XXVII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI NUOVE OPPORTUNITA DI LUOGO E LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA NELL ERA DELL INFORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI NUOVE OPPORTUNITA DI LUOGO E LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA NELL ERA DELL INFORMAZIONE"

Transcript

1 XXVII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI NUOVE OPPORTUNITA DI LUOGO E LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA NELL ERA DELL INFORMAZIONE Maria PARADISO 1 1 Università del Sannio, DASES e RCOST via delle Puglie, 82100, Benevento SOMMARIO Nel lavoro si discute del nuovo significato di luogo e localizzazione geografica nell era dell informazione. Si argomenta che il nuovo significato di localizzazione presenti valenze più significative rispetto agli ancoraggi tradizionali e si evidenzia un decisivo passaggio da un concetto assoluto e deterministico, tipico ad esempio dell organizzazione industriale tradizionale, a un concetto di luogo come opportunità applicabile a diverse scale ivi compresa quella individuale. Il lavoro è idealmente congiunto ad un dibattito internazionale in corso e presenta sviluppi di una collaborazione scientifica in atto. L argomentazione viene discussa secondo la seguente articolazione: vengono passati in rassegna le principali evoluzioni della localizzazione geografica nell era industriale e nel periodo di transizione ; viene, quindi, presentato un quadro concettuale della localizzazione geografica nell era dell informazione alla luce degli studi degli impatti delle tecnologie negli ambienti di vita e di lavoro. Infine, sono elaborati spunti pertinenti in tema di politiche territoriali nello scenario dell informazione.

2 1 INTRODUZIONE Nell era dell informazione, la localizzazione geografica mostra di non aver perso la funzionalità di ancoraggio e impulso per le attività nello spazio, ivi comprese quelle relative allo sviluppo della conoscenza e innovazione, ma anzi di aver acquisito nuove connotazioni ed espanso le opportunità territoriali derivanti da una complessa relazione individui-entità geografiche. L Era dell informazione è, soprattutto, caratterizzata dallo sviluppo, introduzione e adozione delle tecnologie dell informazione e comunicazione in praticamente tutti gli aspetti della vita e azioni umane. Le tecnologie dell informazione e i media, in modo particolare Internet e la telefonia mobile, stanno rapidamente divenendo ubiquitariamente disponibili nei paesi sviluppati e, in via crescente, anche nei paesi in via di sviluppo. Se aggiungiamo al tradizionale scenario di Internet una maggiore enfasi all introduzione delle tecnologie wireless in ambiente sia urbano che rurale, per l interconnessione tra spazi reali e virtuali in termini di strategie localizzative collegate, e ricordiamo le condizioni esterne di esposizione urbana e regionale a flussi di capitali e informazione (foreign direct investments), strategica diviene allora la progettazione consapevole dell ampliamento delle estensibilità dell azione umana e dell accessibilità dei luoghi ai fini dell uscita dall isolamento, della riqualificazione, recupero e sviluppo o l intercettazione dei flussi di investimento del capitale globale per il posizionamento competitivo nelle reti globali. Se è vero che gli studi sugli effetti territoriali delle privatizzazioni hanno dimostrato come il fenomeno dell accesso sia soprattutto urbano e, in modo particolare, esista non solo un divario digitale tra aree rurali e urbani ma anche un digital divide all interno di quartieri nella stessa area urbana, attualmente, però, gli impulsi delle Nazioni Unite per orientare le politiche dell accesso, utilizzando strategie di prezzo e open code della comunicazione, stanno estendendo la penetrazione di Internet in nuove aree geografiche, ad esempio, in Africa. Altri elementi di trasformazione sono connessi ai comportamenti territoriali derivanti dalla nuova interazione uomo/computer dell ubiquitous computing, ossia gli ambienti di interazione di più persone, degli ambienti intelligenti connessi allo sviluppo dei sensori, all uso di GIS e GPS, GPRS (rispettivamente Global Positioninig System e Global Positioning Radio System ). In ogni caso, il passaggio da tecnologie non portatili e dipendenti dall uso di mani e tastiera, a tecnologie invisibili (ad esempio, i cartelloni a cristalli liquidi), non necessariamente attivate da richieste individuali, riconfigureranno sia paesaggio urbano che modalità di vivere i luoghi (Townsend, 2003). Tale crescente disponibilità può espandere le flessibilità di una località e le opportunità localizzative e di sviluppo ( e di declino) per le unità geografiche (città, regioni, paesi) ma

3 anche per gli individui. Spesso, il complesso intreccio di interazioni di individui nel cyberspazio genera ulteriori trasformazioni e possibilità nelle località tradizionali di appartenenza. Ottenere maggiori opportunità attraverso le tecnologie dell informazione può essere concepito come un processo sequenziale a più fasi: primo, un equilibrio in mutazione tra sedentarietà e mobilità e un nuovo tipo di mobilità tramite l utilizzo in molteplice forme e scopi della strumentazione elettronica. Quindi, una volta che la comunicazione è iniziata, la velocità di accesso a luoghi e persone è istantanea e, infine, la convenienza e velocità di comunicazione risulta in una crescente estensibilità e accessibilità per utenti nel soddisfare tradizionali e nuove opportunità. Ripetute connessioni, accesso e creazione di opportunità possono alterare l equilibrio iniziale tra sedentarietà e mobilità. Nel lavoro, si intende discutere del nuovo significato della localizzazione geografica nell era dell informazione con valenze più significative rispetto agli ancoraggi tradizionali a favore di un decisivo passaggio da un concetto assoluto e deterministico, tipico ad esempio dell organizzazione industriale tradizionale, a un concetto di luogo come opportunità applicabile a diverse scale anche quella individuale. Il presente lavoro è congiunto ad una collaborazione scientifica internazionale con il Prof. A. Kellerman (Università di Haifa) (Kellerman, Paradiso, 2006) di cui presenta ulteriori sviluppi. L articolazione del lavoro prevede la rassegna dei principali concetti di localizzazione geografica nell era industriale, nel periodo di transizione ; viene, quindi, presentato un quadro concettuale della localizzazione geografica nell era dell informazioni. Infine, sono elaborati, spunti pertinenti in tema di politiche territoriali nello scenario dell informazione. 2 I PRINCIPALI CONCETTI DI LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA NELL ERA INDUSTRIALE E NEL PERIODO DI TRANSIZIONE Opportunità e vincoli per aree geografiche Durante l era industriale, imprenditori e politici concepivano il territorio essenzialmente come spazio isotropico, un contenitore di oggetti, in termini di assetti e dotazioni fisse indispensabili alla produzione e alla circolazione dei prodotti, un supporto valutabile in termini di prossimità a mercati o fonti di materie prime, esprimibile in modelli di centralità, gravitazione, distanze-costo, con una banalizzazione delle dinamiche agglomerative di prossimità e tanto meno di peculiarità ambientali o diversità culturali (Conti, 1996). Sfumature di significati e approcci di politiche territoriali si sono ovviamente succeduti e con diverse sfumature e, spesso, veri e propri poli artificiali di sviluppo sono stati concepiti : il

4 destino industriale del Mezzogiorno d Italia è stato pianificato attraverso la realizzazione di aree di insediamento di grandi imprese dell industria di base che, spesso, hanno drammaticamente alterato l ambiente e ignorato e, poi, pressoché distrutto le precedenti specializzazioni economiche locali; in molti casi, inoltre, non hanno previsto le necessarie infrastrutture di collegamento alle vie di trasporto (Celant, 1994). In generale, l iniziale vantaggio delle regioni industriali core (es. Midlands, Ruhr) si è tradotto rapidamente in vantaggio cumulato e praticamente stabile in forma di destino industriale; le dinamiche di organizzazione territoriale hanno seguito traiettorie di polarizzazione dello sviluppo in cui le regioni che intrattengono forme di interazione spaziale funzionale possono essere inquadrate in morfologie territoriali gerarchiche: in esse il rango e la taglia demografica, soprattutto urbana, danno l idea dell importanza territoriale; il destino di un territorio sembra legato soprattutto alla sua reputazione industriale; il vantaggio competitivo di una località sembra pressoché stabile, i divari regionali tendono ad aumentare piuttosto che convergere (per una rassegna teorica sul pensiero dei padri dello sviluppo regionale: Perroux, 1950, 1955; Myrdal, 1957; Hirschman, 1958; Friedman, 1972). Secondo la sintesi di Claval, 2005, sono state le innovazione energetiche che hanno permesso la concentrazione del lavoro delle competenze territorialmente disperse nelle grandi imprese concentrate; le innovazioni energetiche sono state anche alla base anche del potenziale accumulativo e di espansione delle città che hanno potuto permettere l espansione del numero dei propri abitanti ed iniziare una nuova civiltà di stampo urbano. In aggiunta a ciò, i modelli di organizzazione spaziale del tipo centro-periferia, città-campagna, hanno registrato gli effetti della rivoluzione industriale e i progressi delle tecnologie energetiche nella completa rottura del precedente ciclo locale, ossia di riciclo ecosistemico della struttura territoriale azienda agricola : le città, produttrici di manufatti e inquinamento e consumatrici di ambiente, per la prima volta nella storia, hanno iniziato a esportare verso le aree rurali insopportabili carichi di inquinamento provenienti da concentrazioni industriali e insediamenti umani e relativi rifiuti (Claval, 2005). Modelli dualistici di organizzazione spaziale e approcci che prevedono zonazioni ossia separazioni e distinzioni tra spazi/funzioni, appaiono la strumentazione più ricorrente nell organizzazione territoriale soprattutto urbana. In sintesi, non viene data normalmente importanza ai fattori di ospitalità del luogo, o alle amenità locali, o produzione e offerta culturale: il precedente stock e produzione tacita di sapere e cultura continuano ad esistere, seppure indebolite da crescenti consumi e orientamenti di massa, progressivamente trascurate e nei fatti ignorate, durante una fase di produzione e organizzazione territoriale nella quale la principale qualità territoriale è il basso costo e le basse qualità ambientali, in un ottica industrialista, sono accettabili (Atkinson e Gottlieb, 2001). Il luogo è concepito in termini di parti funzionali complementari le une alle altre in un rapporto di dotazione, sfruttamento, distribuzione e rinforzate in termini di accessibilità a infrastrutture, fornitura di energia, comunicazioni. La strutturazione del luogo

5 in questa maniera e l ordine spaziale che ne consegue sono il risultato della dialettica tra diversi poteri (core-priphery, capital-labor) e, seguendo Vallega (1990), imprese e città procurano polarizzazione, reti di comunicazione e informazione generano interazione spaziale, strutture materiali e comportamenti spaziali spingono verso l uniformità dei luoghi. La produzione di cultura e conoscenza è dualisticamente rappresentabile in una produzione vernacolare (a cui spettano soprattutto compiti ed elaborazioni tecniche, trasmesse in forme imitative ed orali) e di alta cultura cui spetta, in forma scritta, la produzione di valori, morali, codici di comportamento e che è inadatta ad occuparsi di tecnologia o tecnica (Claval, 2005). Naturalmente, la concezione geografica dell impresa si complessifica alquanto con i comportamenti spaziali della grande impresa a partire dagli anni 50: un certo cambiamento nella concezione di destino immutabile dei luoghi legato alla dotazione fisico-naturale e relativa organizzazione spaziale, evolve verso concezioni legate ai nuovi complessi inputs organizzativi fino alla massimizzazione globale del profitto delle grandi imprese localizzate (Lloyd e Dicken, 1990). A partire dagli anni 70, nuove possibilità tecnologiche e shock di costi, rendono possibili processi di decentramento produttivo e di disintegrazione del ciclo produttivo in reti di subfornitura che depolarizzano, per molte attività, i territori e favoriscono nuove diffusioni territoriali delle attività economiche, con rinnovati vantaggi per le piccole imprese. Le forme di interazione si complessificano, spesso all interno di una costellazione di rapporti di subfornitura e collaborazione anche per sfruttamento di know how, brevetti, licenze, con le grandi imprese. Crescente importanza viene data alle attività terziarie, con un espansione enorme di flussi di beni, servizi, capitali oltre i confini nazionali, organizzate in complesse reti di attori e attività (Storper, 2000). E stato anche notato che non si può argomentare a proposito della globalizzazione come di un fenomeno caratterizzato in termini di flussi di capitali acefali o sradicati ma come, invece, la geografia internazionale del commercio e degli investimenti sia caratterizzata da interdipendenza spaziale a distanza con atteggiamento di lealtà o patriottismo, nell effettuare decisioni di investimento, verso le attività localizzate in madre patria (Dicken, 2000). Il vantaggio della grande impresa nel permeare i territori permane ma le modalità organizzative a rete, i contenuti e i fattori competitivi sono sempre più immateriali: in questo quadro geografico la formazione di reti collaborative e alleanze, con caratteristiche di nodi (località) di attività gerarchicamente superiori, sono maggiormente dipendenti o agganciate a condizioni agglomerative di prossimità (Dematteis, 1990, sui sistemi urbani, 1993 sui sistemi territoriali come nodi di reti) e i fattori di milieu possono costituire un vantaggio comparato di una località (Camagni, 1989, Maillat, 1997). Il valore del milieu nella localizzazione fa riferimento ad esempio a caratteristiche distintive di una località, sedimentate nel corso del luogo, che conferiscono caratteri di unicità o di competenze distintive (Aydalot, 1986;

6 Camagni, 1989; Maillat, 1995) e all abilità a cooperare in reti per l innovazione locale (Maillat et al. 1993). Gli elementi chiave del rinnovato concetto del luogo e localizzazione, nella transizione postindustriale ( ) in una geografia economica più variegata e sfumata e instabile (Scott, 1986, 1988, 2000) sono costituiti in primo luogo da: capacità locali e nazionali di organizzazione e comunicazione viste come interdipendenze leggere e non mercantili che prevedono nodi di conoscenza, relazioni umane, regole, convenzioni (Storper, 2000, pag. 148); in secondo luogo, dall uso crescente di tecnologie e reti che espandono la distanza geografica di attività e inducono una nuova divisione spaziale del lavoro, ma altamente interconnessa, che permette novelli valori di prossimità geografica per i subcontratti (Storper, 1999); terzo punto caratterizzante la localizzazione è costituito da un rinnovato vantaggio e appetibilità per lavorazioni tradizionali riutilizzati per mercati di nicchia e che usano nuove competenze in termini di design e tecnologia (Storper, Chritopherson, 1987). Ne consegue che le sfide che si pongono ai territori discriminano tra località in grado di attirare attivamente capitali o riposizionarsi autonomamente e quelle che, in atteggiamenti di esposizione passiva ai flussi di capitali o non progettualità, declinano. Adesso, nell instabilità delle condizioni localizzative, la reversibilità del destino di una località spinge verso un significato di location più aderente a fattori residenziali, sia materiali che immateriali quali infrastrutture e clima sociale e culturale (Stohr, 1986; per studi complessivi sul dibattito piccola impresa, sviluppo locale innovazione: la scuola italiana (Becattini, 1987, 1989, 1998, Sforzi, 1995, Becattini et al. 2001) la scuola californiana (Scott, 1986, 1988); il gruppo GREMI sui milieux innovatori (Aydalot, 1986, Maillat, 1995, 1997, Maillat et al. 1993, Camagni, 1989). Il significato di luogo e localizzazione è maggiormente connesso a fattori immateriali quali l apprendimento collettivo territoriale (Maskell, 2001) e le abilità relazionali: il luogo è concepito in termini di bene relazionale (Storper, 1997). Nelle regioni sviluppate, ma anche in enclaves territoriali nei NIC-newly industrialized countries o PVS-paesi in via di sviluppo l ambiente e le specificità locali cominciano a essere considerate dall agenda di pianificazione (ISOCARP, 2005). 2.2 Opportunità e vincoli per gli individui Nella prima era industriale, gli individui erano considerati meri mezzi di produzione in un quadro vergine di regole in tema di accesso all uso del suolo, di politiche abitative o visioni di sviluppo urbano, di standard di sicurezza o condizioni di vita civili: gli slums in Inghilterra sono ovviamente significativi degli ambiti spaziali dei lavoratori dell era industriale ottocentesca. Il progressivo emergere di società civile, dei diritti universali e collettivi,

7 l accento sul welfare system hanno ovviamente innalzato progressivamente le condizioni di vita urbana e rurale. In generale, anche con il progressivo sviluppo delle comunicazioni analogiche e di trasporto, si può osservare che la persistenza di relazioni e di opportunità fra individui va inquadrate nello spazio quotidiano degli ambienti di vita e lavoro frequentati che coincidono con le comunità territoriali: in esse età, sesso e classe incidono fortemente (Werlen, 2005) all interno di una crescente omogeneizzazione di gusti, status symbol. Nella fase della transizione post industriale, prospettive geografiche sui moderni consumi mostrano l aumento della riflessività estetica come nuova dimensione che cambia le nozioni di individualità e di consumo di massa (Thrift e Glennie, 1993). L individualismo crescente, attraverso l aspirazione alla realizzazione di sé, si ricollega anche all ingresso di nuovi gruppi sociali di consumo che portano a differenziate nozioni di individualità basate su un ampliato sistema di riferimenti culturali (Thrift e Glennie, 1993). Contemporaneamente l indebolimento del sistema di welfare, affievolisce diritti collettivi ormai acquisiti, rinforza un determinismo economico nella visione della società (Harvey, 1987; 1989). Ne emerge un quadro frammentato di nuove possibilità abilitanti per taluni individui ma in un contesto complessivo di condizioni future incerte e reversibili. I commentatori delle condizioni degli individui nella post-modernità hanno arguito di fine del lavoro come di uno delle maggiori tendenze della società (Rifkin, 2000); altri rivelano l importanza di un nuovo senso di sé continuamente in interazione e adattamento cognitivo rispetto ad una mole crescente di messaggi e informazioni e chi compara con gli individui del passato argomenta di individui contemporanei multiformi, culturalmente orientati al presente piuttosto che al futuro o alla costruzione attraverso la memoria del passato (Gergen, 1991, citato in Rifkin, 2000). Il possesso di oggetti materiali in un estremo consumismo viene visto come fattore di identità di individui in una società (occidentale) feticista (Baudrillard, 1988); spesso anche l urbanistica di aree industriali da riconvertire è speculare e funzionale alle filosofie di marketing estetizzante (ne è esemplare l esperienza dei London Docklands, Paradiso 1999). Certamente la necessaria ripianificazione territoriale delle aree in declino o dimesse, il ricorso a modalità operative di collaborazione pubblico-privato, il contesto delle politiche regionali europee, hanno introdotto potenzialità per l azione di reti di individui, istituzioni, fattori immateriali (Kearns e Philo, 1993; Paradiso, 1999). La metafora del milieu innovatore sottintende, del resto, al potere crescente di catene di individui ad alto livello di conoscenza e qualificazione, che è sempre di più innalzato dalle tecnologie dell informazione e comunicazione. Il rischio, di contro, rispetto ad innalzamento delle opportunità per taluni, in assenza di visione e politiche pubbliche, è quello di dualismi crescenti e divari basati sull accesso alla conoscenza codificata (Castells, 1989). In generale, gli individui nel mutato scenario geografico di appartenenza e nelle crescenti nuove possibilità di interazione a distanza, sembrano accrescere la loro propensione e abilità a

8 reinventare se stessi, apprendere, evolvere quali nodi di reti a distanza e non più agenti perlopiù confinati o radicati nelle comunità areali di appartenenza. 3 SEDENTARIETA E MOBILITA NELL ERA DELL INFORMAZIONE 3.1 Le opportunità per gli individui L era dell informazione è stata caratterizzata, dagli inizi degli anni 90, da una massiccia adozione di tecnologie di informazione e media, soprattutto da Internet e telefoni mobili, in praticamente tutti gli aspetti della vita quotidiana. L espansione dell adozione è avvenuta non solo nei paesi sviluppati ma in maniera crescente si riscontra anche in quelli in via di sviluppo, grazie all impressionante espansione dell uso della telefonia mobile; in alcuni casi, come mostra il Medio Oriente, anche il computer portatile mostra di dare un contributo crescente all ampliamento della flessibilità localizzativi del luogo. Non solo la crescente adozione delle tecnologie e per ambiti geografici diversi ma altre importanti caratteristiche esaminate dalla recente letteratura geografica (Kellerman, 2006), mettono in luce una fondamentale implicazione per la flessibilità localizzativa e l espansione delle opportunità a diversi livelli di scala: accanto ad un estensivo uso di trasmissione elettronica delle informazioni e mobilità virtuale attraverso le comunicazioni, si registra anche una crescente mobilità corporea attraverso diversi media di trasporto, a volte simultanea. In particolare, lo stesso concetto di mobilità mostra di avere una densità di significati e comportamenti spaziali mai conosciuti nel passato che possono essere definiti in termini di mobilità personali virtuali (Kellerman, 2006): l estensione di sé, attraverso mezzi di comunicazione e trasmissione privati, ossia simultanei senza l intermediazione e ritardo temporale di comunicazione come il caso di tecnologie di telegramma o fax, implica non solo la possibilità di espandere le opportunità informative e di azione che derivano dall aumento del raggio geografico di comunicazione ma la tipologia, anche portatile, senza fili, permette l azione di interazione nel cyberspazio compiendo anche azioni di mobilità fisica nello spazio. Il concetto di mobilità personale è veramente centrale per individuare le nuove opportunità che una localizzazione può offrire. Il concetto nasce dal nuovo equilibrio tra sedentarietà e mobilità umana (Kellerman, 2006) -ad esempio due individui concepiti quali terminali di un raggio di distanza lungo di comunicazione virtuale e che avviene anche in comportamenti spaziali individuali di mobilità (guido l auto e comunico via cellulare; sono in metropolitana navigo o chatto)- e arricchisce le caratteristiche dello spazio geografico attraverso la fusione delle nuove e rinnovate diverse componenti fondative del luogo (Kellerman op. cit.): nuove mobilità (Urry, 2004), la compresenza (contiguità e connettività, Kaufmann, 2002, Urry,

9 2000); l estensibilità, la nuova accessibilità, e, si potrebbe aggiungere, la nuova densità urbana di reti e flussi informazionali tradizionali e contemporanei (Coutard, Hanley, Zimmerman, 2005, Occelli Staricco, 2002), la nuova localizzazione relativa (Kellerman, 2002) del cyberspazio interconnesso con i luoghi reali grazie anche alla mediazione dei navigatori e dei pianificatori (Paradiso, 2003a e b). Nell analisi geografica della mobilità, l elemento dinamico non può sostituire quello sedentario ma si tratta di compenetrazione in un sistema spaziale ibrido di terminali virtuali e fisici, connessi da una varietà di reti e mezzi di mobilità, operati e stabiliti da individui che inducono trasformazioni di ordine sociale nei luoghi. Attualmente l individuo si trova immerso più che nel passato in un meccanismo complesso di sradicamento e radicamento e costantemente e simultaneamente opera in mobilità e sedentarietà virtuali e fisiche (Kellerman, 2006, Kellerman, Paradiso, 2006). Le opportunità spaziali per le comunicazioni economiche e sociali, inoltre, non si sviluppano solo dalle abilità di stabilire contatti iniziali ma dalla capacità di costanza e velocità nel mantenere e sviluppare le comunicazioni. Immediatezza, istantaneità, e velocità (come concetto relativo che dipende anche dalla precedente esperienza, Hägerstrand, 1992) sono valori richiesti da attuali comportamenti spaziali fisici e virtuali, con intensità drammaticamente crescente della velocità in particolare in questioni di investimento economico. Estensibilità, originariamente definita da Janelle (1973) come espansione delle opportunità per l interazione umana (pag. 11) viene ridefinita da Adams (1995, pag. 267) come l abilità di una persona o gruppo di superare la frizione della distanza attraverso il trasporto o la comunicazione ossia l estensibilità aumenta il potenziale dell azione umana nello spazio ma non ne determina ovviamente il concreto accadimento. L accessibilità complementa l estensibilità laddove la prima si riferisce all abilità di mobilità o la potenziale (dell individuo) mobilità e l accessibilità si riferisce al potenziale del luogo a alla localizzazione stabile che può essere raggiunto da una potenziale mobilità (Kellerman, 2006). L accessibilità dunque connette persone e luoghi e contribuisce, attraverso un effetto espansivo, ad addizionali opportunità di comportamento spaziale degli individui. L accessibilità definibile anche in termini virtuali o ibridi di interazione tra spazi digitali e tradizionali favorisce nuove opportunità, ossia come recita il Merriam-Webster On Line Thesaurus (2006) una favorevole combinazione di circostanza, tempo e luogo. Se aggiungiamo un ulteriore livello di complessità: una più ampia scelta di ancoraggi localizzativi in uno scenario di nuove mobilità personali, ne deriva che l azione individuale non sia limitata al destino del proprio luogo di ancoraggio stabile e, d altro canto, il successo di un luogo può ricevere valore aggiunto apportato dall azione di un individuo a lungo raggio di distanza; lo stesso individuo potrebbe pur se sedentario in un luogo, non contribuire attivamente al progresso della propria località (Kellerman, Paradiso, 2006). Ovviamente

10 barriere possono essere poste all accessibilità virtuale in termini di censura, controllo o la lingua costituisce una barriera. Queste forme senza precedenti di complessa mobilità personale, in termini di comunicazione e trasmissione di informazione, così pure di accesso a informazione via web, possono permettere la comunicazione e il contatto tra individui senza particolare riferimento al contesto di appartenenza o alla struttura e organizzazione spaziale urbana, eccettuata la disponibilità infrastrutturale, (Kellerman, 2004, 2006). Il cyberspazio, quale denso concetto geografico di ambienti di convergenza tecnologica, menti umane, culture, motivazioni personali e fonte di generazione di ogni sorta di artefatti umani (Dodge, Kitchin, 2001) e l impressionante adozione di telefoni portatili sempre più sofisticati, generano un incredibile aumento di mobilità personale virtuale che rappresenta il tratto distintivo della società dell informazione (Kellerman, 2006). L uso simultaneo di tecnologie per la mobilità personale sia virtuale che corporea implica la materializzazione possibile di diverse opportunità (una derivante dalla destinazione che si sta raggiungendo in mobilità corporea altre derivante dall estensibilità umana e aumentata accessibilità delle telecomunicazioni (Kellerman, cit.). D altro canto, una più ampia accessibilità anche virtuale ad altri luoghi non necessariamente implica una chiara o corretta comprensione geografica (in senso culturale ampio) del luogo o delle azioni che si svolgono in esso. Urry (2004) suggerisce una relazionalità dei luoghi frutto di performances che sono a intermittenza mobili all interno della stessa area geografica di destinazione (in termini di luogo turistico visitato o di attività professionale temporanea). In sintesi, nell analisi geografica della dinamicità (mobilità) e sedentarietà (location) nell era dell informazione, si rende conto dell intreccio complesso, dello spazio ibrido di terminali (casa, piazza, host, pc, IP, sito web, etc) fisici e virtuali connessi da un elevata varietà di reti e mezzi di mobilità concepiti, usati, sviluppati da agenti umani, che si trovano in meccanismi di radicamento, sradicamento, in compresenza, mai come nel passato nel passato, di mobilità e sedentarietà fisico-virtuali. 3.2 Le opportunità per le unità geografiche Nonostante la vulnerabilità che presentano i territori in termini di maggiori o minore capacità di incoming di attività, dato l allargamento spaziale del raggio di informazione e a volte di azione degli individui grazie alle tecnologie personali di comunicazione, dall evidenza empirica dell analisi dei casi geografici possono essere evidenziati, in prima istanza, livelli di opportunità alla scala nazionale, in termini almeno di economie informazionali nazionali. Tali economie informazionali nazionali sono state individuate in termini di georeferenziazione di

11 attività sia di produzione che di consumo di informazione, secondo una diversa tassonomia geografica (Kellerman, 2006): 1. economie informazionali veterane (Scandinavia, nord America); 2. economie industriali veterane (Europa occidentale); 3. economie di nuova industrializzazione ma informazionali (Corea, Singapore Taiwan, Hong Kong presto raggiunto da Cina e India). In Europa, Irlanda ed Estonia possono essere considerate tali dal lato della produzione di informazione, l Est Europa dal lato del consumo. In Medio Oriente, Israele e Dubai possono essere considerate in questa categoria. Ovviamente diverse sono le sfumature di specializzazione territoriale; 4. paesi consumatori e in via di sviluppo dove la popolazione mostra usi crescenti di media di comunicazione ma soprattutto dal lato del consumo e non della produzione. Le tecnologie satellitari e di telefonia mobile in questi paesi (soprattutto Africa) aprono vaste opportunità (Donner, 2005, Harrison, 2005). 5. infine, paesi in via di sviluppo non informazionali che ancora attendono di adottare i nuovi sistemi e mezzi di comunicazione (Yemen, Bhutan, Myanmar, Nepal). In tutti i paesi, i fenomeni di adozione, produzione, R&S, consumo di IT e media implicano un mix di politiche regolative e territoriali che, con diverse sfumature, stanno ridisegnando la geografia economica della globalizzazione ma anche aspetti di geopolitica e geografia culturale. A livello di aree informazionali locali, principali opportunità sono venute dalla geografia industriale dell IT e R&S che ha ridisegnato la geografia economica in primis nello sviluppo di attività quaternarie in località contraddistinte da precedente vantaggio accumulato di conoscenza tacita, capacità di contatto faccia a faccia e specializzazione finanziaria (le città globali della Triade) e in una tassonomia decrescente di capacità sia di produzione che consumo (Malecki e Oinas, 1999). Ma le città sono divenute non solo sedi di quaternario ma sono concepibili in termini di forti nodi comunicativi e centri di informazione, produzione, stoccaggio e mantenimento delle attività di comunicazione via IT (Kellerman, 2002). In altri termini, si sono sviluppati i territori locali dell informazione che hanno cambiato la composizione occupazionale e il paesaggio soprattutto urbano: prima i negozi di computer indipendenti e annesse attività di manutenzione e post vendita, i negozi IT concessionari, gli Internet caffè e opportunità localizzative nuove ad esempio per la produzione di siti web e contenuti. Anche il ruolo delle università e relativi investimenti volti a sviluppare il potenziale di creazione di nuova impresa o attrazione di imprese high tech dall esterno costituisce un fenomeno in crescita e in grado anche di innovare e integrare settori tradizionali radicati sul territorio con politiche territoriali di collaborazione inter-istituzionale (in Italia, Lazzeroni, 2004 per una ricerca sull area pisana). Zook e Kellerman hanno dimostrato che in alcuni casi un vantaggio iniziale di accumulo di precedenti attività, ad esempio di input di conoscenza legati al capital venture (Zook, 2005)

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e ECONOMIA REGIONALE Teorie dello sviluppo locale: lo spazio diversificato relazionale VII. Competitività territoriale e sviluppo esogeno 1 Lo spazio diversificato: gli elementi della competitività territoriale

Dettagli

Scheda 7 «Smart City» SMART PEOPLE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 7 «Smart City» SMART PEOPLE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 7 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Molto spesso quando si parla di Smart City l attenzione ricade sul ruolo che in questo contesto hanno i fattori tecnologici quali catalizzatori

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale Tratteremo argomenti quali la organizzazione delle multinazionali e delle loro reti globali di produzione, con un enfasi sulle JV e sul ruolo della

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Un economia intelligente è un economia composta da persone che pensano e lavorano in maniera intelligente, generando nuove idee e cercando di

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 6 SENZA FRONTIERE L Internazionalizzazione come direttrice strategica per intercettare i benefici

Dettagli

ESPERTO IN SMART-CITY

ESPERTO IN SMART-CITY Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO IN SMART-CITY GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Secondo le Nazioni Unite, entro la fine del secolo, oltre il 75% degli esseri

Dettagli

SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007

SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007 SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007 Pianificazione strategica territoriale in una prospettiva europea Roberto

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4 Angelo BONOMI TECNOLOGIA E STRATEGIE INDUSTRIALI La tecnologia è da sempre un fattore importante delle strategie industriali In linea generale

Dettagli

Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo

Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo Diego Coletto Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca diego.coletto@unimib.it 20 giugno 2012

Dettagli

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Claudio Chiarenza Responsabile Business Unit Product Italtel Indice eeurope 2005: An information society

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate CARTA DI FIRENZE Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate Firenze, Palazzo Medici Sala Luca Giordano Giovedì 9 novembre 2006 CARTA DI FIRENZE per una

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini La diffusione settoriale dell innovazione Titolo corso: Economia dell innovazione 1 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Lezione n.5 Linea espositiva 1. Introduzione alla

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 15/3/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione Le teorie di Ricardo ed HO spiegano il commercio

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

CentroStudi 30 Capitolo 2 Francesco Muzzarelli è esperto di formazione e corporate training consulting, autore di numerosi saggi sulle tematiche della formazione rivolta

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac Capitolo 5 * Network Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac SOMMARIO: Introduzione. 2. Tema. Le relazioni inter-organizzative di un network aeroportuale. 2.1. Il caso Gesac. 3. Conclusioni.

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

da Pietro Valentino, L impatto della seconda rivoluzione informatica su cultura e turismo

da Pietro Valentino, L impatto della seconda rivoluzione informatica su cultura e turismo da Pietro Valentino, L impatto della seconda rivoluzione informatica su cultura e turismo La rivoluzione informatica è oramai un capitolo della storia dell economia eppure la tecnologia non si è ancora

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper Politecnico di Milano Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia Position Paper 1. Obiettivi e articolazione del documento L importanza dell innovazione tecnologica in un sistema

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

CITTÀ MEDIE, RETI, COESIONE E STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE

CITTÀ MEDIE, RETI, COESIONE E STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE CITTÀ MEDIE, RETI, COESIONE E STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE Città medie, reti, coesione e strutture di partecipazione- Venezia 28 ottobre 2010 Perché parlare di Città medie e luoghi della partecipazione?

Dettagli

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico Facoltà di Architettura Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione Pag. 1 Programma didattico Titolo del corso: Corso Integrato di Tecnica Urbanistica e Laboratorio (mod. A+B) Settore

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

INTERNET origine, evoluzione, aspetti chiave

INTERNET origine, evoluzione, aspetti chiave INTERNET origine, evoluzione, aspetti chiave L ESPLOSIONE DI INTERNET 394.991.609 host registrati (gen 06) Gen 05: 317,646,084 05 06: + 20% [fonte: Internet Software Consortium] 500.000.000.000 pagine

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

www.osservatori.net - CHI SIAMO

www.osservatori.net - CHI SIAMO Virtual Workspace ed Enterprise 2.0: prospettive e barriere di una rivoluzione annunciata Mariano Corso Politecnico di Milano www.osservatori.net - CHI SIAMO Nati nel 1998, gli Osservatori ICT della School

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

Europa, Governance e Sviluppo locale

Europa, Governance e Sviluppo locale Europa, Governance e Sviluppo locale Lucio Scognamiglio Direttore Eurosportello Confesercenti scognamiglio@infoeuropa.it Un quadro che cambia: la polarizzazione istituzionale Le politiche di sviluppo territoriale

Dettagli

OBIETTIVI EVENTO. CSITF amplia le prospettive del mercato mondiale per le tecnologie avanzate, attraverso:

OBIETTIVI EVENTO. CSITF amplia le prospettive del mercato mondiale per le tecnologie avanzate, attraverso: ABOUT US: SITEC (Shanghai International Technology Exchange Center): è l ente organizzatore dell evento. Il SITEC è una istituzione pubblica cinese. La sua mission è promuovere lo scambio internazionale

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Piattaforma Italiana per il Future Internet

Piattaforma Italiana per il Future Internet Piattaforma Italiana per il Future Internet L innovazione ICT come opportunità di crescita economica e sociale In risposta alla recente crisi economica e a sfide preesistenti quali la globalizzazione,

Dettagli

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 ambiti tematici della RIS3 Premessa La Smart Specialisation,

Dettagli

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi 1 1. Sintesi Pensare a Città in cui i servizi pubblici siano di qualità, gli standard di vita migliori, nuove opportunità di lavoro si generino

Dettagli

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI Introduzione Questo documento propone una panoramica delle principali conclusioni e raccomandazioni indicate dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

9a Giornata dell Economia

9a Giornata dell Economia 9a Giornata dell Economia Ravenna, 6 maggio 2011 L economia digitale: quale futuro? G. Andrea Farina Presidente & Amministratore Delegato Gruppo Itway 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DIGITALE l l primo dominio

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore Introduzione Negli ultimi anni le scelte di acquisto dei consumatori, sono maggiormente orientate alla ricerca

Dettagli

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE DG CONNECT RELAZIONE La giornata informativa

Dettagli

MANIFESTO PER LA CITTADELLA POLITECNICA

MANIFESTO PER LA CITTADELLA POLITECNICA MANIFESTO PER LA CITTADELLA POLITECNICA TORINO, 27 NOVEMBRE 2005 Pagina 1 di 13 PREMESSA: UN NUOVO RUOLO DEL POLITECNICO NEL SISTEMA REGIONALE DI INNOVAZIONE Il tratto distintivo dei recenti indirizzi

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli