusioni Come già detto in precedenza, a fronte del conferimento in natura dei beni la società Diaman Tech S.r.l. aumenterà il proprio capitale sociale per l importo di ,00, nominali con un sovrapprezzo di complessivi 1.000,00. Il metodo del costo storico ha permesso di stimare i beni oggetto di conferimento in euro ,00 e li stress test applicati hanno reso valori superiori e di tenuta degli assunti a base delle simulazioni eseguite. Il sottoscritto perito, in base ai metodi di valutazione ai quali si è ispirato nell espletamento del presente incarico ed alle osservazioni sopra svolte, determina, ai sensi e per gli effetti di cui all art del codice civile: - il valore dei beni immateriali oggetto di conferimento da parte della società Diaman Holding srl in misura non inferiore a complessivi ,00 ed attesta che, ai sensi del citato articolo del codice civile, è almeno pari a quello ad esso attribuito ai fini della determinazione dell aumento del capitale sociale della Diman Tech S.r.l. di nominali ,00 destinato ad essere assegnato al soggetto conferente e del relativo sovrapprezzo di 1.000,00, pari a complessivi ,00. Con osservanza, lì, 10 dicembre 2013 Il perito Costantino Magro Allegati vedi sotto 19

20 ALLEGATO A Immagini dei marchi 20

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli