Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate:"

Transcript

1 Area di studio Destra Sele L area di studio ricade nella provincia di Salerno. E una pianura irrigua di ha caratterizzata da una notevole diversità di sistemi geomorfologici e suoli. Il sistema colturale è molto dinamico ed in continua evoluzione. Comprende i) orticoltura intensiva di pieno campo (pomodoro, finocchio, cavolfiore, etc.); ii) colture legate alla zootecnia (mais e medica); iii) frutticoltura irrigua; iv) produzione ortofrutticoltura sotto serra (rucola, lattuga, spinacio, etc.). Il servizio irriguo è fornito dal Consorzio di Bonifica in Destra del fiume Sele. Dalle cartografie disponibili (2009) la copertura/uso del suolo risulta così ripartita: seminativi 52% della superficie (le colture protette, orticole e frutticole sono il 14%), colture arboree 25%, prati permanenti e mosaici di colture annuali associate a permanenti 5%. Le superfici artificiali sono il 15%; le aree naturali (boschi, etc.) sono il 2,8%; il resto è costituito da spiagge e corpi idrici. L area è pianeggiante, con pendenze medie dell 1%. Le analisi economiche si sono concentrate in quelle aree in cui il Consorzio garantisce il servizio irriguo. Tali superfici sono pari a ettari in termini di superficie attrezzata e a circa ettari in termini di superficie irrigata. Situazione climatica Inverno Primavera Estate Autunno Trend Tmin Oss Tendenza decennale lineare della Temperatura Minima Stagionale [ C] (AO30km ) Trend Tmax Oss Tendenza decennale lineare della Temperatura Massima Stagionale [ C] (AO30km ) Trend Prec Oss Inverno Primavera Estate Autunno Tmin A1B Diff Tendenza % decennale lineare della Precipitazione Cumulata Stagionale [%] (AO30km ) Differenza stimata della Temperatura Minima Stagionale per lo scenario A1B [ C] ( Riferimento Temporale: <-> ) Tmax A1B Diff Differenza stimata della Temperatura Massima Stagionale per lo scenario A1B [ C] ( Riferimento Temporale: <-> ) Prec A1B Diff Differenza % della Precipitazione Cumulata Stagionale per lo scenario A1B [%] ( Riferimento Temporale: <-> ) + trend positivo non statisticamente significativo; - trend negativo non statisticamente significativo; / nessun trend Linee di ricerca Agroscenari interessate: ATTIVITA SCENARI CLIMATICI: 1a - Acquisizione, calibrazione e downscaling di scenari climatici futuri a livello locale, resp. scient. Massimiliano Pasqui, CNR-IBIMET, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biometeorologia ATTIVITA'LAVORAZIONI E CLIMA: 1b.1 - Previsioni agrometeorologiche finalizzate alla meccanizzazione 1

2 agricola in relazione all adattamento ai cambiamenti climatici, resp. scient. Stanislao Esposito, CRA-CMA, Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura - Unità di ricerca per la climatologia e la meteorologia applicate all agricoltura ATTIVITA ADATTABILITA DELLE COLTURE: 3 - Scenari di sistemi alternativi di produzione con enfasi sulle colture e varietà tipiche, resp. scient. Francesca De Lorenzi, CNR-ISAFoM, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto Per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo ATTIVITA VALUTAZIONE TERRITORIALE: 6a Processi di degrado delle terre e cambiamento climatico Applicazione e verifica di modelli di valutazione territoriale della desertificazione in Italia, resp. scient. Luigi Perini, CRA-CMA ATTIVITA VALUTAZIONE ECONOMICA: 9a Strategie economiche di adattamento degli agricoltori ai CC e possibili strumenti di politica agricola a sostegno di tali strategie, resp. Scient. Gabriele Dono, Università degli Studi della Tuscia, Dipartimento di scienze e tecnologie per l Agricoltura, le Foreste, la Natura e l Energia" (DAFNE) Approcci adottati: Valutazione territoriale L analisi delle dinamiche spazio-temporali dei processi di degrado delle terre è stata effettuata a livello regionale per tutta la Campania con unapprofondimento per l area il Destra Sele. L orizzonte temporale considerato è quello dal 1960 fino ai giorni nostri, oltre che nella prospettiva di scenari futuri. Sono stati analizzati i cambiamenti di copertura e di uso del suolo sulla base di dati disponibili (cartografia tematica, dati demografici, sociali ed economici, andamenti meteo-climatici) o generati nel corso della ricerca (classificazione di immagini satellitari) e utilizzando modelli dedicati. Alle diverse traiettorie di cambiamento sono stati associati i relativi processi ( sindromi ) di degrado. Gli esempi più significativi sono a) l artificializzazione, che determina consumo ( land take ) e sigillamento ( soil sealing ) dei suoli con relativa sottrazione di terreno agricolo e alterazione del ciclo idrogeologico; b) l espansione delle aree agricole che, quando associata alla intensificazione delle pratiche colturali, può causare processi di degrado (compattamento, riduzione della sostanza organica, erosione). Nel caso delle colture protette si determina una ulteriore forma di sigillamento anche in funzione delle tipologie di copertura (serre fisse e mobili, tunnel); c) l espansione delle aree naturali e semi-naturali (rimboschimenti o ricolonizzazione a seguito di abbandono delle aree coltivate), che è anch essa motivo di sottrazione (seppure reversibile) di suolo agricolo, oltre che possibile causa di erosione del suolo e di riduzione della biodiversità. Nell area del Destra Sele il soil sealing è stato oggetto di approfondimento. Sono state messe a punto metodologie basate sull analisi di dati satellitari volte a misurare in modo accurato il sealing imputabile sia all urbanizzazione che alle colture protette. I processi di degrado identificati sono stati valutati in termini di servizi ecosistemici e di indici sintetici di vulnerabilità ambientale. Per quanto riguarda gli scenari futuri ( ) sono stati considerati: i) un reference case scenario (RCS), o business as usual, che ipotizza cambiamenti nell uso del suolo (es. per artificializzazione, espansione delle aree agricole o, al contrario, loro abbandono) analoghi a quelli del passato più recente e proiezioni climatiche secondo lo scenario di riferimento A1B; ii) un best case scenario (BCS) con adozione di best practices di gestione sostenibile dei sistemi agricoli e di misure a livello territoriale (es. contenimento del consumo del suolo agricolo e del sigillamento, il contrasto all abbandono) e lo scenario climatico di riferimento, ed infine iii) un worst case scenario (WCS), costruito come il BCS ma basato su proiezioni climatiche che prevedono cambiamenti più drastici. Adattabilità delle colture La vulnerabilità degli attuali sistemi di produzione, senza alterare gli ordinamenti colturali esistenti, può essere sensibilmente ridotta identificando, per ogni coltura, cultivars adattabili alle condizioni climatiche attese, sfruttando la variabilità intra-specifica esistente. E stato messo a punto un approccio innovativo, utilizzato in tutte le aree di studio, che consiste di tre fasi: 1) determinazione degli indicatori delle condizioni termiche e idrologiche attese, in seguito all evoluzione del clima, nell area di studio e per il sistema produttivo (colture) di cui essa è rappresentativa. 2

3 2) identificazione, per ogni coltura, dei requisiti termici e idrologici cultivar-specifici, cioè delle condizioni biofisiche in cui la produttività delle stesse è ottimale. 3) identificazione delle opzioni di adattamento, dal confronto degli indicatori delle condizioni termiche e idrologiche con i requisiti delle cultivars. Sono stati messi a confronto due casi climatici: clima di riferimento ( ) e futuro ( ). Per la determinazione degli indicatori termici sono stati utilizzati modelli fenologici; gli indicatori idrologici sono stati ricavati da modelli del movimento dell acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera. I modelli sono applicati alla scala di paesaggio, e considerano le condizioni climatiche, i differenti tipi di suolo e condizioni di falda, il regime irriguo. E' stata valutata l efficienza dell uso della risorsa idrica, con differenti criteri di programmazione irrigua, in funzione della disponibilità idrica e della risposta delle colture allo stress in differenti fasi del ciclo colturale. I requisiti cultivar - specifici sono stati definiti utilizzando dati sperimentali. L esteso range di condizioni climatiche per alcune colture, e la numerosità di specie e cultivars esistenti, hanno consentito di determinare le potenzialità di adattamento dei sistemi produttivi. Per le sue caratteristiche, l approccio utilizzato può essere applicato a differenti sistemi colturali (colture erbacee e arboree, irrigue e non) ed esteso a tutte le aree del territorio rurale. Lavorazione dei suoli e clima L obiettivo della ricerca è lo sviluppo di uno strumento informativo a livello nazionale in grado di fornire indicazioni sui periodi in cui il terreno si trova nelle condizioni più idonee per la lavorazione il transito dei mezzi meccanici per ridurre il degrado fisico del suolo E stato messo a punto un sistema di previsioni agrometeorologiche per migliorare la programmazione dell impiego della macchine agricole (migliore tempestività e qualità di esecuzione), con riduzione degli effetti negativi del compattamento dei suoli. Considerando 5 diverse classi di lavorabilità, è stata svolta nell area un analisi sull'impatto dei cambiamenti climatici sul numero dei giorni disponibili per l aratura estiva-autunnale del mais in omosuccessione esaminando il periodo e uno studio sulle variazioni dei periodi di lavorabilità confrontando i trentenni e con 2 scenari climatici futuri , differenti per sequenza di giorni consecutivi senza pioggia. Valutazione economica Per ricostruire le caratteristiche tecniche, strutturali ed economiche dell agricoltura del territorio sono stati utilizzati innanzitutto i dati dell ultimo Censimento dell Agricoltura (ISTAT, 2010), poi i dati forniti dalla Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA) poi numerose interviste condotte con gli agricoltori e gli allevatori del territorio nonché con i dirigenti e tecnici agricoli delle organizzazioni degli agricoltori e di imprese di servizio. Inoltre tutte le informazioni riguardanti le caratteristiche della rete irrigua sono state fornite direttamente dal Consorzio. Nell area, l irrigazione è garantita prevalentemente mediante sistemi tubati ad alta pressione e, in misura minoritaria, con canali a pelo libero. E anche diffuso l approvvigionamento dai numerosi pozzi aziendali presenti sul territorio. L agricoltura del territorio è prevalentemente dedita alle colture orticole, sia in pieno campo che in serra e, inoltre, vede la presenza di allevamenti bufalini con la produzione di alimenti per questo bestiame. Quasi ettari sono interessati da colture ortive in pieno campo, sia in primo che in secondo raccolto, sia primaverile-estivo, sia autunno-invernale. Oltre ettari sono destinati alle ortive in serra, circa ettari sono destinati alle colture foraggere ed altri ettari sono coltivati con arboree da frutto. Le principali tipologie aziendali operanti nel territorio sono le aziende orticole in pieno campo, con tipologie medio-piccole e grandi che rappresentano rispettivamente 18% e 13% della SAU; le aziende serricole (azienda medio-piccola e azienda grande, che rappresentano rispettivamente il 16% e il 26% della SAU), le aziende ad indirizzo arboreo (azienda medio-piccola e azienda grande, che rappresentano rispettivamente il 11% e il 6% della SAU) e le aziende bufaline (una sola tipologia che rappresenta 10% della SAU). Il modello economico costruito per questa ricerca rappresenta tutte le varie tipologie agricole indicate sopra e i principali sistemi colturali. Il modello è stato calibrato ad uno scenario climatico e tecnico-economico di riferimento (Presente) e ne rappresenta le caratteristiche tecnico-gestionali e le condizioni di mercato. La metodologia utilizzata per la calibrazione è la Programmazione Matematica Positiva (PMP) che permette tramite una funzione di costo 3

4 quadratica per le varie attività colturali di rappresentare le scelte colturali effettuate dagli agricoltori in un determinato scenario. Il modello calibrato allo scenario Presente può essere utilizzato per effettuare le varie simulazioni che considerano le condizioni tecniche e colturali dello scenario futuro identificati dalle altre linee di ricerca. Allo stesso tempo può fornire indicazioni e valutazioni in merito ai nuovi strumenti di politica agraria. L interazione con i ricercatori con le linee climatiche ed agronomiche ha permesso di stabilire quali condizioni climatiche del Presente e dello scenario Futuro potranno essere specificate e simulate per i loro effetti sulle attività economiche dell area. In particolare, in base alla sperimentazione dei gruppi di lavoro agronomici, si è stabilito che le simulazioni riguarderanno i fabbisogni irrigui di alcune colture importanti dell area come il mais utilizzato per l alimentazione dei capi bufalini, il pomodoro, da sempre fondamentale per l economia orticola dell area e presumibilmente di alcune colture ortive invernali come il cavolfiore. Risultati: Valutazione territoriale Nel periodo ha avuto luogo un incremento molto consistente delle aree artificializzate (c.a ha) a spese delle aree agricole. L espansione delle aree naturali (boschive e non) legata ad abbandono e rimboschimenti è marginale. Molto significativa (1.760 ettari) l area che gli usi agricoli hanno sottratto alle aree boschive e semi-naturali. in altre aree è avvenuta una conversione da sistemi agricoli in seccagno (o in pieno campo e non intensivi) a colture protette (orticole e frutticole). La valutazione del sigillamento agricolo indica che le serre e le altre forme di colture protette ammontano a c.a ha nel 2009 (dati preliminari). Dal punto di vista dei servizi ecosistemici, l artificializzazione del territorio e quindi il consumo ed il sigillamento di suolo agricolo, sono valutati anzitutto in termini di provisioning services (ed espressi come perdita di produzione lorda vendibile agricola), e come regulating services (alterazione del ciclo idrogeologico, sequestro di carbonio, contaminazione puntuale, etc.), sia nel periodo che nella proiezione al L aumento del sigillamento agricolo è valutato anch esso per i possibili effetti negativi sul ciclo dell acqua (es. per ridotta funzionalità della rete scolante), oltre che per la possibile fertilità e contaminazione dei suoli a causa di fitofarmaci. In termini di indici sintetici di vulnerabilità (ESAI), si assiste ad un leggero aumento dei valori medi da 1,42 (nel 1990) a 1,44 (2006). Adattabilità delle colture Nelle 23 tipologie di suolo dell area sono stati analizzati gli effetti dell evoluzione del clima sul regime termico e idrico di colture di pomodoro e mais, simulando programmazioni irrigue ottimali e in deficit. Sono state analizzate le vulnerabilità delle due colture al regime termico e idrico determinati dal clima futuro, identificando le opzioni di adattamento. L adattamento al regime idrologico è stato determinato valutando la risposta produttiva di ibridi di mais e di cultivars di pomodoro alla disponibilità idrica. Regime termico <-> Per il mais si prevedono nel clima futuro: i) un anticipo della data di semina ottimale; ii) un aumento della frequenza di temperature critiche massime durante la fase di fioritura, soprattutto per le classi a ciclo lungo. Regime idrologico <-> Nei mesi interessati al ciclo delle due colture, si prevede un aumento della temperatura media di 1.5 C e dell evapotraspirazione potenziale del 4%. Ciò determina un aumento dei fabbisogni idrici nel clima futuro; l aumento dei fabbisogni irrigui è differente per le due colture per la diversa distribuzione delle piogge nel periodo colturale. L aumento stimato dei volumi irrigui è del 9% per mais e del 3% per pomodoro, con differenze significative tra le tipologie di suolo. Sono state valutate le probabilità di adattamento di 21 ibridi di mais e di 5 cultivars di pomodoro; la valutazione è stata fatta prevedendo una gestione irrigua deficitaria, considerando la ridotta disponibilità futura della risorsa idrica. Le probabilità di adattamento sono maggiori per le cvs di pomodoro rispetto agli ibridi di mais, cioè le cultivars di pomodoro possono fornire produzioni ottimali con frequenza maggiore rispetto agli ibridi, anche con somministrazioni irrigue ridotte. Per entrambe le colture è stato possibile identificare le cultivars adattabili alle condizioni idrologiche future. Un elemento importante dell adattabilità delle due colture è 4

5 risultato essere il tipo di suolo. Lavorazione dei suoli e clima Il confronto tra i trentenni osservati e e gli scenari climatici futuri evidenzia una netta diminuzione delle classi più umide dell ordine del 15% del totale a favore di condizioni di suolo più asciutto. Inoltre per il futuro è ipotizzabile un allungamento del periodo di tempera. Implicazioni (cosa potrebbe accadere): Valutazione territoriale Scenario RCS: per la proiezione climatica adottata (aumento della T max estiva di 1,7 gradi, riduzione delle precipitazioni primaverili del 20%) si determina un aumento dei tassi di evapotraspirazione delle colture con incremento dei consumi idrici e dei costi di prelievo delle stesse. Nello stesso scenario, si prevede un ulteriore consumo e sigillamento della superficie agricola per effetto di tassi sia di artificializzazione che di espansione delle colture protette pari a quelli registrati nel passato più recente. Questo da un lato comporta una accresciuta competizione tra usi diversi della risorsa idrica con possibili impatti ambientali negativi (es. intrusione cuneo salino per prelievi in falda). Dall altro una ulteriore perdita di funzionalità della rete scolante ha effetti negativi sul ciclo dell acqua e in termini di sicurezza idraulica, aggravati ancora dalla previsione di una aumentata concentrazione delle piogge per effetto dei cambiamenti climatici. A fronte di questo quadro, il Consorzio di Bonifica ha già messo in atto significative azioni di razionalizzazione dell uso delle risorse idriche e di sicurezza idraulica. Scenario WCS: i trend osservati e le implicazioni discusse nel RCS risulterebbero amplificate in particolare riguardo alle esigenze idriche delle colture. Adattabilità delle colture Regime termico. Il regime termico durante il ciclo di mais e pomodoro non determina limitazioni alla loro coltivazione. Per il mais, può aumentare la probabilità del verificarsi di temperature critiche massime in fase di fioritura, ma l esposizione a questi eventi è bassa. Regime idrologico. Nel è stimata una riduzione delle precipitazioni nella fase di sviluppo vegetativo di mais e pomodoro. E prevista una bassa vulnerabilità della coltura di pomodoro, per il modesto incremento del fabbisogno idrico futuro e la disponibilità di cultivars che hanno produzioni ottimali in condizioni di ridotta disponibilità idrica. E maggiore la vulnerabilità prevista per il mais: l incremento dei fabbisogni irrigui nel futuro, per l irrigazione ottimale, potrebbe non essere sostenibile. In condizioni di scarsa disponibilità irrigua, alcuni ibridi a ciclo lungo, sensibili allo stress idrico, non saranno in grado di dare produzioni ottimali nella maggior parte dei suoli dell area. L utilizzo di ibridi di mais a ciclo medio (classi FAO ) può rappresentare una valida alternativa nelle condizioni di evoluzione climatica considerate. Lavorazione dei suoli e clima Come conseguenza della diminuzione delle piogge nel periodo in cui normalmente si effettua l aratura si prospetta un aumento delle classi di lavorabilità in condizioni tempera, limite secco e no secco con una riduzione del rischio di compattamento a causa della minore umidità presente nel suolo, anche se terreni eccessivamente asciutti richiedono maggiori sforzi di trazione. In ogni caso, l aumento della variabilità stagionale ed interannuale delle precipitazioni comporterà anche una maggiore incertezza delle condizioni di lavorabilità e trafficabilità dei suoli. Raccomandazioni (cosa dovrebbe accadere): Valutazione territoriale Il BCS prevede una serie di best practices, in aggiunta a quanto già messo in atto dal Consorzio, finalizzate da un lato al risparmio idrico e dall altro al ripristino e alla manutenzione delle opere idrauliche e della rete scolante. A queste si aggiungono delle azioni miranti al contenimento dei consumi e del sigillamento del suolo agricolo (crf. politiche EU di zero soil sealing e UNCCD di "zero net land degradation"). Particolare attenzione viene posta agli effetti ambientali negativi del cosiddetto sigillamento agricolo determinato 5

6 dalle colture protette e di conseguenza a possibili azioni mirate al ripristino delle funzionalità di drenaggio e del ciclo dell acqua nel suo insieme. Gli effetti, valutati sia in termini di servizi ecosistemici che di indici sintetici di vulnerabilità, indicano un contenimento dei trend negativi imputabili sia alle traiettorie di uso del suolo che ai cambiamenti previsti dalle proiezioni climatiche secondo lo scenario di riferimento. Adattabilità delle colture Dati i limitati impatti negativi dovuti al cambiamento climatico, la sostenibilità del sistema agricolo attuale può essere mantenuta senza particolari interventi. Nel caso di limitate risorse idriche future, per il mais sarà preferibile adottare ibridi a ciclo breve o medio (FAO o 700); questi ibridi saranno anche meno esposti agli eccessi termici (temperature critiche massime durante la fase di fioritura). Ove possibile, andrebbe pianificata la distribuzione spaziale delle specie e delle cultivars che tenga conto della loro risposta alla disponibilità idrica e delle proprietà fisiche dei suoli. La combinazione di cultivars tolleranti al deficit idrico e di suoli a buona capacità di ritenzione determinerebbe una maggiore efficienza dei sistemi agricoli in esame in termini di utilizzo di risorse idriche. Lavorazione dei suoli e clima Continuare il sostegno a un uso adeguato delle macchine agricole (lavorazioni in condizioni di tempera, lavorazioni conservative). E consigliabile favorire ed incentivare l utilizzo di sistemi informativi di supporto (previsioni agrometeorologiche) alla programmazione delle pratiche agricole meccanizzate sulla base delle diverse situazioni pedoclimatiche e specifiche caratteristiche aziendali. 6

7 Esterno Interno SWOT 1 Aspetti positivi Aspetti negativi Punti di forza Capacità di conservare i livelli di produzione correnti, mettendo in atto azioni di razionale utilizzo della risorsa idrica e manutenzione della rete drenante del consorzio e di sicurezza idraulica. Debolezze Crescenti costi dei prelievi idrici. Difficoltà nel controllare l ulteriore artificializzazione e sigillamento del territorio con conseguente competizione negli usi diversi della risorsa idrica per mantenere i livelli di produzione attuali. Disponibilità di cultivars che producono a livello ottimale (pomodoro). Disponibilità di alcuni ibridi che producono a livello ottimale (mais). Suoli con buona capacità di ritenzione idrica nella maggior parte dell area. I futuri scenari climatici non fanno ipotizzare un aumento dei rischi dovuti al compattamento dei suoli utilizzando le attuali tecniche di lavorazione. Opportunità Mantenimento dei livelli di produzione attuali, nonostante i maggiori fabbisogni idrici e l ipotizzata ulteriore riduzione delle superfici coltivate, grazie ai punti forza del territorio. Regime termico futuro accettabile per le colture di mais e pomodoro. Adeguata disponibilità di acqua irrigua se saranno adottate scelte colturali (specie e cultivars) appropriate. Dinamicità del sistema produttivo (= veloce evoluzione colturale). Nonostante gli scenari climatici futuri lascino prevedere condizioni di lavorabilità più favorevoli è possibile adottare tecniche di lavorazione del suolo a basso impatto ambientale. Alcuni ibridi di mais a ciclo lungo sensibili allo stress idrico non saranno in grado di dare produzioni ottimali in buona parte dei suoli dell area Non è sempre possibile introdurre tecniche di lavorazione conservativa del suolo in tutti gli ambienti e sistemi colturali. Un eventuale cambiamento del parco macchine potrebbe risultare oneroso in termini economici ed organizzativi. Rischi Effetti negativi crescenti in termini di degrado dei suoli a causa della progressiva artificializzazione e sigillamento del territorio. Verificarsi di eventi termici estremi. Riduzione della quantità di pioggia nel ciclo colturale. L incremento dei fabbisogni irrigui nel futuro, per l irrigazione ottimale, potrebbe non essere sostenibile. La variabilità delle precipitazioni nei momenti delle lavorazioni potrebbe comportare difficoltà nelle annate particolarmente piovose. L introduzione di una gestione conservativa del suolo nei primi anni comporta la riduzione dei livelli produttivi. 7

8 Rischi Opportunità SWOT 2 Punti di forza Sviluppare nuove metodologie in grado di sfruttare i punti di forza dell area Adozione di best practices a livello aziendale e consortile (risparmio idrico, ripristino e cura delle opere idrauliche e della rete scolante) e di politiche territoriali mirate (riduzione del consumo di suolo e del sigillamento, anche di natura agricola) per contenere gli effetti negativi imputabili ai cambiamenti climatici ed ai cambiamenti di uso del suolo previsti. Le analisi fatte documentano il potenziale di specifiche combinazioni cultivar suolo strategia irrigua per salvaguardare l attuale sistema di produzione e la sua produttività. La disponibilità di specifiche informazioni agrometeorologiche favorisce la pianificazione delle operazioni colturali consentendo una maggiore tempestività degli interventi nei tempi utili anche in relazioni al possibile allungamento del periodo in cui il terreno è in condizioni di tempera. Sfruttare i punti di forza per limitare l impatto dei rischi Predisporre il monitoraggio degli obiettivi fissati in termini sia economicifinanziari che di valutazione dei servizi-ecosistemici. Favorire lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche e ambientali di riduzione del sigillamento, anche agricolo. Promuovere la diffusione delle combinazioni cultivar suolo strategia irrigua con maggiore potenziale per l adattamento e monitorarne l effettiva accettazione da parte dei produttori. Considerare i suoli nelle misure di adattamento al e mitigazione del al cambiamento climatico favorendo strumenti d incentivazione finalizzati a premiare o sostenere gli agricoltori che gestiscono i suoli in modo virtuoso sia in termini di conservazione della fertilità dei suoli che per il sequestro del carbonio nei terreni. Punti di debolezza Eliminare le debolezze per attivare nuove opportunità Implementazione di best practices e misure territoriali sostenibili attraverso meccanismi di incentivazione finanziaria e strumenti di pianificazione territoriale sia a scala vasta che a livello locale. Adozione di ibridi di mais a ciclo più corto. Monitoraggio della diffusione delle tipologie di cultivars e ibridi per verificare le valutazioni di adattabilità. Incoraggiare il rinnovamento e l organizzazione del parco macchine aziendale in modo da adeguare le tecniche di lavorazione alle migliori condizioni di lavorabilità del suolo. Pianificare interventi per evitare l aggravamento dei punti di debolezza Adottare misure drastiche di riduzione del consumo di suolo e di risparmio idrico per limitare l'impatto dei maggiori fabbisogni idrici del WCS, al fine di conservare il potenziale produttivo dell area. Analisi sperimentale e modellistica delle risposte dei cultivars identificati come piu adattabili al regime idrico e termico per determinare requisiti varietali piu accurati. Supportare finanziariamente le aziende che desiderano adeguare e rinnovare il parco macchine per introdurre tecniche di lavorazione capaci di fronteggiare la variabilità climatica. 8

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Dr. Francesco Marotta (Consorzio di bonifica Destra Sele)

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale L INEA e RURALAND una finestra sul mondo rurale RURALAND costituisce una esempio di comunicazione ed educazione istituzionale che sviluppa i temi dello sviluppo rurale, lo sviluppo sostenibile della biodiversità

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana Stefania Nuvoli Gestione e Tutela delle Risorse Idriche In Agricoltura Regione Toscana USO SOSTENIBILE

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Regione Puglia FEASR 2007-2013 Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Documento di lavoro 29 GIUGNO 2010 Punto 4 OdG: Criteri di Selezione health check Punto 5 OdG: Modifiche

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011

Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA 2010 Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011 a cura dell Ufficio Provinciale di Censimento istituito presso il Settore Agricoltura, Parchi, Caccia

Dettagli

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Rovato, 13 novembre 2013 SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Michele Donati Dipartimento di Bioscienze Università degli Studi di Parma Il nuovo imprenditore agricolo L agricoltore

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura Workshop LIPU: Attività rurale e conservazione della La Pac ha subìto diverse

Dettagli

STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI REGIONALI

STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI REGIONALI PROGETTO KYOTO RICERCA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E IL CONTROLLO DEI GAS SERRA IN LOMBARDIA - III annualità Unità operativa 3 (GS3) Linea Stima e mappatura dei C-sinks e C-stock STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Programma di Sviluppo Rurale 007-0 Criteri di selezione delle operazioni ammissibili a finanziamento Misure dell Asse I (Approvati dal Comitato di Sorveglianza

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

IL CONSUMO DI SUOLO: STRUMENTI PER UN DIALOGO

IL CONSUMO DI SUOLO: STRUMENTI PER UN DIALOGO IL CONSUMO DI SUOLO: STRUMENTI PER UN DIALOGO Consumo di suolo e perdita di funzioni: come si valuta e con quali strumenti? Angelo Basile, ISAFOM CNR Alla tavola rotonda sul consumo di suolo organizzata

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Cascina San Vittore in Canale Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Azienda agricola aderente al progetto Operation Pollinator Premessa La perdita

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI

TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI XLIV Convegno Nazionale SOCIETÀ ITALIANA DI AGRONOMIA Agricoltura biologica PQA V TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI Mariangela Diacono

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura (Riccardo Brocardo) Torino, 20 febbraio 2014 Incontro con il partenariato 1 TRASFERIMENTO DI CONOSCENZE E AZIONI DI INFORMAZIONE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque

La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque Stefania Nuvoli ARSIA Seminario Tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia Un ALTRA AGRICOLTURA è POSSIBILE con la SEMINA DIRETTA Maggiore redditività aziendale - Minore consumo di gasolio - Minore usura delle macchine - Rapidità di esecuzione - Minore impiego di fertilizzanti

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

dilenab@arssa-mail.it

dilenab@arssa-mail.it dilenab@arssa-mail.it Introduzione L Aridità è una caratteristica climatica determinata dalla contemporanea scarsità di piogge e dalla forte evaporazione che sottrae umidità al terreno (UNEP 1997- http://www.unep.org/geo/geo1/ch/toc.htm)

Dettagli

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE MAIS IBRIDO DA GRANELLA COLTIVATO IN ASCIUTTO IN AMBIENTE CALDO ARIDO DELLA

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

232 Euro ha e 334 Euro ha

232 Euro ha e 334 Euro ha L Italia dovrebbe perdere il 6,9 % dello stanziamento PAC proveniente UE La Lombardia per effetto della regionalizzazione passerebbe dal circa 13% attuale al 9%, nella migliore delle ipotesi, dell ammontare

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli