Previsione di impatto acustico relativa a:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previsione di impatto acustico relativa a:"

Transcript

1 PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012 Atlas Concorde Spa Via Canaletto 141 Spezzano di Fiorano M. (MO) Reggio Emilia - Via Monti, 1 - Tel Fax Cap. Soc int. vers. Codice Fiscale Registro Imprese CCIAA di RE n REA n: Partita IVA

2 - INDICE PREMESSA DESCRIZIONE DELL AREA Ricettori Nuove sorgenti rumorose RILEVAMENTI FONOMETRICI Elaborazione dati Strumentazione utilizzata DEFINIZIONI SITUAZIONE ACUSTICA Calcoli di propagazione del rumore relativo alle varie sorgenti aziendali Verifica limiti assoluti Verifica limiti differenziali CONCLUSIONI ALLEGATI... 14

3 1 - PREMESSA La valutazione di impatto acustico consiste nella previsione degli effetti ambientali, dal punto di vista dell'inquinamento acustico, in seguito alla realizzazione o ristrutturazione di interventi sul territorio, siano essi costituiti da opere stradali, ferroviarie, attività industriali, commerciali. La valutazione di impatto acustico è così articolata: Indagine sullo stato di fatto dell'area oggetto dell intervento e sua completa definizione dal punto di vista acustico (misure ante operam e classificazione acustica). Previsione dell'inquinamento acustico indotto dal nuovo intervento (individuazione sorgenti con determinazione livelli pressione delle stesse, calcolo impatto delle stesse ai ricettori e confronto con i limiti imposti dalla legge). Individuazione di opere di bonifica e previsione degli scenari acustici generati dalla loro realizzazione (ove necessario). Scelta della soluzione ritenuta più idonea (ove necessario). Oggetto di questo studio è la previsione dei livelli acustici immessi all esterno del perimetro aziendale del nuovo capannone uso deposito della ditta Atlas Concorde Spa da eseguire presso Via Viazza I Tronco a Fiorano M. (MO); committente Atlas Concorde Spa, Via Canaletto 141, Fiorano M. (MO). Il nuovo capannone uso magazzino viene eseguito in un lotto che risulta solo parzialmente comunicante (piccola zona a sud-est) con area esistente della Atlas Concorde (vedi tavola allegata): ciò consente di riorganizzare l ingresso e l uscita dei transiti degli autocarri verso tale esistente stabilimento; infatti verrà realizzata una portineria nella parte nord-est del lotto (su Via Viazza) dalla quale faranno il loro ingresso e la loro uscita gli autocarri che raggiungeranno/lasceranno l azienda (i cui transiti interesseranno solo il confine est di tale nuovo magazzino). A parte tale riorganizzazione, il nuovo capannone ha funzione di solo deposito del prodotto finito (stoccaggio) pertanto, non essendo nemmeno dotato di uffici, non ha alcuna sorgente fissa esterna rumorosa; solo una decina di carrelli elevatori ed una navetta (mezzo autoarticolato) proveniente dall esistente area a sud interesseranno quali sorgenti mobili esterne il magazzino (transiti sui quattro lati del fabbricato). Tali carrelli elevatori si muovono altresì all interno del fabbricato; tuttavia l involucro dell edificio, costituito da tamponamenti con pannelli in cls stratificati per l isolamento termico, portoni e finestre di qualità, copertura con copponi in cls isolati, garantisce che nessuna rumorosità significativa giunga all esterno. La committenza indica i seguenti orari di lavoro: L attività si esaurisce esclusivamente nel periodo diurno. I periodi di riferimento secondo il DPCM sono: diurno dalle ore 6.00 alle ore 22.00; notturno dalle ore alle ore Anche i limiti differenziali sono fissati dal DPCM e sono: 5 dba differenziale day e 3 dba night. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 2

4 Sono state condotte delle sessioni di misura così suddivise: - Dal al per quanto riguarda il campionamento continuo CC1. - Dal al per quanto riguarda il campionamento continuo CC2. Informazioni e dati indicati nella presente relazione sono forniti dalla committenza (se non espressamente indicato in modo diverso). Riferimenti normativi. La compatibilità dell attività è vincolata al rispetto dei limiti assoluti di zona e al rispetto del criterio differenziale ai sensi del D.P.C.M. 14/11/1997 ( Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore ) secondo principi ed obiettivi fissati dalla legge quadro 447/95. L azienda è ubicata nel comune di Fiorano M. (MO) che dispone di una zonizzazione acustica ai sensi della legge quadro 447/95 e della legge regionale n. 15/01. Sulla base di tale zonizzazione si evince che l area aziendale è classificata come zona di classe V (aree prevalentemente industriali) cui compete un limite di 70 dba durante il periodo diurno (dalle 6.00 alle 22.00) e di 60 dba durante il periodo notturno (dalle alle 6.00). Rispetto ai confini aziendali si ha: oltre il confine sud area classificata in classe V, oltre i confini est ed ovest area classificata in classe V; oltre il confine nord (e oltre Via Viazza) area relativa al Comune di Formigine in parte inserita in classe V ed in parte in classe III (limiti di 60 dba diurni e 50 dba notturni). L abitazione più vicina al nuovo capannone è collocata in classe V (ricettore R1 distante circa 40 m dal confine aziendale più vicino nord-ovest). L area risulta interessata dal contributo di Via Viazza I Tronco a Nord e dalla rumorosità del contesto ceramico (in modo diffuso). Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 3

5 2 - DESCRIZIONE DELL AREA Ricettori Si vedano gli allegati per l individuazione dell area oggetto di studio e dei relativi fabbricati confinanti considerati. I fabbricati dotati di ambiente abitativo (definizione ai sensi della legge quadro 447/95) più vicini all azienda, quindi maggiormente esposti alla rumorosità indotta dall attività aziendale, sono: Abitazione distante circa 40 m dal confine aziendale più vicino nord-ovest. Il ricettore è indicato con la sigla R1 (il ricettore ricade in classe V) Nuove sorgenti rumorose Vedere planimetria allegata. Il progetto prevede la realizzazione di un capannone adibito ad uso magazzino del prodotto finito aziendale pertanto, sia al suo interno che esternamente non sono impiegati impianti/macchinari rumorosi. All interno del capannone si muovono soltanto carrelli elevatori; tuttavia l involucro dell edificio, costituito da tamponamenti con pannelli in cls stratificati per l isolamento termico, portoni e finestre di qualità, copertura con copponi in cls isolati, garantisce che nessuna rumorosità significativa giunga all esterno. Le sole sorgenti che interessano il nuovo capannone sono legate al traffico indotto: - sorgente S1: transiti legati ai circa 10 carrelli elevatori adibiti alla movimentazione esterna della merce (totale 300 transiti/gg); contributi considerati in egual misura su tutti i confini; - sorgente S2: transiti legati alla navetta (mezzo autoarticolato) che trasporta il prodotto finito dai differenti capannoni aziendali al realizzando deposito. Si considerano 10 transiti/gg su ogni confine (percorso in senso unico). - sorgente S3; transiti legati alla riorganizzazione degli ingressi e uscite degli autocarri per l area produttiva Atlas Concorde confinante per un breve tratto a sud-est con l area del nuovo capannone. Si tratta mediamente di 130 autocarri/gg (tot. 260 transiti/gg); transiti esclusivamente concentrati sul lato est aziendale. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 4

6 3 - RILEVAMENTI FONOMETRICI Sono state eseguite due misure in continuo CC1 e CC2 al fine di caratterizzare la rumorosità residua in punti rappresentativi aziendali (rispettivamente al confine nord-ovest e sud-est del lotto). Le postazioni microfoniche CC1 e CC2 delle misure sono visibili in allegato. La misura CC1 è stata eseguita dal al ; La misura CC2 è stata eseguita dal al ; Le misure sono state eseguite nel rispetto di quanto disposto dal D.M. 16/03/98, con cielo sereno e con una velocità del vento inferiore a 5 m/s. Il microfono dello strumento utilizzato è stato collocato ad un altezza dal suolo di circa 4 m. Non è stata individuata la presenza di componenti impulsive o tonali Elaborazione dati Il parametro acustico assunto a riferimento e quindi elaborato è il livello equivalente espresso in dba (Leq in dba) che è il parametro indicato dalle raccomandazioni internazionali (ISO DIS 01/03/91) e Legge Quadro n.447/95 per la valutazione della rumorosità all esterno e negli ambienti abitativi. Per le posizioni di misura sono stati rilevati i valori di Leq espressi in dba i livelli statistici e i livelli minimi e massimi ad intervalli di acquisizione da 10 min. Successivamente sono stati calcolati i valori medi dei Leq rilevati nel periodo sulla base delle misure effettuate. Tutti i dati misurati e memorizzati dagli strumenti sono stati trasferiti su personal computer ed elaborati con specifico software Strumentazione utilizzata La catena strumentale utilizzata rispondente alle specifiche norme IEC 804 e 651 classe 1, si compone di: N.1 analizzatore digitale di spettro in tempo reale Larson Davis mod. 824 N.1 microfono per esterni Larson Davis mod.2541 calibratore di livello sonoro Larson Davis CAL 200 La calibrazione degli strumenti di misura è stata effettuata prima dell inizio dell indagine e verificata al termine della stessa. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 5

7 La taratura della strumentazione è stata eseguita da un laboratorio autorizzato dal SIT (Servizio di Taratura Italiana), come previsto dal D.M. 16/03/1998 art.2. Si allegano certificati di taratura della strumentazione utilizzata. La taratura degli strumenti ha validità biennale come previsto dalle procedure interne di qualità aziendale. 4 - DEFINIZIONI La valutazione dei livelli sonori viene effettuata come segue: Livello ambientale E costituito dall insieme del rumore residuo e da quello delle specifiche sorgenti disturbanti, con l esclusione degli eventi sonori singolarmente identificabili di natura eccezionale rispetto al valore ambientale della zona. Il livello ambientale descrive la situazione acustica dell area esaminata, raccogliendo i contributi di tutte le sorgenti sonore della zona in cui si trova l azienda in oggetto. E il livello che si confronta con i limiti assoluti fissati dalla normativa per la classe acustica alla quale appartiene l area in esame. Può essere determinato attraverso: - campionamenti in continuo: vengono confrontati con i limiti di legge i valori medi, calcolati sul periodo diurno, a partire dai dati misurati; - misure di breve durata (o estemporanee): vengono confrontati con i limiti di legge i valori del Leq misurati su un intervallo di tempo di alcuni minuti, sufficiente a cogliere l evento sonoro da caratterizzare. Livello residuo Si rileva quando si escludono le sorgenti aziendali. Contributo sonoro aziendale Si determina sottraendo energeticamente il livello residuo al livello ambientale; risulta di non marginale importanza per la progettazione di eventuali bonifiche acustiche. Livello differenziale (da verificarsi solamente in prossimità di abitazioni o comunque di edifici caratterizzati da lunga permanenza di persone o secondo le prescrizioni di legge). Rappresenta la differenza algebrica tra il livello di rumore ambientale e quello di rumore residuo. Il criterio corrispondente deve essere verificato in tutte le aree non esclusivamente industriali, come richiesto dal DPCM 1/3/91 e dal suo aggiornamento DPCM 14/11/97. Il rispetto del limite differenziale è richiesto presso ricettori sensibili quali le abitazioni, ovvero laddove è prevista la permanenza di persone, fatta eccezione per le seguenti situazioni: 1) il livello ambientale determinato presso l abitazione a finestre aperte sia inferiore ai 50 dba nel periodo diurno o ai 40 dba in quello notturno; Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 6

8 2) il livello ambientale determinato presso l abitazione a finestre chiuse sia inferiore ai 35 dba nel periodo diurno o ai 25 dba in quello notturno; 3) rumorosità prodotta da infrastrutture (stradali, ferroviarie, aeroportuali o marittime) 4) rumorosità prodotta da attività o comportamenti non connessi ad attività produttive, commerciali o professionali; 5) rumorosità prodotta da servizi o impianti fissi di uso comune dell edificio. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 7

9 5 - SITUAZIONE ACUSTICA Calcoli di propagazione del rumore relativo alle varie sorgenti aziendali. Si ricorda di nuovo che la previsione è mirata a considerare il rispetto dei limiti per il periodo diurno (nuovo capannone con attività solo diurna). Si è proceduto col determinare il rispetto dei limiti assoluti ai confini aziendali tenendo presente che: I calcoli di propagazione del rumore da traffico indotto sono stati considerati in relazione all attenuazione da sorgenti lineari; Circa il traffico indotto fare riferimento a precedente paragrafo per la quantificazione dei transiti. Vengono considerati transiti in condizioni di spostamenti lenti. In relazione a tali eventi di transito partendo dal SEL (single event level) che è il contenuto energetico dell evento di transito di una certa durata, riferito ad un secondo come da seguente formula, 0.1*Lp SEL = 10 * Log 10 dt, è possibile calcolare il contributo in termini di Leq (livello equivalente di pressione sonora) sulle 16 ore diurne o sull ora di punta (per il calcolo del differenziale) secondo la seguente relazione: Leq=10*log(n*10 0.1*SEL /T) I risultati ottenuti vengono evidenziati nelle seguenti tabelle: per limiti differenziali ricettore Incidenza Leq automezzi nell'ora di punta - DAY - ricettore SEL autocarri a 3 m dba 78.0 N. eventi ora punta 40 Leq ora punta autocarri dba 58.5 SEL carr.elevat.a 3 m dba 75.0 N. eventi max ora di punta 50 Leq ora punta carr,ekev. dba 56.4 SEL navetta a 3 m dba 80.0 N. eventi max ora di punta 2 Leq ora punta navetta dba 47.4 Contrib.ora punta autom.dba 3 m per limiti assoluti a confine Incidenza Leq automezzi - DAY - a confine SEL autocarri a 3 m dba 78.0 N. eventi 260 Leq periodo diurno autocarri dba 54.5 SEL carr.elevat.a 3 m dba 75.0 N. eventi 300 Leq periodo diurno carr.elev. dba 52.2 Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 8

10 SEL navetta 3 m dba 80.0 N. eventi 10 Leq periodo diurno navetta dba 42.4 Contrib.diurno automezzi dba 3 m Seguono le tabelle relative all attenuazione del traffico indotto ai confini ed al ricettore (rispetto ai confini nord-ovest ed al ricettore R1 ubicato oltre il confine di nord-ovest è stata suddivisa l incidenza del traffico indotto da autocarri che transitano solo ad est da quello dei carrelli elevatori e della navetta): Attenuaz.traff.indotto al ricettore R1 - solo autocarri Attenuaz.traff.indotto al ricettore R1 - carr.elev.e navetta Distanza sorg.-ricettore m Distanza sorg.-ricettore m 40.0 Distanza. Riferimento m 3.0 Distanza. Riferimento m 3.0 Attenuazione sorg.lineari dba 18.0 Attenuazione sorg.lineari dba 11.2 Attenuaz.traff.indotto al confine est Attenuaz.traff.indotto al confine nord-ovest - solo autocarri Distanza sorg.-ricettore m 3.0 Distanza sorg.-ricettore m Distanza. Riferimento m 3.0 Distanza. Riferimento m 3.0 Attenuazione sorg.lineari dba 0.0 Attenuazione sorg.lineari dba 17.0 Attenuaz.traff.indotto al confine sud Attenuaz.traff.indotto al confine nord-ovest - carr.elev.e navetta Distanza sorg.-ricettore m 3.0 Distanza sorg.-ricettore m 3.0 Distanza. Riferimento m 3.0 Distanza. Riferimento m 3.0 Attenuazione sorg.lineari dba 0.0 Attenuazione sorg.lineari dba 0.0 Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 9

11 5.2 Verifica limiti assoluti Come già precisato, nei casi esaminati il parametro rilevato è il Livello Continuo Equivalente (Leq) espresso in db(a). Di seguito si riporta la tabella in cui si evidenziano i valori medi delle misure rappresentative eseguite. Si riporta in allegato il grafico con l andamento della time history del livello equivalente per tali misure. Misure in continuo - Leq db(a) RISULTATI MISURAZIONI CAMPIONAMENTO IN CONTINUO CC1 dba Leq medio diurno Leq medio notturno L95 medio diurno L95 medio notturno CAMPIONAMENTO IN CONTINUO CC2 dba L95 medio diurno L95 medio notturno I valori di Leq diurno misurati corrispondono al rumore residuo. Ad esso viene sommato energeticamente il contributo delle sorgenti aziendali future propagate ai confini al fine di ottenere l ambientale (per limiti assoluti) come segue: Confine est: Ambientale day al confine est - dba Residuo da CC Contrib.traffico indotto sul Trif Attenuaz.traff.indotto al confine 0.0 Traff.indotto attenuato al confine 56.7 Ambientale al confine 62.8 Confine sud: Ambientale day al confine sud - dba Ante operam da CC Contrib.traffico indotto sul Trif Attenuaz.traff.indotto al confine 0.0 Traff.indotto attenuato al confine 56.7 Ambientale al confine 62.8 Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 10

12 Ricettore R3: Ambientale day al confine nord-ovest - dba Ante operam presso CC Contrib.traffico indotto autocarri sul Trif 54.5 Attenuaz.prec.traff.indotto al confine 17.0 Traff.indotto attenuato al confine 37.6 Contrib.traffico indotto carr.elev.e navetta sul Trif 52.6 Attenuaz.prec.traff.indotto al confine 0.0 Traff.indotto attenuato al confine 52.6 Ambientale al confine 59.0 Sulla base di tali dati di ambientale, per semplice confronto con i limiti di zona, si esegue la verifica del rispetto dei limiti assoluti diurni come segue: CONFINI - LIMITI ASSOLUTI DAY DA RISPETT. Leq dba (arrot.0,5 dba) LIMITI Leq AMBIENTALE Leq RISPETTO LIMITI sorg.aziendali CONFINE EST CLASSE V - DAY SI CONFINE SUD CLASSE V - DAY SI CONFINE NORD-OVEST (più cautelativo - Comune Formigine) CLASSE III - DAY SI Si rileva il rispetto dei limiti assoluti di zona per il periodo diurno ai confini aziendali. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 11

13 5.3 Verifica limiti differenziali Il rispetto del limite differenziale è stato verificato presso il ricettore individuato R1 e si ottiene dalla differenza algebrica fra rumore ambientale (che comprende le sorgenti oggetto dell indagine) e rumore residuo, con l esclusione delle sorgenti oggetto dell indagine. Al valore comprensivo dei contributi delle sorgenti aziendali future propagate al ricettore si somma energeticamente il rumore residuo minimo rilevato con la misura in continuo CC1 grazie agli intervalli di acquisizione da 10 min. impostati sul fonometro, determinando così il rumore ambientale previsto al ricettore. A tale valore di ambientale viene sottratto algebricamente il rumore residuo, determinando così il differenziale. Si fa notare che quanto rilevato con CC1 è anche rappresentativo del rumore residuo presso R1 poiché la centralina è stata posta alla stesa distanza da Via Viazza I Tronco (sorgente prevalente) che presenta il ricettore medesimo. Le seguenti tabelle mostrano tali risultati: Ambientale day al ricettore - dba Residuo min.orario day 54.3 ore Contrib.traffico indotto autocarri sul Tmis 58.5 Attenuaz.prec.traff.indotto al ricettore 18.0 Traff.indotto attenuato al ricettore 40.4 Contrib.traffico indotto carr.elev.e navetta sul Tmis 56.9 Attenuaz.prec.traff.indotto al ricettore 11.2 Traff.indotto attenuato al ricettore 45.7 Ambientale day al ricettore 55.0 Verifica del differenziale al ricettore R1 DAY RICETTORE R1 - LIMITE DIFFERENZIALE DA RISPETTARE - DAY - Leq dba 5 AMBIENTALE da calcoli RESIDUO min. da CC1 DIFFERENZIALE R1 RISPETTO LIMITI SI Si evince il rispetto del differenziale DAY al ricettore R1. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 12

14 6 - CONCLUSIONI Oggetto di questo studio è la previsione dei livelli acustici immessi all esterno del perimetro aziendale del nuovo capannone uso deposito della ditta Atlas Concorde Spa da eseguire presso Via Viazza I Tronco a Fiorano M. (MO); committente Atlas Concorde Spa, Via Canaletto 141, Fiorano M. (MO). Il nuovo capannone uso magazzino viene eseguito in un lotto che risulta solo parzialmente comunicante (piccola zona a sud-est) con area esistente della Atlas Concorde (vedi tavola allegata): ciò consente di riorganizzare l ingresso e l uscita dei transiti degli autocarri verso tale esistente stabilimento; infatti verrà realizzata una portineria nella parte nord-est del lotto (su Via Viazza) dalla quale faranno il loro ingresso e la loro uscita gli autocarri che raggiungeranno/lasceranno l azienda (i cui transiti interesseranno solo il confine est di tale nuovo magazzino). A parte tale riorganizzazione, il nuovo capannone ha funzione di solo deposito del prodotto finito (stoccaggio) pertanto, non essendo nemmeno dotato di uffici, non ha alcuna sorgente fissa esterna rumorosa; solo una decina di carrelli elevatori ed una navetta (mezzo autoarticolato) proveniente dall esistente area a sud interesseranno quali sorgenti mobili esterne il magazzino (transiti sui quattro lati del fabbricato). Tali carrelli elevatori si muovono altresì all interno del fabbricato; tuttavia l involucro dell edificio, costituito da tamponamenti con pannelli in cls stratificati per l isolamento termico, portoni e finestre di qualità, copertura con copponi in cls isolati, garantisce che nessuna rumorosità significativa giunga all esterno. La committenza indica i seguenti orari di lavoro: L attività si esaurisce esclusivamente nel periodo diurno. Nel presente documento è stata valutata la situazione acustica ai confini aziendali ed ai ricettori sensibili individuati. In base ai risultati ottenuti dalla previsione si evince: il rispetto dei limiti assoluti di zona per il periodo diurno (attività solo diurna) presso i confini aziendali; Il rispetto del limite differenziale per il periodo diurno al ricettore R1. L attività risulta dunque acusticamente compatibile con i limiti di legge. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 13

15 7 - ALLEGATI All. 1 All. 2 All. 3 All. 4 Ortofoto dell area oggetto di studio con punti di misura e ricettore e stralcio zonizzazione acustica. Grafici misure rappresentative eseguite. Certificati di taratura. Tavola 1: planimetria del capannone con posizione sorgenti e punti di misura. Reggio Emilia, Geom. Gianluca Savigni in qualità di : Tecnico competente in acustica ambientale Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 14

16 ALLEGATO N.1 Ortofoto dell area oggetto di studio con punti di misura e ricettore e stralcio di zonizzazione acustica. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 15

17 Ortofoto dell area CC1 R1 Area nuovo capannone Atlas Concorde Via Viazza 1 tronco CC2 Altra area Atlas Concorde Rx = ricettore sensibile. CCx = punti di misura in continuo

18 Stralcio di zonizzazione acustica Comune di Fiorano M. Comune di Formigine Area indicativa in esame Stralcio di zonizzazione acustica Comune di Formigine Area indicativa in esame Comune di Fiorano M. Legenda: Campitura viola = classe V Campitura rossa = classe IV Campitura arancio = classe III

19 ALLEGATO N.2 Grafici misure rappresentative eseguite. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 16

20 Grafico misura CC1. Grafico misura CC2.

21 ALLEGATO N. 3 Certificazioni strumentazione Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 17

22 Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 18

23 Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 19

24 ALLEGATO N. 4 tavola 1: planimetria del capannone con posizione sorgenti e punti di misura. Atlas Concorde Spa Previsione impatto acustico 20

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La legge quadro sull inquinamento acustico

La legge quadro sull inquinamento acustico La legge quadro sull inquinamento acustico MASSIMO DONZELLINI** - FRANCESCO FERRARI *** - VALERIO MANZONI*** MARIO NOVO* 1. INTRODUZIONE L inquinamento da rumore, dovuto alle varie attività umane, traffico

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI DA COLLOCARE NEL SITO 14 4. IMPATTO

Dettagli

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara Agenzia Regionale per la Tutela dell Ambiente dell Abruzzo TERZA CONFERENZA REGIONALE AMBIENTALE CHIETI, SALA CONFERENZE AEROPORTO D ABRUZZO - 17 MARZO 2005 Inquinamento acustico da traffico stradale urbano.

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE Misurazioni fonometriche del rumore prodotto dal traffico stradale e dai veicoli F.Gerola; L. Mattevi Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente - Provincia autonoma di Trento INTRODUZIONE Il

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Provincia di Cuneo Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Approvato con Deliberazione del C. C. 26/06/2007, n. 53. Sede Legale Piazza Caduti della Libertà 14 12042 BRA (CN) - Telefono

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Relazione Tecnica di Progetto

Relazione Tecnica di Progetto PROVINCIA DI PADOVA REGIONE VENETO COMUNE DI CAMPOSAMPIERO PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ai sensi della Legge n. 447 del 26/10/1995 della L.R. Veneto n. 21 del 10/05/1999 e della D.G.R.V.

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI CAPITOLO 6 ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI Introduzione Per agenti fisici si intendono quei fattori che determinano le immissioni di energia in ambiente, potenzialmente dannose per la salute umana e per

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

COMUNE DI SOAVJ c(wjneoi-s(jì;vel / O 3172 o r. MA') c.. i CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVJ c(wjneoi-s(jì;vel / O 3172 o r. MA') c.. i CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVJ c(wjneoi-s(jì;vel / O 3172 o r. MA') c.. i l.j, h } j i l \.-a! - --.r~ ;.. - ~ r: J, ~c ~. l i A. ~ -~j... ---...,... 1.... ~ l CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE L. 26 Ottobre

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PRESENTAZIONE Le malattie professionali e in particolare le ipoacusie, che costituiscono in Italia ancora una delle

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

INQUINAMENTO DA RUMORE NORMALE TOLLERABILITA' E INQUINAMETO ACUSTICO ACCETTABILE

INQUINAMENTO DA RUMORE NORMALE TOLLERABILITA' E INQUINAMETO ACUSTICO ACCETTABILE 1 INQUINAMENTO DA RUMORE NORMALE TOLLERABILITA' E INQUINAMETO ACUSTICO ACCETTABILE Mario Novo Laboratorio di Acustica Applicata Limbiate - Via 2 Giugno, 13 tel: 02-99054495, fax: 02-99482199, e-mail:novo@acustica.it

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli