STRUTTURE DATI IN JAVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUTTURE DATI IN JAVA"

Transcript

1 Package java.util STRUTTURE DATI IN JAVA Molto spesso, una computazione si basa su una o più strutture dati, di vario tipo: insiemi, code, stack, tabelle, liste, alberi Data la loro importanza, Java ne offre un ampia scelta nella Java Collection Framework (JCF) interfacce che definiscono insiemi di funzionalità classi che ne forniscono varie implementazioni Sono contenitori "generici" per oggetti fino a JDK 1.4, si usava Object come tipo generico da Java 1.5 in poi: supporto ai TIPI GENERICI 1

2 Cosa è una collezione (Collection)? Un oggetto che ragruppa un gruppo di elementi in una singolo oggetto. Uso: memorizzare, manipolare e trasmettere dati da un metodo ad un altro. Tipicalmente rappresentano gruppi di elementi naturalmente collegati: Una collezione di lettere Una collezione di numeri di telefono Cosa è l ambiente Collections? E una architettura unificata per manipolare collezioni. Un framework di collection contiene tre elementi: Interfaces Implementazion Algoritmi Esempi C++ Standard Template Library (STL) Smalltalk's collection classes. Java s collection framework Vantaggi Riduce lo sforzo di programmazione Accresse la velocità e la qualità di programmazione Interoperabilita fra API scorrelate Riduce lo sforzo di imparare ed utilizzare nuove API Riduce lo sforzo per prograttare nuove API Riuso del software 2

3 Collections Framework Interfacce Abstract data types rappresentanti le collezioni. Permentono di manipolare le collezioni indipententemente dai dettagli delle loro implementazioni. In un linguaggio object-oriented come Java, queste interfacce formano una gerarchia Algoritmi Metodi che eseguono utili computazioni come ricerca, ordinamento sugli oggetti che implementano le interfaccie Questi algoritmi sono polimorfi in quanto lo stesso metodo può essere utilizzato su molte differenti implementazioni della stessa interfaccia. Interfacce di Collections Collection Map Set List SortedMap SortedSet 3

4 JCF: QUADRO GENERALE Implementazioni fondamentali per le liste: ArrayList,LinkedList, Vector per le tabelle hash: HashMap, HashSet, Hashtable per gli alberi: TreeSet, TreeMap (implementano rispettivamente SortedSet e SortedMap) Due parole sulle classi di implementazione: le linked list sono liste realizzate con puntatori i resizable array sono liste di array i balanced tree sono alberi realizzati con puntatori le tabelle hash sono tabelle realizzate tramite funzioni hash, ossia funzioni che associano una entità a un valore tramite una funzione matematica. Contenitori generici per oggetti realizzati tramite il tipo generico Object 4

5 JCF "CLASSICA" (fino a Java 1.4) Scelta di fondo: uso del tipo generico Object come mezzo per ottenere contenitori generici i metodi che aggiungono / tolgono oggetti dalle collezioni prevedono un parametro di tipo Object i metodi che cercano / restituiscono oggetti dalle collezioni prevedono un valore di ritorno Object Conseguenza: si possono aggiungere/togliere alle/dalle collezioni oggetti di qualunque tipo, TRANNE i tipi primitivi questi ultimi devono prima essere rispettivamente incapsulati in un oggetto (BOXING) / estratti da un oggetto che li racchiuda (UNBOXING) Contenitori generici per oggetti realizzati tramite il concetto di tipo parametrico 5

6 IL NUOVO APPROCCIO (java 1.5) È sbagliato abolire il controllo di tipo! Occorre un altro modo per esprimere genericità, che consenta un controllo di tipo a compile time type safety: "se si compila, è certamente corretto" Java 1.5 introduce i tipi parametrici ("generici") Il tipo può essere un parametro: in funzioni statiche, in classi e metodi di classi notazione <TIPO> Si possono definire relazioni fra "tipi generici recupera il "lato buono" dell'ereditarietà fra collezioni, inquadrandolo in un contesto solido. Generics Un generic è un metodo che è ricompilato con differenti tipi secondo le necessità (simile ai template C++) Svantaggi: Invece di : List words = new ArrayList(); Si deve definire: ArrayLIst<String> words = new ArrayList<String>(); Vantaggi: Fornisce una migliore gestione del type checking durante la compilazione Evita il casting da Object. I.e., invece di String title = ((String) words.get(i)).touppercase(); utilizzaremo String title = words.get(i).touppercase(); 6

7 Esempio di classe parametrica class tipo <T> { T attributo; public tipo (T x){attributo = x;} public T getvalue() {return attributo;} } Uso della classe parametrica public class Prova { public static void main(string []s){ tipo <String> p1 = new tipo<string>(s[0]); tipo <Integer> p2 = new tipo<integer>(10); String a = p1.getvalue(); System.out.println(a); Integer b = p2.getvalue(); System.out.println(b); } } 7

8 Tutta la JFC è stata riscritta per far uso dei generici Anche classi preesistenti (come Vector) sono state reingegnerizzate e riscritte in accordo al nuovo idioma Le operazioni sulla JFC "generica" si dicono checked (controllate) o type-safe (sicure come tipo) public interface List<E> { void add(e x); Iterator<E> iterator(); } public interface Iterator<E> { E next(); boolean hasnext(); } 8

9 List myintlist = new LinkedList(); // 1 myintlist.add(new Integer(0)); // 2 Integer x = (Integer) myintlist.iterator().next(); // 3 List<Integer> myintlist = new LinkedList<Integer>(); // 1 myintlist.add(new Integer(0)); //2 Integer x = myintlist.iterator().next(); // 3 Tipi parametrizzati Tutte le occorenze del parametro formal type (E in questo caso) sono sostituite dagli argomenti i actual type (in questo caso Integer). List<String> ls = new ArrayList<String>(); //1 List<Object> lo = ls; //2 L istruzione 2 genera un errore in compilazione In generale, se C2 è una classe derivata da C1 e G è una dichiarazione generica, non è vero che G<C2> è un tipo derivato da G<C1>. 9

10 Verso ii concetto di "tipo parametrico variante" Abbiamo visto che, se B deriva da A, NON si può dire che una collezione di elementi di B derivi dalla collezione di elementi di A, perché in generale ciò non ha senso (operazioni impossibili) ALCUNE operazioni potrebbero anche essere sicure (negli array, la lettura), ma ciò non è vero in generale. 10

11 CLASSI GENERICHE ed EREDITARIETÀ Consideriamo la classe generica LinkedList <T>: prendiamo due sue "istanziazioni" LinkedList <Number> LinkedList<Integer> Sono due tipi diversi, incompatibili fra loro! Si evita così il rischio di situazioni "apparentemente giuste ma in realtà sbagliate" stile array. Per verificarlo, immaginiamo di creare due liste: LinkedList<Number> l1 = new LinkedList<Number>(); LinkedList<Integer> l2 = new LinkedList<Integer>(); e consideriamo i due possibili assegnamenti: l1 = l2 //errore l2 = l1 //errore Covarianza, controvarianza, bivarianza 11

12 Dai TIPI GENERICI a TIPI PARAMETRICI VARIANTI ("WILDCARD") L'esperimento precedente ha mostrato che non ha senso cercare una compatibilità generale fra tipi parametrici, perché non può esistere. Ha senso invece cercare compatibilità fra casi specifici e precisamente fra tipi di parametri di singoli metodi. Perciò, alla normale notazione dei tipi generici List<T>, usata per creare oggetti, si affianca una nuova notazione, pensata esplicitamente per esprimere i tipi accettabili come parametri in singoli metodi Si parla quindi di tipi parametrici varianti, in Java più brevemente detti WILDCARD. WILDCARD, ovvero TIPI COVARIANTI, CONTROVARIANTI, BIVARIANTI Alla luce di ciò: la notazione List<T> denota il normale tipo generico il tipo covariante List<? extends T> fattorizza le proprietà dei List<X> in cui X estende T si usa per specificare tipi che consentono solo "letture" il tipo controvariante List<? super T> fattorizza le proprietà dei List<X> in cui X è esteso da T si usa per specificare tipi che consentono solo "scritture" il tipo bivariante List<?> fattorizza tutti i List<T> senza distinzione si usa per specificare tipi che non consentono né letture né scritture (ma possono servire comunque ) 12

13 Wildcards void printcollection(collection c) { Iterator i = c.iterator(); for (k = 0; k < c.size(); k++) { System.out.println(i.next()); }} void printcollection(collection<object> c) { for (Object e : c) { System.out.println(e);}} Wildcards void printcollection(collection<?> c) { for (Object e : c) { System.out.println(e);}} Esempio public class MyList<T> { private T head; private MyList<T> tail; public T gethead(){ return head; } public <E extends T> void sethead(e element){ head=element; } } MyList<Number> list1 = new MyList<Number>(); MyList<Integer> list2 = new MyList<Integer>(); list1.sethead( new Double(1.4) ); // OK! list1.sethead( list2.gethead() ); // OK! 13

14 Esempio public class MyList<T> { private T head; private MyList<T> tail; public T gethead(){ return head; } public <E extends T> void sethead(e element){ head=element; } public void settail(mylist<t> l){ tail=l; } public MyList<? extends T> gettail(){ return tail; } } Restituisce una lista di elementi di tipo T o più specifico di T MyList<? extends Number> list3 = list1.gettail(); MyList<? extends Number> list4 = list2.gettail(); MyList<? extends Integer> list5 = list2.gettail(); I primi due restituiscono una lista di Number, compatibile col tipo "lista di qualcosa che estenda Number Il terzo restituisce una lista di Integer, compatibile col tipo "lista di qualcosa che estenda Integer" public class MyList<T> { private T head; private MyList<? extends T> tail; public T gethead(){ return head; } public <E extends T> void sethead(e element){...} public MyList<? extends T> gettail(){ return tail; } public void settail(mylist<? extends T> l){ tail=l;} } Non c'è realmente bisogno che la coda sia una lista di T! Possiamo essere più generici! Conseguentemente, possiamo rilassare il vincolo su settail, il cui argomento ora può essere una lista di qualunque cosa estenda T list1.settail(list2); // SI', ORA VA BENE! Si rendono così SELETTIVAMENTE possibili TUTTE e SOLE le operazioni "sensate" e significative! 14

15 Riflessioni a posteriori Nell'esempio precedente abbiamo usato: il tipo generico MyList<T> per creare oggetti MyList<Number>, MyList<Integer>, tipi covarianti come MyList<? extends Number> fattorizza le proprietà dei tipi di liste che estendono Number, come MyList<Integer>, MyList<Double>, o MyList<Number> stessa NON abbiamo invece usato: tipi controvarianti come MyList<? super Number> fattorizzerebbe le proprietà di tutte le liste di tipi più generici di Number, come ad esempio MyList<Object> il tipo bivariante MyList<?> public abstract class Shape { public abstract void draw(canvas c);} public class Circle extends Shape { private int x, y, radius; public void draw(canvas c) {... } } public class Rectangle extends Shape { private int x, y, width, height; public void draw(canvas c) {... } } public void drawall(list<shape> shapes) { for (Shape s: shapes) { s.draw(this);}} public void drawall(list<? extends Shape> shapes) {... } 15

16 List<? extends Shape> è un esempio di bounded wildcard. Il simbolo? Sta per un tipo sconosciuto Sappiamo che in questo caso tale tipo sconosciuto e un subtype di Shape. Diremo che Shape è un upper bound di una wildcard. Generic Methods Supponiamo di voler scrivere un metodo che prende un array di objects è una collection e pone gli oggetti dell array in una collection. Soluzione static void fromarraytocollection (Object[] a, Collection<?> c) { for (Object o : a) { c.add(o); // compile time error }} 16

17 I metodi generici consentono di superare un tale problema. Cosi come in una dichiarazione di tipo, la dichiarazione di un metodo può essere generica cioè parametrizzata rispeotto ad uno o più parametri static <T> void fromarraytocollection (T[] a, Collection<T> c) { for (T o : a) { c.add(o); // correct} } Collection Radice della gerarchi delle collezioni Rappresenta un gruppo di oggetti detti elementi della collezione. Alcune implementazioni di Collection consento la duplicazione degli elemente mentre altre no. Alcune sono ordinate altre no. Collection è utilizzato per passare collezioni e manipolarle con la massima generalità. 17

18 Collection Set Set List SortedSet Interface Set extends Collection Modella l astrazione matematica di insieme Collezione non ordinata di object No elementi duplicati Gli stessi metodi di Collection Semantica differente Implementazioni: AbstractSet, HashSet, LinkedHashSet, TreeSet Collection SortedSet Set List SortedSet Interface SortedSet extends Set Un insieme che garanisce che l insieme sia ordinato Tutti gli elementi inseriti in un sorted set devono implementare l interfaccia Comparable Implementazioni: TreeSet 18

19 Collection List Set List SortedSet Una collezione ordinata (chiamata anche sequenza). Può contenere elementi duplicati Consente il controllo della posizione nella lista in cui un elemento è inserito L accesso agli elemento è eseguito rispoetto al loro indice intero (posizione). All Known Implementing Classes: AbstractList, ArrayList, LinkedList, Vector Map Map SortedMap Interface Map (non estente Collection) Un object corrisponde (maps) valori chiave Non contiene chiavi duplicate ogni chiave corrisponde al più un valore Sostituisce la classe astratta java.util.dictionary L ordine può essere fornito da classi che implementano l interfaccia All Known Implementing Classes: AbstractMap, Attributes, HashMap, Hashtable, IdentityHashMap, RenderingHints, TreeMap, WeakHashMap 19

20 Map SortedMap SortedMap public interface SortedMap extends Map un map che garantisce che è ordinato in ordine crescente. Tutti gli elementi inseriti in un sorted map devono implementare l interfaccia Comparable All Known Implementing Classes: TreeMap Implementazioni nel Framework Collections Le implementazioni concrete dell interfaccia collection sono strutture dati riutilizzabili 20

21 Set Implementations HashSet un insieme associato con una hash table TreeSet Implementazione di un albero binario bilanciato Impone un ordine nei suoi elementi HashSet Set TreeSet List Implementations List ArrayList Vector LinkedList 21

22 List Implementations ArrayList Un array ridimenzionabile Asincrono LinkedList Una lista doppiamente concatenata Pu ò avere performance migliori di ArrayList Vector Un array ridimenzionabile Sincrono Map Implementations Map Hashtable HashMap SortedMap TreeMap 22

23 Map Implementations HashMap Un hash table implementazione di Map Come Hashtable, ma supporta null keys & values TreeMap Un albero binario bilanciato Impone un ordine nei suoi elementi Hashtable hash table sincronizzato Implementazione dell interfaccia Map. Utility di Collections Framework Interfaces Iterator Comparator ListIterator Classes Arrays Collections 23

24 Iterator public interface Iterator<E> Creato da Collection.iterator() Simile a Enumeration Nome di metodi migliorati Permette una operazione remove() sul item corrente boolean hasnext() Returns true if the iteration has more elements. E next() Returns the next element in the iteration. void remove() Removes from the underlying Implementazioni: BeanContextSupport.BCSIterator ListIterator public interface ListIterator<E>extends Iterator<E> Attraversa la List in ogni direzione Modifica List durante l iterazione Metodi aggiunti: void add(e e) Inserts the specified element into the list (optional operation). boolean hasprevious() Returns true if this list iterator has more elements when traversing the list in the reverse direction. 24

25 int nextindex() Returns the index of the element that would be returned by a subsequent call to next. E previous() Returns the previous element in the list. int previousindex() Returns the index of the element that would be returned by a subsequent call to previous. void set(e e) Replaces the last element returned by next or previouswith the specified element (optional operation). Collection List Cloneable Serializable java.lang.object java.util.abstractcollection java.util.abstractlist java.util.abstractsequentiallist java.util.linkedlist 25

26 Liste Nel package java.util due tipi di liste entrambe implementano l interfaccia java.util.list ArrayList: basata su array e indicatore di riempimento LinkedList:basata su rappresentazione collegata Attenzione - i due tipi di liste hanno prestazioni diverse nelle operazioni fondamentali public class LinkedList<E> extends AbstractSequentialList<E> implements List<E>, Deque<E>, Cloneable, Serializable public class ArrayList<E>extends AbstractList<E> implements List<E>, RandomAccess, Cloneable, Serializable public class ArrayDeque<E> extends AbstractCollection<E> implements Deque<E>, Cloneable, Serializable public class Vector<E> extends AbstractList<E> implements List<E>, RandomAccess, Cloneable, Serializable 26

27 la rappresentazione con array facilita l accesso agli elementi data la posizione ma penalizza gli inserimenti e le cancellazioni in mezzo alla lista è necessario spostare gli elementi su o giù Viceversa LinkedList è più lenta nell accesso agli elementi data la posizione accedere l elemento in posizione i richiede la scansione di i riferimenti ma è più veloce negli inserimenti e nelle cancellazioni (approssimativamente costano quanto la scansione) Un test di prestazioni Basato su circa 1000 operazioni tempi misurati in millisecondi 27

28 Considerazioni sulle prestazioni gli array sono i più veloci, ma non consentono inserimenti e cancellazioni ArrayList è veloce nell accesso agli elementi, lenta in inserimenti e cancellazioni in mezzo LinkedList è più lenta nell accesso, ma decisamente più veloce in inserimenti e canc. Vector è più lenta di entrambe e non dovrebbe essere utilizzata Di conseguenza nel caso di liste a bassa dinamica, per ridurre i tempi di scansione è opportuno usare ArrayList per liste ad alta dinamica, con frequenti inserimenti e cancellazioni conviene utilizzare LinkedList E che succede se devo cambiare tipo? es: passare da ArrayList a LinkedList Linea guida è opportuno programmare con le interfacce invece che con le implementazioni le interfacce riducono l accoppiamento tra leclassi e semplificano i cambiamenti Nel caso delle liste è opportuno utilizzarle per quanto possibile attraverso riferimenti di tipo java.util.list In questo modo le modifiche sono semplificate basta cambiare le poche istruzioni in cui gli oggetti di tipo lista sono creati cambiando laclasse usata per l implementazione il resto dell applicazione resta intatta i metodi si comportano polimorficamente e viene utilizzata la nuova implementazione 28

29 Iteratori Attenzione in questo approccio, quando manipolo la lista devo tenere in considerazione che l implementazione potrebbe cambiare In particolare devo fare attenzione a non basare la scrittura del codice su una o l altra delle implementaz. Un operazione critica: la scansione Il modo tipico di scandire una lista utilizzando indici interi for (int i = 0; i < lista.size(); i++) { Object o = lista.get(i); // operazioni su o } Iteratori Questo tipo di scansione è particolarmente adatto ad ArrayList (il metodo get viene eseguito rapidamente) ma disastrosamente lenta su LinkedList Perchè? perchè come detto l accesso all elemento in posizione i di una LinkedList richiede di scandire i elementi (i operazioni circa) Detta n la dimensione della lista n pari circa a n(n +1)/2, ovvero dell ordine di n2 es: per una lista di 100 elementi: 5000 nel caso di ArrayList: circa 100 operazioni In casi normali il problema non sorge (liste piccole) ma in alcuni casi si tratta di un costo di calcolo che può diventare inaccettabile 29

30 Il problema la scansione attraverso indici interi NON è la scansione più naturale per LinkedList ArrayList implementazione basata su indici >> scansione naturale basata su indici LinkedList implementazione basata su riferimenti >> scansione naturale basata su riferimenti Idealmente vorrei che per ciascuna tipologia di lista potesse essere utilizzata automaticamente la scansione più adatta senza che il programmatore se ne debba preoccupare Attenzione in questo caso il polimorfismo da solo non basta La scansione della lista è un operazione che deve necessariamente essere effettuata da un oggetto diverso dalla lista, non posso quindi semplicemente sovrascrivere il metodo scandisciti() e utilizzarlo polimorficamente devo necessariamente definire altri oggetti la cui responsabilità è quella di scandire la lista Soluzione utilizzare un oggetto iteratore Iteratore oggetto specializzato nella scansione di una lista fornisce al programmare un interfaccia per effettuare la scansione in modo indipendente dalla strategia di scansione concreta (indici, puntatori, ecc.) implementa la scansione in modo ottimale per ciascun tipo di lista 30

31 L utilizzo in java.util interfaccia java.util.iterator, che prevede i seguenti metodi Object next() per spostarsi in avanti boolean hasnext() per fermarsi esiste una implementazione per ArrayList ed una implementazione per LinkedList Iteratore per ArrayList utilizza indici interi Iteratore per LinkedList scandisce la lista usando i riferimenti Come si ottiene l iteratore? utilizzando il metodo Iterator iterator() di java.util.list Dettagli sugli iteratori di java.util sostanzialmente si basano sui metodi next() e previous() forniti dalle due liste sono però più complicati di quanto si pensa dal momento che consentono anche di modificare la lista durante la scansione attraverso il metodo remove() senza doversi preoccupare della consistenza dei riferimenti 31

32 Ricerca e rimozione di un elemento E necessario che la classe degli elementi cotenuti nella lista implementi il metodo equals Mappe Una mappa, ovvero un dizionario associativo classe java.util.hashmap implementa l interfaccia java.util.map Dizionario associativo collezione in cui i riferimenti sono salvati con un nome, detto chiave tipicamente una stringa possono successivamente essere recuperati rapidamente utilizzando la chiave 32

33 public interface Map<K,V> Principali metodi V put(k key, V value) void putall(map<? extends K,? extends V> m) V get(object key) V remove(object key) Implementazioni java.util.hashmap java.util.treemap java.util.hashtable 33

34 metodi principali di java.util.map void put(object chiave, Object riferimento) Object get(object chiave) Object remove(object chiave) int size() Le principali implementazioni java.util.hashmap java.util.treemap java.util.hashtable (versione legacy) Differenze rispetto alle liste in una mappa non sono significative le posizioni degli elementi ma le chiavi le ricerche sulla base della chiave sono enormemente facilitate (nella lista richiederebbero una scansione) utilizzata tipicamente quando più che le scansioni sono importanti le ricerche Attenzione però ad ogni chiave può essere associato un unico oggetto put successive con la stessa chiave sostituiscono i valori precedenti non può essere usata quando possono esserci più valori per la stessa chiave 34

35 HashMap Un requisito fondamentale per le mappe la rapidità di inserimento e cancellazione L implementazione fondamentale HashMap di gran lunga la più veloce La tecnica sottostante tecnica di hashing ovvero basata su funzioni di hashing HashMap Funzione di hash funzione che trasforma un valore ( chiave ) di lunghezza variabile in uno di lunghezza fissa ( hash della chiave) Caratteristica tipica di una funzione hash l hash deve essere calcolabile rapidamente Classificazione delle funzioni hash funzioni con collisioni o prive di collisioni Funzione priva di collisione non ci sono due valori per cui l hash è uguale possibile solo se i valori sono finiti Funzione con collisione più valori possono avere lo stesso valore di hash caso tipico 35

36 HashMap Implementazione di put() nella HashMap la mappa mantiene gli oggetti in un array di N riferimenti a liste (dette bucket ) ogni elemento della lista memorizza una coppia <chiave, riferimento> viene calcolato il valore della funzione di hash sulla chiave e poi viene applicato un operatore modulo per ridurlo ad un numero tra 0 e N 1 in questo modo si ottiene un indice nell array; la coppia <chiave, riferimento> viene aggiunta in coda al bucket della posizione ottenuta 36

37 HashMap Implementazione di get() in HashMap viene calcolato il valore di hash della chiave per risalire al bucket (indice nell array) viene scandito il bucket e la chiave viene confrontata con ogni chiave se viene trovata una chiave identica a quella cercata, viene restituito il riferimento altrimenti viene restituito null Due operazioni fondamentali il calcolo della funzione di hash il confronto tra le chiavi Calcolo della funzione di hash viene usato il metodo hashcode() ereditato da Object Confronto tra le chiavi viene utilizzato il metodo equals() ereditato da Object HashMap Nota le implementazioni standard sono basate sull indirizzo in memoria potrebbero non essere quelle adatte a fare hashing in alcuni casi Nelle classi principali della piattaforma sono ridefinite opportunamente quando è necessario Di conseguenza è opportuno utilizzare come chiave per le mappe oggetti di classi note es: String, Integer, ecc. Nel caso in cui questo non sia possibile per la classe di oggetti da utilizzare come chiavi è necessario ridefinire opportunamente hashcode() ed equals() 37

38 public class HashMap<K,V> extends AbstractMap<K,V> implements Map<K,V>, Cloneable, Serializable Capacity: numero di buckets nella hash table, Load factor e la misuradi quanto piena puo essere l hash table prima di un resize (0,75) Costruttori HashMap() costruisce una HashMap vuota con capacity =16 e load factor = 0.75.HashMap(int initialcapacity) costruisce una HashMap vuota con capacity = initialcapacity e load factor = 0.75 HashMap(int initialcapacity, float loadfactor) costruisce HashMap con i valori specificati HashMap(Map<? extends K,? extends V> m) costruisce una HashMap con lo stesso mappings della mappa scecificata. Insiemi Altre classi significative delle collezioni interface java.util.set: rappresenta una collezione non ordinata e priva di duplicati due principali implementazioni: HashSet e TreeSet interface java.util.collection: rappresenta una collezione generica (può essere un insieme oppure una lista) tutte le collezioni sono scandibili con iteratori A cosa servono gli insiemi? possono essere quasi sempre sostituiti dalle liste in alcuni casi sono più naturali Esempio: Gestione Appuntamenti potrei utilizzare un oggetto di tipo java.util.set per rappresentare l insieme dei partecipanti ad una Riunione 38

39 Insiemi A questo punto possiamo vedere come scandire una mappa due metodi principali ottengo l insieme delle chiavi con Set keyset() e scandisco l insieme con un iteratore e prelevo dalla mappa tutti gli elementi ottengo la collezione dei valori con il metodo Collection values() ottengo un iteratore dalla collezione e scandisco tutti gli elementi Perchè Set e Collection? per rispettare la regola secondo cui si programma con le interfacce e non con le implementazioni Infatti Una HashMap è una collezione non ordinata cioe mantiene un insieme di chiavi e non una lista Ordinamenti In Java l ordinamento delle collezioni è una funzionalit{ offerta dalla piattaforma es: java.util.collections.sort(java.util.list list) ma bisogna rispettare delle regole In particolare per ordinare una collezione di riferimenti, gli oggetti relativi devono essere confrontabili rispetto ad una precisa relazione di ordine Esempio la lista degli Impegni un ordinamento possibile: per orario un altro ordinamento: in ordine alfabetico rispetto alla descrizione un altro ordinamento ancora: rispetto al luogo di svolgimento per poter ordinare una lista di impegnibisogna decidere il criterio di ordinamento 39

40 In Java gli oggetti ordinabili devono implementare l interfaccia java.lang.comparable java.lang.comparable prevede un unico metodo int compareto(object o) risultato > 0 se this segue o nell ordinamento risultato < 0 se this precede o nell ordinam. risultato = 0 se this non precede nè segue o Ordinamenti Nota l utilizzo di Comparable prevede che sia possibile cambiare il codice delle classi che definiscono gli oggetti da ordinare per implementare Comparable e definire compareto() se questo non è possibile, è possibile utilizzare un approccio alternativo utilizzare un oggetto esterno comparatore L interfaccia java.util.comparator unico metodo: int compare(object o1, Object o2) gli oggetti che implementano l interfaccia sono quindi capaci di confrontare oggetti secondo algoritmi specifici 40

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Programmazione Java: Come contenere oggetti

Programmazione Java: Come contenere oggetti Programmazione Java: Come contenere oggetti romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Introduzione ai contenitori Interfacce Implementazione Collection List Set Map Ordinamento»

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (sede di Latina) Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (consorzio Nettuno) Struttura di un programma

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

I class diagram. Class - names

I class diagram. Class - names I class diagram Forniscono una vista strutturale (statica) del sistema in termini di classi attributi operazioni relazioni tra classi (associazioni, generalizzazioni,...) Un class diagram rappresenta uno

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Permutazione degli elementi di una lista

Permutazione degli elementi di una lista Permutazione degli elementi di una lista Luca Padovani padovani@sti.uniurb.it Sommario Prendiamo spunto da un esercizio non banale per fare alcune riflessioni su un approccio strutturato alla risoluzione

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Gest ione di list e in C

Gest ione di list e in C Gest ione di list e in C Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Strutture dinamiche Gli

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli