Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate:"

Transcript

1 Area di studio Destra Sele L area di studio ricade nella provincia di Salerno. E una pianura irrigua di ha caratterizzata da una notevole diversità di sistemi geomorfologici e suoli. Il sistema colturale è molto dinamico ed in continua evoluzione. Comprende i) orticoltura intensiva di pieno campo (pomodoro, finocchio, cavolfiore, etc.); ii) colture legate alla zootecnia (mais e medica); iii) frutticoltura irrigua; iv) produzione ortofrutticoltura sotto serra (rucola, lattuga, spinacio, etc.). Il servizio irriguo è fornito dal Consorzio di Bonifica in Destra del fiume Sele. Dalle cartografie disponibili (2009) la copertura/uso del suolo risulta così ripartita: seminativi 52% della superficie (le colture protette, orticole e frutticole sono il 14%), colture arboree 25%, prati permanenti e mosaici di colture annuali associate a permanenti 5%. Le superfici artificiali sono il 15%; le aree naturali (boschi, etc.) sono il 2,8%; il resto è costituito da spiagge e corpi idrici. L area è pianeggiante, con pendenze medie dell 1%. Le analisi economiche si sono concentrate in quelle aree in cui il Consorzio garantisce il servizio irriguo. Tali superfici sono pari a ettari in termini di superficie attrezzata e a circa ettari in termini di superficie irrigata. Situazione climatica Inverno Primavera Estate Autunno Trend Tmin Oss Tendenza decennale lineare della Temperatura Minima Stagionale [ C] (AO30km ) Trend Tmax Oss Tendenza decennale lineare della Temperatura Massima Stagionale [ C] (AO30km ) Trend Prec Oss Inverno Primavera Estate Autunno Tmin A1B Diff Tendenza % decennale lineare della Precipitazione Cumulata Stagionale [%] (AO30km ) Differenza stimata della Temperatura Minima Stagionale per lo scenario A1B [ C] ( Riferimento Temporale: <-> ) Tmax A1B Diff Differenza stimata della Temperatura Massima Stagionale per lo scenario A1B [ C] ( Riferimento Temporale: <-> ) Prec A1B Diff Differenza % della Precipitazione Cumulata Stagionale per lo scenario A1B [%] ( Riferimento Temporale: <-> ) + trend positivo non statisticamente significativo; - trend negativo non statisticamente significativo; / nessun trend Linee di ricerca Agroscenari interessate: ATTIVITA SCENARI CLIMATICI: 1a - Acquisizione, calibrazione e downscaling di scenari climatici futuri a livello locale, resp. scient. Massimiliano Pasqui, CNR-IBIMET, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biometeorologia ATTIVITA'LAVORAZIONI E CLIMA: 1b.1 - Previsioni agrometeorologiche finalizzate alla meccanizzazione 1

2 agricola in relazione all adattamento ai cambiamenti climatici, resp. scient. Stanislao Esposito, CRA-CMA, Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura - Unità di ricerca per la climatologia e la meteorologia applicate all agricoltura ATTIVITA ADATTABILITA DELLE COLTURE: 3 - Scenari di sistemi alternativi di produzione con enfasi sulle colture e varietà tipiche, resp. scient. Francesca De Lorenzi, CNR-ISAFoM, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto Per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo ATTIVITA VALUTAZIONE TERRITORIALE: 6a Processi di degrado delle terre e cambiamento climatico Applicazione e verifica di modelli di valutazione territoriale della desertificazione in Italia, resp. scient. Luigi Perini, CRA-CMA ATTIVITA VALUTAZIONE ECONOMICA: 9a Strategie economiche di adattamento degli agricoltori ai CC e possibili strumenti di politica agricola a sostegno di tali strategie, resp. Scient. Gabriele Dono, Università degli Studi della Tuscia, Dipartimento di scienze e tecnologie per l Agricoltura, le Foreste, la Natura e l Energia" (DAFNE) Approcci adottati: Valutazione territoriale L analisi delle dinamiche spazio-temporali dei processi di degrado delle terre è stata effettuata a livello regionale per tutta la Campania con unapprofondimento per l area il Destra Sele. L orizzonte temporale considerato è quello dal 1960 fino ai giorni nostri, oltre che nella prospettiva di scenari futuri. Sono stati analizzati i cambiamenti di copertura e di uso del suolo sulla base di dati disponibili (cartografia tematica, dati demografici, sociali ed economici, andamenti meteo-climatici) o generati nel corso della ricerca (classificazione di immagini satellitari) e utilizzando modelli dedicati. Alle diverse traiettorie di cambiamento sono stati associati i relativi processi ( sindromi ) di degrado. Gli esempi più significativi sono a) l artificializzazione, che determina consumo ( land take ) e sigillamento ( soil sealing ) dei suoli con relativa sottrazione di terreno agricolo e alterazione del ciclo idrogeologico; b) l espansione delle aree agricole che, quando associata alla intensificazione delle pratiche colturali, può causare processi di degrado (compattamento, riduzione della sostanza organica, erosione). Nel caso delle colture protette si determina una ulteriore forma di sigillamento anche in funzione delle tipologie di copertura (serre fisse e mobili, tunnel); c) l espansione delle aree naturali e semi-naturali (rimboschimenti o ricolonizzazione a seguito di abbandono delle aree coltivate), che è anch essa motivo di sottrazione (seppure reversibile) di suolo agricolo, oltre che possibile causa di erosione del suolo e di riduzione della biodiversità. Nell area del Destra Sele il soil sealing è stato oggetto di approfondimento. Sono state messe a punto metodologie basate sull analisi di dati satellitari volte a misurare in modo accurato il sealing imputabile sia all urbanizzazione che alle colture protette. I processi di degrado identificati sono stati valutati in termini di servizi ecosistemici e di indici sintetici di vulnerabilità ambientale. Per quanto riguarda gli scenari futuri ( ) sono stati considerati: i) un reference case scenario (RCS), o business as usual, che ipotizza cambiamenti nell uso del suolo (es. per artificializzazione, espansione delle aree agricole o, al contrario, loro abbandono) analoghi a quelli del passato più recente e proiezioni climatiche secondo lo scenario di riferimento A1B; ii) un best case scenario (BCS) con adozione di best practices di gestione sostenibile dei sistemi agricoli e di misure a livello territoriale (es. contenimento del consumo del suolo agricolo e del sigillamento, il contrasto all abbandono) e lo scenario climatico di riferimento, ed infine iii) un worst case scenario (WCS), costruito come il BCS ma basato su proiezioni climatiche che prevedono cambiamenti più drastici. Adattabilità delle colture La vulnerabilità degli attuali sistemi di produzione, senza alterare gli ordinamenti colturali esistenti, può essere sensibilmente ridotta identificando, per ogni coltura, cultivars adattabili alle condizioni climatiche attese, sfruttando la variabilità intra-specifica esistente. E stato messo a punto un approccio innovativo, utilizzato in tutte le aree di studio, che consiste di tre fasi: 1) determinazione degli indicatori delle condizioni termiche e idrologiche attese, in seguito all evoluzione del clima, nell area di studio e per il sistema produttivo (colture) di cui essa è rappresentativa. 2

3 2) identificazione, per ogni coltura, dei requisiti termici e idrologici cultivar-specifici, cioè delle condizioni biofisiche in cui la produttività delle stesse è ottimale. 3) identificazione delle opzioni di adattamento, dal confronto degli indicatori delle condizioni termiche e idrologiche con i requisiti delle cultivars. Sono stati messi a confronto due casi climatici: clima di riferimento ( ) e futuro ( ). Per la determinazione degli indicatori termici sono stati utilizzati modelli fenologici; gli indicatori idrologici sono stati ricavati da modelli del movimento dell acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera. I modelli sono applicati alla scala di paesaggio, e considerano le condizioni climatiche, i differenti tipi di suolo e condizioni di falda, il regime irriguo. E' stata valutata l efficienza dell uso della risorsa idrica, con differenti criteri di programmazione irrigua, in funzione della disponibilità idrica e della risposta delle colture allo stress in differenti fasi del ciclo colturale. I requisiti cultivar - specifici sono stati definiti utilizzando dati sperimentali. L esteso range di condizioni climatiche per alcune colture, e la numerosità di specie e cultivars esistenti, hanno consentito di determinare le potenzialità di adattamento dei sistemi produttivi. Per le sue caratteristiche, l approccio utilizzato può essere applicato a differenti sistemi colturali (colture erbacee e arboree, irrigue e non) ed esteso a tutte le aree del territorio rurale. Lavorazione dei suoli e clima L obiettivo della ricerca è lo sviluppo di uno strumento informativo a livello nazionale in grado di fornire indicazioni sui periodi in cui il terreno si trova nelle condizioni più idonee per la lavorazione il transito dei mezzi meccanici per ridurre il degrado fisico del suolo E stato messo a punto un sistema di previsioni agrometeorologiche per migliorare la programmazione dell impiego della macchine agricole (migliore tempestività e qualità di esecuzione), con riduzione degli effetti negativi del compattamento dei suoli. Considerando 5 diverse classi di lavorabilità, è stata svolta nell area un analisi sull'impatto dei cambiamenti climatici sul numero dei giorni disponibili per l aratura estiva-autunnale del mais in omosuccessione esaminando il periodo e uno studio sulle variazioni dei periodi di lavorabilità confrontando i trentenni e con 2 scenari climatici futuri , differenti per sequenza di giorni consecutivi senza pioggia. Valutazione economica Per ricostruire le caratteristiche tecniche, strutturali ed economiche dell agricoltura del territorio sono stati utilizzati innanzitutto i dati dell ultimo Censimento dell Agricoltura (ISTAT, 2010), poi i dati forniti dalla Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA) poi numerose interviste condotte con gli agricoltori e gli allevatori del territorio nonché con i dirigenti e tecnici agricoli delle organizzazioni degli agricoltori e di imprese di servizio. Inoltre tutte le informazioni riguardanti le caratteristiche della rete irrigua sono state fornite direttamente dal Consorzio. Nell area, l irrigazione è garantita prevalentemente mediante sistemi tubati ad alta pressione e, in misura minoritaria, con canali a pelo libero. E anche diffuso l approvvigionamento dai numerosi pozzi aziendali presenti sul territorio. L agricoltura del territorio è prevalentemente dedita alle colture orticole, sia in pieno campo che in serra e, inoltre, vede la presenza di allevamenti bufalini con la produzione di alimenti per questo bestiame. Quasi ettari sono interessati da colture ortive in pieno campo, sia in primo che in secondo raccolto, sia primaverile-estivo, sia autunno-invernale. Oltre ettari sono destinati alle ortive in serra, circa ettari sono destinati alle colture foraggere ed altri ettari sono coltivati con arboree da frutto. Le principali tipologie aziendali operanti nel territorio sono le aziende orticole in pieno campo, con tipologie medio-piccole e grandi che rappresentano rispettivamente 18% e 13% della SAU; le aziende serricole (azienda medio-piccola e azienda grande, che rappresentano rispettivamente il 16% e il 26% della SAU), le aziende ad indirizzo arboreo (azienda medio-piccola e azienda grande, che rappresentano rispettivamente il 11% e il 6% della SAU) e le aziende bufaline (una sola tipologia che rappresenta 10% della SAU). Il modello economico costruito per questa ricerca rappresenta tutte le varie tipologie agricole indicate sopra e i principali sistemi colturali. Il modello è stato calibrato ad uno scenario climatico e tecnico-economico di riferimento (Presente) e ne rappresenta le caratteristiche tecnico-gestionali e le condizioni di mercato. La metodologia utilizzata per la calibrazione è la Programmazione Matematica Positiva (PMP) che permette tramite una funzione di costo 3

4 quadratica per le varie attività colturali di rappresentare le scelte colturali effettuate dagli agricoltori in un determinato scenario. Il modello calibrato allo scenario Presente può essere utilizzato per effettuare le varie simulazioni che considerano le condizioni tecniche e colturali dello scenario futuro identificati dalle altre linee di ricerca. Allo stesso tempo può fornire indicazioni e valutazioni in merito ai nuovi strumenti di politica agraria. L interazione con i ricercatori con le linee climatiche ed agronomiche ha permesso di stabilire quali condizioni climatiche del Presente e dello scenario Futuro potranno essere specificate e simulate per i loro effetti sulle attività economiche dell area. In particolare, in base alla sperimentazione dei gruppi di lavoro agronomici, si è stabilito che le simulazioni riguarderanno i fabbisogni irrigui di alcune colture importanti dell area come il mais utilizzato per l alimentazione dei capi bufalini, il pomodoro, da sempre fondamentale per l economia orticola dell area e presumibilmente di alcune colture ortive invernali come il cavolfiore. Risultati: Valutazione territoriale Nel periodo ha avuto luogo un incremento molto consistente delle aree artificializzate (c.a ha) a spese delle aree agricole. L espansione delle aree naturali (boschive e non) legata ad abbandono e rimboschimenti è marginale. Molto significativa (1.760 ettari) l area che gli usi agricoli hanno sottratto alle aree boschive e semi-naturali. in altre aree è avvenuta una conversione da sistemi agricoli in seccagno (o in pieno campo e non intensivi) a colture protette (orticole e frutticole). La valutazione del sigillamento agricolo indica che le serre e le altre forme di colture protette ammontano a c.a ha nel 2009 (dati preliminari). Dal punto di vista dei servizi ecosistemici, l artificializzazione del territorio e quindi il consumo ed il sigillamento di suolo agricolo, sono valutati anzitutto in termini di provisioning services (ed espressi come perdita di produzione lorda vendibile agricola), e come regulating services (alterazione del ciclo idrogeologico, sequestro di carbonio, contaminazione puntuale, etc.), sia nel periodo che nella proiezione al L aumento del sigillamento agricolo è valutato anch esso per i possibili effetti negativi sul ciclo dell acqua (es. per ridotta funzionalità della rete scolante), oltre che per la possibile fertilità e contaminazione dei suoli a causa di fitofarmaci. In termini di indici sintetici di vulnerabilità (ESAI), si assiste ad un leggero aumento dei valori medi da 1,42 (nel 1990) a 1,44 (2006). Adattabilità delle colture Nelle 23 tipologie di suolo dell area sono stati analizzati gli effetti dell evoluzione del clima sul regime termico e idrico di colture di pomodoro e mais, simulando programmazioni irrigue ottimali e in deficit. Sono state analizzate le vulnerabilità delle due colture al regime termico e idrico determinati dal clima futuro, identificando le opzioni di adattamento. L adattamento al regime idrologico è stato determinato valutando la risposta produttiva di ibridi di mais e di cultivars di pomodoro alla disponibilità idrica. Regime termico <-> Per il mais si prevedono nel clima futuro: i) un anticipo della data di semina ottimale; ii) un aumento della frequenza di temperature critiche massime durante la fase di fioritura, soprattutto per le classi a ciclo lungo. Regime idrologico <-> Nei mesi interessati al ciclo delle due colture, si prevede un aumento della temperatura media di 1.5 C e dell evapotraspirazione potenziale del 4%. Ciò determina un aumento dei fabbisogni idrici nel clima futuro; l aumento dei fabbisogni irrigui è differente per le due colture per la diversa distribuzione delle piogge nel periodo colturale. L aumento stimato dei volumi irrigui è del 9% per mais e del 3% per pomodoro, con differenze significative tra le tipologie di suolo. Sono state valutate le probabilità di adattamento di 21 ibridi di mais e di 5 cultivars di pomodoro; la valutazione è stata fatta prevedendo una gestione irrigua deficitaria, considerando la ridotta disponibilità futura della risorsa idrica. Le probabilità di adattamento sono maggiori per le cvs di pomodoro rispetto agli ibridi di mais, cioè le cultivars di pomodoro possono fornire produzioni ottimali con frequenza maggiore rispetto agli ibridi, anche con somministrazioni irrigue ridotte. Per entrambe le colture è stato possibile identificare le cultivars adattabili alle condizioni idrologiche future. Un elemento importante dell adattabilità delle due colture è 4

5 risultato essere il tipo di suolo. Lavorazione dei suoli e clima Il confronto tra i trentenni osservati e e gli scenari climatici futuri evidenzia una netta diminuzione delle classi più umide dell ordine del 15% del totale a favore di condizioni di suolo più asciutto. Inoltre per il futuro è ipotizzabile un allungamento del periodo di tempera. Implicazioni (cosa potrebbe accadere): Valutazione territoriale Scenario RCS: per la proiezione climatica adottata (aumento della T max estiva di 1,7 gradi, riduzione delle precipitazioni primaverili del 20%) si determina un aumento dei tassi di evapotraspirazione delle colture con incremento dei consumi idrici e dei costi di prelievo delle stesse. Nello stesso scenario, si prevede un ulteriore consumo e sigillamento della superficie agricola per effetto di tassi sia di artificializzazione che di espansione delle colture protette pari a quelli registrati nel passato più recente. Questo da un lato comporta una accresciuta competizione tra usi diversi della risorsa idrica con possibili impatti ambientali negativi (es. intrusione cuneo salino per prelievi in falda). Dall altro una ulteriore perdita di funzionalità della rete scolante ha effetti negativi sul ciclo dell acqua e in termini di sicurezza idraulica, aggravati ancora dalla previsione di una aumentata concentrazione delle piogge per effetto dei cambiamenti climatici. A fronte di questo quadro, il Consorzio di Bonifica ha già messo in atto significative azioni di razionalizzazione dell uso delle risorse idriche e di sicurezza idraulica. Scenario WCS: i trend osservati e le implicazioni discusse nel RCS risulterebbero amplificate in particolare riguardo alle esigenze idriche delle colture. Adattabilità delle colture Regime termico. Il regime termico durante il ciclo di mais e pomodoro non determina limitazioni alla loro coltivazione. Per il mais, può aumentare la probabilità del verificarsi di temperature critiche massime in fase di fioritura, ma l esposizione a questi eventi è bassa. Regime idrologico. Nel è stimata una riduzione delle precipitazioni nella fase di sviluppo vegetativo di mais e pomodoro. E prevista una bassa vulnerabilità della coltura di pomodoro, per il modesto incremento del fabbisogno idrico futuro e la disponibilità di cultivars che hanno produzioni ottimali in condizioni di ridotta disponibilità idrica. E maggiore la vulnerabilità prevista per il mais: l incremento dei fabbisogni irrigui nel futuro, per l irrigazione ottimale, potrebbe non essere sostenibile. In condizioni di scarsa disponibilità irrigua, alcuni ibridi a ciclo lungo, sensibili allo stress idrico, non saranno in grado di dare produzioni ottimali nella maggior parte dei suoli dell area. L utilizzo di ibridi di mais a ciclo medio (classi FAO ) può rappresentare una valida alternativa nelle condizioni di evoluzione climatica considerate. Lavorazione dei suoli e clima Come conseguenza della diminuzione delle piogge nel periodo in cui normalmente si effettua l aratura si prospetta un aumento delle classi di lavorabilità in condizioni tempera, limite secco e no secco con una riduzione del rischio di compattamento a causa della minore umidità presente nel suolo, anche se terreni eccessivamente asciutti richiedono maggiori sforzi di trazione. In ogni caso, l aumento della variabilità stagionale ed interannuale delle precipitazioni comporterà anche una maggiore incertezza delle condizioni di lavorabilità e trafficabilità dei suoli. Raccomandazioni (cosa dovrebbe accadere): Valutazione territoriale Il BCS prevede una serie di best practices, in aggiunta a quanto già messo in atto dal Consorzio, finalizzate da un lato al risparmio idrico e dall altro al ripristino e alla manutenzione delle opere idrauliche e della rete scolante. A queste si aggiungono delle azioni miranti al contenimento dei consumi e del sigillamento del suolo agricolo (crf. politiche EU di zero soil sealing e UNCCD di "zero net land degradation"). Particolare attenzione viene posta agli effetti ambientali negativi del cosiddetto sigillamento agricolo determinato 5

6 dalle colture protette e di conseguenza a possibili azioni mirate al ripristino delle funzionalità di drenaggio e del ciclo dell acqua nel suo insieme. Gli effetti, valutati sia in termini di servizi ecosistemici che di indici sintetici di vulnerabilità, indicano un contenimento dei trend negativi imputabili sia alle traiettorie di uso del suolo che ai cambiamenti previsti dalle proiezioni climatiche secondo lo scenario di riferimento. Adattabilità delle colture Dati i limitati impatti negativi dovuti al cambiamento climatico, la sostenibilità del sistema agricolo attuale può essere mantenuta senza particolari interventi. Nel caso di limitate risorse idriche future, per il mais sarà preferibile adottare ibridi a ciclo breve o medio (FAO o 700); questi ibridi saranno anche meno esposti agli eccessi termici (temperature critiche massime durante la fase di fioritura). Ove possibile, andrebbe pianificata la distribuzione spaziale delle specie e delle cultivars che tenga conto della loro risposta alla disponibilità idrica e delle proprietà fisiche dei suoli. La combinazione di cultivars tolleranti al deficit idrico e di suoli a buona capacità di ritenzione determinerebbe una maggiore efficienza dei sistemi agricoli in esame in termini di utilizzo di risorse idriche. Lavorazione dei suoli e clima Continuare il sostegno a un uso adeguato delle macchine agricole (lavorazioni in condizioni di tempera, lavorazioni conservative). E consigliabile favorire ed incentivare l utilizzo di sistemi informativi di supporto (previsioni agrometeorologiche) alla programmazione delle pratiche agricole meccanizzate sulla base delle diverse situazioni pedoclimatiche e specifiche caratteristiche aziendali. 6

7 Esterno Interno SWOT 1 Aspetti positivi Aspetti negativi Punti di forza Capacità di conservare i livelli di produzione correnti, mettendo in atto azioni di razionale utilizzo della risorsa idrica e manutenzione della rete drenante del consorzio e di sicurezza idraulica. Debolezze Crescenti costi dei prelievi idrici. Difficoltà nel controllare l ulteriore artificializzazione e sigillamento del territorio con conseguente competizione negli usi diversi della risorsa idrica per mantenere i livelli di produzione attuali. Disponibilità di cultivars che producono a livello ottimale (pomodoro). Disponibilità di alcuni ibridi che producono a livello ottimale (mais). Suoli con buona capacità di ritenzione idrica nella maggior parte dell area. I futuri scenari climatici non fanno ipotizzare un aumento dei rischi dovuti al compattamento dei suoli utilizzando le attuali tecniche di lavorazione. Opportunità Mantenimento dei livelli di produzione attuali, nonostante i maggiori fabbisogni idrici e l ipotizzata ulteriore riduzione delle superfici coltivate, grazie ai punti forza del territorio. Regime termico futuro accettabile per le colture di mais e pomodoro. Adeguata disponibilità di acqua irrigua se saranno adottate scelte colturali (specie e cultivars) appropriate. Dinamicità del sistema produttivo (= veloce evoluzione colturale). Nonostante gli scenari climatici futuri lascino prevedere condizioni di lavorabilità più favorevoli è possibile adottare tecniche di lavorazione del suolo a basso impatto ambientale. Alcuni ibridi di mais a ciclo lungo sensibili allo stress idrico non saranno in grado di dare produzioni ottimali in buona parte dei suoli dell area Non è sempre possibile introdurre tecniche di lavorazione conservativa del suolo in tutti gli ambienti e sistemi colturali. Un eventuale cambiamento del parco macchine potrebbe risultare oneroso in termini economici ed organizzativi. Rischi Effetti negativi crescenti in termini di degrado dei suoli a causa della progressiva artificializzazione e sigillamento del territorio. Verificarsi di eventi termici estremi. Riduzione della quantità di pioggia nel ciclo colturale. L incremento dei fabbisogni irrigui nel futuro, per l irrigazione ottimale, potrebbe non essere sostenibile. La variabilità delle precipitazioni nei momenti delle lavorazioni potrebbe comportare difficoltà nelle annate particolarmente piovose. L introduzione di una gestione conservativa del suolo nei primi anni comporta la riduzione dei livelli produttivi. 7

8 Rischi Opportunità SWOT 2 Punti di forza Sviluppare nuove metodologie in grado di sfruttare i punti di forza dell area Adozione di best practices a livello aziendale e consortile (risparmio idrico, ripristino e cura delle opere idrauliche e della rete scolante) e di politiche territoriali mirate (riduzione del consumo di suolo e del sigillamento, anche di natura agricola) per contenere gli effetti negativi imputabili ai cambiamenti climatici ed ai cambiamenti di uso del suolo previsti. Le analisi fatte documentano il potenziale di specifiche combinazioni cultivar suolo strategia irrigua per salvaguardare l attuale sistema di produzione e la sua produttività. La disponibilità di specifiche informazioni agrometeorologiche favorisce la pianificazione delle operazioni colturali consentendo una maggiore tempestività degli interventi nei tempi utili anche in relazioni al possibile allungamento del periodo in cui il terreno è in condizioni di tempera. Sfruttare i punti di forza per limitare l impatto dei rischi Predisporre il monitoraggio degli obiettivi fissati in termini sia economicifinanziari che di valutazione dei servizi-ecosistemici. Favorire lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche e ambientali di riduzione del sigillamento, anche agricolo. Promuovere la diffusione delle combinazioni cultivar suolo strategia irrigua con maggiore potenziale per l adattamento e monitorarne l effettiva accettazione da parte dei produttori. Considerare i suoli nelle misure di adattamento al e mitigazione del al cambiamento climatico favorendo strumenti d incentivazione finalizzati a premiare o sostenere gli agricoltori che gestiscono i suoli in modo virtuoso sia in termini di conservazione della fertilità dei suoli che per il sequestro del carbonio nei terreni. Punti di debolezza Eliminare le debolezze per attivare nuove opportunità Implementazione di best practices e misure territoriali sostenibili attraverso meccanismi di incentivazione finanziaria e strumenti di pianificazione territoriale sia a scala vasta che a livello locale. Adozione di ibridi di mais a ciclo più corto. Monitoraggio della diffusione delle tipologie di cultivars e ibridi per verificare le valutazioni di adattabilità. Incoraggiare il rinnovamento e l organizzazione del parco macchine aziendale in modo da adeguare le tecniche di lavorazione alle migliori condizioni di lavorabilità del suolo. Pianificare interventi per evitare l aggravamento dei punti di debolezza Adottare misure drastiche di riduzione del consumo di suolo e di risparmio idrico per limitare l'impatto dei maggiori fabbisogni idrici del WCS, al fine di conservare il potenziale produttivo dell area. Analisi sperimentale e modellistica delle risposte dei cultivars identificati come piu adattabili al regime idrico e termico per determinare requisiti varietali piu accurati. Supportare finanziariamente le aziende che desiderano adeguare e rinnovare il parco macchine per introdurre tecniche di lavorazione capaci di fronteggiare la variabilità climatica. 8

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA Atti Workshop CLIMAGRI- Cambiamenti Climatici e Agricoltura Cagliari, 16-17 gennaio 2003 AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI FRANCO ZINONI, PIERPAOLO DUCE** * ARPA-Servizio Meteorologico, Bologna

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Il consumo di suolo in Italia. Edizione 2015

Il consumo di suolo in Italia. Edizione 2015 Il consumo di suolo in Italia Edizione 2015 Rapporti 218/2015 Informazioni legali L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Studio di suscettività d uso dei suoli

Studio di suscettività d uso dei suoli Studio di suscettività d uso dei suoli Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della Bassa Marmilla

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Art. 5, All. III, All. VII, parte A, punto 6 e parte B, punto 1 della Direttiva 2000/60/CE e All. 10, All. 4, parte A, punto 6, alla parte terza del

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLI N. 233 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, 1

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di COLLANA DI STUDI LATINOAMERICANI - Economia e Società Istituto Italo- Latino Americano Comisión Económica para América Latina y el Caribe America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli