Abstract. Osservatorio sul commercio elettronico in Italia Edizione 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abstract. Osservatorio sul commercio elettronico in Italia Edizione 2000"

Transcript

1 Associazione dei Servizi e dei Contenuti Multimediali Osservatorio sul commercio elettronico in Italia Edizione 2000 Regole, caratteristiche, struttura tendenze dell offerta commerciale on-line in Italia Abstract 1

2 Presentazione dell osservatorio Internet si sta velocemente affermando come uno dei mezzi più efficaci per effettuare operazioni commerciali non solo tra le aziende ma anche tra aziende e consumatori. La crescita dell e-commerce interessa anche il nostro Paese, le imprese attive nel comprato sono più che triplicate rispetto al 1998, anche se siamo ancora lontani dalla massa critica quantitativa (numero di siti web) e qualitativa (livello dell offerta) necessaria ad attivare il volano dello sviluppo. Il secondo Osservatorio di Anee 2000 sull e-commerce in Italia presenta un quadro dell offerta del commercio online ricco di spunti. La parte centrale dell indagine, che Anee ha affidato all Istituto 1to1lab.com di Milano (società specializzata nell audit della qualità dei siti Web), riguarda il censimento dei siti di e-commerce (1040 fino al 30 giugno 2000) e la descrizione del modello di efficienza che tali siti adottano utilizzando 48 parametri di valutazione. Il censimento, in realtà, è solo la base di partenza per esprimere un giudizio qualitativo sulle diverse abilità in campo: i modelli di successo (ancora pochi!) sono presi ad esempio per misurare le soluzioni adottate dalle società start-up o già attive nei diversi settori economici considerati. Utilizzando un sistema di rating, calibrato sulla diversa percezione di importanza dei parametri di valutazione espressa da un panel di consumatori online, si è giunti a stilare una classifica dei 1040 siti che esprime (da un punto di vista molto specifico) le diverse capacità dei siti di adeguare le loro macchine per vendere alle esigenze dei consumatori. Le altre sezioni dell Osservatorio Anee 2000 prendono in considerazione il vissuto gestionale dei siti web rilevato attraverso due metodologie di analisi: 150 interviste in profondità ad altrettanti imprenditori e alcune case histories emblematiche dei principali settori merceologici. Un tema di grande importanza per la vita dei siti Web riguarda la percezione degli stessi da parte dei visitatori dal punto di vista della connettività, della usabilità e dei contenuti, in altri termini della qualità percepita dei siti. Per completare tale sezione Anee ha utilizzato le metodologie di analisi rese disponibili da 1to1lab.com e dal panel di Web Watcher che l Istituto milanese ha creato per effettuare test e approfondimenti legati alla qualità della navigazione. Dall Osservatorio Anee 2000 emergono alcune indicazioni stimolanti sui progressi compiuti, complessivamente, dal comparto rispetto al 1998 ma, anche, alcune lacune strutturali che dovranno essere colmate rapidamente per consentire alle imprese italiane di operare sul mercato globale ad armi pari. Le inefficienze organizzative, le incertezze legate alla sicurezza dei pagamenti, la carenza di visione strategica e la difficoltà di ottenere finanziamenti sono alcuni tra i problemi che le aziende online devono risolvere in tempi brevi (tempi Internet, naturalmente) per sopravvivere. Le nuove imprese e i nuovi imprenditori hanno bisogno di assistenza tecnica ma anche di consulenza strategica e di formazione. Non basta avere una buona idea per avere successo nell e-commerce dei prossimi anni, le competenze richieste agli imprenditori e ai loro manager dovranno abbracciare tutti i campi della normale gestione aziendale, con l aggiunta delle specificità indicate dal web management. L Osservatorio Anee 2000 ha rilevato, inoltre, l esistenza di una doppia velocità di sviluppo: 2

3 - da un lato, i siti più dinamici (l Osservatorio li definisce Star e Follower), vale a dire quelli che oltre ad una efficiente configurazione online dispongono anche di capitali, risorse, prodotti/servizi e, soprattutto, strategie; - dall altro, un grande numero di siti nuovi e vecchi che fanno fatica a trovare un assetto adeguato per essere competitivi (o, almeno, per sopravvivere), è indicativo sottolineare che rispetto al 1998 la mortalità più elevata di siti sia stata registrata proprio tra i siti di questo secondo aggregato. Roberto Liscia Consigliere Delegato Anee 3

4 Indice dell abstract Presentazione 1. Metodologia 7 2. Scenario dell e-commerce Main learnings 17 Tendenze generali: 17 - crescita complessiva offerta e-commerce B2C rispetto al 99 (da 300 a 1040) - mortalità delle iniziative e-commerce italiane rispetto al 1999 Andamento per macrosettori 17 - penetrazione dei 17 macrosettori nel campione nel 2000 (base 1040 siti) - penetrazione dei 17 macrosettori nel campione nel 1999 (base 300 siti) - variazione % presenza dei settori rispetto al 1999 Andamento per diffusione geografica 19 - diffusione iniziative e-commerce italiane tra NordOvest/NordEst/Centro Sud - diffusione iniziative e-commerce italiane per regioni - incremento assoluto dei siti per regione rispetto al variazione % sul totale dei siti per regione rispetto al rating medio per regione Andamento per "anzianità dei siti" 22 - crescita complessiva del numero di domini registrati dal 95/96 ad oggi - variazioni % rispetto al trimestre precedente del numero di domini registrati - correlazione tra rating medio attuale e data di registrazione del dominio su base semestrale - anzianità dei 17 macrosettori 4

5 1. Metodologia L osservatorio ANEE è stato realizzato basandosi sul seguente schema sintetico: campionamento interviste face to face a trend setters e stakeholders analisi dei siti (1040 attivi nel commercio elettronico) approfondimento telefonico su un campione di aziende analisi desk e costruzione di un database analisi qualitativa dei risultati report specifici e di sintesi generale In termini operativi la ricerca ha seguito uno sviluppo articolato per fasi. Fase qualitativa È ritenuta essenziale per focalizzare i temi e fornire dei termini di confronto, di natura strategica, per i successivi approfondimenti quantitativi. L obiettivo è stato anzitutto pervenire a una definizione operazionalizzabile di commercio elettronico in considerazione dei fattori di criticità attualmente rilevabili a livello operativo, giuridico legislativo e tecnologico, nonché delle ipotesi di scenario a breve e medio termine. In tale fase sono state condotte dieci interviste in profondità face to face ad importanti trend setters e stakeholders del settore. Le interviste sono state effettuate da analisti specializzati. Fase quantitativa È il cuore dell osservatorio, sono stati analizzati 1040 siti di aziende attive nel commercio elettronico e presenti in Rete alla data del 30 maggio La fase di screening è stata effettuata preventivamente da analisti addestrati a svolgere tale tipo di indagine. Selezione campione Sono stati identificati 1040 siti di società italiane aggregati in settori di attività (così come definiti offline) a partire da un universo iniziale di circa 2700 siti elencati nelle directories dedicate dai principali motori di ricerca in lingua italiana (Virgilio, Yahoo!, Carrello, Lycos, Altavista ecc.), segnalazioni pervenute da hardware e software vendors e ISP, risultanze di desk su stampa di settore e specializzata. I settori di attività sono stati definiti in funzione della rilevanza complessiva rispetto al numero di siti monitorati e delle potenzialità di utilizzo di Internet come canale/mercato di sbocco. Inoltre sono stati considerati anche i settori suscettibili di trasformazione in funzione dell utilizzo di tale tecnologia (media, finance). 5

6 Adeguata rappresentatività è stata assegnata alle dimensioni del: cosa si vende? (bits/atomi) localizzazione delle imprese settori di appartenenza. In ogni caso si è assunto come criterio base di selezione dei siti attivi nel commercio elettronico, in accordo con ANEE, la presenza verificata della modalità di vendita online. Watch online I 1040 siti sono stati analizzati utilizzando una griglia multidimensionale, definita ad hoc per ANEE, che comprende gli aspetti relativi a: strategie di branding articolazione dell offerta interfaccia e interazione tecnologia transazione responsivness pre e post vendita L analisi dei siti è stata integrata dal test di performance della connettività e di risposta ad s e forms attraverso senders non identificabili. Utilizzando un apposita griglia di valutazione elaborata dal gruppo di lavoro comprendente 45 parametri descrittivi, è stato possibile delineare l offerta online e descriverla in termini overall e parziali, con riferimento a quattro aree funzionali: struttura, sistema commercio, interazione e prodotto. L analisi è stata completata attribuendo ad ogni sito un punteggio finale (rating) che esprime il livello di efficienza del modello di e-commerce adottato. Il rating deriva da una pesatura dei parametri utilizzati effettuata partendo dalle valutazioni mediate espresse da un campione di web watcher (50) e da un team di analisti. Il rating esprime con un punteggio sintetico il punto di vista dell utente di un sito Web di e-commerce in relazione alla funzionalità, per citare solo alcuni elementi di giudizio, del lay-out, dei tools utilizzati, alla esplicitazione delle garanzie per il cliente, alle formule dell interazione. Il rating non esprime, in alcun modo, giudizi ne sull estetica ne sull efficienza del ciclo di acquisto (facilità dell ordine, tempi di consegna ecc ) 6

7 Il modello di efficienza: descrizione dei parametri utilizzati Area funzionale: struttura (tools ed elementi base del sito web) Aree protette Lingua del sito Mappa Forms per info Database prodotto Numero click per visione prodotto Motore di ricerca aree del sito riservate ad accesso vincolato (password, user ID ) per clienti, agenti e rivenditori lingua/lingue utilizzate guida grafica alla navigazione nel sito web questionario per richiesta informazioni Tipo di struttura dell area di vendita del sito che facilita la navigazione sul catalogo dei prodotti numero di clicks dalla home page al prodotto scelto presenza di finestre cerca o find per ricercare info sul sito (non solo sui prodotti e servizi Area funzionale: sistema commercio (strumenti e tools per le funzioni commerciali del sito web) Catalogo specializzato Info su attività core Carrello Pagamento con carta di credito Server sicuro Garanzia sod. o rimb. Preventivi Sconto acquisti online I prodotti vengono presentati nella forma di catalogo oppure solamente come presentazione di prodotti in forma non strutturata informazioni sulle attività principali dell azienda permette di effettuare l acquisto di più prodotti con una sola transazione prevede la possibilità di pagare con carta di credito sistema sicuro per le transazioni online presenza nel sito del riferimento alla possibilità di rinunciare all acquisto in caso di insoddisfazione modulo che fornisce il valore dell acquisto in tempo reale possibilità di attivare sconti per gli acquisti online (rispetto alla modalità 7

8 offline) Spese di spedizione comprese nel prezzo FAQ frequently asked questions: risposta alle domande più Frequenti Tipologia di delivering metodi di consegna previsti 8

9 Area funzionale: Interazione (modalità di interazione con gli shopper) Real audio possibilità di ascoltare brani audio sul sito web Real video presenza di filmati sul sito web Altre tecnologie presenza di tecnologie di animazione del sito e sistemi per l interazione con l utente Altre aggiuntive/specifiche rispetto a quella principale/generica Comunità virtuale presenza di comunità virtuali sul sito Customer forms forms che richiedono l identificazione del cliente come già acquisito (attraverso richiesta codice prodotto, password ecc.) Newsletter periodica di informazione sulle attività dell azienda Forum area dedicata alle discussioni online Chat sistema per la risposta in tempo reale alle domande degli utenti Sondaggi form/questionari per la raccolta di informazioni Giochi/intrattenimento presenza sul sito di aree dedicate allo svago e non necessariamente correlate all attività di vendita online N verde prodotto presenza di un numero verde dedicato ai prodotti Punti vendita reali lista di punti di vendita aziendali reali Elenco venditori lista di venditori dell azienda Assistenza pre-post vendita attivazione di moduli di customer service Verifica stato ordine service per il controllo del processo dell ordine Area funzionale: prodotto (funzioni del sito focalizzate alla presentazione dei prodotti) Info su prodotto Demo prodotto Prodotto usato Personalizzazione prodotto Personalizzazione packaging Produzione on demand Importo minimo Presenza testimonial scheda informativa per prodotto possibilità di provare il prodotto e le sue funzionalità vendita di prodotti usati possibilità di ottenere personalizzazioni dei prodotti possibilità di ottenere personalizzazioni del packaging possibilità di far realizzare prodotti su misura obbligo di acquistare prodotti per un importo minimo indica se un testimonial riconosciuto, che non appartiene all azienda, promuove i prodotti sul sito 9

10 Inoltre sono stati valutati il numero di link in entrata, la presenza di sponsorizzazioni ed una serie di parametri riguardanti l aspetto estetico del sito, la navigabilità e l interesse dei contenuti trattati. Survey telefonico Su un campione 149 siti, selezionato tra quelli della sottofase watch online, è stata compiuta un analisi in profondità attraverso interviste telefoniche semistrutturate ai webmaster ed ai responsabili dei siti, utilizzando una griglia di domande predefinite. L obiettivo è stato di valutare: strategia di branding (brand online/offline) strategie di promozione e comunicazione del sito (online/offline) integrazione digitale della supply chain (eventuale produzione on demand o near on demand per alcune tipologie di beni) pagamenti (dalla imputazione manuale dei dati allo streamlining dei flussi informativi dell azienda attraverso i merchant server ed i sistemi ERP) logistica (dalle soluzioni minimali ai sistemi complessi con presenza distribuita sul territorio per il pick & pack a partire da pallets preventivamente consegnati a brokers delle spedizioni) impatto sull organizzazione (il sistema delle competenze) il sistema delle alleanze e delle partnership I siti web sono stati analizzati utilizzando parametri qualitativi e quantitativi predisposti ad hoc per ANEE. Approfondimento qualitativo Si è articolato a partire dalla enucleazione delle best practices esistenti con l obiettivo di identificare in maniera adeguatamente rappresentativa le tipologie di approccio al commercio elettronico che si sono dimostrate efficaci in funzione del settore di attività e dell appartenenza alle specifiche classi di attori analizzate. Alcuni casi di successo sono stati analizzati attraverso interviste in profondità con i promotori e/o protagonisti del progetto di e-commerce dell azienda. L obiettivo è stato anzitutto di identificare il mix tra fattori operativi e di marketing che hanno determinato performance superiori alla media del settore. 10

11 2. Lo scenario Il quadro di riferimento dell e-commerce nel mondo L inizio del millennio sta aprendo nuovi scenari di integrazione tra IT, telecomunicazioni e media che stanno man mano modificando il rapporto tra tecnologia e business. Lo sviluppo di internet in larga scala ma anche l ormai imminente ingresso dell Euro come moneta di scambio nella UE, stanno portando ad uno sviluppo ormai esponenziale del giro di affari dell e-commerce in Europa. Il fenomeno negli Usa è già una realtà consolidata che si espande in maniera costante di anno in anno e sta vivendo una fase di sofisticazione tecnologica, segno di un mercato ormai maturo, orientato verso una specializzazione sempre più accentuata. Nel Vecchio Continente si è ancora in attesa di un vero e proprio boom che si prospetta entro i prossimi due anni. Lo scenario mondiale si presenta così: nel 1999 si contavano circa 200 milioni di internet users, che diventeranno 400 milioni nel Lo sviluppo è dovuto sostanzialmente a due fattori principali: la liberalizzazione in atto ormai in tutti i paesi economicamente evoluti delle telecomunicazioni con il conseguente ingresso di nuovi gestori e l abbassamento dei prezzi. il progresso tecnologico nel campo delle telecomunicazioni che permette una trasmissione più veloce dei dati (linee cablate, fibre ottiche) a prezzi sempre più concorrenziali. Anee fornisce un analisi sulle prospettive di crescita dell e-commerce fino al 2002, elaborando i dati emersi dall indagine Ernst & Young/OECD 1999, che fissano in circa 50 miliardi di dollari il valore delle transazioni generato nel 1999, ma il dato più rilevante è la previsione per il 2001 e 2002: l ammontare globale dell e-commerce dovrebbe arrivare nel 2001 a circa 300 miliardi di dollari e a 1000 miliardi di dollari nel Considerando il trend di crescita del PIL globale si rileva che il peso dell e-commerce nel 1997 era pari allo 0,03% (la base di riferimento era di 32,5 miliardi di dollari) Questi fattori, ormai una realtà da anni negli Usa, stanno solo adesso sviluppandosi in Europa, motivo per il quale siamo ancora in ritardo rispetto americani. Altri fattori di sviluppo in Europa sono sintetizzabili in: la leadership europea nelle comunicazioni mobili digitali: lo standard gsm è una realtà ormai abbondantemente affermata e si sta attendendo l ingresso dell Umts che sarà capace, secondo gli analisti, di affermarsi su una quota del 10% già nel primo anno di attività. la crescente partecipazione di aziende europee nella cosiddetta New economy, grazie alle quali si moltiplicheranno le opportunità per gli utenti di acquistare on-line e di poter gestire le proprie finanze con l home banking. 11

12 la scolarizzazione delle nuove generazioni all uso di internet e soprattutto alla dimestichezza con la lingua inglese, viatico indispensabile per muoversi nella rete e vera barriera per le generazioni meno giovani, soprattutto in Italia. le facilitazioni e le iniziative dei governi europei per l incremento delle opportunità di investimenti nella Web economy. Le caratteristiche dell e-commerce in Italia L e-commerce è un fenomeno che nel nostro Paese sta assumendo sempre più importanza nelle decisioni e nelle riflessioni di istituzioni, ricercatori, aziende, più che per le sue attuali dimensioni, per le potenzialità e il prevedibile impatto sulle attività delle imprese e l organizzazione delle opportunità d acquisto da parte dei consumatori. L Osservatorio Anee 2000, oltre al compito di monitorare le performance di mercato maturate nel periodo di effettuazione del survey (metà 1999-metà2000) intende svolgere anche una funzione di stimolo al mercato fornendo una definizione dell e-commerce: è il sistema che consente di effettuare transazioni in modo elettronico fra due entità collegate fra loro con apparati informatici e sistemi di telecomunicazioni, vendendo o acquisendo beni e servizi attraverso una forma di pagamento elettronico e un sistema di consegna a domicilio o attraverso una consegna digitale. Tutte le fasi di acquisizione delle informazioni, selezione, scelta, ordine, pagamento dei prodotti, validazione, evasione dell'ordine e gestione delle fasi post vendita sono effettuate con modalità elettroniche. In questa prospettiva, l e-commerce si divide canonicamente in due settori: il business to business, (BtB) relativo alle transazioni effettuate tra un'impresa ed altre organizzazioni (siano esse partner commerciali, fornitori, clienti o istituzioni) ed il business to consumer (BtC) che riguarda invece l'insieme delle transazioni commerciali di beni e servizi tra imprese e consumatori finali. Anee fornisce, come risultato di un attento monitoraggio delle tendenze in atto nell ecommerce, una classificazione delle attività che il mercato esprime attualmente: la compravendita di beni e servizi per via elettronica, la distribuzione in linea di contenuti digitali, il trasferimento elettronico di fondi, le contrattazioni elettroniche di borsa, le polizze di carico elettroniche, le gare d'appalto e le vendite all'asta, il design e la progettazione in collaborazione, la selezione in linea dei fornitori, il marketing diretto dei beni e servizi per il consumatore, nonché l'assistenza post-vendita. 12

13 Rientrano in tale contesto anche la vendita di prodotti (ad esempio, beni di largo consumo) di servizi (ad esempio, transazioni di beni mobiliari), l'erogazione di attività tradizionali (come assistenza sanitaria e formazione) e l'avvio di nuove attività (come i negozi virtuali). Il campo di azione dell e-commerce riguarda non solo la semplice transazione, ma può abbracciare altre fasi ed altri aspetti del rapporto commerciale: la ricerca e l'individuazione dell interlocutore/partner, la trattativa e la negoziazione, gli adempimenti e le scritture formali, i pagamenti e la consegna fisica o elettronica del bene/servizio acquistato o venduto. Siamo dunque di fronte ad una nuova modalità di scambio di beni e servizi - resa possibile grazie allo sviluppo di Internet ed in particolare del World Wide Web (WWW). I mass media e la business community ormai indicano Internet come la forma di intermediazione destinata, in un futuro più o meno prossimo, a soppiantare tutte le altre tipologie di distribuzione commerciale esistenti. Nel giro dei prossimi anni molte aziende italiane, se ancora non l'hanno già fatto, si convertiranno alla tecnologia Internet sulla base dei più che confortanti dati provenienti dagli Stati Uniti. L'obiettivo è ottenere una sensibile riduzione dei costi, elevare il livello dei servizi offerti al cliente, entrare in mercati nuovi, prima inaccessibili, creare fonti di reddito supplementari e, cosa non meno importante, non farsi scavalcare dalla concorrenza. La qualità dei servizi avrà la prevalenza sui prodotti, le pagine dei siti Web forniranno servizi personalizzati, la domanda dei navigatori influenzerà la produzione. Entreranno in un mercato nuovo, in cui sempre più spesso i prezzi fissi sono un lontano ricordo e trattamenti diversi sono concessi a clienti diversi. Lo sviluppo dell e-commerce segue di pari passo la crescita degli utilizzatori di internet, i quali, affinando man mano la conoscenza del mezzo, e trovando sempre più vantaggi nello shopping on line, si affidano sempre di più nello spendere i propri soldi ai siti Web. Nella tabella 1.1 e nei grafici 1.1 e 1.2 vediamo come si divide la torta dei Web users in Europa, nel 1999 e nelle previsioni per il 2002: tab.1.1- Web users e web buyers in europa Web users Web buyers Germania 16,0 32,9 2,7 8,6 Francia 7,0 23,0 0,8 5,6 Regno Unito 13,1 23,0 1,9 5,9 Italia 5,3 13,3 0,8 3,3 Spagna 3,6 8,4 0,5 2,0 Paesi Scandinavi 6,6 10,8 1,1 3,4 Paesi Bassi 5,1 11,0 0,8 2,8 Altri paesi ovest Europa 6,9 13,4 0,8 2,8 Totale ovest Europa 63,5 135,7 9,4 34,4 fonte:eito 13

14 L Italia segna ancora il passo tra gli Stati più sviluppati d Europa, ma manifesta un trend di crescita molto promettente, segno che i fattori di sviluppo delle nuove tecnologie stanno lentamente ma inesorabilmente portando il paese ad un informatizzazione sempre più accentuata. Il trend se vogliamo è ancora più positivo per quel che riguarda i Web buyers, cioè gli acquirenti in rete che, secondo, le stime, passeranno dagli 800 mila del 1999 ai 3,3 milioni del 2002 (tab. 1.1; grafici 2.1/2.2). Graf. 2.1 Graf. 2.2 Fonte: Eito Le ragioni che stanno indirizzando i clienti verso l e-commerce, stando alle indicazioni fornite da studi dal Dipartimento del Commercio Americano e dalla Comunità Europea, si condensano in una breve lista di motivazioni: - la varietà di gamma dell offerta; - la ricchezza delle informazioni; - la convenienza; - la qualità del prodotto e/o del servizio; - la personalizzazione del servizio; -la facilità di ordinazione. 14

15 3. Main learnings Tendenze generali. L offerta e-commerce italiana rivolta al consumatore finale è cresciuta del 346,67% tra la fine 98 ed il primo semestre del I siti italiani attivi sulla scena dell e-commerce erano 300 alla fine del 1998, 780 alla fine del 1999, 1040 alla fine del primo semestre del A tale crescita hanno contribuito sostanzialmente due tipologie di siti: quelli che, giunti ad una fase di maturità, hanno introdotto una propria offerta e-commerce nel loro sito già esistente i siti nati per fare e-commerce fin dal loro primo giorno di attività. Non mancano, tuttavia, i siti che tra la fine 98 ed il primo semestre del 2000 hanno chiuso i battenti oppure hanno deciso di eliminare l offerta e-commerce dal proprio sito. I casi rilevati nell ambito della ricerca rappresentano il 19% Graf Crescita dei siti di commercio elettronico in italia Crescita netta tra la fine del 98 ed il 1 semestre ,67% Mortalità tra la fine del 98 ed il 1 semestre % Fonte: Anee L andamento per macrosettori. 15

16 Il campione dei 1040 siti analizzati è così distribuito sui 17 macrosettori individuati nel corso della ricerca (Graf. 3.2): I primi 5 macrosettori rappresentano più della metà dell'offerta e-commerce italiana: Shopping center, alimentari, ITC/TLC, editoria ed arredamento rappresentano complessivamente il 61,73% del totale. Graf Distribuzione dei siti di commercio elettronico per macrosettori Fonte: Anee I primi tre in particolare (Shopping center, alimentari e ITC/TLC) presentano tra loro scarti molto ridotti e rappresentando complessivamente il 39,9% del totale. Subito dopo si posizionano Editoria ed arredamento con percentuali di penetrazione rispettivamente dell'11,44% e del 10,38% Ma il primo vero salto si registra tra il gruppo dei primi 5 ed il resto dei macrosettori che, procedendo in ordine decrescente, si differenziano l'uno dall'altro per meno di un punto percentuale. Dunque vincono gli shopping center, primi assoluti per numerosità. Tra questi numerosi sono i siti incubatori che raccolgono più operatori economici sotto l'ombrello di una serie di servizi comuni (ad es. casarossi.it), mentre rari sono i casi di veri e propri ipermercati on line, dotati di propri magazzini e propria logistica (ad es. flashmall.it) Il buon posizionamento degli alimentari sottolinea l'importanza di offrire in rete prodotti difficili da reperire altrove, quali sono i prodotti alimentari tipici italiani, quasi sempre raggruppati per specialità regionali. La cultura della tavola permette in questo settore eccellenti esempi di interazione e costruzione di comunità virtuali (tra tutte, esperya.com) Il terzo ed il quarto posto raggiunti rispettivamente da ITC/TLC ed editoria rappresentano l'ossatura "storica" dell'offerta e-commerce non solo in Italia: software, libri e CD sono stati tra i primi e più venduti prodotti in rete. 16

17 Buono, infine, il posizionamento dell'arredamento con 108 siti su 1040, mentre mentre fanalino di coda con soli 8 siti è il settore dei siti di merchandising, mercato ancora poco diffuso in Italia al contrario che nei paesi anglosassoni dove è un mercato trainante. A fronte di una crescita complessiva del 346,67% nel campione analizzato rispetto alla fine del 1998, i settori caratterizzati da una crescita più vivace risultano essere gli shopping center, gli alimentari ed i viaggi (Graf. 3.3). Dunque, i primi due settori per numerosità, risultano essere anche i Graf Variazione dei siti di commercio elettronico per macrosettori rispetto al 1999 Fonte: Anee primi per crescita, facendo registrare percentuali di crescita superiori alla crescita complessiva del campione. In particolare gli shopping center fanno registrare un vero e proprio boom con una crescita percentuale rispetto al campione analizzato nel 1999 del 541%. Un trend analogo è stato registrato dagli alimentari con il 435% Forte la crescita per viaggi, intrattenimento, ITC/TLC ed accessori: tutti sopra il 200%. L andamento per diffusione geografica. L area del Paese che ha promosso il maggior numero di iniziative e-commerce risulta essere il Nord Italia, con una forte prevalenza del Nord Ovest: il 44% delle iniziative e-commerce italiane ha sede nel Nord Ovest, rispetto al 19% del Nord Est, al 26% del Centro e all 11% del Sud Italia (Graf. 3.4). A questo risultato contribuisce in modo determinante la regione Lombardia, che ha promosso il 30,20% delle inizitive di e-commerce analizzate dalla ricerca (Graf. 3.5), mentre buone inseguitrici risultano essere la Toscana, il Lazio il Piemonte e l Emilia Romagna, tutte distanti tra loro di un punto 17

18 percentuale o anche meno. Un risultato sognificativo è stato conseguito anche dal Veneto con il 6,89% Prossime allo zero sono Sardegna, Abruzzo, Molise e Valle d Aosta, mentre la Basilicata perde l unico sito e-commerce attivo alla fine del 1998 e scompare dal campione. Tra le regioni del Sud italia, la più attiva risulta essere la Puglia, con il 3,26%, seguita da Campania con il 2,88% e Sicilia con il 2,51% Graf Distribuzione geografica dei siti di commercio elettronico Fonte: Anee Dunque, la distribuzione geografica dell offerta e-commerce in Italia sembra ricalcare lo schema territoriale della old economy: Il Nord Italia è motore trainante anche nel commercio in rete, mentre il Sud Italia, seppure presente con interessanti iniziative capaci di valorizzare ed aprire nuovi mercati ai prodotti locali, resta ancora ai margini di questo nuovo corso dell economia. Le prime sei posizioni restano invariate se si passa dalla classifica delle regioni più numerose nel campione a quella degli incrementi assoluti rilevati rispetto alla precedente edizione delle ricerca (Graf. 3.6): la Lombardia è leader anche per numero di nuovi siti e prime sono anche Toscana, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna. Graf Distribuzione dei siti di commercio elettronico per regioni (valori percentuali) 18

19 Fonte: Anee Graf Variazione dei siti di commercio elettronico per regioni rispetto al 1999 (valori assoluti) 19

20 Fonte: Anee Lo scenario cambia leggermente se si analizzano le variazioni percentuali di presenza delle singole regioni nel campione del primo semestre 2000, rispetto alle presenze nel campione analizzato nel 1999: in termini relativi, Lombardia ed Emilia Romagna sono meno presenti, Lazio e Toscana sono sostanzialmente stabili mentre il Piemonte registra un ottima performance incrementando il suo peso nel campione del 24,72% Ma le regioni più attive nella promozione di nuove iniziative di e-commerce, con il maggior numero di siti e con i maggiori incrementi assoluti, non sembrano essere quelle che promuovono i siti più efficienti (Graf. 3.8): l analisi del rating medio per regione vede un sostanziale riposizionamento delle regioni a minor intensità numerica di siti e di crescita, come le Marche, che risultano prime, la Sicilia, la Puglia. Tra le regioni leader per numero di iniziative e-commerce ed incrementi assoluti solo Toscana e Piemonte mantengono le proprie posizioni, mentre la Lombardia scende di ben 5 posizioni con un rating medio di 9,056 rispetto al 9,959 delle Marche, e viene superata superata, anche se di un soffio, dalla Sicilia che ha registrato un rating del 9,175 Graf Variazione dei siti di commercio elettronico per regioni rispetto al 1999 (valori percentuali) 20

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali.

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. Gabriele Ottaviani product manager - mobile solutions - Capgemini BS Spa premesse...dovute soluzione off-line...ma

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli