Cover Story. Mediterraneo: il fronte sud dell economia. Interviste. Interventi. Paolo Cornetto Ketty Corona Stefano Silvestri Paolo Zegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cover Story. Mediterraneo: il fronte sud dell economia. Interviste. Interventi. Paolo Cornetto Ketty Corona Stefano Silvestri Paolo Zegna"

Transcript

1 Anno VII - 1/2013 Interviste Paolo Cornetto Ketty Corona Stefano Silvestri Paolo Zegna Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento Postale D.L. 353/2003(CONV.INl.27/02/2004 N 46) Art.1,comma 1 DCB Milano Roserio. In caso di mancato recapito inviare al CMP/CPO di Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resi. Interventi Sergio de Nardis - Nomisma Cover Story Mediterraneo: il fronte sud dell economia

2 2 Mediterraneo: il fronte sud dell economia di Domenico Greco Le imprese italiane e i processi d internazionalizzazione nel Mediterraneo, regione dalle svariate risorse, caratterizzata da consumi in espansione e a noi vicina nello spazio e nella cultura Un ponte privilegiato per il Sistema Italia Intervista a Paolo Zegna Confindustria: l attività istituzionale e il supporto alle imprese per cogliere potenzialità di sviluppo che il nostro paese non può permettersi di trascurare Dialogare con la storia per aprire al futuro Intervista a Stefano Silvestri Solo un approccio di Sistema Paese consente di sfruttare appieno le opportunità offerte dalla maggiore apertura alla globalizzazione e da una storica vicinanza culturale Protagonisti sulle vie del mare Intervista a Paolo Cornetto La domanda interna in crescita spinge l evoluzione dal puro sourcing al bilanciamento degli scambi. Per continuare a giocare un ruolo da protagonista l Italia deve migliorare le infrastrutture a supporto del trasporto marittimo GLOB NEWS Anno VII - N. 1 luglio 2013 Reg. Tribunale di Milano n. 493 del 06/09/2007 Direttore responsabile: Antonia Negri-Clementi L innovazione che accorcia le distanze Intervista a Ketty Corona Forme possibili di cooperazione sul fronte della ricerca, per introdurre innovazione tecnologica nei processi produttivi dei paesi vicini Integrare le differenze di Sergio de Nardis Dirigere le esportazioni e gli investimenti produttivi nelle aree in rapido sviluppo, sfruttando gli spazi di differenza che caratterizzano la catena del valore, con il sostegno adeguato della politica e della diplomazia GLOBAL STRATEGY S.r.l. Via Durini, Milano Tel Fax Stampa: Print 2000 Srl Albairate (Milano) COPIA GRATUITA di questo numero sono state stampate 3800 copie

3 3 Editoriale Antonella Negri-Clementi Piero Cannas «Ci sono cattivi esploratori che pensano che non ci siano terre dove approdare solo perché non riescono a vedere altro che mare attorno a sé» (Sir Francis Bacon) Punti di Vista Non sappiamo con certezza quale siano state le cause scatenanti, non indolore è stata senz altro la confisca delle proprietà italiane in Libia operata da Gheddafi nel 1970, pochi mesi dopo il colpo di stato che lo portò al potere. E vero però che tranne rarissime eccezioni - vedi l ENI per ragion di petrolio - l Italia imprenditoriale ha negli ultimi 40 anni completamente voltato le spalle ai paesi della sponda sud del mediterraneo, focalizzando i suoi investimenti esteri e i suoi sforzi commerciali in termini di sistema verso tutt altre latitudini. Il quotidiano bombardamento di notizie sull avanzare e sull acuirsi della crisi economica, finanziaria e occupazionale ci impone la ricerca di spunti prospettici e proposte operative per reagire alla dinamica strutturale che ci colpisce, che ci obbliga di fatto a non ridurre l ambito del nostro pensiero ai confini nazionali, bensì ad aprirci verso nuovi mercati in forte crescita e sviluppo. L involuzione del nostro paese, unita agli attuali scenari macroeconomici, richiede di fatto un cambio di prospettiva, di punti di vista appunto. Certo è che gli avvenimenti degli ultimi anni, e di questi giorni con la crisi egiziana, destano non poche apprensioni nell imprenditore desideroso di investire nella sponda africana del mediterraneo. Ma ormai non esistono più paesi dove sfruttare opportunità mordi e fuggi : in qualunque paese si decida di investire, lo scenario di riferimento è sempre di medio periodo, e in quest ottica andrebbero letti, secondo noi, gli avvenimenti e gli assestamenti geopolitici di questi anni. E comunque necessario ponderare e valutare con estrema cura il rischio, ma qualcosa va fatto. Possiamo continuare a rinunziare a un area di circa 600 milioni di abitanti, 600 milioni di vicini di casa, ai quali manca molto e serve quasi tutto? Mentre tutti gli altri paesi si affacciano, più meno aggressivi, al mercato di sviluppo dei prossimi 30 anni, che fanno le imprese italiane? In quest occasione vogliamo quindi discutere in termini propositivi e su scala internazionale alcune opportunità di sviluppo localizzate nel bacino del Mediterraneo e concretamente attivabili dal nostro Sistema Paese. Questo numero di GLOBNews accoglie i contributi di Paolo Zegna - Presidente del Comitato Tecnico per l internazionalizzazione di Confindustria - di Stefano Silvestri - Presidente dell Istituto Affari Internazionali - e Sergio de Nardis - Chief Economist di Nomisma - che ci offrono riflessioni e stimoli dai loro osservatori privilegiati. E le interviste a Paolo Cornetto - Managing Director di Seago Line (Gruppo Maersk) - che beneficia di una visione globale sui trend di business dell intera area, e Ketty Corona - Presidente di Sardegna Ricerche - che ci illustra possibilità di valorizzazione del nostro patrimonio di competenze anche in chiave di sfruttamento delle potenzialità espresse dal Mezzogiorno. In qualità di esperti e operatori autorevoli, ci hanno aiutato a confortare e affinare il pensiero strategico e la nostra considerazione in merito alle rilevanti opportunità di cui le imprese italiane potrebbero beneficiare sulle altre sponde del Mediterraneo, lasciandoci tutti con una forte convinzione: è tempo di cambiare i punti di vista.

4 4 Mediterraneo: il fronte sud dell economia di Domenico Greco «Quando si pensa all umana compiutezza, all orgoglio e alla fortuna di essere uomini, il nostro sguardo si volge al Mediterraneo» (G. Duby) Domenico Greco Mediterraneo significa in mezzo alle terre : tra l Europa meridionale, l Africa settentrionale, il Medio Oriente e l Asia Minore. E come descrive Benita Ferrero- Waldner, già Commissario per le Relazioni Esterne e la Politica Europea di Vicinato, è luogo di nascita delle tre religioni monoteiste e crogiolo di civiltà, culture, onde di migrazioni e commercio, la storia del Mediterraneo è indistinguibile da quella dell Europa. Il bacino del Mediterraneo è il luogo dove il nord incontra il sud e l est incontra l ovest. In quanto regione di convergenza di tre continenti, è molto di più di un semplice confine dell Unione Europea. Prima di affrontare il significato del Mediterraneo come fronte sud per la nostra economia, è necessaria una premessa sulla visione dell Unione Europea circa i rapporti con i paesi non membri che si affacciano su questo mare. La politica europea di vicinato Nel novembre 1995 i rappresentanti dei paesi dell Unione Europea e quelli di dodici partner mediterranei (Algeria, Cipro, Egitto, Grecia, Israele, Giordania, Libano, Malta, Marocco, Siria, Tunisia e Autorità palestinese) firmano la Dichiarazione di Barcellona, dove sottolineando l importanza strategica del Mediterraneo e volendo conferire alle loro future relazioni una nuova dimensione, basata su una collaborazione e solidarietà globali, consona alla natura privilegiata dei vincoli forgiati dalla vicinanza e dalla storia [ ], convengono di stabilire un partenariato economico e finanziario che, tenendo conto dei diversi gradi di sviluppo, sia volto a: instaurare gradualmente una zona di libero scambio; attuare un opportuna cooperazione economica e un azione concertata nei settori pertinenti; potenziare sostanzialmente l assistenza finanziaria dell Unione Europea ai suoi partner. Si danno un programma di lavoro riguardo a politica, sicurezza, settore sociale, culturale e umano, e naturalmente aspetti economico-finanziari. A questo proposito vengono stabiliti i punti sui quali si concentrerà prioritariamente la cooperazione in tema d industria, agricoltura, trasporti, energia, telecomunicazioni e tecnologia dell informazione, pianificazione regionale, turismo, ambiente, scienza e tecnologia, acqua, pesca. Per dare nuovo impulso al Processo di Barcellona, nel 2004, la Commissione europea introduce la Politica Europea di Vicinato (ENP - European Neighbourhood Policy) e nel 2008, dà avvio all Unione per il Mediterraneo. Con l occasione si stabilisce di realizzare alcuni importanti progetti infrastrutturali nei settori dell energia, della gestione delle acque e dell ambiente, dei trasporti e dello sviluppo urbano sostenibile, insieme con il lancio di iniziative volte allo sviluppo imprenditoriale della regione. Nel 2011 la Politica di vicinato subisce una revisione e giunge a identificare sedici paesi vicini (Algeria, Armenia, Azerbaijan, Belarus, Egitto, Georgia, Giordania, Israele, Libano, Libia, Marocco, Repubblica Moldava, Territories Occupati Palestinesi, Siria, Tunisia e Ukraina) con i quali ribadisce l importanza della partnership: This partnership with our neighbours is mutually beneficial. The EU is the main trading partner for most of its neighbours. Sustainable economic development and job creation in partner countries benefits the EU as well. Likewise,

5 5 Le imprese italiane e i processi d internazionalizzazione nel Mediterraneo, regione dalle svariate risorse, caratterizzata da domanda in espansione e a noi vicina nello spazio e nella cultura managed movement of people is positive for the entire neighbourhood, facilitating the mobility of students, workers and tourists, while discouraging irregular migration and human trafficking. Active engagement between the EU and its neighbours in areas such as education, strengthening and modernising social protection systems and advancing women s rights will do much to support our shared objectives of inclusive growth and job creation. A quasi vent anni di distanza, a marzo di quest anno, il documento European Neighbourhood Policy: Working towards a Stronger Partnership fa il punto sulla situazione, a fronte della crisi economica che da ormai qualche anno colpisce i paesi europei, e delle primavere arabe che hanno scosso di recente i sistemi di governo e politici di molti paesi mediterranei. Il documento non entra nel dettaglio degli aspetti economicofinanziari della cooperazione, e conclude sostenendo che Partners should not lower their ambition and commitment to reform their societies and their political and economic systems. This remains essential to fulfil the aspirations and meet the needs of their populations. A renewed political commitment to actually implementing often difficult reforms is crucial. For its part, the EU needs to continue to live up to its commitments of stronger political association, greater economic integration and support for reforms. titolo Zukunft im Süden - Il futuro è a Sud - dove si sostiene con forza la tesi che l uscita dell Europa dalla crisi possa avvenire attraverso un rilancio in chiave mediterranea. Viene individuata come punto di partenza un unione energetica che accomuni l Europa nord-occidentale, l area mediterranea e l Africa subsahariana; una sorta di Comunità Europea del Carbone e I nuovi stimoli internazionali all integrazione Nel novembre 2012 il dibattito sul Mediterraneo ha ricevuto forte impulso da un saggio di Claus Leggewie dal

6 6 Un ruolo che ben corrisponde alla nostra connotazione storica di paese costituente dell Unione Europea dell Accaio (Ceca) del nostro tempo, in grado di generare processi di integrazione per l intera regione, proprio come la Ceca degli anni cinquanta svolse un ruolo fondamentale nella creazione di un nucleo integrato europeo. Naturalmente il nodo cruciale degli approvvigionamenti energetici non potrebbe essere motore d integrazione in assenza di altre azioni incisive collaterali, a partire dalle politiche dei flussi migratori e quelle del turismo in quanto risorsa economica di assoluto rilievo per l intero bacino. E il processo nella sua globalità, sempre secondo la tesi di Leggewie, richiederebbe comunque una evoluzione costituzionale dell intera Unione Europea verso uno Stato federale di nuova generazione, alleggerito grazie a un federalismo e a un principio di sussidiarietà funzionanti. E innegabile che il versante europeo non possa mai essere trascurato quando si pensa a una politica italiana del Mediterraneo, non solo su un piano filosofico, ma anche per i risvolti concreti: pensiamo ad esempio all importanza di stimolare i processi di omologazione in merito a fiscalità e tariffe doganali, norme di sicurezza e conformità, certificazioni di origine e di qualità, laddove i rapporti bilaterali tra paesi europei ed extraeuropei potrebbero dar luogo a disparità che necessariamente incidono sulla competitività. Una sfida da vincere per il nostro paese Nel corso dei lavori del Milano Med Forum, tenuto nel Marzo di quest anno dalla Camera di Commercio di Milano, i principali operatori economici coinvolti a diverso titolo nell area si sono trovati concordi sulle aspettative di continuita per il 2013 e gli anni a seguire dei tassi di crescita registrati dai paesi delle sponde meridionali e orientali del mediterraneo, che nel 2011 si sono attestati mediamente oltre il 4%, con punte del 7,6% per la Turchia. I paesi del Nord Africa e del Medio Oriente,

7 7 che rappresentano un mercato di più di 600 milioni di potenziali consumatori, rimangono perciò un target strategico per le attività di import-export dell Unione Europea (nel 2011 l interscambio tra le due macroregioni ha subito un aumento del 12%, attestandosi su un valore di oltre 320 miliardi di euro). In particolare, l Italia è uno dei partner commerciali primari per i paesi dell Area Mediterranea, con un interscambio di quasi 60 miliardi di Euro, e ha fatto registrare tra il 2010 ed il 2011 un incremento di quasi l 8%. Inoltre, il fenomeno delle primavere arabe, dando impulso e accelerazione al cambiamento del quadro socio-politico, ha portato in molti paesi a riforme nel segno di un minor controllo dello stato sull economia, creando così un driver di rilievo nella direzione del libero scambio di mercato e dell iniziativa imprenditoriale. L importanza dell area, dunque, è fuori discussione. Ci chiediamo allora qual è la consapevolezza delle aziende italiane in merito a questa opportunità, e quali sono le azioni che il Sistema Italia dovrebbe pianificare e mettere in atto per agevolare la penetrazione in questi mercati e l interscambio con essi. Paolo Zegna (Confindustria), nell intervista che segue questo articolo, afferma che i grandi gruppi industriali italiani sono già presenti in quasi tutti i paesi dell area euromediterranea, e ci dà riscontro dell interesse crescente da parte delle PMI, che incontrano però numerosi ostacoli: barriere tariffarie e non, procedure doganali e tassazione indiretta, norme tecniche, sanitarie e ambientali non ancora uniformi rappresentano, infatti, dei freni non indifferenti alla presenza delle imprese italiane nell area. E ancora sottolinea l importanza, valida per affrontare qualsiasi processo d internazionalizzazione, di piani strategici adeguati e di un check-up delle competenze organizzative e informative. Consapevolezza, interesse e preparazione delle singole aziende sono imprescindibili, In quanto regione di convenienza di tre continenti, è molto di più di un semplice confine dell Unione Europea

8 8 Anzitutto c è da risolvere un problema generale di coordinamento tra le istituzioni ma il Governo, le istituzioni e la politica industriale devono fare la propria parte se vogliamo amplificare il successo competitivo delle nostre imprese, sfruttare appieno il potenziale di crescita, trarne ogni vantaggio possibile sul fronte dell occupazione, ed essere protagonisti di quel processo tracciato a Barcellona per raggiungere maggior benessere, pace e sostenibilità in un area così più vasta rispetto ai confini dell Europa geopolitica di oggi. Un ruolo, quest ultimo, che ben corrisponde alla nostra connotazione storica di paese costituente dell Unione Europea. E anche all immagine sociale degli italiani, da sempre ritenuti più capaci di altri nell instaurare e mantenere buoni rapporti di convivenza in situazioni nuove e non facili. A questo proposito è fondamentale che la politica estera italiana non perda alcuna occasione di tradurre il nostro impegno trascorso, attuale e futuro nel bacino mediterraneo in ritorni sul sistema economico, come osserva Stefano Silvestri (Istituto Affari Internazionali). Le possibili leve di sistema da attivare Le azioni da intraprendere per dare alle imprese italiane un booster adeguato sono davvero molte, e le interviste e i contributi che pubblichiamo questo numero di GLOBNews sono ricchi di spunti. Qui ci limiteremo a sottolinearne alcune. Anzitutto c è da risolvere un problema generale di coordinamento tra le istituzioni: ministeri (almeno quattro quelli particolarmente coinvolti: Economia, Sviluppo, Affari Esteri, Infrastrutture e Trasporti), agenzie governative (in primo luogo SACE e SIMEST) e regionali, camere di commercio, associazioni imprenditoriali di categoria e territoriali, sistema del credito e delle assicurazioni, oltre alle istituzioni europee analoghe. Solo con una regia concreta ed efficiente sarà possibile indicare priorità in termini di focalizzazione di azioni di sviluppo coordinate su specifici paesi, settori merceologici, grandi progetti, eccetera. Più in particolare, qualche osservazione sui settori del credito, delle infrastrutture e della logistica. In merito al credito, le dinamiche di sviluppo dell area target hanno bisogno di essere sostenute da servizi bancari e finanziari caratterizzati da un coerente approccio all area in questione. I paesi del Mediterraneo mostrano ancora nel complesso un modesto grado di sviluppo finanziario sia da un punto di vista istituzionale e normativo sia in termini di volumi intermediati, con qualche eccezione come Israele e Libano. Il processo evolutivo degli intermediari finanziari locali procede in parallelo con una maggiore apertura dell area agli intermediari esteri (Europei e non), offrendo spazi d intervento alle aziende di credito italiane che vogliano accompagnare e supportare l internazionalizzazione delle imprese, sfruttando allo stesso tempo ulteriori opportunità di business disponibili nelle aree target. Ponendosi invece sull altra sponda, devono essere necessariamente tenuti in considerazione gli stock di finanza che potrebbero essere utilizzati a servizio dei processi di rafforzamento patrimoniale delle imprese e degli intermediari europei, anche in compliance con regolamentazioni (Shari a) che potrebbero rivelarsi coerenti con le necessità imposte dall attuale congiuntura. Un altro macrofilone di opportunità risiede nei progetti infrastrutturali, anche da considerare in connessione con il settore della logistica. Terreni operativi abituali per i grandi gruppi italiani, che riservano però ampio spazio anche alle nostre PMI: sia all estero, dove andrebbe meglio considerata la domanda che la realizzazione di grandi opere induce in termini di sviluppo e urbanizzazione delle aree interessate (da soddisfare anche con la costituzione di reti di filiera che rendano i progetti stessi più appetibili per i governi che devono autorizzarli), sia in patria, dove la crescente proiezione verso i mercati del Mediterraneo richiede miglioramenti strutturali e di efficienza (come ad esempio il potenziamento dei raccordi ferroviari a servizio dei principali porti e verso il Nord Europa) che, in questa chiave, potrebbero rappresentare una concreta leva anche per ridare stimolo alla nostra economia (maggiore efficienza all approvvigionamento materie prime, centri di trasformazione localizzati, eccetera). Con un ulteriore slancio

9 9 International Monetary Fund: Middle East and Central Asia prospettico e confidenza nella diplomazia internazionale con riferimento ai processi di pacificazione e stabilizzazione delle relazioni economiche, non può sicuramente essere trascurata la possibile maggior apertura di mercati e paesi (come Iran e Iraq) che in questo momento rientrano ancora a margine delle discussioni ma che per potenziale economico e ruolo nell area potrebbero sicuramente rappresentare un ulteriore up-side in termini di opzioni di sviluppo attivabili nel medio-periodo dalle nostre aziende in chiave di strategia mediterranea. Attivare la coscienza dell opportunità In conclusione ci sembra di poter affermare con certezza che i paesi dell area rappresentano per la nostra economia un opzione di sviluppo concretamente aggredibile, non solo nel medio-lungo periodo e in funzione di un adeguato supporto di diplomazia e istituzioni locali e europee, ma anche nel breve e da aziende tanto di grande quanto di media dimensione. E necessario che queste assumano innanzitutto reale coscienza delle dimensioni geografiche ed economiche delle opportunità disponibili, e si facciano ambasciatrici da subito di quel processo di integrazione che ci vede in prima linea dal punto di vista geografico. Anche il nostro Mezzogiorno può trovare in tale processo una chiave di rilancio e rappresentare un importante opportunità di servizio per le aziende continentali, italiane e non. Condizione necessaria è che tutti gli attori del Sistema Italia, manager e imprenditori in primis, si facciano condurre dallo slancio visionario e - citando un importante banchiere italiano - dalla propensione al rischio che appartiene storicamente al nostro DNA. Le imprese italiane si facciano da subito ambasciatrici di quel processo di integrazione che ci vede in prima linea dal punto di vista geografico

10 10 Un ponte privilegiato per il Sistema Italia Intervista a Paolo Zegna Paolo Zegna, Presidente Comitato tecnico per l internazionalizzazione di Confindustria «Non puoi attraversare il mare semplicemente stando fermo e fissando le onde» (R. Tagore) Affrontiamo la questione mediterranea dal punto di vista dell industria italiana con Paolo Zegna, l imprenditore biellese che dirige il Gruppo omonimo ed è Presidente del Comitato tecnico per l internazionalizzazione di Confindustria. Parliamo di un area che nella sua totalità produce una ricchezza superiore a quella dell India o del Brasile dice Paolo Zegna e che, anche in un periodo di congiuntura economica negativa come quella che stiamo attualmente affrontando, continua ad avere tassi di crescita positivi. Questa regione attira più investimenti diretti esteri dell intero Mercosur e gioca un ruolo fondamentale nella partita energetica in atto sullo scacchiere internazionale. Inoltre, nei porti mediterranei transita un terzo del commercio mondiale. Le potenzialità di sviluppo sono dunque evidenti e il nostro paese non può trascurarle. D. Quali sono le aree geografiche a maggiore attrattività, e quali sono i segmenti industriali che offrono le maggiori opportunità di penetrazione alle aziende italiane? R. Certamente è necessario tener presente che la regione non è omogenea e le opportunità differiscono da paese a paese in modo piuttosto marcato. In Algeria, per esempio, il vertice bilaterale del novembre 2012 ha dato impulso ad accordi intergovernativi che hanno permesso l affidamento diretto per la costruzione di centomila alloggi nelle principali città algerine ad aziende italiane in partnership con società pubbliche locali. Ma al settore costruzioni si affiancano anche interessanti occasioni di business nei comparti delle tecnologie verdi, dell acquacoltura e della trasformazione alimentare. In Israele sono l ICT e l homeland security a farla da padrone, mentre per i paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo citerei l oil & gas, le infrastrutture e i beni di lusso. L Egitto sta cercando di puntare, finalmente, su uno sviluppo sostenibile del settore privato, incentivando la creazione di PMI locali operanti nel manifatturiero, che avranno bisogno di know how e tecnologie in cui noi italiani possiamo esprimere eccellenze riconosciute. In Marocco vi sono interessanti prospettive per settori come l automotive, le rinnovabili e l agroindustria. Non a caso in settembre organizzeremo come Confindustria una missione a Casablanca dedicata proprio a questi comparti. Tra i settori che risultano di maggiore interesse per le nostre imprese rientra, senza dubbio, quello delle infrastrutture, trainato dalla crescita della popolazione, dall urbanizzazione e dall industrializzazione sperimentata in questi anni dai paesi della sponda sud del Mediterraneo. Altro settore chiave è, senza dubbio, quello dell energia: l Italia, grazie alla sua posizione geografica e ai suoi key player già attivi nell area, può proporsi come snodo fondamentale nella distribuzione verso l Europa. Inoltre, buone prospettive vengono anche dal settore delle rinnovabili a cui molti governi dell area guardano con crescente interesse. Per quanto riguarda il settore agro-alimentare, sono ancora poco esplorate le opportunità offerte alle nostre imprese dalla produzione di frutti e legumi tropicali, colture fuori stagione e agricoltura biologica. Nel settore dei beni

11 11 Confindustria: l attività istituzionale e il supporto alle imprese per cogliere potenzialità di sviluppo che il nostro paese non può permettersi di trascurare di consumo, importanti opportunità vengono dalla progressiva affermazione di una classe media con un potere di acquisto crescente. A ciò va aggiunto che una forte percentuale della popolazione dei paesi della sponda sud del Mediterraneo ha meno di 15 anni e una forte propensione all acquisto di prodotti occidentali. Ancora, un economia competitiva passa oggi attraverso lo sviluppo delle tecnologie di informazione e comunicazione. I paesi del Mediterraneo mancano ancora, eccezion fatta per Israele e Turchia, di infrastrutture adeguate in questo settore: il potenziale di sviluppo di questo comparto è dunque estremamente interessante per le nostre imprese. Concludo citando il settore del turismo, destinato a rappresentare sempre più una priorità per i paesi dell area, sia per quanto riguarda la realizzazione di nuove infrastrutture alberghiere e il miglioramento di quelle esistenti, che per l incremento delle rotte delle nostre navi da crociera. alla presenza delle PMI italiane nell area. Certamente una informazione migliore e una struttura articolata giova nell approcciare nuovi mercati. Così come il fare sistema attraverso strumenti semplici ed efficaci come quello delle Reti d Impresa. Inoltre, ancora troppo spesso le imprese che tentano la via dell internazionalizzazione non si dotano di un adeguato piano strategico che supporti tale D. Ci sono particolari requisiti di cui le aziende italiane dovrebbero dotarsi per soddisfare i nuovi segmenti di domanda? R. I grandi gruppi industriali italiani sono presenti in quasi tutti i paesi dell area. Le piccole e medie imprese, invece, hanno una presenza ancora molto limitata per le complessità organizzative finora riscontrate, legate a un ambiente non sempre pronto ad accoglierle. Barriere tariffarie e non, procedure doganali e tassazione indiretta, norme tecniche, sanitarie e ambientali non ancora uniformi rappresentano, infatti, dei freni non indifferenti

12 12 Ènecessario continuare a ribadire a livello istituzionale la centralità di quest area nelle priorità del Paese progetto. Adottare strategie di marketing internazionale oggi è una tappa obbligata per le PMI che vogliono affacciarsi sui mercati esteri. Questo perché aiuta, prima di tutto, a evitare costosi insuccessi e, in seguito, a ottenere un quadro delle possibilità per l azienda sul mercato estero prescelto. D. La prossimità geografica del nostro Mezzogiorno può essere fonte di vantaggio competitivo per l Italia rispetto agli altri paesi europei? E quali potrebbero essere le ricadute favorevoli dal suo sfruttamento anche per il resto del Paese? R. L Italia è geograficamente il tramite principale tra Europa e Mediterraneo, soprattutto per similitudini sociali e culturali. Il Mezzogiorno in particolare, potrebbe costituire il ponte privilegiato, potendo da un lato offrire un supporto logistico d alto livello, dall altro costituire una piattaforma dove sperimentare nuove forme di collaborazione tra i paesi del Mediterraneo. Da sempre le aziende italiane preferiscono i cosiddetti mercati vicini. Non a caso, per esempio, nella sola Tunisia sono oltre 600 le imprese italiane presenti in pianta stabile. E la Regione Sicilia, che dista solo 140 km dalla costa tunisina, vanta relazioni di business strutturate e continuative. Come Sistema Italia, tanto per fare un esempio, possiamo dare un contributo non indifferente alla stabilizzazione sociale dell area, attraverso quello che sappiamo fare meglio: ovvero fare impresa. La creazione di un tessuto imprenditoriale locale, con conseguente aumento dell occupazione in questi paesi, rappresenta infatti un elemento decisivo nel processo di crescita economica e sociale del Mediterraneo, con evidenti ricadute in termini di contenimento dei flussi migratori e garanzie di sicurezza, che ovviamente hanno a loro volta ricadute sull Italia intera, ma anche sull Europa. D. Primavere arabe e problemi di stabilità politica influiscono sulla sicurezza degli investimenti R. L economia dei paesi della sponda Sud del Mediterraneo è stata certamente influenzata dalla recente transizione politica che alcuni di loro hanno affrontato e stanno tutt ora gestendo. L impatto maggiore si è avuto, senza ombra di dubbio sugli IDE, sui settori delle costruzioni e sul turismo. Di conseguenza, le proiezioni di crescita sono scese a cifre inferiori rispetto a quelle degli anni precedenti. Per questo sono importanti le rassicurazioni che provengono dai Governi di questi paesi. Il Sistema Italia è pronto ad affiancarli nel difficile compito di stabilizzazione politica, sociale ed economica dell area ed è importante che questo nostro proposito trovi, sul fronte istituzionale, interlocutori locali pronti ad accogliere questa disponibilità e a indirizzarla correttamente, definendo sin da ora priorità e impegni per il medio periodo. Come Confindustria stiamo lavorando proprio in questa direzione: nei nostri contatti con le controparti locali cerchiamo infatti di identificare singoli progetti di interesse reciproco, circoscritti ad alcune filiere prioritarie per questi paesi, al fine di concentrare gli sforzi delle nostre imprese su attività concrete e di sicuro impatto. D. Qual è l effettiva consapevolezza nel nostro Sistema Paese in merito a tali opportunità? Quali sono gli interventi strategici più urgenti al fine di massimizzare lo sfruttamento di tale leva? R. Innanzitutto è necessario continuare a ribadire a livello istituzionale la centralità di quest area nelle priorità del Paese. Da anni Confindustria porta avanti un vasto programma di iniziative verso quest area, a partire dal Forum Economico del Mediterraneo, realizzato a Palermo nel A quella iniziativa presero parte oltre 600 imprenditori provenienti da 14 paesi del Mediterraneo, per i quali vennero organizzati più di incontri di business. Il successo di pubblico di questo evento è stato addirittura duplicato nella seconda edizione, a Roma nel Abbiamo poi realizzato importan-

13 13 ti missioni imprenditoriali in Marocco, Tunisia, Algeria, Egitto, Israele e nei principali paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo, e numerose attività nell Area MENA sono già previste nel fitto calendario di iniziative del 2013/2014. Queste attività mantengono alta l attenzione verso i mercati dell area e permettono di lavorare sulla continuità delle relazioni con i nostri interlocutori locali: la vera chiave per fornire supporto efficace alle nostre imprese in questi paesi. D. Come interpreta la dichiarazione di Martin Schulz al recente summit di Marsiglia: I governi non fanno abbastanza per fare del Mediterraneo uno spazio di cooperazione? R. Intendeva chiaramente sensibilizzare i membri sulla necessità di aumentare le risorse attualmente messe a disposizione dagli Stati per il partenariato euromediterraneo. L integrazione dell area con l UE è un obiettivo imprescindibile, soprattutto per rilanciare la centralità del Mediterraneo nella definizione degli equilibri geostrategici mondiali sempre più spostati verso l Oceano Pacifico a causa dell allargamento del G8 al G20. Non è però un mistero che il Processo di Barcellona non abbia raggiunto i suoi principali obiettivi, fra cui la creazione entro il 2010 dell area di libero scambio. Il maggior limite che si è frapposto al raggiungimento di tali obiettivi è la dimensione quasi esclusivamente intergovernativa del Partenariato euromediterraneo, con insufficiente coinvolgimento delle istituzioni regionali e locali e, di conseguenza, delle popolazioni interessate. Il risultato è stato quello di prendere decisioni percepite come imposte dall altro e lontane dalle reali esigenze della sponda sud. L Upm rappresenta un tentativo apprezzabile di superare alcuni limiti del Processo di Barcellona, ma la sua reale efficacia dipenderà dalla capacità di evitare che si riproponga il metodo top-down praticato in passato. D. Quanto e come la politica economica italiana ha tenuto conto degli indirizzi comunitari nel passato recente? E quale ruolo potrebbe giocare l Italia in questo scenario? R. L Italia, come Sistema Paese, è sempre stata non solo consapevole della centralità del Mediterraneo, ma anche particolarmente attiva nel ribadire la priorità della Regione. Mi piace ricordare che Confindustria è stata la prima delle Federazioni imprenditoriali europee a entrare in BusinessMed, la confederazione delle associazioni datoriali mediterranee, rimarcando molto prima di Francia e Spagna la nostra vocazione mediterranea. La struttura stessa del nostro sistema produttivo, caratterizzato da un elevato numero di piccole e medie imprese, rappresenta un modello straordinariamente efficace in quest area, perché snello, flessibile e non invasivo per il territorio locale. Attraverso le sue PMI l Italia è infatti in grado di contribuire alla creazione di sistemi imprenditoriali locali tramite scambi di know how e tecnologia. Si tratta di uno schema che consente di beneficiare di vantaggi condivisi: la consolidata tradizione delle nostre imprese all estero è infatti quella di contribuire all occupazione locale e favorire benessere per l intera comunità nel quale sono inserite. Dobbiamo puntare a ricreare il modello già adottato nell Europa dell est, dove l Italia è stata in grado di contribuire, attraverso i suoi imprenditori, all infrastruttura stessa di paesi come la Romania, la Bulgaria e la Serbia. Non si tratta di un percorso semplice, sia chiaro: accompagnare le imprese italiane nel loro processo di internazionalizzazione richiede uno sforzo continuo che noi, come istituzioni, dobbiamo tenere costantemente al centro delle nostre priorità. È infatti necessario convincere in primis le nostre PMI delle loro potenzialità nell area e lavorare perché capiscano di poter essere parte di un processo più ampio di sviluppo di un contesto di business che non può più restare relegato entro i confini nazionali. La struttura del nostro sistema produttivo rappresenta un modello efficace in quest area, perché snello, flessibile e non invasivo per il territorio locale

14 14 Dialogare con la storia per aprire al futuro Intervista a Stefano Silvestri Stefano Silvestri, Presidente Istituto Affari Internazionali «Perché il Mediterraneo è un crocevia antichissimo. Da millenni tutto vi confluisce, complicandone la storia: bestie da soma, vetture, merci, navi, idee, religioni, modi di vivere» (F. Braudel) Stefano Silvestri, un passato ricco di docenze e incarichi governativi, editorialista de Il Sole 24 Ore e collaboratore di numerosi quotidiani nazionali sui temi di politica estera e di difesa, è Presidente dell Istituto Affari Internazionali dal Questo è senz altro un argomento molto complicato e ingiustamente trascurato che invece con la crisi economica avremmo dovuto potenziare esordisce il professore, C è stato un abbozzo di politica europea ma non molto efficace: l iniziativa che aveva preso Sarkozy per la creazione dell Unione per il Mediterraneo è fallita ancor prima di cominciare, perché si dovevano elaborare dei piani ma non si capiva chi avrebbe dovuto finanziarli. Poi, con la Politica di Vicinato sono stati stanziati capitali, ma gestiti, secondo me, in modo troppo tradizionale : più nella linea dei vecchi rapporti bilaterali che dei nuovi rapporti multilaterali europei. Più di recente, fenomeni quali la crisi economica e le primavere arabe hanno ovviamente reso la situazione ancora più complicata e ritardato il processo. Ora si tratta di vedere se riusciamo a pensare Mediterraneo e Medio Oriente in maniera globale rispetto agli investimenti necessari, e c è bisogno di chiarezza da parte dell Unione Europea: si considera responsabile della sicurezza a lungo o almeno a medio termine in queste aree? D. Questa responsabilità potrebbe esprimersi attraverso la promozione dello sviluppo economico come forza di stabilizzazione? R. Certamente, ma dal punto di vista dell Italia c è un doppio problema. Da un lato, malgrado la crisi economica, noi non possiamo chiudere all immigrazione, ma dob- biamo cercare di gestirla perché è evidente che è una risorsa, e oltretutto continuiamo ad avere una domanda di immigrati e non solo per lavori poco qualificati, ad esempio nella sanità. Poi la difficoltà dovuta al fatto che in questi paesi ormai la domanda rilevante è quella di investimenti produttivi, e ciò in certi settori può provocare tensioni concorrenziali. D. E possibile individuare mercati dell area Medio Oriente-Nord Africa più attrattivi per l Italia? R. Paesi particolarmente importanti per noi sono quelli del Maghreb: Marocco, Tunisia e, solo in parte, Algeria perché lì il modello di governance economica è ancora molto vicino al socialismo reale. Il Marocco, dove abbiamo già investito molto, ci vede ormai in concorrenza con altri investitori: oggi il Brasile domina, facendo leva sui lavori svolti per il porto di Tangeri e sulla metà atlantica dell anima del paese. L esistenza di rapporti privilegiati di questo tipo (come avviene, ad esempio, anche per la presenza della Cina in Grecia o in Libia) deve farci riflettere sulla maggiore apertura alla globalizzazione di alcuni paesi del Mediterraneo, e non trascurare l opportunità. Perché noi manteniamo alcuni vantaggi marginali sui quali possiamo fare leva. In parte la vicinanza geografica, in parte la nostra veste europea con la differenza peculiare di non essere un ex potenza coloniale. Dobbiamo quindi cercare di avere degli approcci non isolati, cosa che avviene invece oggi: si mandano le singole imprese allo sbaraglio, in assenza totale di pianificazione. Ci sono azioni di qualche Camera di Commercio, ma non veri e propri piani d investimento stesi sulla base

15 15 Solo un approccio di Sistema Paese consente di sfruttare appieno le opportunità offerte dalla maggiore apertura alla globalizzazione e da una storica vicinanza culturale di consultazione con i paesi interessati. Non basta mandare aziende a vendere: sarebbe molto più importante promuovere la presenza di imprese che intendano impegnarsi sul territorio. Organizzare, ad esempio, reti d imprese dove accanto a chi si occupa d infrastrutture ci fossero anche aziende di distribuzione o d informatica. Oltre al Maghreb vedo sicuramente interessante l Egitto, mentre in Libia il processo di stabilizzazione appare ancora troppo problematico. Anche in Egitto rimangono tensioni tra i militari - i Fratelli Musulmani e quel 25% di popolazione che ha animato il cambiamento ma oggi non ha rappresentanza politica - ma sicuramente è un interlocutore con il quale abbiamo una lunga storia di buoni rapporti. è l elemento cruciale, poi gli approvvigionamenti di petrolio e gas con quello che ne consegue. Adesso, però, con l estrazione dagli scisti bituminosi, gli equilibri cambieranno completamente: la minaccia iraniana per gli USA non sussiste più. Sempre a proposito di precedenti storici, un altro paese per certi versi interessante è lo Yemen, dove abbiamo una storia di presenza anche militare, sulla quale però non abbiamo mai in- D. Quanto contano i precedenti storici? R. Il dialogo è fondamentale, ma in alcuni casi è davvero difficile. Prendiamo l esempio dell Iran. Sono stati proposti molti compromessi che l Iran avrebbe potuto tranquillamente accettare, ma non l ha fatto per problemi di politica interna: l esistenza di due blocchi - il partito di Ahmadinejad e i religiosi - fa sì che ognuno tema d indebolirsi politicamente agli occhi dell altro, così si crea immobilità. Negli ultimi dieci-quindici anni, l Italia, anche con l accordo degli USA, ha cercato un dialogo che è stato interrotto più volte, sempre da parte degli interlocutori iraniani. Rimane l interesse fortissimo - per l Italia, l Europa e gli Stati Uniti a un apertura che potrebbe avere ricadute positive rispetto a molte altre aree, permettendoci di non essere più così dipendenti dalla buona volontà dei Sauditi e degli Emirati che, di fondo, hanno priorità diverse dalle nostre. Il nucleare

16 16 vestito. Questo è sicuramente un problema italiano: le nostre missioni militari rimangono asettiche, non sono mai occasione per assicurarci qualche vantaggio economico o commerciale. E esemplare il caso dell Albania, dove un anno dopo la conclusione della nostra missione Alba il paese era pieno d investitori tedeschi. Perché il loro governo li ha indirizzati, le assicurazioni li hanno coperti, le ambasciate hanno operato opportunamente insomma: i tedeschi hanno fatto sistema! Noi in Italia abbiamo gli stessi strumenti, ma rimangono teorici se mancano indirizzo e coordinamento governativi. Allora, ad esempio, la SACE concederà coperture assicurative a propria discrezione, com è ovvio che sia se nessuno le indica delle priorità: deciderà in base a valutazioni puramente economiche o semplicemente secondo l ordine di arrivo. D. In fatto di settori produttivi, individua opportunità più interessanti di altre? R. L Italia è abbastanza concorrenziale in quasi tutti i settori. Quelli tradizionali sono stati le costruzioni, l energia e i trasporti. Secondo me potrebbero essere interessanti anche quelli più specializzati e più avanzati tecnologicamente, ma oggi la nostra competitività sembra un po ridotta, e ciò è dovuto anche a quell assenza di coordinamento del sistema di cui parlavo. Per questo stesso motivo siamo meno concorrenziali di quanto potremmo essere, anche in settori come l agroalimentare e la distribuzione. Il nodo fondamentale, ripeto, è l approccio di sistema. E dovrebbe essere accompagnato anche da una politica dell istruzione che rispondesse adeguatamente alla variabilità del quadro economico: da una parte per soddisfare la domanda di formazioni specifiche, dall altra con funzione di orientamento. Inoltre, le nostre scuole dovrebbero sia ritornare competitive per attrarre studenti stranieri, sia diffondersi all estero dove ne stiamo chiudendo molte invece di aprirne di nuove: la domanda di imparare l italiano sta crescendo, e mancano gli italiani che lo insegnino! D. Parliamo di logistica: quanto siamo attrezzati per poter sfruttare questo auspicato aumento di scambi con l area del Mediterraneo? R. Ci sono svariati problemi, alcuni anche di tipo legislativo. Un esempio è il progetto TAP (Trans Adriatic Pipeline, il gasdotto che collegherà l Azerbaijan alla Puglia): abbiamo rischiato di perdere l opportunità di essere un hub energetico perché nessuno riusciva a dare l autorizzazione finale per far partire il gasdotto! Finalmente la decisione è stata presa. Ora bisogna preoccuparsi di sfruttarla al meglio, però. Così come andrebbe messo a punto il sistema d interconnessione dei gasdotti per garantire la direzione dei pompaggi - da nord, sud o est - adeguata all entità della domanda e alla disponibilità dell offerta. Pensiamo poi ai porti, dove il vero problema è rappresentato dalla mancanza di collegamenti adeguati con il sistema dei trasporti su terra. Abbiamo gestito male la rivoluzione dei container e quindi non riusciamo a sfruttare appieno il potenziale dato da una così vasta estensione delle nostre coste. D. Lei ci sta dicendo che l opportunità mediterranea c è ancora, ma che molto si dovrebbe migliorare per poterla cogliere. Da dove partire? Ci sono istanze che andrebbero particolarmente caldeggiate dai nostri politici? R. Il punto di partenza è l individuazione delle priorità. Questo non riguarda solo l Italia ma anche l Unione Europea, quindi

17 17 si aggiungono problemi di coordinamento: ad esempio, sempre in materia di energia, non è sostenibile una differenza di prezzo tra paesi europei che raggiunge il 30-40% ed è dovuta alle diverse politiche fiscali. L idea della Banca Mediterranea andrebbe rilanciata chiedendo un forte coinvolgimento della Banca Europea degli Investimenti. Altro tema su cui insistere è l omologazione degli aspetti legislativi per tutto ciò che riguarda i transiti e le vie di comunicazione, particolarmente in Italia: oggi c è un frazionamento eccessivo tra poteri nazionali e regionali, sarebbe invece importante arrivare a una sorta di sportello unico per le autorizzazioni. Lo stesso vale in materia d internazionalizzazione: se n è tanto parlato, ma alla fine ogni regione affronta il tema a modo suo. Alle regioni, insomma, va dato un indirizzo più forte, più cogente e più chiaro in fatto di priorità. D. Prima lei ha accennato al vantaggio competitivo per l Italia dovuto alla prossimità geografica del nostro Mezzogiorno R. Le premesse economiche, come abbiamo discusso ampiamente, andrebbero migliorate, ma le premesse culturali ci sono: gli italiani del Sud sono percepiti come i meno diversi tra gli europei. E il nostro Mezzogiorno potrebbe avere un ruolo molto importante se sfruttasse al meglio anche le proprie competenze agricole di tipo mediterraneo: l agricoltura potrebbe diventare un vero settore trainante valorizzando una serie di produzioni tipiche del nostro Sud e comuni a gran parte dell area mediterranea e mediorientale. Si tratterebbe di sistematizzare e approfondire competenze naturali - che è un po quello che hanno fatto con successo gli Israeliani. E capire che non ha senso, ad esempio, cercare di bloccare i tentativi dei tunisini di esportare olio, quando si potrebbe investire lì, portare lì il nostro know how di produttori, arricchendoci entrambi. D. Ci sono paesi europei che possiamo considerare esempi eccellenti nello sviluppo dell economia intra-mediterranea? R. Le difficoltà le hanno avute un po tutti, e tutti hanno fatto errori. Forse gli spagnoli, i francesi e in parte i portoghesi hanno fatto più sforzi di noi in direzione di quest area, ma sono anche stati ostacolati più di noi dalla memoria storica. I tedeschi, come dicevo, sono stati decisamente abili: hanno fatto sistema e oggi sono il primo partner commerciale per la maggior parte dei paesi del Mediterraneo. D. Riprendendo il tema finanziario, come vede il possibile ruolo della finanza islamica? R. Il nostro sistema bancario e finanziario se ne sta occupando con interesse crescente, e inizia a diffondersi anche la comprensione dei suoi meccanismi. Non vedo problemi teorici, anzi semmai l opportunità di far valere la nostra esperienza consolidata di stretti rapporti con il sistema bancario turco. Spesso però i paesi arabi valutano ancora i grandi progetti con criteri politici più che economici, e favoriscono determinati investimenti guardando soprattutto alla nazionalità dell investitore e alle garanzie che può offrire in cambio. In linea di massima, comunque, si tratta di individuare progetti credibili, e mettere attorno a un tavolo co-investitori stranieri per avviare un project financing. Certamente così potremmo attrarre capitali dal Golfo, dal Qatar, dal Kuwait, dall Arabia Saudita, ma la chiave rimane il progetto. Alle regioni va dato un indirizzo più forte, più cogente e più chiaro in fatto di priorità

18 18 Protagonisti sulle vie del mare Intervista a Paolo Cornetto Paolo Cornetto, Managing Director Seago Line Italy Cluster «Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole» (G. Verga) Parlare di Mediterraneo è parlare di trasporto marittimo come infrastruttura chiave. Abbiamo incontrato Paolo Cornetto, Managing Director di Seago Line Italy Cluster, parte del gruppo A.P. Moller/Maersk. Abbiamo cominciato la nostra attività esattamente due anni fa racconta Cornetto quando Maersk Line, leader mondiale del trasporto marittimo containerizzato, ha voluto assicurare il necessario focus sul mercato euromediterraneo. Una parte di organizzazione e più di settanta navi della flotta si sono staccati e resi autonomi nel mercato intraeuropeo, mentre Maersk Line ha continuato a offrire servizi su mercati cosiddetti deep-sea, extraeuropei. D. Quali punti sono i punti di forza che vi differenziano dalla concorrenza? R. Le sinergie con la sorella maggiore, Maersk Line, sicuramente ci creano un vantaggio competitivo in termini di know-how, soluzioni IT, asset ed economie di scala. Ma al di là di questo, ci stiamo giocando la nostra partita soprattutto sulla qualità del servizio che vogliamo fornire ai nostri clienti. Comunicazione, visibilità, proattività, attenzione alle esigenze del cliente e conoscenza e comprensione del trade, questi credo siano valori aggiunti importanti che vogliamo offrire alla clientela che ci utilizza. Io lavoro nel settore dei trasporti intramediterranei da circa 25 anni. D. In questi venticinque anni ha potuto seguire lo sviluppo degli scambi, dei trasporti e dell economia stessa nel bacino del Mediterraneo: una regione ricca di materie prime e connotata da domanda di consumi in espansione, che da tempo viene indicata addirittura come unica possibilità di sviluppo per l economia europea in crisi. Qual è la sua opinione in merito? R. Forse non sarà l unica opportunità per l Europa, ma certamente il Mediterraneo rappresenta quella più alla nostra portata data la vicinanza geografica e culturale. L Italia in particolare è sempre stata molto attiva nel Mediterraneo, sviluppando relazioni forti e ritagliandosi spazi privilegiati con quasi tutti i paesi che vi si affacciano. I nostri scambi con la Turchia, l Egitto, ma anche il Marocco, l Algeria, Israele e la Libia hanno avuto un trend di costante crescita, come in crescita sono innegabilmente i consumi in tutta l area. Da puro sourcing, questo mercato sta definitivamente evolvendo verso un maggiore bilanciamento degli scambi, destinati a crescere ulteriormente quando i molti cambiamenti avvenuti in Nord Africa saranno definitivamente assorbiti. D. Quanto l attrattività è più rilevante per il mercato dei trasporti? In particolare per quali segmenti? R. All interno del Mediterraneo si trasporta di tutto: macchinari, elettrodomestici, manufatti, materie prime, prodotti alimentari, eccetera. Mi incuriosisce anche capire cosa comporterà il fenomeno in atto del back-shoring, cioè produzioni ora remote che si spostano nuovamente a ridosso dei mercati di consumo: magari ci saranno ulteriori opportunità in futuro Per quanto riguarda l offerta di trasporti, oggi è ampia e variegata. Non

19 19 La domanda interna in crescita spinge l evoluzione dal puro sourcing al bilanciamento degli scambi. Per continuare a giocare un ruolo da protagonista, l Italia deve migliorare le infrastrutture a supporto del trasporto marittimo è un mercato semplice, bensì altamente competitivo, dove varie tipologie di navi porta-container e traghetti si confrontano quotidianamente, riuscendo solo parzialmente a ridurre le grandi quote di mercato che ancora si muovono, dove possibile, via strada. D. Quali sono i fattori critici di successo per soddisfare la domanda di trasporti da e verso questi paesi? R. Regolarità e frequenza dei servizi, flessibilità e puntualità nella gestione del processo di spedizione. Le distanze sono brevi e il just-in-time sempre più necessario alle aziende per tenere scorte (e costi) sotto controllo. Chi opera in questo mercato deve essere in grado di erogare un servizio di alta qualità, pronto a investire. D. Quali sono i servizi più importanti richiesti a un operatore di trasporti nell area euromediterranea, in particolare da parte dai clienti italiani? R. Un trasporto porto/porto competitivo in termini di costi bassi e rapidi tempi di transito ed esaustive informazioni

20 20 Maersk-Seago Line, presenza nel mondo durante la sua esecuzione. Ma anche la capacità, se richiesto, di estendere il trasporto dal porto al punto di carico/scarico e viceversa. D. Quanto è importante la presenza diretta nei mercati in questione? R. Beh, fondamentale. Abbiamo uno o più uffici in ogni paese d Europa, del Mediterraneo e del Mar Nero. Più di seicento colleghi selezionati nel dall interno del Gruppo così come dal mercato - con i quali ci coordiniamo quotidianamente, con l obiettivo di garantire competenza, continuità e controllo dei trasporti da origine a destinazione. D. Qual è la situazione dei porti vista da un operatore internazionale come Seago Line proiettato verso il Mediterraneo? R. Molti porti all interno del bacino Mediterraneo soffrono di grande congestionamento. Sarebbe auspicabile una maggiore efficienza portuale, soprattutto sulla sponda Sud, per amplificare il vantaggio della vicinanza geografica. Per quanto riguarda l Italia, i nostri Porti funzionano mediamente bene; bisognerebbe soltanto stabilirne un ordine di importanza per meglio concentrare le risorse disponibili al loro sviluppo. D. E il sistema delle infrastrutture e dei trasporti in generale? R. Purtroppo il trasporto ferroviario merci è in grave ritardo. Le nostre autostrade sono mediamente ipercongestionate, se non addirittura al collasso in talune località, quali Genova, primo porto d Italia... Al di là della logistica distributiva, l autotrasporto resta la principale modalità di collegamento tra zone di produzione-stoccaggio e porti. A mio avviso la ferrovia dovrebbe poter giocare un ruolo da protagonista in funzione dei nostri trasporti internazionali, sia per sostenere la competitività del nostro sistema produttivo e logistico abbassandone i costi, sia per contribuire a una maggiore sicurezza sulle strade e alla riduzione delle emissioni di CO2 nell ambiente. Se lo Stato non si può permettere di supportare questa funzione pubblica, che avvenga allora una reale privatizzazione e vediamo cosa succede... Mi preme anche fare un commento sulle Autostrade del Mare, che hanno richiamato tanta attenzione mediatica e politica. Lodevoli iniziative, certo, ma la combinazione container/treno può evitare che l automezzo arrivi sino al porto, e la quantità di metri cubi/tonnellate di carico che una nave porta-container è in grado di trasportare, a parità di inquinamento e di consumi, è enormemente maggiore rispetto a un traghetto. D. La prossimità geografica del nostro Mezzogiorno può essere fonte di vantaggio competitivo per le aziende italiane rispetto a quelle di altri paesi europei che guardano con lo stesso interesse al Bacino del Mediterraneo? R. Sicuramente, anche se non mi limiterei al Mezzogiorno: è tutta l Italia che ha tratto e deve continuare a trarre vantaggio da questa prossimità. Questo è un mercato di crescente interesse dove anche le attenzioni di altri paesi europei, e non solo, si stanno rivolgendo con grande determinazione. L Italia non deve e non può perdere terreno. Le nostre aziende, con grande fatica, tengono ancora il passo: è importante che la politica sia presente fornendo un forte sostegno. Le imprese italiane sono in grado di offrire grande qualità e competitività e, in aggiunta, c è una grandissima sintonia tra

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO 17 novembre 2011 DIVENTIAMO CITTADINI EUROPEI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI XV EDIZIONE TORINO Silvia Colombo Istituto Affari Internazionali (IAI) -

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI La Cabina di Regia per l internazionalizzazione, nella sua prima riunione svoltasi il 18 luglio 2012 al Ministero

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini Milano, 8 luglio 2009 L Area MeG 30 Parallelo SIMEST - BNL Gruppo BNP Paribas - ASSAFRICA & MEDITERRANEO

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg

Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Assessorato al Mediterraneo Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg Tirana, 15-16 maggio 2006 Hotel Mondial 1 Obiettivo generale della Puglia Promozione dell

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI BUSINESS FOCUS MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI Corso Executive formula week end: Milano, 2 ottobre 28 novembre 2015 INTRODUZIONE Negli ultimi anni i Paesi del Mediterraneo

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Botta: i Balcani sono un mercato su cui scommettere

Botta: i Balcani sono un mercato su cui scommettere Albania, Bosnia Herzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Romania, Serbia e Montenegro costituiscono un area economica di 55 milioni di persone. Su cui spiega in questa intervista l economista Franco

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE BUSINESS FOCUS MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE Vincere le sfide dei mercati emergenti Formula week end: Milano. 19 settembre - 13 dicembre 2014 introduzione Negli ultimi anni i Paesi del Mediterraneo e del

Dettagli

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare TITOLO L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare LUOGO E DATA 25 giugno 2013 Charlemagne Building Rue de la Loi, 1049 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Europea RELAZIONE

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo 1. La necessità di una azione di rete per l internazionalizzazione. Solo

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 3 agosto 2007 - Deliberazione N. 1449 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero Gloria Targetti Dipartimento Promozione e Marketing Varese, 8 maggio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia 1. Il Tavolo-Tunisia della cooperazione decentrata, coordinato dal MAE-DGCS/Ufficio della cooperazione decentrata, si è costituito presso il MAE il 7 aprile 2009

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA 2008-2010 Linee Direttrici per gli Interventi della SIMEST SpA 2008-2010 1 Indice Prefazione 3 SCENARI E TENDENZE: INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI ED ECONOMIA

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FORMAZIONE.Upgrading DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Come elaborare un strategia e pianificare un progetto per crescere nei mercati internazionali PERCHE La globalizzazione

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere rapporti di scambio Giovani Costruttori a Vienna commerciale Dopo la proficua esperienza dello scorso anno

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE Milano, 18/11/2014 ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE nasce da un gruppo di manager e imprenditori convinti che la crescita dell impresa crea profitto e valore e quindi benessere sociale. Uno spirito

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

Costruire le basi per lo sviluppo economico

Costruire le basi per lo sviluppo economico Costruire le basi per lo sviluppo economico Aisvec é un'organizzazione indipendente che promuove lo sviluppo economico delle imprese. L'Associazione ha strette relazioni con Istituzioni ed Associazioni

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Antonio Ventresca a.ventresca@ice.it ICE - Agenzia per la promozione

Dettagli

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3 VENDERE ALL ESTERO 8 Vendere all estero... 125 8.1 Le differenze tra i mercati: un opportunità da cogliere... 128 8.2 Da esportatore per caso a international e-commerce manager!... 131 8.3 E per chi preferisce

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 2007-2013 2014-2020 IPA - strumento di assistenza preadesione IPA - strumento di assistenza preadesione ENPI -Strumento europeo di vicinato e partenariato

Dettagli

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero I FONDI DI VENTURE CAPITAL di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero Per le imprese che intendono internazionalizzarsi, oltre ai due tradizionali interventi previsti dalla legge 100/90, operanti attraverso

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Aprile 2015 Premessa I diritti di proprietà intellettuale (DPI) contribuiscono a garantire che gli innovatori e i creatori ottengano una

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

La politica europea dei trasporti e le Dogane

La politica europea dei trasporti e le Dogane Interventi Aprile 2010 Marco De Andreis La politica europea dei trasporti e le Dogane Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 La politica europea dei trasporti e le Dogane di Marco

Dettagli

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Marco Saladini Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Impatto sull'economia italiana del commercio estero e degli investimenti diretti esteri Roma,

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. @TEHAmbrosetti #southafricasummit

COMUNICATO STAMPA. @TEHAmbrosetti #southafricasummit COMUNICATO STAMPA @TEHAmbrosetti #southafricasummit L area dell Africa Sub-sahariana comprende Paesi con il più alto tasso di crescita dell economia: nell ultimo decennio il suo Prodotto Interno Lordo

Dettagli

Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane

Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane In una situazione di grande crescita economica per l Africa, l influenza delle ex-potenze coloniali europee sta progressivamente cedendo

Dettagli

è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da

è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da BECOMING INTERNATIONAL è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da CUOA Esploratorio Studio Legale Tonucci&Partners Bonucchi e associati srl Research Draft 1, febbraio 2013

Dettagli

Gas e infrastrutture: scenari e prospettive

Gas e infrastrutture: scenari e prospettive Gas e infrastrutture: scenari e prospettive Alessandro Blasi Valeria Boi Francisco Goncalves Matteo Magaldi Francesca Zucchini Abstract : Fino ad ora il fabbisogno energetico mondiale è stato soddisfatto

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia Newsletter della rete EEN Centro Italia N 1 - Anno 2014 Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu http://een.ec.europa.eu Questo è il primo

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo

Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo VII FORUM GIOVANI IMPRENDITORI FEDERALIMENTARE Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo Savelletri di Fasano 17-18 settembre 2010 Signore e Signori,

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo

Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo Convegno ABI-CeSPI Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo Roma, 3 giugno 2004 Sebastiano Ceschi, CeSPI Il settore bancario italiano di fronte alla popolazione migrante Nell ambito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

temi economici Agricoltura Agroalimentare Ambiente Ambiente e Energia Area Med Artigianato

temi economici Agricoltura Agroalimentare Ambiente Ambiente e Energia Area Med Artigianato temi economici Candidato del Pdl alla presidenza della Regione Campania, sostenuto da Pdl, Mpa, Udeur, La Destra, Noi Sud, Nuovo Psi, Repubblicani, Italiani nel Mondo, Alleanza di Popolo (Noi Consumatori,

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo OpenMed Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo Indice Chi siamo... 4 Le fasi del progetto... 5 Attività completate... 5 1. Analisi degli strumenti informativi esistenti...5 2. Definizione di criteri

Dettagli